Page 1


-MSGR - 13 ANCONA - 37 - 27/02/11-N:

37

IL MESSAGGERO DOMENICA

ANCONA 37

27 FEBBRAIO 2011

LA MOSTRA CANINA

In Fiera oggi si elegge il “Best in show” Duemila biglietti per la prima giornata. In passerella anche i levrieri più alti del mondo

di ADRIANA MALANDRINO

«Blasfema? Ma quando mai. LaProvincia nonorganizzamostre blasfeme. Questa decisione proprio non la capisco e per quanto ci riguarda vorrà dire che troveremo altri locali». L’assessore alla Cultura della Provincia Carlo Pesaresi contesta la decisione del suo omologo di Ancona, Andrea Nobili, che ha negato gli spazi della Mole alla mostra di Federico Solmi, artista bolognese che vive e lavora a New York da più didiecianni, unodegli esponenti più in vista della video art ma anche un nome salito all’attenzione delle cronache per aver firmato diverse opere dissacranti nei confronti della religione cattolica e dello stesso Papa, tanto da subire anche un sequestro giudiziario nel corso di un’esposizione. Nobili, evidentemente, ha ritenuto inopportuna un’esposizione del genere alla Mole che si sarebbe svolta proprio a ridosso delle iniziative previste dal Congresso Eucaristico, tra cui la mostra “Alla cena del Signore”. Un no netto, fatto proprio dalla Giunta Gramillano ma che ora ha tutta l’aria di produrre un incidente diplomatico con la Provincia, che quella mostra l’ha organizzata,accogliendo la proposta di Mac- Manifestazioni artistiche contemporanee - gli stessi di Pop Up! - e del critico Gabriele Tinti.Il Macsi èaggiudicato gli spazi dell’Atelier dell’Arco Amoroso, di proprietà della Provincia. Ha varato un ciclo di esposizioni. Per quella di Solmi erano necessari spazi più capienti per proiettare alcuni video. Ma niente spazi alla Mole per Solmi. L’assessore alla Cultura Carlo Pesaresi non l’ha presa bene: «Non metto bocca sulle scelte dell’amministrazione comunale, visto che la Mole è uno spazio da loro

Ilcaso.L’esposizione ritenuta “inopportuna” aridossodel CongressoEucaristico

L’ultima esposizione canina per Ancona. E poi addio Fiera. Diciotto ring di selezione, 782 cani in mostra e 2mila biglietti staccati sono i numeri della prima giornata della “41esima Esposizione Canina Internazionale” organizzata dal Gruppo Cinofilo Anconitano e partita ieri nei padiglioni della Fiera. In passerella cani da pastore e bovari, terriers, bassotti, cani da seguita e per pista di sangue, cani da ferma, cani da riporto, da cerca, da acqua e levrieri che hanno sfilato sotto gli occhi attenti di 17 giudici provenienti da tutta Europa. Delle circa 300 razze che quest’anno saranno presenti in mostra, ieri ne sono state giudicate

Si sono esibiti quasi 800 esemplari. Spazio anche ai meno fortunati 93. Tra i cani presenti anche gli esemplari tra i più grandi del mondo, quelli della razza Irish Woulf Hound, il levriero irlandese che raggiunge i 95 centimetri di altezza. Uno spazio è stato riservato anche ai cani meno fortunati, in cerca di famiglia: la Lega Nazionale per la Difesa

del Cane ha 4 cani meticci in cerca di casa nati dall’incrocio di un Setter e un Border Collie (info su www.canicamerino.wordpress.com). Oggi giornata conclusiva della mostra con il “Best in show”, per il quale sono attesi 787 cani per 100 razze diverse e 250 cani da compagnia e che premierà il cane più bello in assoluto. Sarà anche assegnato il riconoscimento alla carriera, per il premio “Alleviamo con il cuore” nato per sostenere gli allevatori delle Marche e scoraggiare l’acquisto di cuccioli importati dalle nazioni extracomunitarie, che verrà consegnato ad Alberto Pellegrini allevatore di lunga e comprovata esperienza. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Arte censurata, la Provincia s’infuria Pesaresi:«OperediSolminonblasfeme.IlComunenoncidàlaMole?Faremolamostraaltrove» gestito. Ma vorrei ricordare che Solmi è uno dei video artisti più conosciuti e premiati al mondo. La proposta ci è arrivata da Tinti e noi l’abbiamo accolta. Mi preme chiarire che le opere che preoccupano l’assessore Nobilinonsarebbero stateesposte ad Ancona, nessun materia-

le osceno o blasfemo era previsto - ha aggiunto Pesaresi - E’ vero che ci sono opere forti nel suo curriculum, ma non sarebbero arrivate ad Ancona». Che farà la Provincia, annullerà la mostra? No. Ancora Pesaresi: «Vogliamo farla lo stesso. Valuteremo assieme al curatore se

ospitare lo stesso la mostra all’Arco Amoroso, il problema di quello spazio è che è troppo piccolo per un artista così» ha concluso Pesaresi. Molto piccato il curatore Gabriele Tinti: «La cosa si commenta da sé, non rilascio dichiarazioni, quando vorrò dire qualcosa sa-

rete avvisati», dice laconico. E’ certo che Federico Solmi con quelle opere contro i simboli della religione cattolica e contro il Papa ha fatto parlare molto di sé. Nel 2009 il Tribunale di Bologna ha ordinato il sequestro di “Untitled” - un autoritratto dell’artista crocifisso

LA LETTERA

completamente nudo, eccezion fatta per un cappello cardinalizio e con l’organo sessuale eretto - esposto ad “Arte Fiera”, la kermesse internazionale di arte contemporanea di Bologna, per vilipendio alla religione ed esposizione di oggetto osceno. Anche se qualche settimana piùtardiilTribunale del Riesamedecise di “assolvere” l’artista. Nel 2008 Solmi fu messo sotto accusa per un video di quattro minuti intitolato “The Evil Empire” che fece scandalo a Madrid, quando venne mostrato in una pubblica piazza, in cui un papa futurista e sesso-dipendente si libera in volo sul Vaticano per poi finire all’inferno. Un curriculum ritenuto da Nobili inopportuno pergiustificare una mostra, tanto più a ridosso di quelle previste dal Congresso Eucaristico.

Irritazione di Palazzo di vetro per il ripensamento Il curatore: «La cosa si commenta da sé»

«Adesso basta, liberateci dal caos delle bancarelle» Cesare Beccaria ci scrive: «Caro Direttore, nessuno cervello geniale riesce a trovare una soluzione per dare ai bancarellari una allocazione igienico e sanitaria e più produttiva adeguata e toglierle dalla strada? Basta a parlare delle bancarelle, anche i negozianti del corso Mazzini hanno paura a parlare di che cosa vorrebbero al loro posto: più pedonale, addobbi, bei negozi, luce e pavimentazione, un migliore ambiente urbano, via i marciapiedi, via le auto, comprese quelle dei magistrati, degli avvocati, e via con esse anche le famigerate bancarelle. Un nuovo corso Mazzini come quello dalle 13 cannelle in giù. Ci sarà una soluzione migliore delle bancarelle , vorrei sfidare la politica politicante di Ancona con un referendum tra tutti i cittadini di che cosa ne pensano delle bancarelle al centro del mondo anconetano. Un referendum che dica se è meglio un mercato con le bancarelle massimo due mattine alla settimana»

L’assessore alla cultura della Provincia di Ancona, Carlo Pesaresi. In alto Federico Solmi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

IN VIA ASCOLI PICENO

Iltitolare,cardiopatico, ricoveratoaTorrette Sparitivaloribollati, Grattae vinciesigarette

Con pistola e coltello rapinano tabaccaio ColpoinviaAscoli Piceno.Irruzionedidue uominicol voltocoperto

di MARCO CATALANI

Pistola e coltello in pugno assaltano la tabaccheria e mandano il titolare all’ospedale. Giuseppe Barbetti, 46 anni, cardiopatico, è stato portato al pronto soccorso di Torrette in forte stato di agitazione dopo il colpo nel suo esercizio messo a segno da due uomini che si sono presentati nella sua tabaccheria di via Ascoli Piceno. A otto giorni di distanza dal colpo sferrato ai danni del tabacchi di via Torresi, ad essere presa di mira stavolta è stata un’altra tabaccheria del Piano. Ieri poco dopo le 20 due uomini con il volto coper-

Alcuni cuccioli alla mostra canina

I malviventi si sono fatti consegnare il portafoglio anche dall’unico cliente presente in quel momento nel negozio La tabaccheria Barbetti di via Ascoli Piceno rapinata da due banditi armati (Foto ACCORRONI)

to da passamontagna sono entrati nell’esercizio situato al civico 64 di via Ascoli e, uno armato con una pistola, l’altro con in mano un coltello, han-

nointimatoal titolare di consegnare loro tagliandi del “gratta & vinci”, valori bollati e stecchedi sigarette. Per poter lavorare tranquilli, senza che nes-

suno dalla strada potesse vederli e correre a dare l’allarme, la coppiaha tirato giùla serranda dell’esercizio. Barbetti non era solo a quell’ora. Insieme a

luic’era un cliente.Un anconetano di 45 anni che era entrato per acquisti e che si è trovato, è il caso di dirlo, nel posto sbagliato al momento sbagliato. I banditi hanno tenuto sotto la minaccia delle armi anche lui e gli hanno pure chiesto perentoriamente il portafogli che, una voltasvuotato delle banconote che conteneva, gli è stato restituito con dentro i documenti d’identità. L’incursione è durata pochi - ma interminabili per le vittime - minuti. La merce rubata è stata messa dai banditi dentro un grosso borsone. Aquel punto irapinatorihanno riaperto la saracine-

sca, sono usciti in strada e l’hanno riabbassata per non consentire ai loro “ostaggi” di vedere quale direzione prendessero per la fuga. Solo allora le vittime del colpo hanno potuto chiamare il 113. Sul posto sono arrivati gli agenti delle Volanti, della Scientifica e della Squadra Mobile. Non ancora quantificata l’entità del bottino. Nessuna analogia, se non l’orario, con il colpo della settimana scorsa in via Torresi: ad agire ieri sera sono stati due uomini mentre in via Torresi ad agire era stata una donna armata di coltello.

IN

BREVE

AL PIANO

Le Comunità in piazza Dalle 10 presidio in corso Carlo Alberto a sostegno dei popoli dell’euro-Mediterraneo che reclamano libertà e dignità. Musica, poesia, parole, narrazioni di ribellionea cura di Associazione Shimabara , Collettivo Studentesco Ops, “Assata Shakur”, comunità tunisina, marocchina, egiziana, iraniana, libanese, afgana.

S. COSMA

Il Carnevale coi poveri Cineforume festa di Carnevale oggi al centro culturale “la Strada”, formato dai poveri della città di Ancona. Il servizio di strada Onlus dà appuntamento all 14.30 nel teatro della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, Ancona. L’ingresso è libero, partecipate numerosi. Il film proiettato è Mery per sempre di Marco Risi (1989).

AL MUSEO

Ancona dopo l’Unità Come si presentava Ancona all’indomani dell’Unità d’Italia? La creazione della “città nuova”, la realizzazione di grandi spazi urbani quali piazza Roma e piazza Cavour. Questi ed altri temi saranno oggetto della conversazione che svolgerà oggi alle 17, nella sala conferenze del Museo Archeologico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

complesso immobiliare

VILLA GAIA Residenze immerse nel verde di un parco secolare, dotate di ogni comfort a pochi minuti dal centro di Ancona. E’ possibile visitare il complesso tutti i giorni, festivi compresi, previo appuntamento telefonico, per valutare la soluzione più adatta alla tue necessità. RECUPERO DEL 36% PER RISTRUTTURAZIONE

DISPONIBILITÀ: - App.to piano terra con giardino e garage - Bilocale con giardino e garage

www.alecostruzioni.it

INFO:

335 336153 071 2072527

-TRX IL:26/02/11

22.17-NOTE:


Rassegna stampa su Censura a Mostra Solmi in Ancona  

Il Comune di Ancona nega gli spazi della Mole Vanvitelliana all’artista Federico Solmi, premio Guggenheim 2009, in giugno esporrà alla Bienn...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you