Issuu on Google+

L’

NOTEEcommenti

23 Giugno 2012 - Anno XXII n. 24

CATASTROFI E AZIONI CRIMINOSE

SPORT E DISABILITÀ

IL SOSTEGNO SOCIALE MEDIA CON L’EVENTO E MODERA LO STRESS INDIVIDUALE

QUANDO NON CONTANO I RISULTATI E VINCE IL VALORE DELLA PERSONA

di Manuela Settimo*

di Salvatore Gentile*

I

l terremoto in Emilia, la strage di Brindisi e tutti i crimini, intesi come atti efferati accompagnati da una intensa reazione sociale di sdegno e colpevolizzazione dell’autore, in quanto traumi, attivano paura intensa, la sensazione di sentirsi inerme o il provare orrore; ciò è ancor più vero quando ci si trova ad affrontare situazioni criminose programmate ed organizzate. In questi casi la reazione sociale è più dura, poiché maggiore è la responsabilità morale di chi agisce. Tali eventi hanno maggiori possibilità di essere adeguatamente affrontati, se le vittime possono beneficiare di rapporti sociali in grado di fornire sostegno. Ed è quanto avviene in una comunità che vive in pochi secondi forti sensazioni di angoscia. La sofferenza non ama una compagnia qualsiasi, ama solo la compagnia di chi soffre; far fronte all’angoscia esige la presenza di altri in una situazione simile. Il sostegno sociale ha anzitutto la funzione di mediatore tra l’evento/crisi e la risposta individuale e/o collettiva ad esso con lo scopo di ridurre l’angoscia ed il disagio. Come forma di aiuto, si esplica in diverse forme che possono essere di tipo emotivo con comportamenti di ascolto empatico al fine di rafforzare l’autostima; informativo per aiutare a definire, comprendere ed affrontare gli eventi; di tipo affiliativo con l’appartenenza a gruppi formali e/o informali e di tipo strumentale quando l’aiuto è materiale e riguarda l’offerta di servizi,

P lo svolgimento di compiti e l’aiuto finanziario. Il sostegno sociale modera lo stress, poiché riduce la quantità e la qualità degli stimoli stressanti permettendo anche di affrontare il lutto per la perdita dei cari e favorisce risposte attive ed adattive che permettono di reagire adeguatamente. Gli eventi catastrofici hanno il potere di rinsaldare il legame sociale, favorendo il senso di comunità e lo scambio interpersonale. Ciò permette al singolo di riconoscersi, di sentirsi coeso ed incluso in un gruppo che si identifica nelle medesime esigenze e difficoltà. Inoltre, la forte condivisione

emotiva degli eventi limita i sentimenti di distacco o di estraneità verso gli altri e, al contrario, facilita la sicurezza emotiva sia del singolo che non si percepisce come un pesce fuor d’acqua sia del gruppo che si assume la responsabilità di gestire la situazione e dei propri valori. Il legame sociale in situazioni di crisi si caratterizza, quindi, per l’altruismo del gruppo che offre una modalità per condividere la consolazione ed il sollievo e procura il piacere dell’intimità condivisa che accompagna i diversi atti di riparazione e riduce i sentimenti di insicurezza.

psico-fisici. Devono “parlare” soltanto i risultati. Chi, invece, è soltanto spettatore di avvenimenti sportivi non può non riconoscere che assistere ad una gara di persone disabili suscita emozioni uniche. E anche ammirazione nei confronti di chi - nonostante evidenti handicap - si impegna per una competizione che sicuramente lo appaga a livello personale (se si tratta di uno sport individuale) o di gruppo (se invece è uno sport di squadra). Ma relegare i disabili in gare riservate alla “loro

* Psicoterapeuta, Esperto in Scienze Forensi

LO SCATTO AL MARE (E AI MONTI) CON FIDO Ventidue milioni di italiani vivono con un gatto o con un cane. Da cui, spesso, non vorrebbero separarsi neppure in vacanza. Per trovare hotel, campeggi, villaggi, residence e spiagge amiche degli animali, ora c’è il portale, voluto dalla Federazione delle Associazioni diritti degli animali. L’iniziativa intende anche contrastare i fenomeni dell’abbandono e del randagismo, tristemente tipici dei mesi estivi. S.M.

categoria” non può e non deve bastare. Chi stabilisce il confine tra abile e disabile? Il recente caso di Oscar Pistorius - atleta sudafricano privo di gambe - è la prova più evidente che un disabile, aiutato dalla moderna tecnologia, può confrontarsi con i normodotati. Il giovane Oscar ha impegnato i più alti vertici della Federazione internazionale di atletica leggera per risolvere il caso. Alla fine ha vinto lui: è stato ammesso a gareggiare nelle prossime Olimpiadi di Londra, confrontandosi con atleti - i più forti e veloci del mondo - davanti ad uno stadio con migliaia di spettatori e una platea televisiva mondiale. La storia di Pistorius è veramente unica e singolare, ma sarà un punto di riferimento. Nato con una malformazione ad entrambi i talloni fu costretto a subire - quando aveva appena 11 mesi - l’amputazione delle gambe. La menomazione però fortificò il suo carattere e la spiccata personalità. Tanto che giovanissimo si costruì le prime gambe artificiali utilizzando pezzi di ali di un elicottero. Vincendo le prime gare a soli 17 anni. Ha vinto con le attuali protesi (due lame di carbonio) alle Paraolimpiadi di Pechino nei 100, 200 e 400 metri. Per gli organismi internazionali si ponevano il dilemma: Pistorius è favorito o sfavorito nel correre con le gambe artificiali? Ammetterlo o meno alle Olimpiadi di Londra? Alla fine ha avuto ragione lui, incoraggiato e sostenuto anche dalla Federazione italiana. Potrà finalmente confrontarsi con gli atleti normodotati. “Non è una vittoria personale - ha commentato Pistorius - bensì una vittoria di tutti, dello sport in quanto tale, contro ogni discriminazione”. * Giornalista

EDITORIALE EDITORIALE

DIRETTORE RESPONSABILE RESPONSABILE DIRETTORE

Iscritto Iscritto al al n. n. 517 517 del del Registro Registro stampa stampa del Tribunale Tribunale di di Lecce Lecce del Piazza Duomo, Duomo, 88 -- Lecce Lecce Piazza Tel. 0832308849 0832308849 Tel. redazione@loradelsalento.it redazione@loradelsalento.it

arlare di sport e disabilità non è facile. Anche se rispetto a qualche anno fa l’argomento viene affrontato, a tutti i livelli, con maggiore consapevolezza e soprattutto con un diverso atteggiamento mentale. Chi ama lo sport e lo pratica (come professionista o dilettante) certamente non può precludere o - peggio ancora - ostacolare l’attività sportiva di chi non risponde a taluni requisiti

2

dolfo Putignano utignano Adolfo

VICE VICE DIRETTORE DIRETTORE

Vincenzo incenzo Paticchio aticchio (redazione) (redazione)

Ente opere opere di di culto culto ee religione religione Ente Lecce --- Lecce VICE VICE DIRETTORE DIRETTORE

Gianfranco ianfranco De e Santis antis marketing)) ((marketing alvatore Scolozzi colozzi Salvatore ((collaboratore collaboratore marketing marketing comunicazione)) e comunicazione e

AMMINISTRAZIONE AMMINISTRAZIONE RESPONSABILE RESPONSABILE

Sauro auro Bezzi ezzi STAMPA STAMPA

MARTANO MARTANO Editrice Editrice Bari Bari -- Modugno Modugno Z.I. Z.I. Via delle Magnolie, Via delle Magnolie, 21 21

VERSAMENTI VERSAMENTI

ABBONAMENTI ABBONAMENTI

Abbonamento ordinario ordinario per per Abbonamento 12 mesi mesi Euro Euro 20,00 20,00 AbbonaAbbona12 mento sostenitore sostenitore Euro Euro 60,00 60,00 mento

Le quote quote possono possono essere essere ververLe sate presso presso la la Redazione, Redazione, sate oppure con con bonifico bonifico bancabancaoppure rio: Banca Banca Prossima Prossima IBAN IBAN rio: IT33 HO33 HO33 5901 5901 6001 6001 0000 0000 Questo periodico è associato IT33 0064 290 290 intestato intestato aa L’Ora L’Ora 0064 all’Unione Stampa del Salento, Salento, Piazza Piazza Duomo, Duomo, del Periodica Italiana 11 -- 73100 73100 Lecce Lecce 11


IL SOSTEGNO SOCIALE MEDIA CON L’EVENTO