Page 3

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 20 GENNAIO 2013

UDINESE

4

0 (3-5-2)

1 Buffon; 15 Barzagli, 19 Bonucci, 4 Caceres; 2 Lichtsteiner, 23 Vidal (dal 34’ s.t. 20 Padoin), 6 Pogba, 24 Giaccherini, 11 De Ceglie (dal 39’ s.t. 33 Isla); 12 Giovinco (dal 1’ s.t. 32 Matri), 9 Vucinic. PANCHINA 30 Storari, 34 Rubinho, 13 Peluso, 35 Beltrame, 36 Rugani, 37 Schiavone, 38 Garcia Tena, 39 Marrone, 40 Kabashi. ALLENATORE Conte. CAMBI DI SISTEMA nessuno. ESPULSI nessuno. AMMONITI Vidal per gioco scorretto.

25 Padelli; Heurtaux, 5 Danilo, 11 Domizzi; 8 Basta, 66 Pinzi, 3 Allan, 21 Lazzari, 26 Pasquale (dal 39' s.t. 34 Da Silva); 37 R.Pereyra (dal 6' s.t. 10 Di Natale), 24 Muriel (dal 28' s.t. 77 Maicosuel). PANCHINA 93 Pawlowski, 51 Scuffet, 4 Angella, 6 Faraoni, 13 Ranegie, 16 Coda, 22 Campos Toro, 31 Fabbrini, 52 A.Merkel. ALLENATORE Guidolin. CAMBI DI SISTEMA nessuno. ESPULSI nessuno. AMMONITI Pinzi per gioco scorretto, Muriel per proteste.

PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Pogba al 41’ p.t; Pogba al 21’, Vucinic al 27’, Matri al 35’ s.t. ARBITRO Banti di Livorno. NOTE paganti 8.667, incasso di 339.830 euro, abbonati 27.442 per una quota di 873.175 euro. Angoli 8-5. Recuperi: p.t. 0'; s.t. 2'.

JUVENTUS 48,7%

TOTALE PASSAGGI UDINESE 51,3%

TIRI IN PORTA

UDINESE 450

TIRI FUORI

IIIIIIII JUVENTUS 8

JUVENTUS 432

II IIII UDINESE 2

MOMENTI CHIAVE PRIMO TEMPO 14’ Vidal in corsa, Padelli alza in angolo. 19’ Giaccherini, smarcato da Vucinic, calcia addosso a Padelli. 35’ Caceres devia fuori di testa da pochi passi. GOL! 41’ Pogba trova l’angolino alto con un gran destro da circa 30 metri.

JUVENTUS 4

Martedì 22 JuventusLazio Coppa Italia Andata semifinale ore 20.45

SECONDO TEMPO 14’ Giaccherini in corsa calcia centralmente, facile per Padelli. 18’ Muriel gira male senza inquadrare la porta. GOL! 21’ Pogba si ripete con un altro gran destro da fuori area, stavolta nell'angolino basso. GOL! 27’ Vucinic gira di destro un angolo di Giaccherini, corretto da Vidal. GOL! 35’ Matri vola in contropiede e segna senza problemi.

S

S

BARICENTRO MEDIO 54,3 metri

S Domenica 3/2 ChievoJuventus ore 12.30

S Sabato 9/2 JuventusFiorentina ore 18 Martedì 12/2 CelticJuventus Champions League Andata ottavi di finale ore 20.45

S Sabato 16/2 RomaJuventus ore 20.45

la Moviola DI FRANCESCO CENITI

S

Muriel, un giallo beffardo Vidal: che proteste inutili Gara tranquilla per Banti: commette solo poche sbavature, la più evidente nella ripresa quando assegna (forse su suggerimento dell’assistente) una punizione alla Juve per un mani di Muriel poco fuori dall’area di Buffon. L’attaccante dei friulani protesta e rimedia anche un cartellino giallo, ma aveva ragione lui: il tocco con il braccio era stato di De Ceglie. Per il resto, nel primo tempo giusta l’ammonizione a Pinzi autore di un’entrata in ritardo su

Vidal che si era già liberato del palone (sbagliando il passaggio). Lo stesso Vidal è ammonito per un fallo tattico su Pereyra: l’irregolarità, però, non è così evidente. E nel secondo tempo ancora Vidal protagonista: si libera di un paio di avversari, ma ritarda il momento del tiro. Quando lo scaglia, trova l’opposizione di Heurtaux anche con un braccio, ma tenuto incollato al petto. Il cileno chiede un rigore improponibile, Rocchi neppure lo sta a sentire.

Al Manchester United si lamentano ancora per la cessione, a Torino si stupiscono: «Mi chiedono di essere più cattivo. Quando torneranno Pirlo e Marchisio, andrò in panchina»

Martedì 29 LazioJuventus Coppa Italia Ritorno semifinale ore 20.45

S

BARICENTRO MEDIO 54,1 metri

Tiri a cento all’ora, balli, capelli dorati La Signora riparte

Sabato 26 JuventusGenoa ore 20.45

IIIIII UDINESE 6

D

il personaggio PAUL POGBA

I PROSSIMI IMPEGNI

S

(3-5-2)

POSSESSO PALLA

4

numeri& STATISTICHE

JUVENTUS

3

Domenica 24/2 JuventusSiena ore 15

DAL NOSTRO INVIATO

G.B. OLIVERO TORINO

In gergo, uno scaldabagno. Ossia un oggetto non meglio identificato, probabilmente un pallone, scagliato con violenza inaudita dentro la porta della squadra avversaria. Ecco, sul finire di un primo tempo in cui la Juve sembrava la versione calcistica degli Harlem Globetrotters (passaggi, triangoli, veli, finte, dribbling, ma tiri in porta da evitare con cura come se non contassero e ci fosse una multa a carico di chi si permette di cercare il gol), Paul Pogba ha spedito uno scaldabagno verso il povero Padelli. La palla, calciata a 32 metri dalla porta, è volata in rete a 101 km all’ora. Poi il francesino si è girato quasi arrabbiato verso i compagni come a dire: «Ehi, ragazzi, si fa così. Basta finezze, il succo del calcio sono i tiri in porta e i gol». Andrebbe appeso un cartello nello spogliatoio bianconero. Il bis Nella ripresa, forse per ri-

badire il concetto, Pogba ha ripetuto la scena. Vidal ha fatto di tutto per non segnare fintando tre volte davanti al portiere e ritardando la conclusione finché non è stato murato e allora trenta secondi dopo Pogba ha dribblato Allan con la suola e ha scaricato la sua voglia di gol, di vittoria e di gloria nell’angolino basso calciando da 29 metri a 97 km all’ora. Paul era diventato il nuovo idolo dei tifosi segnando al volo di sinistro contro il Napoli e adesso ogni volta che ha un metro di

L’esultanza danzante di Paul Pogba, 19 anni: il francesino a fine partita viene abbracciato da capitan Buffon PHOTOVIEWS/LIVERANI/IMAGE

libertà sulla trequarti avversaria la curva invoca il suo tiro, tra l’altro stilisticamente perfetto. Il ragazzo sta crescendo a vista d’occhio ed è normale visto che si allena regolarmente con Pirlo, Vidal e Marchisio. Ieri sera è emersa soprattutto la sua personalità: Paul non ha paura di giocare, di tirare, di prendersi delle responsabilità. Le parole Conte continua a predicare prudenza: «Pogba ha potenzialità importanti - dice il tecnico -, l’accostamento con Rijkaard può starci, ma ha solo 19 anni. A volte si adagia sui propri mezzi e io cerco di stimolarlo con il bastone e la carota». E lui, il francesino nero con la cresta bionda, sorride: «Il pri-

mo gol è il più bello della mia carriera. Una parola che ho imparato in italiano è "cattivo": me lo ripetono spesso e cerco di esserlo in campo. Quando torneranno Pirlo e Marchisio andrò senza problemi in panchina». Intanto i tifosi dello United su Internet si lamentano della sua partenza: «Non so perché Ferguson mi abbia fatto andare via: chiedetelo a lui». Paul preferisce concentrarsi sulla Juve: «Dopo il pareggio della Lazio siamo scesi in campo più cattivi». Infine Pogba dribbla gli accostamenti illustri: «Io come Rijkaard? Non mi piacciono i paragoni. Io sono Paul». Quello dello scaldabagno. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di MIRKO GRAZIANO

UDINESE BASTA C’È SINO IN FONDO ALLAN NON VA Attenta e ben messa all’inizio. Reazione però inesistente dopo il missile di Pogba. E nemmeno Di Natale dà fiducia

5 5,5 l’allenatore Guidolin Squadra che si disunisce clamorosamente dopo l’1-0. Guidolin ci prova buttando Di Natale nella mischia, ma troppe gambe appaiono molli. Un solo tiro in porta!

h

5

6

5

5,5

5,5

6

5,5

il migliore Padelli

Heurtaux

Danilo

Domizzi

Basta

Pinzi

Manda in angolo un sinistro di Vidal. Poi respinge un diagonale di Giaccherini. Sulle fucilate di Pogba non può niente, sbaglia sul 3-0 di Vucinic.

Massaggia subito le caviglie di Vucinic, in generale gli resta appiccicato ovunque, e qualche volta va oltre il consentito. Malissimo quindi sul 3-0 dell’attaccante montenegrino.

Inizio balbettante, respinge male e corto in piena area finendo per consegnare a Lichtsteiner un pallone facile facile, che lo svizzero però spreca. Poco protetto dal suo centrocampo.

Non gode di buona protezione da parte di Lazzari e Pasquale e allora finisce a volte in mezzo ai vari Lichtsteiner, Vidal e Giovinco. Nella ripresa, naufragio generale della difesa.

Controlla senza troppi problemi le discese di De Ceglie, ma è meno abile a raddoppiare sulle sgroppate di Giaccherini che entra con troppa facilità dal centrosinistra. Ci prova però fino in fondo.

Bravo a ribattere su Lichtsteiner che calcia a colpo sicuro. Picchia però un po’ troppo, rischia il cartellino giallo su Giovinco (fallo al limite dell’area), lo becca poi (giustamente) su Vidal.

Guidolin lo piazza in mezzo, è lui il vigile di giornata. Nel primo tempo non la prende mai e finisce per essere sistematicamente saltato dal centrocampo avversario. Nella ripresa fa anche peggio.

PARATE 4 RINVII 20 USCITE 5

CONTRASTI VINTI 5/10 LANCI 0 PASSAGGI OK 49/51

CONTRASTI VINTI 0/0 LANCI 3 PASSAGGI OK 38/39

CONTRASTI VINTI 0/0 LANCI 3 PASSAGGI OK 44/48

TIRI 4 PASSAGGI OK 23/27 RECUPERI 11

TIRI 2 PASSAGGI OK 52/53 RECUPERI 2

TIRI 0 PASSAGGI OK 53/60 RECUPERI 6

5

5,5

5

5

5,5

5,5

s.v.

Lazzari

Pasquale

Pereyra

Muriel

Di Natale

Maicosuel

Silva

È l’uomo di maggiore qualità nel centrocampo friulano, ma le idee ieri le ha lasciate tutte nello spogliatoio. Poco utile anche in fase di contenimento. Stavolta la Juve non gli porta bene.

Lichtsteiner lo infila con una certa regolarità nel primo tempo. E la sua risposta nella metà campo della Juve non è adeguata. Crossa un paio di palloni ingiocabili per Muriel.

In prima battuta deve andare a infastidire Pogba, che comunque a livello di regia pura non è proprio un fenomeno. Schierato a ridosso di Muriel, dovrebbe dare qualcosa in più in fase offensiva.

Fa il «Venezia» (non la passa mai) per tutto il primo tempo, svirgola a inizio ripresa una palla piuttosto semplice a pochi passi da Buffon. E poco dopo cicca pure di destro da sette-otto metri.

Non è in perfette condizioni ed entra a inizio secondo tempo. La Juve, però, dilaga quasi subito, l’Udinese si spegne e la vita per Totò diventa inevitabilmente complicate là davanti.

Sul 3-0 per i campioni d’Italia c’è poco da fare. In ogni modo, non è che il brasiliano si sbatta più di tanto per cercare di mettersi in mostra e guadagnare punti almeno per il futuro.

Entra nel finale di gara, con l’Udinese di fatto già a casa.

TIRI 0 PASSAGGI OK 32/46 RECUPERI 4

TIRI 0 PASSAGGI OK 20/24 RECUPERI 3

TIRI 0 DRIBBLING OK 1/3 SPONDE 0

TIRI 3 DRIBBLING OK 1/5 SPONDE 4

TIRI 1 DRIBBLING OK 0/0 SPONDE 3

TIRI 0 PASSAGGI OK 6/6 RECUPERI 1

TIRI 1 PASSAGGI OK 3/3 RECUPERI 1

Allan

Gazzetta Dello Sport 20/01/2013  

Gazzetta Dello Sport 20/01/2013

Advertisement