Issuu on Google+


we always treat you right


I br frat ev el et li T ta h 19 no om 56 il as N “fl as am ce e B br ur 19 oi ge 58 le rC r� Pr he In im f di o an ris ap to ol ran is te 19 ad 68 G ac ene qu ra is l F ta o la od 19 ca Co 69 te rp na o ra M ill tio es n im o ne go zio

54

19

S


R de ipro ll’a ge zie tta 19 nd zio 73 a ne im Fu m nm ag ea 19 in l e 75 In di tro co du ttu zi ra one in d no i t 19 va ecn 81 tiv ic H e he ac ard qu ee is ’s ta Fo la od 19 ca S 96 te ys Ch na te m di iu Bu de rg l’u er lti Ch mo ef n eg oz io

70

19

S


HERITAGE l'esordio Frank e Donald Thomas, di Indianapolis, sono due fratelli che fanno dell’inventiva un mestiere. La loro azienda di famiglia, la General Equipment Corp, sperimenta nuove macchine per la cucina industriale. Brevettano il “Flame Boiler” all’inizio degli anni cinquanta, un nuovo metodo per la cottura della carne. Grazie a questa trovata aprono un nuovo ristorante, il Sani Serv, che dopo un paio di anni cambia nome in Burger Chef. Il primo hamburger viene venduto a 15¢, lanciando Burger Chef sul mercato non solo come ristorante dai panini gustosi, ma anche economici. In pochi anni la fama si diffonde dalla West alla East Coast, i menù si arricchiscono e nascono i caratteristici Big Shef e Super Shef, panini che hanno fatto la storia del Fast Food. La gente si affeziona in fretta al clima amichevole dei ristoranti, pioniere peraltro del sistema “Works Bar”, dove il cliente sceglie gli ingredienti del proprio panino con la tecnica del “with or without”.


HERITAGE affermazione Il più grande cambiamento conosciuto da Burger Chef giunge alla fine degli anni sessanta, quando la grande corporazione General Food acquista il marchio e favorisce notevolmente l’espansione della catena, a partire dal design degli interni e della grafica. La mascotte, lo Chef sorridente dal tipico nasone, viene affiancato da Jeff, un simpatico ragazzo apprendista. Non è un caso che venga inventato in quel momento il Fun Meal, il primo menù per bambini con sorpresina e strisce a fumetti, con le avventure delle mascotte stampate sulla confezione. Il loro record verrà messo in discussione dalla stessa McDonald’s, che riuscirà a vincere la causa ed appropriarsi del brevetto del menù per bambini. La decade successiva sarà ricordata come gli anni d’oro della catena di ristorazione, il suo picco più alto. Il pubblico si affeziona sempre di più ed il fast food diventa punto di riferimento per tante famiglie, a cui viene dedicata la Fun Night ogni mercoledì sera, una serata a tema all’insegna del divertimento e della piacevolezza.


HERITAGE ai giorni nostri La grande crescita di Burger Chef è difficile da gestire per General Food, e purtroppo all’inizio degli anni ottanta si rivela un’arma a doppio taglio. La catena è ceduta ad una compagnia di ristorazione canadese che già possedeva Hardee’s, gran concorrente di Burger Chef. Il fast food è quindi inglobato dall’ex rivale: i punti vendita diventano poco a poco ristoranti Hardee’s, tranne quelli vicini ad altri già esistenti, che assumeranno altri nomi. L’uscita di scena di Burger Chef è un colpo basso per i seguaci e gli affezionati, che sono diffusi in tutti gli Stati Uniti. Hardee’s lo sa, e le rarissime volte che ha riproposto un’edizione super limitata del Big Shef ha riscosso molto successo, soprattutto tra schiere di nostalgici che non smettono di sperare che queste piccole riedizioni non siano che un preludio al ritorno dell’amato ristorante. La rete ospita piccole nicchie di appassionati che racchiudono però grandi archivi di foto d’epoca, memorabilia, esperienze di fan ed ex lavoratori.


DIVERTIMENTO Fun meal Mascotte Feste ed eventi Colori caldi e saturi

ACCOGLIENZA Design riconoscibile Comunicazione con i dipendenti Ampi spazi ristoro

INNOVAZIONE Ricerca materiali e metodi Servizi Varietà menù


valori e caratteristiche Gli ideali dell’originale Burger Chef sono racchiusi nei tre grandi valori del Divertimento, Accoglienza e Innovazione. Le attenzioni del brand si orientano con passione a questi rami, alla base della propria filosofia e quotidianità. Il pensiero va alla persona, dal dipendente al cliente, e al suo comfort e svago. La garanzia di un ottimo servizio nasce dalla ricerca continua dell’avanguardia in fatto di produzione e offerta al pubblico. Fondamentale è esprimere una calda accoglienza tramite l’ambiente, sempre confortevole e ospitale, e il personale, che a sua volta si sente a proprio agio e partecipa in prima persona alla vita dell’azienda. L’anima del fast food è il divertimento, rende il classico pasto un momento di svago e serenità che porta il cliente in un’affascinante esperienza che diventa parte integrante dell’identità del locale. La compagnia ha come obiettivo fondamentale l’innovazione e la passione per la ricerca di elementi ottimali, che permettono di offrire servizi e prodotti soddisfacenti e di qualità a tutti i clienti.


Divertimento (divertire) [di-ver-tì-re]

v.tr. [lat. divertère, devèrtere: volgere altrove, in direzione opposta, deviare.]

Sollevare l’animo dalle fatiche del lavoro o da attività più serie, allontanare il pensiero dalle preoccupazioni quotidiane.


FUN meal Burger Chef dedica molta attenzione ai suoi piccoli clienti, proponendo loro menÚ adatti alle loro esigenze e confezionati in modo colorato e accattivante. I Fun Meal sono all’insegna del divertimento: non sono rare le collaborazioni con fumettisti famosi e le apparizioni delle loro strisce sulle facce delle confezioni. In ogni menÚ i bambini trovano un giocattolo con il quale possono divertirsi anche dopo aver finito di mangiare.


mascotte Le mascotte di Burger Chef coinvolgono il pubblico e lo avvicinano al brand, che risulta così una realtà meno astratta e più umana. Sono protagonisti di fumetti avventurosi e spot televisivi, una vera e propria interfaccia con il cliente e un’ affascinante figura amichevole per i bambini.


feste ed eventi Il divertimento dei clienti si esprime nella forma più coinvolgente per l’uomo, il festeggiamento. Ogni settimana Burger Chef organizza delle serate a tema che coinvolgono sia i ragazzi che le famiglie. I dipendenti stessi partecipano agli eventi, entrando nel vivo dell’animazione e trasformando la cena in un’esperienza gioiosa e affascinante.


colori caldi e saturi A partire dal logo, fino agli ambienti, ai menù e agli arredi, la sensazione di calore e simpatia è coinvolgente e caratteristica. In questo il colore è determinante: l’energia trasmessa dagli interni e dall’oggettistica è fondamentale per far entrare il cliente nell’atmosfera divertita e stimolante di Burger Chef.


Accoglienza (accògliere) [ac-cò-glie-re]

v. tr. [lat. accollĭgĕre, , raccogliere]

1. Ricevere, e in partic. ricevere nella propria casa, temporaneamente o stabilmente; soprattutto con riguardo al modo, al sentimento, alle manifestazioni con cui si riceve. 2. Riferito a un luogo, a un ambiente, ricevere in sé, anche offrendo rifugio o ospitalità.


design riconoscibile In ogni sede si ritrova il clima ospitale e caratteristico grazie agli interni riproposti con costanza e attenzione. L’identità di Burger Chef si ritrova sempre nella grafica dei suoi prodotti, nelle campagne pubblicitarie e nell’architettura degli ambienti, cosicchè il cliente venga accolto sempre nel mondo familiare che conosce e si ritrovi a proprio agio. I nostri arredi sono comodi, colorati e dalle linee morbide.


comunicazione Burger Chef è prima di tutto un ambiente ospitale per i propri dipendenti, l’anima del fast food. Il percorso lavorativo inizia con corsi di formazione individuali e personalizzati, e nell’arco della propria carriera il dipendente viene costantemente seguito e ascoltato con specifiche riunioni a cui partecipa tutto il personale.


ampi spazi ristoro I gruppi di amici e le famiglie trovano dei locali adatti alla loro voglia di stare insieme e mangiare comodamente. Le tavolate ampie, i divanetti confortevoli e la disposizione degli arredi interni garantiscono un pasto sereno, in un clima ottimale anche per tanti commensali.


Innovazione (innovare) [in-no-và-re]

v. tr. [lat. innovare, der. di novus «nuovo»]

Rendere nuovo; mutare uno stato di cose, introducendo norme, metodi, sistemi nuovi. Perfezionare un processo migliorando la qualità di vita dell’uomo.


ricerca materiali e metodi Alla base del meccanismo di ristorazione vi sono tecniche culinarie e macchinari per la preparazione dei cibi in continuo rinnovamento, sulla linea dell’avanguardia sia per velocizzare i processi sia per guadagnare in gusto e qualità del cibo.


servizi Burger Chef è un ristorante fast food per tutti: la velocità ed il gusto sono solo due delle caratteristiche basilari, i servizi di Burger Chef spaziano dal Drive-In al WiFi, supportando le esigenze del pubblico piÚ vario.


varieta menu I classici di Burger Chef non tramontano, ma ogni settimana tanti variegati menÚ li affiancano colorando e arricchendo per tutti l’esperienza del gusto. Dalla carne di tutte le qualità al pesce, nuovi panini con nuovi ingredienti si susseguono per appagare ogni tipo di clientela.


Luca Alberton Marta Ambrosetti Jacopo Atzori Francesca Casnati Chiara Cingottini Martina Cocco Alice Colombo


Fonti http://www.jsfburgerchef.homestead.com http://www.freewebs.com/burgerchef2 http://www.freewebs.com/burgerchef http://www.treccani.it http://it.wikipedia.org



Brand Book Burger Chef