Page 1

$ s as +t

n co

1 e

Fondatore Daniel Iannuzzi o.c. il tuo videoregistratore online

Per i programmi vedere pag. 3 Publication Mail Agreement # 40008980

The Canad i a n I t a l i a n D a i l y N e w s

ANNO LIV - N. 266 - Italia Eu 0.75

L e q uo­ ti­ d i e n c a na­ d i e n i ta­ l i e n www.corriere.com

LUNEDì 5 OTTOBRE 2009 - MONDAY OCTOBER 5, 2009

Il primo ministro: byelection in quattro circoscrizioni, alle urne il 9 novembre

Elezioni sì ma suppletive

la tragedia

Ignatieff rinsalda le fila in Québec dopo l’affaire Coderre messinese

Il mese prossimo Harper in visita in India, probabile la tappa in Cina

Si scava nel fango «Disastro previsto»

OTTAWA - Da ieri si sa con certezza che in autunno si andrà al voto, ma solo in quattro circoscrizioni: parola di Harper. Mentre ieri il leader grit Michael Ignatieff rinsaldava le fila del partito in Québec dopo l’affaire Coderre, il primo ministro ha annunciato ufficialmente che a novembre i canadesi torneranno a votare per le suppletive nella Provincia francofona, in Nova Scotia e British Columbia. Ma il leader dei tory si farebbe poche illusioni sull’esito delle urne, da cui, in tre casi, potrà difficilmente uscire vincitore.

I morti salgono a 24 MESSINA - Cade o non cade? Alle 17.15 sulla collina che delimita l’ingresso di Giampilieri Superiore, un gruppetto di abitanti guarda quello che a distanza sembra un obelisco e che invece è ciò che resta di una vecchia costruzione, quasi un simbolo di questa frazione ora massacrata dal disastro provocato dal nubifragio. La Protezione civile ha deciso di abbattere quel frammento di rudere che la popolazione ha battezzato “U brigghiu”, il birillo, per evitare altri rischi: sotto, infatti, passa la via di accesso al paesino. Alle 17.15 quel pezzo di muro si sbriciola e rotola giù. «Ci hanno tolto anche questo», dice uno degli abitanti. segue A PAG. 8

Serie A

La Juventus ha perso la testa contro il Palermo

Una bambina tra le macerie a Sumatra

Duemila le vittime nel Sudest asiatico La terra trema in Nuova Guinea

segue A PAG. 2

ARTICOLO A PAG. 9

AFGHANISTAN

I familiari dei canadesi uccisi a Kandahar: 8 marine massacrati a pag. 3

La distruzione provocata dalla furia del fango nel Messinese

Due scienziati di Toronto Quell’«ecomostro» sul lago di Como È polemica sul muro che ha rubato il panorama ai comaschi in lizza per il Nobel

IL PREMIO

TORONTO - Ci sono anche due canadesi nella lista dei candidati al Premio Nobel per la medicina, i cui vincitori saranno annunciati ufficialmente oggi. Si tratta di due scienziati di Toronto, Ernest McCulloch e James Till, i cui studi hanno dato una svolta notevole alle ricerche sulle cellule staminali. I due scienziati hanno vinto nel 2005 il Lasker Award, considerato una sorta di Nobel statunitense, vinto in passato da altri studiosi, insigniti poi anche del prestigioso riconoscimento di Stoccolma. SEGUE A PAG. 2

Il 2-0 di Simplicio a Palermo

L’Italia per Irlanda e Cipro: Gattuso c’è, Cassano no ARTICOLI NELLO SPORT

Un elettore alle urne in Grecia

MARIO CAGNETTA

COMO - Se non si trattasse di una storia realmente accaduta, varrebbe quasi la pena di girare un film, naturalmente comico. O magari un horror a seconda dei gusti e della sensibilità. Di sicuro ci sono tutti gli elementi per sbancare il botteghino se non fosse un caso di cronaca figlio della mala amministrazione all’italiana. I comaschi in marcia contro il muro che impedisce loro di vedere il lago

SEGUE a pag. 7

La Grecia alle urne, i socialisti salgono al governo

ATENE - La Grecia ha voltato pagina. Dopo sei anni di governo di centrodestra, gli elettori hanno dato la maggioranza assoluta al leader socialista Giorgio Papandreou in cambio della promessa di far uscire il Paese dalla crisi senza nuovi sacrifici. E con la sua vittoria il Pasok lancia anche un messaggio di speranza al centrosinistra europeo in crisi. Gli exit poll unificati hanno attribuito a Papandreou una forchetta fra il 41 e il 44% che si tradurrebbe in 151-159 deputati nel parla-

mento unicamerale da 300 seggi. Secondo i dati ufficiali emersi dal 30% dei voti scrutinati, il Pasok ha il 43,5% dei suffragi, ovvero almeno 155 seggi, numeri sufficienti per governare senza ambasce. Nuova Democrazia (Nd) del premier Costas Karamanlis si è attestata, secondo questi dati, a 35,6% con meno di 100 deputati. Karamanlis, rivelano fonti del Pasok, si è già congratulato telefonicamente con Papandreou. SEGUE a pag. 9

CHE TEMPO FA OGGI

Sereno Massima 16, minima 9

DOMANI

Pioggia Massima 18, minima 8

Canada5_10_2009bis  

I morti salgono a 24 DOMANI The Canadian Italian Daily News OGGI LUNEDì 5 OTTOBRE 2009 - MONDAY OCTOBER 5, 2009 Le quotidien canadien italie...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you