Page 62

60

102

Nel 2017 rallenta la costruzione di nuove aree commerciali in Europa

In 2017 the construction of new shopping centers in Europe slowed down

Nel 2017 in Europa sono stati completati 3,8 mln di mq di nuovi poli o spazi commerciali, con una diminuzione del 23% rispetto all'anno precedente. A livello di macroaree, per l'Europa occidentale si parla di 1,5 mln di mq in più, con un calo del 22,7%, mentre per quanto riguarda l'Europa centrale e dell'est sono stati sviluppati 2,3 mln di mq (-23,3%). Questi dati sono estratti dal rapporto "European Shopping Centre Development" pubblicato dalla società di consulenza immobiliare Cushman & Wakefield, dove si sottolinea che non è solo l'e-commerce ad aver avuto un impatto negativo sul settore, ma anche l'eccesso di offerta e un più generale cambiamento nelle abitudini dei consumatori. La Turchia è stato il Paese che ha mostrato il maggiore dinamismo con 1,1 mila mq supplementari di superfici retail, superando in questa classifica la Russia, scesa a 330 mila mq, e la Francia (326 mila mq). Seguono Polonia (298 mila mq), Spagna (210 mila mq), Gran Bretagna (120 mila mq) e Portogallo (96 mila mq), mentre l'Italia si colloca all'ottavo posto con 62 mila mq. All'inizio del 2018 il parco immobiliare dei centro commerciali nel Vecchio Continente ammonta complessivamente a 166,5 mln di mq, dei quali 109,7 mln concentrati in Europa occidentale e i restanti 56,8 mln nell'area centro-orientale. Sulla base dei progetti di sviluppo finora annunciati, tra quest'anno e il 2019 si stima che verranno creati 6,6 mln di mq di nuove aree retail, con una dinamica diversa a seconda delle regioni. Mentre nei Paesi dell'Europa dell'ovest dovrebbe continuare il trend negativo (-21,3%), per l'area centro-orientale - quella con più ampi margini di crescita, e che maggiormente interessa gli investitori - si calcola un incremento del 21,3%.

In 2017 in Europe construction was completed for 3.8 million square meters of new malls or stores, 23% less than in 2016. On the level of macro-areas, in Western Europe 1.5 million square meters more were built, a drop of 22.7%, while in Central and Eastern Europe 2.3 million square meters were developed (23.7%). These figures are from the “European Shopping Centre Development” report published by the Cushman & Wakefield real estate consultancy company, which emphasizes that it is not just e-commerce having a negative impact on the sector but also an excessive offer and a more general change in consumer habits. Turkey was the most dynamic country, building 1,100,000 additional square meters of retail space, surpassing Russia’s 330,000 and Poland’s 298,000. France came next (326,000), followed by Spain (210,000), Great Britain (120,000) and Portugal (96,000) while Italy took eighth place with 62,000 square meters more. In early 2018 the amount of commercial real estate on the Old Continent amounted to a total of 166.5 million square meters, 109.7 million of which concentrated in Western Europe and the rest in Central-Eastern. On the basis of development projects so far announced, from this year to next it is estimated that 6.6 million square meters of new retail areas will be built, with dynamics differing from region to region. While Western European countries should continue the downward trend (-21.3%), in the CentralEastern area of Europe - with more margins for growth and of more interest to investors - there should be an increase of 21.3%.

Marmo Macchine International n. 102  

Maggio/Giugno 2018

Marmo Macchine International n. 102  

Maggio/Giugno 2018