Page 1

NIENTE GRASSI VEGETALI... 1-15 MAGGIO 2012 NON PERCEPISCE FINANZIAMENTI PUBBLICI

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

...IL VERO GELATO È QUI!

Numero 20 Anno II • Registrazione Tribunale di Brindisi n. 3/2011 del 6/05/2011 • Direttore Responsabile Eliseo Zanzarelli Edizioni: PubliEdit S.r.l. Via Marrucci, 14 - Francavilla Fontana (Br) • Redazione: Via C. Pisacane, 6 - Oria (Br)

FRANCAVILLA FONTANA - Due maxi-progetti per Cerano e Mesagne fermi in Regione dal 2006

Eolico, Ferrarese come Dr Jekyll e Mr Hyde Il presidente della Provincia, prima di essere eletto, era alla guida del Cda della "Puglia Wind Eenergy", società nata da un accordo tra "Prefabbricati Pugliesi" e "Leucci Costruzioni" e a tutt'oggi interessata a disseminare le campagne del Brindisino di aerogeneratori: ecco i documenti a suo tempo presentati a Bari „ MICHELE IURLARO

BLOC-NOTES

U

no dei più grandi parchi eolici della regio-

FACCIA A FACCIA

ne Puglia potrebbe nascere a Brindisi grazie a un progetto presentato dall’allora presidente del Consiglio di amministrazione della “Puglia Wind Energy”. Ovvero, dal presidente della provincia di Brindisi Massimo Ferrarese. Lo stesso che, oggi, è paladino in difesa delle campagne salentine. (p. 5)

Un successo per Lo Strillone, i candidati e la città di Erchie „ ELISEO ZANZARELLI

U

n’esperienza esaltante: “Faccia a Faccia”, il confronto pubblico tra i due candidati sindaco di Erchie – Giuseppe Margheriti (centrodestra) e Giuseppe Polito (centrosinistra) –, organizzato, venerdì 20 aprile, da noi de Lo Strillone. La pioggia ci ha impedito di sfruttare l’atrio del palazzo ducale, quindi piazza Umberto I, ma l’iniziativa è ugualmente più che riuscita. Un successo che ci eravamo augurati, ma che non avremmo mai immaginato di simile portata in termini di partecipazione e proficuità del dibattito. Un grazie lo tributiamo senz’altro ai candidati, che si sono attenuti scrupolosamente al regolamento, impiegando toni e atteggiamenti consoni, ma soprattutto ai cittadini ercolani, che a propria volta hanno dimostrato una maturità e un grado di civiltà non comuni, specie in campagna elettorale. Un esperimento soddisfacente, quello del duello all’americana, che alla fine è riuscito ad accontentare tutti: margheritiani e politiani. Noi, dal canto nostro, e nel nostro piccolo, crediamo di essere riusciti a dar vita a qualcosa di nuovo e utile per i cittadini, (p.15)

LATIANO „ MAURIZIO DISTANTE

La viabilità cambia di continuo e i latianesi faticano ad abituarsi ai nuovi segnalit, tra un divieto d'accesso, un senso unico e un obbligo di svolta. (p. 11)

MESAGNE „ CLAUDIA TURBA

ORIA - Stalli gialli di fronte a quasi tutti gli ambulatori

Quegli strani parcheggi per i medici

Q

ualcuno, a scanso di equivoci, ci aveva persino messo degli pneumatici, perché il concetto fosse ancora più chiaro: quest’area è off-limits, tranne che per il “proprietario”. Il fenomeno parcheggi privati,

più che riservati, che nella vicina Francavilla concerneva soprattutto il clero, a Oria è appannaggio degli ambulatori medici: di fronte a tutti, o quasi, gli stalli accompagnati da segnali stradali “Riservato ambulatorio medico”. (p. 7)

ERCHIE - Ma entrambi i candidati si dichiarano soddisfatti

"Acrobati e vallette": chiesta l'archiviazione

A

crobati e vallette, secondo tempo. La vicenda che ha animato gli animi dei cittadini e dei politici ercolani giunge a un punto di svolta: scoperta l'identità dei due irriverenti utenti che, dalle pagine di un

sito internet, lanciavano accuse contro l'amministrazione, la Procura della Repubblica di Brindisi chiede l'archiviazione del procedimento, giustificando il fatto come espressione di un legittimo diritto di critica. (p. 9)

Niente pensiline, e i pendolari sono costretti ad aspettare i mezzi sotto la pioggia ORIA - La denuncia di un cittadino: vergognoso che i pendolari, quando piove, debbano aspettare il pullman sotto l'acqua: «Ci vorrebbe un po' più di rispetto per quelle persone che decidono di spostarsi con i mezzi pubblici, magari perché non dispongono di uno privato. Una cosa imbarazzante che, in corrispondenza delle fermate Stp, non ci sia una pensilina che ripari i pendolari in caso di pioggia e che magari consenta loro anche di stare seduti anziché in piedi ad aspettare. Per le lunghe attese, avere con sè un ombrello non è per nulla (p.15)

L'opposizione: «Il neoassessore Montanaro è incompatibile con le deleghe Urbanistica e Centro storico: la moglie guida i Lavori pubblici in Comune». (p. 13)

IL CONCORSO „

TROVA GLI STRILLONI Vinci 4 biglietti per il concerto dei Negaramaro, 2 per il cinema Salerno e 2 ticket consumazione per puccia e birra al Panificio Lombardi. Chiama e uno di questi premi potrebbe essere tuo. Regolamento a pag. 15


1-15 MAGGIO 2012 / 20

pagina 2

FRANCAVILLA FONTANA

VIA BARACCA

VIA POLA

VIA MASCAGNI

C.DA SANTA CROCE

Appartamento al piano secondo. Ingresso, soggiorno-pranzo, cucinino con arredi in muratura, bagno, due camere da letto, ripostiglio. Mansarda di mq. 45. Interamente ristrutturato. â‚Ź 140.000,00

VIA CAFORIO

NUOVE COSTRUZIONI

Appartamento al quarto piano con ascensore. Ingresso-disimpegno, soggiorno-pranzo all’americana, due vani letto, bagno, ampio balcone e garage al piano interrato. Ristrutturata. Box auto. ₏ 128.000,00

Abitazione singola al piano terra. Si compone di ingresso, due camere da letto, bagno, cucina-pranzo, ripostiglio e ortale. Da ristrutturare.

Appartamento al primo piano. Ingresso, soggiorno-pranzo, camino, cucinino, due camere da letto, bagno con idromassaggio,balcone. Cantina interrata di mq. 10. Ristrutturato.

Abitazione singola al piano terra di prossima realizzazione. Ampia metratura e giardino privato. Box auto al piano VFDQWLQDWR 5LĆŠQLWXUH GL alta qualitĂ , con vani di ampie dimensioni.

â‚Ź 95.000,00

Graziosa villetta con piscina in zona popolata e non molto distante dal centro della città. L’abitazione si sviluppa su due livelli. Giardino di 2000 mq interamente recintato con piscina e pozzo artesiano. ₏ 125.000,00

â‚Ź 142.000,00 trattabili

â‚Ź 260.000,00 con garage

VIA CAPITANO DI CASTRI Appartamento al piano 4° con ascensore. Ingresso-disimpegno, soggiorno, ampia cucina con camino, tre comode camere da letto, ripostiglio, due bagni, tre balconi. Molto luminoso. Vista panoramica. ₏ 180.000,00 trattabili

VIALE FRANCIA

PIAZZALE MATTEOTTI

VIA BARACCA

VIA PADRE PIO

VIALE LILLA

VIA MARRUCCI

VIA PAOLO ARGENTINA

Appartamento al piano secondo: soggiornopranzo, disimpegno, due camere da letto, un bagno, un comodo balcone. Riscaldamento autonomo. Ascensore. Box auto.

,Q]RQDĆŠHUDDSSDUWDPHQWR al piano secondo con ascensore: ingresso-soggiornopranzo, cucinotto, corridoio-disimpegno, tre camere da letto, doppi servizi con ER[ GRFFLD 3DUTXHW LQĆŠVVL a taglio termico, persiane esterne, due balconi. Incluso box auto.

â‚Ź 148.000,00

â‚Ź 250.000,00

Locazione locale commerciale di mq. 120 circa composto da tre ampi ambienti oltre doppi servizi. Volte a stella, impianti a norma. OttiPHULĆŠQLWXUH'LVSRQLELli altri locali adiacenti di varie metrature. â‚Ź 1.200 mensili trattabili

Nel nuovo quartiere di Madonna delle Grazie, in zona mercato settimanale, proponiamo in ORFD]LRQH ULĆŠQLWLVVLPR locale commerciale di mq, 100 circa, con ampie vetrine e piazzale di pertinenza recintato. â‚Ź 750,00 mensili

Appartamento in buono stato al piano 3° con ascensore ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere da letto, doppi servizi, ripostiglio e due ampi balconi. Affaccio sulla città e villa comunale. ₏ 195.000,00 trattabili

In zona centro, abitazione al piano primo. Dispone di ingresso-soggiorno, due camere da letto, bagno. Graziose volte a stella. Al piano secondo, comodo vano adibito a cucina con terrazza. Buono stato. â‚Ź 95.000,00 trattabili

Appartamento al piano 4° con ascensore. Dispone di soggiorno-pranzo con camino, cucinino, due camere da letto, bagno con idrodoccia. Pavimenti in parquet, climatizzatori, avvolgibili elettrici, arredato. ₏ 195.000,00

GROTTAGLIE

VIA PERGOLESI

VIA PLATONE

VIA LUPOLI

VIA E. DE NICOLA

VIA BOLOGNA

Vendita nuda proprietà composta da un appartamento locato di mq 110 circa al primo piano. L’appartamento dispone di un ampio salone, cucina,due vani letto, disimpegno, bagno e ripostiglio. ₏ 90.000,00

Abitazione semi-ristrutturata su due livelli. Piano terra: soggiorno, cucina e bagno. Piano superiore: due vani letto e bagno di servizio. Terrazza con vista panoramica

Appartamento al piano rialzato composto da salone, 3 vani letto, cucina abitabile con camino, doppi servizi e ripostiglio. Dispone di ampia veranda e ampio giardiQR2WWLPHULĆŠQLWXUH

Nei pressi del centro di Grottaglie: locale commerciale completamente ristrutturato di 100 mq circa. Climatizzato. Dotato d’impianto d’allarme. Apertura della porta con telecomando.

C.DA EREDITA’

Nei pressi della centralissima Via Marconi, strada di primaria importanza commerciale, proponiamo in vendita miniappartamento, valiGRDQFKHSHUXVRXĆŤFLR

Grottaglie e Villa Castelli, in vendita una villetta di mq 80 circa con veranda di mq 50 circa; autorimessa di mq 44 circa; terreno di mq 6000 circa. Ampio piazzale. Recintata.

â‚Ź 55.000,00

â‚Ź 260.000,00

â‚Ź 120.000,00 115.000,00

â‚Ź 110.000,00

Nei pressi del centro proponiamo in vendita un ampio locale commerciale di circa 175 mq con due ampie vetrine. Dispone anche di un seminterrato di circa 200 mq. (Attualmente locato). â‚Ź 295.000,00

â‚Ź 115.000,00

VIA ARCHITA

VIA MAFALDA DI SAVOIA

VIA PARITARIO

VIA D’ADDARIO

VIA ALDO MORO

VIA PERGOLESI

In un piccolo contesto condominiale appartamento al piano rialzato. Con ampio soggiorno, pranzo con angolo cottura, due vani letto, doppi servizi e box-auto di 25 mq circa. Luminoso e in buone condizioni â‚Ź 160.000,00

Nel centro storico vendita uabitazione singola al piano primo con volte a stella. Salone, camera da letto, cucina, bagno, ripostigli vari, un vano tecnico sul terrazzo di proprieta’ e un ampio garage. Da ristrutturare ₏ 48.000,00

Appartamento al secondo piano con ascensore. Dispone di ampio salone, cucina abitabile, due camere da letto, doppi servizi, ripostiglio, veranda e balcone. Volume tecnico al piano 5°. posto auto recintato. ₏ 150.000,00

Due appartamenti al primo piano. Il primo dispone di ampio salone, 3 vani letto, cucina abitabile, 2 servizi e ripostiglio. Il secondo dispone di salone, cucina, 2 vani letto, doppi servizi, ripostiglio.Entrambe le soluzioni dispongono di ampie verande con vista panoramica, cantinola, posto auto. RiscalGDPHQWRDXWRQRPRSRUWDEOLQGDWDLQĆŠVVLHVWHUQL in legno lamellare con vetri termici, videocitofono, FOLPDWL]]DWRUL$VFHQVRUH2WWLPHULĆŠQLWXUH â‚Ź 250.000,00 e â‚Ź 230.000,00

Nei pressi della centralissima Via Marconi, strada di primaria importanza commerciale, proponiamo in vendita appartamento di ampia metratura. Ubicato al primo piano in un piccolo contesto condominiale, dispone di ingresso, salone luminoso, cucina abitabile, tre vani letto, doppi servizi e ripostigli. Balcone e terrazza sul retro di proprietĂ  esclusiva. â‚Ź 270.000,00

IMMOBILCASA SNC www.immobilcasaweb.com Via Roma 75 - 72021 - Francavilla Fontana (Br) - Tel/Fax: 0831.841970 Via Calò 73/a- 74023 - Grottaglie (Ta) - Tel: 329.0318984 email: info@immobilcasaweb.com http://www.facebook.com/pages/Immobilcasa/344880578889743


LA TERZA PAGINA a cura di Giovanni Colonna giovanni.colonna@lostrillonenews.it

Una piattaforma multimediale per Torre Guaceto e Porto Cesareo La Fondazione Telecom Italia punta a realizzare uno strumento che raccolga operatori per ampliare l'offerta turistica e culturale delle aree marine protette

I

n Italia il sistema delle aree marine protette rappresenta una risorsa straordinaria, non solo come presidio della ricchezza ambientale del Paese e della sua biodiversità, ma anche come opportunità per sviluppare un sistema di turismo sostenibile e di promozione delle identità territoriali. Bellezza, tutela, fruizione, innovazione sono i quattro pilastri su cui si poggia il progetto, finanziato dalla Fondazione Telecom Italia, presentato dai consorzi delle aree protette di Torre Guaceto e Porto Cesareo. «Sinergia è stata la parola chiave che ci ha convinti a credere e investire nel progetto proposto dalle due aree protette delle province di Brindisi e Lecce», dichiara Fabio Di Spirito, segretario generale della Fondazione Telecom. «Il nostro territorio è ricco di bellezze ambientali e culturali, ma anche di giovani che stanno scommettendo sul turismo sostenibile – affermano Vincenzo Epifani e Alessandro

3

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

POST-IT

L'AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

EVENTO

4

MAG

„ Torre Guaceto

„ Porto Cesareo: isola dei conigli

„ Parco faunistico straordinario

Ciccolella, rispettivamente presidente e direttore del consorzio di gestione di Torre Guaceto, paradiso naturale sulla costa adriatica –. Le sfide del mercato globale possono essere vinte dai nostri imprenditori puntando sulla qualità e sulla rete di competenze e servizi». Dall’altro versante della litoranea salentina, in un’area turistica di straordinaria importanza e valore per tutto il Salento, il direttore dell’area protetta di Porto Cesareo, Paolo d’Ambrosio, tiene a sottolineare che «le nuove tecnologie devono aiutare i singoli e le famiglie a sceglie-

re le nostre coste e a costruire la propria vacanza su misura». Ecco allora il progetto: realizzare uno strumento istituzionale che accolga operatori e soggetti che a vario titolo arricchiscono e amplificano l’offerta turistica e culturale della costa salentina. Il progetto finanzierà concretamente la creazione di una piattaforma multimediale che permetterà di apprezzare le bellezze naturali delle due riserve, promuovere il territorio e favorire una concreta collaborazione tra tour operators, guide, gestori di musei, ristoratori, albergatori, produttori

agroalimentari. Le riserve di Torre Guaceto e Porto Cesareo sono inserite in uno dei paesaggi agrari naturali tra i più antichi del Mediterraneo, un sistema complesso che presenta preziose testimonianze ambientali, storico-culturali, archeologiche, architettoniche. Essenziale quindi anche la collaborazione del Consorzio internazionale interuniversitario per le scienze del mare e della facoltà di Beni culturali dell’università del Salento per una corretta divulgazione delle informazioni scientifiche. „

ILDUBBIO NELLA SCIENZA, NEL DIRITTO, NELLA FEDE Aula Magna del Liceo Classico “Vincenzo Lilla” Francavilla Fontana, ore 19 Proseguono i dialoghi promossi dall’associazione Ex Alunni del Liceo Classico “Vincenzo Lilla” di Francavilla Fontana, presieduta dal professore Salvatore Lupo. Il dubbio sarà al centro delle riflessioni del professore Giuseppe Leo, docente di Fisica quantistica della Università “Denis Diderot” di Parigi, della dottoressa Rosalba Lopalco, magistrato presso il Tribunale dei minori di Taranto, del teologo don Gianni Caliandro, vicario generale della diocesi di Oria.

EVENTO

11

MAG

TOURING, IL NOSTRO MODO DI VIAGGIARE Libreria Ubik - via Regina Elena, 83 Franncavilla Fontana , ore 18,30 Nell’ambito della campagna di promozione della lettura “Il Maggio dei Libri” (23 aprile – 23 maggio) viene presentato “Touring, il nostro modo di viaggiare”, mensile realizzato dal Touring club italiano e National Geographic. Ospite dell’incontro è il professore Patrick Boumard, presidente società europea di etnografia dell’educazione, ordinario di antropologia dell’educazione (università Bretagna occidentale), che interviene con i professori Vito d’Armento e Antonio Marsella, docenti dell’ateneo salentino.

Un libro fotografico racconta la chiesa di San Sebastiano

La presentazione ufficiale del volume si terrà lunedì 14 maggio nella chiesa di San Francesco di Francavilla alla presenza della autorità cittadine

P

er rendere omaggio alla storia e alla bellezza della nostra terra, gli studenti dell'Istituto Professionale di Stato "Carlo De Marco" di Francavilla, delle classi quarta e quinta "F" del Corso Grafico pubblicitario, coordinati dal professor Giuseppe Lombardi, dedicano la pubblicazione di un volume fotografico alla chiesa di San Sebastiano. Un’idea che nasce a coronamento di un progetto già iniziato lo scorso anno sco„ La copertina della pubblicazione lastico, con la realizzazione di un calendario dedicato alla ne pubblica, ma anche delle stessa chiesa. Questo lavoro istituzioni sul tema. Rendenha reso partecipi gli alunni, do più chiaro come, grazie che con le loro esperienze sviall'indispensabile impegno di luppate a scuola – sia teoriche tutti, si possa raggiungere un che pratiche, architettoniche, comune obiettivo: il restauro grafiche, fotografiche e comue la rinascita della chiesa di nicative – vogliono valorizSan Sebastiano. Il libro, edizare l'importanza del nostro to da “Publiedit”, si presenta patrimonio artistico e culturacome un vero e proprio cale. Attraverso un racconto fotalogo fotografico, dove le tografico, si è voluto, dunque, prime immagini mostrano le piante della struttura della raccontare la storia di questo chiesa, mentre proseguendo complesso monumentale, per si trovano il campanile, la cudare una certa continuaziopola e i suoi particolari, e poi ne alle iniziative, in modo da ancora gli stemmi, tra i quali stuzzicare la sensibilità e il quelli degli Scolopi, della citcoinvolgimento dell'opinio-

tà di Francavilla e degli Imperiali-Grimaldi. Continuando a sfogliare, tra le pagine emergono gli scatti che riguardano l'interno della struttura: il confessionale e i sei altari che, osservando da destra, sono dedicati a San Francesco da Padova, San Roberto, San Elgeario vescovo, San Gaetano Tiene, San Giuseppe Calasanzio e San Giuseppe. Ogni altare è decorato con degli stemmi che sovrastano le cappelle e con molti particolari barocchi. Verso la fine del volume si trova, poi, la parte dedicata all'organo a canne, parte che comprende anche una foto di dettaglio. A corredo di ogni immagine, oltre che le didascalie che ne spiegano il contenuto, figurano delle spiegazioni in doppia lingua italiano-inglese per le quali i ragazzi si sono ispirati al mondo della musica, della letteratura e della cinematografia. A chiudere le pagine del libro, le foto che testimoniano il percorso seguito dagli alunni durante i lavori, su quel set naturale che è stata la stessa chiesa, e gli scatti dell'incon-

„ Particolare della cupola

tro con monsignor Vincenzo Pisanello, vescovo di Oria, che ha contribuito alla pubblicazione insieme al sindaco di Francavilla, Vincenzo della Corte, al dirigente scolastico Vincenzo Caragli, al professor Francesco Scarafile, al professor Giuseppe Lombardi. Sicuramente il contributo più importante lo si deve agli alunni, che hanno creduto in questo progetto e sono riusciti a realizzare un prodotto di qualità, oltre che un precedente storico riguardo questo bene architettonico di grande importanza per la città. Gli studenti commentano così il risultato: «È stata una meravigliosa esperienza. Si è trattato di un lavoro vero e proprio, realizzato solo con le nostre capacità. Possiamo dire che

„ Vista panoramica dal retro

dal punto di vista formativo è servito molto». Il volume sarà presentato il 14 maggio 2012 nella chiesa di San Francesco di Francavilla Fontana alle 10,30 alla presenza del dirigente scolastico Caragli, del dirigente scolastico provinciale Francesco Capobianco, dell’onorevole Lui-

gi Vitali, del sindaco Vincenzo della Corte e del vicesindaco Mimmo Bungaro. Interverranno: don Gianni Caliandro, vicario generale Diocesi di Oria; professor Rosario Jurlaro, del Centro Studi Salentini. Modererà la presentazione don Antonello Prisciano. „ di Carmen della Corte


4

L'ELZEVIRO a cura di Vincenzo Sardiello

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012

La tragedia del Titanic è un po' la metafora della società moderna A metà aprile è ricorso il centenario dell'inabissamento, a seguito del quale persero la vita oltre 1.500 persone, tra le quali soprattutto poveracci della terza classe. Oggi è così con la finanza...

N

ella notte tra il 14 ed il 15 aprile del 1912 s’inabissava, nelle acque dell'Atlantico, il Titanic. Durante questa tragedia persero la vita 1523 uomini e donne. Il Titanic è motivo di spunto e riflessione importanti, che ci consente di cogliere degli aspetti peculiari di una società e di un modo di agire e pensare dell'uomo tutt'altro che antiquati. Questa imponente nave fu costruita tra il 1909 ed il 1912. Il suo primo, e purtroppo ultimo, viaggio cominciò il 10 aprile 1912 da Southampton (Inghilterra) alla volta di New York. Il Titanic era un condensato di tecnologie all'avanguardia e lussi sfrenati. In più, era noto con l'appellativo di nave inaffondabile. Oggi può far sorridere a posteriori questa etichetta ma, allora, sembrava davvero impensabile vedere inabissarsi questo gigante del mare. La nave era pensata per tre classi di viaggio. La prima classe, che dava accesso agli ambienti più sfarzosi e ai servizi più esclusivi costava 3.100 dollari, che oggi equivarrebbero a 70mila dollari, mentre la terza classe, quella della povera gente che andava in America per ambire a una vita più dignitosa, costava 32 dollari, più o meno 700 dollari attuali. Raccontare la storia del Titanic vuol dire, innanzitutto, immedesimarsi in queste due

„ Una scena del celebre film diretto da James Cameron (1997)

„ La maestosità del Titanic in un'illustrazione

classi estreme: da una parte, il ceto più ricco, più stravagante e più avventuriero che può, senza badare troppo a spese, gestire la propria esistenza come meglio crede; dall'altra, la povera gente, anonima e senza possibilità di ascesa sociale, che affida a questo viaggio la sua unica possibilità di salvezza. Due classi, insomma, che portano due visioni del mondo molto differenti: una visione cinica, lucida e senza preoccupazioni; una visione buia che intravede in ciò che non conosce, se non per sentito dire, l'America, l’unica speranza. La certezza e la speranza che viaggiano a braccetto. L'una tra sfarzo e lusso, che ha creato per celebrare se stessa. L'altra tra essenziale e miseria, stigmatizzate dai piccoli lussi dei decori della terza

classe. Tra coloro che parteciparono al primo viaggio del Titanic in prima classe, spiccano figure imponenti del capitalismo mondiale: da John Jacob Astor IV (grande imprenditore nel settore immobiliare nonchè scrittore) a Benjamin Guggenheim (padre di Peggy e fratello di Salomon, fondatore della fondazione d'arte più famosa al mondo), per citarne solo due, e tanti altri personaggi di spicco della finanza e del capitalismo rampante ed in ascesa. Tra gli ospiti della prima classe, anche Joseph Bruce Ismay, ideatore del Titanic. Tutto quello che accadde su quella nave è storia arcinota, anche grazie al grande colossal cinematografico del 1997, recentemente riproposto in 3D. Ciò che lascia basiti è la

dinamica di follia che ha segnato le ultime ore del Titanic. Tutto comincia con una mancanza di sincronia nelle comunicazioni. I marconisti erano troppo impegnati a trasmettere i messaggi dei passeggeri che, alla modica cifra di due dollari (i 50 di oggi), potevano portare i propri saluti da un capo all'altro dell'oceano. Stupisce la scelleratezza del capitano della nave Edward John Smith, al suo ultimo viaggio prima della pensione, che volutamente ignora gli appelli che giungevano dalle altre navi sul "pericolo ghiacci": era più importante riuscire a sbarcare con un giorno d’anticipo a New York. Fa rabbia la gestione del naufragio, con le scialuppe messe in mare semivuote, quando si sarebbero potute salvare

„ Il "gigante" mentre s'inabissa

almeno altre 500 vite. E cosa

so tempo affini. Uno è la Torre

dire dell'ultimo concerto di

di Babele e l'altro è il momen-

bordo che continua a suonare

to attuale della società.

sino alla fine perchè è neces-

Da una parte troviamo un

sario morire da gentiluomini? Ovviamente, i superstiti si concentrarono tra gli ospiti della prima e seconda classe. Della terza classe persero la vita due terzi dei passeggeri.

popolo che voleva costruire qualcosa che raggiungesse il cielo per spodestare Dio, che ovviamente ha punito questa superbia in ma-

Una tragedia che ha lasciato

niera esemplare; dall'altra,

una scia di dubbi che, ormai

abbiamo un dogma, quello

da un secolo, riposano in fon-

dell'infallibilità della finan-

do all'oceano.

za che sta conducendo alla

La tragica storia del Titanic ri-

scomparsa dell'individuo.

chiama alla mente due episo-

vincenzo.sardiello@lostrillonenews.it

di molto diversi, ma allo stes-

„

© RIPRODUZIONE VIETATA

Personale di pittura a "La Casaccia" La giornata mondiale del jazz Mostra "Nel viaggio" dell'artista Daniela Lupoli

D

al 6 al 19 maggio presso la sala espositiva della Casaccia, in via Municipio 43, a Francavilla Fontana, si tiene la personale di pittura di Daniela Lupoli dal titolo: Nel Viaggio. Daniela Lupoli, già vincitrice dell'ultima estemporanea di pittura della Casaccia dello scorso settembre 2011, proietta lo spettatore nella sua dimensione artistica sospesa tra la fisica dei materiali e la metafisica dello spirito. Dall'incontro di questi due elementi nasce la sua arte e l'idea del viaggio dell'uomo nella vita, sempre in bilico tra materialità e spiritualità. La mostra, che sarà inaugu-

Il 30 aprile di ogni anno, grazie all'Unesco, si celebra un genere musicale sempre più apprezzato

L

„ Artista: Daniela Lupoli

rata domenica 6 maggio alle 19,30, sarà visitabile sino al 19 maggio. La sala espositiva della Casaccia rimarrà aperta ogni giorno dalle 17,30 alle

20,30. La domenica anche al mattino dalle 10,30 alle 13,00. Ingresso gratuito. Per informazioni: info@lacasaccia.info. „

o scorso novembre 2011 la Conferenza Generale dell'Unesco ha istituito per il 30 aprile la giornata mondiale del Jazz con il fine di sensibilizzare la comunità internazionale sulle virtù di questo genere, che riesce a essere uno strumento educativo e veicolo di pace, unità, dialogo e maggiore cooperazione tra le persone. Un riconoscimento importante per il jazz che, nato alla fine del XIX secolo nelle comunità afroamericane del Sud America, ha velocemente conquistato i palati e gli interessi di un pubblico sempre più vasto.

Anche l'Italia sta conoscendo negli ultimi anni una crescita esponenziale di questo genere che, ogni anno, accoglie nell'alveo dei suoi maestri sempre più giovani artisti, che ottengono grande successo internazionale. La particolarità del jazz consiste nella quasi impossibilità di categorizzazioni. È una musica libera che nasconde nelle sue note proprio questa voglia di libertà, figlia della condizione dei padri nobili musicali ridotti in schiavitù nella democraticissima America. Il jazz è stato e resta una rivoluzione culturale. Ha stravolto

i canoni classici in maniera fisiologica, senza pretese didascaliche o di contrapposizione. Lo ha fatto seguendo un istinto, quello della libertà. Oggi questo genere ha molto da insegnare a tutti e forse è arrivato il momento di prestare orecchio a chi ha qualcosa da dire. Il plauso verso questa iniziativa è scontato e forse in maniera banale è doveroso ringraziare l'Unesco per aver fornito l'occasione di parlare di una musica che è nata in schiavitù e ha ottenuto la libertà per la quale lottava. „


5

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

Toh, il Ferrarse che non t'aspetti L'APERTURA FRANCAVILLA SEGUE DALLA PRIMA

Da presidente della Provincia si batte contro le energie alternative selvagge, eolico e fotovoltaico, che mortificano le campagne. Prima dell'elezione, però, in qualità di rappresentante della "Puglia Wind Energy" la pensava diversamente: due maxi-progetti tra Cerano e Mesagne sono tutt'oggi in piedi e attendono solo il via libera dalla Regione. Tra i soci, "Prefabbricati Pugliesi"...

„ MICHELE IURLARO

U

no dei più grandi parchi eolici della regione Puglia potrebbe nascere a Brindisi grazie a un progetto presentato dall’allora presidente del Consiglio di amministrazione della “Puglia Wind Energy”. Ovvero, dal presidente della provincia di Brindisi Massimo Ferrarese. Ovvero, dalla stessa persona che, da imprenditore delle energie alternative, si è trasformato in glorioso paladino in difesa delle campagne salentine. Tutto nel giro di pochi mesi o, se si preferisce, nel giro di un’elezione. Tanto è bastato all’attuale numero uno dell’ente sito in piazza Santa Teresa per mutare radicalmente idea sull’installazione delle bistrattate pale eoliche, ultimamente diventate, più che fonti di energia rinnovabile, strumento di propaganda politica. In maniera bipartisan, lo precisiamo, è facile leggere o ascoltare importanti prese di posizione da parte di poDUE NUOVE FARMACIE

L'opposizione: Conflitto d'interessi. L'amministrazione ha tradito il quartiere San Lorenzo, che conta 5mila residenti di CLAUDIA TURBA

„ Massimo Ferrarese, ph.: brindisireport

litici e istituzioni che, a fronte dello scempio (parole loro) consumatosi nelle campagne della provincia messapica, guadagnano titoli di giornali e minuti di Tg scagliandosi contro un fenomeno che appare in via di espansione. Migliaia di pannelli solari e centinaia di pale campeggiano in maniera poco bucolica tra gli agri del territorio che, giorno dopo giorno, appare sempre più lontano dalla sua originaria vocazione agricola. Ma tant’è. Quello che stupisce, in questo caso, è che due dei progetti per la creazione di impianti di pro-

C

onflitto d’interesse e cattiva amministrazione sono le accuse che partono dall’opposizione francavillese e dai cittadini residenti nel quartiere San Lorenzo, sul piede di guerra per la mancata decisione dell’amministrazione comunale di Francavilla Fontana di individuare la zona 167 come desti-

duzione di energia da fonte eolica attualmente al vaglio degli uffici competenti della regione Puglia (nello specifico nei pressi di Cerano e al confine tra l’agro di Brindisi e quello di Mesagne) portino, in calce, la firma dell’allora legale rappresentante e presidente del consiglio di amministrazione della Puglia Wind Energy: Ferrarese, appunto. Era il lontano 2006: papa Ratzinger muoveva i primi passi all’interno del suo neonato pontificato, gli Oasis suonavano ancora insieme e lo sport italiano viveva lo scandalo Calciopoli. In tutto questo trambusto la Wind Energy, con sede legale a Brindisi, in Corso Garibaldi 53, proprio come Confindustria, anticipava festosa il progetto di un grande parco eolico da 80 Megawatt, uno dei più grandi del Sud Italia, nei pressi di Cerano. Ad annunciarlo – in una nota a sua firma – fu il presidente del Consiglio di amministrazione della stessa “Wind Energy” Massimo Ferrarese. «È da due anni – scriveva il presidente nataria di una nuova farmacia. Il governo cittadino della Città degli Imperiali è stato chiamato ad approvare il piano di distribuzione territoriale dei due nuovi presidi farmaceutici che sorgeranno a Francavilla: la zona nei pressi dell’ospedale Camberlingo e via Oria. Una decisione che ha visto montare la rabbia delle

nel comunicato – che, insieme all’imprenditore Giuseppe Marinò (attuale presidente di Confindustria Brindisi), programmiamo questo investimento e, finalmente, oggi con il nuovo regolamento della Regione Puglia, possiamo veder realizzato il nostro progetto». «Le aspettative della società – si legge ancora nella nota – sono quelle di poter avviare in tempi rapidi le opere di cantierizzazione per installare 40 aerogeneratori, con un investimento stimato in 90 milioni di euro da finanziare attraverso il project- financing». Nulla da

dire, un progetto imponente, cui ne seguirà un altro, altrettanto importante, che punterà alla realizzazione di un altro impianto eolico al confine tra Brindisi e Mesagne. A distanza di sei anni, entrambi i progetti sono bloccati in Regione e gli investitori si aspettano, ovviamente, che la matassa burocratica possa prima o poi sbrogliarsi. Nel frattempo, però, Ferrarese è entrato in politica, vincendo le elezioni 2009 e diventando presidente della Provincia. A stretto giro di posta, arrivarono le dimissioni da tutte la cariche ricoperte in Confindustria, in Puglia Wind Energy e, soprattutto, in Prefabbricati Pugliesi, azienda di famiglia di Ferrarese che, per anni, ne ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato. Particolare di non poco conto dato che, come si evince dalle note pubblicate all’epoca, «la Puglia Wind Energy nasce dall’accordo tra la Prefabbricati Pugliesi e la Leucci Costruzioni, due imprese del territorio leader nei rispettivi settori e che già oggi occu-

pano insieme circa seicento unità lavorative». Ad oggi, la società di capitali in esame è, di fatto, la stessa dell’epoca. Come dire che conta gli stessi finanziatori del 2006. Insomma, chiunque sia dotato di un minimo di elasticità mentale potrebbe, con un semplice sillogismo, arrivare al succo del discorso: il Ferrarese presidente della Provincia, primo paladino della lotta ai pannelli e alle pale nelle campagne è lo stesso che – è lecito pensarlo – ha dato vita a una delle più importanti società che operano nella produzione di energie alternative del Sud Italia. Una storia intricata, dove i cattivi pensieri circa un presunto conflitto d’interessi sono spazzati via da un interrogativo di ben altra caratura: i parenti dello scrittore Robert Louis Stevenson, autore nel 1886 del romanzo "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde", potranno mica chiedere il pagamento dei diritti d’autore? „

opposizioni, che avevano più volte avanzato la proposta di individuare la zona 167 come ideale per la nascita di una farmacia, considerati i circa 5mila residenti, la posizione periferica e il processo di riqualificazione che sta interessando il quartiere. A nulla è servito l’intervento del presidente della Provincia Massi-

mo Ferrarese, che ha accusato l’amministrazione francavillese, unendosi alla denuncia di Udc e Noi Centro, per i quali la decisone presa dalla maggioranza altro non è che il frutto di un interesse dovuto al fatto che al "Peraro", vicino la 167, c'è già una rivendita di medicinali del presidente provinciale dell’Ordine dei

farmacisti. Un botta e risposta che non ha portato ad alcun risultato e ha visto, ancora una volta, il quartiere più popoloso della città essere escluso da occasioni di rilancio e miglioramento della qualità della vita, così come sostengono anche i residenti del quartiere che hanno promesso di dare battaglia. „

„ Il documento con la firma di Ferrarese

michele.iurlaro@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA


1-15 MAGGIO 2012 / 20

pagina 6


7

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

Parcheggi ad personam per i medici ORIA SEGUE DALLA PRIMA

Quasi tutti gli ambulatori dispongono di un posto auto riservato, ma il Codice della strada non contempla questo tipo di privilegi: strisce gialle possibili soltanto per disabili e mezzi di soccorso. Il capo dei vigili: «Contravvenzioni annullabili in autotutela amministrativa»

„ ELISEO ZANZARELLI

Q

ualcuno, a scanso di equivoci, ci aveva persino messo degli pneumatici, perché il concetto fosse ancora più chiaro: quest’area è off-limits, tranne che per il “proprietario”. Il fenomeno parcheggi privati, più che riservati, che nella vicina Francavilla concerneva soprattutto il clero, a Oria è appannaggio degli ambulatori medici: di fronte a tutti, o quasi, è possibile scorgere i caratteristici stalli di colore giallo accompagnati, in qualche caso, da un segnale stradale verticale con la dicitura “Riservato ambulatorio medico”, per l’appunto. Tutti li rispettano, e leggenda – si spera solo leggenda – vuole che qualcuno sia stato anche multato per aver posteggiato dove, attenendosi alle indicazioni, soltanto il “dottore” potrebbe. Niente di più sbagliato: quelle indicazioni possono tranquillamente essere disattese perché, in linea di principio, non sono a norma. Confliggono, nientemeno, con il Codice della strada che, con tutto i rispetto per laici e credenti in altre confessioni, è un po’ la Bibbia dell’automobilista. L’articolo 7, dalla rubrica “Regolamentazione della circolazione nei centri abitati” prevede espressamente che: «Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: […] d) riservare limitati spazi alla sosta dei veicoli degli organi di polizia

„ Riservato ambulatorio medico, con pneumatici di rinforzo (repertorio)

Gli stalli ad hoc comparvero durante l'amministrazione del sindaco Moretto e da allora sono parte dell'arredo urbano stradale di cui all'art. 12, dei vigili del fuoco, dei servizi di soccorso, nonché di quelli adibiti al servizio di persone con limitata o impedita capacità motoria, munite del contrassegno speciale, ovvero a servizi di linea per lo stazionamento ai capilinea […]». Quindi, eventuali contravvenzioni sarebbero perlomeno annullabili. Quando, come e perché sia stato accordato un simile privilegio ai medici – sia di base che specialisti – non è dato sapere: in Comune non è tanto facile trovare la delibera con cui i parcheggi ad personam sono stati istituiti. A memoria, cominciarono a spuntare come funghi ai tempi dell’amministrazione

guidata dal sindaco Cosimino Moretto, intorno al 20042005; comandante dei vigili urbani era Emilio Guido. E poi, anche sforzandosi, non è tanto facile intuire i motivi – in gergo tecnico-giuridico la “ratio” – del provvedimento: perché mai un medico – piuttosto che un commerciante, un artigiano, un avvocato, un ingegnere, ecc. – deve avere il parcheggio assicurato? Difficile da spiegare, insomma. È piuttosto raro, ai limiti dell’impossibilità, tanto per voler estremizzare il ragionamento, che un medico possa trovarsi ad affrontare un’emergenza direttamente nel proprio studio privato: per quelle c’è il pronto soccorso, che già gode di idonee garanzie in termini di fruibilità da

„ Cartelli di dubbia legalità

„ Un'altra "riserva" in piazza Lama

parte del personale e dei pazienti. Anomalie, quelle dei parcheggi illegittimamente riservati, di cui nessuno si occupa, tanto meno preoccupa, ma che di fatto finiscono per premiare determinate categorie d’individui-lavoratori a tutto scapito di altre. Ciò, sebbene sia d’obbligo precisare come qualcuno tra i professionisti della sanità oritana abbia espressamente rinunciato al “suo” posto auto: niente grane, niente casi gravi. L’attuale capo della polizia locale, Emilio Dell’Aquila, interpellato sull’argomento, esprime un punto di vista e un’interpretazione abbastanza categorici: «Nessuno può riservarsi uno spazio pubblico per fini privati: quelli in questione, per quanto mi riguarda, sono parcheggi per i mezzi di soccorso che abbiano necessità di fermare in prossimità degli ambula-

tori. Chiunque posteggi là, fuori dai casi d’emergenza, è passibile di contravvenzione non per aver sottratto il posto al medico di turno, ma per aver intralciato l’eventuale parcheggio eccezionale. È già accaduto, e il contravventore era proprio il medico titolare dello studio, che ha fatto opposizione alla contravvenzione e pure perso. E comunque è questa, e soltanto questa, l’interpretazione che un vigile può seguire prima di mettere mano al taccuino: in caso di fantasiose contravvenzioni, magari per indebita occupazione del posteggio medico, ovviamente, sarei orientato a procedere all’annullamento in autotutela, perché non starebbero né in cielo né in terra». Qualcosa di simile ai parcheggi dei medici, tempo fa, era accaduto con le farmacie, che godevano di posti auto riservati agli utenti, quando

non agli stessi esercenti. Una situazione poi sanata grazie a un escamotage: cambiare i destinatari della riserva. Non più utenti e addetti ai lavori, ma disabili. Sulla carta, dunque, tutto in regola: di fatto, però, l’impiego è rimasto quello precedente, perlopiù a beneficio dei clienti. Un percorso alternativo, invece, sembra meno praticabile per quanto concerne gli ambulatori: difficile che tutti i parcheggi ad hoc diventino posti per disabili. Sempre ammesso e non concesso che, prima o poi, qualcuno deciderà d’interessarsi della questione, destinata a diventare ancora più odiosa quando – e manca poco, si attende soltanto l’assegnazione definitiva – diverrà esecutivo il nuovo piano delle strisce blu, e i posti gratuiti diverranno merce rara. „ direttore@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA


1-15 MAGGIO 2012 / 20

8

pagina 8

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

MESSAGGIO ELETTORALE A PAGAMENTO. COMMITTENTE RESPONSABILE: IL CANDIDATO

1-15 MAGGIO 2012


ERCHIE

SEGUE DALLA PRIMA

"Acrobati & vallette", il pm: «Si archivi» i candidati sindaco: «Avevo ragione io» La Procura ha stabilito che era stato l'ex vicesindaco a scrivere, online e sotto pseudonimi, diversi commenti piuttosto pesanti contro alcuni esponenti del Comune, ma esercitando un suo diritto. Margheriti: «Ho scoperto la sua vigliaccheria». Polito: «Era tutto vero»

„ MAURA DE GAETANO

A

crobati e vallette, secondo tempo. La vicenda che ha animato gli animi dei cittadini e dei politici ercolani giunge a un punto di svolta: scoperta l'identità dei due irriverenti utenti che, dalle pagine di un sito internet, lanciavano accuse contro l'amministrazione, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi chiede l'archiviazione del procedimento, giustificando il fatto come espressione di un legittimo diritto di critica. Sono passate poche settimane da quell'acceso consiglio comunale che vide il primo cittadino uscente, Giuseppe Margheriti, rendere pubblica la posizione dell'altro candidato sindaco, Giuseppe Polito, quale unico iscritto nel registro degli indagati. Il procedimento penale era iniziato a seguito della denuncia sporta contro ignoti dallo stesso Margheriti, nel dicembre 2008, per diffamazione, dopo la diffusione telematica di al-

9

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

„ Giuseppe Polito contro Giuseppe Margheriti: scontro infuocato

L'argomento è diventato oggetto di discussione nei comizi, anche se gli accordi erano inizialmente altri cuni commenti provocatori, relativi alle progressioni verticali di una dirigente comunale. Gli inquirenti erano facilmente risaliti ai due “user”

dagli improbabili nickname, autori di quelle frasi: “Acrobata” rispondeva al nome di tale Davide Seneca, mentre “Valletta” era registrata al sito come Paola Vallesante. Entrambi erano riconducibili a un unico indirizzo IP, assegnato staticamente all'Azienda sanitaria locale Br/1. I successivi accertamenti avevano dimostrato che, all'interno della Asl, non c'era nessun dipendente Seneca o Vallesante: la registrazione al portale

doveva essere perciò stata fatta con falsi dati anagrafici. Acquisiti i fogli di presenza del personale del Perrino di Brindisi, gli inquirenti hanno scoperto che nei giorni e negli orari dei commenti il dottor Polito aveva prestato servizio presso l'ospedale. Il funambolo sprezzante della gravità e la graziosa signorina che appoggiava le affermazioni del ginnasta circense altro non erano che due personaggi partoriti dalla fantasiosa mente di Polito. A questo punto, però, il pubblico ministero Milto De Nozza ha chiesto l'archiviazione del procedimento, poiché le frasi e i commenti, provenienti da un allora consigliere di maggioranza, devono ritenersi non punibili, in forza dell'esercizio di quel diritto di critica politica costituzionalmente garantito. La procura sottolinea che, in presenza di simili episodi, è necessario valutare la pertinenza del fatto narrato rispetto all'interesse sociale alla conoscenza dello stesso e la continenza formale, nel senso che le modalità di comunicazione della notizia devono essere rispet-

tose dei criteri di correttezza espositiva. «I commenti di Polito – recita la richiesta al giudice per le indagini preliminari – non travalicano i limiti della continenza in quanto, pur esprimendo un giudizio o un'opinione, sono riportati con termini e modalità non preordinati esclusivamente a ledere la sfera del primo cittadino». Nessuna diffamazione, nessun attacco alla reputazione del querelante dunque, anche perché a sporgere denuncia è stato il sindaco, contro cui non si esprimevano i commenti, e non la dirigente comunale, suo marito o il vicesindaco Domenico Margheriti, che erano invece il bersaglio delle frasi. «Si tratta di fatti oggettivi e veritieri – prosegue il pm De Nozza – che, seppur criticati e disapprovati con espressioni e toni aspri, non sono manipolati in alcun modo a fini denigratori, in quanto suscitano l'interesse pubblico e sociale alla loro conoscenza e diffusione nell'ambito della Comunità». Il commento di Margheriti alla vicenda è lapidario: «Non m’importa molto della possi-

bilità che il procedimento venga archiviato. Quello che m’importava era conoscere l'autore, nascosto dietro il facile anonimato, di un gesto così meschino. Sapere che costui era proprio Polito, all'epoca non solo interno alla maggioranza, ma addirittura mio vicesindaco, mi basta per stabilire il peso politico e morale di questa persona. Esiste, oltre al giudizio dei tribunali, anche un giudizio personale e sociale». Soddisfatto invece Polito, che dichiara: «Non poteva esserci una migliore rivalsa, da parte mia, sull'ignobile tentativo di screditarmi attuato dal sindaco e dalla sua amministrazione. So di aver esercitato il mio diritto e dovere di critica, in qualità di eletto, verso pratiche che ritengo inopportune. Il modo anonimo in cui quei commenti sono stati diffusi è stato forse frutto di un'imprudenza, ma i concetti erano gli stessi che non ho mai avuto paura a esprimere, anche attraverso comunicati stampa e interventi firmati». „ maura.degaetano@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA

Le elezioni amministrative a colpi di carta stampata Gli aspiranti primo cittadino diffondono due pubblicazioni: "Il Resoconto" e "Lo Specchio civico"

L

a politica ercolana scopre Gutenberg e i due candidati sindaco si lasciano affascinare dall'intramontabile bellezza della carta stampata, ciascuno a proprio modo. Una campagna elettorale mediatica, ma in controtendenza, che punta tanto sul più classico dei mezzi d'informazione: il giornale cartaceo. Così, a pochi giorni dalle elezioni amministrative e a qualche ora di distanza l'uno dall'altro, entrambi gli aspiranti primo cittadino, prima

Margheriti e poi Polito, riempiono il paese con le copie di due testate mai viste da queste parti. Quella a sostegno del candidato di centrodestra è intitolata "il Resoconto": si presenta come numero unico, stampato di propaganda elettorale a cura della Publiedit s.r.l.. Una sorta di brochure, estesa su 24 pagine, che ha però le sembianze di un quotidiano. All'interno, divise in sezioni, le opere realizzate dall'amministrazione in questi cinque anni, corredate di

foto e descrizioni; nessun attacco al diretto avversario, che non viene neppure preso in considerazione. La testata a sostegno del candidato di centrosinistra, invece, più che le fattezze, ha la natura di un giornale vero e proprio: "lo Specchio civico" è, infattti, almeno da quello che è riportato appena sotto il titolo, un settimanale indipendente diretto da Eugenio Siracusa, registrato presso il Tribunale di Velletri, nel Lazio, e che a Velletri ha anche la sede re-

dazionale. Otto pagine che, per metà, presentano il candidato e il suo programma politico, per metà si concentrano invece sulla critica alla giunta uscente, a tratti piuttosto aspra. C'è da chiedersi se le due testate, diffuse tra elettori ormai abituati a una propaganda in larga misura audiovisiva, sortiranno l'effetto sperato dai due candidati che, dopo il faccia a faccia all'americana, hanno regalato agli elettori un'altra novtà. „ di m.d.g.


1-15 MAGGIO 2012 / 20

pagina 10


11

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

Viabilità, un segnale al giorno... LATIANO

La città si sta colorando di rosso, bianco e blu: i colori delle indicazioni stradali, che in qualche caso fanno ammattire i latianesi. Il comandante dei vigili: «La circolazione stradale migliorerà»

„ MAURIZIO DISTANTE

L

atiano si sta rapidamente colorando di blu, bianco e rosso. No,

non si tratta di dichiarare l’indipendenza dal Belpaese per annettersi alla Francia,

non è certo una passeggiata:

taro –: io stesso ho potuto

duare situazioni critiche da

lo sa bene chi deve prendere

apprezzare i risultati ottenuti

modificare, sempre nel solco

delle decisioni, operare delle

nei vari sopralluoghi fatti in

della sicurezza di automobili-

scelte, come il comandante

via santa Margherita o in via

sti e pedoni e nella direzione

dei vigili urbani, Domenico

Francesco Baracca. Il traffico

di una viabilità sostenibile».

Pignataro: «Stiamo sanando

non è più congestionato, es-

situazioni incancrenite, dal

sendo smistato a seconda del

Latiano e i latianesi al volan-

punto di vista della viabili-

senso di marcia, e nuovi posti

tà, da trent’anni – dice –: può

adibiti a parcheggio si sono

sembrare tutto più complica-

creati, eliminando, almeno

to, ora, ma stiamo operando

parzialmente, il fastidioso e

in direzione di una viabilità

odioso problema dei posteg-

sostenibile e di una maggiore

gi selvaggi in corrispondenza

te, intanto, osservano guardinghi e un pelo diffidenti la revoluciòn in atto, sperando

imitando la première dame,

limitrofe, in zona Pigna: sen-

di circolazione, sono passate

Carlà Brunì in Sarkò. Il blu, il

si unici alternati che in più di

al senso unico, scombusso-

bianco e il rosso sono i colori

un’occasione hanno indotto il

lando l’incancrenita viabilità

predominanti nella segna-

latianese, abituato e abitudi-

latianese e generando non

letica stradale verticale: gli

nario, all’errore, imboccando

poca confusione tra gli au-

obblighi di svolta, i divieti

sicurezza delle nostre strade,

di passi carrabili, posti riser-

le strade nei sensi opposti a

tomobilisti indigeni, molto

d’accesso, quelli di sosta e

a volte percorse a velocità

vati ai portatori di handicap e

quelli prescritti dai segna-

spesso colti di sorpresa da

un po’ troppo sostenuta».

marciapiedi». Insomma, il co-

storante “Il Vittoriano” dove,

fermata. Negli ultimi mesi

li. Il resto è storia dei nostri

cotanta novità in materia di

Il capo dei vigili difende le

mandante si dice sicuro della

imboccando la strada dalla

pali, cartelli e indicazioni

giorni: gli stop di via della Re-

circolazione. Li vedi e li rico-

scelte fatte di concerto con

bontà del lavoro fin qui svolto

parte della stazione, si è co-

stanno spuntando come fun-

pubblica, il divieto di svolta a

nosci subito: occhi sgranati

la politica, rappresentata dal

e, anzi, rilancia, annunciando

stretti a percorrere, seguen-

ghi in ogni punto del paese.

sinistra da via Giuseppe Ga-

e facce a punto interrogati-

sindaco, Antonio De Giorgi, e

ulteriori interventi che, a suo

do i segnali, un girotondo che

In principio furono via Osan-

ribaldi verso via Giosuè Car-

vo, chiedendosi per quale

dall’assessore al ramo, Giu-

dire, miglioreranno ancora il

riporta dritti dritti al punto di

na e viale Fosse Ardeatine a

ducci, messo, tolto, rimesso e

assurdo motivo tutte le altre

seppe Ble: «Stiamo operan-

flusso dei veicoli nel centro

partenza. Una specie di mega

scambiarsi i sensi di marcia

ritolto. E poi: via Santa Mar-

macchine sono parcheggiate

do, col sindaco e l’assessore,

abitato: «Stante il fatto che

Monopoli a cielo aperto. Pec-

per agevolare l’entrata e l’u-

gherita, via Francesco Barac-

in senso opposto al loro. Una

in un quadro complicato che

se si sono commessi degli

cato che nessuno sganci venti

scita degli alunni della scuola

ca, via Vincenzo Bellini, via

piccola rivoluzione culturale

però, grazie alla progettuali-

errori, nulla vieta una retro-

euro a ogni passaggio dal Via!

elementare “Bartolo Longo”.

Martiri della Libertà. Tutte

è in atto, insomma, a Latiano.

tà, darà i suoi frutti nell’im-

marcia sulle nostre decisioni,

strade che, dal doppio senso

E come tutte le rivoluzioni

mediato – continua Pigna-

stiamo continuando a indivi-

„

Poi fu la volta delle strade

di assorbire al più presto i nuovi sentieri da battere per giungere alle proprie destinazioni e di non trovarsi come nei pressi del noto ri-

maurizio.distante@lostrillonenews.it

© RIPRODUZIONE VIETAT

Unici in provincia ad aderire al “Maggio del libro 2012” Il Comune promuove la cultura grazie a “Leggere con…: scrittori in biblioteca” fino a giugno

S

i è avviata il 3 maggio la rassegna "Leggere con...: scrittori in biblioteca", iniziativa che rientra nell'ambito della campagna nazionale “Maggio del libro 2012”, promossa dal “Centro per il Libro e la Lettura” del Ministero dei Beni culturali, sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica e con il patrocinio della Commissione nazionale italiana per l’Unesco. È stato Latiano, in provincia di Brindisi, l’unico comune ad aver aderito all’iniziativa. Organizzata dalla Biblioteca civica "G. De Nitto" e dall'assessorato alla Cultura, con la collaborazione di Taberna Libraria, "Leggere con...: scrit-

„ Vicesindaco: Maria Concetta Milone

tori in biblioteca", ha iniziato col botto: primo ospite, Al Bano Carrisi con “Io ci credo”, un viaggio nel suo percorso di fede. L'11 maggio sarà la volta di Luca Raffaelli con “Le anime disegnate” e Fabio

„ Il libro di Albano

„ Il libro di Raffaele Nigro

„ Il libro di Alessandra Corso

Pierri Pepe con “L’arte far-

mondo…tutto arancione” di

per Italo Calvino”. Si prose-

maceutica nella Magna Gre-

Roberto Dimitri; Teresa Ciulli,

guirà poi con Gianluca Nigro

cia”. Si riprende il 19 maggio

invece, il 21 maggio, con “Per

e Vittoria Coppola rispettiva-

con il viaggio di “Anita in un

Marco Polo, per Kublai Kan,

mente il 24 e 31 maggio con

“Sulla pelle viva” e “Gli occhi di mia figlia”. Il 7 giugno, Raffaele Nigro, caporedattore Rai di Bari che presenta “Fernanda e gli elefanti bianchi di Hemingway”. “Il giusto nome” di Alessandra Corso, il 14 giugno, segna il termine della manifestazione. Non solo libri, però, dato che nella manifestazione sono inclusi momenti di musica e poesia con i poeti “InCantiere”, il 13 maggio, e il “Premio alla cultura Città di Latiano”, previsto per il 26 maggio, manifestazione finalizzata a premiare un cittadino latianese che si è particolarmente distinto per la promozione della cultura sul territorio. „ di cla. tur. claudia.turba@lostrillonenews.it


1-15 MAGGIO 2012 / 20

12

pagina 12

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012


13

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

«Il nuovo assessore è incompatibile» MESAGNE

„ CLAUDIA TURBA

A

ltri 20 giorni sono trascorsi dall’individuazione dell’avvocato Vincenzo Montanaro, prima possibile sostituto dell’onorevole Cosimo Faggiano, alla sua nomina ufficiale. Un parto podalico per il Pd, che ha visto l’abbandono della corsa da parte del suo cavallo forse migliore e una poltrona difficile da assegnare. Deleghe scottanti, quelle lasciate da Faggiano, e pochi nomi degni di entrare nella lista dei papabili sono stati i motivi di tanta riflessione da parte dei democratici e del

La denuncia dell’opposizione: le deleghe di Montanaro - Urbanistica e Centro storico - sono in conflitto con l’incarico di dirigente dei Lavori pubblici ricoperto a palazzo di città dalla moglie. La maggioranza: «Non accettiamo lezioni di diritto ed etica» sindaco, Franco Scoditti, che ha affidato al neoassessore le deleghe a Urbanistica, Centro storico ed Ecologia e Ambiente. Con la nuova nomina, però, sono arrivati già anche nuovi problemi. Non è andata giù all’opposizione la scelta di Montanaro: in primis, perché l’avvocato non è nuovo alla politica, quando lo slogan sempre portato avanti dalla maggioranza era “Largo ai giovani e alle donne”; in secundis, perché la delega all’Urbanistica del Comune di Mesagne sarebbe, a detta loro, incompatibile, in quanto la moglie di Montanaro è dirigente dell’ufficio Lavori

„ Franco Scoditti, ph.: brindisireport.it

pubblici. «Un conflitto d’interessi che si realizza così all’interno della macchina amministrativa: incompati-

„ Vincenzo Montanaro

bilità eticamente riprovevoli per i rapporti di coniugio tra i due», secondo il centrodestra. Per la minoranza, infatti,

Urbanistica e Centro storico, fanno capo all’ufficio che si occupa di Lavori pubblici. Non si è fatta certo attende-

re, però, la risposta del Pd che «non accetta lezioni di diritto, di etica e di morale in senso assoluto da nessuna forza politica, men che meno dall’attuale opposizione, che quando ha avuto la responsabilità di governare la città ha dimostrato di essere completamente inadeguata, condannando Mesagne ad anni di malgoverno». Un appiglio, secondo la maggioranza, cui l’opposizione tenta di aggrapparsi pur di trovare il modo per polemizzare, senza alcun fondamento legislativo, a una scelta che vuole essere “slancio per la città”. „ claudia.turba@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA

ERCHIE

Rock'n'Roll Party al Livello 11/8 Il mega-show made in Erchie movimenta la primavera leccese

C

i voleva l’irresistibile forza d’urto del Rock’n’Roll Party di Erchie per consentire l’apertura straordinaria del Livello 11/8, la location per concerti ed eventi alle porte di Lecce, chiusa da poco per motivi di mancata sicurezza scatenando una vera e propria rivolta sul web e non solo. La manifestazione estiva più importante nel suo genere di tutto il Sud Italia ha avuto, alla fine, la sua uscita “primaverile”, che ha consentito di aprire uno

„ A tutto rock, ph.: Daniele Errico

spiraglio per gli amanti dei concerti, che vivono come un lutto la chiusura dell’11/8, diventato rapidamente punto di

riferimento nel giro della live music. Il palco, che ha ospitato in un passato recentissimo artisti come i Verdena, i 99 Posse e Caparezza, lunedì 30 aprile si è colorato delle pazze note del rock’n’roll made in Erchie. Un marchio di garanzia che vuol dire buona musica, divertimento e tanta coreografia: dai ciuffi a banana con uno stand di parrucchieri ad hoc ai trucchi da pin up, dai tatuaggi alle Chevrolet à la “Bulli e pupe”. Sul palco si sono scatenati, nell’ordine: i

„ Burlesque: Roxy Rose, ph.: Daniele Errico

“Little Pink Bag”, i “Fabulous Daddy” e “Matthew Lee”, erede di quel Jerry Lee Lewis dalle “grandi palle di fuoco”. A

contribuire all’aumento della temperatura oltre i limiti di guardia nel locale ci ha pensato la russa Roxy Rose con il suo spettacolo burlesque, un sexy spogliarello giocato sul filo del vedo-non vedo e dell’ironia, molto divertente e mai volgare. Il resto lo ha fatto il sempre ottimo staff del Rock’n’Roll Party: i fratelli Gaetano e Giuseppe “Skuppetta” Carrozzo che, grazie alla loro passione, alla loro testardaggine e al loro impegno, rendono possibile ogni anno

piccoli, grandi miracoli come l’apertura in via del tutto eccezionale del Livello 11/8. L’appuntamento, ora, è per quest’estate con i pazzi ercolani, che già scaldano i motori della Cadillac per una nuova, esaltante edizione estiva del Rock’n’Roll party. Per il Livello 11/8 ci sarà da trovare una soluzione, sperando che il rock’n’roll suonato l’altra sera contribuisca con la sua magia. „ di mau. dista. maurizio.distante@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA


1-15 MAGGIO 2012 / 20

14

pagina 14

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012


ORIA

Un successo "Faccia a Faccia", il confronto Margheriti-Polito SEGUE DALLA PRIMA

SEGUE DALLA PRIMA

dimostrando – qualora ce ne fosse stato bisogno – indipendenza e imparzialità, qualità che un organo d’informazione dovrebbe sempre possedere e mai perdere di vista. Un “grazie” particolare, che si somma ai complimenti ricevuti in sala dopo la manifestazione, lo dedichiamo alla moderatrice, Maura De Gaetano: un onore e un privilegio averla nella nostra squadra. Qui sotto appena qualche scatto di un evento storico, per noi e per Erchie: una piccola, grande e genuina realtà della nostra provincia. Complimenti a tutti, e che vinca il migliore.

sufficiente. E, se nel caso di via Latiano, quasi a ridosso della fermate, c'è almeno il distributore di benzina a offrire riparo, così non è altrove, per esempio in via Francavilla. Credo che il Comune, in qualche modo, dovrebbe interessarsi della questione, sollecitando la società dei trasporti a risolvere una situazione che è insostenibile anche quando la giornata sia soleggiata e il solleone picchi forte sulle teste della gente che aspetta, che in estate è a forte rischio insolazione. Amministratori responsabili s'interesserebbero al problema anche in via autonoma: tagliando qualche spreco e pensando a cose concrete che riguardano la collettività e che quindi giustificherebbero un esborso a spese di tutti». „

„ I duellanti prima del confronto

„ Via Latiano e la pensilina che non c'è

TORRE S. SUSANNA

Expolibri, grande idea, peccato solo per la scarsa attenzione... La crescita di un paesino passa anche dalla cultura, bisogna continuare così „ Un momento del dibattito: toni pacati

„ Sale gremite a palazzo di città

U

na fiera del libro che riuscisse a portare in un paesino anonimo della provincia autori di calibro internazionale sembrava, fino a un paio di anni fa, una realtà neppure immaginabile per Torre. Grazie all'impegno e alla dedizione dei tanti organizzatori (spiccano, tra gli altri, l'assessore alla Pubblica istruzione Marcello Petarra, la dottoressa Annalisa Lucchi, i ragazzi delle associazioni Emergency e Adelante) Expolibri è approdato quest'anno alla sua seconda edizione, con una riuscita, forse, anche al di là delle aspettative generali. Otto giorni di eventi, conferenze, reading, laboratori, esposizioni librarie, incontri con gli autori e spettacoli teatrali che hanno donato alla primavera torrese un'aria profumata di cultura, difficilmente vista in passato. Maurizio Torrealta, Francesco Spada e Gilda Novelli, Federico Lucarini, Vittoria Coppola, Loredana De Vitis, Mario De Vanna, Marco Carlucci, Gemma Carbone, Carlo Formenti,

Ilaria Cavo: giornalisti, autori, registi di spessore che hanno dato la loro disponibilità a incontrare un pubblico, alle volte, forse troppo omogeneo. Già, perché c'è da capire quanto i cittadini abbiano compreso la grandezza dell'opportunità loro offerta. La sala conferenze, seppur sempre affollata, mostrava tra le file delle sedie quasi sempre gli stessi volti: quella parte di cittadinanza attenta agli stimoli culturali, durante Expolibri come durante il resto dell'anno. Possibile che, su 11mila abitanti, ci si debba accontentare sempre di quel gruppo, ormai noto, di torresi attivi? L'impegno profuso nell'organizzare un evento di questa portata è stato grande e i risultati sono evidenti: la speranza è ora che, proseguendo su questa linea, Torre nella sua interezza trovi l'entusiasmo necessario e che si comprenda che la tanto agognata crescita del paese non può che passare attraverso la cultura. „ di mau.de ga.

„

„

N. 20 - ANNO II „ REG. TRIB. DI BRINDISI N. 3/2011 „ DEL 6/05/2011 EDITO DA: PUBLIEDIT S.R.L. „ REDAZIONE@LOSTRILLONENEWS.IT REDAZIONE: VIA C. PISACANE, 6 - 72024 ORIA (BR) „ 0831.1950525

QUALCOSA DA RACCONTARE, SEGNALARE, DENUNCIARE? SCRIVI O CHIAMA LO STRILLONE FAI SENTIRE LA TUA VOCE

15

L'INFORMAZIONE ALZA LA VOCE

1-15 MAGGIO 2012 / 20

„

„

„

Festa grande in onore dei santi Medici, martiri e anargiri Celebrazioni garantite anche se nell'ultimo periodo non sono mancate le polemiche in seno al Comitato ad hoc

S

aranno tantissimi i fedeli che in questi giorni giungeranno a Oria per celebrare e pregare i santi Medici, martiri e “anargiri” (ovvero che curavano gratuitamente). Una festa inserita nel più ampio calendario delle “Perdonanze”, antica serie di festività post-pasquali nella diocesi oritana. Il programma religioso, dopo la novena officiata nella basilica Cattedrale, vedrà mercoledì 9 maggio la processione degli ammalati che partirà alle 16 per visitare nelle abitazioni fedeli oritani infermi. Giovedì 10 maggio, giorno della Perdonanza, il vescovo Vincenzo Pisanello presiederà nella Cattedrale il solenne pontificale alle 19, cui seguirà la processione con le effigi dei santi Cosimo, Damiano, Antimo, Leonzio ed Euprepio, assieme a quella del patrono e protettore San Barsanofio, secondo l’itinerario tradizionale. Nonostante la sobrietà imposta dai correnti “chiari di luna”, rimane di tutto rispetto il programma civile che mercoledì 9 maggio vedrà esibirsi in piazza Manfredi “Progetto Artistico Oritano”, mentre il giorno seguente sarà la volta delle bande “Città di Racale” e “Città di Manduria”.

Luminarie artistiche orneranno il luogo dei festeggiamenti, che termineranno nella tarda serata di giovedì con il tradizionale spettacolo pirotecnico. Un velo di polemiche accompagna quest’anno la festa, a proposito di presunte “riforme” sulla tradizione poi rivelatesi solo congetture. Le supposte modifiche alla struttura delle due processioni hanno mosso perplessità, alcune espresse in modo motivato anche utilizzando le colonne della stampa locale, altre tramite un impreciso e vago passaparola che ha addebitato all’autorità ecclesiastica mozioni mai espresse. Rimane chiaro che ogni processione (ex lege canonica e civile) è sempre svolta sotto la presidenza ecclesiastica, come anche i relativi festeggiamenti necessitano del parere ecclesiastico; tuttavia, per quanto riguarda i santi Medici fino a oggi alcuna disposizione è stata impartita, se non un invito verbale alla dovuta considerazione degli aspetti di fede che tali momenti esigono. Tradizioni dunque per ora intatte, non perdendo di vista l’autentica devozione. „ di Pierdamiano M. Mazza pdamiano.mazza@lostrillonenews.it © RIPRODUZIONE VIETATA

TROVA GLI STRILLONI IL REGOLAMENTO CERCA NELLE PUBBLICITÀ GLI STRILLONI E TELEFONA GIOVEDÌ 10 MAGGIO DALLE ORE 11 ALLO 0831.1950525. CHI RIUSCIRÀ A DIRCI L'ESATTA POSIZIONE DI ALMENO 3 STRILLONI NASCOSTI POTRÀ VINCERE: 4 BIGLIETTI PER IL CONCERTO DEI NEGRAMARO DEL 22 MAGGIO AL PALAMAZZOLA DI TARANTO, 2 BIGLIETTI PER IL CINE-TEATRO MULTISALA SALERNO DI ORIA (SPETTACOLI DEL LUNEDÌ E MARTEDÌ), 2 TICKET PER PUCCIA + BEVANDA OFFERTI DA PANIFICIO LOMBARDI DI FRANCAVILLA FONTANA I premi saranno sorteggiati tra le prime 10 chiamate. Non sono ammessi gli stessi vincitori per almeno 3 concorsi consecutivi. Non si accettano nominativi della stessa famiglia. I vincitori ritireranno il premio in redazione e con esso saranno fotografati. Le foto, per dovere di trasparenza, saranno pubblicate sul numero successivo, pena l'annullamento della vincita.

Direttore Responsabile Eliseo Zanzarelli direttore@lostrillonenews.it Amm. Unico Publiedit Angelo Lombardi publiedit@lostrillonenews.it Impaginazione Publiedit Srl grafica@lostrillonenews.it Pubblicità Maurizio Urgese commerciale@lostrillonenews.it Stampa Master Printing S.r.l. Modugno (Ba), via delle Orchidee, 1

„

Corrispondenti Giovanni Colonna Laura De Stradis Maria Rosaria De Gaetani Maura De Gaetano Maria Rosaria D’Alema Maurizio Distante Michele Iurlaro Pierdamiano M. Mazza Grazia Mele Vincenzo Sardiello Claudia Turba Erica Zingaropoli

La Direzione si riserva di rifiutare insindacabilmente qualsiasi testo e inserzione. Foto e manoscritti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Riproduzione Vietata

DIVENTA FAN LO STRILLONE NEWS

LEGGI LO STRILLONE NEWS


1-15 MAGGIO 2012 / 20

pagina 16


Lo Strillone 20  

L'informazione alza la voce! Quindicinale free press della provincia di Brindisi

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you