Page 1

Bruxelles, 27 febbraio 2013

Comunicato Stampa E' passato più di un anno dall'accordo con le Parti Sociali, ma lo Stato si ostina a non pagare la quota integrativa dell'indennità di disoccupazione agli ex dipendenti RAF Phonemedia: le lungaggini della burocrazia mettono in ginocchio oltre 800 famiglie già provate dalla crisi e dalla perdita del lavoro. Il fallimento della RAF Phonemedia, a fine 2011, ha lasciato senza lavoro quasi milleduecento dipendenti, già da tempo posti prima in cassa integrazione e poi in mobilità. A ottocentotrentadue di loro il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali accordava in data 3 gennaio 2012 un'integrazione dell'indennità di disoccupazione pari al 20% dello stipendio lordo precedentemente percepito, al fine di rendere il contributo erogato equivalente all'indennità di mobilità (cioè all'80% dello stipendio lordo). Ad oggi, tuttavia, il lasso temporale coperto dall'indennità di disoccupazione è terminato, ma la quota integrativa oggetto dell'accordo non è ancora stata erogata, perché il decreto che dispone l'attuazione dell'accordo non è mai stato firmato. “Considero ingiusto e inammissibile” -dichiara il segretario della Lega Lombarda Matteo Salvini“che in un momento di crisi lo Stato neghi a oltre 800 famiglie, già provate dalla perdita del lavoro, anche questo piccolo aiuto che si era impegnato a elargire”. “La battaglia contro le lungaggini burocratiche dello Stato centrale è da sempre una delle priorità della Lega” -prosegue Salvini- “ma stavolta occorre alzare la voce e denunciare con forza questo scandalo, perché i burocrati del Ministero stanno giocando sulla pelle di cittadini che già vivono una situazione drammatica”

Ufficio Stampa Matteo Salvini Parlamento Europeo ASP 07H242 60, rue Wiertz B-1047 Bruxelles

Comunicato stampa ex dipendenti RAF Phonemedia  

Comunicato stampa ex dipendenti RAF Phonemedia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you