Issuu on Google+

1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 1

facoltà di diritto canonico san pio x

MonoGrafiE 15 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 2


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 3

jean yawovi attila

L’azione missionaria della Chiesa ieri e oggi


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.51 Pagina 4

© 2015, Marcianum Press, Venezia. Marcianum Press S.r.l. Dorsoduro 1 - 30123 Venezia Tel. 041 27.43.914 - 041 27.43.911 Fax 041 27.43.971 e.mail: marcianumpress@marcianum.it www.marcianumpress.it Nihil Obstat: Venetiis, die 7 Septembris 2012, Mons. Brennus Edvinus Ferme Imprimatur: Venetiis, die 7 Octobris 2013 Angelus Pagan, Vicarius generalis

Impaginazione e grafica: Linotipia Antoniana, Padova In copertina: Il Mosaico in forma di stella, simbolo della Luce che illumina ogni Uomo (cfr. Gv 1,9), si trova nella Basilica di Santa Maria in Trastevere (Roma), dove riposano le reliquie di Santa Teresa di Gesù Bambino, patrona delle missioni. L’Editore ha cercato con ogni mezzo i titolari dei diritti dell’immagine di copertina senza riuscire a reperirli; resta a disposizione per l’assolvimento di quanto occorra nei loro confronti.

ISBN 978-88-6512-399-7


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 5

5

Indice introdUzionE GiUridico-pastoralE . . . . . . . . . . . . .

11

BrEVE ExcUrsUs storico dEllE disposizioni norMatiVE rElatiVE all’azionE Missionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1. le disposizioni giuridiche dei romani pontefici fino alla fondazione di propaganda fide . . . . . . . . . 2. rottura tra i re e la chiesa: inizio della congregazione de propaganda fide . . . . . . . . . 3. la fondazione di propaganda fide . . . . . . . . . . . . . . . 4. le disposizioni del dicastero missionario e il Magistero fino ai codici vigenti . . . . . . . . . . . . . . 4.1 il diritto missionario della congregazione . . . . . 4.2 il Magistero dei romani pontefici relativo 4.2 all’azione missionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19 19 20 24 27 29 29 37 49

partE priMa introdUzionE GiUridico-pastoralE ai cann. 781-792 dEl cic introdUzionE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1. natura missionaria della chiesa can. 781 . . . . . . . 1.1. il motivo della missionarietà della chiesa . . 1.2. l’uso della parola “consci” nel can. 781: il dovere missionario dei christifideles . . . . . . . . 2. i soggetti dell’azione missionaria . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1. il romano pontefice e il collegio dei Vescovi (can. 782 §1) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53 54 57 58 63 63


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 6

6

L’azione missionaria della Chiesa ieri e oggi

2.1.1. la congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli: dicastero per l’azione missionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 2.1.2 composizione e funzionamento del dicastero della missione . . . . . . . . . 66 2.2. i singoli Vescovi nelle diocesi (can. 782 § 2) 68 2.3. i membri degli istituti di vita consacrata (can. 783) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 3. il Missionario in senso giuridico (can. 784) . . . . . 73 4. i catechisti assunti nell’annunzio della parola di dio (can. 785) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 4.1. diritto e dovere della parte della chiesa nell’assumere un catechista . . . . . . . . . . . . . . . . 84 4.2. diritto ad un giusto stipendio derivante dell’assunzione (can. 785) . . . . . . . . . . . . . . . . . 87 5. Implantatio e piena costituzione delle giovani chiese: un’interpretazione del can. 786 . . . . . . . . . 90 5.1. dall’implantatio alla pienezza della constitutio Ecclesiae (cfr. can. 786) . . . . . 94 5.2. il significato del concetto di implantatio ecclesiae nel can. 786 . . . . . . . . . . . . 95 5.3. il ruolo degli annunziatori del Vangelo prima e dopo la fondazione (can. 786) . . . . . . 97 5.4. la rilevanza della radicatio del Vangelo nei popoli per la piena costituzione (can. 786) . . 101 5.5. Quando una chiesa, non è più “giovane”, diventa matura o pienamente costituita? . . . . 108 6. la metodologia dei missionari fino al Battesimo degli Uomini (can. 787) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112 6.1. Dialogum in can. 787 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113 6.2. prima tappa: testimonianza della vita (can. 787) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115 6.3. seconda tappa: testimonianza della parola (can. 787) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119 6.4. come mantenere il dialogo tra i missionari e i fedeli secondo il Magistero? . . . . . . . . . . . . . 122


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 7

indice

6.4.1. l’apprezzamento delle culture dei popoli non credenti . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4.2. l’imparzialità del missionario per mantenere il dialogo con il popolo . . . 6.4.3. disposizioni del codice per mantenere il dialogum tra pastori e i fedeli . . . . . . . 7. il pre-catecumenato, il catecumenato e il Battesimo (can. 788) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. l’istruzione dei neofiti (can. 789) . . . . . . . . . . . . . . 9. ruolo del Vescovo diocesano nell’azione missionaria (can. 790) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.1. Breve excursus dello ius missionale fino alla creazione di una diocesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2. il dovere del Vescovo nella diocesi giovane secondo il can. 790 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10. l’organizzazione dell’azione missionaria nelle diocesi (can. 791) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.1. fondatori e natura delle ppooMM . . . . . . . 10.2. scopo delle pontificie opere Missionarie . 11. Mobilità dei sacerdoti diocesani delle chiese di missione (can. 792) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. permanenza all’estero delle suore delle giovani chiese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7

122 126 129 131 137 140 141 146 150 152 154 156 159 165

partE sEconda sfidE odiErnE dEll’azionE Missionaria i. sostEntaMEnto finanziario dEi sEMinari E sEMinaristi dEllE GioVani chiEsE

1. introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169 2. disposizioni giuridiche per i soggetti contribuenti dei seminari fino al concilio Vaticano ii . . . . . . . 174


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 8

L’azione missionaria della Chiesa ieri e oggi

8

3. la legislazione vigente nel CIC 1983 . . . . . . . . . . . 4. il ruolo della comunità nella formazione dei seminaristi: Magistero dopo il codice del 1983 . . 5. finanziamento dei seminari delle giovani chiese da parte dell’opera di s. pietro apostolo . . . . . . . 6. la retta, oggi, nei seminari maggiori alle famiglie dei seminaristi, in alcune giovani chiese . . . . . . . . 7. divergenze nelle conferenze Episcopali sulla retta nei seminari maggiori nelle giovani chiese . . . . . 8. natura dei seminaristi e difficoltà dei genitori poveri a pagare la retta imposta . . . . . . . . . . . . . . . . . 9. apporto finanziario dei figli nelle diverse culture delle giovani chiese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10. osservazioni in merito all’imposizione di una tassa per il seminario maggiore . . . . . . . . . . . . . . . . . 11. conseguenze per l’autosufficienza economica e la vita di comunione del clero . . . . . . . . . . . . . . . . 12. il contributo dei genitori nella formazione dei figli nei paesi di missione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

182 189 192 196 200 207 214 218 222 229 237

ii. pErEQUazionE finanziaria: l’aBBondanza dEllE coMUnità ricchE sUpplisca all’indiGEnza di QUEllE poVErE

introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1. comunione e redistribuzione dei beni: obbligo vincolante dei christifideles . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. natura e finalità della perequazione . . . . . . . . . . . . 3. situazione della comunicazione dei beni nelle parrocchie delle giovani chiese: perequazione . . 4. autonomia della parrocchia in merito ai beni ecclesiastici per la perequazione . . . . . . . . . . . . . . . .

239 241 248 253 254


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 9

indice

5. Emanazione delle leggi da parte del Vescovo in materia di offerte per la perequazione . . . . . . . . 6. rilevanza della comunione tra i Vescovi al fine della perequazione nelle conferenze Episcopali . 7. disposizioni inerenti alla perequazione come obbligo tra Vescovi nelle conferenze Episcopali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. la perequazione attraverso la costituzione della cassa comune (cann. 1274§ 4 §5 - 1275) . . . . . . . 9. disuguaglianza finanziaria a livello delle diocesi nelle conferenze Episcopali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10. Educazione alla comunione e alla perequazione . conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9

258 267

279 289 293 295 299

iii. la rilEVanza dElla catEchEsi nElla MISSIO AD GENTES E nElla nUoVa EVanGElizzazionE

introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1. il ruolo della catechesi, cenni fino al Vaticano ii 2. il valore della catechesi dal Vaticano ii ad oggi . . 3. le congregazioni per l’Evangelizzazione dei popoli e per il clero nella catechesi . . . . . . . . . . . . . 4. il valore dell’istruzione catechetica nel codice del 1983 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1. natura e oggetto della catechesi (can. 773) . 4.2. i soggetti della catechesi (can. 773) . . . . . . . . 4.2.1. i parroci, pastori ed educatori della comunità cristiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.2. Gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica nella catechesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. i catechisti nelle giovani chiese . . . . . . . . . . . . . . . . 6. i genitori: catechisti familiari (cfr. can. 774 § 2 e 776) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

303 305 310 320 327 327 329 333

336 337 340


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 10

10

L’azione missionaria della Chiesa ieri e oggi

7. l’urgenza della formazione dei catechisti per la nuova evangelizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. le norme riguardanti i testi usati per la catechesi . 9. le sfide della catechesi nel mondo odierno . . . . . . 9.1. i destinatari della catechesi: non solo i bambini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2. la catechesi non ha un tempo determinato . 9.3. Vescovi e parroci: catechisti come il papa una volta alla settimana a tutti i fedeli . . . . . . conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

342 346 348 348 354 356 358

conclusione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361 appendice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371 sigle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381 indice dei canoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397


1-Azione missionaria-15_azione 22/01/15 12.06 Pagina 11

11

Introduzione Giuridico-Pastorale dinanzi a diverse difficoltà relative all’annunzio del Vangelo, quali secolarismo crescente, relativismo, sincretismo religioso, affievolimento della fede nonché estremismo di certe religioni, si verifica che «la missione di cristo redentore, affidata alla chiesa, è ancora ben lontana dal suo compimento»1. Essa, imprescindibilmente dal tempo e dallo spazio, ha il gravissimo obbligo di evangelizzare tutti i popoli fino ai confini della terra, specialmente nel mondo odierno globalizzato nonché altamente tecnicizzato. per contrastare tali problematiche, dannose per la missio ad gentes, tutti i christifideles, conformemente al loro stato giuridico sono tenuti ad «uscire verso le periferie»2. in ordine all’evangelizzazione dei popoli, l’uso di tale espressione richiede due elementi molto rilevanti: le risorse umane e i mezzi finanziari sufficienti (cfr. can. 786), necessari per il buon svolgimento della proclamazione del Vangelo. per quanto concerne il primo elemento, la chiesa ha sempre bisogno dei pastori, religiosi, laici formati, in breve missionari (cfr. can. 784) preparati per la missio ad gentes. in effetti, ogni Uomo rigenerato nella chiesa o in essa accolto, è membro del popolo di dio e diviene discepolo missionario, in vritù della sua incorporazione a cristo Gesù3. di conseguenza, «ciascun battezzato, qualunque sia 1

GioVanni paolo ii, Enc. Redemptoris Missio n. 1. Espressione di papa francEsco. 3 francEsco, Esort. apost. Evangelii Gaudium n. 120; cfr. Mt 28,19. 2


Estratto lazione missionaria della chiesa ieri e oggi