Page 1

RINNOVARE PER VINCERE A FIUMICINO CON BACCINI SINDACO


RINNOVARE PER TORNARE A VINCERE A FIUMICINO

con Baccini Sindaco di Marco Germani

Premesse Si ritiene sia giunto il momento, alla luce della scarsa professionalità e competenza di chi ci amministra, di fare uno sforzo per radunare tutti coloro che, stanchi di subire, vogliono mettersi in gioco nell’interesse della collettività in modo serio, onesto e profittevole per tutti. L’idea è di plasmare in modo collegiale, partendo da una solida base progettuale, un nuovo soggetto che possa dare risposte, che sia capace di trasformare le buone idee in realtà e, con il diretto supporto attivo dei cittadini, renda possibili iniziative atte a sviluppare l’economia locale, autosostenendosi in modo equo e solidale, riportando la politica sui corretti binari della reale rappresentanza popolare e rilanciando l’immagine di una nuova politica a servizio dei cittadini. Questo documento si prefigge di essere un punto di partenza su cui riflettere e, dopo essere stato integrato, arricchito e condiviso, essere utilizzato per tornare a governare Fiumicino dal basso, in modo più aderente alle necessità e con il contributo di tutti e, alla luce della modularità e scalabilità delle proposte, procedere rapidamente al loro impianto a livello nazionale. Per la realizzazione delle proposte, già ampiamente elaborate e definite a livello progettuale, si intende coinvolgere figure professionali esperte, cosa che per incompetenza o motivi che tutti immaginiamo, è una best practice ignorata dalla politica di oggi; fatta principalmente da ciarlatani e mezze figure, nani e ballerine, iniziando proprio da Fiumicino come città zero. Sicuri sia apprezzata l’esclusiva ottica di rinnovare migliorando una politica oramai sorpassata, si auspicando che questo scarno documento possa essere un punto di partenza attraverso il quale rigenerare la politica, trasformandola in qualcosa di più aderente alle necessità e i desiderata del cittadino, sia con l’utilizzo delle nuove tecnologie, sia di nuove figure professionali fino ad oggi scarsamente utilizzate in politica ma indispensabili per fare la differenza.

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


PREMESSE E PROPOSTE DI RINNOVAMENTO È sempre più evidente lo scollamento dei politici dalla realtà che vive il cittadino, e quello che è stato fatto finora, non è stato dettato dalla logica o da una pianificazione a breve, medio o lungo termine per il risanamento economico e sociale del nostro paese, ma da logiche di interesse personali o di partito “mordi e fuggi”, e da operazioni di marketing elettorale piuttosto che nell’interesse comune; cose che un qualsiasi onesto cittadino avrebbe saputo fare meglio. Tutti sanno che i debiti non si pagano aumentando le tasse, ma utilizzando i soldi dove sono disponibili, riducendo e ottimizzando le spese, e supportando lo sviluppo di aziende e amministrazioni sane; ma di iniziativa di questo genere ad oggi non c’è traccia alcuna, indipendentemente dal colore politico. Il M5S percependo per primo il disagio, ha cercato di canalizzare la protesta e la voglia di cambiamento, attraverso un’operazione di i-democracy, con la quale ha messo al centro della propria azione il cittadino ma, il malcontento popolare unito all’offerta giustizialista del M5S ha avuto l’effetto di perpetrare vendette su chi, indipendentemente dal colore politico, è stato ritenuto responsabile dal gruppo di controllo del Movimento stesso, scatenando lotte intestine. A differenza di altri partiti, impegnati a frazionarsi in mille partitelli per motivi personali e brama di potere, il M5S ha iniziato una capillare attività di marketing, diretta, gestita e amministrata dal centro con modi autoritari e dittatoriali, attraverso la quale sono state elette persone comuni, spesso senza alcuna competenza per averne il totale controllo; cosa che rappresenta il vero limite del Movimento. Il M5S fino ad ora non ha offerto soluzioni ai problemi lamentati e, limitandosi alla sola denuncia degli stessi, ha evidenziato la sua più grande debolezza: l’incompetenza. La storia ci insegna che dopo una fase di rivolta deve seguire una fase di riflessione e sviluppo, ed i Robespierre, dopo aver mozzato tante teste supportati dalla sete di vendetta del popolo, se non offrono nulla oltre la protesta, saranno loro stessi decapitati da chi li ha eletti a censori. La vecchia politica, dopo una fase di vacche grasse, sta vivendo una fase di declino sia per l’inconsistenza dei leader, sia perché i vertici sono totalmente scollati dalla realtà e, alle prime difficoltà nate per l’assenza di una guida, dopo una serie di lotte intestine, hanno iniziato un frazionamento suicida migrando da un partito all’altro per questioni di opportunità personale, sbeffeggiando il mandato a loro consegnato dagli elettori. Il popolo è stanco di chi, continuando a legiferare a discapito dei cittadini, non ha mai nemmeno pensato di ridurre qualche poltrona o privilegio; quanto meno per dare l’esempio. Leggi beffa come l’abolizione delle provincie, del finanziamento pubblico ai partiti, l’adeguamento delle pensioni dei politici ai livelli e alle condizioni di tutti, sono diritti acquisiti intoccabili, mentre i cittadini debbono sopportare i mille balzelli o il cambio delle regole in corsa, facendo aumentare l’insoddisfazione; che è stata la madre del M5S. Bisogna lottare per avere politici competenti e come tali retribuiti secondo politiche meritocratiche, con norme che scoraggino il malaffare, facendo in modo che chi fallisce nel mandato conferito dal popolo, non dovrebbe essere come oggi ricollocato nei mille enti inutili, ma mandato a casa facendo spazio ad altri, sgomberando il campo da nani e ballerine. Sono necessarie forze nuove, oneste e competenti, affinché si possa essere credibili e fare qualcosa per noi tutti, impegnandosi questa volta in modo serio e competente per tornare a vincere.

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


IPOTESI DI RINNOVAMENTO Creazione di un nuovo coordinamento centrale Le strutture partitiche attuali sono prevalentemente verticistiche, i coordinatori nazionali e regionali sono nominati direttamente dai presidenti, mentre gli iscritti possono eleggere i coordinatori dei club locali e i coordinamenti provinciali; cosa anacronistica e non trasparente. Una struttura di questo tipo, ha mostrato i suoi limiti generando lo scollamento dalla realtà sociale, per le lotte intestine, cosa sempre più necessaria per un normale ricambio generazionale, e per le mille vicissitudini a cui sono state soggette le attuali leadership; tutte cose che hanno minato le strutture politiche, lasciate senza una guida ed alla mercé di politici dediti esclusivamente ai loro interessi personali piuttosto che a quelli degli elettori. In un territorio vasto come quello di Fiumicino, si propone in ogni località di affiancare ad un presidio politico, un Gruppo Operativo di esperti, che centralizzi e governi:        

le attività di analisi sul territorio la raccolta dati la gestione tecnica il marketing la comunicazione la progettazione e lo sviluppo nuove iniziative la pianificazione dell’attività politica la gestione amministrativa e finanziaria

consentendo alla struttura politica di tornare a focalizzarsi sul cittadino e sui suoi reali bisogni con un contatto diretto e/o intermediato dalla Rete. Una struttura così concepita che separi gli aspetti tecnici, da quelli politici e finanziari, avrà una grande economia di scala e, percependo in tempo reale e capillarmente le necessità del cittadino attraverso sistemi oggettivi e scientifici, sarà in grado di indicare dove e come operare per ottenere il massimo dei risultati, in modo coerente con gli obiettivi prefissati, grazie all’uso delle nuove tecnologie, e non decidendo a naso o perché “qualcuno” lo vuole,. Una nuova modalità di essere presenti sul territorio Sarà cura del Gruppo di Studio, suddividere il territorio, in celle di ascolto e analisi denominate POP (Point Of Presence), attraverso i quali ripristinare il colloquio con i cittadini e dare risposte chiare alle loro richieste, ascoltare i loro suggerimenti, creare una nuova “base” ed erogare servizi strategici di consulenza e di interesse generale e/o sociale divenendo il fulcro della nuova attività politico/sociale del nuovo soggetto politico. La nuova rete territoriale prevede, oltre la riconversione e l’integrazione delle sedi esistenti, la costituzione di eventuali nuovi POP in base alla magliatura definita e, come una classica rete neurale, tutti saranno interconnessi alla sede centrale dalla quale verranno erogati i servizi. Tutti i servizi saranno ideati, progettati ed erogati via Internet dal centro, in base al supporto e i suggerimenti dei singoli POP e/o le richieste dei cittadini, e rappresenteranno il punto di accesso del cittadino ai rappresentanti politici che dovranno dedicare parte del loro tempo ai cittadini, per raccogliere le lamentele, i suggerimenti e ogni richiesta. Tutte le segnalazioni o richieste dei cittadini saranno acquisite attraverso la piattaforma software online alla quale avranno accesso oltre ai POP, i singoli cittadini, affinché possano per essere Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


analizzate, concertando le azioni da intraprendere e le risposte da dare, mentre la presenza politica dovrà essere importante ma discreta per evitare ghettizzazioni e stimolare l’ingresso e il colloquio con tutti i cittadini, evitando personalismi nell’interesse della collettività. Ogni singolo POP avrà lo scopo di riavvicinare il cittadino alla politica ponendolo al centro dell’azione politica e, attraverso un sistema di i-democracy, rinnovare l'attuale sistema di democrazia dall'alto, ripristinando il vero concetto democratico e liberale: il coinvolgimento del Cittadino nelle scelte come fulcro dell'attività politica. Oggi Internet ha dimostrato di avere tutti gli strumenti per una partecipazione attiva di chiunque, monitorando le attività di chiunque altro, superando l’attuale situazione di fallimento del Sistema Democratico centralizzato, concentrato nella gestione feudale della cosa pubblica. La piattaforma non dovrà essere lo strumento del politico di turno, ma un mezzo per correggere quelle storture alla Democrazia, consegnataci dai nostri nonni, e che purtroppo noi e alcuni nostri padri abbiamo interpretato e modificato malamente, costruendo un nuovo modo di collaborare con il cittadino, guidato dal leader di turno senza però essere posseduto. La piattaforma permetterà che idee, anche contrapposte, possano dare atto ad una riforma della Democrazia nella quale i Cittadini saranno gli attori principali, senza giustizialismo e senza tintinnii di manette, semplicemente utilizzando gli strumenti che oggi abbiamo: l'onesta della trasparenza, la crudezza dei numeri non interpretati, e la tecnologia che oggi è alla portata di tutti. Si intende riposizionare al centro, l'esperienza diretta e la consapevolezza che la partecipazione attiva nella gestione del bene comune è insita nel concetto stesso della Democrazia, cosa sulla quale hanno fatto leva movimenti quali il M5S che tuttavia non ha le competenze necessarie. Per questo le tecnologie e Internet dovranno solo essere uno strumento e dovranno essere integrate dall’esperienza e la professionalità, dove possiamo senza dubbio dire la nostra. L’idea è quella di ispirarci a Spock, il famoso tenente scientifico con le orecchie a punta della serie Star Treck, che sosteneva che le esigenze dei molti contano più di quelle dei pochi o di uno solo. Si intende organizzare nel territorio coperto da ogni POP, campioni rappresentativi della popolazione per età, sesso, reddito, titolo di studio, condizioni familiari, sottoponendoli a idee sui 4 punti precedenti, verificando la reazione dei diversi gruppi e riconducendola quindi a scelte da perseguire. I gruppi saranno invitati a riunirsi periodicamente, animati da tecnici in grado di porre le domande giuste ai rappresentanti politici promuovendo le vere necessità del cittadino, coinvolgendolo nella fase di rilevazione dei problemi e raccogliendone i suggerimenti; mettendolo il cittadino al centro dell’attività politica. Alcuni dei servizi possibili dei POP Per modificare la concezione del cittadino verso una politica del “fare” attraverso i POP saranno erogati servizi strategici che possano anche il qualche modo supportare economicamente gli stessi. La Banca Dati per la preselezione dei CV Grande attenzione sarà data all’inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro, istituendo una banca dati online per pubblicare in modo strutturato i CV, rivisitati da esperti, e offrire alle aziende un servizio di preselezione dei CV e ricerca del personale che consenta alle aziende di ottenere rapidamente candidati idonei rispetto alle loro richieste

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


La Corsi di lingua e Formazione per facilitare l’accesso al lavoro Il futuro del nostro Continente è, senza ombra di dubbio, plurilingue e multiculturale, e questo è uno degli obiettivi, al quale l’Europa e le sue istituzioni scolastiche devono tendere. Da sempre, gli insegnanti di lingua hanno fatto del loro meglio ma, sia per le poche ore destinate dai programmi ministeriali sia per i mezzi che andrebbero destinati per avere una conoscenza adeguata di una lingua straniera, i dati a livello nazionale indicano che studenti italiani non brillano nella padronanza delle lingue straniere. È certo che non esistono problemi strutturali insormontabili e un individuo, se ben indirizzato, non ha difficoltà a possedere e praticare più lingue contemporaneamente, cosa che nell’Europa di domani costituirà un reale vantaggio. A fronte di tutto questo, nei POP saranno tenuti da insegnanti madrelingua dei corsi che permetteranno di ottenere diplomi del British Council riconosciuti in tutto il mondo, oltre a corsi di formazione di Informatica e di cultura generale per migliorare le competenze e semplificare l’accesso al mondo del lavoro. Ovviamente per quanto riguarda i corsi di lingua e di formazione si cercherà di ottenere finanziamenti regionali, eventualmente integrati dai partecipanti. Casa verde casa … per tutti La carenza abitativa è indemica in Italia principalmente per le classi meno abbienti, e poco è stato fatto negli ultimi anni, sia per colpa dei politici che si sono succeduti, sia per la paura di una cementificazione selvaggia. Per questo uno degli obiettivi sarà quello di garantire una casa a prezzi sostenibili, nel rispetto delle norme, orientando gli sforzi affinché ogni unità sia in classe energetica A e autosufficiente a livello energetico nel rispetto dell’ambiente. Una progettazione innovativa oculata orientata alla sostenibilità edilizia, al comfort di chi ci abiterà, ad un'efficienza energetica elevata, all’abbattimento dei costi senza penalizzare la qualità, si tradurrà, grazie a modalità di acquisto innovative, in prezzi alla portata di tutti. I costi di realizzazione di un alloggio sostenibile, ecologico e di classe energetica elevata, non sono dissimili da quelli tradizionali se l’approccio è di abbattere i costi di ogni singolo componente grazie alla grande economia di scala e l’utilizzo delle nuove tecnologie, sia informatiche che energetiche. Una modalità costruttiva virtuosa e sociale, permetterà al Comune di Fiumicino, di poter soddisfare le necessità dei cittadini che, attraverso il RENT TO BUY, potranno diventare proprietari di una casa nel tempo, senza l’incubo di un mutuo o problemi bancari, ma pagando un semplice affitto. Semplificando, il Comune di Fiumicino realizzerà gli immobili cedendoli agli utenti, futuri proprietari, che entreranno subito nella casa con, un piccolo acconto e, pagando negli anni un affitto diventeranno proprietari della casa dove vivono, mentre l’Amministrazione avrà l’esclusivo ruolo di garante e gestore delle operazioni di costruzione e cessione, evitando ogni burocrazia e qualsiasi levitare sia dei costi sia dei prezzi senza impegnare denaro pubblico, ma offrendo un grande servizio. Ultramacinazione L’ultramacinazione del rifiuto, con un dispendio energetico largamente inferiore al valore energetico del combustibile che se ne deriva, è il passaggio chiave per il successo e, unita alla realizzazione di centrali elettriche specificatamente progettate a lavorare a 1500-2000 gradi contro gli 850 di un termovalorizzatore, rendere tutto il ciclo esente da emissioni.

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


In Italia tra urbani e speciali/assimilabili finiscono in discarica almeno 50 milioni di tonnellate di rifiuti ad alto potere energetico che, se trasformati combusti correttamente, non inceneriti a 850 gradi con il 23% di scorie nocive residue ed elevate emissioni in atmosfera come avviene in un termovalorizzatore), hanno un potere energetico più o meno equivalente a quello dell’intero idroelettrico italiano (16-17% del fabbisogno energetico nazionale). L’unico vero problema è "politico", ovvero spiegare "all’uomo della strada" l’enorme differenza che esiste tra bruciare i rifiuti a 850° in un inceneritore o termovalorizzatore, e bruciare un polverino finissimo, privo di umidità, odore, carica batterica ed altamente infiammabile, per alimentare una centrale elettrica funzionante a 1400° (persino l’amianto a 1200° cristallizza e diviene inerte). Trasformare il rifiuto indifferenziato in un polverino secco ed infiammabile si poteva fare cinquanta anni fa, ma il dispendio energetico ed i costi vivi del processo, erano superiori al risultato energetico. Oggi però siamo in grado di farlo con poche decine di kw a tonnellata, andando in combustione a temperature doppie di quelle di un termovalorizzatore, con l’inertizzazione degli inquinanti, l’abbattimento delle emissioni, e la drastica riduzione delle ceneri. Un impianto di recupero dei materiali riciclabili e l’ultramacinazione dei residui, permetterebbe ricavi inaspettati che abbatterebbero il costo di gestione dei rifiuti mentre il residuo, una polvere secca sterile a livello batteriologico, abbatterebbe il volume da portare in discarica. Se poi il residuo viene incenerito in una centrale elettrica operante a 1400°, tutto il ciclo dei rifiuti diventerebbe una grande risorsa abbattendo i costi energetici della città, diminuendo l’inquinamento, permettendo anche di dimenticare, anzi riciclare, le vecchie discariche che potrebbero essere trattate con lo stesso sistema. Supporto allo Sviluppo Sono evidenti nelle amministrazioni, le gravi carenze dovute principalmente alla scarsità di risorse umane esperte e competenti, carenza che spesso consente il proliferare di attività parassite e non funzionali alla comunità rappresentata. Questo fenomeno, endemico nelle amministrazioni dei piccoli comuni, impedisce alle stesse di essere più efficienti ed efficaci, mentre nelle amministrazioni più grandi, la dimensione stessa della macchina amministrativa costituisce spesso un elemento pregiudiziale, per poter affrontare i problemi attraverso strutture e professionisti qualificati. È pertanto è opportuno mettere a disposizione della comunità, una struttura di professionisti capaci ed aziende serie ed esperte del territorio, che possano offrire all’interno dello stesso, servizi di qualità sia all’amministrazione, sia alle aziende e ai cittadini. Si intende realizzare a tal fine una piattaforma online denominata Supporto Sviluppo e, attraverso un network di professionisti ed aziende esperte del territorio qualificate da un organo di controllo, possano offrire servizi e soluzioni ad altre aziende del territorio. La piattaforma pubblicherà per ogni soggetto proponente, il CV, i principali clienti, e un report con le informazioni basilari per valutare in maniera preliminare e oggettiva imprese e persone fisiche, in relazione alla loro serietà e affidabilità commerciale. Consentendo l’incontro tra professionisti, aziende, amministrazione e i cittadini dello stesso territorio, si intende valorizzare lo stesso evitando la dispersione di risorse verso l’esterno. La piattaforma offrirà anche la possibilità di finalizzare idee valide, in progetti industriali o sociali da promuovere tramite un’azione politica sinergica, guidando gli interessati in tutti i passi dall’ideazione Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


alla formulazione del progetto e al reperimento dei fondi necessari, con una visione imprenditoriale, oltre al ruolo di guida nel reperimento dei fondi per lo sviluppo dei progetti. La missione di sarà quindi quella di affiancare l’amministrazione nel colmare il gap di efficienza che oggi rallenta o impedisce la crescita, lo sviluppo e il benessere amministrativo, sia per quanto riguarda l’interazione con il cittadino, sia per quanto riguarda l’interfaccia con le attività produttive locali, con l’obiettivo di generare ricavi per le amministrazioni stesse, e ridurre la loro dipendenza cronica dal centro, con un grande rientro di immagine per il soggetto politico. Servizi per la riduzione delle spese dei cittadini Con una rete territoriale fisica e connessa, si potranno inoltre sviluppare servizi per abbattere le catene di distribuzione dei prodotti con grandi vantaggi economici per i cittadini, permettendo, attraverso opportuni accordi, l’acquisto di prodotti direttamente in produzione grazie alla costituzione di GAS (Gruppi di Acquisto Solidali) locali o di quartiere, con lo scopo di acquisire visibilità, nominativi, iscrizioni e supporto economico al POP. Servizi sociali e fiscali Oltre ai classici servizi fiscali, saranno offerti servizi di consulenza legale, commerciale e, raggiunta una massa critica, l’accesso a facilitazioni e sconti sottoscritti centralmente con i vari fornitori di servizi (Assicurazioni, banche, energia, telefonia e commerciali in genere). Servizi di promozione del territorio e di immagine I prodotti alimentari sono marcatori culturali molto potenti, che segnano la storia e le identità della sua popolazione. Riteniamo che uno degli obiettivi debba essere quello di integrare la conoscenza dei prodotti della terra con quella dei prodotti dell’arte e della nostra cultura, con l’obiettivo di valorizzare e aggiungere valore al flusso turistico di ogni regione. Ci si propone quindi di sviluppare itinerari che coniugano le visite a siti archeologici e strutture museali, con specifici percorsi di cultura del food, con percorsi a tema presso i luoghi di produzione delle eccellenze laziali nell’agroalimentare, permettendo di scoprire caratteristiche e storia dei cibi del territorio, come momento di integrazione e recupero della storia dei luoghi. Si realizzeranno percorsi tematici curati da storici, archeologi ed esperti del settore agroalimentare che permetteranno di fruire del nostro patrimonio artistico, e anche di conoscere le produzioni del territorio di Fiumicino, visitando i luoghi nei quali esse si realizzano materialmente, comprendendone le origini e come si sono trasformate nel tempo. Le visite nei luoghi di produzione del cibo, oltre a permettere di degustare le specialità prodotte e a constatarne le modalità di produzione, consentiranno ai visitatori di instaurare rapporti diretti con i produttori e, grazie alle nuove tecnologie e Internet, instaurare successivamente rapporti commerciali. Sviluppo del business nel food legato al territorio e non Il 96% dei cittadini europei ritiene la qualità e la sicurezza nei prodotti alimentari, essenziali per competere sul mercato, e più importanti del prezzo secondo Eurobarometro. L’Italia, nonostante sia universalmente considerata un’eccellenza nel food e l’alimentare sia tra i primari settori economici, non ha una struttura che promuova i produttori e garantisca, in modo trasparente e oggettivo, il rispetto delle norme, la qualità dei prodotti, gli aspetti nutrizionali e salutisti, nonché la sostenibilità produttiva nei confronti dei consumatori sia in Italia sia all’estero. Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


Abbiamo quindi identificato un nuovo canale di business da impiantare a Fiumicino sia con le aziende del territorio sia come servizio per le aziende italiane che ha come vantaggi: Per i produttori:  Lo sviluppo nazionale e internazionale del business legato al food italiano  Un canale di business innovativo per l’incremento dei ricavi  Una rivoluzionaria modalità di partecipazione alla vendita Per il consumatore:  Una struttura di qualificazione dei produttori e dei prodotti, basata su di un rigoroso disciplinare  Una piattaforma di divulgazione scientifica del food italiano nel mondo  Il mezzo per avere la consapevolezza alimentare sul food, su chi lo produce e in che modo  Il modo per ricevere direttamente a casa propria prodotti italiani sani, selezionati e qualificati  L’eliminazione di passaggi intermedi, che renda sostenibile sia produzione sia i prezzi Per i consumatori:  La garanzia della qualità dei prodotti, sia nel rispetto delle norme italiane, sia per l’applicazione di un rigoroso e trasparente disciplinare  Un orientamento ad una corretta alimentazione, coniugando in un percorso virtuoso, le indicazioni scientifiche con la nostra cultura millenaria del cibo  La garanzia della verifica dei processi produttivi e delle analisi dei prodotti, per raggiungere sia l’eccellenza dei prodotti sia la soddisfazione del consumatore.  Il coinvolgimento ad attività ed eventi, per raccogliere i feedback necessari per migliorare i processi e i servizi offerti Uno dei punti di forza sarà la pubblicazione online delle analisi effettuate sulle aree di produzione e sui prodotti, allegando ai dati i commenti di esperti titolati nelle varie lingue; consentendo ai consumatori di tutto il mondo la massima trasparenza sulla qualità del cibo, che costituisce un aspetto distintivo in quanto nessuno fino ad oggi lo ha fatto. Grazie al coinvolgimento diretto dei produttori, si arriverà direttamente al consumatore abbattendo i costi, garantendo allo stesso tempo prezzi più bassi e maggiori ricavi. I nodi del network internazionale, saranno gestiti localmente sotto il controllo amministrativo e di qualità del centro di Fiumicino, a garanzia della qualità dei processi, e dove i produttori potranno avere spazi dedicati, secondo le proprie necessità. Il Centro di Fiumicino, garantirà alla rete internazionale, l’approvvigionamento di prodotti qualificati, avocando a sé le problematiche legate all’internazionalizzazione dei prodotti, consentendo al produttore di concentrarsi sulla produzione. Altro aspetto fondamentale sarà la creazione di Food Farm, fattorie moderne dove formare i giovani che intendono tornare “alla terra”, e dove coltivare e allevare i prodotti da immettere sul mercato freschi, o trasformarli in non deperibili (conserve, confetture, ecc), o realizzare piatti surgelati della tradizione italiana brandizzati in monoporzione per il mercato globale. La crescita e la magliatura dei nodi della rete internazionale sarà coordinata e gestita dalla sede di Fiumicino, i servizi e degli applicativi saranno sviluppati in tecnologia client/server e fruibili online, eliminando tutti i problemi di installazione e connessione alla rete aziendale, favorendo la delocalizzazione del posto di lavoro. Il progetto, ampiamente sviluppato, porterà importanti numeri come posti di lavoro, e consentira importanti ricavi per i produttori.

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


Il Crowdfunding Come prima piattaforma internazionale, si intende dedicarsi esclusivamente al reperimento di fondi da destinare a progetti di ricerca scientifica, restauro e valorizzazione, di beni culturali e museali e di supporto alle start Up, innovando radicalmente il crowdfunding, ovvero colmando le lacune che, generando dubbi nei possibili donatori, ne limitano la diffusione. Per raggiungere tale obiettivi focalizzeremo l’attività su tre punti:  la qualificazione dei progetti da parte di enti scientifici di livello internazionale super partes per pubblicare sulla piattaforma di raccolta, solo progetti che abbiano una valenza scientifica e/o un’utilità reale, con costi congrui rispetto al mercato  La completa trasparenza in ogni fase pubblicando online ogni attività delle Commissioni, l’elenco delle donazioni, i costi, ed ogni dato relativo ai progetti finanziati, il loro andamento e agli esiti  Il controllo durante l’esecuzione dei progetti. con l’obiettivo di controllare il proponente, che non sarà finanziato per intero, ma a stati di avanzamento dei lavori, per garantire i tempi e i costi previsti per ogni progetto Per risolvere il problema della qualificazione dei progetti, a differenza di tutte le altre piattaforme, piuttosto che nessuna selezione o una selezione fatta in casa, abbiamo coinvolto le uniche tre Università di eccellenza italiane ai vertici dei ranking internazionali (Normale di Pisa, Sant’Anna di Pisa e IUSS di Pavia) che, insieme alla Banca di Riferimento (Banca FINNAT), costituiranno il Comitato Tecnico/Scientifico, con il compito di selezionare i progetti in modo scientifico e incontestabile grazie alla loro indiscutibile autorevolezza, garantendo ai donatori, a differenza di ogni altra piattaforma, la qualità dei progetti pubblicati. Per rendere i progetti accessibili a tutti, si è affidata la comunicazione e la divulgazione degli stessi ad Alessandro Cecchi Paone che, in stretta collaborazione con il Comitato Tecnico/Scientifico, renderà fruibili a tutti l’importanza e le motivazioni di ogni singolo progetto. Il fatto che un Comitato Tecnico/Scientifico autorevole e terzo rispetto ai progetti, si occupi di valutare la bontà degli stessi e la congruità dei fondi richiesti rispetto all’intervento previsto, rappresenta un’innovazione importantissima, che evita la pubblicazione di progetti poco realizzabili. Il Comitato escluderà i progetti scadenti e/o non congrui economicamente, suggerirà eventuali modifiche per renderli idonei e, assegnando ad ogni progetto una valutazione secondo un disciplinare che i proponenti si obbligano a rispettare nell’atto dell’invio del progetto, renderà un grande servizio orientato alla qualità e alla trasparenza ai donatori. Abbiamo previsto, per consentire delle donazioni semplici ed immediate, l’installazione all’interno di aeroporti nazionali, aree museali, e luoghi di passaggio turistico di terminali touch screen connessi in rete, che possano ricevere donazioni o promessi di donazione. Abbiamo previsto, per consentire delle donazioni semplici ed immediate, l’installazione all’interno di aeroporti nazionali, aree museali, e luoghi di passaggio turistico di terminali touch screen attraverso i quali ricevere informazioni nelle varie lingue ed effettuare donazioni o prenotazioni di donazione. La rete comunale in Fibra Ottica Realizzata tra il 2004 e il 2008, nonostante un valore di circa 30.000.000€ e risulti strategica per il territorio e per il bilancio comunale, non è stata mai attivata dalle amministrazioni che si sono succedute, nonostante le interrogazioni parlamentari ed un esauriente servizio delle IENE (https://www.youtube.com/watch?v=7M5vtXhboB4&t=31s) . Un’infrastruttura da 78Km in fibra ottica che connette in rete 37 tra sedi e scuole comunali a Fiumicino (Rete realizzata con le sedi connesse: http://www.rightfood.it/mappa.html), con tutti gli apparati installati che attendono incredibilmente di essere configurati dal 2008, e le diverse amministrazioni piuttosto che attivarla con pochi spiccioli e qualche settimana di lavoro, ci ha speso una quantità immotivata di soldi pubblici senza esito; un’opera che se attivata permetterebbe la Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com


dismissione di tutti i contratti di fonia e dati per tutte le sedi collegate e un ingente risparmio per la comunità e le casse comunali In Italia non esiste un comune proprietario di un’infrastruttura innovativa così estesa, e la sua non attivazione, la inserisce tra gli sprechi endemici di questo paese, talvolta dovuti alla mancanza di competenze, talvolta alla cattiva amministrazione, e spesso all’ingordigia personale. Un’opera nata dallo spirito altruista di un professionista che ha progettato e realizzato tutto a titolo gratuito, snaturata dalla politica una volta percepita la possibilità di trasformala in “benefici personali”, allontanando il professionista ma senza riuscire nei loro intenti. Anche il Movimento 5 Stelle, nonostante professi di essere il paladino contro gli sprechi ed il fautore dell’accesso alla rete, e nonostante presieda la commissione trasparenza, non solo ha ignorato la questione ma ha messo in moto una ignobile macchina del fango nei miei confronti del professionista attraverso la stampa, Internet e i social network, con il solo obiettivo di screditarlo e coprire il loro quantomeno dubbio operato. Pertanto, uno dei nostri obiettivi da realizzare velocemente è la verifica e attivazione della rete in Fibra ottica esistente e la sua estensione nelle zone ancora non collegate per rendere possibili servizi comunali e all’istruzione a titolo gratuito quali la possibilità di ritirare certificati in ogni scuola, abbattimento dei costi di connettività e telefonia per tutte le sedi comunali, servizi gratuiti di accesso a Internet tramite WIFI grazie alla rete in fibra del Comune, programmi interdisciplinari tra le scuole, videosorveglianza, telelavoro, telemedicina, tutti quei servizi che grazie alla proprietà della rete da parte del Comune, possono essere implementati ed erogati con costi risibili o a titolo gratuito. Conclusioni Tutti i progetti e le idee fanno parte del nostro bagaglio culturale e professionale dove riteniamo di avere come gruppo, grande competenza ma, siamo sempre pronti a discuterne con che possa migliorarli o inserirne altri da impiantare sempre nell’interesse dei cittadini di Fiumicino.

Rinnovare per vincere con Baccini Sindaco - germani@outlook.com

Baccini per fiumicino  
Baccini per fiumicino  
Advertisement