Page 1

Comune di Forte dei Marmi Comitato per il Premio Satira Politica e il Museo della Satira di Forte dei Marmi

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER LA TESI DI LAUREA “Un album inedito di caricature agli Uffizi: fortuna di un genere nella Toscana seicentesca” (Università degli Studi di Pisa) A: LUCIA ROSSINI Lucia Rossini, nella sua tesi specialistica in storia dell’arte discussa all’Università di Pisa, ha preso in esame un album inedito di ritratti caricati, oggi diremmo caricature, custodito agli Uffizi per dimostrare il notevole successo, eco e risonanza riscontrati da quel genere nella Toscana del XVII secolo. Partendo dalla letteratura burlesca, in primis le opere di Francesco Redi, la Rossini indica tra i maestri Bernini, Guercino, Mitelli e Callot, per poi esaminare l’album sottolineando la vis comica dei ritratti, eseguiti esagerando i tratti somatici o inserendoli in scene buffe e ridicole. L’album rappresenta quindi un prezioso campionario ante litteram dell’odierna letteratura, ed è meritorio lo studio di Rossini nella sua riscoperta.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO ALLA REDAZIONE DE: “L'ANTITEMPO” Le cose belle durano poco se non vogliono perdere la loro forza. I giovanotti dell'Antitempo, da anni frequentatori dei mille rivoli della satira italiana, ne hanno fatto la parola d''ordine, che aiuta a non innamorarsi troppo e sterzare all’improvviso cavalcando i marosi del mercato. Così prima si sono dedicati alle fanzine in bianco e nero, poi a una rivista che ha fatto dell'internazionalismo il terreno delle proprie scorribande satiriche. Quindi la virata verso la satira sociale e il fumetto. Fino al passaggio dal bimestrale agli albi, mantenendo inalterata la voglia di provocare.

IL PREMIO SPECIALE "CITTA’ DELLA SATIRA 2013" È STATO ASSEGNATO A: EMMANUEL E FABRIZIO VEGLIONA


Illustratore e fumettista Joe Trozky, scrittore, videomaker e regista Stickyboy, i “brotha” Emmanuel e Fabrizio Vegliona, nonostante i natali canadesi e il successo internazionale nel gotha francofono del fumetto e della sci-fi hanno formazione e radici fortemarmine. Li premiamo per aver creato e disegnato Acciona, una sorta di super eroe, sospeso tra la fiction il mito e le reminiscenze autobiografiche. E perché da quando disegnano le storie di Acciona, sono riusciti a far diventare protagonisti di un fumetto internazionale le case popolari di via Civitali, il Circo Franchetti, il Palio dei Micci e la nostra Fortozwkaya dei Marmoski.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER LA TELEVISIONE A: PIF Pif, palermitano dall’acronimo misterioso, è stato bocciato al terzo anno del liceo scientifico e grazie a dio, quello cattivo della satira, non ha mai pensato di iscriversi all’università. Da ragazzino invece di andare in discoteca, giocava con le attrezzature video professionali di suo padre regista. La sua scuola è stata andare a vivere a Londra. Ha lavorato come assistente sia di Franco Zeffirelli sia di Marco Tullio Giordana. Iena per concorso, perché a Mediaset si fanno i concorsi più che in Rai, fa a Mtv il programma Il testimone. Tra i migliori. Testimonianza di creatività televisiva, acume antropologico, spirito satirico di alta scuola tra personaggi famosi e gente comune, storie di casa nostra e cartoline dall'estero, fenomeni di costume e vicende personali. A novembre esce il suo primo film da regista, “La mafia uccide solo d’estate”. Con capacità profetica lo premiamo anche per questo. IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL DISEGNO SATIRICO A: MARILENA NARDI Marilena Nardi dipinge e disegna con vigore artistico che miscela in punta di matita con una innata levità umoristica e satirica che caratterizza la sua opera più recente, quella stessa che l'ha fatta diventare sul campo una vera ambasciatrice internazionale dello humour satirico all'italiana. Marilena raccoglie sempre la sfida dell'attualità nel silenzio assordante di vignette, spesso senza battute, e restituisce una satira vigorosa e senza tentennamenti.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER L’INFORMAZIONE SUL L WEB A: FULVIO ABBATE – TELEDURRUTI Se la tv fa schifo, se annoia e manipola, se si accende, si consuma e si spegne senza lasciare traccia di sé, quale migliore slancio di fantasia e ragionevolezza che farsene una propria? A casa, con location domestiche, opinionisti scelti fra amici e famigliari e diligente sfoggio di imprevedibilità. Nasce così, diversi anni orsono, TeleDurruti, la televisione monolocale dello scrittore, marchese, cantante e funambolo Fulvio Abbate, incandescente continuatore del surrealismo.

2


Nella bolgia mediatica, la sopravvivenza diviene una necessità e l’autosufficienza si fa virtù. Attraverso la tecnologia, ogni sera torna in scena la lezione delle avanguardie del secolo scorso. La rivincita dell’arte sulla vita, la vendetta dell’artista sulla noia e la ripugnanza del potere.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL CINEMA A: VIVA LA LIBERTA' di ROBERTO ANDO' (sceneggiatura di Roberto Andò e Angelo Pasquini) Per avere realizzato il sogno segreto di tanti politici, capaci ancora di guardarsi allo specchio. Quello di scappare dai Palazzi romani, mettere in campo il fratello gemello matto, andarsene a Parigi, dividere un po’ di champagne e un po’ di ricordi con il migliore amore della giovinezza. E realizzando questo sogno, esaudire anche il nostro, che di sicuro voteremmo per il gemello.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL LIBRO “I MARITI DELLE ALTRE” (ED.RIZZOLI) A: GUIA SONCINI Francamente non si capisce perché una giuria composta in prevalenza da maschi dovrebbe premiare un libro che si intitola “I mariti delle altre”, dove i mariti e i maschi in genere rimediano figure mortificanti e vengono descritti come dei fanciulloni giulivi, quando va bene, e come dei presuntuosi illusi e cornuti quando va male, e cioè quasi sempre. L’unica vera ragione per premiarlo è che chi lo ha scritto è una donna che ci conosce benissimo e che scrive anche meglio. Un cuore sottaceto, ma proprio per questo molto ben conservato. Il più perfido spettacolo dopo il big bang: Guia Soncini.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER LA COMICITA’ SUL WEB A: IL TERZO SEGRETO DI SATIRA Registi dello smarrimento sociale, ingegneri delle umane debolezze, gli autori del Terzo Segreto di Satira acchiappano per la collottola le antiche maschere della politica e senza pietà ne illustrano le peripezie terminali, accompagnandole sul ciglio del disastro buffo e dello sfinimento all'italiana. Fra crisi economica e rimbambimento culturale, nuove generazioni prive di speranze si aggirano fra i relitti del buon senso assaporando le delizie amare del grottesco. Nel gran vuoto delle passioni si ammira il pieno rigore narrativo della regia e una cattiveria finalmente tutta milanese, quindi generosa, evoluta e perfino consapevole che in questo tempo, dopo tutto, si ride per piangere - e viceversa.

3


IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL GIORNALISMO A: SILVIA TRUZZI Sarà anche vero che nella realtà ci sono più cose ridicole di quanto la satira non sia capace di immaginare. Ma non è così facile e banale fare emergere il ridicolo dal letamaio dell’Italia quotidiana. Medagliata da un monito di Napolitano che l’ha sgridata per aver osato fare una domanda, la scrittura di Silvia Truzzi, un po’ Cederna e un po’ Bretécher, riesce nell’impresa di far brillare come fili d’oro le nefandezze spontanee della gente che conta. Sia che rifletta il pensiero di Fabrizio Corona, «Sono il maschio Alpha» piuttosto che sulle bondieuserie di Francesco, il primo «Papa grillino»… Per non dimenticare mai, non solo Santanchè, ma anche Carofiglio, non solo Minetti ma anche Dulbecco da Fazio...

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA — DEDICATO A "PINO ZAC" — È STATO ASSEGNATO A “INFERNO. LA COMMEDIA DEL POTERE” (ED.RIZZOLI) DI: TOMMASO CERNO Scendere nell’Inferno può essere un vero inferno. Per Tommaso Cerno, invece, raccontare con cultura e ironia l’Italia sottosopra del Potere e del Peccato, si è rivelato presto un Paradiso in terra. Perché i suoi 14 canti – non 33: e nel XIII Andreotti-Virgilio spiega l’ardito taglio –, tutti in terzine rigorosamente e stilisticamente dantesche e con tanto di apparato di note in calce alla maniera del Sapegno e tavole di Makkox al posto del Doré, hanno rivelato un giovane assai talentuoso e gli hanno spalancato contemporaneamente le porte del Palazzo, del Teatro e della Tv. Con le iniziali maiuscole. Come merita il primo poeta multitasking sbarcato alla fine nella sua stessa Commedia.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL TEATRO A: MARIA CASSI La Cassi entra in scena e in un attimo si è di fronte a un fenomeno. Non avevano esagerato i francesi a paragonarla a Tati e Jerry Lewis. Lei è acrobata, clown, mimo e poi un comico capace di scrivere testi ironici, divertenti e mai volgari. Lei è classica, antica, eterna. Elegantissima, un po’ Jacques Le Coq, da cui ha ereditato “il corpo sensibile”, un po’ Paolo Poli da cui ha ereditato la fiorentinità. Da lì arriva questa minuta signora che ha riempito i teatri di New York e Parigi, dove ha conquistato la prima pagina di 'Le Monde', che ha incantato Peter Schneider, direttore dell'animation studio Disney, già al lavoro per mettere in piedi un musical sulla sua vita. Perché, noi connazionali invece, sappiamo così poco di lei? "E' semplice, non sapete niente di me perché non vado in televisione". Quante ragioni per premiarla.

4


IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO ALLA CARRIERA A: SERGIO STAINO Come premiare ancora una volta Sergio Staino, senza farsi travolgere dalla ontologia retorica della satira politica? Ci abbiamo pensato, prima che ci pensassero gli altri. E siamo arrivati alla conclusione che nei racconti di Bobo e compagnia e tutto quanto, c’è il romanzo del nostro tempo e anche di più. Come dice Umberto Eco, ci siamo tutti noi. Con questo premio alla carriera però vogliamo andare al di là di ogni convenzione premiologica: la satira con Staino, senza perdere mai di vista la cronaca diventa subito storia. Storia del presente anche quando viene dal passato!

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER IL DISEGNO SATIRICO INTERNAZIONALE A: DOAA ELADL (Egitto) Il coraggio delle donne invade il mondo. E Doaa è la prima disegnatrice satirica del dopo Mubarak a raggiungere i vertici nazionali di una professione finora popolata solo al maschile. Ogni giorno sulla stampa indipendente il suo segno vigoroso urla contro ogni discriminazione al femminile, ma anche contro chi con la sopraffazione vorrebbe chiudere la bocca a chi dissente e non risparmia critiche scomode. Questo Premio è il nostro augurio a Lei e a tutti coloro che testimoniano il loro anelito di libertà artistica nel tormentato Egitto di questi mesi.

IL 41° PREMIO FORTE DEI MARMI PER LA SATIRA POLITICA È STATO ASSEGNATO PER LA NUOVA SEZIONE “COMICI AL POTERE” A: GIORGIO FALETTI Chi è stato l’ultimo italiano a vincere l’Oscar? Roberto Benigni, un comico. Chi è stato l’ultimo italiano a vincere il Nobel? Dario Fo, un comico. Chi è stato l’ultimo italiano a vincere le elezioni? Beppe Grillo, un comico. E chi è stato l’ultimo italiano a scalare le classifiche dei bestseller in America? Giorgio Faletti, un comico. Tutto questo ha dell’incredibile in un Paese come il nostro, che gode, specie in politica, una meritata fama internazionale di serietà…. Ma forse gli unici seri sono proprio loro. Comici al potere, e c’è poco da ridere. Viva Giorgio Faletti!

5


La Giuria: Roberto Bernabò, Filippo Ceccarelli, Pasquale Chessa, Pino Corrias, Beppe Cottafavi, Massimo Gramellini, Bruno Manfellotto, Giovanni Nardi, Cinza Bibolotti, Franco A. Calotti.

Ai Vincitori verranno consegnate nel corso della cerimonia, le sculture: "L'Ape" di Pietro Cascella, “Cavallo e cavaliere” di Ugo Guidi, "Omaggio a Pino Zac" di Emanuele Giannelli.

Con il contributo di

!

6


Il dis e g n o de “L’ap e ” , si m b o l o d el Premi o, fu dis e g n a t o nel 19 7 3 dal pittor e Arturo Puliti (19 2 5 - 20 1 1).

Le motivazioni del 41° Premio “Satira Politica sono su Internet: http://www.museosatira.it/vincitori2013/

7


Premio satira politica 2013  
Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you