Issuu on Google+

SANTISSIMA TRINITÀ - ANNO A (bianco) 15 GIUGNO 2014 io ha tanto amato il mondo da dare il Figlio». La Trinità non è un mistero della logica umana o il risultato di un’addizione. È il volto che Gesù ci ha rivelato dell’intimo mistero di Dio. Gesù, infatti, ha distinto se stesso dal Padre e dallo Spirito Santo, benché lo Spirito sia il legame del loro amore reciproco. L’intima vitalità di Dio, indipendente dal mondo, che l’Antico Testamento aveva già conosciuto, divenne con l’incarnazione del Figlio non solo conoscibile al mondo, ma il mondo ne divenne partecipe, non con l’essere assorbito in Dio, ma in quanto potè entrare nell’eterna circolazione dell’amore in Dio.

«

D

ANTIFONA D’INGRESSO

in piedi

Sia benedetto Dio Padre, e l’unigenito Figlio di Dio, e lo Spirito Santo: perché grande è il suo amore per noi. Cel. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ass. Amen Cel. La grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo, siano con tutti voi. Ass. E con il tuo spirito

ATTO PENITENZIALE Cel. Fratelli e sorelle, il Signore perdona le nostre colpe e ci invita a vivere in comunione tra di noi. (Breve pausa di silenzio) Cel. Pietà di noi, Signore. Ass. Contro di te abbiamo peccato Cel. Mostraci, Signore, la tua misericordia Ass. E donaci la tua salvezza Cel. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Ass. Amen Cel. Signore, pietà Ass. Signore, pietà Cel. Cristo, pietà Ass. Cristo, pietà Cel. Signore, pietà Ass. Signore, pietà

INNO DI LODE Cel. Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio,

Agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo nella gloria di Dio Padre. Amen.

COLLETTA Cel. O Dio Padre, che hai mandato nel mondo il tuo Figlio, Parola di verità, e lo Spirito santificatore per rivelare agli uomini il mistero della tua vita, fa’ che nella professione della vera fede riconosciamo la gloria della Trinità e adoriamo l’unico Dio in tre persone. Per il nostro Signore Gesù Cristo... Ass. Amen Oppure Padre, fedele e misericordioso, che ci hai rivelato il mistero della tua vita donandoci il Figlio unigenito e lo Spirito di amore, sostieni la nostra fede e ispiraci sentimenti di pace e di speranza, perché riuniti nella comunione della tua Chiesa benediciamo il tuo nome glorioso e santo. Per il nostro Signore Gesù Cristo... Ass. Amen

La prima lettura presenta Jhwh come un Dio ricco di amore e di misericordia. Mosè lo sente vicino e pieno di grazia. Jhwh cammina in mezzo al suo popolo e perdona le sue colpe. La seconda lettura riprende il saluto tipico di Paolo e l’invito alla gioia, alla comunione, alla speranza, nonché all’aiuto reciproco. Il Vangelo presenta il dialogo tra Gesù e Nicodèmo: Dio ha tanto amato il mondo da dare il


Figlio unigenito per la salvezza di tutti. All’origine della missione e venuta di Gesù c’è l’amore misericordioso del Padre.

PRIMA LETTURA

Seduti

CANTO AL VANGELO

in piedi

Alleluia, alleluia. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, a Dio, che è, che era e che viene. Alleluia.

Dal libro dell’Èsodo (34,4b-6.8-9) In quei giorni, 4bMosè si alzò di buon mattino e salì sul monte Sinai, come il Signore gli aveva comandato, con le due tavole di pietra in mano. 5 Allora il Signore scese nella nube, si fermò là presso di lui e proclamò il nome del Signore. 6Il Signore passò davanti a lui, proclamando: «Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà». 8Mosè si curvò in fretta fino a terra e si prostrò. 9Disse: «Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, Signore, che il Signore cammini in mezzo a noi. Sì, è un popolo di dura cervìce, ma tu perdona la nostra colpa e il nostro peccato: fa’ di noi la tua eredità». Parola di Dio. Ass. Rendiamo grazie a Dio

VANGELO

SALMO RESPONSORIALE (Dn 3,52-56)

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili ed invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, (si china il capo) e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato, secondo le Scritture, è salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.

Rit. A te la lode e la gloria nei secoli!

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri Rit. nostri. Benedetto il tuo nome glorioso e santo. Rit. Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, gloRit. rioso. Benedetto sei tu sul trono del tuo regno. Rit. Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi e siedi sui cherubini. Rit. Benedetto sei tu nel firmamento del cielo. Rit.

SECONDA LETTURA Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi (13,11-13) 11 Fratelli, siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell’amore e della pace sarà con voi. 12 Salutatevi a vicenda con il bacio santo. Tutti i santi vi salutano. 13 La grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. Parola di Dio. Ass. Rendiamo grazie a Dio

Dal Vangelo secondo Giovanni

(3,16-18)

Ass. Gloria a te, o Signore In quel tempo, disse Gesù a Nicodèmo: 16 «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 17Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 18 Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio». Parola del Signore. Ass. Lode a te, o Cristo

PROFESSIONE DI FEDE

in piedi

PREGHIERA DEI FEDELI Cel. Carissimi fratelli e sorelle, benediciamo il Signore, il cui nome è santo e glorioso. Lettore Diciamo con gioia:


Ass. BENEDETTO SEI TU, SIGNORE, NOSTRO PADRE! 1. Perché rinnovi la Chiesa nel tuo amore misericordioso e nella grazia dello Spirito Santo. Preghiamo. 2. Perché apri i cuori dei potenti e dei governanti al perdono, alla giustizia, alla carità. Preghiamo. 3. Perché ci inviti alla comunione e alla riconciliazione fraterna. Preghiamo. 4. Perché provvedi al nostro sostentamento e ci illumini con la verità del Vangelo. Preghiamo. 5. Perché hai messo il desiderio di te e della patria beata nel cuore di ogni uomo e di ogni donna. Preghiamo. 6. Perché nell’Eucaristia ci doni il corpo del tuo Figlio unigenito e apri i nostri cuori all’unità e alla speranza. Preghiamo. Intenzioni della comunità locale Cel. O Padre, buono e misericordioso, tu ci permetti di vivere in pace e in comunione d’amore per la forza dello Spirito Santo: fa’ che ti cerchiamo con cuore sincero nel volto dei fratelli, dei poveri, degli ammalati, degli ultimi. Per Cristo nostro Signore. Ass. Amen

SULLE OFFERTE

in piedi

Cel. Invochiamo il tuo nome, Signore, su questi doni che ti presentiamo: consacrali con la tua potenza e trasforma tutti noi in sacrificio perenne a te gradito. Per Cristo nostro Signore. Ass. Amen

PREFAZIO Il mistero di Dio uno e trino È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Con il tuo unico Figlio e con lo Spirito Santo sei un solo Dio, un solo Signore, non nell’unità di una sola persona, ma nella Trinità di una sola sostanza. Quanto hai rivelato della tua gloria, noi lo crediamo, e con la stessa fede, senza differenze, lo affermiamo del tuo Figlio e dello Spirito Santo. E nel proclamare te Dio vero ed eterno, noi adoriamo la Trinità delle Persone, l’unità della natura, l’uguaglianza nella maestà divina. Gli Angeli e gli Arcangeli, i Cherubini e i Serafini, non cessano di esaltarti uniti nella stessa lode.

MISTERO DELLA FEDE Ogni volta che mangiamo di questo pane e beviamo a questo calice annunziamo la tua morte, Signore, nell’attesa della tua venuta.

PREGHIERA DEL SIGNORE Cel. Nella comunione del Signore e nella forza dello Spirito Santo, diciamo insieme con fiducia e gioia. Tutti: Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.

SCAMBIO DELLA PACE Cel. Il Signore ci chiede di tendere alla perfezione e di aiutarci a vicenda: scambiatevi un segno di pace.

CANONE CANTATO Vi lascio la pace, vi dò la mia pace: non vi turbate. Vi lascio la pace, vi dò la mia pace: abbiate fede in me.

FRAZIONE DEL PANE Cel. Il Corpo e il Sangue di Cristo, uniti in questo calice, siano per noi cibo di vita eterna.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE Voi siete figli di Dio: egli ha mandato nei vostri cuori lo Spirito del Figlio suo, che grida «Abbà, Padre». Oppure Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo unico Figlio, perché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia la vita eterna.

DOPO LA COMUNIONE

in piedi

Cel. Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento, e la professione della nostra fede in te, unico Dio in tre persone, ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo. Per Cristo nostro Signore. Ass. Amen

Cel. Il Signore sia con voi. Ass. E con il tuo spirito Cel. Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Ass. Amen Figlio ✠ e Spirito Santo. Cel. Il Signore accompagna il nostro cammino giorno per giorno: nel suo nome, andate in pace. Ass. Rendiamo grazie a Dio


Attualizzare la Parola La Trinità è la fonte dell’amore e della comunione. Siamo capaci di trasmettere questi valori nelle nostre famiglie? Tendiamo alla perfezione? Sappiamo darci coraggio e vivere nella pace, superando divisioni e vincendo rancori e pregiudizi verso gli altri? Quali sono i segni dell’amore di Dio nella nostra vita? Sappiamo invocare lo Spirito Santo? Sentiamo la vicinanza di Cristo? Dio è veramente Padre per me? Il nostro non è un Dio “spray” «Il nostro Dio non è un Dio “spray”, è concreto, non è un astratto, ma ha un nome: “Dio è amore”. Non è un amore sentimentale, emotivo, ma l’amore del Padre che è all’origine di ogni vita, l’amore del Figlio che muore sulla croce e risorge, l’amore dello Spirito che rinnova l’uomo e il mondo. Pensare che Dio è amore ci fa tanto bene, perché ci insegna ad amare, a donarci agli altri come Gesù si è donato a noi, e cammina con noi. Gesù cammina con noi nella strada della vita. La Santissima Trinità non è il prodotto di ragionamenti umani; è il volto con cui Dio stesso si è rivelato, non dall’alto di una cattedra, ma camminando con l’umanità. È proprio Gesù che ci ha rivelato il Padre e che ci ha promesso lo Spirito Santo. Dio ha camminato con il suo popolo nella storia del popolo d’Israele e Gesù ha camminato sempre con noi e ci ha promesso lo Spirito Santo che è fuoco, che ci insegna tutto quello che noi non sappiamo, che dentro di noi ci guida, ci dà delle buone idee e delle buone ispirazioni» (Papa Francesco, Angelus del 26 maggio 2013).

Famiglia e progetto di Dio

«La bellezza del messaggio biblico sulla famiglia ha la sua radice nella creazione dell’uomo e della donna fatti entrambi a immagine e somiglianza di Dio (cf. Gen 1,24-31; 2, 4b-25). Legati da un vincolo sacramentale indissolubile, gli sposi vivono la bellezza dell’amore, della paternità, della maternità e della dignità suprema di partecipare così alla opera creatrice di Dio. Nel dono del frutto della loro unione assumono la responsabilità della crescita e dell’educazione di altre persone per il futuro del genere umano. Attraverso la procreazione l’uomo e la donna compiono nella fede la vocazione all’essere collaboratori di Dio nella custodia del creato e nella crescita della famiglia umana. Giovanni Paolo II ha commentato quest’aspetto nella Familiaris Consortio: «Dio ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza (cf. Gen 1,26s): chiamandolo all’esistenza per amore, l’ha chiamato nello stesso tempo all’amore. Dio è amore (1Gv 4,8) e vive in se stesso un mistero di comunione personale d’amore. Creandola a sua immagine e continuamente conservandola nell’essere, Dio iscrive nell’umanità dell’uomo e della donna la vocazione, e quindi la capacità e la responsabilità dell’amore e della comunione (cf. Gaudium et spes, 12). L’amore è, pertanto, la fondamentale e nativa vocazione di ogni essere umano» (n. 11)» (Dal Documento preparatorio per l’Assemblea generale straordinaria sulla Famiglia). AIUTIAMO LA BUONA STAMPA CCP n.11298809 E. Scognamiglio Convento S. Lorenzo Maggiore - Napoli

La nostra Pasqua domenicale. A cura del Centro Liturgico Francescano – Dir. Resp. P. Gianfranco Grieco - Dir. P. Edoardo Scognamiglio - Via Tribunali, 316 - 80138 Napoli. Telefax 0823434779; Cell. 3472968637. E-mail: edosc@libero.it - CCP 11298809. Autorizzazione del Tribunale di Napoli n. 2312 del 25-3-1972. Con approvazione ecclesiastica. Realizzazione grafica e testi musicali di Boutros Naaman.


Santissima trinità a 14