Issuu on Google+


TERRACINAALTA

TROVATECI

GUSTO Tutto quello che c’è da mangiare, da bere e da vedere in uno dei centri storici più belli d’Italia!


L ABORATORIO ARTIGIANALE Restauro • Intarsio • Decori • Foglia oro E SPOSIZIONE E VENDITA Antiquariato • Porcellane d’epoca • Bigiotteria vintage C ENTRO S TORICO ALTO C.so A. Garibaldi, 93. Tel. 348.44.64.687 w w w. a n n a c a t e n a r e s t a u r o . i t


TERRACINAALTA

TROVATECI

GUSTO

I

l progetto “Terracina alta. Trovateci gusto” nasce con l’obiettivo di dare un contributo alla conoscenza di quello che molti di noi ritengono essere un patrimonio culturale e artistico da valorizzare. Con questa guida si vuole aiutare il visitatore ad approfondire la conoscenza del Centro Storico alto di Terracina attraverso il gusto della scoperta del bello e della buona tavola. Visto il successo avuto lo scorso anno ed il riscontro positivo con le attività coinvolte, intendiamo, con questa seconda edizione, continuare a portare avanti il progetto che, nel frattempo, è stato rivisto e migliorato negli aspetti fondamentali dello stampato. Oltre ad una nuova veste grafica, infatti, la guida è stata arricchita di nuovi contenuti e, grazie alla collaborazione con la Sede di Terracina dell’Archeoclub d’Italia, a partire da questa edizione, ci sarà una rubrica di approfondimento sui luoghi più interessanti del Centro Storico alto. Un’altra grande novità è che la guida, da quest’anno, avrà una sua versione on-line con un indirizzo internet: www.terracinaalta.it. Il sito, riproponendo la stessa struttura dello stampato, offre in più l’opportunità, date le potenzialità del mezzo, di ampliare, approfondire ed aggiornare le informazioni storiche, artistiche, culturali e turistiche. Pertanto non resta che augurarvi buona lettura ed invitarvi a venire a trovarci per conoscere meglio uno dei centri storici più belli d’Italia.

The project “Terracina Alta. Trovateci gusto” was born with the aim to be a contribution to the knowledge of what we consider a cultural and artistic heritage to bring out. Goal of this guide is to help the visitor to examine closely the knowledge of the historic centre of Terracina through the discovery of the beauty and the good cuisine. Considered the success we reached with the previous edition and the positive feedback with the involved activities we mean, with this second edition, to carry on the project that has been revisited and improved in its layout aspects. Together with the new layout there are richer contents and, thanks to the collaboration with the seat of the Archeoclub of Italy in Terracina, from this edition there will be a section about the most interesting places in the historic centre. Another great news is that this guide from now on will have its online version on the web site www.terracinaalta.it. The site proposes the same structure of the paper guide with the possibility, thanks to the power of the internet, to increase, improve and update the historical, artistic, cultural and tourist information. We invite you to come here to see one of the most charming historic centres in Italy and....we wish you a good reading!


TERRACINAALTA TROVATECIGUSTO © 2009 MAUROPALAZZI

Con la collaborazione di: ARCHEOCLUB D’ITALIA SEDE DI TERRACINA

Progetto editoriale e grafico: Mauro Palazzi

Testi storici a cura di: Archeoclub d’Italia Sede di Terracina

Traduzioni a cura di: Micol Sciascia

Fotografie: Ettore Maragoni © 2009

Web design: Matteo Di Capua

Stampa: Tipografia “Nuova Stampa” Frosinone, giugno 2009

Per contatti e informazioni:

MAUROPALAZZI

grafica&comunicazionevisiva

T. +39.0773.1875375 C. +39.347.1817778 www.mauropalazzi.it mauropalazzi@interfree.it

Per maggiori approfondimenti e aggiornamenti visitate il sito:

www.terracinaalta.it

Un sentito ringraziamento a tutti gli esercenti presenti nel Centro Storico alto di Terracina per la loro rinnovata collaborazione e alle diverse attività che, aderendo all’iniziativa, hanno dato un prezioso contributo alla realizzazione del progetto. Un particolare ringraziamento alla Sede dell’Archeoclub d’Italia di Terracina che, mettendo a disposizione il proprio materiale e le proprie competenze, ha fornito il prezioso supporto storico e culturale.


sommario

1. dentro le mura il corso il foro

..............................

9

................................

13

via posterula le piazzette

.........................

17

..........................

29

2. fuori le mura via s.francesco la salita

......................

37

..............................

41

la via appia

..........................

45

...in pi첫 in vista itinerario culturale

...............

in vetrina lo shopping nel Corso

...........

23 32


1.


dentro le mura Le antiche mura di cinta della città, di epoca volsca-romana, di cui rimangono molti tratti monumentali, furono ricostruite nel V sec. d.C. Alla fine del Settecento, quando la città fu smilitarizzata, una parte del camminamento di ronda venne trasformato in via pubblica e le torri laterali in abitazioni. È possibile percorrere il camminamento partendo da Porta Nuova, alle spalle del Foro Emiliano, da dove, passando per una stretta scala, si accede a Via delle Mura Castellane e lo si può attraversare gustandosi il panorama verso i monti Ausoni a nord della città, fino a raggiungere il tratto dove la vista della Chiesa del Purgatorio offre uno sguardo ravvicinato e particolare della sua architettura e, soprattutto, dove si gode la splendida vista panoramica verso le colline, la Pianura Pontina, il promontorio del Circeo e il mare.

The ancient Volscian-Roman boundary walls (today there are only monumental traces) have been rebuilt in the 5th century AD. At the end of the 18th century, when the town has been demilitarized, a part of the communication trench has been turned into a street and the lateral towers into houses. It’s possible to go trough the communication trench starting from “Porta Nuova”, behind the Forum, where, passing from a tight stairway, there is the access to “Via delle Mura Castellane” and it’s also possible to enjoy the landscape of the hills and the mountains of the north of the town, until reaching the part where the view of the church “Del Purgatorio” offers a close look, highlighting the architectural beauties and, especially, the part where there is the wonderful scenic view of the hills, the “Pianura Pontina” and the sea.


L’entrata del Corso Anita Garibaldi. Porta Romana.

il corso Il Corso Anita Garibaldi, iniziando da Porta Romana (ultima e anche unica porta urbica conservata quasi integralmente, costruita nel XVIII sec.) è l’ingresso ovest della città storica. Il Corso ricalca il tracciato della Via Appia antica (ancora presente sotto il manto di sanpietrini), che attraversava tutta la città e continuava verso est. È stata la strada più importante della città non soltanto dal punto di vista urbanistico, ma anche sociale e commerciale e ancora oggi è il punto di massima concentrazione di negozi e botteghe. Se la si percorre con attenzione può, essa stessa, rappresentare un itinerario turistico culturale molto interessante. Nel primo tratto che va da Porta Romana ai “Torrioni” (dove era collocata l’originaria porta di ingresso alla città, Porta Maggio), oltre alle diverse botteghe di cui è possibile riconoscere l’impianto medievale, si incontra, a sinistra, il neoclassico “Palazzo dei Forni” e, a destra, sulla sommità della bella scalinata, la Chiesa del Purgatorio, con la sua caratteristica facciata tardobarocca. Sul Corso sono poi presenti diverse domus e corti medievali, palazzine rinascimentali e palazzi sette-ottocenteschi.

The high street Anita Garibaldi, beginning from Porta Romana (the last urban gate almost entirely conserved, built in 18th century), is the western entrance to the historic town. The high street traces the lay-out of the ancient Appian Way (still there under the stones “Sanpietrini”) that crossed the whole town and continued in the south. It has been the most important way not only in terms of urbanistic, but also for the society and the commerce, and today is still the point of greatest concentration of shops and stores. It could be by itself a very interesting touristic and cultural itinerary. In the first stretch, from Porta Romana to the “Torrioni” (where the first gate, Porta Maggio, was located), apart from the many stores with their medieval structure, it’s possible to see, to the left, the neoclassic “Palazzo dei Forni”, and to the right, on the summit of a beautiful staircase, the church “Del Purgatorio” with its characteristic late baroque façade. On the high street there are also a lot of typical roman houses and medieval places, mansions of the Renaissance and sixteenth-seventeenth century buildings.


il corso

Nome del locale: SaràCantina ilevando un’attività già esistente, in un ambiente storico nelle vicinanze della caratteristica Chiesa del Purgatorio, Sara ha allestito, con spirito giovane e moderno, un locale gradevole e confortevole, arricchito dai colori delle opere di Stefania Romagna, che fanno mostra di sé su tutte le pareti. “SaràCantina” si pone come offerta alternativa con una cucina semplice ma ben curata, a base di prodotti genuini e di pesce azzurro, rigorosamente di giornata. Un’offerta gastronomica ed una atmosfera che non deluderanno i palati e gli animi migliori.

R

In a historic atmosphere in the nearby of the characteristic Purgatory Church Sara set up, with a young and modern spirit, a comfortable and cosy restaurant, enriched by the artworks of Stefania Romagna. “Sarà Cantina” is an alternative offer with a simple but careful cuisine, based on genuine products such as in season fish.

w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

10

Indirizzo/Address: Corso Anita Garibaldi, 41/43 tel. 0773.701934 cell. 328.7229855 Apertura/Opening: Dalle/From 19:00 Chiusura/Closing day: / Coperti/Number of chairs: 30 interni/indoors 20 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: € 25,00/35,00 (vini esclusi) € 25,00/35,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte/All Proprietario: Sara D’Ammizio


il corso

Nome del locale: Ristorante “Ai Trioni” l ristorante “Ai Trioni” occupa l’intero piano terra di un grande edificio storico la cui stratificazione di strutture antiche, medievali e moderne, delle quali ne sono state recuperate e rese visibili le parti essenziali, gli attribuiscono un notevole valore archeologico ed architettonico. La linea gastronomica del locale è impostata, in coerenza con il recupero della tradizione, sulla riscoperta e sulla valorizzazione non soltanto dei prodotti tipici locali ma, soprattutto, dei sapori e dei piatti della tradizione culinaria contadina e marinara del territorio.

Indirizzo/Address: Via S. Valentino, 6 tel. 0773.702613 www.aitrioni.com info@aitrioni.com

The restaurant “Ai Trioni” is located into the whole low ground of a great historic building, whose stratification of ancient, medieval and modern structures (only the essential parts have been reconstructed) gives to it an archaeological and architectural value. The gastronomic line of the restaurant is based, coherently with the recovery of the tradition, on the rediscovery not only of the local products, but also of the flavours and the recipes of the rural and marine culinary tradition of the territory.

Coperti/Number of chairs: 40 interni / indoors (ambiente climatizzato)

I

TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

11

Apertura/Opening: Dalle/From 19:30 Alle/To 23:30 Chiusura/Closing day: Mercoledì / Wednesday (escluso estate/exc. summer)

Prezzo medio/Average cost: € 25,00/35,00 (vini esclusi) € 25,00/35,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte tranne / All except Diners e American Express Proprietario: Quirino De Filippis


Capitolium. Parete in opus reticolatum.

il foro Il termine forum indicava, per i Romani, la piazza più importante di un centro abitato, il luogo deputato alla trattazione degli affari, al mercato, il centro politico e religioso del nucleo urbano stesso. Tutte caratteristiche ancora oggi pienamente conservate considerato che la Piazza è attualmente sede del Palazzo Comunale, edificato nel 1959 dopo i devastanti bombardamenti della II Guerra mondiale, e sede della Chiesa Cattedrale di S. Cesareo, Duomo della città, nonché luogo di incontro dei cittadini e dei turisti in cerca di un po’ di tranquillità, fuori dal caos della città bassa nei periodi di maggiore affluenza. I disastrosi bombardamenti della guerra hanno consentito tuttavia di poter riportare alla luce le diverse testimonianze archeologiche dell’antico Foro Emiliano: sono infatti ben visibili i resti del Teatro romano e dell’annesso porticato, il Capitolium, l’arco quadrifronte e, soprattutto, il bellissimo lastricato originale del Foro con il tratto forense dell’Appia antica sul lato nord.

The word “forum” indicated, for the citizens of the ancient Rome, the most important square of the town, the place dedicated to the business, the commercial transactions, the religious and political centre. These characteristics are today conserved, because the square is the seat of the municipal building, built in 1959, after the devastating bombing of the World War II, and seat of the cathedral dome of S. Cesareo, meeting place for the citizens and the tourists who look for some relax, out of the chaos of the town in the periods of the highest confluence. However the devastating bombardments of the Word War II allowed to bring to light a lot of archaeological remains of the ancient Forum. Clearly visible are the ruins of the theatre and the attached portico, the Capitolium, the four faced arch and, mainly, the wonderful original paving of the Forum and a part of the ancient Appian Way.


il foro

Nome del locale: Green pizza&food na moderna pizzeria nel cuore del prestigioso Foro Emiliano del centro storico alto, a ridosso degli splendidi resti dell’antico tempio del Capitolium. Una cornice storica e affascinante che abbraccia, con armonia, eleganza e glamour l’ambiente launge avvolto dallo splendido giardino impreziosito da ulivi centenari, dove potrete gustare la pizza, i calzoni e i crostini della tipica tradizione romana cotti nel forno a legna tradizionale e dei superbi piatti a base di pesce (per un servizio ottimale il ristorante è su prenotazione) accompagnati da una preziosa selezione di vini italiani.

U

A modern pizzeria in the heart of the historic and prestigious Forum of the tall historical center, behind the splendid ruins of the ancient temple of the Capitolium. A historical and charming frame that embraces, with harmony, elegance and glamour, the launge ambient wound by the splendid garden embellished by centenary ulivi, where you can taste the pizza, the “calzone” and the “crostini” of the typical Roman cuisine cooked in the traditional firewood oven, some superb fish dishes (for an optimal service the restaurant is on booking) accompanied by Italian wines, selected and precious. w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

14

Indirizzo/Address: Corso Anita Garibaldi, 99 tel. 0773.700649 www.greenterracina.it info@greenterracina.it Apertura/Opening: Aperitivo e Cena Afterhour and Dinner Chiusura/Closing day: Lunedì (escluso mesi estivi) Monday (only winter) Coperti/Number of chairs: 40 interni/indoors 80 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: € 18,00/25,00 (vini esclusi) € 20,00/25,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte / All Proprietario: Volha e Giorgio


il foro

Nome del locale: Caffé del Duomo affé del Duomo è un locale storico di Terracina la cui attività, risalente al 1793, continua a svolgersi nei locali storici adiacenti alla Cattedrale di S. Cesareo. L’affaccio diretto sul Foro Emiliano (oggi Piazza Municipio) offre uno spettacolo unico e un ambiente tranquillo, privo del traffico frenetico della città. Seduti ai tavolini esterni, nelle dolci serate estive e in piacevole compagnia, potrete gustarvi una bella coppa di gelato preparato artigianalmente da Ingrid che, insieme ad Angelo, porta avanti la tradizione della famiglia Germani iniziata nel 1938.

C

Caffè del Duomo is a historic bar and his business, dated 1793, is going on in the historic premises near the Cathedral. The position on the Forum offers a unique sight and a relaxing atmosphere, without the frantic traffic of the town. Sitting in the outside, during the sweet summer evenings and in a good company, you can enjoy a wonderful ice cream sundae, made by Ingrid that, along with Angelo, hold up the tradition of the Germani family, began in 1938.

TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

15

Indirizzo/Address: Piazza Municipio, 18 tel. 0773.709528 caffe.delduomo@alice.it Apertura/Opening: 07:30/13:30 a.m. 17:00/01:00 p.m. Chiusura/Closing day: Lunedì / Monday Coperti/Number of chairs: / Prezzo medio/Average cost: / Carte di credito/Credit cards: / Proprietario: Ingrid Germani


Via Posterula. Palazzo Braschi.

via posterula L’attuale Via Posterula nasce come “Rampa Braschi”, alla fine del ‘700, dopo le demolizioni della cinta muraria tardo-antica, per collegare il “Palazzo Braschi” (sede estiva di Papa Pio VI) e la città storica alta all’Appia nuova e al Borgo Pio (la città nuova). La costruzione del Palazzo Braschi interessò l’intero fronte sud della Piazza Grande (ora Piazza Municipio), con l’acquisizione e la ristrutturazione di notevoli architetture storiche, come il rinascimentale Palazzo De Tassis, la sconsacrata chiesa medievale di S.Maria in Posterula e parte delle sostruzioni della piazza antica, trasformate nelle Scuderie Braschi e nella grande Terrazza del Belvedere. La strada conserva ancora oggi il fascino di una volta: percorrerla in alcuni momenti del giorno, magari poco prima del tramonto, quando il sole illumina la facciata del Palazzo Braschi, con lo splendido panorama verso il mare, fa ritrovare l’atmosfera riprodotta nel famoso dipinto di J. P. Hackert del 1795.

The Posterula Way was born as “Rampa Braschi”, at the end of the 17th century, after the wrecking of the late ancient surrounding wall, to link the “Palazzo Braschi”(summer seat of the Pope Pio VI) and the historic centre to the New Appian Way and to Borgo Pio (the new town). The setting-up of Palazzo Braschi involved the whole south face of the “Piazza Grande” (now “Piazza Municipio”), with the restructuring of many historic buildings, as the mansion of the Renaissance De Tassis, the deconsecrated medieval church of “S.Maria in Posterula”, and many other buildings in the ancient square, changed into the “Scuderie Braschi” and into the great “Terrazza del Belvedere”. Today the way has got the same charm that it once had: going through it, possibly before the sunset, when the sun shines on “Palazzo Braschi”, ricreates the atmosphere of the famous painting of J.P. Hackert of the 1795.


via posterula

Nome del locale: Osteria Le Scalette ’Osteria Le Scalette è situata in un ambiente di uno storico edificio del ‘700 costruito su strutture antiche ancora ben visibili nel locale. La nostra proposta gastronomica si basa su una cucina semplice e genuina avvalendosi di prodotti locali che richiamano i vecchi sapori del mare. Utilizzando pesce fresco proveniente dal nostro mare, il menù varia a secondo del pescato del giorno. Verdure di stagione e fritti preparati in padella accompagnano primi piatti cucinati con cura a base di paste speciali.

L

The restaurant “Le Scalette” is located into a historic building of the 18th century, built on ancient structures, still clearly visible. Their gastronomic offer is based on a simple and genuine cooking , with local sea products. Using fresh fish, the menu is different every day, depending on the fishing. In season vegetables and pan fry accompanies starters, prepared with special kinds of pasta, that are cooked with care .

w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

18

Indirizzo/Address: Via Posterula, 28 tel. 0773.709114 cell. 349.3239947 Apertura/Opening: Dalle/From 20:00 Chiusura/Closing day: Lunedì / Monday Coperti/Number of chairs: 40 interni/indoors Prezzo medio/Average cost: € 30,00 (vini esclusi) € 30,00 (drink not incl.) Carte di credito/Credit cards: Tutte tranne/All except American Express Proprietario: Alessandra Antuoni


via posterula

Nome del locale: La Scuderia a Scuderia situata nei locali bassi (le scuderie) del prestigioso Palazzo Braschi è un punto d’incontro molto frequentato da famiglie e comitive di amici. Qui si possono soddisfare esigenze e desideri enogastronomici più disparati e organizzare feste private e grandi eventi (convegni, conferenze, concerti). Si distingue per la sua cucina semplice e genuina, con una varietà di piatti fatti al momento. Oltre che ristorante e spaghetteria, offre un assortito servizio di pizzeria e paninoteca accompagnato da un’ottima selezione di birre e vini pregiati.

L

La Scuderia, located in the low grounds (the stables) of the prestigious Palazzo Braschi, is a meeting place for many families and groups of friends. Here it’s possible to satisfy a large variety of enogastronomic wishes and organize private parties and great events(meetings, conferences, concerts). It stands out for its simple and genuine cooking and, other than restaurant and spaghetteria, it offers an assorted pizza and sandwich service, accompanied with a great selection of precious beers and wines.

TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

19

Indirizzo/Address: Via Posterula, 37 tel. 0773.709003 lascuderiamorganti@libero.it Apertura/Opening: Dalle/from 19:30 Alle/to 02:30 Chiusura/Closing day: Mercoledì/Tuesday (esclusa estate/exc. summer) Coperti/Number of chairs: 90 interni/indoors 30 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: € 20,00/25,00 (vini esclusi) € 20,00/25,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte/All Proprietario: Alfredo Morganti


via posterula

Nome del locale: Pizzeria Posterula spitata nell'antico sito del forno di famiglia, a pochi metri da Piazza del Municipio, Pizzeria Posterula racconta una delle primissime scommesse di valorizzazione del centro storico di Terracina. L'ambiente è semplice e rispettoso del passato che traspira dai muri in pietra, in alcuni punti ancora visibili. L'atmosfera, accogliente ed informale, è assolutamente ideale per una serena serata tra amici o in famiglia. Nell'inconfondibile sapore della pizza di Posterula ci sono la passione e l'esperienza di una lunga tradizione di famiglia.

O

Located on the ancient site of the family bakery, a few meters from the Town Hall Square, the Pizzeria Posterula is an example of one of the first corporate gambles of the historic centre of Terracina. The atmosphere is simple, reflecting the history and the original stone walls are still visible in some parts. The restaurant is warm and inviting, offering an informal location which is ideal for a relaxing meal for two or with friends and family. Experience and passion of a long family tradition, produces the unique flavour of the “Posterula’s pizza”. w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

20

Indirizzo/Address: Via Posterula, 29 tel. +39.0773.701933 www.pizzeriaposterula.it info@pizzeriaposterula.it Apertura/Opening: Dalle 19:00 alle 23:00 Chiusura/Closing day: Martedì (mesi invernali) Tuesday (only winter time) Coperti/Number of chairs: 50 interni/indoors 40 esterni/outdoors. Prezzo medio/Average cost: € 10,00 (vini esclusi) € 10,00 (drink not incl.) Carte di credito/Credit cards: Visa, MasterCard Proprietario: Anna Maria Manzi


N

el cuore del centro storico basso, alle spalle della famosa Piazza Garibaldi, ambientata in una storica struttura, come nelle botteghe di una volta, qui i sapori e gli odori più veri si fondono: selezione di formaggi provenienti da tutta Italia; salumi che spaziano dalla cinta senese tagliata a mano al Parma Sant’Ilario; affumicati di pesce tagliati appositamente per voi e la vera mozzarella di bufala fresca di giornata. Le aspettative dei più golosi saranno poi soddisfatte provando i famosi dolci di Gaeta “Di Ciaccio” e i prodotti freschi da forno, oltre alle confetture, ai cioccolati e ad altre prelibatezze. L’assortimento della pasta artigianale è poi formato da poche ma selezionate chicche e lo stesso vale per il vasettame, per i legumi e per olii e vini.

La Bottega di Via Sarti Via Sarti, 5 - 04019 Terracina (LT) T. +39 0773 700753 F. +39 0773 700753


will take care of you

Hotel accomodations Self catering apartments Private transfers Guided excursions Cooking lessons & wine tastings Sailing lessons & excursions Excursions to the Islands of Ponza & Palmarola Via Salita Annunziata, 15 04019 Terracina (LT) Italy Tel. +39.0773.700062 Fax +39.0773.705778 www.littleitalytours.it


Centro Storico alto

in VISTA itinerario culturale guidato

LACHIESA DELPURGATORIO a cura di ARCHEOCLUB D’ITALIA Sede di Terracina


LA CHIESA DEL PURGATORIO

Gioiello tardo-barocco della città moderna

L

a chiesa del Purgatorio è stata completata nel 1787, come si legge nel cartiglio inserito nella parte superiore del timpano di facciata. Tuttavia, l’iniziativa per la sua costruzione venne avviata mezzo secolo prima. Infatti, nel 1736, la “Confraternita dell’Orazione e Morte”, sino ad allora operante presso la Chiesa di S. Giovanni, acquistò un edificio diruto posto fuori Porta Maggio, nel borgo di Cipollata, già sede della ormai abbandonata chiesa medievale di S. Nicola, e nei decenni successivi, utilizzando le sole “elemosine dei fedeli”, portò a compimento l’impresa. L’edificio sacro, ubicato a ridosso delle mura urbiche, tra il torrione di S. Giovanni e i torrioni di Porta Maggio, venne realizzato a pianta centrale, posto alla sommità dell’attuale scalinata, al termine della quale si apre il sagrato della chiesa, e rivolto verso

la strada principale (l’odierno Corso Anita Garibaldi). Le forme generali attribuite all’edificio furono quelle del tardo-barocco, su cui si innestarono le forme dell’allora emergente stile rococò. L’imponente facciata è dominata da un grande timpano entro il quale si trova una cornice quadrilobata che contiene, in bassorilievo di stucco, l’immagine scheletrica della morte trionfante (tema iconografico principale della chiesa), attorno a cui si svolge un nastro riportante l’iscrizione: “Hodie mihi cras tibi” (Oggi a me, domani a te). Nel lato posteriore sinistro si eleva un campanile a torre con copertura a pagodina. All’interno, un tamburo alto quasi dieci metri è diviso da grandi lesene in otto specchiature murarie. Di esse, le quattro principali (quelle sugli assi maggiori) accolgono, rispettivamente, l’unico ingresso alla chiesa, l’altare maggiore (la


CHURCH OF

THE PURGATORY Late Baroque jewel of the modern town

T

he church has been completed in 1787, how you can see in the cartouche in the upper part of the frontal tympanum. However, the enterprise of its building started half a century before. In1736 the “Confraternita dell' Orazione e Morte”( a brotherhood), since that time operating in the Church of San Giovanni, bought a tumbledown building out of Porta Maggio in the village of Cipollata, seat of the the disused medieval church of San Nicola, and in the following decades, just with charity, carried out the execution. The holy building, located near the boundary walls, between the tower of San Giovanni and the ones of Porta Maggio, and facing the principal way (the present Corso Anita Garibaldi) has a central plan and it's placed on the top of the present staircase. The shapes of the building belong

from the late baroque style, father of the new style emerging in that period: the Rococò. The imposing façade is dominated by a great tympanum, where there is a quatrefoiled drip-stone that contains, in a plaster low relief, the skeleton figure of the Triumphant Death (principal iconograhic theme of the Church) and around it there is a ribbon with the inscription: “Hodie mihi cras tibi” (Today to me, tomorrow to you). In the back side, on the left, there is a bell tower with a pagoda covering. Inside, a 10 mt. tall drum is divided by two pilaster strips in eight building mirrors, the four majors of them (the ones on the majors axes) hold respectively, the only entrance to the church; the major altar with the painting of the XVIII century representing the Virgin Mary pleading the souls in the Purgatory to the Trinity; the two side altars


pala d’altare, del XVIII sec., rappresenta la Madonna che intercede per le anime del Purgatorio presso la Trinità) e i due altari laterali (quello a sinistra, del XVIII sec., ha una pala d’altare che rappresenta l’arcangelo Raffaele e Tobiolo; quello a destra aveva invece una pala d’altare, oggi perduta, sempre del XVIII sec., rappresentante la visione di S. Francesco da Paola). La copertura è realizzata tramite una grande cupola emisferica. Il pavimento, attraverso l’intersezione di maioliche dipinte, presenta un motivo geometrico che inquadra tutto l’altare maggiore ed incornicia i due altari laterali e le due lastre tombali poste sull’asse dell’ingresso (accessi alle fosse comuni sottostanti). La porta a sinistra dell’altare maggiore conduce sia alla sacrestia che alle cantorie superiori e, infine, al campanile e ad alcuni altri ambienti. Tutto l’interno della chiesa è rivestito da una fitta decorazione pittorica nella quale spiccano, in modo particolare, i simboli scheletrici della morte, secondo un preordinato e generale programma iconografico. Testi di: Venceslao Grossi Traduzione di: Micol Sciascia Progetto grafico: Mauro Palazzi Foto di copertina: Mauro Palazzi Foto interne tratte dal volume: V. GROSSI, Terracina. Le quattro anime della bellezza ritrovata, Formia 2006 Questo inserto è parte integrante della guida “Terracina alta. Trovateci gusto”. Edizione 2009. È vietata qualsiasi riproduzione senza le dovute autorizzazioni.

(the one on the left, XVIII century, has got a representation of the Archangels Raffaele and Tobiolo, the one on the right had a representation, today is lost, about the vision of San Francesco da Paola). The covering is a great hemispheric dome. The pavement, by the intersection of painted majolicas, presents a geometrical pattern that frames the whole major altar, the two side altars, and the two gravestones ( access to the common grave below) on the axis of the entrance hall. The door on the left of the major altar leads to the sacristy, to the superior choirs, to the bell tower and to other rooms. All the interiors are covered by a rich painted decoration, with a particular presence of the skeleton symbols of the Death, according to a preordained iconographic program.


nauticasubacqueapescasubpescasportivacanoa velasportacquaticiabbigliamentotecnicoesportivo costumiocchialiemascherinenuotopinneecuffie mutedanuotodotazionidisicurezzaaccessorielettr onicadotazionidibordocomputersubacqueiequili bratorierogatorimuteapneacannefiliminuterie mulinelliescheartificialieschevivecorsisubacquei

...il mare soprattutto morimare.terracina.(zona porto).tel.0773.727254

w w w . m o r i m a r e . c o m

foto subacquea Egidio Fusco Š 2009

universo mare il mare da cima a fondo


Piazza Domitilla. In primo piano la statua della fontana sullo sfondo della facciata del Palazzo della Bonifica

le piazzette Oltre alla monumentale e affascinante Piazza Municipio, non sono da trascurare le belle piazzette del Centro Storico alto che negli ultimi anni sono state al centro di diversi interventi di recupero urbano con l’obiettivo di restituirle all’uso pedonale. Le diverse piazzette conservano tutto il fascino della città medievale e rinascimentale, ospitando vari edifici e palazzine storiche, molte delle quali restaurate e sistemate di recente. Tra le più caratteristiche ricordiamo Piazza Campo dei Fiori dove spiccano interessanti architetture romaniche; la piccola Piazza Cancelli caratterizzata dalla presenza di un bell’esempio di casa gentilizia del XIII sec.; Piazza Domitilla, unica piazza moderna del nucleo storico, in cui è ben visibile la facciata laterale del Palazzo della Bonifica; Piazza De Tassis con l’ingresso di Palazzo Braschi; Piazza Porta Nuova con la cinta muraria antica e medievale; Piazza Assorati e Piazza Cipollata.

Apart from the monumental and charmed “Piazza Municipio”, there are many other squares in the historic centre that has been in recent times renovated to give them back the pedestrian use they used to have. All the squares have conserved the medieval charm and the fascination of the Renaissance, hosting many buildings and historic mansions, most of them renovated. Among the most peculiars there is “Piazza Campo dei Fiori”, with its interesting Romanesque architectures; the little “Piazza Cancelli”, with a wonderful example of aristocratic mansion of the 13th century; “Piazza Domitilla”, the only modern square with a historic core, with the façade of the “Palazzo della Bonifica”; “Piazza de Tassis” with the entrance of “Palazzo Braschi”, “Piazza Porta Nuova” with the ancient and medieval surrounding wall; “Piazza Assorati” and “Piazza Cipollata”.


le piazzette

na realtà del Centro Storico di Terracina nata nel 2004 da un’idea di Alessandra Artusi e Alessio Sferra. Il bar si concentra sulla somministrazione di cocktail e birre per lo più nazionali. Il locale, inoltre, svolge un’attività culturale con una particolare attenzione al recupero e allo sviluppo del Centro Storico, offrendo spazi espositivi per giovani musicisti, pittori e fotografi. Il Magnolia offre uno spazio esterno nella splendida cornice di Piazza Domitilla. Al suo interno sono ben visibili i basamenti dell’antica Via Appia.

Nome del locale: Magnolia da Sferra

This bar located in the historical centre of Terracina, was born in 2004 from idea of Alessandra Artusi end Alessio Sferra. The bar offers a big choice of cocktails, national beers, and spaces for young musicians, painters and photographers. The bar gives the possibility to sit outside in the awesome Piazza Domitilla and inside, where the traces of the Appian Way are still clearly visible.

Coperti/Number of chairs: 50 esterni/outdoors

U

w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

30

Indirizzo/Address: Via Salita Annunziata, 17 tel. 328.1411409 panchita.80@hotmail.com Apertura/Opening: Dalle/From 21:30 Chiusura/Closing day: Mercoledì / Wednesday

Proprietario: Alessio e Alessandra


le piazzette

Nome del locale: Cantina Cancelli l locale, allestito in una antica cantina medievale nella piazzetta omonima da cui prende il nome, offre piatti della classica cucina mediterranea con paste e dolci fatti in casa, avvalendosi di prodotti che sono il risultato di una accurata ricerca sul territorio. I piatti di pesce sono realizzati esclusivamente con prodotto fresco del mare di Terracina. Il tutto accompagnato dagli ottimi vini (bianchi, rossi e prosecchi) dell’Azienda Carpineti, prodotti a Cori con procedimenti da agricoltura biologica e da una scelta di birre artigianali della Saint John’s Bier di Faicchio (BN).

I

Located in the site of a medieval cantina in the square from wich it takes its name, Cantina Cancelli offers dishes from the classic tradition of mediterranean cuisine with homemade pasta and desserts that features authentic ingredients from various regions of Italy. Seafood dishes are made exclusively with fresh fish from the coast of Terracina. Diners may choose from select wines from the Carpineti vineyards, produced in Cori with grapes grown with organic and ecological tecniques, and from a selection of handicraft beer Saint John’s Bier. Come and join us for lunch or dinner! TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

31

Indirizzo/Address: Piazza Cancelli, 10 tel. 0773.700992 www.cantinacancelli.it info@cantinacancelli.it Apertura/Opening: 12:30/14:30 a.m. 19:30/23:30 p.m. Chiusura/Closing day: Lunedì/Monday Coperti/Number of chairs: 32 interni/indoors 32 esterni/outdoors (con tavoli in piazzetta)

Prezzo medio/Average cost: € 25,00/35,00 (vino escluso) € 25,00/35,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte tranne / All except Diners e American Express Proprietario: Emilia Bizzarri


Centro Storico alto

VETRINA

in

lo shopping nel Corso

D

a qualche anno, dopo un periodo di parziale abbandono della vita commerciale, grazie ad un incremento delle residenze e all’apertura dei diversi locali, il Centro Storico alto sta vivendo una lenta ma progressiva rinascita delle attività produttive. Improntate principalmente su piccole ma interessanti iniziative artigianali, per la maggior parte condotte da donne, sono sorte diverse botteghe e laboratori che trattano la lavorazione e la vendita di prodotti artistici, di antiquariato, di abbigliamento e di oggettistica. Passeggiando per il Corso Anita Garibaldi, tra case medievali e palazzetti storici, ci si può imbattere in negozietti che, con le loro vetrine, arricchiscono e allietano la camminata con la possibilità di fare un po' di shopping e di portarsi a casa un bel ricordo della visita.

After a period of partial weakness of the commercial life, thanks to the increase of the number of residents and the opening of some new restaurants, the historic centre is living a slow but progressive rebirth of the production activity. Based principally on little but interesting artisanal enterprises, most of all run by women, many shops and workshops treat the manufacture and sale of artistic, antique, clothing and collectibles products. Walking on Corso Anita Garibaldi, among medieval houses and historical mansion, the stores with their shopwindows cheer up the promenade, and give the possibility to have shopping and take home a nice souvenir.

TERRA e COLORI del SUD Associazione

Maria Piera Di Piazza MOSAICO

MODERNO

Bigiotteria • Oggettistica Borse e cappelli

M.Antonietta Cittarelli DECORAZIONI

Terracina (Centro Storico alto) C.so A. Garibaldi, 81/86 (Centro Storico basso) Via Derna, 25/27

SU TESSUTI

Tende • Tovaglie • Arazzi Creazione abiti bambino

Terracina C.so Anita Garibaldi, 89/92 Maria Piera : 333.2413101 M. Antonietta : 328.9023297

Maria Celeste Del Monte Studio Artistico

Terracina C.so Anita Garibaldi, 84 T. 0773.701087 - C. 340.7674892 mail: mariacelestedelmonte@virgilio.it


Numismatica • Cartaceo Oggettistica • Antiquariato Vendita e acquisto di antichità varia: mobili, oggetti, dipinti, sculture, ceramiche, libri, manifesti, militaria, orologi, penne, monete. TERRACINA C.so Anita Garibaldi, 79 (apertura pomeridiana)

Sabatino Di Sario Cell. 339.1577224


2.


fuori le mura Intorno alle mura della città antica, le zone suburbane, abbandonate nell’alto Medioevo, conobbero un rinnovato sviluppo nel corso del basso Medioevo, attraverso la formazione di cinque borghi: il Borgo Cipollata fuori Porta S. Lorenzo, oggi Porta Maggio (attualmente parte integrante della città murata, dopo la sua reintegrazione, alla fine del Settecento, con la costruzione di Porta Romana), avente come riferimento la medievale Chiesa di S. Nicola, odierna Chiesa del Purgatorio; il Borgo Marina, fuori Porta Albina, disteso lungo la Via Salita Annunziata avente come riferimento, nella zona di declivio meridionale, la parrocchia medievale ormai sconsacrata della Chiesa di S. Maria dell’Annunziata; il Borgo fuori Porta Nuova, articolato lungo la fascia di Via Anxur; il Borgo fuori Porta S. Gregorio (oggi Porta Romana), gravitante nell’area occidentale con epicentro l’attuale Piazza Quattro Lampioni e avente come parrocchia medievale la Chiesa della Madonna delle Grazie; il Borgo di Posterula, situato nella zona omonima e avente come parrocchia medievale la Chiesa di S. Maria di Posterula (oggi perduta). Questo impianto suburbano della città murata rimase uguale fino alla fine del Settecento, quando subì una significativa ristrutturazione ed ampliamento urbanistico, completato poi in età contemporanea.

Around the boundary walls the suburban areas, abandoned in the Middle Age, knew a renewed development during the late Middle Age, thanks to the birth of five villages: the Borgo Cipollata, out of Porta San Lorenzo, today Porta Maggio (part of the town into the walls from its reintegration at the end of 1700's, with the construction of Porta Romana), that referred to the church of San Nicola (today the Purgatory Church); the Borgo Marina, out of Porta Albina, developed on the Salita Annunziata and referred to the church of Santa Maria dell'Annunziata; the Borgo out of Porta Nuova, developed along Via Anxur; the Borgo out of Porta San Gregorio (today Porta Romana), with the centre in the present Piazza Quattro Lampioni, referred to the church of Santa Madonna delle Grazie; the Borgo of Posterula, located in the homonymous area and referring to the church of Santa Maria Posterula (today is lost). The urban establishment of the boundary walls remained the same until the end of 1700's, when it had an important urban renovation and extension, completed at the present day.


Via San Francesco. Uno scorcio sul mare con la cupola ed il campanile della Chiesa SS. Salvatore.

via s.francesco È la strada più lunga che, collegando la città bassa con quella alta nel versante orientale e riallacciandosi all’Appia antica, consente di proseguire fino alla sommità del Monte S. Angelo dove si trovano i resti dell’antico Tempio di Giove Anxur (area archeologica e monumentale che è possibile visitare). Salendo, a partire da Piazza della Repubblica, si passa al di sopra del Borgo Pio di cui è ben visibile, sulla sinistra, la cupola della Chiesa del S.S. Salvatore (XIX sec.). Percorsa a piedi, in assenza di traffico, quando il sole, basso, colora i tetti delle case, la strada restituisce quelle atmosfere che è possibile trovare in alcune stampe del Settecento. Nelle giornate in cui l’aria è pulita e il cielo è terso, da Via S. Francesco si possono riconoscere chiaramente tutte le isole dell’Arcipelago Pontino (S. Stefano, Ventotene, Zannone e Ponza) fino ad Ischia (l’isola più grande che si vede). Superato il Parco della Rimembranza (salendo sulla destra), la strada si divide in una biforcazione: continuando dritti si sale fin sopra il Monte, a sinistra, il breve tratto di strada in discesa (Via S. Francesco vecchia) si collega alla Salita dell’Annunziata conducendoci fino a Piazza Municipio.

It’s the longest way that, linking the new town with the one on the east side, joining the Appian Way, goes on until the summit of the ancient “Tempio di Giove Anxur” (archaeological and monumental area). Rising, starting from “Piazza dell Repubblica”, it’s possible to see in the “Borgo Pio”, on the right, the dome of the church “S.S. Salvatore” (19th century). Going trough it on foot, in the absence of traffic, when the sun, going down, gives colour to the roofs of the houses, the way gives back the atmosphere of some typical prints of the 18th century. During days with a fresh air and a clean sky, from the San Francesco Way it’s possible to recognize the islands of the archipelago “Pontino” (S.Stefano, Ventotene, Zannone and Ponza) until the island of “Ischia” (the biggest one). Rising on the right, surpassing the “Parco della Rimembranza”, the way is divided into a bifurcation: going straight, the way leads to the mountain, and on the left, the brief stretch on the skids (the old San Francesco Way) links to the “Salita dell’Annunziata” and leads to “Piazza Municipio”.


vias.francesco

Nome del locale: Vineria Cesare 1963 a Vineria “Cesare”, proprietà di famiglia sin dal 1963, è gestita da Massimo e Simona. Oltre ad un’ampia carta di vini (circa 300 etichette), la vineria propone una cucina basata su selezioni di carni locali ed estere, non trascurando la tipicità della carne bufalina, carpacci, sfiziose insalate, formaggi e salumi scelti con particolare attenzione alla stagionalità dei prodotti. I piatti di pesce sono realizzati unicamente secondo la disponibilità del pescato locale e la carta dei desserts è curata personalmente dai proprietari. Nella bella stagione si mangia sotto al pergolato di una bellissima vita secolare.

L

The “Vineria Cesare”, family property since 1963, is managed by Massimo and Simona. Other than a large winelist (about 300 labels), the restaurant offers a cuisine based on selected local and imported meats, not leaving aside the typicalness of the buffalo meat, carpaccio, fancy salads, cheese and salami selected with a particular attention to the periodicity of the products. The fish-based recipes are made according to the local fishing and the dessert menu is personally prepared by the owners. During the good season it’s possible to eat under a pergola of a wonderful centenary grapevine. w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

38

Indirizzo/Address: Via S. Francesco, 3 tel. 0773.703921 Apertura/Opening: Dalle/from 20:00 Alle/to 01:00 Chiusura/Closing day: Mercoledì / Tuesday Coperti/Number of chairs: 35 interni/indoors 60 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: € 25,00/35,00 (vini esclusi) € 25,00/35,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Visa Proprietario: Massimo Cappellanti Simona Romagna


vias.francesco

Nome del locale: Bottega Sarra vvalendosi della loro lunga e affermata esperienza, Luigi e Mimma hanno creato un locale nuovo e moderno. L’offerta enogastronomica di “Bottega Sarra” si basa su una rilettura di piatti tradizionali seguendo quelli che sono i canoni dell’alta cucina italiana. Piatti preparati utilizzando prodotti di stagione e materie prime di accertata qualità, serviti con estrema cura e maestria, accompagnati da una ricca e selezionata scelta di vini nazionali ed esteri. Al piano terra, nella saletta enoteca, è possibile, inoltre, fare un aperitivo e degustare piatti proposti da Luigi e Mimma.

A

Making use of their long and famous experience, Luigi and Mimma has renovated their activity, creating a brand new and modern restaurant . The gastronomic offer of this restaurant is based on a new reading of the traditional recipes following the model of the high Italian cuisine. The courses are prepared using in season products and high-quality raw material, served with extreme care, accompanied with a rich choice of Italian and imported wines. In the low ground, in a wonderful room of the wine bar, it’s possible to enjoy a good wine glass and to savour tasty food. TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

39

Indirizzo/Address: Via S. Francesco, 52/54 tel. 0773.702045 Apertura/Opening: 13:00/15:00 a.m. 20:00/22:30 p.m. Chiusura/Closing day: Lunedì e Martedì Monday e Tuesday Coperti/Number of chairs: 45 interni/indoors (ambiente climatizzato) Prezzo medio/Average cost: € 35,00/60,00 (vini esclusi) € 35,00/60,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte tranne / All except Diners e American Express Proprietario: Luigi Sarra Mimma Cappellanti


Salita Annunziata. I Leoni Funerari.

la salita La Salita dell’Annunziata prende il nome dalla medievale Chiesa di S. Maria dell’Annunziata (XIII sec.) ubicata lungo la via all’incrocio con la Via del Foro Severiano. Essa costituiva la parrocchia del Borgo murato posto fuori la perduta Porta Albina. La chiesa, oggi proprietà comunale, conserva un elegante campanile a vela (la cui campana bronzea è custodita nel Museo Civico) ed un raffinato portale in pietra in cui spicca l’architrave scolpito con un fregio a girali riportante il nome dell’autore. La Salita Annunziata ricalca un tracciato stradale antico che collegava la città alta a quella bassa e al porto; nel medioevo essa collegava la città alta al borgo della Marina; nel Settecento essa collegava la città alta al Borgo Pio e al porto restaurato. È una salita che anche ai più allenati risulta sempre ostica ma, una volta sopra, ci si può riprendere sorseggiando un po’ d’acqua alla fontana di Piazza Domitilla godendosi la facciata del bell’edificio del Palazzo della Bonifica (sede degli uffici della Bonificazione Pontina alla fine del ‘700, è stato di recente restaurato), dopo aver superato i due monumentali Leoni Funerari (“i cavallucci”), attrazione dei tanti bambini che passano di qui. La salita poi prosegue un pò più dolce verso Piazza Municipio passando accanto ai resti dell’arco quadrifronte dove è visibile il basolato dell’Appia Antica che prosegue per un tratto ai lati della piazza.

“Salita dell’Annuziata” takes its name from the church “S.Maria dell’Annunziata” (13th century), located at the cross road with the “Foro Severiano Way”. It was the parish Church of the walled-up village out of the lost “Porta Albina”. The church, now municipal property, conserves a charmed bell tower(its bronze bell is conserved at the Civic Museum) and an elegant stoned portal with a wonderful carved architrave, decorated with a plant volute frieze indicating the name of the author. “Salita dell’Annunziata” was the link, in ancient times, of the historic town with the new one and with the harbour, in the Middle Age the historic town to the village, and in the 18th century, the historic town to “Borgo Pio” and to the renovated harbour. It’s a tiring slope, but once arrived up there, it’s possible to regain energy drinking from the fountain in “Piazza Domitilla”, enjoying the wonderful façade of “Palazzo della Bonifica” (seat, at the end of the 18th century, of the Land Reclamation Authority, it’s been recently renovated), next to the monumental “Leoni Funerari” (i cavallucci), attraction for the kids. The slope is now a little bit sweeter until “Piazza Municipio”, passing near the remains of the four face arch, where it’s clearly visible the basolato (a particular kind of stone from volcanic rocks) of the Appian Way, that continues on the edges of the square.


la salita

Nome del locale: Antico Forno 1911 a pizzeria, allestita nei locali di uno dei più vecchi forni del Centro Storico alto, di cui ne è testimonianza l’insegna originale in pietra posta sulla facciata, si trova sul lato della Chiesa dell’Annunziata. Da circa tre anni è stata rilevata da Alessandro che, aiutato da un team giovane e capace, la gestisce con dedizione e passione. Qui è possibile mangiare un’ottima pizza cotta al forno a legna e diversi antipasti fatti con prodotti tipici, oltre che la gustosa “tiella gaetana”, caratteristico piatto della vicina Gaeta.

L

The pizzeria, located in one of the oldest bakery in the historic centre (it’s still clearly visible the original stone emblem on the front), is on the side of the church Dell’Annunziata. About 3 years ago it has been bought out by Alessandro that, helped by a young and able team, runs the restaurant with passion and devotion. Here it’s possible to eat a great pizza made in a wood stove and many different appetizers made with local products, other than the tasty “tiella gaetana”, characteristic recipe of the near town Gaeta.

TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

42

Indirizzo/Address: Via Salita Annunziata, 87/89 tel. 0773.701528 tel. 328.4418699 Apertura/Opening: Dalle/From 19:00 Chiusura/Closing day: Martedì/Tuesday (esclso estate/exc. summer) Coperti/Number of chairs: 55 interni e esterni 55 indoors and outdoors (locale climatizzato) Prezzo medio/Average cost: € 15,00 Carte di credito/Credit cards: Tutte tranne/All except American Express Proprietario: Alessandro Inzaina


la salita

SUNRISE

WINE&FOOD Nome del locale: Sunrise Wine & Food l “Sunrise” è un nuovo locale situato a metà della Salita Annunziata che si pone come alternativa per chi vuole vivere in modo nuovo l’aperitivo, la cena e il dopocena. È un’enoteca che offre piatti a base di carne e un’ampia scelta di vini. Un ambiente giovane con un arredo moderno in sintonia con le strutture più antiche presenti e, per chi vuole un po’ di riservatezza, un accogliente salottino soppalcato per gustare un ottimo dolce accompagnato da un buon bicchiere di passito.

I

The “Sunrise”, placed in the middle of the Salita Annunziata, is a new unconventional restaurant for those who want to live in a new way the aperitif time, the dinner and the after dinner. It's a wine bar that offers meat-based recipes and a large selection of wines. A young atmosphere with a modern interior design, in perfect tuning with the ancient structures and, for those who love privacy, a nice mezzanine lounge room, perfect to enjoy a delicious cake with a good glass of Passito.

TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

43

Indirizzo/Address: Via Salita Annunziata, 33 tel. 320.1746228 Apertura/Opening: Dalle/From 18:30 Chiusura/Closur day: Martedì/Tuesday (esclso estate/exc. summer) Coperti/Number of chairs: 30 posti al chiuso (locale climatizzato) Prezzo medio/Average cost: € 20,00/30,00 (vini esclusi) € 20,00/30,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: Tutte/All Proprietario: Alfio Marzullo


Il Linea Pio VI, nei pressi del “Colle”, verso Terracina.

la via appia Uno dei notevoli risultati delle grandi opere intraprese per la bonificazione delle Paludi Pontine, voluta da papa Pio VI Braschi (1775-1799), fu il ripristino dell’antico tracciato della Via Appia antica. Per il tratto compreso tra Ponte Setino (ubicato tra Ponte Maggiore e Pontalto, ma ormai scomparso) e Terracina (circa 6 km), papa Pio VI, diversamente dal tracciato antico, che piegava verso Monte Leano per poi inoltrarsi nella Valle e quindi entrare nella città, volle invece che fosse continuato il rettifilo stradale ed il canale parallelo, similmente a quanto realizzato con la Via Appia e la Linea Pio. La nuova strada raggiunse pertanto la città storica passando ai suoi piedi per poi dirigersi verso la spiaggia di levante e il mare, piegando nell’ultimo tratto (attuale Via Marconi) in direzione di Porta Napoletana. Il canale parallelo invece, giunto presso la darsena dello “Squero”, di fronte alla Rampa Braschi e al Palazzo Braschi, venne deviato verso il porto. Queste due fondamentali direttrici, la “Strada Pio” (attuale Via Appia nuova e Via Roma) ed il “Canale di navigazione” (attuale Linea Pio nel tratto urbano), furono gli assi portanti del nuovo quartiere della “Marina”, delimitando e comprendendo la cosiddetta “Città nuova”, il neoclassico Borgo Pio.

One of the outstanding results of the great works undertaken for the drainage of the Pontina Plain, wanted by the Pope Pio VI Braschi, was the reinstatement of the ancient Appian Way. For the stretch between Ponte Setino (located between Ponte Maggiore and Pontalto, not existing anymore) and Terracina (about 6 km), the Pope Pio VI, differently from the ancient outline, that bent towards Monte Leano to go trough the Valley and enter the town, wanted to go on with the straight stretch and the parallel canal, like the Appian Way and the Pio Line. The new way reached the historic town passing from its feet and then went east, bending in the last stretch (now Via Marconi), in the direction of Porta Napoletana. The parallel canal, at the dock of the “Squero”( in front of the Braschi Palace), has been deflected towards the harbour. These main routes, the Pio Way (now the New Appian Way and Via Roma) and the canal (now the Pio Line in the urban stretch), were the bearing axes of the new district “Marina”, bounding and including the “Città Nuova”, the neoclassical Borgo Pio.


la via appia

Nome del locale: Alter Ego pub & steakhouse osto ai piedi del Centro Storico alto, l’Alter Ego è un locale per tutte le età e tutti i gusti. In una calda atmosfera arricchita da un gradevole “beer garden” potrete gustare specialità a base di carni alla griglia fornite dalla storica macelleria di famiglia oltre alla sfiziosa “pidaza” emiliana e i dolci fatti in casa, con una scelta tra 6 tipologie di birra alla spina ed una ricercata varietà di vini. L’Alter Ego, inoltre, organizza serate a tema con cucina e abbigliamento tipici e musica dal vivo: un modo diverso per passare una serata in buona compagnia.

P

Located at the feet of the historic centre, the “Alter Ego” is a restaurant for every taste and for everyone. In an cosy atmosphere, enriched by the pleasant “beer garden”, you will enjoy grilled meat-based recipes from the historic family butcher's shop, the tasty “pidaza emiliana”, and the homemade cakes, with a choice of six draught beers and a recherché variety of wines. The Alter Ego organizes themed evenings with typical cuisine and clothing, and live music: an alternative way to spend time.

w w w. t e r r a c i n a a l t a . i t

46

Indirizzo/Address: Via Appia, 44/46 tel. 0773.700273 www.alteregopub.com info@alteregopub.com Apertura/Opening: Dalle/from 20:00 Alle/to 02:00 Chiusura/Closur day: Lunedì/Monday Coperti/Number of chairs: 100 interni/indoors 60 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: da 15,00 a 25,00 Euro Carte di credito/Credit cards: Tutte/All Proprietario: Alessandra, Vincenzo Francesca e Silvana


la via appia

Trattoria del BUONGUSTAIO Nome del locale: Trattoria del Buongustaio ilevando una storica trattoria del 1950, sulla Via Appia, nei pressi del Centro Storico alto, nel 1970 Egildo e Gabriella, con l’aiuto dei loro sette figli, avviarono la loro impresa familiare. Un’attività che ancora oggi le quattro sorelle Gina, Paola, Cinzia e Agata, con il prezioso contributo di Paolo in sala, continuano a gestire con impegno e passione, rinnovando la tradizione di famiglia e la propria cultura gastronomica con una cucina a base di pesce fresco e piatti mediterranei: grigliate, fritti di paranza, zuppe ed altri piatti rielaborati con originali accostamenti di sapori.

R

A modern restaurant with ancient tradition, dating back to the ‘50s, opens near the center of the city. “Trattoria del buongustaio” has a lounge and an outdoor. The family of Gina, Paola, Cinzia, Agata and the collaboration of the metre Paolo, ensures a warm welcome and a tasting of fresh fish: grilled, frie and soups. The menu offers a selection of delicious Mediterranean dishes in the redesign of an original combination of flavors, with a focus in the choice of traditinal ingredients of our country. TERRACINAALTA.TROVATECIGUSTO2009

47

Indirizzo/Address: Via Appia, 36/38 tel. 0773.700854 Apertura/Opening: 12:00/15:30 a.m. 19:30/24:00 p.m. Chiusura/Closing day: Lunedì/Monday (escluso/exc. Agosto) Coperti/Number of chairs: 60 interni/indoors 40 esterni/outdoors Prezzo medio/Average cost: € 20,00/25,00 (vini esclusi) € 30,00/35,00 (drink not inc.) Carte di credito/Credit cards: No/Not Proprietario: Gina, Paola, Cinzia, Agata e Paolo


I B

P

H G A

F

Centro Storico alto dentro le mura Centro Storico alto fuori le mura Centro Storico basso La città nuova L’area di Monte S. Angelo

B C D E F G H I

Piazza Municipio

A

Cattedrale S. Cesareo

B

Chiesa del Purgatorio

C

Chiesa S.S. Salvatore

Piazza Domitilla Piazza De Tassis Piazza Porta Nuova Piazza Cancelli Piazza Campo di Fiori Piazza Assorati Piazza Cipollata

Tracciato delle mura visibili Tracciato delle mura perdute Il Linea Pio VI

P

Aree di parcheggio

D


E

B C

P P

C


LIBRERIA EDITRICE BookCart. Libreria Commissionaria Terracina. Via Roma, 68. Tel/Fax 0773.700277


Terracina Alta Trovateci Gusto