Page 1

PIANI DI STUDIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI SABBIONARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI AVIO


INDICE

ITALIANO LINGUE EUROPEE STORIA GEOGRAFIA EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA MATEMATICA SCIENZE MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO - MOVIMENTO - SPORT


ITALIANO Competenza 1 al termine del 1° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando ascolta, il bambino al termine del primo biennio della scuola primaria è in grado di: -

Distinguere, con la guida dell’insegnante, tra sentire ed ascoltare

Elementi basilari dell’ascolto: la differenza tra sentire e ascoltare

-

Assumere comportamenti corretti e funzionali all’ascolto

Modalità basilari per l’ascolto: postura, contatto visivo, rispetto del silenzio

-

Mantenere l’attenzione per un tempo sufficiente a comprendere il messaggio

Lessico di uso quotidiano e relativo ad argomenti di esperienza personale o trattati in classe Informazioni principali di un testo orale

Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura

Riconoscere in una comunicazione le parole non note e intervenire per chiedere spiegazioni

Semplici modalità di ascolto attivo

Negli scambi comunicativi, il bambino è in grado di: -

Intervenire in una conversazione rispettando il proprio turno

-

Ascoltare con attenzione gli interventi dei compagni

-

Esprimersi in modo chiaro e comprensibile, formulando frasi sintatticamente compiute

Modalità basilari dell’interazione comunicativa: richiesta di intervento, attesa del proprio turno, esposizione e ascolto attivo

Elementi basilari della struttura della frase: soggetto – predicato – complementi (quando necessari) 1


-

Utilizzare forme di saluto adeguate al destinatario e alla situazione comunicativa

Forme e modalità di saluto, contesti e interlocutori diversi

Nell’esposizione verbale il bambino è in grado di: -

Riferire su esperienze personali e/o condivise rispettando l’ordine logico e temporale

Organizzazione di un’esposizione orale in base a una traccia data

Atteggiamenti da favorire: - Sviluppare un atteggiamento di attenzione e di rispetto verso l’ALTRO

2


ITALIANO Competenza 2 al termine del 1° biennio di scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando legge, il bambino è in grado di:

-

Leggere, analizzare e comprendere testi

Modalità di lettura silenziosa e ad alta voce Leggere a voce alta senza sillabare testi noti e non Cogliere e utilizzare la funzione significativa della punteggiatura Principali elementi di punteggiatura: punto, nei testi noti virgola, punto esclamativo e interrogativo Leggere silenziosamente brevi testi per cogliere le informazioni richieste

Al fine di comprendere un testo, il bambino è in grado di compiere le seguenti operazioni di analisi:

-

Riconoscere alcune tipologie testuali: storie, descrizioni, regole, poesie e filastrocche

Alcune tipologie testuali: testo narrativo, descrittivo, regolativo, poetico

-

Leggere in senso anticipatorio titolazioni, immagini, didascalie Cogliere il significato di termini non noti leggendo il contesto e formulando ipotesi, anche in base alle indicazioni/sollecitazioni dell’insegnante Leggere con attenzione un testo narrativo per cogliere una prima lista di conoscenze

Significato contestuale delle parole

-

Testo narrativo: personaggi, ambiente e azioni principali

Operare semplici inferenze logiche, rispondendo, con la guida dell’insegnante, a domande del tipo “perché?” Cause/conseguenze

-

Riordinare le sequenze di un semplice racconto 3


-

Riconoscere in un testo dato elementi descrittivi

-

Leggere semplici testi regolativi per svolgere un compito

-

Riconoscere in un testo poetico alcuni elementi formali

Descrizione: il referente e le sue caratteristiche Testo regolativo: sequenza delle azioni

Testo poetico: verso – strofa – rima

Atteggiamenti da favorire: - Sviluppare un atteggiamento positivo verso la lettura, anche in base ai propri interessi e agli orientamenti dell’insegnante - Prestare attenzione ad un testo letto dall’adulto - Perseverare nello sforzo d’imparare a leggere, accettare l’aiuto e le correzioni - Iniziare a provare il piacere individuale di leggere quale spazio di fantasia e immaginazione - Essere incuriositi dal testo

4


ITALIANO Competenza 3 al termine del 1° biennio di scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando produce testi scritti, l’alunno è in grado di:

-

Utilizzare le regole più semplici per la divisione delle parole in Divisione in sillabe sillabe Scrivere correttamente digrammi, trigrammi e fonemi affini Digrammi, trigrammi e fonemi affini

-

Scrivere sotto dettatura frasi e semplici testi

-

Scrivere brevi frasi rispettando alcune convenzioni ortografiche

-

Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

-

Scrivere brevi frasi curando le principali concordanze

-

Utilizzare i principali segni di punteggiatura

Doppie, maiuscole, accento e apostrofo

Concordanze: articolo/nome, nome/aggettivo, soggetto/ predicato Segni di punteggiatura: punto fermo, virgola, punto esclamativo e punto di domanda

-

Rivedere il proprio testo tenendo conto delle segnalazioni dell’insegnante

-

Scrivere in stampato e in corsivo, con grafia ordinata e funzionale allo spazio

Stampato e corsivo

Nel produrre testi di diverso tipo e scopo, l’alunno è in grado di:

-

Raccontare un’esperienza collettiva e/o personale seguendo le indicazioni dell’insegnante

Traccia e ordine cronologico

5


-

Produrre brevi testi narrativi utilizzando elementi di facilitazione

Testo narrativo: struttura di base (inizio, svolgimento, conclusione) e sequenze Sequenza d’immagini

-

Raccogliere informazioni di tipo descrittivo su oggetti, animali e persone, utilizzando i dati sensoriali

Testo descrittivo: referente, caratteristiche Canali sensoriali e informazioni correlate

Nel produrre testi sulla base di altri testi, l’alunno è in grado di:

-

Completare e ampliare frasi, inserendo elementi di complemento dati Rispondere a semplici domande relative a un testo narrativo letto Completare o modificare la conclusione di una breve storia Completare filastrocche inserendo parole in rima

Atteggiamenti da favorire: - Accettare le correzioni dell’insegnante – anche come stimolo al miglioramento – e riflettere sui propri errori - Essere disponibili a giocare e a divertirsi con le storie, esercitando creatività e fantasia

6


ITALIANO Competenza 4 al termine del 1° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Al termine del primo biennio della scuola primaria il bambino, nel riflettere sulla lingua italiana, è in grado di:

Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento

-

Scoprire/riconoscere gli elementi basilari della frase semplice

La struttura della frase semplice: soggetto e predicato

-

Ampliare la frase semplice con l’aggiunta di elementi di complemento

Modalità di espansione della frase semplice

-

Valutare l’accettabilità logica e grammaticale di semplici frasi

Concordanze grammaticali tra soggetto-verbo, articolo-nome, nome-aggettivo

-

Scoprire/riconoscere alcune parti variabili del discorso

Nomi, articoli, aggettivi qualificativi e verbi (intesi come “azione”)

-

Fare ipotesi sul significato delle parole non note a partire dal contesto

Significato contestuale delle parole

-

Manipolare le parole, anche giocando con le regole ortografiche, per scoprire nuovi significati e ampliare il patrimonio lessicale

Parole primitive, derivate e alterate

-

Riconoscere situazioni comunicative diverse, riflettendo sui relativi comportamenti linguistici

Elementi basilari della situazione comunicativa: chi parla e chi ascolta

7


Atteggiamenti da favorire: - Accettare le correzioni dell’insegnante – anche come stimolo al miglioramento – e riflettere sui propri errori - Giocare e divertirsi con le parole, scomponendole, ricomponendole, componendone di nuove

8


ITALIANO Competenza 1 al termine del 2° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando ascolta, il bambino al termine del secondo biennio della scuola primaria è in grado di:

Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura

-

Distinguere tra sentire ed ascoltare

Elementi basilari dell’ascolto: la differenza tra sentire e ascoltare

-

Assumere l’ascolto come compito individuale e collettivo, eliminando eventuali elementi di disturbo

Modalità basilari per l’ascolto, con particolare riferimento ai più frequenti fattori di disturbo della comunicazione

-

Mantenere l’attenzione per un tempo sufficiente a comprendere il messaggio

-

Riconoscere in una comunicazione le informazioni più importanti

Lessico di uso quotidiano e relativo ad argomenti di esperienza personale o trattati in classe Informazioni principali di un testo orale (chi, che cosa, dove, quando, perché)

-

Individuare in una comunicazione gli elementi non conosciuti e, se non compresi, intervenire per chiedere spiegazioni

Ascolto attivo e relative modalità: confronto tra ciò che si ascolta e ciò che si sa; richiesta (eventuale) di chiarimenti

-

Seguire la lettura di un racconto riconoscendo elementi e informazioni significative

Il testo narrativo: elementi e informazioni principali (personaggi, azioni, tempo e luogo)

Negli scambi comunicativi, il bambino è in grado di: -

Intervenire in una conversazione/ discussione rispettando il proprio turno

Modalità e regole basilari dell’interazione comunicativa, 9


-

Intervenire in una conversazione o in una discussione portando esempi e contenuti pertinenti all’argomento

-

Ascoltare con attenzione gli interventi dei compagni, accogliendo con rispetto le diverse posizioni

-

Esprimersi formulando frasi chiare e sintatticamente compiute

Elementi basilari della struttura della frase: soggetto – predicato – complementi (modalità di espansione)

-

Utilizzare forme di saluto e di interazione comunicativa adeguate al destinatario e al contesto di riferimento

Forme e modalità di saluto; contesti e situazioni comunicative

con particolare riguardo alla selezione degli interventi

Nell’esposizione verbale il bambino è in grado di: -

Riferire su esperienze personali e/o condivise rispettando l’ordine logico e temporale Riferire il contenuto di un racconto letto in base alle sequenze principali

Organizzazione di un’esposizione orale in base a una traccia data Il testo narrativo: elementi basilari e organizzazione in sequenze

Atteggiamenti da favorire: - Sviluppare un atteggiamento di attenzione e di rispetto verso l’ALTRO - imparare a discutere e ad interagire correttamente col gruppo dei pari

10


ITALIANO Competenza 2 al termine del 2° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando legge, il bambino al termine del secondo biennio è in grado di: -Leggere ad alta voce in modo scorrevole ed espressivo testi noti. Modalità di lettura silenziosa e ad alta voce: -Leggere ad alta voce testi a prima vista pronunciando leggere per sé e leggere per gli altri. correttamente le parole -Rispettare la punteggiatura, marcando le pause e sottolineando le Punteggiatura: virgola, due punti, punto e virgola, intenzioni comunicative punto interrogativo, punto esclamativo. Punteggiatura: discorso diretto. -Leggere silenziosamente un testo con concentrazione per coglierne il contenuto.

Leggere analizzare e comprendere testi

Lettura analitica, scorsa rapida (lettura -Utilizzare strategie di lettura diverse, individuando quella più esplorativa). adatta allo scopo. Lettura selettiva di testi non continui: grafici, tabelle, schemi. Struttura di dizionari adatti all’età e relative modalità di utilizzo. -Dedurre informazioni da altre presenti nel testo

Inferenze logiche.

-Ricavare il significato di parole ed espressioni utilizzando il Significato contestuale delle parole. contesto. Espressioni e termini usati in senso proprio e figurato.

11


Al fine di comprendere un testo, il bambino è in grado di compiere le seguenti operazioni di analisi:

-Riconoscere varie tipologie testuali a partire dal contenuto e/o Alcune tipologie testuali e relative strutture: testo dall’impostazione grafica. narrativo, descrittivo, regolativo, informativo e poetico. -Riconoscere in un testo narrativo gli elementi fondamentali.

Personaggi, azioni, eventi reali, eventi fantastici, collocazione nel tempo e nello spazio. Principali forme testuali narrative: fiaba, favola, racconti di vario genere.

-Individuare le sequenze di un testo narrativo -Riordinare le sequenze di un testo narrativo

Organizzazione del testo narrativo: sequenze.

-Cogliere i principali rapporti di causa e conseguenza, ricorrendo Causa/effetto. alle proprie conoscenze o per inferenza logica -Riflettere sul contenuto di un testo narrativo, anche collegandolo al proprio vissuto. -Individuare il tema ed il messaggio di un testo narrativo. - Riconoscere le principali differenze tra fiaba e favola.

Tema/messaggio di semplici racconti. La morale delle favole. Fiaba e favola: caratteristiche ed elementi distintivi.

-Confrontare descrizioni, individuando le caratteristiche essenziali e il punto di vista dell’osservatore. Punto di vista dell’osservatore: soggettivo/oggettivo. -Riconoscere in un semplice testo informativo le informazioni principali. Informazioni principali e modalità di ricerca.

12


-Ricavare da un testo regolativo la sequenza temporale delle istruzioni. Sequenza delle istruzioni. -Riconoscere le principali caratteristiche formali dei testi poetici. - Riconoscere in un semplice testo poetico l’argomento o il tema Versi, strofe, rime, figure di significato. considerato. Tema e argomento. Atteggiamenti: − Porsi con disponibilità nei confronti della lettura, operando scelte secondo i gusti personali, ma anche seguendo i consigli dei compagni di classe (conversazioni in classe sui libri letti). − Accostarsi alla lettura dei testi poetici collegandone il contenuto al proprio vissuto personale. − Porsi in modo attivo nei confronti del testo, rispondendo positivamente alle diverse sollecitazioni dell’insegnante.

13


ITALIANO Competenza 3 al termine del 2° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando produce testi scritti, il bambino al termine del secondo biennio è in grado di: -Scrivere un testo sotto dettatura rispettando le Ortografia della lingua italiana: doppie, regole uso convenzioni ortografiche. digrammi e trigrammi, apostrofo, accento, regole verbo -Correggere gli errori di ortografia segnalati. avere (uso dell’”H”). -Scrivere frasi e semplici periodi curando: Fondamentali strutture morfosintattiche della lingua ⋅ la morfologia e la concordanza delle italiana: concordanza soggetto-verbo, articolo-nome, nome-aggettivo, principali congiunzioni e preposizioni. parole ⋅ l’ordine delle parole -Produrre brevi testi coerenti in relazione al Produrre testi in relazione destinatario e allo scopo. a diversi scopi comunicativi -Rivedere, con la guida dell’insegnante, il proprio testo curando la coerenza del contenuto, l’ortografia e il lessico.

Elementi della comunicazione: emittente, destinatario, scopo. Prime tecniche di revisione del testo: rileggere il testo per controllare se il contenuto risponde ai punti posti in scaletta e se il lessico è adeguato; rileggere il testo, dalla conclusione all’inizio, per controllare l’ortografia delle parole.

Nel produrre testi di diverso tipo e scopo, il bambino è in grado di: -Utilizzare tracce, scalette, schemi suggeriti Struttura di base di un testo: introduzione, sviluppo, conclusione. dall’insegnante per organizzare il contenuto. -Raccontare esperienze personali o vissute da altri rispettando l’ordine logico e la coerenza narrativa. 14


-Costruire un testo narrativo di fantasia e/o realistico, Principali strutture ed elementi dei seguenti testi: fiaba, sulla base dei modelli individuati dalla lettura di testi favola, racconti di vario genere. (elementi costitutivi e struttura) -Produrre testi che comprendano parti narrative e Modalità per descrivere persone, animali, ambienti, descrittive. oggetti. Elementi per l’ampliamento del patrimonio lessicale: aggettivi, sinonimi, contrari, similitudini. -Descrivere utilizzando in modo mirato canali Significato/i dei termini (polisemia) sensoriali diversi. Dati visivi, uditivi, tattili, ecc.

-Scrivere semplici testi regolativi, elencando le Regole per costruire oggetti, per svolgere un gioco, per operazioni da svolgere nell’esatta sequenza temporale. l’utilizzo di programmi (Informatica) -Esprimere le proprie emozioni su fatti, esperienze Lessico appropriato per esprimere le emozioni. personali, letture. Nel produrre testi sulla base di altri testi è in grado di: Modalità per la produzione di un riassunto: cancellazione -Riassumere la trama di un testo narrativo sulla base parti superflue di una sequenza; parafrasi delle sequenze; di indicazioni procedurali generalizzazione (raggruppare parole e concetti utilizzando nomi generali); individuazione, all’interno delle sequenze, di parole chiave e titolazione; trasformazione del discorso diretto in indiretto. Il linguaggio dei fumetti. Uso discorso diretto e indiretto. -Trasformare una narrazione scritta nel linguaggio dei Elementi del testo narrativo: personaggi, fatti, azioni, fumetti e viceversa. luogo e tempo. -Riscrivere un testo modificando, su indicazione 15


dell’insegnante, i tempi, i luoghi, i personaggi. -Scrivere il finale o la parte iniziale di un racconto. -Completare testi narrativi inserendo descrizioni. Atteggiamenti: -sviluppare l’interazione positiva tra i pari attraverso compiti a coppie. -sdrammatizzare l’errore, anche inventando racconti umoristici sugli errori più ricorrenti. -Realizzare prodotti individuali e/o di gruppo di uso sociale, destinati sia alla comunità scolastica, sia al territorio: giornalini e comunicazioni di vario tipo.

16


ITALIANO Competenza 4 al termine del 2° biennio della scuola primaria Competenza

Abilità

Conoscenze

Al termine del secondo biennio della scuola primaria il bambino, nel riflettere sulla lingua italiana, è in grado di: -

Scoprire/riconoscere gli elementi basilari della frase

La struttura e gli elementi costitutivi della frase: soggetto, predicato e complementi

-

Valutare l’accettabilità logica e grammaticale di frasi e semplici periodi

Concordanze grammaticali tra soggetto-verbo, articolo-nome, nome-aggettivo

-

Scoprire/riconoscere e denominare le principali parti variabili del discorso

Le principali categorie linguistiche, nelle loro linee essenziali: nomi, aggettivi, pronomi personali e possessivi, verbi nella forma attiva (intesi come “azione” e come “tempo”) e tempi dell’indicativo

-

Ampliare la frase semplice con l’aggiunta di elementi di complemento e di connettivi appropriati

Informazioni/espansioni necessarie al completamento della frase Preposizioni semplici e articolate Principali congiunzioni all’interno del periodo

-

Fare ipotesi sul significato delle parole non note a partire dal contesto

Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento

Significato contestuale delle parole

-

Utilizzare il vocabolario, anche per ricercare sinonimi e contrari

-

Formare/ricercare parole nuove utilizzando i principali

Sinonimi e contrari Uso di base del dizionario Parole primitive, derivate e alterate; prefissi, suffissi e meccanismi di modifica delle parole 17


meccanismi di modifica -

Riconoscere situazioni comunicative diverse, riflettendo sui relativi comportamenti linguistici

Elementi basilari della situazione comunicativa: chi invia e chi riceve l’informazione, il contesto, scopi e modalità basilari della comunicazione

Atteggiamenti da favorire: - Accettare le correzioni dell’insegnante – anche come stimolo al miglioramento – e riflettere sui propri errori - Giocare e a divertirsi con le parole, scomponendole, ricomponendole, componendone di nuove

18


ITALIANO Competenza 1 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando ascolta, lo studente al termine del terzo biennio è in grado di:

Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura

-

Distinguere tra sentire ed ascoltare

Elementi basilari dell’ascolto: la differenza tra sentire e ascoltare

-

Assumere l’ascolto come compito individuale e collettivo, eliminando eventuali elementi di distrazione anche su sollecitazione dell’insegnante

Modalità basilari per l’ascolto, con particolare riferimento ai più frequenti fattori di disturbo della comunicazione

-

Mantenere l’attenzione per un tempo adeguato a comprendere il contenuto e lo scopo di una comunicazione

-

Comprendere le informazioni essenziali e riconoscere lo scopo principale di un testo orale

Lessico di uso quotidiano e relativo ad argomenti di esperienza personale o trattati in classe Informazioni principali di un testo orale (chi, che cosa, dove, quando, perché)

-

Chiedere spiegazioni per migliorare la comprensione o per avere chiarimenti su ciò che non ha capito

Ascolto attivo e relative modalità: confronto tra ciò che si ascolta e ciò che si sa; richiesta (eventuale) di chiarimenti Il testo narrativo: elementi e informazioni principali (personaggi, azioni, tempo e luogo)

-

Ascoltare con attenzione mirata, applicando alcune tecniche di memorizzazione

Tecniche principali per la stesura e la rielaborazione degli appunti, parole chiave, schemi, semplici mappe

19


Negli scambi comunicativi, lo studente è in grado di: -

Intervenire in una conversazione/ discussione rispettando il proprio turno

-

Intervenire in una conversazione o in una discussione portando esempi e contenuti pertinenti all’argomento

Modalità che regolano la conversazione e la discussione: rispetto dei tempi e dei ruoli, pertinenza degli interventi, attinenza all’argomento Forme di cortesia e registri comunicativi

-

Ascoltare con attenzione gli interventi dei compagni, accogliendo con rispetto le diverse posizioni

-

Esprimersi formulando frasi chiare e sintatticamente compiute

-

Utilizzare forme di saluto e di interazione comunicativa adeguate al destinatario e al contesto di riferimento

-

Sostenere le proprie idee esponendole in modo coerente

Elementi fondamentali della struttura della frase

Nell’esposizione verbale lo studente è in grado di: -

Esporre esperienze personali in modo chiaro, completo e rispettando un ordine logico

-

Esporre un tema affrontato in classe o un argomento di studio seguendo una traccia ed utilizzando il lessico specifico

Modalità per la pianificazione di un’esposizione orale: parole chiave, scalette, schemi, semplici mappe concettuali

20


Atteggiamenti da favorire: - Sviluppare un atteggiamento di attenzione e di rispetto verso l’ALTRO - imparare a discutere e ad interagire correttamente col gruppo dei pari

21


ITALIANO Competenza 2 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando legge, lo studente al termine del terzo biennio è in grado di:

-

Leggere analizzare e comprendere testi

riconoscere ed applicare efficacemente diverse tecniche di lettura utilizzare strategie di lettura diverse, funzionali allo scopo leggere ad alta voce in modo chiaro e scorrevole consultare dizionari e testi di tipo enciclopedico per scopi pratici e conoscitivi

Modalità di lettura: silenziosa, e ad alta voce, con attenzione alle pause, all’espressività e al significato. Strategie di lettura: globale, esplorativa, di consultazione, analitica. Struttura di dizionari e relative modalità di utilizzo, testi di consultazione cartacei e digitali anche in riferimento all’organizzazione (e al contenuto) delle singole voci.

-

Dedurre il significato di parole ed espressioni Uso figurato e contestuale del lessico. utilizzando il contesto

-

Alcune modalità di analisi delle parole: scomposizione e Ricavare informazioni relative al significato di ricomposizione. termini sconosciuti analizzandone la morfologia Operare inferenze integrando le informazioni del testo con le proprie esperienze e conoscenze Operare scelte di lettura secondo interessi e gusti personali

-

22


Al fine di comprendere un testo, lo studente è in grado di compiere le seguenti operazioni di analisi: -Riconoscere varie tipologie testuali a partire dal Alcune tipologie testuali e relative strutture: testo contenuto e/o dall’impostazione grafica. narrativo, descrittivo, regolativo, informativo e poetico.

-Riconoscere in un testo narrativo gli elementi Personaggi, azioni, eventi reali, eventi fantastici, fondamentali. collocazione nel tempo e nello spazio. Principali forme testuali narrative: fiaba, favola, racconti di vario genere. -Dividere in sequenze un testo narrativo, utilizzando Organizzazione del testo narrativo e alcune modalità per la modalità indicata dall’insegnante la divisione in sequenze (per evidenziare i fatti principali, i cambi di scena, l’ingresso di nuovi personaggi, ecc.). -Riordinare le sequenze di un testo narrativo -Cogliere i principali rapporti di causa e conseguenza, Causa/effetto. ricorrendo alle proprie conoscenze o per inferenza logica -Individuare il tema ed il messaggio di un testo Tema/messaggio di racconti. narrativo. La morale delle favole. - Riconoscere le principali differenze tra fiaba e Fiaba e favola: caratteristiche ed elementi distintivi. favola.

- Riflettere sul contenuto di un testo narrativo, anche collegandolo al proprio vissuto. -Analizzare testi e/o brani descrittivi, individuando le Punto di vista dell’osservatore: soggettivo/oggettivo. caratteristiche essenziali (del testo o dell’oggetto) e il punto di vista dell’osservatore. 23


-Riconoscere in un semplice testo informativo le Informazioni principali e modalità di ricerca informazioni principali applicando le modalità di (sottolineatura delle parole chiave, individuazione dei ricerca suggerite dall’insegnante (aggiunta 18/07) capoversi/paragrafi, etc.) . -Ricavare da un testo regolativo la sequenza Sequenza delle istruzioni. temporale delle istruzioni. -Riconoscere le principali caratteristiche formali dei Versi, strofe, rime, alcune figure di significato. testi poetici. - Riconoscere in un semplice l’argomento o il tema considerato.

testo

poetico Tema e argomento.

Atteggiamenti: − Porsi con disponibilità nei confronti della lettura, operando scelte secondo i gusti personali, ma anche seguendo i consigli dei compagni di classe (conversazioni in classe sui libri letti). − Accostarsi alla lettura dei testi poetici collegandone il contenuto al proprio vissuto personale. − Porsi in modo attivo nei confronti del testo, rispondendo positivamente alle diverse sollecitazioni dell’insegnante.

24


ITALIANO Competenza 3 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado)

Competenza

AbilitĂ

Conoscenze

Quando produce testi scritti, lo studente al termine del terzo biennio è in grado di: -Rispettare le convenzioni ortografiche.

Ortografia della lingua italiana

-Scrivere frasi e periodi, sia semplici che complessi, curando la Principali segni di punteggiatura (punto fermo, virgola, due punti, punto interrogativo morfologia e la concordanza delle parole ed esclamativo) - Utilizzare una punteggiatura adeguata alla costruzione di frasi Fondamentali strutture morfosintattiche della semplici e complesse lingua italiana: concordanza soggettopredicato, articolo-nome, nome-aggettivo, principali congiunzioni coordinative e subordinative, preposizioni e pronomi. Produrre testi in relazione a diversi scopi Fasi della produzione scritta: ideazione, -Raccogliere le idee relativamente alla consegna ricevuta comunicativi pianificazione, stesura e revisione - Organizzare il contenuto costruendo la scaletta prima della stesura Struttura di base di un testo: introduzione, del testo anche con guida sviluppo, conclusione. -Produrre testi adeguati in relazione allo scopo comunicativo e al Elementi principali della situazione destinatario. comunicativa: emittente, destinatario, contesto, scopo. -Rivedere il proprio testo, anche seguendo le indicazioni Tecniche di revisione del testo: dell’insegnante, con attenzione mirata ai seguenti aspetti: rispetto - rileggere il testo per controllare il della consegna, contenuto, lessico, ortografia, concordanze e rispetto della consegna e punteggiatura 25


punteggiatura

-

l’adeguatezza del lessico; rileggere il testo, dalla conclusione all’inizio, per controllare l’ortografia, il rispetto delle concordanze e la punteggiatura

Nel produrre testi di diverso tipo e scopo, lo studente è in grado di: - Raccontare esperienze personali, collettive o vissute da altri Principali connettivi di tempo e nessi causali rispettando ordine logico e coerenza narrativa - Costruire un testo narrativo rispettando le caratteristiche e le Strutture ed elementi caratterizzanti dei vari convenzioni del genere proposto, arricchendolo con descrizioni generi narrativi -Descrivere utilizzando modalità e canali sensoriali diversi

Descrizione oggettiva e soggettiva, con particolare riferimento a persone, animali, ambienti, oggetti. Modalità per l’ampliamento del patrimonio lessicale: aggettivi (anche in rapporto ai canali sensoriali e ai dati correlati), sinonimi, contrari, similitudini. Significato/i dei termini (polisemia)

Scrivere brevi testi funzionali

Regole, spiegazioni, didascalie ad immagini

- Costruire semplici testi poetici anche al fine di esprimere le Schemi e modelli per elaborare testi poetici proprie emozioni Nel produrre testi sulla base di altri testi è in grado di: - Riscrivere modificando tempi, luoghi o personaggi

Elementi del testo narrativo: personaggi, fatti, azioni, luogo e tempo.

- Riassumere un testo (espositivo o narrativo), tenendo presenti le Modalità per la produzione di un riassunto: informazioni e gli elementi principali 26


informazioni e gli elementi principali cancellazione parti superflue di una sequenza; Meglio: in base ai criteri suggeriti dall’insegnante (eliminazione del parafrasi delle sequenze; generalizzazione (raggruppare parole e concetti utilizzando superfluo, ricerca informazioni principali, ecc.) – aggiunta 18/07 nomi generali); trasformazione del discorso - Arricchire e completare testi narrativi predisponendo conclusioni o diretto in indiretto. introduzioni, inserendo descrizioni, mantenendo la coerenza Per il testo informativo/ espositivo: - Parafrasare testi di vario tipo, modificando gli elementi indicati individuazione dell’argomento, sottolineatura delle informazioni principali e/o delle parole chiave, individuazione dei paragrafi e relativa titolazione. Il linguaggio dei fumetti. Uso discorso diretto e indiretto. Elementi e struttura-tipo del testo narrativo Modalità per l’esecuzione della parafrasi: lettura del testo, riconoscimento dell’ordine sintattico (costruzione “normale” o “inversa”, soprattutto in riferimento ai testi poetici), sostituzione dei termini obsoleti, modifica dell’ordine delle parole, ecc. Atteggiamenti: -sviluppare l’interazione positiva tra i pari attraverso compiti a coppie o in piccoli gruppi. -considerare l’errore come momento di apprendimento. -Realizzare prodotti individuali e/o di gruppo di uso sociale, destinati sia alla comunità scolastica, sia al territorio: giornalini e comunicazioni di vario tipo.

27


ITALIANO Competenza 4 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado)

Competenza

Abilità

Conoscenze

Al termine del terzo biennio lo studente è in grado di riflettere sulla lingua italiana ed in particolare è in grado di:

principali del processo - Usare la lingua in modo consapevole, per costruire testi adeguati Elementi comunicativo: comunicazione formale ed agli scopi comunicativi e ai contesti informale, emittente/destinatario, principali - Riconoscere scopi diversi nella comunicazione. linguaggi e scopi della comunicazione. Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento

- Scoprire/riconoscere, denominare e analizzare le parti del discorso

Parti variabili e invariabili del discorso.

- Sperimentare l'uso del verbo anche con tempi e modi diversi modificando frasi in dipendenza dai contesti.

Prefissi, suffissi, parole semplici, derivate, - Riconoscere i principali meccanismi di formazione e di modifica alterate, composte, neologismi, prestiti delle parole linguistici d’uso corrente. - Utilizzare diverse strategie per fare ipotesi sul significato delle Sinonimi e contrari. parole non conosciute (partenza dal contesto, somiglianza tra le Struttura di un dizionario di base d’italiano, principali tipi di informazioni contenute, parole, analisi della morfologia, uso di base del dizionario). simbologia usata. Dizionari della lingua italiana on line.

28


-

Scoprire/riconoscere e analizzare gli elementi basilari della Soggetto nei suoi diversi aspetti, predicato e frase semplice (soggetto, predicato, principali complementi principali complementi diretti. diretti). Principali congiunzioni coordinative.

subordinative

e

- Ampliare la frase semplice, completandola ed arricchendola, Principali connettivi testuali. utilizzando i connettivi appropriati. ModalitĂ di espansione della frase semplice. - Valutare la coerenza logica e grammaticale di un testo.

Alcuni elementi che concorrono alla coesione ed alla coerenza del testo: concordanze, pronomi, tempi verbali, connettivi.

29


ITALIANO Competenza 1 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando ascolta, lo studente al termine del primo ciclo di istruzione è in grado di: - Assumere l’ascolto come compito, individuale e collettivo, eliminando gli elementi di disturbo. - Mantenere l’attenzione per un tempo adeguato a comprendere il contenuto e lo scopo di una comunicazione, adottando tecniche di ascolto efficace. Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura

- Ascoltare con attenzione mirata applicando tecniche di supporto alla memoria e alla rielaborazione. - Identificare l’emittente, la finalità e le caratteristiche di una comunicazione orale

Elementi basilari della comunicazione: i codici, i registri, i contesti di riferimento, le funzioni e gli scopi. Elementi di disturbo e d’interferenza dell’ascolto. Modalità dell’ascolto efficace: analisi del messaggio, lettura del contesto, individuazione degli elementi problematici, formulazione di domande. Tecniche per la stesura e la rielaborazione degli appunti: abbreviazioni, parole chiave, segni convenzionali, schemi, mappe, testi riassuntivi. Criteri per distinguere informazioni principali e secondarie.

- Riconoscere l’argomento, distinguere informazioni principali e Secondarie di un testo orale, individuare le eventuali opinioni e il messaggio espresso. Quando interviene nella comunicazione, lo studente è in grado di: - Partecipare ad un dialogo, ad una conversazione, ad una discussione rispettando tempi e turni di parola, tenendo conto del destinatario ed utilizzando il registro adeguato all’argomento e alla situazione. - Adottare, nell’interazione verbale, il lessico appropriato;

Modalità che regolano la conversazione e la discussione. Aspetti formali della comunicazione interpersonale (forme di cortesia, registri comunicativi). Elementi fondamentali della struttura della 30


utilizzare, quando necessario, quello specifico. - Esprimere le proprie idee sostenendole con adeguate argomentazioni e distinguendo tra opinioni personali e dati oggettivi.

frase e del periodo (con particolare attenzione alle modalità di utilizzo di pronomi, modi e tempi verbali, connettivi). Lessico di uso quotidiano e lessico specifico, relativo alle discipline di studio.

Nell’esposizione verbale, lo studente è in grado di: -Prepararsi all’esposizione orale, individuando dati e informazioni, pianificando l’intervento e curando le scelte lessicali. -Raccontare fatti, esperienze, storie, in maniera chiara, ordinata, esauriente, adottando un registro linguistico adeguato al destinatario.

Criteri per l’esposizione orale, in particolare il criterio logico e cronologico. Strategie per l’esposizione efficace: selezione delle informazioni, pianificazione degli interventi con utilizzo di appunti, schemi, mappe e strumenti multimediali.

-Riferire su un argomento di studio presentandolo in modo chiaro, coerente e completo, utilizzando il lessico specifico.

Atteggiamenti da favorire: - Sviluppare un atteggiamento di attenzione e di rispetto verso l’ALTRO - imparare a discutere e ad interagire correttamente col gruppo dei pari

31


ITALIANO Competenza 2 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando legge, lo studente al termine del primo ciclo di istruzione è in grado di: - Riconoscere ed applicare le diverse tecniche di lettura.

Modalità di lettura: lettura ad alta voce e lettura silenziosa.

- Dimostrare capacità espressiva leggendo con scorrevolezza, dando la giusta intonazione ed effettuando le pause necessarie. Punteggiatura: elementi e funzioni principali. - Utilizzare strategie di lettura diverse, funzionali allo scopo. Strategie di lettura: lettura esplorativa, - Consultare dizionari e testi di tipo enciclopedico (cartacei e on line) lettura di consultazione, lettura adottando opportune modalità di ricerca. approfondita.

Leggere analizzare e comprendere testi

- Operare inferenze integrando le informazioni del testo con le Contenuti e struttura di enciclopedie, proprie esperienze e conoscenze. dizionari, manuali e testi di studio, cartacei e on line. - Riconoscere i principali collegamenti grammaticali e lessicali, anche operando le inferenze necessarie per la piena comprensione del Principali elementi che concorrono alla testo. coesione del testo. - Riconoscere le principali strutture morfosintattiche presenti nel testo.

Strutture morfosintattiche della lingua italiana.

- Ricercare i significati di vocaboli ed espressioni selezionando quelli pertinenti al contesto di riferimento.

Significati denotativi e connotativi.

- Individuare i principali campi semantici del testo.

Campi semantici, significato contestuale delle parole, differenza tra linguaggio proprio e figurato.

32


Al fine di comprendere un testo, lo studente è in grado di compiere le seguenti operazioni di analisi: - Riconoscere la tipologia testuale, identificando i principali elementi strutturali che la caratterizzano e il contenuto fondamentale. - Individuare le finalità e gli scopi comunicativi del testo. - Riconoscere in un testo narrativo gli elementi fondamentali, la fabula e l’intreccio. - Individuare il tema, gli argomenti ed il messaggio di un testo narrativo. - Riflettere sul contenuto di un testo narrativo, anche collegandolo al proprio vissuto personale. Riconoscere le caratteristiche formali di testi quali lettere, diario, testi autobiografici, individuarne le intenzioni comunicative e le finalità.

- Riconoscere in un testo descrittivo la modalità ed il criterio utilizzato, il referente e le sue caratteristiche principali.

- Principali tipologie testuali: il testo narrativo, descrittivo, informativoespositivo, regolativo, argomentativo espressivo e poetico. - Funzioni linguistiche e scopi comunicativi. - Elementi costitutivi del testo narrativo: voce narrante, personaggi, trama, collocazione nel tempo e nello spazio, tema, messaggio. - Fabula e intreccio in riferimento alla struttura tipo del testo narrativo. - Elementi fondamentali di testi autobiografici ed espressivi (diari e lettere personali). - Descrizione oggettiva e soggettiva.

- Criterio logico, temporale, spaziale. - Individuare in testi di studio e in testi di tipo informativo-espositivo, le informazioni principali. - Informazioni principali e secondarie. - Utilizzare anche in altri contesti le informazioni ricavate dai testi. - Leggere rappresentazioni schematiche ricavandone dati e informazioni. - Confrontare ed integrare informazioni ricavabili da testi diversi,

- Parole e concetti chiave. - Lessico specifico delle materie di studio. - Testi non continui: tabelle, schematizzazioni, grafici. 33


anche reperiti in rete.

-Riconoscere in un testo argomentativi il tema/problema presentato, la tesi e gli argomenti a sostegno. - Riconoscere le caratteristiche formali dei testi poetici. - Individuare in un testo poetico l’argomento, il tema e il messaggio principale. - Riflettere sul contenuto di una poesia, anche collegandola al proprio vissuto personale.

- Primi elementi del testo argomentativo: tema, referente, tesi e argomenti a sostegno. - Tecniche argomentative di base. - Principali tipologie di testi poetici (poesia epica, lirica, civile). - Figure di suono e di significato: rima, allitterazione, similitudine, metafora, sinestesia.

Atteggiamenti: − Porsi con disponibilità nei confronti della lettura, operando scelte secondo i gusti personali, ma anche seguendo i consigli dei compagni di classe (conversazioni in classe sui libri letti). − Accostarsi alla lettura dei testi poetici collegandone il contenuto al proprio vissuto personale. − Porsi in modo attivo nei confronti del testo, rispondendo positivamente alle diverse sollecitazioni dell’insegnante.

34


ITALIANO Competenza 3 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Quando produce testi scritti, lo studente al termine del primo ciclo di istruzione è in grado di: - Scrivere testi, sia semplici che complessi, curando la morfosintassi, Fondamentali strutture morfosintattiche le scelte lessicali e l’uso della punteggiatura della lingua italiana: concordanza soggettopredicato, articolo-nome, nome-aggettivo, principali congiunzioni coordinative e subordinative, preposizioni e pronomi. - Prepararsi alla stesura dl testo, raccogliendo le idee ed Punteggiatura: elementi e funzioni organizzandole in una scaletta. principali.

Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Fasi della produzione scritta: ideazione, pianificazione, stesura e revisione. - Produrre testi conformi alla consegna, tenendo conto dello scopo Struttura di base di un testo: introduzione, comunicativo e del destinatario, utilizzando un registro linguistico sviluppo, conclusione. adeguato. Elementi principali della situazione - Rivedere il proprio testo, anche seguendo le indicazioni comunicativa: destinatario, contesto, scopo dell’insegnante, con attenzione mirata ai seguenti aspetti: rispetto e principali registri lingustici. della consegna, contenuto, lessico, morfosintassi e punteggiatura. Tecniche di revisione del testo: - rileggere il testo per controllare il - Organizzare il testo curando l’impostazione della pagina e la rispetto della consegna e divisione in paragrafi, in modo funzionale alla chiarezza espositiva. l’adeguatezza del lessico; - rileggere il testo per controllare l’ortografia, la morfosintassi e la punteggiatura 35


Il concetto di paragrafo e la sua funzione. Nel produrre testi di diverso tipo e scopo, lo studenteè in grado di: - Raccontare esperienze vissute, rispettando ordine logico e coerenza narrativa. - Costruire una trama e svolgerla in modo adeguato ad uno scopo comunicativo, anche arricchendola con descrizioni e riflessioni.

- Produrre riflessioni e/o commenti in relazione ad argomenti di studio o a discussioni affrontate.

- Scrivere testi regolativi per evidenziare le sequenze operative di un gioco o di un compito assegnato.

Principali connettivi di tempo e nessi causali.

Descrizione oggettiva e soggettiva, con particolare riferimento a persone, animali, ambienti, oggetti. Modalità per l’ampliamento del patrimonio lessicale: aggettivi (anche in rapporto ai canali sensoriali e ai dati correlati), sinonimi, contrari, similitudini. Significato/i dei termini (polisemia). Elementi per l’elaborazione di riflessioni e commenti: tema, dati di fatto, opinioni personali e motivazioni a sostegno. Regole per costruire oggetti, per svolgere un gioco, per l’utilizzo di programmi.

Nel produrre testi sulla base di altri testi è in grado di: Elementi del testo narrativo: personaggi, fatti, azioni, luogo, tempo, narrazione in - Arricchire e completare testi narrativi predisponendo conclusioni o prima e terza persona. introduzioni, inserendo descrizioni, mantenendo la coerenza. - Riscrivere modificando tempi, luoghi, personaggi, voce narrante.

- Riassumere un testo (espositivo o narrativo), tenendo presenti le informazioni e gli elementi principali.

Modalità per la produzione di un riassunto: cancellazione parti superflue di una sequenza; parafrasi delle sequenze; 36


generalizzazione (raggruppare parole e concetti utilizzando nomi generali); trasformazione del discorso diretto in indiretto. Per il testo informativo/ espositivo: individuazione dell’argomento, sottolineatura delle informazioni principali e/o delle parole chiave, individuazione dei paragrafi e relativa titolazione. Elementi e struttura tipo del testo narrativo. - Parafrasare testi di vario tipo, , anche in prosa, seguendo le indicazioni fornite dall’insegnante.

Modalità per l’esecuzione della parafrasi: lettura del testo, riconoscimento dell’ordine sintattico (costruzione “normale” o “inversa”, soprattutto in riferimento ai testi poetici), sostituzione dei termini obsoleti, modifica dell’ordine delle parole, ecc.

Atteggiamenti: -sviluppare l’interazione positiva tra i pari attraverso compiti a coppie o in piccoli gruppi. -considerare l’errore come momento di apprendimento. -Realizzare prodotti individuali e/o di gruppo di uso sociale, destinati sia alla comunità scolastica, sia al territorio: giornalini e comunicazioni di vario tipo.

37


ITALIANO Competenza 4 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Al termine del primo ciclo di istruzione, lo studente è in grado di riflettere sulla lingua ed in particolare è in grado di: - Riconoscere gli elementi fondamentali della situazione comunicativa

- Usare la lingua in modo consapevole, adottando un registro linguistico adeguato agli scopi comunicativi e ai contesti Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento

La situazione comunicativa nei suoi elementi costitutivi (emittente, destinatario, codici verbali e non verbali, canale, contesto, modalità comunicative formali e informali) Scopi e finalità della comunicazione (finalità informativa, espressiva, di contatto) Principali registri linguistici

- Utilizzare diverse strategie per riconoscere il significato delle parole non conosciute (lettura del contesto, somiglianza tra parole, analisi della morfologia, uso del dizionario)

Struttura di un dizionario d’italiano, informazioni e simbologia usata, dizionari della lingua italiana on line

- Utilizzare dizionari ed enciclopedie cartacee ed on line per ricavare informazioni riguardanti uso, significato, etimologia delle parole

La struttura della parola: radice, desinenza, prefissi, suffissi, accenti, elisione e troncamento, prestiti linguistici d’uso corrente, neologismi

- Riconoscere la funzione logica delle diverse parti del discorso

Sinonimi e contrari, anche in funzione dell’ampliamento del patrimonio lessicale La struttura della frase semplice: - il ruolo del verbo come organizzatore della frase - il soggetto come primo complemento del predicato 38


-

- Riconoscere i rapporti di reggenza e dipendenza tra frase principale e frasi subordinate - Distinguere i rapporti di subordinazione e coordinazione tra frasi - Riconoscere gli elementi lessicali specifici degli ambiti disciplinari

complementi richiesti dal predicato (oggetto, termine, agente…), complementi del nome (specificazione, qualità, materia…), complementi della frase (causa, tempo, mezzo…)

La struttura della frase complessa: - il ruolo della frase principale - le proposizioni subordinate (soggettive, oggettive, dichiarative, temporali, causali, finali, relative) cenni sulla struttura del periodo ipotetico Differenza tra lessico di base e lessico specifico

- Confrontare elementi lessicali e strutturali della lingua italiana con le lingue comunitarie

Alcune modalità di costruzione della frase, presenza/ellissi del soggetto, desinenza

- Utilizzare le conoscenze dei meccanismi della propria lingua per - comprendere i testi che legge - correggere i testi che scrive

Elementi fondamentali della morfo-sintassi Punteggiatura e relative funzioni Elementi principali della coesione testuale (lessico, ripetizioni, riferimenti pronominali, congiunzioni, ecc.)

39


LINGUE EUROPEE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA / CLASSE SECONDA

COMPETENZE

Saper ascoltare e comprendere semplici messaggi riguardanti il proprio vissuto

ABILITA’ / CAPACITA’

-

Saper utilizzare semplici espressioni per interagire in brevi scambi dialogici con i compagni e con l’insegnante

-

-

-

-

CONOSCENZE

Salutare e congedarsi nei vari momenti della giornata Riconoscere i principali suoni della lingua europea

Formule di saluto formali ed informali Nuovi fonemi della lingua europea

Comprendere ed eseguire semplici comandi e brevi istruzioni Rispondere a brevi quesiti

Semplici istruzioni correlate alla vita di classe

Identificare e abbinare, numeri, colori, dimensioni a figure e oggetti Sapersi collocare nel tempo

Ambiti lessicali relativi a colori, numeri e parti dell’anno, animali, oggetti scolastici, corpo, famiglia

Riconoscere le varie formule di augurio Scoprire differenze culturali attraverso usanze/tradizioni specifiche

Semplici aspetti di civiltà


LINGUE EUROPEE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA / CLASSE QUARTA

COMPETENZE

Saper comunicare oralmente semplici messaggi e collegare i suoni ai segni grafici specifici della lingua

ABILITA’ / CAPACITA’

CONOSCENZE

-

Individuare e riprodurre i suoni Riconoscere le particolarità fonetiche della lingua orale e scritta

Lettere dell’alfabeto e loro suoni

-

Comprendere ed eseguire semplici comandi e brevi istruzioni Rispondere a brevi quesiti

Espressioni utili per facili interazioni (ascoltare – comprendere e riprodurre domande ed istruzioni)

-

Presentare se stessi e gli altri (compagni di classe e familiari) ed individuare luoghi e oggetti conosciuti descrivendone le caratteristiche generali

Ambiti lessicali relativi a oggetti personali, all’ambiente scolastico e familiare

-

Chiedere e dire l’età. Eseguire semplici operazioni matematiche

Ambito lessicale relativo all’età, ai numeri

-

Chiedere e dare informazioni sullo stato di salute Conoscere le parti del corpo

Ambito lessicale relativo allo stato di salute e alle parti del corpo

-

-


-

Chiedere e dire la data Chiedere e dire la data del compleanno

Ambito lessicale relativo al tempo cronologico

-

Chiedere ed esprimere preferenze sugli alimenti

Ambito lessicale relativo a cibi e bevande

-

Descrivere non solo se stessi, ma anche gli altri

Uso del verbo „essere“ al presente indicativo

-

Riconoscere le varie formule di augurio Conoscere alcuni aspetti inerenti le festività Studio di alcune canzoni natalizie classiche

Aspetti della civiltà

-


LINGUE EUROPEE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA - CLASSE QUINTA / CLASSE PRIMA

COMPETENZE

Saper comunicare oralmente messaggi più complessi e precisi rispetto a quanto appreso negli anni precedenti

ABILITA’ / CAPACITA’

CONOSCENZE

-

Riferire ciò che si possiede

Uso del verbo „avere“ al presente indicativo Introduzione ed uso del complemento oggetto

-

Chiedere e dire l’ora Parlare della propria giornata e delle proprie azioni quotidiane

Ampliamento del lessico afferente le azioni che si compiono durante la giornata

-

Dare informazioni su se stessi e gli altri Descrivere se stessi e gli altri rispetto all’abbigliamento e ai gusti personali Parlare del proprio tempo libero e dei propri gusti alimentari

Ampliamento del lessico afferente i seguenti ambiti: abbigliamento, hobby, sport, cibi e bevande

Chiedere e dare informazioni direzionali Conoscere alcune caratteristiche geografiche degli Stati a cui appartiene la lingua utilizzata

Riferimenti geografici

-

-

-


Nel ciclo della Scuola Secondaria vengono riprese le competenze acquisite in quello della Primaria arricchendo il lessico, approfondendo le conoscenze e affinando le abilità e le capacità

-

-

Contare fino a 100 Presentare e dare informazioni su se stessi,la propria famiglia e gli altri Chiedere e dare il numero di telefono e l’indirizzo Chiedere e dire la provenienza e la nazionalità Chiedere e dire come va Chiedere e dire l’ora Chiedere e dire fra quanto tempo succede qualcosa Parlare dell’orario scolastico Chiedere e dire che cosa si cerca Esprimere il proprio parere su cose o persone Chiedere e dire se si possiede un oggetto Fare, accettare e rifiutare un’offerta o una proposta Parlare delle attività del tempo libero Parlare dei propri doveri quotidiani Chiedere e dire dove si va

Saluti, numeri fino a 100 Alfabeto Dati personali (nome, età, indirizzo e numero di telefono) Membri della famiglia Paesi, nazionalità e lingue Aggettivi per descrivere persone (aspetto fisico, carattere, stato d’animo) Avverbi di luogo e di frequenza Materie scolastiche Oggetti scolastici Verbi e sostantivi per esprimere la durata Cibi e bevande Hobby, sport Parti del giorno e giorni della settimana Luoghi pubblici


LINGUE EUROPEE SCUOLA SECONDARIA - CLASSE SECONDA / CLASSE TERZA

COMPETENZE

Comprendere e ricavare informazioni dall’ascolto e dalla visione di brevi testi mediali e dalla lettura di brevi testi scritti, ipertestuali e digitali

ABILITA’ / CAPACITA’

-

Interagire oralmente in situazioni di vita quotidiana anche attraverso l’uso degli strumenti digitali

Interagire per iscritto, anche in formato digitale, per dare informazioni ed esprimere stati d’animo

CONOSCENZE

Comprendere la descrizione della Verbi ed espressioni riguardanti attività giornata altrui e parlare della quotidiane propria Professioni e luoghi di lavoro (obiettivi Parlare delle proprie ambizioni per il futuro) professionali

-

Descrivere la propria abitazione e Casa e arredamento porre domande riguardo l’abitazione altrui (chiedere e dire la posizione di un oggetto o dove esso va spostato) Parti del corpo

-

Chiedere e dare informazioni riguardanti la propria salute Attività domestiche

-

Comprendere e impartire istruzioni domestiche (chiedere e dare permessi, formulare divieti) Cibi e bevande

-

Chiedere e dare informazioni riguardanti i propri gusti alimentari e accettare o rifiutare cibi o bevande offerti da altri Visite culturali ed escursioni


-

Comprendere la descrizione di un Tempo atmosferico e stagioni luogo/cittĂ ed essere in grado di riproporla

-

Riferire informazioni riguardo il Azioni quotidiane al passato tempo metereologico e cronologico Utilizzo del condizionale, delle causali e delle oggettive e di altre frasi secondarie Raccontare di fatti personali e non, avvenuti nel passato

-

-

Esprimere/formulare una condizione (formulare ipotesi); rispondere a quesiti dando spiegazioni esplicite


STORIA Competenze 1 – 2 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenze

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Comprendere che la storia è un processo di ricostruzione del passato che muove dalle domande del presente e, utilizzando strumenti e procedure, pervenire a una conoscenza di fenomeni storici ed eventi, condizionata dalla tipologia e dalla disponibilità delle fonti e soggetta a continui sviluppi

Utilizzare i procedimenti del metodo storiografico e il lavoro su fonti per compiere semplici operazioni di ricerca storica, con particolare attenzione all’ambito locale

- raccogliere, analizzare fonti per ricostruire la storia personale

Gli elementi fondamentali del processo storico: raccolta delle informazioni analisi di fonti e documenti

- osservare e capire i cambiamenti nel tempo - comprendere la successione temporale( giornata, settimana, anno, stagioni) - distinguere eventi ripetibili e irripetibili

Alcune tipologie di fonti: fonte materiale, iconografica, orale, scritta.

- capire la funzione di alcuni edifici pubblici: biblioteca, municipio e museo - cogliere dai racconti orali informazioni sulla storia locale

I cambiamenti nel tempo: la successione l’evento ciclico evento ripetibile e irripetibile

La funzione di alcuni edifici pubblici


STORIA Competenza 3 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Riconosce le componenti costitutive delle società organizzate – economia, organizzazione sociale, politica, istituzionale, cultura – e loro interdipendenze (quadri di civiltà)

- riconoscere che la classe è un piccolo gruppo

L’esistenza di piccoli gruppi e i ruoli specifici al loro interno (classe, scuola, famiglia,…)

- riconoscere i ruoli e rispettare le regole nella classe e nel piccolo gruppo

L’importanza della diversità dei ruoli all’interno del gruppo

- riconoscere l’importanza dei ruoli nelle attività di gruppo

L’importanza della collaborazione


STORIA Competenze 4 - 5 al termine del 1°biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenze

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Comprende fenomeni relativi al passato e alla contemporaneità, li sa contestualizzare nello spazio e nel tempo, sa cogliere relazioni causali e interrelazioni Operare confronti tra le varie modalità con cui gli uomini nel tempo hanno dato risposta ai loro bisogni e problemi, e hanno costituito organizzazioni sociali e politiche diverse tra loro, rilevando nel processo storico permanenze e mutamenti

- nell’ambito scolastico e personale, individuare azioni contemporanee e cogliere rapporti di causa-effetto; - saper utilizzare gli indicatori temporali

- riconoscere i bisogni fondamentali del vivere quotidiano e le modalità di risposta

Contemporaneità e semplici relazioni causali Articolazione della giornata, della settimana, dei mesi, delle stagioni

Concetto di bisogno nella vita quotidiana


STORIA Competenza 6 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente, per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo, per sviluppare atteggiamenti critici e consapevoli

- riconoscere somiglianze tra le proprie fiabe, tradizioni, narrate dai compagni che provengono da paesi stranieri

Alcuni aspetti della storia di altri popoli


STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenze

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: - distinguere tra la ricostruzione storica del passato e la spiegazione fantastica di miti e leggende; riconoscere i diversi tipi di fonte e utilizzarli per ricavare informazioni; Comprendere che la storia - ricavare informazioni di carattere storico da testi di varia natura (cartacei e multimediali); è un processo di - sulla base di fonti e testimonianza, proposte dall’insegnante, ricostruzione del passato spiegare semplici fatti ed eventi; che muove dalle domande del presente e, utilizzando - collocare piccole quantità di informazioni sul passato, contestualizzandole nello spazio e nel tempo; strumenti e procedure, - riconoscere, attraverso schemi, modelli di ricerca, gli aspetti pervenire a una costitutivi di un quadro di civiltà: ambiente, lavoro, condizioni conoscenza di fenomeni di vita (tecnologia), organizzazione sociale, religione, arte e storici ed eventi, movimenti ( di merci, di idee e persone) condizionata dalla - riconoscere i diversi tipi di fonte e utilizzarli per porsi domande, tipologia e dalla formulare ipotesi e ricostruire fatti o eventi esperiti o lontani nel disponibilità delle fonti e passato soggetta a continui - ricavare informazioni, trovare relazioni da sintetizzare in brevi sviluppi sintesi, schemi o mappe con l’aiuto degli insegnanti - fruire di musei e monumenti in occasione di visite di studio per trarre informazioni

Gli elementi costitutivi del processo di ricostruzione storica (il metodo storico): -individuazione del problema -analisi di fonti e documenti -utilizzo del testo di storia -raccolta delle informazioni -sintesi ( schema o mappa) Linea del tempo, carte geostoriche Concetti di: - documento - fonte Tipologie di fonti: - fonte materiale, - fonte scritta, - fonte orale, - fonte iconografica … Funzione di: - musei - biblioteche - monumenti - centri storici


L’alunno è in grado di:

Utilizzare i procedimenti del metodo storiografico e il lavoro su fonti per compiere semplici operazioni di ricerca storica, con particolare attenzione all’ambito locale

- riconoscere gli aspetti costitutivi di un quadro di civiltà: dove (territorio/ambiente), quando (linea del tempo), lavoro condizioni di vita - organizzazione sociale - religione, arte, la cultura - cogliere, con la mediazione dell’insegnante, l’interdipendenza tra i vari aspetti, a partire da quello tra uomo e ambiente - comprendere che i bisogni via via più complessi dei gruppi umani determinano l’evoluzione delle forme di organizzazione sociale: società nomadi / società stanziali… - confrontare quadri di civiltà e riconoscere somiglianze e differenze; - descrivere le abitudini e i comportamenti delle popolazioni che ancora oggi vivono in modo primitivo - iniziare ad utilizzare il linguaggio specifico

Le componenti delle società organizzate: - rapporto uomo-ambiente -condizioni di vita: strumenti e tecnologie - lavoro - organizzazione sociale - religione - cultura


STORIA Competenza 3 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenza

L’alunno è in grado di:

Riconoscere le componenti costitutive della società organizzate – economia, organizzazione sociale, politica, istituzionale, cultura – e le loro interdipendenze

- comprendere le diverse risposte dell’uomo ai bisogni fondamentali - riconosce gli aspetti costitutivi di un quadro di civiltà: ambiente, lavoro, condizioni di vita, movimenti. - cogliere, con la mediazione dell’insegnante, l’interdipendenza tra i vari aspetti, a partire da quello tra uomo e ambiente: bosco, pascolo, campi coltivati,determinano i seguenti lavori boscaiolo, allevatore, agricoltore… - cogliere, comprendere che i bisogni via via più complessi dei gruppi umani determinano l’evoluzione delle forme di organizzazione sociale: società nomadi / società stanziali… - confrontare, con la guida dell’insegnante, quadri di civiltà e riconoscere somiglianze e differenze - utilizzare un linguaggio specifico e alcuni concetti in modo appropriato.

Le componenti delle società organizzate, utilizzando le parole chiave del modello di ricerca: - ambiente - lavoro / economia - condizioni di vita, strumenti e tecnologie - organizzazione sociale, organizzazione politica e istituzionale - cultura - movimenti - religione Linguaggio specifico Concetti correlati a: Economia: agricoltura, industria, commercio, baratto, moneta, ecc. Organizzazione sociale: famiglia, tribù, clan,villaggio, città, divisione del lavoro, classe sociale, ecc. Religione: monoteismo, politeismo Cultura: cultura orale e scritta


STORIA Competenze 4 e 5 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenze

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Comprendere fenomeni relativi al passato e alla contemporaneità, saperli contestualizzare nello spazio e nel tempo, saper cogliere relazioni causali e interrelazioni

Operare confronti tra le varie modalità con cui gli uomini nel tempo hanno dato risposta ai loro bisogni e problemi, e hanno costituito organizzazioni sociali e politiche diverse tra loro, rilevando nel processo storico permanenze e mutamenti

- collegare un fatto o un evento della storia umana ai diversi contesti spaziali e temporali, orientandosi su carte geostoriche

I criteri ordinatori: contemporaneità.

successione,

ciclicità,

- ricostruire e posizionare civiltà sulla linea del tempo

Le unità convenzionali della misurazione del tempo: anni, secoli, millenni a.C. e d. C.

- riconosce la contemporaneità fra diversi eventi segnando graficamente sulla linea del tempo la coesistenza di più civiltà

Linea del tempo

- individuare rapporti di causa–effetto in singoli eventi storici

Relazioni di causa–effetto e conseguenze a breve e lungo termine. Cronologia essenziale della storia antica: preistoria,

protostoria e storia antica; Le civiltà studiate


STORIA Competenza 6 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente, per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo, per sviluppare atteggiamenti critici e consapevoli [Raccordo con l’Educazione alla cittadinanza]

- riconoscere alcune problematiche del mondo attuale

Alcuni fenomeni del mondo contemporaneo: conflitti tra i popoli, differenza tra Nord e Sud del mondo… Alcuni aspetti essenziali della storia dei paesi da cui provengono i compagni stranieri.


STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenze

Abilità

Conoscenze

- disporre le informazioni cronologicamente riconoscendo successioni, contemporaneità, durate, periodi - ricostruire le linee generali dei periodi storici analizzati utilizzando le informazioni raccolte - riconoscere le caratteristiche peculiari di un’epoca storica studiata - individuare relazioni causa/effetto - organizzare le informazioni e le ipotesi di ricerca nella produzione di un testo, di uno schema, di una semplice mappa - confrontare eventi del passato con eventi del presente - distinguere tra macrostorie e microstorie - riferire oralmente sugli argomenti studiati, utilizzando un lessico specifico - scoprire le radici storiche della realtà locale - leggere, confrontare e classificare fonti storiche diverse proposte dall’insegnante per recepire informazioni storiche - leggere una carta storica

Caratteristiche strutturali dei periodi storici affrontati

Lo studente è in grado di: Comprendere che la storia è un processo di ricostruzione del passato che muove dalle domande del presente e, utilizzando strumenti e procedure, pervenire a una conoscenza di fenomeni storici ed eventi, condizionata dalla tipologia e dalla disponibilità delle fonti e soggetta a continui sviluppi Utilizzare i procedimenti del metodo storiografico e il lavoro su fonti per compiere semplici operazioni di ricerca storica, con particolare attenzione all’ambito locale

Uso delle titolazioni, delle paragrafazioni, degli indicatori grafici Tabelle, grafici, schemi, carte storiche Funzione dei documenti iconografici, materiali, scritti e orali Differenza tra fatti e opinioni Concetto di periodizzazione ed elementi che caratterizzano un’epoca storia Diversi tipi di fonti Processi fondamentali della storia, partendo da quella locale Lessico specifico Elementi fondamentali di un quadro di civiltà Alcuni aspetti della storia locale


STORIA Competenza 3 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenza

Lo studente è in grado di:

Riconoscere le componenti costitutive della società organizzate – economia, organizzazione sociale, politica, istituzionale, cultura – e le loro interdipendenze

- riconoscere gli aspetti costitutivi di un quadro di civiltà - formulare ipotesi sulle forme di organizzazione sociale ed economica dei popoli, finalizzate al soddisfacimento dei bisogni sociali - riconoscere i modi in cui sono organizzati i gruppi umani

Le risposte ai bisogni fondamentali dell’uomo Economia Organizzazione sociale Organizzazione politica Tecnologia Cultura Religione


STORIA Competenze 4 e 5 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenze

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: Comprendere fenomeni relativi al passato e alla contemporaneità, saperli contestualizzare nello spazio e nel tempo, saper cogliere relazioni causali e interrelazioni

Operare confronti tra le varie modalità con cui gli uomini nel tempo hanno dato risposta ai loro bisogni e problemi, e hanno costituito organizzazioni sociali e politiche diverse tra loro, rilevando nel processo storico permanenze e mutamenti

- rilevare le differenze e le connessioni tra storia locale, italiana, europea (classe V partendo dall’osservazione di fonti iconografiche; classe I media, utilizzando anche le altre fonti) - esporre le conoscenze acquisite in modo coerente e strutturato (domanda/risposta) - identificare gli elementi significativi per confrontare spazi, periodi e culture diversi - riconoscere le permanenze e i mutamenti che caratterizzano un’epoca storica

I processi fondamentali – collocazione spazio – temporale, le componenti dell’organizzazione della società, grandi eventi e macrotrasformazioni – relativi ai periodi storici analizzati Concetti storiografici: evento, permanenza, contesto, processo, fatto storico e confronto


STORIA Competenza 6 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente, per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo, per sviluppare atteggiamenti critici e consapevoli [Raccordo con l’Educazione alla cittadinanza]

- riconoscere le principali problematiche del mondo attuale sulla base di testi scritti, programmi televisivi e film proposti dall’insegnante

Alcuni fenomeni del mondo contemporaneo: conflitti tra i popoli, differenza tra Nord e Sud del mondo, sviluppi della scienza, ecc.

- compiere confronti e individuare collegamenti, con l’aiuto dell’insegnante, tra i grandi fenomeni del mondo attuale e analoghi fenomeni del passato (conflitti tra i popoli, emigrazione, ecc.)

Aspetti del patrimonio culturale nazionale, locale e delle civiltà studiate

- osservare e riflettere su aspetti territorio, locale e non - (toponimi, monumenti, paesaggio agrario, castelli, edifici sacri e pubblici, ecc.) per arrivare ad una loro lettura - riconoscere somiglianze e differenze con la propria storia nella storia di altri popoli, narrata dai compagni che provengono da paesi stranieri

Aspetti del territorio e luoghi della memoria dell’ambiente di provenienza

Aspetti essenziali della storia e della cultura dei paesi da cui provengono i compagni stranieri


STORIA Competenze 1-2 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenze

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - ricostruire i periodi storici affrontati, compiendo operazioni di analisi su documenti di tipologie diverse e su testi storiografici e manualistici Comprendere che la storia è un processo di ricostruzione del passato che muove dalle domande del presente e, utilizzando strumenti e procedure, pervenire a una conoscenza di fenomeni storici ed eventi, condizionata dalla tipologia e dalla disponibilità delle fonti e soggetta a continui sviluppi

- comprendere aspetti essenziali della metodologia della ricerca storica e della interpretazione storica - distinguere tra svolgimento storico, microstorie e storie tematiche

Tema centrale e modo in cui è tematizzato un tempo storico, campi tematici, relazioni temporali, mutamenti e permanenze

I metodi di ricerca e di lettura delle informazioni in un testo La gerarchia delle informazioni, gli elementi informativi e interpretativi (ipotesi) degli eventi storici I collegamenti tra letteratura e storia

- utilizzare in funzione della ricostruzione storiografica testi letterari, epici, biografici, ecc. - organizzare le conoscenze in base al tema ed evidenziare le relazioni temporali

- relazionare oralmente il contenuto, sviluppando qualche approfondimento significativo

I vari campi tematici: cultura materiale, visione del mondo, ambiente, risorse, demografia, economia, società, politica e istituzioni temporalizzandoli: datazione, congiuntura, cronologia ecc. Linguaggio specifico e strategie di studio: risposta a domande, relazione, riassunto, schemi, mappe, presentazione multimediale, ecc


Lo studente è in grado di: Aspetti della storia locale - scoprire le radici storiche della realtà locale Utilizzare i procedimenti del metodo storiografico e il lavoro su fonti per compiere semplici operazioni di ricerca storica, con particolare attenzione all’ambito locale

Il metodo storico - confrontare, produrre ipotesi e organizzare i dati - produrre una relazione (scritta o orale) sui problemi e sulle tematiche affrontate - comprendere i rapporti tra macrostoria e storie locali

Tecniche di studio e di rielaborazione di contenuti specifici La macro e la micro storia di alcuni periodi affrontati


STORIA Competenza 3 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

Riconoscere le componenti costitutive delle società organizzate – economia, organizzazione sociale, politica istituzionale, cultura – e le loro interdipendenze

- operare raffronti con il presente

Gli andamenti demografici

- sottolineare e raggruppare mutamenti e permanenze

Le tecniche e le attività produttive

- costruire i grandi quadri di civiltà in base a indicatori dati

Le caratteristiche della cultura di un determinato periodo (idee, mentalità, invenzioni, costume, ecc.)

- comprendere le correnti di pensiero proposte, in riferimento alle varie epoche e la loro influenza sulla storia

L’organizzazione sociale e politica - contestualizzare i fenomeni nello spazio e nel tempo, cogliendone le relazioni - utilizzare la terminologia storica in maniera appropriata al contesto di riferimento

Alcuni sistemi economici Aspetti degli statuti e delle costituzioni


STORIA Competenza 4 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - identificare gli eventi relativi a un fatto storico

Comprendere fenomeni relativi al passato e alla contemporaneità, saperli contestualizzare nello spazio e nel tempo, saper cogliere le relazioni causali e le interrelazioni

I processi fondamentali dei fenomeni storici affrontati: collocazione spazio-temporale, - riconoscere, in un evento, la situazione iniziale, finale e periodizzazioni, componenti confrontarle, riconoscendo mutamenti e permanenze nello spazio dell’organizzazione della società e nel tempo Grandi eventi e macrotrasformazioni- relativi a: - organizzare concettualmente e graficamente le cause, gli effetti e - storia italiana, europea e mondiale le interrelazioni di un fatto storico - istituzioni: monarchie, assolutismo, dittature, parlamento, ecc. - rivoluzioni economico-sociali e politiche - riforme: religiose, istituzionali, tecnologiche, ecc. - linee di pensiero, ideali e nuove civiltà (Umanesimo e Rinascimento, Illuminismo, Romanticismo,Risorgimento, ecc.) - evoluzione nel tempo delle condizioni di vita e dei diritti delle varie classi sociali


STORIA Competenza 5 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: Operare confronti tra le varie modalità con cui gli uomini nel tempo hanno dato risposta ai loro bisogni e problemi, e hanno costituito organizzazioni sociali e politiche diverse tra loro, rilevando nel processo storico permanenze e mutamenti

- identificare in testi e documenti gli elementi utili per operare confronti

Lessico specifico Collocazione spazio-temporale

- cogliere connessioni e differenze, attraverso gli strumenti e i concetti storiografici già acquisiti

Periodizzazioni e gli eventi storici affrontati (quadri di civiltà)

- riconoscere gli elementi comuni ai vari popoli e ai vari contesti storici

Organizzazione della società

- riscoprire nel presente l’eredità del passato (costumi, mentalità, istituzioni ecc.)

Caratteri costitutivi di una società democratica contemporanea Alcune problematiche del mondo attuale


STORIA Competenza 6 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - compiere operazioni di ricostruzione del passato, collegandolo ad alcuni aspetti al presente (conflitti tra i popoli, emigrazione, ecc.) Utilizzare conoscenze e abilità per orientarsi nel presente, per comprendere i problemi fondamentali del mondo contemporaneo, per sviluppare atteggiamenti critici e consapevoli [Raccordo con l’Educazione alla cittadinanza]

- riconoscere problematiche del mondo attuale sulla base di testi giornalistici, programmi televisivi, siti internet e film proposti dall’insegnante

La struttura delle istituzioni nei vari periodi storici I quadri di civiltà e i mutamenti tecnologici avvenuti nel tempo L’evoluzione del pensiero e delle idée

- comprendere i fondamenti e le istituzioni della vita sociale e politica nelle linee essenziali

I cambiamenti degli aspetti della vita materiale nei secoli

- individuare relazioni, analogie e differenze nella storia di altri popoli

Le esigenze, i diritti e i doveri degli esseri umani

- usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ambientali, interculturali e di convivenza civile

I mass media

- formulare opinioni personali su aspetti della civiltà contemporanea, argomentando le proprie idee - collegare aspetti del patrimonio culturale, locale, italiano e mondiale con i temi studiati

Aspetti del patrimonio culturale, italiano e dell’umanità I luoghi della memoria del proprio ambiente e del territorio in cui vive


GEOGRAFIA Competenza 1 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Leggere l’organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi della geografia; saper interpretare tracce e fenomeni e compiere su di essi operazioni di classificazione, correlazione, inferenza e generalizzazione.

- utilizzare i concetti topologici per orientarsi nello spazio - utilizzare semplici rappresentazioni grafiche per orientarsi e muoversi nello spazio (uso delle frecce direzionali)

I fondamentali concetti topologici (sopra, sotto, destra, sinistra, avanti, indietro,..) L’organizzazione degli spazi in cui vive e la loro funzione

- descrivere, rappresentare ed effettuare un percorso - riconoscere ed utilizzare punti di riferimento

Alcuni semplici percorsi e la loro rappresentazione grafica L’utilità dei punti di riferimento per orientarsi


GEOGRAFIA Competenza 2 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza Partendo dall’analisi dell’ambiente regionale, comprendere che ogni territorio è una struttura complessa e dinamica, caratterizzata dall’interazione tra uomo e ambiente: riconoscere le modificazioni apportate nel tempo dall’uomo sul territorio

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: - rilevare sul territorio i segni lasciati dall’intervento umano

Gli elementi principali del proprio territorio Gli elementi antropici del territorio in cui vive


GEOGRAFIA Competenza 3 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: - riconoscere gli elementi fisici (monti, fiumi,….) del proprio territorio Conoscere territori vicini e lontani e ambienti diversi, saperli affrontare, cogliendo i vari punti di vista con cui si può osservare la realtà geografica (geografia fisica, antropologica, economica, politica, ecc.)

Caratteristiche del paesaggio


GEOGRAFIA Competenza 4 al termine del 1° biennio della scuola primaria (classi prima e seconda) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Avere coscienza delle conseguenze positive e negative dell’azione dell’uomo sul territorio, rispettare l’ambiente e agire in modo responsabile nell’ottica di uno sviluppo sostenibile

- comprendere l’importanza della raccolta differenziata e praticarla

I problemi dell’ambiente e la necessità di rispettarlo

- riconoscere le isole ecologiche e le loro funzioni

La raccolta differenziata e le relative modalità di effettuazione


GEOGRAFIA Competenza 1 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Leggere l’organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi della geografia; saper interpretare tracce e fenomeni e compiere su di essi operazioni di classificazione, correlazione, inferenze e generalizzazioni.

- utilizzare i diversi sistemi di rappresentazione cartografica in relazione agli scopi - scoprire che più aumenta la rappresentazione del territorio, più diminuisce la rappresentazione in scala

I sistemi di simbolizzazione (legenda) Le carte geografiche a diversa scala (dalla grandissima scala della pianta, alla piccolissima scala del planisfero e del globo geografico)

- confrontare diversi tipi di carte geografiche - trarre informazioni dalle carte geografiche - trarre informazioni da grafici e tabelle per descrivere fenomeni

Le carte geografiche fisiche, politiche, tematiche, ecc. I grafici Le immagini da satellite

- leggere carte fisiche e politiche, individuando le differenze - orientare le carte secondo i punti cardinali - rappresentare gli spostamenti nello spazio con semplici soluzioni grafiche - leggere itinerari di viaggio - riconoscere sulla carta fisica gli ambienti del nostro Paese


GEOGRAFIA Competenza 2 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Partendo, dall’analisi dell’ambiente regionale, comprendere che ogni territorio è una struttura complessa e dinamica, caratterizzata dall’interazione tra uomo e ambiente: riconoscere le modificazioni apportate nel tempo dall’uomo sul territorio

- rilevare nel paesaggio i segni dell’attività umana

Caratteristiche del territorio in cui vive

- mettere in relazione l’ambiente, le sue risorse e le condizioni di Elementi naturali e antropici del territorio di appartenenza vita dell’uomo - comprendere, a partire dall’esplorazione del proprio Risorse che hanno favorito l’insediamento territorio, bisogni ed esigenze che sono alla base delle umano nel proprio territorio trasformazioni operate dall’uomo - riconoscere alcune evidenti modificazioni apportate nel tempo dall’uomo sul territorio regionale e nazionale, utilizzando strumenti di diverso tipo (foto aeree, immagini, dati statistici…)


GEOGRAFIA Competenza 3 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di:

Conoscere territori vicini e lontani e ambienti diversi, saperli confrontare, cogliendo i vari punti di vista con cui si può osservare la realtà geografica (geografia fisica, antropologica, economica, politica…)

- individuare e descrivere gli elementi caratterizzanti dei Gli elementi dello spazio fisico: la morfologia, paesaggi (di montagna, collina, pianura, costieri, vulcanici l’idrografia, il clima ecc.) Principali caratteristiche del paesaggio - localizzare i principali “oggetti” geografici fisici (monti, geografico italiano, confrontando ambienti diversi: pianura, collina, montagna, mare fiumi, laghi …) dell’Italia Significativi elementi fisici e antropici del territorio italiano Concetto di confine L’Italia e la sua Europa e nel mondo

posizione

geografica in


GEOGRAFIA Competenza 4 al termine del 2° biennio della scuola primaria (classi terza e quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: - iniziare a porsi domande sul rapporto uomo, ambiente e Elementi naturali e antropici del territorio di sfruttamento delle risorse appartenenza Avere coscienza delle conseguenze positive e negative dell’azione dell’uomo sul territorio, rispettare l’ambiente e agire in modo responsabile nell’ottica di uno sviluppo sostenibile

- mettere in relazione l’ambiente, le sue risorse e le condizioni di Trasformazioni operate dall’uomo nel proprio territorio vita dell’uomo, rilevando comportamenti positivi - riflettere, a partire dalle proprie esperienze, sull’impatto, positivo Principali problemi ecologici del territorio o negativo, che le trasformazioni operate dall’uomo hanno avuto italiano e possono avere sull’ambiente - formulare ipotesi relative a possibili interventi per migliorare l’ambiente in cui vive - adottare comportamenti di rispetto e risparmio delle risorse naturali: acqua, energia e calore


GEOGRAFIA Competenza 1 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - riconoscere e leggere alcuni tipi di carte geografiche Leggere l’organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi della geografia; saper interpretare tracce e fenomeni e compiere su di essi operazioni di classificazione, correlazione, inferenza e generalizzazione

Punti cardinali, scale, coordinate geografiche e simboli

- saper individuare e localizzare luoghi sulle carte - utilizzare i grafici semplici

Alcune rappresentazioni cartografiche: atlanti, mappe, carte fisiche, politiche, tematiche, carte stradali, ecc.

- analizzare i dati statistici e vari documenti proposti dall’insegnante Simbologia ed elementi base delle rappresentazioni cartografiche - confrontare grafici, cartine, dati ricavando conclusioni generali Struttura e modalità di realizzazione e lettura dei - utilizzare alcuni concetti geografici di base (es. ambiente, grafici, dei dati statistici e di altri documenti regione, ecc.) Organizzazione territoriale - analizzare la complessità dell’organizzazione territoriale, individuando gli aspetti specifici Terminologia specifica


GEOGRAFIA Competenza 2 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: Partendo dall’analisi dell’ambiente regionale, comprendere che ogni territorio è una struttura complessa e dinamica, caratterizzata dall’interazione tra uomo e ambiente; riconoscere le modificazioni apportate nel tempo dall’uomo sul territorio

riconoscere le caratteristiche peculiari di un territorio

Elementi antropici ed elementi naturali

identificare le trasformazioni operate dall’uomo, confrontando Relazione tra ambiente, risorse e condizioni di situazioni precedenti e successive vita dell’uomo Alcuni modelli di organizzazione del territorio in Italia e in Europa


GEOGRAFIA Competenza 3 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: Conoscere territori vicini e lontani e ambienti diversi, saperli confrontare, cogliendo i vari punti di vista con cui si può osservare la realtà geografica (geografia fisica, antropologica, economica, politica, ecc.)

distinguere le caratteristiche dei diversi ambienti geografici Elementi e fattori che caratterizzano paesaggi e (clima, paesaggio) ambienti italiani ed europei confrontare le caratteristiche delle principali aree economiche Forme di governo presenti in Europa italiane ed europee Differenti stili di vita nei vari paesi europei, pil riconoscere le forme di governo europee e gli aspetti e indicatori di benessere fondamentali dell’economia Elementi base di statistica comparare informazioni e dati relativi allo stile di vita di gruppi etnici e minoranze linguistiche Concetto di minoranza linguistica e di gruppo etnico


GEOGRAFIA Competenza 4 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - individuare gli effetti dell’azione umana sull’ambiente Avere coscienza delle conseguenze positive e negative dell’azione dell’uomo sul territorio, rispettare l’ambiente e agire in modo responsabile nell’ottica di uno sviluppo sostenibile

Principali problemi ecologici

previste - indicare modelli di comportamento utili alla conservazione Attività dell’ambiente dell’ambiente - esaminare le azioni umane in una prospettiva futura

per

la

Concetti di base legati all’ecologia Concetto di sviluppo sostenibile

salvaguardia


GEOGRAFIA Competenza 1 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

Leggere l’organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi della geografia; saper interpretare tracce e fenomeni e compiere su di essi operazioni di classificazione, correlazione, inferenza e generalizzazione

- riconoscere e leggere vari tipi di carte geografiche (da quella topografica al planisfero) utilizzando consapevolmente punti cardinali, scale e coordinate geografiche, simbologia

Strumenti e metodi di rappresentazione dello spazio geografico e modalità di utilizzo di essi carte, grafici, tabelle

- utilizzare il sistema delle coordinate geografiche per individuare un punto sul planisfero

Il lessico specifico: globalizzazione, ubicazione, localizzazione, delocalizzazione, regione, paesaggio, ambiente, territorio ecc.

- realizzare o completare carte tematiche, cartogrammi e vari tipi di grafici, utilizzando la simbologia corretta Caratteristiche degli stati dell’Europa e del mondo - riconoscere sulla carta politica gli stati europei, gli stati extraeuropei - ipotizzare un percorso di viaggio definendo varie tappe e calcolandone le distanze - utilizzare opportunamente alcuni concetti geografici


GEOGRAFIA Competenza 2 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Lo studente è in grado di: - comprendere le relazioni tra situazioni ambientali, culturali, socio-politiche ed economiche Partendo dall’analisi dell’ambiente regionale, comprendere che ogni - riconoscere le forme di intervento dell’uomo sul territorio e individuare le problematiche territorio è una struttura complessa e dinamica, - riflettere, a partire dalle proprie esperienze, sull’impatto, caratterizzata positivo o negativo, che le trasformazioni operate dall’uomo dall’interazione tra uomo hanno avuto sull’ambiente e ambiente; riconoscere le modificazioni apportate nel tempo dall’uomo sul territorio

Conoscenze

Territori, ambienti, popoli, culture ed usanze Rapporti tra popolazione e ambiente Problematiche geoantropiche contemporanee: emigrazione, immigrazione, problema delle risorse, ecologia e inquinamento


GEOGRAFIA Competenza 3 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Conoscere territori vicini e lontani e ambienti diversi, saperli confrontare, cogliendo i vari punti di vista con cui si può osservare la realtà geografica (geografia fisica, antropologica, economica, politica ecc.)

Abilità Lo studente è in grado di: - confrontare ambienti diversi come quelli alpino, mediterraneo, continentale, oceanico, desertico, per rintracciare le principali caratteristiche del paesaggio geografico europeo e extraeuropeo - individuare le principali differenze climatiche e la loro influenza sulla distribuzione della popolazione - individuare i principali aspetti della vita umana e i problemi economici, sociali presenti nel mondo - confrontare le forme di governo degli Stati studiati e comprendere come alcune forme garantiscono il benessere di una nazione, i diritti dell’uomo e i processi di partecipazione - acquisire la consapevolezza di vivere in una società complessa e globalizzata - individuare quali sono gli elementi che contribuiscono a definire l’ISU (Indice di Sviluppo Umano), comprendendo come il benessere di una nazione sia legato non solo a indici economici (PIL) ma anche a fattori culturali, sanitari, di istruzione … - comprendere che l’economia di uno stato o di un’area geografica è legata a diversi fattori: caratteristiche morfologiche, risorse naturali, posizione geografica e fattori climatici, presenza di infrastrutture, sistemi - politici, disponibilità di manodopera

Conoscenze

Le caratteristiche principali dei sistemi territoriali ed economici, su scala europea e mondiale La diversa distribuzione del reddito nei vari continenti (distribuzione del reddito, indicatori di povertà e ricchezza) Concetti base della geografia economica Varie forme istituzionali di organizzazione politica (ONU, UE, ecc.)


GEOGRAFIA Competenza 4 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - riflettere nell’ottica di uno sviluppo sostenibile Avere coscienza delle conseguenze positive e negative dell’azione dell’uomo sul territorio, rispettare l’ambiente e agire in modo responsabile nell’ottica di uno sviluppo sostenibile

- indicare modelli di comportamento individuali e collettivi Problemi legati alla globalizzazione, allo sviluppo coerenti con la tutela ambientale e del patrimonio culturale sostenibile e all’inquinamento - presentare un tema o un problema attuale utilizzando schemi di sintesi, carte di vario tipo, grafici, immagini, documenti e dati quantitativi e qualitativi, desunti da diverse fonti (testi specifici, stampa quotidiana e periodica, televisione, audiovisivi, Internet) - riconoscere il patrimonio naturale e culturale da tutelare e valorizzare

Alcune associazioni presenti sul territorio, nazionali ed internazionali impegnate per la salvaguardia dell’ambiente e del patrimonio culturale


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 1 al termine del 1°/ 2° biennio della scuola primaria (classi seconda/quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: Riconoscere i meccanismi, i sistemi e le organizzazioni che regolano i rapporti tra i cittadini (istituzioni statali e civili), a livello locale e nazionale, e i principi che costituiscono il fondamento etico delle società (equità, libertà, coesione sociale), sanciti dal diritto nazionale e internazionale

-riconoscere che cos’è una regola e la sua utilità per il vivere in comune -manifestare attraverso comportamenti di aver preso coscienza del significato di appartenere ad un gruppo

Significato di “gruppo” e di “regola” Qualche simbolo dell’identità nazionale (la bandiera, l’inno, le istituzioni), regionale e locale


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 2 al termine del 1°/ 2° biennio della scuola primaria (classi seconda/quarta) Competenza

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di: A partire dall’ambito scolastico, assumere responsabilmente atteggiamenti e ruoli e sviluppare comportamenti di partecipazione attiva e comunitaria

- partecipare all’attività di gruppo, mettendo in atto comportamenti appropriati

Principali modalità partecipative: assunzione di ruoli e responsabilità, rispetto dei ruoli, ecc.

- rispettare e aiutare i compagni, nel rispetto di tutti

Regole basilari dell’ascolto e della comunicazione

- manifestare il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette - assumere incarichi e svolgere compiti per lavorare insieme con un obiettivo comune

Semplici modalità comunicative verso coetanei ed adulti


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenze 3 e 4 al termine del 1°/ 2° biennio della scuola primaria (classi seconda/quarta) Competenze 3. Sviluppare modalità consapevoli di esercizio della convivenza civile, di rispetto delle diversità, di confronto responsabile e di dialogo; comprendere il significato delle regole per la convivenza sociale e rispettarle

Abilità

Conoscenz

L’alunno è in grado di: - comportarsi in modo adeguato ai vari contesti - relazionarsi con i coetanei e gli adulti, adottando atteggiamenti di rispetto, di dialogo e di cooperazione, utilizzando i registri comunicativi adeguati - collaborare nel gioco

4. Esprimere e manifestare - collaborare al regolamento di classe convinzioni sui valori della - riflettere sulle conseguenze delle proprie azioni e della democrazia e della trasgressione delle regole cittadinanza. Avviarsi a prendere coscienza di sé come persona in grado di agire sulla realtà apportando un proprio originale e positivo contributo

Significato di: dialogo, confronto, rispetto reciproco, uguaglianza/diversità (tutti uguali, tutti differenti) I registri comunicativi Il regolamento di classe Le regole di un gioco Il concetto di “cittadinanza attiva” (diritti/doveri) alcune pratiche di comportamento civico


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 1 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

Riconoscere i meccanismi, i sistemi e le organizzazioni che regolano i rapporti tra i cittadini (istituzioni statali e civili), a livello locale e nazionale, e i principi che costituiscono il fondamento etico delle società (equità, libertà, coesione sociale), sanciti dal diritto nazionale e internazionale

- mostrare attraverso comportamenti di aver preso coscienza del significato di appartenere ad un gruppo - individuare e rispettare le regole che permettono il vivere in comune

Sgnificato di “gruppo” e di “comunità” Sgnificato di “cittadino”, dei concetti di “diritti” e “doveri” Oganizzazioni del territorio e loro regole

- riconoscere, a partire dalla propria esperienza, il valore della partecipazione all’attività di gruppo - riconoscere alcune “regole” delle formazioni sociali presenti sul territorio: i loro compiti, i loro servizi, i loro scopi - riflettere sulle conseguenze delle proprie azioni e della trasgressione delle regole

Acuni servizi e la loro funzione sociale sul territorio locale e nazionale Pincipali forme di governo alcuni articoli della Dichiarazione dei Diritti del fanciullo e della Convenzione Internazionale dei Diritti dell’infanzia I simboli dell’identità nazionale (la bandiera, l’inno, le istituzioni) e delle identità regionali e locali


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 2 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

A partire dall’ambito scolastico, assumere responsabilmente atteggiamenti e ruoli e sviluppare comportamenti di partecipazione attiva e comunitaria

- partecipare all’attività di gruppo, mettendo in atto comportamenti appropriati

Principali modalità partecipative: assunzione di ruoli e responsabilità, rispetto dei ruoli, ecc.

- confrontarsi ed esprimere il proprio punto di vista, rispettando quello degli altri

Regole basilari dell’ascolto e della comunicazione

- valutare soluzioni, assumere ruoli e portare a termine compiti di responsabilità


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenze 3 e 4 al termine del 3° biennio (classe quinta della primaria e classe prima della secondaria di primo grado) Competenze

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

3. Sviluppare modalità consapevoli di esercizio della convivenza civile, di rispetto delle diversità, di confronto responsabile e di dialogo; comprendere il significato delle regole per la convivenza sociale e rispettarle

- riconoscere la funzione delle regole e l’importanza del loro rispetto a scuola e nella società - comportarsi in modo adeguato ai vari contesti - relazionarsi con i coetanei e gli adulti, adottando atteggiamenti di rispetto, di dialogo e di cooperazione, utilizzando i registri comunicativi adeguati - comprendere, attraverso esempi ed esperienze concrete vissute in classe, il valore della democrazia

- comprendere il valore della democrazia attraverso l’analisi di 4. Esprimere e manifestare alcuni articoli della Costituzione convinzioni sui valori della democrazia e della cittadinanza. Avviarsi a prendere coscienza di sé come persona in grado di agire sulla realtà apportando un proprio originale e positivo contributo

Significato di: regola, regolamento di classe, dialogo, confronto, rispetto reciproco, uguaglianza/diversità (tutti uguali, tutti differenti) I registri comunicativi Il concetto di “cittadinanza attiva” alcune pratiche di comportamento civico


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 1 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità Lo studente è in grado di: - riconoscere che cos’è una norma e rispettarla, in quanto cittadino responsabile - rispettare le regole che permettono il vivere in comune

Riconoscere i meccanismi, i sistemi e le organizzazioni che regolano i rapporti tra i cittadini (istituzioni statali e civili), a livello locale e nazionale, e i principi che costituiscono il fondamento etico delle società (equità, libertà, coesione sociale), sanciti dal diritto nazionale e internazionale

- comprendere la natura, gli scopi e l’attività delle istituzioni pubbliche a noi più vicine (Comune e Provincia)

Conoscenze Concetti di: gruppo, comunità, cittadinanza (diritti e doveri) regola, legge, legalità, istituzioni pubbliche, istituzioni civili principi civici che sono alla base della società democratica: equità, libertà, rispetto reciproco, coesione sociale divisione dei poteri e tipologie statali

- riconoscere la specificità delle diverse tipologie statali forme di organizzazione del territorio - cogliere i principi fondamentali della Costituzione italiana, in relazione alla vita quotidiana - conoscere ruoli e funzioni dei principali organismi locali, nazionali, europei e mondiali - abituarsi ad un uso critico e ragionato dei mass media - distinguere all’interno dei mass media le varie modalità di informazione, cogliendo le differenze fra carta stampata, canale radiotelevisivo, Internet

principi fondamentali della Costituzione italiana sistemi e meccanismi elettorali proposti l’Unione Europea L’ONU e le organizzazioni internazionali governative e non governative a sostegno della pace e dei diritti dei popoli i mass media: ruoli, funzioni, pubblico e privato Internet e la legalità alcuni servizi e la loro funzione sociale sul territorio locale e nazionale principali forme di governo


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 2 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - partecipare all’attività di gruppo, mettendo in atto comportamenti appropriati, confrontandosi con gli altri, esprimendo il proprio punto di vista, nel rispetto di tutti A partire dall’ambito scolastico, assumere responsabilmente atteggiamenti e ruoli e sviluppare comportamenti di partecipazione attiva e comunitaria

- operare un’autocritica rispetto a comportamenti ed atteggiamenti personali - valutare soluzioni, assumere ruoli e portare a termine compiti di responsabilità - contribuire alla stesura del regolamento della classe e al rispetto di esso ed in generale alla vita della scuola - assumere e svolgere correttamente ruoli di responsabilità all’interno del gruppo classe - analizzare, con l’aiuto dell’insegnante, gli aspetti caratterizzanti di una moda, di una tendenza, di un atteggiamento, specie in riferimento al mondo giovanile, operando riflessioni critiche

Principali modalità partecipative: assunzione di ruoli e responsabilità, rispetto dei ruoli, ecc. Significato di costruzione dell’identità personale, dinamiche di gruppo, contesti comunitari, identità e appartenenza Comprende il significato di: ruolo – funzione responsabilità - impegno compito – incarico partecipazione - contributo persona – studente produttore – consumatore


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 3 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di: - riconoscere la funzione delle regole e l’importanza del loro rispetto a scuola e nella società e agire di conseguenza Sviluppare modalità consapevoli di esercizio della convivenza civile, di rispetto delle diversità, di confronto responsabile e di dialogo; comprendere il significato delle regole per la convivenza sociale e rispettarle

Significato di: dialogo, confronto, rispetto reciproco, uguaglianza/diversità (tutti uguali, tutti differenti), gestione dei conflitti

- comportarsi in modo adeguato ai vari contesti I registri comunicativi - relazionarsi con i coetanei e gli adulti, adottando atteggiamenti di rispetto, di dialogo e di cooperazione, utilizzando i registri comunicativi adeguati - rispettare gli altri, evitando stereotipi, pregiudizi e giudizi affrettati - comprendere il valore della democrazia attraverso l’analisi di alcuni articoli della Costituzione

Alcuni temi di vita su cui confrontarsi: legalità, sicurezza personale e collettiva, servizio civile, volontariato e solidarietà, differenze di genere, tutela della salute, moda e costume, ecc.


EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Competenza 4 al termine del 4° biennio (classi seconda e terza della scuola secondaria di primo grado) Competenza

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

Esprimere e manifestare convinzioni sui valori della democrazia e della cittadinanza. Avviarsi a prendere coscienza di sé come persona in grado di agire sulla realtà apportando un proprio originale e positivo contributo

- riconosce i luoghi e gli spazi dove si esercitano i principi e i valori della vita democratica

Forme diverse della democrazia e sua evoluzione nel tempo

- sperimentare la vita democratica a scuola, compiendo scelte e decisioni, riflettendo su comportamenti

Percorsi sui diritti fondamentali del cittadino(suffragio universale, minoranze, immigrati, pari opportunità, istruzione, salute…) cittadinanza attiva

- utilizzare gli strumenti adeguati per costruire una propria opinione su un tema di attualità - ricavare dall’esperienza di testimoni privilegiati elementi per interpretare il significato della convivenza civile


MATEMATICA PRIMO BIENNIO

COMPETENZA 1

UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DEL CALCOLO ARITMETICO ED ALGEBRICO, SCRITTO E MENTALE, ANCHE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI


ABILITÀ Contare sia in senso progressivo che regressivo Contare oggetti e confrontare la numerosità di insiemi Leggere e scrivere i numeri naturali fino a 100 in cifre ed in lettere Confrontare numeri naturali entro il 100, ordinarli e rappresentarli sulla retta Scomporre i numeri naturali in decine e unità Riconoscere il valore posizionale delle cifre nella scrittura decimale Eseguire addizioni e sottrazioni, usando strumenti e procedure diversi, in situazioni concrete Utilizzare la relazione tra sottrazione e addizione Acquisire automatismi di calcolo mentale ( “tavola pitagorica”) Eseguire semplici calcoli mentali con addizioni e sottrazioni Eseguire moltiplicazioni, come addizioni ripetute e come schieramenti Eseguire semplici operazioni in situazioni concrete del tipo: doppio/metà, triplo/un terzo

CONOSCENZE

TIPO DI ATTIVITÀ

Numeri naturali fino a 100

Costruzione e utilizzo Abaco dell’abaco Retta dei numeri Costruzione e utilizzo della linea dei numeri Regoli di Gattegno

Numeri pari e dispari Addizione e sottrazione

numerici, Relazione di uguaglianza e Giochi utilizzando materiali disuguaglianza strutturati e non Simbologia e terminologia Manipolazioni con specifica materiali non strutturati

STRUMENTI

blocchi multibase)

Essere nell’esecuzione consegne

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

autonomi Osservazioni sistematiche delle Verifiche orali

Saper eseguire le consegne Prove strutturate su schede entro il tempo stabilito preparate dal docente dall’insegnante aritmetici

Software didattici

Saper leggere, confrontare e numeri

scrivere, ordinare

Tabelle a doppia entrata

Giochi matematici anche Diagrammi a blocchi al computer Grafici Costruzione di tabelle a doppia entrata Schemi a frecce Gioco del cambio

CRITERI DI VALUTAZIONE

Saper contare in senso progressivo e regressivo Saper eseguire correttamente calcoli scritti Applicare idonee strategie nel calcolo scritto e mentale Comprendere specifici

i

termini


MATEMATICA PRIMO BIENNIO COMPETENZA 2

RAPPRESENTARE, CONFRONTARE ED ANALIZZARE FIGURE GEOMETRICHE, INDIVIDUANDONE VARIANTI, INVARIANTI, RELAZIONI, SOPRATTUTTO A PARTIRE DA SITUAZIONI REALI


ABILITĂ€ Localizzare oggetti nello spazio in riferimento a se stessi o ad altri. Descivere ed effettuare spostamenti lungo percorsi. Osservare oggetti e descriverne la forma

CONOSCENZE Concetti topologici (dentro fuori, sopra, sotto, linea aperta, linea chiusa) Semplici figure nel piano e nello spazio Approccio ad un sistema di riferimento nel piano quadrettato Terminologia specifica a livello elementare

ATTIVITA'

STRUMENTI

CRITERI DI VALUTAZIONE

Giochi in palestra o in cortile. Percorsi (labirinti,‌.)

Carta, cartoncini, forbici, colla,scatole, corda, cannucce, contenitori vari

Tempo impiegato

Osservazioni sistematiche

Sicurezza esecutiva

Verifiche orali

Giochi didattici al computer (figure in movimento)

Blocchi logici

Coerenza nelle risposte

PC e software

PROVE VERIFICA

Prove strutturate su schede preparate dal docente Abbinare un blocco logico ad una figura o ad un oggetto

Lim Sessioni di utilizzo di Logo (free) Gioco del robot che esegue ordini di spostamento spaziale

Esercitazioni su percorsi in aula, in palestra, in cortile,


MATEMATICA PRIMO BIENNIO COMPETENZA 3

RILEVARE DATI SIGNIFICATIVI, ANALIZZARLI,INTERPRETARLI, SVILUPPARE RAGIONAMENTI SUGLI STESSI, UTILIZZANDO CONSAPEVOLMENTE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE E STRUMENTI DI CALCOLO

Nota : nell’ esplicitare le articolazioni di questa competenza, trasversale a vari ambiti della disciplina e che offre l’opportunità di interessanti collegamenti con le scienze, è stata fatta la scelta di tenerne separati i due ambiti, quello relativo alla raccolta dei dati ed alla misura e quello relativo all’uso delle rappresentazioni grafiche.


ABILITA’

CONOSCENZE COINVOLTE

TIPO DI ATTIVITA’

Ordinare grandezze

Numeri interi

Leggere e completare semplici tabelle di dati

Tabelle di dati

Sessioni di misurazione e stime di misure con semplici strumenti

prima - dopo

Lettura dell' orologio analogico

STRUMENTI Materiali disponibili in palestra Specchio

Saper costruire e ricostruire sequenze temporali

Strumenti di misura disponibili in palestra ed a scuola

Effettuare misure, stime e confronti tra oggetti familiari utilizzando unità arbitrarie.

Orologio analogico

CRITERI DI VALUTAZIONE

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

Tempo impiegato Precisione nell'esecuzione delle consegne Sicurezza esecutiva Sicurezza nel costruire e ricostruire sequenze temporali Saper descrivere e discutere un processo di misura

Osservazioni sistematiche Verifiche orali Prove strutturate su schede preparate dal docente Prove pratiche (anche in palestra o giardino)

Leggere l’orologio analogico Raccogliere dati Classificarli secondo un criterio scelto Rappresentarli in modo semplice ( tabelle a doppia entrata, ideogrammi, semplici grafici a colonne)

Dati quantitativi e qualitativi Tabelle a doppia entrata Grafici a colonna

Sfruttare a questo scopo le discussioni su argomenti diversi, quali: località vacanze estive, preferenze su merendine, attività sportive. Ecc. Lettura e raccolta dati da esperienze in ambiti diversi Costruzione di tabelle a doppia entrata, grafici a colonne,

Materiale strutturato e non (cartoncini e lego); Computer Testi in cui siano riportate serie di dati e grafici

Saper utilizzare i modelli elaborati nelle attività e proposti in situazioni diverse.


MATEMATICA PRIMO BIENNIO COMPETENZA 4

RICONOSCERE E RISOLVERE PROBLEMI DI VARIO GENERE, INDIVIDUANDO LE STRATEGIE APPROPRIATE, GIUSTIFICANDO IL PROCEDIMENTO SEGUITO E UTILIZZANDO IN MODO CONSAPEVOLE I LINGUAGGI SPECIFICI. Nota: questa competenza è per sua natura differente dalle precedenti, in quanto esplicitamente trasversale(sia in orizzontale che in verticale). Tutta l'attività matematica è caratterizzata dal porre e risolvere problemi, e le prime tre competenze vanno acquisite anche attraverso il lavoro sui problemi e si esplicitano nella risoluzione di problemi. Sono state quindi indicate nelle tabelle seguenti le abilità e le conoscenze specifiche della competenza, ma anche le conoscenze relative agli ambiti nei quali, in ogni biennio, il lavoro sui problemi è particolarmente importante e significativo. Anche le attività suggerite sono trasversali, in senso verticale, e per questo sono talvolta ripetute nella tabella vanno semplicemente adeguate alla cresciuta complessità dei problemi affrontati e ai nuovi ambiti coinvolti. Molte delle voci della tabella sono quindi da intendersi "spalmate" su tutto il percorso. Sottoporre a verifica le soluzioni trovate, ad esempio, è una abilità che va sempre sviluppata, fin dal primo biennio: è indicata nel terzo biennio perché in quel punto del percorso assume una importanza decisiva, quando la complessità dei problemi incomincia a rendere difficile cogliere la connessione diretta tra la soluzione e il problema.


ABILITA’

Individuare nella realtà situazioni problematiche Riconoscere semplici situazioni risolubili con procedure e operazioni matematiche risolvibili con operazioni matematiche e non. Leggere e descrivere la situazione problematica proposta. Rappresentare graficamente la problematica. Individuare la domanda e i dati utili alla soluzione del problema. Scegliere l’operazione adatta per la soluzione dei problemi. Formulare una risposta pertinente.

CONOSCENZE

TIPO DI ATTIVITA’

I primi elementi di un problema

Analisi e problematizzazione di situazioni legate alla realtà del bambino

ambiti di conoscenze Diagrammi e grafici Numeri interi Le 4 operazioni

CRITERI DI VALUTAZIONE

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

Testi brevi e legati al contesto reale del bambino

Capacità di collegare una situazione problematica al procedimento risolutivo

Drammatizzazione di una situazione problematica per la sua risoluzione

Materiale strutturato o non

Capacità di esplicitare e descrivere il lavoro svolto

Osservazioni sistematiche sulla modalità di lavoro dell’alunno, esercizi scritti e spiegazioni orali su: rappresentazione di situazioni problema

Discussioni sulle strategie risolutive

Giochi informati educativi

Costruzioni di problemi partendo da situazioni o da operazioni.

STRUMENTI

Lavoro di gruppo Capacità di individuare il procedimento risolutivo e di saperlo rappresentare


MATEMATICA SECONDO BIENNIO COMPETENZA 1

UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DEL CALCOLO ARITMETICO ED ALGEBRICO, SCRITTO E MENTALE, ANCHE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI


ABILITÀ

Contare sia in senso progressivo che regressivo fino a 10 000 Leggere e scrivere in cifre e in lettere i numeri fino alla terza cifra decimale Confrontare, ordinare e rappresentare i numeri sulla retta numerica Riconoscere il valore posizionale delle cifre nella scrittura decimale Eseguire le 4 operazioni con i numeri interi e decimali mediante gli algoritmi di calcolo Iniziare ad usare consapevolmente gli strumenti di calcolo Usare tecniche di calcolo mentale Verificare i risultati delle operazioni Stimare i risultati di operazioni con numeri interi o decimali Individuare semplici frazioni in situazioni concrete Leggere e scrivere semplici frazioni Calcolare semplici frazione di un numero intero Usare la frazione come operatore su insiemi di oggetti in situazioni reali e su numeri Saper collocare frazioni e numeri decimali sulla retta dei numeri Confrontare semplici frazioni e numeri decimali

CONOSCENZE COINVOLTE

TIPO DI ATTIVITÀ

Numeri naturali almeno Scrittura e lettura di numeri interi e decimali fino a 10000 in cifre ed in lettere Numeri decimali fino ai millesimi Scomposizione di numeri interi e decimali Moltiplicazione e divisione con i numeri Giochi di calcolo mentale interi

STRUMENTI

Abaco Retta dei numeri

CRITERI DI VALUTAZIONE

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

Essere autonomi Osservazioni sistematiche nell’esecuzione delle consegne Verifiche orali

aritmetici Saper eseguire le Prove strutturate su schede consegne entro il tempo preparate dal docente stabilito dall’insegnante Software didattici Saper scegliere la Tabelle a doppia strategia più efficace Manipolazioni per Le quattro operazioni con comprendere nell'esecuzione di calcoli il entrata i numeri interi e decimali significato e l'utilizzo Applicare idonee Tavola pitagorica delle frazioni strategie nel calcolo Tecniche di calcolo mentale con attenzione al tempo Rappresentazione iconica Diagrammi di flusso d esecuzione di frazioni Frazione come operatore Strumenti di calcolo Terminologia specifica Blocchi multibase


MATEMATICA SECONDO BIENNIO COMPETENZA 2

RAPPRESENTARE, CONFRONTARE ED ANALIZZARE FIGURE GEOMETRICHE, INDIVIDUANDONE VARIANTI, INVARIANTI, RELAZIONI, SOPRATTUTTO A PARTIRE DA SITUAZIONI REALI


ABILITÀ

CONOSCENZE

ATTIVITA'

STRUMENTI

CRITERI DI VALUTAZIONE

PROVE VERIFICA

Saper usare righello, compasso e goniometro Rappresentare lo spazio che ci circonda e le figure nello spazio Riconoscere e classificare gli angoli Riconoscere e classificare triangoli e quadrilateri Operare con direzioni e spostamenti sul piano. Riconoscere le trasformazioni geometriche isometriche (traslazione, rotazione, simmetria) Misurare e confrontare perimetri e ampiezze di angoli Riconoscere figure equiestese ed isoperimetriche Calcolare perimetri di triangoli e quadrilateri in situazioni Comprendere la terminologia specifica Stimare e misurare direttamente le aree in situazione concrete

Proprietà e caratteristiche delle principali forme geometriche Parallelismo e perpendicolarità Angoli, classificazione e misure Coordinate cartesiane Somma degli angoli interni di un triangolo Unità di misura (lunghezze, aree, ampiezze) Traslazioni, rotazioni e simmetrie Isoperimetria ed equiestensione Terminologia specifica

Attività ludiche individuali o in gruppo. Giochi didattici al computer (figure in movimento) Sessioni di Logo (free) Misure di ambienti e oggetti familiari Laboratorio sulle tassellature sul piano Riconoscimento di figure equiestese ed isoperimetriche Esercizi di calcolo di perimetri ed aree alla lavagna, computer o sul quaderno

Carta, cartoncini, forbice, colla,corda, cannucce, scatole e contenitori vari, anche graduati. Strumenti da disegno (riga, squadre, compasso, goniometro) Corda metrica, metro rigido e flessibile Computer con software specifici LIM Bilancia

Tempo impiegato Sicurezza esecutiva Coerenza nelle risposte Concentrazione nel lavoro Disponibilità a seguire le indicazioni, a collaborare. Contributi personali

Attività di movimento con utilizzo di mappe e pintine Individuazione di percorsi Riconoscimento e disegno di figure che si corrispondono in simmetrie, traslazioni, rotazioni Riconoscimento e disegno di figure che si corrispondono in relazioni di isoperimetria ed equiestensione


MATEMATICA SECONDO BIENNIO COMPETENZA 3

RILEVARE DATI SIGNIFICATIVI, ANALIZZARLI,INTERPRETARLI, SVILUPPARE RAGIONAMENTI SUGLI STESSI, UTILIZZANDO CONSAPEVOLMENTE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE E STRUMENTI DI CALCOLO

Nota : nell’ esplicitare le articolazioni di questa competenza, trasversale a vari ambiti della disciplina e che offre l’opportunità di interessanti collegamenti con le scienze, è stata fatta la scelta di tenerne separati i due ambiti, quello relativo alla raccolta dei dati ed alla misura e quello relativo all’uso delle rappresentazioni grafiche.


ABILITA’

CONOSCENZE

ATTIVITA’

Comprendere e saper utilizzare le convenzioni del Sistema Internazionale sia per la terminologia che per la scrittura Usare correttamente gli strumenti di misura di lunghezza, peso, ampiezza, temperatura Saper scegliere lo strumento adeguato alla grandezza data Saper stimare la sensibilità dello strumento. Saper riconoscere le fonti di errore dovute allo strumento di misura ed al suo uso Saper ridurre gli errori al minimo. Saper operare con le unità di misura decimali e sessagesimali

Grandezza Differenza del termine nel linguaggio naturale e matematico. Terminologia specifica Regole del S.I Massa e peso Temperatura e calore Unità di misura della lunghezza, delle aree, del peso e della massa, della temperatura e del calore; Errore nella misura ed errore sistematico Media aritmetica Misure sessagesimali. Introduzione delle misure di volume e di superficie.

Misura di lunghezze (aula, del corridoio, cortile, oggetti) in gruppi Raccolta dati, confronto e discussione sulle differenze e su come ridurre gli errori. Ripetizione delle misure utilizzando gli accorgimenti discussi. Raccolta dati, loro discussione e valutazione Misura della temperatura Taratura del termometro ( ad esempio in lavori di scienze) temperatura e calore. Si può espandere l’argomento anche al peso (bilancia) ed ai volumi, sempre collegandosi con le scienze Approfondimenti sulla storia della matematica

STRUMENTI Righello , metro, corda metrica Goniometro Termometro Bilancia Recipienti graduati Computer per raccolta dati Strumenti di calcolo Testi

CRITERI DI VALUTAZIONE

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

Tempo impiegato Precisione nell'esecuzione delle consegne Sicurezza esecutiva Livello di approssimazione nella stima di lunghezze Scelta di strumenti ed unità di misura adeguati alla grandezza data Precisione nell'uso degli strumenti Uso corretto delle unità di misura nella comunicazione Autonomia nell'utilizzare i modelli proposti in situazioni diverse.

Osservazioni sistematiche Verifiche orali Prove strutturate su schede preparate dal docente Prove pratiche


Raccogliere dati Classificarli, scegliendo criteri di classificazione significativi Rappresentarli scegliendo la rappresentazione piĂš adatta fra quelle note Saper usare il piano cartesiano Distinguere eventi certi, probabili, impossibili

Tabelle a doppia entrata Istogrammi Ideogrammi Areogrammi Piano cartesiano Media, moda, mediana ProbabilitĂ ( non ancora formalizzata dal punto di vista matematico)

AttivitĂ laboratoriali in scienze, matematica, altre discipline: raccolta ed elaborzione di dati, con calcolo moda e media, Scelta di criteri di classificazione e relative rappresentazioni Sessioni di laboratorio con uso di software per integrare tali rappresentazioni nei lavori disciplinari Discussioni in classe


MATEMATICA SECONDO BIENNIO COMPETENZA 4

RICONOSCERE E RISOLVERE PROBLEMI DI VARIO GENERE, INDIVIDUANDO LE STRATEGIE APPROPRIATE, GIUSTIFICANDO IL PROCEDIMENTO SEGUITO E UTILIZZANDO IN MODO CONSAPEVOLE I LINGUAGGI SPECIFICI. Nota: questa competenza è per sua natura differente dalle precedenti, in quanto esplicitamente trasversale(sia in orizzontale che in verticale). Tutta l'attività matematica è caratterizzata dal porre e risolvere problemi, e le prime tre competenze vanno acquisite anche attraverso il lavoro sui problemi e si esplicitano nella risoluzione di problemi. Sono state quindi indicate nelle tabelle seguenti le abilità e le conoscenze specifiche della competenza, ma anche le conoscenze relative agli ambiti nei quali, in ogni biennio, il lavoro sui problemi è particolarmente importante e significativo. Anche le attività suggerite sono trasversali, in senso verticale, e per questo sono talvolta ripetute nella tabella vanno semplicemente adeguate alla cresciuta complessità dei problemi affrontati e ai nuovi ambiti coinvolti. Molte delle voci della tabella sono quindi da intendersi "spalmate" su tutto il percorso. Sottoporre a verifica le soluzioni trovate, ad esempio, è una abilità che va sempre sviluppata, fin dal primo biennio: è indicata nel terzo biennio perché in quel punto del percorso assume una importanza decisiva, quando la complessità dei problemi incomincia a rendere difficile cogliere la connessione diretta tra la soluzione e il problema.


ABILITA’

CONOSCENZE

TIPO DI ATTIVITA’

STRUMENTI

CRITERI DI VALUTAZIONE

TIPO DI PROVE DI VERIFICA

Analizzare il testo di un problema, ricavando esplicitamente dati e domande

Gli elementi di un problema

Discussioni sulle strategie risolutive

Lavoro di gruppo

Individuare dati superflui, contraddittori o mancanti.

Problemi con una sequenza di operazioni

Costruzioni di problemi partendo da situazioni o da operazioni. Giochi matematici individuali e di gruppo

Capacità di collegare una situazione problematica al procedimento risolutivo

Osservazioni sistematiche sulla modalità di lavoro dell’alunno.

Capacità di esplicitare e descrivere il lavoro svolto

Prove scritte e orali con richieste di argomentazioni e giustificazioni

Software specifco

La gerarchia delle Elaborare e sintetizzare le informazioni date utilizzando la simbologia adeguata alla situazioneoperazioni Riconoscere la successione delle operazioni a compiere

ambiti di conoscenze Diagrammi e grafici Numeri interi e decimali Figure geometriche

Capacità di individuare il procedimento risolutivo e di saperlo rappresentare

Capacità di argomentare e giustificare il proprio procedimento risolutivo


MATEMATICA TERZO BIENNIO COMPETENZA 1

UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DEL CALCOLO ARITMETICO ED ALGEBRICO, SCRITTO E MENTALE, ANCHE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI


ABILITÀ

CONOSCENZE COINVOLTE

TIPO DI ATTIVITÀ

Usare le rappresentazioni ed il linguaggio degli insemi Padroneggiare la lettura, la scrittura e la rappresentazione su una retta dei numeri interi e razionali Riconoscere la possibilità di esprimere numeri in diversi sistemi di numerazione ( ad esempio la numerazione romana) Usare le proprietà delle operazioni Padroneggiare diverse tecniche di calcolo mentale Utilizzare le parentesi Calcolare il valore di espressioni numeriche Calcolare le potenze di numeri interi e decimali, utilizzando anche consapevolmente gli strumenti di calcolo Utilizzare i criteri di divisibilità per 2, 3, 5. 9 * Riconoscere i numeri primi entro il 100 Scomporre un numero in fattori primi Determinare MCD e mcm mentalmente o utilizzando la fattorizzazione Utilizzare la frazione come operatore e come quoziente Individuare frazioni equivalenti Risolvere semplici situazioni problematiche con l'uso delle frazioni Saper eseguire operazioni con misure anche sessagesimali ( tempo ed ampiezze)

Insiemi e loro rappresentazione Sistemi di numerazione posizionali, non posizionali, in base diversa da 10 Algoritmi di calcolo delle operazioni Proprietà delle operazioni Regole di soluzione delle espressioni Potenze,loro proprietà, e cenni sulle operazioni inverse Multipli, divisori, numeri primi Particolarità di 0 e 1 Criteri di divisibilità MCD e mcm Frazione come operatore e come quoziente Frazioni equivalenti Sistema Internazionale di misura Terminologia specifica

Sessioni di calcolo mentale Sessioni di utilizzo degli strumenti di calcolo con discussione Sessioni di utilizzo della LIM Costruzione ed analisi di semplici modelli in cui vengono utilizzati gli oggetti matematici studiati ( ad es. le piegature o la duplicazione cellulare e le potenze, recipienti e frazioni ecc.) Esplorazioni delle proprietà e delle rappresentazioni dei numeri Giochi logico-matematici

*Gli altri criteri possono essere introdotti come approfondimento

STRUMENTI

CRITERI DI VALUTAZIONE

Essere autonomi nell’esecuzione delle Tavole numeriche consegne Saper eseguire le consegne Abaci entro il tempo stabilito dall’insegnante Libri di testo Saper scegliere con sicurezza la Schede di lavoro rappresentazione di un numero più adeguata alla Calcolatrice situazione Padronanza Fonti di nell'individuare e approfondimento sintetizzare sintetizzare in forma di espressione i Righello, squadre, procedimenti risolutivi di goniometro un problema rapportatore, compasso Software

Crivello Eratostene Rappresentazioni grafiche

di

TIPO DI PROVE DI VERIFICA Osservazioni sistematiche Verifiche orali Verifiche scritte con prove strutturate preparate dal docente


MATEMATICA TERZO BIENNIO COMPETENZA 2

RAPPRESENTARE, CONFRONTARE ED ANALIZZARE FIGURE GEOMETRICHE, INDIVIDUANDONE VARIANTI, INVARIANTI, RELAZIONI, SOPRATTUTTO A PARTIRE DA SITUAZIONI REALI


ABILITÀ

CONOSCENZE

Operare con segmenti ed angoli

Enti geometrici fondamentali Il cerchio e le sue prime proprietà

Operare con grandezze sessagesimali (misure degli angoli ) Disegnare con precisione angoli e poligoni Confrontare triangoli e quadrilateri, riconoscendo varianti ed invarianti Riconoscere i poligoni regolari Costruire figure isoperimetriche ed equiestese Riconoscere varianti ed invarianti in trasformazioni isometriche Calcolare perimetri ed aree di triangoli e quadrilateri Usare la terminologia specifica

S I : unità di misura di ampiezze, lunghezze, angoli

Linee aperte e chiuse. Linee curve, spezzate e miste. I poligoni e la loro classificazione Poligoni regolari Proprietà di triangoli e quadrilateri Isoperimetria ed equiestensione Ingrandimento e riduzione in scala. Elementi di disegno tecnico

ATTIVITA' Costruzione di angoli e poligoni con materiali diversi Misurazione di oggetti o con gli opportuni strumenti (riga, goniometro, corda metrica..) e loro rappresentazione con scale opportune Uso di software specifici ( Cabri) Equivalenze tra misure di lunghezze e di superficie Avvio alla formalizzazione di testi di un problema

STRUMENTI Utilizzo del quaderno, del testo e del diario come strumenti primari della propria attività Carta, cartoncini, forbice, colla, corda, cannucce, scatole e contenitori vari, anche graduati.

CRITERI DI VALUTAZIONE

PROVE VERIFICA

Tempo impiegato

Osservazioni sistematiche

Livello raggiunto nella sicurezza esecutiva

Verifiche orali

Coerenza nelle risposte

Immagini fotografiche

Concentrazione nel lavoro

riga, squadra, compasso, goniometro

Svolgimento regolare dei compiti assegnati

Corda metrica, metro rigido e flessibile Computer Strumenti di calcolo Lim

Disponibilità a seguire le indicazioni ed a collaborare.

Prove strutturate schede preparate docente

su dal

Sedute di disegno.

Carta millimetrata Tabelle a doppia entrata ( orari di treni....)

Terminologia specifica Piantine topografiche e mappe stradali

Contributi personali

Costruzione di oggetti geometrici piani e solidi


MATEMATICA TERZO BIENNIO COMPETENZA 3

RILEVARE DATI SIGNIFICATIVI, ANALIZZARLI,INTERPRETARLI, SVILUPPARE RAGIONAMENTI SUGLI STESSI, UTILIZZANDO CONSAPEVOLMENTE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE E STRUMENTI DI CALCOLO

Nota : nell’ esplicitare le articolazioni di questa competenza, trasversale a vari ambiti della disciplina e che offre l’opportunità di interessanti collegamenti con le scienze, è stata fatta la scelta di tenerne separati i due ambiti, quello relativo alla raccolta dei dati ed alla misura e quello relativo all’uso delle rappresentazioni grafiche.


ABILITA’

CONOSCENZE

ATTIVITA’

STRUMENTI

Stimare e misurare lunghezze usando unità di misura arbitrarie e poi convenzionali. Scegliere gli strumenti di misura adatti all'oggetto della misurazione Usare le unità di misura adatte all'oggetto della misurazione Usare strumenti di misura diversi Saper eseguire equivalenze fra le misure più comuni Distinguere dati quantitativi e qualitativi Raccogliere dati significativi in relazione alla situazione presentata Classificarli secondo criteri scelti o dati Rappresentarli scegliendo la rappresentazione più adatta fra quelle note

Numeri interi e decimali stima Convenzione Sistema Internazionale di misura Sistema metrico, Errore nella misura (a livello intuitivo) Equivalenze fra misure

Operazioni di stima di lunghezze nell'ambiente scolastico e circostante Misure con campioni arbitrari Misurazioni nell'ambiente scolastico, nei cortili.....con strumenti ed unità di misura diversi Confronto fra misure diverse dello stesso oggetto

Oggetti reperibili in classe, a scuola, nell'ambiente Strumenti di misura diversi : righello , metro, corda metrica, goniometro

Dati quantitativi e qualitativi Tabelle a doppia entrata Istogrammi Ideogrammi

Attività laboratoriali di raccolta e lettura dati di scienze, geografia, storia. Costruzione istogrammi e ideogrammi.

Testi Computer Rappresentazioni grafiche Strumenti di calcolo

CRITERI DI VALUTAZIONE Tempo impiegato Precisione nell'esecuzione delle consegne Sicurezza esecutiva Livello di approssimazione nella stima di lunghezze Precisione nell'uso degli strumenti Correttezza nell'uso delle unità di misura nella comunicazione

Autonomia nell'utilizzare i modelli proposti in situazioni diverse.

PROVE DI VERIFICA Osservazioni sistematiche Verifiche orali Prove strutturate su schede preparate dal docente Prove pratiche


MATEMATICA TERZO BIENNIO COMPETENZA 4

RICONOSCERE E RISOLVERE PROBLEMI DI VARIO GENERE, INDIVIDUANDO LE STRATEGIE APPROPRIATE, GIUSTIFICANDO IL PROCEDIMENTO SEGUITO E UTILIZZANDO IN MODO CONSAPEVOLE I LINGUAGGI SPECIFICI. Nota: questa competenza è per sua natura differente dalle precedenti, in quanto esplicitamente trasversale(sia in orizzontale che in verticale). Tutta l'attività matematica è caratterizzata dal porre e risolvere problemi, e le prime tre competenze vanno acquisite anche attraverso il lavoro sui problemi e si esplicitano nella risoluzione di problemi. Sono state quindi indicate nelle tabelle seguenti le abilità e le conoscenze specifiche della competenza, ma anche le conoscenze relative agli ambiti nei quali, in ogni biennio, il lavoro sui problemi è particolarmente importante e significativo. Anche le attività suggerite sono trasversali, in senso verticale, e per questo sono talvolta ripetute nella tabella vanno semplicemente adeguate alla cresciuta complessità dei problemi affrontati e ai nuovi ambiti coinvolti. Molte delle voci della tabella sono quindi da intendersi "spalmate" su tutto il percorso. Sottoporre a verifica le soluzioni trovate, ad esempio, è una abilità che va sempre sviluppata, fin dal primo biennio: è indicata nel terzo biennio perché in quel punto del percorso assume una importanza decisiva, quando la complessità dei problemi incomincia a rendere difficile cogliere la connessione diretta tra la soluzione e il problema.


ABILITA’

Formulare ipotesi di soluzioni, sintetizzandole in tabelle, schemi, espressioni Confrontare le proprie ipotesi con altre e metterle in discussione per scegliere le strategie risolutive più adatte Sottoporre a verifica le soluzioni trovate Utilizzare gli errori come strumenti per restringere il campo di ricerca delle soluzioni

Utilizzare le abilità acquisite in campi diversi della disciplina o in altre discipline Individuare analogie fra situazioni diverse, riconducendole ad un medesimo schema risolutivo Individuare i dati impliciti di un problema

CONOSCENZE

TIPO DI ATTIVITA’

STRUMENTI

CRITERI DI VALUTAZIONE

Gli elementi di un problema

Individuazione e formulazione di problemi da situazioni reali

Testi narrativi che riportano un problema e che riguardano un contesto (noto e non); immagini

Sicurezza nell'individuare i dati e gli elementi di un problema e nel discriminare i dati necessari da quelli superflui

La gerarchia delle operazioni ambiti di conoscenze Diagrammi e grafici Numeri interi, frazioni e decimali Le 4 operazioni e le potenze con interi e decimali Espressioni numeriche Figure e trasformazioni geometriche

Presentazioni e discussioni sulle strategie risolutive Costruzioni di problemi partendo da espressioni o grafici Giochi matematici individuali e di gruppo

Costruzione di modelli di oggetti reali.

Strumenti di calcolo Computer

Capacità di saper sintetizzare gli elementi del testo. Capacità di valutare un procedimento risolutivo in termini di praticità, efficienza, correttezza; capacità di scegliere il più adatto Saper verificare la coerenza dei risultati con i dati.

Sicurezza nella spiegazione del procedimento risolutivo. Padronanza nell'esecuzione del procedimento scelto

TIPO DI PROVE DI VERIFICA Osservazioni sistematiche sulla modalità di lavoro dell’alunno Prove orali o scritte Presentazioni di soluzioni


MATEMATICA QUARTO BIENNIO COMPETENZA 1

UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DEL CALCOLO ARITMETICO ED ALGEBRICO, SCRITTO E MENTALE, ANCHE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI


Competenza 1 al termine della scuola secondaria di primo grado

Competenza

Abilità

Utilizza con sicurezza le

Comprendere il significato logico – operativo di numeri appartenenti a diversi sistemi numerici, utilizzare le diverse notazioni e saperle convertire da una all’altra. Comprendere il significato di potenza e dell’ operazione inversa, usando la notazione esponenziale. Dare stime approssimate per il risultato di un’operazione, anche per controllare la plausibilità di un calcolo già fatto Comprendere il significato logico – operativo di rapporto e grandezza derivata impostare uguaglianze di rapporti per risolvere problemi di proporzionalità e percentuale con particolare attenzione a contesti reali Utilizzare il linguaggio algebrico per generalizzare teorie, formule e proprietà Risolvere ed utilizzare espressioni ed equazioni numeriche e letterali, anche in relazione a problemi Scegliere i metodi e gli strumenti appropriati per affrontare una situazione problematica ( calcolo mentale, carta e penna, calcolatrice, computer)

tecniche e le rocedure del calcolo aritmetico ed algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali

Conoscenze Insiemi numerici N, Z, Q, R: Rappresentazioni, operazioni, ordinamento Proprietà delle operazioni Potenze e radici Proporzionalità diretta ed inversa Espressioni algebriche Identità ed equazioni Sistema internazionale di misura Terminologia specifica


MATEMATICA QUARTO BIENNIO COMPETENZA 2

RAPPRESENTARE, CONFRONTARE ED ANALIZZARE FIGURE GEOMETRICHE, INDIVIDUANDONE VARIANTI, INVARIANTI, RELAZIONI, SOPRATTUTTO A PARTIRE DA SITUAZIONI REALI


Competenza 2 al termine della scuola secondaria di primo grado Competenza

Rappresentare, confrontare ed analizzare figure geometriche, individuandone varianti, invarianti, relazioni, soprattutto a partire da situazioni reali

Abilità Conoscere ed usare le proprietà delle figure piane e solide Usare il metodo delle coordinate in situazioni problematiche concrete Calcolare perimetri e aree delle principali figure piane e solide Usare la visualizzazione, il ragionamento spaziale e la modellizzazione geometrica per risolvere problemi, anche in contesti concreti Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle figure, anche ricorrendo a modelli materiali e a opportuni strumenti (riga, squadra, compasso, software di geometria dinamica, …) Riconoscere e usare le trasformazioni geometriche, isometriche e non.

Conoscenze Proprietà degli enti geometrici Proprietà delle figure piane Il metodo delle coordinate Teorema di Pitagora Traslazioni, rotazioni, simmetrie, omotetie, similitudini Poligoni inscritti e circoscritti, poligoni regolari, calcolo di perimetri ed aree Numeri irrazionali e loro storia Proprietà delle figure solide Rappresentazione piana di figure solide Misura e calcolo di aree e volumi di figure solide Terminologia specifica


MATEMATICA QUARTO BIENNIO COMPETENZA 3

RILEVARE DATI SIGNIFICATIVI, ANALIZZARLI,INTERPRETARLI, SVILUPPARE RAGIONAMENTI SUGLI STESSI, UTILIZZANDO CONSAPEVOLMENTE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE E STRUMENTI DI CALCOLO

Nota : nell’ esplicitare le articolazioni di questa competenza, trasversale a vari ambiti della disciplina e che offre l’opportunità di interessanti collegamenti con le scienze, è stata fatta la scelta di tenerne separati i due ambiti, quello relativo alla raccolta dei dati ed alla misura e quello relativo all’uso delle rappresentazioni grafiche.


Competenza 3 al termine della scuola secondaria di primo grado

Competenza

Rilevare dati significativi, analizzarli, interpretarli, sviluppare ragionamenti sugli stessi, utilizzando consapevolmente rappresentazioni grafiche e strumenti di calcolo

Abilità Classificare dati ottenuti in modo sperimentale o da altre fonti Valutare l' attendibilità dei dati raccolti Organizzare e rappresentare i dati in forma grafica, utilizzando anche strumenti informatici Interpretare tabelle e grafici Riconoscere ed applicare relazioni di proporzionalità diretta e inversa Dedurre dall'insieme dei dati una sintesi interpretativa (formula, relazione, modello, regolarità, ecc.) Utilizzare i modelli interpretativi per maturare un'idea personale e per assumere comportamenti corretti e responsabili Distinguere eventi certi, probabili e impossibili Valutare criticamente le informazioni diffuse da fonti diverse.

Conoscenze Dati qualitativi e quantitativi Grandezze e loro misura Campione statistico Tabelle e grafici Elementi di statistica e probabilità Funzioni di proporzionalità diretta, inversa e relativi grafici Funzione lineare Terminologia specifica


MATEMATICA QUARTO BIENNIO COMPETENZA 4

RICONOSCERE E RISOLVERE PROBLEMI DI VARIO GENERE, INDIVIDUANDO LE STRATEGIE APPROPRIATE, GIUSTIFICANDO IL PROCEDIMENTO SEGUITO E UTILIZZANDO IN MODO CONSAPEVOLE I LINGUAGGI SPECIFICI. Nota: questa competenza è per sua natura differente dalle precedenti, in quanto esplicitamente trasversale(sia in orizzontale che in verticale). Tutta l'attività matematica è caratterizzata dal porre e risolvere problemi, e le prime tre competenze vanno acquisite anche attraverso il lavoro sui problemi e si esplicitano nella risoluzione di problemi. Sono state quindi indicate nelle tabelle seguenti le abilità e le conoscenze specifiche della competenza, ma anche le conoscenze relative agli ambiti nei quali, in ogni biennio, il lavoro sui problemi è particolarmente importante e significativo. Anche le attività suggerite sono trasversali, in senso verticale, e per questo sono talvolta ripetute nella tabella vanno semplicemente adeguate alla cresciuta complessità dei problemi affrontati e ai nuovi ambiti coinvolti. Molte delle voci della tabella sono quindi da intendersi "spalmate" su tutto il percorso. Sottoporre a verifica le soluzioni trovate, ad esempio, è una abilità che va sempre sviluppata, fin dal primo biennio: è indicata nel terzo biennio perché in quel punto del percorso assume una importanza decisiva, quando la complessità dei problemi incomincia a rendere difficile cogliere la connessione diretta tra la soluzione e il problema.


Competenza 4 al termine della scuola secondaria di primo grado

Competenza

Riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando le strategie appropriate, giustificando il procedimento seguito e utilizzando in modo consapevole i linguaggi specifici

Abilità Riconoscere il carattere problematico di un lavoro assegnato, individuando l'obiettivo da raggiungere, sia nel caso di problemi proposti dall'insegnante attraverso un testo, sia nel vivo di una situazione problematica Formulare un problema a partire da situazioni reali Rappresentare in modi diversi ( verbali, iconici, simbolici) la situazione Problematica Individuare le risorse necessarie per raggiungere l'obiettivo, selezionando i dati forniti dal testo, le informazioni ricavabili dal contesto e gli strumenti che possono essere utili Individuare in un problema eventuali dati mancanti, sovrabbondanti, contradditori Collegare le risorse all'obiettivo da raggiungere, scegliendo le operazioni da compiere e concatenandole in un ragionamento logico Valutare l’attendibilità dei risultati ottenuti Verbalizzare e giustificare il procedimento di risoluzione utilizzando correttamente il linguaggio specifico

Conoscenze Elementi di un problema Linguaggio naturale e matematico Rappresentazioni grafiche Diagrammi di flusso Espressioni aritmetiche ed algebriche Equazioni Terminologia specifica


SCIENZE Primo bimestredella scuola primaria Competenza

Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita quotidiana, formulare e verificare ipotesi, utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni.

Abilità

Conoscenze

Osservare e descrivere oggetti e fenomeni che appartengono alla vita Caratteristiche macroscopiche di oggetti di uso quotidiana e coglierne, ricorrendo all’uso dei cinque sensi, comune. somiglianze e differenze. Caratteristiche macroscopiche di alcuni animali e Classificare oggetti appartenenti al mondo naturale, oggetti di uso di alcune piante presenti nell’ambiente in cui si quotidiano e fenomeni in base alla regola uguale/diverso e in base a vive, con particolare riferimento ad un ecosistema criteri diversi, ma condivisi. locale. Formulare ipotesi sulla base di una domanda-problema.

Terminologia specifica

Realizzare esperimenti, con materiali facilmente reperibili e di uso comune, per verificare le ipotesi formulate. Rappresentare le esperienze realizzate attraverso ideogrammi, istogrammi, disegni, tabelle a doppia entrata. Effettuare misure utilizzando unità non convenzionali. Osservare e descrivere i cambiamenti stagionali dell’ambiente in cui si vive. Usare una terminologia corretta nelle descrizioni verbali delle attività realizzate.

La natura di questa competenza è eminentemente metodologica e quindi il suo sviluppo può essere ottenuto attraverso molteplici contenuti e attività la cui individuazione è demandata ai Piani di studio d’Istituto


Competenze

Abilità Osservare e descrivere alcuni fattori biotici e abiotici del luogo in cui si vive, con particolare riferimento all’ecosistema prato

In riferimento alla competenza 2, che nei Piani Indicare verbalmente o tramite rappresentazione grafica le parti strutturali che costituiscono un oggetto, un animale, una pianta. di Studio Provinciali risulta essere così definita Illustrare verbalmente e/o con disegni le sequenze o il procedimento di una semplice esperienza. Riconoscere le principali interazioni tra mondo Descrivere forma, funzione e struttura di alcuni oggetti, animali e biotico ed abiotico, piante osservati nell’ambiente in cui si vive. individuando la problematicità Osservare, riconoscere e descrivere alcuni animali che vivono nel dell’intervento antropico terreno. negli ecosistemi. Si ritiene che, al termine del primo biennio, i bambini possano raggiungere la competenza:

Costruire, guidati dall’insegnante, lombricai, “trappole per insetti”, setacci per l’osservazione di alcuni macroinvertebrati presenti nel terreno e per una prima osservazione, a livello macroscopico, delle diverse componenti del suolo.

osservare e descrivere relazioni tra mondo biotico e abiotico per conoscere l’ambiente in cui si vive

Registrare i cambiamenti che si osservano analizzando il ciclo vitale di alcune piante con semi o di alcuni animali.

Conoscenze Caratteristiche di un ecosistema locale. Ciclo vitale di alcune piante con semi e descrizione, a livello macroscopico, delle diverse parti che le compongono. Sulla base di caratteristiche macroscopiche, classificazione di animali in erbivori, carnivori e onnivori e di vegetali in piante sempreverdi e caducifoglie.


Competenze

Abilità Classificare gli oggetti in base al materiale di cui sono costituiti.

In riferimento alla competenza 3, che nei Piani di Studio Provinciali risulta essere così definita Utilizzare il proprio patrimonio di conoscenze per comprendere le problematiche scientifiche di attualità e per assumere comportamenti responsabili in relazione al proprio stile di vita, alla promozione della salute ed all’uso delle risorse. Si ritiene che, al termine del primo biennio, i bambini possano raggiungere la competenza: utilizza il proprio patrimonio di conoscenze per assumere atteggiamenti di cura e di rispetto verso l’ambiente naturale in cui vive del quale conosce e apprezza il valore

Classificare i doversi rifiuti Associare il contenitore al rifiuto specifico. In relazione alla raccolta differenziata, individuare e distinguere comportamenti che potrebbero essere positivi o dannosi in relazione a se stessi, agli altri, all’ambiente di vita.

Conoscenze Principi della raccolta differenziata


SCIENZE Secondo biennio della scuola primaria Competenze

Abilità Osservare, registrare e descrivere i cambiamenti meteorologici. Osservare e descrivere fatti e fenomeni, partendo dalla propria esperienza.

Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita quotidiana, formulare e verificare ipotesi, utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni

Riconoscere le principali interazioni tra mondo biotico ed abiotico, individuando la problematicità dell'intervento antropico negli ecosistemi

Conoscenze Caratteristiche fisiche macroscopiche di acqua, aria e suolo Il ciclo dell’acqua in relazione ad eventi meteorologici

Formulare e confrontare ipotesi. Realizzare esperimenti per verificare le ipotesi formulate. Rappresentare le esperienze realizzate attraverso ideogrammi, istogrammi e tabelle.

Passaggi di stato dell’acqua a livello macroscopico Terminologia specifica

Descrivere oralmente e in forma scritta le esperienze realizzate. Rilevare e descrivere le proprietà caratteristiche di un oggetto o di una sostanza

Osservare e descrivere alcuni ecosistemi locali.

Alcuni ecosistemi locali

Riconoscere i fattori biotici e abiotici di un ambiente.

Alcune relazioni tra viventi: rapporto predapredatore, parassitismo, mimetismo.

Riconoscere alcune interazioni tra viventi / ambiente e tra viventi/viventi. Classificare i viventi in base a criteri condivisi.

Caratteristiche macroscopiche di alcuni animali locali e distinzione tra vertebrati e invertebrati, erbivori, carnivori e onnivori. Caratteristiche macroscopiche di alcune piante locali e loro ruolo nell’ecosistema.


Utilizza il proprio patrimonio di conoscenze per comprendere le problematiche scientifiche di attualità e per assumere comportamenti responsabili in relazione al proprio stile di vita, alla promozione della salute ed all’uso delle risorse

Individuare alcune cause naturali e antropiche in relazione ai cambiamenti ambientali, anche con riferimento al dissesto idrogeologico.

Il riciclaggio dei rifiuti

Riconoscere comportamenti positivi o dannosi in relazione a sÊ stessi, agli altri e all’ambiente di vita, con riferimento al risparmio di acqua ed alla distribuzione della risorsa nel pianetai.

Elementi di educazione alla salute e di promozione del benessere, con particolare riferimento ai danni da inquinamento ambientale.

Acqua come risorsa per la vita.


SCIENZE Terzo biennio Competenze

Abilità Osservare e descrivere caratteristiche e proprietà macroscopiche di oggetti, polveri e sostanze di uso comune. Osservare e descrivere i passaggi di stato. Distinguere tra sorgenti attive e non attive di calore. Esprimere la temperatura utilizzando diverse scale termometriche e diversi termometri.

Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita quotidiana, formulare e verificare ipotesi, utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni

Distinguere tra sorgenti attive e non attive di calore. Distinguere conduttori ed isolanti Formulare e confrontare ipotesi. Progettare e realizzare esperimenti per verificare le ipotesi formulate Rappresentare esperienze e osservazioni attraverso ideogrammi, istogrammi, aerogrammi o tabelle. Produrre documentazione delle esperienze realizzate. Effettuare misure con unità di misura convenzionali e non convenzionali. Osservare al microscopio, descrivere e disegnare alcune cellule animali e vegetali, cogliendone analogie e differenze.

Conoscenze Caratteristiche e proprietà macroscopiche di oggetti, polveri e sostanze di uso comune. Stati di aggregazione della materia e passaggi di stato. Caratteristiche di viventi e non viventi. Calore e temperatura Massa, peso, densità, peso specifico Terminologia specifica


Riconoscere le principali interazioni tra mondo biotico ed abiotico, individuando la problematicità dell'intervento antropico negli ecosistemi

Riconoscere i fattori biotici e abiotici di un ambiente.

Proprietà di acqua, aria, suolo.

Riconoscere le interazioni tra viventi / ambiente e tra viventi/viventi

Viventi e non viventi

Classificare i viventi in base a criteri stabiliti

Interazioni tra viventi/ambiente e tra viventi/viventi, con riferimento al ruolo di produttori e consumatori e con riferimento all’ambiente in cui si vive.

Individuare alcune cause naturali e antropiche in relazione ai cambiamenti ambientali

La cellula come unità fondamentale dei viventi, sulla base delle osservazioni al microscopio. Caratteristiche macroscopiche del corpo umano, con particolare riferimento all’apparato locomotore, respiratorio e digerente.

Distinguere a livello macroscopico alcuni apparati del corpo umano, Utilizza il proprio indicando in quali processi sono principalmente coinvolti. patrimonio di conoscenze per comprendere le Riconoscere comportamenti positivi o dannosi in relazione a sé problematiche scientifiche stessi, agli altri e all’ambiente di vita. di attualità e per assumere comportamenti responsabili in relazione al proprio stile di vita, alla promozione della salute ed all’uso delle risorse

Elementi di educazione alla salute e di promozione del benessere.


SCIENZE Quarto biennio Competenze

Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita quotidiana, formulare e verificare ipotesi, utilizzando semplici schematizzazioni e modellizzazioni

Abilità

Conoscenze

Distinguere trasformazioni reversibili e irreversibili.

Fenomeni fisici e fenomeni chimici

Fare previsioni in merito alla solubilità di diverse sostanze.

Trasformazioni chimiche

Progettare e realizzare diversi tipi di reazioni chimiche

Miscugli e soluzioni

Progettare prove di verifica delle ipotesi formulate.

Moto dei corpi, forze, principi della dinamica, macchine semplici, lavoro, attrito, energia

Esaminare la relazione che intercorre tra l’azione di una forza su un corpo ed il moto del corpo.

Sostegno e locomozione: le leve nel corpo umano

Effettuare prove pratiche relative al moto di un corpo sul piano, alle forze e al lavoro e ricavarne le leggi.

Terminologia specifica

Applicare i concetti di forza e spiegare la funzione degli arti come leve.

Riconoscere le principali interazioni tra mondo biotico ed abiotico, individuando la problematicità dell'intervento antropico negli ecosistemi

Riconoscere relazioni trofiche tra viventi e stabilire collegamenti con la trasformazione del cibo e dell’energia Descrivere e rappresentare, anche attraverso modelli, la struttura della Terra e i moti relativi di Terra, Luna e Sole. Osservare e classificare alcune rocce presenti sul territorio sulla base della loro formazione (intrusive, effusive, metamorfiche) Osservare, descrivere e rappresentare, anche attraverso modelli, le fasi lunari.

I cicli della materia e dell’energia Struttura della Terra e il ciclo delle rocce, tettonica a zolle, moti di Terra e lunaii


Utilizza il proprio patrimonio di conoscenze per comprendere le problematiche scientifiche di attualità e per assumere comportamenti responsabili in relazione al proprio stile di vita, alla promozione della salute ed all’uso delle risorse

i

Raccogliere, rappresentare ed interpretare dati sulle abitudini alimentari, sulla distribuzione di risorse nel mondo (in collegamento con geografia e con tecnologia) e sulla provenienza degli alimenti, con particolare riferimento alla promozione della filiera corta e delle produzioni biologiche.

Il fabbisogno alimentare dell’uomo Produzioni biologiche con riferimento al territorio. Dati qualitativi e quantitativi

Applicare le conoscenze su moto dei corpi, forze ed attrito al moto dei veicoli più diffusi ed in diverse condizioni atmosferiche, con particolare riferimento a motociclette, biciclette ed auto, allo scopo di prevenire incidenti stradali.

La prevenzione di incidenti stradali

L’argomento va affrontato in collaborazione con i docenti di Religione, di Italiano e di Geografia come occasione per costruire competenze di cittadinanza attiva a partire dalle conoscenze disciplinari.

ii

In collegamento con Geografia


MUSICA Primo biennio della scuola primaria Competenze

Abilità L’alunno è in grado di:

Eseguire collettivamente brani vocali appartenenti a repertori di vario genere e provenienza, avvalendosi anche di strumentazione ritmica

Conoscenze E conosce:

Scandire un ritmo utilizzando prima il corpo, poi la voce, infine Le potenzialità ritmiche del corpo, la propria voce e l’utilizzo corretto della stessa per cantare strumenti ritmici intonati Rappresentare graficamente un ritmo lineare L’uso di semplici strumenti ritmici Associare un suono alla tonalità del colore Repertorio di moduli ritmici, desunti da filastrocche, conte, proverbi, non-sense ed altro Eseguire canti all’unisono Pronunciare in modo preciso le vocali e le consonanti

Repertorio di semplici brani vocali ad una voce

Abbinare aggettivi a suoni e personaggi di una fiaba Distinguere l’intensità del suono

Attribuire il significato a ciò che si ascolta

Riconoscere la durata del suono Riconoscere l’altezza del suono Riconoscere i timbri

Fare uso di sistemi di notazione musicale non tradizionali

Mantenere l’attenzione per un tempo sufficiente a cogliere la trama di una storia musicata Associare suoni e strumenti a personaggi di una storia Riconoscere un ritmo

Semplici elementi formali e strutturali di un brano musicale Sistemi di scrittura musicale, con utilizzo di simboli anche non convenzionali


MUSICA Secondo biennio della scuola primaria Competenze

Abilità L’alunno è in grado di:

Conoscenze E E conosce:

Utilizzare la propria voce per eseguire i brani corali appresi con ritmo La propria voce e l'utilizzo corretto della stessa, ed intonazione adeguati. per cantare intonati. L'uso di semplici strumenti ritmici e/o melodici. Eseguire collettivamente brani vocali appartenenti a Eseguire per imitazione semplici ritmi, utilizzando anche la gestualità Repertorio di moduli ritmici, desunti da repertori di vario genere e e il movimento corporeo. filastrocche, conte, proverbi, non-sense ed altro. provenienza, avvalendosi Ripetere, con la voce e con lo strumentario semplici frasi musicali anche di strumentazione proposte, melodie, ritmi e canzoni. ritmica e/o melodica Repertorio di semplici brani vocali e strumentali Eseguire in modo intonato i suoni della scala musicale e i brani all'unisono. appresi. I suoni della scala musicale appartenenti alla nostra cultura.

Fare uso di sistemi di notazione musicale tradizionale.

Rappresentare la pulsazione di un brano e riprodurla con la voce o con semplici strumenti ritmici.

Semplici elementi formali e strutturali di un brano musicale.

Riconoscere all'ascolto le principali timbri che strumentali.

Caratteristiche principali degli strumenti a percussione ( tamburo, timpani,…), a fiato ( flauto, clarinetto, tromba,…), a corda ( violino, chitarra, pianoforte,…).

Leggere le note sul pentagramma.

Sistemi di scrittura musicale


Attribuire un significato a ciò che si ascolta

Utilizzare forme di linguaggio grafico-pittorico e gestuale per rappresentare un brano riproducendo le emozioni e/o i contenuti che propone.

Alcuni brani musicali significativi

Suddividere un brano in sequenze attribuendo a ciascuna un significato.

* Esempio: Le Quattro Stagioni di Vivaldi, L'Uccello di Fuoco di Stravinsky, Pierino e il lupo di Prokofiev ,‌.


MUSICA Terzo biennio Competenze

Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali appartenenti a repertori di vario genere e provenienza, avvalendosi anche di strumentazione ritmico elo melodica

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

E conosce:

Utilizzare con precisione ritmica e di intonazione la propria voce per eseguire i brani corali appresi.

La propria voce, la tecnica per cantare intonati e l'uso di semplici strumenti ritmici e/o melodici. Repertorio di moduli ritmici.

Eseguire per imitazione semplici ritmi, utilizzando anche la gestualità e il movimento corporeo. Repertorio di semplici brani vocali e strumentali ad una o più voci. Inventare, con la voce e con lo strumentario, risposte coerenti a I suoni della scala musicale appartenenti alla semplici frasi musicali proposte; melodie; ritmi e canzoni apprese. cultura musicale della tradizione italiana

Eseguire in modo intonato i suoni della scala musicale e i brani appresi

Riconoscere e rappresentare la pulsazione di un brano, evidenziandola con il movimento del corpo e riproducendola con la voce e con semplici strumenti ritmici.

Interpretare semplici elementi formali e Riconoscere all'ascolto le principali timbriche strumentali e gli strutturali costitutivi del elementi tematici fondamentali di un brano musicale conosciuto. linguaggio musicale facendo uso di sistemi di scrittura tradizionale e non

Semplici elementi formali e strutturali di un evento o di un'opera musicale. Sistemi di scrittura musicale (intuitivo, tradizionale, tablature…) Alcune opere musicali significative. (N.Paganini: Capriccio op.1 n.5 C.Saint- Saens: Il Carnevale degli animali M.Mussorgskij-M Ravel: frammenti da “Quadri di un’esposizion ecc……..


Attribuire significato a ciò che si ascolta

Utilizzare varie forme di linguaggio espressivo (corporeo, graficopittorico, verbale) per esprimere le proprie emozioni e i propri stati d'animo durante l’ascolto di un brano musicale.


MUSICA Quarto biennio Competenze

Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali appartenenti a repertori di vario genere e provenienza, avvalendosi anche di strumentazione ritmico elo melodica

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di:

E conosce:

Utilizzare con proprietà ed espressività la voce, uno strumento melodico e/o ritmico

Tecniche vocali e strumentali (la voce naturale, la voce impostata - uso corretto dei diversi strumenti ritmici e melodici proposti in relazione all’effetto timbrico richiesto)

Eseguire i brani con correttezza tecnica ed esatta intonazione Inventare, con la voce e con lo strumentario, risposte coerenti a semplici frasi musicali proposte, melodie, ritmi e canzoni.

Riconoscere all’ascolto elementi propri del linguaggio musicale.

Repertorio di brani vocali e strumentali ad una o più voci appartenenti a generi, epoche, culture diverse.

Elementi fondamentali, formali e strutturali, di un evento o opera musicale.La notazione Riconoscere ed analizzare semplici elementi formali e Leggere e scrivere semplici ritmi e melodie utilizzando notazioni non musicale.Lessico del linguaggio musicale. Alcune convenzionali e/o tradizionali. opere musicali significative.( J.S.Bach: corale strutturali costitutivi del dalla Passione secondo Matteo G.F. Haendel: linguaggio musicale Halleluja da il “Messiah” W.A.Mozart: - Aria facendo uso della notazione Utilizzare il lessico musicale. della Regina della Notte, da “Il flauto magico” tradizionale e di un lessico Analizzare in modo funzionale eventi, materiali e opere musicali Sinfonia “Jupiter” I movimento L.van appropriato; attribuendo loro diversi significati. Beethoven: - Sinfonia “Pastorale” IV mov. conoscere qualche opera Sinfonia “Corale”IV mov. G. Verdi: “Va’ musicale, evento, materiale Pensiero”……..altri esempi di musica romantica, e saperlo collocare nel contemporanea, jazz, leggera contesto storico-culturale


Utilizzare con proprietĂ voce e strumenti didattici per improvvisare, Improvvisare, rielaborare, variare, comporre un semplice brano musicale. comporre semplici brani musicali.

Elementi formali e strutturali del linguaggio musicale. La valenza espressiva della musica.


ARTE E IMMAGINE Primo biennio della scuola primaria Competenze

Abilità L’alunno è in grado di

Conoscenze E conosce:

Riconoscere gli elementi Utilizzare nei propri elaborati il colore in modo consapevole e I colori primari, secondari e le gradazioni di colore fondamentali del coerente con la realtà linguaggio visuale e utilizzarli nelle proprie Utilizzare la linea per esprimere le proprie percezioni sperimentando La linea come elemento del linguaggio visivo rappresentazioni grafiche, materiali grafici e pittorici (confine e contorno) pittoriche e plastiche Utilizzare forme per creare ritmi e semplici composizioni.

Alcune forme geometriche e non

Individuare semplici funzioni informative ed emotive nelle immagini. Le più comuni tecniche artistiche: matite colorate, pennerelli, tempere, plastilina, collage..., das…

Osservare e riprodurre le principali tipologie di beni artistici: chiese, Alcuni beni artistici presenti sul territorio Riconoscere le espressioni castelli, fontane, piazze.. del patrimonio artistico e culturale presenti sul territorio

Dimostrare consapevolezza Rappresentare la figura umana in modo schematico ma inerente alla La struttura generale della figura umana realtà della figura umana Metodologia: utilizzare il più possibile l'aula di educazione artistica


ARTE E IMMAGINE Secondo biennio della scuola primaria Competenze

Riconosce gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e li utilizza nelle proprie rappresentazioni grafiche, pittoriche e plastiche. Comunica emozioni ed esperienze del proprio vissuto attraverso la pratica di tecniche artistiche bidimensionali. Ricomina e modifica creativamente immagini, forme e materiali. 1

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di

E conosce:

Utilizzare nei propri elaborati il colore in modo consapevole.

I colori primari, secondari, complementari e le gradazioni di colore.

Utilizzare la linea per dar forma alla propria creatività, sperimentando materiali grafici, pittorici e plastici. Leggere e rappresentare la profondità attraverso la comprensione della differenza tra primo e secondo piano. Utilizzare forme per creare ritmi, configurazioni e semplici composizioni.

La linea come elemento del linguaggio visivo. Le varie tipologie di linee. Le diverse forme geometriche e non. Le più comuni tecniche artistiche: metite, matite colorate, pennarelli, tempere, plastilina, creta e collage.

Utilizzare tecniche artistiche bidimensionali e tridimensionali1. Individuare semplici funzioni informative ed emotive nelle immagini.

Semplici strategie creative: sostituzione, ripetizione, assemblaggio ed altre.

Utilizzare gli elementi del linguaggio visivo in modo creativo.

Per tecnica tridimensionale si intende saper utilizzare il dash, l'argilla o un materiale malleabile per la creazione di semplici elementi decorativi.


Riconosce le espressioni del patrimonio artistico e culturale presenti sul territorio.

Dimostrare consapevolezza della figura umana.

Osservare, confrontare e riprodurre le principali tipologie di beni artistici: chiese, castelli, fontane, piazze.

Alcuni beni artistici presenti sul territorio.

Rappresentare la figura umana in modo sempre meno schematico, dando espressivitĂ al viso.

La struttura generale della figura umana e le proporzioni fra le parti.


ARTE E IMMAGINE: Terzo biennio Competenze

Abilità E conosce:

Utilizzare nei propri elaborati il colore in modo consapevole.

I colori primari, secondari, complementari e le gradazioni di colore.

Utilizzare la linea per dar forma alla propria creatività, sperimentando materiali grafici, pittorici e plastici. Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli nelle proprie rappresentazioni grafiche, pittoriche e plastiche

Conoscenze

Lo studente è in grado di

Leggere e rappresentare la profondità, eseguendo esercizi di prospettiva centrale. Utilizzare forme per creare ritmi, configurazioni e semplici composizioni.

La linea come elemento del linguaggio visivo. Le varie tipologie di linea. La prospettiva centrale. La prospettiva accidentale. Le diverse forme geometriche e non.

Utilizzare tecniche artistiche bidimensionali e tridimensionali. Comunicare emozioni ed Individuare le funzioni informative ed emotive delle immagini. esperienze del proprio vissuto attraverso la Creare immagini in funzione di vari scopi comunicativi. pratica di tecniche artistiche bidimensionali e tridimensionali

Le più comuni tecniche artistiche: matite, matite colorate, pennarelli, acquerelli, tempere, plastilina, creta, collage ed altre.


Rielaborare, ricombinare e modificare creativamente immagini, forme e materiali

Utilizzare gli elementi del linguaggio visivo in modo creativo, consapevole e motivato.

Semplici strategie creative: sostituzione, ripetizione, espansione, assemblaggio ed altre.

Osservare, descrivere, confrontare le principali tipologie dei beni artistici: fontante, portone, meridiane, affreschi, edicole, chiese, Prestare attenzione alle espressioni del patrimonio castelli, palazzi ed altro. artistico e culturale presenti sul territorio e apprezzarle.

Dimostrare consapevolezza del sĂŠ attraverso la rappresentazione della figura umana.

Le principali funzioni informative delle immagini.

Rappresentare la figura umana in modo naturale e sempre meno schematico, dando espressivitĂ al viso e forma al movimento, rispettando i canoni proporzionali.

Alcuni beni artistici presenti sul territorio e le fondamentali caratteristiche. Lessico specifico di base.

La struttura generale della figura umana e le proporzioni fra le parti.


ARTE E IMMAGINE Quarto biennio Competenze

Sperimentare, rielaborare, creare immagini e/o oggetti, utilizzando operativamente gli elementi, i codici, le funzioni, le tecniche proprie del linguaggio visuale e audiovisivo.

Riconoscere ed analizzare elementi formali e strutturali costitutivi del linguaggio visuale, facendo uso di un lessico appropriato; utilizzare criteri base funzionali alla lettura e all'analisi sia di creazioni artistiche che di immagini statiche e multimediali.

Abilità

Conoscenze

Lo studente è in grado di

E conosce:

Utilizzare una metodologia operativa, sapendo scegliere le varie tecniche – grafiche, pittoriche, plastiche, fotografiche, costruttive, multimediali – in relazione alle proprie esigenze espressive.

Elementi fondamentali e strutture del linguaggio visivo. Elementi e principali funzioni della comunicazione.

Rappresentare la figura umana. Tecniche specifiche dei linguaggi proposti. Rappresentare l'ambiente esterno con l'utilizzo della prospettiva. Rielaborare un messaggio visivo su indicatori dati.

Utilizzare in modo consapevole i materiali e le procedure in funzione Lessico specifico. del compito. Tecniche, modalità e procedimenti di descrizione Distinguere le tonalità, le gamme e le gradazioni cromatiche. delle immagini. Esercitare, nella lettura visiva e nella produzione di immagini, manufatti e prodotti multimediali, operazioni mentali di attenzione, osservazione, memorizzazione, analisi, sintesi, coordinamento logico e creatività. Cogliere il significato di un'immagine multimediale, anche rielaborandola personalmente. Leggere, analizzare e comprendere le caratteristiche e gli scopi comunicativi di un'immagine su indicatori dati dall'insegnante.


Utilizzare conoscenze ed abilitĂ percettivo-visive, per leggere in modo consapevole e critico i messaggi visivi presenti nell'ambiente.

Apprezzare il patrimonio artistico, riferendolo ai diversi contesti storici, culturali e naturali.

Leggere consapevolmente messaggi visivi per coglierne il significato Concetti visivi. simbolico, espressivo, comunicativo. Terminologia specifica. Riconoscere e descrivere con linguaggio specifico i linguaggi visivi.

Attivare operazioni percettivo-visive, attraverso l'interazione col linguaggio verbale.

Principali forme di espressione artistica e loro collocazione storico-culturale. Beni artistici, culturali ed ambientali presenti sul territorio.


CORPO - MOVIMENTO - SPORT Primo biennio (classe prima – seconda primaria) Competenze

Partecipare alle attività ludiche e didattiche con autonomia e corretta gestione degli spazi e delle attrezzature

Partecipare in modo corretto a giochi di movimento, drammatizzazione e a giochi tradizionali.

Abilità

Conoscenze

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) “Padroneggiare” tutti gli schemi motori di base 2)Orientarsi nello spazio e nel tempo con senso ritmico 3) Utilizzare e rapportarsi in maniera appropriata ad alcuni piccoli attrezzi ginnici

1) Nozioni riguardanti le potenzialità del corpo in movimento, in rapporto a parametri spaziali e temporali 2) Piccoli attrezzi presenti in palestra e loro funzioni

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Cimentarsi con destrezza e giusto spirito agonistico nelle attività proposte, rispettando le regole 2) Utilizzare gestualità mimica ed espressiva adeguate a diversi contesti comunicativi

1) Le regole dei giochi pratici e i conseguenti comportamenti corretti 2) Concetti di: lealtà, rispetto, partecipazione, collaborazione, cooperazione

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

Saper assumere 1) Adottare accorgimenti idonei a prevenire infortuni comportamenti rivolti alla salvaguardia della propria ed altrui sicurezza, nelle attività motorie, nei giochi e nell’utilizzo di attrezzi e strutture

1) Informazioni su rischi e pericoli connessi all’attività motoria e comportamenti corretti per evitarli


CORPO - MOVIMENTO - SPORT Secondo biennio (classe terza .quarta primaria) Competenze

Abilità L’alunno è in grado di:

Essere consapevole del proprio processo di crescita e sviluppo; riconosce le attività volte al miglioramento delle proprie capacità fisiche

Partecipare alle attività ludiche( giochi di movimento, giochi tradizionali), didattiche e pre-sportive con buona autonomia e corretta gestione degli spazi e delle attrezzature

Saper assumere comportamenti rivolti alla salvaguardia della propria ed altrui sicurezza, nelle attività motorie, nei giochi e nell’utilizzo di attrezzi e strutture

1) Percepire i rapporti tra segmenti corporei nelle diverse azioni motorie proposte 2) Controllare le posizioni statiche e dinamiche 3) Controllare la respirazione 4) Consolidare attraverso il movimento (giochi di movimento) la conoscenza della lateralità su di sé e sugli altri

Conoscenze L’alunno conosce:

L’alunno è in grado di:

1) Le modificazioni fisiologiche del corpo durante l’attività motoria (respirazione, battiti), associandole alle diverse tipologie di movimento 2) Il concetto di destra e di sinistra su di sé e sugli altri 3) Le potenzialità di movimento del proprio corpo L’alunno conosce:

1) Cooperare con i compagni nel gioco e accettare i ruoli 2) Comprendere e prevedere le intenzioni degli altri in alcune situazioni specifiche di gioco (capacità di anticipazione) 3) Rispettare le regole del gioco, comprenderle, con la possibilità di proporre varianti

1) Il concetto di cooperazione e collaborazione 2) Alcuni giochi tradizionali di movimento 3) Semplici elementi del gioco-sport (regole e “tattiche” di gioco)

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Utilizzare in modo sicuro per sé e per i compagni gli spazi, le attrezzature 2)Affrontare con tranquillità le esperienze motorie proposte e acquisire fiducia nelle proprie capacità 3) Rispettare le regole del “buon comportamento” (fair play)

1) Gli attrezzi e la loro collocazione nello spazio della palestra e nello spazio di gioco 2) Il senso di ben-essere legato all’attività motoria e ludico-sportiva 3) Le regole principali del “buon comportamento”


CORPO - MOVIMENTO - SPORT Terzo biennio ( classe quinta primaria – primo anno scuola superiore di primo grado) Competenze

Abilità L’alunno è in grado di:

Essere consapevole del proprio processo di crescita e sviluppo e riconoscere le attività volte al miglioramento delle proprie capacità fisiche e motorie

1) Controllare i segmenti corporei in situazioni semplici e via via più complesse 2) Riconoscere e monitorare le modificazioni cardio-respiratorie durante il movimento 3) Rilassare il corpo 4) Rilevare i cambiamenti morfologici del corpo, anche su indicazione e suggerimento dell’insegnante

L’alunno è in grado di:

Partecipare alle attività ludiche, didattiche e presportive con buona autonomia e corretta gestione degli spazi e delle attrezzature

1) Padroneggiare gli schemi motori combinandoli in forme sempre più complesse 2) Sviluppare l’indipendenza segmentaria 3) Controllare il proprio corpo in situazioni di disequilibrio e con contenuto emotivo 4) Utilizzare le variabili spazio-temporali nella gestione di ogni azione 5) Organizzare il movimento rispettando le sequenze temporali (simultaneamente, successivamente, alternativamente)

Conoscenze L’alunno conosce: 1) Le possibilità di movimento del corpo 2) Le modifiche fisiologiche del corpo durante l’attività motoria (battito, respirazione) associandole alle diverse tipologie di movimento 3) I cambiamenti strutturali del corpo in rapporto allo sviluppo 4) I benefici e/o gli aspetti negativi dovuti ai cambiamenti strutturali del corpo L’alunno conosce: 1) Le azioni e le applicazioni degli schemi motori 2) Le informazioni principali relative alle capacità coordinative sviluppate nelle abilità 3) Gli elementi che servono a mantenere l’equilibrio e le posizioni del corpo che lo facilitano 4) Il concetto di spazio e di tempo 5) Il concetto di: simultaneo, successivo e alternato


Partecipare in modo corretto a giochi di movimento, drammatizzazioni, giochi tradizionali e attività presportive

Saper assumere comportamenti rivolti al ben-essere e alla salvaguardia della propria ed altrui sicurezza, nelle attività motorie, nei giochi e nell’utilizzo di attrezzi e strutture

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Rispettare le regole nei giochi e proporre varianti 2) Collaborare e accettare i vari ruoli dei giochi 3) Intuire e anticipare le azioni degli altri (capacità di anticipazione) 4) Concentrarsi e canalizzare l’attenzione verso il compito motorio 5) Scegliere azioni e soluzioni efficaci per risolvere problemi motori 6) Affrontare con tranquillità le esperienze proposte e acquisire fiducia nelle proprie capacità 7) Trasmettere contenuti emozionali attraverso i gesti e il movimento 8) Rappresentare idee, stati d’animo e situazioni stereotipate e non, mediante gestualità e posture( individualmente, a coppie, in gruppo)

1) Diversi giochi di movimento 2) Gli elementi tecnici e tattici essenziali di alcuni giochi e sport 3) Gli elementi regolamentari semplificati indispensabili per la realizzazione del gioco 4) Le principali modalità di espressione delle emozioni e degli elementi della realtà 5) Le tecniche di esecuzione (“modello ideale”) in funzione della qualità del movimento

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Utilizzare in modo corretto e sicuro per sé e per i compagni, spazi e attrezzature 2) Capire la qualità di “ben-essere” che viene acquisito attraverso il movimento e il gioco 3) Rispettare le regole del “buon comportamento”

1) Le corrette modalità esecutive per la prevenzione degli infortuni nei vari ambienti di vita 2) Il ben-essere che deriva dall’attività di tipo ludico-motorio per l’acquisizione di abilità motorie e sociali 3) Il valore etico dell’attività sportiva e della competizione 4) Le regole e le consuetudini del “buon comportamento”


CORPO - MOVIMENTO - SPORT Quarto biennio (secondo – terzo anno scuola superiore di primo grado) Competenze

Abilità L’alunno è in grado di:

Essere consapevole del proprio processo di crescita e sviluppo corporeo; riconoscere inoltre le attività volte al miglioramento delle proprie capacità motorie

Destreggiarsi nella motricità finalizzata dimostrando: • di coordinare azioni, schemi motori, gesti tecnici con buon autocontrollo; • di utilizzare gli attrezzi ginnici in maniera appropriata; di utilizzare conoscenze e abilità per risolvere situazioni-problema di natura motoria

Conoscenze L’alunno conosce:

1) Controllare i segmenti corporei in situazioni semplici e complesse 2) Riconoscere e monitorare le modificazioni cardio-respiratorie durante il movimento 3) Rilassare il corpo 4) Rilevare i cambiamenti morfologici del corpo

1) Le potenzialità di movimento del corpo 2) Le modifiche fisiologiche del corpo durante l’attività motoria (battito, respirazione) associandole alle diverse tipologie di movimento 3) Le modificazioni strutturali del corpo in rapporto allo sviluppo 4) L’importanza dell’aspetto cognitivo all’interno del movimento

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Padroneggiare i principali schemi motori 2) Utilizzare le posizioni più adatte dei diversi segmenti corporei per affrontare situazioni complesse di disequilibrio su oggetti di difficile controllo 3) Prevedere correttamente l’andamento di un’azione valutando tutte le informazioni utili al raggiungimento di un risultato efficace (capacità di anticipazione) 4) Realizzare sequenze di movimenti in gruppo nel rispetto di strutture temporali complesse 5) Trovare una soluzione motoria efficace e personale di fronte ad una situazione problematica

1) Le azioni e le applicazioni degli schemi motori 2) Il concetto di: spazio e tempo nel movimento (capacità di orientamento spazio-temporale) 2) I concetti di capacità coordinative sviluppate nelle abilità (equilibrio, ritmo, reazione, trasformazione, anticipazione)


L’alunno è in grado di: 1) Gestire in modo consapevole abilità specifiche riferite a situazioni tecniche e tattiche semplificate negli sport individuali e di squadra Partecipare a giochi di 2) Rispettare le regole nei giochi di squadra, svolgere un ruolo attivo movimento, giochi tradizionali, giochi sportivi utilizzando le proprie abilità tecniche e tattiche di squadra, rispettando le 3) Utilizzare le conoscenze tecniche per svolgere funzioni di giuria e arbitraggio regole, imparando a gestire con equilibrio sia la 4) Partecipare attivamente alla scelta della tattica di squadra e alla sua realizzazione sconfitta che la vittoria. 5) Stabilire rapporti interpersonali corretti e mettere in atto Gestisce i diversi ruoli comportamenti collaborativi e operativi all’interno del gruppo assunti nel gruppo e i momenti di conflittualità nel rispetto di compagni e avversari. L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce: 1) Le tecniche e le tattiche dei giochi sportivi 2) Le principali regole e i gesti arbitrali più importanti delle discipline sportive praticate 3) Le regole e le consuetudini del “buon comportamento” 4) L’importanza della partecipazione “attiva” all’interno di un gruppo che si “adopera” per un obiettivo comune

L’alunno conosce:

1) Usare consapevolmente la comunicazione non verbale utilizzando 1) Le tecniche principali per una vari codici espressivi, combinando la componente comunicativa e comunicazione non verbale efficace Controllare il movimento e quella estetica 2) Rappresentare idee, stati d’animo e situazioni stereotipate e non, lo utilizza anche per mediante gestualità e posture( individualmente, a coppie, in gruppo) rappresentare e comunicare stati d’animo


Assumere comportamenti rispettosi della salute e della sicurezza, proprie ed altrui

L’alunno è in grado di:

L’alunno conosce:

1) Riconoscere le attività realizzate e le procedure utilizzate per il miglioramento delle capacità coordinative e condizionali che permettono di acquisire uno stato di “ben-essere” 2) Mettere in atto comportamenti funzionali alla sicurezza 3) Mettere in atto comportamenti equilibrati (di “buon comportamento) dal punto di vista fisico, emotivo e cognitivo

1) Le norme generali di prevenzione degli infortuni 2) Gli effetti delle attività motorie per il ben-essere della persona e la prevenzione delle malattie legate alla vita sedentaria 3) Le modalità per valutare la propria efficienza fisica e le proprie capacità e performance (test fisici) 4) Il valore etico dell’attività sportiva e della competizione


Piani di Studio  

Piani di studio

Advertisement