Page 48

ricani che poteva permettersi prodotti élitari. L’organicismo, proponendosi come una sorta di reazione allo styling della fase precedente, fu uno dei temi portanti del design americano degli anni Quaranta e Cinquanta. Per organico si intendeva quel principio di una sana democrazia professato da Sullivan, Wright e da scrittori come Emerson. Un design può essere definito organico se vi è in esso un’armonica organizzazione delle parti rispetto al tutto secondo la struttura, il materiale e l’uso. Il concetto di organicità ha finito quindi per assumere solo il valore di schema e modello in grado di fornire una chiave interpretativa per una fenomenologia il più delle volte senza confini ben definiti. Che ciò sia vero lo testimonia proprio la linea International Style degli arredi di Eames e Saarinen. Infatti dopo l’esordio al Moma, in cui riuscirono a fondere l’organicità di Aalto con il razionalismo di Breuer, sia Saarinen che Eames proseguono con la ricerca della continuità negli elementi dei mobili, ma interpretandola secondo il proprio pensiero. Saarinen fu invece l’inventore della celebre tipologia di arredi ad una sola gamba. Sulla base di idee e schizzi che risalgono agli anni ’50 egli realizzò nel 1957 la serie “Pedestal” nella quale sedie, poltrone e tavoli poggiavano su pavimento grazie ad un sostegno svasato. Lo scopo di Saarinen consisteva nel recuperare la continuità delle parti del singolo arredo e l’equilibrio dell’intero ambiente dove i sobri elementi dall’unico appoggio avrebbero sgombrato lo spazio dalla chiassosa folla delle gambe dei tavoli e delle sedie.

È sulla base delle idee dei designer statunitensi che la linea europea si trasforma nel Furniture Design lussuoso e costoso degli anni Sessanta. Tra le molte industrie che seguirono questa linea rivestono un ruolo di particolare importanza la Knoll International e la Herman Miller Furniture Company. La prima nacque con le dimensioni di un modesto laboratorio avviato nel 1938 dal tedesco Hans Knoll; l’azienda produrrà i mobili di Eero Saarinen e di Henry Bertoia senza trascurare quelli di Mies van der Rohe e Marcel Breuer. La Herman Miller era stata fondata nel 1905 e si era specializzata nella produzione di arredi in stile ma ben presto, grazie al contributo del designer Gilber Rodhe, iniziò a puntare su prodotti di alto livello destinati agli uffici, ma sarà George Nelson il personaggio destinato ad imprimere una svolta decisa nella produzione dell’azienda. Numerosi pezzi di design americani un tempo prodotti dalla Herman Miller oggi sono prodotti da Vitra, azienda che in passato produceva proprio per la Herman Miller. 48 1

Storia del design 2 luana leo  

Si tratta di una raccolta di fonti valide atte a spiegare l'evoluzione del design dagli anni '30 ad oggi, analizzando i paesi che hanno avut...

Storia del design 2 luana leo  

Si tratta di una raccolta di fonti valide atte a spiegare l'evoluzione del design dagli anni '30 ad oggi, analizzando i paesi che hanno avut...

Advertisement