Page 1

notiziario comunale

di Velletri Periodico gratuito d’informazione del Comune di Velletri - N.3 - Aprile 2012

COMUNE DI VELLETRI Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 - 00049 Velletri (Rm) Tel. 06 961581 - Fax 06 96158462 www.comune.velletri.rm.it


Cari Concittadini ... Cari Concittadini .................................... 3 BREVI DAL COMUNE

Aggiornamenti e notizie in anteprima .............. 4

le ECCEllenze

Il Canile Comunale ......................................... 5

metamorfosi

Una nuova vita per il Fondo Antico ............ 8 L’Ufficio Anagrafe si trasforma ....................... 9

una città NUOVA

Obiettivi .......................................................... 10 PLUS Piano locale di Sviluppo ...................... 12 Isola Ecologica .............................................. 16

I numeri

IMU Imposta Municipale Unica .................... 18

IMPRESE

Semplificazione Edilizia ................................ 20 Verifica del piano di commercio ..................... 21 Destinazione d’uso Locali Commerciali ....... 21

eventi

Festa delle Camelie .........................................22 Il Vulcanetto si chiamerà “Fumino”................23

informazioni Numeri utili .................................................. 24

Periodico a diffusione gratuita N.3 - APRILE / 2012 Registrazione Tribunale di Velletri n. 19/2011 del 2/11/2011 Direttore Responsabile: Eugenio Siracusa Editore: Comune di Velletri Redazione: Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 00049 Velletri (RM) Tel. 06 961581 - Fax 06 96158462 www.comune.velletri.rm.it

2

Progetto grafico e Realizzazione: AerreStudioIdea Comunicazione di Zandanel Anna M.G. e C. snc Via Grotte dell’Oro, 50 00049 Velletri (RM) Stampa: Tipografia Monti S.r.l. Via Appia, KM. 56.100 04012 Cisterna di Latina (LT)

Il Notiziario di Aprile è visibile sul sito www.comune.velletri.rm.it

C

ari Concittadini, questo numero del Notiziario, ancor più dei precedenti, è ricco di informazioni utili per espletare le incombenze delle prossime settimane (vedi IMU), ed anche per capire come la città continua a crescere. Viviamo una stagione di grandi cambiamenti. Già nelle poche settimane in cui non ci siamo confrontati sul Notiziario, molte cose sono diverse: il nuovo Governo Monti sta deliberando riforme che avranno un grosso impatto sulla nostra vita, dalla tassa sulla casa al lavoro. Purtroppo gli effetti della crisi sono sempre più evidenti e le nostre decisioni debbono essere quanto mai ponderate, soprattutto quando trattano di materia fiscale. Il mio obiettivo è quello di risanare i conti del Comune nel rispetto dei cittadini e poichè è necessario operare secondo il rigoroso dettato della legge, questo restringe i margini di manovra. Ad esempio, nel caso della nuova imposta IMU (la vecchia ICI) abbiamo dovuto seguire le disposizioni del Ministero dell’Interno che impone ai Comuni dissestati l’applicazione della tariffa massima, sia per la prima che per la seconda casa. Purtroppo paghiamo ancora alto il prezzo della precedente gestione che, non mi stancherò mai di ricordare, ci ha lasciato tre enti fallimentari (Comune, Volsca e Azienda Speciale). Sulle aliquote dell’IMU abbiamo però applicato la massima detrazione per la prima casa, che comporterà dei risparmi importanti per le famiglie. I numeri li trovate più avanti in un servizio che descrive in dettaglio come e quando si paga l’IMU e quali sono state le scelte dell’Amministrazione. Per contro, non abbiamo ritoccato la tariffa TARSU nonostante i costi di gestione siano aumentati (basta pensare al gasolio che viene utilizzato dai mezzi per la raccolta). Siamo riusciti in questo grazie all’oculata gestione della Volsca, ma anche grazie al recupero che è stato messo in atto nei confronti degli evasori. La raccolta viene effettuata con regolarità e professionalità con i nuovi mezzi: tutti rinnovati dai compattatori ai cassonetti. Con l’apertura dell’Isola Ecologica abbiamo anche dato una risposta importante ai cittadini per la gestione dei rifiuti ingombranti e aperta la strada verso la raccolta differenziata porta a porta, la cui partenza è ormai imminente. In questo numero Vi parlo anche del progetto

PLUS, ovvero di un programma di riqualificazione urbana della zona ovest della città con la realizzazione della Nuova Circonvallazione di Ponente, che rivoluzionerà la viabilità nella zona sud, sanando la frattura aperta con la costruzione della ferrovia. Un progetto ambizioso che mette insieme gli Accordi di Programma, fondi già erogati, e nuovi finanziamenti richiesti con un bando europeo gestito dalla Regione Lazio. Troverete più avanti un dettagliato servizio sul progetto PLUS che, oltre alle opere pubbliche, prevede l’integrazione con il tessuto produttivo della città, con l’ambiente, il verde pubblico e, soprattutto, con la cultura che funge da propulsore del cambiamento che abbiamo in mente. Manca un anno alle elezioni amministrative e la nostra ambizione è quella di continuare a dare risposte ai cittadini come abbiamo fatto sin dal primo giorno, sempre con lo stesso spirito, senza faziosità o preferenze. Per questo abbiamo pubblicato anche gli obiettivi che ci siamo prefissati, una sorta di impegno che intendiamo sottoscrivere con i cittadini che sanno già da oggi quello che accadrà nel prossimo futuro. Invito tutti ad unirsi a noi in questo cammino di rinnovamento e di sviluppo della nostra città. Il nostro impegno è finalizzato alla riduzione dei tributi a carico dei Cittadini, attraverso anche il recupero dell’evasione (pagare tutti per pagare meno). Partecipate tutti affinché la nostra città possa diventare ancora piu accogliente, piu pulita, piu ordinata, utilizzando al meglio i servizi che riusciremo a mettere a disposizione. Sono certo che questo mio appello verrà ascoltato da tutti in questo momento cosi difficile. Dobbiamo essere uniti per ricreare le giuste aspettative in un futuro di opportunità per tutti noi, ma soprattutto per i giovani, i nostri figli e i nostri nipoti. Fausto Servadio 3


Le eccellenze

BREVI DAL COMUNE

Aggiornamenti e notizie in anteprima 2012: UN NUOVO ANNO DI OBIETTIVI PER I DIRIGENTI COMUNALI È attualmente in fase di definizione il documento contenente gli obiettivi per l’anno 2012 assegnati ai dirigenti comunali. Questo documento, tanto importante per la gestione delle attività dell’Amministrazione, verrà portato per la prima volta in assoluto a conoscenza dei cittadini tramite il Notiziario Comunale, affinché tutti possano essere informati sui progetti in corso e riescano a comprendere le difficoltà incontrate. La pianificazione degli obiettivi viene portata avanti insieme alla verifica delle risorse disponibili, per questo solitamente viene effettuata insieme al bilancio di previsione, nel mese di Settembre. Quest’anno però è ferma intenzione dell’Amministrazione programmare gli obiettivi entro febbraio, per iniziare da subito un proficuo lavoro. Ad affiancare il lavoro dei dirigenti opererà un sistema informatico in grado di monitorare trimestralmente l’andamento degli obiettivi, per controllare che vengano portati avanti con la giusta tempistica. BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DEI LOCULI CIMITERIALI Si è chiuso il 31 Dicembre il bando per l’assegnazione dei nuovi loculi cimiteriali. Le assegnazioni sono attualmente sospese a causa di alcuni ritardi nella costruzione. Contrariamente a quanto ci si aspettava, le richieste sono state inferiori al numero di posti disponibili e non sono state inviate sufficienti domande per tutti i 1000 posti in costruzione. Una volta verificato l’effettivo numero delle domande, il bando verrà dunque riaperto. In questi giorni è anche in corso il riconcessionamento dei loculi con concessione scaduta, un’attività importantissima che è ripartita per la fase definitiva. Dopo la pubblicazione dell’avviso relativo alle scadenze di concessione, i cittadini che vorranno potranno riconcessionare il loculo dove riposa il proprio defunto e solo in caso di mancato riconcessionamento il Comune rientrerà in possesso del loculo. I loculi con concessione scaduta sono attualmente 3500 e sono stati rilevati grazie al lavoro di censimento fatto nell’area. Assieme ai 1000 loculi di nuova costruzione, i loculi con concessione scaduta che non verranno riconcessionati permetteranno di risolvere la situazione di emergenza presente nel cimitero.

2012: un nuovo anno di obiettivi per i dirigenti comunali. Bando per l’assegnazione dei loculi cimiteriali.. Ici e tarsu: in arrivo il bando di sanatoria

ICI E TARSU: IN ARRIVO IL BANDO DI SANATORIA È intenzione dell’Amministrazione pubblicare al più presto un bando di sanatoria per i tributi ICI e Tarsu non versati nel quinquennio passato. La proposta deve tuttavia essere ancora discussa in Consiglio Comunale. Il bando dovrebbe prevedere la possibilità per il cittadino moroso che si autodenuncia di pagare la somma evasa e gli interessi legali, senza alcuna sanzione; mentre il cittadino che in caso di controllo risulti evasore dovrà pagare il doppio del tributo evaso più gli interessi legali.

4

in cerca di casa

Brevi dal Comune

canile

comunale

Da in alto a sinistra: smeralda,mammina,

tobia, lulù, bianchina, omar.

Gli investimenti dell’Amministrazione

N

el 2008 l’Amministrazione ha deciso di mettere a norma il vecchio canile privato che sorgeva su terreno comunale dato in comodato d’uso, allineandosi alla legge regionale n. 34 del 21/10/1997 sulla tutela degli animali ed usufruendo così del contributo della Regione Lazio, pari a 90.000 euro. I fondi sono serviti a mettere in regola la fossa biologica e a costruire i box, adeguatamente spaziosi, che non ospitano mai più di tre cani alla volta, i box di degenza e di osservazione, la sala operatoria con i nuovi uffici. I prossimi interventi di miglioramento andranno ad aumentare la sicurezza, attraverso l’installazione di un sistema di videosorveglianza. Attualmente, i costi per il Comune sono quelli relativi al mantenimento degli animali. Due euro al giorno per ogni cane: una cifra notevolemente inferiore rispetto a quelle dei canili privati. La gestione comunale e i fondi regionali hanno abbattuto i costi, pur riuscendo a preservare un elevato standard di qualità.

contatti

Associazione Veliterna Tutela del Cane

3387034771 – 3899681604 ass.veliterna.tutela.del.cane@gmail.com Profilo e gruppo facebook: Centro di servizio adozioni Velletri “Canis in Fabula” http://www.facebook.com/groups/45167393181/ Canile di Velletri http://www.facebook.com/profile. php?id=100002045616132&ref=ts

Il canile è aperto ai cittadini che vogliano informazioni o che siano interessati ad un’adozione il martedì, il giovedì e il sabato dalle 9.30 alle 13.30 5


IL CANILE INTERCOMUNALE: UN NUOVO PROGETTO

La tutela degli animali e le attività circensi

sissi, spino, susi, isabella, checco.

Da sinistra: Artù, Bea, Bernie, Betty, Billy, Bizza, Buck, Camilla,

Ciccio, Creta, Ettore, Franco. 6

in cerca di casa

Da in alto a sinistra: otto,

in cerca di casa

Ultimamente hanno provocato numerose critiche le molte compagnie circensi che hanno portato il loro tendone sul territorio veliterno, installandosi per brevi periodi nell’ex area Amore. Le attività circensi hanno un’autorizzazione prefettizia, statale e sono pertanto regolamentate da leggi nazionali, che il singolo Comune non può far altro che accettare. La sola limitazione che può essere introdotta, ed il Comune di Velletri lo ha fatto, è quella che vieta al circo di adescare clienti tramite l’uso diretto degli animali. Per legge, il territorio comunale deve avere un’area da mettere a disposizione per le attività circensi e di spettacolo viaggiante. Il Comune è comunque tenuto ad accertarsi, tramite i dovuti controlli, della sicurezza della struttura e della tutela degli animali.

Velletri, insieme ad Ariccia, Castelgandolfo e Lanuvio è impegnata nel nuovo progetto del canile intercomunale. Grazie ad un contributo regionale di 50.000 euro, l’Amministrazione potrà adoperarsi per portare e livelli di eccellenza anche questo progetto, che procurerà al Comune altri 40 posti per accogliere i randagi. L’obiettivo che si vuole perseguire è volto al miglioramento della qualità e all’ottimizzazione delle risorse economiche. La gestione è stata affidata ad un soggetto esterno tramite appalto.

Da in alto a sinistra: itaca,

jolly, kingo, lancia, layka, LEA, leo, loira, mimì, lanka, nanà, molla. 7


La metamorfosi

UNA NUOVA VITA PER IL FONDO ANTICO VELITERNO

D

opo aver alloggiato per anni nei sotterranei del “Ciambellone”, il Fondo Antico torna ad avere una collocazione adatta alla sua conservazione ed alla sua completa fruibilità da parte del

pubblico. Grazie ad una recente ristrutturazione, i locali dell’ex Biblioteca Comunale hanno potuto accogliere la grande mole di materiale di cui si compone il Fondo: un primo passo verso la definitiva sistemazione di un patrimonio culturale di notevole importanza. Di strada da fare ce n’è ancora tanta. Solo da poche settimane è arrivato il via libera della Regione Lazio ad un contributo per l’acquisto di scaffali compattatori e per il completamento degli arredi. Anche la catalogazione e la digitalizzazione degli incunaboli, portata avanti grazie ad un progetto di valorizzazione del patrimonio librario di Velletri contenuto nel Fondo Antico, è ferma alla fase conclusiva per una

questione di tempistica relativa all’erogazione del contributo richiesto. Si sta inoltre ultimando la redazione di un regolamento unico, conforme sia al Fondo Moderno che a quello Antico, affinché le due istituzioni operino sinergicamente per garantire un servizio migliore. Il Fondo, nonostante queste difficoltà gestionali relative alla mancanza di finanziamenti, è comunque già interamente fruibile tramite appuntamento. Un’ulteriore piacevole novità è la collaborazione del GAV, il Gruppo Archeologico Veliterno, che vedrà i volontari impegnati nella ricatalogazione dei libri, grazie alla stipula di una convenzione. Quello del Fondo Antico è dunque un progetto che sta prendendo forma; una sfida essenziale volta a ribadire una volta per tutte l’importanza del patrimonio librario e archivistico, vera memoria storica e culturale del nostro passato, l’unica in grado di dirci chi siamo.

Da cosa è composto il Fondo? L’emeroteca, con settimanali di stampa locale e quotidiani nazionali del secolo XIX e degli inizi del secolo XX L’archivio storico notarile L’archivio storico del Regno d’Italia Manoscritti e miscellanea veliterne Incunaboli e cinquecentine Libri datati dal XIV al XIX sec. con testi di argomenti vari (religione, medicina, giurisprudenza...)

L’

ufficio anagrafe si rinnova diventando più user friendly, più vicino ai cittadini e alle loro necessità. Grazie all’installazione della nuova colonnina eliminacode gli utenti possono disporre di informazioni più chiare e di un migliore monitoraggio dell’attesa. Grazie alle differenti canalizzazioni, create in base al servizio richiesto dal cittadino, la fila viene snellita e l’attesa diventa più breve e sicuramente più “civile”. Un esempio di buona gestione accolto favorevolmente dalla maggior parte degli utenti.

L’UFFICIO ANAGRAFE SI TRASFORMA:

l’efficienza della nuova colonnina eliminacode

LA PAROLA AI CITTADINI In una mattinata qualsiasi abbiamo chiesto agli utenti dell’ufficio anagrafe di dire la loro riguardo la qualità del servizio offerto e l’efficienza della nuova colonnina eliminacode Elisa: L’ultima volta che sono venuta il servizio è stato efficace: in dieci mimuti ho rinnovato la carta d’identità. Penso sia una cosa buona. Gabriella: Non mi parli dell’eliminacode. La settimana scorsa per fare la carta d’identità ho impiegato tantissimo tempo, a causa della quantità di persone. Adesso sono qui da cinque minuti, speriamo bene! Raoul: Con la colonnina non bisogna presidiare il posto, quindi mi sembra meglio. Adesso proverò il servizio, spero siano realistiche anche le informazioni sullo stato d’attesa. Chiara: Quando mettono queste cose è sempre buono. Se il servizio funziona meglio è meglio per i cittadini. Raffaele: Abito a Lariano, quindi non mi capita spesso di venire qui. Sono cinque minuti che aspetto e ho ancora cinque numeri davanti. Non so com’era prima il servizio, ma la colonnina mi sembra un’ottima cosa. Rosalba: La colonnina eliminacode è necessaria per evitare che sorgano litigi. In base alle ultime notizie apparse riguardo l’informatizzazione dei servizi pubblici però ancora non si capisce perché si debba venire qui per trarre documenti che potrebbero essere tratti on line con debita informazione ai cittadini. Bisognerebbe snellire le procedure. Massimiliano: Mi sembra che il risultato sia sempre lo stesso: nonostante la colonnina eliminacode la fila c’è sempre e le attese sono troppo lunghe.

8

9


Una città nuova

M

anca circa un anno alla fine della consigliatura e prima che suoni la campanella dell’ultimo giro, l’Amministrazione fissa gli obiettivi che intende perseguire da qui al rinnovo del mandato. Si tratta delle azioni già avviate o che stanno per partire, in base a una rigorosa e puntuale programmazione che segue con coerenza tutto il lavoro che è già stato svolto. In tabella ne vengono evidenziate alcune. Intervento

Obiettivo

Teatro Artemisio

Con i lavori del Teatro siamo giunti alla fase finale, che prevede gli arredamenti e gli impianti. Stiamo cercando di inaugurare l’Artemisio nel mese di giugno e sono attivi contatti per invitare il Presidente della Repubblica all’inaugurazione. Sul fronte della gestione del Teatro, l’Amministrazione sta lavorando sulla scelta del modello da adottare che prevede, comunque, la selezione tramite bando pubblico.

Viabilità

Si sta lavorando per andare in gara con tre lotti di rifacimento del manto stradale. Il primo riguarderà il centro della città mentre gli altri due saranno ripartiti a nord e a sud della città. Le strade interessate dalle opere sono quelle che versano nelle peggiori condizioni.

Edifici scolastici

Sul fronte degli edifici scolastici continuano gli interventi di messa in sicurezza per tutti i plessi. In alcune scuole stanno per essere installati degli impianti fotovoltaici. Aperto il cantiere della scuola Luigi Novelli che verrà completamente ristrutturata.

Bretella Velletri – Lariano

Entro poche settimane ci sarà l’inaugurazione del secondo lotto che arriva fino a via Papazzano, mentre entro la fine dell’anno si prevede il completamento anche del terzo lotto che prevede l’illuminazione e il rifacimento di via Papazzano, compreso lo svincolo che immette sulla via di Cori per agevolare le manovre dei mezzi pesanti.

Stazione ferroviaria

Edificio ex Marzuolo

Piazza Pagnoncelli

Tribunale

Completamento delle rotatorie e revisione della viabilità viaria e pedonale in tutta la zona, con particolare attenzione alla messa in sicurezza dei passaggi pedonali. Sistemazione del parcheggio della stazione. Rifacimento dei marciapiedi di viale Marconi e sistemazione di via delle Foibe incluso il consolidamento del muro di protezione. Avviati i lavori di ristrutturazione dell’edificio che oggi ospita la Protezione Civile e che nei prossimi mesi ospiterà la Velletri Servizi. Con questa ulteriore attività si riduce ancora il costo degli affitti che ormai sono stati quasi azzerati, con un risparmio di milioni di euro. Completamento dei lavori di rifacimento del Palazzo e della Piazza. Assegnazione di quattro appartamenti, tra quelli ristrutturati, a famiglie disagiate per dare una prima risposta alla richiesta di abitazioni. Avviate le procedure per il bando di gara finalizzato al raddoppio dell’edificio. L’operazione consentirà dapprima un risparmio di oltre 200 mila euro, di oneri a carico dell’Amministrazione. Una volta completato il raddoppio, l’opera frutterà invece oltre 300 mila euro che entreranno nelle casse del Comune.

Avvio delle procedure per la costruzione della Cittadella della Sicurezza che prevede di ospitare la Guardia di Finanza, la Pubblica Sicurezza e la Polizia Stradale. La sede della Cittadella è prevista in via Eduardo de Cittadella della Sicurezza Filippo e produrrà effetti positivi sia in termini di qualità del lavoro delle forze dell’ordine che di decongestinamento del centro. Si pensi alla Pubblica Sicurezza che è costretta in un edifico in centro non adeguato alle moderne esigenze. 10

Intervento

Obiettivo

Navette gratuite

Nelle ultime rilevazioni disponibili si registrano oltre 15 mila presenze mensili. Lo straordinario risultato spinge l’Amministrazione a sostenere questo servizio e a potenziarlo, vista la notevole maturazione culturale dei cittadini e la grave crisi economica che sta facendo lievitare i prezzi dei carburanti.

Assetto del patrimonio forestale

Per la prima volta sta per essere completato il piano di assetto forestale, strumento necessario per la salvaguardia del bosco e per la sua valorizzazione.

Cinipide DEL CASTAGNO

Il Comune di Velletri è in prima linea nella lotta contro il Cinipide, il parassita che sta attaccando i castagni. E’ e in fase di realizzazione una coltura di un anti-parassita in grado di combatterlo naturalmente.

Palazzo dello Sport “Palabandinelli”

Continua la presenza di eventi nazionali e internazionali all’interno del Palabandinelli, che numerose federazioni sportive prediligono per importanti manifestazioni. La FIGC sta valutando le procedure di omologazione per abilitarlo a ospitare gare della nazionale italiana di Calcio a 5 di Serie A. La nazionale italiana è stata già ospite al Palazzo dello Sport per gli allenamenti in vista della gara di qualificazione ai campionati mondiali. Anche la Federazione Nazionale di Pugilato è interessata a organizzare una gara per un titolo italiano.

Campo Sportivo “Scavo” Campo “B”

A fine campionato parte la manutenzione straordinaria che prevede la sistemazione del tappeto sintetico. I lavori sono stati già affidati e prevedono anche la sistemazione della recinzione e degli spalti.

Piazza Garibaldi

Grazie al contributo di privati sono in fase di avviamento i lavori per la riqualificazione della fontana di piazza Garibaldi.

Illuminazione

Riqualificazione dell’illuminazione di piazza della Meridiana, via Moresi e via dei Bastioni con lavori che inizieranno entro poche settimane. Avvio dei lavori di illuminazione pubblica del primo tratto del Corso, via Menotti Garibaldi, via Guido Nati fino a piazza Metabo. Contestualmente, riqualificazione di tutti i vicoli perpendicolari al Corso fino al mercato, via dei Volsci nel tratto che va da via Lata a via Cesare Cesaroni e via Vecchia di Napoli.

Velletri città d’Europa

Azione di marketing territoriale per la promozione delle eccellenze di Velletri.

Bandi regionali

Avviamento del servizio di sostegno per l’assistenza tecnica alle imprese di Velletri sui bandi regionali a valere sui fondi europei.

Mercatini domenicali

Sperimentazione dei mercatini dell’antiquariato e delle eccellenze istituiti dall’Amministrazione, in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale e le associazioni di categoria dei commercianti. Il mercatino si svolge ogni ultima domenica del mese.

Verde pubblico

Lavori di riqualificazione di altre tre rotatorie: in città quella di piazza Garibaldi sotto l’Alberone e la rotatoria che incrocia via Artemisia Mammucari e via Cesare Cesaroni. In campagna la rotatoria di Colle Ottone. Allestimento di un parco giochi per bambini nel parco di piazza Garibaldi con il contributo della Provincia di Roma. 11


Da sinistra: l’Arch. Alvaro Ronzani, il Sindaco di Velletri Fausto Servadio, e l’Arch. Maurizio Sollami

Vediamo in sintesi quali sono le altre azioni che completano il progetto PLUS. Recupero dell’Area delle Stimmate e del Tempio Volsco

Intervento di recupero del sito archeologico ex Chiesa delle Stimmate per la valorizzazione del patrimonio storico e artistico. Verrà inoltre compiuto uno scavo Archeologico nell’area presbiteriale a opera dell’Università La Sapienza di Roma. Il costo dell’intervento è di 1.200.000,00 euro.

Casa della Cultura e della Musica

PLUS Piano Locale Urbano di Sviluppo

S

veliamo subito l’acronimo PLUS, che sta per Piano Locale e Urbano di Sviluppo inquadrato nelle politiche di “Sviluppo Urbano e Locale” previste nel nuovo Asse V della programmazione regionale per l’utilizzo dei fondi europei. Tradotto in modo semplice è un buon modo di gestire i fondi dell’Unione Europea da parte della Regione Lazio che ha promosso un bando per i Comuni con popolazione superiore ai 25 mila abitanti. L’Amministrazione di Velletri ha prontamente risposto con un progetto che prende il nome di “Le Vie della Cultura” poiché il suo filo conduttore è la cultura, sia nella sua dimensione tradizionale che in quella considerata dall’Amministrazione come volano per lo sviluppo della città. Cerchiamo di comprendere bene le finalità del PLUS sulla base delle scelte fatte dall’Amministrazione comunale. La prima caratteristica del PLUS è che il progetto deve essere circoscritto in una specifica zona della città, definita “area target” e su di essa vanno sviluppate azioni progettuali destinate a: • recupero di spazi ed edifici pubblici; • inclusione sociale, coesione interna, sviluppo di servizi sociali, turistici e culturali; • miglioramento dello stato dell’ambiente, della mobilità e dei trasporti urbani; • promozione dell’imprenditoria e rivitalizzazione del tessuto economico e produttivo. L’altra caratteristica è che nessuna delle azioni per ogni voce può superare il 75% del totale del progetto e che questo può andare dai 5 ai 16 milioni di euro. Su queste basi il Comune di Velletri ha iniziato a costruire un progetto coerente con il resto della programmazione urbanistica della città, che comprendesse al

12

contempo tutte le azioni richieste dal bando. Il confronto ha visto impegnati molti soggetti coordinati dall’Ufficio Tecnico ed ha avuto uno stretto confronto con la Giunta e con il Sindaco, che ha partecipato a tutte le fasi salienti della progettazione. Il risultato è stato quello di orientare tutti gli sforzi a riqualificare l’area di ponente della città e integrarla alle numerose attività già in essere. La zona sulla quale insiste il progetto “Le Vie della Cultura” è tutta quella a destra di corso della Repubblica. La prima e più importante azione è la riqualificazione di via Sant’Anatolia e la creazione di una dorsale stradale che collega la via Appia da Colle San Giovanni fino a via delle Fosse. Prende così finalmente forma un piano di cui si sente parlare da oltre trent’anni. Tale opera è il naturale collegamento con gli altri due progetti che prevedono il tombamento della ferrovia e la strada di collegamento con via delle Fosse, la cui realizzazione avverrà con due accordi di programma. Dunque una nuova Circonvallazione di Ponente in grado di sanare definitivamente la frattura costituita dalla sede ferroviaria che ha tagliato la città in due tronconi. Il costo complessivo della nuova circonvallazione è di 13.149.007,50 di cui la parte a carico del progetto PLUS è di 3.795.504,00 poiché la restante parte rientra in quelle azioni già previste con gli accordi di programma di Villa Marinaro e dell’ex area CoProVi. Un sogno nel cassetto di ogni velletrano, che fornirà la soluzione al traffico in tutta la città. Oltre alla Circonvallazione, il progetto prevede anche il recupero ambientale del Fosso di Sant’Anatolia e la costruzione di un collettore fognario per un importo complessivo di 3.975.400,00 euro che sono già stati finanziati dal Ministero delle Infrastrutture mentre i costi di gestione, una volta terminata l’opera, saranno a carico dell’ATO 2.

La Casa della Cultura e della Musica sarà il Convento del Carmine, per il quale si prevedono interventi di ristrutturazione e di consolidamento. Una volta riqualificato, lo spazio verrà destinato ai giovani, dando loro la possibilità di accedere ad un luogo aperto e moderno, centro pulsante e diffusore di cultura, formazione e conoscenza. Il costo dell’intervento è stimato in 4.200.000 euro.

Parco Lineare Sostenibile

Il Parco lineare si svilupperà parallelamente alla nuova Circonvallazione di Ponente, diviso in quattro tratti: il primo e il secondo da via Fontana della Rosa fino alla zona di via dei Bastioni di sotto per seguire fino alla prevista rotatoria di viale Oberdan e fino alla Stazione ferroviaria, sfruttando il tombamento della ferrovia. All’interno del Parco lineare sorgeranno diverse aree attrezzate e un pista ciclabile che seguirà la nuova Circonvallazione. Il valore dell’intervento è di 668.000,00 euro interamente assorbiti dagli accordi di programma e da finanziamenti già erogati e pertanto non incide economicamente sul progetto PLUS.

Le Vie delle Culture Materiali, della Creatività Applicata e della Qualità e Sostenibilità Urbana

La vera scommessa del progetto PLUS è quella di integrare azioni che segnano continuità con quanto è stato già realizzato e progettato dall’Amministrazione Comunale. Il Centro Commerciale Naturale come punto di raccordo di quelle attività imprenditoriali volte alla valorizzazione del turismo e anche all’aggregazione giovanile è uno dei pilastri portanti. Ma c’è anche la bellezza del centro storico, la formazione di personale qualificato e molto altro. Un’azione che ha un valore di 650.000,00 per il quale si richiede il finanziamento nell’ambito del progetto PLUS.

Le vie della tecnologia

L’azione sembra rivolta ad un lontano futuro; in realtà è già attuale poiché guarda all’utilizzo di moderne tecnologie che consentiranno la riduzione del divario digitale e dunque l’inclusione sociale anche di quelle categorie (sociali e generazionali) che oggi non sono presenti. La proposta è la rete “BroadSky 2.0”, un sistema integrato di servizi che impiega tecnologie di ultima generazione per consentire forti risparmi energetici per gli impianti di illuminazione e che consente di installare una rete wireless a banda larga. Costo dell’intervento 600.000,00 euro. Completano il progetto Plus interventi di politiche attive del lavoro e aiuti alle persone e interventi per aiuti alle imprese. Questa ultima azione prevede uno stanziamento di 816.000,00 euro che saranno utilizzati come incentivi da destinare sia alle imprese esistenti che adotteranno delle politiche di sviluppo idonee che a nuove imprese prevalentemente partecipate da giovani e da donne.

Riepilogo del progetto “Le Vie della Cultura”

il valore complessivo degli interventi previsti è pari a 24.542.407,50 che comprende anche tutte le azioni già finanziate e quelle in itinere con gli accordi di programma. La quota di finanziamento richiesta alla Regione Lazio è di 11.461.504,00. Il progetto ha già superato la 1^ fase: la Regione Lazio ha selezionato le migliori proposte e ha chiesto alle Amministrazioni che le hanno presentate di procedere con una progettazione più esecutiva. Per questa ha anche assegnato delle risorse (per Velletri: 15.000 euro). La squadra scelta dall’Amministrazione e guidata dall’Arch. Alvaro Ronzani ha lavorato incessantemente fino alla definizione del progetto, oggi al vaglio della Commissione, che ha buone possibilità di essere finanziato, magari anche solo in parte. In ogni caso il progetto è l’insieme di interventi che saranno comunque realizzati.

13


Rotatoria pennacchi a scendere

Rotatoria Pennacchi su via fontana della rosa

Alcune opere che verranno realizzate con il Progetto PLUS rotatoria vista caserma CC 14

15


isola ecologica

L’

L’isola ecologica del Comune di Velletri è finalmente una realtà

Viale dei Volsci

isola ecologica del Comune di Velletri è finalmente una realtà. Da domenica 11 marzo tutti i residenti possono usufruire del prezioso servizio che è un altro passo verso l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti solidi urbani. L’isola ecologica, situata in via Troncavia (meglio conosciuta come via della Cerasa Marina), è stata realizzata grazie a un finanziamento della Provincia di Roma e all’impegno profuso sia dalla Volsca che dall’Amministrazione tramite l’Assessorato all’Ambiente. Un sito funzionale e moderno costruito sulla base delle esigenze dei cittadini che possono raggiungerlo facilmente e poi procedere con il deposito degli ingombranti all’interno degli scarabili (grandi container) ognuno destinato a una tipologia di materiale. L’utente, dopo essere stato accettato deve compilare un modulo per poi procedere con il suo mezzo lungo uno specifico percorso fino ad arrivare nell’apposita piazzola dove può gettare agevolmente il rifiuto all’interno dello scarabile. In questa prima fase è possibile scaricare vecchi elettrodomestici, legno, ferro, residui degli sfalci dell’erba, computer e mezzi elettronici in genere. In un prossimo futuro sarà possibile anche utilizzare l’isola ecologica per carta, plastica, vetro, medicinali scaduti e pile esaurite. Con l’apertura dell’isola ecologica, la Volsca segna un punto importante a suo favore che si somma a quelli conquistati con

il rinnovo del parco automezzi e dei nuovi cassonetti che proprio in queste settimane stanno comparendo in tutta la città. Un segnale che l’operazione di salvataggio dell’azienda (che esce fuori da una grave situazione di crisi che negli anni scorsi ne ha messo a repentaglio la sopravvivenza) ha portato i frutti sperati, e l’ha trasformata in una realtà efficiente. Nell’anno 2011, il primo dopo il concordato, è stato possibile misurare le performance della Volsca e i risultati sono stati soddisfacenti sotto tutti i punti di vista, compreso il livello di servizio da sempre punto dolente. Con i nuovi mezzi e, soprattutto, con la nuova gestione delle risorse aziendali, è possibile prevenire le situazioni critiche che in precedenza si ripercuotevano sul livello di servizio. Al contrario del passato, oggi esistono mezzi di riserva che si attivano immediatamente quando si verificano dei guasti. Inoltre, la gestione riequilibrata consente la possibilità anche di tenere i costi sotto controllo senza più spiacevoli sorprese. In altre parole la Volsca oggi è una realtà in crescita in un settore delicato e sta riuscendo anche a fare degli investimenti importanti. Il prossimo passo è quello di portare a regime la raccolta differenziata tramite il metodo del “porta a porta”. Le procedure sono già state avviate e il primo settore è nella fase informativa che presto diventerà operativa; a seguire il resto della città. Si tenga conto che realizzare il sistema della raccolta porta a porta per una città come Velletri non è semplice, sia per la sua conformazione che per la sua estensione. La Volsca tuttavia sta studiando con attenzione i Comuni dove il servizio è già attivo per evitare di ripetere gli errori commessi altrove. Altro tassello importante è l’impianto di compostaggio, già progettato, che sarà realizzato in tempi brevi per contribuire alla riduzione dei rifiuti e dei costi relativi per lo sversamento in discarica, voce di bilancio che pesa enormemente sulle casse comunali e sulle tasche dei veliterni. Nonostante i nuovi servizi, la tariffa della TARSU resta invariata perché l’Amministrazione sta potenziando le attività volte al recupero dell’evasione, processo già avviato con successo dal 2010 per ridurre una piaga che sottrae centinaia di migliaia di euro alla collettività. Per avere un servizio migliore è assolutamente necessaria la collaborazione di tutti i cittadini. Nessuna violazione sarà più tollerata e personale specializzato (le guardie ecologiche) provvederanno dapprima a educare i cittadini e poi a sanzionarli se inadempienti. Il problema della gestione dei rifiuti è una questione di civiltà che non può essere solo di competenza del Comune che ne gestisce la raccolta. Ognuno di noi deve fare la sua parte e essere di stimolo per chi, la sua parte, non la fa mai!

Via le

Corso della Repubblica, 125) Centralino. 06 96154012/14

i sc ol iV de

Via P

indicazione degli orari di utilizzo

Me Via lvin Jones

Volsca Ambiente Spa

Via di Troncavia

ri ruccio Par Via Fer te della Regina on

16

Via Pia zza di

Mar io

li

www.volscambiente.it

nio t’Anto Contrada San

Martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 08.00 alle 14.00

ia Napo Vecch Via

Apertura uffici: Lunedì e giovedì dalle ore 08.00 alle 14.00/15.00-18.00

L’utilizzo dell’isola ecologica per i cittadini è completamente gratuito

Via

i on sar Ce re a s Ce

Centro di Raccolta Comunale - Via Troncavia, 4 17


I numeri

L

IMU Imposta Municipale Unica

a nuova imposta IMU sostituisce, in buona parte, la vecchia ICI. L’IMU (Imposta Municipale Unica) è stata introdotta dal Governo Monti in via sperimentale dal 2012 al 2014 e sarà effettiva dal 2015. L’IMU si applica su tutte le proprietà immobiliari, ed è prevista una tassazione separata per l’abitazione principale (quella nella quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente): la cosiddetta “prima casa”. L’imposta è dovuta per anni solari; è possibile pagarla in una o due rate, entro il 16 giugno la prima rata (o rata unica), entro il 16 dicembre la seconda rata. Per la prima casa è prevista un’aliquota più bassa e ci sono delle detrazioni; per la seconda casa non ci sono detrazioni. Il versamento si effettua esclusivamente con il Modello F24. Le aliquote ordinarie sono: 4‰ per la prima casa e 7,6‰ per le altre proprietà. È possibile applicare una variazione (in più o in meno) che è rispettivamente del 2‰ per la prima casa e del 3‰ per la seconda casa. L’Amministrazione comunale di Velletri ha richiesto al Ministero dell’Interno, la possibilità di applicare un’aliquota bassa ma la risposta è stata negativa in quanto il Comune è dissestato e in questi casi il Ministero degli Interni impone che venga applicata l’aliquota massima sia per la prima casa che per la seconda. Il Comune di Velletri

detrazioni quali

è dunque obbligato ad applicare la tariffa del 6‰ per la prima casa e 10,6‰ per la seconda casa. Per la prima casa è possibile avere una detrazione, e l’Amministrazione ha scelto di applicare la più vantaggiosa possibile, pari a 300,00 euro fisse. Viene inoltre applicata un’ulteriore detrazione di 50,00 euro per ogni figlio a carico che non abbia computo il 26 anni. Il massimo della detrazione possibile è di 400,00 euro.

sono

Tabella 1 - Simulazione del calcolo dell’imposta per tre tipologie di rendite catastali e comparazione con la vecchia ICI (base 2008 visto che da quella data l’imposta per la prima casa era stata abolita)

La rendita catastale rivalutata deve essere moltiplicata per un coefficiente pari a 160 (nel calcolo della vecchia ICI era 100). Al valore ottenuto si applica l’aliquota del 6‰ e si calcola così l’imposta lorda sulla quale vanno applicate le detrazioni. Si tenga conto che è possibile l’ulteriore detrazione di € 50 per ogni figlio al di sotto dei 26 anni a carico, cosa che con la vecchia ICI non era possibile. Con l’applicazione della massima detrazione l’Amministrazione tenta di compensare il vincolo di dover applicare l’aliquota massima. Rendita Aliquota catastale Coefficiente ‰ rivalutata

315,00 420,00 519,84

160 160 160

6 6 6

Imposta Detrazione IMU lorda

302,40 403,20 499,05

300,00 300,00 300,00

Imposta IMU netta 2012

Ex ICI calcolo 2008

2,40 103,20 199,05

69,96 127,71 182,62

Per la seconda casa non ci sono detrazioni possibili Tabella 2 - Simulazione del calcolo dell’imposta per una “seconda casa” L’aliquota applicata è del 10,6. Anche in questo viene fatta la comparazione con l’ICI calcolata sull’aliquota del 2011. Rendita Aliquota catastale Coefficiente % rivalutata

315,00 420,00 519,84

160 160 160

10,60 10,60 10,60

Imposta IMU netta

Ex ICI calcolo 2008

534,24 712,32 881,64

220,50 294,00 519,14

La prima casa, quella di abitazione, può beneficiare di una detrazione fissa di 300 euro. E’ stata aggiunta un’ ulteriore detrazione pari a 50 euro per ogni figlio minore di 26 anni residente nell’abitazione adibita a prima casa. Il massimo della detrazione possibile è di 400 euro. coefficiente

di rivalutazione Il coefficiente di rivalutazione, varia a seconda della categoria catastale dell’immobile

18

Analizziamo il moltiplicatore in dettaglio: ■ Cat A, C/2, C/6, C/7 (esclusi A/10): Abitazioni private, magazzini, stabilimenti balneari e tettoie vedranno rivalutare la rendita catastale del 60% (moltiplicatore 160). ■ Cat. A/10: Uffici e studi privati subiranno una svalutazione del 20% (moltiplicatore 80) . ■ Cat. D: Teatri, grandi strutture sportive, banche, ospedali, alberghi, case di cura private, fabbricati agricoli e tutte le strutture connesse ad attività a fini di lucro subiranno una svalutazione del 40% (moltiplicatore 60). ■ Cat. C/1: I locali adibiti a negozi e botteghe verranno svalutati del 45% (moltiplicatore 55). ■ Cat. B, C/3, C/4, C/5: laboratori artigiani, fabbricati per esercizio sportivo senza fine di lucro, stabilimenti balneari e curativi senza fini di lucro subiranno una rivalutazione del 40% (moltiplicatore 140). 19


Una città nuova Imprese

PROGETTO

I

Semplificazione Edilizia attraverso la Partecipazione

l progetto prevede la realizzazione di un sistema integrato di servizi di e-government per l’innovazione dei processi edilizi, in funzione dei forti cambiamenti normativi che stanno investendo il settore, attraverso la partecipazione attiva dei soggetti coinvolti a vario titolo nei procedimenti. Costituisce l’ampliamento del progetto già avviato per la gestione informatizzata delle pratiche edilizie. Il progetto si basa sul complesso lavoro svolto negli ultimi anni insieme all’Ordine degli Architetti di Roma, finalizzato alla creazione di un ambiente partecipato capace di supportare il professionista e la Pubblica Amministrazione nell’applicazione dei dettami del Codice dell’Amministrazione Digitale. Nella sostanza, a partire da quanto già ottenuto in questo campo e dalla comprensione dei problemi ancora attuali, in stretta interazione con gli stakeholders presenti sul territorio e valorizzando le competenze ivi presenti, ci si propone di definire un nuovo modello organizzativo, i meccanismi di governance, le nuove procedure e prassi interpretative in materia edilizia, sfruttando appieno le opportunità e il ruolo offerto dalla tecnologia quale strumento di attuazione del cambiamento. Obiettivo fondamentale del progetto è l’innovazione dei processi edilizi alla luce dei forti cambiamenti normativi che stanno riguardando il settore (Piano Casa e MUDE) oltre che lo snellimento delle procedure interne dell’Ente. Ciò attraverso l’automatizzazione e la standardizzazione di una serie di adempimenti e processi. Il progetto rappresenta un’importante iniziativa che vede il coinvolgimento diretto degli Ordini Professionali. Nel dettaglio, prevede la condivisione di una piattaforma tecnologica che possa consentire di rendere omogeneo il modello istruttorio dei procedimenti edilizi attraverso decisioni partecipate come naturale evoluzione della modulistica unificata già attuata dalla Provincia di Roma; tale piattaforma prevede l’erogazione di un nucleo consistente in servizi avanzati di livello 3 e 4 (secondo la classificazione EU), nell’ambito tematico del governo del territorio, che si integreranno con la suddetta infrastruttura già operativa dell’Ordine degli Architetti di Roma. Il sistema, pensato in un’ottica federata, offre un accesso unificato e strutturato ai servizi online che saranno implementati; tali servizi saranno resi disponibili a professionisti, imprese ed enti del territorio dalla Pubblica Amministrazione.

20

Si intende affrontare tale lavoro avendo come focus gli aspetti chiave del Procedimento Unico. LE AZIONI DA INTRAPRENDERE IN SINTESI:

• Unificare lo Sportello Unico Virtuale dell’Edilizia; • Creare una rete fortemente integrata fra le

Amministrazioni competenti e gli Ordini Professionali, portavoce delle esigenze dell’utenza, non attraverso la creazione di sovrastrutture, bensì attraverso la concertazione di soluzioni organizzative e tecnologiche condivise.

Per dare attuazione al progetto sono previste tutta una serie di attività che sono garantite dal partner tecnico esterno all’Ente (rete, software, personalizzazioni, gestione farm e noleggio server, etc.). Alcune attività sono di esclusiva competenza del personale in servizio presso il settore (formazione, inserimento pratiche edilizie, implementazione database), mentre la personalizzazione dei procedimenti ha la possibilità di essere sviluppata da soggetti esterni con la stretta collaborazione del personale addetto alla gestione dei procedimenti o direttamente dall’ufficio sotto la supervisione del partner esterno.

Il progetto permetterà di conseguire significativi benefici, in termini di costi, tempi e qualità dei servizi offerti,

in quanto consentirà di: • minimizzare lo sforzo di gestione e aggiornamento dei contenuti attraverso l’applicazione del modello federal-cooperativo. • erogare un’ampia gamma di servizi semplificando l’interazione tra professionisti e pubblica amministrazione, anche in previsione dell’attuazione del “Piano Casa”. • utilizzare un’infrastruttura tecnologica condivisa in grado di assicurare l’interoperabilità per lo scambio di dati. • intraprendere un efficace processo di standardizzazione delle procedure come naturale evoluzione della modulistica unificata della Provincia di Roma. Il conseguimento degli obiettivi definiti comporterà un’azione di semplificazione ad ampio raggio poiché comprendente tutti gli attori che operano nel settore edilizio e le loro competenze, consentendo una crescita omogenea nell’ambito dell’utilizzo dei sistemi digitali.

Verifica del Piano del Commercio Dopo il primo anno dall’entrata

in vigore del Piano del Commercio, l’Amministrazione ha avviato una procedura per la verifica della sua applicazione e della sua efficacia. Il Piano del Commercio è uno strumento urbanistico importante che consente l’attuazione delle norme previste dal Piano Regolatore e stabilisce i criteri per l’apertura di nuove attività commerciali. Uno strumento fondamentale che ha visto la sua applicazione lo scorso anno grazie alla volontà dell’Amministrazione di dotare il Comune di tutti gli strumenti di programmazione necessari allo sviluppo della città.

Quest’ultimo percorso è stato ritenuto quello da preferire in considerazione del fatto che tale coinvolgimento: • sviluppa specifiche competenze anche tecniche che garantiscono la funzionalità del sistema oltre la fase di start-up; • garantisce la completa condivisione dei processi di definizione dell’iter amministrativo delle pratiche edilizie tra i diversi soggetti; • stimola lo sviluppo e l’apporto di professionalità che conoscono a fondo la specifica normativa locale con riferimento alla NTA del PRG vigente, il regolamento edilizio e la determinazione degli oneri concessori.

Cambio destinazione d’uso dei locali commerciali

Un impulso per gli investimenti all’interno del Centro Storico

L’Amministrazione sta lavorando per la riqualificazione delle attività commerciali del centro storico e intende agire sul cambio di destinazione d’uso dei locali, che rappresenta da sempre un problema, già affrontato ma non ancora completamente risolto. In un momento di sofferenza per l’economia l’Amministrazione intende dare un nuovo impulso alle attività commerciali favorendo la riqualificazione e l’ampliamento di quelle esistenti e l’apertura di nuove. Per fare questo sono state avviate una serie di verifiche finalizzate all’introduzione di uno specifico normativo che permette il cambio della destinazione d’uso mediante la monetizzazione degli standard necessari per l’ottenimento del permesso. Chi volesse ottenere un permesso dovrebbe infatti garantire dei parcheggi adiacenti alla sua attività commerciale. cosa che raramente è possibile. L’Amministrazione intende avvalersi della possibilità di scambiare questi parcheggi con una somma in denaro che verrebbe usata dall’Amministrazione per la costruzione di parcheggi in altro luogo, comunque al servizio del centro storico. Altri Comuni hanno già intrapreso questa direzione con risultati incoraggianti. 21


Eventi

I

FESTA DELLE CAMELIE 18° edizione

l 17 e 18 marzo Velletri ha celebrato il suo fiore più bello: la camelia. Giunta dal lontano oriente alla metà dell’800, la splendida rosa giapponese ha trovato proprio nella nostra città il terreno ed il microclima ideali per il suo sviluppo. Da 18 anni, ormai, nel terzo fine settimana di marzo Velletri si veste a festa per accogliere visitatori e appassionati. Da alcuni anni teatro principale della manifestazione è Villa Ginnetti: nel rigoglioso parco anche quest’anno è stata allestita una mostra mercato dove la regina della festa, la camelia, è stata circondata da molti altri fiori colorati e profumatissimi. Tema di questa 18esima edizione è stato il Giappone. Per celebrare il paese del Sol Levante, gli artisti veliterni Sergio Gotti e Cristiano Mancini hanno realizzato una ricca scenografia giapponese con archi e pagode lungo tutto il centro storico. La mostra di kimono presso Porta Napoletana e il suggestivo rito della vestizione di questo prezioso e tipico indumento giapponese sono state iniziative estremamente apprezzate dal pubblico.

L’Amministrazione comunale durante la Festa delle Camelie ha inaugurato l’Enoteca Comunale, uno spazio dedicato ai produttori locali aperto grazie al contributo della Provincia. Sono stati due giorni di festa che, nonostante alcuni atti vandalici ai danni delle scenografie presenti lungo il Corso, hanno avuto un riscontro molto positivo per la città. Ancora una volta la Festa delle Camelie si è dimostrata un appuntamento importante per Velletri, per far conoscere il nostro territorio e le sue eccellenze.

22

Il Vulcanetto si chiamerà “Fumino” “C

premiazione del concorso regionale

ome mi chiami? il vulcanetto laziale cerca un nome”

Il Vulcanetto Laziale ha finalmente trovato un nome, anzi tre, simpatici e originali, pensati dagli alunni delle scuole elementari che hanno preso parte al progetto “Come mi chiami? Il Vulcanetto Laziale cerca nome”. Il concorso, indetto dal Museo di Geopaleontologia e Preistoria dei Colli Albani di Velletri, patrocinato dal Comune di Antropologia Velletri, dalla Provincia di Roma e dalla Regione Lazio, e curato dall’Agenzia grafica AerreStudioIdea di Anna Zandanel Bazzo, ha coinvolto le Classi 1^, 2^, 3^, 4^ e 5^ delle Scuole Primarie Statali della Regione, tutte invitate a proporre un nome per la mascotte del Museo, un simpatico vulcano dagli occhi verdi. L’iniziativa ha visto la sua conclusione giovedì 19 aprile scorso con la cerimonia di premiazione delle prime tre classificate, tenutasi presso la sala Consiglio del Comune di Velletri, in presenza del sindaco Fausto Servadio, dell’assessore alla cultura Daniele Ognibene e della dirigente Maria Nanni Costa. “Questa iniziativa rientra nel nostro obiettivo di rendere i musei di Velletri fruibili dai bambini” ha spiegato la direttrice del museo Dr. Anna Germano, facendo riferimento soprattutto ai nuovi itinerari didattici realizzati nei musei veliterni. A ribadire questo concetto, l’assessore Ognibene si è rivolto ai bimbi invitandoli a frequentare i musei veliterni, ricchi di opere di grande interesse storico-artistico. Dello stesso avviso il sindaco Fausto Servadio che ha ringraziato i bambini “per la loro presenza venuta a rallegrare un’aula dove spesso si respira un clima poco sereno e si affrontano dei contrasti che nulla hanno a che vedere con gli interessi dei cittadini”. Auspicando di mantenere questa serenità anche nella quotidianità politica, il sindaco ha poi lasciato spazio alle premiazioni.

Ad aggiudicarsi il primo premio, una targa ed un pannello per la classe, maglietta, cappellino, poster, segnalibri ed adesivi (tutto con le immagini del piccolo vulcano) per ogni alunno, sono stati i bambini della 5^ della Scuola Rosa Rosita Zarfati di Velletri, con la maestra Francesca Nocca, che hanno proposto il nome “FUMINO”. La commissione giudicatrice ha decretato vincitore questo nome perché, secondo quanto nel Comunicato della Commissione Giudicatrice: “risulta un nome semplice, facile da ricordare e da pronunciare anche dai più piccoli, ma complesso dal punto di vista concettuale col suo duplice significato. Da un lato indica un piccolo fumo, riferibile perciò a una determinata fase dell’attività vulcanica, e dall’altro, un carattere facilmente irritabile. “Fumino” può indicare infatti un tizio permaloso e stizzoso ma anche, nell’immaginario fantastico, un vulcano dispettoso e imprevedibile”. Il nome viene scelto anche perché ben si presta a caratterizzare la mascotte guida del Museo di Geopaleontologia e Preistoria dei Colli Albani in un eventuale futuro racconto che lo veda protagonista di un quaderno didattico. Il secondo premio è andato invece alla classe 5^ B della Scuola G. Marcelli di Velletri e alle loro insegnanti Lea Battistini e Maria Grazia Catese, che hanno partecipato con il nome “LAPILLETTO”. Le motivazioni: “strettamente legato al vulcano e alla sua attività, è un nome pertinente a una determinata fase dell’attività eruttiva, caratterizzata dall’emissione dei piccoli frammenti di lava detti lapilli e sdrammatizzata nella fantasia dei bambini con la scelta del diminutivo”. Il terzo premio è stato assegnato alla classe 5^ della Scuola di Colle Carciano di Velletri e alla loro insegnante Sonia Di Muccio, che hanno proposto il nome “VULCANOID” (“originale e moderno, questo nome potrebbe essere assimilato a quello di un supereroe dalle straordinarie doti e abilità, che lo rendono per questo particolarmente simpatico a bambini e ragazzi”). Vista la numerosa partecipazione ricca di fantasia, l’agenzia Aerrestudioidea ha voluto pontaneamente premiare altre tre classi con una Menzione d’Onore: la classe 2^ della Scuola Mercatora per il nome “MAGMAMEO”, la classe 3^ della Scuola di Colle Perino per il nome “MAGMASCOTTE” e la classe 4^ della Scuola Mercatora per il nome “DISCOVERY PALEOGEO”, curioso acronimo di “Divertenti Itinerari Storici Culturali Orizzonti Veramente Emozionanti Reperti Ye Preistoriche Avventure Lungo Entusiasmanti Origini Geologiche Estremamente Originali”.

23


OSPEDALI:

pronto intervento:

Ospedale Civile PAOLO COLOMBO Via Orti Ginnetti, 6 - Centralino: 06 961021

Acea segnalazione guasti: 800 191 332 Carabinieri: 112 - Velletri: 06 96101855 Corpo Forestale: 1515 - Velletri: 06 9626258 Croce Rossa Italiana: - Velletri: 06 9634881 Emergenza Infanzia: 114 Enel Segnalazione Guasti: 803500 Guardia di Finanza: 06 9629463 Polizia di Stato: 113 - Velletri: 06 9613941 Polizia Stradale: 06 9613901 Protezione Civile: 06 9626055 Telefono Azzurro: linea gratuita 19696 Velletri Servizi: 06 9631533 Vigili del Fuoco: 115 - Velletri: 06 9630350 Vigili Urbani: 06 9631208 Volsca Ambiente Servizi: 06 96154012

Casa di Cura Privata MADONNA DELLE GRAZIE Viale Salvo D’Acquisto, 67 - Centralino: 06 964411

EMERGENZE SANITARIE: 118: Numero unico operativo 24 ore su 24

Guardia Medica: 06 9334049 / 9334039 Drogatel: Numero Verde 800 016 600 Centro Antiveleni: 06 3054343

farmacie:

TURNI farmacie aprile

Farmacia Artemisia Via Lata, 251 - 06 9633697 Farmacia Cesaroni Via del Comune, 66 - 06 9630016 Farmacia Ciampi Via del Corso, 82 - 06 9630160 Farmacia Comunale 1 Via del Corso, 1 - 06 9630070 Farmacia Comunale 2 Via Filippo Turati - 06 96155523 Farmacia Comunale 3 Via della Caranella, 80/A/B - 06 96430221 Farmacia Comunale 4 Via Colle Caldara, 17 - 06 9637155 Farmacia Core Vl. Salvo D’Acquisto, 16 - 06 9627510 Farmacia Donfrancesco C.so della Repubblica, 195 - 06 9637995 Farmacia Molinari Piazza Mazzini, 34 - 06 9636666 Farmacia Morrone Circonv. di Ponente, 213 - 06 9630087 Farmacia Romani Piazza Cairoli, 2 - 06 9630054 Farmacia Santa Lucia Viale Roma, 53 - 06 9633744 cORE

comun. 3

1 dom 2 lun

bus COTRAL: CALL CENTER - 800 174 471 Via Appia, Km. 44,400 - Velletri - 06 9623283 BUSSOLETTI: 06 96149765 SATI: 06 9630127

TAXI: Piazza Cairoli - 06 9631149 Piazza Garibaldi - 06 9631140

trenitalia Ferrovie dello Stato

Biglietteria aperta dal L/V 06:15-10:00/10:15-12:57

Comune di Velletri:

comun. 4

santa lucia

7 sab

14 sab

21 sab

28 sab

8 dom

15 dom

22 dom

29 dom

9 lun

16 lun

23 lun

30 lun

3 mar

10 mar

17 mar

24 mar

4 mer

11 mer

18 mer

25 mer

5 gio

12 gio

19 gio

26 gio

6 ven

13 ven

20 ven

27 ven

artemisia

Centralino: 06 961581 Musei Civici: 06 96158268 Biblioteca Comunale Fondo Moderno: 06 96155290 Biblioteca Comunale Fondo Antico: 06 9631836 Ufficio Cimiteriale: Via del Cigliolo, 1 06 9630172 Tribunale Ordinario: P.zza G. Falcone - 06 9615001 Centro Anziani “R. Tosti”: V.le dei Volsci, 61 06 9630454 Centro Anziani “B. Bernabei”: Vicolo Giorgi, 40 06 9640208

COMUNE DI VELLETRI: Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 - 00049 Velletri (Rm) Tel. 06 961581 - Fax 06 96158462 www.comune.velletri.rm.it


Notiziario Comunale di Velletri - numero 3  

Edizione numero 3 del notiziario comunale di Velletri

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you