Issuu on Google+


Sono una persona motivata, con buone capacità di relazionarsi ad altre persone, sapendo gestire con versatilità diverse mansioni di un progetto in ogni sua fase, rispettando le idee degli altri cercando di valorizzarle o arricchirle al meglio. Cerco sempre nuove e possibili soluzioni, individuando le possibilità più efficaci e decisive in ogni fase di un progetto.

3 Aprile 1988, Venezia

ISTRUZIONE: 2012- ad oggi Laurea Magistrale in Design del Prodotto per l'Innovazione presso il Politecnico di Milano. Certificazione Toiec livello di inglese B2 Laurea 2009/2012 Design del prodotto industriale,orientamento Arredo, CO presso il Politecnico di Milano. 107/110 Ecdl 2009 Diploma 2002/2007 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Pietro Giannone" , Liceo Scientifico, San Marco in Lamis (FG). 96/100

ESPOSIZIONI: Partecipazione della bottiglia Hydra alla mostra “Bologna Water Design”, dal 23-28 /10/2013 all’ Ex ospedale dei Bastardini a Bologna. Esposizione della lampada Rosebud allo IED di Firenze dal 15 Giugno al 10 Luglio 2013. Espoziozione di PanKevich e dei Pannelli per le Keglevich Night alla mostra “Com’Arredo”, dal 22-24 /07/2011 a Villa Del Grumello di Como. Partecipazione alla mostra ”Morfeo e l’Arte” 22 -27/12/2004 presso Laboratorio Ludico Artigianale e di Progettazione di San Marco in Lamis (FG). Esposizione di lavori su tela.

ESPERIENZE: Com’On 14/10/2011 - 6/11/2011 Servizio di custodia, Servizio informazioni al pubblico e guida alla mostra, Responsabile bookshop. Workshop tirocinante Paver costruzioni 07/05/2012 – 11/05/2012


Via Fratelli Ciani 10, Milano 3476551268

www.behance.net/maria_battista

mar.battista88MB@gmail.com

www.issuu.com/MariaBattista

LINGUE:

COMPETENZE: Teamwork

Trendsearching

Grafica vettoriale

Illustrazioni Ricerca CapacitĂ  organizzative Concept creation Disegno a mano

ADOBE

Modelli e prototipi Presentazioni madrelingua

MODELLAZIONE 3D

buono (livello B2)

scolastico

interessi:

RENDERING Design

Cinema

Letteratura

Musica

Arte

Pattinaggio


PET AWAY

PRODUCT DESIGN

HYDRA

ARREDO

BIG ONE

SKYLINE

PEPSI-PINCH

Prodotti di illuminazione

ROSEBUD

APOKALYPTO


Arredo urbano

ARREDO

MOVISION

ONDA

Allestimento

K-NIGHT K-NIGHT

TREES

GRAFICA

RICETTARIO

ILLUSTRAZIONI

RENDER


PET AWAY Trasportino per animali

Trasportino per animali di piccola/media taglia. Leggero, pieghevole e salvaspazio sono le caratteristiche principali di PetAway. PetAway garantiste facilità nel suo montaggio e smontaggio perchè accessoriato da cinghie per le tracolle e/o maniglie e 2 cerniere per chiudere i lati. Presta dualità nel suo uso: cuccetta e salvaspazio in casa ma anche omologato per il trasporto pubblico. PetAway è: sicuro perchè progettato per sostenere animali di peso fino a 8 Kg; pieghevole; leggero con un peso inferiore a 700 g; personalizzabile!


Progettato con: Greta Dalessandro

Novembre 2013

Laboratorio di Sintesi finale

Docenti: Sovrappensiero


BIG ONE Gioco da tavolo

Big One - Board Game per 4 giocatori. “Risana la città prima che Big One possa generare altre scosse di assestamento, attenzione agli imprevisti!“. Big One è un gioco da tavolo ispirato al proverbio “Chi discioglie la vela a più di un vento, arriva spesso a porto tormento”, interpretato come ad ogni azione corrisponde una reazione, ovvero “pensare bene prima di agire”, dove i giocatori non saranno mai tranquilli nello svolgimento del gioco. Ogni giocatore deve essere in grado di decidere le proprie strategie, obiettivi, percorsi e priorità per assolvere il tutto in modo da non disperdere tempo, denaro ed energie. La vela rappresenta il mezzo attraverso il quale i giocatori svolgono le principali azioni (riempire tubature, distruggere, sostituire i tubi, soldi…) che bisogna bene razionalizzare. Gli elementi di tormento, quali la Frana, Terremoto e Guasti, sono il disturbo, la discontinuità dell’equilibrio di gioco, con i quali i giocatori si scontrano durante lo sviluppo del gioco. L’Imprevisto è alla base del gioco e l’esperienza annessa è contraddistinta da stati di ansia, incertezza, azzardo ma anche da speranze e attese nel riuscire a raggiungere il proprio obiettivo. L’esperienza è un’alternarsi di stato di tranquillità iniziale nella preparazione del gioco e di perenne allerta nello svolgimento. La chiave essenziale di questa esperienza è l’incertezza: nulla è scontato e tutto potrebbe cambiare a causa della presenza degli imprevisti, dal fattore aleatorio e anche dall’influenza delle scelte degli altri giocatori.


Progettato con: Elena D’Urbano Claudia Guardavaccaro Afonso Martins Jacopo Pulcini Stefano Taramello

Maggio - Luglio 2013 Corso di Game Design Docenti: Maresa Bertolo


HYDRA

Thermos for your favourite drinkS Hydra è un thermos pensato per accompagnarci nella vita di tutti i giorni: fuori casa, per fare un giro per la città, una visita turistica, rilassarsi al parco, per fare shopping, ed altro. Dal brief Water on the move, abbiamo analizzato le nostre abitudini e quelle dei nostri amici, le famiglie e le persone intorno a noi al fine di individuare tutti gli usi dei thermos e delle bottiglie personali. La particolarità di Hydra è il libero utilizzo dei plug in, in base alla bevanda che si vuole portare con se durante la giornata, ovvero acqua, tè o caffè. La possibilità di scelta è legata al ridurre l’alterazione del sapore del liquido dal beccuccio, che in molti thermos comuni si presta abbastanza diffuso e fastidioso. Le forme sinuose invitano l’utente ad un uso appropriato e all’ affordance del thermos. I beccucci, dai quali si può bere o versare il liquido negli appositi bicchieri, sono igienici, antigoccia e facili da utilizzare. In base al consumo di acqua fuori casa, Hydra è una soluzione efficace come bottiglia personale.

Hydra è stato messo in mostra all’interno degli edifici dell’ Ex ospedale dei Bastardini a Bologna per la Bologa Water Design 2013 nel settembre 2013.


Progettato con: Federica Roverato

Laboratorio di sviluppo prodotto

Maggio 2013

Docenti: Francesco Zurlo Barbara Previtali Valentina Rognoli


SKYLINE

Desk-organizer per ufficio

Skyline riorganizza lo spazio di lavoro in un contesto privato e domestico o pubblico come l’ufficio. Skyline desk-organizer è formato da 5 moduli a pianta esagonale di varie grandezze. L’eterogeneità dei moduli è dovuta alle loro funzioni specifiche e diversificate: il contenimento è rivolto in modo versatile a molte categorie di oggetti anche se dissimili morfologicamente. La polivalenza di Skyline desk-organizer non ha un riscontro solo morfologico, ma anche compositivo: vive infatti dei bisogni dell’utente che può aggregare i moduli tra di loro a seconda della disponibilità di spazio e delle necessità emergenti. Dal materiale metallico e riflettente, accostamenti e sovrapposizioni in varianti infinite possono creare configurazioni quasi paesaggistiche e sempre nuove, che si ispirano agli skyline americani dai quali prende il nome. Inoltre visto l’eclettismo portato all’estremo, l’oggetto si può adattare a molti altri contesti oltre a quello dell’organizzazione dei piani di lavoro: come ad esempio l’ambiente bagno o in generale il privato domestico, per il contenimento di piccoli oggetti.


Progettato con: Valeria De Sio Francesca Pizzi Federica Roverato Giugno 2013

Laboratorio di sviluppo prodotto Docenti: Francesco Zurlo Barbara Previtali Valentina Rognoli


PEPSI-PINCH Vision

Pepsi-Pinch è un progetto di visioning di 5 anni che unisce il mondo del Pinch Food americano a quello del brand Pepsi in Oriente. L’incontro di questi due mondi, apparentemente lontani, vuole rafforzare il brand per generare un’esperienza nuova per l’utente nei futuri eventi sponsorizzati dalla Pepsi. Ispirandosi alla culinary art catering del Pinch food, l’aspetto di servire mini-dosi di cibo attraverso oggetti scenofrafici scultorei e sospesi suscita nuovi modi di assaggiare di qualcosa, che stupisce, diverte e sorprende con design invitante, sponsorizzato Pepsi. Prodotti: Sottobicchiere, con QR code per l’invitation e il rimando al sito Pepsi-Pinch; Shaker, da centro tavolo al quale posizionare le cannucce per la fuoriuscita della Pepsi nei bicchieri; Espositore Pepsi-Pinch con frutta e lattine di pepsi in esposizione; Packaging, con incluso una un mini shaker, un vassoio, bicchierini e una lattina di Pepsi. (Diversi colori in base ai diversi gusti Pepsi). Vision: Invitation_Pepsi-Pinch invitano i fans dello sponsor, permettendo loro di avere un’esperienza artistica speciale; Event_ Durante l’evento, gli ospiti possono riempire i bicchieri con utensili speciali e servirsi del Pinchbuffet; Memory_ dall’evento agli scaffali dei supermercati.


m

T Sh okyo

Progettato con: Greta Dalessandro Elena D’Urbano

Laboratorio di concept

Dicembre 2012

Docenti: Giulio Ceppi

art

PEP 11/12injuku TakSI P /2012 ash INC exh i Ito H i biti o

Comment:

h

n

FOLLOW US!

SHARE YOUR EXPERIENCE!

STUDENTS: Battista Maria, Dalessandro Greta, D’Urbano Elena | GROUP: 2a


ROSEBUD Warm Comfortable Lamp

Lampada a sospensione, pensata per accompagnare le conversazioni in un’atmosfera soft, accogliente ed intima non solo nei lounge bar, ma si adatta anche per il proprio salotto in occasione di particolari eventi con ospiti. La forma si ispira al volume del diamante ed ai petali del bocciolo di rosa, ammorbiditi dalle forme dei tradizionali porta candele rossi presenti al centro dei tavoli di molti locali. L‘atmosfera generata è data dall’accostamento di più lamelle in PMMA, derivate dal taglio laser di un’unica lastra (790 mm X 384 mm X 3 mm). La luce diretta della lampadina segue la disposizione delle lamelle, generando sul tavolo un’ombra e dei riflessi dati dalla trasparenza del materiale stesso. Si presta versatile nell’uso di abat jour, data la sua forma che, ribaltata, con le punte verso l’alto, può essere appoggiata sul tavolo.

Rosebud è stato messo in mostra all’interno degli edifici del Politecnico di Milano e allo IED di Firenze, come 5° classificato alla partecipazione del concorso Design win make indetto da ArredativoMake Tank e al workshop sul taglio laser nel mese di luglio 2013.


Progettato con: Federica Roverato

Laboratorio di sviluppo prodotto

Aprile 2013

Docenti: Francesco Zurlo Barbara Previtali Valentina Rognoli


APOKALYPTO Hide and seek: esperimento di luce

Nasce da esperimenti di luce sulle proprietà del PMMA (diffusione di luce nella sua sezione). Apocalypto crea l’ illusione che la luce materializzi un corpo all’interno del cubo. Il corpo “generato” dalla luce è una sfera, data dalla sottrazione del suo stesso volume, che con la luce naturale, sembra essere non ben delineata. Il nome deriva dal greco apó “separazione”e kalýptein “nascosto”, che significa un gettar via ciò che copre, un togliere il velo, una scoperta o una rivelazione. La configurazione scelta associa un insieme di cilindri trasparenti posizionati orizzontalmente al centro del cubo. I cilindri centrali sono stati tagliati secondo la curvatura della sfera. Quando il cubo è acceso, tramite appositi interruttori laterali, la luce si propaga all’interno dei cilindri e risulta evidente solo in quelli sezionati, come se vestisse e completasse la superficie esterna della sfera riprodotta.


Progettato con: Elena D’Urbano Claudia Guardavaccaro Gennaio 2013

Laboratorio di concept

Docenti: Alberto Seassaro


MOVISION

Zona ristoro per arredo urbano Aggregabilità, socialità e interazione descrivono Movision per caratterizzare le piazze e i corsi principali delle città per una sosta piacevole, in compagnia e per distaccarsi dalla routine frenetica urbana. Zona ristoro per arredo urbano, è composto da un elemento fisso, con tavolini estraibili ed uno scorrevole per aumentare il numero di posti a sedere, dai 3 ai 5. Di forma geometrica semplice per le parti esterne e di forma più morbida per gli interni, manifesta apertamente il proprio carattere e il proprio ruolo nell’ambiente. Presenta versatilità e possibilità d’uso anche come stand per eventi.

Estensione Movision: Può contenere dalle 3 alle 5 persone sedute. Lo scorrimento del modulo avviene tramite la presenza di due maniglie, 2 ruote e 2 binari che ne facilitano lo spostamento.


Elaborato di Tesi Sessione di Laurea Settembre 2012

Laboratorio di Sintesi finale Docenti: Gabriella Zuco Stefano Werner Villa Stefano Gigliotti


ONDA

New Jersey per l’Heinken Jammin’ Festival

Onda si differenzia dai soliti new jersey, pensato per i concerti, in particolare per l’Heineken Jammin’ Festival. La forma sinuosa, che ricorda un’onda, presenta particolari che rendono l’oggetto polifunzionale: può essere usato come un appoggio per borse o zaini e se ribaltato può trasformarsi in una seduta. Indicato anche per l’uso di divisorio degli spazi ed anche come transenna. Onda è pensato per andare incontro alle esigenze di coloro che partecipano ad eventi e concerti all’aperto: il carattere polifunzionale lo rende più vicino ai bisogni degli utenti.


Progettato con: Alessia Barlascini Anna Giovenzana Dicembre 2010 Febbraio 2011

Laboratorio di Metaprogetto Docenti: Manuela Celi Francesca Lavizzari


.6Ø 00

.6Ø 00 00

.6Ø

00

.6Ø

00

.6Ø

TREES

00

.6Ø

00

.6Ø

Sistema modulare urbano multifunzionale

00.6 Ø

00.6 Ø 00.6 Ø 00.6 Ø

00.6 Ø 00.6 Ø

00.6 Ø

00.6 Ø

00.6 Ø

Trees nasce da un’analisi degli spazi in via Boldoni, Como, presso il Fornaio Beretta. Le problematiche che presenta sono la disomogeneità degli elementi, poco attrattivi e discordi con l’ambiente circostanti. Trees è un sistema modulare di piani regolabili grazie ai piedini che lo reggono. Trees funge da panchina, fioriera, piano di appoggio, tavolino e punto di ritrovo. Presenta adattabilità e versatilità al luogo, donandogli un senso di socialità, aggregazione e riorganizzazione degli spazi. Sono state ipotizzate tre diverse altezze: 40 cm per sedersi, 70 cm per appoggiare borse, 100 cm per appoggiarsi e/o mangiare in piedi. La conca centrale ospita il verde (piante, fiori ecc). Il materiale utilizzato, l’Effix Design permette la creazione di linee sinuose accompagnate da colori pastello.

00.6 Ø

00.6 Ø

multifunzionalità

00.6 Ø

libertà d’uso

00.6 Ø

00.6 Ø 00.6 Ø

modularità 00.6 Ø

00.6 Ø 00.6 Ø


Progettato con: Federica Filippi Francesco Guernieri Maggio 2012

Workshop 7-11 Maggio 2012 Docenti: Giovanna Castiglioni Maurizio Figiani Marco Marzini Paver costruzioni


K-NIGHT

Allestimento per Magazzini Generali, MI Dal brief per la progettazione di arredi o interni ispirandosi al retail, al visual design, al design strategico e alla grafica di un’azienda scelta, PanKevich e i Pannelli per consolle/ privè propongono un allestimento alle serate delle Keglevich Night, per riorganizzare gli spazi dei Magazzini Generali di Milano. Pankevich si inserisce nell’allestimento delle KNight come panchina per due persone, priva di schienale e con spazio per appoggiare i bicchieri. Pannelli per consolle/ privè delimitano la zona del privè e della consolle del dj durante le serate Keglevich Night ai Magazzini Generali di Milano.

Partecipazione alla mostra “Com’Arredo”, dal 22 al 24 luglio 2011 a Villa Del Grumello di Como. Esposizione dei progetti realizzati durante il laboratorio di Design dell’arredo, con l’intento di coniugare le idee con i limiti e le regole a cui deve attenersi la produzione industriale. Progetti esposti: PanKevich, Pannelli per consolle/ privè per i Magazzini Generali nelle serate Keglevich Night.


Progetto singolo

Aprile-Giugno 2011

Laboratorio di Design dell’arredo Docenti: Roberto de Paolis Danilo Morigi Emanuele Lupidi


RICETTARIO Cucina dell’ingegno

Dall’osservazione di come la matematica sia impertinente nella vita quotidiana, questo ricettario di rompicapi include 7 ricette che raccontano un nuovo approccio della matematica nel mondo della cucina. Il re-design dei rompicapi sfruttano le proporzioni presenti nei giochi di logica al posto dei numeri e dei pesi generalmente utilizzati in cucina, in modo da poter presupporre la nascita della cucina dell’ingegno che con gli strumenti adeguati fa a meno dei numeri e permette la creazione di una dieta equilibrata e sana, oltre che divertente.


Progettato con: Laura Cipriani Thea Sturme Febbraio 2012

Corso di Fondamenti di Etica per il Design Docenti: Philippe Daverio Donatella Ferrari


ILLUSTRAZIONI Le illustrazioni riportare sono delle reinterpretazioni di ritratti. Nascono dalla curiosità e dalla passione per la grafica e nello sperimentare diversi modi di comunicare.

Analisi/critica di Graficamente, DeAgostini Passion, nella correzione elaborati “Illustrare per interpretare.”, nel dicembre 2011.


Progetto singolo

Estate 2011


ILLUSTRAZIONI

Progetto singolo

Aprile 2012

Corso di Tecniche grafiche avanzate Docenti: Daniela Villa


RENDER Salotto Poliform

Progetto singolo

Febbraio 2011

Laboratorio di rappresentazione digitale Docenti: Alberto Sala


Via Fratelli Ciani 10, Milano 3476551268

www.behance.net/maria_battista

mar.battista88MB@gmail.com

www.issuu.com/MariaBattista


Portfolio mariabattista 2014