Page 1

Anno VII n. 18 - gennaio-aprile 2012 - Poste Italiane spa - Spedizione in abbonamento postale DL 353/2003 (convertito in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, Savona n. 14/2010

I PROFESSIONISTI

VIA COL CAMPER N. 18


“Mari o… Monti”, partiremo comunque con i nostri camper

I

l governo tecnico di Mario Monti sta attuando il suo programma. “Lacrime e sangue!”, aveva pronosticato la stampa e in effetti si stanno versando le lacrime di chi era abituato a ridere di un certo sistema e il sangue di chi invece per il troppo benessere ne aveva accumulato molto. Un sistema che certamente non poteva reggere su cui prima o poi qualcuno doveva intervenire. Ma come sempre accade nelle grandi battaglie, i cosiddetti “danni collaterali” non si sono fatti attendere, colpendo soprattutto gli onesti e corretti cittadini (rappresentati dalla stragrande maggioranza), che ingiustamente sono costretti a pagare errori commessi da altri. E in questo nuovo clima cambiare o acquistare un nuovo camper può suscitare perplessità, alimentata non ultimo dall’accresciuto costo dei carburanti che nient’altro è che una smisurata tassa.

Fortunatamente il popolo dei camperisti conosce perfettamente la flessibilità e l’adattabilità’ dei propri mezzi. E così, se le finanze al momento non lo permettono, il caro vecchio camper pur con qualche decennio sulle ruote, farà comunque la sua parte anche in termini di consumi, portandoci magari a pochi chilometri da casa. Infatti, il nostro camper soddisferà come sempre la voglia di libertà e la scelta di vita all’aria aperta fatta di cose semplici e genuine, insieme con quel pizzico di scoperta e di avventura che noi camperisti abbiamo sempre apprezzato. Insomma “Mari o… Monti”, “Città o… Campagna”, anche restando vicini a casa nostra, il viaggio in camper può continuare! Amedeo Zaccari


22

Anno VII n° 18 - gennaio-aprile 2012

Sommario

34 Editoriale

5

Notizie Parliamo di...

8

News:

40 46

Zaccari Caravan

12

Centro Caravan Costantini

14

Tecno Caravan

16

Area Camper

18

Nuova Riviera

20

Dove andare

52

Sulle nevi della Val di Fassa

22

Il mio Marocco

34

Il commissario Montalbano e la sua Sicilia

40

Museo dell’Aeronautica Militare a Vigna di Valle

46

I Musei Vaticani

52

in copertina: Il Sassolungo Val di Fassa (TN) Fotografia di Franco Salussolia

Registrato al Tribunale Civile di Civitavecchia al n° 3/06 del 16/02/2006 Chiuso in redazione: 18 febbraio 2012

Via col Camper è un periodico quadrimestrale a diffusione gratuita della Marco Sabatelli Editore srl Via Servettaz, 39 17100 Savona

6

Finito di stampare: marzo 2012 Direttore Editoriale Franco Salussolia Direttore Responsabile Alfonso Zaccari

Redazione: Claudio Clementini, Vittorio Costantini, Vittorio Frattini, Giampiero Latini, Amedeo Zaccari

info-redazione: viacolcamper@alice.it


A Terracina

56

L’insolito spettacolo di Roma sotto la neve

60

62

Tema libero Astri & Camper

62

Un po’ di relax

65

Un pizzico di sole

66

68

Informazioni tecniche Freddo, pioggia, neve, ma... il camper va

68

Elogio della razionalità

70

Voglia di nuovo Focus

74

Vetrina

84

70

Usato valore certo Zaccari Caravan

90

Centro Caravan Costantini

92

Tecno Caravan

94

Nuova Riviera

96

98

Via col camper in cucina Le ricette

Hanno collaborato: Lorenzo Bergese, Patrizia Corsale, Giacomo De Paolis, Adalgisa Felli, Fabio Frattini, Gabriella Maggi, Stefano Maida, Rossella Musotti, Luisa Petri, Massimo Salussolia, Ugo Sarzola, Cesare Testa

Progetto Grafico e Impaginazione: CorEditor by Patrizia Corsale patrizia.corsale@alice.it

98

Stampato presso lo Stabilimento Marco Sabatelli Editore S.r.l. in Savona

Pubblicità: Stefano Maida 392.6151.087 stefano.maida@fastwebnet.it

Sede Redazione: c/o Zaccari Caravan Via Pontina 339 - 00128 ROMA Tel. 06.5087933

Pubblicità: iProfessionisti, 2a, 4a e 3 - NCA, 3ª Sabatelli Ed., 4 e 89 Zaccari Caravan, 13 e 44 C.C.Costantini, 15 Area Camper, 19 Nuova Riviera, 21 Carthago, 25 Mobilvetta, 27 Arca, 29 Laika, 32 e 33 Elnagh, 39 Rimor, 49 e 93 McLouis, 55 - Giotti, 57 e 97 Roller Team, 59 - Caravelair, 73 PLA, 91 - Tecno Caravan, 95

7


parliamo di… Da Confcommercio Imprese per l’Italia “on line” riceviamo e pubblichiamo:

Nasce Assocamp Lazio

A

ssocamp Lazio, sezione regionale dell’Associazione Nazionale degli Operatori veicoli ricreazionali e articoli da campeggi, è stata costituita nel corso di un’assemblea tenutasi nella sede nazionale di Confcommercio Imprese per l’Italia, con la partecipazione del Segretario Generale Vincenzo Siennica, in rappresentanza del Presidente Vittorio Dall’Aglio. Giampiero Latini di Roma (Area Camper) e Fabrizio Polletti di Rieti (Ippocamper) sono stati eletti rispettivamente presidente e vice-

presidente. Nel ringraziare Assocamp e Confcommercio per il sostegno profuso nel rilancio del comparto, il neo presidente Latini ha dichiarato che punterà ad un forte sviluppo dell’associazionismo sul territorio, ad un efficace supporto agli operatori e ad una decisa interlocuzione con le istituzioni locali per la tutela delle imprese del settore.

Outdoors Experience 2012 Salone del Turismo all’Aria Aperta e del Camper Fiera di Roma dal 23 al 26 febbraio 2012

I

n contemporanea alla rassegna Big Blue – Salone della Nautica e del Mare, si sono aperte le porte della grande area espositiva della nuova Fiera di Roma all’Outdoors Experience – Salone del Turismo all’Aria Aperta e del Camper, cui hanno partecipato numerose case produttrici di veicoli e accessori vari per la vacanza plein air, come

8

camper, caravan e tende, e concessionari insieme con una mostra della nautica e del mare. Alla sua seconda edizione, l’appuntamento romano ha registrato un notevole interesse e una folta partecipazione di visitatori in tutti i settori presentati, in particolare la produzione 2012 dei nuovi camper. (fsalus)

Dal presidente della Confedercampeggio dott. Gianni Picilli riceviamo e con piacere pubblichiamo:

Il turismo all’aria aperta compie 80 anni

N

el 1932 nasce a Torino il primo club di campeggiatori, ricorre infatti quest’anno l’80° anniversario della nascita del turismo all’aria aperta in Italia. La data esatta della nascita è il 13 aprile 1932 quando a Torino fu fondato il primo club di campeggiatori che si chiamò Autocampeggio Club Piemonte, l’A.C.C.P. divenuto poi nel 1940 ACTI con sede prima a Roma e poi a Torino. L’iniziativa è del fondatore, Luigi Bergera, che fu anche tra gli artefici, nell’anno 1933, della costituzione de “The International Federation of Camping Clubs” (IFCC) e, nel 1950, della Federazione Italiana del Campeggio, oggi Confedercampeggio. Confedercampeggio invita gli organi di stampa, le associazioni di categoria, i sindacati dei gestori dei campeggi, i costruttori ed i concessionari di vendita a ricordare l’anniversario, insieme all’evoluzione del turismo campeggistico in Italia ed al positivo apporto economico che questo dà allo sviluppo del turismo in Italia. In proposito, Confedercampeggio ha allo studio una serie di manifestazioni ed è in stampa un opuscolo. (ANSA)


parliamo di… Le gomme termiche Per una migliore aderenza sul manto stradale nel periodo invernale

G

uidare il camper su strada innevata non è certamente un’esperienza piacevole. Pesi e ingombri poi ce la mettono tutta per rendere la guida più difficile quando il manto stradale è ricoperto di brina, ghiaccio o neve. In queste condizioni, la stabilità del nostro camper può essere senz’altro precaria e, come primo intervento di difesa, anzitutto dobbiamo limitare la velocità del mezzo. Nel raggiungere località montane per una vacanza invernale o in un viaggio in condizioni di bassa temperatura, incontreremo con facilità queste situazioni, con l’obbligo, previsto dal codice della strada, di avere a bordo catene o gomme per la neve montate.

Strutturalmente hanno un’alta percentuale di silice e la maggiore aderenza è garantita dai tasselli del battistrada forniti di particolari lamelle, che “mordono” il fondo stradale e, per di più, il battistrada stesso presenta profondi canali tra un tassello e l’altro, che facilitano il drenaggio dell’acqua. L’identificazione avviene con le lettere M&S o M+S, iniziali di Mud (fango)

e Snow (neve), seguite o sostituite da un simbolo raffigurante una cima di montagna con una stellina che rappresenta la neve. Sempre più frequenti su ogni tipo di autoveicolo, sono costruiti da tutte le case nazionali ed estere e presso i rivenditori si potranno avere ulteriori notizie su questi particolari pneumatici, conoscerne i prezzi e richiederne il montaggio. (fsalus)

La neve a Roma anche in Via Pontina

Per questa ragione, prima della partenza sarà opportuno montare gli pneumatici invernali, abitualmente chiamati “gomme termiche”, preferiti da qualche anno alle comuni catene, quest’ultime comunque insostituibili quando sulla strada neve o ghiaccio sono in quantità rilevante. La definizione “gomme termiche” nasce dalla facilità con cui raggiungono rapidamente la temperatura d’esercizio rispetto a quelle tradizionali.

Neve, molta neve è arrivata lo scorso 3 febbraio sulle esposizioni dei Professionisti di Via Pontina, creando sicuramente uno scenario insolito in tema con la versatilità dei veicoli “ognitempo” proposti in tutte le declinazioni di taglia e tipologia nell’unica, vera “fiera permanente del camper” in Italia e forse in tutta Europa. (azac)

9


parliamo di… Riceviamo da Newscamp.it questa mail che con piacere pubblichiamo:

A nostro avviso, fa meditare sui pavidi propositi di lunghi viaggi in camper, presentandoci due intrepidi danesi che hanno sfidato felicemente un lungo viaggio tra i rigori dell’inverno.

Dieci anni fa da Gibilterra a Capo Nord e ritorno

P

otremmo definirlo “elogio della normalità”. Proprio dieci anni or sono due giornalisti danesi si resero autori del viaggio più straordinario eppure normale che si potrebbe immaginare: da Gibilterra a Capo Nord in pieno inverno (…). Un viaggio di oltre 9000 chilometri, realizzato

in assoluta normalità, senza equipaggiamenti straordinari e senza alcun tipo di accessorio extra. Il treno scelto una tranquilla Hyundai Santa Fé, con motorizzazione 2 litri turbocompressi a gasolio e una caravan Kabe Royal 720 TDL KS “king size”, ovvero larga 2 metri e 50. Complessivamente parlia-

mo di un treno di circa 13 metri che si è comportato in modo egregio, riuscendo a portare l’equipaggio a Capo Nord e ritorno, anche attraverso strade normalmente chiuse, in un totale di 26 giorni (…).

Da Newsletter riceviamo e pubblichiamo:

Ecco Radio Camperisti

A

l via “Radio Camperisti”, una iniziativa che impegnerà quei camperisti che desidereranno prestare la propria opera di volontariato con una organizzazione di radio operatori. I fondatori precisano che non c’è alcuno scopo di creare un nuovo sodalizio, o club, ma semplicemente organizzare un gruppo al fine di favorire lo scambio di esperienze 10

tra i camperisti e radio operatori. Aderiscono all’iniziativa, l’RNRE (Raggruppamento Nazionale per le Radiocomunicazioni di Emergenza), al quale aderiscono le seguenti associazioni: AREC, CISAR, ERA, NOCT, CCRS, ACER, POLOPOSITIVO, SOS VALDERICE, ERPP e P-C-R-E; e la FIRCB-SER (con oltre 300 strutture periferiche in tutta Italia), in attesa che anche qualche organizzazione nazio-

nale camperistica dia il suo appoggio.


Calendario Aperture/Chiusure 2012 de “I Professionisti” di Via Pontina - Roma

Primavera in camper 18 marzo e 25 marzo Apertura

Novità 2012 Speciali promozioni per chi vuole iniziare

Porte aperte 15 aprile e 13 maggio Apertura

Usato facile Opportunità da cogliere al volo

Ottobrata Romana 14 ottobre Apertura

30 aprile

Inizio di stagione con le novità dal Salone di Parma chiusure Santi Patroni Pietro e Paolo 29-30 giugno

Ferie dal 16 al 18 agosto Alcune aziende potrebbero anticipare e/o posticipare la chiusura

24 dicembre

“ ” di Via Pontina, pur aderendo ad un programma comune di marketing e di etica professionale, sono aziende autonome che rispondono direttamente del proprio operato


NEWS da...

Zaccari Caravan L’officina: l’altra faccia di una concessionaria Un buon servizio si vede solo ad acquisto fatto Anche il migliore dei prodotti non può fare a meno di un’assistenza tecnica e quindi richiede un’officina. Troppo spesso la scelta di un camper è fatta sulla base della specificità del prodotto adeguato alle proprie esigenze anche finanziarie, magari in una concessionaria gentile e a modo, trascurando però le capacità dell’officina (sempre che ci sia) per la soluzione di piccoli e grandi problemi. L’Articar, società del nostro gruppo, è nata trenta anni fa con la “mission” di fare assistenza tecnica a tutti i veicoli commercializzati dalla Zaccari Caravan. Con quindici tecnici, alcuni dei quali altamente qualificati, può eseguire qualsiasi intervento, dalla falegnameria, alla termoidraulica, all’elettricità e, non ultima, all’elettronica, che in quest’ultimo decennio è entrata prepotentemente nell’impiantistica di ogni camper. La società è in grado, inoltre, di consigliare e istallare accessori e prodotti per migliorare la qualità e il comfort dei vari veicoli circolanti, anche se datati purché ben mantenuti. Tra le novità, anche se non proprio recenti, che in quest’ultimo anno riscuotono molto interesse, spiccano il porta moto EDI.CAR e i piedini di stazionamento TE.SA. Nel primo caso di tratta in effetti di un porta-tutto (per cui anche moto) che, conforme alla direttiva 74/483/CEE, può essere installato su qualsiasi camper anche datato, senza alcuna omologazione, consentendo il tra12

sporto di merci fino a un massimo di 120 kg. Il montaggio deve essere eseguito da un’officina seria e affidabile, che garantisca il perfetto montaggio e le effettive capacità di tenuta. Il porta-tutto EDI.CAR è proposto a un prezzo a partire da € 1.780,00, tutto incluso.

L’altro prodotto, i piedini di stazionamento TE.SA, è fabbricato da un’azienda artigiana italiana che ha messo sul mercato questo interessante set in grado di sollevare fino e oltre 10 q, con una forza dinamica per elemento fino a 2500 kg e statica di oltre 5000 kg. La centralina provvede al posizionamento in bolla del veicolo ed è possibile operare singolarmente su ogni

ruota per sostituire un pneumatico, montare catene da neve o altro ancora. Il prezzo del set è € 2.900,00, montaggio incluso. L’Articar è molto altro ancora. Per ogni chiarimento e informazione, contattare: Alessandro Zaccari (06.5087228 e-mail: articar@tiscali.it). (azac)


NEWS da...

Centro Caravan Costantini Avanti tutta, nonostante la congiuntura! In questi ultimi tempi si sente parlare di crisi e ristrettezze, mentre osserviamo, con nostro compiacimento, che in Via Pontina, centro focale nazionale di vendita di camper e di tutta la filiera del plein air, mantiene l’aspetto di sempre: una rilevante quantità di mansardati, profilati e motorhome, nuovi e usati, piccoli e grandi, che non fa pensare a un periodo di magra come l’attuale. Per la consueta intervista, giriamo questa osservazione a Vittorio Costantini, titolare dell’omonimo centro. “Si parla di crisi anche nel nostro settore, ma la vostra azienda, come le altre di Via Pontina, ha sempre quantità e grande scelta di veicoli ricreazionali nuovi e usati” Un’azienda ormai consolidata e affermata come la nostra non può certo permettersi di non soddisfare una clientela numerosa e affezionata, sempre più sofisticata, più selettiva e prudente. Cerchiamo di essere pronti e “attrezzati” per non mandare via a mani vuote chi è seriamente interessato a un veicolo ricreazionale. È certo che il tasso di rotazione del piazzale è calato, ma, visto dalla parte della clientela, per questa ragione avvicinarsi ora a un camper è più facile e conveniente, poiché c’è più disponibilità relativamente a servizio e prezzi, sia da parte delle case che del concessionario. “Ma lei non pensa che oggi un camper sia divenuto troppo costoso?” I prezzi dei camper da diversi anni sono costanti, ma sono sempre più potenti, sicuri e accessoriati. La cospicua spesa iniziale è in realtà un costo 14

apparente; è più esatto parlare di un reale investimento, come infatti si rivela l’acquisto di un camper di fascia media (40-50 mila euro). Uno studio, effettuato rispetto al settore automobilistico, evidenzia che un’automobile dello stesso costo dopo 5-6 anni perde due terzi del valore iniziale; il camper invece mantiene un prezzo di mercato superiore ai due terzi (in pratica ha perso meno di un terzo); e dopo 10-12 anni, quando il valore commerciale dell’auto è praticamente zero (ricordando che la rottamazione si effettua già con soli 10 anni), il camper mantiene oltre la metà del suo valore storico. Le roulotte poi, anche dopo 20 anni, conservano un eccellente mercato. Questa la tendenza confermata e consolidata negli ultimi mesi, visto il vivace andamento dell’usato. “D’accordo per la tenuta del valore, ma ci sono poi sempre i costi di gestione..?” I costi sono largamente inferiori a quelli di una vettura di analoga cilindrata: la RC è intorno a 400 euro contro gli oltre 2.000 (in classe d’in-

gresso), con un totale di ca. 800 euro contro i 4.000, se aggiungiamo Furto e Incendio. Il bollo è irrisorio: 40-50 euro contro i 300 euro e oltre per un’auto di stessa potenza, mentre per il rimessaggio sono 300 euro/anno contro i ca. 2.000 (150-180 euro/mese) per la rimessa di un’auto in zona cittadina media. “In effetti, sono vantaggi economici interessanti…” A conti fatti, il camper non è un veicolo oneroso e se usato con intelligenza dà risparmi notevoli su viaggi e vacanze. Si può utilizzare per tutto l’arco dell’anno, per periodi di vacanze e per semplici weekend senza programmazione e prenotazioni, poiché si può scegliere la destinazione anche all’ultimo momento secondo impegni personali e condizioni meteorologiche. Ringraziamo Vittorio Costantini per averci dettagliatamente esposto tutte le frecce che il camper ha nel suo arco per poter superare l’attuale crisi nel migliore dei modi. (red)


NEWS da...

Tecno Caravan Laika e Tecnocaravan: la prova del Grande Freddo! Tecno Caravan ha seguito con grande entusiasmo il Laika Arctic Experience 2012, spedizione che prevedeva il raggiungimento del Circolo Polare Artico durante i mesi di gennaio e febbraio a bordo del nuovissimo integrale Laika Kreos 8010 realizzata in collaborazione con Camperonline.it. Un viaggio di 10.000 km verso il Grande Nord dell’Europa in pieno inverno, durante i mesi più freddi dell’anno, per mettere alla prova, per più di un mese, il Laika Kreos 8010 e le soluzioni tecniche che lo contraddistinguono, seguendo un itinerario che lo ha portato a raggiungere il cuore della Lapponia finlandese, svedese e norvegese. Il Kreos 8010 non è stato costruito ad hoc per questa singolare avventura, ma scelto per le caratteristiche di serie che presenta e che lo rendono idoneo per l’utilizzo in regioni con climi freddi. Laika utilizza per tutti i propri veicoli, come materiale isolante per parattetto e pavimento, lo Styrofoam che è usato anche nell’edilizia civile ed ha un alto potere coibentante. Con i Laika Kreos motorhome è possibile viaggiare senza problemi anche a basse temperature grazie al Laika Thermo Cab System, sistema di bocchette di riscaldamento in cabina e a un pannello isolante e insonorizzante che separa la zona motore dalla cabina guida. Altro elemento di grande importanza per isolare completamente la zona della cabina guida è l’oscurante Laika Iso-Rollup (opt) che si aggiunge all’oscurante di serie, creando un’intercapedine tra i due sistemi di protezione con un cuscino d’aria riscaldata che aumenta la protezione termica.

Tutta l’impiantistica è completamente in posizione antigelo, sia nella versione Alde che nella versione Truma, presente sul Kreos 8010. Per questa singolare esperienza, che ha portato il Kreos 8010 verso mete artiche, Laika ha ringraziato tutti i partner, per la fornitura di accessori, come Iveco, Webasto, SFC (Efoy), Teleco Group, CBE, Larcos e AvMap. Sul ns. sito www.tecnocaravan.com i video di questa bellissima iniziativa. 16


TCCL: 25° anniversario e 100° Raduno Il Tecnocaravan Camper Club Laika compie 25 anni di attività e li festeggia organizzando il 100° raduno! Il Presidente Claudio Clementini e tutti gli associati hanno condiviso, fin dalla sua costituzione, valori associativi importanti, perfettamente sintetizzati nello statuto: • è un’associazione che ha finalità socio-culturale di turismo itinerante ed ambientalista, apolitica e senza scopo di lucro • favorisce l’amicizia tra gli associati e promuove il corretto uso del veicolo ricreazionale • le attività turistiche si realizzano generalmente mediante “raduni” • l’attività si realizza anche senza l’uso del veicolo ricreazionale • il T.C.C.L. promuove ed organizza viaggi, soste all’aria aperta, pranzi o cene conviviali, avvalendosi anche della collaborazione di organismi del settore • il T.C.C.L. si propone di divulgare, in particolare, la conoscenza delle località italiane ed europee non inserite nei circuiti del turismo di massa. Alcuni dei momenti salienti del programma: • visita guidata al borgo ed al castello di S. Secondo, visita e spettacolo in costume d’epoca presso la Corte del Castello e a seguire spuntino di gastronomia parmigiana in loco • visita guidata teatro Farnese, teatro Regio, S. Maria della Steccata, Battistero, Cattedrale

• Castello di Torrechiara (v. guidata) • Collecchio, visita e cena sociale presso l’antica Corte di Giarola, con degustazione prodotti tipici della cucina parmigiana • A sorpresa una di queste tre alternative: visita alla fabbrica della Barilla, visita al 50° Stormo A.M. di Piacenza o visita alla Ferrari

Tecno caravan camper club Laika Conosciamoci domenica 18 e 25 marzo durante la “Primavera in camper”! Vi aspettiamo numerosi per illustrarVi le nostre prossime iniziative

CALENDARIO EVENTI 2012 DATA

EVENTO

Parma

Sabato 28 aprile Domenica 29 aprile Lunedì 30 aprile

LOCALITà

100° raduno

Castelli del Parmense

Martedì 1 maggio Domenica 27 maggio

4 stagioni di Roma

Venerdì 29 giugno Sabato 30 giugno

Amatrice 101° raduno

Monti della Laga

4 stagioni di Roma

Santuario Icona Passatora Bruschetta/vino rosso Tecnocaravan Roma San Bartolomeo all’Isola Tiberina

Domenica 1 luglio Domenica 30 settembre Domenica 7 ottobre

Matera

Giovedì 1 novembre Venerdì 2 novembre Sabato 3 novembre

102° raduno

Gioia del Colle Bari

Domenica 4 novembre Domenica 2 dic

Villa Dorja Pamphilj

4 stagioni di Roma

Palazzo Valentini 17


NEWS da...

Area Camper Area Camper e il social network La comunicazione, si sa, ha sempre ricalcato un ruolo fondamentale nella vita quotidiana, basti pensare a un qualsiasi uomo di spicco di un qualsiasi contesto sociale e verrà sicuramente in mente quella spiccata dote comunicativa che gli permette d’imporsi nel cuore della gente, diventando così leggenda negli anni a venire. Mai come in questo periodo storico il desiderio di comunicare si è insediato nel giornaliero di ogni persona. Sapere e far sapere “dove, quando e cosa a chi”, con l’ausilio di piattaforme sociali (social network), è alla portata di tutti e Area Camper si può definire il concessionario pioniere di tale modalità di pensiero. Infatti, è presente su tutte le piattaforme disponibili, come meglio specificato: www.area-camper.com – su internet con il sito costantemente aggiornato e ottimizzato per smartphone, con tutte le proposte d’offerta presenti sia nella categoria Nuovo che nell’Usato, una sezione News ed una dedicata agli Eventi, per ciò che concerne le notizie aziendali e le maggiori notizie riguardanti il turismo all’aria aperta; www.youtube.com/user/areacamper1 – sul primo canale You Tube per “esporre” in multimediale i mezzi proposti sia nella categoria Nuovo che nell’Usato, con video realizzati direttamente in concessionaria, per offrire al cliente un servizio in più nella scelta del proprio veicolo ricrea-

zionale: al veterano uno sguardo in più al dettaglio, al neofita per sviluppare una certa propedeuticità nell’avvicinarsi a questo tipo di vacanza; http://it-it.facebook.com/areacampersrl – su Facebook sia come “Persone” che come “Pagina”, con continui aggiornamenti di stato riguardanti notizie attinenti al turismo itinerante, ai veicoli ricreazionali ma anche andamenti di mercato, notizie finanziarie e molti contenuti riguardanti, chiaramente, Area Camper con foto, video, annunci e molto altro ancora; https://twitter.com/glatini – su Twitter con la pagina personale del nostro titolare Giampiero Latini, mai scevra di “cinguettii”, che mantengono sempre alta l’attenzione sullo splendido mondo del turismo itinerante. A noi di Area Camper piace sentirci così, con la grinta di un Mohammed Alì dei giorni nostri, sfruttando le possibilità comunicative che la tecnologia mette a disposizione al servizio delle persone, senza però irridere gli avversari, anzi cercando di rendere la comunità più attiva e con lo spirito di coesione che tanto predicavano le parole del Mahatma Ghandi. In fondo noi tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo cantato: “Imagine there’s no heaven, it’s easy if you try…” È sempre più facile con Area Camper. (glat)

18


NEWS da...

Nuova Riviera Le promozioni di Nuova Riviera Una pista da sci al Colosseo non si era mai vista, eppure quest’inverno ci lascerà tante foto ricordo altrettanto insolite. La primavera però è ormai alle porte e altrettanto prodiga di novità: sono previsti due periodi di “Porte Aperte” con apertura anche alla domenica per permettere agli appassionati del camper, ma soprattutto a chi deve ancora avvicinarsi a questo mondo, di venire a visionare in totale libertà le ultime novità presso la nostra esposizione. Aderendo all’iniziativa di ASSOCAMP (l’Associazione Nazionale degli operatori del settore) sono indette due domeniche di apertura, 19 e 26 febbraio, per un periodo espositivo continuato dal 18 al 26 febbraio. Ma non finisce qui! Nuova Riviera in collaborazione con gli altri quattro concessionari, I Professionisti della Via Pontina, raddoppia il “Porte Aperte” e ripropone, con due domeniche di

20

apertura, 18 e 25 marzo, la “Primavera in Camper”: un’esposizione nostop dal 17 al 25 marzo, una vera e propria Fiera Permanente del Cam-

per che da diverse stagioni si propone in primo piano tra gli appuntamenti dell’area laziale e centro Italia per gli appassionati del settore. A pochi minuti da Roma e dal G.R.A, i visitatori potranno toccare con mano il meglio della produzione italiana ed europea. Nuova Riviera vi aspetta, per l’occasione, con le convenienti promozioni sugli accessori da montare sul vostro camper nuovo, messe a punto in collaborazione con i nostri marchi, Elnagh, Giottiline, Hymer, McLouis, una vasta gamma capace di soddisfare tutti i gusti e le esigenze. Eccezionali e nuove condizioni sono previste anche sui nostri mezzi usati corredati di garanzia di conformità: in particolare sarà proposta la possibilità, su alcuni modelli, di un patto di ri-acquisto da parte del concessionario qualora il cliente decida di tornare sui suoi passi dopo un anno. (ffrat)


Sulle nevi della Val di Fassa Nel maestoso scenario delle Dolomiti Testo e foto di Franco Salussolia


I

mmaginare le Dolomiti come primordiali atolli lussureggianti simili a quelli degli Oceani Indiano e Pacifico, è senz’altro difficile. Eppure, 200 milioni di anni fa, questa splendida catena montuosa era sotto il livello delle acque, come testimoniano i fossili marini rinvenuti, fino a che organismi marini quali coralli, alghe e spugne decomponendosi e combinandosi con i detriti delle scogliere erose dall’azione continua dell’acqua, hanno creato nuove formazioni che attraverso il lento corso del tempo sono emerse trasformandosi in montagne. In breve sintesi questi i processi geologici che hanno creato la “dolomia”, roccia che compone e caratterizza le Dolomiti, cornici naturali di una delle valli trentine tra le più frequentate, la Val di Fassa, dove s’incontrano centri di villeggiatura estiva e invernale alle pendici di massici, quali il Catinaccio, il Sassolungo, il Sella e la Marmolada con il suo ghiacciaio perenne, solo per citarne alcuni. I paesi iniziano con Moena e seguono, citando i più importanti, con Vigo di Fassa, Pozza di Fassa, Campitello di Fassa e Canazei, ultimo centro della valle. Tutti offrono attrezzature alberghiere e accoglienti campeggi che registrano in ogni stagione forti presenze di appassionati della montagna. Le

Contorni in controluce

Acqua, neve e galaverna attività praticabili variano secondo il periodo, ma non è difficile trovare chi frequenta la zona nell’intero arco dell’anno, visto che sulla Marmolada è possibile sciare anche in estate. In Val di Fassa nelle lunghe giornate estive, quando il verde dei boschi contrasta con i toni rossicci delle vette circostanti e la vivace fioritura dei

prati, è facile vivere situazioni di grande intensità. Lo stesso sarà passeggiare all’ombra delle abetaie e respirare il loro profumo, seguendo magari il corso del torrente Afisio. Emozioni uniche si proveranno sugli impianti che collegano, tra panorami mozzafiato, il fondo valle con le vette vicine, raggiungendo gli ospitali rifugi per


plina si può facilmente seguire qualcuno più esperto o cimentarsi da soli. La Marcialonga

I tipici costumi del Carnevale Ladino prendere pigramente il sole o fare escursioni in alta quota sui numerosi sentieri presenti. Camminando tra questi spazi tranquilli e solitari non sarà difficile cogliere l’acuto fischio della marmotta o sorprendere un timido capriolo mentre bruca. In inverno la situazione cambia totalmente con la neve che ricopre il paesaggio, creando ambienti e contorni diversi. Chi ama praticare lo sci alpino ha soltanto l’imbarazzo della scelta nella fitta rete d’impianti che collega le piste e permette di sciare per l’intera giornata su discese adeguate a ogni livello di preparazione. Tradizionalmente lo sci di fondo è una grande attrazione della Val di Fassa. Parecchi circuiti, infatti, sono

Una maschera in legno 26

tracciati su quei sentieri che in estate si percorrono a piedi o in bicicletta. Il paesaggio invita a interrompere questa piacevole ma intensa attività per riprendere fotograficamente gli scenari che ci circondano e i particolari scorci che scopriamo. Questa attività prevede velocità ed ebbrezze differenti da quelle che si provano sulle discese in pista “rossa” o “nera”, permettendone la pratica a chiunque abbia un minimo di preparazione fisica; nei centri si può affittare l’abbigliamento e l’attrezzatura tecnica presso i tanti negozi di articoli sportivi. Il neofita e chi desidera migliorare la propria tecnica, può seguire ovunque lezioni private o di gruppo, considerando comunque che in questa disci-

Parlare di sci di fondo in Val di Fassa significa parlare di Marcialonga, gara che registra ogni anno la presenza di oltre 5000 partecipanti. La competizione parte da Moena, risale tutta la valle sino a Canazei, scende sulla vicina Val di Fiemme per raggiungere Molina e terminare a Cavalese. Il percorso completo è di 70 km, coperti da atleti provenienti da tutto il mondo e molte sono state le vittorie italiane. Un traguardo “breve” prevede l’arrivo a Predazzo dopo 45 km, cui partecipano molti dilettanti che si impegnano con grande entusiasmo.Viene disputata l’ultima domenica di gennaio, offrendo un grande impatto visivo ai numerosi spettatori. Il Carnevale Ladino Ricorrenza molto sentita, è un’altra manifestazione che caratterizza il periodo invernale. È celebrata nelle espressioni più caratteristiche della cultura ladina, con le “mascherèdes”, maschere burlesche che danzano per le vie dei paesi con suonatori in vistosi costumi. Lo scopo è di propiziare l’ingresso della primavera e inizia dalle pendici della Marmolada il giorno in cui si festeggia Sant’Antonio Abate (17 gennaio), proseguendo nella valle. Gli uomini portano sul corpetto grossi campanacci, che ad

Un bell’esemplare di San Bernardo, incontro frequente presso i rifugi della zona


Fiore ricoperto di galaverna ogni passo provocano forti scampanii, e le donne variopinti costumi locali. L’animazione è notevole e lo spettacolo è assicurato dalle gare scherzose, gli spettacoli teatrali, le sfilate di carri allegorici, i balli tradizionali in maschera, le sagre… e tutto ciò di buono che si potrà assaggiare di dolci e altri prodotti locali sulle bancarelle e nelle botteghe in un’atmosfera festosa e divertente. I paesi della Val di Fassa Ben inseriti nella natura che li circonda, meritano tutti di essere visitati. Ecco una breve descrizione dei centri più importanti. Moena È il primo centro della Valle, caratteriz-

zato dai gruppi del Latemar, Valacia e Costalunga che prospettano sulle case. Frequentata base sciistica invernale, garantisce agli amanti di questa disciplina sportiva un carosello di piste lungo ben 100 km con 26 impianti di risalita. Si trova a 1100 metri di altitudine, permettendo un rapido acclimatamento in ogni stagione. Da sottolineare un prodotto locale, il Puzzone, formaggio che, a dispetto del nome poco accattivante, conquista al primo assaggio per il suo ottimo sapore.

una sorgente di acqua solforosa, per ritemprarsi dopo un’intensa giornata passata in montagna a camminare o a sciare. Pozza è frequentata in particolare per le facili escursioni e passeggiate che si possono praticare nella sua zona. Per gli amanti dello sci alpino c’è anche la lunga discesa dal Buffaure (2050 mt) fino a fondovalle, mentre i fondisti possono sciare persino in notturna sull’anello illuminato del Ciancoal in un emozionante saliscendi continuo.

Vigo di Fassa

Campitello di Fassa

Importante centro sciistico ed escursionistico della Valle, vi si trova una funivia che raggiunge Ciampedie, area con rifugio a 2000 metri dove si possono praticare emozionanti sciate nel periodo invernale e lunghe passeggiate in quello estivo.In zona troviamo la chiesetta di San Giovanni in stile gotico del ‘400 con stupendi affreschi all’interno, quella di San Giuliana e il Museo Ladino che illustra le tradizioni della cultura locale con ambienti ricostruiti e attrezzi delle varie attività agricole valligiane. Pozza di Fassa Offre una straordinaria vista sulle cime del Vajolet e le terme “Dolomia”,

Panorama estivo dal Ciampedie di Vigo di Fassa 28

È stato il primo centro turistico della Val di Fassa a nascere e a crescere d’importanza. È caratterizzato dai “tobiè”, gli antichi edifici caratteristici dove ancora si vive, che offrono al turista immagini del passato. Sul paese prospetta il Col Rodella, raggiungibile in funivia e dal quale si assiste a un magnifico spettacolo sulla valle e sulle guglie del Sassolungo mentre si scia sulle innumerevoli piste. Per la particolare conformazione orografica, in questa parte della valle s’istaurano particolari correnti ascensionali, ideali per deltaplani e parapendii. Nella buona stagione le loro vele colorate che si stagliano in aria, si aggiungono allo splendore naturale delle cime.


Panorama dal Pordoi

30

Spettatori solitari...


Canazei Forse il centro più elegante fra tutti quelli della Val di Fassa con la presenza di ampi paesaggi ineguagliabili. Le vie ferrate dei massicci circostanti sono molto frequentate da scalatori provetti che si cimentano in ardue arrampicate. Non mancano neppure salite più facili che permettono di raggiungere pianori e cime tra panorami d’incanto. In inverno il paese offre ben quattro diversi impianti di risalita: il Belvedere, il Ciampac, il Col Rodella e la Marmolada; funivie, cabinovie, seggiovie e skilift sono le proposte per passare intere giornate sulla neve. Per finire in bellezza, il

“Sellaronda”, il giro dei quattro passi, che tanto successo riscuote da parte di sciatori instancabili. Il camper, come si può immaginare, è di casa in Val di Fassa sia in inverno sia in estate, poiché la zona permette facilmente di respirare la salutare aria di montagna, svolgere le attività più congeniali e vivere la natura presente anche nel cuore di ogni paese. Per le soste si possono utilizzare i vari parcheggi liberi o custoditi. Numerosi i campeggi, particolarmente validi con le loro attrezzature durante la stagione invernale. Tutti presentano ampi locali riscaldati dove è possibile riunirsi tra amici, commentando la gior-

nata appena trascorsa sulla neve, magari davanti a un piatto fumante di polenta o affettando formaggi e salumi. Non mancano supermercati, ristoranti, tavole calde, rosticcerie, macellerie (eccezionale lo stinco di maiale già arrostito proposto), latterie con vendita di formaggi locali, negozi di sport e di altro genere. Per finire, agli amanti della montagna la Val di Fassa offre tutti i presupposti per trascorrere piacevoli periodi di riposo o d’intensa attività fisica, secondo come s’interpreta la vacanza. E con la sua versatilità d’impiego, in estate come in inverno, il nostro camper anche qui si presenterà ancora una volta insostituibile.

INFO Non sempre è facile trovare spazi per sostare liberamente. Le esperienze vissute fanno consigliare la sosta preso i campeggi, tutti molto attrezzati e con ampi spazi a disposizione (preferibile prenotare). Sono indicati di seguito quelli con apertura annuale: Moena - Area camper: Strada de la Comunità de Fiem, 43 (S.S.43) - Tel. 0462573287 info@campergiardino.com GPS 46,35228°N 11,63152°E Pozza di Fassa - Camping “Vidor”: Strada de Ruf de Ruacia 15 Tel. 0462.760022 info@campingvidor.it GPS 46,47959°N 11, 74107°E Campitello di Fassa - Camping “Miravalle”: Strada de Greva 39 Tel. 0462.750502 info@campingmiravalle.it GPS 46,42081°N 11,70745°E Canazei - Camping “Marmolada”: Strada de Pareda 60 Tel. 0462.601660 campingmarmolada@virgilio.it GPS 46,48234°N 11,74139°E

Sul mitico Pordoi (2239 mt)

Come arrivare: da Roma: A/1 sino a Modena poi A/22 direzione Brennero con uscita a Ora. Prendere la S.S.48 direzione Cavalese/Predazzo/Moena/Val di Fassa – km A/R: 1400 ca. 31


Il mio Marocco Impressioni di viaggio di una camperista Testo di Adalgisa Felli e foto di Franco Salussolia


Attraverso il deserto

C

hissà perché, chi va in Africa per la prima volta, pensa di trovare un continente mitico pieno di sole, dune e cammelli, incontrando uomini scalzi stranamente vestiti e donne velate. Chi arriva in Marocco da Gibilterra può restare deluso di non trovare questa realtà. Il paesaggio vicino allo stretto è simile a quello europeo e le campagne abbondano di ulivi, viti, mandorli e agrumeti. Il primo impatto non sorprende, poiché la gente, la vegetazione, le città non sono dissimili dalle nostre. Poi quando ci s’inoltra nel suo interno, si nota che il Marocco è un Paese vario e meraviglioso nel suo genere, che si sta aprendo al progresso e che lavora al proprio sviluppo e alla propria emancipazione. La gente è ospitale, gentile e dignitosa, saluta festosa la nostra carovana di camper e anche i più seri e apparentemente tristi s’illuminano ai nostri gesti di saluto. Andando avanti, ti senti come un mi36

Colture e oasi tra aridi rilievi


In questa pagina dall’alto verso il basso: Sosta tra le dune di Marzouga Sulle strade dell'Atlante Un austero tuareg con il suo dromedario


Essaouira - giovane lustrascarpe con il suo cane crobo nella vastità di un paesaggio desertico che si perde a vista d’occhio, piatto e uniforme: il deserto sabbioso e quello sassoso. Le dune, più avanti, sono fascinose, stupefacenti nel loro degradare cromatico che vira dal giallo al grigio e al marrone. Qui s’incontrano assembramenti di Tuareg con i loro drome-

Casablanca - la moschea 38

dari che vivono di artigianato e talvolta guidano i turisti in visita. Ciò che stupisce veramente sono le montagne rocciose dalle strane forme: taglienti e ciottolose, del tutto prive di vegetazione, ma variamente colorate. Alcune sono rosse, altre verdi o nere: sembrano divinità irraggiungibili, cui gli uomini del fondo valle offrono il verde intenso e rigoglioso delle loro oasi ricche di acque, di orti e di frutteti. Ogni piccolo centro abitato ha il suo minareto, che ci riporta con il pensiero ai campanili dei nostri paesini, con la voce registrata o in diretta del muezzin, che rappresenta per tutti un richiamo per lo spirito. Il Marocco è senz’altro un Paese da visitare, cercando se possibile di evitare il caldo eccessivo che vi si trova in agosto. Dal lungo viaggio in questo grande Paese del Nord Africa, porteremo via immagini che conserveremo a lungo. Ricorderemo la gente semplice e cordiale incontrata, dissimile da noi per cultura, religione, abitudini e lingua, ma aperta ai rapporti umani e gentile nei modi. E sarà impossibile dimenticare gli stretti vicoli di Fès, il fascino del deserto di notte, il forte contrasto delle oasi immerse tra aridi rilievi, la vivacità delle piazze di Marrakech al calar del sole, la sontuosa moschea di Casablanca e il luminoso sorriso dei bambini cui abbiamo regalato una biro o qualche caramella.

Il mercato di El-Jadida

INFO Per raggiungere il Marocco dall’Italia, occorre sostenere senza dubbio un lungo viaggio, con l’obbligo di attraversare e magari visitare, preventivando un ulteriore periodo, la Francia e la Spagna. Da quest’ultima si può entrare a Gibilterra, minuscolo stato con la sua rocca in posizione strategica a picco sull’omonimo stretto e unico in Europa a ospitare una colonia di scimmie. Chi non ama i lunghi trasferimenti stradali, può imbarcarsi a Genova, Livorno o Sète (Francia) per Tangeri (anche con scalo a Barcellona) o a Salerno via Cagliari-Valencia. Da questo porto spagnolo si raggiunge via terra Algeciras (Spagna) e con un traghetto si passa in Marocco, sbarcando sempre a Tangeri. Frequenze e orari dei traghetti variano a seconda del periodo dell’anno. Via terra, da Roma ad Algeciras sono 2500 km ca. e un trasferimento veloce e diretto richiede mediamente 4-5 giorni. Le carte di credito sono accettate ovunque. Per gli spostamenti in Marocco e le altre info, fare riferimento all’ambasciata marocchina a Roma, che consegna in omaggio un’ampia documentazione. Molto valide sono la guida e la carta stradale del Touring Club Italiano e della Lonely Planet.


Il commissario Montalbano e la sua Sicilia Una visita nei luoghi dell’eroe di Camilleri Testo e foto di Giacomo De Paolis


L

a fortunata serie televisiva del commissario Salvo Montalbano è tratta da alcuni romanzi polizieschi, frutto della fantasia di Andrea Camilleri, eclettico scrittore-regista che ha dato vita al rude funzionario di polizia impegnato in molteplici indagini investigative, innamorato di Livia, sua eterna fidanzata, ma sempre sensibile al fascino femminile. Descrivendo i fatti che coinvolgono il

commissario, l’autore trova gli spunti per descrivere la realtà siciliana dove i personaggi parlano un italiano ricco di termini dialettali, che peraltro possono mettere in difficoltà lettori e spettatori non siciliani. Eppure, far parlare il funzionario di polizia e gli altri interpreti in questo vivace gergo, è la geniale trovata di Camilleri, autore di indiscutibile talento. Siamo dunque in Sicilia e le storie si

In alto il castello di Donnafugata, scorcio dai giardini; sotto Barocco a Noto

42

svolgono in località passate ormai alla notorietà, proposte persino dai tour di alcune agenzie, che raccolgono notevoli consensi. Noi che amiamo viaggiare in camper, trovandoci in Sicilia, potremo seguire facilmente un percorso che ci porterà nelle zone delle vicende narrate da Camilleri per soddisfare la curiosità e approfondire la conoscenza dei luoghi descritti dallo scrittore, tutti di indiscutibile interesse. A Porto Empedocle, forse l’immaginaria Vigata, in Via Roma troviamo una statua a grandezza umana del commissario Montalbano. Fisico asciutto, folta capigliatura e vistosi baffi, appare assolutamente dissimile dal bravissimo Luca Zingaretti che interpreta il ruolo del commissario. A Scicli, invece, nel Palazzo Beneventano, una delle più belle espressioni del barocco siciliano, sede del municipio della città, è collocato il commissariato, dove opera Montalbano con il suo vice Augello, l’ispettore Fazio e l’agente Catarella, straordinario nel suo lessico storpiato. A Ragusa c’è il ristorante dove è solito cenare il commissario quando la stagione non permette di consumare pasti all’aperto.


Dall’alto in basso: Il duomo di Modica, statua del comm. Montalbano a Porto Empedocle, pubblicità a Punta Secca

Dall’alto in basso: Limoni di Sicilia, faro di Punta Secca, porticciolo di Punta Secca 43


Ambienti di Capo Passero fatto che in questi luoghi è stata ambientata la serie televisiva di Montalbano. Facilità di soste libere e strutture organizzate offrono la possibilità di passare qualche giorno nella zona, specialmente fuori stagione, approfittando anche delle varie trattorie con gli squisiti piatti di pesce della cucina locale. Porto Empedocle dista una manciata di chilometri da Agrigento con la sua Valle dei Templi e qui il piacere della visita può diventare un obbligo. Sono molte le località scelte da Camilleri per ambientare i fatti, località che lo scrittore certamente ama frequentare personalmente e alle quali è particolarmente legato: Porto Empedocle, la costa di Porto Palo, il villaggio di pescatori di Marzamemi, le ampie vie di Modica, i caldi toni del barocco di Noto, Ispica, il centro di Comiso, il castello di Donnafugata con il suo stupendo giardino all’italiana. Dove invece fa rifugiare il suo ruvido personaggio quando è lontano dagli impegni delle indagini e vive la sua vita privata, è alla Marinella, nella palazzina sul mare situata a Punta Secca, comune di Marina di Ragusa. Dalla spiaggia su cui si affaccia la casa, Montalbano può entrare direttamente in acqua, nuotare a lungo e ritrovare il suo personale equilibrio, mantenendo la sua forma fisica. Nella reNasce a Porto Empedocle nel 1925, iniziando la carriera in RAI nel 1959 come delegato di produzione in sceneggiati e fiction (tra i tanti, “Il tenente Sheridan” con Ubaldo Lay). Inizia a scrivere nel 1978 e nel 1999 pubblica il primo romanzo poliziesco di una lunga serie con le indagine del commissario Montalbano che prosegue sino ai giorni nostri. Autore noto in tutto il mondo, ha venduto oltre 10 milioni di copie di libri. 44

altà la casa è un noto “bed and breakfast”. Il piccolo centro, visitato fuori stagione, si presenta come un luogo isolato e tranquillo, quasi protetto, guardato a vista dall’alto faro che di notte lancia il suo rassicurante fascio luminoso sul mare. Sulla piazzetta antistante al faro, sempre fuori stagione, è possibile sostare per la notte, dopo aver chiesto un ideale permesso proprio al commissario Montalbano che dorme a pochi metri dalla piazzetta nella sua casa sul mare… Noto, Porto Palo di Capo Passero, Ispica, Modica, Donnafugata, Ragusa, Comiso, Scicli, Marina di Ragusa, Punta Secca, Porto Empedocle, rappresentano un tour di meno di 300 km a sud della Sicilia che può presentarsi molto interessante al di là del

INFO Coordinate GPS (se non altrimenti specificato, indicano il centro città): Noto 36,89070°N 15,07095°E Porto Palo di Capo Passero 36,68331°N 15,13433°E Ispica 36,78638°N 14,90487°E Modica 36,85894°N 14,76084°E Castello di Donnafugata 36,88190°N 14,56407°E Ragusa 36,92672°N 14,73465°E Comiso 36,94619°N 14,60482°E Scicli (Palazzo Beneventano) 36,79300°N 14,70675°E Punta Secca (Piazzetta del faro) 36,78727°N 14,49382°E Porto Empedocle 37,28855°N 13,52754°E

Nato a Roma nel 1961, si iscrive nel 1982 all’Accademia di Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, dove conosce Camilleri. La sua carriera d’attore comincia con ruoli drammatici nella compagnia di Luca Ronconi, per poi passare al cinema, interpretando sempre parti di rilievo. Nel 1999 impersona per la prima volta sul piccolo schermo il commissario Montalbano ne “Il ladro di merendine”, assicurando un grande successo anche all’autore, Andrea Camilleri, ruolo che ormai porta avanti da dieci anni. Ha fatto altri film per la tv, tra i quali il famoso “Perlasca. Un eroe italiano”. Nel cinema ha ottenuto lusinghieri risultati in vari film di Davide Luchetti, Pupi Avati, Mario Martone, Simona Izzo ed altri ancora. È fratello di Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma.


VORREI UN OBLÒ PER IL MIO CAMPER STELLARE CE L’HO!

DA NOI RICAMBI E ACCESSORI PER TUTTI I CAMPER

un grande centro specializzato vasto assortimento accessori Via Pontina, 339 - 00128 Roma 065087933 - 065088519 www.zaccaricaravan.it


Il Museo dell’Aeronautica Militare a Vigna di Valle A pochi chilometri da Roma, tra velivoli d’epoca e accoglienti centri Testo e foto di Franco Salussolia


I

l Museo Storico dell’Aeronautica Militare offre una visita molto interessante. Si trova presso Vigna di Valle, sul lago di Bracciano, a poco più di 50 km da Roma e facilmente raggiungibile dalle capitale attraverso vari collegamenti stradali. Presso l’Idroscalo, sede del Museo, fu impiantato nel lontano 1904 il Cantiere Sperimentale Aeronautico, primo esempio di attività aviatoria in Italia, da cui prese il volo nel 1908 il primo dirigibile militare italiano. Nel 1911 nacque in questo stesso luogo l’Osservatorio Aerologico per gli studi sull’alta atmosfera, antesignano del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica. Da questo bacino nel 1912 fu compiuto il primo volo con un idrovolante, velivolo che da allora diventò protagonista sulle acque del lago di Bracciano. È stata lunga la successione di prestigiosi reparti operativi dell’A.M. presso l’Idroscalo, per arrivare all’ultimo, il Comando del Soccor so Aereo, qui di stanza sino al 1961. Sono stati ospitati poi importanti reparti per la selezione del personale A.M. e il Centro di Sopravvivenza e Aerosoccorritori A.M. Nel 1977, cessate le attività operative di reparto, nei locali esistenti dell’Idroscalo, trasformati in padiglioni espositivi, si inaugurò il Museo Storico dell’Aeronautica con oltre sessanta velivoli e cimeli aeronautici per illustrare con criteri cronologici la grande avventura del volo civile e militare. Visitando i settori in cui è suddiviso il Museo, il visitatore può prendere visione dei vari momenti storici, dai pionieri del volo ai dirigibili della prima guerra mondiale, dalla spedizione polare di Umberto Nobile ai trimotori e ai caccia della seconda guerra mondiale, per arrivare ai velivoli a getto tra cui spiccano il Fiat G.91, il Lockheed F-104 e il Panavia “Tornado”. La realizzazione di questa esposizione permanente è stata possibile grazie al lavoro dietro le “quinte” di esperti specialisti che hanno restaurato con tecniche e materiali originali, quali tele, legnami, incollaggi e serraggi originali, esemplari di aerei antichi e moderni, recuperati talvolta in condizioni precarie se non disastrate, dimostrando quella professionalità che sempre ha distinto il personale aeronautico italiano dalla sua nascita al giorno d’oggi. Capacità, coraggio e preparazione tecnica sono qualità che hanno sempre caratterizzato l’Aeronautica Italiana con le molteplici espressioni che hanno segnato la sua storia. Basta ricordare gli avventurosi raid aerei degli anni ’20 di Arturo Ferrarin e Francesco De Pinedo, le coppe di velocità conseguite, le crociere

dall’alto verso il basso: Grumman S2F-1 Tracker; SPAD S-VII Ruffo (1916) Baracca, Ruffo di Calabria, Cabruna; Ansaldo SVA 5 (1917) del volo su Vienna; Idrocorsa Macchi M 67 (1929) - Coppa Schneider. 48


atlantiche di Italo Balbo, il primato mondiale di aerei con motori a pistoni del 1938 (oltre 17.000 mt), mai più battuto, il volo del Caproni “Campini” con Mario De Bernardi, primo aereo sperimentale a reazione “ibrida”, e così proseguendo sino alle attività belliche dove piloti e specialisti si sono coperti di gloria. Per non parlare della pattuglia acrobatica nazionale, le fantastiche Frecce Tricolori, composta da otto aviogetti più un “solista”, soluzione unica al mondo, che sorprende e riscuote ovunque vasti consensi. Per il passato e soprattutto per la cultura aeronautica italiana fondata su solide tradizioni, era importante dare vita a un museo per raccogliere e presentare i contenuti storici dell’Aeronautica e a tale scopo è stato realizzato il Museo di Vigna di Valle che rappresenta per tutti un appuntamento da non perdere. Il lago di Bracciano e i suoi paesi Vigna di Valle si trova sul lago di Bracciano, da sempre meta di camperisti di tutta Italia e non solo, per le sue località che offrono spunti turistici interessanti e dove sono frequenti anche i campeggi, molti dei quali restano aperti tutto l’anno. Le limpide acque sono solcate da velisti di ogni livello che approfittano del bacino naturale per imparare i primi rudimenti della vela e per diventare esperti, mentre la bella strada che corre tutta intorno al lago, è frequentata da ciclisti che trovano in essa un percorso ideale con tratti in pianura che si alternano a dolci salite. Chi vuole dedicarsi a visite di carattere turistico, incontra paesi uno più interessante dell’altro, tra cui spiccano: Bracciano, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano. Il primo presenta, oltre al nucleo antico, il castello Orsini-Odescalchi (1400), splendido esempio di architettura militare e abitazione gentilizia, visitabile, con spazi e appartamenti ben conservati e una straordinaria vista sul lago. Anguillara Sabazia ha un tessuto urbano degradante verso il lago e offre angoli caratteristici. Si presentano interessanti anche il Castello e il Museo Nazionale Veterani dello Sport. Trevignano Romano ha un interessante centro storico, un bel lungo lago con spiaggia e il Museo Archeologico con reperti etrusco-romani. Siamo a pochi chilometri da Roma, in una zona ben collegata con bus e linea ferroviaria alla città e ricca di interessanti momenti di visita di vario genere, do-

dall’alto verso il basso: Idrovolante Cant Z 506 “Airone” (1937) IMAM RO 43 “Grillo” (1937) Savoia Marchetti S 79 Sparviero “Gobbo maledetto” (1938) Caproni “Campini” (1941) 49


ve camperisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero possono trovare cordiale ospitalità dopo aver visitato il Museo Storico dell’Aeronautica, maggiore attrazione della zona.

INFO Museo Storico dell’Aeronautica Militare, Vigna di Valle (seguire le indicazioni) - Bracciano (RM) Ingresso gratuito - Visite guidate - Gift shop. Consentite foto e riprese a scopo amatoriale Orari: (01 giu / 30 set) 09:30 - 17:30 (ultimo ingresso ore 17:00) (01 ott / 31 mag) 09:30 - 16:30 (ultimo ingresso ore 16:00) Chiusura: Capodanno, Pasqua, Natale, lunedì feriali Tel. 06.99887508-9 musam@aeronautica.difesa.it Gps: 42,08612°N 12,21436°E Bracciano (centro storico) Gps: 42,10360°N 12,17556°E Anguillara Sabazia (lungo lago/imbarcadero) GPS: 42,09236°N 12,26829°E Trevignano Romano, Park libero: Via Madrid GPS 42,16334°N 12,23163°E

dall’alto verso il basso: Fiat G-59 scuola caccia A.M. (1951) Lockheed F-104 G (1962) Panavia “Tornado” (1974) Fiat G-91 PAN (1981) qui sotto, le rive di Trevignano Romano

50


C

hi non ha ammirato almeno una volta le opere conservate nei celebri Musei del Vaticano, rimanendo magari a lungo con il naso all’insù, affascinato dalla sorprendente e maestosa bellezza della Cappella Sistina? Essere appagati da una sola visita della considerevole raccolta artistica, è certamente difficile. Questa sintesi fotografica e la breve descrizione che la accompagna propongono emozioni probabilmente già provate ed è un invito a vivere questa esperienza rivolto a chi non ha mai visitato questi musei.

I Musei Vaticani, voluti da papa Giulio II, sono stati realizzati nel XVI secolo e raccolgono capolavori di vari autori. Alcuni ambienti che li costituiscono sono stati affrescati da Raffaello, come gli appartamenti papali e la Cappella Sistina. Un ideale percorso può iniziare entrando nell’ampio cortile cosiddetto della Pigna, passando nel Museo Egizio, uno dei numerosi settori a carattere tematico che suddividono i Musei. Il Braccio Nuovo si raggiunge attraverso il Museo Chiaramonti, dove possiamo vedere tra le altre opere “Basileno con il giovane Bacco in braccio”, con la figura virilmente massiccia dell’uomo contrapposta al tenero gesto raffigurato. È una replica romana di un originale greco del IV sec. a.C. Nella IV sala della Pinacoteca, in parte dedicata a Melozzo da Forlì, tra le opere di questo autore, si potrà 52

Sarcofago XXI Dinastia (1000 a.C.)


ammirare il frammento di un affresco che rappresenta un “Angelo musicante”. È ciò che resta di una decorazione absidale della chiesa dei Santissimi Apostoli a Roma (1480 ca.). Sempre nella Pinacoteca, sala XV, degna di nota la grande tela “Il martirio di San Clemente” (1725 ca.) di Pier Leone Ghezzi. Lasciato il Museo Chiaramonti, si raggiunge il Cortile Ottagono del Museo Pio Capitolino, dove saremo attratti dal gruppo del “Laocoonte”, sacerdote di Apollo, strangolato da due serpenti marini con i suoi figli per volere di Atena, una delle opere più prestigiose dei Musei Vaticani, probabile copia del I sec. a.C. da originale ellenistico del III sec. a.C. Portata a Parigi da Napoleone nel 1799, fu riportata in sede nel 1815. Altro capolavoro degno di nota (Museo Etrusco – emiciclo inferiore), “Anfora con figure nere” del vasaio e pittore Exekias (530 a.C. ca.), straordinario esempio di arte attica, con Achille e Aiace che giocano a dadi, notevolmente curato nei particolari. Per raggiungere la Cappella Sistina, si attraversa la Galleria delle Carte Geografiche, con la meravigliosa volta realizzata da una schiera di pittori guidati da Girolamo Muziano e Cesare Nebbia. Sono raffigurate storie della Chiesa e dei Santi. La lunghezza della Galleria favorisce un particolare effetto prospettico. Giunti nella Cappella Sistina siamo al termine della visita, ma la permanenza sarà ancora lunga per l’interesse che suscitano le immagini affrescate e in particolare la parete di fondo dove è raffigurato il celebre “Giudizio universale”, ma qui, ahimè, le nostre macchine fotografiche e telecamere dovranno rimanere spente. Superato il book-shop, senza sfuggire alla tentazione di acquistare pubDall’alto verso il basso: “Basileno con Bacco in braccio” Melozzo Da Forlì “Angelo Musicante” (1480) Pier Leone Ghezzi “Martirio Di San Clemente” (1725 circa) 53


blicazioni e/o souvenir, usciremo dai Musei Vaticani, arricchiti dalla visita artistica appena conclusa.

accanto, Laocoonte (I sec. a.) sopra, Exekias “Achille e Aiace che giocano a dadi”, anfora (530 a.c. circa) in basso a sx Girolamo Muziano e Cesare Nebbia, volta (fine XvI sec.) INFO Visite e relativi orari hanno regole articolate come pure i giorni d’ingresso gratuito (ultima domenica del mese, salvo eccezioni) e di chiusura. Il biglietto d’ingresso è di € 15,00/pers. e dà diritto alla visita dei Musei Vaticani e della Cappella Sistina per il solo giorno d’emissione (possibile prenotazione on line). All’interno, vari servizi di ristorazione (bar-caffetteria, tavole calde, self service, ristorante). Possibili foto e riprese senza flash né ausili fissi (no Cappella Sistina). Come arrivare: Metro A - fermata “Ottaviano”. Ulteriori info: v. sito Musei Vaticani. Per eventuale visita guidata: Daniele Pastorini tel. 339.3488286 danpastorini@libero.it 54


I

l nucleo cittadino di Terracina, secondo indagini storiche, fu insediato da alcuni greci provenienti da Sparta, ancor prima che sorgesse Roma. Si avvicendarono poi genti etrusche e volsce e divenne infine colonia romana. La felice posizione sul mare, naturalmente protetta verso l’interno dalle propaggini dei Monti Ausoni, ha offerto attraverso i secoli luoghi ideali per stabili dimore, grazie anche al clima temperato della zona. L’abbondanza di corsi d’acqua e le fertili pianure, inoltre, hanno permesso facili coltivazioni, che offrirono importanti risorse alimentari. Con particolare successo fu coltivata la vite, che ancor oggi garantisce, se pur in modesta quantità, la tradizionale produzione di un vino tipico locale, il Moscato di Terracina, delizioso vino dolce e profumato. Terracina è stata per anni terra di confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli e vive oggi una realtà che la fa essere una piacevole località di vacanza per la stagione estiva, come in quella invernale, grazie alla sua vocazione turistica che le per56

mette di offrire attrezzature ricettive e di ristorazione sempre operative. Aspetto rilevante per la vacanza all’aria aperta sono i numerosi campeggi, che dagli arenili che caratterizzano tutta la fascia costiera che la circonda, si aprono sul mare limpido e pescoso. Dal porto canale si possono raggiungere facilmente le isole pontine,

perle del Tirreno e frequentate mete turistiche, mentre nell’entroterra sono molti i paesini caratteristici che meritano di essere visitati per gli ambienti tipici e le ampie vedute sul mare. Sulla città prospetta il Monte Sant’Angelo sulla cui sommità si trova il tempio di Giove Anxur. (I sec. a.C.). La zona archeologica intorno ad esso

Panorama sulla città - in fondo il monte Circeo


no senza dubbio di essere visitate, approfittando della presenza di numerose attrezzature di ogni tipo e dei bellissimi posti che si possono incontrare. INFO Terracina dista da Roma circa 100 km ed è raggiungibile attraverso la S.S.7 “Appia” o la S.S.148 “Pontina”. Molte le soluzioni di sosta libera durante la stagione invernale. In estate si consigliano campeggi o aree attrezzate a pagamento a causa del notevole afflusso turistico. qua sorpa, Il Porto Canale e i camper in sosta accanto a destra, Sul mare di terracina sotto a destra, Voli di gabbiani nei pressi del Porto Canale è visitabile e la terrazza naturale su cui si estende permette di avere una splendida vista sulla pianura pontina sino al Monte Circeo, sull’abitato e sul porto canale realizzato alla fine del ’700 per risanare in parte la vasta palude circostante. Il tempio si staglia sopra la città e rappresenta un suggestivo punto di riferimento anche dal mare. Tutta la zona, da Sabaudia e San Felice Circeo e, superata la città, a Sperlonga, Gaeta e Formia, importante porto pontino, propone luoghi e itinerari di grande interesse per il camperista, che può facilmente trovare aree di sosta e campeggi, alcuni dei quali aperti tutto l’anno. Varie le possibilità di gustare le specialità di mare in accoglienti ristoranti e sul porto canale della città presso le cooperative dei pescatori, rustiche trattorie dove si possono consumare piatti tipici a prezzi modici. E senza allontanarsi troppo, dalla parte opposta del canale, si può sostare anche per la notte (no stagione estiva). Non siamo molto lontani da Roma e la cittadina e le zone limitrofe merita58


Astri & Camper A cura di Oedema

L’era dell’Acquario

Q

ualcuno forse non sa che il 2012 segna ufficialmente l’ingresso dell’era dell’Acquario. Secondo il calendario platonico durerà un “eone” (circa 2160 anni) e garantirà sufficientemente i suoi straordinari influssi alle future generazioni. Iniziato timidamente già qualche decennio fa intorno agli anni ‘60, influenzando i primi movimenti dei pacifisti e della new age, la nuova era occupa il posto definitivamente di quella dei Pesci, che dominata purtroppo da Nettuno, irascibile e prepotente, ha segnato di fatto tutta la storia fin dalla Roma Antica con guerre e genocidi tra popoli assetati di potere e di ricchezza. Con questa nuova era inizia un periodo finalmente

diverso, fatto di pace, amore, innovazione e una particolare propensione alla solidarietà, democrazia e soprattutto con la ricerca di un nuovo stile di vita più in armonia con la natura. Per noi camperisti, che abbiamo tutti i caratteri degli Aquariani, o se preferite dei New Ager, propizierà momenti di stimolo e favorirà viaggi per conoscere e fare nuove amicizie e, perché no, per essere da esempio per le prossime generazioni.

Astro-previsioni per chi viaggia in camper nel 2012 Ariete

(21 marzo

- 20 aprile)

La vostra naturale esigenza estetica sarà gratificata da un radicale cambiamento del vostro camper, ma ciò comporterà una piccola battaglia con chi ovviamente vi comprende poco.

Toro

(21 aprile

- 21 maggio)

Non date ascolto alle critiche di amici e conoscenti, si tratta sempre di punti di vista personali. Le vostre scelte in termini di vacanza sono in sintonia con la libertà che ogni camperista ricerca.

62


Gemelli

(22 maggio - 21 giugno)

I figli che tirano calci nel seguire i propri genitori in vacanza, sono un classico, soprattutto se hanno una certa età, ma… avrete di che stupirvi in modo molto piacevole.

Cancro

(22 giugno - 23 luglio)

Con i tempi che corrono, sarà più difficoltoso pianificare il vostro viaggio forse anche un po’ troppo impegnativo. Ma alla fine tutto si sistemerà per il meglio.

Leone

(24 luglio - 23 agosto)

I problemi tecnici sul vostro camper non vi fanno stare tranquilli, ma non vi è veicolo, per quanto ottimo, che ne sia privo e comunque siete ben assistiti. Tutto si risolverà meglio del previsto.

Vergine

(24 agosto - 23 settembre)

Tra camperisti, si sa, si creano legami di amicizia anche molto forti… ma, attenzione, lo screzio è sempre in agguato! Meglio un po’ di privacy!

Bilancia

(24 settembre - 23 ottobre)

Un breve viaggio fatto da soli con il proprio partner risulterà piacevolissimo e contribuirà a rinsaldare la vostra unione ultimamente in difficoltà.

Scorpione

(24 ottobre - 22 novembre)

Sarete coinvolti in un viaggio importante che a lungo non vi convincerà nella partecipazione. Alla fine, accetterete con grande soddisfazione finale.

63


Sagittario

(23 novembre - 22 dicembre)

La vita è costellata di grandi e piccole rinunce, ma una in particolare, decisa con gran rammarico, si rivelerà invece una scelta indovinata.

Capricorno

(23 dicembre - 20 gennaio)

Non vi ostinate a voler portare con voi figli e nipoti: dopo i primi momenti di novità resterete solo voi e il vostro partner a godere del nuovo mezzo, magari fuori misura!

Acquario

(21 gennaio - 18 febbraio)

Se il desiderio di utilizzare il vostro camper è un po’ diminuito, il motivo è da ricercare nelle frequentazioni un po’ scontate: provate a cambiare.

Pesci

(19 febbraio - 20 marzo)

Le prossime vacanze estive saranno all’insegna del risparmio, ma la voglia di vacanza e il vostro camper sapranno guidarvi comunque verso luoghi d’inestimabile bellezza, anche se con un occhio al portafoglio.

Pillole di saggezza valide per tutto l’anno Il camper non è il fine per essere camperista, piuttosto è il mezzo per diventarlo, nell’ambivalenza del significato. Un buon camperista non si misura nell’utilizzo o meno di campeggi o aree attrezzate, ma piuttosto nella capacità di adattarsi alle più varie situazioni di sosta nel rispetto delle regole e delle proprie e altrui esigenze. 64


Un po’ di relax... senza schema 1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

di fsalus 19

20

21

22

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Cruciverba senza schema (annerire 63 caselle), soluzione a pagina 72

foto 1

foto 2

foto 3

foto 4

Orizzontali: 1. Aeronautica Militare - Storico quartiere romano - Colpevole - Una delle Gramatica - 2. Celebre pittore spagnolo - Possono essere di spina - Monarca - Scala incompleta - Nel tennis c’è quello Grande - 3. Radial Range Antenna - Città caraibica - 4. Lo progettò Giuseppe Sacconi (v. foto 1) - Segue il sol - Perla delle Egadi (v. foto 2) - 5. Film di Luigi Magni con Alberto Sordi e Nino Manfredi 6. Trieste - Congiunzione eufonica - Personaggio di Shakespeare - Dopo il bis 7. Electronic Eye Equipment - Atmosfera più corta - Custodia - Lo è la terra non irrigata - 8. Royal Group - Personaggio della mitologia greca - Simbolo della televisione - Lettera dell’alfabeto greco - 9. Spergiuro - Fiore delle Iridaceae (v. foto 3) 10. Manifestazione vulcanica - Signore romanesco - È coperto dall’esca - 11. Vi si può visitare un famoso orecchio (sigla) - Filosofia cinese - Insetto che frinisce (v. foto 4) - È la più alta città italiana - 12. Ha le gambe posteriori più corte delle anteriori - Può essere anche chimico - Afferma in russo. Verticali: 1. Comincia l’amore - Cittadini del capoluogo della Tuscia - 2. La terza nota - Braccare - 3. Trento - Prime del gemito - 4. Lo ha chi non ha ragione Competizione - 5. Trafficata arteria statale - Assicurazione Infortuni sugli Edifici - 6. Come dire aspre - Località di mare della Penisola Calcidica - 7. Si oppone a giù Come dire identico - Diametro Nominale - 8. Città laziale (sigla) - Acronimo Etimologico Descrittivo - Nei fumetti con Arturo - 9. Esercito Italiano - Sigla automobilistica dei Paesi Bassi - 10. Polimero del propilene - In coppia con Scarpelli - 11. Giunone greca - Capacità Intellettiva - Sigla per personaggi importanti - 12. Radio Emilia Romagna - Materiale per contenitori di ogni foggia - 13. Frutto amarissimo L’auto inglese - 14. Famosa quella di Milano - Guarnizione e lusso - 15. Nota casa discografica italiana fondata nel 1949 - Se ne fanno monili - Alta Tensione - 16. Instrument Landing System - Veloce motoscafo bellico - 17. Come dire stupido Prima nota - 18. Sconvolgere - 19. Precede Alamein - Può indicarlo uno striscione - Neutral Density - 20. Roccia argillosa - Coibente naturale - 21. Marina Militare Zona Neutra - Tipico quello del caffè - 22. Famoso quello di Pistoia.


C

’è una droga che tutti possiamo comprare perché non è illegale, si trova facilmente, non dà dipendenza e fa anche bene alla salute: è lo zafferano (dall’arabo az-za-faràn, “che vale lo stesso”, forse perché usato come genere di scambio). Lo zafferano si estrae da un bellissimo fiore color lilla, il croco (crocus sativas, fam. iridacee), che ha all’interno un filamento bianco terminante con tre pistilli di un bel rosso acceso. Da questi si estrae lo zafferano. La sostanza che essi contengono, la crocina, è quella che dà il caratteristico colore giallo; insieme alla crocetina e alla pirocrocina, fanno parte della famiglia dei carotenoidi. Lo zafferano è un vero elisir di giovinezza, contenendo un’enorme quantità di antiossidanti, cioè quelle sostanze che contrastano e neutralizzano i radicali liberi, le molecole che determinano l’invecchiamento cellulare. Oggi la vita media si è notevolmente 66


allungata, ma la vecchiaia è sempre uno spettro da allontanare, specialmente se si prospetta fatta di malattie e acciacchi vari. Arrivare, invece, a 80-90 anni, lucidi ed efficienti mentalmente e fisicamente, è obiettivo di tutti. La benefica polverina rossa ci può aiutare molto, basti pensare che una sola bustina di zafferano contiene l’8% di carotenoidi, mentre la carota che è uno dei vegetali più ricchi di questa sostanza, ne contiene solo lo 0,008%. Cinque grammi di zafferano puro contengono “caroteni protettivi “ del sangue pari a tre etti di pomodori, due etti di carote, tre etti di peperoni, due etti di spinaci. Molti credono che lo zafferano sia una sostanza chimica creata in laboratorio per colorare i nostri piatti, ma non è così. Quello di qualità, non adulterato con altri ingredienti o coloranti, ha un aroma tipico e un colore che nessuna miscela di spezie può imitare. Lo zafferano è più caro della cocaina (volendo assimilarlo scherzosamente a una droga) ma tale costo è giustifi-

cato da diversi fattori, basti pensare che la raccolta e la coltivazione sono interamente manuali. Inoltre per produrre un chilo di zafferano occorrono circa 150.000 fiori e quasi 500 ore di lavoro. Per fare una bustina da 5 grammi si usano 20 fiori, cioè 60 pistilli. Non sono assolutamente usati fertilizzanti, né pesticidi, né sostanze chimiche, ottenendo così un prodotto coltivato in modo assolutamente naturale. Nel mondo i maggiori produttori sono la Persia, l’India, la Spagna, la Grecia. In Italia troviamo qualche coltivazione di ottima qualità in Toscana, Abruzzo e Sardegna. Usato anticamente soprattutto come tintura, considerato prezioso come la porpora, il giallo-arancio dello zafferano era riservato a coloro che personificavano un messaggio spirituale, cioè ai mistici, ai filosofi, ai re. Il suo colore ricorda quello del Sole, archetipo per eccellenza apportatore di luce, vita e calore, che morendo e rinascendo ogni giorno materializza il ciclo della reincarnazione. Per questo

in Oriente ancora si usa regalarlo come portafortuna. Ancora oggi in India gli abiti nuziali femminili sono giallo arancio e gli asceti lo usano per tracciarsi sulla fronte simboli sacri. I monaci buddisti indossano vestiti color zafferano e alla morte del Buddha i suoi seguaci si ornarono con abiti giallo arancio per simboleggiare la sua illuminata memoria. Lo usavano anche gli antichi Egizi per tingere le loro toghe e le bende con cui avvolgevano le mummie, i re Assiri e i re d’Irlanda per le loro vesti e i re di Babilonia per le loro calzature. Nell’antica Roma si usava per tingere il velo delle spose, nel Medio Evo le nobili donne indossavano una sottoveste di seta tinta di giallo la prima notte di nozze. Insomma lo zafferano ha una storia millenaria, arriva attraverso i secoli come un raggio di sole sulla nostra tavola. Aggiungiamolo a tantissime pietanze, non solo al risotto. Potremo gustare anche noi la cucina dei re. 67


Freddo, pioggia, neve, ma… il camper va! A cura di Massimo Salussolia (meteorologo)

L

’inverno è, senza ombra di dubbio, il meno adatto e invitante rispetto alle altre stagioni, per metterci alla guida del nostro camper e affrontare strade, autostrade, itinerari, resi in alcuni casi difficoltosi e disagevoli dalle condizioni del tempo; gli effetti benefici ed emozionali dei nostri viaggi, le nostre agognate “uscite” sono spesso, infatti, condizionate da intemperie improvvise quali freddo, neve, pioggia, nebbia, ghiaccio. Sappiamo che nulla può fermare un camperista incallito, in possesso dei dovuti sistemi di efficienza e sicurezza, ma cerchiamo almeno di conoscere un po’ meglio gli elementi meteorologici così ricorrenti di questi tempi, sempre consapevoli che il camper è per antonomasia “ognitempo”! Abbiamo già affrontato compiutamente nei nostri precedenti incontri il fenomeno delle precipitazioni nell’atmosfera a carattere di pioggia, pioviggine, grandine, rovescio e possiamo affermare ora che questi pa-

rametri appartengono tutti alle categorie delle idrometeore, fenomeni che per definizione sono considerati e osservati nell’atmosfera o sulla superficie terrestre. A essi nondimeno vanno aggiunti, secondo la regola, anche la neve, la nebbia, la foschia, la rugiada, la brina, tutti elementi che precipitano o stazionano nelle immediate vicinanze del suolo modificando notevolmente con la loro presenza e persistenza lo stato e agibilità di strade, luoghi, terreni. Cosa intendiamo per precipitazioni? Consideriamo con tale dicitura tutti i fenomeni atmosferici associati alla caduta sulla superficie terrestre di acqua allo stato liquido (pioggia) o allo stato solido (neve o grandine) contenuta nelle nubi. Esse si presentano in modo uniforme o sotto forma di rovesci: nel primo caso sono associate a nubi stratiformi e possono avere carattere continuo o inter-

mittente, mentre nel secondo sappiamo bene che un rovescio di pioggia è caratterizzato da un inizio e un termine bruschi e da variazioni d’intensità generalmente molto rapide. Precisiamo che la quantità di precipitazione allo stato solido o liquido viene misurata in millimetri di altezza mediante appositi strumenti di raccolta e calibrazione. Quali caratteristiche possiede invece la neve? È costituita da cristalli di ghiaccio, dei quali la maggior parte ramificati e talvolta stellati; la temperatura al suolo o nelle immediate vicinanze, quantomeno nei primissimi strati dell’atmosfera prospicienti il terreno deve raggiungere valori intorno a 0°C, fermo restando alcune condizioni climatiche di masse d’aria contrapposte che comunque vanno considerate affinché la pioggia possa trasformarsi in neve durante la sua caduta (argomento da approfondire magari in un prossimo numero). I cristalli ramificati con temperature inferiori ai 5°C generalmente si riuniscono in fiocchi di neve: quante volte abbiamo visto rappresentare la neve con una sorta di asterisco ramificato e, in effetti, è proprio la sua classica forma! La grandine ha in sé dei cristalli di ghiaccio? Invero essa è una precipitazione di globuli o chicchi di ghiaccio del diametro di circa 5-50 mm, che cadono sia separatamente sia agglomerati fra di loro, costituiti prevalentemente da ghiaccio quasi trasparente; la caduta di grandine si verifica in presenza di forti temporali generati dai

68


cumulonembi, nubi che ben conosciamo, a differenza della neve che di regola è generata dai nembostrati, nubi più omogenee e vicine al suolo. Quali le proprietà della nebbia e della foschia? Fenomeni indubbiamente pericolosi dal punto di vista della viabilità e percorrenza delle strade, essi sono riconducibili soprattutto alla condensazione del vapor d’acqua in prossimità del suolo quando si raggiungono valori di saturazione intorno al 100% di umidità dell’aria e temperatura prossima a valori della tensione di saturazione della massa d’aria; il risultato tangibile e visibile all’occhio umano è la formazione di un certo numero di goccioline in sospensione nell’aria, che generano una riduzione della visibilità orizzontale sul terreno, in misura direttamente proporzionale alla loro concentrazione. L’insieme di goccioline prodotte dalla condensazione del vapore in prossimità della superficie terrestre costituisce una vera e propria nube al suolo del tipo “strato” e prende il nome di nebbia o foschia in base alla maggiore o minore visibilità che tali fenomeni stessi consentono; in particolare, per convenzione internazionale, si è stabilito che la prima riduce la visibilità sotto i 1000 mt mentre la seconda si attesta su valori di visibilità orizzontale sopra il chilometro.

slucida assume un fascino particolare rendendo l’ambiente quasi incantato; questi parametri sono influenzati strettamente dai valori di temperatura che in modo molto fine oscillano intorno allo 0°C ai limiti del ghiacciamento. Ricordiamo, a onor del vero, che pur essendo i due fenomeni regolati dagli stessi principi, è più facile incontrare la brina nelle notti d’inverno e la rugiada in estate quando il vapor d’acqua rimane all’inizio della condensazione con la presenza di acqua liquida sopraffusa.

E la galaverna? Questa suggestiva apparizione di ghiacciamento su alberi, piante, foglie esposte all’aperto tale da renderli di “cristallo”, è un fenomeno d’indubbio fascino irreale, legato soprattutto alla presenza di nebbia sulla zona, la cui formazione ha ragione di essere nell’istante in cui la temperatura dell’aria scende a valori inferiori allo 0°C. Terminiamo qui, ma con un “in bocca al lupo” a tutti sulle strade d’inverno!

Sono fenomeni altrettanto particolari la brina e la rugiada? Costituiscono comunque elementi del vapore acqueo che, per temperatura e umidità in essi contenute, vanno senz’altro accomunati alla condensazione delle goccioline d’acqua in sospensione nell’aria a contatto con il suolo, che soprattutto nelle notti invernali, tende a perdere e irraggiare il suo calore nelle sue circostanze, in presenza peraltro di calma di vento e cielo stellato. Brina e rugiada si depositano sull’erba dei prati e la coltre bianca tran69


Elogio della razionalità Parliamo di Maometto, di montagne e di elasticità… A cura di Ugo Sarzola

Il camper perfetto

U

na cosa è certa: non esiste il camper perfetto! Nell’immaginario di quasi tutti, questo dovrebbe essere una city car durante i trasferimenti e i parcheggi e un villaggio vacanze una volta in sosta ma, a meno di avere un futuristico costrittore/espansore molecolare (al momento di là da venire), non vedo soluzioni alternative. È però sempre vero che un problema si può vederlo da due lati; come dire se la montagna non va a Maometto… in fondo, basta girare il binocolo e ciò che appariva grande e vicino appare piccolo e lontano o viceversa. Intendo dire che possiamo sopperire con l’iniziativa e la razionalità dove non possiamo arrivare con altri metodi per cui, non potendo agire sulle dimensioni fisiche del camper, per renderlo di volta in volta adatto alla bisogna, bisognerà agire con razionalità e buona volontà. In fondo il camper è come un amplificatore: richiede una piccola quantità di applicazione in ingresso per dare, in uscita, grandissime soddisfazioni; vediamo allora com’è possibile agire. Come agire Il nostro mezzo non è un magazzino quindi non facciamolo diventare il ricettacolo di quanto non vogliamo tenere in casa o non abbiamo voglia 70

di scaricare. Posso anche capire che continuiamo a tirarci dietro il gommone anche in settimana bianca per poterlo utilizzare come maxi slittino. Non riesco ancora a capire, però, la presenza al mare di catene e scarponi (forse le catene possono ser vire ad ancorare il gommone/ slittone…). Battute a parte, non è possibile pensare di tenere tutte le giacche a vento che non utilizziamo al momento dentro all’armadio anche d’estate o sdraio e ombrellone anche d’inverno. Cerchiamo di tenere solo quanto è necessario per l’uscita o il viaggio che intendiamo fare al momento. Inoltre, ovunque si decida di andare per un fine settimana o per un viaggio di un mese, esistono supermercati e negozi, per cui è inutile mantenere scorte di cibo e scatolame vario come se ci preparassimo a seguire un esploratore in zona desertica! Ne guadagneremo in peso e spazio vitale ed eviteremo di trasportare a vuoto cibarie che alla fine non consumeremo: al massimo posso capire una scorta del nostro caffè preferito…

autostrada sia nei paesi attraversati. Nonostante questo, qualora si ritenga necessario far installare doppi serbatoi, specialmente se si viaggia con bambini o comunque in più di due, è utile non esagerare nelle capacità; è sufficiente un serbatoio di modeste dimensioni che possa far da “tampone” in caso di esaurimento del principale. Se ne guadagnerà in peso e si manterrà spazio per altre cose. Inoltre ricordiamoci di

Le scorte fisse Passiamo al capitolo scorte fisse. L’acqua, anche quella in bottiglia, si trova ovunque e per tutti i gusti. Le scorte contenute mediamente nel serbatoio, per una coppia, sono generalmente sufficienti per almeno tre giorni e, ormai, è facile trovare ovunque aree di rifornimento sia in

È proprio tutto necessario per una decina di giorni presso un campeggio sul mare?


scaricare, ogni volta se ne abbia la possibilità, le acque grigie: ne trarremo giovamento sia sul versante tranquillità evitando di ritrovarci i serbatoi pieni quando non possiamo scaricare, sia evitando di sollecitare inutilmente gli organi meccanici. Siamo poi sicuri di aver sempre bisogno del massimo carico in fatto di gas? Dobbiamo far funzionare la stufa tutto il giorno o dobbiamo solo far andare il frigo e cucinare? O addirittura anche il frigo possiamo mandarlo a 220 Volt in quanto siamo in campeggio allacciati alla colonnina di alimentazione elettrica? Facciamo due conti e, al limite, prendiamo in considerazione l’idea di scaricare una bombola quando non serve! Per quanto attiene l’alimentazione elettrica, serve sempre il generatore a bordo? La batteria servizi, se utilizzata al meglio, magari con un caricabatterie a processore insieme con un pannello fotovoltaico può bastare per le nostre necessità anche d’inverno; facciamo due conti sulle nostre utenze più comuni e sul loro assorbimento: la consapevolezza

chiarisce sempre le idee. Inoltre, a meno che non si voglia rimanere allacciati ai servizi di casa, è inutile portarsi dietro chilometri di prolunghe elettriche o tubi di gomma: ne basta qualche metro. Non lesiniamo invece su adattatori elettrici e idraulici in modo da poter far fronte a tutti i tipi di attacco sia elettrico che idrico. Purtroppo anche nei migliori campeggi non tutti usano attacchi standard! Il gavone Entriamo ora nel gavone o nel garage: quanti camperisti avete visto dilettarsi a rifare il motore o a smontare la testata durante le vacanze? Allora perché si trovano montagne di utensili all’interno di grandi contenitori metallici nelle capaci “pance” dei nostri mezzi? A volte ho creduto di vedere anche torni portatili o trapani a colonna… Anche in questo caso credo basti una scorta di utensili di base e, comunque, adatti alle capacità manuali di chi li possiede (nel mio caso la borsa attrezzi potrebbe contenere anche solo il

cellulare per chiamare il soccorso stradale). Le bici Uno dei momenti migliori delle soste è quello dell’uso delle biciclette e, se le usiamo, portiamole sempre con noi ma se sappiamo di non poterle usare… In ogni caso pensiamo a dei mezzi adatti maneggevoli, leggeri, compatti da poter piegare e mettere anche dentro il camper nei casi in cui non ci si fidi a lasciarli fuori. E’ sempre meglio avere strumenti adatti che adattati. Quanti siamo dove andiamo? Anche tavoli e sedie siano rispondenti a queste domande. Conclusioni Si potrebbe continuare a lungo ma, come avrete certamente capito, volevo, con queste mie note banali, dare semplicemente uno spunto di riflessione. Vinciamo dunque la pigrizia, valutiamo le nostre necessità rispetto al momento e avremo sempre… il camper perfetto. 71


Dal 18 al 25 marzo eccezionale opportunità

CAMPER FACILE oggi scegli e acquisti, al 13° mese puoi restituire il camper* o permutarlo con uno nuovo** di via Pontina - Roma

* Sarà reso intero valore del veicolo decurtato di euro 5.000 oltre eventuali danni prodotti e spese amministrative. Valido solo per acquisti di privati con finanziamento. ** Sarà riconosciuto l’intero valore pagato con la formula “valore certo”.

Soluzione del cruciverba a pagina 65 A

M

M

I

T R

R

O

A

S

T

E

M

U

R

I

R

R

A

V

M

V

I

T

T

O

R

I

A

N

O

I

N

N

O

M

E

D

E

L

P

T

S

E

D

E

E

R

G

B

U

G

I

A

R

D

O

E

I

E

Z

I

O

N

E

S

R

Z

E

N

A

I

E

E E

A L

N

A

T

M

O

I

R

R

E

A

R

O

L T

Z

P

E

E S

C

A

C

A

L

A

P

O

L

O

L

E

A

E

C

A

N

I

S

R

E

A S

M

M

L

A

M

O

L

E

V

A

N

Z

O

S

O

V

R

A

N

O

R

T

E

R

O

A

R

I

D

A

T

V O

L

A

V

I

C

A

C

I

C

A

L

A

E

P

A

R

A

T

A

D

I

S

O

R E

O

R

A

B

M G

E

I

O

T L

R

Z

R L

O

A

M

N

N

A

D

A

O

O


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * Zaccari Caravan - Carthago Tourer T 143 Alta qualità a un basso prezzo

L

a nuova gamma Tourer nasce con il preciso intento di fornire un veicolo con gli stessi criteri costruttivi dei mezzi di “fascia alta” a un prezzo decisamente contenuto o addirittura inferiore rispetto ai modelli della concorrenza, che presentano un livello tecnologico notevolmente inferiore. La tipica struttura della carrozzeria dei modelli Car thago si ritrova anche nel Tourer. Questa struttura, priva di listelli di legno, ha pareti costi-

74

tuite da pannelli in schiuma rigida RTM rivestite su entrambi i lati in alluminio, soluzione che crea una sorta di “scatola” stabile e autoportante resistente a tutte le torsioni cui è sottoposto in viaggio ogni tipo di camper. Entrando più nello specifico, in questo modello certamente compatto, si evidenziano lo spazio sapientemente utilizzato e la lunghezza di appena 6,84 mt. I due letti gemelli posteriori di misure generose (0,80 x 2,05/1,95 mt)

sono comodamente accessibili grazie al pavimento rialzato e a due spaziosi gradini. Dalla parte del letto di destra, troviamo un capiente armadio alto 105 cm e a sinistra il frigorifero da 150 lt. Questa particolare sistemazione ha contribuito al contenimento degli ingombri esterni e Carthago ne ha richiesto il brevetto internazionale. La toilette è spaziosa e accogliente grazie al sistema “kombi-bad” con doccia rotonda separabile, concezione anche


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * questa preziosa per ridurre la lunghezza totale del mezzo. Il mobile cucina con fornello a tre fuochi, che essendo libero del sottostante frigorifero, ha grandi spazi di stivaggio resi ancora più pratici da sei comodi cassetti scorrevoli. Una dinette a “L” con la panchetta laterale in cui è alloggiato l’esclusivo sistema a scomparsa della tv, i sedili girevoli della cabina e il tavolo traslabile in tutte le direzioni, consentono una comoda seduta anche a cinque persone. Esternamente un ampio portellone si apre su un capiente garage, che può ospitare una moto di giuste dimensioni e la manovra di carico e scarico è facilitata dal pianale ribassato. Il mobilio un po’ più sobrio della gamma tradizionale è sempre robusto e preciso negli accoppiamenti e presenta maniglie e cerniere esclusivamente in metallo. Tra le ricche dotazioni, spiccano l’impianto d’illuminazione a led con comando d’intensità variabile. Il sistema di riscaldamento è particolarmente pregevole grazie ad una stufa Combi 6 e al doppio pavimento che consente un accumulo di calore. A temperature rigide il sistema garantisce una gradevole sensazione di calore e mantiene il pavimento sempre asciutto e riscaldato. Molte altre sono le innovazioni di questo piccolo, grande veicolo, particolarmente rivolto alle coppie mature ed esigenti che gradiranno anche l’esclusiva accessibilità di prezzo. (azac)

SCHEDA TECNICA Tipologia: profilato Posti omologati: 4 Posti letto: 5 Lunghezza: 6840 mm Larghezza: 2270 mm Altezza: 2780 mm Passo: 3800 mm Serbatoio acqua: 110 lt Serb. recup. acqua: 110 lt WC: cassetta thetford Stufa: truma combi 6 Frigorifero: 150 lt Motore: Fiat ducato 2,3 mjet 150cv euro 5 (telaio heavy) Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

€ 74.285,00

(pack welcome, pack quick up, airbag pass, cruise control, pied. stazion. oblò cucina, sog, set tubi acqua, tappeti cab./cell., set cuscini + coprilet.)

75


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * Centro Caravan Costantini - Rimor Europeo 5 Design elegante e prezzo competitivo

C

on una nuova livrea della cabina guida in colore argento metallizzato, la serie Europeo affronta la nuova stagione consolidando e affinando il successo che da anni la contraddistingue. L’Europeo 5 è il veicolo ricreazionale classico per eccellenza con letto matrimoniale in coda, abbinato a un grande garage e con ampia mansarda e comoda dinette tradizionale che può ospitare agevolmente quattro persone. L’attributo che più contraddistingue il veicolo è il grande garage cui si accede da una doppia porta da 129x86 cm, una per ogni lato del veicolo, rollbar interno in acciaio che garantisce un carico massimo di 450 kg, ancoraggi a pavimento e porta di comunicazione interna. Confermata la ricca dotazione di serie, che presenta il gruppo completo di finestre Seitz, frigorifero automatico da 145 lt, porta 76

d’ingresso con zanzariera, stufa Combi C6, bagno con box doccia separato da porta rigida, copri-sedili cabina guida in tinta con gli interni, tavolo dinette dotato di prolunga, portapacchi esterno con scaletta. Totalmente nuovo l’impianto delle luci interamente a led, di colore blu


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS *

quelle di cortesia in basso lungo tutto il perimetro interno della cellula, finemente abbinate ai nuovi tessuti della tappezzeria e ai colori interni dei mobili e delle rifiniture. Resta invariata la motorizzazione di base, realizzata con il Fiat Ducato 2,3 jtd da 130CV, chiaramente Euro5, con clima motore, chiusura centralizzata, ABS, doppio air-bag, alza-cristalli elettrici. A richiesta motore Fiat Ducato 2,3 jtd da 150CV e 3,0 jtd da 180CV. (lber)

SCHEDA TECNICA Tipologia: mansardato Posti omologati: 6 Posti letto: 6 Lunghezza: 7153 mm Larghezza: 2340 m Altezza: 3000 mm Passo: 3800 mm Serbatoio acqua: 40+60 lt Serb. recup. acqua: 100 lt WC: cassetta thetford Stufa: combi 6 Frigorifero: 145 lt Motore: Fiat ducato X250 2300cc 130/150cv euro 5 3000cc 180cv euro 5 Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

â‚Ź 50.240,00 (clima cab,airbag x 2, aBS, aSr, grigio metall, combi 6, batt. serv, s.l.)

77


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * Tecno Caravan - Laika Kreos 5009 Bello e funzionale

C

hi pensa che vivere nel bello migliori la qualità della vita, trova in Kreos il suo veicolo ideale. Ma il nuovo Kreos non è solo bello: è soprattutto estremamente funzionale per soddisfare le esigenze dei camperisti più esperti. La nuova linea Kreos è stata creata per chi ama il design, l’equilibrio delle forme, l’eleganza ma anche la praticità. Il design esterno raffinato, con mansarda e cupolino color argento, i colori sobri e preziosi rendono unici i Laika Kreos. Quattro modelli e molte varianti interne. Il 5009 si distingue per la particolare disposizione interna. Nella parte posteriore 2 letti singoli, attraversati da un mobile centrale molto capiente, che possono trasformarsi in un matrimoniale molto ampio e comodo. La parte anteriore è caratterizzata da una zona living estremamente godibile, eventualmente sovrastata da un altro letto (optional) con discesa co78

mandata elettricamente che consente di avere la capacità di ospitalità paragonabile a quella di un mansardato. I mobili hanno linee arrotondate e il loro design, in puro stile Laika, crea

un'atmosfera unica grazie anche alle numerose luci a led. La toilette è particolarmente comoda: vano wc e lavabo sono divisi dal box doccia, ma grazie ad un particolare sistema è


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS *

possibile creare un'ampia zona unica. Ampio vano garage in grado di accogliere le biciclette o la moto. I serbatoi dell'acqua e quelli di recupero sono tutti antigelo, garantendo la possibilitĂ di tranquille vacanze in montagna anche con temperature rigide. Alcune altre caratteristiche che rendono unici questi veicoli: impiantistica di eccellenza con sistema Laika Termo-Tech (17 metri di radiatori, doppio pavimento riscaldato); sistema di riscaldamento Alde di serie; scambiatore di calore Alde (per ri-

scaldamento durante la marcia); serbatoi acqua su piani riscaldati "Laika Calidarium System�; impianto idrico completamente protetto dal gelo (posizione antigelo prevista anche per il serbatoio acqua supplementare); impianto idrico con facile accesso da garage per pulizia; saracinesche degli scarichi serbatoi poste all'inter-

no in posizione antigelo; riscaldamento con radiatori anche nel doppio pavimento, in garage, sotto i sedili guidatore e passeggero e alla congiunzione tra pavimento cellula e cabina. Consigliamo questo veicolo a tutti coloro che amano il bello assoluto e vogliono concedersi il massimo.(smai)

SCHEDA TECNICA Tipologia: profilato Posti omologati: 4 Posti letto: 3+1 Lunghezza: 7.470 mm Larghezza: 2.300 mm Altezza: 2.998 mm Passo: 4.343 mm Serbatoio acqua: 62 + 62 lt Serb. recup. acqua: 124 lt WC: 18 lt (antigelo) Stufa: sistema alde Frigorifero: 150 lt Motore: Fiat ducato 2300cc/130-150cv euro 5, 3000cc-180cv euro 5 Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

â‚Ź 72.095,00 79


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * Area Camper - Arca P730 GLM Green Elegante e funzionale nel suo spazio

C

Nel doppio pavimento trova posto uno spazioso gavone passante per caricare bagagli sino a 2,1 mt di lunghezza. All’interno dell’intercapedine trovano posto i serbatoi dell’acqua, che abbassano il baricentro per aumentare la stabilità e sicurezza in marcia, già garantita dal telaio Fiat Al-Ko ribassa-

aratterizzano questo profilato dell’Arca un grande garage in coda e un ampio letto a movimentazione elettrica. La vivibilità interna è assicurata da uno spazioso living con dinette da 1,4 mt. La cucina è equipaggiata al top: piano in solida vetroresina Arca, frigo da

160 lt a doppia porta, cappa aspirante inox, forno a gas (optional) e comodi spazi di stivaggio tra cui una colonna attrezzata a scomparsa. Il bagno è diviso in due vani separati. L’illuminazione è a led in tutto il veicolo per assicurare bassi consumi, in linea con la Green Vision Arca. 80


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS *

SCHEDA TECNICA Tipologia: : profilato Posti omologati: 4 Posti letto: 4 + 2 Lunghezza: 7400 mm Larghezza: 2350 mm Altezza: 3030 mm Passo: 4343 mm Serbat. acqua: 80 lt (+70 lt opt) Serbat. recup. acqua: 100 lt WC: 18 + 38 lt Stufa: truma combi 6 Frigorifero: 160 lt Motore: Fiat ducato al-Ko 2,3cc 130cv euro 5 Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

â‚Ź 76.890,00

(pack viaggio, pack stile, ecopelle+ tessuto, letto post. elettrico, batteria aGm, clima cabina)

81


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS * Nuova Riviera - Hymer B-Klasse 534 Compatto e spazioso

Q

uesto elegante motorhome segna un piacevole ritorno alla dinette posteriore a ferro di cavallo, soluzione ideale per offrire comodo spazio nei momenti conviviali; il suo divano presenta due panche regolabili in altezza per variare le dimensioni del garage e il tavo-

82

lo si può abbassare all’altezza delle panche stesse per creare una superficie di riposo molto ampia. Un classico letto basculante scende in zona cabina di guida e completa la trasformazione per il riposo dopo i lunghi viaggi percorsi su questo veicolo molto contenuto negli ingombri esterni, ma capace di offrire all’equipaggio ogni comfort. La raffinata finitura di ogni particolare del mobilio si affianca alla funzionalità degli spazi presenti per la sistemazione degli oggetti e delle provviste, insieme al capiente frigo. Molto curata anche la scelta dei tessuti e dei loro colori che ben armonizzano con l’interno. Punto di forza di questo veicolo dell’Hymer, anche la funzionalità del bagno con doccia separata e accessori di prima qualità. Altra caratteristica peculiare che contraddistingue questo bel veicolo,

la facile accessibilità del gavone ad altezza regolabile (optional) grazie a un portellone su ogni lato e un altro sul retro del mezzo, proposta rivisitata dalla casa dopo molti anni. La motorizzazione è affidata al Ducato della Fiat che, oltre a essere rispondente alla normativa Euro 5,


* FOCUS * FOCUS * FOCUS * FOCUS *

SCHEDA TECNICA Tipologia: motorhome Posti omologati: 4 Posti letto: 4 Lunghezza: 6500 mm Larghezza: 2350 Altezza: 2900 mm Passo: 3450 mm Serbatoio acqua: 20/130 lt Serb. recup. acqua: 90 lt WC: cassetta thetford Stufa: truma combi 6 (alde compact 3010 opt) Frigorifero: 103 lt Motore: Fiat ducato 2,3 mjet 130/150cv – 3,0 mjet 180cv Trazione: anteriore

presenta la ben nota carreggiata posteriore allargata, così apprezzata dai camperisti per la sua eccezionale tenuta di strada e affidabilità. La motorizzazione può essere richiesta da 130 – 150 – 180 CV. (fsalus)

Prezzo chiavi in mano a Partire da

€ 88.600,00 (150cv, cruise ctrl, airbag x 2, f.nebbia, oscur. ant. pliss,+elettr, panca post,gav. regol, 3°-4° p.omolog, molle ant. magg, tel. maxi, omol. Pat.c)

83


* VETRINA * VETRINA * VETRINA * Zaccari Caravan - Roller Team Livingstone 5 maxi Fortissimamente camper SCHEDA TECNICA

P

er gli appassionati dei “camper puri”, il “5 maxi” è veramente il massimo del comfort. Grazie alla sua maggiore lunghezza rispetto ai suoi fratelli minori con appena 36 cm in più (un “fuoritutto” di mt 6,36), riesce a offrire tanto spazio da poter essere considerato un camper comodo fino a cinque persone. La dinette con i sedili girevoli e tavolo pivottante regolabile in qualsiasi posizione consente realmente a cinque persone di stare in tavola. La toilette decisamente spaziosa, anche grazie alla traslabilità del lavabo, permette un facile utilizzo della doccia, spesso penalizzata su questo genere di veicoli. Il vero punto di forza

84

di questo maxi camper è nella parte posteriore che consente con facili manovre di avere tre soluzioni alternative: due letti matrimoniali, un matrimoniale e un singolo, un matrimoniale con sottostante garage per ospitare una piccola moto. Dotazioni di primordine quale la stufa a gasolio da 6000 watt, il frigo trivalente automatico da 104 lt e il serbatoio-acqua di ben 140 lt, completano questo camper, veramente maxi sotto ogni aspetto.(azac)

Tipologia: van Posti omologati: 4 Posti letto: 5 Lunghezza: 6360 mm Larghezza: 2050 mm Altezza: 2650 mm Passo: 4035 mm Serbatoio acqua: 140 lt Serb. recup. acqua: 90 lt WC: cassetta thetford Stufa: a gasolio 6000W Frigorifero: 104 lt Motore: Fiat ducato 2,3 mjet 150cv euro 5 Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

€ 48.400,00


* VETRINA * VETRINA * VETRINA * Centro Caravan Costantini - Challenger Genesis 56 Confortevole e accessibile di prezzo SCHEDA TECNICA Tipologia: semintegrale Posti omologati: 5 Posti letto: 6 Lunghezza: 6990 mm Larghezza: 2300 mm Altezza: 2890 mm Passo: 4030 mm Serbatoio acqua: 140 lt Serb. recup. acqua: 105 lt WC: cassetta thetford Stufa: Webasto 4000 W Frigorifero: 145 lt Motore: Fiat ducato 35L 2300cc 130cv euro 5 Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

P

rodotto francese del gruppo Trigano che si differenzia da sempre per le molteplici soluzioni innovative. La gamma più folta è il Genesis che nei profilati sviluppa ben cinque soluzioni con letto basculante. Il Genesis 56 racchiude sei posti letto e garage su uno sviluppo di mt. 6,99. Oltre al matrimoniale fisso in coda, si realizza nella dinette trasformabile un comodo letto basculante.

Veramente ricca la dotazione del veicolo a partire dalla nuova meccanica Fiat Ducato Euro5 a carreggiata allargata con climatizzatore manuale, cruise control e colorazione esterna grigia metallizzata di assoluta eleganza.

€ 51.041,00 (pack silver, fodere cab., cruise control, batt. serv. S.L.)

Per la cellula abitativa abbiamo: frigorifero trivalente da 145 lt, oblò panoramico sul cupolino, riscaldamento Webasto, letto matrimoniale posteriore regolabile in altezza manualmente e copri sedili coordinati con gli interni. (lber)

85


* VETRINA * VETRINA * VETRINA * Tecno Caravan - Laika Ecovip 6 Comodo e accogliente SCHEDA TECNICA

U

n camper destinato a tutti i camperisti che vogliono un mezzo corto, per coloro che per la prima volta si avvicinano al mondo itinerante scegliendo un prodotto di qualità. Infatti, è un camper lungo poco più di 6 metri (6,25 mt per la precisione), si offrono sei posti omologati, sei posti letto e sei posti pranzo. E' un veicolo di fascia alta, con mansarda maxi dimensionata e le due finestre frontali, da sempre segno identificativo della serie Ecovip. Il nuovo Laika Ecovip 6 monta la meccanica Fiat Ducato da 130 CV (versione optional da 157 CV). Il veicolo prevede letti a castello trasversali con garage a volume variabile, una dinette completa nella parte anteriore e la cucina longitudinale di fronte alla di-

86

nette. La zona giorno presenta un’ampia cucina, super accessoriata, con piano d’appoggio supplementare, numerosi cassetti porta oggetti e un cestone estraibile da sotto il divano al quale è facile accedere grazie al tavolo abbattibile di serie a parete e un frigo grande da 150 lt. La grande versatilità del tavolo, posizionabile in tre modi: tutto aperto, mezzo aperto e a parete crea un grande spazio libero in soggiorno, dove ad esempio i bambini possono giocare in tranquillità. Le possibilità di stivaggio non si fermano qui. Laika, studiando la possibilità di sfruttare al meglio tutti gli spazi, ha creato un mobile sopra al frigo a volume variabile che, a seconda delle necessità, può essere facilmente regolato. Inoltre è fornito di serie il Laika Extention System, un sistema che permette di allargare di una seduta entrambi i divani della dinette classica e poter mangiare comodamente in sei persone adulte. Questo nuovo veicolo della gamma Ecovip presenta un grande doppio pavimento con gavone sottopavimento ad altezza maggiorata, ben 31 cm, nella prima parte, che facilita le operazioni di carico e scarico del materiale. Una porzione del doppio pavimento è attrezzata con una como-

Tipologia: mansardato Posti omologati: 6 Posti letto: 5 (6 opt) Lunghezza: 6.250 mm Larghezza: 2.300 mm Altezza: 3.200 mm Passo: 3.800 mm Serbatoio acqua: 80 + 20 lt Serb. recup. acqua: 110 lt WC: 18 lt (antigelo) Stufa: sistema alde Frigorifero: 150 lt Motore: Fiat ducato 2300cc 130/150cv - 3000cc 180cv Trazione: anteriore

Prezzo chiavi in mano a Partire da

€ 59.668,00

da slitta scorrevole (Laika Easy Loading System). Altro plus per lo stivaggio esterno è rappresentato dal garage porta moto, accessibile da entrambi i lati, con il portellone della parte destra davvero maxi dimensionato: 123 cm di altezza. Nota importante: il camper ha i serbatoi acqua riscaldati e in posizione antigelo; le pareti, il tetto e il pavimento sono in Styrofoam, materiale isolante ad alta densità che rende il veicolo particolarmente idoneo all’utilizzo invernale. Il riscaldamento è assicurato dalla potente stufa sistema Alde che, con il sistema di distribuzione dell’aria calda in mansarda, consente un comfort invernale straordinario. (smai)


* VETRINA * VETRINA * VETRINA * Nuova Riviera - Mc Louis Nevis 876 G Design esclusivo SCHEDA TECNICA Tipologia: motorhome Posti omologati: 4 Posti letto: 4 Lunghezza: 7440 mm Larghezza: 2350 mm Altezza: 2890 mm Passo: 4035 mm Serbatoio acqua: 110 lt Serb. recup. acqua: 100 lt WC: cassetta thetford Stufa: combi 6 Frigorifero: 150 lt Motore: 2300/3000cc Jtd 150/180cv euro 5 Trazione: anteriore

C

ome tutti i modelli della casa toscana, questo motorhome con la carreggiata allargata del telaio Fiat permette di viaggiare in grande tranquillità e sicurezza, offrendo soprattutto una guida piacevole. Un interno prestigioso con il letto a penisola, l’elegante bagno diviso in due ambienti, contraddistinguono la zona notte, ampliata da un letto basculante. Il già ampio garage può essere ingrandito grazie a un sistema esclusivo di regolazione in altezza del letto a penisola tramite un comando manuale posto nel gavone-garage. Piano

di cottura a quattro fuochi, ampio frigo, dinette verso cui ruotano i sedili della cabina, permettono una perfetta vivibilità del living durante la sosta. Con una serie di optional e due possibili motorizzazioni, entrambi su Fiat Ducato, la Mc Louis conferma con questo elegante motorhome la sua qualità. (fsalus)

Prezzo chiavi in mano a Partire da

€ 65.300,00 (clima cabina, cruise control, doppio airbag, traction plus, eSP, aSr, sedili girevoli, forno, oscuranti plissettati Seitz, eco-pelle, predisposizione x retrocamera)

87


usato Valore certo

Continua l’iniziativa de acquistando un camper usato riprendi i soldi spesi se passi al nuovo entro 12 mesi (escluso spese passaggio, sconti e promozioni)


* Su tutti i prezzi, in promozione e non, è escluso il passaggio di proprietà

L’usato di... Zaccari Caravan ROLLER TEAM D600

PLA M738

ARCA AMERICA 307

Ford transit 2,2 tdi anno 2009 posti 4 autoradio, clima cab

Fiat ducato mjet anno 2011 6 posti autoradio, clima cab.

anno 1998 Fiat ducato 2,5 td km 99400 posti 6/6 acc vari (gancio traino, sosp. aria)

€ 26.000,00 ex nolo

€ 47.000,00 ex nolo

€ 22.800,00

CHALLENGER GENESIS 43 GF

ADRIA CORAL S 670 SL

ROLLERTEAM GRANDUCA 255P

Km Ø Ford transit 2,2 tdci 140 cv posti 6/6

Km Ø Fiat ducato 2,3 mjet 130 cv posti 4/5

Km Ø Fiat ducato 2,3 mjet 130 cv

€ 38.900,00

€ 49.900,00

€ 44.900,00

AUTOROLLER 7 MAXI

Km Ø Ford transit 2,4 tdci 140 cv posti 7/5 € 39.900,00 90


* Su tutti i prezzi, in promozione e non, è escluso il passaggio di proprietà

L’usato di... Centro Caravan Costantini MOBILVETTA YACHT 88

MCLOUIS GLEN 363 Fiat ducato 2,5 d anno 1988 km 120.000 posti 6 acc vari

Fiat ducato 2,8 Jtd 127 cv anno 05/2004 posti 5 acc vari (sosp aria, clima cab, frigo 150 lt)

€ 11.000,00

€ 23.000,00

C.I. GRANDUCA 66

RIMOR S.BRIG 677 TC

Fiat ducato 2,8 Jtd 127cv anno 04/2002 km 69500 posti 6 acc vari

Ford transit 2,4 tdi 140 cv anno 06/2010 km 55800 acc vari (clima cab, frigo 150 lt)

€ 21.000,00

€ 36.500,00

KNAUS SPORT TRAVELER 708

ELNAGH BARON 48

Fiat ducato 3,0 Jtd 160cv posti 4 anno 09/2010 km 72700 acc vari (clima cab, oblò elettr, frigo grande)

Fiat ducato 2,3 Jtd 130 cv km 15000 posti 6/7 acc vari (clima cab, sensore park)

€ 39.700,00 (aziendale)

€ 30.000,00

KNAUS SPORT TI 700 VF

Fiat ducato 3,0 160cv anno 02/2008 posti 3 km 30600 acc vari (sosp aria, clima cab, frigo 150 Lt oscurante Seitz, doccia / gas ext) €35.000,00 92


* Su tutti i prezzi, in promozione e non, è escluso il passaggio di proprietà

L’usato di... Tecno Caravan LAIKA KREOS 3009

DUERRE START 480

MC LOUIS LAGAN 211

Fiat ducato 3.0 Jtd anno 2007 letto 3/4 acc. vari (clima cab./cell, forno, inverter, pann. sol., porta moto, risc. suppl., sosp. aria, ant. sat., scarichi elett., serb. grigie magg.)

Ford 2500 td letto 7 anno 2000 Km 79200 accessori vari (clima cab., pann. sol., porta bici, turbovent, retroc.)

Fiat ducato 2.2 multiJet Posti letto: 6 anno 2007 Km: 24800 acc.vari (antifurto, clima cab. porta bici, porta pacchi)

€ 49.900,00

€ 23.900,00

€ 29.900,00

LAIKA X695

LAIKA REXOSLINE 650

LAIKA KREOS 3008

Ford 2.4 td 140 cv letto: 6 anno 2009 Km: 24700 acc.vari (aria condizionata cabina, inverter, retrocamera)

Fiat ducato 3.0 multiJet anno 2009 Km 30000 letto: 4 acc. vari (clima cab.; doppio serb.; forno; inverter, retroc. pann. solari, doppio serb., risc.re suppl., antenna sat.

Fiat ducato 3.0 Jtd letti 4 anno 2010 acc.vari (clima cab., forno, inverter, pann. sol., porta moto, risc.re supp. doppio serbatoio, tv Lcd)

€ 39.900,00

€ 59.900,00

€ 59.900,00

ROLLERTEAM GRANDUCA G.

LAIKA KREOS 3010

LAIKA KREOS 3001

Posti letto: 6 anno 2005 Km: 38000 acc. vari (sospen. aria, portabici, portapacchi)

Fiat ducato 2.8 Jtd anno 2006 Km: 53000 letto 4 acc. vari (clima cab., forno, inverter, pann.sol., risc.supp., doppio serb., turbovent, imp. cB)

iveco 3.0 Jtd anno 2006 Km 62000, letti 6 acc.vari (clima cab./cell., gen.tec29, forno, inverter, pann. sol., risc. suppl., ant. sat., webasto,tv Lcd)

€ 32.900,00

€ 41.900,00

€ 55.900,00

94


* Su tutti i prezzi, in promozione e non, è escluso il passaggio di proprietà

L’usato di... Nuova Riviera HYMER C622 CL

ELNAGH BARON 37

Ford transit 2,2 tdi anno 2008 km 6800 posti 6/6 acc vari (clima cab, airbag)

Fiat ducato 2,3 Jtd 130cv km 30000 posti 6/6 acc vari (clima cab, airbag)

€ 43.900,00

€ 35.000,00 ex nolo

MCLOUIS LAGAN 253

HYMER TRAMP 672 CL

Fiat ducato 2,3 /130cv anno 2008 km 3600 posti 3 acc vari

Ford transit 2,2 130cv posti 2/3-4 km 21400 acc vari (ant. Satell, sosp. aria, retrocamera no monitor, riscald suppl, pan solari)

€ 28.000,00

€ 41.000,00 Unipro

GIOTTILINE GRAAL 400Y

MCLOUIS TRANDY 663

iveco 35c17 3000cc km 56000, anno 2007 posti 4/4 acc vari (ant sat, clima cab/cell, retrocamera, riscald suppl)

Fiat ducato 3,0Jtd 160cv km 8500 posti 4/4 anno 2008 acc vari (ant satell, clima cab, retrocamera)

€ 39.500,00

€ 41.000,00

GIOTTILINE GENETIX 700

iveco 35c17 Posti 4/4 km 9100 anno 03/2007 acc vari (sosp aria, clima cab, sensori park) € 48.000,00 96


Le ricette di

Via col Camper Ricette rapide e gustose di Patrizia Corsale

1 – Mezzi rigatoni con ricotta e salsiccia Ingredienti (x 4 persone): 400 gr di mezzi rigatoni (ottima anche la pasta all’uovo), 100 gr di ricotta di pecora, due salsicce di prosciutto, olio extra vergine d’oliva q.b, uno spicchio d’aglio. Mentre cuociono i rigatoni, sciogliere in una terrina la ricotta con un po’ di acqua di cottura, spellare le salsicce, schiacciarle con una forchetta e farle andare in un padellino con l’olio e lo spicchio d’aglio schiacciato. Quando la pasta è cotta, versarla nella terrina, aggiungere le salsicce, amalgamare il tutto e servirerla caldissima.

2 – Spalla d’abbacchio in umido con crostoni di pane Ingredienti (x 2 persone): mezza spalla d’abbacchio a pezzi, 400 gr di pelati, un rametto di rosmarino, due spicchi d’aglio, olio extra vergine d’oliva q.b, sale q.b, pepe q.b, mezzo bicchiere di vino bianco, due crostoni di pane casereccio. Rosolare la carne in un tegame con l’olio, il rosmarino e i due spicchi d’aglio, sfumare con il vino, quindi aggiungere i pelati, aggiustare di sale e di pepe e coprire. Cuocere a fuoco lento per un’ora abbondante. Guarnire il piatto con i crostoni insaporiti con aglio. Il sugo è ottimo anche per condire la pasta, aggiungendo una spolverata di pecorino. 98


Anno VII n. 18 - gennaio-aprile 2012 - Poste Italiane spa - Spedizione in abbonamento postale DL 353/2003 (convertito in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, Savona n. 14/2010

I PROFESSIONISTI

VIA COL CAMPER N. 18

Via col camper n° 18  

l'ultimo numero della rivista Via col camper, in occasione della manifestazione "Primavera in camper" dal 18 al 25 marzo 2012.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you