Lussinpiccolo 64

Page 43

Quadrimestre 64 - Aprile 2021 - pagina 43

mazia, Marino Micich direttore dell'Archivio-Museo storico di Fiume di Roma, Carla Isabella Cace presidente dell'Associazione Nazionale Dalmata 1919, David Di Paoli Paulovich presidente dell'Associazione delle Comunità Istriane di Trieste, Virginia Raggi sindaca di Roma, Donatella Schürzel, vicepresidente Anvgd e presidente del Comitato provinciale di Roma dell' A.N.V.G.D., Adriana Martinoli, membro del Direttivo della Comunità di Lussino di Trieste. Giorgio Marsan

Preghiera per tutti gli Istriani, Fiumani e Dalmati Federica Haglich L'esigenza di scrivere una preghiera per noi esuli Istriani, Fiumani e Dalmati è nata in me un po' di tempo fa quando, partecipando alle commemorazioni religiose per la Giornata del Ricordo, ho avvertito nella mia mente una infinità di pensieri che mi provocavano grande emozione e angoscia. Ho ordinato questi pensieri e li ho raccolti in un

unico testo semplice e pulito: una preghiera. Ho pensato che solo una preghiera, che è una specie di mistero che scava nella profondità dell'anima e trasforma le angosce profonde in speranze di gioia, potesse sollevare il peso di questo dolore dal nostro cuore donandoci la serenità che abbiamo sempre cercato in questa vita per noi e per tutti i nostri cari defunti.

O Signore estendi il tuo sguardo misericordioso verso di noi tuoi figli dell'Istria, di Fiume e della Dalmazia sparsi in tutto il mondo. Abbiamo intrapreso la strada dell'esodo, con immenso dolore nel cuore, dopo aver abbandonato la nostra amata terra, dopo aver lasciato gli affetti più cari e le nostre case. Molti nostri fratelli non sono riusciti a partire in tempo: sono stati buttati nelle foibe, seviziati, torturati o buttati in mare con una pietra al collo, senza un regolare processo. La loro unica colpa è stata quella di essere italiani. Affidiamo a te o Signore anche tutti i dispersi e i caduti uccisi durante un tentativo di fuga verso la Patria italiana. Signore, tu che hai raccolto l'ultimo loro grido, l'ultimo loro respiro, accoglili tra le tue braccia, dona loro la vita eterna nel tuo regno di pace. Consola i loro parenti superstiti affinché siano sostenuti e consolati dal tuo amore più forte della morte. O Signore aiutaci anche ad evocare il passato, dacci sempre la forza di raccontare la nostra storia drammatica affinché il ricordo non cada nell'assoluto silenzio e nella totale indifferenza della Storia. Converti i cuori delle persone malvage e folli che tanto male hanno fatto e continuano a fare al mondo intero. Rendici sempre capaci di conservare la nostra dignità umana, di amare la libertà e di essere in grado di rinunciare a tutto per essa. Per questo noi ti preghiamo!