Issuu on Google+

x Lumsa Pagina 1:Layout 1 29/03/13 08:25 Pagina 1

NEWS LUMSAI L P E R I O D I C O LIBERA UNIVERSITÀ SS. ASSUNTA - ORDINE DEI GIORNALISTI "DEL LAZIO ! MARIA ; '2+/&+%/ &', . -#27/

, #0# &'+ 2'%/2&

I

! # #0+4#,' #33'&+#4# &# -#(+# ' )#.) )+/6#.+,+ 3'26+7+/ #,,' 00

> >'2#./ 5.# 6/,4# #0#..',,' ' /2 &+ !#,,' 3'26+7+/ #,,' 00

/-'. /-'. #0# 2#.%'3%/ 9 4544/ %+: %*' 5. /.4'(+%' ./. 9 -#+ 34#4/ (+./ #& #&'33/ ? +, 02+-/ )'35+4# 9 +, 02+-/ 35%%'33/2' &+ +'42/ ./. '52/0'/ '& 9 +, 02+-/ # 3%'),+'2' +, ./-' &', #.4/ & 33+3+ +(/2-#4/2' 6'.54/ &#,,# (+.' &', -/.&/ *# )+8 &',+.'#4/ +, 02/(+,/ &+ 5.# *+'3# %*' &'6' )5#2&#2' /,42' ,42' , 52/0# /,42' +, %#0+4#,+3-/ 0'2 #((#%%+#23+ #, .5/6/ -/.&/ 15', -/.&/ &#, 15#,' +, #0# #22+6# ',,# (2#3' < /-' 6/22'+ 5.# *+'3# 0/6'2# 0'2 + 0/6'2+= % 9 4544/ +, 02/)2#--# &',, 5/-/ 6'.54/ &# ,/.4#./ /02#44544/ &#+ 3#%2+ 0#,#77+ 2/-#.+ ' #$+45#4/ # 6+6'2' %/. + 0/6'2+ 42# ,# )'.4' ',,# 3#,+4# #, 3/),+/ 0'42+./ &+ #0# 2#.%'3%/ ./. % 9 3/,4#.4/ 5. 2+$#,4#-'.4/ )'/)2#(+%/ &+ 5.# *+'3# 0'2 42/00/ 4'-0/ '52/%'.42+%# 9 5.# 02/-'33# 0'2 ),+ 5,4+-+ 5.# -+33+/.' 0'2 ,# *+'3# %*' 9 %*+#-#4# #& #$$#.&/.#2' ),+ /20',,+ 0'2 2+ 4/2.#2' #,,' /2+)+.+ #, !#.)',/ 3+.' ),/33# 3'.7# #&#44#-'.4+ .# -+33+/.' %*' '2)/),+/ *# #66+#4/ %/. 0+%%/,+ )2#.&+ )'34+ 2/-0'.&/ /).+ 2')/,# &', %'2+-/.+#,' # &/-'.+%# &', 02+-/ .)',53 *# ',53/ ,# 3+%52'77# 0'2 3#,54#2' 5./ 0'2 5./ +. 0'2('44/ 34+,' 35&#-'2+%#./ + ('&',+ %*' #6'6#./ #33+34+4/ #,,# '33# .',,# 0#22/%%*+# &+ #.4 ..# /+ 0/%*+ 0#33+ /,42' ,' -52# 6#4+%#.' /,42' +, %#.%',,/ %*' &+6+&' ,# %+448 ' ,# )'.4' &#+ #,#77+ 6#4+%#.+ 5', %#.%',,/ 9 34#4/ #0'24/ 15',,# $#22+'2# 9 34#4# #$$#4454# &#, #0# &', <%#--+.#2' 3'-02' %/. +, 0/0/,/= &', ./. ('2-#23+ -#+ 0'2 0/24#2' #6#.4+ # 0+%%/,+ 0#33+ ,# *+'3# &', (5452/ '26+7+ &# 0#) # 0#)

"3"*$" 3&/0- )* "+.)%-'*)- *" $"/)$" %&) '/)**),) -.- ) ,2+&/) '2"%"',"1) "**" "+&/" & "* & ,"1- *8-#)&11)3- %&* -3)+&,11&**& 7 3),$&/& *& "++),)01/"1)3& %&* & +"'')- " -+" $)116 /,& -,*),& .&/ ) '/)**),) 7 )* 4&# & $-+& .-1/&##& &00&/& "*1/)+&,1) )* *2-'- %&**& *-/- ./) +"/)& ()"+"1) "**8"..&**- ) /&0)%&,1) " -+" )0$/)11) "* #*-' %&* $-+)$- '&,-3&0& "* 0&11&+ #/& ), ) 3-1",1) '*) "3&,1) %)/)11(",,- &*&11- "/$&**- & )1- &,,& "33-$"1$)3)*)01" $-+& $",%)%"1- 0),%"$- .&,1"01&**21)0-',&/6 "11&,%&/& )* "./)*& ),3&$& .&/ $-,0$&/& $() $-//&/6 .&/ )* $&,1/- 0),)01/" , -11- "* +-+&,1- ") ,"01/) %) ."/1&,5" * %* 1&,1" )* #)0 & /) 0$()&/" )* 0),%"$- 20$&,1& )",,) *&+",,-


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 2

2

il Periodico LUMSANEWS

POLITICA E D

Conilmotto“bastaconlacasta”icittadinidelM5Sentranoneipala

Fatelargo,aRomaarrivanoig Gaffe, dichiarazioni e smentite: così è iniziata la loro avventura in di Claudio Paudice C’èchinonsapevadovesi trovassePalazzoMadama, chinonricordavailnumero deimembridelParlamento echicredeva–poièrinsavitoehachiestoscusa–che gli americani installassero microchip sottopelle per controllaregliesseriumani. Fatelargo,gente,arrivanoi neoparlamentaria5stelle, debuttanti in Parlamento. Giovaniedallefaccepulite, senza macchia e senza paura,sembranovenutigiù daMarte.Hannounbeldaffareinquestigiorni:molti infatti non nascondono di averesulcomodinoilloro manualedidirittoparlamentare,dicuisapevanopocoo nulla.D’altrondesonogente semplice,comeAlbertoAirola,appenaelettoalSenato, chesioccuperàdeidirittidel lavoro“perchéhofattoattivitàsindacale”edicultura “perché ho lavorato nel

compartodell’impresaculturale”. E’ancoraprestoperdirese farannopiùdaspintaopiù dafreno.Dicerto,perora, c’èchei163grilliniappena eletti,qualchenovitànella vitapoliticaitalianalaporteranno. 163 cittadini comunichedallalorohanno l’inesperienzadicui,lungi dal farsene una colpa, si fannovanto.Inespertisì,ma onesti, puliti, decisi a fare massimo due legislature e poiacasa.Perchélapolitica, secondoloro,èunservizio occasionalechesiprestaalla comunità, e col mestiere nonhanullaachefare.Non c’è bisogno di particolari competenze-quellesiacquistanocamminfacendonédiunagavettanellesedi di partito, alle manifestazioni, ai comizi, o altro. Bastaaverevogliadifaree stareinreteconglialtri:sul webo,meglio,sulblogdel Movimento5Stelle,perché

“Indignati”e“pirati” Eccoipopulistieuropei Democrazia digitale, attacco alla corruzione dei partiti, istanzeditrasparenza,ribellionecontrol’austerity,l’euroe, eventualmente,laTroika–iltriumviratoBancaCentrale Europea,FondoMonetarioInternazioneeUnioneEuropea. Questiileit motiv deicoridiprotestacheriecheggianonelle piazzed’Europa.Movimentichecavalcandolacrisieconomica,incanalanoilmalcontentodeicittadiniversoilrigore auspicatodalleistituzionicomunitarie.Eccodunquesorgere inPortogalloeGreciaimovimentiQueselixeaTroika(anti Bce-Fmi-Ue)eAlbadorata(controlamonetaunicaeafavoredell’uscitadall’Ue).SeinSpagnahapersovigoreil movimentodegliIndignadoscontroladisoccupazioneeper latrasparenzapolitica,Bulgaria,RepubblicaCecaeRomaniasonostatescossedanuoveondatediprotestacittadina, nonancoraorganizzatenellaformadiunmovimento.Èinvecestrutturatoediffusoalivelloeuropeo,ilPartitodeiPirati: propone di riformare i diritti d’autore e portare la democraziainrete.L’accusapertuttièdiesserepopulisti. “E’facileattaccarel’euroel’Ue”hacommentatoaLumsanews la parlamentare tedesca Monika Grütters (CDU), ospiteil7marzodellaFondazioneKonradAdenauera Roma.“Èmoltomoltopericolososelagenteperdelafiducia”nellapoliticaenelleistituzioni,haaggiunto,sostenendo che“l’Uenonèsolofinanzamaancheunsognodipace, unprogettodadifendere”daipopulismifacili.(AS)

èquellal’agorà–untempo fisica,oggivirtuale-dovele decisionivengonoprimadiscusseacolpidicommenti e apprezzamenti, e poi prese. È il nuovo che avanza. Vialevecchielogichedella rappresentanza, saranno rimpiazzatedallademocraziadirettadoveognicittadino non è più semplice spettatoremahaunruoloattivonelprenderedecisioni cheriguardanoilPaese.Nel Movimento 5 Stelle uno valeuno,nondipiù,epuò pronunciarsi su qualsiasi provvedimento.Nonsuun referendum per una possibilealleanzaconilPd,perché Grillo ha stabilito che nonsifarà.Seunovalesempreuno,unononvalel’altro. Al di là degli eccessi del “capopopolo”edellegaffe deisingoliattivisti,nelmovimento c’è gente che le cose le vuole cambiare, e

perdavvero.Ildubbiononè su cosa si andrà a colpire, masudovesiandràaparare.I5Stellesisonopresentatialleelezioniconun programma di venti punti. Ventiproposte,dicuialcune necessarie,altrecomplicate, altre ancora fantasiose. Come il referendum sull’euro (incostituzionale), l’introduzione del referendumpropositivosenzaquorum (così che le decisioni possanoesserepreseanche daunaminoranza),olanon pignorabilità della prima casa (i tassi sui mutui a quantoschizzerebbero?). Questetuttaviasonoparole acuisiprevedeseguiranno ifatti.Eintestaagliobiettivi deigrillinic’èsicuramente lavolontàdimandareacasa tuttiquelliche,alorodire, hanno condotto il paese sull’orlodelbaratro.Basta conlaCastadeivecchipartiti, il Movimento 5 Stelle aspira-diceilleaderBeppe

Beppe Grillo versione Marzian

Grillo-al100%delParlamento.Ilgurusognaunademocrazia con una maggioranzanérelativané assoluta, ma totale, senza opposizione, come non se ne sono mai viste. Come

Oraleelettehannoraggiuntoil31%dellequote

Montecitoriopiùrosachemai di Alessandra D’Acunto Qualcosadipositivo,dalParlamentonato dalleultimeelezioni,c’è:èilpiùgiovanee conilmaggiornumerodidonnedellastoria repubblicana,conun’etàmediadi48annie il 31% di presenza femminile. Lo attesta un’analisipoliticadellaColdiretti,cheregistrauncambiamentogiàrispettoallaprecedente legislatura, dove le quote rosa si attestavanoal21%allaCameraeal19%al Senatocontroil32%eil30%attuali.Epensarecheall’iniziodellasecondaRepubblica, nel1994,lapercentualedidonnesultotale degli eletti superava di poco i 12 punti. Traipartitimaggiori,continualaColdiretti, ilpiùaltonumerodelledonnesitrovanelPd dovesonoil41%,seguitodalMoVimento5 Stelleconil38%.Legrillineelettesono63, 37allaCamerae25alSenato.Tuttealmassimoquarantennielaureatemanonsempre lavoratrici, prima di diventare deputate. E’evidentecheglielettoridelmovimentodi BeppeGrillodesiderinounmaggiornumero didonneinlororappresentanzaeprobabil-

Parlamento 2013 (fonte: Ossevatorio Cise)

menteconladesignazionediRobertaLombardi come capogruppo alla Camera i 5 Stellehannodimostratodiascoltaretalerichiesta. Conunterzodeiparlamentaridonnasiamo riuscitiasuperareFrancia,RegnoUnitoe StatiUnitiesiamoalparidellaGermania.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 3

il Periodico LUMSANEWS

A E DINTORNI

3

 alazzidelpotere

Amministrativedimaggio

grillini

Eorasipreparano all’assalto delCampidoglio

in Parlamento di Anna Serafini

arziano per sfuggire ai giornalisti

nonneesistono.Forseperché unademocraziasenzapartiti d’opposizioneassomigliapiù a un totalitarismo ben mascherato. O forse perché le democraziediunanimitànon vivono,mamuoiono.

Alcuninoncredevanoche cel'avrebberofatta,invece tanti-piùdelprevisto-li hannovotatitrasformandoli inunaforzapoliticarappresentativa alla Camera (25,5%)alSenato(23,8%). EntratiaMontecitorioea PalazzoMadama,orapuntanoalCampidoglio:igrillini vogliono la Bastiglia. Democraticamente, si intende.Attivisulwebesulle piazze,imilitantidelMoVimento5Stellesiprepaalle elezioni rano amministrativeromane.Al votoil26e27maggio,darannofilodatorcereaipartiti. Almeno questo è lo scenariocheemergedall'esito delle consultazioni politicheeregionali,nonchélacredenzadegliaffiliati. «Cisonopossibilitàperuna svoltadiresponsabilità»,ha

dichiaratoDavideBarillari, consigliere M5S alla regioneLazio.«Conoscopersonalmentetuttiicandidati, sono molto competenti e tuttipapabili»,hacommentato durante l'assemblea chehavistoigrilliniriuniti perconosceregliaspiranti sindacoeconsiglieri,propriomentredalcomignolo diSanPietrouscivafumata bianca.Dalleconsultazioni, chesisonosvolteonlineil 20eil21marzo,èuscitoil nomediMarcelloDeVito (38anni,avvocatocivilista) come candidato sindaco pentastellutoequellidi48 aspiranticonsigliericomunali. È pronta, la squadra M5S,allascalataalCampidoglio.«Seandremoalballottaggio potrebbe finire comeaParma(conlavittoriaalleamministrativedel M5S,ndr),iomiaspettoun risultatoancheprimadiarrivarealballottaggio»,ha

annunciato Barillari. Alle Politiche,perlaCamera,il moVimentoèriuscitoaraccoglieredasoloaRomail 27,27% delle preferenze, cioè22milavotiinmenorispettoalPd(28,66%;coalizione: 33,7%), e ha lasciato indietro il Pdl e i suoialleati(18,72%;totale: 23,43%).«IlcrollodelPdl aRomaportailmovimento diGrilloadiventareilnostroprincipaleinterlocutore alle amministrative», ha sintetizzato all'indomani delvotoilsegretarioregionale del Pd, Enrico Gasbarra. Non conviene il sindaco uscente, Gianni Alemanno,cherifacendosi ai numeri delle regionali (MPS:20,9%;coalizione dicentrodestra:28,28%)ha più volte ribadito: «noi a Romasiamopiùfortiperchébenradicatisulterritorio».Nonostantepartedel partito e qualche alleato

(soprattutto Fdi) avessero proposto un cambio di guardia dopo gli scandali Fioritoeparentopoli,èdi nuovoAlemannoilcandidato Pdl in corsa per il Campidoglio. Nelcentrosinistra,invece, sisfiderannoperlacarica: Ignazio Marino, Umberto Marroni, David Sassoli, i “renziani”PaoloGentiloni e Patrizia Prestipino, per SelGemmaAzunieLuigi Nieri, e Mattia Di TommasodelPsi.Dunque,primarieinagendail7aprile, anche se dal portavoce dell’associazioneImpegno civile,PinoNazio,arrivaal Pdlarichiestadianticiparle eaprirleatuttiperscongiurareche«arriviungrillino avincereleelezioni.Con tutto il rispetto, sarebbe comeaffidareaunosenza patente un autobus di 50 persone». Sarebbe uno “tsunami”.

Ritornoalleurneomeno,eccochivedremoancorasuinostriteleschermi

Atupertuconpresenzialistiedisturbatori

Unoèdisturbatore,l’altropresenzialista(eguaiachiamarloaltrimenti). GabrielePaolini,38anni,milanese, Mauro Fortini, 50 anni, romano: eccoalcunidatidelloroidentikit,ma sono i volti a renderli immediatementericonoscibili.Entrambirivendicano un altissimo numero di presenzetelevisive(indesiderate):si infiltranonelledirettedegliinviati, sbucano dall’angolo della telecameraperdistrarrelospettatore.Una formadiprotestacontroilsistema? Sembranoaltrelemotivazioniche spingono Paolini e Fortini a non mancaredovesiaffollanoletelecamere. Hanno iniziato entrambi alla fine deglianni‘90,iprimitempilavorandoinsieme.Solodopoèsubentrataunaformadicompetizioneche lihaportatiadividersiea“specializzarsi”,Paolininelledirette,Fortini nelleinterviste. Gabrieleilguinnessdellepresenze

Mauro Fortini

Gabriele Paolini

l’havintodavveroeportasempre consèl’attestatoapparsosullibrone deirecord,comesivedenellafoto. AldoGrasso,famosocriticotelevisivodelCorriere della Sera,l’hadefinito “l’inquinatore televisivo per eccellenza”ealuil’etichettanondipiaceaffatto.Sonodiversiifattoria spingerlo,dal1997,acomparireead intralciarenonostantelapioggiadi denunceequerele:unabuonadose diesibizionismo(“traBerlusconieil

sottoscrittononsisachièpiùnarciso”),certamenteunapatologiama ancheilcuorediunapersonadolorante,cheprotestasoprattuttoconla Chiesa,nonostantelasuaonnipresenzanonlodiaavedere.“Sec’è unadirettatelevisivaiocercodidecontestualizzarladiventandounpo’ unvirus”hadettoinmodofieroildisturbatore, “ecco perché sono in qualchemanieratemuto,osteggiato, criticatodachifatelevisione”.Che

però, allo stesso tempo, a quanto dice lo stesso Paolini, non esita a chiamrloinalcuneoccasioniperfare audience. Fortinièsicuramentemenoriconoscibile al primo impatto, ma ha anche lui un tratto distintivo: gli piacecomparireintentoadappuntare ledichiarazionidegliintervistati,con pennaeblocknotes,propriocome unverocronista.Graziealpassaparolaespessounpizzicodifortuna non ha mai “preso un buco in 14 anni”:alpuntocheseluinoncomparevuoldirecheleimmagini“non sonofreschemadirepertorio”. Chiamarligiornalistinonsipuò,ma unposticino“adhonorem”nell’albo selosonosimbolicamenteguadagnato:l’infernodicronistiecameramanche,dalleultimeelezioni,siè accalcatofuorilesedideipartitiè stato per loro il paradiso. Erano quellichesimuovevanoconpiùdisinvoltura.(ADA)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 4

4

il Periodico LUMSANEWS

MISTERI IT

Unfenomenoinpreoccupantecrescita.NelLazioilrecord:piùdi6m

Svanitinelnulla

Scompaiono 28 persone al giorno di Alessio Perigli

italiani:c’èanchelapiccola Angela Celentano, scomparsa il 10 maggio Un fenomeno inquietante, 1996duranteunagitasul in drammatica crescita: ogniannoinItaliaaumen- Tantiannidibattagliehannoportatodeifrutti:èdi- monteFaitoconlafamitanolepersonechescom- ventatoleggeiltestochefavoriscelaricercadiper- glia, in provincia di Napaionoedicuisiperdono sone scomparse. Al documento hanno lavorato poli. Tutti riconoscono GuidoClaps(fondatoredell’associazionePenelope) quelvisopaffutochelaricompletamenteletracce. el’exvicedirettorediRai3AdrianoCatani.Lalegge traepochiattimiprimadel I numeri parlano da soli: prevedel’obbligoimmediatoperlapoliziadiavmediamentespariscono28 viareleindaginiincasodisegnalazionedipersone momentoincuisipersero persone al giorno. Le de- scomparse,ilcoinvolgimentodelleassociazionie lesuetracce. nuncesonoaumentatedra- mediaperottenererisultaticoncretinellericerche. Incerticasisiriesceadarsticamente nell’ultimo Inoltreèprevistoilrafforzamentodell’Ufficiodel rivareadunaconclusione, anche se a volte non è anno:il30giugno2011siè Commissarioperlepersonescomparse. (AP) quella auspicata. Dopo passatida105.092casi,ai ottoannidisilenzioedi 115.366  del 30 giugno lorosperanze.Difficilecheilnome 2012.Quindiidispersiinpiùsono diDenisePipitonerisultitotalmente attesasonostatitrovatiicorpisenza 10.274,pariadunincrementoper- sconosciuto.ScomparsaaMazara vitadiElisabettaGrandeesuaficentualesubaseannuadel9,78%. delVallo(provinciadiTrapani)otto glia Maria Belmonte, all’interno Iltristeprimatodellepersonescom- annifa,oggiavrebbedodiciannie della loro abitazione. Un ritrovaparse è detenuto dal Lazio con lericerchesonosemprealimentate mentodeterminatodaunasegnala6.406 segnalazioni, seguito dalla dalfuocodellasperanza.Trasmis- zione alla trasmissione “Chi l’ha Lombardia,laCampania,laSicilia sionitelevisive,sitiinternetdedicati visto”, prova che l’utilizzo dei elaPuglia.LaCampaniasuperail e manifestazioni sono i segnali mediapuòesserutileperlarisoluLaziosoloperquantoriguardala principali di una ricerca che non zione di casi anche molto comsparizione di minorenni. Molti coinvolgesololafamigliaeipa- plessi. nomiliconsociamograzieallosvi- renti più stretti, ma un’intera na- Unesempiolampantediquestadiluppodellatecnologiaedeimedia, zione,chechiedeveritàeaspettail namica è rappresentato dalla vicendaEmanuelaOrlandi,chesparì conosciamoilorocarieriusciamo suoritorno. apercepirelalorodisperazioneele Nonc’èsoloDenisenelcuoredegli ne11983incircostanzemisteriose

Earrivalanuovalegge peraiutarelericerche

L’associazionedellasperanza

Menomalechec’èPenelope Spessolafamigliachevienecolpita dalla scomparsa di un suo carosiritrovasolaadaffrontarela situazione,speselegali,locandine, telefonate e non tutti sono nelle condizioni economiche di poterlo fare. A questo ci pensa “Penelope”. Natanel2002aPotenza per iniziativa diGildoClaps,fratellodiElisaClaps, scomparsanel1993 all'età di 16 anni il cui corpo è statoritrovatoil17marzo2010, “Penelope” è un’associazione, presentein14regioni,cheoffre unsupportoconcretoallefamiglie deiscomparsi. Il nome dell'associazione deriva dallafiguramitologicaPenelope, mogliediUlisse,cheaspettòpiù di 20 anni il ritorno del marito senzaperderelasperanza.Laspe-

ranza,appunto,dichiaspettaun parentescomparso.Promuoverea livelloterritorialeoccasionidiincontroperlefamigliedegliscomparsi, sensibilizzare l'opinione pubblica con varie iniziativeaffinchéle persone scomparse non siano dimenticate. Promuovere percorsi di informazione e formazione dei cittadini sulle problematiche della scomparsa delle persone, essere interlocutoredegliorganicompetentiinsostegnooinaiutoallefamiglie dal momento in cui si verificala scomparsadiuncongiuntoeilfavorirelacreazionedi strumentidiraccoltaedielaborazionedeidatiriguardantilepersone scomparse nel territorio regionale. Questi gli obiettivi dell’associazione.(MS)

La piccola Denise Pipitone, scompars

tutt’oradaaccertare. Questaèunadellestoriepiùintricate,maleindaginicheproseguono eun’attenzionemediaticacontinua, possonofarsperareadunarisoluzione del caso, magari non prossima,mafutura.IntantoinItaliasi continuaasparire,mac’èunaforte mobilitazionepercercarediarginareilfenomeno,cheottienerisultati alterni. Previsto anche un progettodileggeperfacilitarelericerchedipersonescomparse. Iprocessi,gliannunci,lesupposizionisonostateinquestavicenda enfattizzatedagliorganid’informazione.

Ilmisterodeibambini scomparsi:ilcasodiDenise di Gianpaolo Confortini LoscorsosettembreallatrasmissionediGiancarloMagalli“FattiVostri”, igenitoridiAngelaCelentano,labambinascomparsaduranteunagitacon igenitorisulmonteFaitoil10agostodel1996,lesseroun’e-mailchediceva: “Angelasonoio,michiamoCelesteRuiz,oravivofelice,vipregosmettetela dicercarmi”.L’Ipdell’emailprovenivadalMessico.Dall’Italiapartirono degliinvestigatoriealterminedelleindaginidichiararonochelamailnon eradiAngelamachesitrattavadiunmitomane.Edinuovocalòilbuio. MarianoFarinaeSalvatoreCollettasonoaltriduecasimisteriosi.Idue amiciavevanodecisodimarinarelascuolaeandaronoafareunpic-nicin unaspiaggiadiCasteldaccia.Andaronoinunnegoziodialimentariacompraredeisucchidifruttaperilpic-nicepoisidissolseronelnulla.Enel 2004toccòallapiccolissimaDenisePipitone:Denisealmomentodella scomparsaeraacasadellanonna.Gliinquirentiindagaronoa360gradi, interrogandoanchelasorellastradiDeniseinizialmenteritenutalaresponsabiledellascomparsa.Questisonosoloicasipiùfamosi.Ognigiornonel mondocirca22milabambinisvaniscononelnulla.InItaliadal1974ad oggisonoscomparsioltre11milaminori.Inmolticasièunodeiduegenitori chesottraeilminoreperpoifuggireinunaltropaese:cosìleindaginidiricercadiventanointernazionalieimpieganolapartecipazionecongiunta degliorganidipolizia.UnrapportodellaDirezioneCentraledellaPolizia CriminalehaevidenziatocheinItaliaiminoriancoradaritrovaredal2007 al1°aprile2012sono2.649,dicuiil24,3%ècompostodabambiniitaliani eil75,7%daminoridioriginestraniera.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 5

il Periodico LUMSANEWS

RI ITALIANI

6milacasiirrisolti

5

«EmanuelaOrlandièancoraviva» Alì Agca parla in televisione a “Quarto grado” di Gianluca Natoli

mparsa otto anni fa misteriosamente

LanarrazionegiudiziariadiMicheleMisseri,disuafigliaSabrina edisuamogliaCosimaèstataapprofonditainnumerositalk-show, spessoinmodogrossolanoevoyeuristico.Questoproblemaèapprofondito in molti dibattiti. Proprio l’utilizzo dei media non sempreèunfenomenopositivo: spessosipuòcaderenellatrappola della morbosità, come nel caso dellapoveraSarahScazzi-scomparsaincircostanzemisteriosee trovatauccisa-dovespessocisi èconcentratisualcunidettagliche nullaapportavanoallasoluzione dellavicenda.

Sonopassatitrent’anni.Trent’anni d’indagini,inchieste,colpidiscena. EmanuelaOrlandiavevapocopiù diquindicianniil22giugno1983 quando, dopo essere uscita dalla scuoladimusicaTommasoLudovicodaVictorianeipressidipiazza Sant’ApollinareaRoma,scompare inghiottitadaunbuconerodidubbi econtraddizioni.Ancoraogginessunacertezza. Annodopoanno,leipotesisimoltiplicano.All’iniziosipensaauna ragazzata,aunafugad’amore.Poi, si passa all’idea del sequestro di persona.Unadelletesipiùaccreditate.Emanuelasarebbestatarapita perottenerelaliberazionediMehmetAlìAgca,chedueanniprima avevatentatodiucciderePapaGiovanniPaoloIIsparandogliinpiazza S.Pietro. ScrivePinoNicotri,giornalistadel settimanalel’Espresso:«Lapretesa cheEmanuelafossestatarapitaper esserescambiataconlaliberazione diAgca[…]sièrivelataperquello che era: una farsa». Quello che mancanosonoleprove.Nessunelemento,infatti,èmaistatofornito dairapitori.Nullacheconfermidi

averedavveroinmanol’ostaggio. Adistanzaditrent’anni,nellaprima intervista televisiva rilasciata a “QuartoGrado”,dopolasuascarcerazione,AlìAgcaconfermal’ipotesidelsequestroeaggiungenuovi elementinellascomparsadellagiovane.EmanuelaOrlandi,secondo Agca,sarebbevivaenascostainun conventodiclausuraperfartacere lacomplicitàdelVaticanoedelgoverno iraniano, uniti nell’omertà. Perl’exterroristaturco«daanni,la stampa,soprattuttoquellaitaliana, staseguendolemenzognediuna tossicodipendente,SabrinaMinardi - ex compagna di Renatino De Pedisetestimonechiavenelcasodi Emanuela-».«Ilmondoel'Italiavengono ingannati con la storia

dellaBandadellaMagliana-continuaAgca-[…]Malaveritàèche EmanuelaOrlandièstatarapitasoltanto per ottenere la mia liberazione». Nelle scorse settimane,Tgcom24 rilancialastragedelleguardiesvizzere, avvenuta il 4 maggio 1998, ipotizzandocheilcomandatedelle guardiesvizzereucciso,ilmaggiore Alois Esterman, abbia avuto un ruolonellascomparsadellaOrlandi percontodeiservizisegretidell’alloraGermaniacomunista. Secondo il giornalista del quotidiano Libero Gianluigi Nuzzi, il moventedelcasoOrlandisarebbe, invece,ditiposessuale.Anchese nonsitrattapiù,sidirebbe,diorge oabusidapartediMons.PieroVergari,rettoreneglianni’80dellabasilicadiS.Apollinare,madistupro oabusosessualedapartediuninsegnantedimusicadelconservatorio, frequentato dalla Orlandi. L’insegnantesarebbestatoindividuatodagliinterrogatoridiquattro personeavvenutiunpaiodisettimane fa. Poi, più niente.Tutte le ipotesirestanoinpiedi.Sparizione. Sequestrodipersona.Moventesessuale.Dov’èEmanuela?

ParlaunodegliautoridellapopolaretrasmissionetvcondottadaFedericaSciarelli

Rinaldidi“Chil’havisto?”:«Aiutiamolefamiglie»

di Marco Stiletti “Chi l’ha visto?”, in onda dal 1989,èunodeiprogrammistorici dellaRai.Latrasmissionenonè statamaisospesaeogniannopuntualeriparteperaiutarelefamiglie degliscomparsi.Giuseppe Rinaldi(nellafoto),inviatospecialedellaRAI,èunodegliautori dall’autunnodel2004,annoincui ha cominciato a condurre la trasmissioneFedericaSciarelli.Sui 3.635casidiscomparsi“Chil’ha visto?”neharisolti2.361.Nell’intervistaGiuseppeRinaldicispiega quantoèfondamentaleilsuolavoroperlatrasmissione. Rinaldi come si organizza “Chi l’ha visto” quando occorre cercare una persona scomparsa? «Dopounariunionemoltoaccuratasenzatralasciarenessunparticolare,laredazioneprimaverifica tutteleinformazioniinviatedalla famiglia,daiparentiodalcono-

scente dello scomparso e poi simulaunveroepropriocasoqualoraleinformazioniricevutesiano giusteesoprattuttovere.Una voltaaccertatalaveridicitàdelle informazioni,sipassaall’appello conlafotodelloscomparsoepoi siindagasullasuavitaprivatae sul suo ambiente prima della scomparsa,seguendovariepiste. Conquestometodoabbiamotrovatopiùdellametàdellepersone sparite». Secondo i dati del Ministero degli Interni a scomparire sarebbero 28 persone al giorno.

Lei è d’accordo su questi dati? No.Noncondividoquestidatiperchénonsonogiusti,inquantofacendounesempiosuibambini scomparsi,sicontanoanchequelli che non si trovano solo perché sonoandativiainsiemealla mammaoalpadre.Secondome bisognaverificarebene,primadi pubblicareidati». Secondo lei la legge sugli scomparsi, pubblicata da poco, è un fatto positivo? «Positivissimo.Sonofelicecheci sia questa legge. Prima, quando unapersonascomparivale ricerche della polizia non partivano subito dopo la denuncia e con la burocrazia italiana si andavaperlelunghe.Oraleautorità sonocostrettedallaleggeasegnalareimmediatamentelascomparsa eaorganizzarelericerche.Questa legge fortunatamente ha posto un’attenzionediversasuivaricasi dipersonescomparse».

Quale caso, che lei ha seguito, l’ha emozionato di più? «IlcasodiFerdinandoCarretta.Il ragazzocheucciseaParmaisuoi genitorieilfratelloacolpidi pistolaepoiperdepistareleindagini,lasciòunFordTransitdeigenitoriaMilanoperpoifuggire aLondra.Iomiricordodopoundiciannichel’interafamigliaera scomparsa,luimiconfessòin direttaalletelecameredelnostro programma, precisamente nel 1998,checosaerasuccessoquella sera del 4 agosto del 1989. Mi sono emozionato perché mi ricordo che lui, dopo undici anni dallascomparsadellafamigliarispose senza giri di parole che aveva impugnato la pistola e avevasparatoasuofratelloeisuoi genitori.Erailprimocasoalquale prendevoparte,chesierarisolto indiretta.Ricordoancoracheero stanchissimo, ma soprattutto moltosoddisfatto».


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 6

6

il Periodico LUMSANEWS

OMICIDI E RAPINE: LA VIO

Romaancoraassediatadaiclanedalleganggiovanili.Ciardi:«Nonbisognaab

Nellemanidellamalavita Per il Times è “la città più pericolosa d’Europa” di Alessandra Pepe «Io vojo quello che volemo tutti. Checosa?Roma».CosìilLibanese nella serie “Romanzo criminale”, descrivevaisuoipianiespansionistici. Il passaggio dalla tv, anche prima è nato come romanzo, poi filmeinseguito“malafiction”,entrambe di successo, alla realtà è statobreve.Trail27febbraioeil primomarzo,infatti,RomaèdiventataunFarWest.Giàafinenovembre si era “conquistata” l’appellativodi«cittàpiùpericolosa d’Europa», secondo il quotidiano inglese“Times”,dopoilraidrazzistadiCampode’Fioricontroitifosi delTottenham.Recentementesiè assistitoallauccisionedelfotografo deivip,DanieleLoPresti,conun colpodipistolaallatestamentrefaceva jogging sul lungotevere Testaccio,all’assaltoadunportavalori all’Esquilino,doveèmortoGiorgio Frau,exmembrodelBr,edèstata feritaunaguardiagiurata,enello stesso giorno sulla via Prenestina c’èstatounagguatoinpienaregola conunasparatoria,dovedueventitreenni sono rimasti feriti gravemente.Inseguitoaquestasettimana

difuocoilgeneraledeicarabinieri delcomandoprovinciale,Maurizio Mezzavilla,hacommentato«Negli ultimigiornic’èstataunarecrudescenzadellesparatorie,manonbisogna esagerare né creare allarmismi».Aldilàdellecolpedei media invocate dal Comune di Roma,sonoidaticheparlano.Sono giànove,infatti,imortiammazzati dall’iniziodell’anno,diquestitre hanno il marchio inequivocabile della criminalità organizzata. C’è chi,però,all’internodelComunedi Roma, come l’onorevole Giorgio Ciardi,cercadicalmareleacqueaffermando:«Lasicurezzaèunodei dirittidicittadinanzachevasempre presoinconsiderazione,nonbisogna,infatti,maiabbassarelaguardia.Lacrisieconomicahafavorito reatidisussistenza,cheportanoindietroaunaItaliadeldopoguerra, aumentano,infatti,gliatteggiamenti deviati per necessità, ad esempio chiscippaperprocurarsiunadose. Bisogna, inoltre, ricordare che la pericolositànascedaldisagio,dove èmaggioreildisagio,maggioreèil livellodipericolosità». SecondoilrapportoEures,ricerche economicheesociali,siregistrauna

controtendenza rispetto gli anni scorsi,conungeneraleaumentodi: criminiviolenti(+14%),scippi(+ 41%),rapine(+30%)efurtiincasa (+45%).«Idatichecircolanosulla criminalitàsonolabili,bisognaconsiderarlifacendopresentechesibasanosuunparametro-sottolinea Ciardi-chevieneutilizzatoinrapportoalnumerodiabitanti,senza tenercontocheaRomasolol’anno scorsocisonostati,adesempio,23 milionidituristiedèmoltoaltoil numeroquotidianodipendolari.E anche se c’è stato un aumento di agenti, bisogna considerare che a Romac’èunagranderichiestadi agenti di polizia per formare le scorte». Sono46iclanchecontrollanola cittàmalaprincipalecaratteristica della criminalità nella Capitale è che non ha nessuna gerarchia, è, infatti, indisciplinata e feroce. Sembralontano,insomma,ilterzo PattoPerRomaSicura,firmatonel dicembre2011,doveorganidipolizia e istituzioni, si univano per combatterelacriminalitàneisuoi variaspettidall’usuraallaprostituzionepassandoperladroga.

Sopra, i “casermoni” dei quartieri periferici della Capitale. Accanto, il sangue della guardia giurata uccisa all’Esquilino

Lamafiadegliappalti Roma(nzo)criminale Così si ricicla il denaro sporco “LaFederazioneitalianacostruzionieaffinidenuncianelsuoultimorapporto allaCameral’allontanamentodiun’aziendasospettadalcantieredellaMetro C”.Neldossiersileggecome“ledifficoltàeconomicheeilmeccanismodegli appaltialmassimoribassofavoriscanoinfattileimpresecriminali”.“ARoma c’èunaveraepropriaspartizionedelterritorioedile”,diceAndreaCuccello, segretariodellaFilcaCisldiRoma.“Ottozonediverse,ciascunainmanoa unafamigliachecontrollalaproduzionedelcalcestruzzo:dalclanAlvaro, radicatoneiquartieriPrati,SanGiovanniePariolialClanNuovaMagliana (nuovonomedeipiùnotiCasamonica)nelquartiereAppio-Tuscolano”continua.“Negliultimitempileaziendepiùpiccole,con4-5dipendenti,non potendochiedereilrilasciodelDurc(ildocumentounicodiregolaritàcontributiva),vannoautomaticamentefuoridalmercato”.Ergo,inpastoalleorganizzazionicriminali.Perqueste,ilsettoredellecostruzionièdisicurotrai piùadattiallaloroesigenzadiriciclareingentirisorseeconomiche,provenientidalleattivitàillecitedicuidispongono.“Ilproblemapiùgraveèche lacamorraela‘ndranghetasonoriusciteafarebrecciaanchenegliappalti pubblici”,continuaCuccello.Ilriferimentoèalrecentecasodellarecissione delcontrattoaun’impresa,persospettid’infiltrazionimafiose-sollevatiin seguitoall’informativaarrivatadallaPrefettura-,allaqualeRomaMetropolitaneeMetroCS.p.A.avevanoassegnatounappaltodaalcunimilionidi euro. (LC)

Quando, a volte, la fiction ci azzecca di Lorenzo Caroselli Nonsaràunromanzomaècriminale lostesso.QuellocheaccadeaRoma negliultimiannièdegnodiunosceneggiatotelevisivo.Perchè“Roma nonvuolecapi”dicevailFreddoin RomanzoCriminale,echiciprova, finiscemale.L’8aprile2012ilpregiudicatoRobertoCeccarelliviene ucciso in Via Col di Lana. Poco dopo, il 5 luglio, tocca a Flavio SimmiinviaGrazioliLante.Acontrollare Roma ci provarono, nella metà degli anni ‘70, i marsigliesi dellagangdelletre“b”,primiimportatoridieroinaesequestridipersona. Ilrisultatofuronoscontriafuocoe arrestisuarresti.Ciriprovarono,una decinadiannidopo,i“braviragazzi” dellaMaglianaeormai,trabest-sel-

ler,filmeserietv,tutticonoscono l’epilogo:labandaimplosetraomicidiinterni,faidetracomplicierivelazioni di pentiti. Ma ora che succede?Succedechedeinovemorti ammazzatidall’iniziodiquest’anno, solotrehannoilmarchiodellacriminalitàpiùomenoorganizzata:Antonio Bocchino, giustiziato da finti poliziottiaCasalotti,ilcalabreseVincenzoFemia,falciatoinunagguato aTrigoriael’albaneseBusciaiMiachael,assassinatoconcinquecolpidi semiautomatica a Cave. L’ultimo rapportoEures,l’enteperlericerche economicheesociali,evidenziauna aumentorispettoaglianniscorsi,del 14percentocomplessivodeicrimini violentie,inparticolare,dellerapine (+ 30%), furti in casa (+ 45%) e scippi(+41%).


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 7

il Periodico LUMSANEWS

A VIOLENZA NELLA CAPITALE

aabbassarelaguardia»

«Puntiamosuigiovani»

7

Nardi: recuperare i minori allo sbando di Paolo Costanzi Delittiinaumentodell’8%.Anche ifurtidiautomobilimostranolo stessotrend,comegli“scippi”che salgono del 27% e, fenomeno quasi esclusivamente romano, vannosufinoal26%ancheifurti diabitazione.Sonodatinonconfortantichedisegnano,anzi,“scarabocchiano”lacapitalecomeuna cittàpocosicura.NeabbiamoparlatoconDarioNanni,consigliere comunale Pd e membro della Commissionesicurezza. Come descrive la situazione a Roma? «Behnonèbuona.Alemannosiè presentatoallacittàcomeil“sindacodellasicurezza”,manonloè stato. Continua a tirar fuori dei daticheattestanocheidelittisono in diminuzione, cosa che non è vera.Maanchelofosseèsoloun lato della medaglia. Ce ne sono altriinaumento,comelaviolenza sulledonneesuiminori,laprostituzione,leganggiovaniliegliatti dibullismo». Insomma un Far West? «No, no. Però diciamo che c’è statalaperditadelsensodicomunità. La precedente amministrazionefacevatanteattivitàculturali inperiferia,ancheperfaruscirela gentedicasaefarlaconoscere.Per farglicondivideredeimomentiin-

Il degrado a Torpignattara

siemeecosìcrareunsensodiappartenenzaaqualcosa.Adessonon più:c’èunasottovalutazionedella cultura sociale. Ci sono alcuni quartiericheaunacertaorasembrascattareilcoprifuoco.Masa qual’èilproblema?». No, qual’è? «È la desertificazione commerciale.Iogirospessoapiediperi quartieriperiferici,ierieroaTorrenova e Torre Angela. Non ci sono più attività commerciali, quelledoveunavoltaentravi,parlavi, erano illuminate le strade. Ora ci sono soltanto quelli che vendonol’oroeicallcenter.Èri-

mastoveramentepoco». Lei ha parlato di “sottovalutazione della cultura”. Che intende? «Utilizzo delle risorse umane, coinvolgimentodeicittadiniperchépossonoessereunpuntodiriferimento per alcune problematiche, soprattutto in estremaperiferia.Parloproprioa livellodiquartiere.Lepersoneche vivono quotidianamente la città possonoedevonoessereilprimo baluardocontrolacriminalità.E poil’educazione.Romaèunacittà dovenonsiinsegnal’educazione allalegalità». Quindi partire dalle nuove generazioni e dalle scuole. «Si esatto, partire dalle scuole. Abbiamo visto che spesso molti reatisonocommessidaminori». Dunque, educare e coinvolgere sembrano le due linee guida per rimettere la città in carreggiata. «Eh sì. Perché se tu passi per il sindaco-sceriffo-risolvo-tutto-iole persone si sentono legittimate a non fare nulla.  I cittadini non fanno solo segnalazioni, ma riesconoavedereunostatodicose riguardantiilproprioquartiereche altrimenti non sarebbero individuabili. Anche perché in alcuni quartierimancanoleforzedell’ordine.Sonodimenticatidall’amministrazione».

MassimoLugli(Repubblica):«Èunproblemadiognimetropolieuropea»

«Sparatorieisolate,nonèemergenzasicurezza» di Claudio Paudice ARomanonc’èunaveraemergenzasicurezza.Aessernecerto èilcronistadellaredazioneromana de la Repubblica Massimo Lugli.Daanniraccontala nera – come si dice in gergo giornalistico-dellaCapitale.E per questo Lugli invita a non fareinutili,esoprattuttopericolosi,allarmismi. Massimo Lugli, c’è un’emergenza sicurezza a Roma? «Quandosiparladiemergenza sicurezzaaRomasifa,secondo me, un po’ di retorica. I dati sugliepisodidiviolenzaservono a chi fa politica per attaccare questooquell’avversario.Mai numeriparlanochiaro:nel2011

nellaCapitaleci criminalitàstrutsono stati 35 turata, quanto piuttosto disoomicidi, lo stessonumerodi mogenea.LeinMontreal.A Tofiltrazioni rontocenesono mafiose nel tesstati ben 45. Il suto economico della città ci problema criminalità a Roma sono eccome, nonècosìgrave ma mirano a inrispetto ad altre vestireiproventi metropoli. C’è delle loro attiMassimo Lugli (la Repubblica) vitàillecite.Ele piuttosto una componentemalavitosafisiolo- mafie non sparano dove invegica, come in tutte le grandi stono. È il caso di diffidare città,népiùnémeno». anche da chi dice “pijamose Quindi non c’è una vera orga- Roma”. Roma è troppo grande nizzazione di stampo mafioso peresserepresae,qualoraqualche ha messo le mani sulla Ca- cunoriuscisseafarlo,dovrebbe pitale? averdietrounastrutturacrimi«No, o perlomeno non c’è una nalemoltoforte.ARomaquesta

organizzazionenonc’è». C’è stata però la Banda della Magliana… «La Banda della Magliana è stataunaparentesi.Eneglianni ’70nonc’erabisognodidatio statistiche.Bastavascendereper lestradeperaccorgersicheera in atto una guerriglia. Avevi pauradiuscire.Lìl’emergenza c’era,comeno». Sì, ma oggi? «Oggisisentedisparatorieisolate,doveèevidentechegliautori degli episodi non sono professionisti. E si capisce da comesparano.Sipotrebbedire, ironicamente,chenonesistono piùikillerdiunavolta.Proprio perché nessuno comanda, insomma,c’èspaziopertutti».


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 8

8

il Periodico LUMSANEWS

ROMA

Nelcuoredell’Esquilinol’edificiocheospiteràinostri007neiprossimianni

Nasceil“palazzodeisegreti”

«Troppidisagi Mapotrebbeessere un’occasione»

di Fabio Grazzini Fervono i preparativi a piazzaDanteperospitarela futurasededeiservizisegreticiviliitaliani,l’Aisi. Lavoricominciatineiprimi mesidel2012echedureranno complessivamente treanni.Unprogettoincentratosullaristrutturazione dellostoricopalazzodelle CassediRisparmioPostali e sulla riqualificazione dell’interaarea,inparticolaredeigiardinipubblicilimitrofi all’edificio, da semprefamigeratiperilrilevantedegrado. Maperiresidentidelquartiere più forti delle promesse sono gli attuali disagi, che si fanno di giorno in giorno più pesanti: i cantieri infatti hanno ridotto viabilità e parcheggi, aumentando il livellodiincuriadelluogo. Einevitabilisonolerecriminazioni, a partire da quellariguardantelascelta della sede: il vecchio palazzo delle Poste, di proprietàdellaCassadepositi

Il palazzo di piazza Dante che accoglierà gli uomini dell’Aisi

e prestiti (70% Tesoro, 30%,fondazionibancarie), cedutoinaffittoperusigovernativi.Consideratoinfattiilgrannumerodiaree demaniali dismesse a Romanegliultimitempi– adesempioidiscretissimi fortiTiburtino,Pietralatae Trionfale – possibile che perdeicompititantodelicati e, per loro stessa natura,segreti,sisiaandatoa scegliereunimmobilecostruito nel 1914 in pieno centro, in una delle zone piùdensamenteabitatedell’Esquilino? E’ vero che sotto piazza Dante sono

presentiunvecchiorifugio anti-aereoassiemeastruttureecondottisotterranei, perfettipercustodiredocumenti e storie top-secret, mailfattochedaicondominichesiaffaccianosulle ex-CassediRisparmioPostalisiapossibilespiarele spieallavoroneilorouffici,avrebbeforsedovuto spingereversounadiversa valutazione. Esegliabitantisonoindispettiti,ivigiliurbaninon sonomenoirritati.L’intero progetto, su richiesta del Ministero dell’Interno, è stato infatti ufficialmente

secretato:dagliattiamministrativiallenecessarieautorizzazioni.«Abbiamole manilegate–hadichiarato il portavoce del Primo gruppodeivigiliurbani– nemmeno possiamo controllare se ci sono i permessiedilizichequalsiasi cittadinoèobbligatoamostrareanchesevuolesolo buttaregiùuntramezzo.E' una vergogna. Anche se questopalazzodovràospitareiservizisegreti,ilrispettodellaleggeèunatto dovuto.Manoncontiamo nulla. Il Ministero vuole farecomecrede».

DalfascismoalXXIsecolo:viaggionellarealtàdell’intelligenceitaliana

Unastoria tralucieombre di Alessandro Filippelli Iservizisegretiitalianiun mondoatrattiaffascinante espessosconosciuto.Una storia che affonda le sue radicinel1949conlanascitadelSifar(ServizioInformazioniForzeArmate), fondato sulle ceneri del Sim,ilvecchioserviziodi informazionimilitariche fucreatodaMussoliniduranteilFascismo. IlgeneraledibrigataGiovanni Carlo Del Re è il primodirettoredelSifare restaincaricapertreanni. ConlanominadiDeLorenzo,nel1956,iservizi segretiitalianicominciano agiocareunruoloanche sulla scena politica ita-

liana.DeLorenzo,incaricafinoal1962,inquegli anniordinòleschedature dimassa.Sottolasuadirezione l’Italia sottoscriveràunpattoredattodalla Ciaedenominato“Demagnetize”, il cui assunto fondamentaleè:«Lalimitazionedelpoteredeicomunisti in Italia e in Francia è un obiettivo prioritario: deve essere raggiunto con qualsiasi mezzo». Laprimariformadeiservizisegretirisaleal1977e riguardalosdoppiamento deiservizistessi:alSismi (Servizio d’Informazioni perlaSicurezzaMilitare) il compito di occuparsi della sicurezza nei con-

frontidell’esterno,alSisde (Servizio d’Informazioni perlaSicurezzaDemocratica)quellodivigilareall’interno. Il Sismi è composto solo da personale militare, mentre il Sisdediventaunastruttura civile,affidataallapolizia. Ilprimoscandalodeiservizi riformati è quello dellaLoggiaP2.Inomidi tuttiiverticideiservizisegretisonocompresinella famosa lista del maestro

venerabile Licio Gelli, scopertail17marzo1981 daimagistratimilanesiche indaganosuSindona. DuranteilgovernoProdi II, nel 2007, l’ultima riforma dei servizi segreti che sostituì il vecchio Sismiconl’AiseeilSisde conl’Aisi,ilcuidirettore, dalgiugno2012,èilgenerale di corpo d'armata e capodistatomaggioredei CarabinieriArturoEsposito.

MassimilianoTonelli,delComitatoDegradoEsquilinosui lavoridelPalazzoCassaDepositieprestiti. Sono tanti gli interrogativi dei residenti del quartiere. Quali garanzie chiedono? La prima garanzia è la sicurezzadipoteraverelavoripubblici che durano un tempo predefinito. Non all’infinito comeèsuccessoinaltricasisimiliaquesti.Vabeneildisagio, machesiabreveerapido. I lavori termineranno entro il 2015. Quali sono i disagi? I disagi classici dei cantieri. Polvere,caosesoprattuttol’andirivienidimezzipesantiche impattano sulla mobilità del Rioneesull’inquinamento.Sarebbe bello, anzi, se il nuovo PalazzodeiServiziSegretiportasseconsèriqualificazionidi marciapiediepedonalizzazioni dialcunestrade. In piazza Dante il degrado è evidente. Qual è la risposta del Comune? Scarsa.Ilgrandecantierepotevaessereun’occasione,maci sarebbevolutounComunelucidoeprontoachiedereaiServizi Segreti un cospicuo contributo:“okilvostromega cantiere,madestinateunapercentualedellostanziamentoa riqualificarelestrade,imarciapiedi,ilverdedellapiazzauna volta finiti i lavori”. Si chiamano‘onericoncessori’esipotevaprovareachiederlianche aiServizi. Questi lavori possono rivelarsi un’occasione di rilancio per il quartiere? Certamente,sebengestiti.Arriverannonelquartieremoltissime persone ogni mattina e potrannodareossigenoalcommercio. Sarebbe terribile, ad esempio, se gli impiegati dei Servizigiungesseroinzonacon l’auto e pretendessero di posteggiarla sulla pubblica via, magari in curva, sulle strisce pedonali,indoppiafila.(AF)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 9

9 PadreMariano:«Èilpreludio diunanuovaprimavera»

il Periodico LUMSANEWS

di Francesca Polacco SullasceltadiPapaBergoglio di chiamarsi Francesco, abbiamointervistatoPadreMarianoBubbico,superioredel ConventodeiFratiCappuccini diBari,giàMinistroprovincialediPuglia. Come avete accolto voi francescani la scelta del nome Francesco? Moltobene,soprattuttoperil

IL NUOVO VATICANO

fattochelui,puressendoun gesuita,hasceltoquestonome spiegandochiaramenteilriferimentoaFrancescod’Assisi. FrancescoinItaliahaunvalore moltoforte,vistocheèilnostro patrono;poicredocheabbia volutorendereomaggioanche allesueoriginiitaliane.Èandatocontrocorrente,datoche nessunPapaprimadiluisiera maichiamatocosì,poichéèun nomeimpegnativocheimplica

moltepresediposizione.Ha dimostratomaturitàecultura, tipica dei gesuiti che sono grandistudiosi.Questonomeè ilpreludiodiunanuovaprimaveraperlaChiesa. Cosa implica per voi francescani questa scelta? Pernoièunonore,maanche un impegno nel vivere con nuovo slancio. La scelta del Papaèpernoiuninvitoaviverelanostramissioneinma-

nieraancorapiùautentica Quali alla luce di questo nome dovrebbero essere i principi ispiratori della Chiesa? La capacità di stare con la gente,diconoscerelestoriee leesigenzecomefacevaFrancescod’Assisi.LaChiesaha bisognodiunasvoltaedeve tornareadesserepuntodiriferimentoperlepersone.Ilpotere della globalizzazione

privilegia alcuni e penalizza altri. Lavitasempliceelostilepartecipativo,invece,devonodiventare l’obiettivo della Chiesa.GesùCristociinsegna ilperdonoelamisericordia. Quest’ultimaèlaparolaripetutapiùvolteinquestigiornida PapaFrancescoe,propriosu questoprincipio,dovrebbeesserecostruitalamissionedella Chiesanelterzomillennio.

Francesco, il Papa dei poveri “Rivoluzione Bergoglio”. Parla il suo amico parroco di Mariangela Cossu Sièpresentatocosìilnuovo successorealsogliodiPietro: umile, semplice e vicino al popolo.Portalacrocediargentobrunitocheavevada vescovo,l’anellodelpescatorenoninoromainargento, lescarpesononere,quelledi sempre.Nonsièsedutosul trono pontificio ma su una poltronacomeicardinali;ha chiestoallafolladeifedelidi pregare per lui, ha lasciato unapausadisilenzioperquestapreghieraesièinchinato davantialoro.JorgeMaria Bergoglio, a BuenosAires, abitavainunappartamentodi una casa comune, nell’estremaperiferiadellacittà, visitava i malati nelle loro abitazioni,avolteandavaa

mangiareallamensadeipoveri,sispostavainautobuso inmetropolitanaeraccomandavaaisuoipretidiusarela misericordiadiDio.“E'una rivoluzione.PapaFrancesco èunapersonaallamano,meravigliosa.Loricordoquando arrivòallanostraparrocchia diBuenosAirespercelebrare lecresime.Tuttiaspettavano un'autonera,inveceluivenne dasolo,inbiciclettaedisse: 'Sonoioilvescovochedeve cresimare'”.Questoèilbreve ma significativo ritratto del nuovo Pontefice dettato da DonGaetanodeimissionari scalariti,parrocodelpopolarequartierediValMelaina aRoma.Moltadiquestasobrietàeriservatezzal’haimparata, senza dubbio, dai gesuitiaiqualisiunìprima

deitrent’anni:l’ordinedella severità, della lontananza dallecaricheecclesiastiche, dell’obbedienzaedelservizio incondizionatoalsuccessore diPietro.InPatriaèconsiderato un Giusto. Il Giovedì santononhamaicelebratola lavanda dei piedi in cattedrale,comedatradizione,ma inunospedalepermalatidi Aids,nelcarcerediDevoto, inunricoveropersenzatetto oppureinunaclinicapediatrica. Vicinissimo ai suoi preti,hapersinoistituitoper lorounalineatelefonicaappositaaffinchépossanocontattarloa qualsiasi ora del giornoedellanotte.UnPapa ascetachesembraintenzionatoagovernarelaChiesain presadirettaconilPopolodi Dio.

UncuoredivisotraRomaeBuenosAires di Marcello Gelardini In alto: il primo “affaccio”; sotto: tra la folla all’intronizzazione

Servizi e foto a cura di: Mariangela Cossu, Marcello Gelardini, Federica Macagnone, Claudia Nardi, Francesca Polacco

Dalla“finedelmondo”aRoma,passando perilPiemonte.Dal13marzoilcuoredi PapaFrancescoèdivisoametàtral’Argentinael’Italia.Ovunquevada,infatti,Jorge MarioBergogliostringeunrapportoparticolareconlaterracheloaccoglie.Cosìanche stavolta.«AndròapregarelaMadonnaperchécustodiscaRoma»:sonobastatequeste pocheparoleperfarscattarelascintillatrail Ponteficeelacittàeterna.Difronteagliocchi delmondoBergogliononcihapensatodue volteehadedicatoilprimopensieroalpopolodiRoma.Unapromessamantenutaa tempodirecord:qualcheoradopoilnuovo PapasitrovavanellaBasilicadiS.Maria Maggioreperiniziarelasuaavventurada “Vescovo”.PerchéilriferimentoallaCapi-

taleèprimadituttounprecisoindirizzoche Bergogliohavolutodarealsuopontificato: lamissionepastoraleprimaditutto.Perquesto,moltoprobabilmente,lasuauscitadalle muravaticaneèsoloilpassoinizialediun camminocheporteràPapaFrancesconelle parrocchieromane.Perchéluivuoleessereil piùvicinopossibileallagente.Mamoltialtri sono gli indizi del suo legame col nostro Paese;apartiredalnomescelto,quellodel Santopatronod’Italia.Cosìcomenonsono mancatiriferimentiallesueradici:Portacomaro,provinciadiAsti,paesed’originedel padre.AncheseunpezzodelsuocuorerimarràpersempreaBuenosAires;lacittà doveènatoecresciuto;illuogodovemolti oggiesultanoe,altempostesso,piangono, consapevolidiaverpersounpuntodiriferimento;quasiunfratello.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 10

10

il Periodico LUMSANEWS

IL NUOVO

Francesco

Jorge Bergoglio dalla fine del mondo a Piazza San Pietro Lastoriasempliceestraordinaria delnuovoponteficeargentino di Francesca Polacco JorgeMarioBergoglio,76anni,gesuita,arcivescovodiBuenosAires,è PapaFrancesco. Pastoresemplice,figuradispiccoin Argentina,moltoamatonellasuadiocesiche,dopo15annidiministero episcopale,conosceamenadito,anche perchél’haattraversatainlungoein largoconqualsiasimezzoditrasporto: bici,autobus,metropolitanae,qualche volta,apiedi.Abitavainunappartamento e non in episcopio, come si convieneadognivescovochesirispetti;sipreparavalacenadasoloe, sequalcunobussavaallaporta,eralui stessoadaprire.Nascenellacapitale argentinail17dicembredel1936,figlio di emigranti piemontesi: suo nonno,GiovanniAngelo,eranatoin unafrazionediAsti.Mario,suopadre, eraragioniereimpiegatonelleferrovie eReginaSivori,suamadre,casalinga deditaasuomaritoeaisuoicinque figli.A21annigliasportanounlobo delpolmonedestroinseguitoaduna gravepolmonite.Pertanto,erastato

esclusodallalistadeipapabilinella convinzione che, dopo Benedetto XVI,laChiesaavessebisognodiun Ponteficegiovane,insaluteedenergico. Diplomatosicometecnicochimico, peruncertoperiodosimantienefacendo le pulizie in una fabbrica. Primadiintraprenderelavitaecclesiastica, vive un’esperienza sentimentaleconunacoetanea,Amalia, standoaquantoeglistessohadichiarato,finchénonscegliedefinitivamentelastradadelsacerdozio.Nel 1958cominciailsuonoviziatonella Compagnia di Gesù, successivamentetrascorreunperiodoinCile, dovecompletaglistudiumanistici per poi tornare nella sua terra nel 1963elaurearsiinfilosofiaeinteologia.Tappafondamentaledelsuo percorsoèl’ordinazionesacerdotale il13dicembredel1969adoperadell’arcivescovo di Cordoba, Ramón JoséCastellano.Lanominaepiscopalearrivail20maggiodel1992: PapaGiovanniPaoloIIloeleggevescovotitolarediAucaeausiliaredi

BuenosAires.Sottolineapiùvoltela «missioneprofeticadelvescovo»e, presentandosialmondodallafinestra diSanPietro,sidefinisceappunto «vescovodiRoma»,titolononsolo teologicamenteessenziale,maanche ecumenico.IlvescovodiRomanon èunvescovoconsuperpoteri,maè vicariodiCristocometuttiglialtried èPapadellaChiesacattolica,proprio in quanto vescovo della Chiesa di Roma.AllamortedelcardinalQuarracino,il28febbraio1998,glisuccede come arcivescovo di Buenos Aires,diocesicattolicissimadioltre tremilionidiabitanti,eprimatedi Argentina. Nel Concistoro del 21 febbraio2001,Wojlylalocreacardinale.Giàquièchiaralasuaattenzioneallapovertà,tantocheinvitai fedelidellasuaterraanonrecarsia Romaperfesteggiarelaporporama adevolvereaipoveriisoldidelviaggio.Nel2005partecipaalConclave cheeleggeBenedettoXVIe,nonostantecifosseuntestaatestatrai due, decide di farsi da parte per il benedellaChiesa,invitandoicolle-

ghicardinalianonvotareperlui.Il cardinalBergoglioriteneva,infatti, che in quel momento non fosse il casodi“bruciare”unteologodello spessorediRatzinger,giàabbastanza avanticonl’età.Hasostenutogliargentiniconfortipresediposizione negli anni della  drammatica crisi economica.Apochigiornidallasua elezione,povertà, carità, misericordia,paradigmadituttalasuavita, sembranoleparolesullequalipoggeràilsuoministero.Tuttavia,sono stategettatealcuneombreanchesu PapaFrancescorelativamenteaisuoi rapporticonilregimedittatorialeche hagovernatol’Argentinadal1976al 1983.Imediasisonoscatenatinelritenere l’atteggiamento dell’allora cardinalBergogliotropporemissivo equasicompliceneiconfrontidelregime.PadreFedericoLombardi,portavocedellasalastampavaticana,ha respintotutteleaccuse,dichiarandole infondateeprovenientidauna“sinistraanticlericale”chetrovasostegno alleproprietesinellibrodiHoracio Verbitsky,giornalistaargentino.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 11

il Periodico LUMSANEWS

OVO VATICANO

11

Lo storico abbraccio dei due Papi a Castel Ga ndolfo di Claudia Nardi JorgeMarioBergoglioèstatoappenaelettoPapa einVaticanosièapertounperiododiassoluta eccezionalitàenovità,nontrovandosiinpresenza dellamortedelPonteficemaallasuarinuncia dopomoltisecoli.JosephRatzinger,infatti,èil primoPapadell’eramodernachepuòtelefonare alsuosuccessore. MacosafaràdaoggiinpoiBenedettoXVI?A raccontareleprimeorediRatzingercihapensato ilsuosegretario,DonGeorgGaenswein,chene hariferitoapadreFedericoLombardi,capodella salastampadellaSantaSede,imomentiessenziali.Il28febbraio,giornoincuiPapaBenedetto XVIèpartitodalPalazzoApostolicoinVaticano, conseguenzadellasuarinunciaalMinisteroPetrino,perarrivarenelladimoradiCastelGandolfo,unaleggerainquietudinel’avevaspintoa dareun’occhiataaitelegiornaliepoianchearivedereilsuoultimointervento,«apprezzandola partecipazioneelabuonapresentazionecheè statafattadiquestimomentiintensieemozionanti».Madaquelfatidicogiorno,Ratzingercoltivalesuepiùgrandipassioni,comelascrittura, quellastessapassionechegliavevaattiratonon

pochecriticheduranteilpontificato.«Questo Papanongoverna—simormoravainCuria— pensasoloascriverlibri».OrainveceRatzinger potràdedicarsianimaecorpoaglistudie,nelsuo primogiornodaPapaemerito,pareavergiàdato inizioallalettura.Ratzingerha,infatti,portato conséaCastelGandolfomoltilibriditeologia, spiritualitàestoria.Etraiprimicheharipresotra lemaniinquesteoredivolontario“esilio”,c’è L’estetica teologica diHansUrsVonBalthasar, teologosvizzerochefondòdall’iniziodeglianni 70,proprioconJosephRatzingerealtriteologi dispicco,laprestigiosarivistacattolicatradizionalistaCommunio.ManonostantelagrandetranquillitàdellanuovavitasuiridenticolliAlbani, glicivorràancoraunpo’perritrovarelaconcentrazioneconfacentealverostudium.Benedetto XVIresteràaCastelGandolfo«forsedueotre mesi.Machipuòdirlo?-spiegaildirettoredelle VillePontificie,SaverioPetrilloAbbiamofatto accordareloSteinway&Sons,ilpianofortea mezzacodanerospessosuonatodaBenedetto XVI.Certoèchequièacasasua.Siètrovato sempretantobenequiconnoieabbiamofattodi tutto,efaremoditutto,perfarlostareancora bene».


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 12

12

IL NUOVO VATICANO

il Periodico LUMSANEWS

IlPapachedicenoalcerimoniale

Il nuovo stile di Bergoglio, dalla croce pettorale al semplice saluto di Federica Macagnone C'èqualcosadistraordinariamente umanoinPapaFrancesco.Nellamimica,nelleparole,neimovimentiil suostilecomunicativoricordapiùil parroco della porta accanto che il successorealtronodiPietro.Laserenità e la naturalezza dei piccoli grandigesticontroogniregoladel cerimoniale,fasìchelaparolache connotaquestiprimigiornidipontificatodiJorgeMarioBergogliosia semplicità.Chineiprimimomenti avevalettonegliocchidelPapa,che si era offerto all'abbraccio della piazza,timoreetimidezzasièsbagliatodigrosso.Nonhavolutola mozzetta,alcollolacrocedeglianni dapastoredellaChiesadiBuenos Aireseunsalutospiazzante:“Buonasera”.Unagenuinitàcapacedidistruggerelarigiditàdelcerimoniale perriportaretuttoaunadimensione pastorale. E come un pastore che guidailsuopopolohachiestoalla piazza la benedizione chinando il capo.Lui,chepereccellenzaèl'incaricato numero uno in questo campo,hachiestoalpopolounapreghiera.Duranteisuoi10minutie trentasecondididiscorsosièsem-

ERomafailpienodituristi Francobolli,rosari,santini,medaglietteecartolinepreparateatempodirecordpocheoredopoilnuntio vobis.L’edizionestraordinariadeL’Osservatore Romano, conlaprimafotodiPapaFrancesco,ristampataevendutaper giorniegiorni.Alloggistracolmieprezzilievitati.Affarid’oro,dunque,per icommerciantiattornoalVaticano.Unverobusiness,quellodelConclave, chetraspeculazioniecaccealpellegrino,nonsolohascatenantounacompetizionetraalbergatori,ristoratori,negoziantievenditoriambulantimasta dandounasalutareboccatad’ariaadunturismocapitoloultimamenteincrisi d’ossigeno.Naturalmente,abusivipermettendo.(MG) predefinitoilvescovodiRomae nonilnuovoPapa.«Imieiconfratellisonoandatiacercarequasialla fine mondo per trovarlo. Ma ora siamoqui».Parolecherimarranno nellastoria.HapregatoperilPapa emerito,sièrivoltoalpopolodiDio invitandoloauncamminoinsieme. Hasalutatoconun“Civediamopresto. Buonanotte. Buon riposo”, quasi avesse lasciato questa folla qualche ora prima, coinvolgendo uno per uno i presenti, facendoli sentiresingolieallostessotempo comunità.UnPapachetornaall'alloggio di Santa Marta dopo l'elezione sul pulmino con gli altri, cardinalichepagalastanzadelresidence,cherifiutala“macchinapa-

pale” scegliendo di muoversi con unaberlina. Parlaaigiornalistischerzandosulla sceltadelnomedichiarandodivolereunaChiesapoveraperipoveri. Chedispensaabbracciagliamicie nonporgel'anellopiscatorio.Non c'ènulladipiùstraordinarionell'ordinarietàdeigestidiPapaFrancesco cheinpochissimoèarrivatoaicuori dellagente.Incontrotendenza,dimostrandoindifferenzaairituali,nel giorno della prima messa a Sant'Anna ha aspettato fuori dalla Chiesapersalutareunoaunoifedeli presenti. I pochi passi fuori dalle muravaticanechehannofattotremare gli uomini della sicurezza hannoavvicinatoquest'uomosem-

plice a chi lo acclamava a pochi metri.Harottotuttiglischemieha fattoilbagnodifolla. PapaFrancescoèabituatoastarein mezzoallagenteecercal'abbraccio della gente.Al primoAngelus ha parlato di quell’evento come “un momentopersalutarci”eharingraziatoimediagraziealquale«Questa piazzahaledimensionidelmondo». Un’operazione trasparenza che è iniziatafindaiprimigiornidiinizio delConclavedapartedelVaticano. Lenotizie,dalgiornodelledimissionidiBenedettoXVI,sonostate portareintuttoalmondograzieai 5600giornalistiaccreditati.Perla primavoltanellastoriadellaChiesa si sono aperte alle telecamere le stanzedellaCasaPontificiaeilPapa haringraziatoifedelitramitetwitter: “Cariamiciviringraziodicuoree vichiedodicontinuareapregareper me”. Impossibileènonfareunparagone conilPapadimissionario.Unacomunicazionedirompentequelladi Francescochefaacazzotticonla straordinariaintrospezionedelteologoBenedettoXVIcostrettoalasciarelibriestudiperesserelanciato davantiagliocchidelmondo.

ZerochanceaBergoglio Eibookmakerpaganocare Unaltroflopdeivaticanisti leprevisionisbagliate di Marcello Gelardini Il2013nonèdecisamenteannodi previsioni;unteoremaconfermato dal Conclave. Così, dopo il flop degli analisti politici in occasione delle elezioni di febbraio, anche i “vaticanisti”hannomiseramentefallito. L’elezione di Bergoglio ha spiazzatotutti,smentendoteoriee previsionisulnomedelnuovoPontefice. AllavigiliadelConclavequasitutti eranoprontiascommetterechela partitasisarebberisoltainunalotta aquattro,almassimoacinque.Si parlava di referendum sulla Curia romanaconduepartiticontrapposti: daunlatogli“italiani”,sostenitori delbrasilianoScherer;dall’altrogli stranieri,cheappoggiavanol’arcivescovodiMilanoScola.Qualcuno, poi,preconizzavalasoluzionenordamericana,conunatriplanomination:ilcanadeseOuelleteglistatu-

nitensiDolan(ilcardinaleblogger) eO’Malley(ilcardinalefratefrancescano).Altri,infine,puntavanosu unpossibileoutsidercomel’arcivescovodiManila,ilfilippinoTagle. Inveceno,nessunodeifavoritidella vigiliaèentratonellaSistinacardinale uscendone Papa. Per questo, quando dalla loggiacentralediS. Pietro,ilprotodiaconohaaccompagnatoal“nuntio vobis” ilnomedi Jorge Mario Bergoglio, in molti sonorimastisenzaparole.Evidentementelaloromemorianonècosì lunga; perché già nel 2005 Papa Francescosierapiazzatosubitodietro Ratzinger; all’epoca solo una manciatadivotispalancòaBenedettoXVIleportedelsogliodiPietro. Ma quel nome, in questi otto anni,deveessererimastobenimpressonellamentedeicardinalielettori. Colsennodipoi,eraforsegiàtutto scritto.

di Mariangela Cossu PiùattenzionecheperunmondialedicalcioounafinalediWimbledon.L’elezionedelnuovoPonteficehascatenatolafuriadeibookmakerdituttoilglobo. Chisarà?Comesichiamerà?Quantodureràilsuopontificato?Gli“esperti delsettore”hannocercatoditratteggiareunidentikitdelnuovosuccessoredi Pietroma,controogniprevisione,hannofallito.Dovevaesseritaliano,non averepiùdi70-75annieilsuonomesarebbedovutoesserePietroII.Nona caso,ilcardinaleAngeloScolaerailgrandefavoritodelconclaveconquote cheoscillavanotrail3eil4,50(giocando1eurosenepotevanovincereda 3a4,50).AseguireilcardinaleBertonecon4,50-12,90mentrepiùgiùnelle quoteRavasi(13-19),Sandri(19-30)eBagnasco(13-34).Madelporporato argentinosettantottenne,JorgeMarioBergoglio,nonvieratracciaalcunain nessunodiquei16sitionlinecreatiappositamentedagliinglesiperl’occasioneinquantolamaggiorpartedellesocietàconvenzionalirifiutanotalepratica.InItalia,infatti,laleggevietascommessesullareligione,tuttaviafin dallaprimamezz’oradopol’annunciodelledimissionidiPapaRatzingerall’esteroibookmakergiàprendevanopuntatesulnuovoPapa.Nonacaso, WilliamHill,ilmaggioreallibratorebritannico,haraccoltopostein50paesi, ehastimatounvolumedigiocosuperiorealmezzomilionedisterline(circa 600milaeuro). Sempresulwebècomparsoilsitoadoptacardinal.org,dovecompilandoun formsipotevaeffettuare“l’adozioneonline”diuncardinaleelosipoteva seguirespiritualmenteconpreghiere,cheloavrebberoaiutatoaesprimere lasuasceltaduranteilconclave.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 13

il Periodico LUMSANEWS

13

UNIVERSITA’

Soloil48%dellaspesapubblicavieneinvestitonellascuolaenelleuniversità

Istruzione,Italiamaglianera

di Leonardo Rossi Italiapaesechenonsa, Italiapaesechenonva. 0,4% è la cifra precisa della crescita del PIL collegata all’istruzione. Chel’istruzionesiailvolanoperunaumentodel reddito pro capite è un principiocheormaitutti quantihannoassuntoper buono,maquestononè bastatopertrasformareil principio in un programma. «Stimedelserviziostudi dellaBancad’Italiaindicanoche[…]nelnostro paese la probabilità di partecipare al mercato del lavoro aumenta di 2,4puntipercentualiper ogniannodiscuolafrequentato» lo ha detto MarioDraghi,nellalectio magistralis in occasione dei 100 anno dell’Università degli studi di Roma la Sapienza. Nell’Europaa27l’Italia

RobertoIppolito: unpaese di“ignoranti”

Ungiovaneincercadilavoro

investe il 4,8% della spesa pubblica in rapporto al Pil nell’istruzione, rispetto al 6,9% dell’Inghilterra. Peggio dinoisololaGermania cheinvesteil4,4%. Maglia nera anche per gliabbandoniscolastici. In Italia un giovane su cinquetrai18ei24anni non supera la licenza media.  Tendenza spiccataalsudItalia:conun

Lumsanews ilPeriodico,ilWeb,Radio,Tv www.lumsanews.it BorgoSant’Angelo13 00193Roma tel.0668422261 Direttore responsabile CesareProtettì Tutor professionisti GuidoAlferj (ilPeriodicoeWeb) GiampieroBellardi (RadioeTv) NicoleDiTeodoro MoniaNicoletti Coordinatori RaffaelePizzari MicheleFarro (radioetv)

La redazione dei praticanti Alessia Argentieri Francesca Ascoli Marina Bonifacio Annalisa Cangemi Lorenzo Caroselli Domenico Cavazzino Gianpaolo Confortini Mariangela Cossu Paolo Costanzi Alessandra D’Acunto Carlo Di Foggia Giulia Di Stefano Alessandro Filippelli Marcello Gelardini Fabio Grazzini Federica Macagnone Manuela Moccia Domenico Mussolino Claudia Nardi Gianluca Natoli Claudio Paudice Alessandra Pepe Alessio Perigli Francesca Polacco Marco Potenziani Giulia Prosperetti Leonardo Rossi Anna Serafini Sara Stefanini Marco Stiletti

25% di abbandoni a ruotatraSiciliaeSardegna. Inoltre, studiare non pialla le differenze sociali.Anzi,secondol’Invalsi: «l’operare del sistema scolastico non sembraingradodicontrastaretalidivari». Insomma, chi nasce figlio di medico difficilmente va a fare il pizzaiolo.Echinascefi-

gliodimeccanicodifficilmente fa il medico chirurgo. Asalvarelasituazioneci pensanoledonne.Loro da trent’anni superano gliuominiinquasituttii campidelsapere. Purmantenendodeisalari spesso più bassi di trentapuntipercentuali. Oggi si laureano il 21,7%didonnecontroil 15,2%diuomini.

Numerodilaureati ilpiùbassod’Europa di Alessia Argentieri Le università italiane continuano a perdere colpiefinisconosempre piùinbassonelleclassifiche internazionali. Lo conferma la graduatoria delle 100 università più prestigiose del mondo stilata da Times Higher Education,ilsettimanale ingleseche,incollaborazioneconlaReuterseavvalendosi dell’opinione di oltre 16mila esperti, pubblica ogni anno la top100. Nessunadelleuniversità italiane è riuscita a entrarenellaclassificache ha Harvard in testa, seguitadalMITedaCambridge. Le italiane mancanoanchenell’altra

graduatoriadiTimesHigherEducation,chepiù delprestigiovalutal’ambiente, i docenti, la ricercael’innovazione.A superarcinonsonosolo RegnoUnitoeUsa,che prevalgono su tutti, ma anche Hong Kong e Corea. Secondo l’Eurostat l’Italia è all’ultimo postoinEuropapernumerodilaureati,econi taglialsettoredell’istruzionesiriduconolechancesdilaurearsipertutti glistudentichehannobisognodiunaborsadistudio. E anche quando produciamo grandi talentinonsiamoingrado difarlirestareinpatria, conunafugadicervelli chestaraggiungendodimensionivertiginose.

Crisieconomicaecrisiculturale. Roberto Ippolito, giornalista e scrittore,affrontanelsuoultimo libro, “Italia che non sa. Italia che non va”, il problema dell’ignoranzadelBelPaese.Uno deitemifondamentali,diceIppolitoè«ladispersionescolastica: unragazzosucinquecompletata lamedianonstudiapiù».Inoltre, saltasubitoagliocchi«ilbasso numero di laureati», «e non avevo bisogno – aggiunge - di nessunaosservazionepercapire ilcollegamentoconlacrisieconomica». «L’italiaèsistematicamentein codaintutteleclassicheinternazionaliperquantoriguardailsapere». Oltre metà della popolazionehaalmassimolalicenzamedia,ma«nonsoloilnumerodeilaureatièilpiùbassodi Europa» dice Ippolito, ma dal 2003stadiminuendoilnumero deglistudentichecompletanole superiori e si immatricola all’Università. «Non sono solo queste le brutte notizie – aggiunge–mafacciamobruttafiguraanchenellecompetenze,la qualità dell’apprendimenti dei quindicennièbasso,cosìcomela capacitàdiletturadegliadultiè bassa».Unpaesechenonstudia difficilmentepuòreggereilconfrontointernazionale,epuòalimentareilmadeinItalycheva consolidato giorno per giorno. Lostudio,sottolineaIppolito,eil saperenonsonoaffittoconsiderati:«Abbiamopochilaureatie questistentanoalavorareenon guadagnanodipiù».L’Italianon «riconosceilvaloredelsapere» e le condizioni di partenza, lo statussocialecondizionaancora ilpropriofuturo. (LR)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 14

14

il Periodico LUMSANEWS

ITALIA SO

LeonlusattaccanoilPianoapprovatonel2009:«GlistandarddivitaperiRomso

Nomadisottosfratto

La vita nei campi dopo gli sgomberi di Annalisa Cangemi Roma,viaLuigiCandoni, camporom.Unafotografia dal satellite mostra un gruppodicontainer,diviso intreagglomerati.L’areaè stata progettata per ospitarecirca350unità.Manel campoinquestomomento abitano più di 1000 persone, più del doppio rispettoalnumeroprevisto. Dueannifalachiusuradi un altro campo, Casilino 900, che si trovava nell’areaarcheologicadiCentocelle, ha comportato lo smantellamentodiunabaraccopoliincuivivevano oltre800nomadi.Nel28 settembredel2012ilComune ha avviato i lavori perlosgomberodelcampo romdiTorde’Cenci,per motivi igienico sanitari: per 250 persone è stato predisposto il trasferimento forzato nel campo della Barbuta. Sono solo

Un bambino di etnia Rom nel campo nomadi

due dei 470 sgomberi effettuati dal 2009 a oggi. L’accorpamento di più campi,inareeperiferiche della Capitale, l’eliminazionediquelliconsiderati

abusivi, hanno causato il sovraffollamento delle strutture esistenti, con un abbassamento generale dellaqualitàdellavitaper oltre7milarom,stanziati

aRoma. Secondo il “Piano Nomadi”volutodallagiunta Alemanno,losfollamento dei nomadi garantirebbe «inmodoinequivocabilela fine del degrado a Roma determinatodalproliferare dei campi rom». Non la pensa così Valerio Tursi, presidente della onlus “Arcisolidarietà”:«Larealtàdeicampidovrebbeessere superata. Le condizioniincuisonocostretteaviverecentinaiadi famiglienonsonopiùaccettabili». Nel campo di viaCandonilasituazioneè preoccupante.Daquandoi nomadidelcampo“nonregolare”Casilino900sono arrivati nel campo della Magliana, diverse etnie sonocostretteaconvivere inspazivitalilimitati.«La luce salta tutti i giorni – diceTobias,rom,padredi 6figli,emediatoreculturale di Arci solidarietà –

Il campo Rom di via Luigi Can

funziona solopocheoreal giorno.Cisonopoirischi perlasalute:laretefognarianonèadeguatapersopperire ai bisogni di 1000 persone.Noirumenisiamo quidal2004.Adessoèpiù difficilefarrispettareleregoleainuoviarrivati,che nonrispettanonélenorme

Davent’annilazonaèarischioinondazione.Neimesiscorsisièsfioratalatragedia

Focedell’Aniene,unquartieredibaracche di Gianluca Natoli Tra normalità e indifferenza. Un vero e proprio quartiere,alconfineconla nobilezonacapitolinadei Parioli.Unquartierechesi sviluppasuviaFocedell’Aniene: da vent’anni ci vivono diverse famiglie. Oggiveneabitano19difilippini,alcunediperuviani, altredicolombianierom, maancheitaliane.Inquesto contesto apparentemente normale, basta soffermarsiunattimoper scoprireillatooscuro. Lecasesonovereeproprie baracche.Apochipassiil fiume Aniene sfocia nel Tevere.Quest’invernogli abitanti delle baracche hannorischiatoaddirittura la vita. A seguito di un’esondazione dell’Anienelefamigliesono

stateevacuate. dalle case, la Con la procontraddimessadelCozione tra lemunediRoma galità e che sarebbero grottesco stati costruiti tornaaessere argini più siperò tangicuri,dopodue bile: accanto mesi le famiaicancellicoglie sono torstruiti con nateacasacon metalliche e lasolitasensa“aggressive” zione di abretidimateUna delle abitazioni in via Foce dell’Aniene bandono, rasso, ci perchénullaeracambiato. l’Aniene. sonolecassettedellaposta Tuttocomeprima.Coniri- I padri vanno a lavorare con sopra incisi a pennaschidisempre.Perfortuna come muratori, le madri relloinumericivici.Gran l’esondazionenonhapro- comecolfobadantiaiPa- parte di queste abitazioni vocatodanniallepersone. rioli.Ifiglivannoascuola. sono infatti regolari, così Anche se alcune baracche I loro nomi sono regolar- come gli stranieri che vi sonostateinondatedall’ac- mente sull’elenco telefo- abitano con permesso di qua del fiume marrone, nico. Molti hanno le soggiorno. colmo di sporcizie. Il lato paraboliche per vedere le Paganolaspazzaturaogni umano,epercertiversinor- reti televisive del proprio duemesi,ancheseallafine male di questa zona, è il Paese.C’èilsegnaleperin- dellastradac’èunaverae modoincuivivonoiresi- stallareunalineatelefonica, propria discarica a cielo denti di via Foce del- e una rete wireless. Fuori aperto, creata dai rom del

campolimitrofoperdepositare rifiuti che finiscono inevitabilmentenelfiume. Tra gli altri problemi, la mancanza di una rete fognaria. L’energia elettrica non basta per tutti. D’invernoilfreddoèpungente: mancanoiboilerperl’acqua calda, qualcuno è costrettoadaccendereilfuoco instradapermettervisopra unpentoloneabollire. Eppure,dietroeaccantoa tuttaquestaprecarietàeindecenza,c’èl’indifferenza. A pochi passi da Foce dell’Anienecisonocampi dicalcioedatennis.Poila tangenzialedovesfrecciano tantissimiveicolialgiorno. Impossibile non vedere. Tuttisanno,etuttichiudono gliocchi.Tranneloro,che vivonoinquestebaracchee continuano a sperare nell’aiutodiqualcuno.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 15

il Periodico LUMSANEWS

SOLIDALE

msonopeggiorati»

15

Scuolaeintegrazione Un futuro possibile per i bambini Rom di Giulia Prosperetti

igi Candoni (zona Magliana)

dell’Arci né quelle della comunità. In inverno ad esempio,nonpotendoaccenderelestufe,perdella mancanzadicorrenteelettrica, alcune famiglie accendono dei fuochi, che potrebberocausareincendi letali.Primailcampoera piùpulito».

Lo scuola bus giallo irrompetrailgrigiodeicontainer del campo rom di viaCandoni.Sonocircale 13einzonaMagliana,è partitoilgiroperandarea prendereibambinisparpagliati nei diversi istituti. Tassativamente uno per classe“perfavorirel’integrazione”, o meglio, per evitare le proteste delle mamme italiane terrorizzate al pensiero di mandareiproprifigliascuola conirom.Sonotrascorsi vent’anni da quando, nel 1993, a Roma è nato il progettodiscolarizzazione di minori e adolescenti rom.Oggicoinvolgepiùdi 2000 bambini e ragazzi, iscrittidalleelementarialle superiori,maipregiudizi sonoancorabenradicati. «All’inizio c’erano dei bambiniealcunemaestre che emarginavano i miei figli.Poigrazieall’AssociazioneArcinoigenitori romsiamointervenutiper

fare da mediatori e pian piano abbiamo superato questo problema. Tempo fadeibambinidellascuola sonovenutiquialcampoe hannofattounapartitadi calcioconinostrifigli». Tobias(nomedifantasia) èpadrediseibambiniche frequentano tutti regolarmentelascuola.Collabora alprogettodiscolarazzazione e sogna per i suoi figliunfuturodiverso,lontanodalcampo.Imaschi siallenanoognigiornonel campodacalciodietrole

Nuovipoveriacaccia dicibonellaspazzatura Cercanotralaspazzaturascartidi alimentieindumentidivariogenere.Perlorononsonorifiuti,ma beniconcuivivere,anzi,sopravvivere.Nonsonosolostranierisenza lavoro a rovistare nei cassonetti, maancheitalianidisoccupatioimpossibilitatiadacquistarecibonei supermercati.Equestiultimisono icosiddettinuovipoveri,unavolta l’excetomediodellasocietà.Ilfenomenodellaraccoltadeirifiutinei cassonettidistradaèsemprepiù diffuso. In particolare, a Roma, sonopresidimiraiquartieripiù ricchi: dai Parioli, alla zona di Prati. Così in pochi metri convivono spessobenessereepovertà.C’èchi pranzaaristorante,echirovistanel cassonetto accanto al locale. Poi neimercati,altropuntodiraccolta chevaperlamaggiore.Lìabbondanogliscartivegetali.Inuovipoveri, in apparenza normalissimi clienti,eilpiùdellevoltevecchi

clienti, si avvicinano alle buste giallevicineaibanchidelmercato. Un’occhiatasveltaperindividuare loscarto“buono”,epoiviatrala follaconilpastodelgiornoguadagnato. Neicassonetti,però,nonsicercano soltanto alimenti. Ma anche cavi elettrici, elettrodomestici rotti o usurati,vestitidarenderenuovamente utilizzabili. Tutte queste sonorisorseperdisoccupati,pensionatiepiùingeneralepoveria cacciadibeni. Negliultimimesiilfenomenodi raccolta tra la spazzatura è cresciutonelnostroPaese.Colpadella crisi.Mairischiperlasalute,avvertono i medici, sono notevoli. Soprattuttoperilciborecuperato tral’immondiziasirischiala«salmonellosi e shigellosi». Ovvero patologiechehannoachefarecon l’intossicazionealimentaredovuta al nutrirsi di alimenti ricchi di germi.(GN)

baraccheesognanounfuturonellosport,«lafemminuccia, che è ancora piccola,vuolefareladottoressa», un altro vuole fareilmeccanico.«C’èla speranzachequestanuova generazionesuperiilproblema della discriminazione verso i rom. Noi lavoriamoperintegraredi piùibambinispingendoli a imparare a comportarsi meglionellasocietà.Devonotrovareunmodoper superarelavitaneicampi, nondevonosoffrirequello

che abbiamo sofferto noi genitori. Spero che un giorno non dovranno più nascondereleproprieorigini e potranno vivere a testaalta».Maaccantoa chi,comeTobias,pensaa superare le dinamiche chiuseenonsemprelegali dellavitaincomunità,c’è chineèancorafortemente influenzato. Secondo gli operatori che seguono il progettoilproblemaprincipaleèquellodei«cattivi modelli»chespessoinfluisconoinmanieranegativa sullorolavoro.«Chiriesce a portare avanti un percorso di scolarizzazione serenospessovienequasi derisodaicoetanei,viene vistodicattivoocchioall’internodellacomunità». Alle14ibambinifannoritornoalcampo,superano la guardiania armata e scendono correndo dall’autobus. E’terminatoilloroviaggio quotidianodallasocietàa quel“nonluogo”chiamato campo.

Piùragazzetraibanchi Trendinlieveaumento UtilizzanoInternet,parlanoperfettamentel’italiano,completanoilciclo distudiofinoaldiploma.Èlanuovagenerazionediragazzirom,molti deiqualisonoormaialfabetizzati.Maseilnumerodeidiplomatisembradimostrareilsuccessodelprogettodiscolarizzazione,larealtàè piùcomplessadicomeappare.Imaschiinfattisonoabbastanzaliberi, possonofrequentare,senzaalcunostacolodapartedellafamiglia,gli istitutiprofessionali.Gliinterventidelleonlussiconcentranoadesso sulprofittoesuirisultatideglistudenti,piuttostochesulfenomenodella dispersionescolastica,comeinveceaccadevanelleprimefasidelprogetto.Maperlefemminelasfidadellascolarizzazioneèancoratutta dagiocare.L’istruzionedelleragazzesiferma,nellamaggiorpartedei casi,allescuolemedie.Subitodoporitornanoinfamiglia,cominciano adoccuparsidellacasa,esipreparanoalmatrimonio.Perlacultura romèmoltoimportanteavereunaprolenumerosa,perchéquestofaacquisirealnucleofamiliareprestigioall’internodellacomunità.Nei campiromdisolitoleragazzesisposanointornoai14anni.Solonegli ultimiannilatendenzastaleggermentecambiando.Compliceilcontattoconaltreetnieeconicompagniitaliani,alcunegiovaniintravedonolapossibilitàdiun’alternativa:sipuòobbedirealleregoledella comunità,mantenedocomunqueunapropriaautonomia,magaritrovandoancheunlavoro,chepermolteèrappresentatodaunimpiego pressolefamiglieitalianecome“badanti”.NelcampodiviaCondoni noncisonoancorastatimatrimoni“misti”,traragazziromeitaliani. «Miafigliavuolefareladottoressa-diceilpadrediunadellegiovani delcampo-sesisposasseconunitalianonesareifelice.Manonsono inmoltiquialcampoapensarlacomeme».(AC)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 16

16

il Periodico LUMSANEWS

EXTRACOMUNIT

Cie,dastrutturediaccoglienzaacarceri:ospitanocirca1100rifugiatisututtoil

Larivoltadegliimmigrati Ponte Galeria, poca igiene e sovraffollamento di Francesca Ascoli Lo scorso febbraio il Cie di Ponte Galeria è stato, ancoraunavolta,scenario di rivolta. Alcuni immigratinigerianihannodato allefiammecoperteematerassi,altrisonosalitisui tettiealtriancorasisono asserragliati all’interno dellastruttura.All’origine dellaprotesta,ilrifiutodi unospitenigerianodiessererimpatriato,pereffetto di un decreto di espulsione. La sua resistenza alle forze dell’ordine ha generato la reazione dei connazionali, che hanno messo a ferro e fuoco il centro.L’episodiodifebbraioèsolol’ultimoinordinetemporalenellostesso Cie. Nel marzo 2012, un ex recluso egiziano si è toltolavitadopoaversubitounpresuntopestaggio dapartedelleforzedell’ordine,dovutoaunatentata

ICIEinItalia Bari,AeroportodiBari-Palese–196posti Bologna,CasermaChiarini–95posti Brindisi,Loc.Restinco-83posti Caltanissetta,PiandelLago–96posti LameziaTerme,PiandelDuca–80posti Crotone,S.Anna–124posti Gorizia,Gradiscad’Isonzo–248posti Milano,ViaCorelli–132posti Modena,LocalitàSant’Anna–60posti Roma,PonteGaleria–360posti Torino,CorsoBrunelleschi–180posti Trapani,duestrutture–247posti fugadell’africano.Perdenunciare l’accaduto, 120 maghrebini,hannoattuato loscioperodellafameper alcunigiorni.Nelsettembre 2011, invece, alcune fughedimassahannocostrettoilCeihamodificare gliapparatidisicurezza. Questi episodi riportano allaluceidiversiproblemi legati ai Cie, i Centri di identificazione ed espulsione.Questestrutture,dispostedallaleggeTurcoNapolitano del ‘98, sono

statecreateperlepersone “sottoposte a provvedimentidiespulsioneeodi respingimentoconaccompagnamento coattivo alla frontiera"nelcasoincuiil provvedimentononsiaimmediatamente eseguibile. La permanenza degli immigratineiCie,puòavveniresiaincasodipossibile espulsione sia di espulsione certa. Nonostante ciò, gli ospiti non sono considerati detenuti, sebbene non possano uscire

Ancorapolemichesullacittadinanza

Questionedi“soli”

L’immigrazioneèuntemamolto sentito nel nostro Paese. Molto spesso sentiamo di barconi che dai Paesi del Nord-Africa o dall’Albania raggiungono le coste italiane. Quello che in pochi sanno è che l’idea di un’Italia“metasognata”,cheattiramigliaiadimigrantichesperano in un lavoro e una vita migliore, è un falso. Il nostro è vistoinrealtàcomeunPaesedi passaggio per raggiungere gli StatidelnordEuropacomeGermania, Francia o Inghilterra. Pochiperòriescononell’intento, mentrelamaggiorpartevieneo reimpatriataorinchiusaneiCIE -centriidentificazioneedespulsione.Tuttaviailproblemaimmigrazione potrebbe essere notevolmente ridotto in caso di modificadellecondizionidicittadinanza. In Italia per effetto della legge 91 del 1992 vige lo

“ius sanguinis”: è italiano chi nascedagenitorioconantenati italiani. In alternativa vige la “iuris communicatio” che prevedel’acquisizionedauncomponentedellafamiglia,adesempio incasodimatrimonio.Molteassociazioni hanno chiesto che la normativavigentevengamodificatainfavoredello“iussoli”(è cittadinochinascesulsuoloitaliano),ottenendoanchel’appoggio del Presidente della Repubblica,GiorgioNapolitano: «ÈunafolliacheifiglidiimmigratinatiinItalianonsianocittadini». Una dichiarazione che provocò,sututti,lareazionedella Legacheobiettavacomeunasimile decisione avrebbe aumentato il flusso di migranti, specialmente donne, che sarebberovenuteapartorireinItalia. Quel che è certo è che la soluzioneètuttofuorchévicina.(DC)

dallestruttureevivano,di fatto,incelledetentive.I Ciesonopresentisultutto territorioitaliano,sonotrediciesorgononellezone considerate emergenziali. Quando le strutture non sono state costruite ex novo,sonocentridiaccoglienza, fabbriche dismesseovecchiecaserme. MaiCieassomiglianopiù adellecarcericheastruttureperospitalità:sovraffollati e  in pessime condizioneigienicosanitariecontensionicontinuamente crescenti, date ancheledifferenzeculturaliereligiose,cometestimonia Silvia Ioli, segretaria della Cgil di Roma e del Lazio dopo i fatti di Ponte Galeria: “I Ciesonoluoghidisumani ecomeabbiamopiùvolte denunciatodebbonoessere chiusi”. Ma le critiche ai Cierisalgonoadiecianni fa quando la Corte dei

Conti li definì: “strutture fatiscenti,conscarsaattenzione ai livelli di sicurezza, mancata individuazione di livelli minimi di prestazioni da erogare, con programmazioni generiche e fatiscenti”.

FlussiecontrollinellaUe, droniesatellitiallefrontiere Controllareefficacementelefrontiere,èquestoadoggil’obiettivo primariodell’UnioneEuropeainmateriadiimmigrazione.Ilsistema Eurosur,cheentreràinvigoredaottobre2013,prevedeinfattila cooperazioneeloscambiodiinformazionitraleautoritàdifrontiera dei paesi membri e Frontex (l’Agenzia europea per le frontiere esterne). Ogni stato suddividerà i propri confini in porzioni, a ognunadellequalisaràattribuitounlivellodiimpatto“sullabase diun’analisideirischiedelnumerodiepisodichesiverificano”. Lerilevazionisarannoattuateconl’ausiliodisatellitiedroni.Sistemidisorveglianzadeiconfiniaparte,nonesisteancorainEuropa unalegislazionecomunesulleespulsioniesull’accoglienzadeimigrantiextraeuropei.Daglianni‘90,l’UEhaportatoavantiunapoliticadi‘esternalizzazione’dellefrontiere.Lostrumentochiavedi questastrategiasonostatiicosiddetti“Accordidiriammissione”, istituiti dalTrattato diAmsterdam del 1999, secondo cui i paesi membrisisonoimpegnatiastipularedeipattidiriammissionecon ipaesid’origineoditransitodeimigranti.Obiettivoditaliaccordi èfacilitareevelocizzareirespingimentidellepersoneirregolarinei loropaesid’origine.Maquestiaccordinongarantiscono,innessun caso,cheilritornoforzatodellepersonenelpropriopaeseavvenga nelrispettodellenormeinternazionaliinmateriadidirittiumani. Spessoimigrantivannoincontroaprocedurelegalioall’arresto, poichéinmoltideipaesid’originenonvigenessunanormachetuteli idirittifondamentalidell’uomoe,inalcunicasi,l’emigrazioneè considerataunreato.(GDS)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 17

il Periodico LUMSANEWS

UNITARI A ROMA

oilterritorionazionale

17

«Imigrantisonorisorse» Angiolo Marroni, una situazione da cambiare di Domenico Cavazzino

Accuse anche da Medici Senza FrontiereeAmnestyInternational che,nelrapportodel2005,riporta denunce su aggressioni da parte delleforzedell’ordineeusoeccessivo di tranquillanti con conseguentiepisodidiautolesionismoe tentatividifuga,senzanessunsupportopsicologicopergliospiti.

QuelladeiCie-centriimmigrazioneedespulsione-èunasituazionemoltocomplicatachepuò,in casilimite,generaresituazionicritiche.E’successoaRoma,nella strutturadiPonteGaleriache,lo scorso febbraio, è stata teatro di unarivoltadurantelaqualeèstato ancheappiccatounincendio. SullavicendaesullasituazionegeneraledeiCieabbiamointerpellatoilGarantedeidetenutidella RegioneLazio,AngioloMorroni, che si occupa della situazionedegliimmigratichevivononelcentrodiPonteGaleria. Com’è oggi la situazione all’interno del Cie? La situazione si è normalizzata. L’esploderediquestieventicritici dipendeprobabilmenteanchedalla mancanza di norme consolidate cheregolinolapermanenzainqueste strutture, come avviene con peridetenutinellecarceri.NeiCie nonsonoprevisteattivitàlavorativeperchénonsiscontaunapena ma si effettuano le procedure di identificazioneedespulsione;gli ospitinonpossonoallontanarsidal centroevivonodifattoincellede-

Angiolo Marroni, Garante detenuti

tentive: spessissimo esplode la lorodisperazioneattraversorivolte oattidiautolesionismo. I Cie in Italia andrebbero modificati o aboliti? ComeGarantehopropostodiverse voltecheleprocedurediidentificazionevenisseroavviategiàdal carcere,perchéinrealtàglistranierisenzatitolodisoggiornosono già identificati per l’erogazione della pena per quanto riguarda i datianagrafici.Ladifficoltàrisiede nell’individuazione del paese d’originedovepoisieffettueràil rimpatrio. Cominciare già dalla detenzione questotipodiverificaridurrebbe al minimo il periodo di trattenimentodellostranieroche,vasottolineato,entraneiCiedopoaver scontatoognipendenzagiudiziaria

conloStatoospiteesitrova,di fatto,adoverscontareunanuova detenzione.Purtroppoadunadisponibilitàformaleintalsensoda partedelleIstituzionicompetenti da noi sollecitate, non è seguito nessunrealeattopratico. Come migliorare la situazione degli immigrati che giungono nel nostro Paese? Probabilmenteèalivelloeuropeo chesidovrebbestudiareunastrategiacomuneperl’accoglienzae lagestionedeiflussidimigranti; l’Italia ha chiaramente un ruolo fondamentale essendo, ad esempio, uno dei paesi che costituiscono il primo ingresso dall’Africa. Finchè l’immigrazioneverràconsiderata,alivello politico(ricordiamochel’Italiaha avuto un partito dichiaratamente xenofobo come la Lega al Governo)eanchealivellodisenso comune,comeunproblemadarisolvereenoncomeunarisorsada valorizzare,inaltritermini,senon siritorneràaunaculturadell’accoglienza(soprattuttoafrontedelle drammatichecondizionisociopolitichedimoltipaesiextraeuropei),èprobabilechepermarranno tutteleattualiproblematiche.

Parlailgiornalistaautorediundocumentariosullecondizionideidetenuti

DelGrande:«Ilferrodellesbarretranoieloro» di Giulia Di Stefano Ne“Ilnomedelpopoloitaliano”, idetenutidelCiediPonteGaleria fannosentirelalorovoce,raccontanolepropriestorie.Iltoccante documentario,prodottonel2012 conilsostegnodellaOpenSociety Foundation, è opera del giovane giornalista toscano Gabriele Del Grande,fondatoredelblog-osservatoriosullevittimedellafrontiera “FortressEurope”. Gabriele, cosa ti ha colpito di più quando sei entrato nel Cie di Roma per girare il documentario? Ilferrodellegabbie.Ricordoaun certopuntounaconversazionecon tre ragazze marocchine, ad un certo punto ho realizzato che c'eranolesbarretranoieloro.Allora siamo passati di là dal cancelloperincontrarleall'internodel cortile.Colpiscecomecisipossa

Gabriele Del Grande

auncertopuntoabituareall'esistenzadellesbarre,dellagabbia. Pensosoprattuttoachilavoranei Cie,operatorisocialiopoliziotti. Sono parte di un sistema, di un'istituzionetotalecheviolalalibertàpersonalediuominiedonne chenonhannocommessonessun reato,colpevolisoltantodiuntim-

bro scaduto su un documento di soggiorno.Intornoallalorodetenzione ed espulsione si alimenta unamacchinadiviolenzadiStato. Che atteggiamento hanno avuto nel Cie nei confronti di voi giornalisti? Tuttoilpersonaledipoliziaegli operatorisocialidell'entegestore sisonorifiutatidiparlareconnoi. I reclusi al contrario sono stati molto partecipi. In generale, quandoqualcunoviveunasituazionechepercepiscecomeingiusta, ha sempre voglia di denunciarlaediraccontarelasua indignazione. Poi, oltre alla denuncia, nelle loro parole sono usciteanchelestorieeleriflessioni,siaintimechepolitiche. La stampa italiana parla abbastanza e in modo corretto della questione dei migranti? Lastampaitalianaparlafintroppo dell'immigrazione.Malofaconle

parolesbagliate.Troppospessoci silimitaallacronacaemancal'approfondimento.Cosìnegliannisi sonocostruiteunaseriedifigure stereotipate dello straniero. Comunque negli anni la qualità è moltomigliorata,anchegraziealle nuoveleve:lanostragenerazione infattivivequestofenomenocon moltomenoallarmismoeconpiù vicinanza. Come è nata l'idea di Fortress Europe? Proposi un articolo all'Agenzia Stampa Redattore Sociale. Tentavodifareunastimasulnumero deiviaggiatorimortinelcanaledi SiciliasullarottaperLampedusa. Ne nacque poi questo blog. Mi sono licenziato dalla agenzia stampa e sono partito per il mio primolungoviaggio,dacuiènato illibro"Mamadouvaamorire". Daallora,eral'ottobre2006,non misonopiùfermato.


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 18

18

il Periodico LUMSANEWS

CAVALLI AL

Losportuntempomoltoamatodagliitaliani:50milafamigliearischio

Lacorsaèfinita pica

Ippodromi vuoti e soldi spariti. Così muore l’ip di Carlo Di Foggia PoveroMandrake,lacorsa èfinita.ChiusoTordiValle, tuttal’Ippicarischiailcollasso.Leprotesteandatein scenaaRoma,Milano,PadovaeNapolinellescorse settimane,sonosoloilpreludio di un anno che potrebbe essere l’ultimo per quellocheuntempoeralo sportpiùseguitodagliitaliani.Isoldi,infatti,sonofiniti,eilpassivoèpesante. Tuttosiregge-sièrettosulle scommesse. Attualmentel’Ippicaricevesolo l’1,2%dituttoilgirod’affari(80miliardi)cheruota attorno alle scommesse sportive.Unflussochenel tempo si è assottigliato sempredipiù(pochiannifa erail70%).Labeffaperun sistemacheperanni,grazie allapoliticaperseguitadal ministerodelleFinanze,ha incoraggiato l’apertura delleagenzieippiche.Con-

Leoriginidella“mandrakata” Febbredacavallo”èunacommedia,macomespessoaccadeinItalia,èproprioallecommediecheilcinemanostrano affida il compito di reinventare un genere o di consacraresullapellicolaunacategoriaounafasedellasocietàcivile.Lastorianarradelleperipezieditreamicialle presecolviziodigiocareaicavalli:Mandrake(GigiProietti),indossatoremortodifame,ErPomata(EnricoMontesano),disoccupatoriccosolodigrandirisorsetruffaldine, eFelice,parcheggiatoreabusivo.Itretrascorronogranparte dellorotempocercandodimettereinsiemeisoldiperscommettere,solitamenteaTordiValle;mettonoasegnofurberie etruffediognigenere,spessoaidannidiManzotin,alsecolo RinaldiOtello,macellaioenemicogiuratodeitreprotagonisti.Dopouninfinitogirodiperipeziesostituisconoun fantinoveroconunsosiaaffinchèperdaunagara.Ilprogetto però,falliscepercolpapropriodiMandrakeetuttalacombriccolafinisceintribunale.(MP) cessionidateachiassicuravaiminimigarantitipiù alti.Chepoiperònessuno ha pagato. E l’Unire (Unione nazionale incrementorazzeequine),l’ente cheavrebbedovutoincassarequeisoldiperfinanziareimontepremi,nonsiè maipreoccupatadiriscuo-

terelefideiussionibancarie cheleagenzieavevanostipulato a garanzia dei minimi. Finora l’ammanco è stato copertoconun’iniezionedi soldipubblici,chesoloper ilbiennio2010/11sfiorai 150milionidieuro.Poipiù nulla.L’annoscorsoilbi-

Problemiperl’impiantodiTordiValle

Nuovostadio,lavorifermi di Marco Stiletti IlnuovostadioaTordiValledell’As Roma costerà 300 milioni e avràlacapienzadi55-60milaposti. L'accordoèstatofirmatoil30dicembre2012aOrlando,sededella tournéeinvernaledellaRomanegli Stati Uniti, tra il presidente della Roma,JamesPallotta,eilcostruttore, Luca Parnasi, il proprietario dellaParsitalia,unadellesocietàdi costruzionipiùnoted'Italia.Entro lastagione2016/2017l’AsRoma avràquindiilsuostadio,macisono alcuniproblemidarisolvere.Innanzitutto la questione consumo del suolochedaannièilprimoproblemadellacittàdalcentroallaperiferia. In secondo luogo c’è la questione mobilità. Le persone quandodevonoandareallostadiosi trovanosempreimmersineltraffico caotico,trovandodifficoltàaraggiungerelostadioeacercarepar-

lanciononènemmenostato approvato.Tuttofermo,in attesacheiMinistericompetenti,quellodellePoliticheAgricole(responsabile delpianetacavallo)equello dell’economia(chetienela cassa) - archiviati l’Unire prima, e l’Assi poi - mettanoperiscrittounpianodi salvataggiodelsettore,che perlaveritàesistegiàdal 2009,presentatodall’allora ministro per le politiche agricole,LucaZaia(Lega), emaidecollato.Anchesei problemivengonodalontano, l’agonia è stata più brevedelprevisto,estatrascinando con se oltre 50 milafamiglie:fantini,allevatori, driver e lavoratori degliippodromi(sonooltre 40 le strutture a rischio chiusura),rappresentantidi unmondochehasfornato campioni del calibro di RiboteVarenne(cheproprioaTordiValle,vinseil primo trofeo nell’89). «A

Da Milano a Napoli. Tante le manifestazion

nessuno conviene puntare sullecorse-cispiegaunex lavoratorediTorDiValle, l’ippodromodi“Febbreda cavallo”,cheil31gennaio hachiusoibattenti-Nonriceviamolostipendioda11 mesi. Siamo passati in pochiannidaungirod’af-

Troppientisoppressi Orasirischialaparalisi

Acosapuòsercheggio.Lepavire oggi roledeldelagto l ’ U n i r e allosport,Ales(Unionenaziosandro Cochi, nale increperò, bloccano mento razze tutto: «I lavori equine)?L’ente del nuovo stanacque nel diodellaRoma 1932 con lo non partiranno Il progetto del nuovo stadio della As Roma socpo di gealmeno finché non ci sarà una soluzione per il stirelecorseelegare,fissarecalentrotto romano». Quindi prima di dari di manifestazioni ippiche, organizzarelaprogrammazionetecpensareallacostruzionedellostadio diproprietàaTordiValle,bisognerà nica ed economica delle stesse e concedereerevocareicoloridiscutrovare una nuova sistemazione deriaaiproprietari.Potevaessere all’IppodromodiRoma.Apropositodeibianconeriilavoridellostautilequandofupensatoottantuno dio saranno controllati dalla annifa:maoggi,2013,quandotutti famigliaAgnelliche,vistal'espegiocanoalWinForLifeelecorse rienzadelloJuventusStadium,semippichehannopersoilloroappeal bra essere un'ottima garanzia. Il (-94%dispettatoriindiecianni), sogno della Roma americana è chesensohacontinuareasovvenquellodifarelostadiounsimbolo zionarloconfondipubblici?Fino dell'architetturad'Italianeiprossimi al1996nelnostroPaeseilsettore anni,ippodromopermettendo. ippicoeraregolatodallaLeggeOrsi

Mangelli del 1942 che riservava all’Unire“lafacoltàdiesercitaretotalizzatoriescommesseallibroper lecorsedeicavalli”eproponevaun “pianoindustriale”cherealizzava difattonelnostroPaeseunregime dimonopolio:finoal1996,infatti, inItalialeunichescommesselegali eranosoloquelleippicheelealtre attivitàdigiocooscommesseerano vietateeseveramentepunitedalla Legge.Oggil’Unirenonesistepiù, sostituitoprimadall’Assi(Agenzia perlosviluppodelsettoreippico)e poi,dopolasoppressionediquest’ultimo,dallagestionecondivisa trailministerodelleAttivitaAgricoleequellodell’Economia.Idecretiattuativiperò,nonsonomai arrivati.Senzadiquellièimpossibileridefinirelecompetenzee,soprattutto, assegnare le già scarse risorse.Unlimbonormativoincui, difatto,sièpassatidauncarrozzoneinefficente,allaparalisi. (MP)


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 19

il Periodico LUMSANEWS

LI AL PALO

19

«Ilsistemaèalcollasso» Carnevali( Assogaloppo): «Servono riforme urgenti»

di Sara Stefanini

tazioni di protesta dei lavoratori dell’Ippica

fariditremiliardiemezzo,ad appena uno. Sotto ai botteghininonc’erapiùnessuno. Le puntate sono ormai minime.Sequiticadonodalle mani10euro,viassicuroche queisoldinontoccanoterra». ConbuonapacediMandrake, SoldatinoeD’Artagnan.

Siallargaamacchiad'oliolacrisidell'ippica,chehagiàportatoallachiusura dialcuniippodromi.Lacrisihainvestitoanchecavalliefantini,oltreatutti gliaddettiailavori.Sonoarischio40 ippodromie20milacavallidacorsae datrotto,causafondisemprepiùlimitatidall'esecutivo.Numerichepreoccupanoenonpocole50milafamiglie chevivononell’indottodell’ippicadi cui42.521operatoriinattivitàtraallevatori,proprietari,allenatorie5.992tra dipendentieveterinari.AbbiamochiestoaFabio Carnevali,presidentedi Assogaloppo,lasituazioneattualedel settore.“Ilsistemaippicoètotalmente alcollasso,nonhapiùunentediriferimento perché è stato soppresso l’Unire.Nonèstatosostituitosenon parzialmentedalMipaaf.Siamoallo sbando totale senza economie sufficientialsostentamento.Nonabbiamo piùpossibilitàdi‘vendere’lanostra scommessa contro altri competitors avvantaggiatisiasottoilprofilofiscale chedelladistribuzione.Stannochiudendo ippodromi, stiamo perdendo proprietari,allenatori,fantini.Traloro, chisispostaall’esteroechiècostretto achiudere”. E lo Stato peggiora la situazione.

Fabio Carnevali, presidente Assogaloppo

“Considerichesiamoinattesadeisoldi vintialPaliodainostricavallidaoltre ottomesi.Edei120mlndieuro,cene hannodatisolo30mln.Sonostatefatte unaseriedioperazioniperinvadereil nostrocampo:daslotmachine,video lotterie,giocod’azzardo,usandoinostripuntivenditaedandoagioaqueste altrescommesse.Siamostatirelegati inunangolino,cihannotoltoipunti venditaelavisibilitàsuimassmedia”. Sulfrontedeibilanci,il33%delleentratederivanodalcontributostatalee il66%dallescommesse. Malerisorsedell’Agenziaperlosviluppodelsettoreippicosonostatedimezzateenel2012ammontavanoa 235mln di euro, invece dei 400mln degliannipassati.Ilcontributostatale siprevedepossaessereridottoinvece,

a40mlndieuro. Quindi ci spieghi meglio l’aspetto economico del settore. “Cisiamosempreautofinanziatienon abbiamomaichiestoalcuntipodicontributo.Ilcontributostataleèunparziale rimborso di quanto noi produciamoancheallivellodiscommessa,ditassazione,diIva.Quindise siconsiderailritornoeconomicoalnostrosettore,dobbiamoconsiderarecorposoilcontributodelloStato,mason soldicheproduciamonoi.Finoal’99, c’eralaleggeOrsiMangellichepermettevadiriservareanoiisoldiche producevamo.La185/2008cihapoi lasciato un contributo dallo Stato di parzialerecuperodiquantocidovevano”. Qual è il vostro appello al governo? “Daannichiediamoriformesiaperle scommessecheperlastrutturaippica. Sonriformegiàpronte,riposte,però, nelcassetto. Rivogliamol’entechecirappresentae chiediamo di non ascoltare quella lobbychevorrebbecementificaregli ippodromicon‘racinos’cioèCasinò,e tral’altro,ègiàpassatoundisegnodi legge bloccato solo dalla caduta del governoprecedente. Sequestoaccadesse,l’ippodromoin Italiapuòconsiderarsimorto”.

CosasiceladietroilritrovamentoditracceequineneipiattisurgelatiintuttaEuropa

Ivecchicavallidacorsadiventanocarnedamacello di Marco Potenziani Febbredacavallo?Quelloillegalmenteintrodottonelcircuitoalimentare e inserito in numerose pietanze precotte o preconfezionatechedovrebberoconteneretutt’altrogeneredicarne.Lescoperte avvenuteintuttaEuropadicarne equina inserita nelle pietanze a basedimanzooinsostituzionedi altri animali, richiamano l’attenzionesullacrisicheinmodosempre più inesorabile sta coinvolgendo da anni lo sport dell’equitazione.Lacrisidell’ippicahaprodottounsurplusdicavalli adibiti all’equitazione per i qualilerispettivescuderie,messe all’angolodallachiusuradegliippodromi,nonhannopiùimezzidi sostentamento.Edèinquesticasi, conlemagliepiùomenolarghe deicontrolli,cheicavallidacorsa vengonoimmessiillegalmentenel

Lasagne al cavallo

circuito alimentare. Di per sé la carne di cavallo non ha nulla di scandalosoehapienalegittimità ad essere immessa nel mercato dellacarnecommestibile;ildiscriminenonèl’animaleinsemala “destinazioned’uso”chel’allevatoreintendefarnedopolanascita. Unpuledroneonatoha24oredi

tempo per essere dichiarato dal proprio allevatore dedito all’uso sportivoomeno,eunavoltacomunicataalleautoritàladestinazioneprescelta,ladecisionenonè piùreversibile.Sullabasedelladestinazione selezionata il cavallo vienesottopostoatrattamentidiversipercure,vaccinazioniesoprattuttonutrizione.Uncavalloda corsasubisceunaltrociclodicure rispettoadunoperusoalimentare enonèritenutoadattoperlafiliera nutrizionale. Per una volta le vicende italiane vannodiparipassoaquelleeuropee;ilfattocheanchelanordica Ikeaavessenellepropriepolpette carnedicavalloecheinInghilterra lelasagneFindustuttocontenesserofuorchécarnebovina,dimostra come l’Europa, che politicamentenonriscuotetributi direttidaipaesidell’Unioneall’infuoridelsettoreagricolo,abbiane-

gligentementetagliatofuoril’equitazionedallepropriepriorità,esattamentecomel’Italia.Laposizione espressadalCommissarioeuropeo perlaSalute,TonioBorg,alterminedeldibattitosulloscandalo dellacarnedicavallodavantialla plenariadelParlamentoeuropeoa Strasburgopuòsintetizzarsicosì: piùcontrollieasanzionipiùrigorosepergarantirelasicurezzadella catena alimentare europea, ma senzaasmantellareilsistemaeminareilmercatounico.Anchesul piano sanzionatorio le multe devonoesserealmenopariaiguadagni illeciti, altrimenti conviene frodareinunsettoredovela“tentazione” dell’illegalità è sempre statainagguato,conbuonapace degli allevatori e delle scuderie oneste.Ementrelevenditedicibi precottiabasedicarnecrollanodi oltreil30%,leleggiinmateria,sia italianechestraniere


periodico numero 29:Periodico numero 27 27/03/2013 14.34 Pagina 20

il Periodico LUMSANEWS

20

ROMA

DalColosseoallaFontanadiTrevi,eccochifinanziailavoridirestauro di Domenico Mussolino

Mecenati a Roma

Monumentidaproteggere DopounoscreeningcompletodellaFontanadiTrevi, cheametàagostohaimplicatolachiusuradell'acqua,il sindacoAlemannohaannunciatoicostiperunrestauro complessivodelmonumento:duemilioniemezzodi euro.Ilprimopasso–secondoilsovrintendentediRoma Capitale,UmbertoBroccoli-consistenell’identificare “tuttiglistratideirestauriprecedenti,chevannorimossi, einterveniresuquesti”.Inunsecondomomentobisogna localizzare“levariefessurazioniecistannolavorando gliarchitettidellesovrintendenze”.“Questoèunlavoro –haproseguitoBroccoli-chesifadaanniesonocose cheabbiamosufficientementesottocontrollo”.(DM) primaalTaredoraalConsiglio di Stato. Sotto accusa erano finite le operazioni pocotrasparentichehanno condotto ad attribuire il finanziamentodeilavoriproprioaTod’s.“Nonc’èchi nonveda–sileggenelri-

corso dell’associazione comel'assolutagenericitàe vaghezza dell'originario bando abbia consentito, in mododeltuttoarbitrario,l'affidamento al gruppo Tod's nonostante inizialmente la propostaformulataerastata

consideratanonidonea.”“Il Colosseo–affermailpresidente del Codacons Carlo Rienzi-rischiadidivenire beneprivatosenzaavervalutato altre offerte, magari economicamentepiùvantaggiose. Per tale motivo abbiamo chiesto al Tar di sospendere la sponsorizzazioneedifarechiarezzasulla gestione dell'intera operazione,cheallostatosembra portarevantaggiunicamente all'imprenditoreDiegoDella Valleeallesueaziende”.Il ricorsoèstatoperòrigettato. Le cifre in ballo non sono piccole.Leprecisalastessa azienda:“Tod'sspasiimpegnaafinanziarelarealizzazione del Piano degli interventimettendoadispo-

sizioneunasommadidenaro onnicomprensiva pari a 25 milionidieuro.Ilpagamento del contributo sarà erogato alleimpreseappaltatricisulla base degli stati di avanzamento dei lavori approvati dalcommissariodelegatoe dallasoprintendenza”. PerlaFontanadiTreviilfinanziamentoprevistosupera laquotadeiduemilionidi euro.Ilavoridovrebberodurare20mesiconcompletamento entro il 2015. Ma ancheperFendisièparlato diunclimadiamiciziaben poconascostafrailsindaco eidirigentidellamaison.Il pericoloècheimonumenti venganovendutinonalmigliore offerente, ma al miglioramico.

Comedifenderedaltrafficol’anfiteatroFlavio di Manuela Moccia Sarà laGherardiS.p.a.adoccuparsideilavori direstaurodelColosseo.AdeciderloilConsigliodiStato,alqualesieraappellata,comeultima chance prima che la pubblicazione dell’ultimasentenzadelTar,datata5febbraio 2013,rendessedefinitivalavittoriadellaGherardi,ladittaarrivatasecondaallagarad’appalto,laLucciImpresadicostruzioniSrl.La sentenzadellaVIsezionedelConsigliodiStato hastabilitoche:“all’esitodiunavalutazione comparativadegliinteressiimplicatinellavicendapercuiècausa,deveessereattribuitaprevalenzaagliinteressipubbliciinerentialla,per quanto possibile, celere realizzazione delle

opereoggettodellaproceduradigara”,rimandandoladecisionedefinitivaal18Giugno.E cosìl’infinitoiterdeiricorsiamministrativi,che dadueannibloccanol’avviodelrestauro,non sièancoraconclusoancheseilavoripossono iniziare. LaGherardilavoreràsullesezioninordesud delColosseoerealizzeràlecancellateaprotezione del primo ordine di archi: valore dell’opera8milioni,circaunterzodell’intervento complessivodirestaurodelmonumentofinanziatodallaTod’sdiDiegodellaValleper25milionidieuro.IlrestaurodelColosseo,previsto nelbiennio2013-2014,prevedeanchelarealizzazionediun’areapedonaleattornoalmonumentopropriopersalvaguardarlodasmogele

vibrazioni del traffico. Negli ultimi tempi le condizionidell’anfiteatroFlaviohannodestato preoccupazioneperlacadutadialcuniframmentidallearcatepiùalte.Madopounsopral luogo, al quale hanno partecipato tecnici del Campidoglio,laSoprintendenzaarcheologicae ivigiliurbani,inunanotasièvolutoribadire che“allalucedeimonitoraggicontinuicondotti sullesuperficilapidee-haaffermatoilSoprintendenteaibeniarcheologicidiRoma,MariarosariaBarbera-ilcomportamentostrutturale complessivodelColosseonondestapreoccupazioni”.Conquasiseimilionidivisitatoriogni anno,ilColosseoèilpiùfrequentatositoitalianod’arteecultura;maèanchetraquelliche piùditantialtrihabisognodicure.

RegistrazioneTribunaleRoman.585/99del13dicembre1999-PosteItalianeSpa-Sped.Abb.Post.70%-DCBRoma-Stampa:Domograf,Roma

DopoilColosseoelaPiramidetoccaancheallaFontana diTrevi. Il sindaco di RomaGianniAlemannoha deciso di finanziare il restaurodelmonumentoconi fondidiunprivato,lacasadi modaFendi.Perilavoridel Colosseo,l’accordoerastato raggiuntocolgruppoTod’s diDiegoDellaValle.Mentre perlaPiramideCestiasiera arrivatiachiederefondiaddiritturaalgiapponeseYuzo Yagi, titolare della Tsusho Ltd,marchiodiesportazione ditessiliitalianinelpaesedel sollevante.Maleconsegne suscitanopolemiche. Nontutticredonoallospirito danuovimecenatidegliimprenditori. I finanziamenti arrivanoincambiodellapresenzasulleimpalcaturedel marchio delle aziende che sovvenzionanoilavori.AlmenosulColosseosaràcosì. Obiettivo:ottenerepubblicità internazionale. Per la Fontana di Trevi il sindaco di RomaGianniAlemannoha parlatoinvecedi“undono assoluto,senzariscontrodi sponsorizzazioneesenzainserzionipubblicitarie”.Maè statocostrettoaspecificare che “ci sarà un cartello 30x40cheinformeràcheil restauro è finanziato da Fendi”.Cosìsidiscutesull'opportunitàcheunmarchio privato e commerciale appaiasuunpatrimonioculturale pubblico. Il caso del ColosseoavevaprovocatoricorsidapartedelCodacons,


Periodico numero 29