Issuu on Google+

TEORIA E PRATICA DELL' E-LEARNING 2 – Isa Maria Sozzi

PROGETTAZIONE PERCORSO con scheda attività 2 FORMAZIONE DOCENTI SUGLI STRUMENTI DEL WEB 2.0

fase 1– Preliminare

2Impostazione

attività Ipotizzare un corso Contatti con i committenti o possibili Reperimento di informazioni su possibili fondi Ipotesi utenza/destinatari del corso. Definire se è un corso di specializzazione oppure determina una figura professionale Finalità: si esprime in maniera dettagliata a chi è rivolto il progetto, le sue finalità, le motivazioni che portano a formare questa figura professionale, delineare le attività professionali dell’allievo.

Docenti in rete Istituto Comprensivo Brivio, eventualmente in rete con istituti limitrofi Fondi MIUR per la formazione, fondo d’istituto per incentivazione attività aggiuntive Docenti ?ATA ? apertura a genitori

La rivoluzione digitale permette di integrare e coordinare linguaggi, strumenti e progetti comunicativi in maniera nuova ed efficace. Una eventuale chiusura della scuola a questa realtà avrebbe l'effetto di allontanarla da prassi comunicative e conoscitive che fanno ormai parte dell'ambiente sociale e culturale di ogni cittadino, specie se giovane. La base di tutto ciò è, quindi, la costruzione di saperi aggiornati ed interiorizzati dagli alunni. Utilizzare proficuamente le nuove strumentazioni multimediali può migliorare e facilitare questo processo, fornendo anche una grossa spinta motivazionale. Sin dalla sua nascita l’Istituto Comprensivo di Brivio, attraverso l’attribuzione di una Funzione Obiettivo specifica per la formazione e la multimedialità, ha attivato uno sportello di consulenza e formazione specifica per i docenti. Il presente progetto risponde alle sollecitazioni del P.O.F. perché intende coinvolgere i diversi soggetti con finalità ed obiettivi differenti, ma tutti ugualmente concorrenti al raggiungimento dei traguardi definiti nel piano dell'Offerta Formativa stesso e cioè la formazione di un bambino e di un ragazzo competente e motivato, agendo sui tempi, sui luoghi e sulle persone. Infatti, la finalità più rilevante e, quindi, la più importante da perseguire, attraverso l’insegnamento in generale e quello tecnologico in particolare, può essere così riassumibile: l’informatica, la multimedialità e la rete, nella scuola possono potenziare le capacità di base di conoscere, operare, comunicare. Gli scopi della presente azione sono pertanto i seguenti: - potenziare la formazione tecnologica in generale - sviluppare le competenze sull’uso degli strumenti di condivisione e lavoro collaborativo - offrire servizi agli insegnanti su specifiche esigenze e temi - divulgare le potenzialità dell'impiego delle nuove tecnologie nella didattica - offrire momenti di confronto e formazione agli utenti (genitori) Si ipotizzano circa 4 incontri pomeridiani di 2 ore ciascuno per gruppi sono superiori a 20 docenti.

1


TEORIA E PRATICA DELL' E-LEARNING 2 – Isa Maria Sozzi

Uno o più docenti competenti assumerebbero il compito di animatori degli incontri, col possibile supporto del Politecnico di Milano. Tramite questionario verranno raccolte le adesioni di massima, pertanto gli incontri saranno attivati al raggiungimento di un minino di 10 iscritti. Per i genitori e gli adulti in genere sono previsti circa 3 incontri di 2 ore ciascuno per gruppi sono superiori a 20 persone ( genitori, nonni, …). Se la presenza o la richiesta fossero più consistenti, gli incontri andrebbero replicati su più turni. Si elencano le modalità per attuare l’approccio individualizzato: qui si dovrà definire se il corso sarà a distanza al 100% oppure solo alcuni moduli. Tempistica: previsione della durata complessiva e dell’azione formativa, scadenze per la progettazione Misure accessorie all’attività formativa:

Si ipotizzano circa 4 incontri pomeridiani di 2 ore ciascuno per gruppi sono superiori a 20, intervallati da attività a distanza, quantificabili in circa 30 ore complessive

Da gennaio 2010 a giugno 2010, con incontri a cadenza bimestrale. Progetto presentato a giugno 2009, predisposizione materiali ed iscrizioni entro fine dicembre 2009 Analisi della situazione dell’istituto presente nel POF

Definire se il corso ha uno stage finale Bilancio delle competenze in ingresso e in itinere per individuare specifici percorsi formativi, flessibili e individualizzati, con accertamento di competenze già possedute dagli allievi. Bilancio delle competenze finali, in uscita del corso, per accertare le competenze acquisite e i risultati del percorso formativo, rilevare i progressi nell'apprendimento e le risultanze ex post. Riconoscimento crediti formativi

Elenco moduli dettagliati di: obiettivi e 3Progettazione finalita', contenuti, metodologie formative (on line o in sede).

Questionario iniziale

Non previste prove finali, analisi dei prodotti, valutazione a distanza di sei mesi dell’impiego didattico di quanto sperimentato (verifica progetto istituzionale)

Attestato di partecipazione certificato dal Dirigente scolastico, sulla base del registro firme degli incontri in presenza e della validazione del tutor per le attività on-line. 1° incontro in presenza: -presentazione del progetto - contratto formativo - presentazione del primo strumento da utilizzare (es. social bookmarking) - presentazione sintetica e log dell’ambiente on-line - formazione di gruppi di lavoro - illustrazione delle prima consegna e inizio attività

2


TEORIA E PRATICA DELL' E-LEARNING 2 – Isa Maria Sozzi

Elenco delle risorse umane utilizzate per la realizzazione del corso (Docenti, Tutor, Assistenti Pratici). Preventivo finanziario completo con costi dettagliati di: docenti, tutor, assistenti pratici, progettisti, coordinatore, personale amministrativo, rimborso allievi per stage, assicurazione allievi, pubblicità per intervento, ecc. Scelta del paradigma di apprendimento/insegnamento da utilizzare per lo sviluppo delle attività (cognitivista,

1° attività on-line: - ogni gruppo crea una propria lista - nel forum o nel wiki inserisce proposte didattiche, dubbi, perplessità, ecc - un gruppo crea un documento riassuntivo e lo mette in rete prima dell’incontro in presenza successivo 2° incontro in presenza: - discussione sulle conclusioni on-line - presentazione di un altro strumento da utilizzare (es. blog) - illustrazione delle seconda consegna e inizio attività 2° attività on-line: - ogni gruppo crea e gestisce un proprio blog e visita/partecipa a quello degli altri - nel forum o nel wiki inserisce proposte didattiche, dubbi, perplessità, ecc - un gruppo crea un documento riassuntivo e lo mette in rete prima dell’incontro in presenza successivo 3° incontro in presenza: - discussione sulle conclusioni on-line - presentazione di un altro strumento da utilizzare (es. youtube) - illustrazione delle seconda consegna e inizio attività 3° attività on-line: - ogni gruppo crea filmato a scopo didattico e lo inserisce in rete, ricerca filmati su temi legati alla didattica e li inserisce in delicious - nel forum o nel wiki inserisce proposte didattiche, dubbi, perplessità, ecc - un gruppo crea un documento riassuntivo e lo mette in rete prima dell’incontro in presenza successivo 4° incontro in presenza: - discussione sulle conclusioni on-line - proposte per attività con le classi - Docente X, animatore degli incontri, 8 ore di insegnamento, 2 ore di non insegnamento per la preparazione dei materiali Tot. ore insegnamento 16 - Docente Y, animatore delle attività on-line, 8 ore di insegnamento per la gestione della comunità Tot. ore non insegnamento 2 Fondi incentivazione o aggiornamento: 16 ore insegnamento 2 ore non insegnamento € 603,72 Fondi autonomia: € 30,00

Le attività previste sono soprattutto di tipo collaborativo e finalizzate alla costruzionesperimentazione di artefatti da riusare in ambito didattico

3


TEORIA E PRATICA DELL' E-LEARNING 2 – Isa Maria Sozzi

4- erogazione

costruttivista, connessionista,…) e impostazione attività Costruzione dei materiali: scelta del formato, stesura e digitalizzazione ex-novo, recupero e adeguamento di materiali già in possesso, ricerca ed eventuale acquisto di materiali predisposti da altri, L.O. Organizzazione logistica: se corso blended, sede, orari, personale addetto, rapporti con enti ospitanti, costi Beta-test di quanto progettato ed eventuali modifiche-correzioni Informazione ai possibili utenti Iscrizione dei corsisti

Contratto formativo Attivazione degli accessi ai materiali, se strutturati in moduli Gestione delle interazioni: forum, help Monitoraggio delle attività

5- valutazione

Tracciamento attività corsisti Supporto ai corsisti in difficoltà, moderazione delle discussioni Fading Elaborazione dati monitoraggio, report Rilevazione soddisfazione utenti Diffusione risultati Riconoscimento formale corso (attestato, crediti ecc.)

4 Dispense da adeguare già reperibili in rete, presentazioni e filmati Ambiente collaborativo con strumenti open o disponibili gratuitamente in rete

Sede principale dell’I.C. Brivio, nei normali orari di apertura. Se in orario serale preventivato ordine di servizio e relativa incentivazione al personale ATA per apertura -chiusura locali Incontri pomeridiani dalle 16.45 alle 18.45 di mercoledì o venerdì

Comunicazione predisposta della commissione multimediale nella riunione del 13.11.09 Iscrizione tramite compilazione allegato alla comunicazione del 13.11.09. Eventuale selezione dei corsisti se iscrizioni eccedenti il numero massimo. Da negoziare nel primo incontro A cura del formatore A cura del tutor A cura del tutor

Scheda verifica progetto istituzionale Questionario finale Presentazione e diffusione dei materiali realizzati tramite community dell’istituto. Mostra finale dei lavori con gli allievi


Attività3