Page 259

Concorso Internazionale di Progettazione per Piazza Alcide De Gasperi, Grottaferrata

Lines

Ricercare un segno unitario chiaramente leggibile e comprensibile, la volontà di realizzare una superficie di parcamento che consentisse un ingresso/uscita a raso sulla piazza, ed il tema del riuso dell’edificio esistente, sono gli obiettivi che il progetto vuole perseguire. La prima operazione è stata quella di definire una regimentazione del flusso veicolare riducendo al minimo la carreggiata nei due sensi di marcia privilegiando, per ragioni di geometrie generatrici, l’attuale posizione del tratto lineare, inserendo inoltre una corsia preferenziale per la sosta degli autobus e dei taxi, e ordinando anche i punti di attraversamento sia in maniera visiva che fisica. Questa operazione permette di ridurre la frattura che la strada genera nei confronti dello spazio che si presenta nella proposta progettuale completamente pedonale. Si è scelto di forzare il piano base con la forma rigida di un quadrato ed al tempo stesso inserire, a livello superficiale, una serie di elementi, Lines, che si proiettano nelle due direzioni ortogonali

alla strada reagendo alla sua longitudinalità come dei punti di sutura, o degli elementi che cercano di collegare l’attuale piazza Alcide dei Gasperi con la restante appendice di risulta. Questi elementi sono sia oggetti di arredo ma hanno anche la funzione di portare aria e luce ai parcheggi ed al tempo stesso generano una relazione tra le diverse quote. L’altezza variabile consente di settorializzare uno spazio che altrimenti sarebbe troppo ampio per le diverse funzioni a cui deve sopperire, essendo uno dei lati del quadrato della dimensione di circa 80,00ml. Trasversalmente una pensilina fotovoltaica si riallinea nella direzione opposta della città, copre i chioschi per la somministrazione di generi alimentari ed i servizi, e si configura come portale di accesso alla piazza. Questa risulta divisa per funzioni quali il gioco, passeggiare, conversare, spettacoli all’aperto, favorendo la socializzazione nell’intero corso della giornata e per le diverse fasce di età. L’area gioco rimane nella posizione attuale e viene

anche confermata tutta la vegetazione esistente. Il verde segue i bordi del lotto amplificando il grado di protezione verso il traffico cittadino ed è in prevalenza piantato a querce, ricostruendo l’ecosistema precedente. Un agrumeto sottolinea il lato romantico di un tratto di piazza e rappresenta un segno della mediterraneità. Per quanto riguarda il parcheggio questo si sviluppa su due livelli per circa 4.000 mq cad, con doppio ingresso ed uscita dall’attuale piano stradale e dal livello di circa 7,00 metri più basso di via dell’Artigianato. Proprio questo salto di quota ha suggerito la creazione di uno spazio intermedio, un cuscinetto tra le quote 335,00 e 328,00 slm., sul quale organizzare una piazza mediana con funzione prevalentemente commerciale e con attività legate alla ristorazione. Il salto di quota permette di avere un livello introverso, protetto, ed una connessione a gradoni che da una parte sposa l’andamento collinare verso

Profile for Massimo Valente

Luoghi comuni  

Luoghi comuni  

Advertisement