Issuu on Google+

“Memoria”  

(  frammen)  )  

Intra  Landoj,  2013  anno  I,  Maggio,  n°  4  


Intra  Landoj   Rivista  (digitale  ma  non  troppo)  di  Culture   2013,  Anno  I,  Maggio,  N.  QuaEro.     Immagine  di  coperGna:  Cecilia  Ferlito.   Logo:  Cecilia  Ferlito   Direzione:  Ferlito  Cecilia,  Lai  Lucio.     ContaL:     www.intralandoj.jimdo.com     www.facebook.com/luciolaihomegallery     www.facebook.com/pizia.ridens     intralandoj@gmail.com     nespolaproject@mail.com  


“Oggi   mi   sveglio,   apro   la   tenda,   cielo   grigio-­‐Olanda,   tuEo   piaEo,   normale   e   pacificamente   sicuro,   that's  Holland.”  


I     N     D     I     C     E  


“Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile,   nessuna   festa   qui,   al   massimo   un   po'   di   trepidazione   per   l'incoronazione  del  Principe,  dopo  che  la  regina  Beatrix  ha  abdicato,  perché  è  giusto  che  il  reggente   del  trono  sia  giovane  e  nel  pieno  delle  forze,  capace,  per  esempio,  di  poter  affrontare  una  possibile   crisi   parlamentare,   perché   il   re,   quassù,   in   caso   di   disaccordo   poliGco,   funge   da   mediatore   tra   le   parG;  pragmaGsmo  nord  europeo.”  


Il  Sogno  dell’Isola,  dalla  Redazione  

Memoria (frammenti)

-dalla Redazione-

Approdare  sull’Isola.   Dopo  un  viaggio  di  circa  10  mesi  “verso  l’Isola”  il  gioco  di  Intra  Landoj  sbarca  sull’Isola,  prima  come   come  sogno  (si  veda  il  numero  precedente)  e  poi  come  indagine  sul  Territorio.  Prima  ci  lasciamo   frastornare  dalla  “Scoperta  di  un  Nuovo  Mondo”  e  poi,  aEraverso  l’osservazione,  come  da  fermi,   indagare  sulla  nuova  Terra,  a  parGre  da  ciò  che  Essa  racconta,  con  le  zolle  al  sole  e  con  le  sue  rughe   narranG.     Il   Numero   odierno   si   presenta   in   frammenG,   di   Memoria,   come   un   tentaGvo   di   immaginare   fotogrammi  mancanG,  perduG,  di  una  vecchia  pellicola.    


Copertina Perché (quasi un’intervista, con Cecilia Ferlito)

-dalla RedazioneNovità   di   questo   numero,   non   le   annunciamo   sempre,   di   Intra   Landoj,   “CoperGna   Perché”,   apre   le   porte   al   pubblico   ad   una   delle   fasi   più   cruciali   della   composizione   della   Rivista,   da   sempre   nel   mondo   editoriale:   la   Prima   Pagina  o  CoperGna.  

La   prima   scelta   era   tesa   ad   un   soggeEo   reGcolare   che   desse   movimento   ciclico,   ma   nella   mente   di   quel   Lai   c’era   più   convintamente   l’immagine   della   manina,   tesa   a   chiedere,   a   cercare  briciole.   Durante   la   discussione   è   stato   lampante   il   ricordo   della   mano   del  Cellini.  Non  preoccupatevi,  è  il  nome  “d’ufficio”  con  cui  ci   riferiamo   allo   scaEo   di   Cecilia   Ferlito   alla   mano   di   Medusa   decapitata   da   Perseo,   di   Benvenuto   Cellini,   appunto,   che   ripercorre   il   conceEo   espresso   appena   sopra.   Sicuramente   non  è  tesa  a  cercare  briciole  ma,  estrapolata  dal  contesto  in   cui  è  nata,  manifesta  la  ricerca  di  cui  ci  sGamo  occupando.   Cecilia   porta   l’esempio,   chiaro,   del   contaEo   tra   Dio   e   l’Uomo,   nella   SisGna,   da   opporre   a   tale   visione   della   mano,   da   ricordare   che   deve   essere   totalmente   discinta   dall’opera   del   Cellini.   Con   la   sola   mano   Cecilia   permeEe   all’uomo   il   contaEo   con   l’uomo   stesso.   Esso   trova   finalmente   il   contaEo   con   l’unica  cosa  che  ha  di  concreto:  se  stesso.  


“Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile,  e  la  mia  nazione  incorona  un  nuovo  re,  occultante  e  occultato,  e  alla   faccia  di  ogni  carta  cosGtuzionale,  mischia  potere,  concussioni,  interessi  personali  e  privilegi  in  un   cocktail  per  brindare  al  nulla  di  faEo,  con  buona  pace  del  popolo  pagante.”  


“Egli  non  è  più  della  terra,  ma  permane  in  quale  luogo?  Esisterà  davvero  un  luogo  per  i  San)?   Dio  esiste…  l’universo  è  stato  creato  da  lui.  E  a  chi  serve  l’universo?  Se  il  genere  umano…  se   l’umanità  scomparisse  l’universo  sarebbe  inu)le.  O  forse  ha  una  sua  funzione  al  di  là   dell’esistenza  degli  uomini?  Noi…  noi  vogliamo  imitare  Dio,  perciò  esistono  gli  ar)s).  Gli  ar)s)   vorrebbero  ricreare  il  mondo,  come  fossero  piccoli  dei.  E  fanno  una  serie  di…  fanno  un   con)nuo  ripensare…  sulla  Storia,  sulla  vita,  su  tuLo  quello  che  succede  quaggiù…  o  su  quello   che  la  gente  crede  sia  successo,  solo  perché  crediamo…  si,  perché  alla  fin  fine  noi  crediamo   nella  memoria.  Perché  tuLo  è  passato.  E  ci  garan)sce  che  quello  che  immaginiamo  sia   passato,  sia  passato  realmente.  A  chi  dovremmo  chiedere?...  Questo  mondo,  questa  ipotesi,   allora  è  un’illusione.  La  sola  cosa  vera  è  la  memoria,  ma  la  memoria  è  un’invenzione…  in  fondo   la  memoria  intendo  dire,  nel  cinema,  nel  cinema  la  cinepresa  può  fissare  un  momento,  ma   quel  momento  è  già  passato.  In  fondo,  quello  che  fa  il  cinema  è  far  arrivare  il  fantasma  di  quel   momento.  E  abbiamo  la  certezza  che  quel  momento  sia  esis)to  al  di  fuori  della  pellicola?  O  la   pellicola  è  la  garanzia  dell’esistenza  di  quel  momento?  Non  lo  so…  O  diciamo  che  ne  so  sempre   di  meno.  Viviamo,  insomma,  in  dubbio  permanente.  Per  il  momento  viviamo  con  i  piedi  per   terra,  mangiamo,  gus)amo  la  vita…”                    Manoel  de  Oliveira    


“Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile,   giorno   della   liberazione.   Molto   tempo   fa'   ad   alcuni   schiavi   veniva   data   la   possibilità   di   conquistarsi   la   propria   libertà   di   uomo   combaEendo   sul   campo   per   poter   morire  con  dignità,  senza  padroni.”  


Isole  nella  Memoria,  Giuseppe  Panella  

Isole nella Memoria -Giuseppe Panella-

A  Mnemosyne,  madre  delle  Muse     La   memoria   è   plasGca,   mai   conGnua   o   ininterroEa.   Si   ferma,   poi   riprende,   poi   annuncia   un’interruzione  di  percorso  che  non  si  sa  quando  potrà  essere  operaGva.  Quello  che  si  dimenGca,   tuEavia,   non   è   mai   perso   per   sempre   ma   riposa   su   un   fondo   indisGnto   e   compresso   quanto   si   vuole   ma   capace   di   comprendere   al   suo   interno   tuEo   ciò   che   in   un   qualche   momento,   in   un   qualche  modo,  è  stato  presente  alla  mente.  Lo  sa  bene  Harry  Haller  quando  nella  parte  finale  del   Lupo   della   steppa   di   Hermann   Hesse   (1927)   si   lascia   alleEare   dalle   locandine   del   “Cinema   naturale”,   il   palazzo   dello   speEacolo   che   gli   promeEe   visioni   mirabolanG   del   suo   passato   e   del   suo   futuro.  


Isole  nella  Memoria,  Giuseppe  Panella  

Ma   quello   che   vedrà   realmente   sarà   il   fruEo   dell’elaborazione   della   sua   memoria   –   vedrà   i   suoi   ricordi   proieEaG   sullo   schermo   di   quel   luogo   magico.   Su   di   esso   troverà,   infaL,   riprese   direEamente   dalla   sua   mente,   le   immagini   di   tuEe   le   donne   della   sua   vita,   da   quelle   appena   intraviste  appena  un  aLmo  e  appena  accarezzate  con  uno  sguardo  a  quelle  con    le  quali  le  carezze   sono  andate,  in  maniera  più  o  meno  efficace,  oltre  la  pura  contemplazione  o  il  contaEo  fuggevole:       «Mi   comparivano   davanG   le   figure   delle   donne   che   avevo   amato,   desiderato  e  cantato,  delle  quali  però   soltanto   poche   avevo   raggiunto   e   cercato   di   fare   mie.   Quelle   visioni,   con   o   senza   nome,   ritornavano   tuEe.   E  io  capivo,  dopo  averlo  dimenGcato   nella   mia   lunga   miseria,   che   erano   il   vero  possesso  e  valore  della  mia  vita,   che   si   erano   conservate   incorruLbili,   che  erano  avvenimenG  diventaG  astri   del   firmamento   che   io   potevo   scordare   ma   non   cancellare,   e   la   cui   serie  rappresentava  la  leggenda  della   mia  vita,  il  valore  indistruLbile  della   Foto:  ScriLura,  Cecilia  Ferlito   mia  esistenza»  


Isole  nella  Memoria,  Giuseppe  Panella  

Lo   stesso   accadrà   a   Norman   Price,   lo   sceneggiatore   protagonista   di   Scegli   il   tuo   nemico   di   Mordecai   Richler   che   ogni   volta   che   si   trova   di   fronte   a   difficoltà   esistenziali   apparentemente   insormontabili   –   in   questo   caso   acceEare   il   faEo   che   suo   fratello   è   stato   ucciso,   anche   se   involontariamente,  da  un  giovane  tedesco  scappato  poi  a  Londra  dove  ha  imbasGto  una  relazione   affeLva  intensa  e  coinvolgente  con  una  ragazza  che  lui  considerava  la  sua  possibile,  futura  moglie   –  perde  la  memoria  e  si  ritrova  totalmente  alla  merce  di  crisi  (anche  se  brevi)  di  amnesia.   Norman  “uGlizza”  le  ferite  riportate  durante  una  missione  aerea  avvenuta  all’epoca  della  Seconda   Guerra   Mondiale   per   cancellare   tuEo   ciò   che   non   può   prendere   in   considerazione   come   realtà   avvenuta  e  non  più  riconducibile  sui  binari  della  precedente  normalità.   Il   faEo   è   che   la   normalità   come   tale,   ovviamente,   non   esiste   e   che   il   tempo   è   faEo   tuEo   di   emergenze,   spesso   occasionali,   talvolta   richieste   dalle   situazioni   e   dalle   possibilità   in   aEo,   probabilmente   relaGve   e   sempre   singolari,   personali,   irripeGbili.   L’emergenza   del   tempo   è   la   forma   più   intensa   in   cui   si   dispiega   la   memoria,   in   cui   questa   espressione   assoluta   della   nostra   mente  si  presenta  come  la  forma  indispensabile  della  nostra  vita.   E’   per   questo   moGvo   che   la   memoria   naviga   nel   mare   infinito   e   incerto   della   vita   come   una   floEa   desGnata   a   non   approdare   in   alcun   porto   o,   meglio,   come   un’isola   nella   corrente   del   tempo,   spesso  risospinta  indietro  a  cercare  ragioni  virtù  e  progeL  apparentemente  perduG  per  sempre.   Le  isole  della  memoria  rappresentano  ciò  che  forse  di  noi  resterà  ancora  quando  il  nostro  tempo   sarà   spento   o   sospeso.   E’   per   questo   che   bisogna   riuscire   a   trasformarle   in   sogni   che   siano   capaci   di  durare  almeno  un  po’…  


“Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile,  mio  nonno  imbracciava  un  fucile  e  combaEeva  per  la  sua  libertà  e   molto  tempo  dopo  è  andato  a  servirli,  i  tedeschi,  nelle  miniere,  perché  almeno  nel  lavoro  trovava   una   dignità   che   già   allora   la   sua   Pen-­‐Isola   non   garanGva.   Mio   nonno   era   un   combaEente,   combaEeva  per  la  sua  libertà  e  per  la  dignità  della  sua  famiglia.”  


Lisbon  Story,  Giacomo  Fusini  

Lisbon Story -Giacomo FusiniUn   fonico   tedesco,   con   gamba   ingessata,   parGcolare   da   non   trascurare,   trova   nella   posta   arretrata   una   cartolina   dell’amico   regista   che   lo   invita   a   sonorizzare   un   film.   DesGnazione   Lisbona.   Con   tanto   di   traversie   in   automobile,   con  un  bel  po’  di  ritardo,  dopo  aver  aEraversato   mezza   Europa,   il   Signor   Inverno,   Winter,   giunge   nella   residenza…   dell’   amico   Fritz.   “Frederico”   non   c’è,   non   si   trova;   il   fonico   comincia   a   visionare  il  materiale  girato,  con  una  macchina  a   ripresa   di   manovella   fornita,   come   se   i   Cento   anni   dalla   nascita   del   Cinema   non   fossero   passaG.   Il   tempo   passa   e   Winter   conosce   collaboratori   bambini   presunG   del   regista,   il   Gruppo   musicale   “Madredeus”,   esistente   fuori   dalla   Pellicola,   incaricato   di   scrivere   la   colonna   sonora   del   film.   Col   suo   gesso,   il   caro   fonico   si   snoda  tra  le  vie  della  ciEà  registrando  i  suoni  per   poi   meEerli   in   colonna   nello   studio   arrangiato   nella  Residenza.  

Istantanea  dal  Film  Lisbon  Story.  


Lisbon  Story,  Giacomo  Fusini  

Quando  i  due  amici  riescono  ad  incontrarsi,  Frederico  confessa  con  spavalda  innocenza  di  non  fare   più  quel  film  ed  essere  passato  ad  un  esperimento  che  non  prevede  l’occhio  dietro  una  telecamera   e   non   prevede   di   guardare   i   nastri   registraG.   Winter   convince   l’amico   a   tornare   al   progeEo   originario.   Era   il   1994   quando   la   luce,   aEraverso   le   pizze  di  celluloide,  proieEava  sugli  schermi   “Lisbon   Story”,   opera   firmata   da   Wim   Wenders.   “Abbiamo  appena  finito  il  pezzo…  si  chiama   “Tejo”  (“O  Tejo”  nei  Gtoli  -­‐n.  d.  r.),  parla  del   fiume,  dice  che  “il  Tejo”  è  il  solo  tesGmone   delle  nostre  vite,  non  la  ciEà”.   Esterno  giorno,  sul  finire.  Un    componente   dei   Madredeus   spiega   a   Winter   l’ulGma   canzone  composta,  prima  di  parGre  per  un   Tour.   Se  il  fiume  è  il  tesGmone  delle  nostre  vite,  è   anche   depositario   della   memoria.   Per   sua   semplice   natura   l’acqua   si   mescola   a   se   Istantanea  dal  Film  Lisbon  Story.   stessa,  diviene  memoria  colleLva  e  in  ogni   dove   essa   arrivi,   in   ogni   goccia,   porta   Cecilia,   aEraverso   lo   scaEo   “ScriEura”   incontrato   lambendo   sponde   con   suo   prezioso   poco   fa   nell’arGcolo   di   Giuseppe   Panella…,   patrimonio:  noi.  Sembra  assurdo,  ricorda   individuare  l’acqua,  così  volubile,  come  immagine  


Lisbon  Story,  Giacomo  Fusini  

della  memoria,  ma  è  acqua  che  scrive  le  nostre  vite.   A  chiudere  questo  piccolo  cerchio  viene  in  aiuto  Oliveira,  incontrato  all’inizio  del  Numero.   Tra  le  numerose  perle  in  questo  film  c’è  la  “comparsa”  di  Manoel  de  Oliveira.  La  citazione  riportata   precedentemente  è  la  trascrizione  fedele  dai  soEoGtoli  del  suo  intervento  nella  pellicola.  A  circa  un   secolo  dall’”invenzione”  del  Cinema,  il  Regista  regala  un’opera  omaggio,  non  solo  a  Lisbona,  ma  al   cinema   intero,   ripercorrendolo,   dalla   “Manovella”   alle   macchineEe   super   automaGche   portaGli   digitali…   Il   periodo   coincide   anche   con   la   morte   di   Federico   Fellini   e   i   riferimenG   e   l’omaggio   al   regista   scomparso   è   chiaro   dall’inizio   alla   fine,   dove,   tra   i   Gtoli   di   coda   compare   un   commovente   “CIAO   FEDERICO”,  come  scriEo  su  uno  dei  muri,  scrostaG  e  blu,  della  Residenza  citata  prima.   Oliveira  è  reale,  è  un  regista  navigato,  un  uomo  faEo  e  con  il  fiatone  e  voce  pastosa  ha  possibilità  di   fornire  una  riflessione  sull’esistenza,  il  Cinema,  l’Arte,  la  Memoria.       “[…]  alla  fin  fine  noi  crediamo  nella  memoria.  Perché  tuLo  è  passato.  E  ci  garan)sce  che  quello  che   immaginiamo  sia  passato,  sia  passato  realmente.  A  chi  dovremmo  chiedere?...  Questo  mondo,   questa  ipotesi,  allora  è  un’illusione.  La  sola  cosa  vera  è  la  memoria,  ma  la  memoria  è   un’invenzione…  in  fondo  la  memoria  intendo  dire,  nel  cinema,  nel  cinema  la  cinepresa  può  fissare   un  momento,  ma  quel  momento  è  già  passato.  In  fondo,  quello  che  fa  il  cinema  è  far  arrivare  il   fantasma  di  quel  momento.  E  abbiamo  la  certezza  che  quel  momento  sia  esis)to  al  di  fuori  della   pellicola?  O  la  pellicola  è  la  garanzia  dell’esistenza  di  quel  momento?”      


Lisbon  Story,  Giacomo  Fusini  

In  questa  sospesa  riflessione,  dal  sapore  di  qualcosa  che  è  già  cominciato,  come   una   catena   di   nuvole   che   si   richiamano   diradanG,   per   quanto   l’arGcolazione   dell’espressione   possa   essere   un   po’   molle,   il   conceEo   in   essa   espressa   è   decisamente   limpido.   In   pochi   gustosi   suoni,   Manoel   fornisce   svariaG   spunG   sulla   quesGone   esistenziale   e   conclude,   invito   a   dare   peso   alle   parole   di   un   saggio,  con  l’umiltà  che  lo  contraddisGngue:           “[…]  Non  lo  so…  O  diciamo  che  ne  so  sempre  di  meno.  Viviamo,  insomma,  in   dubbio  permanente.   Per  il  momento  viviamo  con  i  piedi  per  terra,  mangiamo,  gus)amo  la  vita…”           L’introduzione   potrebbe   risultare   un   po’   lunga   rispeEo   allo   scorrere   della,   piccola,  disquisizione,  ma  concludendo  adesso,  lascio  il  LA  per  tracciare  future   immagini  e  riflessioni  a  parGre  dalla  medesima  opera.   Vado,   il   pranzo   è   pronto.   Si,   il   Fusini   scrive   la   maLna   e   non   la   sera   come   qualcun  altro,  vero  Lai?  


“Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile   e   il   popolo   è   silente.   Facce   imbelleEate   e   uomini   pieni   di   orgoglio   nazionale  dicono  di  non  dimenGcare,  di  non  offendere,  di  ringraziare  chi  in  quel  lontano  25  aprile  ci   regalò  la  libertà  di  poterci  esprimere.  Ma  ci  dicono  di  stare  ziL  perché  quello  che  sentono  a  loro   non  piace,  è  fuori  luogo,  reazionario  e  incongruo.”  


La  mia  mente.  La  mia  Isola.,  Salvo  Pistone  Nascone  

La mia Mente. La mia Isola. -Salvo Pistone NasconePrimavera.   Mi  rilasso  e  mi  stresso.   Il  dolce  dormire  e  il  quieto  vivere,  passando  per   quelle   giornate   così   stancanG   da   voler   desiderare   soltanto   un   materasso   da   quaEro   soldi.   Senza  pensare  alla  poliGca  o  alla  non  poliGca.   MeLamo  in  mezzo  un  po'  di  25  aprile  dove  ci   hanno  liberato  (anche  se  ho  tanta  voglia  di   capire  quando  libereremo  noi  stessi)  e  di  Primo   Maggio  (festa  dei  lavoratori?).     L'isola  insegue  i  miei  stessi  sogni,  le  mie  stesse     utopie.  La  mia  isola  si  idenGfica  così  con  la  mia     chimera.   Sorride  insieme  a  me  e  con  me  guarda     Foto,  Salvo  Pistone  Nascone   disincantata  il  mondo.     Dove  volgo  lo  sguardo,  Lei  lo  volge  con  me.  Non  mi  lascia  mai  solo,  mi  fa  compagnia,  mi  insegue,  mi   caEura,  mi  inebria.  Forse  mi  ama.  Forse  è  solo  passione.  Forse  è  solo  illusione.  Ma  chi  se  ne  frega!   E'  con  me  e  io  con  lei.  Non  importa  quanto.  Non  importa  come.  


La  mia  mente.  La  mia  Isola.,  Salvo  Pistone  Nascone  

Lei  è  sempre  lì,  palpabile,  tangibile,  concreta.   Nulla   di   divino,   nulla   di   astraEo,   nessun   volo   pindarico   o   speculaGvo.   Non   è   né   mito   né   leggenda.   O   meglio:   essa   è   diventata   mito   e   leggenda   insieme   grazie   alla   sua   concretezza,   alla   sua   passione,  a  ciò  che  riesce  a  suscitare  e  far  provare.  Una  sorta  di  stregone  ma  anche  un  po'  di   fata.   Provoca  spaesamento  ma  mai  noia.   E'  sempre  lì,  bella  più  che  mai,  sfavillante  e  colorata,  a  metà  strada  tra  il  giallo,  il  verde,  il  rosso   e  il  blu.  La  mia  isola  è  arcobaleno,  portatrice  insieme  di  speranza,  pace  e  solidarietà  (impara   umanità!).   Non   è   mai   sola.   È   di   tuL   e   di   nessuno.   È   mia   ma   anche   loro.   Ma   non   si   può   essere   gelosi   della   mia  isola:  non  lascia  mai  soli  e  il  suo  amore  non  è  unilaterale,  non  è  i-­‐solato.   Ama  tuL  e  tuL  amano  lei.  Ferita,  ripudiata,  colpita  quasi  a  morte,  soffocata…   Lei  ha  sempre  trovato  la  forza  e  il  coraggio  di  rialzarsi  e  conGnuare  a  loEare  perché  niente  è   perduto,  nulla  è  finito,  tuEo  è  amore.       La  mia  mente.  La  mia  isola.  


“Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile  e  se  oggi  si  svegliassero  anche  i  parGgiani  e  vedessero  cosa  ne  hanno   faEo  della  loro  loEa  si  arrabbierebbero,  ma  parlando  con  il  popolo  sovrano  credo  che   piangerebbero,  non  trovando  in  esso  nessun  approdo  verso  la  loro  Isola,  sognata,  sofferta  e   conquistata:  l'isola  della  libertà.  E  forse  se  ne  andrebbero,  come  mio  nonno,  come  me  e  come  molG   altri  verso  una  dignità  più  giusta.”  


Risveglio,  Luca  Bellucci  

Risveglio. -Luca Bellucci    Oggi  mi  sveglio,  apro  la  tenda,  cielo  grigio-­‐Olanda,  tuEo  piaEo,  normale  e  pacificamente  sicuro,  that's  Holland.     Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile,   nessuna   festa   qui,   al   massimo   un   po'   di   trepidazione   per   l'incoronazione   del   principe,  dopo  che  la  regina  Beatrix  ha  abdicato,  perché  è  giusto  che  il  reggente  del  trono  sia  giovane  e  nel  pieno   delle  forze,  capace,  per  esempio,  di  poter  affrontare  una  possibile  crisi  parlamentare  perché  il  re  quassù,  in  caso  di   disaccordo  poliGco,  funge  da  mediatore  tra  le  parG;  pragmaGsmo  nord  europeo.       Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile,   e   la   mia   nazione   incorona   un   nuovo   re,   occultante   e   occultato,   e   alla   faccia   di   ogni   carta  cosGtuzionale  mischia  potere,  concussioni,  interessi  personali  e  privilegi  in  un  cocktail  per  brindare  al  nulla  di   faEo  con  buona  pace  del  popolo  pagante.      Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile,  giorno  della  liberazione.  Molto  tempo  fa'  ad  alcuni  schiavi  veniva  data  la  possibilità   di  conquistarsi  la  propria  libertà  di  uomo  combaEendo  sul  campo  per  poter  morire  con  dignità,  senza  padroni.    Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile,  mio  nonno  imbracciava  un  fucile  e  combaEeva  per  la  sua  libertà  e  molto  tempo   dopo  è  andato  a  servirli,  i  tedeschi,  nelle  miniere,  perché  almeno  nel  lavoro  trovava  una  dignità  che  già  allora  la   sua  Pen-­‐Isola  non  garanGva.  Mio  nonno  era  un  combaEente,  combaEeva  per  la  sua  libertà  e  per  la  dignità  della   sua  famiglia.       Oggi   mi   sveglio,   è   il   25   aprile   e   il   popolo   è   silente.   Facce   imbelleEate   e   uomini   pieni   di   orgoglio   nazionale   dicono   di   non   dimenGcare,   di   non   offendere,   di   ringraziare   chi   in   quel   lontano   25   aprile   ci   regalò   la   libertà   di   poterci   esprimere.   Ma   ci   dicono   di   stare   ziL   perché   quello   che   sentono   a   loro   non   piace,   è   fuori   luogo,   reazionario   e   incongruo.      Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile  e  se  oggi  si  svegliassero  anche  i  parGgiani  e  vedessero  cosa  ne  hanno  faEo  della  loro   loEa   si   arrabbierebbero,   ma   parlando   con   il   popolo   sovrano   credo   che   piangerebbero,   non   trovando   in   esso   nessun  approdo  verso  la  loro  Isola,  sognata,  sofferta  e  conquistata:  l'isola  della  libertà.  E  forse  se  ne  andrebbero,   come  mio  nonno,  come  me  e  come  molG  altri  verso  una  dignità  più  giusta.                                                            Oggi  mi  sveglio,  è  il  25  aprile  e  il  mio  popolo  dorme.  


?  


Intra Landoj Numero Quattro