Issuu on Google+

estate

Marsilio

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 1

3.2012 02/02/12 20.56


Jussi Adler-Olsen

Battuta di caccia Dopo La donna in gabbia, un nuovo caso per Carl Mørck. Il secondo romanzo della serie della Sezione Q Una serie da tre anni ai vertici delle classifiche in Europa, che ha fatto di Jussi Adler-Olsen il giallista danese più venduto di sempre

In uscita in 31 paesi, 8 milioni di copie vendute «La perfezione del genere. Questa volta Stieg Larsson e Henning Mankell devono cedere il posto a Jussi Adler-Olsen» focus

farfalle

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 2

2

02/02/12 20.56


Jussi Adler-Olsen

estate 2012

ute

3

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 3

02/02/12 20.56


estate 2012 farfalle Jussi Adler-Olsen Battuta di caccia

traduzione di Maria Valeria D’Avino cod. isbn 978.88.317.1227, pp. 448, Euro 18,50 ca.

«Jussi Adler-Olsen è il futuro del crime scandinavo» Joachim Kronsbein, der spiegel

© Phillip Drago Jørgensen

Sono passati vent’anni da quando i corpi martoriati di due ragazzi, fratello e sorella, sono stati ritrovati nella loro casa di vacanza, nel nord della Danimarca. Le indagini della polizia conducono a un gruppo di studenti ospiti di un collegio molto esclusivo nelle vicinanze. Ma le prove a loro carico non sono sufficienti, e il caso viene archiviato. L’incartamento finisce sulla scrivania di Carl Mørck, e il capo della Sezione Q per i “casi di speciale interesse” ben presto si rende conto che tra quelle pagine c’è qualcosa di molto, molto sbagliato. Con l’aiuto di Assad, suo misterioso assistente siriano, Mørck comincia un’indagine attraverso le gerarchie della società, dal più disperato dei barboni della stazione fino agli uomini ai vertici del potere. La caccia è cominciata. «Da 46 settimane ai primi posti della top ten in Germania» frankfurter allgemeine zeitung «Adler-Olsen è il più originale, e nonostante le sue storie parlino degli aspetti più bui dell’esistenza, la sua comicità è irresistibile» jyllands-posten «Adler-Olsen è intelligente, geniali le trame, splendidi i personaggi e l’ambientazione» politiken

-0 978-88-317

894-4, Euro

18.50

«Uno dei gialli più forti, carichi di tensione, e di umorismo di tutti i tempi» Michael Kluger, frankfurter neue presse

In produzione una serie televisiva con distribuzione internazionale Jussi Adler-Olsen (Copenaghen 1950) ha studiato medicina, sociologia, scienze politiche e comunicazione. Prima di dedicarsi alla scrittura, ha svolto i lavori più vari: redattore di riviste e fumetti, coordinatore del movimento per la pace danese, caporedattore di settimanali e trasmissioni televisive. Ama restaurare vecchie case. Con la serie della Sezione Q guidata da Carl Mørck ha ottenuto un grandissimo successo di critica e pubblico, vendendo milioni di copie nel mondo. I suoi libri, che saranno tradotti in 31 Paesi, hanno conseguito importanti riconoscimenti internazionali e la serie sarà presto oggetto di una trasposizione televisiva.

4

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 4

02/02/12 20.56


estate 2012

Bestseller internazionale

5

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 5

02/02/12 20.56


Liza Marklund

Delitto a Stoccolma «Delitto a Stoccolma è un classico thriller internazionale: scritto con intelligenza, dal ritmo serrato, intrigante, e psicologicamente molto acuto. Non è un caso se Liza Marklund è una delle scrittrici di gialli più dinamiche e popolari del nostro tempo» Patricia Cornwell Uno dei romanzi svedesi di maggior successo di tutti i tempi Una serie tradotta in 27 paesi 15 milioni di copie vendute nel mondo

farfalle

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 6

6

02/02/12 20.57


0010.NovitaESTATE3_2012.indd 7

Liza Marklund

7

02/02/12 20.57


estate 2012 farfalle Liza Marklund Delitto a Stoccolma

traduzione di Laura Cangemi cod. isbn 978.88.317.1243, pp. 320, Euro 17,50 ca.

Il caso che ha reso famosa Annika Bengtzon, reporter della «Stampa della sera» di Stoccolma Mentre Stoccolma celebra il Natale e le Olimpiadi, una bomba esplode nello stadio principale della città uccidendo Christina Furhage, la potente direttrice del comitato olimpico, donna famosa, ma con molti lati oscuri nella vita privata. Un’altra bomba scoppia qualche giorno dopo in un impianto sportivo, seminando il terrore tra le autorità cittadine. Annika Bengtzon, giornalista d’assalto, non è affatto convinta che si tratti di un terrorista o di uno squilibrato, e indaga.

978-88-317-0810-4, Euro 12,50

-0 978-88-317

643-8, Euro

12,50

Da questo romanzo è stato tratto un film diretto da Colin Nutley «Un thriller scritto in modo magistrale, con una profondità di caratterizzazione, intelligenza ed energia che lo mettono al di sopra della concorrenza» good book guide «Un thriller emozionante con un’eroina vivace e coraggiosa. Delitto a Stoccolma è un romanzo avvincente, colpisce il ritratto vivido degli uffici del giornale, le discussioni interne e la determinazione a battere la concorrenza» sunday telegraph «Una storia ad alta velocità, che vi conquisterà» the indipendent

Vincitore del Poloni Prize, miglior giallo scritto da una donna Vincitore del Debutant Prize, miglior libro dell’anno Nominato al Glass Key, miglior giallo nordico dell’anno

978-88-317 -1133-3, Euro 12.5

0

Nominato al Premio per il miglior giallo dell’anno dell’Accademia svedese del poliziesco Liza Marklund (1962), la First Lady del giallo svedese, giornalista, è autrice della serie poliziesca di Annika Bengtzon, un successo internazionale. Con il marito e i tre figli, vive tra la Svezia e la Spagna. Oltre che per i suoi libri e documentari, ha ricevuto diversi riconoscimenti per il suo impegno sociale. Di Liza Marklund, Marsilio ha già pubblicato Il Lupo Rosso, Il testamento di Nobel, Finché morte non ci separi e Freddo Sud.

8

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 8

02/02/12 20.57


estate 2012

9

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 9

02/02/12 20.57


Henning Mankell Ricordi di un angelo sporco Dal creatore del commissario Wallander, un nuovo, grande romanzo che riecheggia Cuore di tenebra e La linea d’ombra di Conrad Con più di 40 milioni di copie vendute in 40 lingue, Mankell è l’autore svedese più tradotto nel mondo dopo Stieg Larsson «All’inizio del Novecento, nel continente africano succede qualcosa di molto singolare. Una donna svedese fa la sua comparsa, quasi dal nulla, a Lourenço Marques, la capitale della colonia portoghese del Mozambico, e lì diventa ricchissima dirigendo un grande bordello. Pochi anni dopo, scompare di nuovo senza lasciare alcuna traccia. Ho scritto questo romanzo cercando di mettere insieme i frammenti della sua vita e colmando le lacune con la mia fantasia. Il bordello è il luogo in cui potere e impotenza si incontrano, dove la passione è una merce; ed è il luogo in cui l’intrecciarsi delle esistenze fornisce lo spunto per una storia che ho amato molto» Henning Mankell

romanzo

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 10

02/02/12 20.57


Henning Mankell

o

ria

11

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 11

02/02/12 20.57


estate 2012 romanzi e racconti Henning Mankell Ricordi di un angelo sporco

traduzione di Giorgio Puleo cod. isbn 978.88.317.1225, pp. 352, Euro 19,00 ca.

La memorabile storia di un’umile donna, che dal profondo nord della Svezia raggiunse il Mozambico e divenne potente e ricchissima tenutaria di un bordello Freddo, fame, povertà, sono tra i primi ricordi di Hanna Lungmark. Cresciuta in un’umile famiglia nel nord della Svezia, raggiunge l’Africa per vie misteriose, e in Mozambico trova la ricchezza, e il potere. Hanna si sente una donna tra le altre donne, vicina alle prostitute, di cui cerca la complicità e l’amicizia. Ma le donne nere sono diffidenti, non l’accettano: per loro Hanna è prima di tutto una bianca, una colonizzatrice. A poco a poco, Hanna cambia, e assume un ruolo nuovo e inaspettato... «Un altro bellissimo romanzo di Mankell, che descrive magistralmente la gabbia di paura reciproca in cui sia il padrone che lo schiavo sono intrappolati, dimostrando che, dopotutto, i confini fra Noi e gli Altri possono essere messi in discussione anche nelle situazioni più estreme» svenska dagbladet

978-88-317-0907-1, Euro 12,50

«Con i Ricordi di un angelo sporco, Henning Mankell ha scritto un meraviglioso racconto degli opposti: il padrone e lo schiavo, il bianco e il nero, libertà e oppressione, verità e menzogna, giustizia e ingiustizia» göteborgs-posten Henning Mankell (1948) vive tra la Svezia e il Mozambico, ed è tra i più noti autori scandinavi nel mondo. Oltre ai dieci episodi della serie del commissario Wallander, Marsilio ha pubblicato i gialli Il ritorno del maestro di danza e Il cinese, i romanzi Scarpe italiane, Comédia infantil e Il figlio del vento, e il libro testimonianza Io muoio, ma il ricordo vive. Un’altra battaglia contro l’Aids. Di recente, l’ispettore Wallander ha conosciuto ulteriore fama grazie alla serie televisiva prodotta dalla BBC, con Kenneth Branagh protagonista. Da Scarpe italiane è in lavorazione un film diretto da Kenneth Branagh, con protagonista Anthony Hopkins.

12

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 12

02/02/12 20.57


«Un romanzo che rimarrà nell’anima dei lettori, incalzante» kristianstdsbaldet

13

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 13

02/02/12 20.57


estate 2012 gli specchi Kirsten Jacobsen Mankell (su) Mankell Il creatore del commissario Wallander si racconta

traduzione di Lisa Raspanti cod. isbn 978.88.317.1232, pp. 304 + 32 a col., Euro 18,50 ca.

Per la prima volta, uno degli scrittori svedesi più letti e amati nel mondo parla apertamente di sé, dei suoi libri, del suo impegno sociale e civile Frutto di numerosi incontri dell’autrice con Henning Mankell che si sono susseguiti nell’arco di un anno in Svezia e Francia, questo libro racconta l’infanzia del romanziere svedese in una piccola città nel nord della Svezia, di sua madre assente che ha lasciato il marito e tre figli giovani, delle donne, l’amore, la paura della morte, la paura di contrarre la malaria o l’aids, l’importanza della natura e della letteratura nella sua vita, e racconta anche la storia delle sue opere e la sua visione del mondo. Ne esce un ritratto molto personale di Mankell, l’idealista, il socialista, il calvinista, ma soprattutto emerge con forza la persona privata che vive con un piede nella neve svedese e con l’altro nella sabbia dell’Africa.

Il libro contiene contributi, tra gli altri, di: Eva Bergman, Desmond Tutu e Kenneth Branagh Kirsten Jacobsen, nata nel 1942, è giornalista danese e scrittrice. Ha scritto più di dieci biografie, tra le quali una sul regista danese e enfant terrible Lars von Trier.

14

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 14

02/02/12 20.57


estate 2012

15

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 15

02/02/12 20.57


Stieg Larsson

La voce e la furia L’altra faccia dell’autore della Millennium Trilogy Gli articoli più importanti di Stieg Larsson sull’estrema destra, il razzismo e la violenza sulle donne Un libro che restituisce l’immagine più autentica e vera dell’autore della Millennium Trilogy, un uomo che ha dedicato la sua vita a denunciare l’ingiustizia non per soldi, non per fama, ma semplicemente perché sentiva di doverlo fare

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 16

16

02/02/12 20.57


estate 2012

17

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 17

Gli specchi

02/02/12 20.57


estate 2012 gli specchi Stieg Larsson La voce e la furia L’altra faccia dell’autore della Millennium Trilogy a cura di Daniel Poohl traduzione di Katia De Marco cod. isbn 978.88.317.1231, pp. 304, Euro 18,50 ca.

Un libro che aiuta a spiegare ciò che Larsson ha voluto dire nei suoi romanzi Ora è quasi esclusivamente conosciuto come l’autore della trilogia bestseller ma nelle vesti di giornalista Stieg Larsson è stato un instancabile crociato per la democrazia e l’uguaglianza. Come reporter e redattore-capo del giornale Expo ha studiato i movimenti di estrema destra sia in Svezia che a livello internazionale. La voce e la furia raccoglie per la prima volta i suoi saggi e articoli sull’estremismo di destra e il razzismo, sulla violenza contro le donne e i diritti delle donne, sull’omofobia e i delitti d’onore. I suoi scritti più importanti illustrano l’ampiezza della sua attività giornalistica e politica in merito a questioni che gli stavano a cuore e a cui ha dedicato la vita. Nonostante le minacce di morte e le difficoltà economiche, Larsson non ha mai smesso di lottare per scrivere seguendo i suoi principi più saldi, è stato proprio l’impegno per queste tematiche che ha dato ai suoi romanzi best-seller quella loro forza esplosiva. Questo libro vuole ricordare ai lettori l’altro lato della scrittura di Stieg Larsson.

La Millennium Trilogy di Larsson ha raggiunto i 62 milioni di copie vendute nel mondo Stieg Larsson è nato in Svezia nel 1954. Giornalista, esperto mondiale di movimenti di estrema destra, consulente del ministero di Giustizia svedese e di Scotland Yard. Nel 1995, dopo l’omicidio di cinque ragazzi a Stoccolma per mano di estremisti di destra, fondò la rivista expo, con intenti antirazzisti. Bersaglio di gruppi neonazisti, visse per anni protetto dalla polizia, costretto a tenere segreta la propria abitazione e a modificare quotidianamente i suoi tragitti. È morto improvvisamente nel 2004, quando aveva appena concluso la sua trilogia Millennium, poi diventata un clamoroso caso editoriale: Uomini che odiano le donne, vincitore del Glass Key, La ragazza che giocava con il fuoco, premio dell’Accademia svedese del Poliziesco, e La regina dei castelli di carta.

18

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 18

02/02/12 20.57


estate 2012

19

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 19

02/02/12 20.57


estate 2012 gli specchi Nana Konadu Yadom con Andrea Pasqualetto Una regina africana Venuta in Italia a fare la colf, sceglie poi di tornare al suo villaggio

prefazione di Massimo Fini cod. isbn 978.88.317.1230, pp. 192, Euro 16,00 ca.

Nei villaggi più incontaminati della foresta del Ghana ci sono equilibri che durano da millenni. Questi popoli primitivi hanno volti sereni, sorrisi semplici, occhi pieni di luce. Non saranno forse loro a dover aiutare noi? In una lettera a un ragazzino della foresta che non ha mai visto nulla del progresso, la dura verità della regina ashanti Nana Konadu Yadom che, dopo aver vissuto 18 anni come colf, a Schio, è tornata per sempre nel suo villaggio in Ghana. La regina spiega a Kofi cosa sono le macchine, i palazzi, le strade, gli uomini che vivono di progetti, di costruzioni e di corsa. Racconta del suo incanto ma anche di un vuoto di serenità e di infinito. Racconta del suo desiderio di tornare alla semplicità del villaggio e di portare con sé solo un pezzetto del nostro mondo: una piccola scuola, un piccolo ospedale, un pozzo. Voleva a Besoro più istruzione e meno malattie. Li ha avuti con l’aiuto di un gruppo di amici italiani. Pensava di fare una cosa utile, ragionando con la testa dell’uomo bianco. Ma si è trovata di fronte a una triste realtà: il piccolo pezzo di mondo occidentale si è rivelato il germe di una grande malattia.

20

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 20

02/02/12 20.57


Chi l’ha detto che l’Africa nera dev’essere aiutata? Chi ha detto che servono scuole, ospedali e pozzi? Servono a chi? Agli africani o a noi?

21

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 21

02/02/12 20.57


estate 2012 i nodi Gianni Canova Neo-com La nuova commedia italiana

cod. isbn 978.88.317.1239, pp. 192, Euro 19,00 ca.

Un grande critico, acuto osservatore della realtà, propone un appassionante viaggio nell’universo della nuova commedia italiana «Non è questione di volgarità. La “nuova commedia italiana” non è più interessante della “vecchia” perché - come sostiene qualcuno - meno volgare. I nuovi comici mettono in scena personaggi evolutivi e dinamici, mentre i cinepanettoni prosperavano nella ripetizione ossessiva degli stereotipi dell’italiano medio, in qualunque situazione e contesto». Una ricognizione critica sul fenomeno che ha sbancato il box office, ha decretato la fine del comico da cinepanettone e ha ridisegnato la mappa della comicità nel cinema italiano, sdoganando una nuova generazione di registi - da Fausto Brizzi a Paolo Genovese -, valorizzando talenti comici già noti - da Claudio Bisio a Rocco Papaleo - e proponendone di nuovi: “solisti” - Alessandro Siani - strane coppie - Ale e Franz, Ficarra e Picone - e un trio, Aldo Giovanni e Giacomo. Da Basilicata coast to coast a Benvenuti al sud, via via sino a Boris, i nuovi personaggi incarnano gli stereotipi, ma con lo scopo di metterli in discussione, attraverso meccanismi narrativi che li portano - alla fine della storia - a essere diversi da com’erano all’inizio. Sullo sfondo un’Italia ormai stanca di modelli di matrice televisiva che hanno caratterizzato per oltre due decenni i personaggi messi in scena da Boldi e De Sica.

978-88-317-0907-1, Euro 12,50

Gianni Canova è professore ordinario di Storia del cinema e preside della Facoltà di Comunicazione, Relazioni pubbliche e Pubblicità dell’Università IULM. Fondatore del mensile «Duellanti», è stato critico cinematografico per «la Repubblica», «il Manifesto», «Sette» del «Corriere della Sera» e «la Voce» di Indro Montanelli. Attualmente è autore e conduttore del programma Il Cinemaniaco su Sky Cinema e titolare della rubrica di cinema su «Saturno», inserto culturale del «Fatto Quotidiano». Autore di numerosi saggi, per Marsilio ha curato l’XI volume della Storia del cinema italiano, 1965/1969 (2002) e una monografia su Robert Zemeckis (2008), e ha pubblicato Cinemania. 10 anni 100 film: il cinema italiano del nuovo millennio (2010).

22

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 22

02/02/12 20.57


estate 2012

23

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 23

02/02/12 20.57


estate 2012 i grilli Raffaele Bonanni Comunità Italia Manifesto per una società rinnovata

cod. isbn 978.88.317.1240, pp. 176, Euro 13,00 ca.

Raffaele Bonanni presenta un progetto ambizioso su cui fondare una rinnovata azione politica per il bene comune Cosa serve per rilanciare lo sviluppo e far ripartire la crescita dell’Italia? Quali sono i suoi bisogni primari, le esigenze fondamentali dei cittadini? Forte di una lunga esperienza a diretto contatto con la realtà in cui si svolge e si realizza la personalità di ciascuno - il lavoro - e attraverso le lenti di un cattolicesimo vivo e operante nella società, Raffaele Bonanni propone in questo libro riflessioni e analisi sull’Italia di oggi. Raffele Bonanni (Bomba, Chieti, 1949) ha iniziato l’attività sindacale nel 1972. Dopo una lunga esperienza alla guida di importanti strutture territoriali, regionali e di categoria della Cisl, dal 27 aprile 2006 ne è diventato Segretario generale.

i grilli

Sergio Pistoi Il DNA incontra Facebook La rivoluzione della genomica personalizzata cod. isbn 978.88.317.1241, pp. 160, Euro 13,00 ca.

Un viaggio alla scoperta della rivoluzione sociale e tecnologica destinata a cambiare non solo l’approccio alla salute e alla prevenzione, ma il nostro modo di vivere e di relazionarci con gli altri La rivista «Time» l’ha inclusa fra le invenzioni dell’anno: con pochi click e qualche goccia di saliva, chiunque può acquistare su internet una scansione del proprio dna e ricavarne un profilo genetico personalizzato. Benvenuti nell’epoca della genomica Direct to Consumer (dtc), la nuova industria che unisce i progressi delle tecnologie legate al dna alle potenzialità di internet. Con stile avvincente e taglio giornalistico, questo libro racconta la nascita, le prospettive e i rischi della genomica personalizzata. Sergio Pistoi, una laurea in Scienze biologiche all’Università di Torino e un dottorato in Biologia molecolare all’Université Pierre et Marie Curie/Institut Pasteur di Parigi, è giornalista scientifico e consulente con esperienza da ricercatore biomedico in Italia e all’estero. Collabora con «Panorama», il «Corriere della Sera», «La Stampa», «Le Scienze» e con varie testate internazionali, fra cui «Nature».

24

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 24

02/02/12 20.57


estate 2012

25

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 25

02/02/12 20.57


estate 2012

mauro

Masicarlo Vulpio

Un nemico

alla

Rai

800 giorni “contro� nella tv pubblica

prefazione di Vittorio Sgarbi

i Grilli 0010.NovitaESTATE3_2012.indd 26

26

02/02/12 20.57


estate 2012

Gli 800 giorni che hanno segnato il periodo da sempre più turbolento per l’informazione e il servizio pubblico nel nostro Paese nel racconto del protagonista Mauro Masi svela la sua verità sulla Rai, il suo rapporto contrastato con Michele Santoro, il potente sindacato dei giornalisti e tanto altro in uno scottante libro intervista con Carlo Vulpio, che non mancherà di suscitare vive polemiche

«Un Don Chisciotte travestito da Don Giovanni o da Zorro dentro una Rai di impiegati paurosi e costretti ad accettare l’egemonia del pensiero unico […], Vulpio ha voluto raccontare la trasformazione di un uomo attraverso un processo di autocoscienza, una confessione, un interrogatorio» dalla prefazione di Vittorio Sgarbi

27

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 27

02/02/12 20.57


estate 2012 i grilli Mauro Masi, Carlo Vulpio Un nemico alla Rai 800 giorni “contro” nella tv pubblica

prefazione di Vittorio Sgarbi cod. isbn 978.88.317.1244, pp. 160, Euro 13,00 ca. Chi ha letto in anteprima queste pagine - afferma Mauro Masi - ha chiesto con insistenza il perché di questo libro, soprattutto in un momento politico così particolare. A dispetto di ogni convenienza e calcolo, infatti, vi è ricostruita la realtà vissuta dall’ex direttore generale alla Rai - con i Santoro, i Vespa, il sindacato dei giornalisti che la vuol fare da padrone su tutto, il sinistrismo di maniera tanto ostentato in pubblico quanto poco praticato in privato, Sanremo e Piero Angela, Fazio e Miss Italia dall’aprile 2009 al maggio 2011. Nessuna rivalsa né “sindrome dell’ex”, ma la volontà di rendere conto delle tante vicissitudini di una gestione che ha tentato il tutto per tutto per migliorare e riequilibrare una realtà da troppi anni immobile. Scandito dalle incalzanti domande di Carlo Vulpio, il libro fa rivivere le tappe salienti di questa “ultima battaglia per la Rai” così come si sono svolte, senza sconti. Documenti originali e inediti completano e sostanziano le ricostruzioni contenute nel volume. Mauro Masi (Civitavecchia, Roma, 1953) si laurea in Giurisprudenza a Roma nel 1977 e l’anno successivo si diploma alla Scuola di direzione aziendale dell’Università Bocconi di Milano. Continua gli studi in America, all’IMF Institute e alla Harward Law School. Nel 1978 entra in Banca d’Italia. Dal 1988 al 1990 è distaccato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dove è nominato consigliere per la comunicazione economica. È l’inizio di un lungo percorso che lo porterà a occuparsi sempre più di editoria, comunicazione e informazione, con incarichi istituzionali di primo piano. Dall’aprile 2009 al maggio 2011 ha ricoperto la carica di direttore generale della Rai. Attualmente è amministratore delegato della Consap. Carlo Vulpio (Altamura, Bari, 1960), laureato in Giurisprudenza, giornalista, ha collaborato con varie testate, tra cui «L’Espresso» e «l’Unità». Per il «Corriere della Sera» si è occupato di grandi casi di cronaca e di inchieste sia all’estero sia in Italia, tra cui le vicende di Luigi de Magistris e Clementina Forleo. Ha insegnato Informazione, media e cittadinanza all’Università di Bologna. È autore di Roba Nostra. Storia di soldi, politica, giustizia nel sistema del malaffare (2008, premio Rosario Livatino 2009) e La città delle nuvole. Viaggio nel territorio più inquinato d’Europa (2009).

28

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 28

02/02/12 20.57


estate 2012

29

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 29

02/02/12 20.57


estate 2012 i libri di reset Ramin Jahanbegloo Conversazioni con Michael Walzer Una vita all’insegna del pluralismo

cod. isbn 978.88.317.1242, pp. 160 ca., Euro 11,00 ca.

Michael Walzer si racconta: la vita, l’itinerario intellettuale, filosofico e politico vengono ripercorsi in profonde conversazione con Ramin Jahanbegloo, intellettuale iraniano già autore di un libro-dialogo con Isahia Berlin. Il grande filosofo americano della politica rivive le tappe della sua formazione, dalle difficoltà di una famiglia ebrea del Bronx alla prestigiosa chiamata a Princeton. Emerge la storia di un dissenter, le cui concezioni di pluralismo, democrazia e del rapporto tra libertà, individuo e comunità sono oggi universalmente riconosciute come punti di riferimento. Michael Walzer (New York, 1935) è uno dei maggiori filosofi americani viventi. Ha scritto di filosofia politica, sociale e morale. Attualmente è docente all’Insitute of Advanced Study di Princeton. Ha svolto un ruolo di primo piano nella definizione delle tematiche relative alla società multietnica e al pluralismo nella politica e nella società civile. Nel 1956 ha fondato e ha diretto per più di trent’anni la rivista politica «Dissent». Ad oggi si occupa di giustizia internazionale e di nuove forme di welfare e collabora a progetti sulla storia del pensiero politico ebraico. Tra le sue numerose opere, tradotte in tutto il mondo, in Italia sono apparse: Guerre giuste e ingiuste (1977), Esodo e rivoluzione (1985), Sulla tolleranza (1997), Sulla guerra (2004). Marsilio ha pubblicato Cosa vuol dire essere americani (1992). Ramin Jahanbegloo (Teheran, 1956), filosofo iraniano, vive e lavora in Canada. Tra i suoi libri, Marsilio ha pubblicato: Leggere Gandhi a Teheran (2008).

30

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 30

02/02/12 20.57


grandi libri illustrati

Storia dell’architettura nel Veneto. Il Settecento

estate 2012

a cura di Susanna Pasquali e Elizabeth Kieven cod. isbn 978.88.317.1236, rilegato, pp. 224 con 150 ill. a col. e 80 b/n, Euro 90,00.

Frutto di anni di studi e di ricerca, il volume percorre l’intero secolo analizzando l’architettura religiosa e civile con particolare attenzione ai rapporti che intercorrevano tra Venezia, le altre città maggiori (Brescia, Verona, Padova) e il territorio. Una straordinaria campagna fotografica realizzata ex novo documenta tutte le architetture. Susanna Pasquali, docente di Storia della architettura, presso il Dipartimento di architettura della Facoltà di architettura dell’Università di Ferrara, ha incentrato la sua più che ventennale attività di ricerca principalmente sull’architettura del Settecento.

formato cm 24 x 29

Nella stessa collana Il Seicento a cura di Augusto Roca De Amicis L’altomedioevo e il romanico a cura di Juergen Schulz Il Gotico a cura di Juergen Schulz

31

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 31

02/02/12 20.57


estate 2012 cataloghi Diana Vreeland

a cura di Maria Luisa Frisa e Judith Clark cod. isbn 978.88.317.1237, pp. 256 con 350 ill. a col., Euro 35,00 ca. brossura, rilegatura speciale

Venezia, Museo Fortuny, 10 marzo - 26 giugno 2012

In un periodo segnato dai continui cambiamenti e in cui, come aveva predetto Andy Warhol, tutti sono famosi per 15 minuti, la figura di Diana Vreeland è ancora polemicamente attuale. Prima redattrice di «Harper’s Bazaar» poi direttrice di «Vogue America» e infine curatrice di alcune mostre al Costume Institute del Metropolitan Museum di New York, non era bellissima, ma traboccava di eleganza. Il suo stile era fatto di abiti semplici e raffinati, gioielli esotici, scarpe e cappelli stupefacenti ma appropriati e una sigaretta con il bocchino tra le dita curatissime. Era la prova eloquente della controversa affermazione che lo stile è innato e cieco come l’amore. Maria Luisa Frisa, critico di moda e curatore, direttore del corso di laurea in Design della moda dell’Università IUAV di Venezia. Il suo ultimo libro è Una nuova moda italiana (Marsilio - Fondazione Pitti Discovery, 2011). Judith Clark è co-direttrice del corso in Fashion curation del London College. Tra le mostre da lei curate ricordiamo Malign muses: when fashion turns back (ModeMuseum Antwerp, 2004) e Anna Piaggi: fashion-ology (Victoria and Albert Mueum, Londra).

formato cm 18,5 x 25,5

32

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 32

02/02/12 20.57


estate 2012

33

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 33

02/02/12 20.57


estate 2012 cataloghi Miniature di vetro. La bomboniera d’artista a cura di Rosa Barovier Mentasti e Sandro Pezzoli cod. isbn 978.88.317.1238, brossura con alette, pp. 128 con 100 ill. a col., Euro 20,00 ca.

Venezia, Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, Palazzo Loredan, 24 marzo - 10 giugno 2012 Un’affascinante storia in miniatura del vetro del Novecento e di quello contemporaneo, attraverso le testimonianze di alcune figure di spicco: da Tommaso Buzzi e Carlo Scarpa, degli anni trenta, quaranta -, cinquanta, fino alle creazioni più recenti di Lino Tagliapietra e di artisti contemporanei come Dale Chihuly, Clare Belfrage, Jane Bruce e di Yoichi Ohira. Rosa Barovier Mentasti, nata a Venezia da un’antica famiglia vetraia muranese, da quarant'anni è impegnata nello studio della storia del vetro veneziano. Sandro Pezzoli, collezionista, ha fondato insieme ad Aldo Bellini, mancato recentemente, la galleria «La Scaletta di vetro», specializzata nel vetro contemporaneo.

formato cm 15 x 21

34

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 34

02/02/12 20.57


estate 2012

35

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 35

02/02/12 20.57


termine prenotazione 26.03.2012 cod. isbn

autore, titolo

Euro

978.88.317.1228

A. Mourad, Vertigo

18,00 ca

978.88.317.1227

J. Adler-Olsen, Battuta di caccia

18,50 ca

978.88.317.1243

L. Marklund, Delitto a Stoccolma

17,50 ca.

978.88.317.1225

H. Mankell, Ricordi di un angelo sporco

19,00 ca.

978.88.317.1232

K. Jacobsen, Mankell (su) Mankell

18,50 ca.

978.88.317.1231

S. Larsson, La voce e la furia

18,50 ca.

978.88.317.1230

N. Konadu Yadom, A. Pasqualetto, Una regina africana

16,00 ca.

978.88.317.1239

G. Canova, Neo-com

19,00 ca.

978.88.317.1240

R. Bonanni, ComunitĂ  Italia

13,00 ca.

978.88.317.1241

S. Pistoi, Il DNA incontra Facebook

13,00 ca.

978.88.317.1244

M. Masi, C. Vulpio, Un nemico alla RAI

13,00 ca.

978.88.317.1242

R. Jahanbegloo, Conversazioni con Michael Walzer

11,00 ca.

978.88.317.1236

S. Pasquali, E. Kieven (a cura), Storia dell'architettura nel Veneto. Il Settecento

90,00 ca.

978.88.317.1237

M. L. Frisa, J. Clark (a cura), Diana Vreeland

35,00 ca.

978.88.317.1238

R. Barovier Mentasti, S. Pezzoli (a cura), Miniature di vetro. La bomboniera d'artista 20,00 ca.

Marsilio Editori spa Marittima, Fabbricato 205 30135 Venezia telefono 0412406511/26 fax 0415238352 commerciale@marsilioeditori.it www.marsilioeditori.it

0010.NovitaESTATE3_2012.indd 36

02/02/12 20.58


03 Estate - Le novità Marsilio di giugno/luglio/agosto/settembre 2012