Page 1

“Questo libro

è un’impresa”


2


Questo libro è dedicato ai nonni Nicola, Matilde, Rocco e Anna, fonti di ispirazione continua e complici del nostro successo.

3


4


INDICE Intro Gli esordi I primi passi nel commercio I giocattoli Giochi, gioie e non solo... Rocco e Nicola, l’azienda dei figli Segni del destino Giocoleria L’import Maggio e la comunicazione Maggio e lo sport Maggio e il sociale Conclusioni Ringraziamenti

7 9 17 21 31 35 43 47 53 59 61 63 65 67

5


la ppe e Nico papĂ Giuse ma Rosa, occo, mam a sinistra R Maggio - D La famiglia

6


INTRO

“Una mattina ero nel mio letto. Mio padre si sedette accanto a me e mi disse ora che hai finito la scuola cosa vuoi fare? Vuoi lavorare con me, nei campi, o fare il commerciante? Io risposi secco e convinto: voglio lavorare nel commercio�. G. Maggio

7


Maggio di Giuseppe paese natale di Trivigno, Una veduta

8


GLI ESORDI

Il 24 agosto 1940 nasce Giuseppe Maggio. E’ con lui che ha inizio una storia affascinante, fatta di impegno, dedizione e volontà. Una storia che nasce tra le montagne lucane, in un piccolo paese di nemmeno 1000 abitanti. Trivigno. Un piccolo paese con una grande tradizione, quella del commercio. Sono infatti quattro gli ingrossi che dominano la scena dell’epoca: l’ingrosso De Marco, la Commerciale Basentini, La Fornitrice Meridionale e Vignola, quest’ultimo specializzato nella produzione di dolciumi. Giuseppe Maggio è poco piu’ di un bambino quando decide di muovere i primi passi nel mondo del lavoro. Ultimata la scuola, all’età di 11 anni, è il destino a guidarlo verso la scelta che lo condurrà, in futuro, alla guida di una grande azienda, la Maggio s.r.l. uno degli ingrossi di giocattoli e cancelleria piu’ grandi del sud, nata dal frutto della sua grande passione per il commercio. E’ il 1951, Trivigno è una piccola comunità, ci si conosce tutti, e le opportunità di lavoro non sono molte. C’è la possibilità di scegliere fra il commercio oppure il lavoro nei campi. Il piccolo Giuseppe

9


10 Giuseppe Maggi o con la mamm a in una foto d’ epoca


è un ragazzino in gamba, con tanta voglia di apprendere ed entusiasmo da vendere. Vendere. E’ esattamente ciò che lo interessa di più. Un cugino di suo padre, Giovanni Maggio, che era all’epoca uno dei soci della grande commerciale Basentini, uno dei quattro ingrossi più grandi della zona, lo prende con sè a bottega, come si usava fare spesso all’epoca, e comincia a spiegargli le prime regole del “buon commercio”. Cancelleria, merceria, abbigliamento, alimentari, sono alcuni dei settori trattati. E’ necessario avere buon occhio per acquistare la merce giusta, confezionarla e rivenderla ad un prezzo ragionevole. “Mi bastò un anno di esperienza nella commerciale Basentini per capire che quello che volevo fare nella vita era il commerciante. Fu un anno di duro lavoro, sebbene allora fossi solo un ragazzino, ma imparai tanto e quell’esperienza mi portò a decidere che volevo continuare” -dice Giuseppe Maggio- “Una mattina, mentre ero ancora nel letto, mio padre venne a chiamarmi e mi disse che Alfredo De Marco era venuto a prendermi per portarmi a lavorare da lui. Avevo lasciato il lavoro alla Commerciale Basentini da qualche mese, e mi chiese cosa volevo fare. Se lavorare con lui, nei campi, oppure riprovare con il commercio. Io risposi senza esitazione: voglio riprovare. Voglio fare questo lavoro”.

11


ll’ingrosso De Marco tino prezzi del 1951 de La copertina di un lis

12


E così fu. Era il 1953. Giuseppe Maggio comincia a lavorare per l’ingrosso De Marco all’età di 13 anni. Le mansioni svolte erano più o meno le stesse, si trattava di confezionare la merce per poi rivenderla ai commercianti. Gli articoli trattati dall’ingrosso De Marco erano moltissimi ma la drogheria era il settore che produceva più smercio. Durante il primo periodo non fu facile adattarsi ai ritmi di lavoro e alle scadenze nelle consegne. Ma la volontà era tanta e, nonostante la giovane età, Giuseppe lavorava sodo per apprendere quanto più possibile di quel lavoro che tanto lo attirava. “All’inizio, confezionavo spezie - dice il signor Maggio - era un lavoro meccanico che svolgevo con altri due miei colleghi. L’azienda comprava il pepe, il sale, il thè e altre cose di questo genere. Erano confezioni da 4 o 6 kg e il nostro lavoro consisteva nel prenderne dai 300 ai 500 grammi e confezionarle in bustine destinate alla vendita al dettaglio”. Un lavoro fatto di pochi semplici gesti ma di grande valore formativo. In quegli anni, infatti, Giuseppe apprende a pieno il valore del lavoro, delle ore impiegate per realizzarlo e soprattutto inizia a comprenderne i meccanismi. Operazioni come l’acquisto della quantità di merce commisurata alle reali potenzialità di vendita, la catalogazione dei prodotti in base ai prezzi al dettaglio e all’ingrosso e la relativa fatturazione, divennero il suo pane quotidiano. Esperienza. Questo era ciò che il piccolo Giuseppe stava lentamente “immagazzinando”, oltre ad acquisire dimestichezza

13


14 Una foto di Giuseppe M aggio al sa lone del gio cattolo di M ilano


anche con il vero motore del commercio, la matematica. Un mondo in cui tutto doveva tornare al millesimo senza scontentare nessuno, soprattutto la clientela che voleva e doveva trovare convenienza nei prezzi e qualitĂ nei prodotti.

15


16 La vetrina del primo negozio Maggio in Via Pretoria


I PRIMI PASSI NEL COMMERCIO

All’età di 20 anni Giuseppe lascia la ditta De Marco per cominciare a muovere i primi passi in autonomia. E’ per questo che, dopo qualche altra esperienza lavorativa al di fuori dal mondo del commercio, decide di entrare in società con un suo cugino e trasferirsi in città, a Potenza. La merceria e l’abbigliamento sono il perno di questa nuova attività. Ė l’alba di una nuova avventura. L’entusiasmo e la voglia di fare ora sono affiancati da un’esperienza di quasi 10 anni nel settore. Cosa non da poco se si considera il fatto che Giuseppe ha appena 23 anni. Ecco allora che per partire bastano un piccolo magazzino, buona volontà e amore per il lavoro. “Ricordo che andavamo a Napoli a comprare la merce, da “super” grossisti che all’epoca andavano per la maggiore - prosegue Giuseppe - e là cercavamo di acquistare i quantitativi giusti di merce, ma soprattutto prodotti che fossero realmente richiesti sul mercato potentino. Come sapone da bucato, camicie, calze, spago e tutto ciò che potesse essere rivenduto con facilità e che non creasse rimanenze in magazzino”. L’esperienza di collaborazione con un socio fu intensa ma breve. Durò poco, ma furono anni importanti e pieni di eventi che plasmarono e affinarono le tecniche commerciali acquisite fino

17


del lavoro Premio civiltĂ

18


a quel momento. Il passo decisivo verso la piena autonomia era infatti alle porte. Giuseppe era ormai un adulto, consapevole di ciò che avrebbe fatto nella vita e di ciò che voleva. E non era più solo, accanto a lui c’era una donna. Rosa. Sua futura moglie e compagna di vita, la persona che da lì in poi avrebbe condiviso tutto con lui. Gioie, momenti difficili, ma anche tante soddisfazioni e successi. Una figura importante nella vita e nel lavoro. “Decisi di mettermi in proprio e mi spostai in centro” - continua Giuseppe - “dove affittai un piccolo locale in Piazza XVIII Agosto per cominciare la mia attività in piena autonomia. Inizialmente trattavo articoli di corsetteria, merceria di vario genere e perfino biancheria per la casa. Oramai ero esperto in quel settore perciò non avevo problemi ad acquistare la merce, sapevo dove rivolgermi per ottenere prodotti che avessero un buon rapporto qualità prezzo. La vera novità consisteva nell’aver introdotto nel mio sistema di vendita anche il dettaglio, attività nella quale mi ero cimentato poco, per dedicarmi invece all’ingrosso”.

19


i anni ‘50 mioncino dei prim Un modellino di ca

20

Un mod ellino d i Vespa

dei prim i anni ‘5 0


I GIOCATTOLI

Correva l’anno 1968. Un anno che segnò una vera svolta nell’attività di Giuseppe Maggio. In quell’anno, infatti, fra gli scaffali del piccolo magazzino, adesso trasferitosi in Via Pretoria, fanno irruzione dei simpatici oggetti colorati. I giocattoli. “Per me fu una grande novità, non avevo mai trattato articoli del genere e non sapevo nemmeno come orientarmi sull’acquisto. Non conoscevo quel mercato e di conseguenza non sapevo cosa potesse piacere al pubblico dei più piccoli. Feci questo passo anche per distaccarmi da tutti gli altri commercianti del mio paese, Trivigno, che vendevano soprattutto merceria e cancelleria. In questo modo ero l’unico ad avere un articolo del genere e potevo lavorare con meno concorrenza”. Ma la concorrenza non è mai stata un problema per la famiglia Maggio, anzi è stata spesso uno sprone per fare meglio. Passione, impegno, perseveranza. Questa è la ricetta, che ha portato l’azienda Maggio a crescere e consolidarsi. Passione, quella di chi ama il proprio lavoro. Impegno, la dedizione quotidiana che porta risultati concreti. Perseveranza, quella tenacia che non ti fa mollare davanti agli ostacoli. E così, con grande entusiasmo mescolato a un pò di incertezza, Giuseppe e Rosa cominciano l’avventura nel mondo incantato dei giochi.

21


i primi anni ‘60 lizzate, Michela de mbole commercia Una delle prime ba

22

Barbie

Chic de l 1968


Il primo prodot to import

“Gli acquisti avvenivano per lo più a Napoli -ricorda Giuseppe- dove c’erano i grossisti migliori e una vasta scelta”. Erano gli anni del boom economico e nelle camerette dei bambini italiani facevano la loro apparizione una grande quantità di giocattoli, di ogni forma e colore, mattoncini, macchinine e, per le femminucce, le bambole. “Michela” era una delle più richieste. Si trattava di una delle prime bambole meccaniche. Poche frasi, semplici e dirette, occhioni verdi e capelli castani. Era prodotta dalla ditta Sebino, che in quegli anni era riuscita ad imporsi sul mercato con i suoi prodotti innovativi. I bambini ne andavano matti.

23


Esterno del nego zio Giocoleria di via Torraca

ca ria di via Torra gozio Giocole Interno del ne

24


Ma Napoli non era l’unica meta per l’acquisto di giochi e balocchi. Milano, e le sue numerose fiere di settore, erano teatro di grandi affari e novità assolute. Nei primi anni ‘70 compare sulla scena il famoso Ciccio Bello. Il bambolotto più amato dalle bambine, ancora in voga sugli scaffali super tecnologici del 2009. Piangeva davvero e chiamava la sua mamma. Un’attrazione irresistibile per le bimbe che da sempre prediligono, nei loro giochi, immaginarsi già piccole donne alle prese con le faccende domestiche e con una prole da accudire amorevolmente. “Milano fu per noi un’esperienza incredibile. La prima volta che prendemmo parte ad una fiera non sapevamo come orientarci. Il mondo dei giochi era per noi davvero sconosciuto. Non conoscevamo le marche che andavano di più, quali fossero le migliori e quali quelle con il miglior rapporto qualità - prezzo. Per cui iniziammo comprando piccolissime quantità di ogni prodotto”. E così, gli scaffali del piccolo negozio Maggio cominciavano a riempirsi di giochi di tutti i tipi e marche. I prezzi sempre convenienti attiravano la clientela, e le novità non mancavano mai. Cominciava a fare capolino anche la mitica Barbie e il suo compagno Ken, con i loro vestiti colorati e la forma smagliante, il sorriso bianco e confortante incorniciato da splendidi capelli biondi. La coppia perfetta di americani. La più amata dalle bambine, la più richiesta in commercio. Pian piano, quindi, il progetto commerciale legato al mondo dei giochi prendeva forma, fino a concretizzarsi definitivamente con l’acquisto del primo

25


Una delle p rime bolle d i accompag na mento

o

ingross rgone dell’ Il primo fu

26


locale commerciale nel 1977. Quello di Via Torraca era un fabbricato abbastanza grande da contenere due attività, sia dettaglio che ingrosso di giocattoli e cartoleria. Anche in questo settore, quello della cartoleria, è necessario uno spazio sempre maggiore perchè l’offerta si fa più ricca, con astucci, diari e quaderni che iniziano a seguire il mondo dei bambini, con prodotti legati ai cartoni animati, ai fumetti ed ai personaggi dei film più in voga. “All’inizio è stata dura -dice Rosa- quel locale era un grande stanzone, un ambiente unico adibito a deposito di ferraglia da cantiere edile. Rimetterlo a posto è stata un’impresa. Bisognava ripulirlo, effettuare lavori idraulici e ritinteggiare le pareti, per non parlare poi dei pavimenti: tutti da rifare. Con grande impegno e pazienza, io e mio marito, abbiamo dedicato mesi interi e impiegato tutte le nostre energie per rendere quel posto il più possibile adeguato alla nostra attività e alla fine ci siamo riusciti. ”All’inizio l’attività nel nuovo magazzino procedeva tranquilla senza particolari problemi: “avevamo una persona che si occupava delle consegne e del trasporto della merce -continua Rosapoi c’era il sig. Ferrara, una persona affidabile e precisa con la quale si collaborava bene perché dedita al lavoro. Ma ci rendemmo conto di aver bisogno di più spazio e soprattutto di dividere i due settori, quello del dettaglio e quello dell’ingrosso. Le due cose spesso erano in disarmonia fra loro, rendendo la gestione

27


Giuseppe Maggi o

a dell’Edilizia La sede di vi

28


del lavoro davvero difficoltosa. ”L’ingrosso è sempre stato il perno dell’attività commerciale Maggio. Di abbandonarlo non se ne parlava nemmeno, perciò bisognava trovare una soluzione e in fretta anche. Lo spazio a disposizione nel locale di Via Torraca non era sufficiente, si sentiva la necessità di dividere in modo netto l’ingrosso e il dettaglio. Dopo qualche tempo, la soluzione arrivò. “Dopo snervanti ricerche trovammo questo locale in Via dell’Edilizia -prosegue la signora Rosa- ci sembrava fosse quello giusto per poterci appoggiare con l’ingrosso e così fu. Certo anche quest’ennesimo spostamento non fu una cosa semplice, eravamo consapevoli dell’ulteriore sforzo a cui andavamo incontro ma la nostra forza era il sorriso e la fiducia in noi stessi. Questo ci ha sempre motivato e ci ha permesso di non mollare mai”.

29


mbola di pezza Una meravigliosa ba

30


GIOCHI, GIOIE E NON SOLO..

Furono anni difficili, di sacrifici enormi e non soltanto per il signor Giuseppe e la signora Rosa, ma anche per i loro due figli. Rocco e Nicola. Una famiglia forte, unita, certo. Ma anche continuamente sotto stress per via di un lavoro impegnativo e costante. “Ho ricordi nitidi e chiari di quei tempi - dice la signora Rosa - lavoravo molto perché in negozio, in Via Torraca, ero sola e dovevo pensare a tutto io. Mio marito si occupava dell’ingrosso in via dell’Edilizia e non potevo fare altrimenti. Non fu un’impresa facile ma cercavo di fare quello che potevo per non far mancare loro la mia presenza. Oggi mi rendo conto però di quante cose mi sono persa della loro infanzia. Troppe forse. Ma sono orgogliosa di loro e di quello che sono diventati oggi. Una parte importante di questa azienda. Fondamentale direi”. La signora Rosa ha le lacrime agli occhi quando ricorda quei giorni, e’ una donna forte ma allo stesso tempo molto sensibile. Nei suoi occhi si intravede una luce particolare, un guizzo, una scintilla di vita così intensa che è difficile non notare. Come se il lavoro e la famiglia non bastassero già di per sè, la signora Rosa ha dedicato una grossa fetta del suo tempo e delle sue energie alle persone in difficoltà.

31


rco di Montereale targata Maggio al pa Un momento di festa

32


La spinta propulsiva è stata la grande fede in Dio che da sempre la accompagna in qualsiasi attività, dal volontariato fino all’associazionismo in organizzazioni benefiche no profit come l’A.I.L. Una grande energia, dunque, tante soddisfazioni ma anche tante rinunce. “Eravamo sempre di fretta -ricorda ancora- sempre di corsa, senza sosta. Quando Rocco e Nicola furono un po’ più grandi cominciai a portarli in negozio con me. Rocco, il più grande, appena quindicenne cominciò a darmi una mano con i clienti, compatibilmente con la scuola e con i suoi impegni di adolescente. Anche Nicola appena raggiunse un’età tale da permettergli di aiutarci lo fece senza pensarci due volte. I miei figli, come noi, hanno spesso e volentieri accantonato anche i loro interessi e le loro attività da adolescenti per aiutarci con il lavoro. E questa è stata la nostra forza più grande. Loro sono il mio tesoro più grande”. Ed è proprio con la partecipazione più attiva di Rocco e Nicola che l’azienda fa un salto in avanti. Idee nuove, energie nuove, con la passione che caratterizza le imprese familiari. Inoltre, l’arrivo dei primi dipendenti dà una spinta e un aiuto in più nella gestione del lavoro.

33


o di San Rem ola al Rally Rocco e Nic Una foto di

34


ROCCO E NICOLA, L’AZIENDA DEI FIGLI

Fin dalle scuole medie, durante il periodo estivo, il maggiore dei figli, Rocco, trascorreva la maggior parte del suo tempo nel negozio di Via Torraca. Al piano strada c’era la cartoleria, 100 mq, che era collegata col piano di sotto, riservato ai giocattoli, attraverso una scala a chiocciola. L’estate era il momento di maggior fermento per l’attività dell’ingrosso Maggio nel settore scuola. In quel periodo dell’anno ci si dedicava maggiormente ai negozianti, che richiedevano merce del settore cartoleria per i rifornimenti necessari per l’inizio della scuola. “Trascorrevo il mio tempo al piano di sotto del negozio, certo non era il massimo del divertimento per me, vedevo i miei amici che uscivano a giocare a calcio all’aperto e a fare mille attività. Io dovevo aiutare i miei genitori che erano impegnati a preparare gli ordini per l’ingrosso e il negozio non poteva di certo rimanere vuoto.” Questo fino all’età di 16 anni, quando Rocco comincia a lavorare per il settore ingrosso e a viaggiare con una persona che lavorava per l’azienda come autista. Comincia così l’esperienza del rapporto diretto con l’ingrosso e con tutte le relative responsabilità che ne conseguivano. Ordini da fare,

35


36 Autoarticolato Mag gio Ingrosso per il trasporto delle mer ci


La bambola im port “presenta” la sala campion aria

clienti esigenti, precisione nelle consegne. Tutto questo richiedeva professionalità e comportava un grande impegno, come trascorrere molto tempo fuori casa, a volte anche 2 o 3 giorni di seguito, spostandosi continuamente in Basilicata e nelle regioni limitrofe. Fatto questo percorso iniziale, nel 1985, dopo il diploma di Rocco, l’ingrosso si sposta in Via Dell’Edilizia, e da questo momento la sua presenza in azienda si fa più costante. “Realizzai da solo la scritta Maggio Ingrosso sulla facciata del magazzino -prosegue Rocco- in quel periodo stavo svolgendo il servizio militare qui a Potenza, e la sera, durante le ore di libera uscita, mi arrampicavo sull’impalcatura”.

37


Interno ingrosso C.da Rio Freddo

Rio Freddo Primo plesso in C.da

38


Siamo nel 1988, l’attività in via dell’Edilizia conta sette persone in tutto. Una squadra piccola ma efficiente e professionale, dove fa la sua comparsa anche il primo computer per la gestione aziendale. Il primo anno trascorse tranquillo, il lavoro fluiva senza particolari problemi di spazio, ma il cruccio di non aver ancora realizzato un magazzino di proprietà era ancora nell’aria. Un’altra riunione di famiglia, un’altra decisione da prendere: cercare un terreno dove poter iniziare a costruire un sogno, quello di un magazzino grande ed efficiente. Un’impresa ardua e complessa, un passo meditato e ponderato nei dettagli ma pur sempre dalle prospettive incerte. Dopo svariate ricerche, ecco il terreno perfetto, ampio e ben posizionato, nell’area industriale in contrada Rio Freddo. Dopo qualche tempo cominciarono i lavori per la costruzione del nuovo magazzino, finalmente “di famiglia”, un posto ben organizzato per la vendita all’ingrosso e per la gestione dei clienti. “L’inizio dei lavori del nuovo magazzino è stato entusiasmante per tutta la famiglia -ricorda Nicola- anche se non è stato facile. Io ero ancora un ragazzo, ma ricordo di essermi subito appassionato a quell’avventura. Dalle fondamenta al tetto sono passati 4 anni, lunghi e faticosi, per vedere realizzato il progetto per intero.” Tre livelli, 2400mq in tutto. Un sogno diventato realtà. Era il 1995 e tutto sembrava filare liscio. L’attività si sviluppava oltre le migliori aspettative, il

39


40 Sala campionaria Maggio Import C.da Rio Freddo


personale aumentava e gli ordini cominciavano ad arrivare anche da fuori regione. Lo spazio, che inizialmente sembrava più che sufficiente, dopo appena due anni di attività si rivelò ancora una volta sottodimensionato rispetto ai volumi di vendita, e nel giro di 3 anni, la struttura fu satura. Bisognava riflettere e in fretta sul da farsi per non rischiare di trovarsi con la merce appoggiata davanti al portone d’ingresso. Fortuna volle che accanto alla struttura appena realizzata dai Maggio ce ne fosse un’altra, di pari metratura, che faceva al caso. Bisognava trovare il modo di acquistarla e accorparla al magazzino centrale. Dopo pochi mesi e diverse trattative il nuovo plesso fu acquistato con successo e prontamente incorporato con alcuni lavori per adattarlo alle esigenze aziendali.

41


o della nuova sede a Tit cinese durante i lavori Rocco con un partner

42


SEGNI DEL DESTINO

Dal primo negozio sono oramai trascorsi oltre trent’anni, la bottega è diventata un’azienda con venti dipendenti, e i ragazzi sono diventati capaci di proseguire quel sogno che ha unito la famiglia. E’ quindi il momento di riflettere su una definitiva affermazione della Maggio ingrosso. Serve più spazio, una nuova forma societaria, un trasferimento di responsabilità e impegno alle nuove generazioni, una logistica all’avanguardia per competere sui mercati nazionali e una nuova visione di business orientata alla soddisfazione dei clienti. E’ con questo spirito che nasce Maggio3, dalla voglia dei giovani, Rocco e Nicola, di fare il salto di qualità tanto inseguito negli anni e spesso rallentato da un territorio, quello lucano, impreparato e numericamente insufficiente a sostenere un’impresa di queste dimensioni. “La domanda che tante volte ci siamo posti è: si può realizzare la nostra idea di impresa moderna ed efficente così lontani dai grandi numeri? Si può sviluppare un valore effettivo per il territorio e per l’impresa senza entrare in nuovi mercati?”. La risposta è scritta nel destino della Maggio3, che ha saputo fare sistema con le risorse locali e gli attori nazionali, sviluppando una politica commerciale che ha riscosso e sta riscuotendo successi in tutta Italia. In un progetto generale di rinnovamento, non poteva mancare l’individuazione di un nuovo spazio e la costruzione di un nuovo, definitivo, magazzino. Nella ricerca del luogo adatto alla costruzione della

43


dere forma mincia a pren de di Tito co La nuova se

44


nuova struttura, curiosamente ricomparve una località già presa in considerazione venti anni prima e scartata perchè in un primo momento dava l’idea di uno spazio troppo ampio e lontano dalle possibilità dell’epoca. Ma il destino era già scritto. E’ la svolta di Tito, un paese a pochi km dal capoluogo che presenta caratteristiche morfologiche molto prestanti dal punto di vista edilizio, con un’amministrazione locale sensibile alle esigenze delle imprese. Viene acquistato un pezzo di terreno, poi un altro. Poi, nel gennaio 2006, l’inizio dei lavori, questa volta seguiti in modo magistrale dal più piccolo della banda Maggio. Nicola. 3 anni di intenso lavoro per completare una struttura che si fa notare, anche per l’assoluto pregio architettonico e funzionale, distinguendosi nel panorama distributivo nazionale. Il progetto è stato curato dall’architetto Maroscia.

45


Maria alla Fiera dei tabaccai a Paestum

ocoleria per una convention Gi Allestimento scenico

46


GIOCOLERIA

Il marchio Giocoleria nasce nel 1995 in Via Torraca, nel primo storico negozio. E, dopo appena qualche mese, nasce il primo punto vendita Giocoleria autorizzato, nel nuovo centro commerciale Galassia a Potenza. Le paure che avevano inizialmente frenato gli entusiasmi, seppur timidi, di Rocco e di suo fratello Nicola e che avevano bloccato ogni decisione sull’apertura di altri punti vendita oltre a quello di via Torraca, si sciolse come neve al sole appena vi fu la conferma che c’era un potenziale di vendita che aspettava solo di essere aggredito. Di lì ad immaginare un’estensione territoriale più ampia, il passo è breve. L’occasione giusta si presentò nel 1998 con un locale nell’allora centralissima e trafficata via Mazzini, avviato nei primi mesi da Maria, storica collaboratrice del gruppo Maggio, attuale moglie di Rocco e da pochi giorni madre dell’ultimo arrivato, il piccolo Giuseppe, nato il 19 Aprile 2009. Ma se la formula è vincente, i clienti sono soddisfatti e il gruppo ha dimostrato di trarre la sua forza proprio dal fare sistema, era forse arrivato il momento di pensare a formule commerciali innovative. Andava affermandosi proprio in quegli anni il franchising, modello di distribuzione commerciale nato in America negli anni ‘60 ed esportato con successo in tutto il mondo : “la riflessione che mi spinse a pensare al franchising fu quella, nata in ore ed

47


Rocco ad u na delle Co nvention G iocoleria

iocoleria a convention G durante la prim Rocco Maggio

ria una convention Giocole Nicola Maggio durante

48


ore di discussioni con i miei clienti, che forse era giunto il momento di superare la tradizionale distinzione cliente- fornitore, per portarla a livello di partnership. Questo avrebbe consentito ad entrambi un risparmio notevole di tempo e risorse, grazie ad una standardizzazione dei metodi di lavoro, delle procedure d’acquisto e della gestione del cliente finale”. L’idea di portare una grande esperienza nella vendita al dettaglio, ma con la visione di chi fa ingrosso da sempre, risulta subito vincente, soprattutto per quei piccoli dettaglianti che, in un mercato sempre più competitivo, rischiano di rimanere schiacciati tra le richieste del cliente, sempre più complesse, ed una concorrenza sempre più agguerrita ed organizzata.

Marzo 99: nasce il franchising Giocoleria

Per essere un giorno di ottobre, era piuttosto soleggiato, nella splendida cornice montuosa di Rifreddo, a pochi chilometri da Potenza. E’ qui, nell’hotel Giubileo, che si è svolta la prima vera convention Giocoleria. Rocco aveva chiamato a rapporto 30 dei migliori clienti. Quelli più fedeli, ma anche quelli con la mentalità giusta per accogliere un’idea che qualcuno avrebbe potuto definire bizzarra e visionaria. Da quella riunione, Rocco uscì con 29 contratti firmati, sancendo così la

49


50 Interno del pu nto vendita G iocoleria di M elfi


Rocco Maggi o premia gli affiliati durant e una conven tion

nascita di una rete con 29 negozi, che avrebbero coperto Basilicata, Campania, Puglia e Calabria. Perché quell’entusiasmo? Perché quel numero di adesioni così importante? Di certo perché il progetto Giocoleria andava a colmare un vuoto, a soddisfare un’esigenza reale. Ma anche perché la famiglia Maggio, e Rocco in particolare, erano riusciti a trasferire un sogno, un’idea, come tante altre volte già in passato, che aveva entusiasmato e coinvolto tanti negozianti. Nel frattempo la presenza su Potenza si fa più importante con il nuovo negozio di contrada Gallitello, nato dall’esigenza di seguire l’evoluzione delle aree commerciali della città, con un punto vendita rappresentativo. L’apertura è del dicembre 2001.

51


Autoarticolato

personalizza

port to Maggio Im

52 Modelli Import con pro mozione “senza costi TV�


L’IMPORT

L’esigenza di essere sempre competitivi e lo slancio a guardarsi sempre intorno e a innovare, porta Rocco e suo fratello Nicola a interessarsi al mercato di importazione. Fin dai primi anni ‘90 i fratelli Maggio partono spesso per partecipare a convention e iniziative organizzate dai loro fornitori. Multinazionali in testa. Nel corso di queste convention si ha la possibilità di approfondire la conoscenza dei prodotti e delle relative tecniche di vendita. Ed e’ proprio in occasione di un viaggio organizzato dall’americana Mattel, che Rocco entra in contatto con la realtà del consorzio D.G. “Sfogliando con curiosità le pagine di quel catalogo, trovato su un sedile dell’aereo durante il viaggio, mi resi conto che l’offerta era ricca e avrebbe consentito di allargare la proposta commerciale con prodotti non presenti sul territorio nazionale. E in più i prezzi mi sembrarono davvero convenienti. Mi informai subito e capii al volo che non potevamo perdere l’opportunità di entrare a far parte di questo consorzio.” Per non perdere tempo si parte per Bergamo, dove si teneva una riunione del consorzio D.G. ed è lì che, parlando con il presidente del consorzio, Fernando Caldara, Rocco prende consapevolezza della necessità di farne parte. Importare merce dall’Oriente, da un grande Paese come la Cina, era ormai, oltre che una realtà per moltissimi imprenditori di tutto

53


Interno

e cope rtina

del prim o catalo go

DG

re sempre, il pallottolie Uno dei giocattoli di

54


il mondo, anche una necessità. Al rientro a Potenza la realtà era lì ad attenderlo nelle parole di suo padre, convinto che il progetto non fosse all’altezza della loro piccola, sebbene dinamica, realtà. Rocco non cede, resta convinto che quella possa rappresentare la giusta via per consolidare ed espandere l’azienda Maggio. Infatti uno dei problemi di quel periodo era dato proprio dalla restrizione dei margini, schiacciati da fornitori sempre meno disponibili e clienti sempre più esigenti. Questa prospettiva, unita a quel pizzico di coraggio necessario che aveva da sempre accompagnato ogni scelta della famiglia, porta l’azienda ad accettare la proposta di entrare a far parte del consorzio. I primi tempi furono segnati da una certa timidezza e da un’insolita cautela nell’effettuare gli ordini. Si cercava di capire come meglio approcciare con questo nuovo mondo fatto di riunioni al nord Italia con imprenditori e grossisti che si occupavano di grande distribuzione e che effettuavano ordini da migliaia di pezzi per articolo quando invece l’ordine più voluminoso effettuato in quel periodo dalla ditta Maggio era di poche centinaia. Ma questo fu un momento importante per i fratelli Maggio. Al di là di tutte le difficoltà, le paure e le incertezze del caso, il primo viaggio in Cina fu un’esperienza che andava oltre ogni immaginazione.

55


k Kong ta di Hon Una vedu

56


“L’impatto fu molto forte -dice Rocco- e non fu solo quello visivo a darmi una scossa incredibile, c’era qualcosa nell’aria, nella terra, nei volti delle persone che mi fece vivere momenti di incredibile euforia mista a una paura quasi infantile di scoprire il nuovo, il diverso, l’esotico. La Cina mi ha sicuramente permesso di pensare più in grande, di pensare che potevamo permetterci di dare qualcosa in più alla nostra azienda ma anche e soprattutto ai nostri clienti”. La prima tappa e’ ad Honk Kong, successivamente a Tai Pei (Taiwan), dove vengono prodotti i giochi di qualità superiore e dove si possono trovare tutte le novità che verranno di lì a poco proposte sul mercato occidentale. In questi anni le esigenze sono cresciute, come anche il numero di clienti serviti grazie a una rete vendita più capillare. Questo ha portato alla scelta di aprire una divisione interna dedicata all’import con risorse e investimenti legati soprattutto a tre fattori di innovazione: uno studio sui prodotti, frutto di un’indagine di mercato, un lavoro grafico e di comunicazione sul naming e sul packaging dei prodotti e un’attenzione costante alla sicurezza ed alla qualità. Trattandosi poi di giocattoli, merce rivolta a utenti di giovane età, la ditta Maggio ha fatto di quest’ultima voce una delle sue priorità.

57


Inaugurazione punto vendita Giocoleria di Gravina in Puglia (BA)

Mondiale turi smo BMW. Alla guida C hico Postiglio ne

angiaro i sulle cime del Kilim to due alpinisti lucan Abbiamo accompagna

58


MAGGIO E LA COMUNICAZIONE

Da sempre, uno degli elementi che ha caratterizzato la Maggio3 è proprio l’importanza dedicata alla comunicazione, che ha interessato tanto l’azienda quanto le promozioni e i prodotti, senza dimenticare il marchio Giocoleria. Una vera e propria azione di “comunicazione integrata”, realizzata dalla Scai Comunicazione di Potenza e studiata a partire dall’identità visiva, completamente ristrutturata in vista della nuova apertura (infatti il logo ricorda la piantina del nuovo ingrosso) e proseguendo con le campagne pubblicitarie, che hanno affiancato negli anni l’azienda scandendo i passaggi più importanti della sua storia. Per Giocoleria, la comunicazione ha sempre avuto un ruolo di primo piano nel dare coerenza al franchising e ai punti vendita, curando ogni dettaglio con campagne pubblicitarie “a prova di bambino” che hanno sempre emozionato e, spesso, attirato l’attenzione per via della loro originalità (famosa la campagna “è scomparso il Natale” che ha visto protagonisti i bambini nella ricerca di Babbo Natale). Se Maggio3 ingrosso è conosciuta e riconosciuta nel panorama nazionale lo deve, oltre alla lungimiranza delle politiche commerciali, anche alle coraggiose scelte che i fratelli Rocco e Nicola hanno fatto in termini di comunicazione.

59


Giocoleria Potenza Squadra Volley ASCI

CI Giocoleria Momento di gioco AS

Moto

CUS Rugby Maggio3

CI Giocoleria Squadra minivolley AS

60


Maggio e lo sport

La famiglia Maggio si è distinta anche per l’attenzione particolare che ha riservato alle attività sportive, sostenendo varie società impegnate nel volley, calcio, automobilismo, rugby, pallacanestro e motociclismo con passione e coinvolgimento. Alle attività sportive i Maggio hanno spesso preso parte come tifosi, con quel senso tutto lucano di appartenenza, identificandosi nei ragazzi che mettono il cuore per portare avanti un sogno, impegnandosi sempre al massimo. “Non è solo una questione di marchio – ci spiega Nicola – non è la presenza della nostra azienda sulla maglietta o sullo striscione a renderci orgogliosi, a giustificare il nostro entusiasmo. Noi vogliamo partecipare al desiderio di riscossa che anima i giovani della Basilicata, che come noi si sentono stretti in una regione che offre poche opportunità a chi prova a cambiare, a migliorare”. E’ per questo motivo che, nei capitoli di spesa della Maggio3, non manca mai una voce dedicata alle sponsorizzazioni sportive.

61


62 Alcuni dei bambini coinvolti nel progetto Karibuni

Costruzione della scuola di Langobaya

Inaugurazione scuola in Kenya con il sostegno di Gioco leria

Giocoleria per il sociale


Maggio e il sociale

Chi ha lavorato per una vita intera ha ben chiaro il concetto di “sacrificio”. Conosce bene il valore del lavoro e ha soprattutto interiorizzato il concetto di “responsabilità sociale d’impresa”. Per questo la Maggio3 partecipa fin dall’inizio al progetto Karibuni (www.karibuni.org), che si propone di costruire asili, scuole e ospedali in Kenya, partendo dal principio che è dall’istruzione che parte lo sviluppo di un Paese. Per questo in ogni punto vendita Giocoleria è presente un obolo di raccolta fondi e del materiale informativo sull’associazione Karibuni e le iniziative promosse, materiale che comprende cd interattivi, cartoline per la donazione e brochure. Ma la sensibilità di Maggio3 per il sociale non si ferma qui, si estende anche ad associazioni per la tutela ambientale, oltre a sostenere varie associazioni locali che gravitano attorno al mondo del volontariato. Inoltre, la Maggio3 si è resa promotrice diretta di attività socialmente responsabili, come la campagna contro il fumo che ha promosso all’interno dell’azienda e che prevedeva un premio di mille euro a ciascun dipendente che avesse smesso di fumare. Un’attività che ha incontrato molti consensi ed un interesse a livello nazionale.

63


tare in alto” Il nostro motto è “pun

64


CONCLUSIONI

L’intento di questa pubblicazione è stato quello di ripercorrere, attraverso racconti, immagini e ricordi, la storia di una famiglia e di un’azienda. Una storia, quella della famiglia Maggio, che sa di vita quotidiana, di sacrificio e di dedizione verso il proprio lavoro. Raccontare con parole semplici, dall’apertura del primo e ormai storico negozio di via Pretoria fino alla nascita del grande ingrosso Maggio 3, e’ ciò che ci siamo riproposti di fare con questo libro, per imprimere sulla carta 40 anni di lavoro. 40 Anni di imprenditoria tutta lucana.

65


66


RINGRAZIAMENTI

Un ringraziamento sincero va a tutti i clienti, ai fornitori, al DG, agli affiliati Giocoleria, che hanno condiviso il nostro progetto. Un sentito ringraziamento va anche a tutti coloro che, collaboratori in primis, ieri e oggi hanno contribuito alla nostra crescita e affermazione.

67


68


69


ncipale cciata pri e della fa

in Un’immag

di Tito ingrosso del nuovo

70


Collezione “Questo libro è un’impresa” SCAI Comunicazione Editore TITOLO A cura di Alessandra Santoro Progetto e realizzazione grafica, ricerca ed elaborazione foto: SCAI Comunicazione Finito di stampare Maggio 2009

71


72

40 anni...e ancora voglia di crescere  

Il libro che racconta la storia della famiglia Maggio e della sua azienda.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you