Page 1

SPAGNA SECONDA PARTE: MADRID GENNAIO 2008

Indice Descrizione Primo giorno – Plaza Mayor, Catedral de la Almudena, Palazzo Real, Plaza De Espana. Secondo Giorno – Gran Via, Stazione Ferroviaria di Atocha, Prado, Tablao Flamenco. Terzo giorno – Centro di Madrid Indice delle figure Figure 1 Primo giorno Hotel Arosa Figure 2 Plaza Mayor - Palazzo Real Figure 3 Palacio Real Plaza De Espana Figure 4 Stazione di Atocha Figure 5 Museo del Prado Figure 6 Giardini Orto Botanico Figure 7 Corral De La Moreria Figure 8 Cioccolateria San Gines


Descrizione Questo secondo contributo per i nostri viaggi in Spagna, deriva dalla foto del nostro viaggio fatto a Madrid nel gennaio 2008. Tre giorni di immersione completa nella vita di una delle città più vive e vitali di Spagna e, quindi, forse, del mondo. Questo è, come al solito, l’elenco delle foto con dei commenti minimali.

Primo giorno – Plaza Mayor, Catedral de la Almudena, Palazzo Real, Plaza De Espana La nostra visita inizia nel primo pomeriggio del 26 gennaio 2008 dopo un viaggio in aereo tranquillo ed il trasferimento al nostro albergo, Best Western Hotel Arosa, situato in una posizione veramente centrale nei pressi di una delle strade più importanti di Madrid, la Gran Via.

Figure 1 Primo giorno Hotel Arosa

Indice delle figure

Per entrare subito nello spirito spagnolo, decidiamo di andare a pranzo in uno dei ristoranti chiamati Museo del Jamon. Se ne trovano praticamente ovunque e sono un spettacolo per chi, come me, ama il prosciutto. Entrando nel ristorante centinaia di prosciutti ti danno il benvenuto e non si può fare a meno di ordinare una porzione. Attenzione però perchè ci sono prosciutti che costano moltissimo. Occhio al prezzo!


Rifocillati, andiamo a vedere una delle piazze pi첫 caratteristiche di Madrid, Plaza Mayor (Linee 1, 2, 3 della Metro fermata Sol). In questa piazza, chiusa sui quattro lati da facciate di palazzi molto belli, si trovano sempre artisti di strada che, immobili, inscenano le loro pantomime. Plaza Mayor


O qualcuno che mostra i suoi quadri,


Per circolare, si affittano anche degli oggetti che noi ci siamo ben guardati dal provare. Però, sembra divertente!


Percorriamo Calle Mayor e ci fermiamo su una piazza molto interessante, Plaza De La Villa, in pieno quartiere medievale. Molti edifici storici contornano questa bellissima piazza. Plaza De La Villa

Proseguento su Calle Mayor andiamo a vedere la Catedral De La Almudena ed il Palazzo Real.

Figure 2 Plaza Mayor - Palazzo Real

Indice delle figure


Catedral De La Almudena e Palazzo Real.


Gli artisti di strada non mancano mai.

Dal Palazzo Reale andiamo verso la Plaza De Espana con il Monumento a Miguel De Cervantes che, con il suo Don Chisciotte della Mancia, ha scritto la pi첫 importante opera della letteratura spagnola ed una delle pi첫 importanti di quella mondiale. Un ottimo stimolo a rileggere queso libro. Figure 3 Palacio Real Plaza De Espana

Indice delle figure


In Spagna la cultura è gratis, almeno per questa settimana.


La movida madrilena ci prende e la sera facciamo un giro che ci porta fino a La Porta del Sol, la piazza piÚ rappresentativa di Madrid. Di notte tutto è piÚ suggestivo.


La famosa insegna Tio Pepe


Secondo Giorno – Gran Via, Stazione Ferroviaria di Atocha, Prado, Tablao Flamenco Al mattino la Gran Via è deserta. Forse a causa della movida a Madrid si comincia a fare tutto piuttosto tardi.


Oggi siamo diretti, come prima meta, verso la Stazione ferroviaria di Atocha, famosa per gli attentati del 2004 a Madrid. Oggi, nella stazione, c’è un bellissimo giardino botanico a memoria delle vittime degli attentati. La stazione è raggiungibile (Linea 1 fermata Atocha), come quasi qualunque altra cosa a Madrid, con la metro, la seconda metropolitana più estesa d’Europa.

Figure 4 Stazione di Atocha

Indice delle figure


La stazione di Atocha è relativamente vicina all’altra meta della giornata, il Museo del Prado la meta più importante del nostro viaggio. Non è utile descrivere le opere contenute in questa meravigliosa pinacoteca, anche perchè non si possono fare foto, ma posso assicurare che le sensazioni provate sono state molto forti. Sandro Botticelli, Caravaggio, El Greco, Artemisia Gentileschi, Francisco Goya, Andrea Mantegna, Raffaello, Rembrandt, Pieter Paul Rubens, Diego Velázquez e molti altri sono alcuni degli artisti presenti nel museo. Forse un giorno di visita non basta ma, anche se l’anima vorrebbe vedere tutto, le gambe ci dicono che dobbiamo lasciare. Peccato! Figure 5 Museo del Prado


Facci amo una meritata sosta nel giordino dell’Orto botanico di Madrid che si trova vicino al museo del Prado.


Figure 6 Giardini Orto Botanico

Indice delle figure


Questa sera vogliamo veramente assaporare lo spirito di Madrid. Decidiamo di andare in un tablao flamenco, il più importante di Madrid, e goderci un vero spettacolo di Flamenco. Il tablao Flamenco in questione è il Corral De La Moreria, il più famoso locale di flamenco di Spagna e quindi, forse, del mondo. E’ un po fuori dalle linee della metro quindi è consigliabile arrvare ed andare via in taxi. Figure 7 Corral De La Moreria

Indice delle figure


Questo tablao flamento con la sua stella Anabel Moreno sono considerate l’Accademia del flamenco. Naturalmente le foto non rendono l’idea, ma lo spettacolo è stato favoloso!


Terzo giorno – Centro di Madrid Oggi la giornata è dedicata ad una visita, senza meta ed in puro relax, al centro della città medievale, nei dintorni di Plaza Mayor, con una puntatina in Plaza De Oriente per rivedere questa meravigliosa piazza vicina al Palazzo Real. Durante il giro, siamo capitati nella più antica cioccolateria di Madrid, La cioccolateria San Gines in Pasadizo de San Ginés, 5, dove si mangiamo i migliori Churros nel cioccolato di tutta Madrid.

Figure 8 Cioccolateria San Gines

Indice delle figure


Come al solito partiamo al mattino da una Gran Via ancora semi deserta.

La cioccolateria ci coccola con i churros ed un cioccolato stupendo.


Torniamo in Plaza De Oriente e visitiamo il Teatro Real che è uno dei teatri più grandi e più belli d'Europa.


Plaza De Oriente


Intorno a Plaza Mayor c’è tutto un quartiere medievale con delle insegne molto interessanti.

Ed una delle case nelle quali visse Francisco Goya


Tanti ristorantini


Una vecchissima barberia

Ed una casa dipinta


Durante la passeggiata fotografiamo anche qualche stemma medievale

Finiamo la giornata, la visita ed il viaggio in Plaza Mayor dove alcuni pittori espongono le loro opere, gli artisti di strada sono sempre presenti e qualche poeta ha scritto sul selciato un passo del Don Juan Tenorio (Don Giovanni), un dramma di José Zorrilla. Un vero viaggio all’insegna dell’arte; naturalmente anche la cucina ha avuto la sua parte. Il ricordo di una Paiella Real mangiata in un ristorantino vicino la Gran Via e dei churros della cioccolateria San Gines ci accompagnerà per molto tempo. Naturalmente Madrid non è solo quello che ho mostrato; Madrid è molto di più e spero di poter approfondire in un altro viaggio.


Viaggio in Spagna - Madrid 2008  

Viaggio in Spagna - Madrid 2008

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you