Issuu on Google+

.20

.22

.18 .17

.19

.24

.21

.23

.25 .26 .29 .28 .30 .27 .31 .33

.16 67 66 65 .64 . . .

.32

.63

.15

.62

.14

.34

.35

.61

7

.13

.60 .59 .58

.12

.36

.37

.57 .55 .38 .56 .40 .39 .54 .11

.53

.52

.41

.13

.42

.51

.12

.43

.14

.1

.44

.50 .10

.11

.45 .49 .48

.2

.47 .46

.9

.10

.3 .4

.8 .7

.6

.8

. 15

.23 .22

.24 .9

.5

.18

.21 .20 .19

.8

.17

.27

.25

.32

.26

.7

. 16 . 35 . 34

.33

.7 .6

.28 .29

.5

.6 .5

.4

.49

.47

.44

.51

.23

.39 .45 . 46

.52

.2

.57

. 56 . 47

.50 .46 .1 .21

.24

.40

. 38 .2

.48

.37

.41 .43

.3

.30

. 42

.4 .3

.36 .31

.50

.20

. 48 . 49

.22

.58

.55

.25 .27 .26

.19

.1 .60

.53

.54

28 .29 .30

.17

.18

MAPPING IDENTITY MAPPING IDETITY

.59


MAPPING IDENTITY ricerche per l’identità visiva della SDS Architettura Siracusa


Direttore scientifico Marco Navarra | UniversitĂ  degli Studi di Catania Tutors Carlo Coniglio | i-white design - Siracusa Cinzia Ferrara | ferrarastudio - Palermo Gianni Latino | Siracusa Walter Silvestini | PixelXpixeL - Siracusa Francesco Trovato | Officina22 - Siracusa Responsabile del Coordinamento Antonio Rizzo | ICSplat Organizzazione SUxArSi - Siracusa Gli studenti Ernesto Alberghina, Michele Armenia, Tommaso Bartoloni, Federica Bonaccorsi, Manfredi Maugeri, Sonia Mercurio, Simone Toninato, Giuliano Torrisi. Book design Martina Distefano Soggetti promotori UniversitĂ  degli Studi di Catania Struttura Didattica Speciale di Architettura - Siracusa


contents 04 intro 06 mapping identity 08 people 10 interview 24 post-it 30 survey 32 criticitĂ  36 eccellenze 40 appendix


intro 1.0. Obiettivi L’obiettivo del programma è orientato a definire l’identità visiva della Struttura Didattica Speciale di Architettura di Siracusa attraverso un processo di disvelamento dei caratteri e di condivisione di un’immagine rappresentativa efficace a migliorare la visibilità della scuola e delle sue attività e ricerche. Il processo si articola in un tempo lungo e si costruisce attraverso 4 azioni da giugno a settembre 2013. Cantiere Identità Visiva concentra la raccolta degli stimoli nel corso delle prime due fasi (Mapping Identity e Seminario-Contest) per tradurli nei progetti di comunicazione durante la fase di Workshop-Contest in cui 5 tutors guidano gruppi di studenti e neolaureati a riflettere sulla nuova immagine della scuola. Al termine del Workshop-Contest una giuria di visiting seleziona 3 proposte che saranno 4 / MAPPING IDENTITY

sottoposte al voto di tutti i soggetti della scuola per scegliere l’immagine di comunicazione definitiva (Display-Referendum). L’ipotesi vincitrice verrà sviluppata dagli autori entro il mese di settembre 2013. 2.0. Azioni 2.1. Mapping Identity Mapping Identity è una fase preliminare di ascolto e di raccolta di desideri, immagini e idee sulla scuola di architettura di Siracusa. Consiste in un momento di confronto tra tutti i soggetti della comunità della scuola per riflettere in maniera collettiva attraverso forme diverse: il questionario aperto anonimo necessario per raccogliere i dati oggettivi, i foto-ritratti e le interviste mirate per collezionare volti ed espressioni; i pannelli di post-it per confrontare pensieri liberi e lo spazio del video-box per rivedersi insieme come in uno specchio.


2.2. Seminario-Contest Il seminario si articola in tre momenti di lavoro e si svolge nel corso di una giornata. Una fase consiste nella presentazione dei risultati di Mapping Identity ai tutor attraverso il dossier che raccogli i dati. Un secondo momento è dedicato alla presentazione dei tutors e dei loro lavori attraverso i progetti più recenti. L’ultima parte della giornata è una prima occasione di lavoro per l’approfondimento della conoscenza sui caratteri identitari della scuola attraverso il rapporto diretto tra i tutors e gli interlocutori della scuola, in questa fase ogni tutor suggerisce le forme e le modalità di incontro più opportune. 2.3. Workshop-Contest Il workshop si articola in 5 laboratori curati da 5 grafici di alto riconoscimento nazionale. Ogni laboratorio è composto da 6 partecipanti, organizzati in 3 gruppi di lavoro. Ogni laboratorio prepara 3 proposte di progetto per il logo e l’immagine coordinata (marchio, tipografia, colori, declinati poi in materiali di cancelleria, grafica editoriale, comunicazione merchandising, web site). I 30 partecipanti sono selezionati attraverso bando pubblico. I risultati saranno presentati al temine del workshop a una giuria che seleziona 3 proposte di progetto. 2.4. Display-Referendum Le 3 proposte di progetto di logo e immagine coordinata selezionate dalla giuria sono allestite in forma di mostra aperta a tutti. I soggetti della comunità della scuola di architettura sono invitati a scegliere, attraverso una votazione on-line, la proposta che risponde in maniera più completa alla rappresentazione efficace dell’identità della Scuola di Architettura di Siracusa

Mapping Identity è una fase preliminare di ascolto e di raccolta di desideri, immagini e idee sulla scuola di architettura di Siracusa. 3.0. Premio Il progetto vincitore individua il grafico, autore del progetto, che con il suo team sviluppa i prodotti e gli strumenti della comunicazione. Il premio corrisponde alla possibilità di realizzare il proprio progetto e guidare le attività di comunicazione e applicare l’immagine coordinata su tutti i campi della comunicazione della SDS di Architettura di Siracusa.

INTRO / 5


mapping identity

Mapping Identity Ricerche per l’identità visiva della SDS Architettura Siracusa Università degli Studi di Catania Perché studiare e insegnare architettura a Siracusa? Quali caratteri e specificità possono costituire il filo robusto che tiene insieme la fisonomia forte di una scuola di architettura? Quali strumenti utilizzare per far emergere le qualità o le necessità inespresse di una comunità così ampia ed eterogenea? Dare risposte rapide e improvvisate non è cosa facile o immediata. Più utile è interrogarsi ponendo la questione in forma di domande aperte rivolte a tutta la comunità che vive ogni giorno dentro la scuola di architettura di Siracusa. 6 / MAPPING IDENTITY

Mapping Identity è un programma per raccogliere pensieri, critiche idee suggerimenti sulla scuola rivolta a tutta la comunità per costruire insieme una maggiore consapevolezza dei limiti e delle potenzialità. Mapping Identity è un’attività che coinvolge i soggetti attivi nella scuola per alimentare nuovi punti di vista e nuove posizioni di pensiero rispetto alle questioni più urgenti relative alla scuola e alle sue attività culturali. Mapping Identity è un’accellerazione di nuovi rapporti e relazioni di scambio nella quotidianità delle attività accademiche per ripensare il futuro della Scuola di Architettura di Siracusa, le nuove attività didattiche e culturali.


Mapping Identity è la ricerca e l’individuazione di valori comuni, un processo aperto di confronto sulle visioni future della scuola di architettura a partire da azioni concrete Mapping Identity è un’azione che avvia una trasformazione degli spazi della scuola attraverso interventi puntuali destinati ad attività precise di ascolto e conoscenza. Mapping Identity è la ricerca e l’individuazione di valori comuni, un processo aperto di confronto sulle visioni future della scuola di architettura a partire da azioni concrete. Mapping Identity è il luogo per costruire l’identità visiva condivisa, i progetti di comunicazione e le modalità di promozione della scuola all’esterno.

MAPPIN G IDENTITY / 7


people


interview

01 02 03 04 05

una eccellenza della scuola? una criticitĂ  della scuola? quale nome daresti alla s.d.s di siracusa? quale contributo vorresti/potresti dare? quale dovrebbe essere il ruolo della scuola?


francesco catania 21 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

qualche corso è interessante parecchi professori andrebbero cacciati sds di architettura di siracusa se ci sono iniziative dare una mano per realizzarle formare architetti per il territorio

andrea garozzo 25 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la location che aiuta molto gli stduenti perché ispira troppo tempo per studiare sds di architettura di siracusa è tardi per questa domanda visto che me ne sto andando formare studenti e professionisti per entrare nel mondo del lavoro

alessandro dinaro 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la posizione mancanza di organizzazione scuola di architettura di siracusa mettere a servizio le mie conoscenze, le mie capacità portare avanti una tradizione architettonica che altrimenti avrebbe perso

enrico gambadoro 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la posizione, Ortigia il contesto storico in cui è situata lo spazio non è sfruttato al meglio scuola di architettura di siracusa contributo al livello di attività culturali e così via creare una nuova classe di architetti

raimondo russo 21 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il programma degli studi la struttura troppo fatiscente non so rispondere a questa domanda consigli per qualche dritta su quello che sono i lavori formare architetti validi, dare un impegno lavorativo al di fuori della facoltà INTERVIEW / 11


giuseppe garra 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo basterebbe girare la telecamera a 180° scuola di architettura di siracusa portare in alto il nome formare architetti capaci

tommaso bartoloni 23 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la didattica indifferenza e apatia di studenti e docenti scuola di architettura di siracusa contributo da rappresentante e studente formare architetti e non appassionati di architettur

giulia sorbello 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

ghersi e messina non creare legami tra professori e studenti, studenti e studenti, tra docenti e docenti scuola di architettura di siracusa creare attività per le quali ognuno può esprimere una opinione lasciare un’importa, perché il territorio ovvero Ortigia offre molto

fiorella rapisarda 19 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

siamo pochi e quindi siamo seguiti i laboratori sono inefficienti non lo so aiutare a sistemare la struttura istruire gli studenti

flavia coppola 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il contesto storico di Ortigia e alcuni studenti mancano delle attrezzature fondamentali per una facoltà facoltà di architettura di siracusa partecipare a iniziative, workshop conoscenze per diventare dei buoni architetti e contatti con il mondo del lavoro

12 / MAPPING IDENTITY


ernesto alberghina 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

l’umanità di alcuni docenti la disumanità di alcuni docenti scuola di architettura di siracusa formare un gruppo di persone, studenti e docenti formare sia professionisti tecnici ma anche sensibili a cause sociali

bruno messina 53 anni / presidente

1. 2. 3. 4. 5.

la città e i docenti la percezione che la città ha della nostra scuola scuola di architettura far si che tutti ci sentissimo partecipi di un progetto comune formare bravi architetti che operano sul territorio

paolo valastro 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

molti docenti e questo posto stupendo che è il centro storico assenza di servizi nella struttura scuola di architettura portare avanti iniziative per migliorare questa scuola formare buoni architetti

angelo la delfa 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

gli studenti l’organizzazione di determinati corsi scuola di architettura qualora mi fosse richiesto il mio contributo sono disposto a partecipare dovrebbe avere un ruolo importante come facoltà di architettura perché ha le possibilità

dario motta 25 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la posizione i servizi sds di architettura di siracusa non lo so insegnare INTERVIEW / 13


francesco martinico 51 anni / vicepresidente

1. 2. 3. 4. 5.

gli studenti questo posto in cui ci troviamo penso che scuola possa andare migliorare i corsi, fare cose per stare sempre più a contatto con il luogo e con la sicilia riuscire a dialogare qui con i soggetti che ci sono in torno

emanuela renna 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

alcuni professori slcuni colleghi non si comportano come dovrebbero scuola di architettura di siracusa il contributo singolo è relativo, dovrebbero esserci meno lamentele e più fatti concreti formare figure professionali

vincenzo padua 19 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

gli studenti organizzazione scuola di architettura io come studente insieme ad altri studenti organizzare progetti per questa università formare bravi architetti che operano in questo territorio

deborah sanzaro 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

alcuni professori e la posizione che mi sembra ideale per studiare l’architettura mancanza di organizzazione, di strutture adeguate e il ruolo di alcuni professori scuola di architettura le idee degli studenti potrebbero portare avanti e migliorare l’organizzazione della scuola maggiore dialogo con le altre facoltà e un ruolo nella sicilia orientale che non ha

omar vitagliano 19 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

preparazione dei professori impegnati ad incrementare l’interesse degli studenti presenza barriere architettoniche e la mancata fruibilità di alcuni spazi scuola specialistica d’Architettura vorrei riuscire a rendermi utile alla scuola riuscire a promuovere iniziative volte a incrementare l’interesse degli studenti

14 / MAPPING IDENTITY


leonardo giannone 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

alcuni docenti sono molto preparati organizzazione e struttura sds di architettura nuove idee, aiutare questo posto ad essere più vivo dare consigli all’amministrazione pubblica, specialmente a quella di Siracusa

alessandro federico 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

location organizzazione il nome non ha importanza, sono più importanti le idee non lo so, ognuno nel suo piccolo può dare qualcosa dare una identità a questa scuola, all’interno del contesto delle scuole di architettura

francesca garozzo 20 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

posizione geografica e qualche professore presente pochi contatti con l’estere e con le altre università italiane scuola di architettura migliorarla rappresentare un centro importante per il sud Italia come scuola di architettura

sonia mercurio 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la docenza non avere le stesse possibilità che hanno tutti gli altri ragazzi dell’ateneo scuola di architettura continuare a collaborare nelle attività che si svolgono in maniera attiva professionisti competitivi nell’ambito di tutte le scuole di architetturaitaliane

paolo spataro 25 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo e alcuni docenti scarsi servizi che offre scuola di architettura collaborare tutti di più per rendere migliore la scuola formare architetti e soprattutto persone INTERVIEW / 15


vittoria erbicella 19 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo in cui si trova struttura inadeguata, poca illuminazione, poca organizzazione nelle lezioni scuola di architettura partecipare attivamente alle iniziative che vengono proposte dai rappresentanti dovrebbe acquisire maggiore importanza al livello universitario in Italia

giulia viscuso 21 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo in cui si trova non integrazione con la città, poca visibilità rispetto a tutte le altre facoltà scuola di architettura contribuire all’allestimento di mostre, workshop formare persone che siano visibili in tutta Italia come architetti

michele armenia 23 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

ortigia disorganizzazione struttura accademica architettura ortigia rendere la scuola competitiva com le altre in italia fare da trampolino di lancio con il mondo del lavoro

cosimo aleo 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

i professori i servizi sds scuola di architettura aprire ulteriori spazi per gli studenti come ad esempio uno spazio ludico in cortile si deve sentire la presenza di una scuola di architettura a siracusa

giafranco gianfriddo 49 anni / docente

1. 2. 3. 4. 5.

la risorsa dei docenti, la giovane età i rapporto con la città e anche con il territorio non ci ho mai pensato fare bene il docente fruttuosa presenza nel territorio vicino e una costruttiva possibilità di relazioni lontane

16 / MAPPING IDENTITY


isotta cortesi 45 anni / docente

1. 2. 3. 4. 5.

la cerchiamo ce ne sono molte non la so trovare; sds as mi piacerebbe che la scuola avesse una visibilità internazionale formativo e primario per questo luogo e per le scuole italiane

silvia signorello 21 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

professori capaci e qualificati pulizia, i tavoli non sono adeguati per disegnare scuola di architettura essere attiva e presente alle iniziative che vengono proposte vorrei che si affermasse di più come importanza in sicilia e in tutta italia

martina distefano 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

tutte le persone costantemente impegnate per far emergere questa scuola bisogna potenziare alcuni servizi, come la biblioteca non lo so, il nome non mi sembra una priorità contribuire alle iniziative, che sono in costante aumento lavorare sul territorio

marco navarra

50 anni / docente di campo

1. 2. 3. 4. 5.

essere un cantiere aperto ricco di potenzialità da completare frammentarietà architettura siracusa mettere a sistema le potenzialità che ci sono in atto trasformare la sicilia in un laboratorio internazionale

riccardo palazzolo 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il programma del nuovo ordinamento è fatto bene ce ne sarebbe più di una: la struttura che non è delle migliori, come arrivare scuola d’architettura di Siracusa organizzare riunioni dove gli studenti possono confrontarsi per migliorare la scuola didattico e fare partecipare di più gli studenti con il contesto INTERVIEW / 17


federica bonaccorsi 20 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

luogo dove si trova la nostra università struttura e organizzazione scuola d’architettura organizzare delle attività extra curriculari e cercare di unire di più gli studenti formare professionisti e non solo architetti, che possano lavorare in ogni campo

liliana adamo 28 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il prof. carmelo strano la ex caserma abela nessuno uscirne il più presto possibile concentrarsi sul ruolo dell’architetto oggi

fabio linguanti 23 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo il luogo scuola di architettura giuseppe pagnano se potessi darei una mano un polo che sforna non solo studenti ma anche professionisti

emanuele gallotta 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

ortigia ed alcuni docenti alcuni docenti scuola di architettura giuseppe pagnano partecipare a iniziative in modo da integrare la città di Siracusa con la scuola formare buoni architetti operanti nel territorio

andrea/silvia - sinatra/giuffrida 26/23 - studente/studente

1. 2. 3. 4. 5.

il mare/Siracusa l’umidità/la facoltà facoltà di architettura/facoltà nessuno/adesso non possiamo più formare architetti/formare architetti pratici

18 / MAPPING IDENTITY


michele rapisarda 26 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

ortigia le blatte sirarch -----------fare uscire persone competenti

stefano pitino 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

il luogo ed alcuni professori il resto dei professori sds dare nuove idee e parlarne con i nostri rappresentanti esserci e rispondere alle nostre domande

andrea crapio 22 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

i beni archeologici l’utenza ada dare nuove idee nuove innovazioni andare in contro a noi giovani

giuliano torrisi 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

ortigia disinteresse studenti scuola di architettura promozione eventi culturali formare professionisti

sofia salemi 24 anni / studente

1. 2. 3. 4. 5.

la location il totale disinteresse da parte di tutti gli studenti scuola di architettura di siracusa è troppo tardi, mi sto laureando formare professionisti perchÊ allo stato attuale usciamo completamente impreparati INTERVIEW / 19


20 / MAPPING IDENTITY


INTERVIEW / 21


22 / MAPPING IDENTITY


INTERVIEW / 23


post-it


Quale nome daresti alla S.D.S. di architettura di Siracusa? • • • • • • • • • • • • • • •

scuola di architettura “G. Pagnano” scuola di architettura di siracusa scuola di architettura architettur farm!!! Scula architettura siracusa Scuola di architettura Ugo Cantone Scuola architetturale Scuola di architettura di siracusa Sc.A. Siracusa Accademia di architettura di Siracusa A.D.A.S. Struttura Didattica Speciale Scuola di Architettura “G.Pagnano” Empire o Palace Architect in Progress Architet university Scuola di architettura

Cosa dovrebbe fare una scuola di architettura? • • • • • • • • • • • • • •

formare gli studenti (guidandola) la loro creatività esperienze in cantiere più pratica e meno teoria (il segno della devianza: anche no) fare tenere lezioni da professionisti esami di materie scientifiche solo scritti incentivare lo studio con lezioni sostenute da architetti affermati nel mondo (o quantomeno in Italia) venire in contro a studenti e lavoratori e non bloccare gli studi, ma agevolare la fine degli studi stimolare aule da disegno pagare i prof del tuo corso laboratorio di falegnameria dare più servizi e meno rotture più attività di cantiere viaggi studio

26 / MAPPING IDENTITY


• • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

formare tecnici pensanti tutto quello che non fate qua migliorare il livello culturale di un futuro architetto: [per distinguersi da un ingegnere] architettura è anche una disciplina umanistica maggiore disponibilità da parte di tutti i professori organizzare viaggi studio mettere una bandiera dove ci sono le palme con il logo di architettura aule da disegno farci amare quello che studiamo non preparare le materie con il solo scopo di laurearci; infondo siamo qui perché è quello che vogliamo diventare lavorare in cantiere pagarci le stampe e i materiali per i plastici mettere come materia “architettura tecnica” al posto di: copia da archweb perché non ho tempo per insegnarti le cose inserire nel piano di studi costruzioni in zona sismica ed ergotecnica edile non come materie a scelta ma come materie curriculari formare architetti e non appassionato di architettura usare rotoli di carta riciclata corso obbligatorio di costruzioni in zona sismica corsi di autocad più esperienze in cantiere pulire i cessi fare raccolta differenziata e riciclo di carta zone attrezzate per lavorare al pc

Cosa si potrebbe fare immediatamente per migliorare la scuola? • • • • • • • • • • •

dare una intonacata ai muri!! esporre in modo permanente i nostri lavori in piazzale; creare un luogo dei gadget da commercializzare tipo college americani ripristinare il servizio navetta ristrutturare tutto si potrebbero subito riorganizzare gli spazi formare architetti non solo da un punto di vista teorico ma anche pratico; indirizzare gli studenti verso un settore specializzato dell’architettura (dopo la laurea sappiamo fare tutto e niente); creare un confronto più diretto e dinamico con le altre facoltà italiane e del mondo mettere l’antivirus in aula plotter rifare la scuola usare la tv per gli avvisi pulizia ordinaria, ma anche straordinaria fondi per la ricerca POST-IT / 27


• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

riempire le vaschette del sapone in bagno trattare meglio, con più rispetto la sds abbattere le barriere architettoniche “allattare” l’aula bar pulire i cessi mantenere puliti i bagni spostare le sedute di laurea al castello maniace rimettere costruzioni in zona sismica obbligatorio eliminare metodi e modelli più workshop; più viaggi; più conferenze i professori dovrebbero dedicarsi a fare il proprio ruolo e non altro corso obbligatorio di autocad al primo semestre del primo anno studiare 24 ore su 24 dal mattino al mattino, niente feste e niente giorni di riposo aula plotter accessibile ogni giorno e tutto il giorno e non solo dal terzo anno in poi corso di rhino pulirla periodicamente e seriamente riorganizzare il piano di studi inserendo alcune materie a scelta come obbligatorie e aggiungerne altre spazi per gli studenti migliorare la struttura soprattutto per i disabili rendere la biblioteca più fruibile insegnare i professori dovrebbero trattare gli studenti per quello che sono: “persone”. Vogliamo imparare, non farci prendere per cretini una spolverata di tanto in tanto motivare gli studenti e docenti telecomandi condizionatori esperienza vera presso studi di architettura e cantieri cessi buoni usare in modo utile la volta in legno (coperta con piante e panche sotto ad esempio) anticipare fisica tecnica al secondo anno (dato che per darcela ci servono anni e dato che per darla è necessaria matematica e fisica) ripristinare la materia di tecnologia al primo anno rendere più seria l’attività di tirocinio, magari in studi privati darci qualche giorno di riposo avere più rispetto per quelle poche attrezzature cha abbiamo e cercare di mantenere più pulite le aule e i bagni, dipende da noi ma anche da quelli delle pulizie aprire un bar nuovo manifesto degli studi viaggi studio

N.B. i post-it sono stati trascritti fedelmente agli originali, sono stati tralasciati i commenti offensivi o inappropriati

28 / MAPPING IDENTITY


POST-IT / 29


survey


criticità 1° ANNO: 76 STUDENTI

2° ANNO: 57 STUDENTI

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio: 50 Aule: 40 Didattica: 27 Pulizia: 32 Mensa: 20 Attrezzature: 43 Efficienza: 22 Bar: 8 Biblioteca: Aula studio: 2 Identità: 1 Aula plotter: Luogo: 5 WiFi: 12 Parcheggio: 7 Trasporti: 7 Orario: 18 Extra: Territorio: 1 Internazionale: 1 Comunicazione: 3 Bagni: 18

32 / MAPPING IDENTITY

Edificio: 40 Aule: 18 Didattica: 20 Pulizia: 38 Mensa: 12 Attrezzature: 46 Efficienza: 8 Bar: 10 Biblioteca: 8 Aula studio: 2 Identità: 4 Aula plotter: 2 Luogo: 16 WiFi: 8 Parcheggio: 2 Trasporti: 12 Orario: 10 Extra: 2 Territorio: 2 Internazionale: Comunicazione: Bagni: 2


3° ANNO: 73 STUDENTI • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio: 46 Aule: 32 Didattica: 32 Pulizia: 24 Mensa: 20 Attrezzature: 48 Efficienza: 24 Bar: 8 Biblioteca: 12 Identità: 6 Aula plotter: 8 Luogo: 8 WiFi: 10 Parcheggio: 10 Trasporti: 10 Orario: 12 Extra: 6 Territorio: 4 Bagni: 14

Essere etichettati come studenti di una facoltà di scarso valore: l’abito fa il monaco

4° ANNO: 57 STUDENTI

5° ANNO: 85 STUDENTI

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio: 30 Aule: 34 Didattica: 34 Pulizia: 22 Mensa: 10 Attrezzature: 38 Efficienza: 12 Bar: 16 Biblioteca: 12 Aula studio: 10 Identità: 6 Aula plotter: 2 Luogo: WiFi: 24 Parcheggio: 10 Trasporti: 10 Orario: 12 Extra: 10 Territorio: Internazionale: 4 Comunicazione: 10 Bagni: 4

Edificio: 27 Aule: 42 Didattica: 60 Pulizia: 36 Mensa: 3 Attrezzature: 60 Efficienza: 33 Bar: 12 Biblioteca: 18 Aula studio: 18 Identità: 24 Aula plotter: 3 Luogo: 6 WiFi: 33 Parcheggio: 3 Trasporti: 12 Orario: 3 Extra: 3 Territorio: 15 Internazionale: Comunicazione: Bagni: 3 SURVEY / 33


BAR ATTREZZATURE IGIE

ATTIVITA’ EX

IDENTITA’

CASERMA MENSA AUL WI-FI

BAGNI

ORARIO

PARCHEGGIO

AULA PLOTTER


ENEEFFICIENZA

XTRA

TRASPORTI

AULARELAZIONI STUDIO INTERNAZIONALI

A ABELA DOCENTI LE PRESENZA SUL TERRITORIO

C.U.S.

COMUNICAZIONE

ORTIGIA

BIBLIOTECA

BARRIERE ARCHITETTONICHE


eccellenze 1° ANNO: 76 STUDENTI

2° ANNO: 57 STUDENTI

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio : 3 Aule: 5 Didattica: 38 Numero chiuso: 6 Conferenze: 17 Attrezzature: 5 Efficienza: 6 Bar: 2 Biblioteca: Aula studio: Identità: 5 Aula plotter: Luogo: 38 Mostre: 4 Consorzio: Trasporti: Orario: Extra: 14 Territorio: Internazionale: 1 Comunicazione: 2

36 / MAPPING IDENTITY

Edificio : Aule: 4 Didattica: 38 Numero chiuso: 2 Conferenze: 8 Attrezzature: 2 Efficienza: Bar: Biblioteca: 2 Aula studio: 2 Identità: 10 Aula plotter: Luogo: 26 Mostre: Consorzio: Trasporti: Orario: Extra: 4 Territorio: Internazionale: Comunicazione: -


3° ANNO: 73 STUDENTI • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio : 2 Aule: Didattica: 36 Numero chiuso: 6 Conferenze: 4 Attrezzature: Efficienza: 2 Biblioteca: 2 Aula studio: Identità: 12 Aula plotter: 2 Luogo: 46 Trasporti: Orario: Extra: 22 Territorio: Internazionale: 2 Comunicazione: -

Iniziamo migliorando la struttura e la mentalità di chi la frequenta, poi viene il resto...

4° ANNO: 57 STUDENTI

5° ANNO: 85 STUDENTI

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Edificio : 4 Aule: Didattica: 50 Numero chiuso: 2 Conferenze: 16 Attrezzature: 6 Efficienza: 4 Bar: Biblioteca: 4 Aula studio: Identità: 8 Aula plotter: 4 Luogo: 34 Mostre: 10 Consorzio: Trasporti: Orario: Extra: 16 Territorio: Internazionale: Comunicazione: -

Edificio : 6 Aule: Didattica: 45 Numero chiuso: 12 Conferenze: 6 Attrezzature: 6 Efficienza: 6 Bar: Biblioteca: 6 Aula studio: 3 Identità: 27 Aula plotter: 6 Luogo: 60 Mostre: 3 Consorzio: 6 Trasporti: Orario: Extra: 6 Territorio: 6 Internazionale: Comunicazione: 6 SURVEY / 37


RELAZIONI INTERNAZIONALI

BIBLIOTECA WORKSHOP NUMERO

TRASPORTI

ORTIGIA

AULE COMUNICAZIONE

ATTREZZATURE

DOC

CASERMA ABELA

IDENTITA’ MOSTRE

PARCHEGGIO BICI

AT


O CHIUSO

A

PIANO DI STUDIO

DIDATTICA CONFERENZE

CENTI

TTIVITA’ EXTRA

CONSORZIO ARCHIMEDE

EFFICIENZA

ORARIO

AULA STUDIO

AULA PLOTTER


appendix Post-it, questionari, interviste, sono questi i tre strumenti di indagine utilizzati dagli studenti di Architettura al fine di migliorare la condizione della S.D.S. di Siracusa. I “Buttiamo giù tutto” ed i “ricominciamo” si sprecano, ma risultano talvolta essere improduttivi se non sostenuti a dovere da idee valide o presunte tali. Iniziando dai piccoli e giallognoli foglietti scopriamo come per molti sarebbe utile associare alla fase grafica, indipendentemente dal prediligere la grafite o la polilinea, quella manuale prevista da attività di cantiere. Scarponi, guanti e caschetto, dunque, da affiancare a mouse o squadrette per avvicinare l’attività studentesca di oggi a quella professionale di domani, per evitare la formazione di illusi, ignari di ciò che li attenderà una volta fuori dalle quattro mura accademiche. 40 / MAPPING IDENTITY

Alla domanda “Sarebbe utile inserire nel piano di studi una materia riguardante attività di cantiere?”, quindi, la risposta sembra scontata. Si, senza indugiare oltre. Identica sicurezza nel proporre un corso CAD, strumento utilissimo, ma troppo spesso lasciato al “fai da te” studentesco. Dai foglietti ai fogli veri e propri dei questionari, per evidenziare le molte criticità, ma anche le tante emergenze positive. Tra le prime, spiccano i locali della facoltà. Carenti in quanto a servizi ed attrezzature, risultano essere la vera nota dolente di un palcoscenico amaramente simile al classico “vorrei, ma non posso”. A ruota giunge il problema della perifericità della sede, con tutti i disagi che questo può comportare. In primis le difficoltà riguardanti i collegamenti. In tal senso il


Alla domanda “Sarebbe utile inserire nel piano di studi una materia riguardante attività di cantiere?”, quindi, la risposta sembra scontata. Si, senza indugiare oltre. territorio siracusano risulta praticamente avulso dal contesto nazionale. E, anche quando si giungesse a Siracusa ci si potrebbe trovare ad attendere un servizio navetta: stazione-facoltà che potrebbe non passare mai. E allora valige e studenti seduti sopra di esse ad attendere il passaggio di qualche collega munito di mezzi propri. Di contro, ad emergere, c’è la location Ortigia. Condizioni climatiche ideali, assenza di stress e ritmi più lenti, apprezzati da chi si sposta dai centri più grandi e una quotidianità a misura d’uomo capace di mettere a proprio agio chi proviene dalle piccole realtà. A quanto detto aggiungiamo quella che qualcuno ha definito “vita da college”, vale a dire l’essere tutti nel medesimo luogo e medesimo momento per un unico fine, stu-

diare Architettura. Dal cartaceo al digitale, con la voglia di metterci la faccia. Potremmo sintetizzare così le interviste a cui gli studenti si sono sottoposti. Questi, nell’ordine i quesiti: “Che nome daresti alla facoltà?”, “Che ruolo hai all’interno della facoltà?”, “Una criticità?”, “Un’eccellenza?”, “Quale contributo vorresti/ potresti dare alla facoltà?”, “Quale dovrebbe essere il ruolo della S.D.S. di Siracusa?”. In tal senso, evitando le criticità/emergenze, già affrontante in precedenza, sono molti gli studenti che si riconoscerebbero di più in una “Scuola di Architettura”, anziché in una, talvolta fredda ed impersonale, “Struttura Didattica Speciale”. Molti anche quelli che ritengono di poter dare e fare di più, ma che allo stesso tempo si giustificano dichiarandosi impegnati nel preparare i rispettivi esami. Infine, sul ruolo dell’istituzione, tutti o quasi sembrano d’accordo sulla formazione di professionisti dotati di sensibilità nei confronti del territorio più che di Archistar narcisisti.

APPENDIX / 41


note


.15

.13

.12

.16 .31 .30

.11

.18

.32

.10

.19

.34

.28

.27 .50.51 .1 .49

.14

.17

.33

.29

.35

.20

.36 .26

.25

.2

.48

.24

.5

.3

.4

.46

.21

.22

.47

.45

.18 .6

.44

.16

.40

.12

.39

.43 .42

.35

.25

.40

.5 .3

.41

.23

.38

.50 .51

.43

.15 .14 .13

.8

.11

.21

.17

.7

.9

.10

.37

.44

.7

.4

.49

.22

.42 .47 .45 .46

.6

.48

.23

.19 .20

.9

.8

.52

.39 .36

.38 .37

.31

.1 .2

.30

.32

.34

.24

.41

.33 .26 .9

.29 .38

.37

.27

.39 .40 .42 .43 .41

.45

.35

.46 .85

.86

.34

.26

.28

.33

.29

.84 .83

.32

.11 .47

.87 .88

.30

.82

. 90

.89 .80

.81

.79 .78

.25

.77 .76 .74 .73 .75

.24 .31 .23 .21 .20 .22 .19

.69

.70

.71

.68

.18

.66 .67

.17

.65

.91

.95 .94 .54 .52 .55

.60

.6

.13 .12

.44 .45

.42

.46

.41 .40 .39

.2

.3

.64 .62

.43 .12

.1

.61 .14

.49 .93

.51 .50

.59 .63

.48 .92

.53

.56 .72 .57 .58

.16 .15

.10

.44

.36

.27

.28

.38

.37 .36.35 .13

.4

.33 .32

.5

.34 .2 .31

.14

.7

.11 .10

.9

.8

.15 .16


Mapping identity