Issuu on Google+

Ho incontrato Gesù Avevo circa 31 anni e stavo attraversando un periodo triste della mia vita; avevo perduto il lavoro a causa di una riduzione del personale dell’azienda in cui ero impiegato e mi ritrovavo senza un’occupazione con una moglie e una figlia piccola da sostenere. In quel periodo avevo anche un hobby, quello del radioascolto. Ascoltavo ed avevo rapporti epistolari con varie radio che trasmettevano in tutto il mondo. Tra queste “Radio Family” una radio battista che trasmetteva anche in lingua italiana dalle isole Oakland in California. Ogni volta che mi sintonizzavo sulle frequenze di questa emittente mi sentivo meglio perché ascoltavo la lettura della Parola di Dio, la Bibbia, che il pastore E. Bacoccina leggeva all’inizio della trasmissione e ciò produceva in me un senso di pace e di serenità. Decisi allora di scrivere a questo pastore facendogli nelle mie lettere tante domande riguardo alla religione e come comportarsi verso il prossimo e verso Dio, giacché dentro di me c’era confusione a riguardo. Egli prontamente mi rispose e m’inviò un nuovo testamento dicendomi che c’è un solo mediatore tra Dio e gli uomini ed è Cristo Gesù, non ve ne sono altri, perché Egli è vivente. Nello stesso periodo conoscevo un amico e siccome ho sempre avuto la passione per la musica, andai da lui perché avevo bisogno di un chitarrista per formare un altro gruppo musicale. Anche lui mi parlò di Gesù e mi disse che era vivente. A quel punto gli dissi: “Se è vero ciò che dici, voglio anch’io conoscere questo Gesù, ma desidero che sia Dio stesso a rivelarmi questa verità”. Iniziai così a leggere la Bibbia e spesso usciva qualche lacrima dai miei occhi; il Signore stava lavorando il mio cuore e la notte non riuscivo a dormire perché pensavo sempre a Gesù e al desiderio di conoscerlo. La mia preghiera era sempre la stessa: desideravo che Dio stesso mi convincesse della verità della Sua Parola, la Bibbia e che mi rivelasse Gesù vivente. Nel frattempo conobbi il pastore R. Mottola della chiesa evangelica di Matinella che mi parlò anche lui di Gesù e mi fu di grande aiuto, così iniziai a frequentare la chiesa evangelica con il desiderio ardente di conoscere il Signore. Dopo circa tre mesi, una sera, e precisamente giovedì 18 luglio 1985 alle ore 20,30 circa, ero nella mia stanzetta e stavo leggendo un testo dalla Sacra Bibbia in Giovanni 1:12 “… ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio”. Oh! Magari io potessi diventare un figlio di Dio, esclamai dentro di me; ma in quell’istante accadde qualcosa di meraviglioso, i miei occhi si erano inumiditi di lacrime, sentivo dei brividi accompagnati da un forte calore, come una dolce scossa elettrica, come un fuoco che percorreva il mio corpo e sentivo dentro di me un senso di colpa, come un peso, ma subito dopo ho provato un senso di gioia profondo ed una pace indescrivibile perché nel mio cuore s’era prodotta un’immagine che non so descrivere, ma è stato come se avessi visto la resurrezione di Gesù Cristo nostro Signore e mi è sembrato di vederlo risorgere con gran potenza e gloria proprio lì nella mia stanza. A questo punto m’è uscita dal cuore questa esclamazione: “Oh, Signore! Perdonami per non aver creduto in Te prima di adesso”. Subito dopo ho sentito la voce dello Spirito Santo che mi diceva che ciò che è scritto nella Bibbia è verità. Oh che grande pace, che grande gioia ho provavo in quei momenti; mi sentivo leggero, sollevato da terra, mi sembrava di essere in paradiso; che grande gioia aver realizzato la presenza dell’Iddio vivente e vero! Da quel momento ho promesso al Signore di seguirlo e servirlo fino a quando egli me lo concederà. Da quel giorno ho sempre confidato in Lui ed Egli non mi mai fatto mancare nulla, anzi mi ha dato sempre più di quello di cui avevo bisogno. E’ meraviglioso come il Signore aveva preparato ogni cosa affinché io lo conoscessi; i suoi piani sono meravigliosi ed io non meritavo tutto questo e lo ringrazio ogni giorno perché ha avuto pietà e compassione dell’anima mia.


Caro amico, cara amica che hai letto questa testimonianza, ti prego per amore di Cristo, invoca anche tu il Suo meraviglioso nome, digli: “Gesù salvami, perdona i miei peccati, voglio diventare un tuo figliuolo, una tua figliuola”. Fa questa semplice preghiera con tutte le tue forze, con tutto il tuo cuore ed Egli verrà di sicuro ad abitare nel tuo cuore perché questo è il desiderio del Signore che tutti siano salvati! Il Signore ti benedica veramente in modo speciale! Un salvato per grazia di Dio:

Rossano


Ho incontrato Gesu - Rossano