Page 122

118

ASSEMBLEA GENERALE FEDERMACCHINE: INDUSTRIA 4.0 AL CENTRO

FEDERMACCHINE GENERAL ASSEMBLY: A FOCUS ON INDUSTRY 4.0

La politica industriale incentrata sui provvedimenti 4.0 è stata la protagonista degli interventi dell'Assemblea Generale Federmacchine svoltasi lo scorso 18 luglio presso la sede della Federazione a Cinisello Balsamo. "Con il Piano Nazionale Industria 4.0, l’Italia si è dotata di un piano di politica industriale efficace", ha affermato il presidente FEDERMACCHINE, Sandro Salmoiraghi, peraltro confermato alla Presidenza della Federazione anche per il prossimo biennio proprio durante l'Assemblea Generale. "Sono pochi i paesi Europei a poter contare su un sistema di supporto e incentivi all’innovazione così strutturato", ha ribadito Salmoiraghi, "iper e Super-ammortamento, Nuova Sabatini, Credito d’imposta per le spese di Ricerca e Sviluppo, Patent Box, misure per le Start-up e le PMI innovative sono tutte misure che stanno funzionando bene”. Secondo l’indagine svolta dal Gruppo Statistiche FEDERMACCHINE sulle 13 associazioni federate, rispetto agli ordini raccolti dai costruttori italiani di beni strumentali sul mercato domestico nel 2017, il 65% è stato acquisito in regime di Iperammortamento e il restante 35% con il Superammortamento. “Detto ciò i passi da fare sono ancora moltissimi e, per questo - ha continuato Sandro Salmoiraghi - chiediamo alle autorità di governo di non abbandonare il campo proprio ora che le misure cominciano a dare i primi frutti. In particolare, potrebbe essere utile trasformare il Superammortamento in provvedimento strutturale, anche per adeguare gli attuali coefficienti di ammortamento che non corrispondono più alla reale durata dei beni, e prevedere l’inserimento dell’Iperammortamento anche nella prossima Legge di bilancio, prolungandone l’operatività rispetto agli attuali termini fissati”. Altro intervento di rilievo dell'Assemblea quello di Gregorio De Felice, Chief Economist Intesa Sanpaolo, che ha evidenziato come "la meccanica italiana si differenzia dai suoi principali concorrenti per la sua offerta tailor-made, in grado di soddisfare le esigenze del cliente grazie ad un elevato grado di flessibilità della propria produzione e allo stretto legame con la clientela che ha permesso di attivare un virtuoso processo di adeguamento produttivo. Industria 4.0 spingerà ulteriormente in questa direzione, consentendo un’ulteriore customizzazione della produzione, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie, dei Big Data e della Internet of Things".

Industrial policy centered on 4.0 measures was the focus of the speeches given at the Federmacchine general assembly held on July 18 at federation headquarters in Cinisello Balsamo, Milan. “With the National Industry 4.0 Plan, Italy has equipped itself with an efficacious industrial policy plan” stated Sandro Salmoiraghi, president of Federmacchine (and re-elected for the next two-year term during the general assembly). “Few European countries can count on such a wellstructured support system for incentivizing innovation,” he went on to say. “Hyper- and super-amortizations, the new Sabatini Law, tax credits for research & development expenditures, the Patent Box, provisions for startups and innovative SME are all measures that are working well”. According to a survey the Federmacchine Statistics Team conducted on its 13 federated associations, in regard to orders that Italian makers of instrumental goods received from the domestic market in 2017, 65% was under the hyper-amortization regime and the remaining 35% under the super-amortization. “That said, there is still a lot more to be done and so,” said Salmoiraghi, “ we ask the government not to abandon the field right when these measures are starting to bear initial fruit. In particular, it might be useful to make super-amortization a structural measure, also to adjust current amortization coefficients that no longer reflect the actual duration of goods, and to foresee insertion of hyper-amortization in the upcoming budget, extending its term of operation from that currently set”. Another important speech at the general assembly was by Gregorio De Felice, Chief Economist with the Intesa Sanpaolo banking group, who pointed out how “the Italian mechanics sector differs from its main competitors for its tailor-made offer able to meet customer requirements thanks to a high degree of flexibility in production and close relations with customers, which has enabled it to activate a virtuous process of production updating. Industry 4.0 will go further in this direction, permitting even more customized production thanks to the use of new technologies, big data and the Internet of Things”.

Marmo Macchine International n. 98  

Luglio / Settembre 2017

Marmo Macchine International n. 98  

Luglio / Settembre 2017