Page 1

, rsi o oc i www.apabz.it Gennaio 2011 g ! i o l t l a r a e t ern ns , ca nDEGLI i v BOLLETTINO ORGANI DIRETTIVI DELL’ARTIGIANATO PER L’ALTO ADIGE Tre 2011 ort i zi sp ez egli r o p ta d n i ist fes 65° Anno -

I. R.

Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, CNS Bolzano 05/07

L

Formazione professionale Cosa cambia con la riforma della scuola

Zona artigianale premiata È Nova Levante ad avere l’architettura più bella

Novità dall’1 gennaio Registro operatori ambientali, diritto del lavoro, valutazione dello stress

Trasporti: Fondato nuovo consorzio

Elmar Morandell, presidente di TransOpt

Nuove opportunitá con TransOpt


� � � �� � � � � � �� � � �� � � � � � � ���� ��� � � �� ��� ���� � � �� ��� � ��� ��� � �� �

������������������������������������������

����������������

����������������������������������������������������������������������������������������� ���������������������� �������������������������������������������������������������������������������� ����������������������������������������������������������������������� ������������ �������������������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������������� ����������������������������������������������������� ������������������������������������ ���������������������������������������������������������� ������������������������������������� �� ������������������������� �� ����������������� �� ����������������������������������������� �� ��������������������������������������� �� �������������������������������

������������

��������� ���������� � �� �� �� � �� �� �� ���

� ���������������� ���������������� ����� ����������������� ������������������ �� ���������������� �� �� �� �� �� �� �� �� ���������� ������������������ ������� ������������������� ������ ������������������� ����������

���������������� �� �������������������������������� ������������������������������ �� ����������������������� ����������������������������������� �� ������������������������������� ���������������������������������������������������

�������������������������������������������������������������������������������������������� ����������������������������������������� �����������������������������������������������������������������������������


Editoriale Editorial

Hanno detto

Filo diretto con i lettori

Sondaggio

su internet

www.apabz.it La zona artigianale di Nova Levante è stata premiata per la sua architettura. In che misura Le piace la zona artigianale del Suo paese? Molto! La zona artigianale è bella e arricchisce il comune. Non saprei, la zona artigianale assolve il suo scopo ma non necessariamente valorizza il paese dal punto di vista estetico. Per nulla! La zona artigianale è importante per l’economia locale e per i posti di lavoro ma bella non lo è di sicuro.

Dite la vostra opinione su questo tema d’attualità cliccando sul sito www.apabz.it.

Risultati dell’ultimo sondaggio: Per Natale fa la spesa dagli artigiani panificatori, pasticcieri o macellai? Sì, ci tengo all’alta qualità dei prodotti artigianali. Li apprezzo molto.

87,50 %

Non lo so. Non mi interessa particolarmente la scelta del cibo. Faccio la spesa dove mi capita.

12,50 %

No, io compro tutto al supermercato.

0,00 %

Gentili lettrici e lettori, la storia di copertina del presente numero è dedicata al nuovo consorzio TransOpt (pagine 8–9). Si tratta di sei aziende di autotrasporto, piccole e medie, che si alleano e scelgono di collaborare. È il primo sodalizio di questo genere nel settore dei trasporti altoatesini. I complimenti vanno innanzitutto alla consulta di mestiere presieduta da Fortunato Rizzo, che ha lavorato intensamente alla realizzazione di questo consorzio. TransOpt ha sede presso l’APA ed ha già cominciato a lavorare. Si va ad aggiungere al consorzio KSM degli autonoleggiatori, il secondo dunque che l’APA è riuscita a istituire nel trasporto. La zona artigianale di Nova Levante è stata premiata dall’ordine degli architetti e dalla BLS per la validità della sua architettura (pagine 18–20). Per il consorzio che l’ha costruita, guidato allora dall’ex presidente circondariale APA Franz Pichler, è una grande soddisfazione. E il premio dimostra che la scelta dell’epoca è stata davvero innovativa. Il premio però dimostra anche che le zone commerciali non sono soltanto importanti per l’economia e per i posti di lavoro ma costituiscono anche un guadagno architettonico per l’urbanistica dei paesi. Congratulazioni a Franz Pichler che ha ricevuto il premio insieme agli altri soci del consorzio, agli amministratori comunali e al vicedirettore APA Thomas Pardeller. Altri temi trattati dal presente numero sono le novità formative derivanti dalla riforma delle superiori (pagine 10/11), il ruolo centrale dell’artigianato alla fiera Klimahouse (pagine 16/17) e il progetto provinciale di fondere le cooperative di garanzia (pagine 12/13). Alla redazione ha poi fatto enorme piacere la medaglia d’argento conquistata dallo scalpellino Tobias Nußbaumer agli Euroskills di Lisbona (pagina 29). In quest’edizione diamo molto spazio alle tante novità legislative che entrano in vigore con l’inizio dell’anno (albo gestori ambientali, valutazione dello stress, diritto del lavoro) e che spieghiamo alle pagine 22–24. Al momento di chiudere la redazione non era ancora certo se il nuovo sistema Sistri venga applicato definitivamente dal primo di gennaio. Tenetevi aggiornati consultando il portale dell’associazione www.lvh.it! Vi augura un’interessante lettura Hanspeter Munter Direttore APA


Indice

Attualità artigianato

8

La Storia

TransOpt: sei autotrasportatori si alleano in consorzio.

10

Formazione professionale: cosa cambia con la riforma delle superiori.

Tema

18

Argomenti

Premio di architettura: perchè la zona artigianale di Nova Levante è la più bella della provincia.

6 Di mese in mese: notizie attuali in breve 8 La storia: gli autotrasportatori fondano il consorzio TransOpt 10 Tema: riforma delle superiori – novità nella formazione professionale 12 Di mese in mese: cooperativa di garanzia dell’artigianato 14 Di mese in mese: servizi dell’associazione – numeri sbalorditivi 16 Di mese in mese: fiera Klimahouse 18 Di mese in mese: zona artigianale di Nova Levante premiata per l’architettura 21 Riflessioni: commento, giunta esecutiva, nuovi soci APA

Leggi & direttive 22 Leggi e direttive: novità nel diritto del lavoro 23 Leggi e direttive: obbligo di valutazione dello stress 24 Leggi e direttive: controlli sanitari per escludere tossicodipendenza 25 Pensioni & sociale: conteggio del servizio militare

Innovazione 26 Innovazione: progetto SWET, piattaforma sull’innovazione in internet

Gruppi di mestiere

24

Albo gestori ambientali: perchè trasportare rifiuti non è più così facile.

Leggi & Direttive

4

L’Artigiano gennaio 2011

27 CEPA: fatturazione delle spese per i corsi 27 Edilizia: listino prezzi orientativi dell’edilizia 28 Edilizia: presentate le linee guida dell’edilizia 29 Edilizia: scalpellini agli Euroskills 30 Installazioni: nuovo maestro bruciatorista 30 Alimentari: certificazione di alimenti 31 Legno: progetto “halb2” per falegnami


Indice

32 Trasporti: assemblea annuale degli autonoleggiatori 33 Varie: odontotecnici in visita da Luis Durnwalder, gli odontotecnici fondano una piattaforma

28

Organizzazioni

Linee guida per l’edilizia: qual’è il modello seguito dall’edilizia altoatesina.

34 Giovani artigiani: il maestro del mese 34 Artigiani anziani: programma viaggi 2011 35 Donne APA: concluso il master “Women Empowerment”

Appuntamenti 36 Fiere e appuntamenti 37 Borsa dell’apprendistato 38 Gente: concerto di Natale, riconoscimenti a collaboratori APA, Mutschlechner & Rienzner, Salone Corso

Gruppo Edile

29

Euroskills: lo scalpellino Tobias Nußbaumer porta a casa l’argento.

Gruppo Edile

www.btbonline.it

I VANTAGGI DEL TASSO VARIABILE, LA GARANZIA DI UN TETTO MASSIMO.

Mutuo Domus Block. Tutta la serenità di avere un tetto.

Con Domus Block puoi comprare casa più serenamente, perché è un mutuo a tasso variabile, ma ha un tetto massimo prefissato che ti protegge da ulteriori aumenti dei tassi. Ad esempio, per un mutuo di 10 anni, il tasso massimo bloccato per 5 è il 5%.

Banca del gruppo Bank der Gruppe

Messaggio Pubblicitario con finalità promozionale. Il tasso massimo del 5% si riferisce ad un mutuo di 10 anni, per il quale è stato concordato un tasso massimo per la metà della durata del mutuo stesso. Importo mutuo 100.000 euro, TAN 2,408%, TAEG 2,681%. Tasso variabile: Euribor 1 mese + spread 1,60% (valevole per la prima parte dell’ammortamento), spread 1,55% (per la seconda parte dell’ammortamento). Validità dicembre 2010. Spese istruttoria 400 euro, perizia 250 euro, spese incasso rata 1,50 euro. Per le condizioni contrattuali fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili nelle Filiali e sui siti internet delle Banche del gruppo. La concessione del mutuo è subordinata all’approvazione da parte della Banca del gruppo.


Invio della circolare A metà gennaio tutti i soci APA ricevono la circolare riguardante la quota 2011. Ad essa è già allegata la nuova tessera. Nella circolare sono descritte le modalità per versare la quota. Sul retro sono riassunti i

Festa degli sport invernali

Giornata APA degli sport invernali il 12 febbraio Quest’anno la tradizionale manifestazione aperta a tutti gli artigiani si svolge nel comprensorio sciistico “Carezza” a Nova Levante. La sua organizzazione sarà curata dal

principali servizi riservati ai soci. Su decisione del consiglio generale, quest’anno la quota soci ha subito un adeguamento (“L’Artigiano” ne ha già parlato). Il termine entro cui versare l’importo è il 10 febbraio. Nella stessa data viene prelevata la quota dai conti dei soci che hanno scelto la modalità di bonifico periodico. gruppo comunale APA. Sono previste gare di sci e di slitta per le diverse fasce d’età. Chi vuole partecipare si può iscrivere fino al 10 febbraio (tel. 0471 323200, fax. 0471 323210, e-mail: ramona. pranter@lvh.it). Tutte le informazioni sono raccolte in un opuscolo allegato al presente numero di “L’Artigiano”.

Stampati

Convenzione per il 2011 con i tipografi altoatesini Un conveniente pacchetto di biglietti da visita e carta intestata è quanto offrono i tipografi altoatesini alle piccole aziende. Anche nel 2011 continua la convenzione dell’APA con designer multimediali e tipografi. Il pacchetto „Sciliar“ si rivolge in particolare alle piccole aziende altoatesine Fiere

Prenotatevi per la Tipworld e la mostra artigianale Gardena La Tipworld è la fiera della Val Pusteria dedicata a gastronomia, edilizia e arredamento. Si svolge a Brunico

dal 16 al 19 aprile. L’APA organizza aree espositive. Si accettano ancora le ultime prenotazioni: tel. 0471 323340. Per le aziende artigiane della Val Gardena l’appuntamento è la mostra dal 22 al 24 luglio a Ortisei. Ci sono posti espositivi ancora liberi. Per informazioni e iscrizioni: tel. 0471 323340.

La rivista del

progettare e costruire sostenibile ISSN : 203

www.cas

Un’iniziativa della sezione di mestiere dei pittori e verniciatori dell’APA

www.fassadenwettbewerb.lvh.it

bimestrale

TERMINI: Invio: 30 novembre 2011 I Premiazione: primavera 2012 CATEGORIE: NUOVO EDIFICIO I EDIFICIO INDUSTRIALE EDIFICIO STORICO I HOTEL PER PARTECIPARE: Possono partecipare tutti i proprietari di case in Alto Adige, i cui lavori siano stati eseguiti tra il 01.01.2010 ed il 30.11.2011.

ufficiale – Organo

Rivista

ICIEN sull’EFF

GETICA ZA ENER

BOERI

GRATO ILE FV INTE OSO, PIÙ APPETIB M ENTO potto acustico? ziona il

cap

ICO

GET T EN ER

s FI RETRO Awards for building

i“

w w w. c a s a e c l i m a . c o m

2010 gio-giugno o V · mag N. 25 · Ann

Efficienza Energetica

Qualità del Costruire

ST MENO CO Come fun

8-08 95

Integrazione Impianti

ISTE

ISOLA

.com

ITATIVO ORT AB e il COMF

INTERV STEFANO

aecl ima

di APA

ing

con i col e r or sa

e vanta un ottimo rapporto prezzo/contenuto. La stampa viene eseguita esclusivamente in tipografie locali. Gli interessati possono scegliere tra vari modelli di design che su richiesta possono essere anche adattati alle esigenze specifiche. Il pacchetto comprende 400 fogli di carta intestata e 200 biglietti da visita. Lo si può ordinare con il relativo modulo su www.innovation. lvh.it oppure rivolgendosi alla sezione di mestiere: tel. 0471 323200, info@lvh.it.

Euro 8

Concorso I colori d e l l e facciate

„O

Argomenti

Quota soci APA

Re-Skinn

Comfort dell’Abitare

ARE A SFAT M ITI D og fa male? sm

L’elettro

EVENTI E 2010 port MC

Re

NTI

IM PIA Satelliti

d’utenza

ETTIVO O L’OBI DENTRcome un waferncisco Leggero re a San Fra ca Riqualifi e Spa - Sped.

Poste Italian

abb. post.

003 (conv.

- D.L. 353/2

/2004 n.46)

in L. 27/02

a1 - LO/M

art.1, comm

I

La prima rivista per i progettisti dell’efficienza energetica in edilizia. Ulteriori informazioni o modulo di iscrizione online su www.fassadenwettbewerb.lvh.it

La più elevata diffusione certificata* tra i periodici destinati ai progettisti (architetti, ingegneri, studi tecnici, geometri ecc.) *Diffusione media 20.548 copie - Certificato CSST N°2007-1598

6

L’Artigiano gennaio 2011


Quest’anno contributi fino al 37,5 per cento

Progetto di sviluppo economico

Suddivisione in 20 aree economiche Il progetto di sviluppo di aree economiche (STEP) è stato avviato all’inizio del 2010 dall’assessore Thomas Widmann con l’intento di consolidare a lungo termine l’Alto Adige come area economica. Oltre alla provincia partecipano al progetto l’associazione dei comuni altoatesini e il BLS. Il progetto è guidato da un gruppo composto da prescrittori, imprenditori ed esperti di economia fra cui anche l’esponente APA e sindaco Helmuth Innerbichler. Dopo un’analisi iniziale, i comuni e gli imprenditori sono stati invitati a fornire informazioni dettagliate sulle

Campionati provinciali 2011

Campionati e fiera “Futurum” La fiera della formazione “Futurum” e i campionati provinciali di artigianato e gastronomia si svolgeranno in parallelo dal 17 al 19 di febbraio nella Fiera di Bolzano. Questo proprio perché entrambe le manifestazioni si occupano di formazione e scelta di un mestiere. I preparativi dell’APA e dell’ufficio formazione professionale sono in pieno fermento. Ai campionati gareggeranno apprendisti e lavoranti dei

caratteristiche economiche nella loro zona comunale di appartenenza. Su tale base si è arrivati a suddividere la provincia in 20 aree reciprocamente legate economicamente e geograficamente definendole come “aree economiche funzionali”. In ognuna di esse è previsto un gruppo di esperti ed esponenti dell’economia e dei comuni. Tale gruppo deve elaborare insieme una strategia di posizionamento, commercializzazione e insediamento aziendale. “A questo punto il progetto STEP passa alla terza e più decisiva delle quattro fasi, quella in cui dobbiamo riuscire a convincere i comuni altoatesini della forza delle cooperazioni”, spiega l’assessore Widmann. Nella foto il gruppo alla guida del progetto STEP. seguenti mestieri: lattonieri edili e artistici, elettrotecnici, piastrellisti, parrucchieri, orafi, installatori, carrozzieri, autoriparatori, pasticcieri, giardinieri paesaggisti, pittori, sarti, muratori, designer multimediali, fabbri e magnani, estetisti, personale alberghiero, falegnami, carpentieri. I candidati sono ancora in tempo a iscriversi chiamando il tel. 0471 323200 oppure info@lvh.it. Tra i mestieri in mostra si potranno vedere: piastrellisti, conciatetti, vetrai, artigianato artistico, restauratori, calzolai, scalpellini, tappezzieri, movimento terra.

Dal primo di gennaio 2011 il contributo massimo che dà la provincia alle spese dell’attestazione SOA ammonta al 37,5 per cento. Dal primo di gennaio 2012

Consiglio provinciale

Artigianato di nuovo presente nella politica Il consigliere e presidente del consiglio provinciale Dieter Steger è stato dichiarato ineleggibile dal tribunale e a fine gen-

Iniziativa sociale

Padrini di apprendisti cercasi La scuola professionale „Luis Zuegg” di Merano e il gruppo giovanile Kolpingjugend hanno avviato l’iniziativa “padrini di apprendisti”. Si tratta di un volontariato di adulti che per un certo periodo accompagnano i giovani sulla strada verso il mondo del lavoro. In pratica aiutano i loro assistiti a scegliere un mestiere adatto, a cercare un

il contributo sarà invece eliminato. L’attestazione SOA è necessaria per partecipare ai bandi pubblici sopra i 150.000 euro. Dato che procurarsela è piuttosto costoso, l’APA ha stipulato una convenzione per i suoi soci e assiste nella domanda di contributo provinciale. Contatto: tel. 0471 323 200, info@lvh.it. naio dà le dimissioni. Quello che nella lista SVP viene subito dopo per numero di voti è il direttore APA Hanspeter Munter. Quindi l’artigianato ha di nuovo la possibilità di essere rappresentato politicamente nel consiglio provinciale. Non è però ancora sicuro se il direttore deciderà in questo senso. opportuno posto di apprendistato e a candidarsi. Sono persone di fiducia che stanno a fianco dei ragazzi in tutti i problemi scolastici e poi per un certo periodo anche nella vita lavorativa. A tale scopo è necessario che si tengano in contatto con genitori, scuola professionale e docenti facendo anche da tramite. Finora si sono resi disponibili tre adulti adatti all’incarico. Se ne cercano altri, che potranno mettersi in contatto con il direttore del progetto Peter Thaler nella scuola professionale.

����������������� ������

��������������������������������� ���������������������������������������� �������������������������������������������� ��������������������������������������� ����������������������������������������������� ������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������� ���������������������������������������� ��������������������������������������������� �������������������������������������������������������� ���������� ������������������������������������

L’Artigiano gennaio 2011

7

Argomenti

Attestazione SOA


La Storia

Parte il consorzio TransOpt

Organigramma Presidente

Elmar Morandell (EMT Transport GMBH)

Vicepresidente

Astrid Huez (Alpentrans KG)

Consiglio amministrativo

Albert Hutter (Transalbert KG) Alexander Öhler (Öhler Alexander & Co. KG) Walter Pöhl (APA) Possono entrare a far parte del consorzio tutti gli autotrasportatori altoatesini iscritti nel corrispondente registro e con una capacità di trasporto superiore ai 1500 chilogrammi.

8

L’Artigiano gennaio 2011

Autotrasporto: per la prima volta le aziende di trasporto altoatesine si alleano. In sei formano il nuovo consorzio TransOpt.

C

on il consorzio TransOpt diamo il via a un nuovo modello dell’autotrasporto”, commenta soddisfatto il suo presidente Elmar Morandell, titolare della EMT Transport GmbH di Caldaro. “Abbiamo individuato la necessità di concentrare le nostre forze per resistere in un mercato divenuto difficile”, continua Morandell. Il consorzio ha sede presso l’APA ed è già operativo. “Ci offre il vantaggio di poter unire i servizi professionali delle singole aziende in un’offerta a tutto tondo”, dichiara la vicepresidente Astrid Huez della Alpentrans KG di Salorno. Inoltre garantisce maggior flessibilità e affidabilità. “Attraverso il consorzio possiamo accettare lavori che magari per un’azienda sola sarebbero troppo grossi, come per esempio

incarichi mensili o annuali, da parte di grandi clienti o di istituzioni pubbliche”, precisa la Huez.

Più ordinativi ai trasportatori altoatesini

L’obiettivo del consorzio TransOpt è riprendersi incarichi del mercato regionale che sono stati sottratti dalla concorrenza straniera. “Questo sarebbe vantaggioso per tutto l’Alto Adige perchè il gettito fiscale e i posti di lavoro rimangono qui”, osserva Morandell. In un secondo momento i trasportatori cercheranno nuovi mercati. Il consorzio nasce con sei aziende fondatrici: EMT Transport e Alpentrans, Transalbert KG (Sluderno), Öhler Alexander & Co. KG (Renon), Hanstrans GmbH (Laces) e Kobler KG (Naturno). Pos-


La Storia Insieme a presentare TransOpt: (da sin.) il direttore della ripartizione Gianfranco Jellici, i consiglieri amministrativi Walter Pöhl, Alexander Öhler, Astrid e Albert Hutter, il presidente Elmar Morandell, il presidente della sezione di mestiere Fortunato Rizzo e il direttore APA Hanspeter Munter.

sono entrare a far parte del consorzio tutti gli autotrasportatori altoatesini iscritti nel corrispondente registro e con una capacità di trasporto superiore ai 1500 chilogrammi.

Un lungo lavoro preliminare

Il presidente degli autotrasportatori APA, Fortunato Rizzo, è soddisfatto della riuscita di questo consorzio. “Nella consulta di sezione e nell’APA ci abbiamo lavorato molto negli scorsi mesi”, fa notare Rizzo. “Collaborando, gli autotrasportatori sono riusciti a mettere in piedi un’offerta migliore e più consistente”, ha evidenziato

“Con il consorzio TransOpt gli autotrasportatori scelgono di collaborare per resistere in un mercato difficile.”

Fortunato Rizzo, presidente degli autotrasportatori APA

il direttore APA Hanspeter Munter nella conferenza stampa che presentava il consorzio TransOpt. L’assessore all’economia e mobilità Thomas Widmann, pur impedito a partecipare di persona alla conferenza stampa, ha dichiarato che l’istituzione del consorzio rappresenta un’iniziativa di grande importanza per il settore dei trasporti nella provincia, fra l’altro la prima in assoluto di questo genere. “Collaborare è fondamentale per il successo dell’autotrasporto altoatesino, caratterizzato da aziende medie e piccole”, precisa il direttore della ripartizione Gianfranco Jellici. Tobias Egger

“Con il consorzio TransOpt possiamo sommare le nostre forze offrendo al cliente un servizio davvero completo e fidato.” Elmar Morandell, presidente TransOpt

TransOpt – dati e cifre Aziende fondatrici

EMT Transport GmbH, Caldaro Alpentrans KG, Salorno Transalbert KG, Sluderno Öhler Alexander & Co. KG, Renon Hanstrans GmbH, Laces Kobler KG, Naturno

Parco mezzi delle aziende

complessivamente 110 camion

Numero di dipendenti delle aziende

complessivamente 230 dipendenti

Servizi

• trasporto regionale • trasporto internazionale • carichi completi e parziali • trasporto di alimentari freschi e surgelati • consegne porta a porta con disponibilità al carico in 24 ore • distribuzioni collettive da e per l’Alto Adige in 48 ore • locazione di spazi a breve o lungo termine • magazzino di trasbordo

Contatto

Consorzio TransOpt Via Piani di Mezzo 7, 39100 Bolzano Tel. 0471 323333, fax 0471 323334, e-mail: transopt@lvh.it www.transopt.lvh.it

L’Artigiano gennaio 2011

9


Tema

Scuola superiore o professionale: a marzo saranno in 7000 i ragazzi che devono scegliere. Ora la giunta ha riordinato l’offerta.

Via libera alla riforma scolastic Formazione professionale: la giunta provinciale ha approvato le direttive sulla riforma delle superiori. Per quanto riguarda la formazione professionale rimangono i corsi base di Egna, Sarentino e Vipiteno. A Brunico una nuova scuola per l’edilizia.

Rizzolli: “Resta il corso base a Egna” Il circondario APA della Bassa Atesina si è impegnato a fondo per conservare il corso base di formazione professionale a Egna. “È un corso sempre ben frequentato, e di regola le aziende offrono un posto di lavoro a chi lo conclude”, fa notare il presidente circondariale Georg Rizzolli (foto) esprimendo soddisfazione per la delibera della giunta di non togliere il corso dall’offerta scolastica. Rizzolli ringrazia soprattutto il presidente circondariale Oswald Schiefer e il sindaco Horst Pichler che si sono battuti allo scopo.

10

L’Artigiano gennaio 2011

I

7000 allievi delle terze medie stanno aspettando di vedere a cosa ci si potrà iscrivere per l’autunno del 2011. Il 13 dicembre la giunta ha preso le sue decisioni che applicano la riforma delle superiori. In merito alla formazione professionale ci sono state questioni aperte fino all’ultimo momento.

I corsi base rimangono, scuola edile a Brunico

La giunta ha deciso di mantenere i corsi base di istruzione professionale nelle scuole di Egna, Sarentino e Vipiteno. A Brunico si aggiunge una scuola per l’edilizia della durata di

tre anni. Quest’ultima potrà essere proseguita fino ad arrivare alla maturità, promette l’assessore all’istruzione Sabina Kasslatter Mur. A Bressanone rimarrà la prima classe di estetisti e parrucchieri, non però la seconda. Quindi gli interessati dovranno andare a Brunico o a Merano, precisa la Kasslatter Mur. La giunta ha respinto anche un quarto anno di specializzazione in management della cucina a Bressanone e sempre un quarto anno per infrastrutture di edifici a Bolzano. Non c’è stata maggioranza nemmeno per una scuola professionale di parrucchieri a Bolzano né


Tema

Gerstgrasser prende il posto di Duregger

Gli assessori scolastici dei tre gruppi linguistici hanno presentato le novità introdotte dalla riforma delle superiori.

per una di tecniche di condizionamento a Merano.

Istruzione professionale equiparata

Con la riforma la formazione professionale diventa una delle tre scelte equivalenti di scuola superiore. Le altre due sono i licei e gli istituti tecnici („L’Artigiano” ne ha già parlato). Le differenze sono state spiegate dall’assessore Kasslatter Mur nella conferenza stampa che ha presentato l’applicazione della riforma. In base ad essa la formazione professionale diventa ideale per tutti colore che „hanno interesse a imparare con la testa e con le mani, e che vogliono in primo luogo una qualifica professionale”, spiega la Kasslatter Mur. L’offerta comprende sia l’apprendistato dualistico che le nuove scuo-

le professionali con cui si può accedere anche alla maturità. „Per queste ultime ora dobbiamo elaborare quanto prima gli orari”, prosegue l’assessore. La seconda alternativa sono i licei, quelli che danno la più vasta istruzione generale. „Chi frequenta un liceo è predestinato a uno studio universitario o parauniversitario”, ricorda la Kasslatter Mur. Infine sono improntati sull’istruzione generale anche gli istituti tecnici, che però in aggiunta insegnano materie specifiche preparando a studi universitari determinati o anche all’entrata diretta nel mercato del lavoro, conclude l’assessore.

Dal 17 al 20 febbraio fiera della formazione e campionati provinciali

A fine marzo gli allievi del-

C’è un cambio tra i dirigenti provinciali della formazione professionale. Con l’inizio dell’anno il direttore del dipartimento Peter Duregger (foto sopra) è andato in pensione. Prende il suo posto Hartwig Gerstgrasser (foto sotto). Il 41enne Hartwig Gerstgrasser è stato dal 2000 preside della scuola professionale di commercio, artigianato e industria “Luis Zuegg” a Merano. I dirigenti APA ringraziano Peter Duregger per la lunga collaborazione e si congratulano con Hartwig Gerstgrasser. le terze medie e rispettivi genitori devono decidere in che scuola iscriversi per l’autunno. La provincia promuove una massiccia campagna informativa da gennaio a marzo. Vengono distribuiti opuscoli e dal 17 al 20 febbraio si svolge la manifestazione „Futurum” nella fiera di Bolzano. In concomitanza con l’evento, l’APA organizza i campionati provinciali dei mestieri, utili a far conoscere ai ragazzi i mestieri dell’artigianato. Tobias Egger/LPA

L’Artigiano gennaio 2011

11


Argomenti

“Vitale per l’artigianato” Cooperative di garanzia: la giunta provinciale intende fondere in

un’unica cooperativa di garanzia le cinque esistenti. Ma quella dell’artigianato vede messi in pericolo i suoi validi servizi e vuole rimanere per conto proprio. Intervista

“Le peculiarità degli artigiani devono rimanere” Herbert Fritz, presidente della cooperativa di garanzia dell’artigianato “L’Artigiano”: la giunta vuole fondere tutte le cooperative di garanzia. Perché quella dell’artigianato deve rimanere separata? Herbert Fritz: un’azienda artigiana ha altre esigenze di credito rispetto a quelle di un hotel o di un’industria. La cooperativa di garanzia dell’artigianato conosce le peculiarità delle imprese artigiane e ne tiene conto. In particolare la situazione del capitale delle piccole imprese è essenzialmente diversa da tutte le altre categorie, quindi ci vuole un altro tipo di garanzia. In un’unica grande organizzazione questo non è possibile. “L’Artigiano”: con la fusione la giunta si ripromette di risparmiare costi. Fritz: con la cooperativa di garanzia dell’artigianato la provincia non ha bisogno di risparmiare neanche un centesimo. Infatti la cooperativa dispone di un’amministrazione agile ed efficiente che si autofinanzia al cento per cento. Solo in caso di ammanchi riceve dalla provincia un rimborso del 60 per cento e comunque di massimo 250.000 euro all’anno. Nel progetto di fusione la giunta vuole aumentare questa quota all’80 per cento. “L’Artigiano”:: e allora come si continua? Fritz: al momento la giunta non si è ancora pronunciata. Da parte nostra faremo di tutto perché la cooperativa di garanzia dell’artigianato rimanga. Rappresenta pur sempre 1650 aziende e nei suoi 40 anni di attività ha accumulato un’esperienza preziosa di cui beneficia tutto il settore. Collaborare con altre cooperative per noi ha senso solo se si conservano i servizi individuali per l’artigianato. Una soluzione potrebbe essere ad esempio quella di istituire un consorzio all’interno del quale le singole cooperative mantengono la loro autonomia.

12

L’Artigiano gennaio 2011

A

ttualmente ogni settore economico – dall’artigianato al commercio, dal turismo all’industria – ha una sua propria cooperativa di garanzia. Questa serve a garantire per i debiti che contrae un’azienda, coprendole le spalle in modo da ottenere condizioni finanziarie migliori. ora la politica ha intenzione di fondere in un’unica cooperativa le cinque esistenti. Di recente la giunta ha dato il suo ok alla proposta di abolirle tutte e istituire una nuova cooperativa unificata alla quale in futuro si dovrebbero rivolgere tutti gli imprenditori, a prescindere dal settore in cui operano. In tale cooperativa sono previsti due fondi: uno per garanzie di grossa entità, l’altro per quelle minori. Ognuno dei due avrà una propria commissione che decide.

La minaccia dell’abolizione

La cooperativa di garanzia degli artigiani e l’APA non approvano la sopracitata proposta. „Non vediamo alcun vantaggio nell’abolire una cooperativa che ha sempre funzionato bene per istituirne un’altra più grossa”, dichiara il presidente dell’attuale cooperativa di garanzia Herbert Fritz. Quella degli artigiani è calibrata esattamente sulle esigenze del settore. „Da quasi quarant’anni è un’istituzione autonoma diventata oramai irrinunciabile per l’artigianato”, puntualizza Fritz. Il timore è che una fusione possa avere solo effetti negativi per gli artigiani. „In una grande organizzazione non si potrà andare più incontro alle esigenze specifiche delle imprese artigiane”, ammonisce il presidente (vedi intervista in questa pagina).

La provincia spinge per la fusione

La cooperativa di garanzia degli artigiani e l’APA hanno esposto chiaramente per iscritto il loro punto di vista alla provincia e anche al Wirtschaftsring. La giunta esecutiva APA ha votato all’unanimità per mantenere lo status quo. Ma chi fa pendere l’ago della bilancia è la politica. La provincia subordina alla fusione il pagamento di ulteriori contributi ai fondi di garanzia. Ini-


Argomenti

zialmente questo progetto non ha incontrato il favore nemmeno delle altre associazioni economiche. Si crede poco anche ai possibili risparmi derivanti dalla fusione. Nel frattempo però le associazioni si sono piegate alla volontà politica accettando il modello proposto – ad eccezione dell’APA che rappresenta gli interessi dell’artigianato. La cooperativa di garanzia degli artigiani può accettare una fusione solo a patto che siano mantenuti i validi servizi così come lo erano sinora. Uno sguardo alle cifre conferma l’impostazione autonoma dell’artigianato: la sua cooperativa di garanzia conta attualmente 1650 soci, molti di più di tutte le altre.

Le cinque cooperative di garanzia in Alto Adige Cooperativa di garanzia dell’artigianato È quella più nutrita: fondata nel 1964, oggi conta 1650 aziende associate; garantisce fino all’80 per cento di un credito; nel 2010 ha approvato garanzie per un totale di 14 milioni di euro.

Confidi Cooperativa di garanzia dell’industria con 500 aziende associate. Garantisce fino al 50 per cento di un credito.

Terfidi Cooperativa di garanzia di commercianti, alberghieri e terziario, con 660 soci circa. Garantisce fino al 50 per cento di un credito laddove sono previsti importi massimi di 150.000 (mutui) o 100.000 euro (crediti su conto corrente).

Fidimpresa Cooperativa di garanzia dell’unione piccole imprese CNA, 330 soci circa, garantisce per crediti fino a 3 milioni di euro.

Socialfidi Istituita appena nel 2006 con una legge provinciale, garantisce per i crediti delle cooperative sociali altoatesine.

Tobias Egger

����������������������� ������������������������������

���������������������������� �����������������������������������������

����������������������������������������������������������������������������������� �����������������������������������������������������������������������������������

� ��������������� � ����������������������� ������������������ ��������� �������������������� �������������

��������������������

��������������� 13

��������������������������������������������������������������������������������������������������� Der Handwerker Jänner 2011


Argomenti

Dati interessanti Servizi associativi: per chi viene da fuori è difficile farsi un’idea del volume di lavoro che l’associazione svolge per i suoi soci. “L’Artigiano” ha spulciato le relazioni conclusive dell’anno trascorso scoprendo numeri sorprendenti.

Contatto con i soci

Chiamate telefoniche (in entrata e in uscita): 1.670 al giorno E-mail inviate: 1.372 al giorno E-mail ricevute: 5.723 al giorno Lettere: 158.951 Scritti protocollati: 33.707 Contatti personali con la sede APA di Bolzano: 109 al giorno

Circolari

Circolari inviate: 444 di cui lettere: 93.605 di cui fax: 13.518 di cui e-mail: 166.241

Assistenza funzionari

Sedute assistite: 271 per un totale di ore: 3.982 Domande di incentivi a iniziative e progetti: 71 Domande accettate di incentivi a iniziative e progetti: 65

Consulenza legale

Assistenze legali ai soci: ca. 300 Assistenze nel contatto con uffici: ca. 100 Solleciti a nome dei soci: ca. 750.000 Euro Ricorsi in tribunale: ca. 30 Segnalazioni di lavoro in nero: ca. 20 Dichiarazioni annuali MUD: 373 Consulenze telefoniche ai soci: ca. 100 al giorno Assistenze personali nella sede APA: 10–12 al giorno

Innovazione

Consulenze d’innovazione ai soci: 54 Progetti d’innovazione assistiti: 28 Consulenze su marchi e brevetti: 11

Attestazione SOA

Consulenze ai soci: oltre 1.000 Soci certificati: 139 Domande di contributi inoltrate: 180

14

L’Artigiano gennaio 2011

Consulenza crediti

Domande di contributi provinciali a nome dei soci: 200 Domande a cooperative di garanzia: 50

Consorzi edili

Consorzi edili seguiti: 9 Soci assistiti: 160 Sedute e riunioni: 68


Argomenti Comunicazione

„L’Artigiano“ 11 numeri in lingua tedesca, 11 in lingua italiana per un totale di pagine: 524 in tedesco, 524 in italiano

www.lvh.it Visitatori al mese: ca. 35.000

Aggiornamenti: ca. 2000 Utilizzi del POS online: ca. 1000 al mese Accessi alla rassegna stampa: ca. 200 al giorno

Patronato INAPA

Dichiarazioni Mod. 730: 1.097 Anziani iscritti: 1.477 (+17 %)

Lavoro dei media

Comunicati stampa: 340 Conferenze stampa: 8 Articoli nella rassegna stampa: ca. 10 al giorno

Aggiornamenti

Corsi organizzati: 369 Ore di corsi: 4.319 Numero di partecipanti: 5.088

Tobias Egger

GASSER

IVECO

NUOVA CONCESSIONARIA PER L‘ALTO ADIGE

GASSER FIAT PROFESSIONAL

NUOVI SHOWROOMS

BOLZANO · TEL. 0471 553 400

FIAT DOBLÒ CARGO

ASSISTENZA RAPIDA

S. LORENZO · TEL. 0474 474 514

FIAT DUCATO

MAGAZZINO COMPLETO

WWW.GASSERSRL.IT

FIAT FIORINO

L’Artigiano gennaio 2011

15


Argomenti

“Laboratori viventi” alla Klimahouse Klimahouse: lo stand collettivo dell’artigianato è uno degli highlight alla fiera che si svolgerà dal 27 al 30 gennaio a Bolzano. Con la presenza di artigiani che costruiranno dal vivo parti di CasaClima.

L

o stand presenta quattro parti di CasaClima che occupano circa 200 metri quadrati. Qui gli artigiani specialisti illustrano i metodi più moderni di costruzione e risanamento. In ogni giorno della fiera verrà costruito un nuovo pezzo. Vi saranno esperti di CasaClima a spiegare il lavoro degli artigiani e le

Dati e cifre

tecniche di costruzione in standard CasaClima.

dei pannelli isolanti o dei pavimenti.

Lavoro dal vivo in fiera

La seconda parte presenta una CasaClima “Gold Nature”, fatta cioè di materiali naturali. Anche qui gli artigiani procederanno con la costruzione nel corso della fiera. Le due pareti esterne sono realizzate con due diversi sistemi di legno. Si vedranno mettere in opera gli isolamenti esterni di fibre di legno o l’applicazione di collanti ecologici.

Uno dei quattro “laboratori viventi” illustra la costruzione di una CasaClima in standard “oro”. Nel corso della fiera la casa sarà eretta con i suoi diversi strati. Gli artigiani mostreranno per esempio la posa dei mattoni, il montaggio

Stand collettivo APA dell’artigianato altoatesino di qualità Superficie: 430 metri quadri Highlight: 4 “laboratori viventi”: artigiani specialisti costruiscono quattro pezzi di casa illustrando le tecniche di CasaClima, visite guidate da esperti CasaClima Espositori: 6 aziende, sezione dei fumisti, unione altoatesina del solare Partner: Fiera di Bolzano, Röfix, Provincia Autonoma di Bolzano

16

L’Artigiano gennaio 2011

Il terzo laboratorio si occupa di risanamenti energetici. Qui i visitatori vedranno le diverse possibilità in un tipico edificio degli anni ’70: per esempio isolamenti interni con pannelli multipor o esterni con minipor, sistemi antiumidità o risanamento di pavimenti. L’ultimo dei laboratori è gestito da elettrotecnici e fumisti che illustrano il corretto montaggio di installazioni e riscaldamento in una CasaClima. Saranno

Aziende presenti alla Klimahouse

Nello stand collettivo APA sono presenti le sei aziende artigiane di qualità: falegnameria Moser Josef (Barbiano), falegnameria Keim (Wiesen-Pfitsch), Ebner Solar (Appiano), Suntek Solartechnik (Brunico), costruzione di scale Reichhalter Josef (S. Genesio).


Argomenti Modello dello stand collettivo APA alla Klimahouse. I punti di attrazione sono i “laboratori viventi” e le aree espositive.

visibili i vantaggi di un’installazione elettrica programmabile (sistema bus) che migliora sia i consumi che il comfort. I fumisti costruiranno un camino con presa d’aria separata e daranno spiegazioni sulla sicurezza e sul risparmio energetico.

Stand collettivo dell’artigianato in 430 metri quadrati

Attorno ai “laboratori viventi” ci sono aziende selezionate che espongono i loro prodotti (vedi riquadro). La sezione di mestiere dei conciatetti illustra esempi di ri-

La sezione dei conciatetti e l’unione altoatesina del solare forniscono spiegazioni alla Klimahouse.

sanamenti energetici in vari materiali e finiture. L’unione altoatesina del solare spiega impianti fotovoltaici e solari. Sempre nello stand collettivo sono presenti anche la rivista italiana “Casa&Clima” e l’unione Costruttori Casaclima Südtirol (CCS).

Quest’ultima è un sodalizio di imprese artigiane che costruiscono CasaClima nel nord dell’Italia. Il vantaggio di architetti e committenti: hanno un interlocutore unico che consegna la casa chiavi in mano. Tobias Egger

CasaClima: 65 milioni di euro all’anno Il marchio “CasaClima” si è consolidato in Alto Adige e conquista sempre di più il mercato italiano. Lo conferma uno studio dell’IRE che evidenzia però altri passi necessari.

L

’istituto di ricerca economica (IRE) della Camera di commercio ha condotto per la prima volta uno studio accurato sul marchio CasaClima. Allo scopo sono stati intervistati 95 partner di CasaClima, dentro e fuori dall’Alto Adige, oltre a un numero rappresentativo di italiani (1.000 persone) e 800 “intermediari” in tutta Italia (architetti, ingegneri, immobiliaristi etc.). Stando a questo studio CasaClima si è ormai consolidata in Alto Adige come standard di efficienza energetica, dando un impulso decisivo all’edilizia locale: dal 2002 sono stati certificati oltre 2.700 edifici nuovi e circa 1.500 ristrutturati, inducendo nel settore edile un ulteriore valore aggiunto annuo di 65 milioni di euro.

E le potenzialità sono ancora enormi se si considera che tre quarti degli edifici in Alto Adige hanno più di 25 anni e che necessitano quindi di un risanamento energetico. Il marchio CasaClima si posiziona molto bene sul mercato italiano: un adulto su dieci ha già sentito parlare di CasaClima; si registra però un divario tra nord e sud, con un 27 per cento nel Nordest e appena il 2,6 per cento nel sud. Per gli ingegneri edili, gli architetti e gli agenti immobiliari italiani, che sono intermediari importanti, CasaClima è la certificazione più conosciuta e più apprezzata. Le caratteristiche vincenti del marchio “CasaClima” sono grande fiducia, serietà e affidabilità. In alcune regioni però sono più consolidati e presenti altri marchi più o

meno competitivi, come per esempio LEED. Per rafforzare e ampliare la posizione leader di CasaClima in Italia, l’IRE propone alcuni provvedimenti: garantire la qualità dei materiali da costruzione e delle realizzazioni; tutelare l’indipendenza attraverso con-

trolli seri da parte di certificatori (sempre più) qualificati; maggiori sforzi di marketing su tutto il territorio nazionale; allargare ulteriormente la rete locale composta da partner di CasaClima, consulenti locali e contatti con gli istituti di ricerca.

L’Artigiano gennaio 2011

17


Argomenti I soci del consorzio della zona artigianale di Nova Levante e i titolari delle aziende Barth, Ewo e Holz & ko sono stati premiati dalla BLS e dall’ordine degli architetti (foto: Arnold Pertl).

Artigiani di Nova Levante premiati per la buona architettura Premio committenti: la zona artigianale di Nova Levante vince il primo premio dei committenti altoatesini per la validità della sua architettura. Premiate anche tre aziende del territorio.

L

a fondazione dell’ordine degli architetti e l’agenzia Business Location Südtirol (BLS) hanno istituito un nuovo premio riservato alle architetture esemplari in zone commerciali. Dopo lunga e accurata analisi della giuria, in dicembre sono stati premiati i vincitori nella Camera di Commercio. Il primo premio lo ha rice-

vuto la zona artigianale di Nova Levante che ha convinto la giuria con la concezione architettonica del suo complesso, interessante anche per il suo inserimento paesaggistico. Così si è pronunciata la giuria: “si è riusciti a studiare una concezione innovativa che mette in equilibrio gli aspetti ecologici, estetici ed economici.”

Aziende del consorzio zona artigianale Nova Levante

Fabbri edili e artistici Gebr. Pichler Florian & Franz OHG, Pichler Franz e Pichler Florian; Ingrossi bibite Holzknecht Richard & Co OHG, Holzknecht Richard; Autofficina Auto Lunger, Lunger Erich; OK Keramik, Obkircher Norbert; Panificio Näckler, Näckler Erwin; Lattonieri Haas Andreas & Co OHG, Haas Andreas, Haas Johann; Pittori Obkircher Ingnaz OHG, Obkircher Erich; Muratori e fumisti Welscher Robert; Impresa edile Kaufmann geom. Reinhard.

18

L’Artigiano gennaio 2011

Riconoscimento al consorzio zona artigianale di Nova Levante

La zona artigianale di Nova Levante è stata istituita come consorzio da nove imprenditori. Alla consegna dei premi l’ordine degli architetti e la BLS hanno rivolto un riconoscimento all’ex presidente del consorzio (questo infatti si è sciolto a costruzione ultimata) ed ex presidente circondariale APA Franz Pichler. Premiati anche i singoli committenti (v. riquadro) e gli amministratori comunali con l’allora sindaco di Nova Levante Othmar Neulichedl. La zona artigianale si estende su 3.500 metri quadri edificati fra il 1997 e il 2001. Il progetto è opera dello studio ArchTV con gli architetti Karl Troyer, Stefan Troyer e Johann Vonmetz.

Premio ad altre tre sedi aziendali

Oltre al primo premio di Nova Levante, l’ordine degli architetti e la BLS ne hanno assegnati altri tre. Si sono infatti classificati secondi ex aequo tre interessanti progetti: • la nuova sede della ditta Barth Innenausbau a Bressanone; • la sede aziendale della ditta d’illuminazione Ewo a Cortaccia; • la sede amministrativa della Holz & ko di Nova Ponente. Tutti sono edifici appartenenti a imprese artigiane. A pagina 12 potrete leggere in dettaglio il giudizio della giuria. I titolari delle aziende hanno ricevuto i premi dai dirigenti della BLS e dell’ordine degli architetti, dall’assessore all’economia Thomas Widmann e da quello all’urbanistica Michl Laimer.


Argomenti

Zona artigianale di Nova Levante: costruita con una concezione generale che si integra nel paesaggio.

Riconoscimenti per la zona artigianale di Nova Levante: (da sin.) l’allora sindaco Othmar Neulichedl, il presidente del consorzio Franz Pichler, il consigliere comunale e vicedirettore APA Thomas Pardeller (foto: Arno Pertl)

Intervista

Franz Pichler Presidente del consorzio zona artigianale Nova Levante BLS e ordine degli architetti favorevoli a un’edilizia commerciale sostenibile

“Il premio istituito serve ad attirare l’attenzione verso le costruzioni commerciali sensibilizzando sulle buone architetture”, ha dichiarato il direttore BLS Ulrich Stofner alla premiazione nella Camera di Commercio. “Premiamo i progetti che si distinguono per sostenibilità e che si integrano bene nel paesaggio, vale a dire quindi architetture moderne ed efficienti che seguono le esigenze dell’imprenditoria, dei lavoratori e delle risorse ambientali”, ha sintetizzato Stofner. Il presidente della fondazione dell’ordine degli architetti, Luigi Scolari, si è appellato al senso di responsabilità di tutti i futuri committenti: “I progetti da noi selezionati si sono imposti sugli altri in quanto sono riusciti a considerare quei criteri qualitativi grazie ai quali l’architettura è in grado di operare un’evoluzione sostenibile del territorio”, commenta Scolari parlando dei progetti vincitori.

Widmann e Laimer: gli sforzi dei committenti vanno riconosciuti

“Ritengo importante e sensato riconoscere l’impegno di quei committenti che costruiscono le proprie sedi aziendali seguendo criteri di estetica, produttività, efficienza e sostenibilità”, fa notare l’assessore Thomas Widmann in merito al significato dell’iniziativa. “Infatti premiamo modelli che danno l’esempio, che indicano nuovi standard per le architetture commerciali del territorio e che aiutano a sviluppare una coscienza di edilizia e quindi anche di vita sostenibile”, prosegue l’assessore all’economia. Anche Michl Laimer è pienamente convinto dell’utilità di questo premio: “I responsabili dei progetti premiati hanno compreso quanto sia importante investire nella sostenibilità della propria sede aziendale. Mi auguro che questi progetti siano fonte d’ispirazione per molte strutture del futuro”, conclude l’assessore all’urbanistica.

“L’Artigiano”: la zona artigianale di Nova Levante è stata premiata per la sua concezione architettonica. Quali ragioni hanno spinto gli imprenditori a costruire in quel modo? Franz Pichler: la zona artigianale di Nova Levante si trova all’ingresso del paese in posizione ben visibile. L’area è lunga e stretta, compressa fra la strada e il torrente. Le 14 aziende che vi si andavano a insediare dovevano pertanto sfruttarla nel migliore dei modi, cercando una soluzione particolare. E nel piano esecutivo il comune ha imposto una concezione unitaria. “L’Artigiano”: come avete proceduto? Pichler: ci siamo uniti in consorzio con lo scopo di ricavare il meglio per ognuno di noi. All’epoca, nel 1997, costruire in consorzio era un’iniziativa del tutto nuova. Abbiamo chiesto a diversi architetti di farci una proposta e alla fine abbiamo scelto il progetto degli architetti Trojer e Vonmetz. “L’Artigiano”: con quali criteri li avete scelti? Pichler: gli architetti dovevano ricavare dal lotto il massimo possibile. L’importante era che andassero incontro alle esigenze individuali delle aziende nonostante la concezione unitaria. Il premio vinto dimostra la validità del progetto anche dal punto di vista estetico e architettonico. “L’Artigiano”: consiglierebbe ancora di costruire con una concezione unitaria? Pichler: assolutamente. Nelle zone commerciali acquista sempre più importanza un’architettura ben riuscita. E attraverso un consorzio si risparmiano costi sia nel progetto che nella costruzione. Interview: Tobias Egger

Tobias Egger/BLS

L’Artigiano gennaio 2011

19


Argomenti

I vincitori del premio in breve Il primo premio lo ha vinto la zona artigianale di Nova Levante. Il secondo invece tre progetti pari merito. Ecco le motivazioni della giuria di esperti.

Consorzio zona artigianale Nova Levante

Arredamenti Barth Innenausbau, Bressanone

Holz & ko, Nova Ponente

Ewo, Cortaccia

È il progetto che fra tutti presentava la miglior concezione architettonica globale. La giuria ha apprezzato l’inserimento nel paesaggio circostante, indice essenziale di una buona architettura. Secondo la giuria “si è riusciti a studiare una concezione innovativa che mette in equilibrio gli aspetti ecologici, estetici ed economici.” Gli amministratori comunali, il consorzio e i singoli committenti “hanno risolto insieme i problemi della zona con ampiezza di vedute e creato una nuova parte del paese che offre qualità di vita integrandosi nel paesaggio circostante e nell’insediamento residenziale”, conclude la giuria.

Nella sede amministrativa della Holz & ko di Nova Ponente la giuria ha apprezzato soprattutto l’enorme sforzo del committente di costruire seguendo criteri di sostenibilità. Quest’azienda che lavora il legno ha ristrutturato un edificio di muratura già esistente aggiungendone uno nuovo di legno.

20

L’Artigiano gennaio 2011

I nuovi uffici della ditta Barth assomigliano a una “scultura” e si distinguono con una forte identità, commenta la giuria, anche se potrebbero essere un padiglione espositivo “in solitario”. Nel complesso l’edificio si distingue per l’originalità della concezione architettonica.

La sede aziendale della ditta d’illuminazione Ewo, a Cortaccia, si caratterizza per l’unità dell’ala produttiva e di quella amministrativa, osserva la giuria. La parte degli uffici è concepita come “proiettore” distinto dai capannoni attraverso le sue pareti di vetro.


Riflessioni

Giunta esecutiva

I dirigenti APA riferiscono

Relazione sulle attività e motto del 2011 Nella seduta più recente – l’ultima dell’anno trascorso – la giunta esecutiva ha ascoltato la relazione sulle attività esposta dal direttore Hanspeter Munter e dai due vicedirettori Thomas Pardeller e Thomas Hager. Il direttore Munter ha tracciato lo sviluppo dell’associazione riassumendo i principali temi di politica economica e le attività svolte. Il sondaggio condotto in estate fra i soci ha rivelato un buon grado di soddisfazione dei servizi resi dall’APA. La giunta esecutiva e il presidente hanno ringraziato il direttore e i due vicedirettori per gli eccellenti risultati il cui merito va a tutti i collaboratori. La giunta esecutiva ha poi discusso due argomenti attuali di politica economica: le zone commerciali e la cooperativa di garanzia dell’artigianato (v. pag. 12/13). Infine la giunta ha scelto il motto per l’attività associativa dell’anno prossimo, volta a guardare in avanti. Il motto del 2011 è infatti: “Insieme e con una voce unica per l’artigianato”.

Benvenuto

Nuovi soci

• Appiano sulla strada del vino: Salon Patrizia, Parrucchiere • Bolzano: Seehauserfoto, Fotografo Karosserie des Weiss Kurt, Carrozziere • Caines: Zimmerei Pfitscher, Carpentiere • Castelrotto/Siusi: Alpincenter GmbH, Tecnico di attrezzature sportive • S. Lorenzo: Marias Haarstudio der Brugger Maria, Parrucchiere • S. Pancrazio: Kapaurer KG des Kapaurer Alois & Co., Autoriparatore • Tirolo: Carmen Bonora Design, Varie

A tutti un buon 2011! Il 2010 è stato per tutti noi artigiani, per l’associazione e per me come presidente un anno difficile. Ma visto che il saggio dice: “le difficoltà aiutano a crescere!”, eccoci qua! Come artigiani possiamo andar fieri di noi stessi visto che è stata proprio la crisi a dimostrare che soprattutto l’artigianato è garante di occupazione ed essenziale fattore di stabilità in tempi di crisi. La crisi ci ha fatto patire tutti, chi più chi meno a seconda del settore, ma i problemi ce li siamo posti e li abbiamo sviscerati in modo esemplare. In quest’epoca l’associazione è stata a fianco degli artigiani con tutte le sue forze. Ed è proprio questo il suo compito: occuparsi dei problemi dei soci, essere al servizio dell’artigianato. Nemmeno per me come presidente è stato un anno facile. Oltre agli impegni istituzionali mi hanno fatto patire le divergenze fra i dirigenti dell’associazione e soprattutto il modo in cui queste si sono espresse. In tale contesto però mi ha fatto bene il sostegno ricevuto dai soci, vale a dire da voi artigiani e artigiane. Ho assunto la carica con l’obiettivo di portare l’associazione più vicina ai soci, obiettivo a cui oggi mi sento più che mai tenuto. Stiamo cercando la soluzione giusta alla controversia e sono certo che la troveremo a breve, comunque siamo sulla buona strada. Così nel 2011 ci potremo concentrare solo ed esclusivamente sui nostri obiettivi. Ringrazio di cuore tutti voi soci che vi siete dimostrati fedeli all’associazione in quest’anno tanto difficile. Continuate a farlo, perché tutti hanno bisogno di tutti, l’associazione di voi e voi dell’associazione. Un altro grazie di cuore a tutti i nostri collaboratori, che senza lasciarsi influenzare si battono sempre e con grande competenza per gli interessi dell’associazione. E ancora un altro grazie di cuore ai funzionari, che a dispetto delle difficoltà si impegnano volontariamente per il bene della collettività. Per l’anno nuovo auguro a tutti di continuare a investire nelle nostre qualità e nelle nostre forze. Ci sono promettenti segnali di ripresa, previsioni che ci devono incoraggiare ma non farci riposare sugli allori. Perché gli anni trascorsi ci hanno dimostrato che dobbiamo fare affidamento solo sulle nostre forze, proprio quello che caratterizza l’artigianato. In questo senso auguro a tutti noi autostima e fiducia in se stessi per un 2011 positivo e di successo. E non dimentichiamo di fermarci ogni tanto, e di passare un paio d’ore di raccoglimento e di gioia. Walter Pichler Presidente dell’APA


Leggi & Direttive

Collegato lavoro: le novitá legislative Diritto del lavoro: In data 24 novembre 2010 è entrato in vigore il cosiddetto Collegato Lavoro. Di seguito riportiamo le più importanti novità legislative.

Scadenze Lunedì 10 gennaio • PERSONALE DOMESTICO: versamento dei contributi INPS relativi al personale domestico (trimestre ottobre - dicembre 2010) Lunedì 17 gennaio • RITENUTE IRPEF: versamento ritenute dei dipendenti e assimilati, lavoratori autonomi e intermediari del commercio (mese di dicembre 2010) – mod. F24 • ADDIZIONALI IRPEF: versamento delle quote dell’addizionale regionale/comunale IRPEF, trattenute sui redditi di lavoro dipendente/pensione – mod. F24 • IVA LIQUIDAZIONE MENSILE: termine per procedere alla liquidazione nonché al versamento dell’imposta eventualmente a debito relativa al mese di dicembre 2010 – mod. F24 • IVA - DICHIARAZIONI D’INTENTO: invio della comunicazione dei dati relativi alle dichiarazioni d’intento ricevute nel mese di dicembre 2010 • GESTIONE SEPARATA INPS: versamento da parte dei committenti e degli associanti del contributo previdenziale sui compensi corrisposti nel mese precedente (mese di dicembre) – mod. F24 • CONTRIBUTI INPS MENSILI: versamento dei contributi previdenziali dei dipendenti (dicembre 2010) – mod. F24 • LIBRO UNICO: scadenza delle registrazioni relative al mese precedente • CONTRIBUTO ENTE BILATERALE ARTIGIANO: versamento della quota mensile dovuta al Fondo per il sostegno al reddito ed alla professionalità (F. S. R.) – mod. F24 Giovedì 20 gennaio • CASSA EDILE: versamento e accantonamento del contributo dovuto per il mese di dicembre 2010 Martedì 25 gennaio • IVA COMUNITARIA: presentazione degli elenchi INTRASTAT relativi al mese di dicembre 2010 (contribuenti mensili) • IVA COMUNITARIA: presentazione elenchi INTRASTAT relativi al 3° trimestre 2010 (ottobre – dicembre 2010) Lunedì 31 gennaio • DENUNCIA UNI-EMENS: denuncia telematica delle retribuzioni e dei contributi relativi al mese precedente • ELENCHI BLACK LIST MENSILI: Invio telematico del modello di comunicazione delle operazioni del mese precedente (per soggetti tenuti alla comunicazione mensile) • ELENCHI BLACK LIST MENSILI: Invio telematico del modello di comunicazione delle operazioni del trimestre precedente (trimestre ottobre – dicembre 2010)

22

L’Artigiano gennaio 2011

Procedure di conciliazione e arbitrato

Il tentativo di conciliazione in caso di vertenze sindacali prima di rivolgersi al giudice del lavoro non risulta essere più obbligatorio ma solo facoltativo e quindi solo eventuale. Ci si può rivolgere naturalmente ancora alla commissione di conciliazione ma le controversie potranno essere presentate in futuro direttamente presso il giudice. Rimane, invece, obbligatorio il tentativo di conciliazione qualora il ricorso in sede giudiziale riguardi rapporti di lavoro certificati. Se una delle parti in causa si rifiuta di prendere parte al tentativo di conciliazione presso l’ufficio del lavoro oppure se non si perviene a un accordo definitivo si puó richiedere l’avvio di un processo entro 60 giorni e non più entro 270 giorni, come previsto precedentemente.

Regime sanzionatorio in materia di lavoro

In caso di impiego di lavoratori subordinati in nero si applica una sanzione amministrativa di Euro 3.000 per ciascun lavoratore irregolare, maggiorata di Euro 150 per ciascuna giornata di lavoro effettivo. Sono estese ai committenti le stesse sanzioni per omissione dei versamenti dei contributi sulle retribuzioni dei dipendenti a carico del datore di lavoro anche sulle omesse ritenute sui compensi dei

collaboratori a progetto e dei titolari di collaborazioni coordinate e continuative.

Impugnazione dei licenziamenti

I lavoratori che vogliono impugnare un licenziamento ritenuto non valido devono comunicare al datore di lavoro la loro intenzione entro 60 giorni, cui deve seguire entro i successivi 270 giorni, a pena di inefficacia, il deposito del ricorso presso il tribunale del lavoro. Precedentemente i termini per l’impugnazione del licenziamento da comunicare al datore di lavoro erano ugualmente di 60 giorni, ma il lavoratore aveva poi 5 anni di tempo per ricorrere presso il giudice del lavoro.

Mancato riconoscimento dell’apposizione del termine al contratto di lavoro In caso di mancato riconoscimento del termine apposto al contratto di lavoro viene fissato un risarcimento da parte del datore di lavoro, costituito da un’indennitá onnicomprensiva nella misura compresa fra un minimo di 2,5 ed un massimo di 12 mensilitá dell’ultima retribuzione.

Certificazione dei contratti di lavoro

Il Collegato prova a dare nuovo slancio all’istituto della certificazione dei contratti di lavoro da parte dell’Ufficio Lavoro, degli Enti

Bilaterali, delle Università e dei Consigli provinciali dei consulenti del lavoro. Queste commissioni, già previste dalla Legge Biagi, possono e devono valutare e certificare il contenuto dei contratti di lavoro, come per esempio i contratti individuali particolari, i contratti a progetto etc. Il giudice, nel valutare la legittimità di un licenziamento, deve tener conto delle valutazioni che le parti hanno espresso sui contratti in sede di certificazione.

Regime sanzionatorio in materia di orario di lavoro

In materia di orario di lavoro sono state apportate importanti modifiche al regime sanzionatorio per le violazioni relative a: limite massimo di prestazione settimanale, riposo settimanale e ferie. Le sanzioni previste per il mancato rispetto di questi limiti vanno da Euro 100 a Euro 5.000.

Delega per l’emanazione di ulteriori misure legislative

Il Legislatore delega il Governo a emanare uno o più decreti in materia di congedi, aspettative e permessi spettanti ai lavoratori. Il Governo è delegato a emanare altresì nuovi decreti legislativi in materia di apprendistato, di ammortizzatori sociali, di sostegno all’occupazione e al lavoro delle donne. Mauro Trevisan


Leggi & Direttive

Valutazione dello stress obbligatoria dall’1 gennaio 2011 Sicurezza sul lavoro: dal primo gennaio 2011 le imprese hanno l’obbligo di valutare il rischio di stress sul posto di lavoro. Lo prevede d’art. 28 paragrafo 1 del testo unitario per la sicurezza sul lavoro DL 81/08 nella versione attualmente in vigore.

I

n una recente circolare il Ministero del lavoro ha fissato le condizioni di questa valutazione che si suddivide in due fasi: 1) un’analisi obbligatoria preliminare che deve essere eseguita da tutte le aziende; 2) un’eventuale analisi approfondita che va eseguita solo se da quella preliminare risultano determinati fattori di stress. Nell’analisi preliminare il datore di lavoro verifica – con criteri obiettivi e controllabili – se nella sua azienda esistano in genere „fattori di stress“. A tale scopo il datore di lavoro esamina in primo luogo diversi segnali d’allarme (i cosiddetti “eventi sentinella”) come ad esempio numero di incidenti, assenze dal lavoro per malattia, cambio di dipendenti, giorni di ferie non goduti, rimostranze di dipendenti etc. In secondo luogo deve conside-

rare anche fattori di contenuto come strumenti o pressione lavorativa, corrispondenza tra mansioni e competenze etc., oltre allo stesso ambiente di lavoro. Se da questa analisi non risultano rischi particolari di stress, allora basta che il datore di lavoro lo dichiari per iscritto nella sua valutazione del rischio. Se invece compaiono fattori di stress, è tenuto a stabilire e ad applicare un piano di misure atte ad evitare o ad attenuare i rischi. Nel caso tali misure si rivelino inefficaci o insufficienti, il datore di lavoro deve eseguire una seconda analisi, più approfondita, coinvolgendo i dipendenti (per esempio mediante questionari).

„Valutazione semplificata“ per le imprese fino a dieci addetti

La “proposta metodologica” pubblicata di recente dal-

A quando l’addio alle buste di plastica?

l’istituto nazionale ISPESL permette alle aziende con un massimo di dieci addetti di eseguire una valutazione dello stress semplificata: si tratta infatti di compilare solamente una checklist (indicatori aziendali). Solo se da tale analisi risultano fattori di stress rilevanti (oltre 20 punti) si dovranno eseguire altre analisi (ambiente di lavoro e fattori di contenuto). Le aziende con dieci addetti al massimo confermano tramite autocertificazione di aver eseguito questa “valutazione semplificata”. Le aziende che non vogliono occuparsene direttamente hanno la possibilità di inca-

ricare dietro pagamento uno degli uffici tecnici convenzionati con l’APA: sono la ditta Fidas GmbH di Laces e la De Monte GmbH di Molini di Tures. Nel sito www.lvh.it>Servizi e consulenza>Sicurezza sul lavoro troverete da scaricare le condizioni fissate dal ministero, le direttive ISPESL, la checklist, i questionari per i dipendenti e il modulo di autocertificazione. Per altre informazioni sull’argomento potete rivolgervi al reparto legale APA, telefono 0471 323277, rechtsberatung@lvh.it. Alexander Benvenutti

Calendario 2011 con le scadenze fiscali Per avere sott’occhio ogni mese tutte le scadenze fiscali e contributive! È pronto il pratico calendario da tavolo 2011 che l’APA offre gratuitamente a tutti i soci e clienti. Vi sono riportate le festività, le manifestazioni APA e soprattutto le più importanti scadenze fiscali e contributive. Dal 10 gennaio potete ritirare il calendario nel vostro ufficio circondariale APA!

In teoria le borse di plastica dovrebbero essere proibite dal primo di gennaio 2011. La norma europea EN 13432 prevede infatti che anche in Italia non si possano più produrre, distribuire, vendere e usare sacchetti di nylon. Saranno permessi esclusivamente sacchi biodegradabili, si è detto di recente. L’addio alla borsa di plastica non sarà però così immediato. Nel cosiddetto decreto “milleproroghe” dovrebbe essere inserito un punto che rimanda la questione di sei mesi, così almeno sembra per ora (al momento di chiusura della redazione a fine dicembre).

L’Artigiano gennaio 2011

23


Leggi & Direttive

Controlli sanitari per escludere la tossicodipendenza Visite mediche: il 21 gennaio 2011 entrano in vigore nuove disposizioni di controllo sanitario per escludere la tossicodipendenza.

S

i tratte di ordinanze disposte dalla giunta provinciale il 26 luglio 2010 e che entrano in vigore il 21 gennaio 2011.

Gruppi interessati

A partire da tale data tutti i lavoratori dipendenti che esercitano attività collegate a rischi particolari per la sicurezza, l’incolumità e la salute di terzi devono sottoporsi a visita medica atta ad escludere l’assunzione di stupefacenti o sostanze psicotrope. Di tali attività fanno parte: • Lavori per cui è necessaria un’abilitazione ad attività pericolose (impiego di gas tossici, impiego o produzione di fuochi d’artificio) • Attività di trasporto: 1. autisti di veicoli con patente C/D/E;

2. autisti con abilitazione alla guida di taxi e autonoleggi oppure abilitati al trasporto di merci pericolose; • conducenti di macchine di movimentazione di terra e di merci (anche carrelli elevatori) o meccanismi di sollevamento; • Addetti alla produzione, imballaggio, custodia, trasporto e vendita di esplosivi.

viene certificata “l’idoneità ad esercitare attività rischiose”. Se viceversa è positivo, il medico pronuncia la “temporanea inabilità ad esercitare attività rischiose” e la persona in questione deve sottoporsi ad un nuovo esame di laboratorio a cura del servizio di patologie da dipendenza.

Visite mediche

Uno screening di esito positivo comporta la temporanea sospensione del dipendente dall’attività rischiosa. Nel momento in cui il servizio di patologie da dipendenza accerta una “tossicodipendenza”, il medico competente dichiara l’incompatibilità con attività rischiose. Il soggetto viene invitato a sottoporsi ad un programma terapeutico con

Il titolare d’azienda è obbligato a comunicare al medico di lavoro i nomi di tutte le persone addette ad attività rischiose. La visita eseguita dal medico consiste in uno screening – analisi delle urine. I lavoratori sono dunque tenuti a sottoporsi ad una visita che escluda la tossicodipendenza. In caso di risultato negativo

Conseguenze in caso di risultato positivo

lo scopo di poter essere reintegrato nell’attività, durante il quale conserva il suo posto di lavoro.

Costo della visita

I costi delle visite previste sono a carico del datore di lavoro, quelle invece delle controanalisi vanno a carico del lavoratore che le richiede. Tutte le visite si eseguono durante l’orario di lavoro. La tariffa da applicarsi è regolamentata dal listino provinciale. Per scaricare documentazioni sull’argomento andate nel sito www.lvh.it>Servizi &Consulenza>Sicurezza sul lavoro>Links & Downloads. Per altre informazioni potete chiamare il reparto legale APA, tel. 0471 323277 oppure rechtsberatung@lvh.it. mr

Obbligo di registrazione per chi trasporta rifiuti Trasporto di rifiuti: le aziende che trasportano i propri rifiuti devono iscriversi nell’albo nazionale dei gestori ambientali.

G

ià da anni in Italia le aziende che trasportano i propri rifiuti non pericolosi oppure pericolosi fino a 30 kg/litri devono essere iscritte nell’albo nazionale dei gestori ambientali. In Alto Adige invece c’è stata sino ad ora una regolamentazione a parte, con la quale in pratica la registrazione nella Camera di Commercio implicava automaticamente anche quella di gestore ambientale. Ora però questa “eccezione” viene eliminata. Infatti la re-

24

L’Artigiano gennaio 2011

cente sentenza nr. 350/10 della Corte Costituzionale ripete per l’ennesima volta che l’Alto Adige non ha competenza primaria in materia ambientale e che quindi deve attenersi alle leggi nazionali. Dopo quelle del 2008 e del 2009 questa è la terza sentenza emessa sull’argomento contro la Provincia Autonoma di Bolzano. Pertanto si chiude categoricamente ogni ulteriore possibilità di trattativa. In altre parole: tutte le aziende che trasportano i propri rifiuti

non pericolosi oppure pericolosi fino a 30 kg/litri devono iscriversi immediatamente nell’albo nazionale dei gestori ambientali. Chi non si iscrive nell’albo nazionale rischia multe salatissime: nel caso di rifiuti non pericolosi arresto da 3 mesi a 1 anno o multa da 2.600 a 26.000 euro, nel caso di rifiuti pericolosi addirittura arresto da 6 mesi a 2 anni più multa da 2.600 a 26.000 euro. L’APA raccomanda caldamente a tutte le aziende che inten-

dono continuare a trasportare i propri rifiuti di iscriversi con urgenza nell’albo nazionale dei gestori ambientali. Il reparto ambiente APA fornisce informazioni (documentazioni sull’argomento nel sito www.lvh.it>Servizi e consulenza>Consulenza legale>Diritto dell’ambiente>links e downloads) ed esegue la registrazione a nome dei soci ad un costo contenuto. Tel. 0471-323240 oppure rechtsberatung@lvh. it. ab


Previdenza

Ricalcolo della pensione per il periodo del servizio militare Pensioni: Con una recente sentenza la Corte di Cassazione ha stabilito come sia

possibile conteggiare il periodo relativo al servizio militare secondo il trattamento piú favorevole.

T

ale rivalutazione è rivolta a coloro che nella proproa vita contributiva abbiano avuto piú gestioni (da dipendente e da autonomo). Sino ad oggi il servizio militare viene accreditato sempre nella gestione dei lavoratori dipendenti, se presente. Molti artigiani hanno nella loro vita lavorativa svolto qualche anno come dipendente e maturato gran parte della pensione come autonomo do-

po esersi messi in proprio. In questo caso un ricalcolo della pensione potrebbe comportare un’notevole vantaggio economico con l’aumento del rateo di pensione e a un recupero della differenza di calcolo della pensione fino a dieci anni di arretrati. Il ricalcolo è applicabile anche alle pensioni di reversibilità, nel caso incui il coniuge deceduto avesse svolto il servizio militare e avesse avuto piú gestioni.

Il Patronato INAPA consiglia a tutti i pensionati ad rivolgersi ad uno dei nostri uffici per

avere maggiori informazioni o per presentare la relativa domanda. ai

Orari di apertura del patronato INAPA nei mesi di gennaio, febbraio, marzo Uffici circondariali APA Bressanone

Tel. 0472 802500 ogni martedì, ore 9–12 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio.

Brunico

Tel. 0474 474823 ogni giovedì, ore 9–12 e 14.30–17 ogni venerdì, ore 9–12 Eccezioni: venerdì, 28 gennaio, 25 febbraio e 25 marzo ore 10.30–12 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio.

Gardena, Ortisei

Merano

Tel. 0473 258064 ogni lunedì, ore 9–12 e 14.30–17 ogni venerdì, ore 9–12 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio.

Silandro

Tel. 0473 730657 ogni mercoledì, ore 9–12 Dati di contatto degli uffici circondariali APA a pagina 36.

Filiali

Tel. 0471 797552 ogni martedì, 14–17 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio.

Malles, municipio

Egna

Naturno, casa Raika

Tel. 0471 812521 lunedì, 3 gennaio, 7 febbraio, 7 marzo, 14–17

solo previo appuntamento ogni 2. e 4. mercoledì del mese, 15–16 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio. ogni 2. e 4. mercoledì del mese, 16.30–17.30 Attenzione: chiuso fino al 10 gennaio.

L’Artigiano gennaio 2011

25


I

Innovazione

Dall’Isarco un modello Progetto SWET: i risultati dello studio sulla collaborazione trasversale fra settori saranno disponibili a breve sotto forma di guida. Si basano su un’iniziativa economica della Val d’Isarco (WIE).

Progetto per potenziare le aziende

Il progetto SWET rientra nel programma UE di sviluppo regionale FESR. È finanziato dall’Unione Europea, dalla provincia di Bolzano e dallo stato italiano. Rappresenta un contributo al potenziamento della competitività di piccole e medie aziende.

L

’iniziativa economica Val d’Isarco (WIE) è nata nel 2006 sull’onda di un progetto d’innovazione di tutte le associazioni economiche della valle. Il suo scopo primario era promuovere la zona associandola alle aziende, di modo che scaturisse un valore aggiunto sia per l’una che per le altre. Ci si chiedeva anche che ruolo potessero avere i comuni nel potenziamento delle forze economiche. Allo scopo si sono tenuti fra l’altro due workshop a Bressanone dove hanno partecipato esponenti dei diversi settori di attività (artigianato, turismo, industria, terziario,

agricoltura, libera professione) ed esponenti delle amministrazioni comunali della Val d’Isarco. I risultati dello studio, oggi abbreviato con l’acronimo SWET, serviranno come consigli concreti

ad aziende e responsabili comunali. Saranno pubblicati nel corso del mese di gennaio con il titolo “Linee guida al potenziamento della forza economica sul modello della Val d’Isarco”.

Informati in un clic Internet: il portale www.innovation.lvh.it presenta in modo sintetico tutto quel che c’è da sapere sul tema innovazione.

www.innovation. lvh.it Questo è il sito del nuovo portale APA sull’innovazione. Vi potete accedere anche dalla homepage www.lvh.it cliccando sul link in alto a destra.

26

L’Artigiano gennaio 2011

I

l portale APA dell’innovazione si occupa di tutti i temi che riguardano l’argomento: • management di innovazioni e progetti, • master e corsi sull’innovazione, • marchi e brevetti, • gestione aziendale, • reti, • certificazioni SOA e ISO, • marketing e comunicazione, • gestione finanziaria, • fondazioni e successioni aziendali. Il cuore del portale è la banca dati. Qui trovate manuali, guide, checklist, studi ed altre documentazioni sui temi sopracitati. Tutto materiale

Il nuovo portale APA sull’innovazione informa ed offre documenti su tutti i temi che riguardano l’argomento.

utile agli artigiani per fondare e gestire aziende o per elaborare nuovi progetti. La banca dati è aggiornata costantemente con nuovi articoli e informazioni, quindi datele

un’occhiata regolarmente! Un consiglio: utilizzate anche la funzione di ricerca a destra in alto che vi consentirà di reperire rapidamente il materiale che vi interessa.


La CEPA rimborsa i costi dei corsi Corsi obbligatori: dall’1 gennaio 2011 i corsi obbligatori saranno fatturati

direttamente alle imprese associate alla CEPA, che a sua volta rimborserà le spese.

P

er i soci CEPA la frequentazione dei corsi obbligatori è notoriamente gratuita. Fra di essi vi sono soprattutto quelli che riguardano la sicurezza sul lavoro, protezione da incendi, costruzione di ponteggi e tutte le abilitazioni. I corsi sono organizzati sempre dal centro formazione APA che garantisce alta qualità e impronta pratica. Fino al 31 dicembre 2010 la CEPA pagava i corsi direttamente: facendo così però le imprese non potevano mettere in conto l’IVA derivante. Proprio per tale ragione, dal primo di gennaio 2011 il centro di formazione APA fattura direttamente alle imprese

Associatevi ora

Dal primo di gennaio i corsi obbligatori sono fatturati direttamente alle imprese che così potranno aggiungere l’IVA.

che dopo aver pagato ricevono dalla CEPA il rimborso dell’importo netto versato per i partecipanti effettivi. I corsi obbligatori pertanto continuano a rimanere gratuiti. Tutte le imprese associate sono già state chiamate o lo

saranno a breve per comunicare il nuovo tipo di fatturazione, con il risultato che il cambiamento non ha causato problemi. Ad ogni modo i responsabili della CEPA sono a disposizione per eventuali chiarimenti. mt

Adeguamento prezzi edilizia Listino prezzi orientativi: i presidenti delle sezioni di mestiere legate all’edilizia hanno elaborato con i responsabili provinciali gli adeguamenti dei listini.

N

el listino prezzi orientativo dell’edilizia i prezzi nel 2011 salgono mediamente del 2,24 per cento. Il nuovo listino sarà pubblicato a febbraio. Qui gli adeguamenti suddivisi per categoria. CasaClima: aumento medio dell’1,61 %; Imprese: aumento medio dell’1,56 %; Piastrellisti: aumento medio dell’1,60 %; Conciatetti: aumento medio dell’1,64 %; Fabbri e magnani: aumento medio dell’1,74 %; Carpentieri: aumento medio dell’1,43 %; Falegnami: aumento medio dello 0,70 %;

C

Cassa edile provinciale dell’Alto Adige

Discussione del listino prezzi edilizia 2011: nella foto il presidente dei piastrellisti Paul Jaider insieme all’ing. Rupert Marinelli dello studio M&M e al geom. Klaus Peer dell’ufficio provinciale edilizia.

Lattonieri: aumento medio dello 0,50 %; Elettrotecnici: riscritte quasi tutte le posizioni; Scalpellini e scultori in marmo: aumento medio dell’1,14 %; Installatori termosanitari: aumento medio del 2,51 %; Pittori: aumento medio dello

0,50 %; Vetrai: aumento medio dello 0,60 %. I presidenti delle sopracitate sezioni hanno discusso con i rappresentanti provinciali le novità o le modifiche più importanti inoltrando le loro proposte. te

Non è mai stato così facile diventare soci della CEPA: gli addetti sono a vostra disposizione per telefono, per email o anche per un colloquio personale. Contattateci al numero di tel. 0471 323360 o con e-mail a info@slbk.bz.

G

Gruppo Edile

Muratori: seminario della ditta Progress La sezione dei muratori ha invitato a una conferenza tenuta in collaborazione con la ditta di materiali edili Progress. Si è parlato di „trattamenti del calcestruzzo“ e “termopareti Progress”. L’Artigiano gennaio 2011

27


G

Gruppo Edile

“Codice d’onore” per il settore edile Linee guida edilizia: imprese commercianti e progettisti dell’edilizia hanno concordato una linea comune di comportamento corretto.

Linee guida per l’edilizia: le organizzazioni che ne fanno parte Associazione provinciale dell’artigianato – gruppo edile; hds – unione dei commercianti di materiali da costruzione; Collegio degli ingegneri di Bolzano; Commissione interdisciplinare di camere e collegi di professioni tecniche; Collegio degli architetti; Collegio degli imprenditori edili; Collegio dei geometri e dei geometri di grado accademico; Collegio dei periti industriali e periti industriali con laurea; CNA – gruppo edile; Assoimprenditori Alto Adige – sezione costruttori di impianti; Unione dei liberi professionisti altoatesini.

Presentazione delle „linee guida per l’edilizia in Alto Adige.“ Con il presidente del gruppo edile APA Markus Bernard (in seconda fila al centro) e con gli esponenti delle altre organizzazioni del settore.

S

i tratta di un codice con cui il settore edile vuole migliorare la sua reputazione ed anche favorire la ripresa economica. A tale scopo le undici organizzazioni che ne fanno parte, fra cui anche il gruppo edile APA, si sono messe d’accordo su cinque punti essenziali. Questi includono aspetti morali come partnership, fairness

e “rifiuto di pratiche illegali e lavoro in nero” nonché aspetti come l’innovazione e la formazione. L’Alto Adige deve diventare il mercato leader dell’edilizia innovativa – in una parola, CasaClima. Qualità degli edifici significa valutarne non solo la costruzione ma l’intero ciclo di vita. I firmatari si impegnano con tutte le loro forze a seguire

I cinque punti delle linee guida per l’edilizia 1. Partnership e fairness quali premesse di una collaborazione ideale; 2. La qualità di un edificio va giudicata per tutto il suo ciclo di vita; 3. La preparazione è la chiave della qualità, dell’innovazione, del lavoro sicuro e della competitività; 4. Incrementare la capacità innovativa dell’edilizia. L’Alto Adige deve diventare il mercato leader dell’edilizia innovativa; 5. Legalità e valori sono le premesse di una competitività leale. Una competitività leale assicura posti di lavoro e successo aziendale duraturo.

28

L’Artigiano gennaio 2011

questo modello. “Solo se queste linee guida saranno vissute anche nella pratica potremo migliorare in modo durevole la reputazione del settore nei confronti di clienti, pubblico, politica e mercato del lavoro”, si legge nella prefazione. Nel documento di due pagine le organizzazioni partecipanti si definiscono come “persone dell’edilizia”, competenti in progettazione, in materiali da costruzione e relativo impiego professionale, in esecuzione di lavori edili e relativa manutenzione. Il presidente del gruppo edile APA Markus Bernard approva in pieno l’iniziativa: “Sin da quando ha preso il via lo studio di questo modello si è dimostrato quanto sia importante il dialogo fra persone dell’edilizia. Solo insieme e nel reciproco rispetto tutte le persone dell’edilizia potranno raggiungere i loro obiettivi in modo migliore e più rapido”, ribadisce Bernard. te


Argento agli Euroskills Scalpellini e scultori in marmo: il 21enne scalpellino Steinmetz Tobias Nussbaumer torna dagli Euroskills 2010 di Lisbona con la medaglia d’argento.

T

obias Nußbaumer lavora per la ditta Rammlmair Jakob GmbH di Sarentino. Il 21enne ha gareggiato ai campionati europei rappresentando l’Italia, accompagnato dall’esperto Andreas Wieser. La prova di gara, della durata di tre giorni, consisteva nel fabbricare un pulpito di marmo suddiviso in moduli. Alla fine Nußbaumer si è classificato secondo, battuto per poco (0,36 per cento del punteggio) da un concorrente francese. Entusiasmanti le battute finali, quando Tobias Nussbaumer è riuscito a superare il concorrente inglese, non più però a conquistare il primo posto. Complessivamente Tobias Nußbaumer ha totalizzato 526 punti. La piccola squadra altoatesina ha avuto il sostegno dell’Ente Bilaterale per l’Artigianato, delle ditte Lasa Marmo AG, Göflaner Marmor GmbH e Rammlmair Jakob GmbH – Sarner Porphyr.

La sezione di mestiere si congratula

Nußbaumer è stato inviato alla gara dalla sezione di mestiere APA. Il presidente Hans Karl Trojer esprime

G

Gruppo Edile

Campionati europei “Euroskills”

La prova di gara per Tobias era fabbricare un pulpito di marmo.

Lo scalpellino Tobias Nußbaumer (sin.) ha vinto l’argento agli Euroskills di Lisbona. Insieme a lui l’esperto Andreas Wieser.

tutta la sua soddisfazione per l’immediato successo. “Tanto di cappello alla bravura di Tobias Nußbaumer”, si complimenta Trojer. “Questo argento dimostra l’impegno di molti apprendisti e lavoranti altoatesini,

Tobias Nussbaumer festeggiato a Terlano dalla consulta di mestiere, dal presidente APA Walter Pichler (foto) e dal docente Jakob Rammlmair.

la valida formazione degli scalpellini nelle aziende e la serietà della scuola professionale a Lasa.” Trojer ritiene che il giovane Nußbaumer abbia saputo dimostrare nervi saldi e mano ferma. “E non gli manca nemmeno senso estetico e delle proporzioni‰, aggiunge Trojer convinto che il mestiere di scalpellino e scultore sia interessante e appetibile per molti giovani altoatesini. L’argento appena conquistato si aggiunge ai molti successi della squadra altoatesina. Già nel 2007 Tobias Nußbaumer aveva partecipato ai mondiali di Shizuoka/Giappone vincendo la medaglia di bronzo.

Euroskills è la versione europea dei campionati mondiali dei mestieri Worldskills. Si sono svolti dal 9 al 12 dicembre a Lisbona, dove hanno gareggiato 460 partecipanti provenienti da 27 paesi europei cimentandosi in 51 mestieri. Dalla prima edizione degli europei, tenutasi nel 2008 a Rotterdam, erano tornati con l’oro i due lavoranti calzolai Fabian Kössler di Solda e Michael Wörndle di Siusi.

te/um

L’Artigiano gennaio 2011

29


I

Installazione

Bruciatoristi: Stefano Patton ha superato l’esame di maestro bruciatorista. È il primo italiano in Alto Adige con questo titolo.

Corso per esame di maestro spazzacamino Alla fine dell’estate 2011 prende il via il corso per l’esame di maestro spazzacamino. Iscrizioni nell’ufficio formazione e apprendistato, tel. 0471 416980. A fine febbraio si terrà una serata informativa sull’argomento.

A

Alimentari

Macellai I contributi speciali riservati ai macellai per gli adattamenti strutturali previsti dalla UE si possono richiedere anche nel 2011 purchè in fatture emesse entro il 31 dicembre 2010. È quanto comunica l’ufficio provinciale dell’artigianato.

30

Primo maestro bruciatorista

L’Artigiano gennaio 2011

I

l 15 dicembre Stefano Patton ha superato l’ultimo esame scritto e orale per acquisire il titolo di maestro nella scuola professionale italiana di artigianato e industria “Luigi Einaudi” a Bolzano. La commissione d’esame era presieduta dal docente Arch. Capuccio e formata poi dai bruciatoristi Klemens Gatterer e Marcello Cutró, presidente della relativa sezione APA. La prova pratica dell’esame si era già svolta in giugno, nei laboratori della scuola professionale tedesca di artigianato e industria a Bolzano. In totale Stefano Patton si è preparato all’esame dal 2004. Lo ha superato con una media di vo-

Stefano Patton è il primo maestro bruciatorista di lingua italiana.

ti decisamente alta, 8,5. La sezione presieduta da Cutró si congratula con il neo-mae-

stro artigiano. In Alto Adige le aziende di questa specialità sono una ventina. te

Dichiarazioni ampliate Alimentari: gli stati UE hanno trovato un accordo politico sulle norme che riguardano le informazioni degli alimentari all’utente. È quanto comunica l’associazione internazionale dei maestri macellai.

E

cco in sintesi i punti principali dell’accordo politico: • Prodotti sciolti: di principio gli alimentari non confezionati stanno davanti come finora, sempre che a livello nazionale non ci siano obblighi informativi diversi. L’unica informazione che deve essere presente anche per i prodotti sciolti è quella che riguarda le sostanze allergeniche. • Dichiarazioni sugli elementi nutritivi: sono sette gli elementi che devono diventare obbligatori da indicare sugli alimentari preconfezionati: calorie (energia), grassi, grassi saturi, carboidrati, proteine, zuccheri, sale.

Gli stati UE si sono accordati sulle informazioni da apporre su alimentari sciolti e confezionati.

• Marchio di provenienza: gli stati UE vogliono un marchio di provenienza obbligatorio per la carne fresca, refrigerata o congelata di maiale, pecora, capra e pollame in conformità al codice CN senza previa stima di conseguenze.

Il nuovo ordinamento sarà approvato probabilmente per la fine del 2011. Ma dati i tre o cinque anni fissati per il nuovo obbligo, di fatto l’ordinamento entrerà in vigore non prima della fine 2014 o 2016.


Falegnami per “halb2” cercasi Falegnami: una laureanda della facoltà di arti e design dell’Università di Bolzano cerca falegnami disposti a partecipare al progetto di design „halb2”.

L

a sezione di mestiere offre alla studentessa di design Stefanie Schönholz la possibilità di presentare il suo progetto “halb2” all’assemblea annuale che si terrà a marzo, in modo da trovare altri falegnami come partner. Il progetto “halb2” riguarda un mobile “incompleto”, in mezzo tavolo insomma. Mezzo sia nella funzione che nella forma, il mobile trova la sua identità definitiva solo attraverso la stretta collaborazione tra cliente e falegname, spiega la descrizione del progetto. Alla creatività non sono posti limiti.

Questo vuol dire che alla fine il mobile potrà essere una panca, o una doppia scrivania, o una ribalta, o addirittura una libreria. Il progetto “halb2” è inteso come specchio e biglietto da visita della grande abilità e creatività dei falegnami altoatesini. Per questo “halb2” sarà presentato ad un concorso di design in occasione dell’incontro della scuola professionale di Bolzano con la facoltà di arti e design. Il convegno si intitola “Far rivivere il lavoro a mano” ed avrà come ospite il famoso artista e designer Giorgio Moroder. te

L

Legno

Falegnami: assemblea annuale il 26 marzo La sezione di mestiere ha fissato la data dell’assemblea plenaria: si svolgerà sabato 26 marzo nella Casa dell’Artigianato di Bolzano.

Una variante del progetto “halb2” realizzata dalla falegnameria Eisath & Lintner, Auna di Sotto, Renon.

����������������������������������������������������������� OBIETTIVI DEL CORSO

������������������������������������������������������ �������� ������������� ��������� �� ����������� ��������� ��������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������� DESTINATARI ������������������������������������������������������� ����������� �� �� ���������� ���������� �� �������������� ��� ����������������������������� PERIODI DI FORMAZIONE �������������������������������������� ���������������������������� ������������������������� LUOGHI DI SVOLGIMENTO ��������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������� �������� RELATORI ������� ��� ����������� �������������� ���� ��� �������� �������� ������������� �������� ������ ���������� �������

��� ��� ��������� ������� �������������� ���� �������������� ����������������������������������������������������� ���������������� ���������������������������������������� INFORMAZIONI E ISCRIZIONI ������������������������������������������� �������������� ��� ������� ������������� ���� ������ ������� ���������� ���� ������������������������ �������������������������������������������������������� ��� ������ �������� �������� ������� ���� ���������� ���� ��� ����� �� ���������� �������� �� ������ ���������� ��������� ��� ��������

L’Artigiano gennaio 2011

31


T

Trasporti

Lo scorso anno la sezione di mestiere si è battuta per molte questioni: • decreto “Milleproroghe” e legge 21; • incentivi provinciali anche ai pullman; • patente D (proroga, corso di abilitazione); • trattative con il comune di Bolzano per l’ordinanza sulle polveri sottili e per le possibilità di carico e scarico in stazione; • permesso dei 100, riduzione di prezzi anche nel 2011; • gruppo di lavoro della legge 218; • stesura delle condizioni commerciali, disponibili nell’ufficio APA; • incontro con l’assessore Florian Mussner per il pedaggio dei passi.

Regolamentazione delle licenze Autonoleggiatori: applicazione della legge UE nr. 218 sulla concessione delle licenze di autonoleggio e proroga degli incentivi provinciali all’acquisto di pullman. Queste due delle tematiche cui si è dedicata la sezione di mestiere lo scorso anno.

L

a sezione ha appena tenuto l’assemblea annuale nella Casa dell’Artigianato dove il presidente Martin Plattner ha introdotto i temi principali. Uno di questi è l’applicazione della legge UE nr. 218 del 2003 che disciplina la concessione delle licenze di autonoleggio: a tale riguardo l’Alto Adige è ancora in alto mare, deplora Plattner. “Attualmente ogni comune concede per conto suo le licenze ad ogni singola vettura ed autobus”, rammenta Plattner. La legge UE prevede invece l’istituzione di un registro in cui siano iscritte le ditte e il numero dei loro mezzi. “In tal modo le licenze vengono concesse in modo unitario su tutto il territorio e si eliminano le pratiche comunali, cosa che fa risparmiare burocrazia”, prosegue Plattner che chiede ai responsabili una rapida applicazione della legge. Va ricordato peraltro che la legge UE non riguarda le vetture con più di nove posti a sedere, che rimangono pertanto di competenza dei comuni. La sezione di

Assemblea annuale degli autonoleggiatori nella Casa dell’Artigianato di Bolzano.

mestiere ha sollevato il problema in un incontro con il presidente delle associazioni dei comuni Arno proponendo di distribuire una guida sull’argomento.

Prolungare gli incentivi all’acquisto di pullman

Altra questione che preme agli autonoleggiatori è la proroga degli incentivi che la provincia ha istituito nel 2010 per modernizzare il parco macchine. Si tratta degli stessi contributi – per un periodo limitato – di quelli assegnati ad altri investimenti aziendali, approvati dalla giunta per promuovere

Il presidente Martin Plattner (ds.) discute con il responsabile provinciale Gianfranco Jellici (sin.) le problematiche degli autonoleggiatori.

32

L’Artigiano gennaio 2011

l’acquisto di pullman moderni che finora non erano stati incentivati (in quanto beni mobili). “Attualmente stiamo trattando con la provincia una proroga degli incentivi poiché ci sono molte aziende che con le difficoltà economiche di quest’anno non sono state in grado di beneficiarne”, spiega il presidente Plattner. Sempre con i responsabili provinciali si è discusso di come coinvolgere meglio gli autonoleggiatori nei trasporti pubblici locali. “L’estensione degli abbonamenti gratuiti ci hanno fatto perdere molto lavoro. Ci vorrebbe un accordo più sensato con i servizi privati”, conclude Plattner. Il direttore del reparto mobilità Gianfranco Jellici è intervenuto all’assemblea salutando i presenti e lodando la buona collaborazione con l’APA. Per quanto riguarda l’applicazione della legge UE è stata istituita una commissione incaricata di redigere un corrispondente decreto che sarà sottoposto alla giunta presumibilmente nella primavera 2011. te


Odontotecnici da Durnwalder Odontotecnici: il presidente di sezione Roland Pardeller ha spiegato a Luis Durnwalder gli obiettivi e le problematiche del neocostituito gruppo.

I

n visita ufficiale, Roland Pardeller accompagnato dal direttore Hanspeter Munter ha parlato della collaborazione APA con altre organizzazioni di odontotecnici in Alto Adige e quindi degli obiettivi della sezione. Agli odontotecnici preme in particolare sensibilizzare la popolazione sugli aspetti qualitativi di medicina e tecnica dentistica che fanno la differenza rispetto ai centri a basso costo in Italia e all’estero. La sezione ha in programma serate informative sull’argomento (Mini Med) e insegue l’obiettivo di far riconoscere il diploma della scuola professionale di

S

Sezioni Varie

Richiesta alla Camera di Commercio Gli odontotecnici chiedono alla Camera di Commercio di istituire nell’albo dei periti un sottogruppo riguardante protesi dentarie, corone, ponti e implantologia Visita ufficiale in provincia: il presidente di sezione Roland Pardeller, il presidente della provincia Luis Durnwalder e il direttore APA Hanspeter Munter (da sin.).

odontoiatria a Baden (Austria). Attualmente infatti i diplomati di questa scuola devono superare un ulteriore esame a Bolzano per essere riconosciuti odonto-

tecnici. Il presidente della provincia Luis Durnwalder si è congratulato per l’impegno della nuova sezione assicurando di prendere in esame le sue questioni. te

Una voce unica Odontotecnici: la sezione dell’APA e l’organizzazione ANTLO hanno istituito un coordinamento degli odontotecnici altoatesini.

P

er le questioni importanti gli odontotecnici vogliono farsi sentire con una voce unica. “Il coordinamento ha l’obiettivo di definire gli interessi comuni rappresentandoli nei confronti di economia, sanità e politica”, spiega il presidente di sezione Roland Pardeller. Anche il presidente della ANTLO Diego Bentivogli evidenzia l’importanza della collaborazione. “Possiamo sfruttare le sinergie delle due associazioni seguendo meglio progetti e interessi.” Pardeller e Bentivogli hanno fissato il comune lavoro in un accordo. Innanzitutto gli odontotecnici intendono analizzare la situazione

Oltre 60 associati Le due associazioni – vale a dire la sezione APA e l’ANTLO – contano insieme oltre 60 soci che rappresentano più della metà degli odontotecnici presenti in Alto Adige. Il presidente degli odontotecnici APA, Roland Pardeller (sin.), e quello della ANTLO Diego Bentivogli.

attuale ed elaborare possibili modelli di sviluppo. Si dovrà promuovere il dialogo con istituzioni, scuole, organizzazioni mediche e industrie del settore. Le nuove tecnologie andran-

no presentate e testate con regolarità. Bisogna poi valorizzare l’importanza e il ruolo dell’odontotecnico. Per i soci si organizzeranno aggiornamenti e manifestazioni in comune. te L’Artigiano gennaio 2011

33


G

Giovani artigiani

Visita allo stabilimento KTM Il 21 gennaio i giovani artigiani vanno a visitare lo stabilimento di moto e auto sportive KTM a Mattighofen in Austria. È prevista una visita guidata di tre ore che comprende anche l’assemblaggio delle moto KTM. Seguirà un viaggio nella storia della birra con la visita al birrificio più piccolo del mondo il Bogner a Braunau. Prenotazioni entro il 10 gennaio a junghandwerker@lvh.it (quota di partecipazione con un minimo di 15 persone: 75 euro).

A

Artigiani anziani

Patronato INAPA in tutti i circondari Il patronato INAPA è il punto a cui gli anziani si possono rivolgere per questioni pensionistiche e previdenziali, per dichiarazioni dei redditi, pensioni d’invalidità e molte altre cose. Gli addetti del patronato sono a disposizione nella sede APA di Bolzano e ad orari determinati anche nei circondari. A pagina 25 sono elencati gli orari di apertura INAPA nei circondari.

34

L’Artigiano gennaio 2011

Proclamato il “maestro del mese” Questa volta i giovani artigiani e l’ufficio provinciale di formazione hanno scelto il tecnico frigorista bolzanino Hans-Joachim Röhler.

R

öhler è titolare insieme ai suoi due fratelli dell’azienda Kälte Klima Röhler GmbH, 18 dipendenti e sede nella zona commerciale di Bolzano. Negli scorsi anni HansJoachim Röhler ha dato formazione a cinque lavoranti. Attualmente l’azienda occupa due apprendisti di cui uno sta concludendo la scuola professionale di elettricisti e l’altro frequenta la scuola per tecnici frigoristi di Amstetten (Vienna). “A Röhler stanno molto a cuore i regolari colloqui personali con allievi, genitori e scuola professionale”, commenta la giuria. “Sa seguire il carattere dell’apprendista,

Consegna del diploma a Hans-Joachim Röhler nella sede aziendale Kälte Klima Röhler GmbH a Bolzano.

comprendendone le esigenze ed entusiasmandolo al mestiere.” Il presidente APA Walter Pichler, il presidente dei giovani artigiani Martin Haller e la direttrice dell’ufficio provinciale Cäcilia Bau-

mgartner hanno consegnato a Röhler il riconoscimento di “maestro del mese”. Si congratulano anche Anna Schuler della Cassa di Risparmio e la collaboratrice del progetto Ingrid Daprà. um

Viaggi 2011 Artigiani anziani: il 2011 sarà un altro anno pieno di attività per gli anziani. I preparativi per i diversi viaggi sono già in corso.

E

cco qui alcune delle mete più interessanti che il gruppo anziani propone ai soci. • Festa ANAP “Senior 2011” a Bellaria (RN) dal 19 al 26 giugno 2011 (otto giorni, sette notti). Pensione completa, ombrellone e sdraio in spiaggia, variegato programma di intrattenimento. Vacanza estiva al prezzo di 461 euro senza trasferta. Prenotazioni entro il 30 marzo 2011 rivolgendosi al signor Angelo Angerami nel patronato INAPA (tel. 0471 323264). • Vacanza in Sardegna dal 10 al 17 settembre nel lussuoso villaggio “Tanka Village” a Villasimius (otto giorni, sette notti). Pensione

Nel 2011 gli anziani hanno in progetto diversi viaggi. Nella foto la consulta provinciale.

completa, bibite dei pasti comprese, intrattenimento con il team di animazione del villaggio, ombrellone e sdraio in spiaggia. Prenotazioni entro il 15 maggio rivolgendosi al signor Angelo Angerami nel patronato INAPA. Prezzo senza trasferta 741 euro.

• Due giorni al lago di Costanza (isola di Mainau) e Bregenz in maggio; i dettagli saranno resi noti in seguito. • Gita culturale a Parma in autunno; una città piena di cose da vedere, come il centro storico, il duomo etc. I dettagli saranno resi noti in seguito. aa


D

Donne nell’APA

Le partecipanti al secondo master „Women Empowerment“ insieme alla docente di diritto del lavoro Ulrike Kofler (a sinistra).

Corso Women Empowerment Aggiornamenti: sono ormai dieci i mesi di corso che si sono messe alle spalle le partecipanti al “Women Empowerment”. Ad alcune abbiamo chiesto se i risultati corrispondono alle aspettative.

Brigitta Kröss (38), carpenteria Gross, Sarentino

Questo corso lo consiglio in ogni caso perché i docenti sono altamente qualificati e si occupano di ogni singola persona. Per quanto mi riguarda ho tratto profitto soprattutto dalle lezioni di diritto del lavoro e di economia aziendale. Il nostro gruppo di partecipanti è davvero cresciuto insieme. Alle lezioni porto con me la mia bambina nata tre mesi fa e tutti ne sono felici. Nemmeno questo è scontato.

Johanna Matscher (45), Designtrend, Appiano

Prima lavoravo in un’enoteca e per me è stato difficile passare in un ufficio. Al corso mi sono iscritta per conoscere meglio organizzazione d’ufficio, leggi, sicurezza sul lavoro eccetera. Proprio in materia di sicurezza sul lavoro ho avuto modo di mettere in pratica subito quanto appreso. Il coaching personale l’ho sfruttato per migliorare il mio italiano nel lavoro di tutti i giorni. Con le altre

partecipanti ci scambiamo idee, siamo un bel gruppo affiatato.

Lydia Pattis Neulichedl (44), falegnameria Neulichedl, Nova Levante

Io sono ragioniera e il corso l’ho frequentato soprattutto per apprendere i fondamenti del management di progetti e i software più in uso come Outlook, Excel o le applicazioni Internet. Il corso ha soddisfatto in pieno le mie aspettative. C’è qualche tematica che si potrebbe approfondire ulteriormente, perché se non si applica subito ciò che si è studiato lo si dimentica in fretta. Il corso è bene organizzato.

Michaela Amhof (38), MG Rainer, Terlano

Voglio tenermi sempre aggiornata e in questo corso ho imparato molte cose utili all’azienda. Non solo, ho imparato anche cose per me, a occuparmi di più di me stessa e a prendermi tempo anche se sono stressata. I due viaggi di studio, in Germania e a Venezia,

sono stati splendidi, i relatori e gli organizzatori molto disponibili. Solo la parte pratica in azienda me l’aspettavo diversa, infatti pensavo che saremmo andate tutte in una grande azienda a lavorare insieme. Comunque il corso lo consiglierei ad ogni donna.

Erika Pomella (35), Vipotrac KG, Appiano

Il corso ha soddisfatto le mie aspettative. In particolare le materie del secondo semestre mi sono servite concretamente, come per esempio il calcolo degli stipendi, il tema delle assicurazioni, il diritto del lavoro e l’informatica, laddove abbiamo dato quantomeno una spolverata a tutti i software usuali. Non solo ho trovato validi i docenti e l’organizzazione ma ho apprezzato anche il fatto che ci fossero pagati i pasti e il parcheggio. Durante la parte pratica siamo state nelle aziende delle altre partecipanti dove abbiamo avuto modo di trovare molti spunti per la nostra stessa azienda. Anche mio marito apprezza le nuove nozioni che ho acquisito per la nostra attività.

Master per donne “Empowerment” significa autodeterminazione. “Il corso non solo trasmette conoscenze pratiche d’ufficio e d’azienda bensì aiuta anche la formazione della personalità”, commenta una partecipante. Il master del 2010 era il secondo, seguito a quello del 2008 e rivolto soprattutto a donne che lavorano in imprese artigiane. Nelle 328 ore di questo corso le partecipanti – dai 20 ai 54 anni d’età – hanno studiato nozioni di economia aziendale e di diritto, informatica, marketing, retorica, inglese, italiano e molto altro. Tutte ne sono uscite entusiaste e in buona parte hanno voluto aggiungere altri sei giorni di lezioni.

Ulrike Mahlknecht

L’Artigiano gennaio 2011

35


Appuntamenti

Infos. Fiere. Scadenzario. Manifestazioni. Annunci. Fiere 27–30 gennaio

Klimahouse

18–20 febbraio

Como Casa Clima

Salone internazionale dell’edilizia sostenibile e dell’efficienza energetica; Fiera di Bolzano, www.klimahouse.it

Salone dell’edilizia sostenibile e dell’efficienza energetica in collaborazione con l’Agenzia CasaClima Fiera di Como, www.comocasaclima.com

17–20 marzo

19–22 febbraio

Salone di macchine edili e da costruzione Fiera di Bolzano, www.baumec.it

Salone internazionale dell’alimentazione con mostre speciali: MIA (alimentazione) e Frigus (gelati e surgelati). Fiera di Rimini, www.saporerimini.it

Baumec

17–20 marzo

Viatec

Fiera delle costruzioni stradali e infrastrutture Fiera di Bolzano, www.viatec.it 13–15 aprile

Sapore

4–6 maggio

Solarexpo

Fiera delle energie rinnovabili Fiera di Verona, www.solarexpo.com

Prowinter

Fiera internazionale di servizi e noleggio di attrezzature invernali Fiera di Bolzano, www.prowinter.it

17–20 febbraio

16–19 aprile

Salone dedicato a tutela climatica e costruzioni salubri, ristrutturazioni, finanziamenti, risparmio energetico Fiera di Vienna, www.bauen-energie.at 16–20 marzo

Tipworld

La fiera di Brunico dedicata a gastronomia, edilizia e arredamento. L’APA organizza aree espositive. Si accettano ancora le ultime prenotazioni di espositori interessati: tel. 0471 323340. 28 aprile – 1 maggio

Tempo libero

Bauen & Energie

Wohnen & Interieur

La più grossa fiera austriaca di arredi, design, accessori e giardini. Fiera di Vienna, www.wohnen-interieur.at

Salone di sport, hobby, auto, vacanze e montagna Fiera di Bolzano, www.freizeit.messebozen.it

Manifestazioni

22–24 luglio

8 gennaio

Mostra circondariale degli artigiani gardenesi. www.lvh.it

nella casa associativa, promosso dalla consulta comunale APA di Ora, inizio del torneo alle ore 14, iscrizioni alle ore 13.30, quota: 20 euro (pasto incluso); informazioni e iscrizioni (a coppie) rivolgendosi alla presidentessa comunale Johanna Falser, tel. 0471 802063, oppure Josef Perntaler, tel. 0471 810856; si vincono splendidi premi!

Mostra artigianale Gardena 18–23 gennaio

IMM Cologne

Salone internazionale dell’arredo. Fiera di Colonia, www.imm-cologne.de 19–21 gennaio

Eltec

Fiera di elettrotecnica e illuminotecnica Fiera di Norimberga; www.eltec-online.de 15–19 marzo

ISH Frankfurt

La più grossa fiera mondiale di design innovativo dei bagni, riscaldamenti efficienti, energie rinnovabili Fiera di Francoforte, www.messefrankfurt.com 16–22 marzo

Fiera internazionale dell’artigianato IHM

Torneo di carte a Ora

28 gennaio

Assemblea annuale degli installatori termosanitari Inizio alle ore 18, Casa dell’Artigianato (3. piano), Bolzano 2 febbraio

Assemblea annuale dei bruciatoristi

Inizio alle ore 19, Casa dell’Artigianato (3. piano), Bolzano 3 febbraio

Assemblea annuale dei pasticcieri

Inizio alle ore 19, Casa dell’Artigianato (3. piano), Bolzano 8 febbraio

La IHM è la più importante fiera del’artigianato in Germania. La sua inaugurazione è un’ottima occasione di dialogo fra politica e artigianato. L’APA organizza un viaggio per visitare la IHM.

Assemblea annuale dei gelatieri

22–24 marzo

Festa degli sport invernali a Nova Levante

Südtec

Fiera internazionale dei fornitori per i seguenti settori: produzione e lavorazione di plastiche, produzione e lavorazione di metalli, materie prime e semilavorati, design, costruzione e servizi. La EOS – Export Organisation Südtirol – organizza insieme alla sezione APA dei congegnatori meccanici uno stand collettivo. Fiera di Stoccarda, www.suedtec.com

36

L’Artigiano gennaio 2011

Inizio alle ore 11, Casa dell’Artigianato (3. piano), Bolzano 12 febbraio

Questa volta la tradizionale giornata dell’APA dedicata agli sport invernali si svolge a Nova Levante. Tutte le informazioni nella brochure allegata. 25 febbraio

Assemblea annuale dei lattonieri edili e artistici Inizio alle ore 15


Borsa dell’apprendistato. Borsa dell’apprendistato. Cerco lavoro Installazione • Elettrotecnico Bolzano e dintorni 18 anni - Bolzano • Installatore Bolzano e dintorni 20 anni - Margrè • InstallatoreAlto Adige 22 anni - Somma Vesuviana • Installatore Bolzano e dintorni 18 anni - Bolzano

Alimentari • Pasticciere, Burgraviato, Val Venosta, 18 anni - Tirolo

Centralino Tel. 0471 32 32 00 Fax 0471 32 32 10 Segreteria centrale Tel. 0471 32 33 00 info@apabz.it

Cercasi apprendista Legno • Falegname, San Genesio Aster Holzbau GmbH Tel. 0471 354800 • Falegname, San Genesio Plankl GmbH Tel. 0471 354142 • Falegname, San Genesio Tischlerei Tammerle OHG Tel. 0471 350019

Metallo • Carrozziere, Bressanone e dintorni, Bolzano e dintorni 16 anni - Bressanone • Tecnico autoriparatore Bressanone e dintorni, Bolzano e dintorni 16 anni - Bressanone • Tecnico autoriparatore Bressanone e dintorni, Bolzano e dintorni 16 anni - Funes

Installazione • Elettromeccanico, Egna, Elmes KG, Tel. 0471 813399 • Elettrotecnico, Bolzano Elektro Gallmetzer, Tel. 0471 365501 - 337 450334

Cura della persona • Parrucchiere Bolzano e dintorni 16 anni - Bolzano

Edilizia • Carpentiere, San Genesio Aster Holzbau GmbH Tel. 0471 354800

Impressum

Contatti

Sezioni varie • Tapezziere-Arredatore tessile Burgraviato, 19 anni - Merano

La maggiore rivista economica dell’Alto Adige. Tiratura: 11.000 copie per 40.000 lettori Editore ed amministrazione: APA-Formazione & service coop.a.r.l., Via di Mezzo ai Piani 7, 39100 Bolzano, Tel. 0471 323 200, Fax 0471 323 210, e-mail: info@apabz.it, www.apabz.it Abbonamento annuale: 45 euro (Italia) e 55 euro (estero) Redazione: Ulrike Mahlknecht, Tobias Egger, Claudia Vicentini Segreteria e pubblicità: APA, Comunicazioe & marketing, tel. 0471 323 347 Direttrice responsabile: Margareth M. Bernard Munter Reg. Tribunale di Bolzano, n. 24 del 11.01.1948 Grafica & layout: Fotolitho Lana Service Stampa: Athesiadruck S.r.l. Bolzano

Sezioni di mestiere Tel. 0471 32 32 00 info@apabz.it Ufficio legale Tel. 0471 32 32 40 consulenzalegale@apabz.it Crediti Tel. 0471 32 32 76 crediti@apabz.it Coordinamento edilizio Tel. 0471 32 32 30 zoneproduttive@apabz.it Centro di formazione Tel. 0471 32 33 70 formazione@apabz.it Inapa Tel. 0471 32 32 63 inapa@apabz.it Innovazione Tel. 0471 323225 innovazione@apabz.it Comunicazione & marketing Tel. 0471 32 33 40 stampa@apabz.it

Uffici circondariali

Recapiti Hanspeter Munter • direttore dell’APA Ogni lunedì dalle 11 alle 12 Casa dell’Artigianato Via di Mezzo ai Piani 7 Bolzano Thomas Hager vicedirettore dell’APA • Ufficio di Merano ogni

1° e 3° Me del mese, 15–17 • Ufficio di Silandro ogni 1° e 3° Me del mese, 8.30–12.30 • Ufficio di Bressanone ogni 2° e 4° Me del mese, 15–17 • Ufficio della Gardena, Egna, Vipiteno, Brunico previa prenotazione allo 0471 323200

Annunci Vendesi

cabina a spruzzo in ottime condizioni, tel. 348 3280585 o 333 6717675. Cedesi autorizzazione autonoleggio con autista per la zona Alta Pusteria a condizioni interessanti. Tel. 349 8060168.

Bolzano cittá Via di Mezzo ai Piani 7 Tel. 0471 32 34 60, Fax 0471 32 34 70 bolzano@apabz.it

Bressanone Via Konrad Lechner 7 - Varna Tel. 0472 80 25 00, Fax 0472 80 25 02 bressanone@apabz.it

Bolzano periferia Via di Mezzo ai Piani 7 Tel. 0471 32 34 60, Fax 0471 32 34 70 bolzano@apabz.it

Vipiteno c/o Cassa Raiffeisen Wipptal Città Nuova 9 Tel. 0472 802500, Fax 0472 802502 vipiteno@apabz.it

Egna Largo Municipio 27 Tel. 0471 81 25 21, Fax 0471 81 22 44 egna@apabz.it Merano Via Kuperion 30 Tel. 0473 23 61 62, Fax 0473 21 03 34 merano@apabz.it Silandro Via Cappuccini 28 Tel. 0473 73 06 57, Fax 0473 62 16 30 Silandro@apabz.it

Brunico Via Brunico 14/A - San Lorenzo Tel. 0474 47 48 23, Fax 0474 47 41 55 brunico@apabz.it Pedraces Cassa Rurale, Centro 18 Tel. 0471 83 95 48, Fax 0471 83 95 64 pedraces@apabz.it Ortisei Via Sneton 9 Tel. 0471 79 75 52, Fax 0471 79 78 57 gardena@apabz.it

L’Artigiano gennaio 2011

37

Appuntamenti

rcano i che ce n a v io g to. olti i Sono m di apprendista avete un a to d s o n p ie z n ro u vostra a al nume Se nella ero telefonate erite l’offerta s b posto li 3344 oppure in 2 3 1 t 7 .i 4 h 0 www.lv ro“)! nel sito „Borsa di lavo a (rubric


LeuteGente von Heute

Chiusa

Anniversario e tre certificati a Blasbichler Josef La consulta di Bolzano città presieduta da Ivan Bozzi (dietro al centro), i vicepresidenti Gert Lanz e Bruno Covi, il direttore d’orchestra Roberto Quaglia (3. da ds.). Bolzano

Concerto di Natale nella Casa dell’Artigianato La consulta circondariale APA di Bolzano città organizza tradizionalmente un concerto di Natale nella Casa dell’Artigianato. Questa volta suonava l’orchestra della “Scuola Musicale CEA di Verona” diretta dal maestro Roberto Quaglia. Nel

programma una selezione di brani classici, moderni e natalizi. “È stata una serata suggestiva cui hanno partecipato molti artigiani e interessati della città”, commenta soddisfatto il presidente circondariale APA Ivan Bozzi. Dopo il concerto la consulta ha invitato a un buffet. Fra gli spettatori il presidente APA Walter Pichler, i vicepresidenti Bruno Covi e Gert Lanz, il presidente del gruppo edile Markus Bernard.

L’installatore di impianti termosanitari e solari, Josef Blasbichler di Chiusa/Verdignes, ha certificato la sua azienda con ISO 9001:2008 per la gestione della qualità, OHSAS 18001:2007 per la gestione di sicurezza e salute più il SOA. Blasbichler è pertanto uno degli imprenditori più innovativi per i quali la salute

Bolzano

50 anni Salone Corso

L’orchestra della “Scuola Musicale CEA di Verona” diretta dal maestro Roberto Quaglia ha eseguito egregiamente una selezione di brani classici, moderni e natalizi.

Sabato 27 novembre si é tenuta in Corso Libertá la festa per i 50 anni di attivitá del “Salone Corso”, storica barberia di Bolzano. Enrico Broccanello è stato l’ideatore del progetto di collaborazione con noi, studenti della classe 4D del liceo Artistico “G. Pascoli” tutelati dal professore di grafica Emanuele Pasquali. Appena saputo del progetto ci siamo divisi i diversi incarichi, come la realizzazione e il montaggio di un video composto da fotografie di barbieri di tutto il mondo, scattate da vari clienti del salone. Altro incarico fondamentale è stata la creazione dell’invito per questo evento. “Ci siamo potuti finalmente confrontare

dei dipendenti, la qualità per i clienti e la tutela ambientale non sono aspetti in contraddizione bensì complementari. Con l’attestazione SOA Blasbichler conferma di essere in grado di assumere progetti grossi e di alto valore qualitativo rispettando tutte le leggi che disciplinano i lavori pubblici. Oltre alle certificazioni l’azienda festeggia anche il suo ventesimo anniversario e ringrazia di cuore tutti i collaboratori e clienti. Nella foto il titolare Josef Blasbichler (4. da ds.) con i suoi dipendenti.

con un’esperienza lavorativa a tutti gli effetti – a giudizio della classe – con tutti i problemi e le scadenze che questa comporta.” Oltre all’ aspetto grafico, la classe si è occupata anche dell’intrattenimento della giornata, come la musica. L’esperienza di collaborazione tra l’impresa e la classe liceale è stata apprezzata sia dagli organizzatori, sia dalle istituzioni comunali, tra cui il sindaco Luigi Spagnolli, l’assessore alla scuola Judith Kofler Peinter, il presidente dell’APA Walter Pichler, colleghi e funzionari di tutte le associazioni imprenditoriali e sindacali. Tra gli ospiti anche la presidente dei parrucchieri Stella Falcomatà, il presidente circondariale di Bolzano Ivan Bozzi nonché Patrizia Costa e Riccardo Mazzucco della consulta APA di Bolzano.

Gente Gente Gente Al concerto nella Casa dell’Artigianato erano presenti 150 spettatori circa.

38

L’Artigiano gennaio 2011

La classe 4D del liceo artistico “G. Pascoli”


LeuteGente von Heute Grazie per i 25 anni di fedele collaborazione con l’APA: Gerdi Florian (foto sopra) e Anna Maria Losavio (foto sotto) con i dirigenti APA.

Mutschlechner & Rienzner

40 anni di fedeltà all’azienda

Riconoscimenti a collaboratori APA

25 anni dedicati all’artigianato! La cena di Natale dell’APA, quest’anno nell’Hotel “Bemelmans Post” sul Renon, ha offerto come sempre l’occasione di ringraziare collaboratori particolarmente affezionati che lavorano da tanti anni per l’associazione. Il presidente Walter Pichler, i vicepresidenti Bruno Covi e Gert Lanz nonchè il direttore APA Hanspeter Munter si sono congratulati con i fedeli collaboratori consegnando loro un riconoscimento. Applauditissimi tutti quelli che hanno lavorato 25 anni per l’APA: Gerdi Florian (contabilità, ufficio circondariale di Bolzano) e Anna Maria Losavio (sindacati e stipendi, sede di Bolzano), che insieme al diploma hanno ricevuto anche un omaggio. Per i vent’anni di fedele collaborazione i dirigenti hanno ringraziato di cuore Cornelia Troger Aksu (direttrice della segreteria di direzione, sede di Bolzano) ed Elisabeth Waldthaler (contabilità, ufficio circondariale di Bol-

zano). Diploma ed omaggio anche ad Armin Raich (contabilità, ufficio circondariale di Silandro) che lavora per i soci da 15 anni. Ed ecco gli altri riconoscimenti: per i dieci anni di collaborazione Anja Frenademetz (contabilità, ufficio circondariale di Pedraces), Daniela Hintner (contabilità salariale, ufficio circondariale di Brunico), Laura Larcher (informatica, sede di Bolzano) e Josef Morandell (direttore dell’ufficio circondariale di Bressanone); per i sette anni di collaborazione Nadja Terenzi (contabilità salariale, ufficio circondariale di Merano); per i sei anni di collaborazione Christine Plaickner (patronato INAPA); per i cinque anni di collaborazione Thomas Bacher (contabilità, ufficio circondariale di Brunico), Alexander Benvenutti (direttore del reparto legale, sede di Bolzano), Thomas Mur (direttore dell’ufficio circondariale di Merano) e Doris Pichler (coordinamento edile e sezione trasporti, sede di Bolzano). A tutti la redazione del periodico “L’Artigiano” rivolge sentiti auguri!

È già la seconda volta che l’azienda di pittori Mutschlechner & Rienzner festeggia un dipendente fedele per quarant’anni: questa volta si tratta del signor Reinhard Taschler che il 20 aprile 1970 iniziò l’apprendistato di pittore presso la “Schmieda Mola” e dopo che questa è diventata la Mutschlechner & Rienzner nel 1972 ha continuato a collaborare

fino al suo pensionamento il 30 giugno 2010. L’intero team ha festeggiato Taschler nell’Hotel “Waldruhe” ringraziandolo per i suoi 40 anni di attività. Il direttore APA Hanspeter Munter ha espresso felicitazioni a nome dell’associazione. In quattro decenni Taschler ha contribuito a definire l’identità dell’azienda e il suo successo. Nella foto Reinhard Taschler (al centro) con il suo primo apprendista del 1975, Josef Taschler (ds.) e l’apprendista più recente, Daniela Costabiei (sin).

Particolari su misura. Il ricambio pronto nel momento giusto. Contate su di noi!

prodotti specifici

impugnature - antivibranti

Gente Gente Gente tecnomag� Srl | Via Macello 43 | I–39100 Bolzano | www.tecnomag.bz.it

L’Artigiano gennaio 2011

39


a v o u n a l n o c ? I i R m T e l S I b S e l Pro a t n e i b m a à t i l i b a t con

Ci pensiamo noi! » Tenuta del registro cronologico » Compilazione delle schede movimentazione » Informazioni ambientali SISTRI

e a partir

da

F 0 0 , 0 13 professionale - veloce - efficiente

Ulteriori informazioni presso l‘APA - Ufficio Ambiente, Tel. 0471 323 240 - sistri@lvh.it e nel Suo ufficio circondariale Associazione provinciale dell’Artigianato Via di Mezzo ai Piani 7, Bolzano, Tel. 0471 323 200, www.apabz.it


L'Artigiano, Gennaio 2011  

L'Artigiano Gennaio 2011

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you