Issuu on Google+

IL FALLIMENTO DELLA DIFFERENZIATA A FIUMICINO LO DICONO I NUMERI 2013

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


L’analisi dell’andamento mensile della raccolta differenziata a Fiumicino secondo i numeri esposti sul sito “Fiumicino Differenzia” dimostra il fallimento della raccolta differenziata.

1. I PRINCIPALI MOTIVI DEL FALLIMENTO Si elencano di seguito i motivi principali del fallimento di questo progetto: •

Assenza dell’analisi di dettaglio del territorio e delle soluzioni specifiche da applicare località per località;

Assenza di un piano di comunicazione che spieghi alla Cittadinanza i motivi di ordine normativo, ambientale ed economico della necessità di passare alla raccolta differenziata porta a porta;

assenza di sensibilizzazione continua e di informazione sull’andamento del nuovo servizio;

Sottovalutazione del fenomeno dell’evasione fiscale (legato ad esempio alle seconde case, agli affitti in nero, alle variazioni di superficie);

insufficienza delle isole ecologiche disponibili: sono solo tre, non funzionali alla differenziata, non accessibili quando la gente ci può andare;

Assenza di una soluzione specifica per Fiumicino vista come città del turismo, sia per quello estivo stanziale (picco di numero residenti che influenza la raccolta) sia per il turismo mordi e fuggi che non ha altre possibilità se non quella di servirsi di dotazioni pubbliche (es. ai parcheggi o sulle spiagge libere) o delle dotazioni degli operatori commerciali che devono gestire un picco proprio nel week-end;

Assenza di analisi specifica sulle attività commerciali, soprattutto in relazione al periodo estivo e alla grande distribuzione;

Assenza di controllo sulle attività dell’ATI (staffing degli uffici, modelli di controllo sui volumi mensili prodotti, controllo di dettaglio per singola località basati su previsioni, numero verde gestito dall’ATI)

Assenza di una vista di medio periodo sull’intero ciclo dei rifiuti.

2. ANDAMENTO 2013 Il fallimento della differenziata a Fiumicino si vede a colpo d'occhio dall'andamento mensile dei vari materiali raccolti. Preoccupano particolarmente i dati relativi al trimestre Ottobre-Dicembre che, aldilà degli andamenti stagionali, dimostrano che, se mai ce ne fosse bisogno, a partire dalla sospensione dell'estensione della raccolta pap disposta dal sindaco a settembre scorso, si è ingenerato un effetto sfiducia nel nuovo servizio amplificato dall’immobilismo dell’Amministrazione che non ha ottimizzato, nell’attesa della definizione di un nuovo progetto, la raccolta nelle località avviate alla raccolta differenziata pap. Facciamo una riflessione generale a partire dall’andamento della raccolta dell’organico, tipologia che non veniva raccolta prima, che consideriamo come il migliore indicatore di efficacia del nuovo servizio.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


2.1 RACCOLTA ORGANICO NEL 2013 Il Grafico che segue mostra l’andamento della raccolta mensile dell’organico (tonnellate/mese) in relazione alla popolazione raggiunta dal nuovo servizio di raccolta differenziata.

Da Gennaio a fine Aprile circa, la raccolta differenziata è stata presente solo su Parco Leonardo/Pleiadi (circa 4.500 Cittadini coinvolti), con una sostanziale stabilità (il dato migliore è di Aprile e risente dell’avvio di Fregene e Maccarese attivata circa da metà mese). A Maggio a Giugno si è registrato un sensibile ampliamento del numero di Cittadini (poco meno di 20.000) in assenza di una crescita proporzionale dei volumi raccolti. Da Luglio si sono aggiunte al nuovo servizio anche le località di Passoscuro e Torrimpietra convolgendo circa 28.000 Cittadini, il 37% circa della popolazione del comune; anche grazie alla stagione turistica, ad Agosto si è raggiunto il picco di raccolta dell’organico (oltre 290 tonnellate). Da Settembre, anche in funzione del termine della stagione turistica a Dicembre si è verificato un calo del conferimento dell’organico che si amplificato poi nel trimestre Ottobre-Dicembre fino ad arrivare ad un quantitativo inferiore a quello di Giugno 2013 quando cioè si dovevano ancora avviare le ultime due località (Passoscuro e Torrimpietra). Il grafico che segue mostra gli andamenti della raccolta dell’umido mese per mese con l’indicazione del valore target atteso in relazione alla percentuale di popolazione raggiunta dal nuovo servizio rispetto al totale dell’organico che l’intera città potrebbe produrre in un mese.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


2.2 RACCOLTA MATERIALE SECCO DIFFERENZIATO NEL 2013 La trattazione di questo punto è più complessa in quanto, funzionante o meno, nel comune esiste un servizio di raccolta differenziata stradale di questo materiale; non è chiaro se nelle quantità esposte sul sito “Fiumicino Differenzia” siano riportati o meno i quantitativi di materiale raccolti in questa modalità; noi stimiamo (in base a dati 2011) che questa raccolta stradale può arrivare ad una percentuale massimo del 911% come media comunale. Nell’attuale situazione (37% di popolazione raggiunta con la raccolta differenziata) il quantitativo totale atteso è tra 750/800 tonn/mese; il valore medio annuo raccolto è circa 260 tonn/mese, ed il valore atteso in caso di sola raccolta stradale in tutto il comune è tra 450/500 tonn/mese. I Grafici che seguono indicano chiaramente che l’andamento complessivo è in linea con le considerazioni espresse circa l’andamento della raccolta dell’organico, ed anche peggio; molto, troppo materiale, va in discarica in quanto o non differenziato o mal differenziato Ma anche in questa tragica situazione ci sarebbe un ritorno economico di oltre 200.000 Euro/anno derivante dal conferimento di questo materiale ai centri di recupero a fronte di un atteso di oltre 500.00 Euro/anno (un valore mediano tra i circa 400.000 Euro attesi in caso di sola raccolta stradale ed i 650.00 nell’attuale condizione di circa il 37% della popolazione coinvolta nella raccolta differenziata). Rispetto ai valori economici purtroppo non si hanno dati da parte dell’Amministrazione.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


2.2.1 RACCOLTA MULTIMATERIALE 2013 Il livello della raccolta di questo materiale rilevato a Dicembre 2013 è sostanzialmente analogo a quanto rilevato a Gennaio 2013 con un sensibile decremento rispetto al picco rilevato a Luglio 2013.

2.2.2 RACCOLTA VETRO 2013 Il livello della raccolta di questo materiale rilevato a Dicembre 2013 è sostanzialmente analogo a quanto rilevato a Maggio 2013 ovvero nel mese di avvio del nuovo servizio a Fregene, Maccarese, Focene. Vetro raccolto 2013 120

113

117

100

87 80

82 68

Tonn.

62

60

Serie1 40

20

38

36 17 8

12

14

0 Gen

Feb

Mar

Apr

Mag

Giu

Lug

Ago

Sett

Ott

Nov

Dic

Mese

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


2.2.4 RACCOLTA CARTA E CARTONE 2013 Il livello della raccolta di questo materiale rilevato a Dicembre 2013 è sostanzialmente analogo a quanto rilevato a Giugno 2013, Carta e cartone 2013 160

149

140

126

129

124

120

114 103

100 Tonn.

110

83

80

68

64

73 Serie1

60

48 40 20 0 Gen

Feb

Mar

Apr

Mag

Giu

Lug

Ago

Sett

Ott

Nov

Dic

Mese

3. LA TASSAZIONE 2013 E LA PREVISIONE 2014 Per il 2013 l’Amministrazione ha deciso di applicare ancora la TARSU; ciò ha consentito di non riversare il 100% del costo del servizio sui Cittadini. Secondo l’Amministrazione, per il 2013 i Cittadini pagano circa l’80% dei costi del servizio. Per quanto riguarda questi costi, l’unico dato ufficiale di riferimento è quanto riportato nel bilancio previsionale 2013, intorno ai 15 Mln di Euro. La Tarsu ragiona per MQ in funzione della tipologia dell’immobile oggetto di tassazione; non ha al suo interno alcun elemento di differenziazione tariffaria in funzione del livello di produzione dei rifiuti, e questo vale sia rispetto ai Cittadini, ma anche rispetto ad attività commerciali che possono avere un livello di produzione dei rifiuti insignificante.

3.1 TASSA 2013 L’importo della tassa 2013 sconta quindi da un lato l’innalzamento del costo complessivo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti che passa dagli oltre 12 Mnl/anno ai 15 ad oggi dichiarati e dall’altro dall’innalzamento del livello di copertura del costo riversato sui Cittadini che passa da circa il 70% a circa l’80%.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


A questi importi si aggiungono inoltre alcune addizionali (per il 15% della tassazione base) ed i 30 Cent/mq del tributo direttamente incamerato dallo stato.

Di fatto si registra un aumento del 30% a mq se si osserva l’andamento della somma tra la tariffa comunale 2012 e 2013 (comprensiva delle addizionali) ed un aumento del 42% se si comprende anche la quota di tributo statale.

3.2 PREVISIONI 2014 Ovviamente siamo tutti in attesa di sapere quali saranno i meccanismi di calcolo esatti per quanto riguarda la tassazione rifiuti per il 2014; speriamo saranno inseriti i vari coefficienti che permetteranno di diversificare questa tassa in funzione delle diverse possibilità di produrre rifiuti (ad esempio il numero dei componenti il nucleo familiare) ben sapendo che anche elementi come questo consentono solo una diversa modulazione della tassa ma non consentono in alcun modo ad esempio la commisurazione della tassa al volume di rifiuti effettivamente prodotti dal cittadino e dall’esercizio commerciale. Una cosa però la sappiamo, ossia che il 100% del costo complessivo del servizio sarà riversato sui Cittadini e quindi, al netto della rimodulazione ottenibile con l’inserimento dei parametri distintivi, l’incremento del costo del servizio previsto a Fiumicino (a detta del Sindaco per il 2014 si ipotizza un costo di 20 Mln di Euro), stante l’attuale situazione di sostanziale fallimento della raccolta differenziata, dell’aumento del costo di conferimento dell’indifferenziato, della necessità di raggiungere il 100% dei Cittadini con la raccolta differenziata (ad oggi il contratto, come da richieste del bando, prevede di arrivare a circa il 70% della popolazione), si può provare a calcolare un ipotetico costo 2014 utilizzando semplicemente i meccanismo di calcolo 2013.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


Ovviamente non c’è la pretesa della precisione, ma la necessità di definire un ordine di grandezza, sia assoluto, sia percentuale, rispetto all’andamento 2013; dal 2014 dovrebbe essere abolita l’addizionale EX ECA (10% della tariffa base).

* statale ed Ex ECA (4,84 * Senza contributo )

Ovviamente il risultato sconta ovviamente sia l’aumento dei costi 2014 sia la copertura del 100% di questi da parte dei Cittadini. Al netto del tributo statale si può prevedere il costo/mq di 5,61 Euro (considerando anche l’addizionale EX ECA) oppure di 4,84 Euro nel caso che questa venga effettivamente abolita; in tutti i casi un aumento di oltre il 50% rispetto al 2013 che ricordiamo in aumento del 30% rispetto al 2012. Per il 2015 in funzione delle previsioni di costo intorno ai 25 Mln di Euro otteniamo un valore di 6,02 Euro/mq escludendo comunque la quota EX ECA.

3.3 L’INCIDENZA DELL’EVASIONE SULLA TASSA 2013 Riguardo l’evasione fiscale non c’è alcun dato ufficiale a cui riferirsi, pensiamo che l’evasione fiscale (il fenomeno degli affitti in nero, delle residenze fantasma), incida molto più del 10% di evasione dichiarataci dall’Amministrazione nell’ultimo incontro con in nostro Comitato tenutosi ad inizio Dicembre. Ma se prendiamo per buono questo dato possiamo calcolare che nel 2013 ogni onesto Cittadino di Fiumicino ha pagato per l’evasione fiscale circa 35 cent/mq, in tutti i casi sempre per l’80% del costo complessivo del servizio riversato sulla tassa.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


Ricordiamo che l’evasione fiscale non solo produce un danno diretto ad ogni onesto contribuente, ma è una delle cause primarie dell’abbandono dei rifiuti per le strade, dell’inquinamento di terreni e canali, del degrado di alcuni pezzi del nostro territorio, degrado che poi deve essere sanato dall’Amministrazione attivando raccolte straordinarie che vanno ad aggravare il costo complessivo del servizio.

4. ALCUNE PROPOSTE GENERALI Lo scopo di questo documento è quello di identificare le azioni necessaria a fronteggiare il problema dell’aumento incontrollato dei costi, senza entrare nel dettaglio del servizio di raccolta differenziata che necessiterebbe di un progetto calato sulle specificità del territorio, sulla necessità del controllo utile ad arrestare il degrado, sull’emergenza della lotta all’evasione fiscale.

4.1. L’ORIGINE DEI COSTI I costi dell’intero servizio sono due: quelli relativi alla raccolta e quelli relativi allo smaltimento. Nell’attuale situazione di fallimento della raccolta differenziata riteniamo che il maggior onere non sia quello dipendente dai costi di raccolta, anche se comprensivi di costi legati a servizi che non vengono erogati nelle frequenze indicate (non parliamo solo di raccolta dei rifiuti) e che riteniamo abbia un costo superiore (ma non di molto) rispetto a quanto richiederebbe un servizio efficiente di raccolta differenziata a copertura del 100% della popolazione di Fiumicino, quanto quello dello smaltimento. Questa quota, sempre individuata come secondaria, tende a pareggiare e superare nel tempo proprio il costo della raccolta; per questo crediamo sia necessario intervenire proprio su questo punto nel breve/medio periodo. Il costo di conferimento dell’indifferenziato agli impianti di trattamento di Malagrotta è di circa 135 Euro/tonn (+IVA), quando le previsioni di costo a bando erano di circa 85 Euro/tonn; questo costo aumenterà in futuro, sia per l’aumento diretto del costo di conferimento obbligatoriamente agli impianti per il pretrattamento dei rifiuti (TMB), per il quale tra l’altro il Sindaco ci ha accennato ad una richiesta già avanzata da COLARI, sia per l’effetto del possibile inserimento di una ecotassa regionale nel nuovo piano rifiuti di cui a breve si doterà la nostra Regione, ecotassa mirata a penalizzare le Amministrazioni non virtuose, quelle che in futuro continueranno a non conseguire gli obiettivi di differenziata e produrre massicciamente rifiuto indifferenziato. Stimiamo che entro l’anno il costo di smaltimento di 1 tonnellata di indifferenziato potrà attestarsi sui 160/180 Euro a cui aggiungere il 10% di IVA. Il problema urgente è quindi abbassare i costi di conferimento, diminuendo le quantità di indifferenziato da mandare al TMB di Malagrotta, e di umido da mandare agli impianti di compostaggio. 4.2. PROPOSTE CORRETTIVE Oltre che rivedere il valore del contratto con l'ATI alla luce di una serie di prestazioni che non vengono erogate, a nostro parere è necessario: 1. Reimpostare il contratto stesso con un fisso ed un variabile dipendente dalla vendita dei materiali (non dalla raccolta); 2. Riorganizzare la differenziata sia per diminuire il conferimento di indifferenziato e dell’organico, ma anche per massimizzare le entrate dalla vendita del secco differenziato che sono ridicole (si è parlato

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


di 12.000 euro) precedendola ed accompagnandola con un programma di sensibilizzazione ai Cittadini diffuso su tutto il territorio; 3. Stanare finalmente in tempi rapidi l’evasione fiscale; 4. Dove possibile (secondo noi oltre il 35% delle famiglie di Fiumicino) obbligare al compostaggio domestico con conseguente sgravio tariffario per il Cittadino, evitando così di pagare per il conferimento dell'umido agli impianti di riciclo; 5. Introdurre, come a Cerveteri, la tariffa puntuale, cioè il pagamento del rifiuto indifferenziato effettivamente prodotto; 6. Come piano di medio regime, valutare la costruzione due piattaforme, una di compostaggio aerobico ed una di riciclo, direttamente gestite dal comune, secondo una analisi costi/benefici calata sulla specifica produzione quantitativa e qualitativa di rifiuti nel nostro Comune. Secondo i nostri calcoli al raggiungimento del 65% di differenziata il ritorno dalla vendita del secco differenziato ai consorzi e' di almeno 1 Mln di Euro a cui si aggiungerebbero oltre 2,5 mln di euro di mancati costi di conferimento e almeno 700.000 euro di mancato conferimento dell'umido (compostaggio domestico). Quindi piu' di 4 mln di euro di saving, a cui aggiungere i vantaggi della revisione contrattuale.

4.3. I RISPARMI POSSIBILI AL 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Scenario 65% differenziata con 35% famiglie avviate a compostaggio domestico Min. Max Euro (sul Nota (tonn/anno) (tonn/anno) Max) Minor costo di -20 euro rispetto all’indifferenziato 10.500 11.200 230.000 conferimento organico rispetto indifferenziato Verde e sfalci

Compostaggio domestico organico(mancato conferimento al compostaggio) Vendita Secco differenziato Mancato conferimento indifferenziato in discarica

Totale Saving

550

600

70.000

Compostaggio domestico o in isole ecologiche

5.700

6.400

750.000

Compostaggio domestico

14.000 17.500

1.000.000 2.400.000

Vendita ai consorzi

4.450.000

Mancata spesa

Somma entrate+mancate uscite

Un elemento aggiuntivo all’analisi costi/benefici rispetto all’ipotesi di una piattaforma di riciclo del materiale secco differenziato deriva dal fatto che il nostro comune potrebbe procedere alla vendita diretta del materiale differenziato, attualmente penalizzata dall’accordo ANCI-CONAI; la tariffa riconosciuta dai centri di riciclo è assurdamente bassa rispetto a quanto avviene nel resto dell’Europa; è concessa la possibilità alle Amministrazioni di vendere direttamente sul libero mercato quanto riciclato; al netto dei costi di selezione ed impacchettamento, in questa modalità è ipotizzabile un ritorno economico più alto.

ASSOCIAZIONE “COMITATO RIFIUTI ZERO FIUMICINO” C.F. 97661450581 SEDE LEGALE: VIA SOLARUSSA, 11 -D4 FIUMICINO (RM) E-Mail: rifiutizerofiumicino@gmail.com Sito Web: www.rifiutizerofiumicino.it


Andamento 2013 della differenziata a fiumicino