Page 1

circolo per la promozione e la divulgazione dell’arte e della cultura

MOSTRA DEDICATA AD ITALO CALVINO


Ente Promotore Circolo Artistico “Amici nell’Arte” Via Verneto, 10 17023 Garlenda (SV) tel. +39 0182 58 23 51 mob. +39 338 850 44 78 mail: info@amicinellarte.it web: www.amicinellarte.it Patrocinio Regione Liguria Provincia di Savona Comune di Albenga Fondazione Gian Maria Oddi Testi Francesca Bogliolo Carmen Spigno Pasquale Meli Curatori catalogo Carmen Spigno Pasquale Meli Grafica e Fotografia Pascal McLee sito web della Mostra

© Copyright 2017 - “Amici nell’Arte”


PALAZZO ODDO Sede della Fondazione Gian Maria Oddi Via Roma 58, Albenga

»«


IL PERCHÉ DELLA MOSTRA

A

volte capita di imbattersi in un libro per caso, un vecchio tomo

dalle pagine sgualcite che incontri lungo il tuo cammino. Non è ciò che cercavi eppure l’hai trovato e fin dalle prime pagine ti rendi conto che avresti voluto trovarlo prima e farne il tuo tesoro.

È quello che è capitato a noi nei riguardi de “Le città invisibili”. Come è

noto, il punto di partenza di ognuno dei nove capitoli che costituiscono l’opera è il dialogo tra Marco Polo e l’imperatore dei Tartari Kublai Khan, che interroga

l’esploratore sulle città del suo immenso impero. Il viaggio compiuto da Marco Polo rappresenta in metafora il viaggio della vita, con profondi legami con il mondo interiore ed il vissuto di ogni individuo. Marco Polo descrive città reali o immaginarie, che colpiscono sempre più il Gran Khan, suscitando in lui interesse e curiosità Le città descritte sono cinquantacinque, hanno tutte nomi di donna e sono organizzate in undici categorie: memoria, desiderio, segni, le città sottili, scambi, occhi, nome, morti, cielo, le città continue, le città nascoste. Esse diventano simbolo della complessità e del disordine della realtà, ma rappresentano anche il tentativo di dare un ordine al caos del reale. Le città però

Le Città Invisibili 4


sono anche sogni che nascondono un

desiderio, oppure il suo rovescio, una indescrivibile paura… La realtà perde la sua concretezza e diventa fluida e puramente mentale, si realizza nella fantasia perché “d’una città non godi le sette o le settantasette

meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.” Ne “Le città invisibili” si ritrovano molti dei principali influssi culturali del novecento, dalle teorie psicanalitiche ai temi del ricordo e del tempo evocati da Proust, fino a giungere sintetizzati

all’esistenzialismo in

uno

scritto

di

Sartre,

fortemente

simbolico.

Carmen SPIGNO Presidente Circolo “Amici nell’Arte”

»«


MILLE E UNA RISPOSTA “D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.” Dalle parole di Calvino muove l’esperienza che ha visto coinvolti una serie di artisti dediti alla pittura e alla scultura facenti parte del circolo artistico “Amici dell’Arte”, dediti al confronto con il celebre testo dedicato alle Città Invisibili. Nella concezione dello scrittore i centri abitati, aventi tutti nomi di donne, rappresentano altrettante situazioni ideali, irreali, fantastiche. È semplice, per chi legge, rintracciare sensazioni intense che si affacciano tra le pagine; è frequente ritornare sulla stessa città, essendo da una in particolare inevitabilmente attratti. È una sorta di diario, il percorso tra le città; è una metaforica casa di specchi che ci mostra deformazioni della nostra personalità; nascoste nei riflessi verità inconfessabili e assolute si rivelano senza il minimo sforzo. Il fascino di quest’opera letteraria resta indiscusso, palesando un ventaglio di opportunità emozionali in cui ciascuno possa riconoscersi. Lasciando spazio alla risonanza emotiva si è presentata in questa occasione la possibilità a ogni singolo artista di scegliere e interpretare la città che maggiormente li ha colpiti, secondo il proprio senso poetico e la personale cifra stilistica.

Le Città Invisibili 6


Il risultato mostra come il testo possa essere interpreta-

to artisticamente sotto una doppia luce: ad alcune opere di carattere per così dire più descrittivo, si accostano lavori che presentano una rielaborazione interiore, in cui la forma viene del tutto o quasi abbandonata. In entrambi i casi la sensibilità con cui si interpreta il soggetto è squisita: la differenza sta nella composizione estetica, che presenta elementi formali di tipo differente, fornendo una suggestiva varietà interpretativa, veicolo di altrettante possibilità di sentimento umane. Che si tenti di rappresentare con chiara definizione il sogno, delineandone i contorni in modo da ricordarne i dettagli, o che ne vengano narrate le suggestioni in modo informale e intimista, poco importa. Ciò che importa è che chi guarda trovi l’istinto di addentrarsi tra linee e colore per rintracciare quella parte di se stesso che credeva di aver perduto e che si ritorni, anche solo per un istante, a sognare.

Francesca BOGLIOLO Critico d’arte

»«


ARTISTI PARTECIPANTI

Le Città Invisibili 8


Walter ACCIGLIARO  Maidè AICARDI  Balàzs BERZSENYI  Luigi CANEPA  Pietrina CAU  Mario DABBENE  Giuseppe DE CARLO  Maria Pia DEMICHELI  Fabrizia FANTINI  Annamaria GIRAUDO  Rosa MAMMOLA 

Caterina MASSA  Constantin Stan NEACSU  Ylli PLAKA  Varinia RODRIGUEZ  Silvio ROSSO  Carmen SPIGNO  Luisa TINAZZI  Giovanna USAI  Simonetta VANDONE  Antonietta ZAMPONI 

Il presente Catalogo è realizzato in formato PDF ed è pubblicato online sul web. Per ogni ulteriore approfondimento sugli artisti espositori si può consultare il sito tematico www.cittainvisibili.altervista.org

»«


walterACCIGLIARO Walter Accigliaro è nato ad Alba nel 1950, dove tuttora risiede e ha il suo studio. pittore Italia

Ha studiato al Liceo Artistico Statale di Torino e in seguito all’Accademia Albertina delle Belle Arti. Dal 1980 al 2007 è stato docente di Discipline Pittoriche all’Istituto Statale d’Arte di Asti. Dal 1974 ha allestito ed ha partecipato a numerose mostre personali, individuali e collettive in Italia e all’estero. Vanno sottolineate in particolare le sue partecipazioni alla 54ª Biennale di Venezia, alla 5ª Biennale d’Arte di Montecarlo, alla prima Biennale d’Arte internazionale di Palermo e alla prima edizione delle Settimane Italiane. Da molto tempo è coinvolto in iniziative di mail-art. Accigliaro fa parte del gruppo Pentameter, composto da cinque artisti della provincia di Cuneo di tendenza astratta e informale che hanno presentato le loro opere al pubblico già in diverse occasioni, a partire dal 2010, come nel 2013 a Carmagnola a Palazzo Lomellini. Accigliaro è un pittore aniconico che in ogni suo lavoro stabilisce un atto d’intenzione concettuale, fondato su “un mutuo gioco tra visione e pensiero” (Arnheim), accostando incontri simbolici di precise geometrie stereometriche con immagini spontanee di accumuli sfuggenti e caotici del proprio vissuto, tradotto in materialità pittorica informe, che si disgrega in textures filamentose in procinto di dissolversi.

L’artista è anche un attento studioso del patrimonio artistico e storico dell’albese e della Langa (e non solo) al quale ha dedicato numerose ed ampie monografie.

Le Città Invisibili 10


UNO SGUARDO A QUEL REVERBERO LUCENTE tecnica mista su pannello ligneo cm. 58 x 102

»«


maidèAICARDI Maidè Baffo Aicardi nasce a Genova, ove frequenta il Liceo Linguistico. pittrice / poetessa Italia

Inizia la preparazione artistica con il Maestro Aldo Cestino, insieme ad un piccolo gruppo formato nel C.C.A. (Circolo Culturale di Albaro), con cui tuttora mantiene regolari contatti per lavorare e confrontarsi. Pur dedicandosi di preferenza alla pittura ad olio, negli ultimi anni si unisce al Gruppo “PRISMA” seguito dalla nota pittrice e scultrice Auri Campolonghi e sotto la sua guida fa interessanti esperienze con altre tecniche artistiche.

Attualmente la pittrice lavora con un gruppo di artisti nell’atelier di Renata Soro.

Le Città Invisibili 12


OTTAVIA olio su tela cm. 100 x 90

»«


balàzsBERZSENYI Balàzs Berzsenyi è nato a Budapest (Ungheria) nel 1960. Si è diplomato alla Scuola d’Arte di Budapest nel 1990. Dal 1996 vive e lavora come scultore in Val Fontanabuona (GE) scultore Ungheria

Berzsenyi ha scelto, l’Italia, e nella fattispecie la Liguria, come sua dimora, affascinato dal clima, dal mare, dalla cordialità di alcuni amici e soprattutto dal “mito” dell’Arte italiana. Attirato dagli artisti del passato, quali Michelangelo, Leonardo e Donatello, ha lasciato la sua terra natia per affondare solide radici in questa regione “in bilico” fra il mare e le montagne. Da circa vent’anni abita infatti nel piccolo centro di Verzi di Lorsica, in Val Fontanabuona, nell’entroterra di Rapallo, a soli cinquanta metri dalla casa del suo amico e scultore Giuseppe De Carlo. Ha lavorato ad alcune opere in marmo ed in metallo per la nuova chiesa di Sant’Anna a Rapallo, ideata dall’architetto Luciano Maggi (in collaborazione con Cesare Lacca), che in realtà è già stata inaugurata alla presenza del vescovo diocesano Alberto Tanasini il 23 luglio 2016. Lo scultore ha partecipato a varie mostre in diversi paesi e molte sue opere si trovano in parchi e musei in Ungheria, in Italia, in Spagna, in Francia e in Perù.

Le Città Invisibili 14


BERSABEA bronzo/inox/ottone/ferro cm. 180 x 80 x 70

»«


luigiCANEPA Nato a Genova Voltri il 1° novembre 1941, lo scultore Luigi Canepa vive ad Albissola Marina ed ha lo studio a Valleggia di Quiliano (SV), in via Briano. pittore Italia

È un artista “a tutto tondo”. Dalle sue opere traspare infatti quella naturale attitudine manuale e creativa, indispensabile ad ogni scultore, attitudine che lui ha scoperto molto presto nella sua vita quando, ancora ragazzino, scolpì un grosso tronco di palma trascinato dal torrente vicino alla casa natia per farne una canoa. Più tardi, tuttavia, la sua attività artistica si è avviata attraverso la pittura. I soggetti erano paesaggi o nature morte con impronta post espressionista. Ma fu la frequentazione dell’Accademia Ligustica di Belle Arti a Genova a riscoprirlo scultore, affascinato anche dallo studio dei grandi maestri del novecento: Brancusi, Archipenko, Moore, ... Le sculture di quel periodo vengono realizzate in acciaio, così come il primo monumento “Pace e libertà fra i popoli” (1981), collocato in una piazza di Genova Sestri Ponente. Ben presto il fascino di scolpire il marmo e, successivamente, anche altri materiali quali bronzo, legno, cemento, vetro resina, cartone ed alcuni inconsueti come il sapone, lo cattura per non più abbandonarlo e lo conduce alla realizzazione di monumenti e opere pubbliche. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia ed all’estero e ha partecipato a simposi di scultura con realizzazione di opere in pietra, collocate poi in spazi pubblici.

Le Città Invisibili 16


ISIDORA scultura in tecnica mista cm. 106 x 70 x 16

»«


pietrinaCAU Nata ad Olbia nel 1946, si è trasferita ad Alassio, in Liguria, sin dal 1958. Attualmente vive nell'entroterra ingauno, ad Ortovero, con il marito e le due figlie. ceramista Italia

Sin da giovanissima si è dedicata all’arte da autodidatta, esprimendo la sua vena creativa attraverso svariate tecniche pittoriche. Particolarmente attratta dal modellato, con il tempo ha sentito l’esigenza di perfezionare la sua tecnica, seguendo corsi di disegno e scultura. La tecnica Raku, che apprende nel 2002, le permette di sperimentare l’uso del colore in modo inusuale, ottenendo risultati che la soddisfano e le consentono di esprimere al meglio la propria originalità e fantasia. Ha partecipato a numerose collettive in Francia e in Italia.

Le Città Invisibili 18


PROCOPIA Installazione 15 x diam. cm. 25

»«


marioDABBENE Mario Dabbene nasce a Malnate (VA) nel 1935, vive e lavora a Varese. pittore Italia

Dai 16 ai 20 anni frequenta lo studio del maestro Leo Spaventafilippi, traendone preziosi insegnamenti relativamente alla composizione e costruzione del quadro nonché un’attenta osservazione del vero. Seguendo una innata predisposizione per l’arte intesa come manualità, sperimentazione, ricerca ed esperienza, che si à nel tempo concretizzata attraverso l’utilizzo di materiali di diversi tipi: plastica, cemento, elementi metallici.

In questi ultimi anni vi è un ritorno alla tradizione pittorica con realizzazione di opere surreali e simboliche con particolare riferimento a temi mitologici. Da molti anni fa parte del Circolo Artistico-Culturale "Amici nell'Arte" di Garlenda (SV), dell’Associazione Artisti Indipendenti di Varese e del Gruppo Artisti Contemporanei di Pro Loco Varese.

Le Città Invisibili 20


SOFRONIA olio su tavola cm. 70 x 60

»«


giuseppeDECARLO Giuseppe De Carlo nasce in Toscana nel 1952, a Montignoso, ai piedi delle Alpi Apuane. scultore Italia

Dal nonno, cavatore, impara a conoscere il marmo e la sua lavorazione, ne coglie le emozioni e le storie, che porta con sè in Liguria, nella Fontanabuona, la valle dell’entroterra di Genova dove si estrae l’Ardesia. La pietra lo affascina, lo attrae, ma questa passione rimane latente fino al 1999, quando incontra lo scultore ungherese Balazs Berzsegnyi. I suoi insegnamenti risvegliano in lui le antiche emozioni e soprattutto gli forniscono gli strumenti teorici e tecnici necessari. Si avvicina alla pratica della scultura nella Cava-Laboratorio dell’Ecomuseo dell’Ardesia di Cornia di Moconesi (GE), nella Valfontanabuona, dove passano anche artisti provenienti da diverse parti del mondo in un proficuo confronto-scambio di esperienze artistiche. É così che prende l’avvio l’Associazione Culturale Liguria-Arte “La Pietra Nera” che organizza importanti manifestazioni sia in Italia che all’estero.

Le Città Invisibili 22


OTTAVIA marmo bianco di Carrara 5 anelli da cm. 19 x 32 (spessore cm. 4,5)

»«


mariapiaDEMICHELI

pittrice Italia

Nata a Genova nel 1941, ha manifestato fin da giovanissima l’interesse per il disegno e la pittura iniziando da autodidatta a realizzare dipinti frequentando per alcuni anni lo studio di una pittrice svizzera. Abbandonato questo percorso a causa di un lavoro molto impegnativo, ma documentandosi continuamente su pubblicazioni specialistiche, dopo moltissimi anni inizia a frequentare lo Studio della scultrice ed insegnante d’arte Alda D’Alessio dalla quale apprende le più importanti tecniche pittoriche. L’amore per le arti figurative e per gli accadimenti sociali del nostro tempo la spinge a dipingere l’umanità nei momenti surreali della propria esistenza in senso scenografico iniziando nel 2004 a partecipare a varie mostre e concorsi italiani ed esteri.

Le Città Invisibili 24


BAUCI olio su tela cm. 70 x 80

»«


fabriziaFANTINI Fabrizia Fantini è nata a Genova nel 1969. Frequenta il Civico Liceo Artistico Nicolò Barabino e l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova dove si diploma nel 1991. ceramista Italia

Dal 1994 al 1999 si occupa di didattica museale presso il Civico Museo di Archeologia Ligure Villa Durazzo Pallavicini (Genova Pegli) curando graficamente numerose pubblicazioni e manifestazioni e l’allestimento di nuove sale espositive e mostre temporanee: 1996 Guida per il Museo; 1997 opuscolo e copertina per il video “I primi secoli di Genova”; 1998 allestimento mostra “Provenienza sconosciuta”; 1999 progettazione grafica catalogo, pannelli interni al percorso, immagine coordinata ed advertising della mostra: “Io vivrò per sempre”, Palazzo Ducale, Genova. Segue alcuni corsi di ceramica presso la scuola comunale di Albissola. Nel 2000 collabora con il Centro Didattico del Settore Musei del Comune di Genova ed il Museo d’Arte Moderna Raccolte Frugone Villa Grimaldi Fassio, progettando l’attività didattica “Laboratorio sul pittore Armando Spadini”, argomento la pittura del ‘900 e l’arte del ritratto. Nello stesso anno cura l’allestimento e la conduzione del laboratorio didattico di ceramica precolombiana in collaborazione con il Museo Etnografico Castello D’Albertis di Genova in occasione della mostra “Tiwanaku, Città Eterna delle Ande”, Palazzo Ducale; attività che verrà attivata da novembre 2000 a maggio 2001 presso il Museo di Sant’Agostino di Genova. Nel 2001 si specializza presso lo studio del maestro Romano Ranieri a Deruta (Perugia) nell’apprendimento della tecnica della maiolica. Dal 2002 opera nel suo studio a Santa Margherita Ligure.

Le Città Invisibili 26


SMERALDINA refrattario, ossidi, vetrina e vetrofusione cm. 35 x 35 x 55

»«


annamariaGIRAUDO

pittrice Italia

Annamaria Giraudo, nata a Torino, ha seguito l’atelier del pittore Piero Fonio (uno dei primi allievi di Felice Casorati), dal quale ha appreso le basi necessarie che l’hanno portata ad esprimere la sua pittura in modo razionale e al tempo stesso poetico. La ricerca, in questo senso, é passata attraverso tutte le tecniche: dal rigoroso disegno, alle xilografie, alle tempere, all’olio e agli acquarelli, per i quali realizza campiture coraggiose anche di dimensioni apprezzabili. La luce da elemento fisico si tramuta in elemento spirituale e riesce a trasmettere un meraviglioso senso di leggerezza, di levità e di sogno. Una sensazione che si rinnova in ogni opera e che ha una sua propria atmosfera incantata.

Ha iniziato ad esporre nel 1978 in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Sue opere si trovano in collezioni private a Torino, Milano, Genova, Napoli, Roma, Ginevra, Monaco, Parigi, Amburgo, Londra, Marsiglia, Bruxelles, Las Vegas. Hanno scritto di lei giornalisti e critici quali Pier Paolo Benedetto, Giuliano Camporese, Sisi Cazzaniga, Massimo Centini, Mario Contini, Angelo Dragone, Anita Ferrando, Albino Galvano, Aldo Ghidetti, Paolo Levi, Gian Giorgio Massara, Angelo Mistrangelo, Enza Pesaro, Rosanna Roccia, Adalbero Rossi, Aldo Spinardi, Donatella Taverna, Giovanni Viarengo.

Le Città Invisibili 28


ARMILLA tecnica mista (acquarello su carta intagliata) cm. 70 x 86

»«


rosaMAMMOLA Rosa Mammola è nata ad Albenga nel 1960 e dopo il Liceo Scientifico ha maturato un’importante esperienza lavorando per cinque anni nel settore della grafica pubblicitaria. pittrice / artista del vetro Italia

In seguito ha frequentato una scuola di arredamento, antiquariato e arte moderna a Genova, un corso di ceramica Raku con l’artista Jean Santilly ad Urbino e un corso di modellato e pittura su ceramica ad Albissola Marina. Impara la tecnica della pasta vitrea e la tecnica delle vetrate Tiffany. Rosa Mammola decide in seguito di aprire un proprio laboratorio ad Albenga per dedicarsi all’attività autonoma e nasce così la sua passione per il vetro. Rosa Mammola inizia dipingendo il vetro e la ceramica, ma comincia subito a sperimentare la tecnica del vetro fuso con i forni elettrici. Dopo qualche anno, nel 1991, Rosa Mammola si trasferisce nel cuore del centro storico di Finalborgo, in uno spazio che le consente di sviluppare contemporaneamente la propria creatività artistica e il lavoro, più quotidiano ma non meno rilevante, dell’artigianato vetrario per oggetti d’uso, vetrate decorate e lampade d’arredo, anche su commissione.

La tecnica del Glass Fusing rimarrà la principale fino ad oggi, nonostante negli anni abbia sperimentato molti altri materiali. Negli ultimi anni particolare attenzione è stata rivolta alla creazione di lampade per la casa ed i negozi, su ordinazione di privati e anche di architetti.

Le Città Invisibili 30


DESPINA tecnica mista (carta, plastica, juta, vetro e stoffa) cm. 50 x 70

»«


caterinaMASSA

ceramista Italia

Caterina Massa, savonese di nascita, si è sempre dedicata al disegno e alla pittura, pur avendo una formazione umanistica letteraria. La sua attività espositiva è iniziata nel ’90 con pittura di tipo figurativo, per passare poi alla ceramica. Le sue opere si contraddistinguono per una “composizione geometrica”, costituita da linee curve o rette in cui gli spazi sono ricchi di colore. Dopo aver operato in diverse proiezioni estetiche prevalentemente rivolte allo studio del paesaggio, in stile figurativo geometrico, ha iniziato un processo di astrazione, con evidenti connotazioni simboliche, espresso in un linguaggio essenziale, che attraverso la semplificazione delle forme giunge direttamente al messaggio emotivo. La sua attività artistica, fatta di ricerca e di sperimentazione, vede diversi momenti fondamentali ed evolutivi. All’inizio la pittura ad olio, poi l’incontro con la ceramica, che la veicola verso l’astratto. La materia prediletta è la creta per le trasformazioni che suggerisce. L’ideazione, la manualità, la creazione delle opere si completa nella magica tecnica del raku che, attraverso il sorprendente percorso di lavorazione, le procura forti emozioni. Nel 1999 dà vita a Cisano sul Neva ad un laboratorio di ceramica, punto di riferimento per la sua attività e attorno al quale ruotano numerosi amici ceramisti.

Molti suoi lavori sono in collezioni private in Italia e all’estero, alcuni si trovano in permanenza in vari musei. Vive e lavora sia a Savona, sia a Cisano sul Neva (SV), ove ha il laboratorio di ceramica.

Le Città Invisibili 32


FEDORA pannello in ceramica raku cm. 58,50 x 30

»«


constantinNEACSU Constantin Stan Neacsu nasce il 27 luglio 1952 a Bran (nel distretto di Brasov) in Romania, nella regione storica della Transilvania. pittore Romania

Dopo gli studi presso il Liceo d’Arte di Targu Mures, nel 1975 si è laureato in pittura all’Università di Belle Arti di Cluj-Napoca, in Romania. Successivamente, attraverso un rigoroso iter richiesto dal suo Paese, ha ottenuto il riconoscimento di Artista Professionista, divenendo membro dell’U.A.P. – Unione degli Artistici Plastici della Romania.

Giovanissimo, si avvia alla carriera artistica portando avanti un’intensa attività espositiva, che lo ha visto presentarsi sia in mostre personali che in eventi artistici di rilevanza nazionale e internazionale. Ha inoltre partecipato, come artista ospite e come organizzatore, a numerosi simposi, tra i quali, nel ’90, per conto del museo Balcesco. La sua ricerca muove dalla consapevolezza di un’armonia presente nel cosmo e in ogni suo aspetto. Realizza opere pittoriche e grafiche, nelle quali la struttura materica e astratta si affiancano e si sdoppiano dialogando. Accanto alla produzione pittorica, si dedica alle opere su carta, dove il segnico-cromatico diviene gesto e scrittura. Attualmente vive e lavora Italia.

Le Città Invisibili 34


ANDRIA tecnica mista su tela cm. 100 x 100

»«


ylliPLAKA Nato a Tirana Il 4 Gennaio 1966, nella stessa città si diploma in scultura e ceramica all’Accademia di Belle Arti dove ha seguito i corsi dello scultore Thoma Thomai. ceramista Albania

SI trasferisce in Italia nel 1991. Vive e lavora a Savona. Ylli Plaka è uno dei pù interessanti scultori in ceramica del panorama italiano. Negli ultimi anni le sue opere hanno conosciuto un costante e crescente interesse di pubblico e di critica. Il suo modo di scolpire e modellare e inconfondibile, così come l’attenta analisi delle forme e dei loro significati.

Le sue opere entrano in comunicazione diretta con chi le osserva, rimandando ad un universo al tempo stesso arcaico e attuale. Della sua attività artistica si sono occupati critici e giornalisti tra cui Maria Teresa Castellana, Michele Casadio Jr, Silvia Campese, Luciano Caprile, Mario De Micheli, Francesco Dufour, Silvano Godani, Sergio Fantaguzzi, Sandro Lorenzini, Giovanni Lunardon, Anna Maroscia, Ferdinando Molteni, Nalda Mura, Simona Poggi, Carlo Prosperi, Annamaria Saldini, Viviana Siviero, Massimo Trogu.

Durante la sua fiorente attività, ha esposto nelle più importanti gallerie, sia in Italia che all’estero.

Le Città Invisibili 36


MELANIA terracotta smaltata cm. h. 45 x 30 x 30

»«


variniaRODRIGUEZ

pittrice Venezuela

Varinia Rodriguez nasce nel 1970, con origine venezuelane, ma risiede stabilmente da tempo in Svizzera. Ha il suo atelier a Tenero, nel Cantone Ticino. Ha frequentato la Scuola di Belle Arti a Mérida, in Venezuela. Da sempre ha preferito esprimere il suo spirito artistico tramite le stampe, specificamente la stampa “collografica”, tecnica tanto versatile quanto innovativa. Essa consiste nel riunire su un supporto, per mezzo di collage, diversi materiali, in modo da avere una lastra adatta ad essere inchiostrata e stampata. Questo metodo le permette di abbracciare il lato ludico del suo essere e gioire alla visione del risultato finale. Ogni sua stampa è composta, a seconda della loro grandezza, da diversi pezzi, dove ognuno di questi, volendo, può essere preso come una stampa a sé. Il risultato è sempre una sorpresa interessante… tanto per l’artista stessa, quanto per coloro che potranno ammirare i suoi lavori. Ha esposto presso la Biennale Studenti della Universidad de los Andes, a Mérida (Venezuela), presso la Biennale Internazionale di “Minigrabados” a Barcellona (España), il III Salone di Arti Visuali “Ramiro Najul”, Galleria la Otra Banda, a Mérida (Venezuela), “Chiassoespone”, Ticino (Svizzera). Sempre in Svizzera, a Tenero, ha presentato la mostra “Forme e colori che parlano “ ed ha preso parte alla mostra “Ulisse ‘69”, organizzata dagli “Amici nell’Arte” presso la Fortezza del Priamar, a Savona.

Le Città Invisibili 38


MAURILIA collografia 2 x cm. 112 x 38

»«


silvioROSSO

pittore Italia

Silvio Rosso espone le sue opere sin dal 1958. È stato promotore culturale in Cuneo con lo “studioerre” dal ‘71 all‘81 ed oggi, a far tempo dal 2009, in Demonte con l’associazione culturale “Amici di Demonte”. Come pittore si è dedicato a esperienze figurative approdando verso la metà degli anni sessanta alla pittura astratta ed informale. Dopo una parentesi concettuale (1971-1974), dal 1975 inizia con le sperimentazioni metamorfiche sulla materia cromatica: l’evento pittura si manifesta dopo una lunga e lenta trasformazione. È l’autogenesi della pittura, è pittura d'attesa con l’emozione del divenire e la sorpresa della sua epifania. Opere di questo periodo che dura fino al 1982 sono Hamlet, Scacchiere, Paludi. Dopo una parentesi nella produzione negli anni ottanta, riprende la sua ricerca con varie serie pittoriche, di cui la prima s'intitola “Oltre la palude” e l’ultima “Muri”. Sue opere si trovano in collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero. Numerosissime esposizioni a partire dalla personale alla Promotrice di belle Arti a Torino nel 1966, per giungere alle esposizioni torinesi del 2016 (“Hamlet” nel Mausoleo della Bela Rosin, a cura di Maresa Barolo e “Per una poetica della materia” nell’ Officina 500 di Torino e a Demonte (Cuneo) “Il volo del segno” a cura di Marisa Vescovo. Moltissime le testimonianze sulla sua pittura da parte di critici, poeti e estimatori.

Le Città Invisibili 40


OLIVIA tecnica mista su tavola cm. 49,5 x 91,5

»«


carmenSPIGNO Carmen Spigno nasce a Diano Marina, in Liguria. pittrice Italia

Ha studiato disegno e pittura presso il Centro Italiano Artistico Culturale di Imperia, sotto la guida del maestro Giuseppe Balbo. Fondamentale è stato nel 1997 l’incontro con il pittore genovese Andrea Bagnasco, fondatore del “Gruppo delle Terre”, che segna una svolta nella sua pittura, indirizzandola verso nuove ricerche cromatiche e stilistiche. Da allora si dedica alla pittura con i pigmenti e le resine naturali, portando avanti una continua ricerca sulle tracce e i segni che essi lasciano sui diversi materiali, quali carta, legno, tela, sacco, vetro, metallo, ardesia… Critici e giornalisti hanno scritto di lei, fra i quali W. Accigliaro, L. Caprile, C. Paternostro, E. Cerruti, S. Bottaro, U. Ronfani, C. Orlando, F. Molteni, A. Fontana, R. Valentini, W. Meixner, M. Scavuzzo, C. Cormagi, F. Gallea, P. Gioia, G. Folco e P. Valdiserra. Il 27 dicembre 2010 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana” per meriti artistici. L’artista vive e lavora a Garlenda in Liguria, dove ha l’atelier e la mostra permanente.

Le Città Invisibili 42


ARGIA terre e resine naturali su tela cm. 1 40 x100

»«


luisaTINAZZI

Incisore Italia

Luisa Tinazzi nata a Povegliano V.se ove risiede, incisore e pittore, ha seguito corsi di educazione artistica (pittura ad olio, acquerello ed incisione-calcografia) al -CEA- in Villafranca e successivamente i corsi liberi di incisione (calcografia) all’Accademia di Belle Arti ‘Cignaroli’ di Verona. Opera principalmente attraverso le tecniche dell’acquaforte, dell’acquatinta, della punta secca, non trascurando di provare anche nuove tecniche sperimentali. È iscritta al Club Amici nell’Arte (www.amicinellarte.it), fa parte dell’ ACIV Associazione Culturale Incisori di Verona (http://incisoriveronesi.blogspot.it/) e del club dell’incisione ‘Venezia Viva’. Ha partecipato a mostre e concorsi di incisione in Italia e all’estero.

Le Città Invisibili 44


VALDRADA incisione ad intaglio e punta secca matrice mm. 632 x 435 / foglio cm. 70 x 50

»«


giovannaUSAI

quilter Italia

Giovanna Usai nasce a Cagliari il 18 Ottobre 1947. Vive ad Alghero (SS) sino al compimento del diciannovesimo anno di età. Si trasferisce a Firenze per frequentare l'università sino a conseguire nel 1972 la laurea in Architettura. Dal 1973 ad oggi vive, con il marito in Liguria ad Alassio (SV). Insegnante di scuola media, ora in pensione, dedica molto del suo tempo libero all'arte tessile. Ha insegnato nella scuola media statale dal 1980 al 1996 e da allora tutto il suo tempo libero l'ha dedicato alle stoffe. Per Giovanna Usai è stato fondamentale l'incontro con Quilt Italia, Associazione Nazionale Italiana per chi si dedica al settore Patchwork e Quilting, l'associazione a cui è iscritta dal 1998.

Autodidatta, ha comunque avuto modo di perfezionare le tecniche di taglio e cucito grazie alla frequentazione con amiche e artiste conosciute attraverso la rete e con cui nel tempo ha costruito rapporti di amicizia fraterna e condivisione. Occasionalmente è stata invitata a tenere corsi annuali sulle tecniche di base per il patchwork sia presso l'Università delle Tre Età di Alassio che presso il comprensorio didattico di Finale Ligure (SV). Ama le creazioni contemporanee e trapunta a macchina in free motion. Partecipa a numerosi concorsi e mostre in Italia e all'estero ottenendo gratificanti consensi. Dal 2003 è iscritta al Circolo Artistico-Culturale Amici nell'Arte con sede a Garlenda (SV). Il suo laboratorio è aperto a chi voglia condividere con lei momenti di creatività artistica o elaborazione di tecniche sperimentali.

Le Città Invisibili 46


ZOE quilt cm. 200 x 100

»«


simonettaVANDONE

pittrice Italia

Simonetta Vandone, artista poliedrica, nasce a Torino, sotto il segno dell’Ariete. Torinese di nascita, fiorentina d’adozione, vive in Liguria, ad Albenga, ormai da diversi anni. La sua preparazione scolastica la vede prendere il diploma superiore a cui segue l’iscrizione a Lettere con indirizzo artistico presso l’ateneo torinese. La nascita del suo primo figlio, Niccolò, ed il trasferimento in Liguria segnano un importante svolta nella sua carriera. Ha lavorato per diversi anni a Radio Onda Ligure e a Radio Savona Sound dove ha svolto il ruolo di vice direttore del giornale web “RSVN” e condotto una trasmissione in diretta alla mattina su Radio Savona Sound. Ha collaborato anche con diverse testate giornalistiche con mansioni diverse, da semplice collaboratore a direttore responsabile. Consulente esterno per la Cultura Città di Alassio, ha organizzato e presentato eventi a carattere nazionale ed internazionale con Progetto ndsDonna (5 edizioni) Oltre lo spazio, due edizioni convegno di astrofisica internazionale, Comunicando, progetto sulla comunicazione. Al suo attivo ha la pubblicazione di tre libri, Il Silenzio, La dolce bufera, Attimo per attimo ed in uscita un quarto, Una storia semplice. Ama il teatro, per il quale scrive sceneggiature e guida, quale regista e coach preparatore, la compagnia di Albenga “Nati da un Sogno”, con la quale ha portato sul palcoscenico diversi lavori come Vero all’alba, Il fuoco dentro, Il Filo di Arianna, solo per citarne alcuni. Ha scritto e realizzato la regia di Maria Callas dal trionfo all'oblio, con attori professionisti ed attualmente lo spettacolo è in tournée in Italia. Coach per Yepp Albenga, sta lavorando alla realizzazione di uno spettacolo sulla prevenzione delle droghe e dell’alcol nei giovani.

Le Città Invisibili 48


ERSILIA olio su cartoncino 6 x cm. 20 x 30

»«


antoniettaZAMPONI Antonietta Zamponi è nata a Genova e qui vive da sempre, ultimogenita di una famiglia unita e numerosa. pittrice Italia

Ha compiuto gli studi commerciali, mantenendo sopito in sè l’interesse per l’arte che già respirava in casa guardando le Madonne dipinte dalla nonna, che si avvaleva dell'aiuto di suo padre nel ritoccarne gli occhi. E intanto le giungeva l’eco dello zio Tonino, che a Roma insegnava all’Accademia e restaurava la Sistina. Fatale e determinante è stato per Antonietta l’aver preso contatto con la Scuola di Disegno e Pittura condotta con abile maestria ed esperienza dalla Prof. Alda D’Alessio, che ha fatto esplodere in lei ciò che covava latente: scopre così la “Creatività” in tutte le sue sfaccettature e passo passo ciò le prende la mano e dalla grafica la conduce all’acquarello, alla china, all’incisione. C’è fantasia anche e soprattutto nell’improvvisazione: un’imprecisione può diventare il tocco dell’artista. Con lo studio e la pratica inizia a capire i movimenti che si sono succeduti all’impressionismo, cose che sino ad allora considerava un punto d’arrivo. Allora la creatività ha cominciato ad elaborare i suoi dati “infiniti”: il colore, l’olio, le forme, le parole, i concetti, i collages che li esemplificano, le tecniche miste e chissà quante altre forme espressive ancora si possono raggiungere…

Le Città Invisibili 50


OLINDA olio e smalti su tela cm. 60 x 70

»«


Le CittĂ Invisibili 52


Le Città Invisibili 53

LE CITTÀ INVISIBILI Italo Calvino novembre 1972


italoCALVINO Italo Calvino nasce nel 1923 a Cuba, dove i genitori risiedevano e svolgevano la professione di agrotecnici. Quando ha solo tre anni la famiglia torna in Italia, a Sanremo, dove il futuro scrittore frequenta la scuola. Nel 1944 partecipa alla guerra partigiana, esperienza che lascerà traccia nelle sue prime opere. Nel dopoguerra Italo Calvino inizia a militare nel Partito Comunista Italiano e si iscrive alla Facoltà di Lettere a Torino, città in cui si trasferisce. Intanto pubblica qualche racconto in rivista e collabora con la casa editrice Einaudi, dove entra in contatto con i maggiori scrittori dell’epoca e con la quale pubblica nel 1947 il suo primo romanzo: Il sentiero dei nidi di ragno. Nel 1952 Italo Calvino pubblica Il visconte dimezzato, che insieme ai successivi Il Barone rampante e Il Cavaliere inesistente forma la trilogia dei Nostri antenati. Nel 1962 conosce la traduttrice argentina Esther Singer, che due anni più tardi diventerà sua moglie.

Nel 1965 Calvino pubblica Le Cosmicomiche e qualche anno più tardi Ti con zero. Alla fine degli anni Sessanta si trasferisce a Parigi, dove inizia a frequentare il gruppo di scrittori dell’Oulipo. Tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta, Italo Calvino pubblica le sue opere più importanti: Il castello dei destini incrociati, Le città invisibili, Se una notte d’inverno un viaggiatore e Palomar.

Le Città Invisibili 54


Italo Calvino muore improvvisamente nel 1985, mentre stava lavorando alle Lezioni Americane, un ciclo di conferenze che avrebbe dovuto tenere quell’anno ad Harvard, ma che usciranno solo postume.

“Anche le città credono d’essere opera della mente o del caso, ma né l’una né l’altro bastano a tener su le loro mura. D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.” [“Le Città Invisibili”, Italo Calvino,, novembre 1972]

ITALO CALVINO biografia

»«


lecittàINVISIBILI Le città invisibili è un’opera di Italo Calvino pubblicata nel 1972 e fa parte del periodo combinatorio dell’autore, in cui è evidente l’influenza della semiotica e dello strutturalismo. Nella letteratura combinatoria centrale diventa il lettore, che si trova a “giocare” con l’autore, nella ricerca delle combinazioni interpretative nascoste nella sua opera e nel linguaggio stesso. Il punto di partenza di ogni capitolo è il dialogo tra Marco Polo e l’imperatore dei Tartari Kublai Khan, che interroga l’esploratore sulle città del suo immenso impero. Marco Polo descrive città reali o immaginarie, che colpiscono sempre più il Gran Khan. Il libro è costituito da nove capitoli, ma c’è un’ulteriore divisione interna: ognuna delle 55 città è divisa in base a una categoria (sono 11 in totale), dalle “città e la memoria” alle “città nascoste”. Il lettore ha quindi la possibilità di “giocare” con la struttura dell’opera, scegliendo di seguire un raggruppamento o un altro, la divisione in capitoli o in categorie, o semplicemente saltando da una descrizione di città a un’altra. Calvino stesso ha affermato, in una conferenza del 1983 alla Columbia University a New York, che non c’è una sola fine delle Città Invisibili perché “questo libro è fatto a poliedro, e di conclusioni ne ha un po’ dappertutto, scritte lungo tutti i suoi spigoli”. Le città descritte da Marco Polo diventano simbolo della complessità e del disordine della realtà, e le parole dell’esploratore appaiono, quindi, come il tentativo di dare un ordine a questo caos del reale. Perché ciò che Calvino vuole mostrare, come da lui stesso affermato alla fine del libro, è “l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme” e i due modi per non soffrirne: “Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper

Le Città Invisibili 56


riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”. Ma queste città sono anche sogni, come dice Marco Polo: “tutto l’immaginabile può essere sognato ma anche il sogno più inatteso è un rebus che nasconde un desiderio, oppure il suo rovescio, una paura. Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure, anche se il filo del loro discorso è segreto, le loro regole assurde, le prospettive ingannevoli, e ogni cosa ne nasconde un’altra”. La realtà perde la sua concretezza e diventa fluida e puramente mentale, si realizza nella fantasia. I temi affrontati sono diversi e vari: dal tema del ricordo e della memoria a quello del tempo, da quello del desiderio a quello della morte. Il ruolo e la sfida del lettore è riuscire a cogliere il “discorso segreto”, le “regole assurde” e le “prospettive ingannevoli” di queste storie. Deve cercare un suo ordine personale nella vasta materia dell’opera. Per Calvino è infatti il libro in cui ritiene di aver detto più cose, perché, come afferma nel capitolo sull’Esattezza nelle Lezioni americane, è riuscito a concentrare in un solo simbolo tutte le sue riflessioni, esperienze e congetture, costruendo una struttura sfaccettata in cui ogni breve testo sta vicino ad altri in una successione che non implica una consequenzialità o una gerarchia ma una rete entro la quale si possono tracciare molteplici percorsi e ricavare conclusioni plurime e ramificate. Nelle Città invisibili ogni concetto e valore si rivela duplice: anche l’esattezza.

“L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”

LE CITTÀ INVISIBILI riassunto e commento

»«


è un catalogo d’arte a cura di Pascal McLee

2017 © mclee consulting | web solutions. all rights reserved.

web www.pascalmclee.com - mail pas.meli@gmail.com - mob. +39 335 6856486

Profile for Pascal McLee

Le Città Invisibili - Albenga (SV)  

Catalogo della Mostra Internazionale d'Arte Contemporanea 2017, ispirata all'omonimo libro di Italo Calvino, presso Palazzo Oddo di Albenga...

Le Città Invisibili - Albenga (SV)  

Catalogo della Mostra Internazionale d'Arte Contemporanea 2017, ispirata all'omonimo libro di Italo Calvino, presso Palazzo Oddo di Albenga...

Profile for mclee
Advertisement