Page 1


Il Saluto del Rettore Essere il Rettore del Rione San Secondo non è una cosa che succede tutti i giorni. Io sono un uomo piccolo e semplice ma questa cosa mi riempie di orgoglio e mi fa essere molto fiero. Questo perché il Palio è per me, da sempre, una delle cose che amo di più in questa vita e perché San Secondo non è un rione come gli altri ma qualcosa di diverso. San Secondo è un’IDEA. Noi portiamo addosso i simboli ed i colori della nostra città ed il nostro territorio è quanto di più bello, più impregnato di storia e quanto di più vissuto ci sia in Asti. Basta camminare nelle vie e nelle piazze del nostro Rione per sentire le case ed i palazzi trasudare di storia: tutto quanto di più importante nel corso dei secoli è accaduto in città si è verificato all’interno dei nostri confini rionali. Ed anche venendo a tempi più recenti, quelli che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, il nostro territorio è il cuore pulsante della città, dove ognuno di noi ha qualcosa che lo porta lì, sia esso il lavoro o lo svago. Per questo, che uno sia nato o no nel nostro territorio, che vi viva o no , l’essere sansecondino è qualcosa che entra nello spirito e ti fa innamorare di questi colori perché si identifica in molti aspetti dell’essere astigiano e dell’amare la nostra città. Mio papà è nato in Piazza Alfieri, nel palazzo Anfossi, in uno dei luoghi più storici del Rione ed io ho passato tanti pomeriggi della mia infanzia in quel vecchio cortile del negozio di famiglia che si estendeva dal retro del Palazzo Anfossi sino al Teatro Alfieri ( che vi faceva capolino occupando una gran parte del cielo che si vedeva da quel cortile). Oggi quel vecchio cortile non c’è più: lì sorge Piazza Italia. Ma nei miei ricordi ancora c’è e mi rammento sempre quando giocavo ad essere un cavaliere medievale e immaginavo epiche imprese che avevano come teatro le viuzze del Rione, specie quella via San Secondo che porta da Via Garibaldi alla Via del Teatro, così piena di fascino e dove, verso la fine degli anni 70, si faceva il Mercatino del Palio. Eppoi la Domenica papà mi portava sempre a messa in Collegiata e quell’atmosfera colpiva sempre l’immaginazione di un bambino come ero io, già all’epoca affascinato a dismisura del Palio e di quello che rappresentava. Oggi sono diventato Rettore e sento che questi luoghi sono dentro di me, così come quei colori che porterò sempre nell’anima. Ma il Rione San Secondo è anche un modo speciale di vivere il palio: essere sansecondino significa vivere il Palio con il desiderio di esserne sempre ai vertici, dalla corsa ad ogni altra cosa del Palio, perché San Secondo, nostro Patrono, merita sempre un ruolo di spicco e chi la rappresenta se lo deve sempre ricordare. Inoltre il nostro vivere intensamente la rivalità con il Borgo Tanaro ci rende più forti ed orgogliosi: avere un nemico nel Palio, tra l’altro così numeroso e forte , ci deve sempre stimolare a tenere alto il nostro nome e ha contribuito a rendere più intenso il senso di appartenenza che noi sansecondini abbiamo. San Secondo, quando scende in Piazza, sa che correrà per vincere il Palio ma comunque sempre e soprattutto per prevalere su Tanaro, perché quello tra noi e loro è un Palio nel Palio che non possiamo mai permetterci di perdere. Ora come Rettore sento il peso di tutto questo e lo stimolo a fare in modo che il nostro Rione cresca sempre, nel numero e nella saldezza del suo cuore. Perché questi colori lo meritano e lo richiedono ed anche perché il Palio, senza il trasporto della gente, il maggior numero di persone possibili, rischia di non essere niente. Il mio sogno non è solo quello di portare il Palio in chiesa ma è soprattutto quello di fare in modo che dalle nostre case e dai nostri palazzi scendano tutti in Piazza a stare vicino ai colori biancorossi, tutte le volte che questi escono in strada. Il Rettore deve essere al servizio del suo popolo che è il vero protagonista delle gesta che nel Palio, dalla corsa alla sfilata, dalle manifestazioni alla bancarella e soprattutto dalla socialità che il Palio crea, ogni anno si compiono. Io cercherò di esserlo sempre: con devozione.

“La Raldo” -

Settembre 2007


tessuti alta moda - abiti da sposa VIA GARIBALDI, 8 - 14100 ASTI TEL. 0141 592541

servizi attrezzatura e prodotti per giardinieri professionisti gestione del verde - specializzati in tappeti erbosi LOCALITA’ QUARTO INFERIORE - 14100 ASTI - TEL. 0141 273645 e-mail: info@astigarden.it • www.astigarden.it


Tittia... Il Fantino del Santo Giovanni Atzeni detto Tittia, è nato in Germania il 13 Marzo 1985 da madre tedesca e padre sardo e da 5 anni è fantino professionista. Tittia è il vincitore del Palio di Siena del 2 luglio 2007 nella Contrada dell’Oca. Tittia è il nostro fantino per il Palio 2007. Non è il suo debutto a San Secondo.............Ha già corso per noi nel 2006 e non andò bene. Ma noi abbiamo piena fiducia in lui, non solo come fantino ma anche come allenatore del cavallo che correrà con i nostri colori. Perché Giovanni Atzeni è un ragazzo di grande professionalità, educazione, personalità ma anche grinta e determinazione.... E poi, dopo la Vittoria del Palio di Siena di Luglio 2007 ( la sua prima a Siena) ha acquisito grande consapevolezza dei suoi mezzi ed una forte volontà di vincere, sempre ad ogni occasione. Giovanni è ancora un ragazzo per l’anagrafe ma è già un uomo per il mondo del Palio: vive a Siena con la sua bella fidanzata Ilaria, lontano dalla sua famiglia ed ha scuderia propria. Affronta il mondo difficile e variegato delle Contrade e dei Rioni del Palio da solo, senza intermediari e lo fa con gentilezza ma sempre, con fermezza, esprime il suo desiderio di primeggiare, di fare il Palio a modo suo, con tutta la responsabilità sulle proprie spalle, senza mai mascherarsi dietro presunti agenti e intermediari. E questo suo modo di fare sta pagando, perché tante dirigenze che lo hanno avuto come fantino, nei Palii di tutt’Italia, ne parlano sempre bene, lo definiscono come un bravo ragazzo, un ragazzo schietto e gentile, puntuale e disponibile. Ma non solo..... il suo atteggiamento, la sua mentalità lo stanno anche portando alle vittorie.......lui ha già vinto il Palio di Asti al debutto nel 2003, ed ha vinto Fucecchio e la Provaccia di Legnano ed ora Siena, in una contrada come l’Oca, la Contrada dove vincono quasi sempre solo i grandi fantini ( Aceto, Bruschelli....). Giovanni ci ha promesso la Vittoria e comunque l’impegno di non mollare mai, fino all’ultimo metro... Ci ha detto che non ha paura di nessuno e che per lui conta solo vincere. A noi di San Secondo chiede però grande passione, tifo, trasporto, chiede di fargli venire i brividi alla Cena propiziatrice e quando entrerà in campo con i nostri colori. Diamogli cosa chiede, borghigiani, ......e ci renderà fieri della nostra scelta......sperando con ardore e fede che ci porti cosa chiediamo a lui.

“La Raldo” -

Settembre 2007


marchia dal 1875

w w w. m a r c h i a . i t CORSO ALFIERI, 329 - 14100 ASTI - TEL. 0141 593783

FRANCESE

RISTORANTE - PIZZERIA VIA DEI CAPPELLAI, 15 - 14100 ASTI - TEL. 0141 592321 - FAX 0141 598711


Il Comitato RETTORE • Marco ZAPPA

DIRETTIVO • VICE RETTORE • VICE RETTORE • SEGRETARIO • TESORIERE

Raffaello GARBARINO Paolo ROSSO Enzo BERTOLINO Rodolfo VIANCINO

ESECUTIVO • COMMISSIONE CORSA Andrea MARCHISIO, Raffaello GARBARINO • COMMISSIONE MANIFESTAZIONI Gianluca ASSANDRI, Massimo BELLO, Giancarlo BORGOGNONE, Massimo COMISSO, Davide GAMBINO, Mirco OLIVERO, Fabrizio RISSONE • RESPONSABILI GRUPPO SBANDIERATORI Mauro NEBBIOLO, Paolo ROSSO • COMMISSIONE IMBANDIERAMENTO Jacopo CASTAGNETO, Gabriele CERRATO, Alberto VAIRO • COMMISSIONE CORTEO STORICO Enzo BERTOLINO, Stefania CALDERA, Emanuela QUARTUCCIO, Nadia QUARTUCCIO • COMMISSIONE BANCARELLA Elsa CAMERANO, Cristina COMITO, Nadia QUARTUCCIO, Marina STRONA, Patrizia LAPAGLIA • COMMISSIONE GIOVANI Gabriele CERRATO, Andrea GIACCONE, Alberto VAIRO • RESPONSABILI SEDE Jacopo CASTAGNETO, Gabriele CERRATO, Elisa GIURATO, Alberto VAIRO • COMMISSIONE STAMPA IMMAGINE Gianluca ASSANDRI, Enzo BERTOLINO, Andrea GIACCONE, Dante MARCUCCI, Emanuela QUARTUCCIO • REVISORI DEI CONTI-PROVIBIRI Giancarlo BORGOGNONE, Massimo MORANDO, Mirco OLIVERO

Altri SOCI EFFETTIVI Cristina BELLO, Maurizio BERTOLINO, Silvia CHIARANDA, Isa CIMA, Francesco CITTADELLA, Rossella GHIA, Luca MORANDO, Stefano NAVONE, Roberto ORCO, Massimo PICOLLO, Lucia RUSSO, Sara SCAPPARINO, Maria Teresa SOAVE, Simona STEVANO, Lorenza VERCELLI

SOSTENITORI / JUNIOR Gerry BASSO, Matteo BINELLO, Teresa BINELLO, Silvia DURETTO, Martina MURGIA, Michael TESTA, Federico ZAPPA, Filippo ZAPPA

“La Raldo” -

Settembre 2007


Cure Viso e Corpo Cure di Bellezza Trattamenti Olistici Beauty Day VIA ALLE FONTANE, 133 14041 AGLIANO TERME (AT) TEL. 0141 954242 - FAX 0141 964895 E-MAIL: info@termediagliano.it SITO: www.termediagliano.it

AGENZIA VIAGGI E TURISMO VIA VERDI, 30 - 14100 ASTI - TEL. 0141 557275 - FAX 0141 33241 e-mail: paolo@ladoujaviaggi.it • www.ladoujaviaggi.it


Il Corteo Storico TEMA DELLA SFILATA 2007 Posa della prima pietra di San Secondo Nella prima metà del XV secolo la chiesa del Santo doveva essere ancora completata con la realizzazione della sua facciata principale Il Cronista astigiano Secondino Ventura precisa che “...Nell’anno 1440, giovedì 12 del mese di maggio, si pose la prima pietra fondamentale della facciata della chiesa di San Secondo del Mercato, facciata che dà verso lo stesso mercato” In questo stesso anno fu eletto come Vescovo della Città di Asti il Reverendo signor Bernardo di Mandriano di Milano in successione del Reverendo Vescovo Alberto Guttuari, mentre la chiesa di san Secondo era custodita dal prevosto Signor Antonio De Curtis. Gettate le predette fondamenta fino a livello terra, i lavori si fermarono: non fu più costruito nulla e non fu più realizzata alcuna opera muraria sino alo 1462, dove martedì 11 maggio si incominciò l’innalzamento delle mura e l’edificazione sulle fondamenta posate nel 1440. Da una lapide che un membro della casata Borghesio, famiglia patrizia torinese, fece murare sulla facciata, si apprende che questa fu costruita a sue spese con un’oblazione fatta nel 1440. Sulla lapide incastonata compariva lo stemma del casato con le parole “ Karoly Borgesiy”; lo stemma rappresentava un “lione in piedi con campo sotto” Il corteo storico del Rione San Secondo vuole rievocare l’entusiastica e festosa partecipazione della popolazione all’avvenimento della posa della prima pietra, che coincide con la festa della Pentecoste del mese di maggio. Nello stesso anno il giorno di Pentecoste Il reverendissimo Signor Cardinale di Cipro celebrò la messa nella chiesa di San Secondo del Mercato, di fronte all’Altare Grande

archivio fotografico comune di asti - foto: mingo pasquale

“La Raldo” -

Settembre 2007


ENTRATA LIBERA NEL MONDO DEI BAMBINI VIA FEDERICO DELLA VALLE, 10 ANG. PIAZZA MEDICI - 14100 ASTI TEL. 0141 598204

IMPIANTI • CONDIZIONAMENTO • RISCALDAMENTO • ELETTRICI • SANITARI FRAZIONE CASABIANCA, 12 - 14100 ASTI CELL. 338 2613860


Gli Alfieri del Santo I giovani sono una delle componenti piu’ importanti della realtà paliofila. Far parte di un gruppo sbandieratori e musici è il modo piu’ diretto e coinvolgente per un giovane per conoscere e vivere il mondo del Palio. Il gruppo Sbandieratori e Musici del Rione San Secondo si prefigge lo scopo di essere un vero e proprio vivaio di coscienza paliesca e di passione borghigiana. Grazie anche allo sforzo e l’impegno del Comitato i giovani e le loro famiglie possono trovare nel cuore bianco-rosso della città tutto cio’ che serve ( persone, materiali, locali, servizi, iniziative) per vivere il rione maggiormente , condividendone le attività e la socialità. Chi sceglie di far parte degli alfieri del Santo .... .... LO FA PERCHE’ NEL RIONE SAN SECONDO VUOLE TROVARCI LE EMOZIONI CHE IL PALIO SA DARE, FATTE DI BANDIERE E SUONI CERTO , MA ANCHE DI UN SACCO DI ALTRE COSE ALTRETTANTO IMPORTANTI.......... Un enorme ringraziamento ai nostri splendidi giovani ed alle lore famiglie che , durante tutto l’anno, chi hanno accompagnato e supportato nelle piu’ belle piazze del folklore italiano. Chiunque volesse conoscerci e/o far parte del nostro gruppo puo’rivolgersi per info alla nostra sede di via Aliberti n° 5 (tutti i martedì dalle 21,00 in poi) oppure telefonare ai seguenti numeri: • 335 7585025 Paolo • 347 4961323 Roberto • 328 1574878 Gabriele • 334 3276813 Mauro

RIONE SAN SECONDO SBANDIERATORI BONAMICO ALBERTO BORGIORNO LUCA BRUSCO LUIGI CERRATO GABRIELE CASTAGNETO JACOPO

FRAINA FABIO GHIGNONE ROBERTO IANNACCI FEDERICO MATTIAZZI LUCA VAIRO ALBERTO

MUSICI BIZZI DEBORA BIZZI FEDERICA BERARDI FABIO BLUMETTI FRANCESCO CAMMARATA DAVIDE DE FRANCESCO STEFANIA DE LUCA ELISA DE LUCA KATIUSCIA FLESARU GEORGIANA CONSUELA LUCENTE YURI LUTRI LUCA MARCHIORI CAROLA MARIANI ZAIRA MASCIANGELO CARLO

“La Raldo” -

MATEROZZI DANIELE MURGIA MARTINA NEBBIOLO AMBRA OLIVETTI CHIARA PETRACINI LUCA PROVITINA MAURO ROMOLI DAVIDE ROMOLI MATTEO ROSSO LORENZO SENIGAGLIESI CHRISTIAN STICCA MARCO VESPA GIULIA VACCANEO ROBERTO

Settembre 2007


laboratorio - progettazione - sede espositiva

CORSO ALFIERI, 84 - 14100 ASTI - TEL./FAX 0141 324105

VENDITA:

TELEFONIA FISSA E CELLULARE ANTIFURTI SENZA FILI PER ABITAZIONI ATTIVAZIONE CONTRATTI TELEFONICI AZIENDALI ASSISTENZA TECNICA

A S T I CORSO ALFIERI, 8/10 - TEL./FAX 0141 33566 CORSO SAVONA, 79 - TEL. 0141 351913 - FAX 0141 3522980 info@centrotimdualband.it


Il Palio... di Paolo Conte QUELLO DEL 2007 È UN PALIO” PARTICOLARE” VISTO CHE COMPIE 40 ANNI. MA È ANCOR PIÙ D’EFFETTO PERCHÈ IL DRAPPO È STATO DIPINTO DA PAOLO CONTE, ARTISTA ASTIGIANO PER ECCELLENZA IN ITALIA E NEL MONDO. PAOLO CONTE... UOMO E ARTISTA Paolo Conte nasce ad Asti. Già da ragazzo comincia a coltivare quelle che ancora oggi rimangono le sue passioni: il jazz americano e le arti figurative. Si dedica come amatore al jazz, suonando il vibrafono in complessi della sua città o in tournée (Festival nazionale del jazz a Saint Vincent), nonché come esperto (3° posto per l’Italia al Quiz internazionale di Oslo). Inizia, prima insieme al fratello Giorgio e poi da solo, a scrivere canzoni sulla scia di suggestioni assorbite dalla vita, dal cinema e dalla letteratura. Arriva la metà degli anni Sessanta, ed ecco irrompere nelle classifiche canzoni “diverse” ed originali firmate Paolo Conte: “La coppia più bella del mondo” e “Azzurro”(Adriano Celentano),“Insieme a te non ci sto più”(Caterina Caselli),“Tripoli ‘69” (Patty Pravo), “Messico e nuvole” (Enzo Jannacci), “Genova per noi” e “Onda su onda” (Bruno Lauzi) e molte altre. Ma nel 1974 esce un album, intitolato “Paolo Conte”, in cui una voce casuale e come distratta tratteggia piccole storie private o quasi; e già l’anno dopo ecco un altro album con lo stesso titolo e nella stessa vena. Sono il debutto da protagonista del compositore astigiano. E’ nel 1979, però, che con “Un gelato al limon” il pubblico inizia a scoprirlo, ad affollare i suoi concerti. Due anni dopo, nel 1981, l’album successivo, “Paris Milonga”, viene presentato, onore inedito, nel corso di un’apposita giornata “contiana” organizzata dal Club Tenco a Sanremo. 1982: esce “Appunti di viaggio” che rappresenterà un grande serbatoio per il repertorio concertistico. Ormai il cantautore di Asti è un protagonista, ma già medita un periodo di ripensamento. Ne riemerge nel 1984, con il suo primo album per la storica etichetta CGD (marchio ormai scomparso all’interno del gruppo warner music), che si intitola di nuovo semplicemente “Paolo Conte”: grande interesse dei media, recensioni entusiastiche. E conquista la Francia, suonando al Theatre de la Ville di Parigi nel corso di una tournée che, aperta all’estero, si conclude in Italia tra i “tutto esaurito” e viene documentata da un doppio album,“Concerti”, registrato dal vivo. Il 1987 porta finalmente un album di nuove canzoni: “Aguaplano”. È un doppio album i cui ventun brani fanno scoprire nuove sfaccettature della creatività contiana. Inizia una serie di lunghe tournées all’estero: due tournées in Canada, cinque in Francia (per tre settimane all’Olympia di Parigi), due tours in Olanda ( dove ottiene il disco d’oro e il disco di platino), due tournées in Germania, oltre a Belgio, Austria, Grecia, Spagna, nonché due spettacoli al mitico Blue Note di New York, tempio storico del jazz; partecipa a moltissimi Festival jazz: Montreux, Montreal, Juan les Pins, Nancy, e numerosi altri. Al rientro dalla tournée di “Aguaplano” l’avvocato di Asti decide di regalarsi un po’ di riposo; a riempire la pausa produttiva esce nel 1988 una nuova registrazione dal vivo, “Paolo Conte Live”, registrato allo “Spectrum” di Montreal e un video registrato al Theatre Carré di Amsterdam. Altri due anni di pausa e il novembre del 1990 ci porta un Paolo Conte nuovo, e non solo nel senso che il nuovo album, “Parole d’amore scritte a macchina”, è interamente composto di titoli inediti, ma proprio nel senso che ci rivela inattesi squarci musicali ed episodi decisamente atipici rispetto al corpus del repertorio dell’autore. Un album, dunque, importante e significativo, che nel catalogo dell’artista occupa un posto assolutamente singolare. Il 30 settembre 1991 Paolo Conte vince il Premio Librex-Guggenheim 1991 “Eugenio Montale per la poesia” - sezione “versi per musica”. Il disco successivo,“Novecento”, pubblicato nell’ottobre 1992, è un felice ritorno nel guscio del Conte più classico, una sistemazione geniale e gioiosa dei frammenti che da sempre compongono la sua musica alla luce di una nuova maturità. Non ci sono più i cori e le curiosità elettroniche che avevano caratterizzato le “Parole d’amore”, ma una splendida orchestra trapuntata di ricordi jazz e musical a cui l’artista fornisce la sua abituale materia sonora: ritmi eleganti, sinuosi e anche ubriachi, spinti fino al jazz hot e al tango da postribolo, dolcissime memorie tra verità e sogno, una poesia lussureggiante di colori, immagini, fantasie. Dopo il doppio album “Concerti” del 1985 e il successivo “Paolo Conte Live” del 1988, nonché i due videotapes “Nel cuore di Amsterdam” del 1989 e “Live in Montreux” del 1991, esce l’album intitolato “Tournée”, che documenta spettacoli registrati dal vivo nel 1991, 1992 e 1993. Il nuovo album di inediti arriva nell’autunno 1995. Paolo Conte lo ha studiato, preparato, coltivato con amore e cure infinite, lavorando con un team di base composto dal contrabbassista Jino Touche, dal batterista Daniele Di Gregorio e dal fisarmonicista e polistrumentista Massimo Pitzianti, con altri interventi dei suoi musicisti. Il disco si intitola “Una faccia in prestito” ed è con ogni probabilità il suo album più maturo da sempre. Dentro ci sono gli elementi tipici della “canzone alla Paolo Conte” che pure non smettono mai di stupire: la “grazia plebea” della musica, il gusto del “pastiche” vero e falso, fra epoche e stili diversi, il piacere di testi sonori, fantasiosi con una lingua che ribolle di capricci e invenzioni (il pidgin di “Sijmadicandhapajiee”, lo spagnolo virtuale di “Danson metropoli” e “Vita da sosia” ). ....continua

“La Raldo” -

Settembre 2007


LO STREGATTO Bar

VIA CAPPELLAI, 1 - 14100 ASTI - TEL. 0141 530368 www.lostregatto.it

GROSSO ELETTRODOMESTICI LISTE NOZZE VIA GARETTI, 16 - ASTI - TEL. 0141595639


Il Palio... di Paolo Conte Nel 1996 esce in europa l’album “the best of paolo conte” I venti brani che compongono l’album rappresentano la prima vera antologia della carriera di Conte: canzoni che trovano tutte posto nella storia della canzone italiana: da “Azzurro”, “Bartali” e “Genova per noi” a “Boogie” e “Via con me”, tutte eseguite nel famoso stile contiano. Oltre ai pezzi più conosciuti, sono presenti i brani preferiti dell’autore: da “Colleghi trascurati”, a “Max” e “Gong Oh”. nel 1998 il best viene poi pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti su etichetta americana Nonesuch e all’uscita segue un tour di successo (New York, Boston, Los Angeles, San Francisco). Nel 1998 esce un nuovo doppio album live,“Tournée 2”, una sorta di seguito di “Tournée”, in risposta alle richieste continue ed entusiastiche del pubblico. Nessuna delle canzoni presenti in questo album doppio era mai stata pubblicata prima di allora in versione live, e una parte di queste appare qui per la prima volta incisa su un disco: la strumentale “Swing”; “Legendary” e “Irresistible” (interpretata da Ginger Brew); “Nottegiorno” e “Roba di Amilcare”, omaggio all’amico e patron del Club Tenco di Sanremo Amilcare Rambaldi poco prima scomparso. Il 24 marzo 1999 Paolo Conte riceve l’onorificenza italiana di Cavaliere di Gran Croce. Nel 2000 si realizza un progetto che Paolo Conte sognava da vent’anni: “Razmataz”. Si tratta di un progetto multimediale legato ad un musical che porta lo stesso nome ambientato nella Parigi degli anni Venti, nel periodo e nel luogo che Conte vede come il punto d’incontro e di fermento culturale di tutte le avanguardie del ventesimo secolo. La storia, che nello specifico narra l’incontro tra la vecchia Europa e la nuova musica nera, è stata illustrata da 1800 disegni eseguiti da Conte e trasformata in un’opera video su DVD, accompagnata da musica e dialoghi. L’album contiene stralci di musica d’atmosfera del passato oltre ad una serie di canzoni in un’interessante carrellata di stili in francese, italiano e inglese, e riflette le eccitanti innovazioni e fusioni di questo incrocio culturale della Parigi degli anni Venti. Il 15 maggio 2001 Paolo Conte riceve un’altra onorificenza, questa volta in Francia (Chevalier dans l’Ordre des Arts et Lettres”), mentre il 9 aprile 2003 riceve la laurea honoris causa dall’Università Degli Studi di Macerata in Lettere Moderne (con la seguente motivazione:“per aver tradotto in un linguaggio del tutto originale, ricco di significative trame testuali e poetiche, tipi, luoghi, situazioni, storie, atmosfere di aspetti dell’immaginario del nostro tempo”) Il 2003 è l’anno di “Reveries”, l’ultimo album di Paolo Conte realizzato appositamente per il mercato estero. Anzi, nasce su richiesta del mercato americano. Infatti, la prestigiosa etichetta americana Nonesuch (Ry Cooder,Joni Mitchell,Wilco,Philip Glass,Bill Frisell,etc.), che aveva pubblicato con grande successo nel 1998 un “best of”del nostro cantautore più amato all’estero (‘disco dell’anno’ per l’autorevole rivista ROLLING STONE), desiderava dare seguito al lavoro iniziato negli Usa dando al pubblico un nuovo album. PAOLO CONTE ha quindi riunito in studio i musicisti dell’orchestra che lo ha accompagnato in tutto il mondo negli ultimi due anni per il “Razmataz tour” ed ha registrato 12 nuove versioni di alcune perle del suo repertorio. Molteplici i motivi di interesse di queste nuove registrazioni. Ad esempio “Reveries”, brano che dà il titolo al disco, autentico capolavoro “nascosto”che sino ad oggi esisteva solo in una versione ‘live’ nel disco “Tournée”. Nuovi arrangiamenti permettono in questo disco di apprezzare classici di CONTE come “Dancing”,“Diavolo rosso” o “Sud America” nelle versioni note agli spettatori dei suoi magici concerti, versioni assai diverse da quelle pubblicate su disco negli anni ‘80. E di riscoprire gioielli come “Gioco d’azzardo” e “L’avance” che dimostrano quanto grande sia questo artista alle prese con vere e proprie strazianti “love ballads”. A completare il disco sono stati inseriti 4 brani tratti dai dischi “Paolo Conte” e “Novecento”. In seguito all’uscita americana, il disco viene ovviamente pubblicato anche nel resto del mondo, Italia compresa. E infine, nove anni dopo l’ultimo album in studio (“una faccia in prestito”), il 5 novembre 2004 arriva nei negozi il nuovo album “Elegia” (prodotto da Renzo Fantini e distribuito da Warner Music). 18 novembre 2005 - viene pubblicato “PAOLO CONTE LIVE ARENA DI VERONA”, il quinto album dal vivo di paolo conte: un doppio CD live che contiene anche un brano inedito dal titolo “Cuanta Pasión”. Contemporaneamente esce anche un Dvd che documenta il concerto del 26 luglio 2005 all’Arena di Verona. (Biografia aggiornata al Novembre 2005.)

archivio fotografico comune di asti - foto: mingo pasquale

“La Raldo” -

Settembre 2007


...per distinguersi non bisogna confondersi... A S T I VIA EMANUELE FILIBERTO, 6 - TEL. 0141 355087 CORSO L. EINAUDI, 64 - TEL. 0141 532707

articoli sportivi

P.ZZA MEDICI, 30 - 14100 ASTI TEL. 0141 598820

VIA C.BATTISTI, 26 - 14100 ASTI TEL. 0141 530776


1967-2007... 40 anni di Palio Quando abbiamo pensato di scrivere un articolo per La Raldo, su questo argomento, siamo stati tentati di esprimere le classiche opinioni degli “uomini di Palio”; magari sottolineando i problemi irrisolti, gli errori commessi e i pochi innovativi cambiamenti intrapresi dalla rinascita ad oggi. Ma poi, pensando al quarantesimo compleanno della nostra Festa, ci siamo resi conto che quasi tutti noi eravamo nati successivamente a quel 24 Settembre del ‘67. E’ per questo motivo che abbiamo cominciato a rileggere con avidità le cronache dei primi anni di Palio, cercando di ricordare quanto più possibile la nostra vita attraverso le immagini, gli articoli ed i commenti riportati sui giornali o nelle varie pubblicazioni che con molta cura sono stati da noi conservati. Quarant’anni non sono molti. Sono gli anni della completa maturazione di un uomo, per qualcuno -addirittura- l’inizio della seconda gioventù, ma sono comunque stati sufficienti per portare radicali cambiamenti nella storia del nostro Paese e nella vita di tutti noi. E’ attraverso la nostra Festa che molto spesso, per analogia cronologica, ricordiamo eventi anche molto diversi tra loro. E’ sufficiente guardare qualche foto o, semplicemente, rileggere l’ordine d’arrivo. Così riscopriamo episodi importanti, a volte gioiosi, a volte drammatici. Ci rendiamo conto che, nonostante tutto, il Palio è sopravvissuto al tempo ed agli eventi. Ha resistito a quattro decenni segnati dalle contestazioni, dal terrorismo, dalle calamità e dagli scandali, traendo linfa vitale dai momenti di felicità e dall’entusiasmo di noi appassionati che abbiamo consentito, insieme ai nostri predecessori, che compisse più di settecentotrentadue anni. In questo lasso di tempo, talmente lungo che è difficile da immaginare, è stato ritagliato questo breve periodo che ci ha resi protagonisti di un’avventura che vivrà ancora a lungo, osando, per sempre. Il Palio si rigenera ogni volta, accompagnandoci attraverso la storia, diventando sempre più autorevole, conquistando quella solida ripetitività che, per noi rionaioli, rappresenta, insieme, il primo e l’ultimo giorno dell’anno. Passato e futuro. Qualche volta gioia e orgoglio, molto spesso rimpianto e speranza. In fondo siamo cresciuti insieme, nonostante le parole bisbigliate e quelle urlate, convinti che nulla è stato per caso come non sono per caso le vittorie e le sconfitte. Consapevoli di essere parte della storia e, grazie al Palio, parte del futuro. Buon Compleanno a Lui ed a tutti noi. archivio fotografico rione san secondo - palio del giubileo giugno 2000

“La Raldo” -

Settembre 2007


...che Pezzi!

“La Raldo” -

Settembre 2007


Un po’di Relax...

“La Raldo” -

Settembre 2007


CESTERIA

Varenni Piero • • • •

vastissimo assortimento di cestini poltrone - articoli in giunco oggettistica presepi di tutto il mondo

VIA ALIBERTI, 16 - 14100 ASTI - TEL. 0141 595364 (da piazza San Secondo a sinistra)

Maldera e a i m o n o r t Gas sta Fresa Pa VIA ANTICA DOGANA, 11 - QUARTO INF. (AT) - TEL. 0141 293715 VIA CRISPI, 2 - 14100 ASTI - TEL./FAX 0141 592597


Cena Propiziatrice Sabato 15 Settembre 2007 Via Aliberti - ore 21,00 Menù del Santo Carne Cruda alla Sansecondina Barchette di Pomodori con Crema di Formaggi Freschi Fettuccine di Frittata con Salsa Agnolotti della Nonna con Burro Fuso e Salvia Tris di buona Carne Astigiana “Comodata” su letto di Verdure Nostrane Budino con Crema di Fragole Barbera a volontà

Per prenotazioni rivolgersi: • Fabrizio 338 6654017 • Mirko c/o Edicola p.zza San Secondo IN CASO DI MALTEMPO LA CENA SI TERRA’ AL COPERTO

“La Raldo” -

Settembre 2007


...nel cuore di Langa e Roero dalle trasparenze luminose del mare di Sardegna STR. PER PRIOCCA, 3 - SAN PIETRO DI GOVONE (CN) TEL. 0173 58445 - CELL. 333 4990858


Lotteria del Santo

Biglietti disponibili c/o: • Simona - Full Stop - C.so Alfieri • Mirko c/o Edicola p.zza San Secondo

“La Raldo” -

Settembre 2007


PIAZZA ALFIEIRI, 57 14100 ASTI TEL. 0141 595761

www.prenatal.com

VIA DEI CAPPELLAI, 9 - 14100 ASTI


Sansecondini crescono...

... in attesa di qualche nuovo galletto

“La Raldo� -

Settembre 2007


Le Accoppiate al Canapo

“La Raldo” -

Settembre 2007


Schema Batterie e Finale 1A BATTERIA

2A BATTERIA

3A BATTERIA

1

8

15

2

9

16

3

10

17

4

11

18

5

12

19

6

13

20

7

14

21

FINALE

“La Raldo” -

Settembre 2007


VIA G. PALAZZOLO, 30 - 14030 CERRO TANARO (AT) TEL./FAX 0141 409244

studio e realizzazione di vetrate artistiche restauro vetrate cattedrali formelle ed oggettistica in vetrofusione VIA SOLARI, 20 - 14100 ASTI - TEL. 0141 531369


www.assirein.com assirein@assirein.com

10121 TORINO - VIA XX SETTEMBRE, 54 TEL. 011.30.20.211 - FAX 011.30.20.255

La Raldo 2007  

Annuario Rione del Santo anno 2007

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you