__MAIN_TEXT__

Page 1

ASTA N U M I S M AT I C A

SERRAVALLE

28 OTTOBRE

2019

PARTE II


ASTA 60

258

VENEZIA Alvise IV Mocenigo (1763-1778) Quarto di ducato in oro da 2 zecchini sigla D G – Mont. 2889 AU (g 8,60) RRR Con elegante montatura d’epoca BB 1.200

259

VENEZIA Alvise IV Mocenigo (1763-1778) Osella 1775 A. XIII – Pa. 258 AG (g 9,82) Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 2.000

135


ASTA 60

136

260

VENEZIA Paolo Renier (1779-1789) Ducatone con Santa Giustina da 124 soldi sigla B C – Pa. 22 AG (g 28,00) R Bellissimo esemplare SPL+/qFDC 3.000

261

VENEZIA Paolo Renier (1778-1789) Scudo della croce sigla L A F – Pa. 18 AG (g 31,73) Frattura del tondello, esemplare di qualità eccezionale con una delicata patina di vecchia raccolta FDC 1.500


ASTA 60

262

VENEZIA Paolo Renier (1779-1789) Osella 1786 per Murano – Pa. 602 AG (g 9,72) RRR Conservazione eccezionale FDC 2.500

263

VENEZIA Paolo Renier (1779-1789) Osella 1782 di doppio peso per Murano – Pa. 622 AG (g 19,65) RRRRR Esemplare di conservazione eccezionale con una splendida patina di vecchia raccolta FDC 15.000

137


ASTA 60

138

264

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1797) Quarto di Scudo della croce sigla G F – Pa. 22 AG In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale con una splendida patina iridescente FDC 1.500

265

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1799) Osella 1793 in oro da 4 zecchini per Murano – Pa. 686 AU (g 13,94) RRRRR Conservazione eccezionale per questa moneta di eccezionale rarità qFDC 15.000


ASTA 60

40% 266

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1797) Multiplo da 8 Zecchini (?) – Pa. 10 AU (g 31,82) RRR Il multiplo presenta una splendida montatura d’epoca ed è unito ad una collana d’oro del peso di 42,32 grammi e della lunghezza di circa 42 cm. Molto probabilmente la montatura e la collana sono di manifattura veneziana di fine Settecento e sono di eccezionale finezza. L’intero insieme è da considerarsi sicuramente di grande pregio anche al di là dell’interesse puramente numismatico visto che, se sono piuttosto diffuse le monete veneziane con montatura d’epoca, sono da considerarsi di grandissima rarità quando si presentano complete di collana. Un piccolissimo frammento si è staccato senza compromettere la bellezza dell’insieme (il frammento è venduto con la collana) SPL 7.000

139


ASTA 60

140

267

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1797) Ducato sigla F B di doppio peso – Pa. 28 AG (g 46,19) RRRR Esemplare di qualità eccezionale per questo tipo di moneta qFDC 8.000

268

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1797) Ducato sigla G F di doppio peso – Pa. 28 AG (g 44,57) RRRR BB 3.500


ASTA 60

269

VENEZIA Lodovico Manin (1789-1797) Osella 1796 A. VIII di doppio peso – Pa. 309 AG (g 19,39) RRR Splendido esemplare con delicata patina qFDC 5.000

270

VENEZIA Governo Provvisorio (1797-1798) 10 Lire venete 1797 – Pa. 918 AG (g 28,29) Ex Artemide, 12, 2002, lotto 446. Secondo conio. Conservazione stupenda con bella patina, tondello regolare e bene impresso, fondi intatti FDC 5.000

141


ASTA 60

142

271

VENEZIA Governo Provvisorio (1848-1849) 20 Lire 1848 – Gig. 1 AU RR In slab PCGS MS64PL. Conservazione eccezionale FDC 6.000

272

VENEZIA Francesco Giuseppe (1848-1866) Ducato 1856 – Gig. 57 AU (g 3,48) RR Un piccolo difetto di conio (?) al margine del R/ ma splendido esemplare SPL+ 5.000


ASTA 60 MONETE E MEDAGLIE PAPALI

273

Martino V (1417-1431) Avignone Fiorino da 24 soldi – Munt. 31 AU (g 2,70) RRR

qSPL

4.000

274

Eugenio IV (1431-1447) Ducato papale – Munt. 6 AU (g 3,46) RR

SPL

8.000

275

Niccolò V (1447-1455) Ducato papale – Munt. 4 AU (g 3,51) RR

SPL

1.500

143


ASTA 60

144

276

Pio II (1458-1464) Ducato papale – Munt. 5 AU (g 3,50) Con cartellino accompagnatorio di P. & P. Santamaria SPL 3.000

277

Paolo II (1464-1471) Ducato papale – Munt. 16 AU (g 3,53) RR Bellissimo esemplare

278

Paolo II (1464-1471) Ducato - Munt. 5 AU (g 3,53) RRR Splendido esemplare di questa rarissima moneta SPL 6.000

FDC

4.000


ASTA 60

279

Innocenzo VIII (1484-1492) Fiorino di camera – Munt. 3 AU (g 3,41) R

qFDC

2.500

280

Innocenzo VIII (1484-1492) Macerata - Fiorino di camera – Munt. 33 AU (g 3,38) RRR Esemplare di grandissima qualità in alta conservazione qFDC 10.000

145


ASTA 60

281

282

146

Alessandro VI (1492-1503) Fiorino di camera – Munt. 6 AU (g 3,40) RRR Di notevole conservazione SPL+

3.000

Alessandro VI (1492-1503) Fiorino di camera – Munt. 8 AU (g 3,41) Bellissimo esemplare

2.000

FDC


ASTA 60

283

Alessandro VI (1492-1503) Ancona - Fiorino di camera – Munt. 21 AU (g 3,36) RRR Bellissimo esemplare di questa rarissima moneta SPL+ 6.000

284

Giulio II (1503-1513) Fiorino di camera – Munt. 15 AU (g 3,37) R Modesta ondulazione del tondello ma di conservazione eccezionale FDC 1.000

285

Giulio II (1503-1513) Bologna – Giulio – Munt. 96 AG (g 4,36) RRR Bell’esemplare dal bel ritratto rinascimentale e con un nitido R/ BB/BB+ 4.000

147


ASTA 60

148

286

Leone X (1513-1521) Ducato papale – Munt. 5 AU (g 3,45) RRR

qSPL

3.000

287

Leone X (1513-1521) Ancona – Quarto di giulio – Munt. 86 AG (g 0,91) RRRR Due piccoli colpi nel campo del R/ SPL 1.000


ASTA 60

288

Leone X (1513-1521) Parma – Giulio – Munt. 136 AG (g 3,75) RRR Graffietti diffusi

BB+

8.000

289

Adriano VI (1522-1523) Doppio fiorino di camera – Munt. 1 AU (g 6,77) RRRR Piccoli depositi. Moneta di grande rarità, di gran lunga di più del già rarissimo fiorino. Il pontificato di Adriano VI durò appena un anno e nove mesi SPL/BB 30.000

149


ASTA 60

150

290

Adriano VI (1521-1523) Parma - Giulio 1522 – Munt. 20 AG (g 3,76) RRRRR Moneta di eccezionale rarità, specie in questa ottima conservazione SPL 7.000

291

Clemente VII (1523-1534) Doppio fiorino di camera – Munt. 14 AU (g 6,73) RRR Bell’esemplare SPL+

6.000


ASTA 60

292

Clemente VII (1523-1534) Modena - Ducato con lo stemma papale – Munt. 110 AU (g 3,39) RRRR Una modesta ondulazione del tondello. Modena per pochi anni fu strappata dal papa al duca di Ferrara che, tra l’altro, era un feudatario proprio della Chiesa. qSPL 15.000

293

Clemente VII (1523-1534) Modena - Ducato con ritratto – Munt. 111 AU (g 3,42) RRR Splendido esemplare di questa rarissima moneta. SPL 15.000

151


ASTA 60

152

294

Clemente VII (1523-1534) Modena – Mezzo giulio 1523 – Munt. 115 var. I AG (g 1,90) RRR

295

Paolo III (1534-1549) Fiorino di camera – Munt. 4 AU (g 3,41) RRR

SPL

2.000

qFDC

2.500


ASTA 60

296

Paolo III (1534-1549) Fiorino di camera – Munt. 6 AU (g 3,26) RRR

SPL+

2.000

297

Paolo III (1534-1549) Bologna – Scudo d’oro armetta Contarini – Munt. 93 AU (g 3,38) RR

qFDC

2.000

298

Paolo III (1534-1549) Bologna – Scudo d’oro – Munt. 90 AU (g 3,36)

qFDC

3.000

153


ASTA 60

154

299

Pio IV (1559-1565) Testone con la Resurrezione – CNI 1 154 AG RRRRR In slab PCGS AU58. Di questa affascinante moneta ne è noto un solo altro esemplare al Medagliere Vaticano qFDC 8.000

300

Pio IV (1559-1565) Avignone – Scudo d’oro 1562 – Munt. 60 AU (g 3,34) RRRRR Ex NAC 16, 1999, lotto 189. Di eccezionale rarità, tanto che da nostre ricerche questo esemplare dovrebbe essere l’unico presentato sul mercato da molti anni a questa parte. Del resto tutta la monetazione aurea tardo-cinquecentesca di Avignone è da ritenersi di grandissima rarità. SPL+ 25.000


ASTA 60

301

Pio IV (1559-1565) Bologna – Lira – Munt. 69 AG (g 9,88) RR tipo di moneta, opera sicuramente di un bravissimo incisore

Esemplare di ottima conservazione per questo SPL 2.000

302

Pio V (1566-1572) Bologna – Scudo d’oro – Munt. 45 AU (g 3,20) RR

303

Gregorio XIII (1572-1585) Fano - Testone – Munt. manca AG (g 9,60) RRR Modeste macchie, conservazione eccezionale per il tipo di moneta SPL 2.000

SPL

2.500

155


ASTA 60

156

304

Gregorio XIII (1572-1585) Medaglia – Opus: Giovanni Antonio De Rossi – CNORP 678 AG (g 20,31 – Ø 33 mm) RRR Esemplare eccezionale di questa stupenda medaglia dal vigoroso ritratto qFDC 1.200

305

Sisto V (1585-1590) Bologna - Doppia – Munt. 92 AU (g 6,63) RRRR Bell’esemplare di questa rarissima moneta SPL 10.000


ASTA 60

306

Sede Vacante (1591 e 1591-1592) Testone 1591 – Munt. 2 AG (g 7,96) RRRR Tosata ma moneta della più grande rarità con un prestigioso pedigree provenendo dalle aste Santamaria, Collezione Martinori, 1913, Kunst und Münzen, Collezione Grigoli, 1980, e NAC, Collezione GdF, 2014. BB/MB+ 5.000

307

Clemente VIII (1592-1605) Scudo d’oro – Munt. 6 AU (g 3,35) RRR Modesta ondulazione del tondello qSPL 5.000

308

Clemente VIII (1592-1605) Testone A. I – CNI 8; Munt. manca AG (g 9,32) RRR

SPL

2.000

157


ASTA 60

158

309

Paolo V (1605-1621) Quadrupla 1608 A. IV – Munt. 5 AU (g 13,37) RRR Ex Nomisma 52, lotto 1192. Un segno sullo stemma al D/ e piccole limature al bordo BB 20.000

310

Paolo V (1605-1621) Quadrupla A. XIII – Munt. 7 AU (g 13,40) RRR Di conservazione eccezionale per questo tipo di moneta. La monetazione di Paolo V è tra le più ricche della serie pontificia tra cinque e seicento. Imperniata com’è sull’argento, essendo state coniate grandi quantità di testoni, ne risulta che l’oro fu sempre un poco trascurato essendo evidentemente poco disponibile sul mercato sono quindi assai rare le quadruple di questo papa, il primo però ad averne emesse con una certa regolarità e non solo saltuariamente come fecero i suoi predecessori. SPL 30.000


ASTA 60

311

Paolo V (1605-1621) Medaglia 1606 A. II – Opus: Leonardo Benvenuti – CNORP 1041 AG (g 15,40 – Ø 33 mm) RRR Esemplare eccezionale di questa stupenda medaglia qFDC 2.000

312

Gregorio XV (1621-1623) Ferrara - Piastra 1621 – Munt. 38; CNI 4 AG (g 31,85) RRR Ex Spink Taisei. Piccola mancanza al D/ ma ottimo esemplare per questo tipo di moneta qSPL 8.000

159


ASTA 60

160

313

Urbano VIII (1623-1644) Scudo d’oro 1625 A. I Giubileo – Munt. 9 AU (g 13,37) RRR Ex Kunker 269, lotto 6293. Ribattuto al R/ (come spesso capita di trovare nelle monete di Urbano VIII) ma bell’esemplare qSPL 3.000

314

Urbano VIII (1623-1644) Avignone - Quadrupla 1642 – Munt. 208a AU (g 13,13) RR

315

Innocenzo X (1644-1655) Testone A. II – Munt. 25 AG (g 9,57) RR Esemplare di insolita conservazione, bellissimo esemplare ancora con fondi lucenti qFDC 1.800

BB+

8.000


ASTA 60

316

Innocenzo X (1644-1655) Bologna – Doppia 1654 – Munt. 99 var. (stemma diverso) AU (g 6,53) RRRRR Minimi graffietti nel campo del R/. Durante la metà del Seicento la zecca di Bologna emise ben poche quantità di monete d’oro come del resto tante altre zecche locali, fuori dai canali di approvvigionamento dei metalli che provenivano dalle americhe. Per tal motivo questa moneta rappresenta una occasione quasi unica per poter mettere in collezione una moneta aurea di papa Innocenzo X. Del resto sono di estrema rarità anche le coeve emissioni della zecca della capitale. SPL 15.000

317

Alessandro VII (1655-1667) Scudo d’oro – Munt. 4 AU (g 3,34) RRRR

SPL

12.000

161


ASTA 60

162

318

Alessandro VII (1655-1667) Bologna – Scudo d’oro 1660 – Munt. 60b; Prezzario 75/G (con questa data conosciuto un solo esemplare dal Medagliere Vaticano) AU (g 3,28) RRRRR Schiacciatura sul margine ma bellissimo esemplare. Moneta di estrema rarità! Ex Nomisma, 41, lotto 1212 SPL 7.500

319

Clemente X (1670-1676) Scudo d’oro 1675 Giubileo – Munt. 8 AU (g 3,36) RRRR Ondulazione del tondello SPL 9.000


ASTA 60

320

Clemente X (1670-1676) Giulio – Munt. 31 AG (g 3,27) RRR Moneta assai rara a trovarsi in questa conservazione SPL/qFDC 1.800

321

Innocenzo XI (1676-1689) Quadrupla 1687 A. XII – Munt. 8 AU RRRR Conservazione eccezionale questa moneta appartiene alla ricchissima serie papale con al rovescio i motti che incitavano alla carità ed alla beneficenza. Tutte le quadruple di papa Innocenzo XI sono da ritenersi di grande rarità e, per la precisione del conio di certo tra le più belle e prestigiose dell’intera monetazione pontificia. qFDC 60.000

163


ASTA 60

164

322

Innocenzo XI (1676-1689) Doppia 1684 A. IX – Munt. 14 AU (g 6,68) RRR Ex Nomisma 52, lotto 1218. qSPL/SPL 12.000

323

Innocenzo XI (1676-1689) Testone A. III – Munt. 56 AG RR In slab PCGS MS63. Conservazione eccezionale FDC 1.500

324

Alessandro VIII (1689-1691) Piastra 1690 A. I – Munt. 11 AG (g 32,07) Un minimo graffietto nel campo del D/ ma ottimo esemplare con splendida patina di vecchia raccolta SPL+/qFDC 3.000


ASTA 60

325

Clemente XI (1700-1721) Quadrupla 1706 A. VI – Munt. 2 AU (g 13,32) RRR Da montatura non deturpante BB+ 30.000

326

Clemente XI (1700-1721) Doppia 1700 A. I Giubileo – Munt. 5 AU (g 6,70) RRR Screpolature nei campi ma di ottima qualità SPL+ 4.000

165


ASTA 60

166

327

Clemente XI (1700-1721) Doppia A. XIV – Munt. 7 AU (g 6,70) RRR Graffi nel campo del R/ ma di qualità eccezionale qFDC/FDC 30.000

328

Clemente XI (1700-1721) Scudo d’oro A. XVIII – Munt. 25 var. I AU (g 3,36) RR Conservazione eccezionale qFDC/FDC 4.000


ASTA 60

329

Clemente XI (1700-1721) Scudo d’oro A. XX – Munt. 17 AU (g 3,35) RRR Moneta molto rara e affascinante in grandissima qualità qFDC 5.000

330

Clemente XI (1700-1721) Piastra A. XIII – Munt. 38 AG (g 31,82) RR Bella patina

qSPL

3.000

167


ASTA 60

168

331

Clemente XI (1700-1721) Mezza piastra 1705 A. V – Munt. 52 AG (g 15,94) RR

qSPL

2.000

332

Clemente XI (1700-1721) Bologna – Bolognino anonimo sigla C F – Munt. 209 MI RRR In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale con stupenda mistura brillante FDC 2.500


ASTA 60

333

Innocenzo XIII (1721-1724) Mezzo scudo d’oro A. III – Munt. 3 AU (g 1,65) RRRR

qFDC

10.000

334

Innocenzo XIII (1721-1724) Giulio 1721 del Possesso – Munt. 9 AG RR In slab PCGS MS66. Conservazione eccezionale con stupenda patina iridescente FDC 1.200

169


ASTA 60

170

335

Sede Vacante (1724) Piastra 1724 – Munt. 2 AG (g 31,80) RRRR Conservazione eccezionale, specie per questo tipo di moneta e per questa piastra di Sede Vacante, probabilmente il migliore conosciuto qFDC 30.000

336

Benedetto XIII (1724-1730) Scudo d’oro 1725 A. II Anno Santo – Munt. 3 AU (g 3,33) RRR Conservazione eccezionale FDC 10.000


ASTA 60

337

Benedetto XIII (1724-1730) Medaglia 1728 Accademia di San Luca – AG (medaglione interno) e AG dorato (?) (corona esterna) (g 129,72) RRR Conservazione eccezionale e piccolo capolavoro di oreficeria presentando la corona esterna e il medaglione centrale perfettamente integrati l’uno con l’altra mentre il millesimo 1728 è stato ottenuto incastonando il numero 28 dopo 17 riutilizzando così un esemplare con data precedente. SPL+ 3.000

338

Clemente XII (1730-1740) Mezza piastra 1736 A. VII – Munt. 19 AG (g 14,75) Conservazione eccezionale con una splendida patina iridescente FDC 3.000

171


ASTA 60

172

339

Clemente XII (1730-1740) Testone 1736 – Munt. 23 AG (g 8,43) Minimo graffietto di conio al D/ ma di conservazione eccezionale con una delicata patina iridescente FDC 1.000

340

Benedetto XIV (1740-1758) Zecchino 1749 A. IX – Munt. 17 AU (g 3,42) RR Esemplare eccezionale e assai raro. FDC 2.500

341

Benedetto XIV (1740-1758) Mezzo zecchino 1747 – Munt. 26 AU (g 1,70) RRRR Esemplare eccezionale e assai raro. I mezzi zecchini sono spesso rari ma praticamente introvabili in bellissima qualità come questo esemplare SPL/FDC 2.000


ASTA 60

342

Benedetto XIV (1740-1758) Mezzo zecchino 1748 – Munt. manca AU (g 1,69) RRR Splendido esemplare di questo rarissimo millesimo, bella patina rossastra qFDC 1.000

343

Clemente XIII (1758-1769) Zecchino 1764 A. VI – Munt. 6a var. AU (g 3,42) RRRR Variante inedita senza punto dopo A. VI, di conservazione eccezionale praticamente introvabile in questa qualità. Uno zecchino di Clemente XIV con la stessa variante inedita in asta Nomisma 53, lotto 1568 ha realizzato 2.500 euro FDC 3.000

173


ASTA 60

174

344

Clemente XIII (1758-1769) Mezzo zecchino 1767 A. IX – Munt. 8a (citato dal Museo Vaticano) AU (g 1,71) RRRR SPL 3.000

345

Clemente XIV (1769-1774-1721) Zecchino 1769 A. I – Munt. 1 AU (g 3,42)

346

Pio VI (1774-1799) 2 Doppie 1777 – Munt. 1 AU (g 10,93) RRR Esemplare di conservazione eccezionale, sicuramente tra i migliori conosciuti FDC 12.000

FDC

1.000


ASTA 60

347

Pio VI (1774-1799) Mezzo zecchino 1796 A. XXII – Munt. 16 AU (g 1,69) RRRRR Il mezzo zecchino fu coniato sul finire del pontificato di Pio VI quando ormai cominciava la tempesta finale sul sistema monetario papale. Probabilmente per questo si tratta di una emissione di eccezionale rarità qFDC 8.000

348

Pio VI (1774-1799) Bologna – 2 Doppie 1787 – Munt. 167 AU (g 10,90) RR Minimi graffietti nei campi, minimo colpetto al bordo SPL+ 5.000

175


ASTA 60

176

349

Pio VI (1774-1799) Bologna – Doppia 1789 – Munt. 180b AU (g 5,46) RR Minimi graffietti nei campi ma di qualità eccezionale per il tipo di moneta FDC 4.000

350

Pio VI (1774-1799) Bologna – Mezza doppia 1788 – Munt. 193b AU (g 2,72) RRR Minimi graffietti nei campi ma di qualità eccezionale per il tipo di moneta qFDC 4.000


ASTA 60

351

Pio VI (1774-1799) Bologna – Scudo 1782 A. VIII – Munt. 197 AG (g 26,50) Ex InAsta, 73, 2018, lotto 759. Un esemplare FDC in asta Sincona 29, 2016, ha realizzato 35.000 franchi svizzeri SPL+ 3.000

352

Ronciglione – Occupazione austriaca (1799) 3 Baiocchi 1799 in argento – AG RRR In slab PCGS SP63. Conservazione eccezionale FDC 5.000

177


ASTA 60

178

353

Sede Vacante (1823) Scudo 1823 – Nomisma 83 AG (g 26,38) RR

SPL/SPL+

4.000

354

Sede Vacante (1823) Bologna – Mezzo Scudo 1823 – Nomisma 84 AG (g 13,21) Conservazione eccezionale. Un esemplare con grading MS67 della PCGS nell’asta della Numismatica Genevensis del 3 dicembre 2018 ha realizzato 4.000 franchi svizzeri FDC 1.500


ASTA 60

355

Pio VIII - Medaglia 1829 A. I Elezione al Pontificato – Opus: Ulisse Davilli – CNORP 19 AG (Ø 40 mm) RRRR In slab PCGS SP61 FDC 2.000

356

Gregorio XVI (1831-1846) 10 Scudi 1844 A. XIV – Nomisma 144 AU (g 17,36) RRR Minimo colpetto al bordo e minimo graffietto sulla guancia al D/ qSPL/SPL 2.500

357

Gregorio XVI (1831-1846) 5 Scudi 1838 A. VIII – Nomisma 156 AU (g 8,66) RRR Minimo colpetto al D/ SPL/qFDC 2.000

179


ASTA 60

180

358

Gregorio XVI (1831-1846) Medaglia 1842 A. XI premio al marchese Filippo Resta – Opus: Girometti – Boccia 153 (indicata come inedita) AU (g 47,63 – Ø 42 mm) RRRRR Piccole abrasioni al bordo. Filippo Resta fu il comandante generale delle milizie papali. Nel 1842 si congedò dalla vita militare per dedicarsi alla sua grande passione, la poesia. Morirà nel 1853. Il diritto di questa medaglia viene dal conio utilizzato per l’annuale dell’A. XI. SPL 7.500

359

Pio IX (1846-1870) 100 Lire 1866 A. XXI – Nomisma 617 AU RR In slab PCGS MS63. Conservazione eccezionale FDC 6.000


ASTA 60

360

Pio IX (1846-1870) 100 Lire 1868 A. XXIII – Nomisma 618 AU RRR In slab PCGS MS62. Conservazione eccezionale FDC 10.000

361

Pio IX (1846-1870) 100 Lire 1869 A. XXIV – Nomisma 620 AU RRRR In slab PCGS MS61. Conservazione eccezionale FDC 10.000

181


ASTA 60

182

362

Pio IX (1846-1870) 50 Lire 1870 A. XXIV – Nomisma 623 AU (g 16,12) RRR Conservazione eccezionale FDC 8.000

363

Pio IX (1846-1870) 10 Lire 1867 A. XXI – Nomisma 637 AU R In slab PCGS MS64PL. Conservazione eccezionale con fondi speculari FDC 2.000


ASTA 60

364

Pio IX (1846-1870) 2 Lire 1866 A. XX – Nomisma 645 (indicata R/5 senza valutazione) AG RRRRR In slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale con fondi speculari FDC 20.000

365

Pio XI (1922-1939) 100 Lire 1937 A. XVI – Nomisma 699 AU RRR Sigillato FDC da Il Monetaio FDC

366

3.000

Pio XI (1922-1939) 10 Centesimi 1938 – Nomisma 701 CU RRRR In slab PCGS MS64BN. Conservazione eccezionale in rame rosso FDC 4.000

183


ASTA 60

184

367

Pio XI (1922-1939) Divisionale 1930: 10, 5, 2 e Lira, 50, 20, 10 e 5 Centesimi “Specimen set” – Nomisma 703b (questa serie illustrata) AG, NI, CU RRRR Gli otto esemplari in slab PCGS da SP65 a SP67 e l’indicazione Specimen set 1930. Serie di otto valori (oro escluso). Furono coniate dieci serie fondo specchio che furono donate al Papa e ad altissimi prelati FS 10.000

368

Pio XI (1922-1939) Medaglia A. XI – Opus: Mistruzzi – Bart. 932 AU (g 57,41) RRR

FDC

3.500


ASTA 60

369

Pio XI (1922-1939) Medaglia A. XIII – Opus: Mistruzzi – Bart. 934 AU (g 60,15) RRR

FDC

3.500

370

Pio XI (1922-1939) Medaglia A. XIV – Opus: Mistruzzi – Bart. 935 AU (g 61,65) RRR Minimo colpetto al bordo FDC 3.500

185


ASTA 60 MONETE E MEDAGLIE DEI SAVOIA

186

371

Carlo II (1504-1553) Scudo d’oro 1552 Aosta – MIR 335 (indicato R/9) AU (g 3,38) RRRRR

SPL

20.000

372

Emanuele Filiberto (1553-1580) Scudo d’oro 1562 sigla T B C – MIR 496a AU (g 3,32) RR SPL/qFDC

2.000


ASTA 60

373

Carlo Emanuele I (1580-1630) Lira Vercelli – MIR 628G AG (g 12,28) RRR Graffietti e piccole screpolature nei campi, bella patina di vecchia raccolta qSPL/SPL 15.000

374

Carlo Emanuele II (reggenza della madre Maria Cristina di Francia, 1638-1648) Quadrupla 1641 – MIR 739a AU RRR Sigillato BB/SPL “carenze di tondello” da Raffaele Negrini BB/SPL 4.000

187


ASTA 60

375

188

Carlo Emanuele II (reggenza della madre Maria Cristina di Francia, 1638-1648) Quadrupla 1642 al torchio – Cudazzo 742b (indicata R/9) AU (g 13,12) RRRR Graffi di conio al D/ ed una screpolatura al D/ ed al R/ ma splendido esemplare di questa rarissima moneta. Durante la reggenza di Cristina di Francia per il figlio Carlo Emanuele II la monetazione aurea fu piuttosto abbondante andando dai famosi e prestigiosi multipli da 20 e soprattutto da 10 scudi fino alle abbondanti quadruple datate dal 1639 al 1648. Queste monete furono tutte battute a martello secondo gli antichi sistemi in uso nella zecca di Torino. Nel 1642 furono evidentemente fatti degli esperimenti per battere le monete al torchio come è testimoniato dai rarissimi esemplari con questo millesimo. Il modulo regolare e la grande rarità fanno di questa moneta un pezzo di indubbio prestigio nella monetazione sabauda SPL/qFDC 50.000


ASTA 60

376

Carlo Emanuele II (1648-1675) Doppia 1675 – MIR 805 AU (g 6,66) RRR Una screpolatura lungo la guancia al D/ e minimi graffietti di conio al R/ ma bell’esemplare SPL+ 10.000

377

Vittorio Amedeo II (reggenza della madre, Maria Giovanna Battista, 1675-1680) Doppia 1678 – MIR 835d AU (g 6,66) RR Piccola mancanza sulla guancia al D/ SPL+ 4.000

189


ASTA 60

190

378

Vittorio Amedeo II (1680-1730) Lira 1718 – MIR 886b AG (g 6,14) RR Conservazione eccezionale per questo tipo di moneta con argentatura brillante e splendidi fondi FDC 4.000

379

Carlo Emanuele III (1730-1773) Mezza lira 1733 – Nomisma 28 (indicata R/3) AG (g 2,95) RRR Il miglior esemplare conosciuto di questa rarissima moneta SPL/FDC 3.000


ASTA 60

380

381

Carlo Emanuele III (1730-1773) Doppia 1763 – Nomisma 119; MIR 943h AU RR In slab NGC MS62 FDC

7.500

Carlo Emanuele III (1730-1773) Doppia 1769 – Nomisma 125; MIR 943n AU (g 9,60) RR Colpo di lima al ciglio del D/ SPL/SPL+ 4.000

191


ASTA 60

192

382

Carlo Emanuele III (1730-1773) Mezza doppia 1756 – Mezza doppia 1756 – Nomisma 130; MIR 944b AU (g 4,82) R qFDC 2.500

383

Carlo Emanuele III (1730-1773) Mezza doppia 1766 – Nomisma 140 (indicata R/4); MIR 944l (indicata R/8) AU (g 4,78) RRRR Minimo graffietto al D/ BB+/SPL 3.000


ASTA 60

384

Carlo Emanuele III (1730-1773) Scudo 1756 – Nomisma 151; MIR 946b AG (g 35,19) Bella patina iridescente SPL+ 1.500

385

Carlo Emanuele III (1730-1773) Scudo 1765 – Nomisma 157; MIR 946h AG (g 35,18) Splendido esemplare qFDC 2.000

193


ASTA 60

194

386

Vittorio Amedeo III (1773-1796) Doppia 1773 – Nomisma 276 (indicata R/4); MIR 981a (indicata R/7) AU (g 9,63) RRRR Le doppie di Vittorio Amedeo III con millesimo antecedente il 1786, cioè con lo stemma al R/, sono tutte di grande rarità perché più pesanti di quelle successive al 1786 e quindi probabilmente ritirate. SPL 20.000

387

Vittorio Amedeo III (1773-1796) Doppia 1793 – Nomisma 294; MIR 982h AU RR In slab NGC MS64. Conservazione eccezionale FDC 5.000


ASTA 60

388

Carlo Emanuele IV (1796-1802) Doppia 1799 – Nomisma 476; MIR 1010c AU (g 9,12) RRRR Piccole screpolature al D/ e sul bordo ma bell’esemplare. Dei quattro millesimi di questa tipologia, dal 1797 al 1800, il 1799 è di gran lunga il più raro qSPL 3.000

389

Carlo Emanuele IV (1796-1802) Mezza doppia 1797 – Nomisma 478; MIR 1011a AU (g 4,56) RR Graffietti di conio SPL 4.000

390

Vittorio Emanuele I (1814-1821) Mezzo scudo 1814 – Nomisma 500 AG RR In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale FDC 10.000

195


ASTA 60

391

196

Vittorio Emanuele I (1814-1821) 80 Lire 1821 – Nomisma 507 AU RRR Minimi colpetti al bordo e modestissime macchie al D/ ma esemplare di conservazione decisamente oltre la media, con ottimi rilievi da prime battiture SPL+ 40.000


ASTA 60

392

Vittorio Emanuele I (1814-1821) 20 Lire 1821 – Nomisma 513 AU RRR Variante con PRINC e punto. Conservazione eccezionale. Sicuramente di gran lunga il miglior esemplare conosciuto FDC 150.000

197


ASTA 60

198

393

Vittorio Emanuele I (1814-1821) 5 Lire 1816 – Nomisma 515 AG RR In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale con bellissima patina leggera FDC 10.000

394

Vittorio Emanuele I (1814-1821) 5 Lire 1819 – Nomisma 518 AG R Conservazione eccezionale con bellissima patina iridescente FDC 5.000


ASTA 60

395

Vittorio Emanuele I (1814-1821) 5 Lire 1821 – Nomisma 520 AG RRR In slab NGC MS61

FDC

30.000

396

Carlo Felice (1821-1831) 40 Lire 1825 T – Nomisma 537 AU R Porosità al D/ ma esemplare di ottima qualità, molto raro a trovarsi in questa conservazione SPL+/qFDC 2.500

199


ASTA 60

200

397

Carlo Felice (1821-1831) 20 Lire 1827 G – Nomisma 547 AU RRR Minimo colpetto al bordo. Bell’esemplare per questo rarissimo millesimo coniato in soli 1.766 esemplari. Nella nostra asta 43 del 2011 un esemplare BB+/SPL e con qualche piccolo difetto ha realizzato 26.000 euro più diritti. BB+ 4.000

398

Carlo Alberto (1831-1849) 100 Lire 1834 T – Nomisma 626 AU Due minimi graffietti sulla guancia al D/ ed un minimo colpo ma bell’esemplare dai fondi brillanti qFDC/FDC 2.000


ASTA 60

399

Carlo Alberto (1831-1849) 100 Lire 1842 T – Nomisma 633 AU RR

SPL

3.000

400

Carlo Alberto (1831-1849) 50 Lire 1836 T – Nomisma 636 AU RR Emissione dichiarata di soli 385 esemplari. Conservazione eccezionale FDC 8.000

201


ASTA 60

202

401

Carlo Alberto (1831-1849) 20 Lire 1842 G – Nomisma 655 AU Conservazione eccezionale con i fondi speculari qFDC/FDC 1.500

402

Carlo Alberto (1831-1849) 20 Lire 1847 s.s.z. – Nomisma 663 AU RR Millesimo di grande rarità a trovarsi in questa conservazione SPL+/qFDC 2.500


ASTA 60

403

Carlo Alberto (1831-1849) 2 Lire 1845 T – Nomisma 715 AG RR Bellissimo esemplare SPL+/qFDC

404

4.000

Carlo Alberto (1831-1849) 2 Lire 1846 T – Nomisma 716 AG RR Conservazione eccezionale. Nella nostra asta 48, 2013, un esemplare simile ha realizzato 11.500 euro più diritti. FDC 6.000

203


ASTA 60

204

405

Carlo Alberto (1831-1849) Lira 1835 G – Nomisma 721; Pag. 297 AG RR Minima screpolatura sulla guancia al D/ ma splendido esemplare. Ex Collezione Rocca SPL 4.000

406

Carlo Alberto (1831-1849) 50 Centesimi 1847 T – Nomisma 735; Pag. 329 AG RRR Difetto di conio al bordo ma splendido esemplare. Ex Collezione Mantegazza SPL/SPL+ 2.500


ASTA 60

407

Vittorio Emanuele II (1849-1861) 5 Lire 1854 G – Nomisma 778 AG R Un minimo graffietto nel campo del D/ FDC 3.000

408

Vittorio Emanuele II (1849-1861) 5 Lire 1856 T – Nomisma 783 AG RR Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 5.000

205


ASTA 60

206

409

Vittorio Emanuele II (1849-1861) 5 Lire 1859 G – Nomisma 788 AG R Minimi colpetti al bordo ma splendido esemplare FDC 5.000

410

Vittorio Emanuele II (1849-1861) 5 Lire 1860 T – Nomisma 790 AG R Minimi graffietti al D/ ed uno sullo stemma al R/ ma splendido esemplare FDC 2.000


ASTA 60

411

Vittorio Emanuele II (1849-1861) 2 Lire 1854 T – Nomisma 797 AG RR In slab PCGS MS67 “NGSA 30 Years”. Conservazione eccezionale con bellissima patina iridescente FDC 30.000

412

Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 10 Lire 1860 B – Nomisma 822 AU RR Tiratura di soli 1.145 esemplari. Minimi graffietti al D/ e colpetto al bordo qFDC 10.000

207


ASTA 60

208

413

Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 5 Lire 1859 B – Nomisma 823 AG RR Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 15.000

414

Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 5 Lire 1860 B prova in rame o bronzo, bordo liscio – P.P. manca CU (g 23,24) RRRRR Ex Collezione Rocca, lotto 269. Minimi graffietti al D/ SPL+/qFDC 8.000


ASTA 60

415

Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 5 Lire 1860 B – Nomisma 824 AG RR In slab PCGS MS62. Conservazione eccezionale FDC 15.000

416

Vittorio Emanuele II re eletto (1859-1861) 2 Lire 1860 B – Nomisma 826 AG RR In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale FDC 8.000

417

Lira e 50 Centesimi 1859 B – Nomisma 829, 834 AG R Lotto di due monete entrambe in slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale FDC 3.000

209


ASTA 60 REGNO D’ITALIA

418

210

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 100 Lire 1864 T – Nomisma 843 AU RRR Tiratura di 579 esemplari SPL/SPL+ 30.000


ASTA 60

419

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 50 Lire 1864 T – Nomisma 846 AU RRRR Tiratura di 103 esemplari. Una delle monete più rare e ricercate del Regno d’Italia BB+/qSPL 150.000

211


ASTA 60

420

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 20 Lire 1873 R – Nomisma 862 AU RRR In slab PCGS MS62. Conservazione eccezionale FDC 20.000 Il giuramento di Vittorio Emanuele II a Palazzo Madama, Torino

421

212

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 5 Lire 1861 F – Nomisma 877 AG RR In slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale con fondi satinati. Per noi è il miglior esemplare conosciuto FDC 30.000


ASTA 60

422

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 5 Lire 1861 T – Nomisma 878 AG RR Minimi graffietti da contatto e minimi colpetti al bordo, bellissimo esemplare di qualità superiore per questo tipo di moneta SPL+/qFDC 7.500

423

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 5 Lire 1865 N – Nomisma 882 AG R Esemplare di conservazione eccezionale impreziosito da una splendida patina iridescente FDC 1.500

213


ASTA 60

214

424

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 2 Lire 1862 N – Nomisma 904 AG RR In slab NGC MS64. Conservazione eccezionale con una delicata patina di vecchia raccolta FDC 10.000

425

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 2 Lire 1863 T valore – Nomisma 908 AG R In slab PCGS MS63. Conservazione eccezionale FDC 2.500


ASTA 60

426

Vittorio Emanuele II (1861-1878) Lira 1861 F – Nomisma 909 AG R In slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale con una stupenda patina iridescente FDC 10.000

427

Vittorio Emanuele II (1861-1878) Lira 1861 T – Nomisma 910 AG RRR Conservazione eccezionale per il tipo di moneta FDC 20.000

428

Vittorio Emanuele II (1861-1878) Lira 1863 T valore – Nomisma 918 AG RRR Colpetto al bordo ed una modesta macchia al R/ ma piacevole esemplare di questa moneta praticamente introvabile in altissima qualità BB+ 4.000

215


ASTA 60

429

216

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 20 Centesimi 1863 T Stemmino – Nomisma 932 AG RRRR Una delle massime rarità del Regno d’Italia. A seguito della prima tiratura di 461 pezzi come prova di circolazione fu deciso di variarne il rovescio. Ne sono sopravvissuti pochissimi esemplari. In slab PCGS MS64. Conservazione eccezionale con fondi speculari, il più bel pezzo conosciuto dei pochissimi noti FDC 100.000


ASTA 60

430

Vittorio Emanuele II (1861-1878) 20 Centesimi 1863 T BN rovesciato – Nomisma 935 AG RRRR In slab PCGS MS62. Conservazione eccezionale con fondi speculari FDC 5.000

431

Umberto I (1878-1900) 100 Lire 1883 – Nomisma 972 AU R Conservazione eccezionale con i fondi speculari qFDC 5.000

432

Umberto I (1878-1900) 100 Lire 1891 – Nomisma 974 AU RRR Tiratura di soli 209 esemplari. In slab PCGS MS61 qFDC 15.000

217


ASTA 60

218

433

Umberto I (1878-1900) 50 Lire 1884 – Nomisma 975 AU R In slab PCGS MS61

SPL+/qFDC

5.000

434

Umberto I (1878-1900) Progetto da 20 Centesimi 1893 – P.P. 128 NI (g 3,97) RRRRR Moneta estremamente rara da reperire sul mercato numismatico, trattasi infatti dell’esemplare catalogato PP95 sul Luppino “Prove e progetti” con tondello più sottile e zigrinatura diversa nel contorno, peso grammi 3,97. Dalle ricerche da noi effettuate ci risulta essere apparso solamente nella collezione Rocca e successivamente (lo stesso esemplare) nell’asta Nomisma 41 del 26 marzo 2010. FDC 3.000


ASTA 60

435

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1903 – Nomisma 1045 AU RR Sigillato FDC da Alberto Varesi. Esemplare di qualità eccezionale. Essendo sigillata, la moneta è protetta da velina, come è evidente dalla foto FDC 40.000

219


ASTA 60

436

220

100 Lire 1903 – Nomisma 1045 AU RR In slab PCGS MS62PL. Conservazione eccezionale con i fondi speculari FDC 50.000


ASTA 60

437

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1905 – Nomisma 1046 AU RR Conservazione eccezionale, il più bel pezzo da noi visto FDC 30.000

438

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1905 – Nomisma 1046 AU RR Sigillato qFDC/FDC “ottimo esemplare” da Emilio Tevere qFDC/FDC 18.000

221


ASTA 60

222

439

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1910 Prova – P.P. 156 MD (g 17,56) RRR

FDC

1.500

440

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100, 50, 20 e 10 Lire 1912 – Nomisma 1048, 1063, 1078, 1102 AU RR Lotto di quattro monete tutte in slab NGC nell’ordine: MS64+, MS63, MS64, MS63. Tutte in conservazione eccezionale FDC 25.000


ASTA 60

441

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1925 – Nomisma 1054 AU RR Questa stupenda moneta, di certo una delle più belle della monetazione di Vittorio Emanuele III, è stata battuta con i conii opera di Aurelio Mistruzzi, all’epoca già incisore per il papa. In questa moneta egli ha saputo unire i rilievi propri di una medaglia con quelli di una moneta. La satinatura ha poi contribuito a creare un piccolo capolavoro a metà strada tra una moneta ed una medaglia. Del resto è noto che essa non era destinata alla circolazione ma fu venduta direttamente ai collezionisti richiedenti per celebrare il decennale della vittoria nella prima guerra mondiale qFDC 8.000

223


ASTA 60

442

224

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Divisionale 1936 Impero Prova – Luppino PP120; Nomisma P6; P.P. 161 e segg. AU RRRRR Undici valori in astuccio anonimo. Un insieme eccezionale del quale, da nostre ricerche, risulterebbero non piÚ di tre serie complete FDC 75.000


ASTA 60

443

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1936 Prova – Luppino PP120; Nomisma P6; P.P. 161 AU (g 8,79) RRRR Insignificanti graffietti da contatto al D/. Mano a mano che ci si avvicina al periodo bellico sembra che la Regia Zecca batta sempre meno monete con l’indicazione PROVA e diminuiscono molto anche i progetti. Tutti i testi confermano del resto l’estrema rarità dei pezzi di PROVA della serie coniata nel 1936 per celebrare l’Impero. FDC 20.000

444

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 e 50 Lire 1936 – Nomisma 1059, 1071 AU RRR Lotto di due monete entrambe in slab PCGS MS65+ il 100 lire e MS65 il 50 FDC 22.000

225


ASTA 60

226

445

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1936 – Nomisma 1059 AU RRR

FDC

446

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 100 Lire 1937 – Nomisma 1060 AU RRRR Tiratura di soli 249 esemplari. In slab PCGS MS65 FDC 40.000

447

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 50 Lire 1936 – Nomisma 1071 AU RRR

FDC

10.000

10.000


ASTA 60

448

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1902 – Nomisma 1072 AU RRRR Tiratura di 181 esemplari. Sigillato SPL/FDC da Eupremio Montenegro SPL/qFDC 30.000

227


ASTA 60

449

228

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1902 Ancoretta – Nomisma 1073 AU RRRR Tiratura di 115 esemplari. In slab NGC MS66*DPL FDC 60.000


ASTA 60

450

451

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1927 A. V Prova di stampa – Nomisma P16 AG RRRR FDC

8.000

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1927 A. V – Nomisma 1083 AG RRR Tiratura di 100 esemplari. In slab PCGS MS66 “NGSA 30 years”. Conservazione eccezionale FDC 10.000

229


ASTA 60

230

452

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1928 Elmetto Prova di stampa – P.P. 204 AG (g 20,01) RRRR Insignificanti graffietti FDC 5.000

453

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1928 Elmetto – Nomisma 1093 AG In slab PCGS MS64+ “NGSA 30 years” FDC 2.000


ASTA 60

454

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1929 A. VII – Nomisma 1086 AG RRR Tiratura di 50 esemplari FDC 7.000

455

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1930 A. VIII – Nomisma 1087 AG RRR Tiratura di 50 esemplari FDC 7.000

231


ASTA 60

232

456

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1932 A. X – Nomisma 1089 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 7.000

457

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1933 A. XI – Nomisma 1090 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 7.000


ASTA 60

458

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1934 A. XII – Nomisma 1091 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 7.000

459

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1941 – Nomisma 1100 AG RRRR Tiratura di soli 20 esemplari FDC 15.000

233


ASTA 60

234

460

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 10 Lire 1912 – Nomisma 1102 AU RR Sigillato FDC da Angelo Bazzoni. Insignificante graffietto al D/ FDC 6.000

461

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 10 Lire 1934 – Nomisma 1120 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 3.000


ASTA 60

462

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1901 – Nomisma 1128 AG RRRR Tiratura di 114 esemplari. In slab NGC MS63 FDC 60.000

463

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1914 – Nomisma 1130 AG RR In slab PCGS MS63. Conservazione eccezionale SPL+/FDC 6.000

235


ASTA 60

236

464

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1926 2a Prova tecnica – P.P. 225 NI RRRR In slab PCGS SP67 “NGSA 30 years” FDC 7.000

465

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1933 – Nomisma 1141 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 2.500

466

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1934 – Nomisma 1142 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 2.500


ASTA 60

467

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 5 Lire 1935 – Nomisma 1143 AG RRR Tiratura di soli 50 esemplari FDC 2.400

468

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1901 – Nomisma 1151 AG RR In slab PCGS MS63. Conservazione eccezionale FDC 6.000

237


ASTA 60

238

469

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1903 – Nomisma 1153; Pag. 727 AG RRR Moneta di eccezionale rarità a reperirsi in stato zecca tanto che Gigante la quota in FDC più di quattro volte della qualità SPL. Nella nostra asta 42 del 2010 in conservazione FDC ha realizzato 33.000 euro più diritti. FDC 25.000

470

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1903 – Nomisma 1153 AG RRR In slab PCGS AU55 qFDC/FDC

10.000


ASTA 60

471

472

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1914 Prova – Nomisma P29; P.P. 241 AG (g 10,04) RR FDC

2.500

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1927 – Nomisma 1171 NI RR In slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale FDC 4.000

239


ASTA 60

240

473

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 2 Lire 1928 A. VI Fiera di Milano – Nomisma 1408 AU (g 17,47) RRRR Coniati solamente 100 esemplari. Marcato K18 nel campo del R/. Colpetto al bordo qFDC 20.000

474

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Lira 1907 Progetto – P.P. 255 AG RRRR Questo pezzo rappresenta la prima prova eseguita dalla Regia Zecca con i modelli del Calandra e con l’incisione di Luigi Giorgi. In slab PCGS SP65. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 5.000


ASTA 60

475

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Lira 1908 Prova – P.P. 256 AG RRRR In slab PCGS SP65. Conservazione eccezionale con splendida patina iridescente FDC 5.000

476

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Lira 1938 – Nomisma 1221 AC RRRR Tiratura di soli 20 esemplari. Modeste macchie FDC 3.000

477

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 50 Centesimi 1921 R – Nomisma 1238 NI In slab PCGS MS64 “reeded edge”. Conservazione eccezionale FDC 5.000

241


ASTA 60

242

478

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 50 Centesimi 1924 R – Nomisma 1240 NI RR In slab PCGS MS64 “reeded edge”. Conservazione eccezionale FDC 5.000

479

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 50 Centesimi 1938 – Nomisma 1255 NI RRRR Tiratura di soli 20 esemplari. Abrasioni da pulitura SPL+ 2.500

480

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 25 Centesimi 1918 Prova di lega metallica – P.P. 288; Luppino 216bis MI (g 2,00) RRRR Sul bordo II in incuso. Modesta porosità superficiale FDC 1.500


ASTA 60

481

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 10 Centesimi 1908 Prova – Nomisma P57 CU RRR In slab PCGS SP66BN. Conservazione eccezionale FDC 10.000

243


ASTA 60

482

244

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 10 Centesimi 1908 – Nomisma 1307 CU RRRRR In slab PCGS MS63BN. Conservazione eccezionale FDC 120.000


ASTA 60

483

Vittorio Emanuele III (1900-1946) 10 Centesimi 1915 Progetto prova – P.P. 341 NI (g 3,00) RRRR Nell’asta Nomisma 57, 2018, questo rarissimo progetto realizzò 7.400 euro più diritti. Negli anni del primo conflitto mondiale la Regia Zecca fu molto attiva nel progettare nuove monete in metalli diversi da quelli utilizzati dall’industria bellica. Paradossalmente ci sono progetti piuttosto comuni ma anche emissioni davvero rarissime come questa FDC 4.000

484

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Eritrea – Tallero 1918 Prova – Nomisma P71; P.P. 391 AG (g 28,12) RR In slab NGC MS62 FDC 1.500

245


ASTA 60

246

485

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Somalia - Rupia 1910 Prova sabbiata – Nomisma P73; P.P. manca AG (g 11,70) RRR FDC 3.000

486

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Somalia - 4 Bese 1913 – Nomisma 1431 CU RR In slab PCGS MS65BN. Conservazione eccezionale FDC 1.800

487

Vittorio Emanuele III (1900-1946) Albania – 10 Lek 1939 A. XVII Prova – Nomisma P45 AG (g 10,02) RRRR FDC 3.000


ASTA 60

488

CROCE ROSSA - Medaglia 1918 – Cavazzoni 17 AU (g 15,94) RRR Numerato 221

FDC

12.000

489

Repubblica Sociale Italiana (1943-1945) 10 Centesimi 1943 Aosta – Gig. 1 (definita “moneta campione”) AC RRRRR In slab PCGS MS65. Conservazione eccezionale. Dal Catalogo Gigante riprendiamo la descrizione di quanto segue: «La coniazione di queste monete campione fu effettuata nella zecca di Aosta (stabilimenti Cogne), dopo il 26 luglio del 1944 con “materiale creatore” predisposto precedentemente a Roma. Gli esemplari di questa moneta che sono rimasti integri differiscono notevolmente l’uno dall’altro sia per il peso, che varia da 2,65 a 2,83 grammi, sia per l’aspetto, che delle volte si presenta male impresso ed altre volte meglio impresso, ma con superficie quasi spugnosa. Tutti i pezzi sono fortemente magnetici. Data la scarsità degli altri metalli, in quel periodo impiegati nell’industria bellica, questa moneta costituisce un esperimento di monetazione in acciaio che rimase però allo stadio di esperimento tecnico a causa del precipitare degli eventi bellici. Questa moneta ha una duplice collocazione, infatti, i conî, modellati da Giuseppe Romagnoli ed incisi da Pietro Giampaoli, furono preparati per la realizzazione di un progetto per la monetazione di Vittorio Emanuele III per il regno d’Italia. lnfatti, la data della moneta, l’anno XXI dell’era fascista che terminava il 27 ottobre, dimostra inequivocabilmente che la realizzazione dei conî è avvenuta nel periodo antecedente alla caduta del fascismo. Per contro la Repubblica Sociale Italiana, utilizzando i conî precedentemente preparati, provvide alla realizzazione di questa emissione sperimentale. Quindi, lo studio e la realizzazione dei conî sono attribuibili alla monetazione del regno d’Italia, invece la realizzazione delle monete è da attribuire alla Repubblica Sociale Italiana. Utilizzando i macchinari trasferiti da Roma ad Aosta nell’aprile del 1944 furono coniati, ufficialmente, 32 esemplari di cui 20 inviati alla Direzione Generale del Tesoro di Brescia e 12 restituiti, dopo la guerra, alla Zecca di Roma insieme ai macchinari utilizzati ad Aosta. Di questi ultimi pezzi 10 furono, ufficialmente, deformati e 2 consegnati al Museo Numismatico, dove si trovano tuttora, con il cartellino di catalogazione originale con la dizione “Zecca di Aosta”». FDC 30.000

247


ASTA 60 REPUBBLICA ITALIANA

490

248

10, 5, 2 e Lira 1947 – IT RR Lotto di quattro monete tutte in slab PCGS nell’ordine: MS66, MS65, MS66, MS65 FDC 6.000


ASTA 60

491

500 Lire 1957 Prova AG RRR In slab PCGS SP66

FDC

12.000

249


ASTA 60

250

492

50 Lire 1950 Prova in italma – P.P. 712 IT RRR Sigillato SPL/FDC da Angelo Bazzoni con la descrizione “Prova italma” FDC 2.000

493

10 Lire 1946 Prova – P.P 723 IT RRR Sigillato FDC da Angelo Bazzoni

494

REPUBBLICA ITALIANA - AFIS – Somalo, 50, 10, 5 e Centesimo 1950 Prova – CU, NI RRR Lotto di cinque monete di prova in astuccio d’epoca FDC 5.000

FDC

8.000


ASTA 60

495

MEDAGLIE Granducato di Toscana Medaglia 1816 A lungo e fedele servizio – Ottone, due placche saldate insieme con piombo (?) all’interno (g 24,53 – Ø 36 mm) RRRR Con nastrino, tacca di saggio (?) al bordo BB 1.300

496

Medaglia 1849 Onore e fedeltà 12 aprile – Opus: Niederost - MD (g 29,53 – Ø 34 mm) RRRR Con nastrino, colpetto al bordo SPL 1.300

251


ASTA 60

252

497

Croce di anzianità – Opus: Niederost – MD e AG (g 17,00 – 36 mm) RRRR Con nastrino

FDC

2.000

498

Medaglia 1859 Assemblea dei Rappresentanti – Opus: Gori - AG (g 14,25 – Ø 27 mm) RRRR Con nastrino, fondi ritoccati SPL 1.000


ASTA 60

499

Repubblica romana Medaglia 1849 Alla virtù cittadina – Opus: Cerbara - AG (g 12,56 – Ø 25 mm) RRRR Con nastrino SPL 1.000

500

Regno d’Italia – Reggio Emilia Medaglia Ai volontari nelle guerre della Indipendenza italiana – Opus: Ferraris - AG (g 13,86 – Ø 29 mm) RRRR Con nastrino qFDC/SPL+ 1.500

253


NOMISMA CATALOGO MONETE SAVOIA (1730 - 1861) REGNO D’ITALIA (1861 - 1946) STATO PONTIFICIO (1775 - 1963) REPUBBLICA ITALIANA (1946 - 2001) 3a EDIZIONE 2019-2020

Disponibile al costo di € 25,00 nella sezione SHOP di nomismaweb.com

Via Olivella, 88 - 47899 Serravalle RSM - Tel. +39 0549 904012 - Fax +39 0549 904042 e-mail: info@nomismaweb.com - www.nomismaweb.com


PASSIONE PER LA CARTA, PASSIONE PER LA STAMPA. Lito Group, azienda leader nel settore della stampa per la qualità e la completezza dei servizi offerti, è un’esperienza imprenditoriale matura e dinamica, operante nel centro produttivo del distretto industriale di Sassuolo e Fiorano da più di vent’anni. In un mondo sempre più digitale ed immateriale, in cui tanti aspetti della nostra esperienza sembrano perdere importanza, la passione per la stampa è diventata la nostra sfida.

CON TE REALIZZIAMO PROGETTI WWW.LITOGROUP.IT Via dell’Industria, 63 - 41042 Spezzano (MO) Italia - Tel: +39 0536 927811 - info@litogroup.it

Lito Group crede nell’importanza di continuare ad offrire un servizio di qualità a chi ha ancora voglia di creare ed imprimere sulla carta le sue idee. Le esigenze dei nostri clienti sono da sempre al centro del nostro lavoro: l’attenzione nella progettazione, la scelta dei supporti più adeguati, la realizzazione precisa e la cura di ogni particolare sono le solide basi di un’attività costantemente dedicata a dare corpo alla vostra immaginazione. Operiamo nel presente con la consapevolezza che la stampa è un’arte che vive nel solco di una tradizione secolare, perché sappiamo che il progresso nasce sempre e solo tenendo un occhio aperto sul passato, dove ciò che siamo stati può guidarci verso ciò che saremo.


Palace Hotel San Marino

Excellence at your service, a unique, unforgettable experience, almost perfect! Punto d’incontro ideale per chi desidera il massimo dei comfort Vicinissimo alla Riviera e al centro storico della Repubblica di San Marino

Ambienti raffinati e ospitalità esclusiva s 91 camere, 14 suite e junior suite s 25 camere con giardinetto privato s Centro Congressi per oltre 1.000 persone s Sala modulabile per 700 persone s 10 sale da 10 a 80 persone s 2.000 mq area espositiva s 3 ristoranti per più di 1.000 persone s Roof garden s Piscina coperta panoramica con idromassaggio s Centro benessere s Solarium e sala massaggio

Palace Hotel – via Cinque Febbraio – Serravalle – Repubblica di San Marino T. +378 0549 900190 – F. +378 0549 960125 info@palacehotelsanmarino.com – www.palacehotelsanmarino.com


ASTA N U M I S M AT I C A

SERRAVALLE

28 OTTOBRE

2019

PARTE II

Profile for Maraja

Auction 60 - Part II  

500 RARITIES - Numismatic Auction 60 will be held in San Marino on Monday October 28th 2019 at the Palace Hotel. Online catalogue - live a...

Auction 60 - Part II  

500 RARITIES - Numismatic Auction 60 will be held in San Marino on Monday October 28th 2019 at the Palace Hotel. Online catalogue - live a...