a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:17 Pagina 3

Livein LIS edizioni · bimestrale · anno 10 - nº 50 - luglio 2019 · € 15,00 · $ 30,00

10 n°50!

years


COVER DOPPIA N. 50 IPERDEF.qxp_Layout 1 16/07/19 13:02 Pagina 1

L

Livein

nº 50 luglio 2019

LIS edizioni · bimestrale · anno 10 - nº 50 - luglio 2019 · € 15,00 · $ 30,00

10 n°50!

years

Editorial by Matteo Tornielli en years of publication, number 50.In many different ways it is a huge goal. A goal yes, a point of arrival no. We have pride and are proud to have arrived so far, this is certain, but at the same time we still have so many projects, so many changes and so many things that we would like to achieve that certainly do not make us feel that we have arrived but, as we were ten years ago, on the way. Many are the people to whom thanks are due for these 50 numbers, many of them are still close to us, others have taken other roads and other anchors, unfortunately. They are not with us anymore. To them, to all of them, we dedicate this particular issue, a number that celebrates not only 10 years but also a series of changes, new partnerships and new challenges that we are going to face. What is special about this issue is dedicated to 10 people, among the many we met, who allowed us to interview them, who used our pages to tell their stories and who, in different ways, contributed to raising the quality of our magazine, To them, as to all the others that for reasons of space have not found a place in the pages of this issue, should be our most heartfelt thanks. Finally, thanks to you readers, without you none of this would have been possible. We hope to continue to have your loyalty to face new challenges together. n Thanks and, as always, good reading.

T

ieci anni di pubblicazione, numero 50. Che lo si voglia ammettere o no è comunque un traguardo. Un traguardo si, un punto di arrivo no. Siamo fieri ed orgogliosi di essere arrivati sin qui, questo è certo, ma allo stesso tempo abbiamo ancora tanti progetti, tanti cambiamenti e tante cose che vorremmo realizzare che non ci fanno certo sentire arrivati ma, come eravamo dieci anni or sono, in cammino. Molte sono le persone alle quali è doveroso un ringraziamento per questi 50 numeri, molte di loro ci sono ancora vicine, altre hanno preso altre strade ed altre ancora, purtroppo, non ci sono più. A loro, a tutte loro, dedichiamo questo numero particolare, un numero che celebra non solo i 10 anni ma anche una serie di cambiamenti, di nuove partnership e di nuove sfide che ci accingiamo ad affrontare. Lo speciale di questo numero è dedicato a 10 persone, tra le tante che abbiamo incontrato, che ci hanno permesso di intervistarle, che hanno usato le nostre pagine per raccontarsi e che, chi più e chi meno, hanno contribuito ad innalzare la qualità della nostra rivista, A loro, come a tutte le altre che per motivi di spazio non hanno trovato posto tra le pagine di questo numero, va il nostro più sentito ringraziamento. Infine un ringraziamento a Voi lettori, senza di Voi nulla di tutto questo sarebbe stato possibile. Speriamo di continuare ad avere la Vostra fiducia per poter affrontare le nuove sfide insieme. n Grazie e, come sempre, buona lettura.

D


COVER DOPPIA N. 50 IPERDEF.qxp_Layout 1 16/07/19 13:02 Pagina 2


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:17 Pagina 4


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 5


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 6


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 7


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 8

Summary SPECIALE

10 years n° 50! 20 24 28 32 36 40 44 48 52 56 60

Style

8

64 68 72 76 80 86 88 92 96

Un paio di occhiali per... La voce della moda Voglia di mare Curvy: femminilità oltre il tempo Bonneville, l’irresistibile fascino... The Staten Island Ferry Una SPA verso l’infinito Hotel De Russie Spazio Livein Villa Ca’ Dura

Racconti di Stile Riccardo Illy Silver Ennio Doris Guido Elmi Kevin Harrington Marco Montemagno Valeria Benatti Enrico Bartolini Carla Gozzi Ivana Spagna


Progetto1.qxp_Layout 1 16/07/19 13:21 Pagina 9

y

Artroom 100 108 114 118 120

Photology Air 2019/2020 Nulla dies sine flore Marco Glaviano the ‘80s Cosplay Dalle foreste alle...

Spirits&Cigars 122 128 132 136 140 144

Giancarlo Mancino La Gloria Cubana Romeo Y Julieta Puro Habano Night VI Mole di Fumo Spritz of Italy

Sport

148 Giocare a Golf in America 154 Business Club 2019 158 Turkish Airlines 9


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 10

by Joseph Ralph Fraia

FRoM

NEW YORK summer filled with events, happenings, parades, concerts, movies on rooftops and an amazing number of new venues, markets, terraces, public areas and social spaces. A whole new ecosystem of outdoor locations in which people can enjoy the beautiful season throughout the five boroughs: in Midtown West the new futuristic neighborhood of Hudson Yard was inaugurated last March and has already become a major attraction, especially thanks to ‘The Vessel’, the masterpiece of contemporary architecture that allows visitors to climb the numerous stairs all the way to the top to enjoy a stunning view of the Hudson River and Midtown Manhattan. On the East End of Downtown Manhattan this year the fuzz is all about the Pier 17 area, inaugurated last year but fully developed and completed last winter, with its terraces, fancy star-chef restaurant and the beloved new mini ferry system on the East River. In Staten Island recently opened the Empire Outlet, the first and only official Outlet open in New York City right now. You can now enjoy a cool free ride on the Staten Island Ferry and pay a visit to this bargains-heaven on the Big Island. In Queens the whole waterfront area of Long Island City has been renovated and modernized, and features new green public spaces, revitalized by the new mini ferry service. Last but not least, in Brooklyn the whole front river area, from Greenpoint to Brooklyn Bridge Park is a strip of land filled with new restaurants, theaters, hotels and rooftop bars, and food market with the unique Brooklyn-vibe: large spaces, high ceilings, relaxed environment and laid-back people. n Do you need more reasons to enjoy this summer?

A

10

n'estate piena di eventi, ritrovi, sfilate, concerti, film sui tetti e un numero incredibile di nuovi locali, mercati, terrazze, aree pubbliche e spazi sociali. Un intero nuovo ecosistema di luoghi all'aperto in cui le persone possono godersi la bella stagione nei cinque quartieri di NY: a Midtown West il nuovo futuristico quartiere di Hudson Yard è stato inaugurato lo scorso marzo ed è già diventato una grande attrazione, soprattutto grazie a "The Vessel", il capolavoro di architettura contemporanea che consente ai visitatori di salire le numerose scale fino in cima per godere di una vista mozzafiato sul fiume Hudson e Midtown Manhattan. Nell'East End di Downtown Manhattan, quest'anno l’attenzione è tutto incentrata sull'area del Pier 17, inaugurata l'anno scorso ma completamente sviluppata e completata lo scorso inverno, con le sue terrazze, i lussuosi ristoranti stellati e l'amato nuovo sistema di mini traghetti sull'East River. A Staten Island è stato recentemente aperto l’Empire Outlet, il primo e unico Outlet ufficiale aperto a New York in questo momento. Ora puoi goderti un fantastico giro gratis sul traghetto per Staten Island e fare una visita a questo paradiso degli affari sulla Big Island. Nel Queens l'intera area del lungomare di Long Island City è stata ristrutturata e modernizzata e presenta nuovi spazi pubblici verdi, rivitalizzati dal nuovo mini servizio di traghetti. Ultimo ma non meno importante, a Brooklyn l'intera area del lungo fiume, da Greenpoint a Brooklyn Bridge Park è una striscia di terra piena di nuovi ristoranti, teatri, hotel e rooftop e mercati alimentari con l'atmosfera unica di Brooklyn: ampi spazi, alti soffitti, ambiente casual e gente rilassata. Hai bisogno di più motivi per goderti quest'estate? n

U


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:18 Pagina 11


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 12

ANGELA

VALENTINO by Joseph Ralph Fraia ngela Valentino is a young Italian Make Up Artist with a strong inclination towards makeup art. Her initial passion was performing arts at high school Liceo Artistico Caravaggio in Milan, Italy. She Graduated in 2008 in Set Designer at Accademia di Belle Arti di Brera in Milano, institution listed 1st in the top of Academies of Arts in the world. Over the 3 years at the Accademia Angela was able to broaden her experience to almost any field of the theater, television and cinema. Angela graduated cum laude in 2011 in Costume Design. While still at the University, Angela started studying at the best Make Up School in Italy - BCM Cosmetics - graduating at the end of 2011. Consecutively, she collaborated with several theaters and art studios. Angela has been working in top fashion show in Italy and US (New York) as well as in a few international fashion magazines. Her skills range from creating sets and costumes for theater, television, Art projects, advertising and cinema, to the realization of the most beautiful make up. Angela is a multi-talented and versatile artist, as you can see from her rich and diverse posts of her instagram account @angievalentinonyc, where she shares inspirational and empowering thoughts, tips on how to choose/ what to ask a make-up artist and snapshots of her life from one stage to another. Thanks to her polyhedric background and experience in the movie and theater industry Angela enjoys daring in experimental projects in which she uses her body and face as canvas and palette for her artworks. Angela currently lives and works in NYC, and you can reach out to her at her Instagram account @angievalentinonyc. n

A

12

ngela Valentino è una giovane truccatrice italiana con una forte inclinazione all'arte del trucco. La sua passione iniziale era rappresentata dalle arti dello spettacolo al Liceo Artistico Caravaggio di Milano. Si è laureata nel 2008 in Scenografia presso l'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, istituzione quotata al 1 ° posto tra le migliori accademie d'arte del mondo. Durante i 3 anni all'Accademia Angela è stata in grado di ampliare la sua esperienza in quasi tutti i settori, dal teatro alla televisione e al cinema. Angela si è laureata con lode nel 2011 in Costume Design. Mentre era ancora all'Università, Angela ha iniziato a studiare presso la migliore scuola di make up in Italia - BCM Cosmetics - laureandosi alla fine del 2011. Di conseguemza, ha collaborato con diversi teatri e studi d'arte. Angela lavora attivamente nel campo della moda in Italia e negli Stati Uniti (New York) e collabora con alcune riviste internazionali di moda. Le sue competenze spaziano dalla creazione di scenografie e costumi per il teatro, la televisione, i progetti d'arte, la pubblicità e il cinema, fino alla realizzazione dei trucchi più sofisticati. Angela è un'artista poliedrica e versatile, molto presente sui social media dove condivide pensieri fonte di ispirazione ed esempio, nonché, consigli su come scegliere / cosa chiedere a un truccatore e istantanee della sua vita da un palcoscenico all'altro. Grazie al suo background poliedrico e all'esperienza nell'industria cinematografica e teatrale, Angela ama osare in progetti sperimentali in cui usa il suo corpo e il suo viso come tela e tavolozza per le sue opere. Angela attualmente vive e lavora a New York, e puoi contattarla sul suo account Instagram @angievalentinonyc. n

A


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 13


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 14

by Avv. Annaluce Licheri; member of FC, orange Table

VALoRIzzAzIoNE DEL MARCHIo D'AzIENDA T I

MERCHANDISE

14

he trademark right, both registered and de facto, has patrimonial content and, as such, can be freely transferred by its holder to other subjects, with the only limit established by article 23 cpi, or not to generate deception in the public . A correct use of commercial license operations of its own brands allows companies to acquire greater commercial reputation, even in a different public, than the standard reference one. The contractual tools used are those of licenses, co-branding, or merchandising. The phenomenon was born in the United States, with the so-called character merchandising, or the practice of incorporating works protected by copyright into advertising messages. In later times the practice of trademark or corporate merchandising was established, whereby the owner of a well-known trademark grants the sign under license to a different entrepreneur, so that he can use it for goods or services completely different from his own, thus exploiting the advertising force of its own brand and in its evocative and suggestive value to the purchase. The legal and advertising tool is particularly widespread today, and the object of the merchandising contract actually takes on a remarkable variety of forms: from the drawing to the cinematographic character, to the logo of the football team, to the cartoon. On the one hand, therefore, the licensee exploits the symbolic value, for example, of the brand to market its products, on the other hand, the licensor takes advantage of the value inherent in the same by obtaining financial compensation from the licensee. This compensation is normally provided in the form of percentages on the licensee's earnings with reference to a specific contractual period, documented through specific and specific reports, or, alternatively, guaranteed minimum compensation for the owner, thus protecting him from n any unsatisfactory turnover. by the licensee.

l diritto di marchio, sia registrato che di fatto, ha contenuto patrimoniale e, in quanto tale, può essere liberamente trasferito dal suo titolare ad altri soggetti, con l'unico limite previsto dall'articolo 23 c.p.i, ovvero di non generare inganno nel pubblico. Un corretto utilizzo di operazioni di licenza commerciale dei propri marchi, consente alle aziende di acquisire maggiore notorietà commerciale, anche in un pubblico diverso, rispetto a quello di riferimento standard. Gli strumenti contrattuali a cui si ricorre sono quelle di licenze, di co-branding, oppure di merchandising. Il fenomeno è nato negli Stati Uniti, con il così detto character merchandising, ovvero la pratica di incorporare nei messaggi pubblicitari opere protette dal diritto di autore. In epoca successiva si è affermata la prassi del trademark o corporate merchandising, con cui il titolare di un marchio notorio concede il segno in licenza a un imprenditore diverso, affinchè lo usi per beni o servizi del tutto diversi dai propri, sfruttando così la forza pubblicitaria del proprio marchio e nel suo valore evocativo e suggestivo all'acquisto. Lo strumento giuridico e pubblicitario è particolarmente diffuso oggi, e l'oggetto del contratto di merchandising di fatto assume una notevole varietà di forme: dal disegno al personaggio cinematografico, al logo della squadra di calcio, fino al cartone animato. Da un lato quindi il licenziatario sfrutta il valore simbolico, per esempio, del marchio per commercializzare i propri prodotti, dall'altro il licenziante trae vantaggio dal valore insito nello stesso ottenendo un compenso economico dal licenziatario. Tale compenso di norma è previsto sotto forma di percentuali sui guadagni del licenziatario in riferimento ad un determinato periodo contrattuale, documentati tramite puntuali e appositi rendiconti, oppure, in alternativa, compensi minimi garantiti per il titolare, mettendolo così al riparo da eventuali fatturati insoddisfacenti prodotti dal licenziatario. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 15


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 16

S.T. DUPONT

et's begin with the lighters of Atelier and Atelier Sunburst lines, wisely hand-crafted with Chinese lacquer, buffered or airbrushed in order to give every piece unique and memorable shades of color. For the lovers of super classic and timeless lighter of the Maison, as the Marilyn, plated in yellow gold or in silver with diamond-point workmanship, recognized by the coinnoisseurs for the unmistakable “cling” of its cap. And again. Also the DÉFI Extreme line, which combines innovative design and high - performance engineering in order to guarantee maximum resistance to its flame from external agents. Last but not least, the Maxijet lighters, with powerful torch flame, perfect for cigar and with ergonomic design. The very first lighter made by S.T. Dupont was realized to fulfill the request of Maharaja of Patiala, who wanted to make a gift to three of his one-hundred wives. In the end, he was so satisfied about this solid gold lighter, that decided to make it crafted for every of them: an icon n was born!

L

16

alla linea Atelier e Atelier Sunburst, sapientemente realizzate a mano in lacca di cina tamponata o lavorata con aerografo per dare a ogni pezzo sfumature di colore irripetibili, agli accendini super classici e intramontabili della Maison, come il Marilyn, placcato in oro giallo o in argento con lavorazione a punta di diamante, riconosciuto dai veri intenditori per l’inconfondibile “cling” del suo coperchio. Ma non solo. Anche la linea DÉFI Extreme, che combina design innovativo e ingegneria ad alte prestazioni per garantire massima resistenza della fiamma agli agenti esterni e gli accendini MaxiJet, con potente fiamma a torcia ideale per il sigaro e dal design ergonomico. Ultimi, ma non per importanza, gli accendini Le Grand Dupont che, grazie alla loro speciale tecnologia, offrono la doppia opzione di una fiamma morbida per riscaldare delicatamente il tabacco e una fiamma a torcia per accendere il sigaro in un cerchio perfetto. il primo accendino S.T. Dupont fu realizzato per esaudire la richiesta del Maharaja di Patiala, che voleva fare un regalo a tre delle sue cento concubine. Ma l’accendino, in oro massiccio, lo conquistò a tal punto, che decise di farlo produrre per tutte: era nata n un’icona!

D


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 17


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 18

by Penelope Filacchione

SABìR

VISIONARY BRIDGE Sabìr is a language of men, men who travel by sea. While men are away, on the shores, in the villages, in the houses, women weave the threads of their lives, carry on their families, raise their children, wait and tear themselves in expectation of a return that is as uncertain as ever. They are tattered like sails in the wind, skillfully stitched together by the feminine and colored hands of different dialogues and other intimacies. This is how the Sabìrs by Luigia d’Alfonso and Ada Perla are born, pictorial textures that shape thought and silence, impalpable and yet visually powerful tapestries, born from the alchemy of color and friendship that unites their artistic partnership. Torn and recomposed cloths on gauzes, light yet strong enough to hold up for a long journey, strong enough to weave a bridge between stories and cultures overlooking the Mediterranean. A web of signs and threads that tie together to conjure an enchantment of abstract lines, each time imperceptibly different, labyrinths of the soul and the heart. Talking about female art is always a matter of discussion, but the dialogue, the patience of a long undertaking, the ability to exchange, the desire to plan and reach far belongs to women. Women who know how to infuse in art not strength but resistance to the wear of a prolonged tension. In fact, the two artists propose a long journey: this exhibition is only a landing place for a voyage that began long ago, which intends to give voice to other stories of other women artists. Women facing the same millennial sea, once united by Sabìr, now divided by cultural differences, seemingly insurmountable. Nevertheless, the will of women, the will to communicate, has the power to restore the value of universal language that once n belonged to Sabìr.

A

18

l Sabìr è una lingua da uomini. Uomini che viaggiano per mare. Ma mentre gli uomini viaggiano, sulle rive, nei villaggi, nelle case, le donne tessono le trame delle loro vite, portano avanti le famiglie, crescono i figli, aspettano e si lacerano nell’attesa di un ritorno quanto mai incerto. Si lacerano come le vele al vento, ricucite con sapienza dalle mani femminili e colorate di altri dialoghi e di altre intimità. Così nascono i Sabìr di Luigia d’Alfonso e Ada Perla, trame pittoriche che danno forma al pensiero e al silenzio, arazzi impalpabili e pure visivamente potenti, nati dall’alchimia del colore e da quello dell’amicizia che unisce il loro sodalizio artistico. Tele lacerate e ricomposte su garze, leggere eppure robuste abbastanza da poter reggere per un lungo viaggio, sufficientemente forti per tessere un ponte tra storie e culture affacciate sul Mediterraneo. Una trama di segni e di fili che si allacciano a formare un incanto di linee astratte, ogni volta impercettibilmente diverse, labirinti dell’anima e del cuore. Parlare di arte al femminile fa sempre discutere, ma il dialogo, la pazienza di un lungo lavoro, la capacità di scambio, la voglia di progettare e di arrivare lontano è propria delle donne, che sanno infondere nell’arte non la forza, ma la resistenza al logorio di una tensione prolungata. Quello che si propongono le due artiste è infatti un lungo percorso: questa mostra è solo un approdo di un viaggio iniziato da tempo, che intende dar voce ad altre storie di altre donne artiste. Donne affacciate su quello stesso mare millenario un tempo unito dal Sabìr e oggi diviso da differenze culturali e che sembrano insormontabili. Ma la volontà delle donne, la volontà di comunicare ha il potere di restituire al Sabìr il valore di lingua universale. n

I


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 19


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 20

years 10 n°50!

RACCoNTI

DI STILE di Marco Giuseppe Timelli

Racconti di stile. Non critici ma non a-critici 20


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 21

’Italia è la nazione più apprezzata nel mondo per bellezza, raffinatezza, artigianalità, cura dei dettagli e creatività che sono elementi caratterizzanti e distintivi e importantissima fonte di ricchezza per il nostro Paese. L’espressione ed il risultato di un’eredità culturale, artistica e storica sono un patrimonio che forse più di altri paesi, noi, siamo in grado di coniugare tra di loro ed integrare a tradizione ed innovazione, e raccontare. Tra esposizioni ed eventi collaterali sono passati dieci anni per LiveIn e ancora ce ne saranno per interrogare gli scenari cangianti della nostra realtà, la storia, la politica, la stessa attualità, partendo ovviamente da prospettive diverse: probabilmente. Piuttosto, invece, ponendosi come vetrina dopo articolata ricognizione, della creatività dell’ultimo decennio convogliata attraverso il flusso di molte eccellenze “segnalate” da un nugolo qualificato di uomini di pensiero, scrittori, poeti, dichiaratamente non-critici ma non a-critici. Semplicemente mentori. La comunicazione è conoscenza, avviene quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima, e questo è un patrimonio che, data la trasformazione del contesto economico-sociale, ha indirizzato questo magazine a valorizzare tradizione, cultura, e conoscenze per divulgarne il valore nel panorama eco-

L

taly is the most appreciated nation in the world for beauty, refinement, craftsmanship, attention to detail and creativity which are distinctive and distinctive elements and a very important source of wealth for our country. The expression and the result of a cultural heritage, artistic and historical heritage that are fors and most of the other countries, we, we are able to combine with each other and integrate tradition and innovation, and to tell. Between exposures and collateral events ten years have passed for LiveIn and still there will be to question the changing scenarios of our reality, history, politics, the same actuality, obviously starting from different perspectives: probably. Rather, instead, placing itself as a showcase after an articulated reconnaissance of the creativity of the last decade channeled through the flow of many excellences "signaled " by a qualified swarm of thoughtful men , writers, poets, admittedly non-critical but not to critical. Simply by me. Communication is knowledge, it happens when, in addition to the message, a supplement of soul also passes, and this is an asset that, given the transformation of the economicsocial context, has directed this magazine to enhance tradition, culture, and knowledge for divulge its value in the

I

21


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 22

22

international economic landscape. An analysis from the historical evolution of the concept of luxury, after having it pointed out the peculiarities and analyzed the changes that are interess went the same sector, such as social and economic paradigm int ernment of which are part of the behaviors of purchase and of use , it is necessary, also through written narration, to identify which strategic solutions are most adopted to make one of the main sectors of our economy still competitive . The editorial story allows the lecturer and a general understanding of the characters of the sector of excellence; dop or having given a definition of the concept of luxury, the evolution that this concept has had over time to the present day is presented , showing how it is changed in conjunction with the various historical periods. The description of some peculiarities that make the strategic management of the market more complex and that lead this category of goods to be distinguished from those belonging to othersectors. Culture, tradition and territory have always been the strengths ; a rich and precious

nomico internazionale. Partendo da un’analisi dell’evoluzione storica del concetto di lusso, dopo averne sottolineato le peculiarità e analizzato i cambiamenti che stanno interessando il settore stesso, come il paradigma sociale ed economico all’interno del quale si inseriscono i comportamenti d’acquisto e d’uso, si rende necessario, anche attraverso la narrazione scritta, individuare quali siano le soluzioni strategiche più adottate per rendere ancora competitivo uno dei settori portanti della nostra economia. Il racconto editoriale permette al lettore una comprensione generale dei caratteri portanti del settore delle eccellenze; dopo aver dato una definizione del concetto di lusso, viene presentata l’evoluzione che tale concetto ha avuto nel tempo fino ai nostri giorni, mostrando come esso sia cambiato in concomitanza alle varie epoche storiche. La descrizione di alcune peculiarità che rendono più complessa la gestione strategica del mercato e che portano questa categoria di beni a distinguersi da quelli appartenenti ad altri settori. Cultura, tradizione e territorio sono da sempre i punti di forza; un ricco e prezioso background peculiare


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 23

del paese ed in quanto tale non imitabile, modificabile o sostituibile da sfruttare come elemento portante e motore per lo sviluppo dell’innovazione. La cultura costituisce in pratica la storia di un paese, fotografa il suo presente e soprattutto è il patrimonio che viene lasciato in eredità alle generazioni successive poiché si basa su forti legami sociali, territoriali e familiari che vengono spesso tramandati in forma tacita, ma che, opportunamente valorizzati, agevolano il raggiungimento di un vantaggio competitivo e duraturo nel tempo nei confronti di altri paesi. Per ogni paese essa è una fonte inesauribile di ricchezza dato che la sua valorizzazione, l’utilizzo e l’incremento consente di conservare e tramandare la tradizione nonché di migliorare la maestria sulla base delle cognizioni apprese e allo stesso tempo di costruire una forte identità che permetta di affermarsi e di distinguersi dagli altri paesi nel tempo. Ognuno di noi ha una storia, ogni azienda ha una visione, ogni imprenditore ha una storia alle spalle, ha esperienze da raccontare, ha sogni da condividere. Quando sogna, n l’uomo è un gigante che divora le stelle.

background peculiar to the country and as such not imitable, modifiable or replaceable to be exploited as a carrier and engine for the development of innovation. In practice, culture constitutes the history of a country, it photographs its present and above all it is the heritage that is left as a legacy to subsequent generations because it is based on strong social, territorial and family ties that are often handed down in a tacit form, but which, appropriately valorized, they facilitate the achievement of a competitive and long-lasting advantage over other countries. For each country, it is an inexhaustible source of wealth as its exploitation, use and the increase consen you preserve and hand down the tradition and to improve the skill learned on the basis of knowledge and at the same time to build a strong identity which allows it to establish itself and stand out from other countries over time. O each and every one of us has a story, each company has a vision, every entrepreneur has a story behind it, has good stories to tell, he dreams to share. When n he dreams, man is a giant who devours the stars.

23


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 24

years 10 n°50!

RICCARDo

ILLY

24

Tratto da Livein n. 15 Dicembre 2012

by Matteo Tornielli


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:19 Pagina 25

ncontro con Riccardo Illy, presidente del Gruppo Illy. Il Gruppo Illy, di cui è il presidente, ha saputo sviluppare un polo di eccellenza del gusto grazie ai marchi Illy Caffè, Domori, Agrimontana, Damman Frères, Mastrojanni e con una quota in Grom. Quanto questo è frutto di una pianificazione strategica e quanto invece influisce la sua passione per la qualità e l’eccellenza? Direi che i due elementi sono indissolubili e la passione non è solo mia, ma di tutti i componenti della famiglia. Iniziò il nonno nel 1933 fondando, con un socio, l’Industria Nazionale Caffè e Cioccolato Illy & Hausbrandt. Il nonno, che era ungherese, aveva questa grande passione per il buono e per il bello, amava anche le arti visive, dipingeva e sosteneva pittori ed artisti, la moglie era una pianista, la figlia è stata clavicembalista di grande notorietà quindi questa passione per l’estetica c’è sempre stata. Nel tempo poi le varie produzioni che erano state avviate sono state abbandonate per concentrarsi solo sul caffè. Nel 2004 abbiamo preso una decisione strategica nel campo dell’eccellenza; pur essendo globali, la Illy è presente in più di 140 paesi, prima o dopo il mercato sarà saturo quindi o si cambiava strategia e si abbassava il livello qualitativo allargando la platea di potenziali consumatori oppure, è questa la scelta che abbiamo fatto, si replicava l’eccellenza su altri settori già conosciuti. Siamo tornati al cioccolato, abbandonato all’iniziò della guerra, al tè che mio padre aveva sviluppato per una ventina d’anni con il marchio Illy che poi io abbandonai in quanto creava confusione proprio sulla marca. Siamo inoltre tornati alla produzione agricola proprio con Mastrojanni ed abbiamo acquisito

I

nterview with Riccardo Illy, president of Illy group The Illy Group, of which Riccardo Illy is the president, has been able to develop a center of excellence in food production thanks to the brands Illy Coffee, Domori, Agrimontana, DammanFrères, Mastrojanni and a market share in Grom. Is this the result of a strategic planning or is it much the result of your passion for quality and excellence? I would say that the two reasons go together and passion is not only mine but of all the family members. In 1933, my grandfather founded with a partner the Industria Nazionale Caffè e Cioccolato Illy & Hausbrandt. He was Hungarian and had a great passion for good and beautiful things; he also loved visual arts, he painted and supported painters and artists, his wife was a pianist and his daughter a wellknown harpsichordist. So, this passion for aesthetics had always been a part of him. With time, the various products that the company used to produce were abandoned in order to concentrate only on coffee. In 2004, we made a strategic decision. Illy is present in more than 140 countries; sooner or later, the market will be saturated so there were two possibilities for us: changing strategy and lowering the quality while widening potential consumers or, and this is the choice we made, expanding excellence in other commercial fields. Thus, we returned to chocolate, left apart at the beginning of the war, and to tea that my father had produced for twenty years before I gave it up because it created confusion about the brand. We also went back to agricultural production with Mastrojanni and we have ac-

I

25


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 26

26

quired a stake in Agrimontana, jam producer, following my grandfather’s dream, who had planted fruit trees with plans to produce jams in the future. Grom summarizes all these companies because it uses Domori chocolate and Agrimontana Marron Glace, so it is a company that wants to produce the best ice cream in the world with the best raw materials in the world and some of them are of our production.

una partecipazione in Agrimontana che produce confetture, seguendo quello che era il sogno del nonno che aveva piantato alberi da frutta col progetto di produrre più avanti confetture. Grom rappresenta un compendio di tutte le aziende perchè utilizza cioccolato Domori, Marron Glace di Agrimontana quindi è un’azienda che vuole produrre il miglior gelato del mondo con le migliori materie prime del mondo e, guardacaso, alcune sono le nostre.

During a crisis like this, when people are careful about their spending, what does it mean from a business point of view and how fruitful is it to invest in quality and excellent products? There are two answers. It is true that we are living a situation of economic crisis, but this is not true for the whole world. There are some areas that have started to economically grow again, leaving behind the recession; I think for example of the U.S. or Canada, that has not been touched by this last recession and that of 2008. There are also developing countries where consumer goods consumption is growing along with products of excellence consumption. So, the first answer is that in these times we need to look at areas that are growing or new expanding areas such as developing countries. Secondly, it should be noticed that even in countries like Italy where people are living a difficult situation, which now in Italy is more structural than economic, consumers tend to look for solace: if they cannot afford luxury goods such as a car, kitchen or boat (the shipping industry for example has been literally killed by the recession), they tend to allow themselves affordable luxury such as the best coffee, wine or chocolate, and we

In una fase di recessione come questa, dove si controlla ormai tutto nella borsa della spesa familiare, cosa comporta aziendalmente e quanto conviene investire nella qualità e nei prodotti d’eccellenza? Ci sono due risposte. E’ vero che noi siamo in una situazione di difficoltà economica ma questo non vale per tutto il mondo. Ci sono alcune aree che o hanno ripreso a crescere lasciandosi alle spalle la recessione, penso agli USA, o, come il Canada, che non è stato toccato da questa ultima recessione e neanche da quella del 2008, ci sono i paesi in via di sviluppo dove non solo i prodotti di primo consumo crescono ma anche i prodotti di eccellenza. Quindi la prima risposta è che in questi tempi bisogna guardare alle aree che sono in crescita o alle aree di nuove espansione come i paesi in via di sviluppo. In secondo luogo bisogna sottolineare che anche nei paesi in difficoltà, come l’Italia che lo è più nell’aspetto strutturale che congiunturale, nei momenti di difficoltà il consumatore tende a consolarsi, non può fare l’acquisto di lusso più importante, quello dei beni di investimento come l’automobile, la cucina o la barca, di barche non ne parliamo perché il settore navale è stato letteralmente ucciso, allora si consola con un lusso accessibile come può essere un caffè migliore, un vino più buono o un cioccolato di qualità superiore e noi cerchiamo di dare una risposta, “consolatoria” ai


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 27

consumatori italiani e in effetti con tutte le aziende del gruppo siamo in crescita col fatturato, anche in Italia.

try to make this possible. Actually, all the group's companies sales are increasing, even in Italy.

A differenza di molti Gruppi che operano nel vostro stesso settore con politiche anche aggressive, mi pare che il Gruppo Illy non cerchi di “cannibalizzare” il mercato con l’acquisizione di brand più piccoli ma di integrarli in un disegno più grande. È un’impressione esatta? Perfetta. Il nostro progetto è stato proprio di ritornare alle origini in alcuni settori che avevamo già sperimentato nel passato acquisendo, avevamo anche ipotizzato di partire da zero ma abbiamo incontrato alcune aziende che corrispondevano in pieno a tutti i nostri canoni di eccellenza quindi abbiamo fatto delle acquisizioni con l’obiettivo di far crescere queste aziende, far sviluppare la loro marca, parlo di Domori, Damman Frères, Agrimontana, dove siamo soci di minoranza ma le aiutiamo comunque a crescere, mantenendo una totale autonomia gestionale delle imprese. Un paio di anni fa andando a Stanford, dopo 15 anni di immersione nella politica ho sentito la necessità di un aggiornamento delle mie conoscenze manageriali, ho appreso che il nostro modello di gestione delle imprese è lo stesso che usa da un lato il gruppo Louis Vuitton Moët Hennessy ma dall’altro anche Warren e Buffet; vengono fatte acquisizioni e le attività svolte a livello di gruppo sono ridotte al minimo, in genere la finanza e nel caso di Louis Vuitton l’acquisto di spazi pubblicitari e degli spazi per i negozi, non c’è altro, per il resto tutte le imprese del gruppo sono totalmente autonome come nel Gruppo Illy. Ognuno può decidere, viene consigliata ma mai obbligata la scelta di collaborare con le altre aziende del gruppo, se uno ritiene di poter crescere meglio attraverso accordi di collaborazione con altre aziende esterne al n gruppo è libero di farlo.

Unlike many groups that operate in the same sector with policies that are sometime aggressive, it seems to me that the Illy Group is not trying to "cannibalize" the market through the acquisition of smaller brands, but to integrate them into a larger project. Is this a right intuition? You are perfectly right. Our plan is just to go back to our origins in some sectors that we had experienced in the past; we had also thought of starting from scratch, but then we met a few companies that fully met our standards of excellence, so we made acquisitions in order to help these companies to grow and develop their brand. I am talking for example of Domori, DammanFrères, Agrimontana, where we are minority shareholders but we still help them growing, totally maintaining their management autonomy. A couple of years ago, while going to Stanford, after 15 years of politics, I felt the need to update my managerial knowledge: I learned that our model of corporate governance is the same as that used by Louis Vuitton Moët Hennessy and Warren Buffet; acquisitions are made and activities at group level are minimized, leaving out financial matters and, in the case of Louis Vuitton, the purchase of advertising and shop spaces. For the rest, all companies in the group are totally autonomous as it happens with Illy group. Anyone can decide, the choice to collaborate with other companies in the group is recommended but not required, if one believes it can better grows through collaboration agreements with other companies outside the group is free to do so. n

27


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 28

years 10 n°50!

SILVER Tratto da Livein n. 18 Agosto 2013

28

by Matteo Tornielli


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 29

uido Silvestri, in arte Silver, festeggia i 39 anni di Lupo Alberto, ironico fumetto da collezione. Ridendo con lui, ridiamo di noi. “Carta e matita erano tra i pochi strumenti che un ragazzino, negli anni Sessanta, aveva a disposizione per comunicare”. Inizia così l’intervista a Silver, al secolo Guido Silvestri, che in un caldo pomeriggio primaverile racconta di sé, della sua avventura nel mondo dei fumetti e del suo “figlioccio”, il simpatico Lupo Alberto. “Lupo Alberto nasce dalla grande passione di un ragazzino - che poi ero io - per i fumetti, per questo modo di raccontare efficace e diretto, che con pochi mezzi permetteva di narrare delle storie. Oggi i ragazzini hanno a disposizione ogni sorta di strumenti, dalla videocamera al cellulare per montare film, ma all’epoca c’era ben poco. Quello che premeva a me era comunque raccontare delle storie. Se avessi avuto una telecamera avrei fatto dei corti, un po’ come il mio amico Bruno Bozzetto, che ha realizzato cartoni animati, ma in quegli anni questo tipo di apparecchiatura era raro appannaggio solo dei più fortunati Silver prosegue nel racconto del suo esordio e i suoi punti di riferimento. “Negli anni Sessanta c’era la tv dei ragazzi, qualche cartoon Disney e qualche serie della Warner Bros, ma soprattutto c’era quella ricchissima fonte di ispirazione - Carosello che ritengo abbia formato i più bravi cartoon maker italiani. E poi c’era Benito Jacovitti, con la sua grande galleria di personaggi. Ero talmente affascinato da questo autore che, dopo aver letto una sua intervista, mi misi in testa che da

G

uido Silvestri, who works under the name Silver, celebrates the 39th anniversary of Alberto The Wolf, his ironic comi character. We laugh with him, we laugh at ourselves. “In the ’60s, pen and paper were among the few tools that a young boy had on hand to communicate.” So begins the interview with Silver, or Guido Silvestri as he is also known, who, on this warm spring afternoon, is talking about himself and his adventures in the world of comics, as well as about his “godchild”, the likeable wolf, Alberto. “Alberto the Wolf was born from the great passion of a young boy - as I was then - for comics and this way of telling a story both effectively and directly, with few means available. Today, children have all sorts of equipment to make a film, from video cameras to mobile phones, but, at the time, there was very little. But what mattered to me was telling stories. If I had had a television camera, I would have made short films, a bit like my friend Bruno Bozzetto, who made cartoons, but, in those years, this type of equipment was the rare privilege of only the most fortunate.” Silver continues with the tale of how he started out and his major influences. “In the ’60s, there was children’s television, and there were some Disney cartoons and some Warner Bros’ series, but, most importantly, Carosello was a very rich source of inspiration and one that I believe has influenced the best Italian cartoonmakers. And then there was Benito Jacovitti, with his large array of characters. I was so fascinated by this author that, after having read an interview with him, it came to me that, when I grew up, I would be like him!”

G

29


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 30

30

And here he is, some years later, realising his dream. Silver is among the most important Italian cartoonists. Yet, he insists, “getting into cartoons initially was completely by chance. My good luck was that, when I went to school, there was a professional there who was making a name for himself in the world of cartoons and was looking for people to work with. I introduced myself and started to work for his studio. This professional was Franco Bonvicini, Bonvi, the creator of Cattivik and of Sturmtruppem [both well-known satirical Italian cartoons].” In the ’70s, after some years in the ranks, I had the idea of the McKenzie farm where the protagonists are a group of animals, each one with its own good and bad points, so similar to those of humans. Silver’s original idea did not include a main character but, bit by bit, the wolf gained the upper hand and his character developed tobecome more of a bad boy - a bit of a slacker who got away withthings - who was completely irresistible; ask the hen, Marta, hisfiancée then and now. Time goes by on the McKenzie farm butthe popularity and the personalities of his characters have remai-ned sharp and bright. “The wolf is the same typical old bad boywho does not mend his ways. In the past, he was my alter ego inmany respects but, today, alas, I must say that I recognise myselfmore in Enrico the Mole: married, happy to stay at home andwith a paunch, an average ordinary man, even if he is a lot moreof a scoundrel than I... although I must admit that I recognisemany of his weaknesses in myself.” We are drawing to the closeof our conversation so it remains only to ask: “In 39 years, haveyou never become bored of drawing the wolf?” He replies, smiling: “Actually, the character is like an actor; if you change his clo-thes, he becomes someone else and if, at times, I feel he is beco-ming too narrow, I dress him anew and a different story is born.What is essential is to try to make people laugh, n which is what Iwanted from the very beginning.”

grande sarei stato lui!”. Ed eccolo, qualche anno dopo, a realizzare il suo sogno. Silver è inserito nel novero dei più importanti fumettisti italiani. Eppure, insiste, “i miei inizi con il fumetto sono stati del tutto casuali. La mia fortuna è stata che quando andavo a scuola c’era un professionista che si stava affermando in questo mondo e cercava dei collaboratori. Mi sono presentato e ho cominciato a lavorare per il suo studio. Questo professionista era Franco Bonvicini, Bonvi, l’ideatore di Cattivik e di Sturmtruppem”. Dopo qualche anno di gavetta, negli anni Settanta prende vita l’idea della fattoria Mckenzie, dove il protagonista è una collettività di animali, ciascuno con i propri pregi e difetti, così simili a quelli degli uomini. Secondo l’idea iniziale di Silver non era previsto un personaggio principale, ma un po’ alla volta il Lupo prevale e si caratterizza sempre più per quel ragazzaccio un po’ lavativo, un po’ impunito e del tutto irresistibile - chiedetelo alla gallina Marta, la sua fidanzata - che è ancora oggi. Il tempo passa anche nella fattoria Mckenzie, ma la simpatia e i caratteri dei suoi personaggi sono rimasti acuti ed incisivi. “Il Lupo è sempre il solito vecchio ragazzaccio che non mette la testa a posto. Per molti aspetti, in passato è stato un mio alter ego, ma oggi, ahimé, devo dire che mi riconosco di più in Enrico la Talpa: sposato, pantofolaio e con la pancetta, un tipico uomo comune, anche se lui è molto più cialtrone di me… però, devo ammettere che in molte sue debolezze mi rivedo.” Siamo in chiusura del nostro dialogo. Chiediamo: “Ma in 39 anni non si è mai annoiato a disegnare il Lupo?”. Risponde sorridendo: “In realtà il personaggio è come un attore, gli cambi gli abiti e diventa qualcun altro e, se talvolta lo sento stretto, lo vesto a nuovo e nasce una storia diversa. L’essenziale è cercare di far ridere, è quello che ho desiderato sin dall’inizio”. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 31

31


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 32

years 10 n°50!

ENNIo

DORIS

48 32

Tratto da Livein n. 36 ottobre 2016 by Matteo Tornielli


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:20 Pagina 33

bbiamo avuto la possibilità di fare una chiacchierata con il Presidente Ennio Doris, cercando, come nel nostro stile, di far emergere la persona e lo spirito che lo ha mosso portandolo alla creazione di quella che è oggi la banca più solida nel panorama bancario italiano.

A

e had the chance to talk with the president Ennio Doris, trying as always to make arising his personality and spirit that have brought him to the creation of the most grounded bank in the Italian financial overview.

Conoscendo un po’ la realtà di Banca Mediolanum, salta agli occhi la differenza con i competitor, l’attenzione al cliente e la particolarità del servizio. Da dove nasce questo stile Mediolanum? Prima di dar vita a Banca Mediolanum, ho fatto il promotore e prima ancora ho fatto l’impiegato in banca, allo sportello. Stiamo parlando degli anni ’60, il contatto con le persone era quotidiano e questo ovviamente ha contribuito a stimolare la mia sensibilità. Molti dei clienti di quel tempo erano commercianti di bestiame che partivano alle 4 del mattino e rientravano alle 5 o 6 del pomeriggio dal mercato e non avrebbero avuto il tempo di venire in banca. La sera, prima di uscire, chiamavo tutti i clienti per capire le loro necessità (assegni circolari, versamenti) e con la bicicletta andavo da loro. Già allora offrivo un servizio personalizzato per risolvere al meglio le loro esigenze. Oggi permane lo stesso modello, cambiano le dimensioni dell’attività. Durante gli anni della formazione ricevuta lavorando come promotore, eravamo chiamati a comportarci come “medici del risparmio”, ma per poterlo fare era necessario cambiare completamente il modo di operare. Io volevo essere utile alle persone, perché sapevo di poter contribuire a gestire i loro affari. Mi riconoscevo nella definizione di “medico”, ma per me significava avere a disposizione tutte le medicine, poter fornire cioè tutti i servizi: bancari, assicurativi e finanziari. Solo in questo modo potevo sedermi di fronte al cliente, esaminare il suo problema e fornire la soluzione più adatta alle sue esigenze: si trattava di un’innovazione incredibile per l’epoca ma anche di una sfida molto impegnativa. E per realizzarla dovetti attendere il 1981, quando ebbi la fortuna di incontrare Silvio Berlusconi, che mi aiutò a creare questa nuova rete con competenze complete. Inizialmente i servizi erano esterni all’azienda, poi, piano piano, abbiamo iniziato a crearli internamente in modo da poter offrire al cliente la migliore soluzione. Nel 1997 nacque Banca Mediolanum, oggi una delle banche più solide del panorama italiano.

Just getting know a few about Mediolanum Bank’s reality, what leaps out is the difference with competitors about the client care and the distinctive trait of the service. Where does this Mediolanum style come from? Before creating Mediolanum Bank I used to be a promotor and than an employee in a bank, at the desk. I’m referring to the 60’s, the contact with people was a daily fact and this helped to stimulate my sensibility. Most of those client were livestock merchants who left at 4 AM and came back at 5/6 PM from the market, so they didn't have time to go to the bank. The night before going out, I used to call every client trying to understand their needs(bank drafts,deposits) and I went to the by bike. Since then I started offering a personalized service to better solve their necessity. Today there is still the same model while the dimension of the activity has changed. During my formation years working as a promoter, we were thought to behave as “saving doctors”, but for realizing that it was compulsory to change the working method. I wanted to be useful to people because I knew I could contribute in managing their bargains. I recognized myself as a “doctor”, but to me it meant to have the all drug arrangement , or better give all the services: banking, insurance and financial. Only this way I could sit in front of the client, analyze his problem and give the most suitable solution to his necessity: it was a very incredible development for that time and a demanding challenge too. But for its concrete realization I had to wait till 1981, when I got the fortune to meet Silvio Berlusconi, that helped me to create this new network with complete competences. First the services were external, then little by little we started to create them internally to offer the client the best solution. In 1997 raised Banca Mediolanum, one of the strongest bank of the Italian background.

W

33


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:21 Pagina 34

34

Is it still possible banking in a moral way? Why others don’t? It’s not just possible, it will become essential. It’s a matter of colture. Since having worked in a banck, it seemed suddenly crystal clear that the relationship between bank- the institution- and client wasn't one of equal kind. Just think that clients came into the bank with their hats in hands and talking with the director was extremely complicated. To the reverential relationship between client and bank, we have to add a consideration about the distributive structure of Italy, that was built in such a way for not creating to much competition between the different banks. Than, after the collapse of some banks in the ‘30s, the opening of a new branch was stretched out. How could they serve the client better considering the few available windows? But then the international background changed and Europe had decided to free the frontier and the conquer of lands started, lead by Banca D’Italia. During 1997 I went to the USA where I noticed the first stock trading operations online. When I came back I had the doubt about the filial’s future and I suddenly thought that they would have ended as call boxes after mobiles coming. And it’s on this base that, still in 1997, I founded Banca Mediolanum: a technological bank but internally human relationship is an essential element, a bank without branches because they won’t be needed anymore. Technology would permitted us to keep low costs as well without renouncing to the personal relation with clients, that is the central point of our philosophy. My idea was crystal clear: we had to go to the client and keep the bank open 24/7.

E’ ancora possibile fare banca in modo etico? Perché gli altri non lo fanno? Non solo è possibile ma diventerà indispensabile. E’ una questione di cultura. Avendo lavorato in banca, mi era subito apparso chiaro che il rapporto tra la banca- l’istituzione- e cliente non era mai stato un rapporto tra eguali. Si pensi che il cliente entrava in banca con il cappello in mano e parlare con il direttore era difficilissimo. Al rapporto reverenziale tra cliente e banca va aggiunta una considerazione sulla struttura distributiva dell’Italia, costituita in modo tale che tra le diverse banche non ci potesse essere troppa concorrenza. Infine, dopo il fallimento di alcune banche negli anni ’30, l’apertura di ogni nuova filiale era centellinata. Come potevamo servire il cliente al meglio considerando i pochi sportelli disponibili? Poi il panorama internazionale è cambiato, l’Europa ha deciso di aprire le frontiere ed è cominciata la “conquista” dei territori, guidata da Banca d’Italia. Nel 1997 feci un viaggio negli Stati Uniti dove vidi le prime operazioni di trading online in Borsa. Al mio ritorno si generò in me il dubbio sul futuro delle filiali di banca e subito pensai che avrebbero seguito lo stesso destino delle cabine telefoniche dopo l’avvento dei cellulari. E’ su questa base che, sempre nel 1997, ho fondato Banca Mediolanum: una banca tecnologica ma all’interno della quale il contatto umano è un elemento imprescindibile, una banca senza filiali perché nel tempo non sarebbero più servite. La tecnologia ci avrebbe permesso, anche, di mantenere costi ridotti ma senza rinunciare al rapporto personale con i clienti, elemento centrale nella nostra filosofia. La mia idea era chiara e semplice: andare noi stessi dal cliente e tenere la banca sempre aperta, 7 giorni su 7, 24 ore su 24.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:21 Pagina 35

Banca Mediolanum e l’arte. La banca può essere un nuovo mecenate e, allo stesso tempo, fare business? Le rispondo con un esempio: Della Valle ha scelto di ristrutturare il Colosseo, il monumento più importante al mondo. Attraverso questo investimento Tod’s, azienda che produce abbigliamento w calzature, otterrà un ritorno di immagine, e quindi di business, molto maggiore rispetto ad una semplice pubblicità in cui esalta le proprietà i suoi prodotti. Nel caso di Padova, noi abbiamo fatto una scelta. Attraverso l’arte abbiamo trasformato una zona degradata della città in un luogo dove i cittadini possono tornare a passeggiare e gli artisti possono farsi conoscere. Con altre città si sono fatte altre scelte, ma in ogni caso se si guarda al cliente in senso fisico ma si amplia lo sguardo si può fare business.

Banca Mediolanum and art. Can the bank be a new patron and make business at the same time? I’ll answer with an example: Della Valle has decided to restructure the Colosseum, the most important monument worldwide. Through this investment Tod’s, that is a clothing and footwear company, will gain a return in terms of image and business higher than a simple promotional campaign where the qualities of its products are brought out. In Padua case we made a choice. Through art we turned a rough area of the city into a place where citizens can go walking and artist can get themselves known. With other cities we made different choices, but anyway, if you look at the client in a physical way and you expand your sight, making business is possibile.

Livein, nel suo piccolo, cerca di presentare lo stile italiano promuovendolo nel mondo. Che cos’è lo stile per Ennio Doris e come lo vive? Lo stile italiano è la nostra cultura, la nostra storia, non è un caso che il nostro Paese detiene il 50% del patrimonio artistico mondiale. La collocazione geografica, climatica e gli eventi storici hanno contribuito a sviluppare in noi italiani questa forte attenzione e a stimolare la nostra creatività. Il Made in Italy ha un valore enorme, è il 5° marchio nel mondo per importanza. Non avremo il petrolio ma abbiamo un enorme patrimonio, dobbiamo solo imparare a sfruttarlo meglio. n

Livein in its small way tries to present Italian style promoting it in the world. What is style for Ennio Doris and how do you live it? Italian style is part of our culture, our history and it’s not a coincidence that our nation possesses the 50% of global artistic heritage. The geographical and climatic position, historical vents have contributed to evolve in Italians this strong attention and to stimulate our creativity. Made in italy has a huge value it’s the fifth most important brand in the world. Even if we don't have oil but we have an gigantic heritage, we just need to learn how to better take advantages of it. n

35


Progetto1.qxp_Layout 1 16/07/19 13:22 Pagina 36

GUIDO

years 10 n°50!

ELMI

Tratto da Livein n. 38 Marzo 2017 In memoria di Guido, mancato il 31 luglio 2017 by Olivia Spatola

political science graduate, in 1978 he met Maurizio Solieri, and thus became part of the Steve Rogers Band, accompanying Vasco Rossi to his concerts. In 1979 he produces the album Colpa d'Alfredo: is the beginning of a collaboration that lasts to this day. Are his harmonic riffs of Brava Giulia, Bollicine, Giocala, Stupido hotel and other. He is coauthor of many songs of Vasco Rossi and played tambourine, conga and guitar in some of the Emilian singer works. He has produced records by other artists such as Alberto Fortis, Marco Conidi, Skiantos, Stefano Piccagliani and Clara and the black cars (Clara Moroni). He also produced the posthumous record of Massimo Riva, Comandante space.

A

36

aureato in scienze politiche, nel 1978 conosce Maurizio Solieri, ed entra così a far parte della Steve Rogers Band, che accompagna Vasco Rossi anche nei concerti. Nel 1979 produce l'album Colpa d'Alfredo: è l'inizio di una collaborazione che dura tuttora. Sono suoi i giri armonici di Brava Giulia, Bollicine, Giocala, Stupido hotel e altre. È coautore di molti brani di Vasco Rossi e ha suonato cembalo, conga e chitarra in alcuni lavori del cantautore emiliano. Ha prodotto dischi di altri artisti come Alberto Fortis, Marco Conidi, Skiantos, Stefano Piccagliani e Clara and the black cars (Clara Moroni). Ha anche prodotto il disco postumo di Massimo Riva, Comandante space.

L


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:21 Pagina 37

37 48


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 38

38

For almost forty years you have been working with Vasco Rossi, of whom you are the artistic producer but also the author of many songs. How much have you invested in your life on this collaboration? What "alternative reality" you would wish for if you could rewrite your life? There is something that you regret? Any errors or unpopular decisions that would not do again? “I invested practically all my life on it. I have no idea what I wanted to do. As a matter of fact, I wouldn’t be sorry if I was a manager. I have a degree in political science, sociology branch, and I discussed a thesis on marketing. But after the first job interviews, a problem related to political bias arose, and, despite my mental disorder in these things, I am a purist. I made many and all kinds of mistakes: economic, emotional and health-related. But until now I have always learned something from those mistakes”.

Da quasi quaranti anni collabori con Vasco Rossi di cui sei produttore artistico ma anche autore di molti brani. Quanto hai investito nella tua vita su questa collaborazione? Quale “realtà alternativa” desidereresti nel caso in cui dovessi riscrivere la tua vita? C’è qualcosa che ti rimproveri? degli errori o delle decisioni impopolari che non rifaresti? Ho investito in pratica tutta la vita. Non ho idea di cosa avrei desiderato fare. In realtà dovevo fare il dirigente d’azienda e non mi sarebbe dispiaciuto. Sono laureato in scienze politiche, ramo sociologico, è ho discusso una tesi sul marketing. Ma dopo i primi colloqui di lavoro è sorto un problema di tessere di partito e nonostante il mio disordine mentale in queste cose sono un puro. Gli errori sono tanti e di tutti i tipi: economici, sentimentali e di salute. Però fino ad ora ho sempre imparato qualcosa da questi errori.

Since a year you released your first solo album in which you interpret and play exclusively new songs. You have stated that the need to produce this material was now unavoidable. The themes in the lyrics are sharp and mature, but also ironic and light. This album sophisticated,

Da un anno è uscito il tuo primo disco da solista in cui interpreti e suoni tue canzoni assolutamente inedite. Hai dichiarato che l’esigenza di produrre questo materiale era ormai imprescindibile. I temi trattati nei testi sono taglienti e maturi, ma anche ironici e leggeri.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 39

Questo album colto, ricco di citazioni, vuole dare una nuova visione di te o semplicemente rappresenta un’esigenza espressiva che doveva trovare il suo spazio? Vuole dare la vera visione di me. Quella più nascosta. Ed è anche un’esigenza espressiva che covavo da anni.

rich in quotations, wants to give a new vision of yourself or simply represents a need of expression that had to find its place? “It wants to give the true vision of me, the more hidden one. And it is also a creative need I nursed for years”.

Ci sono varie influenze nel tuo disco: da Bob Dylan, a Leonard Cohen a Nick Cave, tutti artisti internazionali. Quale di questi senti più vicino? Si tratta di un confronto consapevole o semplici affinità? A tutti e tre. Ho qualche cd in meno di Nick Cave ma sono pur sempre numerosi. Le influenze sono tantissime e quando sono tante si notano di meno.

There are various influences in your album: by Bob Dylan, Leonard Cohen, Nick Cave, all international artists. Which of these you feel closest to? It is a conscious comparison or simple affinity? “With the three of them”. I have less CDs of Nick Cave, but still they are numerous. The influences are many and when they are that many they are noticed a lot less.

Quanto la tua creatività è influenzata dal tuo vissuto personale? È più il lavoro ad avere influenzato la tua vita o viceversa? La risposta è tutta nella domanda. Tutto collegato.

How much your creativity is influenced by your personal experience? It is more work that have influenced your life or vice versa? The answer is all in your question. Everything is connected.

Hai già in programma un secondo album? Ho già molto materiale pronto a livello di pre-produzione casalinga. Appena il lavoro con Vasco me lo permetterà inizierò la produzione vera e propria. n

You have already planned a second album? I already have a lot of material ready at the level of preproduction. As soon as my commitment with Vasco will n allow me, I will start its production.

39


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 40

years 10 n°50!

KEVIN

HARRINGTON 40

Tratto da Livein n. 39 Maggio 2017 by Phil Brady


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 41

evin Harrington è uno degli “squali” originali dello show Shark Tank che ha partecipato ai primi anni del programma. Kevin è stato chiamato "lo squalo con un cuore" dalla celebrità dei prodotti di fitness acquistabili da casa, Forbes Riley. Dopo aver approfittato delle risorse messe a disposizione da Kevin con il progetto "Metti uno squalo nella tua vasca” e condividere con lui i miei nuovi prodotti e progetti, posso affermare che Forbes fornisce una accurata caratterizzazione di Kevin. Mi è venuto costantemente incontro come un onorato uomo d'affari che davvero si preoccupa di quello che l'imprenditore ha da offrire. Kevin ha attraversato tutte le prove e le tribolazioni che noi imprenditori intraprendiamo regolarmente. I suoi oltre 40 anni di “su e giu’” nel mondo degli affari sono la prova di questo. Fortuna per gli imprenditori come me, che la sua conoscenza e esperienza non sono fuori pensione e questa risorsa preziosa è ancora una volta disponibile per aiutare gli imprenditori a raggiungere i loro traguardi. Fortunatamente, per molti di noi, Kevin ha trovato la pensione essere un po’ troppo noiosa. Un paio di anni fa, Kevin sentiva di avere ancora più da offrire e voleva qualcosa che gli potesse permettere di affondare i suoi denti di squalo. Con più di 500 prodotti collocati sul mercato, 20 dei quali generano oltre 100 milioni di dollari sono le vendite al dettaglio, questo inventore dell'infomercial e fondatore di As Seen On TV si è dimostrato essere la definizione di un imprenditore di successo. Con oltre 5 miliardi di dollari in vendite al dettaglio totali, Kevin è l'amico che qualsiasi imprenditore desidera per posizionare la propria azienda con un vantaggio competitivo nel mercato di oggi altamente competitivo. Nella sua ultima avventura, Kevin è ansioso di condividere le proprie capacità e competenze portandole nuovamente sulle frequenze televisive. Questa volta è il suo spettacolo che solo lui ospiterà e sarà la sua visione che parteciperà ad un massiccio pubblico d'affari. Il nuovo show televisivo di Kevin si chiama Modern Business. In questo nuovo spettacolo Kevin intervisterà gli imprenditori che lavorano in tutti i tipi di imprese da tutto il mondo. Kevin mi ha detto che Modern Business offrirà alle aziende un'esposizione massiccia e fornira’ contenuti video di alta qualità per la televisione che potranno essere riutilizzati per contenuti internet. Kevin afferma di avere piena fiducia nel team di produzione dello show, e che viaggierà nel mondo per filmare le interviste

K

evin Harrington is one of the original Sharks from the Shark Tank show who participated in the first few years of the program. Kevin has been called the “Shark with a Heart” by the Home Shopping Network Fitness Celebrity, Forbes Riley. After I took advantage of Kevin’s “Put a Shark in Your Tank” resources and shared my new products and business ventures with him, I can truthfully say that Forbes gives an accurate characterization of Kevin. He has consistently come across to me as an honorable businessman who really cares about what entrepreneur have to offer. Kevin has been through all the trials and tribulations we entrepreneurs go through on a regular basis. His over 40 years of the ups and downs in the business world is proof of that. Lucky for entrepreneurs like me, that knowledge and experience is now out of retirement and this valuable resource is once again available to help entrepreneurs get to where we want to be. Thankfully, for many of us, Kevin found retirement to be a bit too boring. A couple of years ago, Kevin felt he still had more to offer and wanted something he could again sink his shark teeth into. With over 500 products placed in to the marketplace, 20 of which generated over $100 million is retail sales, this inventor of the infomercial and founder of As Seen On TV has proven to be the definition of a successful entrepreneur. With over $5 billion in total retail sales, Kevin is the friend any business owner would want in order to position their company with a competitive advantage in today’s highly competitive marketplace. In his latest venture, Kevin is eager to share his skills and expertise by taking them to the television airwaves once again. This time around it is his show that he alone will be hosting and it will be his vision that he will be sharing to a massive business audience. Kevin’s new television show is called Modern Business. In this new show Kevin will interview entrepreneurs working in all types of businesses from anywhere around the globe. Kevin told me that Modern Business will offer companies massive exposure and provide the highest quality video content for television that can be repurposed for internet content. Kevin says he’s confident in the show’s production crew and that they will travel the world to film the interview on location or conduct the interviews in the Modern Business pro-

K

41


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 42

42

fessional video recording studio located in Southern Florida. For the first Modern Business shows Kevin explained to me that he is currently in search of any US business entrepreneur who has a proven track-record seeking to properly position their company by obtaining massive exposure in both national and international broadcasting markets. Modern Business is aired on American networks through paid programming through the Fox Business and Bloomberg Channels and for international exposure it will air on the Bloomberg International network. The other new project that Kevin just launched this March is his new book appropriately called, “Put a Shark in Your Tank.” I was fortunate enough to have been one of the first to get a copy and take advantage of the “Put a Shark in Your Tank” resources. Cory Bergeron is Kevin’s business associate and contributed an eye-opening chapter in this new book where he writes, “…If there has ever been a time when a product needs to engage people’s emotions by helping them to visualize the instant benefits, the time is now!” Kevin told me that he sees this statement as a vital part of his “Master Plan” to create engaging digital content for businesses that will best position them in today’s highly competitive marketplace. Back in the 80’s, Kevin pioneered the “old school” television content creation of 30 minute infomercials that sold millions of demonstrable products through product demonstrations and direct product pitches on the late night television channels. But the new modern day business challenge that Kevin now sees many business struggling with is creating marketing content that is less about the sales pitch and more about making that all important emotional connection that today’s highly sophisticated customers demand these days. For Kevin, the modern day business has to create viral content that enables personal engagement with current and potential customers because if a company refuses to make this pivot in the modern day market place, their customers and potential customers will be easily swayed to competitors who have made this all important adjustment. Kevin told me that he believes that in today’s overly saturated content-driven internet world where millennials (51% of the American workforce) have an attention span of around 8 seconds, businesses today are going to have a limited window of opportunity to first, grab attention and second, effectively communicate the benefits of their offer so that potential customers can QUICKLY envision those benefits as they imagine themselves using that product or service.

in loco o condurre le interviste nello studio professionale di registrazione video di Modern Business situato nel sud della Florida. Per i primi show di Business Moderni Kevin mi ha spiegato che è attualmente alla ricerca di un imprenditore americano che ha un comprovato track record che cerca di posizionare correttamente la propria azienda, e ottenere una massiccia esposizione sia nei mercati nazionali che internazionali. Modern Business è in onda sulle reti americane attraverso la programmazione a pagamento sui canali Fox Business e Bloomberg e per l'esposizione internazionale sarà in onda sulla rete Bloomberg International. L'altro nuovo progetto che Kevin ha appena lanciato questo marzo è il suo nuovo libro appropriatamente chiamato "Mettere uno squalo nella tua vasca". Sono stato abbastanza fortunato ad essere stato uno dei primi a ottenere una copia e approfittare di "mettere uno squalo nella vasca". Cory Bergeron è socio di affari di Kevin e ha contribuito alla prefazionedi questo nuovo libro in cui scrive: "... Se c'è stato un momento in cui un prodotto deve essere mirato a suscitare le emozioni delle persone aiutandole a visualizzare i benefici immediati, il tempo è Adesso! "Kevin mi ha detto che vede questa dichiarazione come parte vitale del suo "Master Plan" per creare contenuti digitali professionali per le aziende che meglio si posizioneranno nel mercato di oggi altamente competitivo. Negli anni '80, Kevin ha introdotto la creazione di contenuti televisivi di "vecchia scuola" di infomercials di 30 minuti che hanno venduto milioni di prodotti presentati attraverso dimostrazioni di prodotto e vendite dirette sui canali televisivi in tarda notte. Ma la nuova sfida di Modern Business parte dal fatto che Kevin vede oggi molte imprese fanno fatica a creare contenuti di marketing che siano meno legati alla semplice vendita e più focalizzati alla connessione emotiva cosi’ importante oggi per via di clienti altamente sofisticati. Per Kevin, l'attività quotidiana deve creare contenuti virali che creino una connessione personale con i clienti attuali e potenziali, perché se un'azienda si rifiuta di realizzare questo perno nel mercato moderno, i propri clienti e potenziali clienti saranno facilmente influenzati dai concorrenti che hanno invece adottato questo importante correttivo. Kevin mi ha detto che crede che nell’attuale mondo dell'internet saturo di contenuti in cui i Millennials (il 51% della forza lavoro americana) hanno un intervallo di attenzione di circa 8 secondi, le imprese oggi avranno una finestra limitata di opportunità sia, per primo, attirare l’attenzione e, in secondo luogo, per comunicare efficacemente i vantaggi della loro offerta in modo che i potenziali clienti possano velocemente immaginare quei benefici che possono


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:22 Pagina 43

ricavare usando quel prodotto o servizio. La sfida continua è quella di mantenere tale attenzione continuando a offrire varie forme di contenuti su una varietà di piattaforme che mantengono l'interesse della gente, in quanto i concorrenti stanno sempre aspettando l'opportunità di sfruttare la quota di mercato di un'azienda una volta che questa inizia a sentirsi troppo comoda o sicura di sé. Mentre con contenuti video di alta qualità da 3 a 5 minuti con esperti di business come Kevin Harrington si rivelera’ sicuramente una scelta vincente, l'altra sfida che le imprese di oggi devono affrontare è quella di sforzarsi di trovare conten nuti di marketing sociale meglio utilizzabili.

The ongoing challenge is to maintain that attention by continually offering various forms of content on a variety of platforms that keeps people’s interest since competitors are always waiting for an opportunity to pounce on a company’s market share once it starts to get too comfortable or self-assured. While 3 to 5 minutes of high-quality video content with an expert in entrepreneurialism like Kevin Harrington showcasing a business will prove to work well, the other modern day business challenge is for a business to drill-down to a n more consumable piece of social marketing content.

43


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 44

years 10 n°50!

MARCo

MONTEMAGNO 44

Tratto da Livein n. 44 Aprile 2018

by Mariangela Bonaparte


O

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 45

arco Montemagno was born in Milan and holds a degree in Law.

arco Montemagno, milanese di nascita con laurea in Giurisprudenza. Carriera nel mondo della comunicazione sia in radio ma anche in televisione, quale ideatore e presentatore di programmi con tema web per Skytg24. Durante la sua carriera ha intervistato i personaggi più importanti del panorama internazionale come ad esempio Al Gore, Tony Robbins, Jeff Bezos (fondatore di Amazon), Oliver Stone e tanti altri ancora. Creatore del più grande network di blog professionali, Blogosfera, venduto nel 2009 al Sole 24ore. Ha portato in Italia eventi come Social Media Week ed ha ideato la prima Start up School. Il nostro bell’italiano qualche anno fa decide di trasferirsi nel Regno Unito, terra dalla quale tutti i giorni comunica con noi attraverso i suoi canali social pubblicando un suo video in cui offre suggerimenti e spunti di riflessione per coloro che cercano di sapere e capire di più su come muoversi nel mondo web, oppure parlando dell’approccio mentale del quale bisogna predisporsi per intraprendere la carriera di imprenditore del mondo internet. Lui, divulgatore digitale e scrittore di successo, Codice Montemagno (Mondadori), si definisce “dilettante professionista” e assolutamente non vuole essere chiamato Guru noi, invece, lo vediamo come il “miglior prodotto italiano esportato all’estero”. Mentre lo aspettavo immaginavo una persona forse più distaccata e invece davanti a me è arrivato un uomo dal sorriso gentile e dall’atteggiamento amichevole che ha saputo dare vita ad un’intervista dal sapore di una “chiacchierata tra due vecchi amici che non si vedono da un po’”.

He embarked on a career in the world of communication, both on the radio but also on television, as creator and presenter of programs with a web theme for Skytg24. During his career, he interviewed the most important personalities on the international scene such as Al Gore, Tony Robbins, Jeff Bezos (founder of Amazon), Oliver Stone and many others. He is the creator of the largest professional blog network, Blogosfera, sold in 2009 to Sole 24ore. He brought events like Social Media Week to Italy and he conceived the first Start up School. Our beautiful Italian, a few years ago, decided to move to the United Kingdom, land from which he communicates with us every day through his social channels by publishing a video offering tips and food for thought to those seeking to know and understand more on how to move in the web world, or talking about the mindset you need to have to start a career as an entrepreneur in the internet world. He is also a digital influencer and successful writer (Code Montemagno, Mondadori) and defines himself as "professional amateur" and absolutely does not want to be called Guru, but we see him as the "best exported Italian product". While I was waiting for him, I imagined a more detached person and instead I was approached by a man with a gentle smile and friendly attitude who was able to give life to an interview from the taste of a "chat between two old friends who did not meet for a while".

Italiano con laurea in Giurisprudenza negli anni prima della crisi e giocatore professionista di ping pong. Cosa ti ha fatto innamorare del web al punto di votarlo a lavoro abbandonando le “certezze” che offrivano quegli anni? Sono partito durante l’era pre-internet. Quando avevo diciassette anni internet non esisteva, non così come lo conosciamo, neanche i cellulari erano come adesso, l’iphone ad esempio è del 2007. Le mie scelte sono state pensate per quello che era il mio tempo. Pensavo di fare l’avvocato quindi ho fatto l’abilitazione al patrocinio, ma al momento di entrare in azione ho capito che non era quello che volevo fare. In realtà non sapevo cosa avrei voluto fare. Erano gli anni in cui internet prendeva piede e sembrava una cosa futuristica, ma non ero sicuro di

Italian, with a degree in Law achieved before the crisis and a professional table tennis player. What made you fall in love with the web to the point setting yourself into this job, abandoning the "certainties" of those years? I started during the pre-internet era. When I was seventeen, internet did not exist, not as we know it today, not even cell phones were like now, the iPhone for example is from 2007. My choices were designed for that time. I thought I was a lawyer, so I qualified for legal aid, but when I got into action I realized it was not what I wanted to do. Actually, I did not know what I wanted to do. Those were the years when the internet got a foothold and seemed like a futuristic thing, but I was not sure I wanted to work on the web. One day a friend

M

M

45


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 46

46

of mine, who had a CAD company, asked me to help him. I did not know what the cad was and not even what marketing was, but I started collaborating with him and from there it all started.

voler lavorare nel web. Un giorno un mio amico, che aveva una società di cad, mi chiese di aiutarlo. Io non sapevo cos’era il cad e neppure cos’era il marketing ma ho iniziato a collaborare con lui e da li tutto è partito.

Do you believe you are brave? I am not brave in my character. I do not see myself as Elon Musk (Founder and CEO of Tesla Motors) but as a "professional amateur". As a boy, I was a professional table tennis player. At one point I decided to leave Italy to have, abroad, the chance to measure myself with those who had techniques and approach to the game different from mine. I have always questioned myself. I believe that if you do not do it, in the end someone else will put you "offside". If you want to improve you always have to question yourself. I bring the same idea to work, the world changes and you have to change too. I made TV for a long time talking about the web world, then I thought that if I wanted to continue talking about the digital matter, it was correct to show that I was in it.

Ti definisci un coraggioso? Io non sono un coraggioso di carattere. Non mi vedo come Elon Musk (Fondatore e CEO di Tesla Motors) ma come un “dilettate professionista”. Da ragazzo ero un giocatore di ping pong professionista, ad un certo punto decisi di andare via dall’Italia per avere, all’estero, la possibilità di misurarmi con chi aveva tecniche e approccio al gioco diverso dal mio. Mi sono sempre messo in discussione. Credo che se non lo fai tu alla fine arriva qualcuno che ti metterà “fuori gioco”. Se vuoi migliorare devi sempre metterti in discussione. La stessa idea la porto sul lavoro, il mondo cambia e devi cambiare pure tu. Ho fatto tv per tanto tempo parlando del mondo web, poi ho pensato che se volevo continuare a parlare di digitale era giusto che dimostrassi d’esserci dentro.

You are a web entrepreneur. Explain it to those who don’t believe in the web. I am a web entrepreneur, practically I launch projects online. I move people who work every day on the web. It's like creating a restaurant, not physical but online. On the one hand it's easy, in a short time you can be on the net. On the other hand, it's very difficult because you have to face a ruthless competition. Then, you know, being an entrepreneur means constantly solving problems, small or large. If one wants to tell the beautiful story, oh well ... The important thing is to understand that adversity exists in work but can be overcome. I'm not a motivator, but some videos I do serve to make people understand that in the face of adversity, you should never give up.

Sei un imprenditore del web. Spiegalo a chi non crede nel web. Sono un imprenditore nel web in pratica lancio progetti che stanno online. Muovi persone che lavorano tutti i giorni nel web. E’ come fare un ristorante, non fisico ma on line. Da una parte è facile, in poco tempo puoi essere in rete dall’altra è difficilissimo perché devi far fronte ad una concorrenza spietata. Poi sai fare l’imprenditore significa risolvere continuamente problemi, più o meno piccoli o grandi. Poi se uno vuole raccontare la storiellina bella, vabbè…L’importante è capire che le avversità ci sono nel lavoro ma si possono superare. Io non sono un motivatore ma alcuni video che faccio servono per far capire cha davanti alle avversità non si deve mai mollare.

Why do you think Italian companies do not invest in digital communication? The problem is the companies’ culture. There is a lack of knowledge of the internet, its capabilities and its method of use. This has a high price when new companies are born, created by young guys, who take whole slices of the market.

Perché secondo te le aziende italiane non investono nella comunicazione digitale? Il problema è la cultura delle aziende. C’è una scarsa conoscenza del mondo web, delle sue capacità e del suo metodo d’utilizzo e questo si paga quando nascono nuove aziende, create da ragazzi giovani, che si prendono fette intere di mercato.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 47

Hai intervistato molte persone di rilievo internazionale, chi ti ha maggiormente ispirato? Posso dire che Jeff Bazos è un genio assoluto. Forse è visto male perché Amazon è cresciuta moltissimo. Lui è uno di quelli che durante l’intervista l’ho bloccato per prendere appunti perché ogni due minuti dava degli spunti sui quali riflettere. Un altro personaggio di grande ispirazione è Tony Robbins.

You interviewed many people of international standing, who inspired you most? I can say that Jeff Bezos is an absolute genius. Maybe he is negatively seen because Amazon has grown a lot. He is one of those people whom, during the interview, I stopped to take notes because every two minutes he gave some ideas to think about. Another great inspiration is Tony Robbins.

Con l’avanzata maggiore di Instagram, sono sempre Facebook e Linkedin i social più indicati per la promozione aziendale? In Italia Facebook domina, Instagram va avanti bene mentre Linkedin è più ferma. Di sicuro li sceglierei tutti però, meglio essere bravo in uno che “capitan mutanda” in tutti.

With the up-take of Instagram, are Facebook and Linkedin the most suitable social media for business promotion? In Italy Facebook dominates, Instagram goes on well while Linkedin is steadier. Of course I would choose them all, however, better to be good in one that " Captain Underpants" in everyone.

Montemagno scrittore. Dopo il successo di “Codice Montemagno” quali sono i progetti futuri? Nel prossimo futuro un altro libro. Ecco magari diverso da Codice Montemagno, non mi piace replicare. n

Montemagno writer. After the success of "Codice Montemagno" what are your future projects? In the near future, there is another book. Maybe different from Codice Montemagno, I do not like to repeat myself. n

47


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 48

years 10 n°50!

48


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 49

VALERIA

BENATTI by Mariangela Bonaparte

Tratto da Livein n. 44 Aprile 2018

crittrice di successo, finalista al premio bancarella 2017, e conduttrice radiofonica. Tutti i giorni la possiamo ascoltare in diretta grazie a radio RTL 102.5 Valeria Benatti, occhi vispi e sorriso sincero, nata a Verona ma trapiantata a Milano. Una donna che esprime un forte amore del suo lavoro. Una vita fatta di grandi soddisfazioni ma anche di dolori che intrecciandosi tra di loro danno vita ad una comunicazione a volte ironica a volte toccante che disegna un vissuto improntato sulla voglia di aiutare chi non riesce con la propria voce ad esprimere il dolore interiore. Con lei la comunicazione attraversa strade differenti ma parallele come televisione, libri e radio. Tutte dal forte impatto verso il prossimo. La incontro per una “chiacchierata tra donne” in cui mi racconta il suo inizio in un mondo in continua evoluzione dove le parole diventano la parte più incisiva della comunicazione.

S

aleria Benatti is a successful writer, finalist for the 2017 Bancarella award, and radio host. We can listen to her live every day thanks to radio RTL 102.5 She has lively eyes and a sincere smile. Born in Verona and relocated to Milan, she is a woman expressing deep love for her work. From her life of great satisfaction, intertwined with pain, arises a communication style, sometimes ironic and sometimes touching, but always sourced from the desire to help those who cannot, through their own voice, express their inner pain. With her, communication crosses different but parallel paths like television, books and radio. All with a strong impact on others. I met her for a "chat between women" in which she tells me of her start in a world in constant evolution, where words become the most incisive part of communication.

Maturità scientifica e dopo radio, cosa ti ha fatto capire che quella era la tua strada? In realtà è stata quasi una scelta scontata. A scuola avevamo una piccola emittente ed io ho iniziato li coniugando lo studio con il mio piccolo lavoro. Adesso c’è la web radio ma quando ho iniziato io, invece, il mondo dei network radiofonici era differente, per alcuni versi era più difficile. Devo dire che quando capii che quella era la mia vera strada non feci un annuncio particolare ai miei genitori, semplicemente, continuai a lavorare nella radio. Come dire è stata un’evoluzione naturale.

After your Scientific high school diploma, you focused on the radio. What made you realize that this was your right track? In reality, it was almost an expected choice. At school we had a small station and I started there, by combining my studies with a little work. Now there is the web radio, but when I started the world of radio networks was different, in some ways it was more difficult. I must say that, when I realized that this was my true path, I did not make a particular announcement to my parents, simply, I continued to work at the radio. It was like a natural evolution.

V

49


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 50

50


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 51

Il primo libro “Kitchen in love”, come nasce l’amore per la cucina? In realtà io sono un a persona con diverse passioni, tra queste la musica e la cucina. Quando è nato questo progetto per me è stato come un sogno che si realizzava. Un libro, fatto come io l’avevo i testa, con persone a me care con le quali è un piacere stare insieme. Mi piace pensare che, all’interno di questo mio sogno realizzato, ci sia un mix di musica, cucina e libri il tutto dal gusto puramente italiano.

Your first book was "Kitchen in love". How was your love for cooking born? I have different passions, including music and cooking. When this project was born, it was like a dream come true for me. This is a book that I made as I had conceived it, with people dear to me and with whom it is a pleasure to be. I like to think that, within this fulfilled dream, there is a mix of music, cooking and books, all with a purely Italian flavor.

Una volta la televisione aveva un forte peso nelle decisioni delle persone sia di carattere pubblicitario sia politico. Con l’Avvento dei social media secondo te, Valeria, che posto hanno la radio e la televisione? La radio è un mezzo più fresco e giovane rispetto ad altri. Prendi RTL 102.5, è una radio con otto milioni di ascoltatori. Siamo in diretta ventiquattrore su ventiquattro. Abbiamo un’unica frequenza, ciò significa che in qualsiasi città tu sia devi solo trovare la frequenza 102.5. Ad oggi, grazie a tutti i mezzi che abbiamo a disposizione per comunicare, offriamo una diretta vera grazie anche agli ascoltatori che sono liberi di contattarci, per esprimere i loro pensieri, in qualsiasi momento. Il fatto poi che oggi ci sia la possibilità di ascoltare la radio anche in ufficio fa sì che, il mezzo radiofonico, diventi ancora più evoluto e dinamico.

Once upon a time, television had a strong influence on people’s decisions, both from an advertising and political viewpoint. With the rise of social media, in your opinion, Valeria, what place do radio and television have? Radio is a fresher and younger means versus others. If you think of RTL 102.5, it is a radio counting eight million listeners. We are live twenty-four hours a day. We have only one frequency, which means that wherever you are you just need to find the frequency 102.5. To date, thanks to all the means we dispose of, we offer a genuine direct broadcasting, thanks also to the listeners who are free to contact us, to express their thoughts, at any time. The fact that today there is the possibility of listening to the radio even in the office means that the radio channel become even more evolved and dynamic.

Il tuo lavoro è comunicazione; pubblicamente esprimi pensieri e opinioni, non hai mai paura che un tuo messaggio possa essere accolto in modo non corretto? Sai, sento il bisogno di parlare di cose che spesso non sono reputate importanti oppure non sono considerate. Io comunico responsabilmente, considero quello che dico prima di dirlo. Sono nella posizione di aiutare chi ha bisogno di “avere più voce” per comunicare. Sono una persona solare ma vedo la realtà che ci circonda e sento il bisogno di comunicare, di parlare di come migliorare le cose. A volte il problema non è andare in onda, anche se stai male, ma governare le proprie emozioni.Sono tanti anni che faccio radio e non ho mai voluto fare battute poco rispettose, questo secondo me è un dovere etico. Forse è per questo che non ricevo messaggi di “odio”, cerco di stare sempre attenta a non offendere. n

Your work is communication, publicly express thoughts and opinions. Are you never afraid that your message can be mis-interpretated? I feel the need to talk about things that are often not considered as important or are not considered at all. I communicate responsibly, I consider what I say before saying it. I am in the position to help those who need to "have more voice" to communicate. I am a sunny person, but I see the reality that surrounds us and I feel the need to communicate, to talk about how to improve things. Sometimes the problem is not going on the air, even if you're sick, but to govern your emotions. I've been hosting radio programs for many years and I never wanted to be disrespectful. Respect, in my opinion, is an ethical duty. Maybe that's why I do not get hate n messages. I always try not to offend others.

51


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 52

years 10 n°50!

52


ENRICo

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 53

BARTOLINI Tratto da Livein n. 45 Giugno 2018 by Matteo Tornielli

nrico Bartolini, chef pluri stellato, è anche un grande amante del fumo lento. Lo abbiamo incontrato al Mudec a MIlano per un intervista, una volta tanto, non sulla cucina...

E

nrico Bartolini is a multi-starred chef and also a great lover of slow smoking. We met him at Mudec in Milan for an interview for once not about cooking…

Come hai iniziato a fumare il sigaro? Ho fumato il primo sigaro con una certa attenzione e dedizione a quello che stavo per fare a Londra, durante uno stage c'è stato fatto questo grande dono. Il Restaurant Manager ci ha fatti sedere tutti noi giovani stagisti di cucina e di sala e ci ha mostrato come si serve un sigaro a un ospite. La cosa più bella che mi poteva capitare era assistere a questa cerimonia, ancora prima di chiedermi se mi piacesse o meno averlo tra le mani, in bocca o comunque insieme al mio abito addosso. Mi aveva impressionato che lui lo accendesse per qualcuno, lo trovavo una cosa un po' invadente, invece lo ha fatto così bene che poi ho scoperto essere la tecnica normale. Per me invece era una sorpresa, perché nei film e nelle foto di Churchill vedevo sempre questo pollice che si alzava insieme alla fiamma per accenderlo. Ho iniziato ad assaggiare dei sigari non troppo complessi, per me era uno sforzo l'acquisto, cercavo quelli che al naso erano meno acidi, meno piccanti, li definisco con degli aggettivi da cuoco. Nel tempo nelle mie fasi, non so se sono tutte uguali, mi sono concentrato nel fumarlo lentamente e non abbinarlo a niente, perché è la cosa che prediligo e fumandolo in quel modo come per la nutrizione, ho avuto una migliore digeribilità e pulizia in bocca, non ho avuto post fumata la sensazione di pienezza allo stomaco e bruciature sulla lingua o quegli aromi meno piacevoli sulle papille e me lo godo. Dopo un po mi sono azzardato a cercare anche sigari più invec-

How have you started to smoke cigars? I smoked my first cigar with a certain attention and dedication to what I was goingo to do in London, during an internship the Restaurant Manager made us this great gift. He sat all of us, young interns of kitchen and hall, and showed us how we have to serve a cigar to a guest. The best thing that could happen to me was attending this ceremony, before I even wonder if I like or don’t picking it up, carring it in my mouth or however with my clothes on. The fact he lighted it for some guests impressed me, I found it a little pushy thing, instead he made it so good that then I discovered it is the usual technique. For me instead it was a surprise, in films and photos of Churchill I had always watched this thumb got up with the flame to light it. I started to try some not complicated cigars, for me purchasing them was expensive. I searched those less acid at nose and less spicy, I define them with some adjectives from chef world. Over time in my phases, I don’t know if they are all equal, I focused on smoking it slowly and matching it with nothing, because it’s the thing I prefer most and smoking it in that way as for nutrition I had a better digestibility and cleanliness in my mouth, I hadn’t post-smoking the feeling of fullness in my stomach and burns on my tongue or those less nice flavours on my taste buds and I love it.

E

53


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 54

54

After a while I wanted to search also older, longer and of particular leaves cigars, I prefer them with elegant leaves which are not too spicy, as taste of wines and food. For my lifestyle, I have rarely time to stop more than an hour with a cigar, but when I smoke it for half and hour is good for me. It wasn’t natural for me combining it with anything, at first I forced me doing it, there was a period when I often drank crushed ice and Chantreuse, I dirtied my mouth and then smoke the cigar, because I searched for consolation from a fullness of tastes, a pleasure of volume, rather than excellence. I learned to do without it, I drink or I smoke. I dont’t know if it is an end point but my mouth has big problems if I don’t do it.

chiati, più lunghi e di foglie particolari, ci sono delle foglie eleganti che non hanno mai quel piccante spigoloso ma un'eleganza come la degustazione dei vini e del cibo, quelli sono i miei preferiti. Penso che per la vita che faccio, dopo un'ora, raramente ho tempo di soffermarmi sul sigaro, però arrivare a metà di un'ora è già un buon segno, una gran cosa. Il non abbinarlo a nulla non mi è venuto naturale, all’inizio mi sono costretto a farlo, c' è stato un periodo in cui bevevo spesso ghiaccio tritato e Chantreuse, mi sporcavo la bocca e poi fumavo il sigaro perché cercavo consolazione da una pienezza di gusti, una goduria di volume, anziché di finezza. Ho imparato a farne a meno, quindi o bevo o fumo. Non so se è un punto d'arrivo però la mia bocca ha dei problemi enormi se non lo faccio.

You said me you use adjectives as a chef, this is the interesting thing. How does your job help you to judge a cigar? Is it too intrusive or threatens to damage you when you have to taste your dishes? The cigar, like alcohol and open window in highway, involves some health complications, because it’s a smoke which enters in the body and our nutrition doesn’t need it, it needs oxygen and nutritional substances. But there are some so pleasant things, as sometimes a bit more fat in the kitchen, and the presence of sweetie even if not of sugar which produce gliss. There is an extraordinary moment when we allow ourselves to be alive and appreciate the bliss and I take part on it. Many others moments instead I have learned to not live them as a penance, but for me eating pasta with oil and good parmesan cheese is an exerience of many Michelin stars, for my standars of life, and I usually attend it, and when I can I permit myself great things. For example if I must introduce some alcohol it is a great red wine, I don’t depend on alcohol which belongs to a bottle of mediocre or less charming wine, I don’t need it, only for favour when the poducer is in front of me and I have to say him that his wine is nice, because I don’t want to say him that is bad.

Tu mi hai detto che usi aggettivi da cuoco, questa è la cosa interessante. Come ti aiuta il tuo lavoro a giudicare un sigaro? E' troppo invasivo o rischia di danneggiarti nel momento in cui devi assaggiare i piatti? Il sigaro come l'alcool o il finestrino aperto in autostrada, comporta delle complicanze di salute, perché è un fumo che entra nel corpo e la nostra nutrizione non ne ha bisogno, ci servirebbe ossigeno e sostanze nutritive. Ma ci sono delle cose così piacevoli, come ogni tanto un po' più di grasso, nella cucina, o la presenza di dolcezza anche se non di zucchero, che generano goduria. C'è un momento straordinario dove ci si concede l'essere vivi e apprezzare la goduria e io partecipo. Molti altri momenti invece ho imparato a non viverli come penitenza, ma anzi per me mangiare la pasta in bianco con olio e parmigiano buono è un'esperienza da tante stelle Michelin per la mia qualità di vita, quindi la frequento regolarmente e mi concedo quando posso delle grandi cose. Cioè se devo introdurre dell'alcool che sia un grande rosso, dell'alcool che appartiene a una bottiglia di vino mediocre o meno affascinante non ne sono dipendente, non ne ho bisogno, se non per cortesia quando ho davanti il produttore e mi tocca dirgli che è buono, ma solo perchè non ho interesse a dirgli che è cattivo.

The theme of having restaurants which then offer a part of smoke and cigar is quite developing in Italy. Beyond the

Si sta sviluppando abbastanza in Italia il concetto di avere ristoranti che poi offrono una parte di fumo, una parte di sigaro. Al


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 55

di là del fumo in sé, come vedi questo abbinamento durante la cena con il fumo? Ognuno ha la sua idea, intanto ultimamente sento più parlare di concept che di ristoranti e questo la dice tutta. Il ristorante ha una storia antica e deve celebrare un momento attorno alla tavola, che è fatto di atmosfera e di compagnia. Se l'idea di abbinarli è di un soggetto che ne ha un'ideona bene, per me la normalità è che il fumo si deve allontanare leggermente dal pasto, per apprezzarlo bene e solitamente lo posiziono dopo. A me succede in vacanza di fumare il sigaro in tarda mattinata e poi concedermi un gran pranzo, però una delle due cose l'ho penalizzata molto. Se invece mangio educatamente anche con un clima di festa e poi mi concedo il sigaro la cerimonia è più bella, ma non mi sento di fumare all'interno di uno spazio se non pensato, e neanche di mangiare vicino al sigaro acceso, se non per una genialata.

concept of smoke, how do you see this combination during the dinner with smoke? Everyone has his idea, meanwhile recently I have been hearing about more of concept than restaurants. Restaurant has an old history and has to celebrate a moment around a table, which is made of atmosphere and company. If the idea to match them is of a person with a great idea it’s ok, for me it’s important smoke gets away a little from meals to be appreciated well, and I usually position it after. During my holiday I usually smoke cigar in the late morning and I have a great lunch, but I have penalised a lot one of the two things. Instead if I eat politely also with a climate of feast and then I smoke cigar, the ceremony is better, but I don’t feel like smoking in a space if it is not for smoke, and eating next to lighted cigar if it is not for a genius.

Rispetto a quello che mi hai detto prima sui sigari che ti piacciono, mi pare di capire che apprezzi sigari caraibici... Nelle fumate alla cieca di solito ho preferito i cubani per lunghezza ed eleganza delle fermentazioni. Ultimamente ci sono alcune aziende in Nicaragua e nei paesi limitrofi che fanno delle grandi cose. Se faccio il paragone con i vini mi sento di dire che il Barolo e il Brunello rappresentano l'Italia nel mondo e hanno raggiunto, grazie alla loro storia, al loro impegno e alla costanza e qualità che hanno prodotto un livello straordinario, e meritano di essere quotati in borsa, nelle aste e dai collezionisti. n

Compared to what you have said to me before about cigars that you like, I understand that you appreciate Caribbean cigars.. In smokes without importance, I usually preferred Cuban cigars for lenght and elegance of fermentations. In recent times there are some companies in Nicaragua and in neighbouring countries which make some great things. If I make a comparison with wines, Barolo and Brunello represent Italy in the world and have reached an extraordinary level, because of their history, commitment, perseverance and quality they have produced and they deserve to be quoted on the stock exchange, auctioning and by collectors. n

55


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 56

years 10 n°50!

CARLA

GOZZI Tratto da Livein n. 45 Giugno 2018

56

by Mariangela Bonaparte


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 57

apelli chiari e tratti delicati, così mi appare Carla Gozzi. Emiliana di nascita, dopo la formazione artistica inizia un percorso lavorativo nel mondo del fashion. Per anni “braccio destro”dei nomi più noti del mondo moda come ad esempio Jean-Charles de Castelbajac, Thierry Mugler, Christian Lacroix, Calvin Klein, Mila Schon, Gabriele Colangelo, Yohji Yamamoto ed Ermanno Scervino. Dal 2009, insieme all’amico fidato e co-conduttore Enzo Miccio, porta sotto i riflettori della rete televisiva Real Time il programma “ Ma come ti vesti?”. Rappresentazione, a volte dai tratti ironici, di un lavoro votato alla formazione che applica il prodotto addosso alla figura umana. Sono questi gli anni in cui si dedica anche allo sviluppo della sua immagine nel mondo web creando un blog all’interno del quale regala nozioni in pillole del mondo del fashion. Negli anni seguenti l’abbiamo vista impegnata non solo nelle conduzioni di varie format sempre basati sul tema dell’immagine che proponiamo quotidianamente al prossimo ma anche nella realizzazione di libri “Ma come ti vesti?” Regole, trucchi e suggerimenti per non sbagliare mai il look”, ed. Rizzoli, fino a “Guardaroba perfetto. Regole e consigli su misura per kids & teen dagli 8 ai 14 anni”, ed. Rizzoli. che definiscono dei criteri da seguire senza eccedere con terminologia dedicata al settore e senza denigrare le differenze che caratterizzano la figura umana. Nel 2011 apre a Reggio Emilia la Carla’s Academy, un centro all’interno del quale promuove, mediante corsi di formazione, l’insegnamento del buon gusto. Con gli anni ha saputo regale uno spaccato di perfezione impeccabile a signore dalle quotidianità diverse, mettendo in risalto il lato femminile e principesco che ci caratterizza mantenendo sempre quella sana curiosità verso uno degli argomenti a volte considerato padre della frivolezza ma che riesce a determinare, se poco considerato, la riuscita o meno di una nostra aspettativa.

C

arla Gozzi appears to me with light hair and delicate traits. Born in Emilia, after her artistic training she started a career in the fashion world. For years she was the "right arm" of fashion celebrities such as Jean-Charles de Castelbajac, Thierry Mugler, Christian Lacroix, Calvin Klein, Mila Schon, Gabriele Colangelo, Yohji Yamamoto and Ermanno Scervino. Since 2009, together with her trusted friend and co-host Enzo Miccio, she brings the program "What’s your style of dress?" under the spotlight of the Real Time television network. It is a representation, sometimes with ironic features, of a work devoted to training that applies the product to the human image. During these years she is also focused on the development of her personality on the web by creating a blog in which she offers tips in the world of fashion. In the following years, we saw her engaged not only in various formats of TV presenting, always based on the theme of the image that we daily propose to our neighbors, but also in the writing of books: "What’s your style of dress? Rules, tips and tricks to never make mistakes", published by Rizzoli, and "The perfect wardrobe. Rules and advice tailored to kids & teen from 8 to 14 years ", published by Rizzoli. They define criteria to be followed without exceeding with jargon and without denigrating the differences that characterize the human being. In 2011 she opened the Carla's Academy in Reggio Emilia, a center in which she promotes, through training courses, the learning of good taste. Over the years she was able to find a cross-section of impeccable perfection for ladies of different everyday life, highlighting the feminine and princely side that characterizes us, always keeping that healthy curiosity towards one of the topics sometimes considered father of frivolity, but able to determine, if neglected, the success or insuccess of our expectation.

C

57


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 58

58

How was the public personality Carla Gozzi born? In reality, there is no particular moment in which the "Carla Gozzi personality" was born, or maybe I don’t associate it with a particular moment. I always loved art, at the end of my art studies I started working with the idea of becoming a designer, but the truth is that as deskmates I had people more talented than me and for this reason I chose something different. Today your name identifies a personality and a job, but before this moment were there difficulties that made you think "now I am going to give up everything"? Difficulties are the daily bread of many activities, of all activities. After the art studies I started my journey from the base. I learned how to build a paper pattern. At the beginning I had above all the curiosity and the desire to learn. Later I chose to lead the artistic directors in the creative process, Max Mara for example or Colangelo or Calvin Klein. With everyone I had a different work experience, sometimes not easy but therefore constructive. I can say that I never thought about giving up, but only about growing.

Come nasce il personaggio pubblico Carla Gozzi? In realtà non c’è un momento particolare in cui nasce il “personaggio Carla Gozzi” o forse sono io che non lo associo a un momento particolare. Ho sempre amato l’arte, alla fine dei miei studi artistici ho iniziato a lavorare con in testa l’idea di diventare stilista ma la verità è che come compagni di viaggio avevo persone più talentuose di me e per questo motivo ho scelto altro. Oggi il tuo nome individua un personaggio ed un lavoro, ma prima di questo momento ci sono state difficoltà che ti hanno fatto pensare “adesso mollo tutto?” Le difficoltà sono il pane quotidiano di molte attività, di tutte le attività. Dopo gli studi artistici ho iniziato il mio percorso dalla base. Ho imparato a costruire un cartamodello. Ho vissuto gli inizi soprattutto con la curiosità e la voglia d’imparare. In seguito ho scelto di guidare i direttori artistici nel processo creativo, Max Mara per esempio oppure Colangelo o ancora Calvin Klein. Con ognuno ho vissuto un’esperienza di lavoro diversa, delle volte non facile ma costruttiva per questo motivo posso dire che non ho mai pensato di mollare ma solo di crescere.

What is your definition of style ... Style is something extremely personal, it can be influenced by one's own experience. I take over as Style Coach precisely because sometimes in life there can be a change that may be determinated by external situations independent by us or because you feel you have reached the moment "now or never". I guide people in their thinking "about the reason for that change" and about the destination they want to reach in order to realize that metamorphosis that leads to one of the most important que-

Definizione di Stile secondo te... Lo stile è qualcosa di estremamente personale, può essere influenzato dal proprio vissuto. Io subentro come Style Coach appunto perché in alcuni momenti della vita può esserci un cambiamento che può essere determinato da situazioni estranee alla nostra volontàoppure perché senti che è arrivato il momento “dell’adesso o mai più”. Io faccio riflettere le persone “sul perché di quel cambio” e sulla destinazione che vogliono raggiungere al fine di realizzare insieme quella metamorfosi che porta ad una


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:23 Pagina 59

delle domande più importanti, cosa pensavi da fare da grande?

stions, what did you want to become when you would grow up?

Dai programmi tv agli eventi social, sempre sotto i riflettori e non ti abbiamo mai vista perdere la pazienza. Qual è il segreto per mantenere un self control così forte? Io sono così di carattere. Non nego che la palestra fatta accanto ai grandi della moda ha portato i suoi frutti. Ho capito che se vuoi davvero ottenere il miglior risultato in situazioni difficili devi cambiare il tuo modo di vedere le cose. Cerco sempre di capire chi ho davanti, di trovare sempre il lato buono di quello che sta succedendo al fine di portare a mio favore situazioni a volte sgradevoli.

From TV programs to social events, you are always in the spotlight and we've never seen you lose patience. What is the secret to maintain such a strong self-control? I am like this. I do not deny that going to the gym where fashion celebrities are delivered results. I understood that if you really want to get the best out of difficult situations you have to change your way of looking at things. I always try to understand who I am talking to, to find the upside of what is happening in order to turn into my favor situations which are sometimes unpleasant.

Puoi vantare collaborazioni con grandi stilisti del panorama internazionale, quale di questi ti ha dato più soddisfazione? Yohji Yamamoto, non posso dimenticarlo. La comunicazione con lui è stata una sfida dalle grandi soddisfazioni. Lui parlava poco inglese ed io poco giapponese, comunicava facendo origami con la carta oppure andava al manichino e iniziava a modificare le parti che, a suo vedere, erano poco adatte al “messaggio” che doveva dare al prodotto finito. Stando a contatto con lui ho sviluppato la capacità di capire guardando.

You can boast collaborations with great designers on the international scene. Which of these gave you more satisfaction? Yohji Yamamoto, I cannot forget it. Communication with him was a challenge with great satisfactions. He spoke little English and I spoke little Japanese, he communicated by making origami with paper or he went to the mannequin and began to modify the parts that, in his view, were not suitable for the "message" he had to convey through the finished product. By working with him I developed the ability to understand by looking.

Chi secondo te lascerà un segno del tutto italiano nella moda? Nel corso del tempo abbiamo avuto molti nomi che sono rimasti indelebili, se adesso mi fermo a pensare ad un nome che restarà identifico Marco De Vincenzo. Lui si, credo che lascerà il segno nel panorama dell’alta moda. n

Who do you think will leave a completely Italian sign in fashion? Over time we had many names that remained indelible, if I now stop and think of a name that will last, I can name Marco De Vincenzo. I think he will leave his mark on the high fashion scene. n

59


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 60

years 10 n°50!

IVANA

SPAGNA Ivana Spagna: “Il mio cuore è a Valeggio sul Mincio “.

60

by Alberto Nano


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 61

na cantante italiana che si chiama Spagna e canta in inglese non avrebbe mai successo. Sembra impossibile ma questo fu detto a Ivana da diversi discografici prima del successo internazionale di Easy Lady. Ivana era nel pieno della sua gavetta, cantante e musicista insieme al fratello Theo del gruppo Opera Madre: tante serate in giro per l’Italia suonando dal vivo musica dance, diverse produzioni per la pubblicità e per progetti spot nell’ambito della crescente italodance music. Erano gli anni ’80 e in questo ambiente di grandissima creatività artistica nacque il fenomeno Spagna con la hit Easy Lady, un successo da milioni di dischi e cui radici però partono da Valeggio sul Mincio (Vr), suo borgo natale. Proprio qui, infatti la giovanissima Ivana ha scoperto la musica, complice un concorso indetto dal parroco del paese. Una favola in un contesto da favola: in una lontana serata al Teatro Smeraldo la futura Regina della dance debuttava poco più che bambina. Non raggiunse il primo posto ma scoprì che la ragione della sua vita sarebbe stata la musica. Proprio qui lo scorso 30 marzo Ivana Spagna ha ricevuto la Cittadinanza Onoraria, tornando ad esibirsi allo Smeraldo: per lei infatti la giunta comunale presieduta dal sindaco Angelo Tosoni e dall’Assessore alla cultura Leonardo Oliosi si è riunita sul palcoscenico del teatro e con grande commozione ed affetto ha consegnato il sigillo storico del Comune, creato dall’orafo Alberto Zucchetta. Al termine della premiazione, Ivana è tornata ad essere solo Spagna esibendosi in un travolgente medley dei suoi grandi successi; applausi infiniti, selfie, autografi e un calore davvero raro ancora una volta Valeggio ha dimostrato di non aver dimenticato Ivana e viceversa, un connubio di valori e autenticità che restano nel cuore di Spagna, veneta doc.

U

n Italian singer named Spain who sings in English would never have happened": it seems impossible but this was told to Ivana by several recording companies before the international success of Easy Lady. Ivana was in the midst of her apprenticeship, singer and musician with her brother Theo from the Opera Madre group: many evenings around Italy playing live dance music, various productions for advertising and for spot projects in the context of the growing Italian dance music . And in the 80s and in this environment of great artistic creativity the phenomenon Spain was born with the hit Easy Lady, a hit with millions of records and whose roots however start from Valeggio sul Mincio (VR), his native town. Right here, in fact the young Ivana has discovered music, thanks to a competition organized by the local parish. A fairy tale in a fairy tale setting: in a distant evening at the Teatro Smeraldo the future Queen of dance debut is little more than a child. N did not reach the first place but discovered that the reason for his life would be music. Right here on March 30th, Ivana Spagna received the HOnorary Citizenship, returning to the Emerald, for example: for her, in fact, the municipal council chaired by the mayor Angelo Tosoni and by the councilor for culture Leonardo Oliosi met on the stage of the theater and with great emotion and affection delivered the historic seal of the Municipality, created by the goldsmith Alberto Zucchetta. At the end of the award ceremony, Ivana returned to being only Spain performing a sweeping medley of her great successes; many applaues, selfies, autographs and a rare heat Valeggio once again showed that it had not forgotten Ivana and vice versa, a union of values and authenticity are at the heart of Spain, Venetian Doc.

A

61


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 62

62

A deserved and unexpected honorary citizenship after so many years away from Valeggio . Yes, a really important recognition that I share with my brother Theo. I have always talked about Valeggio sul Mincio and Borghetto , the dream village where my parents had a small house that I still have today, exactly as my parents would have liked. This is my refuge, a stone's throw from the medieval bridge, in front of the village, beside the river: images unchanged over time, emotions associated with every place, indelible memories in my heart.

Una cittadinanza onoraria meritata e inaspettata dopo tanti anni lontano da Valeggio. Si, un riconoscimento davvero importante che condivido con mio fratello Theo. Ho sempre parlato di Valeggio sul Mincio e di Borghetto, il borgo da sogno dove i miei avevano una piccola casa che possiedo tutt’oggi ristrutturata esattamente come i miei genitori l’avrebbero desiderata. Questo è il mio rifugio, a due passi dal ponte medievale, davanti a borgo, accanto al fiume: immagini immutate nel tempo, emozioni associate ad ogni luogo, ricordi indelebili nel mio cuore.

What does this place contain besides a really rare beauty? It is the place where I lived the most beautiful period of my life, it embraces the happiness of my family, the dreams of a child, the sacrifices of my parents, the greatest affection that a person can experience: we had no money but we were happy. It was our dream world, without money but full of love and hope for the future.

Che cosa racchiude questo luogo oltre ad una bellezza rara? E’ il luogo dove ho vissuto il periodo più bello della mia vita, racchiude la felicità della mia famiglia, i sogni di una bambina, i sacrifici dei miei genitori, l’affetto più grande che una persona possa provare: non avevamo soldi ma eravamo felici. Era il nostro mondo dei sogni, senza soldi ma ricchi di amore e speranze per il futuro.

Among your merits, you have brought Italian culture to the world through music, but not only: even Venetian cuisine if I'm not mistaken, especially when you lived in Los Angeles! Yes. In the early 90s I went to live in Los Angeles to work on two albums. My mother came after several insistences! I often invited producers, musicians and friends to dinner: the house was always full of people and we cooked for everyone. One evening a friend of mine asked me if a singer could join us and obviously I accepted. We were already halfway through dinner and my mum and I were happy to drink some red glasses! The evening menu was based on stew and other Italian specialties. The bell rang and Michael Bolton showed up! We were already speechless but when he told me he was a vegetarian there was panic: I remember Gemma and I laughing like crazy in the kitchen in an attempt to prepare him some Venetian vegetable dishes! However, he greatly appreciated!

Tra i tuoi meriti, hai portato nel mondo la cultura italiana attraverso la musica, ma non solo: anche la cucina veneta se non erro, soprattutto quando vivevi a Los Angeles! Si. All’inizio degli anni ’90 andai a vivere a Los Angeles per la lavorazione di due album. Dopo varie insistenze venne pure mia madre! Invitavo a cena spesso produttori, musicisti e amici: la casa era sempre piena di gente e cucinavamo per tutti. Una sera un mio amico mi chiese se poteva unirsi a noi un cantante e ovviamente accettai. Eravamo già a metà cena e prese dall’allegria io e mia mamma ci eravamo già scolate alcuni bicchieri di rosso! Il menu della serata era a base di spezzatino e altre specialità italiane. Suonò il campanello e si palesò Michael Bolton! Già eravamo senza parole ma quando mi disse che era vegetariano ci fu il panico: mi ricordo io e Gemma a ridere come matte in cucina nel tentativo di preparargli qualche piatto veneto a base di verdure! Comunque apprezzò molto!

Livein, in addition to excellence, speaks of luxury: what does luxury mean to you? Luxury means feeling good, maybe at home with my cats. Luxury means knowing how to appreciate beauty, luxury is a delicious dinner with a good wine. The luxury is to find yourself unexpectedly sleeping in a magnificent hotel, even if only for one night.

Livein, oltre alle eccellenze, parla di lusso: che cosa rappresenta per te il lusso? Il lusso è stare bene, magari a casa mia insieme ai miei gatti. Il lusso è sapere apprezzare il bello, il lusso è una cena deliziosa con un buon vino. Il lusso è trovarsi inaspettatamente a dormire in un hotel magnifico, anche solo per una sera nel pieno di una tournée.

What are the hotels you will never forget? The Halcyon Hotel in London and the Georges V in Paris, in my

Quali sono gli hotel che non dimenticherai mai? L’Hotel Halcyon di Londra e il Georges V di Parigi, a mio parere


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 63

gli hotel che mi hanno tolto il fiato dalla bellezza.

opinion the hotels that took my breath away from beauty.

L’inglese e Spagna sono un binomio indissolubile: che cosa rappresenta per te questa lingua? E’ nato da un rapporto conflittuale: alle medie fui bocciata proprio perché non avevo studiato l’inglese! Forse per questo nacque una sfida con me stessa, un riscatto che arrivò non solo a scuola ma soprattutto con la musica. E’ la lingua in assoluto che consente di ballare oppure di cantare qualunque cosa, proprio perché è consonantica, lascia maggiormente in sospeso le frasi, ha una sonorità senza paragoni.

The 'English and Spanish are an inseparable pair: what is this language for you? He was born of a conflictual relationship: in middle school I was rejected because I had not studied English! Perhaps for this reason a challenge was born with myself, a redemption that arrived not only at school but above all with music. It is the absolute language that allows you to dance or sing anything, just because it is consonantal, it leaves sentences more in suspense, it has a sound without comparisons.

L’inglese ti ha permesso anche di essere scelta da Elton John per The Lion King, il Cerchio della vita. Si, il provino fu fatto dapprima in inglese. Lui disse che la mia voce associata a quella canzone era la voce di Madre Natura.

English also allowed you to be chosen by Elton John for The Lion King, the Circle of Life. Yes, the audition was first done in English. He said that my voice associated with that song was the voice of Mother Nature.

Dove vivi oggi? A Blevio, sul Lago di Como, ma davanti agli occhi miei c’è sempre Borghetto di Valeggio sul Mincio. n

Where do you live today? In Blevio , on Lake Como, but before my eyes there is always n Borghetto di Valeggio sul Mincio.

63


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 64

Style

UN PAIo DI oCCHIALI PER FAR VEDERE

CHI SEI by Stefania zilio

64


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 65

Se fossimo sinceri dovremmo dire che 30 anni fa gli occhiali erano una seccatura bella e buona. Le sensazioni psico–emozionali restano fisse nella memoria. ’occhiale era un accessorio che poteva stravolgerti l’immagine, cambiare la tua natura e passare un messaggio non corrispondente alla tua personalità. Le lenti spesse su un giovane ragazzo erano motivo di scarno e disapprovazione sociale, puoi solo immaginare i disagi che può aver vissuto e quanto avrà odiato questo oggetto. Meno male che non è più così. La tecnologia ha trasformato la visione dell’occhiale. Oggi l’occhiale è un accessorio di tendenza, indossato anche da coloro che non ne avrebbero bisogno. Posso dire che è entrato di diritto nel vivere quotidiano svincolando il requisito: utile-brutto in utile-bello. Sarà davvero così per tutti? No, non possiamo generalizzare, per alcuni rimane sempre un ostacolo o un'imposizione. Nasce da questa corrente di pensiero la necessità di formalizzare, strutturare e regolarizzare la scelta dell’occhiale, da qui, ha preso vita FOSKAP la prima consulenza di immagine per l’occhiale di Arianna Foscarini. L’ho intervistata nel suo studio a Thiene, una chicca dal sapore retrò con guizzi di modernità, quasi fossero icone della sua personalità istrionica. Esternamente donna austera, intimamente donna dolcissima. Ed è proprio su questo argomento che ho iniziato la mia intervista.

L

yewear was an accessory that could distort your image, change your nature and pass on a message that does not correspond to your personality. The thick lenses on a young boy were a cause for gaiety and social disapproval, you can only imagine the hardships he may have experienced and how much he hated this object. Thank God it's not like that anymore. Technology has transformed the vision of eyewear. Today eyewear is a trendy accessory, also worn by those who would not need it. I can say that he entered right into everyday life, freeing the requirement: useful-ugly in useful-beautiful. Will this really be the case for everyone? No, we cannot generalize, for some it always remains an obstacle or an imposition. It comes from this current of thought the need to formalize, structure and regularize the eyewear choice, q ui, came to life FOSKAP the first image consulting for glasses Arianna Foscarini. I interviewed her in her studio in Thiene, a gem with a retro flavor with flashes of modernity, as if they were icons of her histrionic personality. Externally an austere woman, intimately a very sweet woman. And it was on this subject that I started my interview.

Esistono casi in cui l’immagine che vogliamo dare di noi stessi non corrisponde al nostro IO più intimo. Come fai a districare la matassa? L’abilità della consulente d’immagine sta proprio in questo: far uscire il carattere celato da una maschera esterna manifesta, per essere autentici e unici. Mi rifaccio al tuo esempio. Se incontro una ragazza con giubbotto in pelle nera, piercing, tatuaggi, jeans strappati e boots neri la connotazione stilistica rock è evidente, ma l'analisi approfondita della consulenza potrebbe rilevare alcuni tratti nascosti di un altro “Dna stilistico”. Durante la consulenza cercherò di capire i suoi sogni, le sue ambizioni. La bambina che è in lei, quella pura, non contaminata dalle sovrastrutture, che comunica attraverso i movimenti, gli oggetti e gli abiti indossati. La nostra essenza deve essere coltivata e coccolata per permetterci di dare sfogo a quanto più autentico c’è nel nostro intimo. Una consulenza di questo spessore farà uscire il “Dna stilistico” più profondo della ragazza, nei piccoli

There are cases in which the image we want to give of ourselves is not the same as our most intimate self. How do you untangle the skein? The skill of the image consultant lies precisely in this: to bring out the hidden character of a manifest external mask, to be authentic and unique. I refer to your example. If I meet a girl with a black leather jacket, piercings, tattoos, ripped jeans and black boots, the stylistic rock connotation is evident, but the in-depth analysis of the consultancy could reveal some hidden feature of another "stylistic DNA". During the consultation I will try to understand his dreams, his ambitions. The child that is in her, the pure one, not contaminated by the superstructures, which communicates through the movements, the objects and the clothes worn. Our essence must be cultivated and pampered to allow us to give vent to how much more authentic there is in our intimate. A consultancy of this thickness will bring out the girl's deepest " stylistic Dna" , in

E

65


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 66

66

small details, which will then give her the opportunity to be expressed in an extremely personal look.

particolari, che poi le darà modo di essere espresso in un look estremamente personale.

Let's get more technical. Can you give me two reasons about the importance of making an image consultation for glasses? Certainly. The first ever regards the visual impact, the so-called "glance", as it happens. The first impression is linked to the shape and "presence" of the glasses on the face. Think about when you first enter someone: in the first 5 seconds you will notice his eyes, his eyes. And if you wear a pair of glasses you will be attracted to them. If you think about it you will remember who was wearing what. Think of Harry Potter, John Lennon or Onassis. It is of fundamental importance that they are of the form appropriate to the characteristics of the face to enhance the cut of the eyes and turn on a look, hiding the signs of time in our expressions. A drooping eyelid or shadow zones around the eyes will pass in the second floor, if you choose the glasses in the shape and proper fit. The second reason examines the colors. Through image consultancy Foskap identify the color palette that fits the person. They are the "friendly colors" and they will be forever. All this is beyond the personality: form and color are technical opinions that I highlight during a consultation for choosing the right glasses.

Entriamo più sul tecnico. Mi dai due motivi sull’importanza di fare una consulenza d’immagine per l’occhiale? Certamente. Il primo in assoluto riguarda l’impatto visivo, il cosiddetto: “colpo d’occhio”, guarda caso. La prima impressione è legata alla forma e alla “presenza” degli occhiali sul viso. Pensa a quando incontri qualcuno per la prima volta: nei primi 5 secondi noterai i suoi occhi, il suo sguardo. E se indossa un paio di occhiali tu sarai attratta da loro. Pensando a lei ricorderai che li indossava. Pensa a Harry Potter, John Lennon oppure Onassis. E' di fondamentale importanza che siano della forma adatta alle caratteristiche del viso per valorizzare Il taglio degli occhi e accendere uno sguardo, nascondendo i segni del tempo nelle nostre espressioni. Una palpebra cadente o zone d'ombra attorno agli occhi passeranno in secondo piano, se si scegli l'occhiale nella forma e misura corretta. Il secondo motivo prende in esame i colori. Con la consulenza d’immagine Foskap identifico la palette di colori adatta alla persona. Sono i “colori amici” e lo saranno per sempre. Tutto ciò esula dalla personalità: la forma e il colore sono pareri tecnici che evidenzio durante una consulenza per la scelta dell’occhiale giusto.

If I didn't understand you, you said that our color palette will be ours forever. Couldn't it adapt to fashions instead? No, our tone of belonging does not change. Our tone, hot or cold and undertone are a characteristic of the skin dictated by a genetic factor. In Foskap I suggest to observe the boundaries of the personal palette. If you are part of the warm colors you will not have to use the cold and vice versa. They can vary in intensity and contrast, depending on the season or the occasions of use. Sticking to the palette of belonging does not involve having a monotonous or even mono life tone, rather surrender to a dance. The more we will be able to recognize the "friend colors" the more we will create our personality on the available chronometry, feeling free to dare with new combinations and, why not, transgressing the rules, as in a poetic license. The magic recipe for a perfect pair of glasses? Consistency between personalities, somatic traits and chronometry.

Se non ho capito male hai detto che la nostra palette di colori sarà nostra per sempre. Non potrebbe adattarsi alle mode? No, il nostro tono di appartenenza non cambia. Il nostro tono, caldo o freddo e il sottotono sono una caratteristica della pelle dettata da un fattore genetico. In Foskap consiglio di osservare i confini della palette personale. Se fai parte dei colori caldi non dovrai usare i freddi e viceversa. Possono variare di intensità e contrasto, a seconda della stagionalità o delle occasioni d’uso. Attenersi alla palette di appartenenza non comporta avere una vita monotona e neppure mono tono, piuttosto abbandonarsi ad una danza. Più saremo bravi a riconoscere i “colori amici” più creeremo la nostra personalità sulla cronometria a disposizione, sentendoci libere di osare con nuove combinazioni e, perché no, trasgredire alle regole, come in una licenza poetica. La ricetta magica per un occhiale perfetto? Coerenza tra personalità, tratti somatici e cronometria.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 67

Credo ci sia qualcosa di più profondo sulla scelta dell’occhiale giusto, mi aiuti a capire cos’è? Abbiamo bisogno di sicurezza, di sentirci bene. Non dimentichiamo che pochi anni fa l’occhiale era visto come un handicap. Le stesse parole “mi manca”, “quanto ti manca” richiamano qualcosa di negativo. Sono le stesse che usiamo oggi, ma il tono e il significato sono completamente diversi. Il difetto di vista è un fattore genetico e non un difetto. Siamo biondi come miopi, alti come astigmatici, è la nostra unicità. Per fortuna la connotiamo come caratteristica oggi, con Foskap non faccio altro che spostare la visione da negativa a positiva esaltando la bellezza e la persona che ho di fronte. n

I think there's something deeper about choosing the right glasses, help me understand what it is? We need security, to feel good. Let us not forget that a few years ago glasses were seen as a handicap. The same words "I miss you", "how much you miss" recall something negative. They are the same as we use today, but the tone and meaning are completely different. The visual defect is a genetic factor and not a defect. We are blond as short-sighted, tall as astigmatism, it is our uniqueness. Fortunately, we characterize it as a characteristic today, with Foskap I do nothing but move my vision from negative to positive, enhancing the beauty and the person in front of me. n

67


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:24 Pagina 68

Style

68


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 69

LA VoCE DELLA

MODA

by Lydia Cavaliere modasenzatzucchero.wordpress.com

In 10 anni sono cambiate tante cose nella storia, nella moda, nella società. Si sono manifestati nuovi meccanismi, nuove culture, nuovi momenti, che hanno conseguentemente apportato nuovi colori, volumi, comportamenti e combinazioni, sicuramente diretti da un comune “direttore d’orchestra”, la Comunicazione.

ncora acerbo nel primo decennio del 2000, ogni meccanismo di divulgazione del proprio pensiero, idea o dittatoriale faccenda, adesso risulta essere la normalità. Un blog, un post su un social, una foto, ha lo stesso potere che fino a dieci anni fa deteneva la carta stampata. Così nascono le tendenze flash; quello che oggi è trend, domani è già passato, da sorpassare con qualcosa di nuovo. Ancora tra le generazioni più mature si sente parlare cosi “per questa stagione va di moda questo”, “per questa stagione va di moda quest’altro”. “L’ultima moda di quest’anno è un colore, o un altro, o un volume, o una gonna a pieghe.” In realtà la Moda oggi, in particolare nella PE 2019, non si muove tanto con trend sintetizzabili con semplici elementi, ma più in larga scala. Non c’è un colore, un volume o un tessuto a primeggiare

A

till unripe in the first decade of 2000, every mechanism of disclosure of one's own thought, idea or dictatorial affair, now appears to be normality. A blog, a post on a social media, a photo, has the same power that up to ten years ago held the printed paper. Thus flash trends are born; what is trend today, tomorrow has already passed, to be surpassed with something new. Even among the more mature generations we hear of this "this season is in fashion", "this season is in fashion this other". "This year's latest fashion is a color, or another, or a volume, or a pleated skirt." In reality, fashion today, particularly in PE 2019, does not move so much with trends that can be synthesized with simple elements, but more on a larger scale.

S

69


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 70

70

There is no color, volume or fabric to excel on the catwalks, but more a concept, perhaps a message, that designers previously had the absolute power to give them a voice with their creations, now they have to face the dictates of bloggers , increasingly influential in the Fashion scene. Added to this is the political situation. From Brexit, which favored the revival of petty bourgeois fashion, to the trumpism that led to a general irrelevance in the New York fashion scene. In Milan the situation is more complex. In every area it is difficult to take a position, even on the catwalk. The authenticity that emerged in the Dolce & Gabbana fashion show was in contrast with Prada's initiative, fearless in encouraging a reaction against the regression that denies the important role of fashion in society. Marco Bizzarri, for Gucci, risked overturning the message that the company has always wanted to communicate. Risking, he implemented his idea of fashion, not with anarchy, nor with any revisitation of the past, but basing his project on the concept of genderless, against the predominance of the masculine over the feminine, the exaltation of the personality against homologation and respect for others against abuse and acceptance against exclusion. The further innovation lies in the fact that all this was not communicated by means of photos, social media or showcases, but using an immediate language capable of making the arguments are perceived. Miuccia Prada always asks questions before such "uncertainty". Perhaps it would be productive to bring the absolute classic back to the catwalk, simply because society tends to take refuge in the past because there is no vision of an innovative future. A wrong, unconventional fashion, which asks questions, which positively uses insecurity, to get out of atrophy, an apathy that n would overcome the spectacular visions of fashion.

sulle passerelle, ma più un concetto, forse un messaggio, che gli stilisti prima avevano il potere assoluto di dargli voce con le loro creazioni, adesso devono far fronte ai dettami delle bloggers, sempre più influenti nel panorama Fashion. A questo si aggiunge la situazione politica. Dal Brexit, che ha favorito il rilancio della moda piccolo borghese, al trumpismo che ha portato a un’irrilevanza generale nel panorama della moda newyorchese. A Milano la situazione è più complessa. In ogni ambito si stenta a prendere una posizione, anche in passerella. L’autenticità emersa nella sfilata di Dolce & Gabbana, è andata in contrasto con l’intraprendenza di Prada, impavida nell’incoraggiare a una reazione contro la regressione che diniega il ruolo importante della moda nella società. Marco Bizzarri, per Gucci, ha rischiato sovvertendo il messaggio che l’azienda ha sempre voluto comunicare. Rischiando, ha attuato la sua idea di moda, non con l’anarchia, ne con alcuna rivisitazione del passato, ma improntando il suo progetto sul concetto di genderless, contro il predominio del maschile sul femminile, l’ esaltazione della personalità contro l’omologazione e il rispetto dell’altro contro la prevaricazione e l’accoglienza contro l’esclusione. L’innovazione ulteriore sta nel fatto che tutto ciò non è stato comunicato mediante foto, social o vetrine, ma utilizzando un linguaggio immediato atto a far percepire le argomentazioni. Miuccia Prada pone sempre delle domande dinnanzi a cotanta “incertezza”. Forse sarebbe producente riportare in passerella il classico più assoluto, semplicemente perchè la società tende a rifugiarsi nel passato perchè non vi è una visione del futuro innovativa. Una moda sbagliata, anticonformista, che si pone domande, che usa positivamente l’insicurezza, per uscire da un’atrofia, un’apatia che avrebbe la meglio sulle spettacolari visioni della Moda. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 71


Progetto1.qxp_Layout 1 16/07/19 13:24 Pagina 72

Style

72


VoGLIA DI

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 73

MARE by Mariangela Bonaparte

La voglia di mare non si limita alla prenotazione della meta turistica ma inizia prima, quando cominciamo a pensare a quale costume affidare la definizione della nostra silhouette.

a voglia di mare non si limita alla prenotazione della meta turistica ma inizia prima, quando cominciamo a pensare a quale costume affidare la definizione della nostra silhouette. Tra le aziende a marchio Made in Italy spicca Twinset, noto brand di Carpi nato intorno agli anni ’90 che nel corso del tempo ha saputo conquistare una fetta di mercato importante sollevando l’interesse di alcuni Fondi e diventando oggi uno dei punti di riferimento della fascia alta dedicata al fashion. Grazie alla collaborazione con Elettra Lamborghini, nipote del fondatore della mitica casa automobilistica emiliana e regina incontrastata del reggaeton, Twinset realizza una capsule dedicata al mare che promette un giusto bilanciamento tra la linea classica e i dettagli studiati ad hoc per valorizzare, in totalità, la figura delle donne. Divisa tra stampa animalier, colori fluo e frange declinati in bikini, trikini e costumi interi la collezione mare, Twinset by Elettra Lamborghini, rappresenta una delle stagioni più attese perché carica di vitalità e dinamismo dedicata alle donne che, senza timore di dimostrare la propria femminilità, cercano un pezzo rivolto al guardaroba estivo che rappresenti, senza ombra di dubbio, la parte “selvaggia” del loro spirito.

L

he desire to go to the beach is not limited to the moment we book our vacations but starts earlier when we start thinking about what costume to entrust the definition of our silhouette. Among the Made in Italy brands, Twinset stands out, a wellknown Carpi brand born around the 90s that over time has been able to conquer an important market share, raising the interest of some Funds and becoming today one of the reference points of the high end dedicated to fashion. Thanks to the collaboration with Elettra Lamborghini, grandson of the founder of the legendary Emilia automaker and undisputed queen of reggaeton, realizes Twinset a capsule dedicated to the sea that promises a fair balance between the classic and the details designed specifically to enhance, in totality, the women's figure. Divided between animal print, fluorescent colors and fringes declined in bikinis and swimsuits collection trikini sea, Twinset by Electra Lamborghini, It is one of the most anticipated seasons because charge of vitality and dynamism dedicated to women who, without fear to show their femininity, try a piece addressed to the summer wardrobe that represents, without a doubt, the "savages" of their spirit.

T

73


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 74

74

The sea costume, however, is not limited to the beach. Following the directions of streetstyle the whole model, in its "corset" version, wins over all worn with high-waisted jeans and heels, ideal for moments when it needs to be super glam. But for those who want something that enhances the figure, even on the beach, without exceeding the cool look, the reference is always in our Italian-style brands. D&G promotes a range of possibilities where the "one-piece" version is simple and clean in line in favor of necklines that, while maintaining rigor, enhance the physicality. The game of fantasies, typically used by the brand, gives life to a piece that, following the indications of the major influencers, becomes a Passepartout to use from the morning on the beach until the evening at dinner. For Acne Studio, a company in the Swedish fashion world, the woman at the beach is sensual but tied to tradition. Shaped triangle and seamless briefs for an ultra-comfortable fit that is proof of hyper tight fitting. Regardless of the beloved company, be it Italian or foreign, the range of costumes dedicated to women for the holiday season is wide. Fantasies, bright colors and variety of pieces are the main ingredients for a result devoted to the best den finition of the tastes and physicality of us women.

Il costume mare, però, non si limita alla spiaggia. Seguendo le indicazioni dello streetstyle il modello intero, nella sua versione “corsetto”, vince su tutti indossato con jeans a vita alta e tacco, ideale per momenti in cui serve essere super glam. Ma per coloro che vogliono qualcosa che valorizzi la figura, anche in spiaggia, senza però eccedere nella versione cool il riferimento è sempre nei nostri marchi di stampo italiano. D&G promuove un ventaglio di possibilità dove la versione “costume intero” si presenta semplice e pulito nella linea a favore di scollature che pur mantenendo rigore valorizzano la fisicità. Il gioco di fantasie, tipicamente usato dal brand, da vita ad un pezzo che, seguendo le indicazioni delle maggiori influencer, diventa un paspartout da usare dal mattino in spiaggia fino alla sera a cena. Per Acne Studio, azienda del mondo fashion di matrice svedese, la donna al mare è sensuale ma legata alla tradizione. Triangolo sagomato e slip seamless per una vestibilità ultra comoda a prova di outfit iper aderente. Indipendentemente dall’azienda amata, sia questa italiana o straniera, la gamma di costumi dedicati alla donna per la stagione delle vacanze è ampia. Fantasie, colori accesi e varietà di pezzi sono gli ingredienti principali per un risultato votato alla migliore definin zione dei gusti e delle fisicità di noi donne.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 75


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 76

Style

by Marianna Bonavolontà La Chic Bohemian

CURVY: FEMMINILITà

oLTRE IL TEMPo emininity travels on sinuous curves, muffled prosperity on which man loves to skid. We have to make ourselves a reason: a size 44 is curvy like all those from size 46 upwards. The soft pleases, a prosperous breast and abundant hips, feminine archetypes that explore the nuances of seduction and are necessary prerogatives to enter by curvy law. That the woman has always been soft, welcoming, curvy? From the ancient depictions of fertility of the Greek statues, to the very squeezed bustiers of the 1800s, it seems so. Curves have always been what distinguished women. The canons of beauty over the centuries have undergone rapid changes up to the '900, a century in which the image of women changed every ten years in an alternation of ever different female models. The curvy of today are the most popular of the past, those that in the fifties fascinated men with their movements and

F

76

a femminilità viaggia su curve sinuose, prosperità ovattate sulle quali l’uomo ama sbandare. Dobbiamo farcene una ragione: una taglia 44 è curvy come lo sono tutte quelle dalla taglia 46 in su. Il morbido piace, un seno prosperoso e i fianchi abbondanti, archetipi femminili che esplorano le sfumature della seduzione e sono prerogative necessarie per entrare di diritto nelle curvy. Che la donna sia sempre stata morbida, accogliente, curvy? Dalle antiche raffigurazioni di fertilità delle statue greche, ai bustier strizzatissimi del 1800, pare di sì. Ciò che ha sempre contraddistinto la donna sono proprio state le curve. I canoni di bellezza nel corso dei secoli hanno subito rapidi mutamenti fino ad arrivare al ‘900, secolo in cui l’immagine della donna cambiava a cadenza decennale in un alternarsi di modelli femminili sempre diversi. Le curvy di oggi sono le maggiorate di un tempo, quelle che negli anni ’50 ammaliavano gli uomini con le loro movenze e quella

L


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 77

La moda è il linguaggio dell’unicità e il nostro corpo è un tempio sacro da amare e valorizzare, di qualunque forma o dimensione esso sia. femminilità indiscutibile. Mi vengono alla mente le icone maggiorate e prorompenti come Sophia Loren, Silvana Mangano, Gina Lollobrigida e Marylin Monroe. Finalmente il periodo delle curvy è tornato: restituiamo alla donna curvy la dignità di un tempo. Nel panorama internazionale contemporaneo chi è la migliore rappresentante e beniamina del mondo curvy? Di sicuro l’italianissima Elisa D‘Ospina, le internazionali Ashley Graham, Candice Huffine, Robyn Lawley. Queste eleganti icone giunoniche, vere e proprie sex bomb, ci ricordano che le curve, a qualunque età e con qualunque taglia, possono essere eleganti, di tendenza e senza tempo, il segreto però è saper gestire la propria fisicità.

that indisputable femininity. I think of oversized and overflowing icons like Sophia Loren, Silvana Mangano, Gina Lollobrigida and Marylin Monroe. Finally the curvy period is back: we give back to the curvy woman the dignity of the past. In the international contemporary scene, who is the best representative and favorite of the curvy world? Certainly the very Italian Elisa DʻOspina, the internationals Ashley Graham, Candice Huffine, Robyn Lawley. These elegant Junoesque icons, real sex bombs, remind us that curves, at any age and with any size, can be elegant, trendy and timeless, but the secret is knowing how to manage one's physicality.

BON TON CURVY Voluminose, maggiorate, super equipaggiate di un surplus di materiale che se riuscissimo a trasformalo tutto in eleganza e stile, non ce ne sarebbe per nessuno. Eppure la nostra difficoltà è proprio quella di mettere in evidenza i punti giusti e minimizzare i punti critici che ci rendono eccessive o peggio, con l’outfit sbagliato, da rischiare la volgarità. Impariamo a prenderci cura di noi e valorizzarci.

BON TON CURVY Voluminous, oversized, super equipped with a surplus of material that if we could transform it all into elegance and style, there would be none for anyone. Yet our difficulty is precisely that of highlighting the right points and minimizing the critical points that make us excessive or worse, with the wrong outfit, to risk vulgarity. We learn to take care of ourselves and value ourselves.

Regola base: eleganza. Niente esagerazione e volgarità. Riportiamo la nostra vera essenza di donna ai sapori primordiali, quando la Venere di Botticelli e le sue morbidezze erano considerate pura arma di seduzione, stessa arma utilizzata dalle icone anni ’50, e non solo. Quali regole da seguire, oltre all’eleganza? 1. Consapevolezza. Prendiamo consapevolezza del nostro corpo, guardiamo le nostre forme e cerchiamo di capire quali sono i nostri punti critici e quelli forti. 2. Moderazione: Negli outfit cerchiamo alleati all’eleganza, non alla volgarità e allora impariamo a moderare. Questa regola dovrebbe valere per ogni donna, ma per noi ancora di più. 3. Rielaborazione: Noi non seguiamo la tendenza del momento, prendiamo spunto dalla tendenza e la rielaboriamo. Non tutto ci valorizza e allora facciamo attenzione alle tendenze che a volte sono vere e proprie trappole per le fashion addicted.

Basic rule: elegance. No exaggeration and vulgarity. We report our true essence as a woman to primordial flavors, when Botticelli's Venus and its softnesses were considered pure weapons of seduction, the same weapon used by the icons of the fifties, and not only. What rules to follow, in addition to elegance? 1. Awareness. We take awareness of our body, we look at our forms and we try to understand what are our critical points and the strong ones. 2. Moderation: In the outfits we look for allies to elegance, not to vulgarity and then we learn to moderate. This rule should apply to every woman, but to us even more. 3. Reworking: We do not follow the trend of the moment, we take inspiration from the trend and rework it. Not everything values us and then we pay attention to trends that are sometimes real traps for fashion addicts.

77


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 78

78

4. Optical illusion: Important knees? Let's camouflage them with a nice midi skirt or use color and lengths! But the best trick, the real camouflage technique to mask the critical points is to shift the attention to enhancing our best features. 5. Enhance: We have a soft, feminine body and we have a duty to value it. Let's get the strengths out and put them in evidence but always in moderation. 6. No: Oversize clothes. We would just risk looking bigger by taking even one or two extra sizes. We need lines and fabrics that caress the body and help us shape it to the fullest. 7. Underwear: It is our great ally, especially if modeling, of the right size and does not leave unsightly marks, such as the cut breast effect. It is vulgar and was fashionable only at the court of Louis XIV. 8. Balance: If I already have a clear lipstick, the make-up on the eyes must be natural and vice versa. If I have a too accentuated neckline, no categorical to short skirts. 9. Verticality: We play with optical illusions and colors using the verticality of clothes, blazers or cardigans that lengthen the figure, the same we will do with color blocks and lines, never horizontal. 10. LOVED: It is the basic rule for any person. Let us remember, every time we look in the mirror, that we are women and we are beautiful. Whatever image that mirror refers to us, we must love it. If you don't know how to do it, in the next artin cles we will deepen many of these critical aspects!

4. Illusione ottica: Ginocchia importanti? Mimetizziamole con una bella gonna midi o sfruttiamo giochi di colore e lunghezze! Ma il trucco migliore, la vera e propria tecnica camufflage per mascherare i punti critici è quella di spostare l’attenzione valorizzando le nostre caratteristiche migliori. 5. Valorizzare: Abbiamo un corpo morbido, femminile e abbiamo tutto il dovere di valorizzarlo. Tiriamo fuori i punti forti e mettiamoli in evidenza ma sempre con moderazione. 6. No: ai vestiti Oversize. Rischieremmo solo di sembrare più grosse prendendo addirittura una o due taglie in più. Abbiamo bisogno di linee e tessuti che accarezzino il corpo e ci aiutino a delinearlo al meglio. 7. Intimo: È il nostro grande alleato, soprattutto se modellante, della taglia adatta e che non lasci antiestetici segni, come ad esempio l’effetto seno tagliato. È volgare e andava di moda solo alla corte di Luigi XIV. 8. Bilanciare: Se ho già un rossetto evidente, il make-up sugli occhi dev’essere naturale e viceversa. Se ho una scollatura troppo accentuata, no categorico alle gonne corte. 9. Verticalità: Giochiamo con le illusioni ottiche e i colori sfruttando la verticalità di vestiti, blazer o cardigan che allunghino la figura, lo stesso faremo con i color block e le righe, mai orizzontali. 10. AMATI: È la regola base per qualunque persona. Ricordiamoci, ogni volta che ci guardiamo allo specchio, che siamo donne e siamo bellissime. Qualunque immagine quello specchio rimandi di noi, dobbiamo amarla. Se non sai come fare, nei prossimi articoli approfondiremo molti di questi aspetti critici! n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 79


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 80

Style

Esteta raffinato ed esigente con la passione per i motori e il culto della libertà , il moderno dandy biker ama viaggiare con stile in sella a rombanti bolidi dal look retrò, come la leggendaria "Bonnie", icona degli anni Sessanta. Un "gioiello" per veri intenditori 80


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:25 Pagina 81

L’IRRESISTIBILE FASCINo DEL GENTLEMAN RIDER

BONNEVILLE by Roberta Vanore

48 81


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 82

Intense look like Steve McQueen, the expression a bit 'rude as a "bad boy", gloves and leather jacket total black. Charisma and sensuality. It's the charm irresistible of the biker, free spirit, who knows what he wants, loves strong emotions and seduces on his roaring bike. Therefore, not only the jacket and tie, the modern dandy has an innate passion for motors (two or four-wheeled cars) and loves to travel in style. The "gentleman rider" on the road performing a 'soul' rock ', bold and rebellious. Adora the wind in your face, the thrill, the adrenaline. Freedom is his banner. The journey for him counts more than the destination. The rider is at one with his bike, like a knight errant with his horse: a perfect match for epic deeds, not surprisingly the biker is also called " centaur "(the " semi-god ", half man and half horse). The motorcyclist is in fact the " knight of the road " riding his " steel horse ". The bike is a metaphor for life: intense, fast, intoxicating and unpredictable. But thedandy rider is not just a motorcyclist: in the gentleman aesthetics and ethics coexist and, even on the road, a " code of honor " prevails. The dandy in motion is not the reckless and reckless boy who puts his life and that of others at risk, but he is a responsible man who knows his limits and calculates the risks, dosing, with extreme intelligence, adventure and safety . The gentleman rider He loves speed, but also loves to enjoy the scenery and savored slowly the excitement of the trip. A but the bike just as he loves a woman: with passion and respect, calibrating impetus, boldness and delicacy . Women and motors, beauty and adrenaline, always an indissoluble union. Whether it's a custom or a super sports car, a naked or a Café racer, it doesn't matter if it is a modern bike with a retro charm that fascinates the classy man, even better if a limited-edition model reserved for a few collectors. The myth par excellence of the dandy biker is the Triumph Bonneville, legendary motorcycle of the sixties, a classic jewel with a vintage look for true connoisseurs. The history of this motorcycle has its roots back in 1958 , when one of the oldest

A

82

guardo tenebroso alla Steve McQueen, espressione un po’ rude da "bad boy", guanti e giacca di pelle total black. Carisma e sensualità. È il fascino irresistibile del biker, spirito libero, che sa quel che vuole, ama le emozioni forti e seduce in sella alla sua rombante moto. Non solo giacca e cravatta quindi, il dandy moderno ha un’innata passione per i motori (bolidi a due o quattro ruote) e ama viaggiare con stile. Il "gentleman rider" on the road esibisce un’anima "rock", audace e ribelle. Adora il vento in faccia, il brivido, l’adrenalina. La libertà è il suo vessillo. Il viaggio per lui conta più della meta. Il rider è un tutt’uno con la sua moto, come un cavaliere errante con il suo cavallo: binomio perfetto per imprese epiche, non a caso il biker viene chiamato anche "centauro" (il "semi-dio", metà uomo e metà cavallo). Il motociclista è infatti il "cavaliere della strada" in sella al suo "cavallo d’acciaio". La moto è metafora della vita: intensa, veloce, inebriante e imprevedibile. Ma il dandy rider non è un semplice motociclista: nel gentleman estetica ed etica convivono e, anche sulla strada, prevale un "codice d’onore". Il dandy in moto non è il ragazzo incosciente e spericolato che mette a repentaglio la sua vita e quella altrui, ma è un uomo responsabile che conosce i suoi limiti e calcola i rischi, dosando, con estrema intelligenza, avventura e sicurezza. Il gentleman rider ama la velocità, ma adora anche godersi il paesaggio e assaporare con calma le emozioni del viaggio. Ama la moto così come ama una donna: con passione e rispetto, calibrando impeto, audacia e delicatezza. Donne e motori, bellezza e adrenalina, da sempre un connubio indissolubile. Che sia una custom o una supersportiva, una naked o una Café racer poco importa, ad affascinare l’uomo di classe è una moto moderna dal fascino retrò, meglio ancora se un modello in edizione limitata riservato a pochi collezionisti. Il mito per eccellenza del dandy biker è la Triumph Bonneville, motocicletta leggendaria degli anni Sessanta, un gioiello classico dal look vintage per veri intenditori. La storia di questa moto affonda le sue radici nel lontano 1958, quando uno dei mar-

S


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 83

chi più antichi della storia del motociclismo - la britannica Triumph Motorcycles Srl di Hinckley - presenta ufficialmente un nuovo modello sportivo che sarebbe diventato un’icona nel mondo delle due ruote: la "T120", con motore bicilindrico a quattro tempi e cilindrata da 650 cc. Le bicilindriche inglesi costituiscono una svolta per motociclismo dell’epoca rappresentando le più veloci e le più originali motociclette al mondo. L’ammiraglia T120 è passata alla storia con il soprannome "Bonneville", dal luogo in cui la motorbike ha battuto il record di velocità nel 1956 (oltre 340 km/h) sul circuito "Bonneville Speedway", nei pressi del lago di Bonneville, nello stato dello Utah, Stati Uniti. Durante gli anni Sessanta - periodo di rinascita e di importanti movimenti culturali e artistici - la valenza sociale della moto è al culmine: la Bonneville raggiunge un successo incredibile ispirando generazioni di motociclisti e rappresentando un inno alla vita e alla libertà di espressione, e un simbolo di emancipazione e ribellione giovanile. Il capolavoro di Hinckley diventa un oggetto di culto ricercato quanto un orologio antico. Hollywood consacra alla leggenda il mito della "Bonnie" grazie al fascino sensuale di attori "belli e dannati" amanti dei motori. La Bonneville è infatti amata da moltissime star del cinema, di ieri e di oggi, come: Steve McQueen, James Dean, Marlon Brando, Bob Dylan, Tom Cruise, George Clooney, Nicolas Cage ed Ewan McGregor. Nei decenni la "Bonnie" si rinnova esteticamente, pur restando sempre fedele a se stessa. Le prime migliorie iniziano negli anni Settanta. Nel ‘73 il modello passa da T120 a T140, la cilindrata viene portata a 750 cc e il cambio a cinque marce. A inizi anni ‘80 viene introdotto l’avviamento elettrico e nel ‘82 nasce il modello in stile custom. Nel 1983, a causa di scarse risorse finanziarie, la casa britannica Triumph viene chiusa, ma l’imprenditore John Bloor ne rivela il marchio e lo rilancia nel 1991. Nel 2008, con le normative antinquinamento, viene introdotto l’impianto ad iniezione elettronica, che resta però volutamente nascosto sotto le "spoglie" di finti carburatori. Oggi la linea "Modern Classic" comprende una

brands in the history of motorcycling - the British company Triumph Motorcycles Srl of Hinckley - officially presents a new sports model that would become an icon in the world of two wheels: the " T120 " , with a four-stroke two-cylinder engine and displacement of 650 cc . The English twins represent a breakthrough for bike era representing the fastest and most the most original motorcycles in the world. The flagship T120 has gone down in history with the nickname "Bonneville" , from the place where the motorbike broke the speed record in 1956(over 340 k m / h) on the " Bonneville Speedway " circuit , in lake of Bonneville, in the state of Utah , United States. During the sixties - period of rebirth and of important cultural and artistic movements the sial value of the bike is at its peak: the Bonneville achieves an incredible success inspiring generations of motorcyclists and representing a hymn to life and freedom of expression, and a symbol of emancipation and youth rebellion . Hinckley's masterpiece becomes a cult object sought after as an antique clock. Hollywood devotes itself to the legend the myth of "Bonnie" thanks to the sensual fascination of "beautiful and damned" motor racing actors. L toBonneville it is in fact loved by many movie stars, yesterday and today, such as: Steve McQueen, James Dean, Marlon Brando, Bob Dylan, Tom Cruise, George Clooney, Nicolas Cage and Ewan McGregor. In the decades the "Bonnie" renews itself aesthetically, while always remaining true to itself. The first improvements began in the 1970s. In '73 the model passes from T120 to T140, the displacement is increased to 750 cc and the five- speed gearbox. At the beginning of the 80s electric starter was introduced and in 82 the custom style model is born. In 1983, due to scarce financial resources, the British home Triumph is closed, but the entrepreneur John Bloor reveals the brand and the relaunch in 1991. In 2008, with the antipollution regulations, the electronic injection system is introduced, which however remains deliberately hidden under the " spoils "

83


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 84

84

of fake carburettor. Today the line "Modern Classic" includes a wide range of motorcycles Bonneville: in addition to the elegant T100 the "big sisters" T120 and T120 Black , the powerful racing Thruxton , the speed Bobbers , the custom Speedmasters and the Street Twins stand out . The latest generation Bonneville have a livery with an irresistible charm. Vintage look but cutting-edge technology. Loyal to the legendary ancestor of the ' 5 8 , the new models take up the original aesthetics keeping the features of the iconic twin-cylinder engine unchanged : the unmistakable aluminum tank, the round headlight, the bottleneck exhausts, and the characteristic two-seat flat seat. The real collector's items are the precious ones Bonneville limited edition: unique jewels made for the Bonnie anniversaries. In 2008, the 50th anniversary, Triumph realizes the "Triumph Bonneville T100 - 50th Anniversary": only 650 copies (650 in honor of the original engine capacity number) in tut t or the world (of which only 95 registered in Italy) . These " works of art " - made for collectors - are numbered with a brass plaque and accompanied by a certificate signed by John Bloor, Triumph Motorcycles owner. The much sought after T100 -50th of 2008. It is in two colors (blue / orange), with excellent chrome and gold features hand-painted, has a Euro 4 two-cylinder engine with engine capacity from 865 cc and 68 horses, liquid cooling, ABS, traction control and Pirelli tires. The masterpiece of 2019 is instead the wonderful " Bonneville T120 Diamond Edition ", with which the Triumph celebrates the 60th anniversary of the twin British. Based on the timeless flagship T120 of '58, the Diamond Edition 2019 is characterized by bristled unique finishes and high quality details, equipped with a 1200 cc engine with 80 horsepower power, liquid cooling, heated grips and USB socket under the seat. Only 900 units worldwide, numbered e certified by Nick Bloor, current CEO of Triumph. After more than half a century the success story of a brand born to excel, a brand, continues who has victory in the DNA, which has broken every king's string pushing itself beyond the limits; a brand moved by the insatiable desire to be the fastest. Whether chosen by a driver with a passion for speed or by a demanding and refined one gentleman lover of aesthetic perfection, the Bonneville never disappoints . His indomitable and rebellious spirit it is unstoppable, like a motorcycle n thrown into the wind. Because the real myths never die.

vasta gamma di moto Bonneville: oltre alle eleganti T100 spiccano le "sorelle maggiori" T120 e T120 Black, le potenti Thruxton da corsa, le Bobber da velocità, le custom Speedmaster e le Street Twin. Le Bonneville di ultima generazione hanno una livrea dal fascino irresistibile. Look vintage ma tecnologia all’avanguardia. Fedeli alla leggendaria antenata del ‘58, i nuovi modelli riprendono l’estetica originale mantenendo inalterate le caratteristiche dell’iconica bicilindrica: l’inconfondibile serbatoio in alluminio, il faro rotondo, gli scarichi a collo di bottiglia e il caratteristico sellone piatto a due posti. I veri pezzi da collezione sono le preziose Bonneville in edizione limitata: gioielli unici realizzati in occasione degli anniversari della "Bonnie". Nel 2008, per il 50° anniversario, la Triumph realizza la "Triumph Bonneville T100 - 50th Anniversary": solo 650 esemplari (650 in omaggio numero della cilindrata originale) in tutto il mondo (di cui solo 95 immatricolate in Italia). Queste "opere d’arte" -realizzate per collezionisti - sono numerate con una placca d’ottone e accompagnate da un certificato di garanzia firmato da John Bloor, proprietario della Triumph Motorcycles. La ricercatissima T100-50th del 2008 è bicolore (blu/orange), con cromature eccellenti e filettature dorate dipinte a mano, ha un motore bicilindrico Euro 4 con cilindrata da 865 cc e 68 cavalli, raffreddamento a liquido, ABS, controllo di trazione e pneumatici Pirelli. Il capolavoro del 2019 è invece la stupenda "Bonneville T120 Diamond Edition", con cui la Triumph celebra il 60° anniversario della bicilindrica britannica. Basata sull’intramontabile ammiraglia T120 del ‘58, la Diamond Edition 2019 è caratterizzata da finiture uniche e dettagli di alta qualità, dotata di un motore con cilindrata da 1200 cc e potenza da 80 cavalli, raffreddamento a liquido, manopole riscaldabili e presa USB sotto la sella. Solo 900 esemplari in tutto il mondo, numerati e certificati da Nick Bloor, attuale CEO della Triumph. Dopo oltre mezzo secolo continua la storia di successo di un brand nato per eccellere, un brand che ha la vittoria nel dna, che ha infranto ogni record spingendosi oltre i limiti; un marchio mosso dall’insaziabile desiderio di essere il più veloce. Che sia scelta da un pilota con la passione per la velocità o da un esigente e raffinato gentleman amante della perfezione estetica, la Bonneville non delude mai. Il suo spirito indomabile e ribelle è inarrestabile, come una moto lanciata nel vento. Perché i veri miti n non muoiono mai.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 85


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 86

Style by Joseph Ralph Fraia

THE STATEN ISLAND

FERRY ince 1905 the Staten Island Ferry has provided service between Staten Island and Lower Manhattan, and its one of our favorite venues because it has three of our favorite things associated with it; it's free, it's a mini cruise ride and you'll see fantastic views of some of New York City's most memorable landmarks. Hop on board the Staten Island Ferry enjoy a free 5.2 mile river cruise any time of the day or night, 365 days a year. During the approximately 25 minute trip, you'll get a fantastic view of the World Trade Center and the rest of Lower Manhattan, South Street Seaport, the Statue of Liberty, Jersey City and perhaps a cruise ship leaving out of New York Harbor. Then double the fun by riding the ferry back to Manhattan from Staten Island. Riding the Staten Island Ferry is a great way to experience something many "Native New Yorkers" do every day, and best of all, you can do it for free. There are gift shops, restaurants and a beautiful waterfront to enjoy once you reach Staten Island. The Staten Island Ferry originated in 1817, when the Richmond Turnpike Company started a steamboat service from Manhattan to Staten Island. Cornelius Vanderbilt bought the Richmond Turnpike Company in 1838, and it was merged with two competitors in 1853.

S

86

al 1905 lo Staten Island Ferry ha fornito il servizio tra Staten Island e Lower Manhattan, ed è uno dei nostri luoghi preferiti perché ha tre delle nostre cose preferite ad esso associate; è gratuito, è una mini crociera e vedrai fantastici panorami di alcuni dei monumenti più memorabili di New York. Salite a bordo dello Staten Island Ferry godetevi una crociera fluviale gratuita di 5,2 miglia in qualsiasi ora del giorno o della notte, 365 giorni all'anno. Durante i circa 25 minuti di viaggio, avrai una fantastica vista del World Trade Center e del resto di Lower Manhattan, South Street Seaport, la Statua della Libertà, Jersey City e forse una nave da crociera che parte dal porto di New York. Quindi raddoppia il divertimento guidando il traghetto per tornare a Manhattan da Staten Island. Guidare lo Staten Island Ferry è un ottimo modo per sperimentare ogni giorno qualcosa che molti "newyorkesi nativi" fanno e, soprattutto, puoi farlo gratuitamente. Lo Staten Island Ferry ebbe origine nel 1817, quando la Richmond Turnpike Company iniziò un servizio di vaporetto da Manhattan a Staten Island. Cornelius Vanderbilt acquistò la Richmond Turnpike Company nel 1838, e fu fusa con due con-

D


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 87

Salite a bordo dello Staten Island Ferry godetevi una crociera fluviale gratuita di 5,2 miglia in qualsiasi ora del giorno o della notte, 365 giorni all'anno. correnti nel 1853. La compagnia combinata fu a sua volta venduta alla Staten Island Railroad Company nel 1864. La Staten Island Ferry fu poi venduta alla Baltimore and Ohio Railroad in 1884, e la città di New York assunse il controllo del traghetto nel 1905. All'inizio del XX secolo, la città e le compagnie private gestivano anche traghetti pubblici e privati da Staten Island a Brooklyn. A causa della crescita dei viaggi veicolari, tutte le rotte da Staten Island a Brooklyn furono dismesse dalla metà degli anni '60; ma la rotta verso Manhattan è stata mantenuta grazie alla sua popolarità con i passeggeri. Nel 1967, il traghetto Staten Island-Manhattan era l'unico traghetto per pendolari all'interno dell'intera città. Una rapida rotta da Staten Island a Midtown Manhattan ha funzionato per un breve periodo dal 1997 al 1998, con proposte per far rivivere il percorso che riemerge nel 2010. Lo Staten Island Ferry ha un pendolarismo alto per pendolari a causa della mancanza di collegamenti di transito tra Staten Island e gli altri quartieri. Con 23.9 milioni di riders nell'anno fiscale 2016, Staten Island Ferry è la rotta per traghetti più trafficata negli Stati Uniti dal 2016, così come il sistema di traghetti passeggeri più trafficato al mondo. Il traghetto è anche popolare tra i turisti e i visitatori, grazie alla vista del porto di New York che offre un n viaggio; ed è stato presentato in diversi film.

The combined company was in turn sold to the Staten Island Railroad Company in 1864. The Staten Island Ferry was then sold to the Baltimore and Ohio Railroad in 1884, and the City of New York assumed control of the ferry in 1905. In the early 20th century, the city and private companies also operated publicly and privately operated ferry routes from Staten Island to Brooklyn. Owing to the growth of vehicular travel, all of the routes from Staten Island to Brooklyn were decommissioned by the mid-1960s; but the route to Manhattan was maintained due to its popularity with passengers. By 1967, the Staten Island-to-Manhattan ferry was the only commuter ferry within the entire city. A fast ferry route from Staten Island to Midtown Manhattan ran briefly from 1997 to 1998, with proposals to revive the route resurfacing in the 2010s. The Staten Island Ferry has a high commuter ridership due to the lack of transit connections between Staten Island and the other boroughs. With 23.9 million riders in fiscal year 2016, the Staten Island Ferry is the single busiest ferry route in the United States as of 2016, as well as the world's busiest passenger-only ferry system. The ferry is also popular among tourists and visitors, due to the views of the New York Harbor a n trip affords; and it has been featured in several films.

87


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:26 Pagina 88

Style

88


Progetto1.qxp_Layout 1 16/07/19 13:26 Pagina 89

VERSO L’INFINITO

UNA SPA I colori, i rumori, l’atmosfera di uno spazio senza confini: così si presenta la Nova Luna et Stellis di Bergeggi. by Alberto Nano

colori, i rumori, l’atmosfera di uno spazio senza confini: così si presenta la Nova Luna et Stellis di Bergeggi (Sv), la magnifica Spa inserita nel contesto residenziale Domino Mare Resort&Spa, un progetto realizzato dalla ristrutturazione dell’ex colonia San Sebastiano. Si raggiunge salendo fino in cima alla collina sulla quale si arrocca Bergeggi, ieri un piccolo borgo di pescatori, oggi una perla affacciata sull’omonimo golfo, entrato a far parte di un’Area Marina protetta dominata dalla sua isola: un vero e proprio angolo di Paradiso, immerso nella macchia mediterranea, un quadro pittorico che non ha nulla da invidiare alle spiagge della Sardegna oppure ad alcuni scorci della Costiera Amalfitana. Un luogo da scoprire, da assaporare, da ammirare e da vivere: il mare vanta un’acqua cristallina, grazie anche alla presenza di un fondale profondo, così come le spiagge da raggiungere a piedi, piccole calette tra sabbia finissima e scogli.

I

he colors, the noises, the atmosphere of a space without borders: that is the case of the Nova Luna et Stellis by Bergeggi ( Sv ), the magnificent Spa inserted in the residential context Domino Mare Resort & Spa , a project realized by the restructuring of the former colony San Sebastiano. It can be reached by climbing up to the top of the hill on which Bergeggi is nestled, yesterday a small fishing village, today a pearl overlooking the homonymous or gulf, which became part of a protected Marine Area dominated by its island: a true and true angle of paradise, surrounded by the Mediterranean, a pictorial framework that has nothing to envy to the beaches of Sardinia or to some corner of the Amalfi Coast. A place to discover, to savor, to admire and to experience: the sea boasts crystal clear water, thanks also to the presence of a deep seabed, as well as the beaches to be reached on foot, small coves between fine sand and rocks.

T

89


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:27 Pagina 90

90

From the top of the hill, the Spa welcomes the guest in a very intimate, reserved, intimate context, dominated by the extraordinary sea view that sweeps in all its emotional power through the large longitudinal windows ,orchestrating a combination of water, sky and sun , green. A place to live all year round with a few friends and of course as a couple, thanks to an indispensable touch of romanticism, enhanced by the possibility of reserving a candle lit dinner in the refined Dominio Mare Cafè restaurant . Many promotional packages, tailor-made for the customer like a sophisticated dressmaking dress: on one side the wellness program, on the other face and body treatments in the cabin, made with natural cosmetic lines from the United States, France and It is able to immediately give truly surprising results, a touch of narcissism that cannot be renounced in the context of a global remise en forme. The well-being of the sea and a sea of well-being: Nova Luna et Stellis boasts the luxury of giving the guest an experience to live in every corner of this theater of beauty that finds its maximum expression in the rooftop pool , a spectacular gallery overlooking the Ligurian Sea. P towards the infinite, caressed by the sea breeze, kissed by the sun, the dream of infinity is with open eyes. n www.novalunaetstellis.it Bergeggi ( Sv )

Dall’alto della collina, la Spa accoglie l’ospite in un contesto molto intimo, riservato, raccolto, dominato dalla straordinaria vista mare che spazia in tutta la sua potenza emozionale attraverso le ampie vetrate longitudinali, orchestrando un connubio di acqua, cielo, sole, verde. Un luogo da vivere tutto l’anno con pochi amici e ovviamente in coppia, complice un’irrinunciabile tocco di romanticismo, impreziosito dalla possibilità di riservare una cena a lume di candela nel raffinato ristorante Dominio Mare Cafè. Tanti i pacchetti promozionali, costruiti su misura per il cliente come un ricercato abito di sartoria: da un lato il percorso benessere, dall’altro i trattamenti viso e corpo in cabina, realizzati con linee cosmetiche naturali provenienti dagli Stati Uniti, dalla Francia e dall’Italia in grado di regalare immediatamente risultati davvero sorprendenti, un tocco di narcisismo assolutamente irrinunciabile nell’ambito di una remise en forme globale. Il benessere del mare e un mare di benessere: Nova Luna et Stellis vanta il lusso di regalare all’ospite un’esperienza da vivere in ogni angolo di questo teatro del bello che trova la sua massima espressione nella piscina a sfioro, uno spettacolare loggione affacciato sul Mar Ligure. Proiettati verso l’infinito, accarezzati dalla brezza marina, baciati dal sole il sogno dell’infinito è ad occhi aperti. n www.novalunaetstellis.it Bergeggi (Sv)


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:27 Pagina 91


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:27 Pagina 92

HoTEL Style

by Luca Bonacini

DE RUSSIE ho arrives in Rome for the first time is here who wants to come, every stone and every wall has something to tell in the eternal city, but the charm that preserves the quadrilateral between Piazza del Popolo, Via del Babuino, Piazza di Spagna and Via Condotti in makes one of the most reached and visited destinations in the capital, right where the Hotel De Russie is located, an ancient private luxury mansion, which has become a hotel and then the headquarters of the RAI, to then return after an impressive restoration to a luxury destination among the most sought after of Roccoforte Hotels collection. In the heart of the capital, between via del Babuino and piazza del Popolo, a precious stone of international hospitality owned by Rocco Forte Hotels, a collection of 13 luxury hotels and resorts founded in 1996 by Sir Rocco Forte and his sister Olga Polizzi, among Rome, London, St. Petersburg, Sciacca, Brussels, Shanghai. The complex at the foot of the Pincio, formerly owned by the Torlonia family, was built during the great sixteenth-century works to make connections between the Vatican and the city center easier, as a place of passage for thousands of pilgrims and travelers. Designed by Giuseppe Valadier in 1814, the building will become Hotel de Russie, a comfortable and luxurious mansion for high-born travelers, so much so that it was

W

92

hi arriva a Roma per la prima volta è qui che vuole venire, ogni pietra e ogni muretto hanno qualcosa da raccontare nella città eterna, ma il fascino che conserva il quadrilatero tra Piazza del Popolo, Via del Babuino, Piazza di Spagna e via Condotti ne fa una delle mete più raggiunte e visitate della capitale, proprio dove ha sede l’Hotel De Russie, antica magione di lusso privata, divenuta hotel e poi sede della RAI, per poi ritornare dopo un restauro imponente a luxury destination tra le più ambite della collezione Roccoforte Hotels. Nel cuore della capitale, tra via del Babuino e piazza del Popolo, una pietra preziosa dell’ospitalità internazionale di proprietà Rocco Forte Hotels, una collezione di 13 alberghi di lusso e resort fondata nel 1996 da Sir Rocco Forte e dalla sorella Olga Polizzi, tra Roma, Londra, San Pietroburgo, Sciacca, Bruxelles, Shangai. Il complesso ai piedi del Pincio appartenuto anticamente ai Torlonia, venne edificato durante le grandi opere cinquecentesche atte a rendere più agevoli i collegamenti fra il Vaticano e il centro della città, in quanto luogo di passaggio di migliaia di pellegrini e viaggiatori. Progettato da Giuseppe Valadier nel 1814 il palazzo diverrà Hotel de Russie, una magione confortevole e lussuosa per viaggiatori di alto lignaggio, tanto da essere soprannominato l’albergo dei re. Nei suoi ambienti lus-

C


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:27 Pagina 93

Hotel De Russie: wellness e alta cucina nel cuore di Roma. suosi alloggeranno i reali di mezza Europa compresi i rappresentanti della Casa Imperiale Russa, insieme a pittori, scrittori, intellettuali e poeti, tra cui Jean Cocteau che descriverà il De Russie un "paradiso terrestre". Dal 1953 al 1993 si interromperà l’attività alberghiera e l’elegante edificio ospiterà la Direzione generale della RAI, fino al 2000 quando l’acquisizione da parte di Sir Roccoforte e l’imponente restauro, riporteranno l’antico palazzo alla sua mission di hotel di lusso. All’interno trova sede le Jardin de Russie, ridisegnato dall’architetto Giuseppe Valadier con un progetto ‘settecentesco’, in tempi recenti oggetto di un accurato restauro conservativo dall’architetto paesaggista Antonella Daroda che ha preservato i secolari alberi ad alto fusto, il verde, le aiuole, aggiungendo cespugli di rose antiche e alberi di arancio amaro, valorizzando le fontane, i terrazzini e la famosa balconata del Valladier a cui si ispirarono gli ideatori di “Carosello” celeberrimo intermezzo serale in bianco e nero trasmesso dalla RAI negli anni ‘60. Attraverso una galleria di negozi e griffe luxury si raggiunge il centro benessere che guarda al lussureggiante Jardin De Russie a cui possono accedere gli ospiti dell’hotel e la clientela esterna, un’oasi di bellezza e salute dove riprendersi i propri spazi e i propri ritmi lasciandosi coccolare da un esperienza wellness di totale relax e piacevolezza, guidati da personale qualificato. Nell’area beauty, si possono prenotare i trattamenti estetici scegliendo tra anti-invecchiamento viso, corpo, capelli, attraverso linee naturali di prodotti per la bellezza e il benessere. Si può accedere alla palestra, e a richiesta prenotare un esperto personal trainer con cui pianificare itinerari di art-training che includono percorsi interni ed esterni alla scoperta dei parchi e degli angoli più suggestivi del centro storico

nicknamed the hotel of kings. In its luxurious rooms will house the royalty of half of Europe including the representatives of the Russian Imperial House, along with painters, writers, intellectuals and poets, including Jean Cocteau who will describe the De Russie as an "earthly paradise". From 1953 to 1993 the hotel business will be interrupted and the elegant building will house the General Direction of the RAI, until 2000 when the acquisition by Sir Roccoforte and the imposing restoration, will bring the ancient building back to its hotel mission luxury. Inside is the Jardin de Russie, redesigned by the architect Giuseppe Valadier with an 'eighteenth-century' project, in recent times the subject of a careful conservative restoration by the landscape architect Antonella Daroda who preserved the centuries-old tall trees, the green , the flower beds, adding bushes of old roses and bitter orange trees, enhancing the fountains, the small terraces and the famous balcony of Valladier which inspired the creators of "Carosello" the famous black and white evening interlude broadcast by RAI over the years 60. Through a gallery of luxury stores and designer labels, you can reach the wellness center that overlooks the lush Jardin De Russie to which hotel guests and external customers can access, an oasis of beauty and health where you can reclaim your space and your own pace by leaving pamper yourself with a wellness experience of total relaxation and pleasure, guided by qualified personnel. In the beauty area, you can book beauty treatments by choosing from anti-aging face, body, hair, through natural lines of beauty and wellness products. The gym can be accessed, and upon request you can book an expert personal trainer with whom to plan art-training itineraries that include internal and external routes to discover the parks

93


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 94

94

and the most suggestive corners of the historic center of Rome, or opt for sauna, Turkish bath and Hydrotherapeutic pool. Equally scenic is the gastronomic restaurant, immersed in the evocative Jardin de Russie, where the Creative Director of Food reigns, Fulvio Pierangelini, the undisputed genius of Italian cuisine, who has been inspired by the cuisine philosophy of all the Italian restaurants of the Roccoforte Hotels chain since 2009 . A tribute to the simplicity that draws heavily from the Italian regional memory and the freshest products, in an instinctive and true gesture where no anxiety prevails to exhibit technicalities and expresses the talent of Pierangelini, great soloist of Italian cuisine. «I prefer to bring food to the table through a series of easily identifiable operations, which are expressed in all their transparency. This does not mean making a kitchen without research, but having made simplicity the primary purpose of the research itself, "said Pierangelini in an interview with Alessandra Meldolesi. Tickling red and panzanella prawns; the foie gras terrine with fruit chutney; and the focaccias signed Fulvio Pierangelini. The aromatic and spicy risotto with turmeric and asparagus and the most territorial and delicious Norma ricotta gnocchi are of great balance. Intense and light grilled lobster with Catalan herbs and vegetables. The wide dessert card with wild berries and mint, caramelized cream with vanilla pods, semifreddo with ricotta and cherries is delicious and not to be taken for granted. Full of ideas and delicious specialties to try the formula of the weekend brunch, with seasonal dishes, "live cooking" by the chef, along with sushi, sashimi, oysters and raw Italian classics. Try the caviar menu, a sumptuous journey to discover the best caviar in the world cooked to art, while special dietary courses can be customized on request. Finally, the evening can be accommodated at the award-winning Stravinskij Bar, one of the excellence of the historic hotel, dedicated to the famous composer and regular clientele of De Russie, and enjoy healthy cocktails, great classics, creative long drinks, or the incomparable martinis, choosing from n extended drink list. www.roccofortehotels.com

di Roma, oppure optare per sauna, bagno turco e Piscina Idroterapica. Altrettanto scenografico il ristorante gastronomico, immerso nel suggestivo Jardin de Russie, dove regna sovrano il Creative Director of Food, Fulvio Pierangelini, genio indiscusso della cucina italiana, a cui dal 2009 si ispira la filosofia di cucina di tutti i ristoranti italiani della catena Roccoforte Hotels. Un elogio alla semplicità che attinge a piene mani alla memoria regionale italiana e a prodotti freschissimi, in un gesto istintivo e vero dove non prevale nessuna ansia di esibire tecnicismi e si esprime il talento di Pierangelini, grande solista della cucina italiana. «Preferisco fare arrivare il cibo in tavola attraverso una serie di operazioni facilmente identificabili, che si esprimono in tutta la loro trasparenza. Questo non significa fare una cucina senza ricerca, ma avere fatto della semplicità lo scopo primario della ricerca stessa», ha affermato Pierangelini in un’intervista ad Alessandra Meldolesi. Solleticanti i gamberi rossi e panzanella; la terrina di foie gras con chutney alla frutta; e le focaccine firmate Fulvio Pierangelini. Di grande equilibrio l’aromatico e speziato risotto con curcuma e asparagi e i più territoriali e golosi gnocchi di ricotta alla Norma. Intenso e lieve l’astice grigliato con erbe e verdure alla catalana. Golosa e non scontata l’ampia carta dessert, con le Crêpes ai frutti di bosco e menta, la crema caramellata alle bacche di vaniglia, il semifreddo con ricotta e ciliegie. Ricca di spunti e sfiziose specialità tutte da provare la formula del weekend brunch, con piatti stagionali, "live cooking" dello chef, insieme a sushi, sashimi, ostriche e crudi classici italiani. Da provare il menu caviale, un sontuoso percorso alla scoperta del migliore caviale del mondo cucinato ad arte, mentre a richiesta sono personalizzabili appositi percorsi dietetici. Per concludere la serata ci si può infine accomodare al pluripremiato Stravinskij Bar, tra le eccellenze dello storico hotel, dedicato al celebre compositore cliente assiduo del De Russie, e gustare cocktail salutisti, grandi classici, long drink creativi, oppure gli impareggiabili Martini, scegliendo dall’estesa drink list. www.roccofortehotels.com n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 95


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 96

Style

SPAzIo LIVEIN by Matteo Tornielli

96

VILLA CA’ DURA


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 97

Una location esclusiva per qualunque tipologia di evento.... illa Bonomi Ca’ Dura, è da alcuni mesi stata riaperta ed utilizzata, oltre che come redazione di Livein, anche per la realizzazione di eventi inerenti la promozione di Eccellenze Italiane. Il riscoprire questo luogo magico, il viverlo quotidianamente con il fascino che lo circonda, suscita in noi, e nei nostri ospiti, un grande stupore. Stupore perché siamo abituati a volere la modernità, a cercare la comodità a tutti i costi, a costruire sempre il nuovo trascurando e, spesso, lasciando andare edifici che hanno fascino, carattere e ancora molto da raccontare. Certo la comodità di un ufficio asettico in una zona industriale è indiscutibile, ma vivere e lavorare in un luogo storico ripaga ampiamente tutte le piccole complicazioni che esso comporta. Per dare nuova luce a questo bellissimo edificio, vogliamo riportare di seguito alcuni cenni storici che possano raccontarlo e farlo apprezzare maggiormente. La Villla venne costruita nel XVII secolo come residenza estiva della famiglia borghese padovana Bacchetti possidente di terreni a Ronchi di Campanile, stampatori dal XVIII sec. . L'appellativo popolare di "Ca' Dura" le venne aggiunto per facilitare il ricordo del nome dell'architetto: Alberto Durer (nella tradizione familiare risulta discendere da Albrecht Durer, il famoso pittore tedesco presente a Venezia nei primi anni del secolo XVI). Di questa famiglia il personaggio più famoso veniva così descritto: "Bacchetti Lorenzo padovano, conte, cavaliere, accademico e segretario dei Ricovrati, e medico distinto del suo tempo, studiò in

V

illa Bonomi Ca 'Dura, has been reopened for some months and used, not only as Livein's headquarter, also for the realization of events related to the promotion of Italian Excellence. Rediscovering this magical place, living it daily with the charm that surrounds it, arouses great astonishment in us and in our guests. Amusement because we are used to want modernity, to seek comfort at all costs, to always build the new while neglecting and often letting go of buildings that have charm, character and still much to tell. Certainly the convenience of an aseptic office in an industrial area is indisputable, but living and working in a historical place amply repays all the small complications that it entails. To give new light to this beautiful building, we want to report below some historical notes that can tell it and make it more appreciated. Villa was built in the seventeenth century as a summer residence of the Bacchetti bourgeois family who owned lands in Ronchi di Campanile, printers from the 18th century. The popular name of "Ca 'Dura" was added to facilitate the memory of the architect's name: Alberto Durer (in the family tradition it is descended from Albrecht Durer, the famous German painter present in Venice in the early sixteenth century). The most famous character of this family was described as follows: "Bacchetti Lorenzo from Padua, count, knight, academician and secretary of the Ricovrati, and distinguished physician of his time, he studied at home the laws first, and then medicine,

V

97


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 98

98

in which sciences obtained the he graduated doctorate, which he preferred, with so much love cultivated, which was raised in 1688 to the chair of theoretical and extraordinary medicine in third place in the University of Padua, a school he supported until the year 1710. He voluntarily moved away from that reading in the said year, I devoted myself to the practice of the art of Esculapio with much cry at home and abroad "(Giuseppe Vedova, Biography of Paduan writers, Tipi della Minerva, Padua, 1831). The residence in the mid-nineteenth century passed as a dowry to the Bonomi, the current owners, who restored it, is in good condition and represents the central body of a large architectural complex. What was the original layout is now only understandable, even from the maps of the Austrian cadastre of 1845 and 1852 and although today there is still much of what was originally erected, in particular for the Villa and the Oratory; some modifications seem to have involved the agricultural appurtenances that definitely defined the rural farmyard with brolo cultivated as a vegetable garden. Today there are buildings always used for rural use, but certainly after-effects at the time of construction of the villa. The complex consists of the manor house, a series of rustic outbuildings which are subsequently arranged on the right side of the residential residence, while on the left side, slightly diverged, the small church is isolated which with its polygonal

patria dapprima le leggi, e poscia la medicina, nelle quali scienze ottenne la laurea dottorale. Quest'ultima, da lui preferita, con tanto amore coltivò, che venne sollevato nel 1688 alla cattedra di medicina teorica e straordinaria in terzo luogo nella padovana Università; scuola per lui sostenuta fino all'anno 1710. Allontanatosi volontariamente da quella lettura nel detto anno, dedicassi ad esercitare l'arte d'Esculapio con molto grido in patria e fuori" (Giuseppe Vedova, Biografia degli scrittori padovani, Tipi della Minerva, Padova, 1831). La residenza a metà Ottocento passò come dote matrimoniale ai Bonomi, attuali proprietari, che la restaurarono, si presenta in buone condizioni e rappresenta il corpo centrale di un ampio complesso architettonico. Quale fosse l’impianto originario è ormai solamente intuibile, anche dalle mappe del Catasto Austriaco del 1845 e 1852 e benché oggi vi sia ancora molto di quello che in origine venne eretto, in particolare per la Villa e l’Oratorio; alcune modifiche sembrano aver interessato le pertinenze agricole che definivano sicuramente in maniera più chiara l’aia rurale con brolo coltivato ad orto. Oggi si trovano fabbricati sempre adibiti ad uso rurale, ma sicuramente postumi all’epoca di costruzione della villa. Il complesso è costituito dal palazzo padronale, da una serie di annessi rustici che si dispongono successivamente sul fianco destro della residenza abitativa, mentre sul fianco sinistro, leggermente discostato, si isola la chiesetta che con la sua facciata


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 99

poligonale contrasta stilisticamente con le linee severe del palazzo. Il corpo padronale ha il prospetto sul lato strada disarmonico a causa del rimpicciolirsi delle finestre del piano terra (motivo dovuto forse a un rimaneggiamento successivo alla progettazione) e alla mancata presenza del poggiolo in aggetto. La facciata che domina il giardino, invece, con il ripetersi simmetrico delle finestre, l'aprirsi di una porta al piano superiore in corrispondenza del portale d'accesso, la trifora sostenuta da colonne, forniscono i presupposti per articolare un giudizio di classico equilibrio architettonico. La costruzione compatta si riparte in tre piani compreso il sottotetto e si accede ad essa tramite un maestoso portale archivoltato a tutto sesto con cornice in pietra e mascherone in chiave. Nel piano nobile spicca al centro una imponente trifora con il fornice centrale leggermente più alto, il tutto corredato da un poggiolo con colonnine in pietra a filo della parete sul lato strada, mentre sul lato giardino il poggioletto è aggettante e viene sorretto da quattro mensole. Le due serie di trifore che identificano il salone passante del piano nobile sono decorate come il portale del piano inferiore, con cornice in pietra e mascheroni in chiave di volta. L’ultimo piano, ricavato nel sottotetto prende luce da piccole finestre quadrate. I molti rustici costruiti in tempi diversi e secondo le necessità agrin cole della proprietà non sono degni di nota.

façade contrasts stylistically with the severe lines of palace. The main body has the prospect on the disharmonious street side due to the shrinking of the windows on the ground floor (perhaps due to a reorganization after the planning) and to the lack of the projecting balcony. The façade overlooking the garden, on the other hand, with the symmetrical repetition of the windows, the opening of a door on the upper floor at the access portal, the three-light window supported by columns, provides the conditions for articulating a judgment of classical architectural balance . The compact construction starts again in three floors including the attic and is accessed through a majestic round-headed arched portal with a stone frame and a mask in a key. On the main floor, in the center stands an imposing three-light window with a slightly higher central arch, all accompanied by a balcony with stone columns flush with the wall on the street side, while on the garden side the small balcony is projecting and is supported by four shelves. The two series of threemullioned windows that identify the passing hall of the noble floor are decorated like the portal of the lower floor, with a stone frame and masks in the keystone. The top floor, obtained in the attic, takes light from small square windows. The many cottages built at different times and according to the agricultural needs of the property are not worthy of note. n

99


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:28 Pagina 100

Artroom

PHoToLoGY by Annalisa Fanticelli photo by Mario Giacomelli

2019/2020

AIR

100

Provate a prendere alcuni dei migliori fotografi del mondo e metteteli tutti insieme in una delle regioni più belle d’Italia, la Sicilia. È esattamente quello che accade con Photology AIR 2019/2020,


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 101

101


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 102

photo by Gianfranco Gorgoni op international photographers and Sicily, one of the most stunning Italian regions: the challenge of Photology AIR 2019/2020 is bringing them together. A biennial project of Photology - the brand of photography in Italy, directed by Davide Faccioli – it represents an ideal journey through images in a very picturesque location in south-eastern Sicily. Busulmone Estate, developed over thirty hectares in Contrada Busulmone, almost a quarter of the city of Noto - the most exquisite example of baroque architecture of the end of the 1600s epitomizing one of the pinnacles of Sicilian art and culture, that dominates the valley of the Asinara river and overlooks the Ionic sea towards east and the Mediterranean Sea towards south. Noto has been declared World Cultural Heritage by UNESCO in 2002, and has become one of the top destinations for national and international tourism. Photology AIR 2019/2020 has picked this setting to promote cutting edge photography to address the most re-

T

102

l progetto biennale ideato e realizzato da Photology, brand nobile della fotografia in Italia, da sempre guidato da Davide Faccioli. Un viaggio per immagini nel cuore della Sicilia sudorientale, all’ombra dei trenta ettari della Tenuta Busulmone, in Contrada Busulmone, a una manciata di chilometri da Noto, fiore all’occhiello dell’arte e della cultura siciliana, splendido esempio di architettura barocca di fine Settecento che domina la valle del fiume Asinaro con vista sul Mar Ionio a est e Mediterraneo a sud. Dichiarata nel 2002 Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO insieme con le altre città tardo barocche dell’omonima valle, negli ultimi anni Noto è divenuta una delle città d'arte più visitate del nostro paese, meta di un turismo sempre crescente, tanto da registrare un incremento medio annuo di visitatori intorno al 5% dal 2010, soprattutto internazionali. È in questo contesto che sboccia il progetto biennale Photology AIR 2019/2020, che ha avuto un’anteprima nel 2018 ma che è da quest’anno che vuole imporsi a livello internazionale, puntando deciso sulla fotografia di qualità e scegliendo un tema più che mai attuale, quello della “coscienza ambientale”, e il titolo “PRESERVACTION” ne è diventato l’esplicito

I


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 103

photo by Gianfranco Gorgoni manifesto. In particolare, le attività di Photology AIR che verranno presentate nel 2019 con il titolo “PRELUDE TO PRESERVACTION”, per poi svilupparsi nel 2020 sotto il nome di “PRESERVACTION NOW!”, offrono ai visitatori la possibilità di confrontarsi con opere eterogenee che vogliono puntare l’attenzione sulla rappresentazione artistica della natura come via di preservazione e tutela, perché è la Natura stessa, da sempre fonte di ispirazione per gli artisti di qualsiasi disciplina, la prima a dover essere considerata un’opera d’arte. Si inizia il 21 giugno per proseguire sino al 3 novembre per un programma ricchissimo di mostre e iniziative all’interno degli spazi restaurati en plein air di un convento ottocentesco e lungo i tanti percorsi naturali di Tenuta Busulmone. Particolarmente interessante è per la sezione “Naturalisti trail” il progetto di Francesca Romana Gaglione Planta manent, sviluppato in collaborazione con il botanico Paolo Uccello, il primo per la giovane fotografa in dialogo con la natura: un’esperienza unica di walking to art con 15 istallazioni fotografiche site specific stampate su alluminio e dislocate lungo un suggestivo percorso di 2 km nella campagna mediterranea circostante la Tenuta Busul-

levant and urgent of topics, environmental awareness. Photology AIR will be presented in 2019 within the theme “PRELUDE TO PRESERVACTION”, to become “PRESERVACTION NOW!” in 2020. Viewers will interact with a wide range of ideas and images focused on considering Nature a work of art and therefore its artistic representation as a path towards its preservation and protection. A rich and varied program of exhibitions and events will unfold between June 21st and November 3rd , in the restored en plein air spaces of a 17th century convent and in a number of natural trails on the Busulmone Estate. In the “Naturalist trail” section, Francesca Romana Gaglione is presenting a site-specific project, Planta manent, with the collaboration of the botanist Paolo Uccello. This talented young photographer initiates a unique conversation with nature: a walking to art event that brings

103


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 104

photo by Jack Pierson

104

viewers to experience 15 photography installations printed on aluminium and located on an evocative 2 km trail in the Mediterranean scrubland that surrounds the Busulmone Estate. The installations depict the local flora and are combined with botanical detail to assist in cataloguing and preserving the manifold endemic species of the areas surrounding the Busulmone Estate. Land Art in America, a project of Gianfranco Gorgoni, continues until November 3rd. An itinerary within the setting of the 1700s convent hosts important works of art, starting with a site specific sculpture of Georg Reinking: large scale photographs taken since the 1970s in collaboration with the most important names Land Art such as Christo, Walter De Maria, Michael Heizer, Nancy Holt, Richard Serra, Robert Smithson, Ugo Rondinone. The Belvedere Collectors – Project Room with a View is aimed to collectors and anyone passionate of photography, and brings together original photographs that depict nature, by world renown artists including Gian Paolo Barbieri, Angelo Candiano, Mario Giacomelli, Jack Pierson, alongside an art bookshop with rare editions and limited series of products from the surrounding region of Noto. Photology AIR has also promoted the project Kids in action focused on approaching the younger generations to

mone, che ritraggono la flora locale accompagnate da spiegazioni botaniche. Planta Manent nasce con l’idea di catalogare e preservare, attraverso un lavoro di ricerca gli endemismi puntiformi caratteristici dell’area circostante Tenuta Busulmone, una porzione di terra che si rivela particolarmente interessante da un punto di vista botanico per via della posizione geografica e delle condizioni climatiche. Prosegue invece sino al 3 novembre il progetto iniziato lo scorso anno di Gianfranco Gorgoni dal titolo Land Art in America. Introdotto quest’anno da un'esclusiva scultura inedita di Georg Reinking, il progetto fotografico di Gorgoni propone una serie di celebri lavori esposti tra le rovine del convento ottocentesco: opere fotografiche di grande formato realizzate dalla fine degli anni Sessanta in collaborazione con i grandi maestri della Land Art come Christo, Walter De Maria, Michael Heizer, Nancy Holt, Richard Serra, Robert Smithson, sino ad arrivare a Ugo Rondinone. Per collezionisti e amanti della fotoarte è dedicato il Belvedere Collectors–Project Room with a View, che raccoglie opere originali con soggetti naturalistici di artisti di fama mondiale come Gian Paolo Barbieri, Angelo Candiano, Mario Giacomelli, Jack Pierson, oltre a un esclusivo art bookshop con libri rari e uno spazio dove trovare una serie limitate di prodotti a chilometro zero provenienti dal territorio di Noto, vere e proprie eccellenze enogastronomiche. Photology AIR 2019/2010 è un’idea a 360° che ha pensato anche all’educazione naturalistica dei più giovani con il progetto Kids in action. Realizzato in collaborazione con il Comune di Noto e Legambiente con il fine di sensibilizzare ed edu-


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 105

photo by Gian Paolo Barbieri, La preda, Seychelles 2008

105


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 106

PHOTOLOGY AIR 2019-2020 Tenuta Busulmone, Contrada Busulmone, Noto (Sr) Tel +39 051444425 air@photology.com | www.photology.com PERIODI E ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO: Dal 22 Giugno al 31 Agosto 2019: da martedì a domenica 16.30-20.30 Dal 1° Settembre al 29 Settembre 2019: da martedì a domenica 15-19 Dal 1° ottobre al 3 Novembre 2019: da martedì a domenica 14-18

BIGLIETTO GIORNALIERO: Intero 10,00 €, Ridotto 7,,00 € GRUPPI: 7,00 € (Solo su prenotazione: minimo 10, massimo 20 persone) MEMBERSHIP CARD 2019: 50,00 € (la Card permette l’ingresso gratuito per tutti i periodi di Photology AIR)

photo by Mario Giacomelli

106

nature. With the collaboration of the City of Noto and Legambiente (non profit active in the preservation of the environment), it aims to increase the awareness and promote education of the younger generations on the theme of the protection of the environment through didactic laboratories. The project is targeted at the 8-12 years age-group, that will be touring the City of Noto to collect abandoned objects, and re-use them to create works of art that will be then shown in an exhibition in 2020. n

INGRESSO GRATUITO: - Bambini fino a 12 anni - Disabili e accompagnatori - Giornalisti (con accredito via mail: farm@photology.com)

care le giovani generazioni alla tutela e alla pulizia dell’ambiente circostante attraverso laboratori didattici ad hoc, il progetto è destinato ai ragazzi tra gli 8 e 12 anni, che verranno accompagnati nel territorio del Comune di Noto con l’obbiettivo di ripulire l’ambiente naturale dai rifiuti abbandonati. Il cleaning project servirà infine per utilizzare i materiali raccolti come elementi per laboratori artistici, seguendo le orme di artisti affermati come Damien Hirst, KCHO, Micheal Fliri. Le creazioni saranno esposte nel corso della stagione 2020 in un percorso esclusivo e premiate da una giuria selezionata. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:29 Pagina 107


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:30 Pagina 108

Artroom

NULLA DIES by Beth Vermeer

SINE FLORE 108


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:30 Pagina 109

Patrizia Angotti: l’artista che non taglia i fiori. el 77 d.C. Plinio Il Vecchio segnalava, come modo di dire, un’abitudine del pittore Apelle, vissuto nel quarto secolo a.C. e considerato tra i migliori artisti dei tempi antichi. Eccelso nell’efficacia calligrafica delle sue rappresentazioni, tanto che diventò proverbiale la sua abitudine nel “farsi la mano” con una tecnica continua. Per Apelle nessuna giornata era così densa di impegni dall’impedirgli l’esercizio quotidiano del disegno. Questa massima che adottò anche Gabriel García Márquez per la scrittura progressiva dei suoi libri, è diventata la pratica quotidiana di Patrizia Angotti che non usa la matita ma il filo per raccontare le sue storie, una scrittura asemantica al ritmo delle ordite di telaio. Di origini di Crotone, trapiantata in Toscana da molti anni, Patrizia Angotti interpreta nei suoi artefatti non solo la terra nativa ma innesta continuamente culture antiche e tradizioni tramandate attinenti a geografie diverse grazie alla tessitura del filo che genera i suoi racconti mnemonici. Il suono del telaio è la musica primordiale che l’ha accompagnata sin da bambina, come il profumo della ginestra silana che cresce ad una altezza di mille metri a San Giovanni in Fiore, il borgo medievale del padre. La sua memoria è fatta di varie figure femminili al telaio il quale, negli anni, si trasforma in una Singer, e le donne non sono più tessitrici ma sarte come Luisa, la sarta di sua madre, circondata da un mondo intrigante di stoffe, di calamite di spilli, laboratori dall’aspetto di una Wunderkammer, permeati dall’odore dei drappi stesi come gli strati geologici di una montagna.

N

n 77 a.C. Plinius the Elder considered painter Apelles, who had lived in the 4th century before Christ, one of the best artists of ancient times. He excelled in the calligraphic efficiency of his representations so that his attitude to train his hand with constant technique became proverbial. For Apelles even a day filled with commitments could not prevent him from the daily exercise of drawing. This categorical imperative of constancy which was also valid for Gabriel García Márquez and the art of writing, has become Patrizia Angotti’s daily practice, though she does not express herself with the pencil but with the string, telling her particular stories, in a non semantic writing at the rhythm of the loom’s weaving warps. Calabria born Patrizia Angotti, transferred to Tuscany where she has been living for many years, does not only translate her native country through her artworks but continuously inserts and grafts antique culture and tradition and diverse geographies into her textile art, by means of the string that generates mnemonic tales. The sound of the loom is her primordial music that has accompanied her since her childhood like the perfume of groom growing at a height of thousand meters at San Giovanni in Fiore, the medieval village of her father. Her memory is marked by various female characters working at the loom, which, in the course of time, got transformed into a modern Singer sewing machine, and women are no more weavers but seamstresses like Luisa, her mother’s needlewoman who was surrounded by an intriguing world of fabric, magnets of tacks, in a laboratory looking like a kind of “Wunderkammer”, permeated by the perfume of the materials laid out similar to the geological layers of a mountain. Gifted with this heritage, Angotti initiated her crea-

I

109


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:30 Pagina 110

110

tive practice to dismantle old and used dresses diligently gathered in charity shops in her neighbourhood, in order to extract certain threads and to create new yams from the recovered material, as it is still the custom in the area of Prato. Angotti has a particular passion for flowers and refuses to pick these distractedly for a banal pleasure. So, one day, she decided to create her own everlasting flowers without having to search for them in the garden. On a very special day in June 2019, Angotti’s Atelier in the historical centre of Florence opened its doors with the unique brand “flowerinflorence”. Since that moment the artist has been working hard for her own production of textile flowers, using recovered materials and applying antique, forgotten and partially lost, techniques. Angotti longs for “making things last”. Through the excellent practice of the art of weaving and crochet, the artist recalls American feminist Miriam Shapiro’s concept who was seriously engaged in ennobling female activities of sewing and embroidery techniques that were excluded from the realm of the arts in the past and even now. When we enter her Florentine Atelier, hidden behind a glass door that does not seem to filter enough light, a long corridor introduces a polyvalent space: some kind of laboratory, factory, museum and living room at the same time. On several dressers of former times, Klimt’s ladies on black and white photos dwell in harmony with some posing velvet flowers, and there is indeed a psychological and physiological tie between “Judith II”, realised by Klimt in 1909, and the enigmatically silent, dark haired artist that does not like to speak about her work. “Judith” is the power by herself. She has never asked for anything, she decides and achieves

Da li nascono le sue ricerche e pratiche artistiche di disfare dei vestiti usati che cerca e raccoglie assiduamente nella vicinanza, di estrarne i fili per creare dei filati dal materiale recuperato com’è per esempio usanza a Prato. Patrizia Angotti ha una passione particolare per i fiori e un rifiuto a tagliarli spensieratamente per un futile piacere. Così un giorno decide di creare dei fiori duraturi senza dover coglierli nei giardini. Quel giorno fatidico, nel mese di giugno 2016, nasce il suo atelier al centro storico di Firenze e il marchio “flowerinflorence”, una linea di fiori tessili realizzati con materiali di recupero, applicando delle tecniche antiche dimenticate, parzialmente perdute perché lei desidera “fare durare le cose”. Con la pratica egregia dell’arte della tessitura e dell’uncinetto Patrizia Angotti si ricollega con il pensiero dell’artista femminista americana Miriam Shapiro che negli Anni Sessanta aveva lottato per la nobilitazione delle attività femminili come la cucitura e il ricamo, escluse allora e ancora oggi dal regno delle arti. Entrando nel suo Atelier fiorentino, quasi nascosto dietro una vetrata che filtra poca luce, si apre un lungo corridoio che introduce uno spazio polivalente tra laboratorio e fabbrica, museo e salotto. Su comodini d’epoca dimorano le donne di Klimt e c’è un nesso proprio fisiologico e psicologico tra la sua seconda Giuditta del 1909 e l’artista enigmatica silente ai capelli mori che non ama raccontare di sé. Giuditta è lei stessa il potere: non chiede ma decide e compie con le sue mani. Diventa allegoria della donna mo-


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:31 Pagina 111

derna a cui viene riconosciuta la possibilità di scegliere liberamente la propria vita. La mancanza di luce favorisce la crescita di una vegetazione rarefatta che sembra fuoriuscita dai dipinti di maestri del Novecento, da tappeti vegetali preziosi nei quali i fiori, le piante, gli elementi paesaggistici danno alla natura l’aspetto di un giardino raffinato. Come nei quadri di Klimt dove la superficie è completamente invasa da fiori, un’esplosione di colori che trasmettono una visione caleidoscopica. E’ qui che Patrizia Angotti si avvicina concettualmente alla visione statica, atemporale delle immagini del maestro viennese i cui elementi fitomorfici sono ambientati in un’atmosfera ferma, come se fossero sigillati, immersi in un attimo senza tempo. Non sentiamo il profumo dell’erba fresca, dei fiori di campo, l’aria non circola, non ci sfiora il tepore del sole. Mentre i fiori Klimtiani invadono la tela in modo prepotente, quelli di Angotti invadono il corpo umano di chi li indossa: sculture pesanti in lana e velluto, filato tessuto a telaio, impreziosite con filamenti di rame, allungati fino alle antere decorate di pietre e di perline che si contendono la nostra attenzione. Queste opere non seguono dei canoni decorativi, non alludono alla leggerezza di un fiore naturale, alla transitorietà delle stagioni. Sono studiati per durare, per imporsi indossati vicino al collo, sul bavero di una giacca, sul manico di un vestito, alla caviglia di un piede nudo. All’inizio del suo percorso c’era il baule di legno di

her duties by her own hands. She is the allegory of a modern woman who was given the possibility by the world to choose a life in freedom. The missing light favours the growth of a rarefied vegetation that seems to descend from Nineteenth century master pieces, precious vegetal carpets where flower and trees and landscape elements reproduce nature inside a refined artwork, just like in Klimt’s paintings that are completely invaded by flowers, by an explosion of colours transmitting kaleidoscopic aspects. This is the point where Angotti gets closer to the Viennese master’s static timeless representation. Phytomorphic elements are situated in a fixed atmosphere as if they were sealed and immerged into a vacuum. We do not perceive the scent of fresh grass, the perfume of meadow flowers. The air does not move, we are not touched by the sun’s warmth. While Klimt’s flowers dominate the canvas in an imposing way, Angotti’s blossoms take possess of the human body. We talk about thick and heavy mini sculptures in wool, in velvet, or woven strings, rendered even more precious by means of copper wire, lengthened to become anthers decorated with gems and pearls that rival for our attention. These works do not follow any decorative codes nor refer to the lightness of a natural flower, to the transience of the seasons. These flowers are made to last, to impose their strange beauty when they are shown in public, as we talk about flowers-to–wear, at the neck, on the revers of a jacket, on the sleeve of a dress, at the ankle of a naked leg. Angotti gets nostalgic remembering the beginning of her ethical flower creations. There was the wooden suitcase of a midwife who was a magician in weaving. The artist had learnt a lot from

111


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:31 Pagina 112

112

her, how to unravel the thread from a ball of wool, how to undo a knot, and how to distinguish various materials, and how to knit a jacquard design. This heritage of craftsmanship continuously elaborated and improved to reach the status of excellence, constitutes the solid foundation of Angotti’s unique creations, her today’s unique pieces that reconcile the past with the present, tradition with innovation and creativity. Her “couture” flowers are made of materials of different epochs that either were recovered, dissolved and reorganized, or, in the case of synthetic material, recycled and revitalized. Her leaves in silk foil are singular pieces, staged on a structure of branches, a further result of her research, of profound botany studies, botany drawing and of creative skill. The suitcase mentioned before reappears in 2018 when Patrizia Angotti gets invited to participate in the project “The Ballads of the Roses” at the Florentine Museum of Prehistory, conceived by Curator Beth Vermeer. The initiative departed from the presentation of the book “Rose in Fila” written by the Italian scholars Marina Clauser and Franca Bessi (edited by University Press, Florence). The project inflects the topic of roses through the interdisciplinary prism of contemporary art, literature, music and astronomy. Angotti showed her “Suitcase of Roses”, an artistic couture installation, with a number of wild untamed roses in antique fabric, with menacing pistils that put into evidence that they are not part of a decoration but a new female code word signifying serious resistance. With the help of this concept the girl from Calabria with the direct and secure look defends the vision of a rebel nature fighting against Man’s aggression. By means of the string she has ideally changed the genetic rules of flowers, imposing her winning idea of environmental sustainability to her clients. At the same time, with her daily work, she gives a plus value to all the traditional female activities and to women themselves who have always been the load bearing walls of the invisible and tiring exercise of civilization. n

un’ostetrica, una maga della maglia, da cui Angotti aveva imparato a districare i fili da un miscuglio di gomitoli, sciogliere i nodi, distinguere un’infinità di materiali, e lavorare a maglia con disegni di jacquard. Questo patrimonio artigianale limato fino all’eccellenza, costituisce le solide fondamenta delle sue creazioni singolari, rigorosamente pezzi unici, di oggi che uniscono passato e presente, tradizione, innovazione e creatività. Le sue opere sono realizzate con materiali di altri tempi, recuperati, disfatti e riorganizzati oppure con tessuti sintetici, riciclati e rivalorizzati. Particolari sono le foglie con lamina setosa, montate su una struttura di rami, un ulteriore risultato di lunghi studi, di disegno di botanica e di elaborazioni creative. Il baule torna quando nel 2018 l’artista viene invitata a partecipare ad un evento della manifestazione “Ballate di Rose” al Museo Fiorentino di Preistoria ideato e curato da Beth Vermeer. Il progetto parte dal libro “Rose in Fila” delle studiose Marina Clauser e Franca Bessi, declinando il tema delle rose attraverso l’ottica dell’interdisciplinarietà. Angotti mostra la sua “Valigia delle Rose”, un’installazione artistica sartoriale di per se, con rose selvatiche indomabili in tessuti antichi, con pistilli minacciosi che fanno intuire che non di decorazione si tratti, ma di una nuova parola d’ordine femminile, quella della resistenza. Cosi la ragazza calabrese dallo sguardo sicuro difende la visione di una natura che si ribella e che resiste vincitrice alle aggressioni dell’uomo. Con il filo ha cambiato la genetica dei fiori inseguendo la sua idea di sostenibilità ambientale. Con il suo lavoro quotidiano, allo stesso tempo, lei rende valore alle attività tradizionali delle donne che da sempre hanno costituito l’esercizio invisibile della civilizzazione. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:31 Pagina 113


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:31 Pagina 114

Artroom

MARCo GLAVIANo by Joseph Ralph Fraia

114

S

THE '80


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:31 Pagina 115

Space Gallery St Barth celebra la carriera di uno dei fotografi più influenti e iconici del mondo, Marco Glaviano, nella sua New York. uesta primavera, Space Gallery St Barth celebra la carriera di uno dei fotografi più influenti e iconici del mondo, Marco Glaviano, nella sua città di New York. Marco Glaviano ha iniziato la sua carriera come fotografo a Milano e New York, dove ha lanciato le carriere delle supermodelle Cindy Crawford, Claudia Schiffer, Eva Herzigova e Paulina Porizkova. È stato un momento emozionante sull'orlo dell'era digitale; uno zeitgeist durante il quale Glaviano ha aperto nuove strade come fotografo e artista. Marco Glaviano | Gli anni '80 celebrano l'epoca d'oro della moda, la supermodella e il fotografo star. Questa mostra riporta il lavoro del maestro nella città che ha chiamato a casa per 40 anni e celebra tutta la sua carriera. Parlando con l'artista di questo periodo, Glaviano osserva: "Gli anni '80 sono stati gli anni più produttivi nella mia carriera di fotografo di moda. Vivendo e lavorando nella mia amata New York City, ho avuto la fortuna di incontrare i più influenti stilisti di moda , stilisti di moda di talento, e le squadre glam più ispirate.L'influenza delle riviste di moda come Vogue e Harper's Bazaar era al culmine, e ho avuto la fortuna di essere inclusa. Qualcosa di nuovo stava accadendo all'industria del modello. L'agenzia di modelle francese Elite, di proprietà del mio defunto migliore amico John Casablancas, ha aperto a New York: è stata Elite a inventare la Top Model. La top model aveva più riconoscimenti di qualsiasi star di Hollywood. i modelli dovevano assomigliare ai wafer emaciati. Durante questo periodo, ho girato molti calendari, in particolare con Paulina Porizkova e Cindy Crawford. I calendari hanno continuato a vendere milioni di copie in tutti gli Stati Uniti e hanno ispirato una mania del calendario in Europa che continua ancora oggi ".

Q

his spring, Space Gallery St Barth celebrates the career of one of the world's most influential and iconic photographers, Marco Glaviano, at its New York City location. Marco Glaviano began his career as a photographer in Milan and New York, where he launched the careers of supermodels Cindy Crawford, Claudia Schiffer, Eva Herzigova, and Paulina Porizkova. It was an exciting time on the brink of the digital era; a zeitgeist during which Glaviano broke new ground as a photographer and artist. Marco Glaviano | The '80s celebrates the golden age of fashion, the supermodel and the star photographer. This exhibition brings the maestro's work back to the city he called home for 40 years and celebrates the full extent of his career. Speaking with the artist about this time, Glaviano notes, "The '80s were the most productive years in my career as a fashion photographer. Living and working in my beloved New York City, I had the good fortune to meet the most influential fashion designers, talented fashion stylists, and the most inspired glam squads. The influence of fashion magazines such as Vogue and Harper's Bazaar was at its height, and I was lucky enough to be included. Something new was happening to the model industry. A little-known French modeling agency, Elite, owned by my late best friend John Casablancas, opened in New York City. It was Elite that invented the Supermodel. The Supermodel had more name recognition than any Hollywood star. She reigned supreme until the current fashion swing dictated that models had to look like emaciated waifs. During this time, I shot many calendars, notably with Paulina Porizkova and Cindy Crawford. The calendars went on to sell millions of copies all over the USA and inspired a calendar craze in Europe that continues to this day." Many of Marco's images from this time are iconic. Marco Gla-

T

115


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 116

116

viano | The '80s seeks to showcase these pieces in celebration of Glaviano's career. Commenting on this body of work, Glaviano observes, "I must say that, almost forty years later, [the photographs] look even better. So good in fact, that they have become permanent features in the collections of some very notable collectors. It just goes to show; beauty is never out of date." In celebration of Marco Glaviano | The '80s, Space Gallery St Barth has published a special limited edition collector's art book spanning the 5 decades of his career. It features many previously unpublished photos and an intimate glimpse into the life of Marco Glaviano as well as a limited edition fine art print matching the cover image. There is a choice of 4 different cover images. Only 50 editions of each limited edition book have been produced. Established in 2011, Space Gallery St Barth is a contemporary art gallery dedicated to showcasing painting, photography, and sculpture by established and emerging artists. Since its inception, Space Gallery St Barth has built up an impressive roster of artists, curated international exhibitions, and participated in major art fairs including the Venice Biennale. As of today, the gallery has locations in St Barth and New York City and regularly exhibits in Monaco and Miami. Website: www.spacestbarth.com Instagram: @spacegallerystbarth For more information about the exhibition and available, or for any other questions, please contact: n soho@spacestbarth.com

Molte delle immagini di Marco di questo periodo sono iconiche. Marco Glaviano | Gli anni '80 cercano di mostrare questi pezzi per celebrare la carriera di Glaviano. Commentando questo corpus di lavori, Glaviano osserva: "Devo dire che, quasi quarant'anni dopo, le fotografie sembrano ancora migliori, tanto è vero che sono diventate caratteristiche permanenti nelle collezioni di alcuni collezionisti molto notevoli. Va solo a mostrare; la bellezza non è mai superata". In celebrazione di Marco Glaviano | Gli anni '80, Space Gallery St Barth ha pubblicato un libro d'arte speciale da collezione in edizione limitata che copre i 5 decenni della sua carriera. Presenta molte foto inedite e uno sguardo intimo sulla vita di Marco Glaviano, oltre a una stampa fine art a edizione limitata che corrisponde all'immagine di copertina. C'è una scelta di 4 diverse immagini di copertina. Sono state prodotte solo 50 edizioni di ogni libro in edizione limitata. Fondata nel 2011, Space Gallery St Barth è una galleria d'arte contemporanea dedicata alla mostra di pittura, fotografia e scultura di artisti affermati e emergenti. Sin dalla sua nascita, la Space Gallery St Barth ha creato un impressionante gruppo di artisti, mostre internazionali curate e partecipato a importanti fiere d'arte, tra cui la Biennale di Venezia. Ad oggi, la galleria ha sedi a St Barth e New York City e mostre regolarmente a Monaco e Miami. Sito Web: www.spacestbarth.com Instagram: @spacegallerystbarth Per ulteriori informazioni sulla mostra, o per qualsiasi altra domanda, si prega di contattare: soho@spacestbarth.comn


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 117


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 118

Artroom

by Joseph Ralph Fraia

COSPLAY n the mist of distant memories and old records, the origin of cosplay lays between legend and history. Some of the misrepresentation or confusion about the topic are caused by the acknowledgment of the current features of this phenomenon that nowadays counts millions of passionate fans all over the world and is traditionally considered sourced by Japan and the love of Japanese people for manga’s (Japanese comics) stories and characters. As a matter of fact, though, the most accurate and verified accounts credit the States as the place where this practice started: for some of them the very first example of this kind of performance dates back to 1939, when sci-fi guru Forrest J. Ackerman showed up wearing an unusual outfit at a sci-fi convention that he named ’futuristic costume’, trying to emulate and resemble a man from the future as imagined in many of the sci-fi novels popular in those years. Some others credit Mr. and Mrs. William Fell - a Cincinnati, Ohio couple who attended a masquerade ball in costumes depicting fictional characters from a contemporary notorious newspaper comic for being the very first ’cosplayers’ in history. Anyway, the dice were rolled, and a trend was started. The sparkle of inspiration and the initial social acceptance of this

I

118

ra la polvere di ricordi lontani e ingialliti ritagli di giornale, l'origine del Cosplay si trova tra leggenda e storia. Alcuni dei fraintendimenti e confusioni sul tema sono causate dalla presa d'atto delle caratteristiche attuali di questo fenomeno, che oggi conta milioni di appassionati in tutto il mondo, e tradizionalmente considerato originato dal Giappone e dall'amore del popolo giapponese per le storie e i personaggi di Manga (fumetti giapponesi). In verità, però, i resoconti più accurati e affidabili indicano gli Stati Uniti come luogo in cui è iniziata questa pratica: per alcuni il primo esempio di questo tipo di attività risale al 1939, quando il Guru di Sci-Fi Forrest J. Ackerman si presentò ad una conferenza di fantascenza indossando un abito insolito che lui chiamò "costume futuristico", cercando di emulare e assomigliare a un uomo dal futuro come immaginato in molti dei romanzi SCIFI popolari in quegli anni. Per altri furono il signor e la signora William Fell - una coppia di Cincinnati, Ohio che partecipò ad un Ballo in maschera in costume che raffiguravano personaggi fittizi da un fumetto contemporaneo notorito ad essere i primi "COSPLAYERS" nella storia. In un modo o nell’altro, il dado era stato tratto e il fenomeno era stato avviato. La scintilla dell'ispirazione e l'accettazione sociale iniziale di questo

T


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 119

fenomeno si ritiene siano legate alle tradizioni occidentali di mascherate durante le feste e i balli, e le celebrazioni popolari/pagane come Halloween o Carnevale. Ma anche se il concetto era stato posto in essere e lanciato nel mondo, è solo dopo quasi mezzo secolo più tardi che il fenomeno legittimamente inizia a diventare parte della cultura pop e ottiene successo come conseguenza dell'interazione con manga giapponesi e con cartoni animati e film di animaione. La seconda pietra miliare, di fatto risale al Comic Con di San Diego nel 1979, quando Karen Shaubelt con un gruppo di compagni cosplayers ha partecipato all'evento indossando gli abiti del capitano Harlock e altri personaggi di Star Blazer. La terza importante pietra miliare è stata impostata al Worldcon I di Los Angeles nel 1984 quando il proprietario dell'anime (film animati giapponesi) Studio Hard e giornalista Nobuyuki Takahashi vide i fan americani alla convenzione vestire come i loro personaggi preferiti e, entusiasta, una volta in Giappone, ha incoraggiato i partecipanti giapponesi a fare lo stesso: la fusione delle culture e le interrelazioni tra gli Stati Uniti e il Giappone è stato spento per il bene e il cosplay come lo conosciamo era nato. Ancora acerbo, ancora semi-improvvisato, relegato a piccoli circoli di iniziati, ma "vivo e vegeto". Takahashi è anche accreditato per la coniazione del termine Kosupure che si traduce letteralmente in costume (dal momento che non ha voluto utilizzare una traduzione della parola mascherata in inglese (che è stato il termine utilizzato in occidente verso per poi descrivere questo tipo di prestazione). Da allora il movimento è stata un'ondata inarrestabile di creatività, passione e dedizione con milioni di appasionati che pianificano, realizzano e indossano le loro creazioni ai numerosi eventi in tutto il mondo, convenzioni, feste, conferenze, fiere e così via. La quarta e più recente pietra miliare è stata il successo e l'affermazione dei social media, che ha fornito a questo fan la piattaforma di cui avevano bisogno per estendere e diffondere la visibilità delle loro opere; combinato con la qualità della fotocamera degli smartphone, il mix è stato esplosivo! Soprattutto su Instagram (lo strumento ideale e congeniale per questi scopi) è al giorno d'oggi possibile ammirare opere e costumi superbi realizzati spesso con un'attenzione maniacale ai dettagli e un livello cinematografico di qualità. n Continua su www.livein-style.com

phenomenon are believed to be linked to Western traditions of masquerades during feasts and balls as well as folk/pagan celebrations such as Halloween or Mardi Gras. But even if the footprint of the concept had been set and lit out in the world, is only after almost half century later that the phenomenon legitimately starts to become part of the Pop Culture, and that happens as a consequence of the interaction with Japanese manga along with cartoons/animated movies. The second milestone, as a matter of fact was set in San Diego in 1979 at Comic Con, when Karen Shaubelt with a bunch of fellow cosplayers attended the event wearing outfits impersonating Captain Harlock and other characters from Star history.. The third important milestone was set at the WorldCon I in Los Angeles in 1984 when the owner of the anime (Japanese animated movies) studio ‘Studio Hard and reporter Nobuyuki Takahashi saw American fans at the convention dress up like their favorite characters and, enthusiastic about it, once back in Japan encouraged Japanese attendees to do the same: the mashup of cultures and the interrelationships between the US and Japan was set off for good and cosplay as we know it today was born. Still green, still semi-improvised, relegated to small circles of initiates, but ’alive and kicking’. Takahashi is also credited for coining the term kosupure which literally translates into costume play (since he didn’t want to use a translation of the English word masquerade ( which was the term used in the West back then to describe this sort of performance). Since then the movement has been an unstoppable wave of creativity, passion and dedication with millions of performers who plan, realize and wear their creations around the numerous events throughout the globe, conventions, festivals, panels, trade shows and so on. The fourth and the most recent milestone has been the success and affirmation of social media, which has provided to this fandoms the platform they needed to extend and spread the visibility of their works; combined with the quality of smartphones camera the mix has been explosive! Especially on Instagram (the ideal and congenial tool for these purposes) it is nowadays possible to admire superb works and costumes realized often with maniacal attention to details and a cinematographic level of quality. n Continue on www.livein-style.com

119


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 120

Artroom

DALLE FoRESTE ALLE FoRESTE

URBANE

by Maurizio Signorini - www.signoriniarchitetto.com ertical Forest in Milan: this complex of two residential buildings brings together more than two thousand tree species, including shrubs and trees, distributed on the facades. Example of remarkable urban forestry. All this was only for a few, an elite thing. So "socially" useful but limited. Then the news of the new Vertical Forest that will be built in the Netherlands in Eindhoven. The Trudo Vertical Forest will be destined to social housing, therefore aimed at a popular audience, in particular young couples, who will have apartments with rented apartments. "The Eindhoven skyscraper confirms the possibility of combining the great challenges of climate change with those of housing problems... Urban forestation is an opportunity to improve the living conditions of less well-off citizens". (Stefano Boeri, designer). In the reality of our cities, the question is: how much nature have we put in our cities? In many cases, little and bad. We did not consider the trees as a significant fact of our everyday life, where to build an authentic relationship with them: we "forced" the trees to live in impossible conditions: little space for the radical apparatus, presence of underground utilities, wrong choice of non species suitable. We have mortified them in a decorative role, of extras. Which green is more correct? In what spaces? Flourishing Trees, Flourishing Minds, for which the presence of trees in the vicinity improves the mental well-being of the inhabitants, which is more than the absence of disease; trees remove CO2 from the atmosphere where it accumulates, increasing the greenhouse effect unnaturally. Cities and towns must be re-forested. With a longterm green management plan in an urban environment; with the incentive to make green roofs that allow to mitigate the bioclimatic factors, to absorb electromagnetic radiations, to increase biodin versity.

V

120

osco Verticale a Milano: questo complesso di due palazzi residenziali accorpa più di duemila specie arboree, tra arbusti e alberi, distribuite sulle facciate. Esempio notevole forestazione urbana. Tutto questo era solo per pochi, una cosa d'èlite. Quindi “socialmente” utile ma limitato. Poi la notizia del nuovo Bosco Verticale che verrà costruito nei Paesi Bassi a Eindhoven. La Trudo Vertical Forest sarà destinata al social housing, quindi rivolta a un'utenza popolare, in particolare a giovani coppie, che avranno appartamenti con affitto calmierato. “Il grattacielo di Eindhoven conferma la possibilità di unire le grandi sfide del cambiamento climatico con quelle del disagio abitativo.... La forestazione urbana è l'occasione per migliorare le condizioni di vita dei cittadini meno abbienti”. (Stefano Boeri, progettista). Nella realtà delle nostre città, la domanda è: quanta natura abbiamo messo nelle nostre città? In tanti casi poca e male. Non abbiamo considerato gli alberi come un fatto significativo della nostra quotidianità, dove costruire una relazione autentica con essi: abbiamo “costretto” gli alberi a vivere in condizioni impossibili: poco spazio per l'apparato radicale, presenza di sottoservizi, scelta sbagliata di specie non adatte. Li abbiamo mortificati in un ruolo di decorativo,di comparse. Quale verde è più corretto? In quali spazi? Flourishing Trees, Flourishing Minds, per cui la presenza di alberi nelle vicinanze migliora il benessere mentale degli abitanti, che è di più dell'assenza di malattia; gli alberi sottraggono CO2 all'atmosfera dove questa si accumula aumentando in modo innaturale l'effetto serra. Bisogna ri-forestare le città e i paesi. Con un piano di gestione del verde a lungo periodo in ambiente urbano; con l'incentivazione a fare tetti verdi che permettono di mitigare i fattori bioclimatici, di assorbire radiazioni elettromagnetiche, di incrementare le biodiversità. Senza di noi gli alberi se la passerebbero meglio.... n

B


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:32 Pagina 121


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:33 Pagina 122

Spirits&Cigars

122

by Luca Bonacini


GIANCARLo

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:33 Pagina 123

LE RADICI DELLA MISCELAzIoNE

MANCINO: “Percorsi i lunghi corridoi, scesi le ampie scale, attraversai i saloni fino al bar. Conoscevo il barman, mi sedetti su un alto sgabello e mangiai mandorle salate e patatine. Il Martini era fresco e pulito”.

ncora una volta nelle storie di Ernest Hemingway ricorre un barman. Siamo in Addio alle armi del ’29, capolavoro autobiografico dello scrittore americano sul primo conflitto mondiale, dove ogni giorno si combatte, si rischia la vita e si beve tanto, non solo al Fronte, ma per fortuna c’è il barman del Grand Hotel des Iles Borromées di Stresa e i suoi cocktail martini. Non mancano i barman neanche nel romanzo Di la dal fiume e tra gli alberi del ’50 dove Giuseppe Cipriani dispensa le sue delizie alcoliche dal bancone dell’Harry’s Bar e c’è il solerte barman dell’Hotel Gritti Palace – il più bell’albergo di Venezia secondo Hemingway – a garantire fiumi di gin, vodka e champagne. Ma anche la movimentata vita privata dello scrittore Premio Nobel, non è da meno, con i barman (spesso italiani) fedeli compagni di viaggio, a conferma dello speciale rapporto di complicità e stima che lo scrittore era capace di instaurare con loro, al punto da scrivere una delle poche prefazioni della sua carriera, proprio a un volume di cocktail di un barman parigino. Un feeling unico testi-

A

nce again in the stories of Ernest Hemingway there is a barman. We are in Farewell to Arms in 1929, an autobiographical masterpiece of the American writer on the First World War, where every day we fight, risk our lives and drink a lot, not only at the Fronte, but luckily there is the barman of the Grand Hotel des Iles Borromees of Stresa and its martini cocktails. Do not miss the bartenders even in the novel Di la dal fiume and in the trees of the '50s where Giuseppe Cipriani dispenses his alcoholic delights from the counter of Harry's Bar and there is the diligent barman of the Hotel Gritti Palace - the nicest hotel of Venice according to Hemingway - to guarantee rivers of gin, vodka and champagne. But even the bustling private life of the Nobel Prize writer is no exception, with the bartenders (often Italians) faithful fellow travelers, confirming the special relationship of complicity and esteem that the writer was able to establish with them, to the point of write one of the few prefaces of his career, right at a cocktail volume by a Parisian barman. A

O

123


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:33 Pagina 124

124

unique feeling witnessed by dozens of entries from those who attended it in those years, starting with Fernanda Pivano, who gives us a chronicle of the friendship that bound the writer to the bartenders of the Hotel Posta in Cortina, Biffi, Savini and Grand Hotel et de Milan. A consolidated reputation that of Italian barmen that reverberates even today. On the other hand, among the Belpaese's excellences to be proud of, there is not only art, fashion, sports cars, winemaking tradition and extraordinary regional cuisine, but also the legendary professionalism of Italian shaker masters, appreciated in Worldwide. A source of pride that brings us back to the mythical figures of the bar universe, which in recent times have played in the most exclusive brands of Europe, such as Mauro Lotti, headmaster of the Grand Hotel in Rome, Peter Dorelli bar manager of the Hotel Savoy in London or Salvatore Calabrese for years at the head of the Library Bar of the Lanesborough Hotel London, worthy of having

moniato da decine di annotazioni di chi lo frequentava in quegli anni, a partire da Fernanda Pivano, che ci dà cronaca dell’amicizia che legava lo scrittore ai barman dell’Hotel Posta di Cortina, del Biffi, del Savini e del Grand Hotel et de Milan. Una reputazione consolidata quella dei barman italiani che si riverbera anche oggi. D’altra parte tra le eccellenze del Belpaese di cui andare fieri non vi sono solamente l’arte, la Moda, le auto sportive, la tradizione vitivinicola e la straordinaria cucina regionale, ma anche la leggendaria professionalità dei maestri dello shaker italiani, apprezzata in tutto il mondo. Un motivo di orgoglio che ci riporta a figure mitiche dell’universo bar, che in tempi recenti hanno militato nelle più esclusive insegne d’Europa, come Mauro Lotti, capobarman del Grand Hotel di Roma, Peter Dorelli bar manager dell’Hotel Savoy di Londra o Salvatore Calabrese per anni alla guida del Library Bar del Lanesborough Hotel London, meritevoli di aver iniziato all’arte del drink decine di giovani, ora affermati professionisti.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:34 Pagina 125

Un’eredità cospicua raccolta con passione da una selezionata pattuglia di giovani talenti che in questi anni, non hanno avuto timore di fare la valigia e percorrere chilometri per seguire i guru della categoria, pronti a costruirsi un futuro e ad apprendere una professione troppe volte banalizzata. Passione e voglia di emergere che ricorrono anche nella storia professionale di Giancarlo Mancino che nel suo affermarsi ha rispettato i tempi e le modalità che sono alla base del mestiere del bartender, passando per un solido apprendistato nei luoghi simbolo del bere miscelato, affinando creatività e capacità di relazioni che lo hanno portato a distinguersi tra i più apprezzati professionisti del settore, ponendolo da qualche anno a questa parte in un ruolo di primo piano nella Consulenza e nella produzione liquoristica di pregio con un brand che porta il suo cognome. Una gavetta che parte dalla Basilicata con le prime esperienze nei locali della catena Stella Artois e si interseca con la musica e alcune collaborazioni in veste di direttore artistico di eventi musicali, poi gli Stati Uniti con un periodo al St Regis di New York e l’apertura della Giancarlo Bar Limited, una società di consulenza con sede ad Hong Kong e Londra, che si rivolge a Compagnie alberghiere e chef stellati del comparto luxury di Asia, India, Thailandia, Maldive, Cambogia, Vietnam. Di nuovo al St. Regis, questa volta di Londra con Salvatore Calabrese, poi con alcuni soci apre a Bangalore il Giancarlo’s Place, il suo primo ristorante, un locale di successo disegnato insieme alla moglie con una filosofia interamente italiana con cucina, pizzeria, panetteria, bar e cigar room. Ritorna in Inghilterra, apre il bar più alto del mondo ad Hong Kong e inaugura la sua compagnia, mentre inanella ancora una collaborazione di alto profilo con lo chef pluristellato Umberto Bombana che si concretizza nel raggiungimento della terza stella Michelin al ristorante ”8 e ½”. L’attività di consulenza prosegue florida in tutta l’Asia mentre Mancino, insieme ad alcuni chef abruzzesi apre il ristorante Il Milione che conquista dopo soli dieci mesi dall’apertura l’ambita stella Michelin. Nel 2010 la svolta, dopo quattro anni di gestazione nasce il vermouth Mancino, un prodotto che si rifà all’antica tradizione dei vermouth torinesi e verrà lanciato in grande stile nel 2012 a Berlino. Un progetto alla riscoperta del vermouth, grande eccellenza italiana fin dal 1700 che nasce dopo lunghi tasting condotti da Giancarlo Mancino fino alla definizione di una

started dozens of young, now established professionals in the art of drink. A conspicuous legacy collected with passion by a selected team of young talents who in these years have not been afraid to pack and travel miles to follow the category gurus, ready to build a future and learn a profession that is too often trivialized. Passion and desire to emerge that also recur in the professional history of Giancarlo Mancino who in his affirmation has respected the times and the modalities that are the basis of the bartender's trade, passing through a solid apprenticeship in the symbolic places of mixed drinking, refining creativity and capacity of relationships that have led him to stand out among the most appreciated professionals in the sector, placing him for some years now in a leading role in Consulting and in the prestigious liquor production with a brand that bears his surname. A mess that starts from Basilicata with the first experiences on the premises of the Stella Artois chain and intersects with music and some collaborations as artistic director of musical events, then the United States with a period at the St Regis in New York and the opening of Giancarlo Bar Limited, a consultancy company based in Hong Kong and London, which caters to hotel companies and star chefs in the luxury sector of Asia, India, Thailand, Maldives, Cambodia, Vietnam. Back at the St. Regis, this time in London with Salvatore Calabrese, then with some members he opens the first restaurant in Bangalore, his first restaurant, a successful restaurant designed together with his wife with an entirely Italian philosophy with kitchen, pizzeria, bakery , bar and cigar room. He returns to England, opens the highest bar in the world in Hong Kong and inaugurates his company, while still ringing a high-profile collaboration with the multi-starred chef Umberto Bombana which takes shape in achieving the third Michelin star at the restaurant "8 ½" . The consultancy activity continues florid throughout Asia while Mancino, together with some chefs from Abruzzo, opens the restaurant Il Milione which wins the coveted Michelin star after only ten months from the opening. In 2010 the turning point, after four years of gestation, is the Mancino vermouth, a product that harks back to the ancient tradition of Turin vermouth and will be launched in style in 2012 in Berlin. A project to rediscover vermouth, a great Italian excellence since the 1700s that comes after long tastings conducted by Giancarlo Mancino

125


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:34 Pagina 126

126

up to the definition of a recipe of great intensity and pleasantness that focuses on high quality ingredients, 40 highly selected botanicals that come from Asia, from London and Italy, sugar, alcohol from a London distillery and excellent Trebbiano from the Imola area, instead of the more used Moscato. Production takes place every nine months and is entrusted to a historic family of Canelli (AT), which has been producing Vermouth since 1956 and uses a traditional 1930s mill for spice grinding. The Vermouth Mancino range includes the following versions: Secco, Bianco Amber, Rosso Amaranto, in addition to Vermouth Chinato, with Old Vermouth, which rests for a year in cask, all to be used in mixing or to be enjoyed alone. Then there is the Rinomato, a tribute to Piedmontese aperitifs with bitters and the Americano Bianco, with gentian-flavored wine. The marketing entrusted to Gaja Distribuzione, which specifically asked for it to be exclusive, is aimed at very high profile merchants, wine bars, starred restagrants and cocktail bars. Recent years are studded with important professional successes for Giancarlo Mancino and innovative ideas such as the line of glasses and shaker, signed by Mancino, in addition to bottled drinks and cans including Cocktail Martini and Spritz, while year after year it is confirmed the high positioning of the Mancino vermouth, which today ranks fifth in sales to the world and in 2019 won the prestigious podium of Drinks International as the first vermouth in the world. n https://www.giancarlomancino.com/

ricetta di grande intensità e piacevolezza che punta su ingredienti di altissima qualità, 40 botaniche selezionatissime che arrivano dall’Asia, da Londra e dall’Italia, zucchero, alcol di una distilleria di Londra e ottimo Trebbiano della zona di Imola, in luogo del più utilizzato Moscato. La produzione avviene ogni nove mesi ed è affidata a una storica famiglia di Canelli (AT), che dal 1956 produce Vermouth e per la macinatura delle spezie impiega un mulino tradizionale del 1930. La gamma dei Vermouth Mancino, prevede le versioni: Secco, Bianco Ambrato, Rosso Amaranto, oltre al Vermouth Chinato, al Vermouth Vecchio, che riposa per un anno in botte, tutti da impiegare nella miscelazione o da gustare in purezza. Poi ci sono il Rinomato, un tributo agli aperitivi piemontesi con bitter e l’Americano Bianco, con vino aromatizzato alla genziana. La commercializzazione affidata a Gaja Distribuzione che ha chiesto espressamente di averne l’esclusiva, si rivolge a esercenti di altissimo profilo, enoteche, ristoranti stellati e cocktail bar. Gli anni recenti sono costellati di importanti successi professionali per Giancarlo Mancino e di idee innovative come la linea di bicchieri e quella di shaker, firmati Mancino, oltre ai drink in bottiglia e lattina tra cui Cocktail Martini e Spritz, mentre anno dopo anno si conferma il posizionamento alto del vermouth Mancino che oggi si colloca al quinto posto nelle vendite al mondo e nel 2019 ha conquistato il prestigioso podio di Drinks International come primo vermouth al mondo. https://www.giancarlomancino.com/ n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:34 Pagina 127


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:34 Pagina 128

Spirits&Cigars

LA GLORIA CUBANA

INVICToS E.R. ITALIA 2017

128

by Nicola Di Nunzio


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:34 Pagina 129

inalmente, dopo tanti mesi di attesa, è disponibile la nuova edizione regionale riservata al nostro paese e per questa uscita, è stato scelto il brand de La Gloria Cubana con il sigaro Invictos. La Gloria Cubana è un gioiello poco conosciuto tra le marche di Habanos, tuttavia questa marca, fondata nel 1885, vanta una lunga storia e, per oltre un secolo, ha attirato un piccolo ma fedele seguito tra i fumatori più esperti. Diadema S.p.A. ha deciso di rendere omaggio a questo storico brand, ad oggi non distribuito in Italia, dedicandogli la Edizione Regionale 2017 con una vitola de galera che non è stata mai prodotta in questa marca: il Robusto. La Gloria Cubana Invictos si presenta in scatole Slide Lid Box (SLB) da 10 sigari, con una produzione totale di 8.800 boxes, tutti rigorosamente numerati e recanti la tipica anilla supplementare: “Torcido Exclusivamente Para Italia”.

F

inally, after many months of waiting, the new regional edition reserved for our country is available and for this release, the La Gloria Cubana brand with the Invictos cigar was chosen. The Cuban Glory is a little-known jewel among the Habanos brands, however this brand, founded in 1885, has a long history and, for over a century, has attracted a small but loyal following among the most experienced smokers. Diadema S.p.A. has decided to pay tribute to this historic brand, to date not distributed in Italy, dedicating to it the 2017 Regional Edition with a vitola de galera that has never been produced in this brand: the Robusto. The Gloria Cubana Invictos is presented in boxes Slide Lid Box (SLB) of 10 cigars, with a total production of 8.800 boxes, all strictly numbered and bearing the typical additional anilla: "Torcido Exclusively Para Italia".

F

129


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:35 Pagina 130

La Gloria Cubana Invictos E.R. Italia 2017 Paese: Cuba Capa, Capote e Tripa: Cuba Vitola de galera: Robusto Misure: 124 mm per 50 RG Prezzo: 13,50 € cad. Medaglie: 4 Punteggio: 88

130

The Invictos has a uniform, well-stretched and luminous head colorado. It is oily to the touch, with a regular filling along the entire product. A raw analysis reveals leather and toasted notes. In the fifirst third one perceives toasted notes, leather, and earth, with medium strength. The second third is mainly distinguished by the toasted notes, always combined with leather and earth, with black pepper in the background. In the end, there is a good aromatic evolution with leather, wood, earth, and coffee, well balanced between them and with a force that is never intrusive. During the smoking, rich aromatic complexity and a dynamic evolution were found. A cigar to smoke in the afternoon in combination with a glass of n Italian bubbles.

L’Invictos si presenta con una capa colorado maduro, uniforme, ben tesa e luminosa. Al tatto risulta oleosa, con un riempimento regolare lungo tutto il manufatto. Da un’analisi a crudo si avvertono cuoio e note tostate. Nel primo terzo si percepiscono note tostate, cuoio e terra, con una forza media. Il secondo terzo si distingue principalmente per le note tostate, sempre abbinate a cuoio e terra, con in sottofondo pepe nero. Nel finale si riscontra una buona evoluzione aromatica con cuoio, legno, terra e caffè, ben bilanciati tra loro e con una forza mai invadente. Nel corso della fumata si è riscontrata una ricca complessità aromatica e una dinamica evoluzione. Un sigaro da fumare al pomeriggio in abbinamento ad un calice n di bollicine italiane.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:35 Pagina 131


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 132

Spirits&Cigars

by Nicola Di Nunzio

132

ROMEO Y JULIETA TACoS E.L. 2018


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 133

e Edizioni Limitate si caratterizzano per le loro vitolas che non appartengono al vitolario standard della marca e per la rigida selezione dei tabacchi (capa, tripa e capote) che vengono invecchiati almeno due anni prima di venire utilizzati. Inoltre le foglie di capa usate per le Edizioni Limitate vengono selezionate dal piano fogliare più alto, per questo motivo il loro colore è normalmente più scuro della produzione standard. Il nome Romeo y Julieta, marca di Habanos creata nel 1875 e che trae le sue radici dall’omonima opera di William Shakespeare, ha guadagnato la fama internazionale nei primi anni del XX secolo, grazie alla visione di Don “Pepin” Rodríguez. Si calcola che nella storia siano state utilizzate più di 20.000 anillas distinte di questo brand, la cui fama deve anche molto a Sir Winston Churchill, uno dei più devoti fumatori di questa marca. Durante la sua visita a La Habana nel 1946 il suo nome non solo venne usato per alcune anillas, ma dato anche alla vitola più conosciuta e che poi divenne da lì anche sinonimo di un formato: il Churchills. “Tacos Imperiales” è la vitola selezionata per questa nuova edizione Limitata 2018. Una vitola storica che risale agli anni 70, un sigaro perfetto per chi ama gustarsi un Habano che offra una lunga e complessa evoluzione, tipica della marca. Tutte le foglie con cui sono realizzati i Tacos provengono naturalmente dalle migliori Vegas de Primera di Vuelta Abajo, la zona che è rigorosamente protetta da una D.O.P. a tutela del rispetto del carattere dell’habano e della sua inconfondibile unicità.

L

he Limited Editions are characterized by their vitolas that do not belong to the standard brand vitolario and for the strict selection of tobaccos (capa, tripa and capote) that are aged at least two years before being used. Furthermore the head leaves used for the Limited Editions are selected from the highest leaf plane, for this reason their color is normally darker than the standard production. The name Romeo y Julieta, a Habanos brand created in 1875 and rooted in the work of the same name by William Shakespeare, gained international fame in the early 20th century, thanks to the vision of Don "Pepin" Rodríguez. It is estimated that over 20,000 distinct anillas of this brand have been used in history, whose fame also owes much to Sir Winston Churchill, one of the most devoted smokers of this brand. During his visit to La Habana in 1946 his name was not only used for some anillas, but also given to the most famous vitola and which then became synonymous with a format: the Churchills."Tacos Imperiales" is the vitola selected for this new Limited edition 2018. A historic grape that dates back to the 70s, a perfect cigar for those who love to enjoy a Habano that offers a long and complex evolution, typical of the brand. All the leaves with which the Tacos are made come naturally from the best Vegas de Primera of Vuelta Abajo, the area that is strictly protected by a D.O.P. to protect respect for the character of the Habano and its unmistakable uniqueness.

T

133


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 134

Romeo y Julieta Tacos E.L. 2018 Paese: Cuba Capa, Capote e Tripa: Cuba Vitola de galera: Tacos Imperiales Misure: 168 mm per 49 RG Prezzo: 16,00 € Medaglie: 4 Punteggio: 88

134

The Romeo y Julieta Tacos E.L. 2018 presents itself with a head maduro, with some veining and light. It is oily to the touch, with a regular filling along the entire product. A raw analysis shows aromas of sweet cocoa, earth and black pepper. In the first third, sweet cocoa, earth and black pepper are perceived with a well balanced strength. In the second third, earth and leather are mainly distinguished, always accompanied by black pepper. In the end there is a good aromatic evolution with leather, wood, earth and toasted notes well balanced between each other and strength is present. During the smoking, a rich aromatic complexity and a dynamic evolution were found. We recommend aging for at least 3/5 years. A cigar to smoke after meals in combination with n Ron Cuban aged 20 años.

Il Romeo y Julieta Tacos E.L. 2018 si presenta con una capa maduro, con qualche venatura e luminosa. Al tatto risulta oleosa, con un riempimento regolare lungo tutto il manufatto. Da un’analisi a crudo si avvertono aromi di cacao dolce, terra e pepe nero. Nel primo terzo si percepiscono cacao dolce, terra e pepe nero con una forza ben bilanciata. Nel secondo terzo, si distinguono principalmente terra e cuoio, sempre accompagnati dal pepe nero. Nel finale si riscontra una buona evoluzione aromatica con cuoio, legno, terra e note tostate ben bilanciati tra loro e la forza è ben presente. Nel corso della fumata si è riscontrata una ricca complessità aromatica e una dinamica evoluzione. Si consiglia un affinamento di almeno 3/5 anni. Un sigaro da fumare dopo i pasti in abbinamento ad Ron cubano n invecchiato 20 años.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 135


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 136

Spirits&Cigars

PURO HABANO NIGHT 136

by Luca Pezzini


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:36 Pagina 137

enerdì 7 Giugno nell’incantevole cornice di Gina a Porto Romano a Fiumicino la “Confraternita di SigariAvana.it” e la tabaccheria “Palombini” in collaborazione con l’importatore “Diadema Spa” hanno presentato l’interessantissimo habanos “H. Upmann Connossieur B”. Durante l’aperitivo gli oltre cento invitati hanno potuto gustare un primo Sigaro Avana – l’H. Upmann Half Corona - impreziosito dalle bollicine della cuvée blanc de blancs del Franciacorta DOCG “Monogram”. Come sempre una cena a base di pesce, anche quest’anno con ogni portata abbinata ad un vino della cantina Casale del Giglio, ha deliziato gli appassionati e prima del dolce è stato presentato l’ospite della serata : il “Connossieur B”! Un sigaro più generoso rispetto all’Half Corona, il Connossieur B con il suo diametro di 54 e la lunghezza di 150 ha riscosso un notevole apprezzamento tra i presenti che l’hanno potuto fumare sorseggiando l’ottimo bourbon Wild Turkey Rare. A presentare il sigaro e raccontare alcuni aneddoti della casa c’hanno pensato il Vice-Presidente di Diadema Miguel Angel Eusa Mendia ed il Direttore Commerciale Stefano Minoia, che hanno sottolineato che questo manufatto sarà distribuito solo ai negozi della catena “La Casa Del Habano” ed agli “Specialist Habanos” come la Tabaccheria Palombini. Alla serata hanno partecipato tra gli altri il Presidente della Cigar club Association e del CC Matelica Francesco Minetti (nominato “Hombre Habanos” nel 2017 è anche socio onorario della “Con-

V

n Friday 7th June in the enchanting setting of Gina in Porto Romano in Fiumicino the "Confraternita di SigariAvana.it" and the tobacconist "Palombini" in collaboration with the importer "Diadema Spa" presented the very interesting habanos "H. Upmann Connossieur B ”. During the aperitif, over one hundred guests were able to enjoy a first Cigar Havana - the H. Upmann Half Corona embellished by the bubbles of the cuvée blanc de blancs of the Franciacorta DOCG "Monogram". As always, a fish-based dinner, again this year with each course combined with a wine from the Casale del Giglio winery, delighted the lovers and before the dessert the guest of the evening was presented: "Connossieur B"! A more generous cigar than the Half Corona, the Connossieur B with its diameter of 54 and the length of 150 has received considerable appreciation among those present who have been able to smoke it while sipping the excellent Wild Turkey Rare bourbon. Diadema vice-president Miguel Angel Eusa Mendia and commercial director Stefano Minoia presented the cigar and told some anecdotes of the house, emphasizing that this artifact will be distributed only to the stores of the chain "La Casa Del Habano" and to the "Specialist Habanos" such as the Tabaccheria Palombini. The evening was attended, among others, by the President of the Cigar club Association and the CC Matelica Francesco Mi-

O

137


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 138

138

netti (named "Hombre Habanos" in 2017 is also an honorary member of the "Confraternity of SigariAvana.it"); Luigi Ferri (one of the world's leading experts with several books to his credit); the presidents and representatives of some clubs of the CCA circuit such as Nicola Di Nunzio (Turin Puromotive), Maurizio Sorbellini (Matelica), Riccardo Durante (Colleferro), Andrea Vecchione (Naples), Evi Pice and Alessandro Di Bisceglie (Terra di Bari), Nicola Pileggi (Alto Salento), Rocco De Santis (Salentofumolento) and Claudio Crema (CC Termoli). Also present were other well-known faces in the panorama of enthusiasts, especially Massimiliano Rocci and Giuseppe Lucatorto accompanied by Magdalena and Alessandra, who were also good Havana enthusiasts. The evening passed, as always, in joy and in a spirit of sharing with the guests who stayed long into the night. As tradition has it, all those present received a nice branded souvenir and the ladies a beautiful and much appreciated pink rose. The "Puro Habano Night" from next year's Gina to Porto Romano is scheduled for Friday 5 June, in the meantime to stay up to date visit www.sigariavana.it or send an email to n info@sigariavana.it

fraternita di SigariAvana.it”); Luigi Ferri (uno dei massimi esperti mondiali con diversi libri al suo attivo); i presidenti ed i rappresentanti di alcuni club del circuito CCA come Nicola Di Nunzio (Puromotivo Torino), Maurizio Sorbellini (Matelica), Riccardo Durante (Colleferro), Andrea Vecchione (Napoli), Evi Pice e Alessandro Di Bisceglie (Terra di Bari), Nicola Pileggi (Alto Salento), Rocco De Santis (Salentofumolento) e Claudio Crema (CC Termoli). Presenti anche altri volti noti nel panorama degli appassionati ed in particolar modo Massimiliano Rocci e Giuseppe Lucatorto accompagnato rispettivamente da Magdalena ed Alessandra anch’esse buone intenditrici di Avana. La serata è trascorsa, come sempre, in allegria ed in spirito di condivisione con gli ospiti che si sono trattenuti sino a notte fonda. Come tradizione vuole tutti i presenti hanno ricevuto un simpatico ricordo brandizzato e le signore una splendida ed apprezzatissima rosa rosa. La “Puro Habano Night” da Gina a Porto Romano del prossimo anno è fissata per Venerdì 5 Giugno, nel frattempo per rimanere aggiornati visitate www.sigariavana.it o mandate una mail a n info@sigariavana.it


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 139


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 140

Spirits&Cigars by Nicola Di Nunzio

VI MOLE DI FUMO

140


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 141

Lo splendido Castello dei Nove Merli di Piossasco (To) ha fatto da cornice alla presentazione italiana del nuovo Romeo y Julieta Tacos Edición Limitada 2018 durante la VI Edizione della “Mole di Fumo”, organizzata dal Club Puromotivo di Torino in collaborazione con gli Specialisti Habanos torinesi Massimo Pomati e Davide Venturello, con il patrocinio di Diadema S.p.a. ’evento, sviluppatosi su due giorni, è stato un tripudio di degustazioni e abbinamenti iniziati venerdì 12 Aprile con l’aperitivo di benvenuto, con protagonista l’Hoyo de Monterrey Le Hoyo du Gourmet del 2011, accompagnato da un ottimo Ferrari Perlé Bianco Riserva 2009. La serata, dopo la cena a base di prodotti tipici piemontesi, ha visto di nuovo protagonista un ottimo Habano: un Romeo y Julieta Wide Churchill è stato abbinato per l’occasione ad un esclusivo Ron Santiago Añejo.

L

he event, which developed over two days, was a triumph of tastings and pairings that began on Friday 12th April with a welcome aperitif, with the Hoyo de Monterrey Le Hoyo du Gourmet from 2011 as the protagonist, accompanied by an excellent Ferrari Perlé Bianco Riserva 2009. The evening, after the dinner based on typical Piedmontese products, saw once again an excellent Habano: a Romeo y Julieta Wide Churchill was combined for the occasion with an exclusive Ron Santiago Añejo.

T

141


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 142

142

The highlight of the event was Saturday, April 13, which began with a splendid aperitif in the loggia of the Castle where an excellent Romeo y Julieta Petit Royales was tasted in combination with Ferrari Maximum bubbles, while the Romeo y Julieta Tacos E.L. 2018 saw its official national debut at the end of lunch, paired with a Ron Santiago 12 años. The new Edición Limitada was presented by Stefano Minoia, Sales Manager of Diadema S.p.A., to the almost one hundred participants, including the President of Diadema S.p.A. Andrea Vincenzi, the Premio Habano 2018 Francesco Minetti, Luca Borla owner of "La Casa del Habano" in Milan, and the Specialists Habanos Fabrizio Losciale of Milan, Carlo Imparato of Varese and Christian Sileoni of Montecassiano (MC). During the lunch the President of Diadema S.p.A. Andrea Vincenzi and Stefano Minoia have rewarded the two champions of the Habanos World Challenge Aurelio Tufano and Giulio Amaturo. The second tasting in the program saw the opening of the Humidor de La Gloria Cubana 25th anniversary La Casa del Habano in combination with a Knockando whiskey original bottling distilled 1976 bottled 1990 43%. A splendid event that in two days brought together enthusiasts from all over Italy and also from abroad, to celebrate n the second Edición Limitada of 2018.

La giornata clou dell’evento è stata quella di sabato 13 aprile, iniziata con uno splendido aperitivo nel loggiato del Castello dove si è degustato un ottimo Romeo y Julieta Petit Royales in abbinamento a delle bollicine Ferrari Maximum, mentre il Romeo y Julieta Tacos E.L. 2018 ha visto il suo debutto ufficiale a livello nazionale a fine pranzo, abbinato ad un Ron Santiago 12 años. La nuova Edición Limitada è stata presentata da Stefano Minoia, Responsabile Commerciale di Diadema S.p.A., ai quasi cento partecipanti, tra cui il Presidente di Diadema S.p.A. Andrea Vincenzi, il Premio Habano 2018 Francesco Minetti, Luca Borla titolare della "La Casa del Habano" di Milano, e agli Specialisti Habanos Fabrizio Losciale di Milano, Carlo Imparato di Varese e Christian Sileoni di Montecassiano (MC). Nel corso del pranzo il Presidente di Diadema S.p.A. Andrea Vincenzi e Stefano Minoia hanno premiato i due campioni dell’Habanos World Challenge Aurelio Tufano e Giulio Amaturo. La seconda degustazione in programma ha visto l’apertura dell’Humidor de La Gloria Cubana 25° Aniversario La Casa del Habano in abbinamento ad un whisky Knockando original bottling distilled 1976 bottled 1990 43%. Uno splendido evento che in due giorni ha riunito appassionati da tutta Italia e anche dall’estero, per celebrare la seconda Edición n Limitada del 2018.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:37 Pagina 143


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 144

Spirits&Cigars

144


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 145

oF ITALY

SPRITZ ella sofisticata ed elegante hall per eventi del Michelangelo Hotel a Midtown Manhattan, il 6 giugno 'Italia I Love You' - l'azienda di New York dedicata alla promozione dell'eccellenza italiana e il piacevole stile di vita degli italiani - ha ospitato la sua campagna estiva off evento omaggio a uno dei cocktail leggeri più amati e preferiti al mondo: lo Spritz, un mix di vino bianco frizzante, cordiale e club soda che ha incantato i palati per oltre un secolo. L'evento è stato reso possibile anche grazie al contributo di Arosio Milano (www.arosiomilano.com) il produttore di sculture murali milanesi, che ha presentato la nuova collezione di orologi da parete, e Alisi Gioielli di Firenze (www.alisigioielli.com), che ha esposto una gamma molto diversificata di prodotti artigianali dalla sua Bottega a Firenze, in Italia. Durante l'evento "Italia I Love You" - offrendo al pubblico affascinato dei partecipanti deliziose tartine e bevande - ha annunciato due prestigiose partnership con The Italian Proposal e The Bocelli Family Estate, che inizieranno dall'inizio dell'autunno di quest'anno. La proposta italiana (theitalianproposal.info) è l'hub di servizio per l'ultima esperienza italiana, sia se sei un wedding planner in cerca di nuove location per il tuo portfolio di matrimoni di destinazione, una coppia che vuole sposarsi in un luogo favoloso in Italia o qualcuno che vuole essere viziato in un ritiro di benessere in alcune località del Bel

N

n the sophisticated and posh event hall of the Michelangelo Hotel in Midtown Manhattan, on June 6 ‘Italia I Love You' – the New York-based company devoted to promoting Italian Excellence and the enjoyable lifestyle Italians are known for – hosted its summer kick-off event paying homage to one of the most popular and favored light cocktail in the world: the Spritz, a mix of sparkling whwhite wine, cordial and club soda that has been delighting palates for over a century. The event was made possible also thanks to the contribution of Arosio Milano (www.arosiomilano.com) the wall sculptures maker from Milan, that presented the new collection of wall clocks, and Alisi Gioielli di Firenze (www.alisigioielli.com), that displayed a very diverse range of artisanal products from its Bottega in Florence, Italy. Throughout the event ‘Italia I Love you' – while offering to the intrigued crowd of attendees delicious canapes and drinks – announced two prestigious partnerships with The Italian Proposal and The Bocelli Family Estate, which will start from early Fall this year. The Italian proposal (theitalianproposal.info) is the Service Hub for the Ultimate Italian Experience, either if you are a wedding planner looking for new locations for your portfolio of destination weddings, a couple who wants to get married in a fabulous venue in Italy or somebody who wants to get spoiled over a wellness retreat in selected locations of the Bel Paese.

I

145


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 146

146

The Bocelli Family Estate is the property in Tuscany owned and run by Maestro Andrea Bocelli, which offers one in a lifetime luxury experience in selected private locations. A must in every ‘Italia I Love You' event is the excellent entertainment, with live music, and a touch of art: in this occasion were presented the paintings of Cinzia Bonfirraro, painter from Milan, New Yorker for 9 years now, who presented works influenced by street and urban art, and Joseph Ralph Fraia, Fine Photography artist from Brooklyn, NY, who presented his collection of abstract works. The evening was spiced up by the official presentation of ‘Italia I Love You' new initiatives at the Michelangelo Hotel which will start from September 2019: Piazza Italia and Corso Italia will be home of trade shows and showcases for selected brands from Italy. Another beautiful night for Italophiles and lovers of the good life. Check ‘Italia I Love You' website to stay updated n about its initiatives.

Paese. La Tenuta Familiare Bocelli è di proprietà in Toscana del Maestro Andrea Bocelli, che offre un'esperienza di lusso unica nel suo genere in località private selezionate. Un must in ogni evento Italia I Love You è l'eccellente intrattenimento, con musica dal vivo e un tocco d'arte: in questa occasione sono stati presentati i quadri di Cinzia Bonfirraro, pittore milanese, New Yorker da 9 anni, che ha presentato opere influenzate dalla street art e dall'arte urbana, e Joseph Ralph Fraia, artista di Belle Photography di Brooklyn, NY, che ha presentato la sua collezione di opere astratte. La serata è stata arricchita dalla presentazione ufficiale delle nuove iniziative di "Italia I Love You" presso l'Hotel Michelangelo che avrà inizio a settembre 2019: Piazza Italia e Corso Italia ospiteranno fiere e vetrine di marchi selezionati dall'Italia. Un'altra bella notte per gli Italofili e gli amanti della bella vita. Controlla il sito 'Italia I Love You' per rimanere agn giornato sulle sue iniziative.


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 147


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 148

Sport

Giocare a Golf in America? Semplicemente entusiasmante!

148

by Donato Ala


GIoCARE A GoLF IN

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 149

AMERICA?

149


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:38 Pagina 150

ften I ask myself: “Do I like playing Golf in America. It is not an easy answer, because America has so many possibilities and above all thousands of courses, however you can be sure that golf vacations in America are the most luxurious you can have. Golf resorts focus mainly on customer service and ensure you have the most pleasant experience possible, with drinks carts, airconditioned golf carts and a luxury club house, not to mention the incredible club houses, bars and restaurants at your disposal on a golf course. With a suitable climate for golf throughout the year, the central and southern States are those that offer an excellent solution for the holidays. Florida, South Carolina, Arizona and Hawaii are particularly good for golfing in the winter with a cool, dry and warm climate that allows you to play in almost deserted golf courses under a blue sky. American golfing holidays coincide with the Italian winter and offer exceptional value for money, and rarely will it take long to play. Although most airlines allow you to bring your equipment with you (sometimes for a small fee), you may notice a noticeable difference in your game upon arrival,

O

150

olti mi chiedono spesso: “ma Donato come giocare a Golf in America? Non è una risposta facile, perché l’America ha tante possibilità e soprattutto migliaia di campi, tuttavia potete essere certi che le vacanze golfistiche in America sono quanto di più lussuoso si possa avere. Le località golfistiche si concentrano soprattutto sul servizio al cliente assicurandogli un’esperienza il più piacevole possibile, con carrelli bevande, carrelli da golf con aria condizionata e club house di lusso, per non parlare delle incredibili club house, dei bar e dei ristoranti a vostra disposizione su un campo da golf. Un clima adatto per il golf per tutto l’anno sono gli stati centrali e meridionali che offrono un eccellente soluzione per le vacanze. Florida, South Carolina, Arizona e Hawaii sono particolarmente buone per il golf in inverno con un clima fresco, asciutto e caldo che permette di giocare in campi da golf quasi deserti sotto un cielo blu. Le vacanze golfistiche americane coincidono con l'inverno italiano e offrono un’eccezionale rapporto qualità prezzo, e raramente sarà necessario attendere molto per giocare. Sebbene la maggior parte delle compagnie aeree vi permette di portare la vostra attrezzatura con voi (a

M


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 151

volte con un piccolo sovrapprezzo), potreste notare una notevole differenza nel vostro gioco al vostro arrivo, i campi da golf americani sono leggermente differenti da quelli in Europa, principalmente in termini di erba utilizzata. Fortunatamente per quelli di noi cerca del meglio delle vacanze golfistiche, sono molto pochi i percorsi privati in America. La Florida ha campi da golf più che in qualsiasi altra parte del mondo, un clima meraviglioso tutto l'anno, paesaggi mozzafiato e località golfistiche di lusso la rendono la patria del golf americano, con abbondanza di intrattenimento per le famiglie. Il South Carolina con più di 350 campi da golf ne fa una delle mete più varie che si possano trovare. Puoi giocare su un percorso di ripida montagna al mattino e su uno aperto sulla costiera nel pomeriggio. In Arizona i paesaggi desertici mozzafiato sembrano essere stati pensati specificamente per il golf e i designer hanno fatto il resto. Nei dintorni Phoenix e Scottsdale ci sono alcuni dei più bei campi da golf americani. Le Hawaii sono una di quelle destinazioni in cui ogni golfista spera di giocare. L'ambiente sublime, bel clima e i bei percorsi, attirano i golfisti di tutto il mondo, e qual è il posto migliore per riflettere sul proprio turno se non la spiaggia? La California

American golf courses are slightly different from those in Europe, mainly in terms of grass used. Fortunately for those of us looking for the best golfing holidays, there are very few private courses in America. Florida has more golf courses than anywhere else in the world, a wonderful climate all year round, breathtaking scenery and luxury golf resorts make it the home of American golf, with plenty of entertainment for families. South Carolina with more than 350 golf courses make it one of the most varied destinations to be found. You can play on a steep mountain path in the morning and on an open one on the coast in the afternoon. In Arizona, breathtaking desert landscapes seem to have been designed specifically for golf in mind, and designers did the rest. Around Phoenix and Scottsdale there are some of the most beautiful American golf courses. Hawaii is one of those destinations where every golfer hopes to play. The sublime environment, beautiful climate and beautiful paths, attract golfers from all over the world, and what is the best place to reflect on your turn if not the beach? California has a wonderful array of public golf cour-

151


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 152

152

ses, with some truly unique and truly remarkable courses. All this together with the famous places and sounds of California are at your disposal, but surely the most incredible experience I can recommend is definitely to play on the skyscrapers of New York. At 137 meters high, a legendary charity challenge was played between the female golf teacher, Annika Sorestam, and other professionals: the goal was to hit a floating target in the East River. It is not the first time that the skyscrapers of New York host special events, such as the exhibition of sculptures by Antony Gormley. This time it was a sports competition, for charity. However play golf and the Americans really like watching golf champions as they compete. There were in fact many golf players gathered at 137 meters high, on the roof of the Waterside Plaza. The goal was to center a floating disk positioned in the water below, 33 meters wide. The Sorestam managed to hit the target twice despite the strong wind that caused the float to move continuously. 'But in this competition, it doesn't matter who was good and who wasn't, what matters is that we managed to raise money for a good cause. He declared the sportswoman a rising star of American golf. The non-profit organization that organized the event is the Intrepid Fallen Heroes, for years committed to protecting and supporting the men of the American armed forces. But if you browse the web you will surely find other opportunities to play in the most beautiful city in the world, I can tell you that playing golf in America is absolutely advin sable.

ha una splendida serie di campi da golf pubblici, con alcuni percorsi veramente unici e davvero notevoli. Tutto questo insieme ai luoghi famosi e ai suoni della California sono a vostra disposizione, ma sicuramente l’esperienza piu’ incredibile che posso consigliarvi è sicuramente quella di giocare sui grattacieli di New York. A 137 metri di altezza si è disputata una leggendaria sfida benefica tra la maestra del golf femminile, Annika Sorestam, e altri professionisti: centrare un bersaglio galleggiante nell’East River. Non è la prima volta che i grattacieli di New York ospitano eventi particolari, come la mostra di sculture di Antony Gormley. Questa volta si è trattato di una competizione sportiva, a scopo benefico. D’altronde giocare a golf e guardare i campioni del golf mentre si sfidano piace molto agli americani. Erano infatti numerosi i protagonisti del golf riunitisi a 137 metri d’altezza, sul tetto del Waterside Plaza. L’obiettivo era centrare un disco galleggiante posizionato nell’acqua sottostante, largo 33 metri. La Sorestam è riuscita a centrare il bersaglio due volte nonostante il forte vento che faceva muovere continuamente il galleggiante. ‘Ma in questa competizione poco conta chi è stato bravo e chi no, ciò che conta è che siamo riusciti a raccogliere fondi per una giusta causa‘. Ha dichiarato la sportiva, astro nascente del golf americano. L’organizzazione no profit che ha organizzato l’evento è la Intrepid Fallen Heroes, da anni impegnata nella tutela e nel sostegno degli uomini delle forze armate americane. Ma se curiosate sul web troverete sicuramente altre opportunità di giocare nella città piu’ bella del mondo, sicuramente posso dirvi che giocare a golf in America è assolutamente consigliabile. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 153


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 154

Sport

154


BUSINESS

Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 155

CLUB 2019

Può un raduno di sponsor essere divertente e saper creare legami che vanno oltre la mera possibilità di business? Sembra proprio di si!

uò un raduno di sponsor essere divertente e saper creare legami che vanno oltre la mera possibilità di business? Sembra proprio di si! Il Business Club organizzato da Curtes, la società che gestisce In City Golf e La Sportiva EPIC Ski Tour è diventato, negli anni, proprio questo. Un motivo di fare business tra i partner ma, soprattutto, un appuntamento da non perdere per poter stare insieme e divertirsi. La quarta edizione del Curtes Business Club si è svolta il 31 maggio 2019. Tutti i partner sono stati invitati al famoso Du Lac et Du Parc Grand Resort ****S a Riva sul lago di Garda, dove hanno trascorso una giornata indimenticabile insieme.

P

an a sponsor and partner meeting be fun and create bonds that go beyond the purely business? Yes, it can! The Business Club organized by Curtes, the company that invented In City Golf and La Sportiva EPIC Ski Tour, has become exactly that over the years. A reason to do business with partners, but above all a date not to be missed to be together and have fun. The fourth edition of the Curtes Business Club took place on 31 May 2019. All partners were invited to the famous Du Lac et Du Parc Grand Resort ****S in Riva at Lake Garda, where they spent an unforgettable day together. First of all, all invited guests expected a delicious breakfast which was then accompanied by a meeting. Here

C

155


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 156

156

all companies could introduce themselves. After this introduction there was a light lunch. After all had gotten to know each other a bit, it became sporty, in the afternoon they went out to Lake Garda for a sailing trip. The eventful day ended in the evening with a barbecue in the beautiful park of the Du Lac et Du Parc Grand Resort ****S. n

L’incontro iniziava con un Welcome Coffe, per poi procedere al Meeting, dove ogni azienda aveva la possibilità di presentarsi. Dopo un Light Lunch a tutti spettava una bellissima uscita in barca a vela sul Lago di Garda. Dopo il rientro si concludeva la giornata con un Barbecue nel bellissimo parco del Du Lac et Du Parc Grand Resort ****S. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 157


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 158

Sport

158


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 159

TURKISH AIRLINES Un invitational di altissima classe per Turkish Airlines al Golf Villa D’este

n’edizione straordinaria del Turkish Airlines World Golf Cup si è svolta nella cornice unica del Golf Villa D’este a Montorfano Como. Unica tappa italiana prima della finale mondiale che si svolgerà in Turchia a Belek durante il Turkish Open tappa oramai di grandissimo livello del circuito Europeo. Era presente per noi il nostro direttore Donato Ala che ha cosi dichiarato subito dopo la gara : “ inutile parlare dell’organizzazione assolutamente impeccabile per un Invitational di altissimo livello che si è svolto in uno dei campi a mio avviso più belli in Italia. Il campo era in condizioni semplicemente stratosferiche, sembrava di giocare in un’altra dimensione fuori dal mondo. Si respirava natura in un disegno di gioco che ti impegnava molto, ma allo stesso tempo ti regalava spunti di golf che potevano entusiasmarti nel risultato finale. Ho viaggiato molto con Turkish nella mia carriera di giornalista di turismo golfistico ed ho sempre reputato questa compagnia in assoluto tra le prime 3 al mondo e sono stato felice di essere stato tra gli 80 giocatori che si sono confrontati incontrando anche molti colleghi. La Turkish Airlines World Golf Cup si

U

n extraordinary edition of the Turkish Airlines World Golf Cup took place in the unique setting of the Villa D’este Golf in Montorfano Como. The only Italian stop before the world final that will take place in Belek during the Turkish Open, a stage of the highest level of the European circuit. Our director Donato Ala was present for us and he declared so immediately after the race: “it is useless to talk about the absolutely flawless organization for a very high level Invitational that took place in one of the most beautiful fields in my opinion in Italy. The field was in simply stratospheric conditions, it seemed to play in another dimension out of the world. You breathed nature in a game design that engaged you a lot, but at the same time gave you golf cues that could excite you in the final result. I traveled a lot with Turkish in my career as a golf tourism journalist and I always considered this company one of the top 3 in the world and I was happy to have been among the 80 players who met and met many colleagues. The Turkish Airlines World Golf Cup takes place in numerous destinations around the world involving over

A

159


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 160

160

8,000 players globally. This year's sponsors were: National Car rental, Socar and the Turkish telecommunications company Telekom. The winners of each qualifying tournament secure a place in the Grand finals which will be played in Antalya in November with Tukish in Business Class and participate in the Pro-Am of the Turkish Open. Mr. Fatih Temel, General Manager of Turkish Airlines Milan, said: "We want to thank all our guests who have contributed to making the Milan leg of the Turkish Airlines World Golf Cup a successful event. Once again it was a fantastic tournament in the TAWGC competitions and we want to congratulate our finalist, Clemente Preda, to whom we wish good luck for the Antalya final. " We will see you in the next edition and congratulations to n all.

svolge in numerose destinazioni del mondo coinvolgendo oltre 8000 giocatori a livello globale. Sponsor di quest’anno sono stati: National Car rental, Socar e l’azienda di telecomunicazioni Turca Telekom. I vincitori di ogni torneo di qualificazione si assicurano un posto nel Gran finals che si giocherà a novembre ad Antalya volando con Tukish in Business Class e partecipare alla Pro-Am dell’Open di Turchia. Mr. Fatih Temel, General Manager di Turkish Airlines Milano, ha dichiarato: “Vogliamo ringraziare tutti i nostri ospiti che hanno contribuito a rendere la tappa di Milano della Turkish Airlines World Golf Cup un evento di successo. Ancora una volta è stato un torneo fantastico all’interno delle competizioni della TAWGC e vogliamo congratularci con il nostro finalista, Clemente Preda, al quale auguriamo buona fortuna per la finale di Antalya.” Ci vedremo alla prossima edizione e complimenti a tutti. n


Progetto1.qxp_Layout 1 12/07/19 18:39 Pagina 161


Progetto1.qxp_Layout 1 16/07/19 13:27 Pagina 162

Colophon direttore responsabile art director redazione relazioni esterne segreteria - abbonamenti pubblicità hanno collaborato:

Matteo Tornielli

m.tornielli@livein-style.com

Ludovico Maria Nobile

cover by Ludovico Maria Nobile n. 50 anno 10 - bimestrale · luglio 2019

Vittoria Fabris, Annalisa Fanticelli, Alberto Brandisseri, Edoardo Dominici Giovanna Repossi gio.zesign@gmail.com info@livein-style.com info@livein-style.com Donato Ala, Luca Bonacini, Mariangela Bonaparte, Marianna Bonavolontà, Phil Brady, Lydia Cavaliere, Stefano De Angelis, Nicola Di Nunzio, Penelope Filacchione, Elisa Lanotte, Annaluce Licheri, Alberto Nano, Luca Pezzini, Giovanna Repossi, Maurizio Signorini, Olivia Spatola, Marco Giuseppe Timelli, Roberta Vanore, Beth Vermeer, Stefania Zilio.

editore

Lis s.r.l. Via Balla 67 - 35010 Villafranca Padovana Padova (Italy) tel. +39 0490963354

stampa

Puntoffset snc Viale Spagna, 12 - 35020 Ponte San Nicolò - Padova www.puntoffset.com NEW YORK OFFICE

editor in chief

Joseph Ralph Fraia

Adv and Distribution in US

jr.fraia@livein-style.it

Purchase and Subscriptions in US

jr.fraia@livein-style.it

New York contact For insights and special features go to: On-line downloadable version at:

162

YOU CAN FIND US ON WWW.FACEBOOK.COM/LIVEIN-STYLE

+1 917 930 1494 WWW.INSTAGRAM.COM/LIVEINMAGAZINE www.livein-style.com www.joomag.com/magazine/livein-style-magazine

www.livein-style.com

Copyright Editoriale Livein - Registrazione al registro della stampa del Tribunale di Padova, n. 2214 del 12/03/2010 è vietata la riproduzione totale o parziale della rivista senza l’autorizzazione dell’Editore. In questo numero la pubblicità non supera il 30%. Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito. L’Editore è disponibile ad assolvere ogni obbligo nei confronti dei titolari di diritti relativi a testi, immagini, illustrazioni e fotografie che non sia stato possibile contattare.

Profile for Matteo Tornielli

Livein Speciale 10 years n° 50  

Dieci anni di pubblicazione, numero 50. Che lo si voglia ammettere o no è comunque un traguardo. Un traguardo si, un punto di arrivo no.

Livein Speciale 10 years n° 50  

Dieci anni di pubblicazione, numero 50. Che lo si voglia ammettere o no è comunque un traguardo. Un traguardo si, un punto di arrivo no.

Advertisement