Page 1

5 ANNI DI LU.ME.

Marzo 2018 / Anno 6 / Edizione I trimestre

DIAMO LUSTRO ALLE IMPRESE E ALLE PERSONE LU.ME. festeggia i suoi 5 anni consolidando le sue grandi iniziative OrientagiovaniLab

Eureka!, verso la finale

Convenzioni

04

05

08

Grande entusiasmo fra i ragazzi dell'Istituto Carlo del Prete di Lucca

Lucca ospiterà la finalissima che si terrà il primo giugno al Teatro del Giglio

10 In persona / Le interviste in A.Celli e KME

La card PiùFamiglia è sempre PiùGrande e pensa già alla tua estate


A.S.D. VIS MAIOR

CAMPI ESTIVI 2018

€ 10 DI SCONTO

su ogni settimana di partecipazione Per info luccametalmeccanica.it - summersoccer.it - pecsport.it www.luccametalmeccanica.it

luccametalmeccanica

luccametalmec


INDICE

IN EVENTI BUON COMPLEANNO LU.ME.

02

ORIENTAGIOVANILAB

04

EUREKA!, VERSO LA FINALE

05

IN AZIENDA LA LUMETECA SI ESPANDE

06

NUOVI SPAZI PER TOSCOTEC

06

FOSBER E EPLAN PER I GIOVANI

07

BRISCOLA E BURRACO IN FAPIM

07

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

07

IN VANTAGGI LU.ME. CONVIENE!

08

IN PERSONA A.CELLI

10

KME

11

IN GIOCHI

12

IN RISATE

13

01


IN EVENTI

Buon compleanno LU.ME. Cinque anni di impegno e traguardi raggiunti con un solo obiettivo: valorizzare le persone e il territorio.

C

hi l’avrebbe mai detto che si sarebbe arrivati a festeggiare i 5 anni del progetto LU.ME.? Come ogni avventura che si rispetti non è sempre stato facile portare avanti tutte le iniziative. Alcune sono cambiate nel corso del tempo, si sono adattate di più alle esigenze delle aziende e del territorio, altre invece sono nate in corsa e sono diventate così parte integrante di LU.ME. che non se ne potrebbe più fare a meno. Non possiamo che ringraziare tutti voi per averci sostenuto e per aver creduto nella bontà del progetto, attraverso la vostra partecipazione, i vostri consigli e anche a volte attraverso le vostre critiche, sempre costruttive. La formazione, l’istruzione e la diffusione di una cultura che metta la persona al centro sono alla base del nostro impegno. Crediamo fermamente in questo, e le diverse attività nelle quali ci impegniamo lo dimostrano. Merito, inoltre, della vostra voce che è passata anche da questo giornalino grazie alle interviste che abbiamo fatto ad alcuni di voi. Insomma, 5 anni sono davvero un traguardo che ci rende orgogliosi e voi siete stati al nostro fianco sempre. Grazie ancora di cuore.

02


Lumeteca È nata quest’anno e ha già riscosso molto successo la Lumeteca, la biblioteca per portare il piacere del tempo libero anche in azienda, nelle scuole e nei reparti di pediatria degli ospedali. I progetti legati alla scuola sono diventati il fulcro delle nostre iniziative, poiché crediamo che si debba investire sulle future generazioni.

Scuola/Famiglia Abbiamo ospitato lo scrittore Matteo Bussola in un incontro con la professoressa Donatella Buonriposi, dirigente dell’ufficio scolastico, con la quale si è discusso di scuola e famiglia.

Orientagiovani L’appuntamento sull’orientamento scolastico per le terze medie al Teatro del Giglio si è trasformato in OrientagiovaniLab con scuola pilota Carlo del Prete. L’alternanza scuola/lavoro ha fatto nascere collaborazioni molto fruttuose tra professori, studenti e aziende.

PMI Day Il PMI Day rimane un appuntamento molto atteso dai ragazzi per poter toccare da vicino la realtà del mondo lavorativo e dalle aziende per confrontarsi con i professionisti di domani.

Eureka! Funziona! E poi quest’anno, a coronamento di un percorso fatto con tanta voglia di fare, la finale del progetto nazionale di Federmeccanica Eureka! Funziona! si terrà a Lucca. Le classi quinte di tutta Italia vincitrici del concorso passeranno la giornata del primo giugno nella nostra città, ospitati da noi grazie anche al contributo della Banca del Monte di Lucca e di UMANA.

PiùFamiglia Le convenzioni della Carta PiùFamiglia vanno aumentando per poter rendere più leggera la vostra spesa. I biglietti per Summer Festival e Lucca Comics che regolarmente sorteggiamo per voi, le gare sportive e le continue consegne della carta negli istituti e negli asili.

03


IN EVENTI

OrientagiovaniLab Grande entusiasmo fra i ragazzi e i professori dell'Istituto Carlo del Prete di Lucca per il laboratorio con gli attori di Ti aspetto fuori... nel mondo.

S

i è concluso il 9 marzo il laboratorio nato dallo spettacolo teatrale Ti aspetto fuori... nel mondo. Le emozioni di una scelta scritto in collaborazione col Teatro del Giglio e nato con l’obiettivo di far riflettere i ragazzi delle terze medie sull’importanza della scelta della scuola superiore. Per la prima volta quest’anno si è lanciato un calendario di iniziative per portare oltre il teatro l’esperienza dello spettacolo e così si è coinvolta una scuola pilota per sviluppare un laboratorio che completasse in qualche modo l’esperienza. L'Istituto Carlo del Prete si è offerto come scuola pilota, e l’esperimento formativo ha dato ottimi risultati. I ragazzi hanno iniziato a lavorare a ottobre con gli stessi attori dello spettacolo, Marica Bonelli, Laerte Neri e Paolo Simonelli della Compagnia Coquelicot Teatro, realizzando una scena per classe, ciascun gruppo sviluppando temi sia comuni sia diversi, per indagare chi sono e cosa vogliono diventare da grandi. Qual è la persona che stimo di più? Come mi vedo fra 5 anni? Cosa farò da grande? I ragazzi sono stati davvero partecipi. Dalle dichiarazioni di stima e d’amore ad amici e genitori, padri soprattutto, alle idee sul proprio futuro, dalle più fantasiose alle più concrete, ma tutte con un elemento comune: l’indipendenza. Una ragazza ha detto "Io so benissimo cosa voglio diventare e che persona sarò, ma non so ancora quale scuola scegliere", e que-

sto è esattamente il punto che questo lavoro voleva toccare. Perché abbiamo, come aziende, tanto bisogno che la scuola dia strumenti reali, concreti, al passo coi tempi, ai nostri giovani. E non solo in termini tecnici, ma cognitivi e ispiranti. L’attività rientra fra quelle che l’Istituto Comprensivo Statale Lucca3 offre a studenti e genitori per affrontare la scelta della scuola superiore.

04

Compagnia Coquelicot Teatro: Marica Bonelli, Laerte Neri e Paolo Simonelli


EUREKA!, verso la finale Lucca ospiterà il primo giugno la finale nazionale di Eureka! Funziona! al Teatro del Giglio.

S

i avvicina la data della finale nazionale del progetto di Federmeccanica Eureka! Funziona! che vede coinvolte le classi terze, quarte e quinte delle scuole primarie di tutta Italia in una sfida all’ultimo giocattolo. Gli studenti sono infatti chiamati a costruire, attraverso del materiale che è stato loro consegnato in un kit, un giocattolo funzionante che verrà valutato da una giuria di esperti e passerà diverse selezioni sino ad approdare alla finalissima nazionale per le classi quinte. L’iter di premiazione avrà varie fasi per le scuole di Lucca e provincia che hanno partecipato. Lunedì 23 aprile a Palazzo Bernardini alcuni referenti aziendali LU.ME. selezioneranno i 3 migliori giochi rispettivamente delle classi III, IV e V. Lunedì 14 maggio, sempre a Palazzo Bernardini, ci sarà invece la premiazione dei vincitori per il miglior gioco delle classi III, IV e V che come ogni anno consiste in un buono acquisto per materiale scolastico. Ma quest’anno c’è di più. Le tre classi vincitrici saranno invitate a partecipare alla finalissima, cosa di solito riservata solo alle quinte, che si terrà il primo giugno al Teatro del Giglio. Si prevede una giornata carica di stimoli e intrattenimento per tutti, l’occasione per dimostrare a livello nazionale quanto il territorio e le iniziative legate alla scuola siano prioritarie per LU.ME..

05

Teatro del Giglio, Lucca


IN AZIENDA

La Lumeteca si espande Cresce la biblioteca che porta il piacere del tempo libero anche in azienda.

Nuovi spazi per Toscotec 2.000 m2 di spazi in più in relazione all'aumento del numero di personale addetto.

T

oscotec è pronta ad inaugurare un nuovo capannone per il montaggio di cappe ed air systems e una palazzina per la nuova mensa che aggiungeranno altri 2.000 m2 agli attuali 18.000 m2 coperti dagli edifici aziendali. Un totale di 8 capannoni destinati alla produzione e al montaggio dei macchinari tissue, nuovi uffici, una mensa più ampia e dei locali riservati ad attività di relax per i dipendenti, sotto-

lineano il momento di positività che sta vivendo l’azienda di Marlia. Toscotec è attualmente tra le 110 migliori PMI d'Italia e tra le mille imprese più promettenti d’Europa. Le percentuali positive nella creazione di posti di lavoro e i tassi di crescita in salita sono i tratti distintivi che hanno permesso all'azienda di essere annoverata dal London Stock Exchange tra le top PMI a più rapida crescita.

06


Fosber e Eplan per i giovani Il Distretto della Carta punta alle competenze meccatroniche dei giovani diplomati.

F

osber Spa, Eplan Software & Service Srl, ITIS Fermi e IPSIA Giorgi di Lucca, ITIS Galilei di Viareggio, ITI Vecchiacchi e IPSIA Simoni di Castelnuovo di Garfagnana uniscono le forze per crescere generazioni di progettisti preparati e aggiornati all’uso delle moderne tecnologie. Eplan Software e Service Srl, leader mondiale nella fornitura di soluzioni di progettazione CAD elettrica e fluidica, ha siglato un accordo con importanti scuole della Lucchesia con l’obiettivo, non solo di fornire a tutti

gli Istituti tecnici e a tutti gli studenti il software di progettazione EPLAN P8, ma anche i contenuti più moderni e aggiornati sulle nuove normative e il supporto alla formazione dei docenti da parte di esperti nelle varie discipline (elettrica e fluidica in primis). Questo importante obiettivo è stato portato a termine grazie all’impegno dell’azienda Fosber, che si è fatta portatrice delle esigenze delle aziende del territorio sia per Eplan, sia per le scuole che devono essere sempre più integrate nel tessuto industriale del distretto.

Briscola e Burraco in Fapim S

i è tenuto, a metà febbraio in Fapim, il tradizionale torneo di Briscola e Burraco dedicato ai dipendenti e ai loro familiari. Dolci carnevaleschi per tutti e premi alle coppie vincitrici.

Alternanza scuola/lavoro Un'iniziativa promossa da KME Italy e indirizzata agli studenti delle scuole superiori.

L

a giornata di kickoff si è svolta giovedì 15 febbraio e ha previsto una presentazione generale del progetto ai ragazzi da parte dei nostri tecnici, Ing. Fanucci ed Ing Bucci. Successivamente è stato previsto un corso di formazione di base, tenuto da personale EHS di KME. A seguire, pranzo e visita nei reparti produttivi dello stabilimento, con particolare attenzione alla Fonderia e al Rolled Department. La parte di percorso da svolgersi in azienda inizierà con il primo di tre gruppi di studenti che avranno accesso ai reparti interessati dal progetto previsto.

07


IN VANTAGGI

LU.ME. conviene! Tantissime convenzioni da scoprire grazie, come sempre, alla card PiùFamiglia. COSMESI

ABBIGLIAMENTO E CALZATURE

Bazar - Profumeria Erbario Toscano - Profumi e cosmetici

EasyShop - Abbigliamento

Il Bello delle Donne - Parrucchiere

Emily - Abbigliamento La Vela - Abbigliamento Magazine - Abbigliamento

FORMAZIONE

PittaRosso - Calzature Silvia Sport

Formetica

Cenerentola - Calzature Fratelli Lenci - Calzature

GIOIELLI

Pinabì - Biancheria e Corredi Casa del Bottone - Accessori

La Perla Gioielli Oreficieria Raffaelli Renieri Gioielli

AUTO INFORMATICA

Autosystem Eurofficina

Nek Point

Euromaster Ginanni Volkswagen Lucar concessionaria

RISTORAZIONE Antica Trattoria Stefani - Ristorante Antico Sigillo Ristorante - Pizzeria - Insalateria

BAMBINI

Bottega del Caffè - Bar Da Miro - Ristorante

Ama Gioconaturalmente

Gli Orti di Via Elisa - Ristorante Il Bernino - Ristorante La Bottega Lucchese Frutta verdura e prodotti tipici

CASA

L’Osteria Marconi - Ristorante Mara Meo - Pizzeria e ristorante

Alfacolor - Colorificio

Pesce Briaco - Ristorante

Biennebi - Ricambi elettrodomestici

San Colombano - Caffè e ristorante

Borelli - Vernici

Vecchi Sapori di Lucca Alimentari e prodotti tipici

LuccAllarmi

08 08


CAMPI ESTIVI

SALUTE Associazione “Amici del Cuore di Lucca” Biolabor - Laboratorio Analisi Cacini Ottica Centro fisioterapico San Giusto Centro Medico San Marco Farmacia S. Anna Farmacia Malagrinò Piccinni Fitness Club Fisio Martini Centro Medico e Lamm Centro Analisi Ottica Sì Ottica Tomei Studio Marsalli Odontoiatria

SPORT Centro Fitness QBO Club Genesi Fitness Gymnic Center

TEMPO LIBERO Casa del Libro Libreria del professionista Teatro del Giglio

VIAGGI Bei Viaggi Confortravel

L’

estate è dietro l’angolo. Avete già pensato a cosa far fare ai vostri figli quando sarà finita la scuola? LU.ME. anche quest’anno ha deciso di avere un occhio di riguardo per quelle famiglie che devono organizzarsi per la fine dell’anno scolastico e devono decidere come far passare del tempo di qualità ai propri figli. Lo scorso anno la convenzione per i Campi Estivi ha ottenuto un grande successo e per questo si vuole replicare anche per l’estate 2018 con il Summer Soccer A.S.D. Vis Maior. Con la card PiùFamiglia potrete far passare ore di svago e sport ai vostri bambini dai 4 ai 14 anni, con € 10 di sconto sulla quota settimanale e ulteriori vantaggi nel caso di più settimane o più fratelli. Perché le persone per noi sono al centro. In questo caso al centro estivo.

Oasis Viaggi

ALTRO A.S.D. VIS MAIOR Gou - Pubblicità Tecnotoner Tourist Center Lucca - Noleggi Bici

09 09


IN PERSONA

Le interviste di LU.ME.

Mauro Celli Vice Presidente di A.Celli Paper S.p.A. Vice Presidente di A.Celli Nonwovens S.p.A. Quando è cominciata l’avventura LU.ME. si sarebbe mai immaginato di arrivare a festeggiare i 5 anni? Era un progetto molto innovativo che nel tempo ha ricevuto sempre maggiori consensi da parte di tutti i soggetti interessati. L’idea iniziale era quella di dare maggiore visibilità a tante iniziative sociali, spesso aperte a tutta la collettività, per dare una visione completa del ruolo delle imprese sul territorio. Quanta soddisfazione c’è nel vedere che un progetto come questo continua a ottenere il consenso di tante aziende anche concorrenti fra loro? Fare impresa nel sociale a favore del territorio non è un’attività del tutto scontata. Ogni specifico progetto, ogni idea, ogni attività che LU.ME. programma e pianifica è concepita per migliorare la qualità della vita e l’atteggiamento generale che il comparto metalmeccanico vuole tenere nei confronti della collettività. Tutto quanto c’è di positivo infatti è reso possibile proprio attraverso il coinvolgimento di tutte le aziende consociate che operano sul territorio e che sono portate così ad interagire in modo ancora più concreto con il tessuto circostante. C’è un aspetto che le sta particolarmente a cuore di quelli che LU.ME. porta avanti? Ogni aspetto ha la sua importanza strategica. Il progetto alternanza scuola-lavoro; OrientagiovaniLab; il programma Eureka 2018 sono tutte attività positive e degne di nota. Ma la vera essenza dei progetti promossi da LU.ME. è il meccanismo stesso tramite il quale questi progetti si concretizzano, grazie ad un percorso privilegiato di incontro, di scambio di esperienze, di approfondimento e di consigli. Nella sua esperienza professionale prima di LU.ME. ha mai avuto modo di confrontarsi con progetti analoghi? Sicuramente esisteranno dei progetti simili, ma personalmente non ne sono a conoscenza. La squadra di imprenditori, professionisti, sostenitori privati e volontari, di cui si compone riesce a dare un sostegno tangibile alla collettività, mediante un impegno portato avanti con entusiasmo e partecipazione che diventa il modo migliore per interagire e sostenere il proprio territorio. Perchè le imprese sono fatte di persone e il valore delle persone rappresenta il valore delle aziende stesse: il comparto metal-

meccanico, che occupa un grande numero di addetti sul territorio lucchese, è linfa vitale che dà valore e produce benessere per tutti gli abitanti della Lucchesia, non soltanto per i dipendenti e le loro famiglie. Quando è cominciata la sua avventura professionale avrebbe mai immaginato di arrivare a tagliare traguardi così importanti? Il percorso professionale, che va di pari passo con il percorso di vita, è sempre ricco di novità e di imprevisti. Chi riesce a capire prima e meglio i cambiamenti continui in atto, riesce ad indirizzare meglio le scelte aziendali che quotidianamente deve fare. In sintesi, non si finisce mai di imparare. Quanto tempo dedica a sé stesso come persona e quanto a sé stesso come professionista? Sono reduce da un anno all’estero. Ho potuto dedicarmi molto di più alla mia famiglia e anche a me stesso. Auguro a tutti di poter fare una esperienza simile. In più, poter guardare il nostro territorio da lontano, mi ha dato nuova linfa per portare ancora nuove idee e nuove iniziative per il futuro. Se le dico "futuro" cosa le viene in mente? Siamo in piena rivoluzione digitale, che abbraccia l’individuo, la società, la scuola e ovviamente tutte le imprese. Il cambiamento radicale dei paradigmi di ogni attività sia industriale che manifatturiera che di servizi richiede un salto culturale pazzesco. Chi saprà cogliere prima e meglio queste sfide, ragionando secondo un approccio “born digital” avrà certamente un vantaggio competitivo a livello globale. Mi auguro che LU.ME. possa essere un veicolo per divulgare queste nuove sfide che interesseranno tutte le imprese e tutte le persone che lavorano. Cosa augura ai giovani che si apprestano a entrare nel mondo del lavoro? Ai giovani auguro di essere curiosi. Auguro di essere assetati di sapere, acuti osservatori e di mettere in discussione ciò che già credono di conoscere. Auguro di essere innamorati, di un'idea, di un progetto, perché non c'è motivazione più grande o senso più profondo. Inoltre gli auguro di essere umili e di avere voglia di imparare, soprattutto dagli errori commessi, per migliorarsi, sempre.

10


Diamo voce alle persone che fanno le aziende.

Michele Manfredi Direttore Stabilimento KME - Fornaci di Barga Quando è cominciata l’avventura LU.ME. si sarebbe mai immaginato di arrivare a festeggiare i 5 anni? Credo che quando si intraprende un progetto, pur di non semplice attuazione come inizialmente poteva apparire questo, lo si faccia con la volontà di vederlo crescere e migliorare nel corso del tempo. In tal senso il quinto compleanno, se da un lato può essere considerato un grande traguardo, dall’altro deve essere visto come uno stimolo per raggiungere risultati ancora più importanti.

lavorato pensando a quali ruoli avrei, potenzialmente, ricoperto in futuro. Occorre concentrarsi sul ruolo che viene assegnato e farlo al meglio e con passione. Questo genera soddisfazione. Poi la carriera viene da sola … Quanto tempo dedica a sé stesso come persona e quanto a sé stesso come professionista? Ad essere sinceri finora non moltissimo. Il lavoro e la famiglia mi assorbono tanto. Comunque in futuro sono sicuro che dedicherò più tempo a me stesso … penso sia normale e legato alle varie fasi della vita. L’importante è cercare l’equilibrio tra i nostri impegni e responsabilità e i nostri desideri e bisogni. Se stiamo bene significa che ci stiamo riuscendo.

Quanta soddisfazione c’è nel vedere che un progetto come questo continua a ottenere il consenso di tante aziende anche concorrenti fra loro? C’è soddisfazione soprattutto per l’unità di intenti dimostrata da tutte le aziende coinvolte nel perseguire un obiettivo. Solo facendo squadra, creando empatia tra le varie componenti è stato e sarà possibile apportare un valore aggiunto, non solo occupazionale ed economico, ma anche sociale, al territorio della Provincia di Lucca.

Se le dico "futuro" cosa le viene in mente? Se penso al futuro, penso ai giovani. Penso ai miei figli. Penso ai continui cambiamenti a cui ogni giorno assistiamo e che ci impongono rapide decisioni e nuove strategie. Consapevole che il futuro nostro e dei nostri figli lo facciamo noi proprio con queste decisioni. A “futuro” associo anche la parola “semplicità”. L’inutile complessità con cui oggi vengono gestite le problematiche più banali scomparirà. Per lasciar posto alla semplicità, immediatezza e fluidità.

C’è un aspetto che le sta particolarmente a cuore di quelli che LU.ME. porta avanti? Ritengo che tutte le iniziative di LU.ME. siano lodevoli e degne di nota; tuttavia ho particolarmente a cuore i progetti rivolti ai giovani. Seguo infatti con interesse il programma di Alternanza Scuola Lavoro, attraverso il quale i ragazzi delle scuole superiori hanno la possibilità di approcciare il mondo del lavoro in maniera diretta, seria e concreta anche grazie all’esperienza fatta direttamente in azienda.

Cosa augura ai giovani che si apprestano a entrare nel mondo del lavoro? Auguro che possano trovare il lavoro cui potersi appassionare e con il quale possano realizzare i propri sogni professionali. Per far questo occorre impegno e tenacia, ma anche un rinnovamento del mondo del lavoro che permetta una maggiore facilità per un giovane nel trovare e cambiare lavoro senza soluzioni di continuità e con costante crescita professionale. E per far questo penso che l’attuale classe dirigente politica e della società civile debba rapidamente attuare tutte le necessarie riforme, affinché il lavoro diventi per tutti i giovani facilmente accessibile e il naturale strumento per realizzare i propri sogni.

Nella sua esperienza professionale prima di LU.ME. ha mai avuto modo di confrontarsi con progetti analoghi? Sinceramente devo dire di no. Nella mia esperienza rimane ancora un progetto unico, da tutti i punti di vista. A partire dalle forti motivazioni che ci hanno spinto ad iniziare quest’avventura e che sono la base per un progetto di successo. Quando è cominciata la sua avventura professionale avrebbe mai immaginato di arrivare a ricoprire ruoli così importanti? Il concetto di importanza è un concetto relativo. Non ho mai

11


IN GIOCHI

Gioca con noi! La primavera si sta avvicinando: colora l'albero e indovina quali frutti nasceranno in estate. Utilizza questi colori: MARRONE ROSA FUCSIA VERDE

I frutti di questo albero saranno le...

P _____ 12


IN RISATE

La rubrica del buonumore Sopravvivere al meglio al lavoro e ai colleghi: ecco il vademecum che ti spiega come fare in cinque punti.

Tecniche di sopravvivenza in azienda

IN VISTA DELLA PROVA COSTUME

1

Ricorda che se anche pensi di farlo per la sua salute, la cioccolata delle uova di Pasqua che hanno regalato a tua/o figlia/o non la devi toccare.

2

Fare il cambio armadio o rimettere in ordine la scrivania vale come allenamento per riuscire a ottenere braccia belle sode.

3

Iscriversi in palestra e poi non andarci invece non vale.

4

Cercare di infilarsi a forza quell’abitino o quei pantaloni che l’anno scorso mettevi senza problemi nelle sere d’estate non ti aiuterà a perdere i centimetri che l’inverno ti ha lasciato addosso.

5

Aiutare il marito o la moglie a infilarsi il suddetto abitino o pantalone invece può aiutare. Almeno a rendersi utili.

CONTRIBUISCI ANCHE TU! Mandaci i tuoi segreti e le tue tecniche a info@luccametalmeccanica.it Le più divertenti saranno pubblicate su

luccametalmeccanica e nel prossimo numero

13


info@luccametalmeccanica.it

www.luccametalmeccanica.it

Con il supporto di Confindustria Toscana Nord

luccametalmeccanica

luccametalmec


Luglio 2018 / Anno 6 / Edizione II trimestre

EUREKA! FUNZIONA! La finale nazionale a Lucca Eureka! Funziona!

LU.ME. a iT's Tissue

LU.ME. conviene!

04

08

10

I vincitori della finale territoriale.

4 aziende per la III edizione di un grande successo.

09 In persona / L'intervista in Fapim

Tantissime convenzioni da scoprire grazie alla card PiĂšFamiglia.


UN'ESTATE IN MUSICA

LUCCA SUMMER FESTIVAL CON LA CARD PIÙFAMIGLIA

Anche quest'anno sono stati estratti 6 ingressi per 2 persone tra i titolari della card PiùFamiglia! Complimenti ai vincitori e... buon divertimento! 27 GIUGNO

1 LUGLIO

14 LUGLIO

22 LUGLIO

25 LUGLIO

26 LUGLIO


INDICE

IN EVENTI EUREKA! FUNZIONA! LA FINALE NAZIONALE A LUCCA

02

EUREKA! FUNZIONA! I VINCITORI DELLA FINALE TERRITORIALE

04

IN AZIENDA LE AZIENDE DI LU.ME. FESTEGGIANO IL FAMILY DAY

06

LU.ME. IN CONSEGNA

06

ANCHE LU.ME. A IT'S TISSUE

08

IN PERSONA FAPIM

09

IN VANTAGGI LU.ME. CONVIENE!

10

IN GIOCHI

12

IN RISATE

13

01


IN EVENTI

Eureka! Funziona! La finale Un grande successo al Teatro del Giglio a Lucca.

E

rano in 500 i bambini delle classi quinte elementari provenienti da tutta Italia che sono venuti a Lucca per partecipare alla finale nazionale del premio Eureka! Funziona!. Giunto ormai alla sua sesta edizione, il premio indetto da Federmeccanica in accordo con il MIUR e in collaborazione con le Associazioni territoriali di Confindustria, è diventato un appuntamento imperdibile per i bambini della scuole primarie che sono chiamati a inventare, ogni anno, un gioco funzionante a partire da un kit che viene fornito loro, contenente materiali utili per costruire ciò che la fantasia suggerisce. Anche in questa edizione si è rinnovata la collaborazione tra Federmeccanica e l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), il centro di ricerca con sede principale a Genova e undici centri nel territorio nazionale (Torino, Milano, Trento, Roma, Pisa, Napoli, Lecce, Ferrara) e internazionale (MIT e

Harvard negli USA). Ben 15.000 i bambini che hanno partecipato all'edizione 2017/2018 distribuiti in 41 città italiane, 16 delle quali, da nord a sud, da Bergamo a Messina, si sono ritrovate tutte nella suggestiva cornice del Teatro del Giglio a mostrare il frutto del loro lavoro e festeggiare le proprie invenzioni. Sono stati 3.000 i kit distribuiti, confezionati dall'”Associazione Realmonte” impiegando rifugiati politici, ma anche delle schede informative elaborate dall’“Associazione per l’Insegnamento della Fisica” (AIF) e da IIT, che ha provveduto a fornire la scheda KMD (che consente di azionare un motore in base alla quantità di luce presente in un ambiente) inserita nel kit per la realizzazione dei giochi. Il principio di Eureka! Funziona! è di utilizzare l’invenzione come strumento per imparare, con l’obiettivo di orientare gli studenti al “saper fare” e a giudicare dall’e-

02


nazionale a Lucca nergia che quei bambini hanno messo nelle loro invenzioni, imparare è stato davvero un gioco. A intrattenere i ragazzi gli attori Corrado Boldi e Tommaso Marchini del Teatro Educativo di Bologna che hanno saputo condurre la mattinata fra risate ed emozioni, mettendo in mostra doti e abilità dei giovani inventori con grande simpatia. La platea tutta è stata coinvolta con canzoni, cori e momenti d’intrattenimento. Fra gli ospiti d’onore c’erano Giorgio Hausermann dell’Associazione per l’Insegnamento della Fisica che ha mostrato un piccolo assaggio dello spettacolo “la scatola di Einstein” e Enrico Mingo, ricercatore dell’Istituto Italiano di Tecnologia dell’area Advanced Robotics che ha messo a punto il robot umanoide progettato per intervenire in casi di emergenze di disastri ambientali. Questa sesta edizione dedicata alla meccanica è andata in scena con il patrocinio del Comune di Lucca e il sostegno di Umana e della Fondazione Banca del Monte. Per chi volesse rivedere l’euforia che ha catturato tutti, non solo i giovani inventori, sul sito di NoiTV a questo link http://www.noitv.it/programmi/zoom-eureka/ è online uno speciale dedicato all’intera giornata.

03


IN EVENTI

Eureka! Funziona!: i vincitori della finale territoriale L

unedì 21 maggio si sono date appuntamento a Palazzo Bernardini, sede di Confindustria Toscana Nord, le scuole che sono arrivate in finale con i loro giocattoli al concorso di Eureka!Funziona!. Venivano da Antraccoli, Capannori, Lunata e Gragnano per la Piana di Lucca, e da Capezzano Pianore, Pian del Quercione, Marina di Pietrasanta e Pietrasanta per la Versilia. Il tema di quest’anno, sviluppato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia, è stato "La Meccanica". Hanno partecipato 32 classi di 19 scuole primarie di Lucca e provincia, per un totale di 700 bambini delle classi terze, quarte e quinte.

In attesa della finale nazionale del 1 giugno, si sono guadagnati l’accesso alla semifinale territoriale gli inventori di: (classi terze) “Allegrolandia” e “Anky Starko” della primaria di Capezzano Pianore; (classi quarte) “Il robot della fortuna” della primaria Barsottini-Africa di Pietrasanta, “Dino lo storico Sapientino” della primaria Don Bosco Bigongiari di Lunata e “Il mostro mangia pizza” della Mons. Pietro Guidi di Antraccoli; (classi quinte) “Animal Race” della Del Fiorentino di Capannori; “Il trenino in ferrovia” della Angela Doroni di Gragnano, “La ruota ecologica” della Bibolotti di Marina di Pietrasanta e “Blue Star” della Carducci di Piano del Quercione.

I vincitori usciti dalla finale territoriale sono stati: CLASSI QUINTE

CLASSI QUARTE

CLASSI TERZE

IL TRENINO IN FERROVI A

IL MOSTRO M A NGI A PI Z Z A

A LLEGROL A NDI A

ISTITUTO ANGELO DORONI GRAGNANO

ISTITUTO MONS. PIETRO GUIDI ANTRACCOLI

SCUOLA PRIMARIA CAPEZZANO PIANORE

Hanno ricevuto, come ogni anno, un contributo per l’acquisto di materiale scolastico e in più quest’anno il premio eccezionale di partecipare tutti alla finale na-

zionale al Teatro del Giglio. Non ci resta che aspettare la prossima edizione per vedere all’opera la fantasia e l’ingegno dei nostri piccoli inventori.

04


05


IN AZIENDA

Le aziende di LU.ME. festeggiano il Family Day Il miglior modo per festeggiare una serie di grandi successi.

È

stato un giugno impegnativo quello del gruppo A.Celli, iniziato con una fiera a Tokyo, proseguito con un evento a Mosca e volato a conclusione con l’intensa settimana di Open House iT's Tissue. E a compimento di così tanto fermento, come ciliegina su una torta piena di soddisfazioni, la settimana si è conclusa con l’organizzazione di un Family Day. Per questo motivo, venerdì 29 giugno, un bellissimo gruppo formato dai collaboratori, dai familiari e soprattutto dai loro figli - veri protagonisti dell'evento - si è riunito in una delle sedi del gruppo A.Celli, per un importante momento di piacere e condivisione. L’obiettivo è stato quello di mettere in comunicazione la dimensione professionale e quella privata dei dipendenti,

aprendo gli spazi aziendali alle famiglie, così che ognuno potesse condividere con i propri cari ciò che normalmente vive esclusivamente con i colleghi. La musica, i brindisi e il divertimento hanno fatto il resto. "Il lavoro dei genitori spesso rappresenta, per i figli, un qualcosa di misterioso" dice Simone Morgantini, Responsabile Marketing e Comunicazione per le aziende del gruppo: "al contrario, avere accesso allo stabilimento, e visitare l’azienda diventa, per i piccoli, un volano di soddisfazione incredibile e uno spunto interessante che permette loro di “scoprire” il luogo dove immaginare babbo o mamma al lavoro". A.Celli Family Day. Perché uniti tutto è più semplice.

Una festa in famiglia con oltre 300 persone.

A

nche quest’anno, per il terzo anno consecutivo, si è tenuto in Gambini S.p.A. il Family Day, l’appuntamento tanto atteso per grandi e piccoli che vede i dipendenti e i loro famigliari per un giorno intero tutti insieme in azienda a festeggiare. Ogni volta è una grande sorpresa per i figli scoprire dove

passino le giornate mamma e papà quando escono di casa per andare al lavoro e così è stato anche venerdì 29 giugno negli stabilimenti Gambini. Per intrattenere questi ospiti d’eccezione, oltre al truccabimbi, alle danze e alle classiche animazioni, è stato organizzato un evento nell’evento: lo spettacolo della

LU.ME. in consegna Termina un anno scolastico ma proseguono le buone abitudini. Sono ormai 5 anni che ci impegniamo sui temi dell’ambiente e mettiamo a disposizione delle varie realtà che lo richiedono carta tissue proveniente dalle prove delle macchine. Il 12 giugno Gambini ha consegnato la sua carta all'Istituto Comprensivo Armando Sforzi di Piano di Conca.

06


fiaba Rapunzel che ha catturato tutti, persino il più piccolo dei partecipanti che aveva solo 3 mesi. L’attenzione non è stata da meno quando nel pomeriggio si è messa in funzione la nuovissima linea produttiva presentata in occasione di iT's Tissue che tanto successo ha riscosso. Una linea rivoluzionaria grazie all’introduzione di Air Mill. Quando sono usciti i primi rotolini dal macchinario i bimbi si sono scatenati con le domande, ma non erano i soli. Anche i giovani presenti, che si stanno af-

facciando al mondo del lavoro, hanno dimostrato una grande curiosità. In questa terza edizione si sono festeggiati inoltre i successi raggiunti in termini di fatturato di Gambini S.p.a. che è passato da 34 milioni nel 2015 a 42 milioni nel 2017, con una prospettiva di 46 milioni nel 2018. Tutto questo proprio grazie al lavoro dei dipendenti, che nel 2015 erano 116 e oggi circa 150, e al sostegno delle loro famiglie accorse proprio a brindare insieme.

Un momento speciale che ha coinvolto più di 1000 persone.

U

na giornata all’insegna del divertimento e della condivisione, quella di sabato 30 giugno nella sede di Fabio Perini S.p.a. I partecipanti sono stati infatti coinvolti in attività pensate per i grandi e soprattutto per i 350 bambini presenti. Uno stand per costruire astronavi, un tuffo nel passato grazie ai giochi di una volta, baby dance e gonfiabili per bambini e uno street food per i più golosi, sono solo alcuni dei momenti organizzati per celebrare il legame tra colleghi, le loro famiglie e il senso di appartenenza. “iT's Tissue è un progetto decisamente complesso e di fama internazionale" dichiara l’Amministratore Delegato di Fabio Perini S.p.a. Oswaldo Cruz: "La voglia di eccellere e rendere

questo evento perfetto ha portato tutte le persone della Business Area Tissue a dedicarsi alla preparazione della manifestazione con un’attenzione e un’organizzazione accurata ed esemplare. Ecco perché abbiamo deciso di concludere questa settimana con un momento che potesse celebrare tutti i nostri dipendenti e le loro famiglie. È soprattutto grazie a loro se riusciamo sempre a convogliare le nostre forze e motivazioni per garantire l’elevata professionalità davanti ai nostri clienti. Il progetto coinvolge infatti l’intera squadra in un vero e proprio team building dove ognuno mette a disposizione le proprie competenze tecniche, organizzative e la capacità di lavorare insieme per un unico e importante obiettivo".

07


IN AZIENDA

Anche LU.ME. a iT's Tissue Con ben 4 aziende, LU.ME. è protagonista della quarta edizione di iT's Tissue, che si conferma un successo tutto made in Italy.

S

i è conclusa lo scorso 29 giugno la quarta edizione di iT's Tissue - The Italian Technology Experience, evento mondiale dei produttori di tissue che anche quest'anno si sono ritrovati a Lucca per una 5 giorni di tecnologia e innovazione nel settore della carta. L’Italia si conferma il polo internazionale dell’industria cartaria e il bilancio di questa edizione è stato molto positivo con oltre 2000 presenze da 85 Paesi. Clienti ed esperti di tutto il mondo sono venuti per vedere e toccare con mano tutte le novità e le innovazioni

destinate all'intera filiera durante i 14 open house, di cui dieci a Lucca, una a Viano-Reggio Emilia, due a Bologna e una a Lecco. Delle 12 aziende che sono state capaci di unirsi nel 2012 per creare la Rete d'Impresa Tissue Italy, 4 fanno parte del progetto LU.ME.: A.Celli, Fabio Perini, Gambini e Toscotec. Quella italiana è una tecnologia all'avanguardia e di eccellenza riconosciuta a livello mondiale, si può quasi dire che nel settore del tissue ricerca e sviluppo non si fermino mai. Il prossimo appuntamento a Lucca è per il 2021.

08


IN PERSONA

Le interviste di LU.ME. Diamo voce alle persone che fanno le aziende.

Massimo Bellandi Presidente Fapim - Altopascio Quando è cominciata l’avventura LU.ME. si sarebbe mai immaginato di arrivare a festeggiare i 5 anni? Cinque anni sono sicuramente un bel traguardo, ma devo dire che ho sempre nutrito la convinzione che questo progetto potesse avere un lungo avvenire, perché fin dall’inizio è apparso interessante, con il contributo di tutte le aziende di primaria importanza della metalmeccanica lucchese, ma anche per la tipologia di argomenti trattati e pubblico cui ci siamo rivolti. Quanta soddisfazione c’è nel vedere che un progetto come questo continua a ottenere il consenso di tante aziende, anche concorrenti fra loro? Direi che si tratta di una tra le caratteristiche più importanti del progetto, che alla fine permette di accedere a tutte le esperienze disponibili senza dover rinunciare a nessuna azienda. Per questo la soddisfazione è tanta. C’è un aspetto che le sta particolarmente a cuore di quelli che LU.ME. porta avanti? Indubbiamente il rapporto con le scuole, sicuramente difficile, complesso e dai risultati non sempre certi, ma al tempo stesso fondamentale per tutti, le aziende, le scuole, gli studenti, le famiglie. Ed a maggior ragione in questo particolare momento. Nella sua esperienza professionale prima di LU.ME. ha mai avuto modo di confrontarsi con progetti che si possono paragonare a LU.ME.? Sinceramente direi di no, ovviamente limitatamente alle mie conoscenze ed esperienza. C’è un aneddoto legato al progetto LU.ME. che ci vuole raccontare? La prima edizione di Orientagiovani in cui abbiamo presentato lo spettacolo ideato insieme al Teatro del Giglio. Credo di interpretare il sentimento di tutti quanti hanno lavorato a quel progetto se dico che quella mattina avevamo il cuore in gola: un teatro gremito di ragazzini vocianti, cellulari ovunque. Abbiamo temuto di aver osato troppo, che i testi non venissero capiti, che ci fosse troppa confusione… ma la magia del teatro ha creato un momento di formazione altissima, per i ragazzi e per noi che eravamo lì a

scrutarne le reazioni. Ecco, tra le tante attività portate avanti in questi anni se devo pensare a un momento davvero emozionante la memoria va subito a quell’evento. Quando è cominciata la sua avventura professionale avrebbe mai immaginato di arrivare a ricoprire ruoli così importanti? Ho la fortuna di guidare, insieme ai soci che con mio padre l’hanno fondata, un’azienda sana e vitale. Sicuramente ho voluto lavorarci fin da quando ero piccolo, ma per ruolo ed importanza diciamo che sono “alle prime armi”. Per questo, se mi è consentita una battuta, credo che risponderei più agevolmente a una domanda del genere tra qualche anno. C’è un aneddoto che vuole raccontarci legato alla sua vita professionale? Uno in particolare no, ma sicuramente il lavoro mi ha dato la possibilità di viaggiare e conoscere tanta gente, stabilire rapporti che alla lunga vanno oltre il solo aspetto professionale, scoprire culture, modi di fare e di vivere, passioni, interessi spesso simili ai tuoi, in altri casi totalmente diversi. Questo è il bello del lavoro, il bello della vita, il motivo per cui, oggi più che mai, è importante la qualità della persona e poi quella del professionista. Quanto tempo dedica a sé stesso come persona e quanto a sé stesso come professionista? Il lavoro richiede molto impegno e dunque molto tempo, ma prima di tutto viene sempre la famiglia a cui cerco di dedicare tutto il tempo libero che rimane. Se le dico "futuro" cosa le viene in mente? Tutti i bambini e ragazzi, in particolare le mie figlie che crescono. Cosa augura ai giovani che si apprestano a entrare nel mondo del lavoro? Innanzitutto di riuscire a trovare un lavoro, magari che li soddisfi, che gli permetta di sfruttare al meglio gli investimenti formativi fatti sulla propria persona. Al tempo stesso però di avere pazienza, di non ritenere il primo lavoro un punto di arrivo e continuare ad investire sulla propria persona, essendo disponibili ad ascoltare ed imparare molto dagli altri. Sempre.

09


IN VANTAGGI

LU.ME. conviene! Un'estate ricca di tante nuove convenzioni da scoprire grazie, come sempre, alla card PiùFamiglia. COSMESI

ABBIGLIAMENTO E CALZATURE

Bazar - Profumeria Erbario Toscano - Profumi e cosmetici

Casa del Bottone - Accessori

Il Bello delle Donne - Parrucchiere

Cenerentola - Calzature EasyShop - Abbigliamento Emily - Abbigliamento

FORMAZIONE

Fratelli Lenci - Calzature La Vela - Abbigliamento

Formetica

Magazine - Abbigliamento Pinabì - Biancheria e Corredi

GIOIELLI

PittaRosso - Calzature Silvia Sport - Abbigliamento sportivo

La Perla Gioielli

Studio Sport Abbigliamento sportivo

Oreficieria Raffaelli Renieri Gioielli

AUTO

INFORMATICA

Autosystem Nek Point

Eurofficina Euromaster Ginanni Volkswagen

RISTORAZIONE

Lucar concessionaria

Antica Trattoria Stefani - Ristorante Antico Sigillo Ristorante - Pizzeria - Insalateria

BAMBINI

Bottega del Caffè - Bar Da Miro - Ristorante

Ama Gioconaturalmente

Gli Orti di Via Elisa - Ristorante Il Bernino - Ristorante La Bottega Lucchese Frutta verdura e prodotti tipici

CASA

L’Osteria Marconi - Ristorante Mara Meo - Pizzeria e ristorante

Alfacolor - Colorificio

Pesce Briaco - Ristorante

Biennebi - Ricambi elettrodomestici

San Colombano - Caffè e ristorante

Borelli - Vernici

Vecchi Sapori di Lucca Alimentari e prodotti tipici

LuccAllarmi

08 10


SALUTE Associazione “Amici del Cuore di Lucca” Biolabor - Laboratorio Analisi Cacini Ottica Centro fisioterapico San Giusto Centro Medico San Marco Farmacia S. Anna Farmacia Malagrinò Piccinni Fitness Club Fisio Martini Centro Medico e Lamm Centro Analisi Ottica Sì

IN EVIDENZA

Ottica Tomei Studio Marsalli Odontoiatria

SPORT Centro Fitness QBO Club Genesi Fitness Gymnic Center

Offerte per le tue vacanze

TEMPO LIBERO

Per tutti i possessori della Card PiùFamiglia, tanti sconti in agenzia per le vacanze! Per maggiori info luccametalmeccanica.it.

Libreria del professionista Teatro del Giglio

VIAGGI Bei Viaggi Comfortravel Oasis Viaggi

ALTRO

I tuoi capi al miglior prezzo Corri nei negozi di abbigliamento e approfitta dei saldi di fine stagione! Per maggiori info luccametalmeccanica.it.

Gou - Pubblicità Tecnotoner Tourist Center Lucca - Noleggi Bici

09 11


IN GIOCHI

Gioca con noi! Unisci i puntini e scopri quale animale si nasconde in fondo all'Oceano.

12


IN RISATE

La rubrica del buonumore Sopravvivere al meglio al lavoro e ai colleghi: ecco il vademecum che ti spiega come fare in cinque punti.

Tecniche di sopravvivenza in azienda

COME SOPRAVVIVERE AL TORMENTONE ESTIVO

1

Ogni anno, anche se non vuoi, ti ritrovi a canticchiare la canzone dell’estate. Cerca di essere discreto almeno quando sei in ufficio, non a tutti piace il tormentone.

2

Se proprio non puoi farne a meno e nella pausa caffè ti scappa un “lezioni di nirvana, c’è il buddah in fila indiana” chiedi subito scusa perché sei rimasto all’anno scorso. Il tormentone esige aggiornamento.

3

Unica concessione se a fine agosto senti l’irrefrenabile bisogno di accennare “l’estate sta finendo e un anno se ne va”.

4

“Vamos alla Playa” vietatissima; i Righeira solo per chiudere la stagione.

5

E se sopra pensiero ti parte un nostalgico “pooo, po, po, po, po, pooooo, pooo” ricordati che sono passati 12 anni da quei Mondiali e che quest’anno manco c’eravamo, sigh!

CONTRIBUISCI ANCHE TU! Mandaci i tuoi segreti e le tue tecniche a info@luccametalmeccanica.it Le più divertenti saranno pubblicate su

luccametalmeccanica e nel prossimo numero

13


• • • • • •

Antica Trattoria Stefani Antico Sigillo Ristorante Bottega del Caffè Da Miro Gli Orti di Via Elisa Il Bernino

• • • • • •

La Bottega Lucchese L’Osteria Marconi Mara Meo Pesce Briaco San Colombano Vecchi Sapori di Lucca


Novembre 2018 / Anno 6 / Edizione IV trimestre

LU.ME. E LA CULTURA D'IMPRESA Il 15 dicembre ci sarà il primo TEDxLucca

Orientagiovani 2018

E voi sapete cos’è un TED?

Ci vediamo tutti al Teatro del Giglio il 7 novembre.

02

04

06 In persona / L'intervista al presidente di Gambini

LU.ME. conviene!

Tantissime convenzioni per il tuo Natale.


LU.ME. conviene! Per i tuoi regali di Natale, approfitta delle convenzioni riservate a tutti i titolari della Card PiĂš Famiglia.

Scoprile su www.luccametalmeccanica.it ABBIGLIAMENTO Casa del Bottone - accessori Cenerentola - calzature Easy Shop - abbigliamento Emily - abbigliamento Fratelli Lenci - calzature La Vela - abbigliamento Magazine - abbigliamento PinabĂŹ - biancheria e corredi Pittarosso - calzature Silvia Sport - abbigliamento sportivo Studio Sport - abbigliamento sportivo

BAMBINI Ama Gioconaturalmente - Giocattoli e articoli ecologici

SPORT Genesi Fitness Gymnic Center

COSMESI Erbario Toscano - profumi e cosmetici Bazar - profumeria Il Bello delle Donne - parrucchiere

GIOIELLI

Centro Fitness QBO Club

TEMPO LIBERO Libreria del Professionista Teatro del Giglio

La Perla Gioielli Oreficeria Raffaelli Renieri Gioielli

INFORMATICA Nek Point

VIAGGI Bei Viaggi Comfortravel Oasis Viaggi


INDICE

IN EVENTI IL 15 DICEMBRE CI SARÀ IL PRIMO TEDXLUCCA. E VOI SAPETE COS’È UN TED?

02

IL TEMA DEL TEDXLUCCA È "TEMPO SCADUTO"

02

LU.ME. PER TEDXLUCCA E LA CULTURA D'IMPRESA

03

ORIENTAGIOVANI 2018. CI VEDIAMO TUTTI AL TEATRO DEL GIGLIO IL 7 NOVEMBRE

04

EUREKA!FUNZIONA! SI RIPARTE CON LA DISTRIBUZIONE DEI KIT NELLE SCUOLE PRIMARIE

04

IN AZIENDA OLTRE 550 PERSONE ALLA FESTA D’ESTATE FAPIM A FAVORE DELLA FONDAZIONE MEYER

05

TUTTI IN SELLA NEL NOME DEL GRUPPO A.CELLI

05

IN PERSONA INTERVISTA A GIOVANNI GAMBINI

06

GRAZIE FULVIO

07

IN GIOCHI

08

IN RISATE

09

01


IN EVENTI

Il 15 dicembre ci sarà il prim E voi sapete cos’è un TED? Quando di mezzo c’è cultura e attenzione per le persone, Il 15 dicembre alla Chiesa dei Servi si terrà il cercato di essere d’aiuto all’organizzazione nel diffondere cos’è un TED e cos’è un TEDx, come quello che verrà a Lu

T

ED è un’organizzazione non-profit il cui scopo è la diffusione di idee che hanno valore, di solito sotto forma di presentazioni brevi e potenti (18 minuti o meno). TED è iniziato nel 1984 come una conferenza in cui convergevano tecnologia, intrattenimento e design (Technology, Entertainment, Design = TED) e oggi copre quasi tutti gli argomenti – dalla scienza alle imprese ai problemi globali – in più di 100 lingue. Ogni anno a Vancouver, British Columbia, si tiene la conferenza annuale – la “TED Conference”, – durante la quale condividono le proprie idee attraverso discorsi e presentazioni della durata massima di 18 minuti. Questi interventi sono raccolti sul sito www.ted.com e messi a disposizione degli utenti del web. x = eventi TED organizzati in modo indipendente Nello spirito delle “idee che meritano di essere diffuse“, TED ha lanciato il programma TEDx, che consiste in una serie di eventi locali organizzati in modo indipendente, che si propongono di riunire il pubblico per vivere un’esperienza simi-

le a quella che si sperimenta con TED. Il nostro evento si chiama TEDxLucca, dove x = evento TED organizzato in modo indipendente, in cui presentazioni dal vivo e proiezioni di video tratti da TED Talks sono combinati allo scopo di favorire relazioni e discussioni tra i partecipanti. Le Conferenze di TED forniscono il modello generale per gli eventi TEDx, mentre i TEDx locali, incluso il nostro, sono realizzati in modo autonomo.

Il 18 ottobre presso la Pasticceria Regina si è tenuto il primo AperiTED dove è stato presentato il progetto di TEDxLucca. Il prossimo incontro, dove verranno presentati i 9 speaker che parleranno il 15 dicembre alla Chiesa dei Servi, sarà il 16 novembre. Rimanete sintonizzati per essere informati su tutti i prossimi appuntamenti.

Il tema del TEDxLucca è "TEMPO SCADUTO" Il tempo delle chiacchiere e della teoria è scaduto. È arrivato il momento di passare all’azione. Il surriscaldamento globale, l’inquinamento delle acque, l’inquinamento da plastica, il rischio di scarsità di cibo nel futuro non troppo lontano, sono temi che preoccupano non poco. Gli uomini più ricchi del pianeta sono impegnati in una corsa allo spazio, insinuando la promessa di un altro mondo possibile, ma adesso la terra è il nostro pianeta, e il tempo è adesso. Esistono menti geniali che stanno già facendo cose straordinarie per evitare che il nostro tempo scada davvero. Dall’agricoltura biodinamica alla produzione di energia elettrica a partire da rifiuti, la sostenibilità e la capacità di fare scelte consapevoli per la terra e per l’essere umano saranno gli argomenti centrali del primo evento TEDx di Lucca.

02


o TEDxLucca. LU.ME. non può che essere in prima linea. primo TEDxLucca e per quanto possibile abbiamo la notizia. Partiamo però dall’inizio. Quanti di voi sanno cca?

LU.ME. per TEDxLucca e la cultura d'impresa LU.ME. ha invitato il team organizzativo di TEDxLucca alla giornata dell’Orientagiovani il 7 novembre al Teatro del Giglio. Alla fine dello spettacolo uno di loro salirà sul palco per raccontare cos’è TED e TEDxLucca a una platea certamente interessata a tutto ciò che ha a che fare col futuro. Lo stesso avverrà durante il PMIDay nelle aziende che ospiteranno i ragazzi delle scuole superiori. Perché siamo certi che le nuove generazioni siano il pubblico perfetto per ricevere ispirazione da idee di valore. Seguite TEDxLucca sui social:

03


IN EVENTI

Orientagiovani 2018. Ci vediamo tutti al Teatro del Giglio il 7 novembre A

nche quest’anno abbiamo dato appuntamento a circa 800 studenti delle terze medie di Lucca e provincia al Teatro del Giglio dove andrà in scena “Ti aspetto fuori nel mondo". L’emozione di una scelta”, lo spettacolo scritto in collaborazione col teatro che vuole stimolare i ragazzi a riflettere su quale sia la strada giusta che li condurrà verso la scelta della scuola superiore. Quest’anno il video di apertura avrà una parte dedicata a Orientagiovanilab fatto lo scorso anno alla Carlo del Prete e che tanto successo ha riscosso fra i giovani studenti. Un progetto quello dell’Orientagiovani che cresce di anno in anno e che ci rende orgogliosi di partecipare, anche solo con degli spunti di riflessione, a un momento così importante nella vita delle future generazioni.

Eureka!Funziona! Si riparte con la distribuzione dei kit nelle scuole primarie D

opo la scorpacciata della finale nazionale del progetto di Confindustria Eureka! Funziona! per la quale abbiamo ospitato a Lucca 500 bambini delle scuole primarie provenienti da tutta Italia, prosegue l’impegno di LU.ME. nei confronti della scuola e del futuro. Sono stati acquistati i nuovi kit per l’edizione del 2019 che a partire da gennaio verranno distribuiti alle classi terze, quarte e quinte delle scuole primarie di Lucca e provincia. Saranno 150 i kit per un totale di circa 40 classi e 1.000 bambini coinvolti. Chissà con quali giochi ci delizieranno quest’anno questi giovani inventori.

04


IN AZIENDA

Oltre 550 persone alla festa d’estate Fapim a favore della Fondazione Meyer C

ome ogni anno a luglio allo stabilimento Fapim di Spianate di Altopascio si è tenuta la tradizionale festa dell’estate a favore della fondazione Meyer e come ogni anno i dipendenti hanno risposto con grande entusiasmo. Erano più di 550 le persone che hanno partecipato e circa 60 i volontari che hanno grigliato quintali di carne e distribuito vino, frutta, gelati e bomboloni. Non è mancata la musica a cura di Luca Bastianelli DJ & Friends e della Fa-

pim band ad allietare il dopo cena. Per Massimo Bellandi, presidente esecutivo di Fapim, “la partecipazione così sentita da parte di così tanti dipendenti con le loro famiglie è per noi una gioia indescrivibile. Questa serata rinsalda relazioni profonde tra noi tutti e ci permette anche di aiutare un centro di eccellenza del nostro territorio cui ci lega ormai un rapporto di profonda amicizia”.

Tutti in sella nel nome del gruppo A.Celli

I

l 13 settembre si è svolto un evento ciclistico organizzato per 55 clienti di A.Celli provenienti dalla Danimarca e capitanato dal campione del mondo Mario Cipollini. Il grup-

po si è diviso in tre squadre che sono partite dall'azienda, direzione Montecatini Alto, per riunirsi poi in un pranzo memorabile.

05


IN PERSONA

Le interviste di LU.ME. Diamo voce alle persone che fanno le aziende.

Giovanni Gambini Presidente Quando è cominciata l’avventura LU.ME. si sarebbe mai immaginato di arrivare a festeggiare i 5 anni? Francamente sì, fin dall’inizio ho creduto in questa avventura e sono sempre stato fiducioso sulla possibilità di raggiungere quegli obiettivi che ci eravamo posti. 5 anni sono passati, a dire il vero molto velocemente, ed il fatto che si stiano continuando a pianificare attività future la dice lunga sulla qualità del progetto LU.ME. C’è ancora molto che possiamo e vogliamo fare. Quanta soddisfazione c’è nel vedere che un progetto come questo continua a ottenere il consenso di tante aziende anche concorrenti fra loro? Tantissima soddisfazione. Questa fu la prima scommessa fatta da quel gruppo di imprenditori di cui anche io facevo parte e che 5 anni fa decisero di dare vita al progetto LU.ME. Una scommessa certamente vinta e di cui siamo tutti molto orgogliosi. Credo infatti che uno degli aspetti più innovativi di questo Progetto sia stato proprio quello di unire gli sforzi compiuti dalle singole aziende anche tra loro concorrenti, per massimizzarne il risultato sul territorio. Insomma, ciò che per logiche di mercato è diviso, LU.ME. ha unito. C’è un aspetto che le sta particolarmente a cuore di quelli che LU.ME. porta avanti? Le attività a supporto degli istituti scolastici per la formazione dei giovani. Ritengo che l’impegno ed il contributo delle aziende, canalizzato attraverso una struttura di indirizzo come il LU.ME. sia di fondamentale importanza per avvicinare questi due mondi, scuola – lavoro, spesso troppo distanti. Gli studenti di oggi saranno i lavoratori di domani; è quindi nostro dovere investire nella loro crescita culturale e formativa. Con questo non intendo certo trascurare altre attività che LU.ME. continua a portare avanti con successo; ad esempio la Card Più Famiglia, assolutamente gratuita e attraverso la quale i nostri dipendenti e le loro famiglie

ottengono sconti su acquisti fatti presso tutte le strutture convenzionate sparse sul territorio. Nella sua esperienza professionale prima di LU.ME. ha mai avuto modo di confrontarsi con progetti analoghi? Sinceramente no, non ho mai avuto notizie di Progetti simili né credo che ne esistano. Ritengo che LU.ME. sia davvero unica nel suo genere. A tale proposito è bene ricordare che nell’anno 2015 Federmeccanica ha riconosciuto ufficialmente il progetto LU.ME. come una “best practice” proprio a livello nazionale. Un riconoscimento che ci rende orgogliosi di quanto siamo stati in grado di creare e che ci spinge a continuare ad andare avanti per raggiungere sempre maggiori risultati. C’è un aneddoto legato al progetto LU.ME. che ci vuole raccontare? Ricordo con emozione la finale territoriale di Eureka Funziona! 2015 che si tenne a Lucca presso la Chiesa dei Servi. Centinaia di bambini chiamati a presentare i loro “progetti”. Vedere l’impegno, la voglia di fare e la passione che traspariva dai loro sguardi nell’esporre i progetti che avevano preparato mi indusse a chiedere ad uno di loro che cosa stesse facendo alla manifestazione. Questi senza indugiare mi rispose “LU.ME. mi ha invitato perché sono un inventore; qui siamo tutti inventori”. Ecco, il nome LU.ME. era arrivato fino a quel bambino Quando è cominciata la sua avventura professionale avrebbe mai immaginato di arrivare a tagliare traguardi così importanti? La società Gambini fu fondata dal mio bisnonno nel lontano 1870 e dopo di lui, di generazione in generazione, è passata a mio nonno, poi a mio padre ed infine a me. Posso quindi dire che sono vissuto in azienda praticamente da quanto sono nato. Certo non mi sarei mai immaginato che l’azienda

08 06


riuscisse a raggiungere i livelli attuali, anche se fin dall’inizio ho sempre creduto nelle nostre potenzialità. Quanto tempo dedica a sé stesso come persona e quanto a sé stesso come professionista? Un’azienda delle dimensioni della Gambini, dove l’imprenditore è sempre in prima linea, chiede molta dedizione. Molto del mio tempo è quindi assorbito dal mio lavoro. Tuttavia, la mia famiglia ricopre un ruolo centrale nella mia vita e cerco di dedicarle ogni attimo libero dagli impegni lavorativi. Se le dico "futuro" cosa le viene in mente? Penso ai giovani di oggi che saranno i lavoratori, i professionisti, gli imprenditori di domani e che saranno chiamati a determinare il nostro futuro. Penso che tutti noi abbiamo il dovere di investire sulla loro crescita culturale e sulla formazione per continuare a far crescere le nostre aziende e più in generale, il nostro paese. Ottimista per natura, pur riconoscendo che oggi stiamo vivendo un periodo molto complicato, resto convinto che continuando ad investire sul capitale umano, patrimonio inestimabile di ogni azienda, riusciremo a

mantenere quel livello di eccellenza che i mercati mondiali da sempre riconoscono al Made in Italy ottenendo quelle positive ricadute sul territorio che tutti auspichiamo. Cosa augura ai giovani che si apprestano a entrare nel mondo del lavoro? Gli auguro di credere nella possibilità di realizzare i loro sogni, di essere motivati e di non arrendersi di fronte a quelle difficoltà che inevitabilmente si presenteranno loro davanti. Gli auguro di riuscire ad utilizzare al meglio tutti quei percorsi formativi che scuola, università ed aziende saranno state in grado di mettere a loro disposizione, oltre ad aprirsi verso esperienze al di fuori dei confini nazionali. In un mondo del lavoro sempre più globalizzato infatti, oltre alla conoscenza delle lingue straniere, percorsi formativi internazionali saranno certamente in grado di consentire l’acquisizione di quella ”esperienza internazionale” che aiuterà il neo lavoratore nello sviluppo di un percorso professionale di soddisfazione. In ultimo auguro a molti di loro di intraprendere la carriera imprenditoriale, una strada certamente dalle molte difficoltà ma ricca di grandi soddisfazioni.

Grazie Fulvio Sei parte della storia della Gambini, parte della nostra storia.

C

osì il presidente di Gambini S.p.A., Giovanni Gambini, saluta Fulvio Canapai, oggi in pensione dopo 43 anni di lavoro e strada percorsi insieme. “Ci siamo incontrati sui banchi di scuola alle elementari - ricorda Giovanni Gambini ripercorrendo un rapporto speciale con un dipendente speciale - e siamo cresciuti insieme prima tirando calci al pallone e poi in officina meccanica, fino alla Gambini di oggi”.

Ecco perché sulla targa che gli è stata consegnata venerdì scorso durante la festa per salutarlo, ha fatto scrivere: “A Fulvio Canapai con stima, gratitudine e sincero affetto per la passione, l’impegno e l’alta professionalità che ha dimostrato in 43 anni di ininterrotta attività”. Grazie Fulvio, anche da parte di tutti i tuoi colleghi.

09 07


IN GIOCHI

Gioca con noi! Conosci questi animali? Sono solo alcuni tra quelli che in inverno vanno in letargo. Colorali e scrivi i loro nomi!

08


IN RISATE

La rubrica del buonumore Sopravvivere al meglio al lavoro e ai colleghi: ecco il vademecum che ti spiega come fare in cinque punti.

Tecniche di sopravvivenza in azienda

COME SOPRAVVIVERE AL CALDO DELL’AUTUNNO

1

Quest’anno ti sei decisa/o a fare per tempo il cambio armadio, peccato che ormai da qualche anno non ci sono più i novembre di una volta.

2

Le castagne sul fuoco sono l’unica cosa che ti rimanda alla stagione in corso, mentre i 28 gradi a mezzogiorno ti fanno maledire di aver messo via tutte le t-shirt a maniche corte.

3

In ufficio le ascelle si fanno sentire e non sai se ti dà più fastidio quello o i colleghi che dicono quotidianamente “certo che non sai più come vestirti!”.

4

Tu di contro sapresti come vestirti, peccato che è tutto già scatolato e se lo tirassi fuori saprebbe di naftalina e non sta bene andare in giro lasciando la scia.

5

E se per bilanciare volessi indossare ancora i sandali assicurati di essere a posto con la pedicure e ricorda che comunque se hai più di trent’anni nessuno ti può mettere al riparo dal mal di gola e dal ridicolo.

CONTRIBUISCI ANCHE TU! Mandaci i tuoi segreti e le tue tecniche a info@luccametalmeccanica.it Le più divertenti saranno pubblicate su

luccametalmeccanica e nel prossimo numero

09


Profile for Progetto LU.ME.

Progetto LU.ME. - House Organ 2018  

Progetto LU.ME. - House Organ 2018  

Advertisement