Lussino26

Page 30

pagina 30 - Quadrimestre 26

Lussino

Stradanova di Stelio Cappelli Semo in pochi lussignani che va su e sò per Stradanova. Novanta e più anni xe passai a questa vecia dama, ma per noi la xe sempre Stradanova. Son qua al prinzipio de questa “Avenue” ciamada un tempo via Vittorio Emanuele III, ma sicome ierimo abituadi de cambiar fazile nazion, altretanto ghe iera fazile de tacar sul muro un altro nome. Adesso la porta el nome dei “fratelli Vidulich”, bravi lussignani che istruiva i giovani nel ‘700. Le prime piconade xe stade fate nel lontano 1912. Xe stado butà sò una casa proprio al inizio, con a pian teren l’osteria “Al cervo d’oro”. Poi i lavori durante la guera xe stadi sospesi per riprenderli nel 1919. In questo periodo vien posado un ceppo in meso alla strada vecia, subito al inizio, per poi addossarlo alla vicina casa. E, guarda a caso, lo trovè ancora ogi intato malgrado tute le turbolenze che ga subì questo nostro scoio. Questo ceppo xe testimone de un via vai de genti che ga calpestà questa nostra incantevole via profumada a maggio dai alberi de robinia. Me trovo davanti la casa dove abitava la signora Bedon. Grande donna, tuta “casa e ciesa”. Conoscitrice dela musica classica e quela sacra. Indimenticabili i concerti nel suo saloto con la presenza anche dela signorina maestra Catarinella che troneggiava all’organo

in podìch (galeria) dela ciesa de San Nicolò. Presenti spesso le signore ex proprietarie del hotel Italia, le Weber, e la signorina Merle con la sua inseparabile borsa con dentro el svegliarin che più de una volta el ga sonà anche in ciesa. Tacà a questa casa trovemo la dimora del nostro carisimo Paroco don Ottavio Haracich, guida carismatica specialmente nei momenti più tragici dela nostra storia, quando le tempeste politiche si abaterono su di noi. La Sua parola portava grande conforto, specialmente negli anni “di piombo”. Oltre la strada iera el negozio dela signora Bedon, eliminado nei anni ’50. Lo vedo ancora là al suo posto e vedo drio el banco la Anna e la Marucci Tarabocchia come sempre gentilissime verso de noi mularia che venivimo durante el riposo de scola a comprar i “stolver” e i “ulici”. E nel vizin orto creseva dele bele verze e blitve . Subito vizin el Hroncich vendeva carbon. Oltre la strada abitava el professor Hofmann e prima ancora la famiglia del Pasquali, ufizial de dogana. Vizin, la casa dela signora Gladulich che, secondo ela, la viveva sempre in pecato stancando e stufando i suoi poveri confesori. Una picola palazina un po’ più avanti de proprietà dei signori Premuda, sempre pronti per aiutar i poveri, spezialmente i picoli, tanto che spes-