Page 1

LUCE E VITA INFORMA Periodico dell’Associazione “Luce e Vita” per la ricerca e la cura delle leucemie Nuovo Ospedale “San Gerardo” via G.B. Pergolesi 33, 20052 Monza telefono 039/23.33.265 - fax 039/23.33.267 e-mail: segreteria@luceevita.it sito Internet: www.luceevita.it

L’Associazione “Luce e Vita” è s tata costituita nel 1991 da alcune persone colpite, direttamente o in famiglia, dalla leucemia. Conta oggi più di 4800 tra soci e benefattori. Da sempre ha l’obiettivo di aiutare la Clinica ematologica T.M.O. dell’Ospedale “S. Gerardo” di Monza nella lotta alla malattia. In particolare, ha raccolto fondi e rea-

Anno XVI numero 3 Spe dizione in ab bonamento postale art. 2, Comma 20/C, L egge n°662/ 96, Fil. Mila no Direttore responsabi le: Paolo Corio Testi: Ulde rico Grancini - Impagina zione : Emanuela Contieri Stampa: Ve rga Arti Gra fiche - Macherio (M i) Iscrizione nel Registro del Tribunale di Monza: 29.11.1993, num ero 942.

lizzato nel suddetto reparto un’Unità per il trapianto di midollo osseo o di cellule s taminali, composta da cinque camere sterili, laboratori e day-hospital.

Visita guidata

E L A S FIDA C ONTINUA...

“Luce e Vita” ha tagliato un altro importante traguardo proprio in questi giorni. Approfittando del trasferimento di tutta la Clinica ematologica T.M.O. del Nuovo Ospedale San Gerardo di Monza nella cosiddetta “Palazzina infettivi”, la nostra Associazione ha infatti voluto impegnarsi nella realizzazione di ben 9 studi medici per le visite ambulatoriali che consentiranno di ridurre ulteriormente i tempi di attesa e dunque di arrivare ancora più rapidamente alla diagnosi di eventuali patologie oncoematologiche. I locali, per quanto ampi, erano però da sistemare nel vero senso della parola, il che ha richiesto un impegno enorme a livello progettuale e tecnico-operativo. Con un conseguente impegnativo sforzo economico per le nostre casse, visto che l’operazione è costata 542.300 euro, di cui una parte è già stata pagata, mentre la quota rimanente - pari a 267.850 euro - andrà versata ai vari fornitori entro la fine del prossimo mese di giugno. Pur comprendendo le difficoltà che molte famiglie stanno incontrando in questi mesi per la crisi economica, e di fronte a un futuro che si presenta quanto mai incerto, devo allora invitare ancora una volta soci e sostenitori ad aiutarci. Sia chiaro: l’ambulatorio di cui potete leggere in dettaglio in queste stesse pagine non è un di più, bensì l’ennesima sfida lanciata alla leucemia. Una sfida che da 17 anni ci impegna ogni giorno e nel nome della quale trovo ancora una volta il coraggio di chiedere il vostro aiuto, seppur in un momento per tutti difficile. Ma mai difficile come quello che si trovano a vivere tanti malati che anche nel nostro impegno trovano una speranza di guarigione e uno stimolo a non lasciarsi andare. Giulio Pozzi presidente di “Luce e Vita”

CON IL GEOMETRA LUIGI POGLIANI, VICEPRESIDENTE DI “LUCE E VITA”, SCOPRIAMO LA NUOVA PALAZZINA CHE RACCOGLIE LE DIVERSE STRUTTURE DELLA CLINICA EMATOLOGICA. INCLUSO UN MODERNO AMBULATORIO INTERAMENTE PAGATO DALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE

L’ingresso della struttura

inquecento metri quadri modernamente attrezzati per 542.300 euro interamente a carico della nostra Associazione: sono i numeri del moderno ambulatorio che andrà presto ad affiancare le diverse strutture della Clinica ematologica T.M.O. del Nuovo San

C

1


PER LA RICERCA E LA CURA DELLE LEUCEMIE

PERIODICO DELL’ASSOCIAZIONE “LUCE E VITA”

obiettivo - state tranquilli - non è quello di angustiarvi con noiose dissertazioni tecniche. «All’ambulatorio», spiega Pogliani, «si accede attraverso una porta R.E.I. in acciaio speciale. R.E.I. (ovvero Resistenza meccanica, Esposizione, Isolamento termico) indica la capacità di resistenza al fuoco di una qualsiasi struttura di un edificio. Porte con queste caratteristiche sono un elemento tagliafuoco, ovvero una misura di protezione passiva che, in caso di incendio, impedisce il propagarsi delle fiamme da una area a un’altra». Porte speciali, dunque, come speciali saranno tanti altri dettagli che noteremo nel corso della nostra “visita guidata”. Appena varcata la soglia, c’è l’ufficio riservato sia al servizio di assistenza psicologica per pazienti e familiari, curato dalla dottoressa Antonella Amà, psicologa e psicoterapeuta, sia a quello dell’assistenza domiciliare, coordinato dalla dottoressa Isabella Miccolis, ematologa. Subito dopo troviamo l’ufficio della nostra Associazione, perfettamente arredato e... computerizzato. Nella hall troviamo invece la reception per prenotare le visite e, per chi è in attesa del proprio turno, ci sono pure uno schermo al plasma a parete e comode poltrone dove accomodarsi. Oltre ai programmi Tv, per informare i malati e gli utenti del reparto verranno proiettate schede con tutti i progetti realizzati da “Luce e Vita” nei suoi 17 anni di attività, a partire dalla realizzazione dell’Unità per il trapianto di midollo osseo e le camere sterili, per arrivare a questo ambulatorio passando attraverso il sostegno dell'attività di ricerca, la promozione di borse di studio a diversi specializzandi in ematologia, il day-

AVETE UNA MAIL? SCRIVETECI! L’Associazione “Luce e Vita” invita tutti i soci e i sostenitori che ricevono copia di questo notiziario e sono in possesso di una casella di posta elettronica a comunicare il proprio indirizzo email all'indirizzo segreteria@luceevita. Chi lo farà, potrà così ricevere tutte le comunicazioni utili sull’attività associativa in tempo reale. Ricordiamo inoltre gli altri nostri recapiti per quanti avessero bisogno di aiuto o anche solo di informazioni: tel. 039.2333265 (escluso il mercoledì mattina e il venerdì mattina), fax 039.2333267.

Il geometra Luigi Pogliani, vicepresidente di “Luce e Vita”

Gerardo di Monza (il reparto, il day hospital, l’Unità di trapianto di midollo osseo). Il tutto in una nuova palazzina sempre interna alla struttura dell'ospedale, che visioniamo a poche settimane dalla conclusione dei lavori. Ad accompagnarci in questa ricognizione, di cui trovate anche una documentazione fotografica in queste stesse pagine, è il geometra Luigi Pogliani, responsabile dei lavori, nonché vicepresidente di “Luce e Vita” e personaggio da sempre impegnato anima e corpo a favore della nostra Associazione. È al suo fianco che arriviamo all’ingresso del seminterrato che ospita l’ambulatorio, ed è qui che il nostro geometra ci dà un’indicazione tecnica che merita di essere riportata in dettaglio, anche se il nostro

2

I lavori sono ancora in corso, ma manca poco...


PER LA RICERCA E LA CURA DELLE LEUCEMIE

PERIODICO DELL’ASSOCIAZIONE “LUCE E VITA”

hospital, l’assistenza psicologica e a domicilio... Lungo uno dei due corridoi che partendo dalla hall corrono parallelamente per poi riunirsi in fondo, ecco poi ben 9 studi medici: «Ogni studio dispone di un lavandino in acciaio inossidabile, attacchi a muro per l’ossigeno, lettino per le visite, una scrivania e le prese per telefono e computer», sottolinea il geometra Pogliani. «All’esterno di ogni stanza, sopra la porta in alluminio, specifici indicatori luminosi segnalano il numero dello studio e il divieto o meno di accesso». Ogni locale dell’ambulatorio dispone di un componente a soffitto dell’impianto di riscaldamento e condizionamento, e di luci al neon schermate integrate su tutto il fabbricato, cioè collegate a un quadro generale che, in caso di blackout, indica immediatamente dove intervenire per risolvere il problema. Oltre a pareti ignifughe e a un sensibilissimo sistema antincendio, l’ambulatorio dispone di tre uscite di sicurezza, sempre con le già citate e sicurissime porte REI. Sono stati realizzati anche tre ambienti con i servizi igienici, due per uomini e donne, entrambi con accesso per i disabili, e uno per il personale dell’ambulatorio e dell’associazione. «Tutti i pavimenti dell’ambulatorio sono in linoleum, e nei servizi igienici è in linoleum anche il rivestimento delle pareti, fino al soffitto, per faciliTutto è all’insegna tare la pulizia ed evitare che i pazienti possano in qualsiasi modo farsi male della sicurezza, a partire dalle porte battendo contro la ceramica delle piastrelle», precisa la nostra guida. Alla quale confidiamo di apprezzare i colori scelti per l’ambulatorio: tre tonalità che vanno dal giallo all’arancione. Non

un giallo sbiadito o un arancione troppo vivace, bensì livelli cromatici al tempo stesso vivi e rilassanti. Quello del colore, del resto, è oggi uno degli aspetti più importanti nella realizzazione di ambienti sanitari. Già da anni c’è la consapevolezza che un ambiente sanitario gradevole, a partire dalle sale d’attesa, aiuta pazienti e familiari a vivere con un pizzico di rilassatezza il dover affrontare situazioni non di rado preoccupanti, se non drammatiche. Andiamo avanti ed eccoci sul fondo

Il calendario della solidarietà UN GRAZIE DI CUORE... • A quanti - soci e sostenitori - hanno partecipato alla cena tenutasi presso il ristorante “Autodromo”, all’interno dello stesso impianto sportivo, con donazione finale a favore di “Luce e Vita”. • A quanti il 13 e 14 dicembre hanno aderito alla tradizionale raccolta-fondi attraverso l’offerta di fiori svoltasi al Nuovo Ospedale “San Gerardo” di Monza. • A tutti i soci ordinari, sostenitori e benemeriti che hanno già versato la loro quota per l’anno 2009 e a tutti quelli che lo stanno per fare. • A quanti il 7 e 8 marzo hanno sostenuto l’Associazione aderendo alla raccolta-fondi attraverso l’offerta di fiori promossa dai nostri volontari al Nuovo Ospedale “San Gerardo” di Monza.

VI ASPETTIAMO TUTTI... • Il 18 e 19 aprile e il 9 e il 10 maggio al Nuovo Ospedale San Gerardo di Monza per la raccolta-fondi attraverso l’offerta di fiori promossa dai nostri volontari. • Il 13 giugno, all’Oratorio di Albiate, per partecipare alla manifestazione “Sole 2009” in ricordo di Alessandro e con raccolta-fondi promossa da parenti e amici a favore di “Luce e Vita”. • Il 21 giugno, all’Autodromo nazionale di Monza, per il 34° Festival dello Sport, che ospiterà anche uno stand della nostra Associazione. In programma anche una lotteria a premi, con estrazione alle ore 17. • Il 5 e 6 settembre, al Nuovo Ospedale San Gerardo di Monza, per la raccolta-fondi attraverso la raccolta di fiori organizzata come sempre dai nostri volontari.

3


PER LA RICERCA E LA CURA DELLE LEUCEMIE

PERIODICO DELL’ASSOCIAZIONE “LUCE E VITA”

dell’ambulatorio, dove si incontrano i due corridoi e dove ci sono due piccoli locali per la gestione della biancheria del reparto. In mezzo ai corridoi, ci sono invece due locali per gli infermieri con accesso da entrambi i lati per consentire spostamenti rapidi a seconda delle necessità. I due locali ospitano uno l’archivio, con un armadio che contiene le cartellette sanitarie di tutti i pazienti, l’altro un lavandino e lo svuotatoio chimico. Infine, in uno dei corridoi, l’amministrazione dell'Ospedale San Gerardo ha installato un impianto di posta pneumatica per l’invio di documenti “da” e “per” il nuovo reparto, posto al secondo piano, e il day hospital che invece si trova al primo. La visita è finita. Anzi no: il nostro accompagnatore ci fa una proposta... «Andiamo nell’altra parte del seminterrato a vedere come erano messi i locali dell’ambulatorio quando ci siamo entrati per la prima volta?». Seguiamo la nostra guida e... la differenza si nota all’istante. Ci troviamo infatti davanti a un open space color grigio topo, dal soffitto alto e con alcune colonne qua e là, ma soprattutto senza neppure una finestra. Un blocco di cemento armato simile a un bunker di quelli che siamo soliti vedere nei film sulla seconda guerra mondiale, totalmente privo di punti luce. «Nell’ambulatorio, per ottenere le finestre, abbiamo dovuto aprire dei varchi nei muri esterni con il martello pneumatico: un vero lavoraccio che però siamo riusciti a portare a termine…», conclude un Pogliani soddisfatto. Come professionista, ma anche e soprattutto come vicepresidente di “Luce e Vita”: perché questo ambulatorio non passerà di certo inosservato. Per i suoi colori ma in particolare per la sue enorme utilità nella ricerca e nella cura della leucemia e di tutte le altre malattie oncoematologiche. Ulderico Grancini

Il trattamento dei dati di carattere anagrafico che riguardano quanti ricevono questo giornale, viene effettuato nel rispetto della normativa sulle privacy (D.Lgs. 196/2003) e improntato a principi di correttezza, liceità, trasparenza, tutelando la vostra riservatezza e i vostri diritti. Potete comunque richiedere la rimozione del vostro nominativo dal nostro archivio facendone richiesta a: Associazione Luce e Vita, Via G. B. Pergolesi 33 - 20052 Monza (MI).

SE VOLETE SOSTENERCI

Volete aiutare l’Associazione a combattere la leucemia, salvando ogni anno decine e decine di vite umane? Associatevi utilizzando il conto corrente postale n° 21844204 intestato ad “Associazione Luce e Vita”. Diverse le possibili quote annuali: • E 15 per i soci ordinari; • E 30 per i soci sostenitori; • E 300 per i soci benemeriti. • Oppure offerta libera che sarà ugualmente gradita. Potete anche utilizzare il bollettino postale allegato al numero oppure il tagliando che trovate qui sotto: dopo averlo ritagliato e compilato in ogni sua parte, lo dovete consegnare alla vostra banca, che provvederà ad accreditare l’importo da voi stabilito (e con la periodicità che più vi aggrada) alla nostra Associazione. Ricordiamo che, in base all’ art. 13 del D.Lgs. 460/97, le donazioni a “ Luce e Vita” di privati, imprese, professionisti, effettuate come sopra, possono essere in parte detratte dalla dichiarazione dei redditi, poiché la nostra Associazione è ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) a tutti gli effetti.

Spettabile (indicare il nome della propria banca)

Vi preghiamo di accreditare all’ “ASSOCIAZIONE LUCE E VITA” sul conto corrente presso la Banca Popolare di Intra S.p.a., codice IBAN: IT20Z0554820400310570002039 Euro addebitando sul conto corrente n. intestato a Via Data

Città

Cap

Firma

Pregasi spedire fotocopia all’Associazione per l’invio della lettera di ringraziamento, fiscalmente detraibile.

4

Luce e Vita Informa (Anno XVI - Numero 1)  

Visita guidata - Con il Geometra Luigi Pogliani, vicepresidente di "Luce e Vita", scopriamo la nuova palazzina che raccoglie le diverse stru...

Advertisement