Issuu on Google+

DENOMINAZIONI del Masterplan completato

PASSAGGI:

Schema dell’immagine della città attuale:

Il piano viene attuato prendendo come criterio principale la relizzazione dei tre assi trasversali della socialità che attraversano la circoscrizione.

piazza di Gardolo parco di Roncafort

1

ASSE 1

Tempo per ogni singolo intervento: = un anno

PARTECIPAZIONE

= un mese

La popolazione è chiamata a fare proposte di piano e discutere in tutte le fasi.

N6

Viene creata o rafforzata la percezione dell’identità della asse.

SPONTANEITA’ DELLE TRASFORMAZIOI DELLO SPAZIO

Tempo previsto di relizzazione totale del piano 15 anni

sp3

N2

Il piano prevede una totale flessibilità e libertà.

st2 st1

2

ASSE 2 ASSE 3

piazza di Canova

STRUMENTI DEL PROCESSO:

TEMPO:

3

parco di Melta

4

Si costruiscono nuove strade per collegare meglio i nodi e restaurati i sottopassaggi in modo da creare un traffico verticale vero e proprio.

N3 st4

st3

st5 so6

so2

ST1

N4

sp4

N5

Comune di Trento

Provincia di Trento

TRAPARENZA DELLE AZIONI

Residenti

Proprietari

AUTOCOSTRUZIONE

Pianificatori

N9 sp5

Urban makers

AUTOGESTIONE

La gestione del territorio è affidata il più possibile ai cittadini stessi e alle associazioni con l’aiuto del pubblico.

Associazioni

PROMOZIONE DI EVENTI CULTURALI E TRASFORMAZIONI FISICHE

Infine la strada è ripavimentata e ricostruita.

I luoghi creati devono per essere vissuti connotati anche con eventi culturali e sociali.

presentazione e discussione del piano con gli abitanti in incontri nelle sedi dei quartiere

Sig. LUCA MEROGA Laboratorio Urbano Canova Melta Roncafort Gardollo

dibattiti e incontri con associazioni e aziende private locali laboratori partecipati di elaborazione e implementazione del piano con gli abitanti

Il signor Luca Meroga non è altro che il privato di ogni cittadino che diventa collettivo e comune nel Laboratorio urbano cioè nella piattaforma permanente in cui è possibile il dialogo tra tutti attori del piano. Il Signor Megaro, per gli amici Luca, ha sede nel centro civico di Roncafort e si occuppa: - dell’organizzazione dei confronti tra tutte le parti sociali della circoscrizione attraverso dibattiti, mostre ecc; -dei workshop per l’implementazione del piano; -dell’organizzare di eventi attraverso le associazioni locali per animare i luoghi rigenerati; -della gestione e manitenzione dei Nodi, delle strade e degli orti attraverso il volontariato o l’accordo con gli abitanti.

2017 fondazione del LABORATORIO URBANO DI GARDOLO settimana di workshop sul rinnovo urbana FASE 1 (2016)

Fase dedicata a far prendere coscienza alla popolazione della circoscrizione, raccogliere proposte e rielaborare il piano in modo partecipato.

prima festa della circoscrizione nell’area del futuro centro civico di Roncafort

ASSE 2

PUNTI

2018

Ogni intervento verrà comunicato tempestivamente.

Associazioni e abitanti sono chiamati a costruire essi stessi le attrezzature urbane.

st8

st7

st6

N8

Rendere le azioni publiche e private convergenti e non divergenti.

so7

so3

N1

N7

so5

so1

sp1

sp2

SOCILITA’

2016

Vengono realizzati i nodi in modo da incominciare ad attirare le persone.

SINERGIA PUBBLICO PRIVATO

ATTORI:

so4

inizio dei lavori del centro di Roncafort N1

Sig. Luca Meroga Ipotesi di logo per il Laboratorio urbano di Canova, Melta, Roncafort e Gardolo.

realizzazione semaforo sp4

2019 realizzazione N3 realizzazione N7 LINEE

FASE 2 (2018)

Costruzione del centro di Roncafort per rafforzare questo quartiere e dei nodi didattici per strutturare l’asse numero 2 e incominciare a parlare di orti urbani.

LA BANCA DELLA TERRA

Il sistema di condivisione della terra

prima sistemazione st5 laurea di Edoardo

2020

creazione so2 SUPERFICIE

2021

FASE 3 (2020)

festa di inaugurazione della piazza e centro civico di Roncafort creazione so5 apertura della banca della terra

inizio della distribuzione degli orti

?

La riforma urbanistica provinciale del 2015 prevede l’istituzione della banca della terra nel territorio trentino. Nel piano si propone di portare questa novità a livello della circoscizione con sede nel centro civico di Roncafort e con delle variazioni di funzione. La Banca tiene un censimento delle terre incolte e abbandonate o i cui proprietari non sono interessati a usare. Questi possono decidere di cedere per periodo di tempo concordato l’uso dei terreni e queste vengono affidate a persone disposte a coltivarle. In cambio l’utente paga un piccolo affitto e il proprietario del terreno riceve un compenso più una serie di incentivi.

Le aree incolte o scarsamente coltivate interessanti per il piano

realizzazione N4

Rafforzamento della continuità del primo asse e crezione e distribuzione dei primi orti urbani.

2022 ASSE 3

inizio pavimentazione st3, st4, st5, st6

GLI ASSI SOCIALI

sottopassaggio sp2

Le nuove strade che connotano la circoscizione.

2023 realizzazione N5 restauro sp1 FASE 4 (2022)

realizzazione N9

La consapevolezza della prima asse porta alla fine del progetto in quel luogo. Incomicio dello sviluppo dell’Asse 3 con la crezione di nuovi nodi.

2024

inizio ripavimentazione st7, st8, st9

L’attuazione del piano si articola con la creazione dei tre assi trasversali alla trama urbana. Prima della loro sistemazione fisica però è necessario creare la coscienza di queste nuove idenitità di “contrada” che a causa di limiti fisici non sono percepite e sono quasi imposte dai progettisti. Si è pensato quindi di usare il progetto “social street” che a partendo da contatti digitali incomincia a stabilire rapporti tra le persone che appartengono ad un luogo. In un secondo momento si formerà una specie di Banca delle strada dove le persone potranno decidere di cedere l’uso (ma non la proprietà) della parte del loro terreno che da sulla strada in modo da realizzare l’intervento comune a poco a poco.

Logo dell’associzione Street.

Social

2025 inaugurazione primo asse

ORTI SOCIALI

restauro sp5

Oroganizzazione e realizzazione

2026 strade so5, so6 FASE 5 (2024)

realizzazione N8

Pavimentazione stradale dell’asse 3 e suo completamento. Sviluppo delle strade degli orti e maggiore distribuzione dei campi.

2027 strade so1

Una volta che il proprietario decide di registrare il suo terreno nella banca della terra esso verrà diviso in lotti, dall’ufficio della banca degli orti, secondo una griglia regolare di 5, 6 per 5,6 metri. Ogni persona può affittare da uno a quatttro unità che si impegna a mantenere curate. Dalle 15 alle 20 unità di orto si forma una unità di vicinato di orti. Queste vengono attrezzate con un casetta porta attrezzi che può essere costruita attraverso processi di progettazione e autostruzione sponsorizzate da aziende del territorio. A Trento attività simili sono già organizza dall’assoociazione Campomarzio con gli workshop Camposaz.

Esempio di casa per gli attrezzi al centro di ogni unità vicinato di orti.

ASSE 1

Associazioni nel territorio che potrebbero partecipare al processo. Esempio: Camposaz

realizzazione N2

2028 inaugurazione secondo asse inizio ripavimentazione st1, st2

2029 Elaborazione secondo piano urbanistico del sig. Luca Meroga realizzazione N6

FASE 6 (2027)

La crezione del nodo del mercato e rinnovo del parco agganciano il sistema del masterplan al il nucleo storico di Gardolo. La consapevolezza creata dalle precendenti esperienze porta a una pavimentazione più veloce.

2030 restauro sp1

Il risultato finale dovrebbe essere una sovrapposizione di due tipi di gerarchia di città. La prima: quella esistente, data dall’analisi della tavola 1, in cui gli abitanti dei diversi quartieri sono impossibilitati a dialogare, ognuno chiuso in un recinto infrastrutturale e sociale; la seconda: quella nuova, data dal progetto. una maglia di relazioni sociali e fisiche est-ovest, attraverso dei interventi puntuali e di grandi aree, trasformano l’esistente in luoghi dove le persone possono finalmente incontrarsi e dialogare, l’intento del progetto è quello di rendere coesa la circoscrizione, risolvendo i problemi sociali, economici, urbanistici e identitari precedentemente analizzati.

PROPOSTA DI PRG Il piano richiede una trasformazione della destinazione d’uso di alcuni suoli, che dovrebbe essere presa in considerazione nella compilazione del nuovo prg di Trento. Il cambiamento più importante è quello della restringimento delle aree edificabili per stabilizzare l’afflusso di popolazione, evitare la speculazione edilizia e raggiungere la quota 0 di consumo di suolo nella circoscrizione. Lo spazio ricavato rientrerà nelle zone agricole anche se la sua funzione sarà spiccatamente sociale. Ci sarà, inoltre, un aumento dello spazio pubblico per la costruzione dei nodi e delle nuove strade.

Prg attuale

realizazione sp1 permanente

2031 inaugurazione terzo asse

aree agricole aree residenziali aree di espansione aree di uso pubblico Prg modificato


A CITY INSIDE, GARDOLO

Forno di Turbina Combustuone

Trafo

Generatore

15000 TON

Rete 1 MW

IMPIANTO DI BIOMASSA: ricavo annuo € 1.600.000 Contatore

Vela

Contatore Fungo solare

Inverter

ELABORAZIONE

APPROVAZIONE

12 mesi

Anno 2018

IMPIANTO MICROEOLICO

$

Rete

IMPIANTO FOTOVOLTAICO

$

$

$

PARCO PRODUTTIVO

CONSERVAZIONE DEL PARCO

ENERGIE RINNOVABILI

ATTRAVERSAMENTI LUOGHI INCONTRO

Inverter

Rete

INIZIO LAVORI

12 mesi

PARCO

PIAZZE ALIMENTATE DA ENERGIA DEL PARCO

PIAZZE E PARCHI

LANDMARKS

- 12,3 Mio

+ 0 Mio

$ - 0,2 Mio

$ + 0,5 Mio

$

$

- 18,5 Mio

+ 2,5 Mio

$

$

- 16 Mio

+ 12,5 Mio

2023

$

$

- 17,5 Mio

+22,5 Mio

$

2024

$

- 15 Mio

+ 32,5 Mio

$

€ +1 Mio

+ 0 Mio

$

2022

€ -11,5 Mio

- 2,5 Mio

$

[4] PROGETTO

2021

€ -34 Mio

+ 0 Mio

$

2020

€ -30,5 Mio

- 0 Mio

$

€ -14,8 Mio

$

€ -2,5 Mio

$

2019

2018

2017

2016

[3]

[2]

€ -29 Mio

[1] PROGETTO

[0] ESPROPRIO

€ -14,5 Mio

PRG

€ 0 Mio

Ramaglie

La volontà di creare un area verde di grandi dimensioni non può essere definita solo sulla carta, in quanto nel tempo verrebbe “corrosa” dall’edificazione. Da qui è nata l’idea di inserirci varie funzioni e trasformarlo in parco produttivo.

CIRCOSCRIZIONE 01: ME DIVISIONE FISICA E SOCIALE

CIRCOSCRIZIONE 01: MELT MELTA,CANOVA,RONCAFORT LLTA,CANOVA,RONCAFORT TA,CANOVA,RONCAFO TA,CANO V RT MELT

PROCESSO

Si discute qui, in questa tavola, la realizzabilità del progetto, definendone procedure, attori coinvolti, tempistiche e costi. E’ stata scelta una divisione delle diverse operazioni progettuali in base alla complessità. La prima parte corrisonde alle macro-operazioni, ciascuna delle quali è individuata da un simbolo caratteristico, da uno o più quadrati colorati che identificano gli attori scelti e da un costo approssimativo. Allo stesso modo vengono descritte le micro-operazioni, con la sola differenza di non averne stimato il costo, poichè ogni patto di collaborazione, necessario per l’avvio dell’intervento, è differente dagli altri per tempistiche e modalità di finanziamento. Ogni simbolo è anticipato da una linea trattegiata che indica, approsimatamente, la durata dell’operazione stessa. Individuabili sono anche i collegamenti verticali fra i diversi interventi, alla conclusione di un’azione se ne attiva una seconda,una terza e così via fino al completamento del progetto. Si è voluto anche approfondire il funzionamento dei tre sistemi di produzione di energia elettrica utilizzati all’interno dell’Energy Park a Gardolo, ovvero il sistema eolico, quello fotovoltaico e l’impianto di biomassa, per quest’ultimo si è stimato anche un ricavo annuo pari a euro 1.600.000.

- 0 Mio

$ + 12,5 Mio

MACRO-OPERAZIONI 2 Fase di esproprio

I Fase di esproprio

RECUPERO DEL SUOLO

€ 2 MIO

IMPIANTO EOLICO

Potenza 1 MW € 1.5 MIO

IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Potenza 150 kW

IMPIANTO BIOMASSA Attori CONCORSI PUBBLICI IMPRESE PRIVATE GARDOLO ENERGY PARK Partnership pubblico-privata, consorzio di aziende municipali, istituzioni pubbliche (università) e compagnie locali.

CINEMA

SOCIETA’ DI CONSULTING Aziende specializzate locali, nazionali o estere, assoldate per accompagnare l’amministrazione durante alcune opere. Riferimenti: - Legge provinciale per il governo del territorio 2016 e i suoi regolamenti attuativi - PRG Casalecchio di Reno 2012 - PRG Castiglione del Lago 2012 - PRG Milano 2012

BIO

€ 5.5 MIO Potenza 1 MW

Implemento di una stazione di biciclette elettriche

Installazione di due stazioni a Gardolo

BIKE AND CAR SHARING SCUOLA SUPERIORE

3 Fase di esproprio

Installazione di colonne elettriche per la ricarica dei veicoli elettrici

€ 8 MIO Nuovo istituto superiore a indirizzo agrario

€ 15 MIO

€ 8 MIO

BOWLING € 1 MIO

SKATE PARK

€ 15 MIO

QUARTIERI RESIDENZIALI

€ 15 MIO

ILLUMINAZIONE PUBBLICA

L’illuminazione pubblica durante l’iter diventerà completamente alimentata dal parco energetico

€ 1 MIO

ATTRAVERSAMENTI

€ 1 MIO

Procedimento 1. ESPROPRIO 2. CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO DEL SUOLO

3. PEREQUAZIONE URBANISTICA Perequazione vera e propria, indipendentemente dalla destinazione d’uso vengono assegnati dei diritti edificatori.

Classe energetica A o uguale a precedente: - per residenze private soggette ad esproprio - Attività terziarie: 0,15 sul mq/mq Incentivi superficiali: - A --> 10% - Casa passiva --> 15% - Zero Energy --> 20%

4. STANDARD URBANISTICI - Residenziale: 0,25 sul mq/mq Classe energetica A: - per residenze pubbliche

MiCRO-OPERAZIONI

Può costituire un progetto di servizio civile

MANUTENZIONE PARCO ENERGETICO

[Art. 4 comma 6-7]

Può costituire un progetto di servizio civile

PULIZIA PARCHI PUBBLICI

Attori ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI Negozi a promozione sociale come Trento Social Store; Attività imprenditoriali per la gestione paesaggistico-ambientale;

RECUPERO MATERIALE BIOMASSA

ASSOCIAZIONI - COOPERATIVE Cooperative già presenti sul territorio come Gruppo 78, La Rete, Kinè, Progetto 92 e Arianna;

CONSERVAZIONE E CURA PARCO AGRICOLO

ASSOCIAZIONI - COOPERATIVE Nuove associazioni o cooperative nate per o durante l’elaborazione del progetto del nuovo Energy Park a Gardolo;Nuove associazioni o cooperative nate per o durante l’elaborazione del progetto del nuovo Energy Park a Gardolo; PRIVATI CITTADINI - VOLONTARI Volontari cittadini che occasionalmente o periodicamente affiancano il lavoro nei progetti proposti dalla amministrazione o dalle cooperative. Riferimenti: - Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazioni

BIO

Orto sociale presente in via VIII Marzo

ORTI URBANI

Individuazione di aree (temporanee) per nuovi orti

Recupero dei parchi in via Aereoporto in via Soprasasso

RECUPERO PARCHI PUBBLICI ESISTENTI

e+

ENERGY SHOP

Via Passirio - Gardolo

MANIFESTAZIONE ETNICA CULINARIA Attività didattiche per bambini, ragazzi e famiglie

LABORATORI CREATIVI E ATTIVITA’ DIDATTICHE

PATTO DI COLLABORAZIONE

1. INTERVENTI DI CURA OCCASIONALE [Art. 12]

4. GESTIONE CONDIVISA DI EDIFICI [Art. 17]

2. GESTIONE CONDIVISA DI SPAZI PUBBLICI AD USO PRIVATO [Art. 13]

5. RIGENERAZIONE DI SPAZI PUBBLICI [Art. 15]

e+

Laboratori creativi per bambini, ragazzi e famiglie

Attività commerciali all’interno dell’Energy Park

Manifestazione volta all’integrazione e allo scambio culturale

3. GESTIONE CONDIVISA DI SPAZI PUBBLICI AD USO PRIVATO [Art. 14]

AN ECO-POWERED TERRITORY ENERGY PARK - GARDOLO, TRENTO, TRENTINO

Mantenimento di colture di pregio nel quartiere di Roncafort e recupero delle colture presenti nel quartiere di Canova

Completato l’Energy Park si svolge periodicamente in primavera

Livelli

MOD E L L O

BIO

Orti sociali presenti in via Paludi in via Giarette

Sede per le nuove associazioni - cooperative

Via Luigi Caneppele - Roncafort

In quest’ultima parte del progetto si cerca di ragionare in una scala più ampia, non più quella di parco ma quella di città e di territorio. “Il sistema città viene visto come un organismo vivente, un sistema che si nutre e assume una propria identità” (ElectroPolis, A. Ulisse). L’obiettivo è quello di configurare la città di Trento come un organismo che si nutre di energia prodotta dall’Energy Park di Gardolo e da altri due parchi, quello esistente di Gocciadoro e un’altro da realizzarsi a sud della città, cosicchè nuove relazioni si innescano al suo interno. All’aumentare della scala vengono coinvolte anche Rovereto e Riva del Garda, entrambe potenziali città energetiche, che innescheranno nuove relazioni tra loro e con Trento, prefigurando un territorio trentino interamente alimentato da energie pulite. “Progetti, come programmi, tendono a configurare e configurarsi come sistemi capaci di attivare e facilitare processi di condivisione partendo dalle potenzialità dei luoghi, cercando sempre di ‘costruire sistema’ - ‘ fare rete’ favorendo una visione sistemico-energetica di diversi territori” (ElectroPolis, A. Ulisse). In una visione nazionale vengono individuate altre regioni, che al loro interno presentano già progetti a stampo energetico, così a partire da essi anche in quei territori sarà possibile proporre il modello di territorio energetico trentino.

BIO

Per aumentare la produzione il recupero coinvolge anche Trento e zone vicine

Recupero dei parchi in via Bassa in via Luigi Caneppele Attività commerciali all’interno dell’Energy Park

GESTIONE EDIFICIO

La collaborazione può variare per modalità d’azione e durata e prevede differenti livelli di intensità d’intervento. [Art. 5 - 6]

[Art. 4 comma 6-7]

Sede per le attività ricreative

GESTIONE EDIFICIO

Procedimento

Il patto di collaborazione è lo strumento con cui comune e cittadini attivi concordano tutto ciò che è necessario ai fini della realizzazione degli interventi di cura e rigenerazione dei beni comuni.

Raccolta di biomassa nella Circoscrizione di Gardolo

Parco di Gocciadoro

Fenice GreenEnergy Park Lungargine Rovetta - Padova Energy Park, Segro Brianza - Milano

Nuovo Energy Park - Trento Sud

Acquiloni energetici San Pietro - Asti

Rovereto

ENERGY PARK - GARDOLO

P.E.R. Località Inano, Frantuccia - Terni

Riva del Garda

5

Rizzi

Enrico Battistuzzo Jacopo d’Este Marco Munaretto David Pirchio

5 5


CIRCOSCRIZIONE

S. GIUSEPPE - S. CHIARA / OLTREFERSINA ORTI URBANI

PROCESSO

POTENZIALITA’ / MULTIFUNZIONALITA’ DELL’AGRICOLTURA URBANA

F U N Z I O N E

ecologica

produttiva

didattica

ricreativa

sociale

estetico-ornamentale

terapeutica

culturale-economica

presidio-territoriale

STUDENTATO

O P P O R T U N I T A’

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

Contributo alla riduzione dell’inquinamento, a limitare il consumo del suolo nelle città e i relativi effetti negativi dovuti all’impermeabilizzazione dei terreni, a migliorare il microclima urbano

Articoli di lavoro

Prezzo unitario

1) Pulizia area ed aratura terreno

Fornire prodotti alimentari freschi per uso personale e/o per comercializzazione

6.000€

2) Scavo per collettori rete idrica

Costruire un’occasione per l’osservazione della natura e della cultura rurale Fornire un’occasione di svago

400€

3) Formazione condotto idricoper irrigazione

45€

4) Formazione piano di posa su fondo scavo per condotta rete idrica

20€

5) Estirpazione piante

Luogo piacevole per gli incontri sociali e dare un contributo al miglioramento della qualità della vita della popolazione, utilizzando spazi verdi residuali diversamente abbandonati al degrado

600€

6) Fornitura e posa in opera di picchetti per divisione interna lotti

5€

Creazione di luoghi gradevoli

7) Fornitura, stesa e modellazione di terra di coltivo

30€

Costruire un sostegno e una riabilitazione psico-fisica per molte categorie particolari di popolazione considerate più deboli quali anziani, disabili, tossicodipendenti, carcerati

8) Messa a dimora di siepi divisorie

13€

9) Fornitura e posa cancelli

Fornire un’occasione di conoscenza e di commercializzazione di prodotti agricoli tipici

1.200€

qualità ambientale

percorsi

mobilità

La limitazione delle percorrenze veicolari determina un’area di grande qualità ambientale

Posti letto previsti

1500

Area di intervento

80.000 mq

Un tessuto connettivo fatto di percorsi pedonali e ciclabili, di soluzioni ambientali e di un sistema di spazi per la vita associata, attraversa l’area ed entra all’interno degli edifici

Superficie verde

55.000 mq

La mobilità ciclabile predomina all’interno del complesso delle residenze e dei servizi che si estende su di una rete di percorrenze protette che interessa l’intero comprensorio considerato dal Masterplan

Superficie parcheggi

15.000 mq

Blocchi edilizi di 4/5 piani

19

EDIFICIO SOSTENIBILE sociale

Il porticato o il chiostro e il verde presente all’interno degli edifici introduce effetti significativi per la regolazione termica degli ambienti e per creare riserve termiche e forme di ventilazione naturale

contenimento energetico

La corte interna degli edifici ha un ruolo di natura micro-ambientale, l’intero organismo architettonico è modellato per ottenere un bilancio energetico favorevole

SISTEMA LAMPIONE ECOLOGICO

Potenza pannello fotovoltaico

La batteria al litio carica garantisce 3 notti di illuminazione anche in caso di maltempo Nessun aumento in bolletta proprio per il fatto di essere alimentato dall’energia solare

TOTEM INTERATTIVO INFOPOINT

orientamento

direzione

organizzazione

scoprire

900 Lumen

Batteria al Litio

26000 mAh

S P O R T I V O

C A S E R M E

U R B A N I

U R B A N I

**

***

V I A B I L I T A’

****

2019 2020

> 36 ore 9 ore

Diametro palo lampione

60 mm

Grado di protezione

IP65

Altezza installazione

525x161 mm

2026

FUNZIONAMENTO DEL LAMPIONE AD ENERGIA SOLARE

- Il lampione solare si accende al calar del sole alla massima potenza (900 lumen) - Dopo 5 ore passa in modalità risparmio energetico diminuendo del 25% generando un’intensità luminosa di 700 lumen - Al sorgere del sole il lampione si spegne e comincia la ricarica delle batterie interne

1.500€/pezzo

LE FUNZIONALITA’ OFFERTE

Dov’è Trento? Come ci arrivo? Dove parcheggio? Cosa vedere/fare? Dove dormire? Dove sono? Dove devo arrivare? Quanto lontano? Dove ottengo info? Che strada fare? Dove sono ora? La via più breve? E’ la strada giusta? Quanto manca? Posso andare a piedi?

- Click to Call: per telefonare direttamente e gratuitamente a tutti gli enti, aziende o servizi di pubblica utilità presenti nel palinsesto. - Mappa interattiva con calcola percorso: consente di visualizzare il percorso per raggiungere un determinato punto di interesse. - Stampa informazioni, promemoria di prenotazione, etc. - QRCode per integrazione con dispositivi mobili: download di contenuti multimediali e/o app

Cosa c’è vicino? Info storiche? Dove sono i bagni? C’è una farmacia? Chiusura negozi?

2036

- Visualizzazione contenuti su WEB

Persone

Posso prendere bus? Quando arriva il bus? Quanto ci mette? Dov’è la fermata?

SISTEMA BIKE-SHARE

Flusso luminoso

Tempo ricarica

UTILIZZO DEL TOTEM INFORMATIVO pianificazione

S T U D E N T A T O

48 Led

Durata illuminazione

L’elettronica interna garantisce autonomamente la fase di accensione e di spegnimento

risparmio

U R B A N I

S T A Z I O N E

U N I V E R S I T A’

15.6 watt

Numero LED

Grazie ai 48 Led emana 900 lumen pari circa a 75 watt di una lampada ad incandesceza

tecnologico

*

O R T I

C I C L O P E D O N A L I

E C O S O S T E N I B I L I

DATI TECNICI

Non ha bisogno di collegamenti elettrici o cablaggi

alte prestazioni

B O N I F I C H E

P O L O

P A R C H I

300€/pezzo

Si ricarica con il sole tramite il pannello fotovotaico integrato

indipendente

A U T O R I Z Z A Z I O N I

P A R C H I

2021

PERCHE’ SCEGLIERE IL LAMPIONE AD ENERGIA SOLARE? autosufficiente

2016

E S P R O P R I O

P R O G E T T A Z I O N E

R I C I C L O

D I S P.

2018

DATI NUMERICI

TESSUTO AMBIENTALE

A N N I

P E R C O R S I

2017

Costruire una possibilità di controllo del territorio e di allontanamento di attività indesiderate come atti di vandalismo e di delinquenza in genere e quindi fornire maggior sicurezza alla popolazione

55.000.000€

elevata autonomia

FASI

TIMELINE MASTERPLAN

250.000€

Interconnessioni Movimento

Spazio

7.500€/stazione con 10 unità

COS’E’

Semplice funzione di autonomo ponte radio solare senza «Human-Machine Interface», la soluzione più sofisticata con un grande schermo tattile e la soluzione di pagamento con la strisciata della carta di credito. Gli utenti delle prime generazioni dei sistemi bike-share dovono usare un «Totem», prima di poter prendere una bicicletta, un elemento complesso e costoso del sistema bike-share. Il sistema richiede solo la presenza di una scatola relè solare, un piccolo cavo e una batteria auto-alimentata, che comunica alla bicicletta via radio e al server centrale tramite GPRS. Sono possibili anche altri tipi di opzioni di sottoscrizione virtuali utilizzando un «assistente vocale interattivo» con un normale telefono, uno smartphone o su Internet.

COME FUNZIONA Ci sono 3 modi per acquistare un pass, o abbonamento giornaliero

2046 Dal tuo computer

COMUNICA IL TUO MESSAGGIO

Il sistema bike-share prevede molti branding, sponsorizzazioni e opportunità pubblicitarie. È possibile marcare la bicicletta o utilizzare lo spazio per generare interessi per le aziende del posto.

Dai Totem

Dal tuo smartphone

Facile e veloce processo di noleggio

Recati a piedi ad una bicicletta

Effettua la scansione della carta o inserisci il codice

Rimuovi la bicicletta

Facile e intuitivo processo di ritorno

Parcheggia la bicicletta

Aspetta il Bip

Prosegui

LEGENDA * ** *** ****

comprese le opere di demolizione parchi urbani ricadenti in aree di proprietà comunale parchi urbani ricadenti in aree di proprietà private vincolate all’esproprio installazione dell’impiantistica prevista dal Masterplan quali: lampioni solari, bike-share, car-share, totem interattivi infopoint

Università degli Studi di Trento Corso di Urbanistica con Laboratorio Progettuale a.a. Laboratorio 2015 / 2016 - Prof. Arch. G. Pino Scaglione i cantieri del piano Corso di Urbanistica- con a.a. 2015 - 16 | prof. G. Scaglione, V. Cribari, M. Del Signore, C. Rizzi

Docenti Lab. Arch. Vincenzo Cribari, Arch. Marcella del Signore Mod. teorico PhD Arch. Chiara Rizzi Coll. Doct. Ing. Arch. Gaia Sgaramella

Studenti

De Cani Riccardo 160499Riccardo De Cani Fantinato Veronica 160416 Fantinato Veronica Zanon Michele 160994 Zanon Michele

5

160499 160416 160994



Tavola5 processo