Page 1

Mauro Mari, In Arte Maris domenica 18 marzo 12


Sommario Pag.2, Maris Pag.7, Biografia Pag.10, Gli esordi Pag. 14, A scuola dal maestro maledetto Pag. 18, Natura Pag. 22, Colore Pag. 27, Tratto e materia Pag. 32, Forma e sostanza Pag. 37, Verso il cerchio Pag. 42, Universi Pag. 47, MaturitĂ Pag. 50, Informazioni

domenica 18 marzo 12


Maris Ogni opera di Maris dona a chi la ammira un viaggio immaginario in un universo stupefacente creato da forme e colori illogici che compongono figure surreali nascoste nel profondo della nostra psiche. Ogni quadro riesce ad offrire molteplici interpretazioni dettate dall'uso dei colori che mischiandosi in composizioni astratte donano emozioni che rispecchiano lo stato d'animo dell'autore. Nei suoi dipinti Maris esprime le sue sensazioni, i suoi graffi contro le tele rappresentano le gioie e i dolori di una vita vissuta da un'Artista visionario che ha scelto uno stile audace ed individuale per esprimere i suoi sentimenti. L'uso dei colori e la forza delle incisioni sul dipinto variano in simbiosi alla sua personalità , ogni periodo della vita di Maris è rappresentato nei suoi quadri, racchiuso in mondi fantastici che rispecchiano serenità,tranquillità, ma anche ira, sconforto, sofferenza e angoscia.

domenica 18 marzo 12

Fuga evanescente (1988) 30 x 40


Scomposizione molecolare (2009) 40 x 50

domenica 18 marzo 12


Nuovi orizzonti (2003) 35 x 70 domenica 18 marzo 12


Racconti di viaggio (2003) 50 x 70 domenica 18 marzo 12


Notte di guerra (2010) 30 x 40

domenica 18 marzo 12


Biografia Mauro Mari, in arte "Maris" nasce a Siena il 24 Marzo del 1940, durante lo svolgimento della II guerra mondiale, figlio di un militare impegnato al fronte cresce molto in fretta abbandonando presto gli studi per aiutare la famiglia. Durante l'adolescenza inizia a dipingere, ma soprattutto a ricercare il suo metodo ideale, alla fine degli anni sessanta inizia ad esporre le sue opere prima in Toscana e successivamente in tutta Italia, ricevendo ottimi risultati sia di pubblico che di critica. Nel 1972, apre la galleria d'arte "San Frediano", che diventa un punto di riferimento per la pittura Toscana degli anni 70° e 80°, in quel periodo le sue opere raggiungono valori di mercato consistenti e di conseguenza si trasferisce a Firenze, città simbolo dell'arte e punto di riferimento internazionale della cultura di tutti i tempi. Paesaggio e avventura (2009) 45 x 70

domenica 18 marzo 12


Negli anni 80° tra i suoi sostenitori si evidenza il maestro “maledetto” Mario Schifano, che entusiasta delle opere di Maris decide di aiutarlo nel suo percorso artistico aiutandolo nella sua formazione e divenendo il suo maestro per un lungo periodo. Tra la fine degli anni 80° a metà degli anni 90° Maris conduce programmi di Arte su varie emittenti televisive toscane e nazionali, la sua esperienza viene messa a disposizione per il sostegno di altri colleghi e le sue esposizioni si interrompono, i quadri prodotti in questo periodo sono pochi, ma lo studio di nuove tecniche procede lontano dalle scene. Con l'arrivo del nuovo Millennio, Maris ha ricominciato a dipingere con più frequenza e un suo nuovo stile ha preso forma, la sua tecnica è stata spesso accostata al genere "Dripping / Drip art” noto nei quadri di Pollock, ma dietro alle sue creazioni c’è l’uso di tecniche miste e molto studio sul colore, qualità che lo rendono un’autore fuori dal comune e forse, con uno stile unico al mondo. Sogno amazzone (2000) 30 x 50

domenica 18 marzo 12


Maris, rappresenta la realtà esaltando i sentimenti con graffi di colore che creano un' inedita e folle armonia con aspetti futuristici e fantastici. Ogni quadro di Maris è assolutamente originale, ma nelle sue collezioni si riconosce il suo tocco audace e fuori dagli schemi. Le sue creazioni racchiudono al suo interno una introspettività creata dal connubio dei colori che creano immagini surreali dove ogni individuo che lo osserva, scopre un mondo fantastico differente, che gli appartiene in maniera univoca. Nel Giugno 2003, dopo una lunga pausa lontano dai riflettori, Maris, ha esibito una nuova collezione, la mostra ha ricevuto un successo inaspettato e sia il pubblico, sia la critica hanno risposto con entusiasmo a questo "ritorno" di uno dei più originali pittori Fiorentini attualmente in attività.

Dettaglio sogno (2012) 30 x 40

domenica 18 marzo 12


Gli esordi La prima opera firmata da Maris è datata “1965”, all’epoca l’autore poco più che ventenne ha cominciato a prendere confidenze con la pittura informale. I primi quadri realizzati raffigurano natura, paesaggistica e forme essenziali che con la maturazione e lo studio dell'artista si scompongono dando vita al caos creato dalle feste cromatiche ormai noto nelle sue opere. Pochi sono i quadri disponibili per quest'epoca perché nel 1986 la maggior parte dei pezzi sono stati trafugati.

Visione (1977) (35 x 25)

domenica 18 marzo 12


Colonica senese (1976)

CittĂ di Wendellin (1975)

30 x 40

30 x 45

Natura morta (1974) (23 x 40)

domenica 18 marzo 12

Momenti (1977) 30 x 40


Bufera di sabbia (1975) 40 x 50

domenica 18 marzo 12

Mare dei vapori (1977)

Flamengo (1974)

30 x 40

140 x 72


Regno dei fiori di pietra (1975) 70 x 120

domenica 18 marzo 12


A scuola dal maestro maledetto Un’incontro significativo nella carriera di Maris è stato quello con il maestro “Mario Schifano” che riconoscendone il valore artistico agli inizi degli anni ’80, l’ha invitato più volte presso il suo studio di Firenze per condividere esperienze artistiche e per incontri culturali. Dal maestro viene appresa l’arte della miscelazione dei colori e della rapidità nell’esecuzione, secondo l’opinione di Schifano i quadri dovevano essere finiti “prima” mentre dal punto di vista di Maris il quadro era sempre ancora incompleto.

domenica 18 marzo 12

Riguardo a questi periodi emergono 3 opere che Maris ha realizzato nello studio del maestro Schifano e che racchiudono al loro interno il connubio di questi 2 artisti. “Omaggio a Mario” che rappresenta uno degli stili che verranno più utilizzati da Maris in futuro, un’esplosione di tratti e linee colorate che formano paesaggi surreali. “Fiori di Mario” , uno studio sull’essenzialità e sulla “vita” dei fiori, soggetto che resterà comune alle carriere dei 2 artisti. “Incompiuto”, questa opera è il frutto di una stretta collaborazione dei 2 pittori dove Schifano ha partecipato attivamente, il titolo prende spunto da una diatriba dei 2 artisti dove Schifano avrebbe voluto lasciare l’opera così, mentre Maris avrebbe voluto aggiungere altri dettagli, la scomparsa improvvisa di Schifano ha fatto si che l’opera rimanesse come la voleva lui.


Paesaggio con Mario (1987) 40 x 80

domenica 18 marzo 12


Fiori di Mario (1988) 120 x 80

domenica 18 marzo 12


Incompiuto (1989) 60 x 95

domenica 18 marzo 12


Natura L’unico elemento concreto che si trova dipinto nei quadri di Maris è la natura, la sua carriera di pittore è cominciata disegnando fiori che con lo studio negli anni si sono trasformati in simboli essenziali travolti dal colore. Lo studio della natura è cominciato con il maestro Mario Schifano, anche lui ha dipinto Fiori e natura come Maris e nei loro quadri si può trovare ancora adesso qualche similitudine. La natura nei quadri di Maris rappresenta sempre la Vita, che come soggetto dell’opera, viene immerso in mondi immaginari trasmettendo sensazioni di pace o di irrequietezza. No droga (1999) 68 x 100

domenica 18 marzo 12


Fiori (1978)

Fiori in vaso (1998)

13 x 18

100 x 125

Ti regalo un rosa (2012) Mazzo di fiori (1978)

Vita e speranza (2009)

(15 x 18)

34 x 38

domenica 18 marzo 12

8 x 36


domenica 18 marzo 12

Fiori tristi (2011)

Fiori all’imbrunire (2011)

40 x 50

30 x 40

Fiori spaziali (2012)

Fiori di primavera (2012)

30 x 40

50 x 70


Fiori (1998) 38 x 48

domenica 18 marzo 12


Colore La percezione del colore e delle sue sfumature è senza dubbio la forza motrice dei dipinti di Maris, nei suo quadri si possono ammirare combinazioni e colori inediti, prodotti dall’artista grazie ad uno studio esasperato e una tecnica che si è affinata negli anni. Il colore che appare nei suoi quadri è carico di materia, toccando i dipinti si può percepire la loro compostezza proveniente da miscele di colore e di materiali che rendono l’opera piena in ogni sua parte. Ogni stato d’animo di Maris è stato caratterizzato da un colore che prevale nei suoi dipinti. Cascate di fiori (2000) 24 x 18

domenica 18 marzo 12


domenica 18 marzo 12

Volo (2012)

Arcobaleno (2000)

40 x 50

40 x 50

Concerto di molecole (2000)

Emisfero destro (2009)

77 x 68

50 x 70


domenica 18 marzo 12

Carnevale (2012)

Happy (2011)

60 x 90

30 x 40

Brasile (2012)

Senza preavviso (2011)

60 x 90

50 x 70


Verso la speranza (2009) 40 x 50

domenica 18 marzo 12


Gioia di vivere (2005) 40 x 50

domenica 18 marzo 12


Tratto e materia Una delle peculiarità della tecnica di Maris è l’uso della materia, frutto di uno studio sui prodotti che gli è valso anche consulenze per l’industria della vernice. La miscela dei prodotti utilizzati nei suoi dipinti proviene da numerosi test che hanno coinvolto prodotti inusuali e non utilizzati nel mondo della pittura tradizionale. L’artista nella sua carriera ha dipinto su diversi tipi di superficie, tra le sue collezioni si possono trovare disegni su sassi e altri materiali, opere anomale che si collocano a metà tra la pittura e la scultura. Negli anni Maris ha dato intendere che per lui il supporto non è mai stato un limite, in molte opere infatti, si trovano delle immagini anche sulla cornice dove sembra che l’opera voglia uscire per trovare asilo nel mondo reale. domenica 18 marzo 12

Ricordo e avanti (2010) 27 x 35


domenica 18 marzo 12

Vita mia oggi (2009)

Luce di speranza (2009)

40 x 50

40 x 50

Profondo rosa (2003)

Lotta di draghi (2009)

25 x 30

40 x 50


domenica 18 marzo 12

Atmsosfera rilassata (2009)

Covoni di grano (2012)

40 x 50

30 x 40

Groviglio di idee (2008)

Spazio viola (2011)

40 x 50

40 x 50


Sogno irreale (2009) 50 x 70

domenica 18 marzo 12


Madrid (2011) 50 x 70

domenica 18 marzo 12


Forma e sostanza In questa capitolo si evince come la tecnica astratta di Maris comincia a dar vita a sagome stilizzate che si fondono in uno scenario fantastico e surreale. Nelle sue rappresentazioni Maris, evidenzia queste forme con tratti decisi e in armonia con il resto dell'opera, ma anche con accoppiamenti pungenti che sembrano azzardati, ma che invece donano all’elemento un'immensa originalità . Sono poche le opere dove il soggetto sia ben definito, ma in alcuni quadri l'immagine rappresenta oggetti ben chiari come cuori o lettere che compongo messaggi surreali e misteriosi. La piovra (2012) 60 x 90 domenica 18 marzo 12


domenica 18 marzo 12

Ieri, oggi e domani (2009)

Onda Rossa (2012)

65 x 95

50 x 60

LibertĂ infinita(2003)

Ti ho tanto cercato (2003)

65 x 53

40 x 50


Ricordo spazzato via (2003) 80 x 45

Vita sotto il mare (2008) 87 x 64

domenica 18 marzo 12

Scomposizione interna (2002)

Amor finito (2000)

120 x 180

30 x 50


Grande cuore (2008) 50 x 60

domenica 18 marzo 12


Figure bianche (2010) 18 x 14

domenica 18 marzo 12


Verso il cerchio Tra le forme che ossessionano Maris c'è la figura del cerchio, in molte opere si nota l'evoluzione di queste sagome che si dissociano dalla geometria ed entrano a far parte di un universo tempestato di colori. Queste figure in natura perfette vengono esasperate da una vitalità irrefrenabile che le trasforma in macchie imperfette o in spirali ricche di materia, che grazie a sovrapposizioni cromatiche emergono nel caos dell'opera dandogli una struttura inedita e forse, mai utilizzata nel mondo dell'arte informale. Vortice a vita (2004) 44 x 60

domenica 18 marzo 12


Verso il cerchio (1979) 35 x 95

Vortici liberi (2012) Vortice triplo (2012) 60 x 90

domenica 18 marzo 12

50 x 60


Buone notizie (2009) 40 x 50 domenica 18 marzo 12


Gira l’emozione in vortice (2004) 80 x 55

domenica 18 marzo 12


Vortici e la vita continua (2010) 81 x 44

domenica 18 marzo 12


Universi Nell’astrattismo dei quadri di Maris si evince una ricerca nella rappresentazione di universi fantastici, in queste rappresentazioni il caos da spazio a tratti che ricordano paesaggi fantastici travolti da tempeste di colore. Alla fine degli anni 90 sono state molte le opere realizzate con questo stile e molte di queste sono state realizzate su strutture corte e larghe.

Panorama (1999) 35 x 50

domenica 18 marzo 12


Amore spezzato (2003)

Collage del mondo (2000)

30 x 40

80 x 100

Speranza (2003) 55 x 100

domenica 18 marzo 12

MalvagitĂ premeditata (2003) 50 x 90


domenica 18 marzo 12

Pensiero fisso sospeso (1980)

Paesaggio (2003)

25 x 50

30 x 40

Trionfo (2003)

Figura in trasparenza (1997)

25 x 50

38 x 48


Preistoria (2005) 30 x 40

domenica 18 marzo 12


Apocalisse interiore (2002) 40 x 50 domenica 18 marzo 12


Maturità Dopo oltre quarant’anni di carriera Maris ha dimostra una maturità riconosciuta in tutto il mondo dell’arte, la sua tecnica si è sempre più perfezionata distanziandosi dai generi tradizionali e rendendo le sue opere uniche. Nel mondo sono molti i pittori che dipingono quadri astratti, ma in Maris si nota la coerenza che l’ha portato ad insistere sul suo genere anche in epoche dove la moda dava ragione ad opere più essenziali. Le ultime rappresentazioni di Maris rispecchiano la sua esperienza e tra i suoi graffi astratti si può dedurre che niente è dettato dal caso.

Embrioni (2012) 30 x 40

domenica 18 marzo 12


domenica 18 marzo 12

Drago nero (2012)

Masai (2012)

30 x 40

50 x 70


Faccia libera (2012) 40 x 50

domenica 18 marzo 12


Informazioni Maggiori informazioni riguardo a Mauro Maris le potete trovare nel suo sito internet ufficiale: www.mauromaris.com. Le sue opere sono in vendita via web, nelle sue mostre e in molte gallerie italiane ed estere. Potete seguire l’artista sui vari social network o contattarlo direttamente per essere informati sulle sue attività .

http://www.facebook.com/mauromaris

www.twitter.com/Mauromaris

http://www.linkedin.com/pub/mauro-maris/49/b6/179

http://www.youtube.com/user/pittoremaris

http://www.behance.net/mauromaris

http://www.saatchionline.com/Mauromaris

Contatta Maris Via Email

Mauromaris@yahoo.it domenica 18 marzo 12

Profile for Mauro Mari

Mauro Mari in arte Maris  

Vita e opere del pittore astratto fiorentino

Mauro Mari in arte Maris  

Vita e opere del pittore astratto fiorentino

Advertisement