Lussino 57

Page 29

Quadrimestre 57 - Settembre 2018 - pagina 29

Mons. Mario Cosulich ha compiuto 98 anni! Rita Cramer Giovannini Il 28 agosto scorso alle 8.30, come ogni giorno feriale, Mons. Mario Cosulich ha celebrato la Santa Messa in latino nella cappella di San Giovanni della Cattedrale di San Giusto a Trieste. Di differente, rispetto al solito, c’è stato alla fine un lungo applauso da parte dei sacerdoti del Capitolo e degli intervenuti alla celebrazione che si sono affettuosamente raccolti intorno a lui per augurargli un felice compleanno. Quel giorno il nostro “don Mario” ha metaforicamente soffiato su 98 candeline! Metaforicamente perché le candeline non c’erano, ma lui di sicuro avrebbe avuto tutto il fiato necessario per spegnerle. Basta accendere la radio nei giorni festivi alle 10.30 quando la Messa da San Giusto viene radiotrasmessa, per udire la sua bella Un inedito Mario Cosulich voce forte e stentorea. nei primi anni ‘20 E non solo la voce è potente! La sua memoria è davvero incredibile: rammenta avvenimenti, persone e particolari che risalgono a più di novantanni fa, come anche fatti avvenuti recentemente. Segue con attenzione tutto ciò che accade ai lussignani, in qualsiasi parte del mondo si trovino. E la sua rete di “intelligence” gli consente di essere sempre aggiornato prima degli altri. Grazie, caro don Mario! Le auguriamo di mantenersi sempre così in forma e di continuare a lungo a essere il nostro punto di riferimento.

75 anni fa... 3 marzo 1943, Ordinazione a Sacerdote

Ho ritrovato la lettera di mia nonna Chetti a mio padre Bepi Martinoli dove racconta di Mons. Mario Cosulich. È del 6 marzo 1946 (con timbro censura). Tra le varie notizie Chetti dice: … È incominciata la Quaresima… Ieri è stata qui la 1° predica. Ha parlato don Mario Cosulich. C’era molta gente. Nei suoi discorsi c’era molta filosofia. Domani sono 3 anni che ha detto Messa. Si è fatto assai bravo…. Adriana Martinoli

Lussinpiccolo ricordo dell’Ordinazione e prima Santa Messa 7-8 marzo 1943

Lussinpiccolo, il Duomo, il Castello e la casa gialla di Mons. Mario e dei fratelli. Mons. Mario è nato in questa casa.

Foto Rita Cramer Giovannini