Page 63

Un catalizzatore sociale di quasi 10,00 ml di lunghezza (assecondando le richieste della committenza di avere uno spazio che potesse accogliere, in occasione di cene di rappresentanza, almeno venti persone sedute), diventa lo spunto per organizzare la zona video e per dare un senso di autonomia alla zona pranzo, che si affranca da quella propriamente operativa della cucina in quanto consente uno sbilanciamento della posizione del tavolo, che si aggancia praticamente su di essa, evitando che galleggi nel relativo spazio di risulta, decentralizzandolo. La posizione del tavolo favorisce anche il canale di accesso alla terrazza che risulta completamente sgombro quando la porta è aperta e consente una relazione totale con essa, tanto da lasciare immaginare che il piano della cucina possa proseguire al

di fuori della sua linea di confine. Il senso di divisione tra il soggiorno e la cucina è enfatizzato anche dalla proiezione delle travi che si è scelto di mantenere a vista e dalla vetrata in ferro e vetro che al tempo stesso, insieme alla finitura “iron” della panca, conferiscono un sapore industriale fortemente ricercato dalla committenza, in un ambiente che accoglie una extraterritorialità, coerentemente con le personalità ed il lavoro dei proprietari, che si muove tra la decorazione di sapore orientale, al mobile da erborista cinese, all’evanescenza di un loft londinese. Al centro un camino al bioetanolo, la cui fiamma si intravede attraverso la vetrata apribile, addolcisce gli spigoli contemporanei e riporta un senso di calore nella casa, il focolare domestico. La cucina si affranca dal peso dei pensili consen-

tendo di lasciare libera la linea del piano operativo, estraniandolo simbolicamente dalla sua funzione. Il piano cottura, sul quale insiste la cappa a filo, risulta centrato sulla parete grazie alla nicchia nella quale sfila il piano, conferendo un senso di continuità a quest’ultimo. La parete è rivestita esclusivamente in questo tratto con lastre di gres porcellanato laminato, rigorosamente bianche. Il lavello a filo è centrato in corrispondenza della finestra (la quinta), apribile grazie all’utilizzo del rubinetto abbattibile Kyo della Geda. Le posizioni gerarchiche degli elettrodomestici, hanno comportato un approfondito studio del passo delle casse, tutte organizzate con cestoni estraibili. La colonna frigo-forno-dispensa chiude la com-

Profile for Massimo Valente

Luoghi comuni  

Luoghi comuni  

Advertisement