Issuu on Google+

Jo Noero


Stefano Boeri


Jo Noero Stefano Boeri South Africa


REM asks to Jo Noero Interview via E-mail Monday, 7 April 2014 12 questions

Jo Noero - Questa è una domanda difficile. Il punto di vista di una cinepresa è completamente diverso da quello di una persona che si muove attraverso lo spazio, uno è sceneggiato, l’altro è a braccio. Tuttavia c’è molto da imparare da come sono fatti i film. A questo proposito penso che il lavoro di Hitchcock sia esemplare. Ciò che mi interessa è il racconto, come il cinema riesce a rappresentare diversi mondi ed in qualche modo ad anticipare il futuro. Per esempio il film di Spielberg ‘Minority Report’1 mostra un mondo diviso tra lavoro e casa, tra città ultra moderne e periferie tradizionali: questa previsione è perfetta, noi stiamo vivendo tutto questo e l’urbanistica ci sta portando in questa direzione. REM - La musica influenza il suo processo architettonico ? Lei ascolta musica mentre lavora? Chi è l’artista che preferisce? J.N. - Ascolto sempre musica mentre lavoro. I miei gusti musicali variano molto, ascolto da Eminem a Santana a Beethoven, ascolto ciò che è disponibile. L’idea di Schiller2 dell’architettura come musica congelata è molto interessante, ma ancora una volta, come i film, racconta solo un lato della storia. 1. Minority Report è un film di fantascienza del 2002 ed è liberamente tratto dall’omonimo racconto di Philip K. Dick. 2. Johann Christoph Friedrich von Schiller è stato un poeta, filosofo, drammaturgo e storico tedesco.

REM - The cinema was able to foresee architectural sceneries or to use existing architectures to stage some histories. To you, how about relationship with the cinema, do you ever think about architecture seen by the point of view of a camera? Jo Noero - This is a difficult question. The point of view of a movie camera has a different relationship with that of the person moving through space – the one is scripted, the other unscripted. However there are lessons to be learnt from how movies are made. I think in this regard that the work of Hitchcock is exemplary. The issue that interests me is the narrative of movies and how cinematic context is made to represent different kinds of worlds – for example, Spielberg’s film ‘Minority Report’1 shows a world divided between work and home – between the ultra modern city and the traditional suburbs of a city in the future – this prediction is accurate and we are seeing this being played out already through the new urbanism movement. REM - Does the music influence your architectural process? Do you listen to music while you are working? Who is the artist that you prefer? J.N. - I always listen to music when I work – my music tastes vary widely from Eminem to Santana to Beethoven – I listen to what is available. Schiller2’s idea that ‘architecture is like frozen music.’ is interesting but again, like movies, only tells half the story – issues of composition and notation drawn from music can be very useful to architecture. 1. ‘Minority Report’ is a 2002 American neo-noir science fiction thriller film and loosely based on the short story of the same name by Philip K. Dick. 2. Johann Christoph Friedrich von Schiller was a German poet, philosopher, historian, and playwright.

5

REM - Spesso il cinema è riuscito a prefigurare scenari di architetture possibili o utilizzare architetture esistenti per inscenare delle storie. Qual è il suo rapporto con il cinema, pensa mai alle sue architetture viste dal punto di vista di una cinepresa o di una storia che può accadere?


REM asks to Jo Noero Le questioni di composizione e notazione tratte dalla musica possono essere molto utili per l’architettura. La musica aiuta a dare leggerezza al mio lavoro, musica ed architettura mi commuovono, ma in modi molto diversi.

6

REM - “...impariamo a pensare ai propri progetti facendo altro.” Scoprire spazi vedendo film, ascoltando canzoni e leggendo libri. Ci potresti parlare del tuo libro preferito, quello che senza non puoi proprio stare, oppure il libro che ancora non sei riuscito a leggere e che sta cercando di farlo. La letteratura è stata importante per la tua crescita architettonica? J.N. - La letteratura aggiunge qualcosa in più, ci fa capire molte cose del mondo sociale e politico all’interno dell’architettura. Ho letto avidamente i grandi romanzi, quando finisco un libro che mi è piaciuto sono certo che lo leggerò ancora e ancora, magari anche dopo tanto tempo. Le teorie di scrittura letteraria possono essere applicate con grande effetto all’architettura: il decostruttivismo3 ci ha aiutato a scavare più a fondo nella comprensione e nel modo di scrivere e in maniera molto simile credo che si possano decostruire le forme di rappresentazione architettonica, per capire più attentamente i processi sociali e politici integrati nella progettazione. REM - La prossima Biennale di Architettura dal tema “Fundamentals”, si concentrerà sugli elementi dell’architettura utilizzati da qualsiasi architetto, sempre e ovunque. Koolhaas ne ha anticipati alcuni: porta, pavimento, soffitto. Ci potrebbe parlare dei fondamentali della sua ricerca architettonica? J.N. - I miei fondamentali si trovano in aree molto diverse. La mia ricerca è 3. Il teorico del decostruttivismo è il filosofo francese Jacques Derrida ed il decostruttivismo è un movimento architettonico spesso contrapposto al movimento postmoderno. I suoi metodi, in reazione al razionalismo architettonico, vogliono de-costruire ciò che è costruito.

However the reference in my work to music is always very slight – I am moved by music like I am moved by architecture but in very different ways. REM - There is a quote, “learn to think about his own projects doing other.” discover spaces seeing film, listening to songs and reading books. Can you tell us about a book you prefer, or the book that you are still able to read yet? Was literature important to your development architecture? J.N. - The literature I read adds something to the way in which I understand the world within which architecture is located from a social and political perspective – I read the great novels avidly – when I finish a book I enjoy I will read it again and again over a very long time. Forms of literary theory can be applied to architecture with great effect - deconstruction3 helped us dig deeper into understanding ways of writing – in a similar way I believe that one can deconstruct forms of architectural representation such as the plan to understand more acutely the social and political processes embedded in the design of the work. REM - This year, the Biennale exhibition of Architecture “Fundamentals”, will focus on the elements of the architecture used from any architect, always and anywhere. Koolhaas, has ancitipated some of them: door, floor, ceiling. Could you tell us something about the fundamentals of your architectural research? J.N. - My fundamentals lie in very different areas – My research is bound up with the study of everyday activities in the city and finding ways to transform these everyday actions into something extra ordinary. For me the fundamental 3. Deconstruction is a form of philosophical and literary analysis derived principally from Jacques Derrida’s 1967 work of Grammatology. It influenced philosophy, literature, also architecture (in the form of deconstructivism), music, art, and art critics.


Stefano Boeri


Stefano Boeri

Rear Window, Alfred Hitchcock, 1954


REM asks to Jo Noero

REM - Dopo diverse Biennali che celebrano il contemporaneo, “Fundamentals” si concentrerà sulla storia, per un architetto è importante comprendere la storia per vivere con estrema partecipazione la contemporaneità, storia o contemporaneità? Perché questa scelta? J.N. - Non riesco a lavorare come architetto, senza pensare alla storia, la storia è alla base di tutto il lavoro che faccio: senza storia non c’è nulla. Cosa voglio dire con questo? Voglio dire che non ci può essere presente e futuro senza passato. Io vivo in Africa ma sono più informato sull’architettura occidentale. Questo è un peccato, ma è una conseguenza delle inadeguate ricerche storiche sull’architettura di 4. ‘La forma segue la funzione’ attribuita a Louis Sullivan, che voleva la forma degli edifici fosse la diretta conseguenza della funzione che essi dovevano svolgere.

issue of architecture is the relationship between program and form – by this I don’t mean the slavish making of ‘form derived from function’4 but rather the difficult relationship between these two issues and how it is possible in our world to make an architecture which is both responsive to its original program but which offers up the possibility of being able to adapt itself to new needs as they arise – and I don’t believe that the answer lies in making tubes of undifferentiated space - this is a cop out. For me doors and windows and other fundamental elements of architecture are always part of what one makes – the crisis of architecture today is represented by our inability to work with fundamentals – it seems that only thing that matters is novel form and everything else is subordinate to this issue. REM - After different architectural exhibition that celebrate the contemporary, “Fundamentals” will focus on the history. For an architect, between history and contemporaneity, which is important to understand the history to live with extreme attention the contemporaneity? and why? J.N. - I can’t work as an architect without a sense of history – history is the basis of all the work that I make – without history there is nothing. What do I mean by this? I mean that there can be no present without a past and no future without understanding the past. However this position does throw up difficulties – I live in Africa yet I know more about western architecture than African – this is unfortunate but is a consequence of inadequate research of these histories – however even if there were adequate histories available I would still study western forms – this is important since this represents the 4. ‘Form follows function’ is a principle associated with modernist architecture and industrial design in the 20th century. The principle is that the shape of a building or object should be primarily based upon its intended function or purpose.

9

legata alle attività quotidiane in città e mi sto impegnando in prima persona a trovare modi per trasformare queste azioni quotidiane in qualcosa di extra-ordinario. Per me la questione fondamentale dell’architettura è la relazione tra programma e forma, per questo non condivido l’idea che ‘la forma derivi dalla funzione’4, piuttosto credo che il difficile rapporto tra questi due aspetti ci aiuti a fare un’architettura sensibile al suo programma originario ed in grado di offrire la possibilità di adattarsi alle nuove esigenze che si presentano. Non credo che la risposta stia nel realizzare spazi indifferenziati. Per me le porte o le finestre o gli altri elementi fondamentali dell’architettura fanno tutti ovviamente parte di ciò che si fa. La crisi dell’architettura oggi è rappresenta dalla nostra incapacità di lavorare con i fondamentali: oggi sembra che la sola cosa a contare sia creare una nuova forma e che tutto il resto sia subordinato a questo problema.


10

REM asks to Jo Noero questi luoghi. Pensandoci bene anche se ci fossero storie adeguate e disponibili, forse continuerei a studiare ancora le forme occidentali perché rappresentano la storia che conosco e che ha plasmato il mondo in cui vivo. Ho sempre avuto una certa affinità con alcuni architetti di cui ammiro il lavoro: Borromini, Palladio, Soane5, Kahn e altri. Come un qualsiasi studente ho studiato i loro edifici, ho persino disegnato le piante, le sezioni e gli spazi che hanno creato. In questo modo ho potuto conoscere il mondo in cui credevano e il modo in cui essi lavoravano. Tutto questo è stato molto importante per la mia crescita e in un certo senso mi ha aiutato a stabilizzare le mie idee nel vasto mondo dell’architettura. Ristringere i miei interessi storico-architettonici mi ha aiutato a gestire il processo di apprendimento dell’architettura. Raramente sono interessato al lavoro degli architetti contemporanei, anzi sono più interessato a conoscere il mondo in cui vivo, a conoscere la mia città, gli sviluppi politici, sociali e culturali. Ancora una volta questo potrebbe essere interpretato come un modo di gestire la complessità del mondo in cui vivo, direi che l’ispirazione per il lavoro che faccio è tratta dall’esperienze quotidiane della mia città: è questo in fondo che dà forma al mio lavoro. REM - All’inizio del 1900 , aveva senso parlare di un’architettura nazionale, quindi di architettura “cinese”, architettura “svizzera“, architettura “indiana”. Cento anni più tardi, dopo due guerre mondiali, diverse velocità di sviluppo e di talenti individuali, le architetture che una volta erano specifiche e locali oggi sono diventate intercambiabili e globali. L’identità nazionale è stata sacrificata alla modernità? Oggi, 2014, ha ancora senso parlare di architettura nazionale? 5. Sir John Soane è stato un architetto inglese. Fu uno degli architetti di maggior rilievo del neoclassicismo inglese e utilizzò un linguaggio formale molto personale, superando il neopalladianesimo inglese.

history that I know and that has shaped the world in which I live. I have always had an affinity with certain architects from history whose work I admire – Borromini, Palladio, Soane5, Kahn and others. As a student I would study their buildings and even draw up to scale the plans, sections and spaces of their works – in this way I could experience the way in which they had thought and worked – this was very important for me. In a way this also helped me stabilize my ideas in a vast world of competing architectural ideas – to be able to narrow down the history in which I was interested helped me manage the process of learning about architecture. I am not always interested in the work of contemporary architects – rather I am more interested in learning about the world in which I live, my city and developments politically, socially and culturally in my city and country – again this could be a way of managing the complexity of the world in which I live – I would say that the inspiration for the work that I do is drawn from the everyday experience of the spaces and places that I occupy in my city – this is what gives shape to the work. REM - At the beginning of 1900, it had sense speak of a national architecture, like “Chinese” architecture, “Swiss” architecture, “Indian” architecture. One hundred years later, after two world wars, different speeds of development and individual talents, once the architectures were specific and local have become interchangeable and global. Has the national identity been sacrificed to the modernity? And today, at 2014 does it have sense speak of national architecture? J.N. - This is quite difficult question – I know the arguments of people like Patrick Schumacher from

5. Sir John Soane was an English architect who specialised in the Neo-Classical style. His architectural works are distinguished by simple form, decisive detailing, careful proportions and use of light sources.


Stefano Boeri


Stefano Boeri

Sir John Soane’s Museum, London, 1812 by John Soane


J.N. - Questo è un tema difficile, Conosco le argomentazioni di gente come Patrick Schumacher dell’ufficio di Zaha Hadid6 che ricerca nuove forme di territorio nel mondo. Devo ammettere che non ho simpatia per un mondo che è definito da Apple e altre multi-nazionali. Suppongo che per cercare lavori nel mercato globale sia necessario coinvolgere questo tipo di aziende e sviluppare modi per comprendere il mondo attraverso il loro sguardo, per assicurarsi nuovi progetti. Credo che lo stato-nazione si stia dissolvendo e non sono sicuro di quello che diventerà; so che il tardo capitalismo ci sta soffocando a morte, ma non sono sicuro che sarà sostituito. Faccio parte del mio mondo, ma non sto cercando di creare un’architettura africana. Sarebbe ridicolo. Piuttosto il mio lavoro si propone di affrontare questioni locali che formano l’esperienza quotidiana della mia vita e della città in cui vivo. Credo che l’unico modo di descrivere il mio lavoro stia nel tentativo di rendere familiare ciò che non lo è e viceversa.

Zaha Hadid’s6 office about new forms of territory in the world – I must admit that I have no sympathy for a world which is defined by Apple and other multi-national institutions. I suppose if you are hunting out work in the global market you will try to engage with these kinds of institutions and develop ways of understanding the world through the lens of these institutions to secure lucrative commissions. I believe that the nation state is dissolving – I am not sure what will replace it – I do know that late capitalism is suffocating itself to death but am not sure what will replace it. I make sense of my world by not striving to create an African Architecture – I think this is laughable. Rather the work aims at dealing with issues that are known to me that are local and shaped by the everyday experience of my life and the city in which I live – this is the closest that I can get to developing a position in which a specific place has a certain kind of expression. I guess the one way of describing the work I do is to try to make the familiar strange and the strange familiar.

REM - Lei è stato Direttore della Scuola di Architettura e Pianificazione presso l’Università di Città del Capo, Visiting Professor presso l’University dell’ Oregon in Eugene, E’ possibile imparare dai propri studenti? Ci potrebbe parlare del suo atteggiamento da insegnate?

REM - You have been at Director of the School of Architecture and Planning at the University of Cape Town, Visiting Professor of Design at the University of Oregon in Eugene. Do you frequently learn from your students and can you tell us about your Professor attitude?

J.N. - Ho insegnato a tempo pieno per oltre 30 anni: per me è l’unico modo per essere davvero un architetto. Apprezzo molto l’interazione con gli studenti e, a volte, mi sento un po’ colpevole, perché sento di ottenere da questa interazione più benefici rispetto agli studenti. Considero ovviamente il disegno e l’educazione al disegno l’aspetto più importante nella formazione di un architetto. Quello che mi interessa in 6. Dame Zaha Mohammad Hadid è un architetto e designer iracheno naturalizzato britannico. Ha ricevuto il Premio Pritzker nel 2004 — la prima donna a farlo.

J.N. - I have practiced and taught full time for over thirty years – it is the only way to be an architect in my opinion. I value greatly the interaction with students and sometimes feel a bit guilty because I feel as if I have gotten more out of the interaction than the students. Obviously I am biased towards design and design education – it is the most important facet of the architect’s education. What interests me at the 6. Dame Zaha Mohammad Hadid is an Iraqi-British architect. She received the Pritzker Architecture Prize in 2004 — the first woman to do so.

13

REM asks to Jo Noero


14

REM asks to Jo Noero questo momento per la formazione di uno studente è trovare nuovi atteggiamenti da assumere rispetto al disegno, anche se non sono sicuro esattamente di quale forma esso dovrebbe assumere. Credo che si debba rivedere il sistema educativo relativo al disegno nato alla metà del 18° secolo che è alla base del Beaux Artes7. Ritengo che l’attuale sistema di istruzione sia superato. L’insegnamento può tendere ad essere intimidatorio e questo atteggiamento è spesso abusato dai docenti che prediligono un approccio troppo individualista. L’istruzione oggi è ancora basata sull’idea del 18° secolo di una buona architettura che si rivela grazie alla sua originalità. Il mondo terribile dell’architettura pubblica che ci circonda oggi è il risultato di questo atteggiamento. Dobbiamo cercare di lavorare su questo.

moment is to find new ways to act out the design education of the student – although I am not sure exactly what form it should take I have a nagging sense that we need to adjust the design studio education that has formed the basis of design education since the mid 18th century and the Beaux Artes7. I feel that the current system of design education is outmoded, it can be intimidating and is often abused by the studio teachers and is way too much individualistic in its approach. It is still predicated on the mid 18th century idea that good architecture resides in originality. The awful world of public architecture which surrounds us today is a result of these kinds of attitudes and the processes that they set in motion. We need to do something about this.

L’intervista completa sul sito

The full interviews on website

7. Architettura ‘Beaux Arts’ si fa riferimento allo stile architettonico neoclassico insegnato all’École des Beaux-Arts a Parigi.

7. Beaux-Arts architecture expresses the academic neoclassical architectural style taught at the École des Beaux-Arts in Paris.


Stefano Boeri


Stefano Boeri

St. Cyprian’s School, Cape Town by Noero Wolff Architects


floor wall ceiling roof door window facade balcony corridor fireplace toilet stair escalator elevator ramp fundamentals

According to Jo Noero

+ relationship between program and form

17

According to Rem Koolhaas

elements of architecture


REM MinKyung Han Marco Belloni Issue #1 Jo Noero / Peter Wilson Thanks to Davide Rapp Matteo Poli REM will be printed in Italy and published one time a month Distributed by mail and person

REM mail: magazinerem@gmail.com web: magazinerem.tumblr.com skype: magazinerem twitter: @magazinerem



REM #1 Jo Noero