Issuu on Google+


C’era una volta un posto lontano lontano, chiamato Chiaramonte. Solo pochi sapevano dell’esistenza di questo regno e della città incantata costruita in una caverna al centro della montagna. La città era tutta bianca ed era illuminata da una luce bellissima che proveniva dalle pareti della caverna. Il re di questa città era un bambino di nome Gianni che era diventato re quando aveva deciso che sarebbe rimasto per sempre bambino. In questa città erano arrivati in pochi ma da tutte le parti del mondo e ognuno parlava la lingua del suo paese però cantando. Si proprio così. In questa caverna si sentiva una musica magica che faceva capire i pensieri e le intenzioni degli altri. Nessuno si vergognava dei propri pensieri perché tutti sceglievano di comportarsi bene.


Il re Gianni viveva in una casetta di cristallo per poter guardare sempre la luce della caverna; infatti a Chiaramonte non veniva mai la sera e chi era nato lì non aveva mai visto il buio. Nella Sua casetta non c’era un lettuccio perché Gianni non dormiva mai ma c’erano pennarelli colorati e tante porticine di varia misura.


Quando andai a trovarlo per la prima volta chi chiesi a che servivano tutte quelle porticine e lui mi rispose che c’e ne era una per gli uomini una per gli animali una per i geni una per le piante una per i sassi e una per gli angeli. Tutti andavano spesso a trovarlo perché era bellissimo e stare con lui riempiva il cuore di gioia. Gianni riceveva con eguale piacere anche la visita degli scarafaggi dei serpenti e delle zanzare e nessuno di loro lo infastidiva mai. I bambini di Chiaramonte bevevano sempre il succo di un frutto che si chiamava lanana, che faceva passare la fame la sete e il sonno. Così potevano giocare tutto il giorno. Ma poi giocavano solo un po’ perché preferivano cantare. A tutti cantavano e quando non cantavano ascoltavano il canto. Ogni tanto il re Gianni chiedeva a qualcuno di uscire nel mondo per fare dei lavoretti, e quando succedeva nella città si sentiva un’aria di eccitazione. Un giorno chiesi al re Gianni “Perché mandi nel mondo i bambini di Chiaramonte? Non pensi che soffriranno lontani da casa, senza poterti vedere, e se qualcuno facesse loro del male?” Lui mi rispose che solo uscendo nel mondo potevano apprezzare pienamente quello che avevano a casa. Nessuno poteva rubare quello che si portavano nel cuore e al loro ritorno sarebbero stati ancora più belli e felici. Così il re Gianni chiamò quattro bambini e li mandò a cantare nelle quattro direzioni del mondo: il nord, l’ovest, il sud, e l’est. Ma prima di lasciarli andare gli disse: “io vi mando a cantare nel mondo perché voglio farvi un dono, donerò a tutti voi un mio canto e in più a quello che scoprirà il segreto di quel canto faro un dono veramente speciale: sarà lui la mia voce nel mondo e anche i suoi figli e nipoti per sempre.


Così il bambino Paolo andò verso i nord con il suo tamburo e portò con se delle coperte per proteggersi dai rigori dell’inverno. Suonò in tutti i villaggi e i paesi che incontrò e le persone che lo ascoltavano diventavano subito più allegre. Chi aveva litigato con qualcuno faceva subito pace e si sedevano insieme ad ascoltare il ritmo del tamburo. La bambina Lulù andò a sud con il suo flauto di legno e portò con se un ombrellino per proteggersi dal forte sole estivo. Quando cominciava a suonare tutti stavano attenti a non fare nessun rumore perchè il suono del suo flauto era leggero e delicato come una nuvola. Appena aveva finito di suonare, chi aveva dimenticato qualcosa la ricordava e chi aveva perso qualcosa la trovava. Inoltre gli alberi secchi o colpiti dal fulmine tornavano subito verdi. Il bambino Momo andò a ovest con la sua arpa e si portò un bel mantello per proteggersi dal vento dell’autunno. Girò e girò, cantando e suonando e le persone che lo ascoltavano imparavano cosa vuol dire amare qualcuno. Anche le persone più egoiste decidevano subito di donare qualcosa.


La bambina Nina andò a Est con la su voce incantata e il suo libro di canzoni dritto dritto verso la primavera. Ma nei posti dove arrivava tutti la trattavano malissimo. Appena cominciava a cantare le dicevano subito “basta, basta, vai via da qui o ti cacciamo noi” e così in ogni villaggio e paese e nazione. Passarono 40 lunghi anni e i bambini tornarono ad Chiaramonte; appena arrivati si recarono subito dal re Gianni a raccontare del loro viaggio. Il re ascoltò con molta attenzione i racconti di tutti i bambini e all’inizio rideva gioioso, ma quando ascolto il racconto di Nina i suoi occhi si riempirono di lacrime. E le chiese “Mia cara e dolcissima Nina, dimmi perché hai continuato a cantare per tutti questi anni se quello che ricevevi in cambio era così brutto?”. Nina si avvicinò al re e le disse in un filo di voce “ Come avrei potuto mai smettere di cantare la tua canzone, al solo pensarci il sole avrebbe smesso di sorgere e la pioggia avrebbe smesso di cadere; la canzone che mi hai dato è la più bella del mondo”. Era arrivato il momento dei doni, e tutti aspettavano di scoprire cosa avrebbe regalato il re Gianni ad ognuno dei bambini. Di solito erano regali veramente speciali e nessuno era mai riuscito a indovinarne uno.


La bambina Lulù ricevette una giostra, ma siccome era la prima giostra del mondo nessuno sapeva cosa fosse. Allora i re Gianni disse “Cara Lulù questa giostra è un gioco. E’ tonda e gira come un piccolo mondo. I bambini vorranno pagare il loro biglietto ed entrare attirati dalla musica e dai tanti animali colorati, e faranno un giro e poi un altro. Ma alla fine i loro genitori diranno che è ora di tornare a casa”. Anche tu guardando la giostra ti ricorderai che verrà il momento di tornare da me. Tu hai avuto un grande dono, adesso spetta ai tuoi figli portarlo nel mondo”. Il bambino Paolo ricevette un albero, un albero speciale come mai nessuno ne aveva visto fino a quel momento, Sembrava un abete o un pino per la sua forma appuntita. Ma non era un semplice albero, perché appesi ai suoi rami c’erano delle sfere luccicanti che cambiavano forma e colore dal basso verso l’alto. Sembrava che ci fossero tanti piani e che ogni piano avesse il suo tipo di sfere e di luci. In punta c’era una specie di stella che se si guardava da vicino sembrava il volto di re Gianni ma in realtà non aveva nessuna forma. Il bambino Paolo disse “che bello!! Ma cos’è?” semplicemente, come solo i bambini sanno chiedere, e re Gianni rispose: “ Quest’albero sei tu, mio amico Paolo, strano che non ti riconosci!, Io ho solo messo uno specchio davanti a te e adesso stai guardando le tue luci. Le sfere colorate sono i mondi che vedi dentro di te, quando oltrepassi la strada di stelle.”. “Ma io pensavo di essere un bambino, e non un albero!” rispose Paolo. Il re Gianni pianse tre lacrime che vennero subito raccolte da piccole farfalle e rispose così: “Molti trattano male se stessi e gli alberi perché non riescono più a guardarsi allo specchio, ma da oggi in poi ci sarà un giorno dell’anno in cui tutti copriranno gli alberi di luce e forse qualche bambino chiederà al papa o alla mamma perché succede. Forse qualcuno vorrà vedere veramente il suo albero illuminato a festa. Tu hai avuto un grande dono, adesso spetta ai tuoi figli portarlo nel mondo”.


Il re Gianni chiamò quindi il bambino Momo e gli disse: “ chiama a te i tuoi tre compagni e ognuno di voi porti con se tre bambini, perché ti voglio dare in dono il cerchio perfetto. Il re Gianni disse ai dodici bambini di mettersi in cerchio e di darsi la mano, poi cominciò a cantare come non aveva mai cantato. Nessuna parola può spiegare il significato del suo canto, e nessuna musica suonata con chitarra pianoforte o voci può sembrare quella musica. Il re Gianni guidava i movimenti dei bambini che incominciarono a girare in tondo mano nella mano, e quando si fermarono gli disse: “Voi siete i dodici soli, voi siete le ore del giorno e della notte, voi siete i mesi dell’anno, voi siete i semi del mondo che deve venire. A te Momo, dono questo girotondo, adesso spetta ai tuoi figli portarlo nel mondo”. Quando si avvicinò la bambina Nina tutti sapevano che avrebbe ricevuto un dono meraviglioso e come sempre cercavano di indovinare cos’era. Ma nessuno, dico nessuno era mai riuscito fino ad ora ad indovinare i doni del re perché lui riusciva sempre a sorprendere tutti con qualcosa di veramente unico e raro. Quella volta il re chiamo Nina vicina vicina e le diede in mano due chiavi, una d’oro ed una d’argento. Il bambino più piccolo, che si chiamava Emanuele, si avvicino e disse le parole che in quel momento tutti stavano pensando: “A cosa servono quelle chiavi? E perché sono due?”. Il re Gianni amava molto Emanuele, lo prese in braccio e gli rispose, parlando forte per farsi sentire da tutti: “La chiave d’oro serve per aprire, la chiave d’argento serve per chiudere”. La risposta non l’aveva capita nessuno, e un lungo silenzio scese in mezzo a loro fino a quando Emanuele non si decise a continuare: “Ma aprire e chiudere cosa? Qui da noi non ci sono serrature nelle porte né cancelli o casseforti”. Così il re Gianni rispose: “Queste sono le chiavi del cielo e della terra, aprono e chiudono qualsiasi cosa in qualsiasi mondo di materia o di luce, aprono e chiudono le porte anche dove non ce ne sono, perché queste chiavi sono state create prima di tutte le porte. Aprono le porte del tempo che è passato per tornare indietro o del tempo che deve ancora arrivare, perché quando ho fatto queste chiavi il tempo non c’era ancora.


Allora la bambina Nina, che fino a quel momento era stata in silenzio chiese al re: “Grazie re Gianni, tu mi hai fatto un grande dono e i miei figli saranno felici di portarlo nel mondo, vorrei però chiederti se queste chiavi possono aprire tutte proprio tutte le porte”. Il re Gianni pianse tre lacrime di gioia che furono subito raccolte dalle farfalle e rispose così alla bambina Nina: “Mia amata e preziosa bambina, tu hai subito capito il segreto di queste chiavi perché conoscevi il segreto del mio canto. Quelle chiavi come ti ho detto aprono e chiudono qualsiasi porta nell’intero cosmo e nei reami della luce pura, ma c’e una sola porta che non riconosce quelle chiavi. Tu sola mia amata, vedi davanti a te la porta e possiedi dentro di te la chiave.


Ero stato ospite del re Gianni per un tempo che non so definire perché a Chiaramonte non c’erano orologi ne calendari. Ma venne il tempo di tornare al mondo da cui ero venuto e che mi sembrava adesso così strano e lontano. Il re Gianni mi chiamò e mi disse “Non lascio mai andar via da qui nessuno senza aver dato uno dei miei doni, dimmi allora cosa vorresti portare con te da Chiaramonte, noi abbiamo qualsiasi tipo di pietra preziosa e con l’oro ricopriamo le strade e i sentieri”. Raccolsi tutto il coraggio che avevo e dissi con un filo di voce: “ Mio caro ed amato re Gianni, i bambini mi hanno detto che il frutto del lalana che ho tanto bevuto qui a Chiaramonte fa dimenticare tutto quando si torna nel mondo. Io ti chiedo di potermi ricordare di te, perché non ho mai visto niente di più bello”. Il re Gianni pianse tre lacrime di gioia che vennero subito raccolte prima che si staccassero dal suo volto, poi disse: “Il ricordo di Chiaramonte viene cancellato perché pochi riescono a vivere in un mondo buio e difficile come il tuo con un ricordo così bello. Ma se pensi di sopportarlo, potrai ricordare. Io gli risposi che non potevo pensare ad un regalo più bello del suo ricordo, ma come sempre il re Gianni sapeva superare con i suoi doni, qualsiasi previsione. Facendomi l’occhiolino mi chiese “da dove proviene la luce di Chiaramonte?”. Io risposi, con grande sicurezza, che la luce veniva dalle pareti della caverna che sembravano accese da un fuoco che non faceva fumo. Allora lui continuò dicendo “se devi portare con te un ricordo di Chiaramonte allora che il ricordo sia vero! Guardami!” Allora, per la prima volta, lo vidi come non lo avevo mai visto, Lui era la luce di Chiaramonte, che passava attraverso la sua casetta di cristallo, si rifletteva nelle pareti della caverna e illuminava quel mondo incantato. Senza di lui non ci sarebbe stata ne luce, ne città, ne caverna. Lui era la luce di quel mondo. Lui era la luce del mondo. Quando arrivò il momento di lasciare la città il re Gianni suonò per me il suo tamburo magico.


Quello era uno dei pochissimi strumenti musicali di Chiaramonte perché la musica era presente naturalmente ogni volta che qualcuno voleva ascoltarla. Infatti c’era chi la ascoltava sempre. Ma quello sembrava proprio il tamburo di cui mi avevano raccontato la storia. Qualcuno insiste nel dire che fu il primo tamburo del mondo ed era stato costruito quando la città era ancora bambina e il mondo non conosceva nessuno strumento musicale. La storia dice che c’era un buco tondo nella terra dentro il quale, chi veniva da fuori si fermava un po’, prima di vedere il re Gianni. Bastava entrarci e si lasciavano tutti i dolori e i pensieri del mondo. Un giorno arrivò a Chiaramonte una capra bianca e nera che aveva 72 anni e aveva come ultimo desiderio di vedere il re prima di morire. Di solito non muore quasi nessuno a Chiaramonte, ma quella capretta morì proprio mentre il re Gianni le stava carezzando il muso. Il re Gianni ordinò che la sua pelle fosse distesa sopra il buco tondo nella terra e nacque così il primo tamburo. Quando si suonava quel tamburo, il suono Tum Tum, come il battito di un grande cuore, faceva tremare le pareti della caverna e se era stato tanto caldo comparivano neri nuvoloni tonanti. Poi, per tanto tempo, nessuno costruì più nessun tamburo fino a quando arrivò a Chiaramonte uno strano tipo un po’ matto che non si accontentava di ascoltare la musica o cantare. A lui piaceva tenere il ritmo e lo faceva con qualsiasi oggetto gli capitasse fra le mani. Così il re Gianni gli regalò il manto della capretta e questa volta si costruì un tamburo di legno a forma di clessidra che si poteva portare in giro per la città. Spesso si vedeva una fila di bambini che lo seguivano come incantati su e giù per la città. Un giorno chiesi a quell’uomo come fosse arrivato a Chiaramonte, visto che nella caverna non ci sono porte o aperture. Lui mi rispose che era salito sul monte attirato dai colori dell’alba, e si era fermato a metà della salita. Poi aveva preso un sentiero e si era fermato a metà del percorso. Poi aveva chiuso gli occhi e le orecchie e aspettato fino a quando tutti i pensieri, le paure e i desideri se ne fossero andati via. Solo allora vide davanti a se la luce di Chiaramonte che lo avvolse. E si trovò proprio faccia a faccia con re Gianni. Gli chiesi questo perché io non ricordavo nulla del mio arrivo e so che non sarei stato capace di tornare ancora. Ma il re Gianni che mi conosceva bene mi rassicurò dicendo che per chi lo desidera Chiaramonte e più vicina di ogni altra cosa al mondo.


Profilo biografico di Maurizio Salamone Nato a Palermo il 30 marzo 1967, conseguo una laurea in Scienze Biologiche. Collaboro come docente e tutor a numerosi corsi finanziati dal F.S.E. e F.R.E e realizzati dal C.E.S.A.T. Conseguo, nel giugno 1993, un MBA biennale e bilingue presso l’ISIDA Business School con indirizzo Marketing tradizionale, CRM e comunicazione d’azienda. Conseguo, nel 1995, una laurea in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Palermo. Dopo una breve parentesi internazionale presso la Pfizer inc. di New York, dipartimento Innovazioni Strategiche, assumo, nel 1996, l’incarico di Informatore Scientifico del Farmaco presso Neopharmed spa, azienda del gruppo Merck Sharp & Dohme. Conseguo la certificazione Lean Six Sigma Green Belt. Mi interesso attivamente di Marketing, CRM e comunicazione. Collaborato con Web Marketing Tools nell'area Marketing Strategico, scrivendo principalmente di Marketing strategico e Below the Web (forme alternative di presenza sulla rete oltre al sito). Nel tempo libero sono un internauta curioso e un visionario analista della complessità Curo il blog “Guardare il mondo con occhi diversi:http://mauriziosalamone.blogspot.com/ Ho fondato e modero il gruppo Nord Est Creativo su Linkedin http://nordestcreativo.wordpress.com/ Maurizio Salamone’s Biografy Maurizio serves as Executive Sales Representative at Neopharmed -Merck & Co. At present, Maurizio is a member of ASQ and AIISF. He founded and is the moderator of Nord Est Creativo’s group in Linkedin. Maurizio attended ISIDA business School where he studied Marketing and Customer Relation Management and earned a Master in Business Administration degree in 1993. He also attended University of Palermo, Italy where he studied Natural Sciences and earned a Bachelor degree in 1995 and University of Palermo, Italy where he studied Biology and earned a Bachelor’s degree in 1989. Maurizio's core expertise includes Traditional and Web Marketing, Competitive Itelligence, Change management, and Lean Six sigma, (green belt certification March, 2008). Founder and moderator of Nord Est Creativo’s group in Linkedin http://nordestcreativo.wordpress.com/ In his personal time, Maurizio is an Internaut and visonary analyst of complexity. My blog: http://mauriziosalamone.blogspot.com/


IL MONDO DI GIANNI