Page 98

TERRITORIO

Da Ossuccio al rifugio Boffalora di Samantha Panzeri foto Felice de Paoli e Samantha Panzeri ormai diventata mulattiera, percorre ora il versante nord della Cima della Duaria (1.447 m); a destra, oltre la valle, si distingue il rifugio Venini (1.576 m) tra i Monti Galbiga (1.698 m) e Tremezzo (1.700 m). Lungo il cammino si incontrano i resti di diverse costruzioni. Finalmente si raggiungono le prime case dell’Alpe Boffalora (1.265 m). Di fronte, una pozza d’acqua e la strada che sale da Pigra e, sulla destra, il rifugio. Per il rientro è possibile raggiungere comodamente e in discesa Pigra, quindi in funivia Argegno e da qui si può rientrare a Como in battello.

A pagina 192, una veduta dell’Isola Comacina da Ossuccio; sopra, una cappella della Via Crucis. A sinistra, l’oratorio di San Benedetto in Val Perlana On page 192, a Comacina Island view from Ossuccio. Above a chapel calvary. Left, San Benedetto in Val Perlana Oratory

Una tra le più belle escursioni che si possono fare nei dintorni del Lago di Como è quella che da Ossuccio giunge al rifugio Boffalora, nell’omonimo valico tra il Monte di Lenno e la Cima Duaria. Ammirando l’Isola Comacina e la penisola di Bellagio poste lì di fronte, si parte da Ossuccio e si sale sino al Santuario della Madonna del Soccorso. Un cartello indica questo cammino come la “via del Rosario”, il percorso è infatti sottolineato dalle cappelle votive del Sacro Monte – costruite in stile barocco negli anni 1635-1710 – raffiguranti episodi della vita di Cristo, proposti secondo i misteri del Rosario. Oltrepassate le cappelle si giunge al santuario (419 m). La chiesa, edificata nel 1590 e restaurata nel 1924, merita sicuramente una visita. Una volta ristorati si riprende

192

il cammino lungo una ripida mulattiera, che conduce nella Val Perlana. Spettacolare è l’Orrido del Tufo che il torrente ha tagliato nel monte alle spalle del santuario. Il percorso si snoda dentro un bosco fittissimo. Raggiunte le baite di Preda, mancano ancora due ore al Boffalora. Si svolta a sinistra. La mulattiera è sterrata ma con due strisce di cemento ai lati per agevolare il passaggio dei fuoristrada; al bivio (615 m) si svolta a sinistra. La passeggiata prosegue nel bosco. Uno slargo a sinistra poi, dopo un cancelletto, si segue una recinzione. Il percorso è molto ripido sino alla baita Carola, che precede un gruppo di abitazioni. È questa la località di Cassina (770 m). Ora il cammino si fa meno impervio, ma solo fino al successivo tornante

oltre il quale si riprende faticosamente a salire. Dapprima si incontrano tre baite, sulla destra, di fronte a una spiazzo erboso (895 m); poco più avanti due ruderi, altre baite, alcuni prati in vista di altre costruzioni prima delle quali si raggiunge un quadrivio (1.000 m). Un segnavia indica il rifugio Boffalora a 50 minuti di cammino lungo la via centrale. Subito dopo le prime abitazioni, al bivio occorre girare a destra. Si incontrerà un appostamento per la caccia: un ottimo punto da cui ammirare i monti e il lago sottostante (1.035 m). La strada ora è meno ripida e il fondo selciato è parzialmente coperto di erba e di terra. Raggiunti due vecchi baitelli – in cattive condizioni – posti sulla destra, si cominciano a intravvedere le baite dell’Alpe Boffalora. La stradina,

From Ossuccio to the Boffalora Shelter

One of the nicest walks you can do in the Lake Como area is the one from Ossuccio to the Boffalora shelter through the pass of the same name between Monte di Lenno and Cima Duaria. After lingering to admire Isola Comacina and the Bellagio Peninsula opposite you, you set off from Ossuccio up to the basilica of the Madonna del Soccorso. A sign indicates this walk as the ‘Via del Rosario’ because it’s been enhanced by the votive chapels of Sacro Monte – built in baroque style between 1635 and 1710 – depicting episodes in the life of Christ according to the mysteries of the Rosary. Once past the chapels you reach the sanctary (419 m). The church built in 1590 and restored in 1924 definitely merits a visit. After a break you start off on your walk again along a steep mule track up to Val

INFO Dislivello complessivo: circa 900 m - da Ossuccio (200) al rifugio Boffalora (1250 m) Difficoltà: sentiero facile, ma il dislivello è notevole Per rifocillarsi e pernottare: Rifugio Boffalora (telefono 0344.56486) Come arrivare: da Como, bus di linea oppure battello o aliscafo (ci sono diverse possibilità); in auto, da Como seguire la direzione Menaggio. INFO Overall height shift: about 900 m – from Ossuccio (200 m) to the Boffalora shelter (1250 m). Difficulty: easy terrain, but very steep gradient. Where to have a refreshment stop and stay the night: Rifugio Boffalora (Tel: 0344 56486). How to get there: from Como by Bus, or else by boat or hydrofoil (comprehensive service); by car, from Como take the road to Menaggio

193

Magic Lake summer 2008  
Magic Lake summer 2008  

Magic Lake #10

Advertisement