Page 1

www.makeawish.it - info@makeawish.it

NEWS 2014

Italia Onlus Pubblicazione annuale - Anno VI - Gennaio/Dicembre 2014

SOMMARIO 2

CHI SIAMO • EDITORIALE • CARTA D’IDENTITÀ

3

LA VALENZA SCIENTIFICA

4

L’ATTIVITÀ DI MAKE-A-WISH® • I NOSTRI NUMERI • DALLA SEGNALAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL WISH

5

IL DESIDERIO DI FRANCESCA

6

LE QUATTRO TIPOLOGIE DEI DESIDERI • ESSERE, FARE, INCONTRARE, AVERE

8

SPERARE, LOTTARE, SORRIDERE... • LA FELICITÀ NON È ALLA FINE DELLA STRADA, LA FELICITÀ È LA STRADA

12 14

EVENTI & NEWS INTERVISTA •RICHARD FAIREST SONY ITALIA

15 16

COME AIUTARCI GRAZIE AI NOSTRI SPONSOR

Un desiderio esaudito, un bambino che ritrova il sorriso


2

Chi siamo Editoriale

“Resilienza” Da poco tempo ho scoperto il significato della parola “Resilienza” e ho capito che si adatta in modo stupefacente alla missione di Make-A-Wish®. Resilienza - dal latino resiliens, resistere - è un concetto che nasce dalla fisica e indica la capacità di un materiale di resistere a deformazioni e urti senza spezzarsi, anzi tornando alla sua forma iniziale. Col tempo, la parola ha ampliato il suo campo di applicazione ed è diventata oggetto di studio soprattutto in psicologia che, sul fronte clinico, l’ha declinata come capacità del malato di assorbire un «urto» come la malattia, senza però «frantumarsi», ma addirittura migliorando. Per fare ciò, tuttavia, il bambino malato gravemente, che deve convivere con le conseguenze della malattia e con le pesanti cure, ha bisogno di un aiuto importante, di uno stimolo che lo faccia andare avanti. Ed è proprio in quel momento che diventa fondamentale, per lui, poter sognare, immaginare che tutto sia possibile, anche realizzare il desiderio più grande, quello nascosto nelle ultime impercettibili pieghe dell’anima. Durante questi sette anni di volontariato con Make-A-Wish Italia, ho toccato con mano centinaia di situazioni in cui l’intervento della nostra Associazione ha “fatto la differenza” nella storia di bambini affetti da gravissime malattie e delle loro famiglie. Situazioni in cui la resilienza è stata possibile grazie all’energia che si mette in azione in concomitanza con l’intervento di Make-A-Wish. Con Make-A-Wish Italia ho vissuto e sto tuttora vivendo delle esperienze formidabili. Per questo vorrei anche approfittare di questo spazio per ringraziare personalmente tutti: volontari, staff, Consiglio Direttivo, sponsor e sostenitori. Grazie per aver creduto nella magia di un desiderio esaudito; grazie per aver reso possibile la crescita della nostra Associazione, anche in un periodo così difficile e, soprattutto, grazie anticipatamente, per l’impegno futuro che ci permetterà di esaudire sempre più e più desideri. Paola Bassino

Nome: Stato:

CARTA D’IDENTITÀ

Data di nascita: Sede: Altri uffici:

Make-A-Wish® Italia Onlus Organizzazione non-profit riconosciuta dallo Stato Italiano settembre 2004 Genova Milano

La missione: Realizzare i desideri dei bambini gravemente ammalati per arricchire di gioia, speranza e forza la loro esperienza umana. La storia: Make-A-Wish® Italia onora la memoria di Carlotta Fron-

tani, scomparsa per una grave malattia all’età di 10 anni. Il grande desiderio di Carlotta, nonostante la sofferenza, era quello di poter portare conforto a tutti i bambini che, come lei, stavano vivendo momenti drammatici. Questo era il grande “wish” di Carlotta. Questo è oggi anche il nostro.

Segni particolari: Il marchio Make-A-Wish®, nato negli USA nel

1980, è presente oggi in 37 Paesi e 30.000 volontari. È una delle organizzazioni benefiche più note e stimate al mondo, riconosciuta anche dall’Onu. Make-A-Wish® negli USA è annoverata tra i cento marchi più famosi, è stata insignita del Seal of Excellence, riconoscimento che attesta buona gestione, integrità e trasparenza. Per gli stessi motivi Charity Navigator, la più autorevole organizzazione indipendente di monitoraggio delle non-profit, ha concesso per nove anni consecutivi, e anche quest’anno, il rating massimo di quattro stelle. SPONSOR ISTITUZIONALE

ASSOCIAZIONE CARLOTTA FRONTANI

Presidente Make-A-Wish® Italia Onlus

I Nostri Valori

In copertina: Sabrina, 11 anni, affetta da aplasia midollare severa “Vorrei nuotare con i delfini...”

Dona 0a 0 0 1 x 5 o u t l i

Nuovi volti nel Consiglio Direttivo

Congratulazioni a Paola Bassino, già Consigliera dal 2009, che nel 2013 è stata eletta Presidente dell’Associazione, e un caloroso benvenuto ai nuovi componenti del Direttivo, Roberto Leopardi, Managing Director di SC Johnson Italy srl azienda da cinque anni sponsor Make-A-Wish Italia e Maura Zagato, già volontaria dal 2011

nulla, non ti costa a basta una firm ione iaraz sulla tua dich iti dei redd

0103 C.F. 9509098

Vice Presidente Fabio Frontani Consiglieri Stefano Cavaglione Claudio Foscoli Roberto Leopardi Victor Uckmar Maura Zagato

profonda dedizione per la missione di Make-AWish. Dedizione che trasmettono con una sincera carica di ottimismo ed empatia.

Buona gestione: Make-A-Wish Italia è impegna-

ta a gestire la sua attività con assoluta attenzione e trasparenza, dedicando il massimo delle risorse per gli scopi istituzionali.

Imparzialità: non facciamo alcuna discrimina-

zione circa il sesso, la razza, il credo religioso, le condizioni socio-economiche dei bambini di cui ci occupiamo.

Integrità: data la specifica natura dell’attività di Make-A-Wish, tutti i volontari e lo staff sono selezionati in base a rigidi ed imprescindibili standard di assoluta integrità.

Professionalità: operiamo in tutte le situazioni

tutti volontari Presidente Paola Bassino

Dedizione: Tutti i volontari e lo staff hanno una

Riservatezza: rispettiamo il diritto alla privacy dei bambini e delle loro famiglie. Tutti i volontari e lo staff di Make-A-Wish Italia sono impegnati al rispetto della massima riservatezza.

Organi Direttivi Consiglio di Amministrazione

Motivazione: Make-A-Wish Italia è stata fondata sulla spinta di una forte e profonda motivazione, la stessa che accompagna lo staff e i tanti volontari che giornalmente prestano la loro preziosa opera.

www.makeawish.it

nella migliore maniera possibile, con il massimo impegno ed entusiasmo.

C.F. 95090980103

Sede di Genova Piazza San Matteo,15/1 16123 Genova Tel. 010 8681336 Fax 010 8681370 010 8935100

Ufficio di Milano Via Fontana, 1 20122 Milano Tel. 02 87387715 02 87387716 Fax 02 87387714

Editore Make-A-Wish Italia Onlus P.zza San Matteo, 15/1 16123 Genova www.makeawish.it info@makeawish.it Direttore Editoriale Fabio Frontani

info@makeawish.it

Collegio dei Revisori Mario Pacciani, Presidente Edoardo Lagomarsino, effettivo Elvio Meinero, effettivo Cinzia Farinetti, supplente Valentina Paoletti, supplente Direttore Generale Sune Frontani

Direttore Responsabile Emanuele Elli

www.facebook.com/MakeAWishItaliaOnlus

Tesoriere Stefano Cavaglione

Italia Onlus

Referente Volontari Roma Christina Hallmert

NEWS

Pubblicazione Annuale Anno VI

Coordinatore Volontari Marcella Zizzo Germano https://twitter.com/MakeAWishItalia

Reg. Trib. di Genova n.14/2008 del 07/05/2008

Comitato di Redazione Emanuele Elli Beatrice Falletti Sune Frontani Irene Rivara

Segretaria di Redazione Irene Rivara Impaginazione Creattiva

info@creattivagenova.it

Stampa Erredi Grafiche Editoriali Genova


La valenza scientifica

QUANDO

SOGNARE SIGNIFICA DIMENTICARE Intervista alla Dottoressa Annalisa Serra, responsabile del reparto nel Dipartimento di Onco-Ematologia. a cura di Emanuele Elli

Nei corridoio del Day Hospital dell’ospedale Bambin Gesù di Roma si allineano 17 porte. Ma quella dove bussano tutti i bambini ha impresso sopra il nome della Dottoressa Annalisa Serra, la responsabile del reparto nel Dipartimento di Onco-Ematologia. Qualcuno aspetta l’esito degli esami, qualcuAnnalisa Serra no attende il chemioterapico. Ma tanti di più vogliono solo sapere se il loro desiderio è stato accolto, se ci sono novità sulla sua realizzazione, se può firmare quel permesso a cui tengono tanto... Da dieci anni, infatti, la Dottoressa Serra è il tramite di Make-A-Wish in uno degli ospedali più importanti d’Italia. Una fiducia conquistata anche proprio grazie agli stessi piccoli pazienti. “All’inizio sono stati proprio i bambini che mi hanno fatto conoscere Make-A-Wish”, racconta la Dottoressa. “Io andavo sul sito della Fondazione americana, prendevo informazioni per verificare la bontà dell’associazione. Poi, un giorno, sempre loro, mi hanno detto che esisteva anche in Italia e allora ho cominciato a segnalare qualche caso, verificando subito che tutto funziona a meraviglia e che l’iter regala grande soddisfazione a tutti, bambini, famiglie, e anche medici”. A fronte di una richiesta così ampia come intuisce quali sono i desideri dei quali farsi per prima ambasciatrice? “Inizialmente, per istinto e anche per un coinvolgimento emotivo inevitabile, davo la precedenza ai bambini con le prognosi peggiori. Molti dei desideri che ricordo con più commozione sono proprio questi perché, se anche i riflessi sull’efficacia delle terapie sono stati magari meno percepibili, ha voluto dire distrarre il bambino e la sua famiglia dalla malattia. E se anche solo per un giorno o un’ora si sono davvero dimenticati della loro condizione significa che ne è sempre valsa la pena. Col tempo, naturalmente, ho avuto l’occasione di verificare invece anche l’impatto dei “wish” sulle terapie di ragazzi che Make-A-Wish ha davvero aiutato a guarire del tutto. Dal suo punto di vista di medico, ci spiega che cosa accade esattamente in un paziente al quale Make-A-Wish promette di realizzare un desiderio? Gli effetti positivi innanzitutto cominciano subito, dal primo momento in cui si avvisa un paziente che qualcuno verrà a chiedergli che cosa desidera. I bambini iniziano subito a fantasticare, a immaginare e l’attesa diventa un generatore di energie positive che cambiano realmente la vita dei piccoli. Un bambino che pensa tutto il giorno alla chemio vomita tutto il giorno, uno che pensa “Domani realizzo il mio desiderio” non vomita, perché reagisce con più forza. La componente psicologica nei bambini ha un valore amplificato rispetto agli adulti anche perché, a differenza dei grandi, loro, se sono distratti da qualcosa di positivo, si dimenticano completamente della malattia, la rimuovono e, anche per pochi attimi, riescono a tirarsene fuori del tutto” Per questo, nella sua esperienza, ci sono dei desideri più efficaci di altri? Io, naturalmente, non oriento mai i sogni dei bambini. Anche quando sembrano impossibili cerco sempre di incoraggiarli. Magari, per esempio nel caso dei viaggi, concordiamo con la famiglia e con lo staff di dirottarli verso mete più compatibili con le terapie o con il loro stato di salute. Però ho notato che l’esito non cambia. Se tutto è gestito bene, e con Make-A-Wish è così, anche chi voleva andare a vedere i delfini in Australia e invece li ha visti all’acquario di Genova, torna contentissimo e viene in reparto per farci vedere le foto con gli occhi che brillano”. E alla porta della Dottoressa ricominciano a bussare.

Alberto, 9 anni affetto da Linfoma di Burkitt è in cura dalla Dottoressa Serra. Qui durante il suo wish con l’allenatore della Nazionale di calcio, Cesare Prandelli.

I RISULTATI DEL WISH IMPACT STUDY MARZO 2011 MAKE-A-WISH® AMERICA • 89% dei bambini diventa emotivamente più

forte e, per alcuni di loro, questo li aiuta a migliorare il proprio stato di salute. • 81% dei genitori afferma che i loro bambini

fanno meno fatica ad affrontare i protocolli terapeutici. • 75% dei genitori afferma che l’esperienza del

desiderio realizzato aumenta la forza fisica dei propri figli. • 74% che ha un impatto positivo e rappresenta

una svolta nella battaglia contro la malattia. • 99% che i loro bambini vivono un momento di

intensa felicità. • 98% che da loro la possibilità di sentirsi di

nuovo una famiglia “normale”. • 97% che aiuta l’intera famiglia a ritrovare il

benessere emotivo.

3


4

L’attività di Make-A-Wish ®

I NOSTRI NUMERI NEL 2012

Statistica desideri 2012

■ Vorrei andare...

43%

■ per la missione

83%

■ Vorrei avere...

30%

■ per struttura

11%

■ Vorrei incontrare...

22%

■ per eventi ■ fund raising

6%

5%

Raccolta fondi

Rendicontazione delle spese -

spese Totali € 513.797 (-3,6%) spese per attività tipica € 425.532 (-6,9%) spese generali di gestione € 55.871 (+20%) spese per eventi € 32.393 (+23%) e raccolta fondi - percentuale spese utilizzate per scopi istituzionali 83% 2.837 (-7%) - costo medio per desiderio € - cifra accantonata e vincolata all’utilizzo 5.332 per scopi istituzionali 2013 €

- da Aziende €245.157 (-18%) - da Privati, Associazioni, €105.075 (+ 1%) Fondazioni - da eventi € 89.388 (-0,09%) e manifestazioni - 5x1000: ricavato di competenza comprensivo della quota € 77.676 (+64%) riscontrata nel 2011 - proventi finanziari € 1.833 (-32%) Totale €519.129 (- 3%)

“Wish Assists” Esauditi

Desideri esauditi 150

160

150

120

103

85 68 53 18

20 0

2 2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

41

45 40 35 30 25 20 15 10 5 0

120

140

60 40

SEGNALAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL WISH

Statistica uscite 2012

■ Vorrei essere...

100 80

DALLA

2012

36 33

18

31

17 15

12

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Provenienza Bambini 35 30 25 16

15

14

14 13

10

7

6

6

6

5

5

5

4

4

3

3

3 2

2

2

1

0

1

1

1

Ospedali in cui sono in cura 35

32

30 25

22

20 15 9 8 8 8 8

10

7 6 6

5

5 4 4 3 2 2 2

0

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Regioni di provenienza dei volontari 50 45

46

40 35

28

30

24

25 20

15

15

15

13

12

12

10

11 6

5 0 b m Lo

a di ar

Lig

u

ria

La

zio

a ili Em

Ro

a m

a gn

g Pu

lia To

sc

2 3

Make-A-Wish accoglie la segnalazione solo dopo aver ricevuto anche la conferma di eleggibilità da parte del medico curante. La firma del modulo è a cura dell’Associazione.

Make-A-Wish, ricevuti tutti i moduli firmati, contatta la famiglia per fissare un appuntamento: due volontari esperti incontrano il bambino per conoscerlo e scoprire il “suo wish”. Una relazione verrà redatta dai volontari e depositata in Make-A-Wish.

4

Make-A-Wish e i volontari, iniziano a lavorare per la realizzazione del desiderio.

6

Esaudito il desiderio, i volontari raccolgono il materiale informativo: foto, testimonianze e video.

5

Make-A-Wish, quando è tutto pronto, avvisa la famiglia o il bambino stesso e comunica le date.

7

Make-A-Wish prepara ed invia i ringraziamenti a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione del desiderio.

«Ho capito che da qualcosa di devastante può nascere qualcosa di eccezionalmente bello...»

31

20

1

Chiunque ci può segnalare un wish: il medico curante, un’infermiera, un parente, un genitore, il bambino stesso. È necessario scaricare dal sito gli appositi documenti, compilarli e inviarli a Make-A-Wish Italia debitamente firmati da entrambi i genitori.

a an

o em Pi

e nt

Ve

n

o et

pa am C

a ni

c Si

a ili

3

3

2

1

1

0

0

0

0

0

e o a li ia ta ria he na ise ig zz iu at br os ol rc Fr ld ru ic ab eg l A l m a i ’ M b A d s a U r D M A C lto Ba Sa le A al o V n ti en Tr

Ci vuole coraggio quando nel corso della propria vita ti accade qualcosa di drammatico. Ci vuole tanta determinazione e altrettanta voglia di vivere quando ci si ritrova da sole a dover provvedere al futuro di quattro ragazzi. Ma soprattutto ci vuole una grande generosità quando, malgrado tutto ciò, si decide di trasformare la propria sofferenza in qualcosa di bello - eccezionalmente bello - come la nostra Chicchi ha scelto di fare. Francesca, la neo diciottenne che vedete qui a fianco, Sarah, Elena, Marco, Jessica, tutti questi bambini ed altri ancora, grazie alle iniziative in ricordo di Marco, hanno potuto realizzare il loro desiderio più grande. Grazie Chicchi, sei davvero una persona speciale! E, come te, anche i tuoi ragazzi!

“Ho incontrato Make-A-Wish qualche anno fa, dopo un brutto spavento preso per il figlio di un’amica speciale. Era nato un forte desiderio di aiutare in qualche modo tutti quei bambini, troppi, più sfortunati dei miei figli, provati da una realtà più grande di loro, bisognosi di sentirsi ancora vivi, forti e fiduciosi nell’affrontare cure pesanti e giorni difficili. Oggi mi trovo io a percorrere il cammino di una vita in salita senza più Marco al mio fianco, io e i miei 4 figli, a faticare per accettare un’esistenza che non sarà mai più come prima, mutilata di un affetto così grande. Un evento assurdo e irreversibile che ci ha strappato con violenza da chi ci amava tanto, sogni infranti, certezze svanite. Ma ho capito che proprio da un dolore devastante può nascere ancora qualcosa di eccezionalmente bello. Marco era un papà davvero speciale, generoso negli affetti, compagno di giochi, paziente e sempre allegro. Un papà che tutti avrebbero voluto avere, che rimaneva incantato davanti al sorriso di un bambino che riusciva a far divertire con niente, qualche parola, una battuta. Mentre scrivo sorrido. Penso a lui e credo di avergli fatto un bel regalo. Riuscire ad esaudire i desideri di questi bimbi è stato per me un modo per ritrovare il suo straordinario ottimismo e adesso vedere nei loro occhi la speranza ritrovata è come se si fosse accesa una grande luce sul mio cammino. Quella luce che mi aiuterà ad arrivare alla consapevolezza che Marco è sempre qui accanto a me. Col cuore in mano, dico grazie a Make-A-Wish per la sua grandissima missione, grazie a tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questi desideri e soprattutto grazie a questi magnifici ragazzini che sono riusciti a trasmettere a me e ai miei figli il coraggio di sperare ancora” Chicchi

Chicchi Venturino Volontaria Make-A-Wish® Italia


Il desiderio di Francesca

Francesca:

«Vorrei essere una Debuttante»

Dalla testimonianza di Francesca:*

“...Nonostante il fatto che l’abbigliamento, la pettinatura e tutti i preparativi fossero costate a Kitty grandi fatiche e riflessioni, adesso ella nel suo complicato vestito di tulle con la sottoveste rosa, entrava nel ballo con tanta disinvoltura e semplicità, come se tutte quelle roselline, le trine, tutti i particolari dell’abbigliamento non fossero costati a lei neppure un momento di attenzione. Kitty era in una delle sue giornate felici...” da - Anna Karenina, Lev N. Tolstoj -

La mia lettera non poteva cominciare se non ricordando le frasi di Tolstoj trat-

te dal romanzo Anna Karenina che descrivono il primo ballo della giovane principessa Kitty. Rileggendole mi sembra di tornare a vivere insieme a Kitty quel momento, ricomincio a sentire tutte le emozioni che ho provato durante il Gran Ballo Viennese. È la sera del 19 ottobre e... sì, mi sento proprio come Kitty: felice, innamorata della vita, ogni sofferenza, ogni piccola ferita del mio cuore è improvvisamente guarita dalla magia che mi circonda, guarita da questo vestito di tulle e da queste sensazioni. Non esistono parole adatte a descrivere la mia emozione, la mia voglia di saltare, girare, urlare. Tutto dentro di me è gioia, tutto si frantuma, esplode, freme per uscire. È stato meraviglioso sognare per tutto quel tempo il ballo in ogni suo minimo particolare ma la cosa più bella è stata senza dubbio la perfetta imperfezione che è propria solo della realtà. Ogni dettaglio, anche se insignificante, acquista vissuto nella realtà, una nuova magia, una magia molto più profonda e sorprendente. È come se quando pensavo al mio desiderio lo avessi immaginato in bianco e nero ... inaspettatamente la realtà ha saputo regalarmi dei colori, dei profumi e delle emozioni che mai avrei potuto sperare di sentire. Proverò a descrivere il mio desiderio anche se sono consapevole che non riuscirò mai pienamente a catturare su un foglio di carta tutte le splendide sensazioni e la felicità che ho provato e che provo tuttora ripensando a quella fantastica settimana di prove di ballo, di sorrisi, di tulle, nastri, valzer e di amicizia.

Tutto è cominciato il 13 ottobre, quando io e mia sorella Fiammetta con il cuore che batteva forte siamo arrivate alla stazione Termini di Roma per conoscere le altre debuttanti. Ricordo che per quanto ero emozionata e agitata mi girava la testa... Non scorderò gli attimi che hanno reso speciale questa esperienza, che mi hanno fatta emozionare, che dopo tanta sofferenza mi hanno ridato la forza di andare avanti. Quindi grazie per tutto, grazie a Chicchi e grazie a tutti voi, grazie per aver reso il mio sogno realtà per una sera. Per aver reso quell’attimo speciale in tutto e per tutto. Non vi dimenticherò mai, avrete sempre un posto speciale nel mio cuore. *Il racconto integrale del desiderio di Francesca si può leggere sul nostro sito www.makeawish.it

5


6

Le quattro tipologie dei desideri

“Vorrei essere...

Antonello un calciatore del Sassuolo” La nostra volontaria Gaia S. ci racconta il desiderio

Avevo già intuito che sarebbe stata una giornata speciale quando è arrivata la telefonata di Massimo (ufficio stampa del Sassuolo Calcio) per avvisarmi che era tutto pronto. Aveva preparato la divisa: la maglietta con il numero e il nome di Antonello, i pantaloncini, il cappellino, in più aveva anche organizzato un pranzo con la squadra. L’indomani incontro la famiglia e il bellissimo Antonello, lui non sa nulla, pensa che io sia lì per un colloquio di lavoro del papà. E invece... andiamo da Massimo, che gli dona la divisa. Antonello non ci crede “No, non è possibile! È il mio sogno!”. In realtà crede di essere preso in giro. “Papà, i sogni non si realizzano, la vita è crudele” aveva detto qualche giorno prima... Poco dopo Antonello entra in campo e mi pare impossibile che questo bimbo pieno di energie possa essere stato in isolamento per due anni. Inizia la partita e l’unico suono che sentiamo è il richiamo da parte di tutti “Anto! Anto! Passa!”. Lui corre, gioca. La mamma si preoccupa che non si stanchi troppo, ma Antonello non la ascolta. Carinissimi, i giocatori si inventano di fare un po’ di stretching per farlo riposare. An-

che il Mister gli dà dei consigli ed è l’unica persona che Antonello sta a sentire. La mattinata passa velocissima, arriva l’ora del pranzo. Un giocatore prende Antonello per mano e, in attesa che sia pronto, rimane con lui a vedere i cartoni animati. Antonello è entusiasta, continua a ripetere che ha fatto un goal a un portiere vero! Siamo tutti ospiti a pranzo e io mi sento davvero a casa. Antonello non mangia con noi ma ha un posto tutto suo tra i giocatori. Alla fine non vuole più staccarsi da loro, allora il Mister gli permette di partecipare alla riunione alla quale i giocatori devono presenziare. “È un giocatore anche lui oggi”, dice. E poi arriva il momento dei saluti, degli abbracci. Antonello è ancora emozionato. Io trattengo le lacrime, perché sono adulta, ma da oggi, ho deciso, che tiferò per il Sassuolo!

“Vorrei fare una vacanza a Disneyland Paris”

Il magico mondo di Disneyland Paris è sempre tra i desideri più richiesti dai nostri bambini. Lì, i bambini, insieme a tutta la famiglia, fratellini compresi, staccano veramente la spina dalla quotidianità e dimenticano di essere ammalati. Lì, loro vivono delle emozioni forti ed uniche. E tutto questo è possibile grazie alla storica collaborazione tra Make-A-Wish e Disney, che ci assiste offrendoci di tutto e di più, per rendere indimenticabile la vacanza di questi bimbi. Desideriamo rinnovare il nostro grazie a Disney e, questa volta, lo facciamo pubblicando la mail della mamma di Isabella, che ci scrive così: “Cara Agnese, grazie di cuore. Queste sono le prime parole che mi vengono in mente per esprimerti la mia gratitudine. Quello che tutti voi di Make-A-

Wish fate per questi bambini, va oltre l’aspetto materiale, perché il vedere realizzato un desiderio a lungo sognato, ridona loro quella fiducia nella vita e nelle persone, che la malattia, con il suo carico di sofferenza e di dolore, cerca di annientare. Disneyland Paris per Isabella e per noi è stato un nuovo inizio alla vita, dove questi due anni di sofferenza sembravano solo un brutto sogno. Ci siamo immersi completamente nel mondo meraviglioso delle favole, dove le mie due bambine ci hanno fatto correre come pazzi, perché le cose da vedere e da fare erano davvero tante, pensa che una sera ci siamo perfino dimenticati di cenare. Vorrei dirti tante cose, ma le foto che ti ho inviato dicono più di tante parole. Ho voluto raccontare questa nostra esperienza a tutti i nostri amici e parenti e li ho invitati a diventare “Amici di Make-A-Wish”. Un abbraccio grande da Angela, mamma di Isabella.”


Le quattro tipologie dei desideri

Rosario

“Vorrei incontrare Alessandro Borghese” La nostra volontaria Gaia C. racconta Cosa c’è di più emozionante per un simpatico adolescente siciliano con la passione per la cucina, se non trascorrere un lun-

dove tutto era pronto per una lezione. Rosario, sorridente e concentrato sul menù, di certo non si aspettava che di lì a poco sarebbe comparso di fronte a lui, il grande chef Alessandro Borghese. I suoi occhi hanno parlato da soli, in quel momento abbiamo visto la gioia nel suo sguardo. Rosario con il grembiule speciale, regalatogli da Alessandro, ha subito recepito i trucchi: le tecniche segrete per sfilettare il pesce, per preparare la pasta all’uovo, ed altro ancora. Tra i due, l’intesa era perfetta! Un pizzico di sale, pepe ed ecco che il gustossimo menù di Rosario e Alessandro è finalmente

go pomeriggio in compagnia del mitico chef Alessandro Borghese? Rosario è ancora molto giovane, ma è già un cuoco provetto. La sua passione per la cucina ci aveva sorpresi fin da subito, ma poi quando ci ha parlato di cannoli siciliani, arancini al ragù, cheesecake ed altro ancora... ci ha letteralmente fatto venire l’acquolina in bocca! Il desiderio di Rosario è iniziato al mattino, a Pavia, con la visita alla scuola di cucina “Casa Pesci” di Pavia,

pronto: carpaccio con pomodorini, pelle di baccalà croccante e salsa alla barbabietola, e poi... fettuccine all’uovo con Piccadilly baccalà e basilico. Il pranzo è servito, la mamma di Rosario ci sorride. Alessandro Borghese è entusiasta, ha regalato a Rosario, non solo un’esperienza unica e speciale, ma anche delle emozioni che difficilmente il nostro piccolo grande Chef potrà dimenticare.

Eleonora

“Vorrei avere la casa dei sogni di Barbie” La nostre volontarie Rosalia e Marcella raccontano

Sabato scorso finalmente è arrivato il gran giorno, Antonella, la mamma di Eleonora, era in grande trepidazione e ci ha confidato che, in questi giorni, mentre aspettano i risultati della tac, la realizzazione del desiderio della loro Eleonora ha ridato un po’ di spensieratezza all’intera famiglia. A casa di Eleonora è un giorno di festa, c’è lo striscione di “Superelicocò”, ci sono palloncini di Make-A-Wish, c’è una bella tavola imbandita, e poi gli animatori hanno sistemato il laboratorio per i vestiti di Barbie ed il computer per la musica, Maria si è travestita da Barbie Principessa e c’erano anche tantissimi invitati.

Tutto era pronto per l’arrivo di Eleonora. Tutti eravamo nascosti e, quando siamo comparsi, la nostra Ele è scoppiata in un pianto di emozione. Ma poi, nella tranquillità della sua stanzetta, Eleonora ci ha dato un regalo, due deliziose magliettine per Alba, la bimba che Marcella partorirà fra meno di un mese. È stato un momento veramente toccante! Ecco che squilla un cellulare e, per magia, dall’altro capo del telefono c’era Barbie che voleva parlare con Eleonora, le ha detto che l’avrebbe trovata in giardino ad attenderla con delle sorprese. Lì Ele ha ricevuto tanti regali, bellissimi giocattoli. Tutti generosamente donati da Mattel, che ha contribuito in modo grandioso alla riuscita del desiderio di Eleonora. Poi Barbie le ha consegnato un anello a cuore fucsia e le ha detto di esprimere il suo desiderio, in quel momento, con l’ausilio di Gianluca, uno degli animatori, ho portato ad Eleonora la sua nuova “Superelicocò”. Gli occhi della nostra piccola amica brillavano come polvere di stelle alla vista della maestosa casa dei sogni di Barbie... desiderio esaudito!!! La festa è andata avanti in grandissima allegria, giochi, quiz, balli, risate ed infine una mega torta. Una giornata indimenticabile, che ha ridato a Eleonora, ma anche a tutti noi, tantissimo coraggio.

7


SPERARE, LOTTARE, SORRIDERE, GIOIRE, SOGNARE, CREDERE, RINASCERE, VIVERE...

La felicità non è alla fine della strada, la felicità è la strada. Amici, sostenitori, sponsor, volontari, staff, consiglieri, tutte le persone che incontriamo nel nostro cammino e che si entusiasmano per ciò che facciamo.. siete voi che rendete possibile il lavoro di Make-A-Wish® Italia! È per questo che, anche se sembriamo un po’ ripetitivi, non smetteremo mai di dirvi GRAZIE! Una sola parola, semplice ma non banale, perché ve la diciamo dal profondo del nostro cuore. Incontrare Make-A-Wish per un bambino gravemente malato è qualcosa che può cambiargli la vita.

Instancabile, Antonio alla batteria non voleva più smettere di suonare e alle undici di sera eravamo ancora tutti lì a ballare.

GRAZIE

a tutti voi che avete scelto di dargli questa possibilità!

Antonio, 9 anni

Capelli corti, viso lineare, grande espressività. Francesca diventa una vera modella, circondata, per il trucco, lo styling, le foto, dai migliori professionisti della moda milanese. E il risultato si vede! Francesca, 17 anni

Largo, fate spazio, sta arrivando lo sceriffo Tommy, il cowboy del Far West”... espertissimo con il lazo, a caccia del bestiame. Tommaso, 5 anni

Al castello in calesse! Dame, cortigiani, e gli abitanti di Cittadella aspettano la nostra principessina Erika, con tantissime sorprese. Erika, 8 anni


NEL 2013 160 BAMBINI HANNO SPERIMENTATO TUTTO CIÒ CON MAKE-A-WISH®

Sole, cielo azzurro, una distesa bianca infinita, uno chalet super accogliente e la dedizione di tutto lo staff del Park Chalet Village di Livigno. Con Make-A-Wish Adriana ha imparato a sciare. Adriana, 6 anni e mezzo

“Nuotare con i delfini … mai mi aspettavo che potesse accadere veramente.” E invece con Make-A-Wish tutto è possibile, anche per Giulia, costretta a vivere su una seggiola a rotelle. Giulia, 10 anni

“E poi è arrivato il fatidico 4 aprile 2013: sono partito per il Grand Canyon con mia mamma, ero euforico, in quel periodo avevo avuto un peggioramento della vista, ma da quando sapevo che potevo partire, mi sembrava persino di vedere meglio, non ero più stanco e persino i miei soliti mal di testa sembrava mi avessero abbandonato… Era tutto fantastico indescrivibile un’emozione senza uguali…” Marco, 14 anni

Al comando della gigantesca nave da crociera Royal Caribbean, con tanto di piscina, negozi e ristoranti. In mezzo al mare, lontano da tutto e da tutti, Marco finalmente riprende a sorridere! Marco, 12 anni

“Sulla cima del più grande grattacielo di New York, certo non pensavo di arrivarci con la mia carrozzina.” E invece sì, Sara ci è proprio arrivata e la vacanza negli USA resterà un ricordo indelebile per lei. Sara, 17 anni

“Con questa foto vi racconto la mia vacanza in Egitto. Ogni giorno un’emozione diversa, non vi dico cosa si prova a salire sulla gobba del cammello in mezzo ad una spiaggia incantata …” Sofia, 4 anni


SPERARE, LOTTARE, SORRIDERE, GIOIRE, SOGNARE, CREDERE, RINASCERE, VIVERE...

Il viso raggiante di Vittorio, la sua gioia infinita, il suo entusiasmo contagioso hanno fatto emozionare tutti noi, che lo guardavamo sul suo nuovissimo gommone. Vittorio, 12 anni

“Evvai!!! Che avventura incontrare i dinosauri e scoprire al posto delle uova due pacchetti con i giochi che desideravo tanto” Gelson, 10 anni

Silenzio, concentrazione… Mattia ora è pronto con la sua nuova batteria e il suo concerto sta per iniziare. Mattia, 5 anni

Non è riuscita a trattenere le lacrime di gioia e commozione, la dolce Lisa, quando, durante una giornata di shopping al Castel Romano Designer Outlet, le è stato consegnato a sorpresa il suo cucciolo Ax. Lisa, 17 anni

“Passeggiando in bicicletta accanto a te…” Finalmente Jacopo e la sua mamma si godono qualche momento insieme di grandissimo relax. Jacopo, 16 anni

Talvolta basta un sorriso per capire quanta felicità si prova quando un desiderio si realizza. E quello di Klajdi è un sorriso davvero speciale! Klajdi, 12 anni

In cima alla montagna, in una giornata ricca di sorprese, quando nell’accogliente baita all’Alpe di Giumello è arrivata la sorpresa più grande: il nuovo iPad che Milena desiderava così tanto. Milena, 7 anni

In pista con la sua nuova macchinina, Giuseppe ci regala un dolcissimo sorriso e la sua gioia è davvero contagiosa! Giuseppe, 3 anni


NEL 2013 160 BAMBINI HANNO SPERIMENTATO TUTTO CIÒ CON MAKE-A-WISH®

Un incontro unico quello con Leonardo Pieraccioni, che ha dedicato ad Ale un pomeriggio intero a casa sua. I due hanno chiacchierato a lungo e chissà quanti segreti si saranno raccontati. Alessandro, 13 anni

Alice il suo desiderio lo sognava da tempo, ma l’incontro con Babbo Natale in persona nel magico mondo di Rovaniemi l’ha lasciata letteralmente senza parole. Alice, 7 anni

Tanta tenerezza e una grande passione per la piccolissima Alice, che non vedeva l’ora di conoscere il suo Valentino Rossi. Alice, 4 anni

“Evviva evviva! Non ci posso credere sono proprio io quello con Zanetti!” L’entusiasmo di Shkelqim non ha bisogno di altre parole. Shkelqim, 9 anni

“Non sapevo cosa diventare e sono diventata felice”, questa è la frase pubblicata da Gaia sulla sua copertina di Facebook, dopo il dolcissimo incontro con Papa Francesco, che per sempre resterà nel suo cuore. Gaia, 16 anni

Lo stadio gremito, la partita sta per iniziare. Sara scende in campo con i giocatori della Juve, dando la mano al suo amatissimo Giovinco. Sara, 7 anni

La pallacanestro è la più grande passione di Giuseppe. Conoscere i Denver Nuggets, assistere al loro allenamento a Denver e chiacchierare con il campione Danilo Gallinari, è stato incredibile! Giuseppe Gaetano, 18 anni


12

Eventi e news

2012 / 2013 Le iniziative a favore dei bambini ® di Make-A-Wish Italia Grazie di cuore a chi ci sostiene e ci aiuta a crescere! Milano, Dicembre 2012 / Maggio 2013

BROOKS BROTHERS Da oramai due anni la prestigiosa firma americana ci sostiene con azioni promozionali nel suo flagship store di Milano. In occasione del Natale, la vendita degli orsetti Brooks e Brooksie, in primavera, la vendita delle nuove polo delle Collezioni Uomo, Donna e Bambino, con il 10% del ricavato per la nostra associazione.

Milano, Dicembre 2012 In occasione della sua festa di Natale, Hackett London, in Via Manzoni, realizza calzettoni speciali ricchi di doni e il ricavato delle vendite va interamente a Make-A-Wish Italia.

Milano, Dicembre 2012

IL LIBRO “PAURA DI VOLARE” A PALAZZO SERBELLONI La presentazione del libro nel Salone Napoleonico, gremito di ospiti, che hanno ascoltato in silenzio la lettura di Corrado Tedeschi intervallata dai commenti dell’autore, Davide Dellepiane.

Milano, Gennaio 2013

10 Novembre / 9 Dicembre 2012

QVC

MCARTHUR GLEN A NATALE REGALA UN SORRISO In ognuno dei cinque outlet italiani, Serravalle Scrivia, Barberino di Mugello, Noventa del Piave, Castel Romano e Marcianise, le firme più prestigiose hanno messo in vendita un capo o un oggetto a nostro favore. Il giorno dell’inaugurazione eravamo lì, con i nostri bambini per presentare l’associazione e accendere tutti insieme il grande Albero di Natale. In più ogni pacchetto natalizio, realizzato dai nostri volontari, ci ha permesso di raccogliere ulteriori donazioni. Una gran festa, un’iniziativa che è durata un intero mese e ci ha consentito di raccogliere più di trentacinquemila euro.

Genova, Dicembre 2012 Al Teatro della Gioventù lo spettacolo “Rumori fuori Scena”, organizzato da Manageritalia Genova a favore di Make-A-Wish. Grande la partecipazione, più di 200 persone, ottimo il ricavato, che ha superato i quattromila euro.

Roma, Dicembre 2012

TEATRO DELLE MUSE La compagnia TREsSENZAIMPEGNO mette in scena la commedia divertente e mai banale “Meglio Zitelle” e il ricavato va tutto alla nostra associazione.

Genova, Dicembre 2012

HARLEY DAVIDSON GENOVA CHAPTER Organizza l’annuale vendita di calendari e ci aiuta a realizzare il desiderio di Antonio, un bambino di 9 anni che sognava di essere batterista rock durante un concerto.

Il canale di televendite ha organizzato un mercatino aziendale tutto per noi. Con il ricavato di settemilaseicento euro Adelwin, Asia e Giulia hanno realizzato il loro grande sogno.

Firenze, Gennaio 2013 Milano, Febbraio 2013 Una importante donazione per i nostri bambini in occasione dell’inaugurazione di Sisal Wincity di Firenze. A Milano, Fabio e Sune Frontani, fondatori di Make-A-Wish Italia, ospiti alla Terrazza Martini per festeggiare il 15º compleanno del Super Enalotto, con Cristina e Benedetta Parodi, madrine della serata. Cinque torte di cinque prestigiosi chef hanno ricordato le cinque vincite più importanti della storia del Super Enalotto. In occasione della serata, un assegno di diecimila euro è stato donato alla nostra Associazione.

Rimini, 18/25 Agosto 2013

CORNER MAKE-A-WISH ITALIA ALLO STAND SISAL “SUPERENALOTTO” Un mega spazio di 250 mq al Meeting di Rimini, creato appositamente da Sisal per intrattenere i bambini con giochi, foto buffe, disegni, spettacoli e tanti altri divertimenti. Anche noi vi abbiamo preso parte con uno spazio dedicato alla nostra Associazione; dove abbiamo potuto farci conoscere, rivolgendoci non solo a un pubblico adulto, ma anche ai più piccini, grazie allo spettacolo di magia organizzato dal brillante Mago Pancione, che ha saputo raccontare con simpatia l’attività di Make-A-Wish. Momenti di relax, tanto divertimento e una piacevole occasione per aumentare la visibilità del nostro brand.


Eventi & News Genova, Febbraio 2013

Luglio 2013

BALLO IN MASCHERA DELL’INNER WHEEL GENOVA SUD OVEST

EATON ITALIA E UNA GARA DI BICI PER BENEFICIENZA

Musica, balli, spettacolo, divertimento e tantissimi colpi di scena a Palazzo Imperiale, tutto organizzato interamente a favore dei bambini di Make-A-Wish Italia.

Su ispirazione della gara “Wish-A-Mile” a favore di Make-A-Wish® Michigan, Eaton organizza anche in Italia la manifestazione analoga - 160 chilometri da Bosconero a Stresa in bicicletta - devolvendo il ricavato a favore dei bambini di Make-A-Wish Italia.

Marzo 2013

GRANDE SUCCESSO PER LA NUOVA CAMPAGNA PROMOZIONALE NEI DISNEY STORE A FAVORE DI MAKE-A-WISH® ITALIA Il peluche Simba in vendita nei negozi Disney Store, con il 15% del ricavato a Make-A-Wish Italia. Una considerevole somma - più di tredicimila euro - che ci permetterà di realizzare tanti nuovi desideri per i nostri bambini. Un ringraziamento speciale a Disney e Disney Store per il loro storico supporto alla nostra Associazione.

Santa Margherita Ligure, Ottobre 2013

3ª EDIZIONE DI MAREMONTEBIKE “RICORDANDO ROBBY”

Rapallo, 20 Aprile 2013

PKB PRIVATE BANK PER IL “MAKE-A-WISH GOLF TROPHY” Appuntamento tradizionale oramai giunto all’ottava edizione. Una giornata per celebrare il World Wish Day con tantissimi partecipanti. Ancora una volta la PKB Private Bank ha organizzato alla perfezione il Make-A-Wish Golf Trophy, nella bellissima cornice del Circolo Golf e Tennis Rapallo.

Milano, Maggio 2013

GE CAPITAL E LE MINI OLYMPICS Per la seconda volta, questo importante evento sportivo aziendale, organizzato in occasione del HealthAhead Day, viene dedicato a Make-AWish Italia. Grazie alla raccolta fondi, Chiara - una bimba di otto anni colpita da osteosarcoma - parte con la sua famiglia per Disneyland Paris.

Jesolo, 12 Maggio 2013

SEA LIFE FESTEGGIA LE MAMME ... e devolve alla nostra associazione due euro per ogni biglietto di entrata.

Roma, Giugno 2013

LA BANDA DELLA POLIZIA DI STATO & L’ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSIKÉ Grande successo per il concerto di beneficienza all’Auditorium Seraphicum. Direttore d’orchestra Roberto Granata, presentatrice Paola Saluzzi e ospite d’eccezione Gina Lollobrigida. Tutto il ricavato va a Make-A-Wish Italia.

27 km in bicicletta nel Parco Naturale Regionale di Portofino. Tutto organizzato da G.S. AVIS MTB e PORTOFINO BIKE, in collaborazione con il Comune di Santa Margherita e l’Associazione Lo Scoglio di Sant’Erasmo. Le iscrizioni sono andate interamente a Make-A-Wish Italia, incluse le offerte ricevute per il gran pranzo finale. In totale sono stati raccolti millenovecento euro che ci permetteranno di regalare a Dario, la sua tanto desiderata bici elettrica.

Milano, Ottobre 2013

LA CARL ZEISS A FAVORE DEI BAMBINI DI MAKE-A-WISH® ITALIA Su iniziativa di due genitori, i cui bambini hanno realizzato il loro sogno con Make-A-Wish Italia, Carl Zeiss Italia, ha deciso di supportare la nostra Associazione. Ha riunito intorno al tavolo manager, sindacati e dipendenti e ha proposto loro un’idea: l’azienda avrebbe donato a tutti i dipendenti un premio di produzione, chiedendo di devolvere il 10% a Make-A-Wish Italia.

Milano, 21 Novembre 2013

IL “BONSOIR MADAME” DI AZIMUT DEDICATO A MAKE-A-WISH® ITALIA Nella giornata che Azimut ha scelto di intitolare alle donne, l’azienda ha organizzato eventi, tavole rotonde, conferenze e intrattenimenti tutti al femminile. E nella sede milanese un “evento nell’evento” a favore dei nostri bambini: in concomitanza con la tavola rotonda sono state esposte le opere gentilmente donate da artisti del calibro di Federico Romero Bayter, Roberto Ciaccio, Amalia Del Ponte, Riccardo Gusmaroli, Alfredo Rapetti Mogol, Claudio Onorato, Paola Pezzi e Giancarlo Sangregorio, Paolo Scirpa. Il ricavato della vendita è stato interamente devoluto alla nostra Associazione. In più, è stato possibile acquistare, sempre a favore di Make-A-Wish Italia, anche 100 serigrafie numerate e create ad hoc dall’artista Luca De Leva sul tema dei “Sogni”.

13


14

Intervista

SEMBRAVA

IMPOSSIBILE E INVECE...

UNA NEW ENTRY TRA I GOLD SPONSOR a cura di Emanuele Elli

Una condivisione cresciuta poco a poco e saldamente ancorata a valori comuni. Così, in poco più di un anno, Sony in Italia è diventata tra i più importanti partner dell’Associazione, ospitando desideri e iniziative di raccolta fondi. Perché è guardando ai più piccoli che si trova la forza per trasformare la fantasia in realtà Rendere reale ciò che esiste solo nell’immaginazione è da sempre la missione di Sony e già questo renderebbe l’azienda giapponese di tecnologia parente stretta di Make-A-Wish. Se poi il suo massimo dirigente per l’Italia ha un cognome, Fairest, che sembra tanto somigliare alla parola Fairies, “fatine” (come amano definirsi tante volontarie di Make-A-Wish), il connubio è quasi perfetto. E infatti da circa un anno Sony Italia compare, nel modo discreto che è proprio dei grandi, accanto alla nostra Associazione in numerose iniziative, partner tra i più importanti in termini di sponsorizzazione ma anche compagno quotidiano nell’adozione e nella realizzazione di singoli desideri. Un impegno nato da alcuni dirigenti dell’azienda e subito sposato dall’Amministratore Delegato, Richard Fairest.

Regalare emozioni, rendere reale ciò che magari è solo immaginato, guardare con fiducia al futuro, molti valori avvicinano Sony a Make-A-Wish e lasciano sperare in un lungo percorso insieme... Sì, anche se non possiamo paragonare una missione all’altra, però certo la componente emotiva è molto forte. Io credo dipenda dal fatto perché l’origine è la stessa: la grande sensibilità e attenzione per i più giovani. Sony l’ha avuta da sempre, fin dall’inizio della nostra storia, con lo sviluppo di prodotti e servizi fortemente orientati ai giovani, come il walkman, le cuffie, la playstation... Un elemento che è parte del nostro DNA per cui la nostra mission è, da sempre, intrattenere e ispirare attraverso prodotti e servizi in grado di creare sempre nuovi stili di vita, regalando emozioni. Da qui entrambi troviamo la forza per raggiungere un obiettivo comune, che è trasformare i desideri in realtà.

Mr Fairest, lei è stato per molti anni nei paesi del Centro e del Sud America. Aveva già conosciuto lì Make-A-Wish o è stata una sorpresa tutta italiana? Sapevo che cos’era l’Associazione, più che altro per averla vista promossa negli Stati Uniti e in Canada, ma l’ho conosciuta davvero solo arrivato in Italia. Che cosa l’ha colpita inizialmente di Make-A-Wish? All’inizio sono stato incoraggiato a capirne di più per una questione di corporate social responsibility. Un Richard Fairest nome difficile, per addetti ai lavori, ma che riassume, in sostanza, il principio secondo cui una multinazionale deve avere sempre un certo livello di gratitudine verso la comunità dei Paesi nei quali opera. In più, dal primo momento nel quale ho messo piede in Italia, Cristina (Papis, responsabile Corporate Communications & Public Relation per Sony, ndr) mi ha parlato molto dell’Associazione. Così abbiamo deciso di invitare Make-A-Wish in azienda per conoscere le persone che la guidano e sapere tutto della missione. Che cosa ricorda di quell’incontro? Il discorso di Fabio Frontani è stato molto emozionante. Insieme molto professionale e molto toccante. E ci ha davvero incoraggiato a sostenere Make-A-Wish, sapendo che i nostri sforzi non sarebbero stati sprecati. Negli ultimi 18 mesi abbiamo sostenuto l’organizzazione in diversi modi e ora abbiamo anche formalizzato una partnership. Qualche settimana fa ha avuto l’occasione anche di consegnare personalmente un computer a un ragazzo di Make-A-Wish, Artur, Cristina Papis con Artur che ha voluto incontrarvi in azienda. Che emozioni le restano di quel momento? Ricordo un bel ragazzo, un giovane alle soglie della vita. E ricordo anche sua madre, una donna con molta forza. Ero sorpreso per la sua capacità di trovare forza e incoraggiamento attorno a sé, una cosa che mi ha emozionato e mi ha reso felice per aver potuto dare un piccolo contributo. Ci sono state altre occasioni in cui è stato consegnato un regalo da parte di Sony, l’ultimo una Playstation a un bambino di 5 anni, ma non sono riuscito a partecipare. Tra poco ci sarà però il mercatino aziendale di Natale, il cui ricavato, come lo scorso anno, sarà interamente devoluto a Make-A-Wish, e spero di poter dare il mio contributo in quella circostanza.

Asia, 5 anni, riceve il suo Tap20

Richard Fairest con Artur, 17 anni, la mamma e le volontarie Make-A-Wish


Come aiutarci “Curando la malattia si può fallire, ma se si cura il malato si vince sempre” Patch Adams

®

Tanti modi per aiutare Make-A-Wish Italia, puoi scegliere il tuo PER LE AZIENDE:

PER I PRIVATI:

Per i privati:

• Diventa sponsor di Make-A-Wish Italia®

• Adotta un desiderio:

• Diventa “Amico di Make-A-Wish”,

- con una donazione (sponsor finanziario) - mettendo a nostra disposizione i prodotti/servizi della tua azienda (sponsor tecnico)

• Affianca il tuo brand al nostro, con azioni di co-marketing

• Acquista i nostri biglietti di auguri e i gadget natalizi, personalizzandoli con il logo della tua azienda

chiedici la lista dei desideri in attesa e comunicaci quale desiderio vuoi adottare. Potrai fare un’adozione intera o anche parziale e, a desiderio esaudito, riceverai le foto e la relazione del “tuo wish”.

chiedendoci la tesserina blu, con un contributo a partire da 30 euro.

• Condividi un giorno speciale della tua vita con un bimbo di Make-A-Wish - Festeggi un anniversario o un compleanno? Chiedi ai tuoi invitati di fare una donazione a Make-A-Wish, al posto dei regali. Insieme farete felici tantissimi bambini - Sul sito www.makeawish.it potrai acquistare le nostre bomboniere solidali, in occasione di Battesimi, Comunioni, Cresime o Matrimoni.

• Diventa volontario, entra a far parte della nostra squadra: compila e inviaci il questionario che trovi sul nostro sito http://www.makeawish.it/aiutarci-volontario.php

• Donaci il tuo 5x1000, inserendo il nostro codice fiscale 95090980103 nel modulo CUD 730 o Unico.

• Acquista uno dei nostri pensieri natalizi, li trovi sul sito http://www.makeawish.it/natale_2013_index.html

• Ricorda una persona a te cara Un bambino gravemente ammalato che sorride, la sua gioia immensa quando il suo più grande desiderio si realizza … potete scegliere di ricordare così una persona a voi cara, facendo una donazione a Make-A-Wish Italia Onlus. Una scelta coraggiosa, quella di poter pensare ad un caro attraverso la gioia di un bimbo. Una scelta importante, perché anche una donazione piccola può fare la differenza.

• Scegliere Make-A-Wish come beneficiaria nel proprio testamento. Perché? Immaginate di veder sorridere un bambino gravemente ammalato, immaginate la sua gioia immensa quando vedrà il suo più grande desiderio che si realizza. E poi… immaginate di poter lasciare questa gioia a tanti altri bambini! Una scelta consapevole, un’eredità importante, che aiuterà i bimbi colpiti da malattie gravi a ritrovare coraggio, speranza e forza di lottare.

Come fare una donazione • Direttamente online dal nostro sito con la carta di credito tramite un sistema protetto o tramite la tua banca

• Bonifico Bancario sul nostro Conto Corrente: codice Iban: IT 60 G 03332 0 1400 000000940876 presso la Banca Passadore, Sede di Genova

• Con un versamento sul Conto Corrente Postale numero 83296665 intestato a Make-A-Wish Italia Onlus

• Con un Assegno non trasferibile intestato a Make-A-Wish Italia Onlus A fronte della donazione riceverai una ricevuta per dedurre l’offerta dalle tasse a norma di legge.

Se vuoi saperne di più non esitare a contattarci: tel. 010 86 81 336 - info@makeawish.it

15


News 2014  
News 2014  
Advertisement