Issuu on Google+

n /CITTA'

Tutte c

POLITICA

Salvini candida uno dei secessionisti in carcere: "E se non escono, per Pasqua andiamo dentro noi" Roma, 13 aprILE 2014 - L'aveva promesso e l'ha mantenuto, Matteo Salvini: la Lega candiderà alle prossime elezioni europee Alberto Zanardini, uno dei secessionisti veneti che si trova attualmente in carcere. "Saremo in carcere a Brescia domattina per raccogliere la sua firma - spiega il segretario ad Agorà - Zanardini lo vogliamo candidare. E’ un signore 65enne, pacioso e pacifico in galera per terrorismo...”. E ancora: “Lui sarebbe stato il cassiere per fare la rivoluzione con la ruspa”, ha proseguito Salvini. Gli altri arrestati “sono idraulici, sarte, pensionati di 75 anni, panettieri. Tutte persone che lottano per l’indipendenza e l’autonomia che può essere giusto o sbagliato, non entro nel merito ma lo Stato con lo ‘svuotacarceri’ fa uscire i rapinatori”. Se i presunti secessionisti veneti non dovessero uscire dal carcere, avvisa Salvini, la prossima settimana “noi parlamentari della Lega passeremo Pasqua in carcere con loro”. “O escono dal carcere queste persone che non hanno fatto male a nessuno o saremo noi ad andare in carcere. Ieri a Roma hanno fatto la devastazione, picconi, bastoni, bombe carta, bottiglie, spranghe contro la polizia e queste persone sono a casa tranquilli”, ha osservato ancora Salvini. Quanto alla campagna europea l'euro, spiega Salvini "è una moneta sbagliata, fatta a misura dei tedeschi”: “Chi difende l’euro o non ha capito o è in malafede”, ha concluso.


Per le elezioni europee il secessionista veneto, le idee non si processano!