Page 1

REUSO 2016_  PAVIA   IV  Convegno  Internazionale  sulla  documentazione,  conservazione  e  recupero  del  patrimonio  architettonico  e  sulla  tutela  paesaggistica  

EXISTING SCHOOLS  BUILDINGS  AND  RENEWAL  STRATEGIES:  IMPROVING   EXISTING  STRUCTURE  FOR  TEACHING.     Matteo  Locatelli*   Università  di  Pavia  –  Pavia,  Italy.   Abstract   Many  schools  were  built  before  the  Ministerial  Decree  18th  December  1975,  as  said  in  the  report  “Ecosistema  Scuola”  published   by  Legambiente,  and  children  have  to  stay  inside  these  building  for  many  hours  during  a  day,  sometimes  without  good  spaces,   for   example   gyms   or   spaces   to   play   and   to   interact   each   other.   There   is   the   possibilities   to   built   new   buildings,   but   the   society   and  the  municipality  have  to  try  to  improve  existing  schools  buildings  to  make  them  as  good  as  the  new  ones,  applying  the   strategies  of  the  refurbishment.   The  Italian  law  about  school  buildings  was  published  in  1975  and  now  there  is  the  neccessity  to  know  if  that  law  is  able  to  ensure   the  best  choices  to  design  a  school  building.   In  the  first  part  of  the  research,  forty  new  buildings  are  been  considered  to  define  some  architectural  trends  about  the  design  of   new  buildings  and  this  data  are  compared  with  the  Italian  law.   In   the   second   part   of   the   research   it   has   been   created   an   instrument   where   the   analisys   of   the   buildings   is   able   to   give   back   a   design  output  that  shows  wich  kind  of  strategies  are  suitable  for  that  school.  The  instruments  has  been  tested  on  six  existing   buildings  in  Pavia  and  Voghera.       Keywords   Schools,    refurbishment,  building  strategies,  instrument,  children      

1.   Le  scuole  in  Italia    

residenziali e  quartieri  dormitorio.   Durante  questa  espansione  del  tessuto  cittadino,  il   centro   città   è   stato   dedicato   principalmente   a   negozi   e   centri   commerciali,   riversando   verso   l’esterno,   i   cittadini   e   i   lavoratori   che   quindi   non   trovavano   più   spazio   all’interno   della   città   consolidata.   Come   scrive   Antonello   Boatti,   architetto   e   professore   del   Politecnico   di   Milano,   in   “Urbanistica  a  Milano”,  in  riferimento  alla  città  di   Milano,  ma  applicabile,  con  le  dovute  proporzioni   anche   a   differenti   situazioni   italiane   e   non,   nel   1969  la  città  aveva  raggiunto  il  massimo  numero   di   abitanti,   1.7   milioni,   ma   il   centro   si   era   terziarizzato,   passando   da   15%   di   abitanti   residenti   all’interno   dei   bastioni   nel   1951,   al   7%   residente  nel  1976.   Negli  anni  ’90  ci  fu  un  drastico  calo  degli  abitanti,   passando   da   1.7   milioni   del   1976   agli   1.3   milioni   del   1991   con   una   radicale   frenata   dell’edilizia   popolare,   ma   con   una   sempre   maggiore  

Il nostro  paese  è  sempre  stato  caratterizzato  da   una   situazione   di   particolare   contrasto   tra   la   necessità  di  un  utilizzo  continuo  e  sistematico  dei   centri  storici  e  delle  strutture  esistenti  e  la  volontà   di  concentrarsi  su  nuove  strutture  all’avanguardia.   Talvolta  queste  ultime  sono  state  non  tanto  dettate   da  un  bisogno  di  reale  espansione  o  di  aumento  di   spazio   utilizzabaile,   ma   sono   state   necessarie   più   che  altro  per  una  delocalizzazione  delle  funzioni  e   a   causa   di   un’espansione   incontrollata   delle   periferie.   L’espansione   delle   città,   soprattutto   per   quanto   riguarda   l’Europa,   nel   secondo   dopoguerra,   ha   portato  a  occupare  sempre  di  più  le  cinture  esterne   che   spesso   erano   dedicate   solo   ed   esclusivamente   all’agricoltura.   Dapprima   furono   occupate   da   fabbriche   e   industrie   poi,   con   l’evoluzione   delle   tecniche   e   dei   trasporti,   si   sono   sviluppati   grandi   complessi    


Matteo, Locatelli Existing school  buildings  renewal  strategis:  improving  existing  buildings  for  teaching.  

terziarizzazione del  centro.   In   uno   scenario   che   vede   la   saturazione   dell’area   urbana   e   dell’hinterland,   si   procedette   quindi   a   progetti  puntuali,  soprattutto  grandi  costruzioni.     Questo   esempio,   portato   ai   limiti   termini,   e   che   meriterebbe   un   discorso   più   ampio,   è   però   indicativo  della  tendenza  culturale  del  periodo.    

 

Fig. 2:   rielaborazione   grafica   dei   dati   della   ricerca   "Ecosistema   Scuola"   sull'epoca   di   costruzione   degli   edifici   scolastici.  

 

Fig. 1   Immagine   schematica   dell’espansione   della   città   di   Milano  (Fonte:  http://slm185.altervista.org)  

Nelle   nostre   città   quindi   se   il   territorio   risulta   saturato  esistono  poche  strade  da  percorrere,  una   è  quella  di  “elevarsi  verso  l’alto”  come  succede  con   i  nuovi  grattacieli  nei  centri  delle  grandi  metropoli,   l’altra  è  quella  di  utilizzare  e  migliorare  ciò  che  si   ha.   La  grande  sconfitta  quindi  è  stata  quella  dell’abuso   del   territorio.   Oggi,   dopo   una   espansione   incontrollata,   e   un   utilizzo   spasmodico   delle   risorse,  sia  energetiche,  sia  in  termini  di  materiali,   la   situazione   vede   una   necessità   di   riassetto   globale  sulle  priorità  da  seguire.   Contemporanea  quindi  all’espansione  dell’edilizia   popolare   e   residenziale   in   genere   è   quasi   automatico  trovare  anche  una  delocalizzazione  di   alcuni   servizi   fondamentali,   quali   ad   esempio   le   scuole.   In   quest’ottica   però,   raramente   le   scuole   all’interno  di  un  centro  per  così  dire  storico  sono   state   svuotate   e   destinate   a   nuova   funzione   ma   hanno   continuato   a   funzionare   nel   medesimo   modo.   Secondo   la   ricerca   “Ecosistema   Scuola”,   rapporto   sviluppato   nel   2014   da   Legambiente,   su   più   di   6.000   edifici   analizzati,   il   58%   è   stato   costruito   prima  dell’entrata  in  vigore  del  D.M.  18  dicembre   1975,  mentre  solo  il  3,3%  tra  il  2001  e  il  2003.   Se  a  questi  numeri  associamo  anche  il  fatto  che  la   normativa   di   riferimento   è   proprio   quel   D.M.   appena  citato,  che  ha  ben  40  anni,  occorre  quindi   stabilire   se   tale   normativa   possa   essere   tutt’ora   valida  ai  fini  di  una  corretta  progettazione.  

1.1 La  normativa  di  riferimento:  il  D.M.  18   dicembre  1975     Le   norme   tecniche   del   1975   sono   state   emanate   sotto   il   governo   di   Aldo   Moro   e   firmate   dal   ministro  dei  lavori  pubblici,  Pietro  Enrico  Alfredo   Bucalossi,   e   dal   ministro   dell’istruzione   Franco   Maria  Malfatti.   Questa  normativa,  che  diverrà  fino  ad  oggi  la  base   tecnica   per   la   progettazione   scolastica,   viene   prodotta   in   un   periodo   di   grande   rinnovamento   politico   e   culturale,   nonché   di   espansione   urbanistica.     Il   compito   di   questa   normativa   è   stato   quello   di   cercare   di   mettere   ordine   e   disciplina   al   tema   dell’edilizia  scolastica  in  concomitanza  con  i  piani   di   intervento   che   si   stavano   sviluppando   in   quel   periodo.     Questo   testo   fu   largamente   contestato   nel   momento   della   sua   uscita   in   quanto   gli   indici   stabilivano   dimensioni   spaziali   di   gran   lunga   più   generose   rispetto   agli   standard   di   quel   periodo   e   soprattutto   rispetto   alle   dimensioni   delle   scuole   esistenti.   Questo   tuttavia   è   al   giorno   d’oggi   un   grande   vantaggio   in   termini   di   applicazione,   in   quanto   sebbene  esista  la  Legge  11  gennaio  1996,  n.  23,  le   norme  in  vigore  sono  da  ritenersi  quelle  del  1975.     Tuttavia   le   nuove   norme   tecniche   non   sono   mai   state  emanate  e  il  tutto  unito  al  grande  ritardo  da   parte   delle   Regioni   nell’approvare   le   norme   regionali,  ha  portato  al  mantenimento  fino  ad  oggi   dell’attuale  situazione  normativa.   Il   testo   si   può   suddividere   in   due   parti:   la   prima   riguarda   gli   indici   spaziali   fino   al   paragrafo   4,   la   seconda   parte   riguarda   invece   le   norme   relative  


REUSO 2016_  PAVIA   IV  Convegno  Internazionale  sulla  documentazione,  conservazione  e  recupero  del  patrimonio  architettonico  e  sulla  tutela  paesaggistica  

  alle  condizioni  di  abitabilità,  quindi  a  tutti  i  calcoli   e  i  valori  che  servono  a  una  corretta  progettazione   degli  elementi  tecnici  dell’organismo  edilizio.     Quello   che   emerge   analizzando   il   D.M.   del   18   dicembre   1975   è   che   sicuramente   erano   delle   norme  tecniche  coraggiose.   Le  indicazioni  qualitative  e  quantitative  degli  spazi   scolastici   portano   con   sé   un   buon   grado   di   innovazione   che   permette   di   considerare   tali   norme  ancora  in  buona  parte  attuali.     Sebbene  queste  indicazioni  possano  essere  ancora   di   supporto   alla   progettazione   dei   nuovi   edifici,   mancano   tuttavia   di   indicazioni   precise   delle   condizioni   minime   richieste   per   l’adeguamento   degli   edifici   esistenti.   Questo   avrebbe   probabilmente  permesso  di  aggiornare  scuole  che   già  nel  1975  presentavano  forti  carenze.   Questa   scelta   di   non   aver   approfondito   questo   tema   ha   portato   ad   avere   oggi   una   situazione   spesso   di   forte   disparità   tra   nuove   costruzioni   e   edifici  esistenti,  che  si  ripercuote  sulla  qualità  degli   insegnamenti   e   sul   loro   rapporto   con   la   comunità.   Il  D.M.  18  dicembre  1975  sarebbe  dovuto  rimanere   in  vigore  fino  al  1996  quando  il  governo  avrebbe   dovuto  presentare  la  Legge  11  gennaio  1996,  n.  23.   In   realtà   la   legge   è   stata   effettivamente   emanata,   però,   come   detto,   non   sostituisce   né   integra   il   precedente  D.M.     Stabilito   quindi   che,   per   vuoto   normativo,   la   legge   di   riferimento   sia   quella   del   1975,   occorre   fare   un   salto   temporale   dal   1996   al   2013   con   l’introduzione   delle   Linee   Guida   dell’11   aprile   2013.     Queste  Linee  Guida,  si  inseriscono  all’interno  di  un   percorso,   seguito   dal   MIUR,   iniziato   con   un’approfondita   ricognizione   internazionale,   presentata   nell’ambito   del   convegno   “Quando   lo   spazio  insegna”  del  16  maggio  2012.   Quello   che   si   deduce   dalla   lettura   e   dall’analisi   delle  Linee  Guida  è  che  le  indicazioni  di  carattere   qualitativo   sono   ampiamente   in   linea   con   le   tendenze   europee   sia   di   progettazione   che   di   approccio   psicologico   e   funzionale   al   sistema   scuola.   Questo   tema   è   di   fondamentale   importanza   e   aveva   prima   del   2013   evidenti   lacune   nell’affrontare  il  tema  della  scuola,  rimane  ancora   una  domanda  assolutamente  senza  risposta:  ma  se   queste   linee   guida   sono   perfettamente   attuabili   per  le  nuove  costruzioni,  cosa  succede  quando  per   esigenze  economiche  le  amministrazioni  comunali   si  trovano  a  gestire  scuole  in  edifici  esistenti?      

Altro punto   che   emerge   è   che   manca   forse   un   elemento   intermedio   tra   le   norme   tecniche   di   carattere  prettamente  quantitativo  e  le  linee  guida   di  carattere  qualitativo.       1.2    Il  confronto  con  la  situazione  attuale     Per   effettuare   un   discorso   di   confronto   tra   la  

situazione italiana   e   quella   europea   e   stabilire   la   validità   del   D.M.   18   dicembre   1975,   si   è   scelto   di   analizzare   circa   40   casi   studio   europei   e   di   valutarne  le  caratteristiche  principali.   I   40   casi   sono   stati   scelti   cercando   di   coprire   diverse  zone  europee  per  culture  molto  diverse,  in   modo   da   non   creare   solo   confronti   con   edifici   simili   per   modello   di   istruzione,   ma   cercando   di   codificare  quelle  che  sono  le  esigenze  odierne.   In   particolare   sono   stati   analizzati,   8   edifici   in   Italia,   4   in   Svizzera,   Germania   e   Olanda,   3   in   Francia   e   Inghilterra,   2   in   Spagna,   Danimarca,   Norvegia,   Austria   e   Portogallo,   1   in   Slovenia,   Finlandia,  Belgio  e  Croazia.   Di  questi  40  edifici  in  particolare  le  voci  analizzate   e  codificate  sono:   •   superficie  totale;   •   numero  classi;   •   rapporto  alunni/classe;   •   dimensioni  aula;   •   laboratori;   •   palestra;   •   mensa;   •   uffici;   •   spazi  insegnanti;   •   biblioteca;   •   attività  speciali.   L’analisi  è  stata  fatta  valutando  gli  elaborati  grafici   che   si   sono   reperiti   attraverso   il   web   e   la   bibliografia,   talvolta   scrivendo   direttamente   alle   scuole  analizzate.   Considerando   che   è   una   misurazione   sommaria   dei  vari  elementi,  per  altro  non  sempre  presenti,  va   considerata   come   un’indicazione   delle   principali   differenze,   considerate   quindi   alla   macroscala   dell’edificio.   Dall’analisi   effettuata   i   dati   di   confronto   con   la   normativa   italiana   sono   incoraggianti,   se   considerato  che  tale  normativa  risale  al  1975.  


Matteo, Locatelli Existing school  buildings  renewal  strategis:  improving  existing  buildings  for  teaching.  

2. Il  tema  del  riuso     Quando   si   affronta   il   tema   dell’intervento   sul   costruito   ci   si   riferisce   spesso   al   solo   involucro   edilizio,   che   sembra   aver   assunto,   rispetto   al   passato,   un   ruolo   decisamente   più   complesso   in   cui   convergono   le   tradizionali   istanze   di   natura   formale,   tecnica,   strutturale   a   cui   si   affiancano   tematiche   come   il   controllo   ambientale   e   l’efficienza  energetica.   L’intervento   sugli   edifici   esistenti   comporta   una   necessità  di  incremento  delle  prestazioni  a  tutti  i   livelli.  Tale  incremento  è  spesso  considerato  solo  a   livello   energetico,   mentre   è   necessario   anche   un   miglioramento   dal   punto   di   vista   architettonico:   miglioramento   degli   spazi,   qualità   dei   materiali   e   della   vita   dell’edificio,   aumento   dell’offerta   funzionale  della  struttura.   La   modifica   e   il   miglioramento   di   un   oggetto   esistente   deve   quindi   essere   supportata   da   forti   necessità,   capaci   di   indirizzare   il   progetto   verso   strategie  fortemente  strutturate.   La   possibilità   di   trasformare   l’originaria   configurazione  morfologica  del  fabbricato  dipende   dalla  natura  del  bene  immobile  e  dal  valore  (non   solo   economico,   ma   anche   culturale,   sociale,   testimoniale)  a  esso  attribuito.      

Fig.   3   Daniel   Libeskind,   Museo   della   Storia   Militare,   Dresda,   2011  (Fonte:  libeskind.com)  

Fig.   4   MVRDV,   Frosilos,   Copenaghen,   2005   (Fonte:   wikipedia.it)  

L’intervento  sull’esistente  va  poi  considerato  sotto   tre  scale  fondamentali:   •   alla   scala   del   quartiere:   attraverso   un   miglioramento  dell’accessibilità  delle  aree   limitrofe,   la   realizzazione   di   nuove   connessioni  urbane,  il  miglioramento  della   fruizione   dello   spazio   collettivo   di   connettivo  tra  gli  edifici;   •   alla   scala   dell’edificio:   attraverso   l’incremento   delle   dotazioni   impiantistiche,   l’aumento   della   varietà   tipologica,   la   rottura   della   monofunzionalità;   •   alla   scala   del   sistema   tecnologico:   attraverso   il   miglioramento   della   qualità   ambientale,   dei   materiali   e   della   loro   prestazione.   Il   tema   del   recupero   e   della   rifunzionalizzazione,   articolato   in   riuso,   riqualificazione   e   manutenzione,   è   alla   base   di   un   ampio   dibattito   sugli   edifici   i   quali   oggi   non   sono   più   in   grado   di   rispondere   ai   requisiti   minimi   di   sostenibilità   o   anche   solo   di   qualità   funzionale,   spaziale   e   tecnologica.     Affrontando  il  processo  di  intervento  su  un  edificio   esistente   ci   si   deve   confrontare   con   tre   tipi   di   tematiche  fondamentali:   •   Migliorare   le   prestazioni   tecnologiche   a   parità  di  funzioni;   •   adeguare   le   funzioni   già   insediate   ai   nuovi   standard;   •   inserire  una  o  più  nuova/e  funzione/i.   Per   affrontare   questo   tema   si   possono   innescare   possibili   “azioni”:   implementazione   tecnologica,   implementazione   impiantistica,   riconfigurazione   spaziale,   riconfigurazione   volumetrica,   iconfigurazione   distributiva,   riconfigurazione   formale.   Le   prime   due   “azioni”   richiederebbero   maggiore   attenzioni,  in  quanto  si  inseriscono  in  un  discorso   sì   architettonico/ingegneristico,   e   vanno   affrontate   secondo   principi   non   solo   progettuali   ma  anche  tipici  della  fisica  tecnica.   Per   quanto   riguarda   le   altre   azioni,   esse   nascono   dalla   volontà   di   aggiornare   l’edificio   secondo   standard  più  elevati,  non  solo  in  maniera  puntuale   sul   sistema   oggetto   di   progetto,   ma   anche   sull’impatto  dello  stesso  sull’intorno  e  la  comunità   (riconfigurazione  volumetrica  o  formale)   La  riconfigurazione  formale  si  può  definire  come  la   necessità   di   variare   in   maniera   formale   un   fabbricato   e   nasce   dall’esigenza   di   rendere  


REUSO 2016_  PAVIA   IV  Convegno  Internazionale  sulla  documentazione,  conservazione  e  recupero  del  patrimonio  architettonico  e  sulla  tutela  paesaggistica  

  riconoscibile   la   trasformazione   sottolineando   il   valore  aggiunto  nel  processo  di  riqualificazione.   Non   si   vogliono   prendere   in   considerazione   solo   gli  aspetti  estetici,  come  il  cambio  di  un  colore  o  la   sistemazione   di   facciate   ammalorate,   che   fanno   parte  della  sfera  manutentiva  dell’edificio,  ma  con   riconfigurazione  formale  si  intende  un  intervento   tale   per   cui   ci   sia   un   vantaggio   anche   in   termini   spaziali  e  funzionali.   A  questo  proposito  infatti  risulta  immediato  come   una  riconfigurazione  volumetrica,  se  fatta  secondo   buoni   criteri   di   progettazione   tecnica   e   compositiva,   possa   essere   anche   una   riconfigurazione  formale.   Una  riconfigurazione  volumetrica  è  anche  formale   quando  il  nuovo  volume,  in  addizione  in  facciata,  al   piede   o   in   copertura,   modifica   l’immagine   dell’edificio   rendendo   l’intervento   stesso   riconoscibile   dall’osservatore;   una   riconfigurazione   formale   può   non   essere   volumetrica   quando   invece   si   agisce   solo   ed   esclusivamente  sull’immagine  dell’edificio,  sia  con   l’utilizzo   di   nuovi   materiali   o   nuovi   colori,   senza   alterare  l’impianto  volumetrico  e  distributivo,  ma   agendo  solo  sulla  percezione  che  si  ha  dall’esterno.   Le   “azioni”   sopra   descritte   sono   state   sì   suddivise,   per   essere   meglio   comprese,   ma   nella   pratica   progettuale  raramente  si  può  ragionare  in  termini   così  distintivi  poiché,  come  visto,  ogni  “azione”  può   essere  concatenata  ad  un’altra,  in  una  relazione  di   causa/effetto.   Occorre   quindi   stabilire   una   serie   di   possibili   interventi   che   possono   rispondere   in   maniera   completa  alle  “azioni”  sopra  determinate.   A   questo   proposito   sono   state   considerate   tre   macrostrategie   di   intervento,   a   loro   volta   sviluppate  in  strategie  più  specifiche  che  tengono   conto   sia   di   interventi   con   demolizioni   significative   (abbattimento   di   muri   perimetrali,   adeguamento   strutturale,   demolizioni   di   coperture,   ecc)   sia   di   demolizioni   parziali   (considerati   come   demolizioni   necessarie   e   fisiologiche  per  la  tipologia  di  intervento,  come  ad   esempio   lo   spostamento   delle   tramezze   o   la   trasformazione   di   una   finestra   in   una   porta-­‐‑ finestra).   Le  tre  macrostrategie  di  intervento  che  si  scelgono   di  affrontare  sono:   •   la  ri-­‐‑funzionalizzazione  degli  spazi  interni;   •   l’addizione,  a  sua  volta  divisa  in:   o   addizione  al  piede;   o   addizione  in  facciata   o   addizione  in  copertura    

• interazione  con  gli  spazi  esterni,  anch’esso   suddiviso  in:   o   nuovi  volumi  in  spazi  esterni;   o   saturazione  completa  o  parziale  di   spazi  aperti.     3.   L’applicazione  della  teoria  del  riuso   all’edilizia  scolastica  esistente.   L’introduzione  di  uno  strumento  risulta  essere  di   fondamentale  importanza  per  definire  le  strategie   di   intervento   architettoniche   da   attuare   nella   riqualificazione  di  un  edificio  scolastico  esistente.   Nel  creare  lo  strumento  non  si  è  tenuto  conto  solo   delle   esigenze   puntuali   e   circostanziate   della   scuola   oggetto   di   analisi,   ma   sono   stati   parametrizzati   anche   altri   aspetti   quali   l’interazione   con   la   comunità   e   gli   spazi   esterni,   oltre  alla  necessità  di  nuovi  spazi  per  migliorare  la   qualità  dell’insegnamento.   La   volontà   di   comporre   uno   strumento   di   questo   tipo,   deriva   strettamente   da   un’analisi   delle   necessità  che  si  hanno  oggi  all’interno  della  scuola,   sia   dal   punto   di   vista   spaziale   che   formativo,   passando   soprattutto   per   un’analisi   storica   e   contemporanea  delle  eccellenze.   Occorre  oggi  decidere  in  maniera  anche  rapida  se   l’attuale   offerta   di   servizi   e   di   possibilità   necessarie   all’interno   della   scuola   sia   ancora   sostenibile   e   attuabile   anche   all’interno   delle   scuole  esistenti.   Ci  troviamo  oggi  in  una  società  che  è  bloccata  dal   punto   di   vista   delle   nascite,   ma   con   una   popolazione   scolastica   in   crescita   (7.800.000   di   studenti  dalla  primaria  alla  secondaria  di  secondo   grado,   in   circa   42.000   edifici,   dati   ISTAT)   grazie   all’inserimento  degli  stranieri,  il  tutto  unito  a  una   sempre   più   richiesta   di   sviluppo   pratico   e   autonomo   dell’insegnamento   e   di   un’adeguata   progettazione   spaziale   sia   per   le   attività   quotidiane,  sia  per  le  attività  extra-­‐‑scolastiche.   Oltre   a   importanti   motivazioni   progettuali,   oggi   la   scuola   ha   bisogno   di   una   forte   inversione   di   tendenza   sulla   quantità   e   sulla   qualità   dell’attenzione   ad   essa   rivolta   e   si   sente   la   necessità  di  dimostrare  che  gli  interventi  sia  fisici   che   concettuali   sono   per   gli   anni   a   venire,   fondamentali.   Lo   strumento   nasce   dalla   necessità   di   confrontare   le  esigenze  attuali  con  le  possibilità  di  un  edificio   esistente   di   soddisfarle,   con   l’obiettivo   di   fornire  


Matteo, Locatelli Existing school  buildings  renewal  strategis:  improving  existing  buildings  for  teaching.  

un risultato   credibile   per   migliorare   una   situazione  di  deficit.   Tale   risultato   si   raggiunge   tramite   un   “percorso”   analitico,   in   grado   di   guidare   il   progettista   o   l’amministrazione   dall’analisi   del   sistema   alle   possibilità   di   approccio,   andando   ad   indicare   la   soluzione  migliore  tra  quelle  offerte  e  sopportabili   dall’edificio  in  esame.   L’analisi   viene   effettuata   principalmente   su   edifici   che   ospitano   scuole   primarie   e   secondarie,   in   quanto   solitamente   la   tipologia   di   spazi   risulta   essere   molto   simile,   come   anche   la   quantità   di   alunni  che  gravitano  attorno  a  queste  strutture.  A   ciò   bisogna   aggiungere   che   non   sono   poche   le   situazioni   di   coesistenza   tra   spazi   dedicati   alla   scuola   primaria   e   spazi   dedicati   alla   scuola   secondaria.   Esistono   alcune   motivazioni   comuni   che   spingono   a   considerare   questo   tipo   di   edifici   e   si   possono   sintetizzare   in:   edifici   scolastici   pubblici   di   rilevanza   per   posizione   e   tempo   di   utilizzo;   edifici   che  necessitano  di  importanti   ristrutturazioni   che   esulano   dalla   normale   manutenzione;   edifici   che   ricadono  in  programmi  di  finanziamenti  pubblici;   strutture   fortemente   sottodimensionate   rispetto   al   numero   di   alunni   frequentanti   e   rispetto   alla   quantità  di  servizi  necessari;  necessità  della  città  o   paese   che   ospita   la   scuola   di   trovare   spazi   necessari   alla   comunità;   interventi   di   riqualificazione   architettonica   di   un’area   urbana;   interventi   di   recupero   edilizio   di   edifici   da   destinare  a  nuova  funzione  scolastica.   È  chiaro  che  questo  non  esaurisce  gli  scenari  in  cui   tale  analisi  e  tale  strumento  siano  applicabili,  ma   sicuramente  sono  dei  buoni  punti  di  partenza.   Altra   cosa   di   primaria   importanza   risulta   la   raccolta  di  una  serie  di  esigenze  sia  del  personale   scolastico,   quindi   con   continui   colloqui   con   i   Presidi   e   gli   inseganti,   sia   delle   famiglie   e   degli   alunni,   tramite   questionari,   riunioni,   assemblee   e   raccolte  di  idee.   Questo   risulta   fondamentale   soprattutto   nel   definire,   oltre   alle   carenze   oggettive   e   che   risultano   dall’analisi   architettonica   dell’edificio,   anche   le   esigenze   più   strettamente   collegate   alla   realtà  peculiare  che  si  va  ad  analizzare.   Gli  obiettivi  che  si  vogliono  raggiungere  fornendo   il   metodo   di   analisi   oggetto   della   ricerca   sono   molteplici   e   riguardano   sia   ambiti   architettonici   che  sociali  e  urbanistici.   Per  quanto  riguarda  gli  obiettivi  più  strettamente   collegati   alla   sfera   architettonica,   essi   si   possono   riassumere  in:  

• codificazione   in   grande   scala   delle   metodologie   di   intervento   sull’edilizia   scolastica;   •   creazione  di  uno  strumento  utile  a:   o   amministrazione  comunale;   o   progettisti;   o   personale  didattico;   •   creazione   di   uno   strumento   capace   di   sintetizzare   le   richieste,   anche   per   finanziamenti  sia  alla  scala  italiana,  sia  alla   scala  europea;   •   generazione  di  uno  strumento  di  semplice   lettura  e  utilizzo;   •   creazione   di   un   elemento   intermedio   tra   il   D.M.  del  1975  e  le  linee  guida  del  2013;   •   definizione   di   un   metodo   per   avvicinare  le   scuole  esistenti  agli  standard  europei;   •   inserimento   dell’edilizia   scolastica   come   elemento  importante  nel  recupero  edilizio   e  nel  rinnovamento  dei  centri  storici.   Oltre  a  questi  obiettivi,  bisogna  aggiungere  alcuni   temi   che   hanno   una   grande   influenza   dal   punto   di   vista   sociale   e   urbanistico,   in   particolare   bisogna   sottolineare   come   al   giorno   d’oggi   ci   sia   la   necessità  di  migliorare  l’aggregazione  in  quartieri   che   sempre   di   più   si   stanno   sviluppando   in   maniera   autonoma   nelle   periferie,   soprattutto   delle  grandi  città.   Dal   punto   di   vista   sociale,   ci   troviamo   in   un   momento   di   grande   confusione,   dove   temi   come   integrazione   e   diritto   alla   vita   sono   di   grande   attualità  e  dove  la  tendenza  alla  ghettizzazione  sta   aumentando   i   momenti   di   tensione   all’interno   della  nostra  comunità.  Le  scuole,  che  sono  punto  di   incontro  per  i  bambini,  devono  diventare  il  punto   di  unione  tra  le  diverse  culture,  sia  per  i  bambini   che  per  i  genitori.   Gli   edifici   scolastici   possono   essere   dei   poli   attrattori   che   offrono   servizi   e   spazi,   senza   dimenticare   che   ci   troviamo   di   fronte   a   strutture   che  spesso  “funzionano”  per  un  tempo  largamente   inferiore  rispetto  alle  proprie  possibilità.   La   raccolta   dei   dati   è   il   processo   su   cui   si   basa   il   funzionamento   dello   strumento,   che,   essendo   stato   concepito   come   una   checklist   permette   di   essere  utilizzato  durante  l’analisi,  in  un  rapporto  di   reciprocità   tra   il   rilievo   delle   caratteristiche   e   la   compilazione.   La   prima   parte   consiste   nelle   operazioni   di   localizzazione  e  inquadramento,  con  l’inserimenti   dei   dati   di   contatto,   delle   caratteristiche   dell’intorno,   di   una   vista   aerea   che   indentifica   la  


REUSO 2016_  PAVIA   IV  Convegno  Internazionale  sulla  documentazione,  conservazione  e  recupero  del  patrimonio  architettonico  e  sulla  tutela  paesaggistica  

  posizione  dell’edificio  e  8  fotografie  significative,  a   ciò  si  aggiungono  le  planimetrie  dell’area.   Visto   l’alto   numero   di   caratteristiche   riassunte   all’interno   dello   strumento,   esse   sono   state   raggruppate  in  6  macro  voci:   •   Anagrafica  dell’edificio;   •   Contesto  urbanistico  (U);   •   Analisi  fabbricato  (M);   •   Accessibilità  (A);   •   Servizi  e  attività  (S);   •   Caratteri  tecnologico  –  costruttivi  (T);   tali  macro  voci,  sono  state  a  loro  volta  esplicitate  in   sottovoci   che   rappresentano   le   caratteristiche   specifiche   dell’edificio   messe   in   relazione   con   le   ipotesi  progettuali.   Le  ipotesi  progettuali  possibili,  come  indicato  nel   capitolo  4  sono:   •   Ri-­‐‑organizzazione  degli  spazi  interni   •   Addizione   o   Al  piede  (con  o  senza  demolizioni)   o   In   facciata   (con   o   senza   demolizioni)   o   in  facciata  con  aggetto  (con  o  senza   demolizioni)   o   in   facciata   con   struttura   autonoma   (con  o  senza  demolizioni)   o   in   copertura   in   appoggio   (con   o   senza  demolizioni)   o   in   copertura   con   struttura   autonoma   (con   o   senza   demolizioni)   •   intervento  negli  spazi  esterni   o   con  volumi  autonomi   o   con   saturazione   totale   o   parziale   delle  coorti.   L’impostazione   si   basa   sulla   scelta   di   alcune   caratteristiche   dell’edificio   oggetto   di   esame,   a   cui   corrispondono   delle   possibili   scelte   progettuale   fornite  in  automatico  dal  sistema,  oppure  talvolta   editabili   direttamente   dall’utente   a   seconda   delle   caratteristiche  dell’edificio.   Ad   ogni   sottovoce   delle   voci   U,   M,   A,   S   e   T,   corrispondono   determinate   possibili   strategie   a   seconda  del  tipo  di  sottovoce  (Fig.5).   Tali   strategie   assumono   un   valore   a   seconda   della   scelta:   •   ✓   corrisponde   a   un   valore   sommatorio   pari  a  “1”   •   X   corrisponde   a   un   valore   moltiplicatore   pari  a  “0”   •   casella   vuota   che   non   aggiunge   un   valore   unitario  alla  somma  finale.    

Il risultato   finale   (Fig.7)   altro   non   è   che   la   conta   delle   ✓   eventualmente   moltiplicate   per   le   X   (moltiplicative)   qualora   attivate   in   fase   di   compilazione,  le  quali  annullano  completamente  la   possibilità   di   intervento,   dando   valore   0   al   risultato   finale,   in   questo   modo   vengono   automaticamente   disattivate   le   possibilità   non   congrue  rispetto  all’edificio  oggetto  di  analisi.   La   somma   finale   corrispondente   ad   ogni   voce   è   ulteriormente   moltiplicata   per   un   valore   pesato   dato  da  un  confronto  a  coppie  tra  le  varie  possibili   ipotesi  progettuali.   Tale   confronto   avviene   tramite   una   matrice   a   coppie   di   tutte   le   ipotesi   progettuali,   alle   quali   è   stato   attribuito   un   punteggio   secondo   tre   quesiti   fondamentali:     •   l'intervento   rispetta   la   sostenibilità   (ambientale,  economica,  ecc)=1   •   l'intervento   mantiene   autonomia   spaziale   considerando  gli  attuali  percorsi  e  flussi=1   •   l'intervento   comporta   una   nuova   immagine  e  riconoscibilità=1   Il   confronto   a   coppie   è   un   metodo   utilizzato   principalmente   nella   valutazione   qualitativa   di   due  offerte.   Ogni   elemento   qualitativo   delle   diverse   offerte   viene   valutato   attraverso   la   determinazione   di   coefficienti  all’interno  di  una  tabella  triangolare.   Le   offerte,   in   questo   caso   individuato   come   le   ipotesi   progettuali,   sono   definite,   elemento   per   elemento,  mediante  lettere:  A,  B,  C,  D,  E,  F,...N.   Tale   metodologia   di   valutazione   delle   offerte   è   definito   del   confronto   a   coppie   in   quanto   si   basa   proprio   sul   confronto   due   a   due   delle   offerte   (ipotesi  progettuali).  Le  possibili  combinazioni  tra   tutte   le   offerte   prese   a   due   a   due   determina   il   numero   di   caselle   della   suddetta   tabella   triangolare.   Per   ogni   coppia   di   offerte,   si   attribuisce   un   punteggio  che  va  da  1  (solo  una  delle  tre  domande   soddisfatte)   a   3   (tutte   e   tre   le   domande   soddisfatte).     In   ciascuna   casella   viene   collocata   la   lettera   corrispondente   all’elemento   in   numero   pari   al   punteggio  raggiunto.     Una   volta   terminato   il   confronto   delle   coppie,   si   sommano   i   punti   attribuiti   ad   ogni   offerta.   La   somma   più   alta   viene   riportata   ad   uno,   proporzionando  a  tale  somma  massima  le  somme   provvisorie   prima   calcolate,   trasformandole   in   coefficienti  definitivi.   Il  metodo  del  confronto  a  coppie,  per  la  sua  stessa   metodologia,   non   permette   di   individuare   la  


Matteo, Locatelli Existing school  buildings  renewal  strategis:  improving  existing  buildings  for  teaching.  

migliore offerta  in  assoluto  ma  soltanto  quella  che,   nel   confronto   con   le   altre,   si   rivela   essere   la   migliore.   I  punteggi  sono  stati  riassunti  in  tabella  e  inseriti   in   matrice,   fornendo   quindi   dal   confronto,   i   coefficienti   moltiplicativi   di   ogni   risultato   della   checklist.     Una   volta   stabiliti   i   coefficienti   moltiplicativi   dei   risultati   dell’analisi,   essi   stessi   vengono   ulteriormente   confrontati   stabilendo   che   se,   con   x   che  corrisponde  al  risultato:   •   x>(max-­‐‑1)  allora  la  casella  è  verde;   •   (max-­‐‑1.1)<x<(max-­‐‑2)   allora   la   casella   è   gialla;   •   x<(max-­‐‑2)  allora  la  casella  è  rossa     Ciò   indica   in   maniera   visiva   e   chiara   che:   il   risultato   di   colore   verde   è   quello   migliore   per   l’oggetto  in  esame;  il  risultato  di  colore  giallo  non   è   quello   migliore,   ma   è   comunque   attuabile   sull’edificio  oggetto  di  esame;  il  risultato  rosso  non   è  permesso  sull’edificio  analizzato.   La  checklist  così  definita  in  tutte  le  sue  parti,  è  stata   creata   sfruttando   Microsoft   Excel,   software   largamente  diffuso  e  accessibile  per  chiunque.     4.   Conclusioni   Oggi  occorre  trovare  dei  metodi  per  valorizzare  il   patrimonio   costruito,   semplificando,   quello   che   a   prima  vista  sembra  essere  un  processo  complesso.   Lo  strumento  ha  l’obiettivo  di  porsi  come  tramite   tra  l’analisi  tecnica  e  la  risposta  progettuale  idonea   e  vuole  essere  un  ausilio  non  solo  ai  progettisti,  ma   anche  alla  pubblica  amministrazione.   C’è  bisogno  in  generale  di  rivalutare  l’esistente,  sia   come  patrimonio  che  come  occasione  di  rinascita,   soprattutto   in   alcune   città   caratterizzate   da   una   forte   presenza   di   centri   storici   strutturati   e   di   valore.   La   questione   non   è   solo   ed   esclusivaemente   architettonica,   ma   anche   e   soprattutto   sociale.   I   bambini   infatti   passano   la   maggior   parte   della   giornata   all’interno   di   scuole,   che   dovrebbero   essere   sicure   e   stimolanti.   Purtroppo   oggi,   per   carenza   di   fondi   e   di   occasioni,   tali   scuole   fanno   fatica   ad   essere   aggiornate   secondo   standard   più   elevati   che   siano   di   aiuto   all’insegnamento   e   allo   sviluppo.     È   necessario   quindi   cercare   di   incanalare   tali   necessità   in   alcune   risposte   archittettoniche   capaci  di  supportare  il  processo  di  rinnovamento.  

Occorre inoltre,   visto   il   carattere   pubblico   della   scuola,   di   uno   strumento   univoco   applicabile   alla   maggior   parte   delle   situazioni   esistenti   e   capace   quindi   di   offrire   la   massima   qualità   possibile   su   tutto  il  territorio.   Lo  strumento  prodotto  in  questi  tre  anni  di  ricerca   ha   lo   scopo   di   porsi   come   elemento   di   analisi   e   come  elemento  di  risposta  progettuale,  riuscendo   a   calibrare   la   possibilità   di   un   detereminato   intervento  in  base  alle  caratteristiche  dell’edificio   in  esame.   Lo   strumento   è   stato   applicato   in   5   scuole   della   città   di   Pavia,   Casorati   sede   Centrale,   sede   distaccata,   Berchet,   Peter   Pan   e   Vallone   e   in   una   scuola  di  Voghera,  il  comprensorio  Dante-­‐‑Plana.  La   compilazione  ha  permesso  di  stabilire  le  soluzioni   progettuali  migliori  per  l’edificio  oggetto  di  esame,   fornendo  un  feedback  utile  e  suggerendo  strategie   progettuali,  che  mai  si  sono  discostate  dalla  reale   fattibilità  delle  opzioni  fornite.   La   compilazione,   provata   sul   campo   e   integrata   con   gli   elaborati   tecnici   e   fotografici,   permette   di   effettuare   un   sopralluogo   in   maniera   abbastanza   precisa  e  diretta.   Lo   strumento,   con   eventuali   modifiche   a   seconda   della   funzione   e   della   normativa   legata   ad   essa,   può  essere  applicato  in  molteplici  casi,  anche  non   scolastici,   diventando   un   supporto   alla   progettazione.  In  futuro,  quello  che  ora,  per  motivi   di   ricerca   è   un   normale   foglio   excel,   può   essere   tramutato   facilmente   in   un’applicazione   o   in   un   piccolo   software   per   pc,   in   modo   da   rendere   ancora  più  rapida  la  compilazione.    


REUSO 2016_  PAVIA      

IV Convegno  Internazionale  sulla  documentazione,  conservazione  e  recupero  del  patrimonio  architettonico  e  sulla  tutela  paesaggistica  

Fig. 5  Esempio  di  scheda  d i  compilazione  dello  strumento,  applicato  alla  scuola  Berchet  di  Pavia,  nell'immagine  viene   mostrata  la  parte  di  analisi  del  fabbricato.  Si  noti  come  ad  ogni  caratteristica  corrisponda  una  possibile  risposta  p rogettuale  e   la  scelta  X,  valore  moltiplicatore  pari  a  0  ed  evidenziata  con  il  colore  rosso.  

Fig. 6  Esempio  di  compilazione  per  gli  aspetti  tecnologici  dell'edificio.  

Fig. 7  Esempio  di  risultati  ottenuti  dopo  la  compilazione.  Si  può  notare  come  siano  suddivisi  in  interventi  consigliati  (verde),   possibili  (giallo),  e  non  possibili  (rosso).  In  aggiunta,  a  d iscrezione  del  progettista,  viene  compilata  una  apposita  sezione  sugli  


Matteo, Locatelli Existing school  buildings  renewal  strategis:  improving  existing  buildings  for  teaching.  

BIBLIOGRAFIA AA.VV.  (2006).  Manuale  di  progettazione  edilizia.  L’edilizia  scolastica,  universitaria  e  per  la  ricerca  Milano:   Hoepli     Atkin  J.  (2011).  Transforming  spaces  for  learning  in  OECD  Centre  for  Effective  Learning,  2011,  Design  and   Education:  Compendium  of  Exemplary  Educational  Facilities.  OECD  Publishing  pp.  24-­‐‑31     Blith.   A.   (2011).   OECD   looking   back   over   50   years   of   educational   buildings,   in   OECD   Centre   for   Effective   Learning,   2011.   Design   and   Education:   Compendium   of   Exemplary   Educational   Facilities.OECD   Publishing  pp.  13-­‐‑18     Capanna,  A.  (2013).  Edilizia  per  la  scuola.  Roma:  Edilstampa.     Gaspari,  J.  (2012).  Trasformare  l’involucro:  la  strategia  dell’addizione  nel  progetto  di  recupero  Monfalcone:   Edicom  Edizioni.     Ginelli,  E.  (2002).  L’intervento  sul  costruito.  Milano:  Francoangeli.     Grecchi,  M.  &  Malighetti,  L.E.  (2008).  Ripensare  il  costruito.  Santarcangelo  di  Romagna:  Maggioli.     Hertzberger,  H.  (1996).  Lezioni  di  architettura.  Bari:  Laterza.     Hertzberger,  H.  (2008).  Space  and  learning.  Rotterdam:  010  Publisher.     Hertzberger,  H.  (2009).  The  Schools  of  Herman  Hertzberger.  Rotterdam:  010  Publisher.     Kuhn,  C.  (2011).  Learning  environments  for  the  21  century,  in  OECD  Centre  for  Effective  Learning,  2011,   Design  and  Education:  Compendium  of  Exemplary  Educational  Facilities.  OECD  Publishing  pp.  19-­‐‑23.     Legambiente,   Ecosistema   Scuola   XV   Rapporto   di   Legambiente   sulla   qualità   dell’edilizia   scolastica,   delle   strutture  e  dei  servizi,  http://tinyurl.com/psmmsmu  ,  (ultima  consultazione:  9/9/2015)     Malighetti,  L.E.  (2004).  Recupero  Edilizio  e  sostenibilità.  Milano:  Il  Sole  24  Ore.     Marini,  S.  &  De  Matteis,  F.  (2012).  Nello  spessore.  Roma.  Edizioni  Nuova  Cultura.     Morandotti  M.  (2013),  La  valorizzazione  sostenibile  dei  beni  culturali,  vincoli  di  riuso  e  soglie  di  fruizione,   in  (Greco,  A.,  a  cura  di)  Winter  School  in  Accessibility  with  ThyssenKrupp  Encasa,  EdicomEdizioni,   Monfalcone   Pavesi,   A.   &   Zanata,   G.   (2013).   Edilizia   scolastica   pubblica.   Strumenti   per   la   rigenerazione   el   patrimonio   costruito.  Santarcangelo  di  Romagna:  Maggioli.     Piva,  A.  &  Cao,  E.  (2010).  La  scuola  primaria.  Il  pensiero  provvisorio.  Roma:  Gangemi  Editore   Santarcangelo  di  Romagna:  Maggioli.     Schulz,  C.  N.  &  Kahn,  L.  (1980).  Idea  e  Immagine.  Roma:  Officina  Edizioni.     Yelland,  R.  (1990).  Building  for  Education  in  The  Observer.  OECD  Publishing      

Existing schools buildings and renewal strategies: improving existing structures for teaching  

Paper for ReUSO 2016, Pavia 7,8,9 October 2016

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you