Page 1

Se ti piace presentalo ai tuoi amici E’ gratis!

l’Altro

www.laltrogiornale.it

Quotidiano online delle Marche - Direttore Elpidio Stortini

edizione del mattino

Anno I - N. 15 Domenica 17 Febbraio 2013

giornale

ARRESTATI MENTRE RUBANO IN CASA

SERVIZIO A PAGINA 19

PIPPO BAUDO “LE MARCHE NEL CUORE”

SERVIZIO A PAGINA 7


2

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA REG

VIABILITA’

UNA S

La Fano-Grosseto è ora

Al via la società pubblica tra le regioni Marche, Toscana Spacca, Rossi e Marini hanno anche presentato il progetto di OTTAVIO PINOTTI PERUGIA Al via la società pubblica di progetto, tra le Regioni Marche, Toscana e Umbria, per la realizzazione della E78 Fano Grosseto. I presidenti delle tre Regioni, Gian Mario Spacca, Enrico Rossi e Catiuscia Marini, hanno ufficializzato a Perugia la nascita della società che sovrintenderà alla realizzazione dell’opera. Primo atto della società, la presentazione alla Ue della richiesta per l’accesso ai fondi europei. Sempre ieri Spacca, Rossi e Marini hanno presentato alla stampa il progetto depositato il 15 gennaio dall’impresa Strabag al ministero. “Un progetto – ha detto il presidente Spacca – che mette a tacere le polemiche sorte ancor prima che se ne conoscessero i contenuti. Il meccanismo del pedaggiamento sarà costruito con esenzioni o tariffe agevolate per residenti e pendolari. Quanto alla paventata chiusura degli svincoli della superstrada oggi esistenti, con la contestuale apertura di nuovi caselli, nulla di più falso: gli attuali svincoli saranno infatti tutti mantenuti e non saranno costruiti caselli”. I tre presidenti hanno illustrato alla stampa progetto e modalità per la sua realizzazione. L’opera sarà completata con il ricorso al Contratto di disponibilità che consentirà la realizzazione dell’opera a carico del soggetto privato. Una volta terminata, l’infrastruttura sarà consegnata allo Stato, che la pagherà in 45 anni attraverso la fiscalità differita. “Le Marche, la Toscana e l’Umbria – ha detto Spacca hanno svolto un ruolo fondamentale nel riportare all’attenzione nazionale la necessità di completare l’intera tratta della E 78. Grazie al percorso intrapreso dalle tre Regioni, basato sul modello innovativo della società pubblica di progetto e del contratto di disponibilità, la Fano-Grosseto diviene finalmente realtà. La presentazione del progetto, oggi,

ne è la conferma più tangibile. E’ un’opera di straordinaria importanza per i nostri territori e il fatto che l’Europa l’abbia inserita nelle proprie reti decidendo di investire su di essa, ne dimostra la strategicità. Il meccanismo originale con cui l’opera sarà realizzata rispecchia in pieno la cultura di questi territori, da sempre ispirati alla concretezza. Per le Marche, poi, la Fano Grosseto riveste un significato particolare, perché consente di rafforzare la crescita del territorio in collaborazione con Regioni culturalmente a noi molto vicine: un processo, quindi, di sviluppo interregionale fondamentale anche per rafforzare i nostri rapporti con l’Europa” LA E 78 è stata inserita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra le Grandi opere prioritarie a godere dei benefici fiscali previsti dalla recente normativa, che saranno formalizzati nelle prossime sedute del CIPE. E’ stata considerata nella rete transeuropea di trasporto TENT (aperto lo scorso 28 novembre nell’ambito del Multi Annual Call 2012/2013) che consente la

possibilità di accedere ai fondi strutturali europei (Bei). La scadenza per la partecipazione al bando (previsto un budget complessivo di 250 milioni di euro), ad opera delle Regioni riunite nella società pubblica di progetto, è per il 26 marzo. La realizzazione della E 78 Fano Grosseto è di fondamentale importanza per lo sviluppo della competitività dei territori di riferimento, grazie alla sua capacità di rafforzare il collegamento tra il versante adriatico e quello tirrenico, in connessione con arterie di rilevanza nazionale ed europea. L’intervento consentirà benefici anche per la logistica, rappresentando un ponte di terra tra la Spagna e i Balcani (Land bridge), che poggia su quattro pilastri: i porti di Ancona e Ravenna per il versante adriatico, Civitavecchia e Livorno per quello tirrenico, e una spina dorsale per il sistema degli interporti, nell’ambito della realizzazione delle trasversali e dello sviluppo del sistema delle Piattaforme logistiche del Paese. Di fatto, un “nodo” strategico per lo sviluppo delle reti europee di trasporto e logistica.

E’ stato poi proposto di inserire l’infrastruttura tra gli interventi “core network”, ovvero la rete prioritaria comunitaria, per godere di ulteriori vantaggi finanziari. La società di progetto del modello pubblico-privato potrà così accedere a finanziamenti europei per un miglior equilibrio economico-finanziario dell’iniziativa. L’OTTIMIZZAZIONE DEL TRACCIATO Sulla scorta degli orientamenti emersi in sede di Commissione Tecnica è stata definita l’ottimizzazione del tracciato, in accordo con il territorio, al fine di ridurre i costi di realizzazione dell’opera (si prevede un risparmio complessivo pari a circa 900 milioni di euro per un totale dell’investimento pari a 2.900 Milioni di euro): 1. Variante RigomagnoMonte S. Savino-Arezzo (tratto Bettolle Arezzo) 2. Variante ArezzoPalazzo del Pero 3. Ottimizzazione del tracciato Le Ville-Parnacciano 4. Variante di Mercatello (Lotto 4) 5. Variante di Fermignano (Lotto 8)

redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

3

GIONE

STRADA DI COLLEGAMENTO INDISPENSABILE

a meno lontana

a e Umbria. I presidenti dei tre Enti o di realizzazione dell’attesa opera

In alto, a sinistra, il tracciato della Fano-Grosseto, la strada interregionale attesa da tanti anni Qui sopra e a sinistra i presidenti Spacca, Marini e Rossi mentre presentano il progetto di realizzazione IL CONTRATTO DI DISPONIBILITA’ E’ un’operazione di Partenariato pubblico privato (PPP), in ottemperanza alla Decisione Eurostat 04, (introdotta dall’art. 44 del DL 1/12), con cui è affidata ad un Contraente privato la costruzione a proprio rischio e spesa, la gestione e la messa a disposizione al soggetto aggiudicatore di un’opera destinata all’esercizio di un pubblico servizio. Contraente privato: assume il rischio della costruzione e della gestione tecnica dell’opera, assicura la costante fruibilità dell’opera, garantendo la perfetta manutenzione, la risoluzione degli eventuali vizi e l’adeguamento alle prescrizioni normative.

La società pubblica di progetto: dal punto di vista procedurale provvederà ad acquisire lo studio di fattibilità tecnico-economicofinanziaria, a sottoporlo al CIPE e porre in gara lo Studio di fattibilità, al fine di acquisire il Progetto Preliminare, individuando, a seguito della gara, il Contraente Unico dell’iniziativa. Dal punto di vista finanziario fungerà da Società veicolo per l’acquisizione delle varie fonti di finanziamento dell’iniziativa che formeranno il Canone di Disponibilità annuo, da versare annualmente al Contraente privato. I VANTAGGI: Massima concentrazione del pagamento in un canone di disponibilità da versare quando l’opera è fruibile (ultimata e

redazione@laltrogiornale.it

collaudata). Assunzione dei rischi di realizzazione e manutenzione a carico del contraente privato, in ottemperanza al dettato comunitario, tale da garantire il rispetto dei cronoprogrammi previsti per il compimento dell’opera. Rapidità e qualità della costruzione, atteso che i vizi della stessa non gravano solo sul costruttore sino alla fine del contratto ma, nella misura in cui ne compromettano la fruibilità, comportano una onerosa riduzione del canone. Libertà per il contraente nell’ambito della realizzazione dell’opera, seppur nel rispetto degli standard normativi del Codice dei Contratti Pubblici e s.m.i. (DL 70/11 – Varianti e opere compensative).

Scheda IL TRACCIATO Stato di attuazione: 111 km ultimati ed in esercizio; 16 km suddivisi in 2 lotti in corso di ultimazione; 12 km in un unico maxi lotto (lotti 5, 6, 7 e 8), appalto integrato in fase di progettazione esecutiva; 52 km suddivisi in 9 lotti, terminata la progettazione sono stati trasmessi al CIPE per l’approvazione ed il relativo finanziamento; 79 km suddivisi in 6 lotti sono attualmente in fase di progettazione. I costi del progetto Importo dell’investimento: •2.451.144.968,20 IVA: •508.949.296,80 Importo Complessivo •2.960.094.265,00


4

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA REG

TURISMO

Spacca: “Collegare il mon

Lo stand della nostra regione attrae e accoglie un gran MILANO Offerta per club di prodotto e potenziamento del web per collegare il mondo alle Marche. È la nuova strategia della Regione per il turismo, presentata alla Bit2013, la Borsa internazionale di settore, che ha aperto i battenti a Milano. Due le novità con cui si presentano le Marche alla Bit. Le ha illustrate il presidente e assessore regionale al Turismo, Gian Mario Spacca, nell’evento di apertura dello stand marchigiano, alla presenza di Massimiliano Polacco (Direttore Confcommercio Marche), Guido Guidi (Consorzio Marche Maraviglia)e Josep Eiarque (Amministratore delegato di Four Tourism) .”Le Marche passano dal turismo ai turismi – ha detto Spacca – È più che una novità, un vero cambio di paradigma. Fino a oggi la regione si è presentata sul mercato come una sommatoria di singoli territori. Nel 2013 la formula si innova totalmente: non più offerta per territori, ma per club di prodotto, per network. Il primo elemento di novità è proprio questo: presentare cluster di prodotto che definiscono un focus forte e percepibile anche dal consumatore internazionale”. L’enogastronomia, il termalismo, il mare, la montagna, la cultura, la spiritualità, la natura, i borghi: sono solo alcune delle offerte per prodotto con cui le Marche si presentano al mercato globale. “Qualche esempio – ha detto Spacca – Nelle Marche abbiamo prestigiosi centri termali che sino a oggi si sono presentati singolarmente. D’ora in avanti

Il presidente della Giunta regionale Gian Mario Spacca al computer esisterà invece un network termale. Altro esempio, il mare nelle sue diverse declinazioni: la costa alta come a Portonovo o Gabicce, la sabbia, con San Benedetto, Senigallia, Fano. Oggi presentiamo tutti questi turismi in modo scandito”. La seconda novità, il rafforzamento della presenza sul web per raggiungere anche i turisti più lontani. “Il mercato globale diventa il nostro mercato di riferimento – ha sottolineato il presidente - e quindi ogni turista, anche il più lontano, diventa il nostro target. Grazie al web, dal nuovo sito del turismo (www.turismo.marche.it) ai numerosi social network sui quali siamo presenti, possiamo raggiungere chiunque, soprattutto

i mercati ad alto valore aggiunto. Grazie all’offerta per cluster di prodotto, la nostra proposta diventa credibile su tutti i mercati internazionali. Vogliamo crescere sempre di più – ha aggiunto il presidente – perché oggi il turismo rappresenta appena il 2,8% del nostro Pil. Una percentuale insoddisfacente per un territorio come il nostro, dalle enormi potenzialità. È quindi doveroso, soprattutto oggi, migliorare le nostre performance, far crescere il turismo, quindi, il reddito e l’occupazione. La Regione ha fatto una scelta molto netta: creare una seconda economia che affianchi quella tradizionale manifatturiera. Possiamo riuscirci innovando, aprendoci al mercato globale, sempre mantenendo però

la nostra tradizione, l’anima del nostro turismo, perché è questo che il turista chiede: originalità e anima”. Lo stand , 400 mq di superficie, dove predomina il bianco mentre i riflessi dei tanti colori delle Marche si raddoppiano sul pavimento specchiato, rappresenta uno spazio e un territorio quindi aperto all’accoglienza e punteggiato da diverse aree di eccellenza: il mare, i borghi, la cultura, la spiritualità, la natura, il gusto E i tanti turismi made in Marche hanno fatto il pieno di visitatori. Fin dall’apertura, infatti, lo stand ha dimostrato un forte potere attrattivo via via che si sono succeduti gli eventi della mattinata, secondo un programma

Un modo nuovo per tenerti informato dove e quando vuoi sulla tua città Collegati al sito www.laltrogiornale.it O richiedi la tua copia a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

5

GIONE

APERTA LA BIT DI MILANO

ndo alle Marche”

nde pubblico fin dalle primissime ore ricco di iniziative. Dopo la presentazione dell’offerta turistica a circa 70 buyers – tour operator provenienti da Gran Bretagna, Norvegia, Germania, Russia, l’incontro condotto dal giornalista Rai, Maurizio Blasi con il presidente Spacca. Quindi L’inaugurazione della mostra legata al concorso fotografico”#sestosensomarche lanciato dalla Regione che ha registrato l’invio di 4000 fotografie in sole 4 settimane con il progetto innovativo del Social Media Team Marche e dalla

community Instagramers Italia. Le Marche con questo “challenge” fotografico, promosso dal 2 al 30 gennaio, hanno coinvolto direttamente gli appassionati di Instagram, un social network e un’applicazione gratuita per smartphone che permette di scattare foto, applicare filtri e condividerle istantaneamente sul web. I 150 scatti selezionati dalla giuria sono esposti e potranno essere votati dai visitatori e giornalisti ricevendo in omaggio un gadget stand della Regione Marche e assegnare quindi un Premio della

Critica e un Premio del Pubblico. Intanto la giuria del concorso ha decretato tre vincitori: primo classificato @amepiacecosì”, con la foto “This is Urbino”, per l’istante di contemplazione della città dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO, candidata a città europea della cultura 2019. Il secondo classificato è “@stenovelli” con uno scorcio di Ascoli Piceno,. Il terzo vincitore è “@lallaweb” per il punto di vista originale e i colori accesi. di angoli ameni e nascosti delle spiagge marchigiane.

Il presidente Gian Mario Spacca con Vittorio Sgarbi

Urbino, simbolo del nuovo Rinascimento europeo MILANO “Urbino, una parola che da sola vuole dire Rinascimento. Urbino, non solo la storia ma anche il futuro: la culla di una nuova utopia, simbolo del nuovo Rinascimento europeo”. Parola di Jack Lang, già ministro della Cultura francese, Presidente del Comitato promotore di Urbino Capitale europea della cultura 2019. Del progetto ha parlato Lang in un video proiettato ieri allo stand Marche della Bit2013, nel corso di un incontro al quale hanno partecipato il presidente della Regione Marche e assessore regionale al Turismo Gian Mario

Spacca, l’assessore al Turismo della Provincia di Pesaro Urbino, Renato Claudio Minardi, e il dirigente del servizio Turismo Cultura della Regione, Raimondo Orsetti. La candidatura di Urbino si sta rafforzando, grazie al coinvolgimento nel Comitato promotore, di personalità di livello mondiale, come l’ex primo ministro tedesco Gerhard Schroder, molto legato al territorio pesarese, Umberto Eco e premi Nobel. “Urbino – ha detto Lang – è una delle città più brillanti ed emblematiche del Rinascimento italiano. Perché Urbino capitale

europea della cultura? Perché può incarnare lo spirito di un nuovo Rinascimento per l’Europa. E’ un programma magnifico e Urbino ha grandi chance di proporre all’Italia e all’Europa una serie di iniziative culturali, economiche, universitarie che la renderanno il centro del pensiero europeo. Urbino vuol dire anche Marche, regione in cui le città sono esse stesse il simbolo di un’utopia. La candidatura di Urbino ha tutto per sedurre, per creare dinamismo e vivacità culturale e sono certo che le autorità italiane ed europee la sceglieranno quale Capitale europea della cultura. Urbino sarà allora il centro dell’Europa e per

chi, come me, è innamorato di questa città, sarà una grande gioia”. Urbino e, con essa, tutte le Marche. Il progetto Capitale europea della cultura, ha infatti sottolineato il presidente Spacca, coinvolge tutto il territorio regionale. “Jack Lang – ha detto Spacca – ha condiviso e sposato completamente questo progetto, tanto da avere accettato di presiedere il Comitato promotore. Lang, oltre ad essere una personalità di grande prestigio, è anche l’ideatore del programma Capitale europea della cultura, con il quale si chiama di volta in volta una città ad essere luogo in

cui l’Europa riflette su se stessa. Abbiamo le carte in regola perché Urbino diventi la Capitale europea 2019: la nostra identità regionale, la ricchezza culturale delle nostre città, l’immagine che Jack Lang proietta su questo progetto ci consentiranno, se saremo uniti, di arrivare al 2015, quando ci sarà la selezione, con un progetto forte e convincente e di avere poi quattro anni per concretizzarlo”. In Italia sono 22 le città che concorrono. La domanda di partecipazione alla selezione va presentata entro ottobre, con una proposta e un progetto già delineato in tutti i suoi aspetti.

Se ti piaccio presentami ai tuoi amici. E’ gratis!

www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


6

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA REGIONE

LA CANDIDATURA

SODDISFAZIONE GENERALE

Urbino capitale della cultura Orgoglio per tutte le Marche Cardogna: “Rappresenta la volontà della regione di proporsi per le sue bellezze” ANCONA “La candidatura della città di Urbino a capitale europea della Cultura 2019 rappresenta la volontà di tutta la regione di proporsi per le sue bellezze artistiche e architettoniche, per la sua storia e la sua cultura che tanto ha dato al Paese e al mondo.” Queste le parole del Presidente della Commissione Politiche Europee della Regione, Adriano Cardogna, che nella mattinata di oggi (15 febbraio) si è incontrato, a Urbino con il Vice Sindaco della Città, Lorenzo Tempesta. Nel corso dell’incontro si è affrontato anche il tema della candidatura, che vede un grande impegno del Presidente della Regione, Gian Mario Spacca, che proprio ieri alla Bit di Milano è tornato sull’argomento. Dopo Firenze, Bologna e Genova che hanno avuto questo prestigioso riconoscimento, Urbino ha tutte le carte in regola per poter aspirare ad essere

Due immagini di Urbino e, sopra, Adriano Cardogna

centro di unità culturale per tutti i cittadini europei. “Una opportunità di estrema importanza – ha detto Cardogna – non solo per Urbino ma per tutte le Marche che potranno, se la domanda sarà accolta, godere di visibilità e occasioni uniche per proporre il nostro territorio.” Nell’incontro è emersa l’idea di realizzare un sito web specifico dedicato alla candidature di

Urbino, come hanno già fatto sei delle 22 città italiane che concorrono, con lo scopo di promuovere il più possibile la proposta. Cardogna, come Presidente della Commissione

Politiche Europee si è detto pronto a farsi interprete di questa richiesta in ambito regionale che certamente può contribuire a far conoscere ancora di più Urbino e la sua proposta.

l’Altro giornale quotidiano online

L’informazione libera per il territorio e la sua gente redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

7

LA REGIONE

GLI INCONTRI

Baudo e Allevi alla Bit Nello stand delle Marche Pippo recita “A Silvia” e fa una dichiarazione d’amore alla nostra regione. Il musicista, dopo i complimenti del presentatore: “Fiero di essere marchigiano”

MILANO “Sono qui di mia spontanea volontà per testimoniare l’amore profondo che nutro per questa regione che conosco benissimo e da lunga data. Una regione che considero tra le più affascinanti, più ricche di bellezze d’Italia. Se potrò far conoscere meglio questa regione unica nella sua pluralità e complessità sarò felice”. Così Pippo Baudo, di fronte alla folla che ha letteralmente invaso lo stand delle Marche e lo ha inseguito alla sua uscita dopo circa un’ora e mezzo, durante la quale ha dialogato con il famoso musicista ascolano Giovanni Allevi che lo stesso Baudo ha definito “una gloria non solo marchigiana ma nazionale.” Il famoso presentatore ha poi informato della sua nuova trasmissione” Il Viaggio” che partirà proprio dalle Marche tra venti giorni perché “ sono un’”allievo”, sto studiando per

diventare marchigiano, qui mi sento come a casa e quando vado via dalle Marche mi prende una dolce nostalgia . Penso – ha proseguito - che se c’è una regione in Italia che ha la forza, la capacità, la genialità e la fortuna dei doni di cui Madre Natura l’ha dotata, di risorgere sempre e continuare a vivere bene , queste sono le Marche . “ Il Viaggio di Pippo Baudo partirà dal Furlo che considera uno dei luoghi naturali più affascinanti e ricchi di storia antichissima e recente, poi “non si può tralasciare Urbino e le sue colline raffaellesche, Pesaro per il genio di Rossini e il Rof , Mariotti e la sua grandezza artistica”. Baudo ha anche ricordato la villa che Luciano Pavarotti scelse di costruire vicino Pesaro. Quindi Il Viaggio proseguirà per Gradara dove due Paolo e Francesca d’eccezione , Gabriele Lavia e Monica Guerritore, leggeranno Dante.

Si sposta poi ad Acqualagna e Matelica per parlare del grande personaggio che fu Enrico Mattei. Senigallia non solo per la spiaggia ma anche per il rapper Fabri Fibra che qui è nato. Tappa ad Ancona , bellissima città e patria di Ave Ninchi, per spostarsi poi a Chiaravalle e parlare della sua figlia più grande, Maria Montessori; Jesi cittadina che ha dato i natali a grandi dello spettacolo , da Valeria Moriconi a Virna Lisi, oltre che città di nascita di Federico II di Svevia, ma anche di campioni sportivi come Mancini e gli olimpionici di scherma. Poi Fabriano, città della Carta e Castelfidardo per la fisarmonica. L’itinerario marchigiano si sposta a Recanati , “ e qui mi commuovo – ha detto Baudo – ogni volta che visito Casa Leopardi, Giacomo ce l’ho nel cuore ed è il più grande dopo Dante .. .veder scritte le sue liriche con la grafia originale è un’emozione che lascia una

Tre momenti dell’incontro di ieri tra Pippo Baudo e Giovanni Allevi nello stand delle Marche alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano traccia profonda e struggente e poi la famiglia sa ben conservare questo amore intatto per il Poeta. “ Poi ha recitato i primi versi di A Silvia ricordando subito dopo Beniamino Gigli e quindi Macerata e lo Sferisterio. A Tolentino, per incontrare Saverio Marconi e il Teatro della Rancia. Sant’Elpidio e il suo Neri

Marcorè e quindi le Marche del distretto calzaturiero e delle griffe importanti a Civitanova. E il viaggio si conclude appunto ad Ascoli Piceno, “citta bellissima che ricordo con nostalgia perchè vide il mio debutto in piazza con le sorelle Kessler”, ma anche città dove incontrerò questo grande musicista che è Giovanni Allevi.

Giovanni Allevi ha raccontato di tornare nelle sue Marche per ricaricarsi, respirando aria pulita, godere dell’armonia dei paesaggi , rigustare i sani ritmi di vita che scandiscono una qualità della vita che non si trova in nessun altra parte del mondo. Anche per questo – ha concluso - sono fiero di essere marchigiano”. (ad’e)

Se ti piaccio presentami ai tuoi amici. E’ gratis!

www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


8

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale IL TUO QUOTIDIANO ONLINE

Se ti piace consiglialo ai tuoi amici

E’ gratis! www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

9

LA REGIONE

IL PROGETTO

LO SVILUPPO DELL’ENTROTERRA

Tartuficoltura da promuovere Un’attività agricola specializzata che va rilanciata. Concluso il corso dell’Assam ANCONA Impostare l’impianto di una nuova tartufaia coltivata, valutare l’ambiente potenzialmente idoneo, gestirlo e mantenere la produzione costante e duratura nel tempo. Questi gli obiettivi raggiunti alla conclusione del Corso base di Tartuficoltura organizzato dall’ASSAM Marche che è nato con lo spirito di sostenere tutti coloro che vogliono cimentarsi in questa

mirabile arte. La formazione specifica si è svolta al Vivaio forestale di S. Angelo in Vado (PU). Una settimana di lezioni tenute da docenti esperti per 25 partecipanti provenienti da varie regioni italiane. Una pronta risposta al soddisfacimento di un settore che è costantemente in espansione. La tartuficoltura fornisce, infatti, significativi redditi rappresentando un forte

impulso all’economia delle aree interne; riveste un importante ruolo ecologico, poiché garantisce la tutela e la manutenzione del territorio, il contrasto all’erosione del suolo, la prevenzione del dissesto idrogeologico con il bosco, il ripristino della fertilità naturale in suoli spossati, l’assorbimento di anidride carbonica; infine, è del tutto sostenibile perché attuata senza l’impiego di fertilizzanti chimici

o diserbanti nocivi per l’ambiente. “Il nostro intento - spiega Gianluca Carrabs, amministratore unico ASSAM - è sensibilizzare la commissione agricoltura del Parlamento europeo sulla tartuficoltura, attività agricola specializzata e multifunzionale, quale preziosa risorsa regionale, in modo da includerla nel programma della Politica Agricola Comune, ottenendone così

finanziamenti diretti attraverso il PSR - Programma di Sviluppo Rurale”. Il primo passo mosso dall’amministratore unico Assam è stato proprio quello di organizzare una visita istituzionale al Centro Sperimentale per la Tartuficoltura di S. Angelo in Vado con il presidente del Consiglio regionale delle Marche, Vittoriano Solazzi, e con il presidente della Commissione regionale Politiche

Comunitarie, Adriano Cardogna, affinché il tema possa essere discusso in sede di Consiglio regionale e sottoposto all’attenzione del Parlamento europeo. L’Assam è l’unico ente pubblico che da trenta anni fa ricerca sulla tartuficoltura producendo piantine forestali con radici micorizzate che, messe a dimora in sito idoneo, rendono una produttività di tartufaie che sfiora quasi il 100%.

Scattano i controlli contro i falsificatori Soddisfazione della Coldiretti: è in vigore la legge salva-olio, una task force nei negozi e nei supermercati ANCONA Entra finalmente in vigore la legge salva-olio e scattano i controlli, con una apposita task force impegnata in una serie di blitz per smascherare l’extravergine fasullo negli scaffali di negozi, supermercati e discount. E’ quanto annuncia la Coldiretti in riferimento alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che riporta la legge salva olio Made in

Italy “Norme sulla qualità e la trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini” dalla quale prende il via una vera rivoluzione sulle tavole per il condimento più amato dagli italiani. Molte le novità introdotte dal provveidmento: si va dall’introduzione in etichetta del termine minimo di conservazione a 18 mesi dalla data di imbottigliamento all’importante

riconoscimento di nuovi parametri e metodi di controllo qualitativo che consentiranno di smascherare i furbetti dell’extravergine, dalla fissazione di sanzioni in caso di scorretta presentazione degli oli di oliva nei pubblici esercizi all’estensione del reato di contraffazione di indicazioni geografiche a chi fornisce in etichetta informazioni non veritiere sull’origine,

dall’introduzione di sanzioni aggiuntive come l’interdizione da attività pubblicitarie per spot ingannevoli al rafforzamento dei metodi investigativi con le intercettazioni, fino al diritto di accesso ai dati sulle importazioni aziendali. Anche nelle Marche la Coldiretti avvierà l’operazione trasparenza sul prodotto più rappresentativo della dieta mediterranea con veri e

propri blitz nei punti vendita, a tutela di produttori e consumatori. L’obiettivo è quello di raccogliere campioni di bottiglie di olio delle diverse dimensioni e fasce di prezzo da analizzare in laboratori pubblici dal punto di vista chimico ed organolettico per verificare la corrispondenza tra quanto dichiarato in etichetta e il reale contenuto. La superficie in produzione nelle

Marche, secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat, è di 13.000 ettari. Per quanto riguarda il biologico, la aziende sono 1.000, per una superficie di circa 1.600 ettari. Il valore della produzione olivicola marchigiana è di 20 milioni di euro. Le Marche vantano anche due Dop nel settore olivicolo (Olio di Cartoceto Dop e Oliva Ascolana del Piceno Dop).

quotidiano online

l’Altro giornale L’informazione libera per il territorio e la sua gente redazione@laltrogiornale.it


10

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA REGIONE

L’INIZIATIVA

SI PASSA ALLA REALIZZAZIONE

L’orto biologio a scuola Al via la seconda fase del concorso. Partita la consegna del kit di sementi ANCONA Conclusa la prima fase del concorso “L’Orto biologico a scuola” con la selezione di 20 progetti, comincia ora la fase di realizzazione con la consegna proprio in questi giorni da parte dell’ASSAM del kit di sementi autoctone agli istituti scolastici individuati dalla commissione di valutazione. La confezione contiene piccole quantità di sementi di fava di Fratte Rosa, cece

quercia di Appignano, Cicerchia di Serra de’ Conti, fagiolo americano, fagiolo monachello, fagiolo occhio di capra, fagiolo cenerino, mais ottofile di Arcevia, pomodoro a pera, anice verde di Castignano. Si tratta di sementi non acquistabili sul mercato normale poiché derivano da un costante lavoro di miglioramento svolto nei decenni dagli agricoltori marchigiani sui propri territori.

La Regione ha attuato il censimento e la raccolta di queste sementi ormai dimenticate e in pericolo di estinzione, permettendo la loro riproduzione e il mantenimento all’interno della Banca del germoplasma. Queste specie si sono adattate alla realtà ambientale marchigiana e al consumo quasi quotidiano dell’agricoltore contadino, conservando il più delle volte qualità organolettiche nettamente

superiori a quelle attualmente in commercio. Con la presa in gestione delle sementi contenute nella confezione, la scuola può diventare un importante nodo della rete di conservazione e sicurezza. Il concorso, organizzato dalla Regione Marche e dall’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, nell’ambito del Programma di Azione Nazionale per l’agricoltura biologica e del progetto

“Conoscere il biologico nelle Marche”, è rivolto agli alunni delle scuole d’infanzia, primarie e secondarie di I grado, statali e paritarie e si pone lungo il percorso seguito per la promozione dell’educazione alla salute e per la sostenibilità, come valore attivo e strumento chiave per modificare gli stili di vita e accrescere la consapevolezza della qualità delle produzioni biologiche nei nostri giovani.

Iscrizioni record al Master Unicam Sarà inaugurata a San Benedetto la dodicesima edizione dedicata ai manager dei dipartimenti farmaceutici Sarà inaugurata giovedì 21 febbraio, con inizio alle ore 10.30 presso la Sala convegni dell’Ospedale di San Benedetto del Tronto, la dodicesima edizione del master Unicam “Manager di Dipartimenti Farmaceutici”. Il master, promosso in collaborazione con la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e l’Area vasta n. 5 della ASUR Marche di San

Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno, è rivolto a laureati in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche. Il corso, di durata annuale, si propone di arricchire il laureato di competenze specifiche, di natura scientifica, organizzativa ed economica utili nella gestione manageriale di Dipartimenti Farmaceutici a valenza ospedaliera o territoriale

nell’ambito di strutture sanitarie, nonché di farmacie aperte al pubblico. Prevede una didattica “frontale” e una didattica “on line” accompagnata da tutorato, oltreché seminari, conferenze, dibattiti e stage in realtà professionali. “L’idea di attivare ogni anno una nuova edizione – sottolinea il dott. Carlo Cifani, ricercatore della Scuola di Scienze del

Farmaco e dei Prodotti della Salute e direttore del Master – è scaturita in relazione a precise esigenze che emergono dal mondo della professione nelle strutture sanitarie. I cambiamenti in atto nel Servizio Sanitario Nazionale, ed in particolare l’obiettivo di ottimizzare l’impiego delle risorse nella spesa farmaceutica, richiedono la formazione di personale con competenze e

professionalità adeguate. In aggiunta alle competenze scientifiche inerenti il farmaco, la professione di Farmacista nel Servizio Sanitario Nazionale ha, infatti, sempre più bisogno di forti competenze manageriali. Il master – prosegue il dott. Cifani – affronta in maniera ampia e potenzialmente completa, la molteplicità degli aspetti scientifici e professionali

necessari alla gestione manageriale della spesa nei dipartimenti farmaceutici e si caratterizza come uno strumento di “life-long learning” appetito anche da figure professionali con una grande esperienza nel proprio ambito lavorativo. Per l’attuale edizione abbiamo ricevuto 47 domande di iscrizione, raggiungendo dopo dodici anni il record di partecipanti”.

quotidiano online

l’Altro giornale L’informazione libera per il territorio e la sua gente redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

11

LA REGIONE

BANCHE

LA CRISI COLPISCE ANCORA

Meno mutui per le case Ma i dati della Carifermo sono in controtendenza rispetto al quadro regionale FERMO Nei giorni scorsi l’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa su fonte Banca d’Italia ha diffuso i dati sui mutui concessi per l’acquisto di abitazione nella Regione Marche. Dall’indagine emerge il record negativo della provincia di Fermo che vede una flessione di -79,26% nel secondo trimestre 2012 su 2011, mentre la media regionale è di -62% sempre per lo stesso periodo di riferimento. A tal proposito risulta interessante effettuare un confronto con i dati della Carifermo. Dallo studio emerge un quadro in controtendenza rispetto alla situazione regionale e provinciale. Nel dettaglio la variazione percentuale dell’anno 2012 su 2011 dei mutui erogati alle famiglie è di -16,7%. Se invece il dato viene scorportato e si prendono in considerazione solo i mutui ipotecari erogati a famiglie per l’acquisto di un’abitazione la variazione, sempre 2012 su 2011, risulta addirittura solo di -6,4%. Prendendo come riferimento temporale proprio il secondo trimestre dei due anni, ovvero quello preso in considerazione dal Gruppo Tecnocasa ed il solo

MACERATA

“Scuola aperta” da questa mattina all’Istituto Agrario territorio della provincia di Fermo, in questo caso per Carifermo la variazione del secondo trimestre 2012 su 2011 è perfino impercettibile (-0,4%). Il dato relativo ai finanziamenti concessi per l’acquisto di un’abitazione indica una sostanziale stabilità negli anni nell’attività di erogazione dei mutui da parte dell’Istituto fermano. A ribadire la controtendenza della Carifermo, oltre all’indagine Tecnocasa, è anche il dato della Regione Marche sui mutui alle famiglie per acquisto di immobili che vede un

-57% nel periodo gennaio/ settembre 2012 su 2011 (Fonte Banca d’Italia). Un altro elemento da prendere in considerazione nella lettura dei dati è l’influenza data da una domanda di credito praticamente dimezzata rispetto agli anni precedenti. Il decremento a livello nazionale del 2012 rispetto al 2011 è pari a -42% (Fonte EURISC). “Il quadro emerso da questa indagine conferma l’attenzione e la vicinanza della Carifermo al territorio e soprattutto alle famiglie.” Afferma

l’Amministratore Delegato della Carifermo Alessandro Cohn “Un sostegno costante e puntuale testimoniato da diverse iniziative intraprese negli anni come ad esempio il “progetto famiglia.” “La Cassa di Risparmio di Fermo rappresenta da sempre un presidio del risparmio e dello sviluppo socio-economico del territorio.” Afferma il Presidente della Carifermo Alberto Palma “Banca di riferimento, svolge un fondamentale ruolo nel contesto fermano di cui costituisce un’importante risorsa ed un vero fattore competitivo”.

MACERATA Ultimo appuntamento con Scuola aperta all’istituto Agrario di Macerata. Oggi, domenica 17 febbraio, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30, sarà possibile visitare la scuola per conoscere i percorsi didattici e le varie strutture, aule, laboratori ed azienda agraria. È questo il settore che si sta rivelando ricco di offerte occupazionali: negli ultimi anni, infatti, sono aumentate le imprese agricole guidate da giovani. L’IIS “Giuseppe Garibaldi” di Macerata, da oltre cento anni, provvede all’istruzione agraria

del territorio formando tecnici con solida preparazione culturale e professionale, con sicure prospettive di inserimento nel mondo del lavoro. Per chi intendesse proseguire gli studi all’Università svariate sono le possibilità di scelta tra le Facoltà: da scienze agrarie a quelle forestali, da Medicina Veterinaria a tecnologia degli alimenti, solo per citarne alcune. Il personale della scuola, diretta dalla prof.ssa Antonella Angerilli, sarà anche a disposizione per le iscrizioni on-line. Per informazioni telefonare allo 0733/262036 (www.itagaribaldi.it).

quotidiano online

l’Altro giornale L’informazione libera per il territorio e la sua gente redazione@laltrogiornale.it


12

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

Il piacere di leggere

l’Altro giornale quando vuoi dove vuoi Ed è gratis! www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

13

LA PROVINCIA DI ANCONA

ELEZIONI

Possibili grandi cambiamenti L’importanza della partecipazione dei cittadini. A Jesi è intervenuto Massimo Rossi JESI Massimo Rossi, candidato alla Camera nella Regione Marche per Rivoluzione Civile – lista Ingroia, ha partecipato ieri sera ad un incontro pubblico a Jesi, presso Palazzo dei Convegni, alla presenza di oltre sessanta persone. Il candidato ha ricoperto importanti cariche amministrative, in quanto è stato sindaco di Grottammare (AP) e presidente della provincia di Ascoli Piceno e in entrambe le esperienze ha portato avanti l’obiettivo di far partecipare i cittadini alla gestione degli enti che ha amministrato. L’esponente di Rivoluzione Civile è inoltre tra i fondatori della Rete del Nuovo Municipio e da sempre è impegnato nella battaglia per l’acqua pubblica. La gestione dei beni comuni è stato uno degli argomenti principali che ha affrontato ieri sottolineando che: “il governo Monti e i suoi sostenitori, compreso il PD, hanno assestato dei colpi pesantissimi alle tante conquiste di civiltà fatte nei decenni precedenti, al punto che è aumentata notevolmente la precarietà, il tutto con la scusa che bisogna sempre e comunque assecondare il mercato. Ci hanno sempre raccontato che il mercato non si può governare, che bisogna che si gestisca da solo, non solo per quanto riguarda la finanza, ma anche a livello locale, come per esempio con la svendita di patrimoni immobiliari o con la costruzione di inceneritori. La

cosa che mi stupisce è come si faccia a non vedere che quello che abbiamo davanti è un fallimento”. Rispetto a un sistema economico che non si può sorreggere sul continuo consumo e sull’aumento della produzione, Rossi non si è limitato a contestare l’ideologia liberista, ma ha dimostrato anche riferendosi alle sue esperienze di amministratore, di avere una cultura di governo, volta al cambiamento del sistema socioeconomico, proprio grazie alla partecipazione della cittadinanza. “L’alternativa è l’unica speranza a questo modello sociale – ha continuato l’ex sindaco di Grottammare – richiamando alla partecipazione le persone, responsabilizzandole. Le dinamiche di partecipazione sono incompatibili con il mercato. Oggi ce lo dicono esplicitamente con la vicenda del referendum sull’acqua. Basta pensare a come la Hera sta coinvolgendo gli utenti con l’azionariato popolare, ma dietro c’è sempre la logica del profitto, perché per avere il rendimento, bisogna che quei clienti consumino più acqua. Bisogna dunque trovare l’alternativa al pensiero unico con battaglie coerenti, facendo dei progetti insieme, utilizzando le risorse del territorio, renderle produttive, compatibilmente con il rispetto dell’ambiente e con una partecipazione dal basso, mai calata dall’alto”. Coerente con quest’ottica secondo Massimo Rossi “Rivoluzione Civile non è un punto di arrivo, ma di partenza, perché dopo le elezioni

Cronista per un giorno

deve aprirsi ai territori su progetti e vertenze. Bisogna coniugare radicalità e progettualità. La radicalità nasce dalla progettualità. A Grottammare continua la pratica del bilancio partecipato e tutti gli anni tra settembre e novembre si svolgono molti momenti assembleari nei quali i cittadini, insieme agli amministratori, decidono come impiegare i soldi a disposizione del Comune per opere pubbliche, fini sociali, culturali, ecologici, ecc.” Infine il candidato ha voluto rivendicare, in controtendenza all’ideologia liberista radicata nella società che, rispetto a quello che sta succedendo nel mondo finanziario “non c’è alternativa al ruolo del pubblico. Se non è il pubblico a

Due immagini dell’incontro con Massimo Rossi a Jesi. In alto l’intervento del candidato marchigiano regolare il mercato e il lavoro chi lo fa l’industria? E con quale ricetta, se non quella del profitto? Ovviamente un pubblico che

dovrebbe essere trasparente e frutto di partecipazione, che si connetta sempre con la cittadinanza alla quale debba

periodicamente render conto del suo operato. Questo dovrà valere anche per gli eletti di Rivoluzione Civile”. Massimo Rossi ha criticato duramente il centro sinistra, per il fatto che ha rinunciato a proporre una visione alternativa a quella del libero mercato, puntando tutto sulla conquista del potere, sull’allargare al massimo il consenso per andare al governo. Invece, secondo Rossi, l’obiettivo deve essere quello di costruire insieme un’alternativa radicale non solo all’austerity ma al modello di sviluppo neoliberista che ci ha portato al disastro e che è oggettivamente insostenibile. Siamo 7 miliardi di persone al mondo, ci ricorda Rossi, in India circola 1 auto ogni 53 persone mentre in Italia abbiamo 2 auto ogni 3 persone, come possiamo pensare che si possa uscire dalla crisi mondiale incentivando un nuovo consumismo, facendo sì che gli italiani possano comprare la terza auto o il quarto televisore? La soluzione non è procedere ad ulteriori privatizzazioni, assoggettare i beni comuni al mercato o puntare tutto sulla ripartenza del consumismo. Dobbiamo riprogettare insieme una nuova mobilità, un nuovo modello di produzione e un nuovo e diverso consumo. E, conclude Rossi, i partiti devono essere funzionali al cambiamento della società e non alla riproduzione di se stessi. È sbagliato quindi cambiare per andare al governo, bisogna invece governare per cambiare il mondo.

Segnala ciò che non va nel tuo quartiere

Invia testi e foto a:

redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


14

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA PROVINCIA DI ANCONA

IL PROGETTO

LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

Un motore di aggregazione Si punta soprattutto su un piano creativo incentrato su studenti, aziende e soci del Made in Fabriano in cui coinvolgere i quattro atenei marchigiani e le scuole locali di DANIELE GATTUCCI FABRIANO Presentata nella sede del Consorzio UniFabriano, la timeline delle attività di Made in Fabriano Accademy. Nel 2013 questa importante realtà, presieduta da Urbano Urbani, si muoverà su un piano di azione che interesserà i giovani, le donne e come più volte evidenziato da Urbani “sull’ineluttabile urgenza di fare rete”. All’incontro hanno preso parte il presidente del comitato scientifico e rettore dell’Università di Camerino, Flavio Corradini, i rappresentanti del consiglio direttivo, esponenti della pubblica amministrazione e i soci fondatori e onorari del Made in Fabriano Academy. Sono stati

Leli, Urbani e Gentili durante l’incontro

il presidente e la segreteria generale del Sodalizio, composta da Alessandro Gentili e Giovanna Leli, a esporre le argomentazioni concernenti il programma cadenzato da appuntamenti, convegni, fiere, incontri istituzionali e commerciali. Altrettanto interessante la proposta sull’allargamento del brand che lega oltre 300 imprese, al territorio dei Comuni dell’Ambito “estrapolando tutte quelle eccellenze che caratterizzano la nostra area da pubblicizzate con forza e renderle attrattive dal punto di vista turistico, commerciale, imprenditoriale”. Stesso interesse e attenzione riservata “alla promozione della figura della

donna imprenditore, capace di creare preminenze nel campo dell’imprenditoria, della cultura, dell’arte, dello sport, del volontariato” muovendo dalla costituzione di un Comitato. Non certo secondario, neanche il disegno sulla “Young University. Piano creativo incentrato su studenti, aziende e soci del Made in Fabriano Academy in cui coinvolgere i quattro atenei marchigiani e le scuole di Fabriano, facendo leva sui potenziali spin off. Punti - è stato evidenziato - da sviluppare tra febbraio e ottobre, con un convegno finale di sintesi previsto per novembre – e ancora l’Academy vuol continuare ad essere un motore di aggregazione

reale e virtuale, difatti molto successo stanno dimostrando le nostre piattaforme di comunicazione: sito e social, ciò, senza dimenticare la promozione sul canale di Pinterest, dove abbiamo segmentato le aziende per settore, creando così una vetrina degli imprenditori del territorio e provocando curiosità e seguito a livello internazionale. L’entusiasmo è molto – ha concluso Urbani - nonostante le difficoltà del momento che può comunque costituire la leva per fare e ripartire, con idee nuove ma al tempo passione, sacrificio, dedizione, tutto questo è possibile solo attraverso la formula della coesione del territorio e sinergia dei saperi”.

Tra i protagonisti Orient-Express dei fratelli Anna e Lorenzo Marconi di Senigallia

El Carnevalò lungo le vie della città ANCONA Sfilerà la maschera più bella al grande corteo del Carnevale di Ancona, previsto per oggi. E’ quella ideata e realizzata dai fratelli Anna e Lorenzo Marconi che con la maschera “Alla ricerca del tempo perduto” si sono aggiudicati il primo premio al Carnevale di Venezia. Un riconoscimento ambitissimoquello ottenuto dal laboratorio di loro proprietà, OrienteXpress, da anni protagonista a El Carnevalò e di casa a Venezia, dove ha sbaragliato concorrenti da ogni parte del mondo, e non per la prima volta.

Altro ospite gettonato è Luna Park di Margherita Mantoni- Jesi, to a Venezia per la maschera più colorata. Anche questa creazione sarà presente alla grande sfilata del Carnevale dorico, organizzata per il sedicesimo anno dal Comune attraverso la Partecipazione democratica, per oggi, domenica 17 febbraio. A partire dalle ore 15,30 il corteo si snoderà da piazza della Repubblica lungo corso Garibaldi e fino a piazza Cavour. Parteciperanno i gruppi:: HORROR- Istituto Vanvitelli, Stracca, Angelini Sistema Moda,

Ancona; FANTASIA SOGNO e REALTA’ , S.Lorenzo in Campo; ORIENTEXPRESS di Anna e Lorenzo Marconi, Senigallia; LE MASCHERE DEL CASTELLO di Anna Lorenzetti, Camerata

Picena; FANTASIA di Giusy Bellagamba, Jesi; VALLE IN FESTA, Trodica di Morrovalle; LUNA PARK di Margherita Petric Mantoni, Jesi; LA CREAZIONI DI ARMANDA,

Senigallia; CAPORALES del Gruppo Renacer, Bolivia; PASOS DEL FUEGO dell’Agrupacion Balet Artistico, Perù; ALBA CARNAVAL, Alba Adriatica; COMPAGNIA SOLSTIZIO

DEL MEDITERRANEO, Pesaro. Ospite d’onore: BLOCO SAMBA REGGAE “MAO BRANCA” con “OBA DI BRASIL SHOW”

Chiedi di ricevere ogni mattina una copia gratuita sul tuo computer Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

15

LA PROVINCIA DI ANCONA

L’INIZIATIVA

DALLA CONFARTIGIANATO

Adesso c’è un Osservatorio che vigila su chi paga in ritardo Attivato uno strumento per monitorare l’applicazione della nuova normativa ANCONA I “cattivi” pagatori hanno i giorni contati. La Confartigianato ha attivato un Osservatorio per vigilare sull’applicazione della normativa entrata in vigore dal 1° gennaio, che fissa a 30 giorni il termine ultimo per saldare le fatture nelle transazioni commerciali tra PA e aziende private e tra le imprese stesse. Per accedere a questo strumento, è sufficiente cliccare il banner “30

giorni, non ti pagano?” sul sito istituzionale Confartigianato www.confartigianato.an.it e seguire le istruzioni presenti. Sono inoltre comprese molte informazioni utili sulla nuova normativa e il suo funzionamento, procedimenti burocratici, FAQ. Grazie all’Osservatorio messo in campo dalla Confartigianato gli imprenditori potranno segnalare i propri casi personali, denunciare

ritardi e mancate applicazioni della legge. Un’arma in più a difesa delle micro e piccole attività artigiane che a oggi lamentano più di ogni altra cosa l’assenza di liquidità nelle casse aziendali. Di forza ce n’è tanta, così come c’è tanta voglia di reagire alla crisi. Gli artigiani non si arrendono, di fronte alle difficoltà si ingegnano, innovano, resistono. Ma senza risorse a disposizione una azienda è condannata. Perché non

riesce più a far fronte ai costi dell’impresa: le spese per le materie prime, i salari del personale. Perché non è più in grado di onorare tasse e oneri fiscali. L’accesso al credito per molte è un miraggio e vengono richieste dalle Banche sempre più garanzie per accendere un prestito. Si resiste tagliando il più possibile sulle spese, si arriva ad attingere alle finanze familiari. Tanto lavoro, tanti sacrifici,

nessun euro in vista. I tempi di pagamento già geologici incrementano e molti imprenditori non vedono mai il dovuto. La nuova normativa entrata in vigore sarà l’àncora di salvezza per molte aziende e dovrà portare a pagamenti regolari, per sostenere il sistema economico. Ma deve essere ora puntualmente applicata, e Confartigianato con il suo Osservatorio vigilerà su questo.

Ad Ancona per la comunicazione di pubblica utilità

In funzione gli schermi di Infocity ANCONA Una rete di schermi che trasmettono comunicazioni di pubblica utilità in punti di attesa per i cittadini. E’ partito il progetto Infocity, nato dal vecchio e più oneroso Videometrourp, un sistema di video informativi collegati in rete per divulgare contenuti di interesse pubblico e informazioni utili per il cittadino. Per ora sono entrati in funzione gli schermi alla sala di attesa dell’Anagrafe e in quella della Gestione edilizia al quinto piano di palazzo del Popolo, nella sede di Anconaentrate alle Palombare e nella sala di aspetto di Conerobus in piazza Ugo Bassi. Di prossima attivazione, lo schermo nei locali abbonamenti di Conerobus in via Frediani.

Nei video vengono trasmesse notizie utili (bandi, scadenze, appuntamenti, opportunità e agevolazioni ecc) che possono essere accostate a filmati, immagini di eventi culturali, riproduzioni di locandine di mostre e convegni. Il sistema, data la facilità di aggiornamento e le collocazioni pubbliche, si presta anche per le informazioni di emergenza come maltempo, chiusura di strade, ordinanze ecc. Il progetto – pensato e gestito da un gruppo di lavoro dei settori Comunicazione e Innovazione coordinato dal direttore generale Caterina Grechi - si basa su nuovo sistema di creazione e gestione dei palinsesti open source, realizzato totalmente in house e a costo zero per l’Amministrazione, facile da

gestire e versatile sotto il punto di vista delle numerose possibilità di visualizzazione e quindi della

sua fruibilità. Offre inoltre, l’opportunità di diversificare i palinsesti e quindi

le notizie a seconda delle collocazioni degli schermi e i target da raggiungere e può essere esteso

coinvolgendo anche altri enti pubblici, altre sedi e sale di aspetto.

Chiedi di ricevere ogni mattina una copia gratuita sul tuo computer Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


16

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA PROVINCIA DI ANCONA

L’INCONTRO

OCCASIONE PER NUOVI PROGETTI

Tutti a studiare la frana Dal 19 febbraio i rappresentanti di trenta città europee arriveranno ad Ancona per discutere del cambiamento climatico. In programma tre giorni di meeting ANCONA Il 19-20-21 febbraio prossimi i rappresentanti di 30 città di costa europee saranno ad Ancona per discutere di cambiamento climatico ed in particolare per verificare come funziona il sistema di “Early Warning” relativo alla frana di Ancona. L’incontro è interamente finanziato dalla DG Clima (Direzione generale per l’Azione per il clima) nell’ambito del progetto CityAdapt. Appuntamenti del genere vengono organizzati in città europee che si stanno distinguendo per il lavoro svolto negli anni rispetto alla gestione degli eventi estremi. Ancona in questi ultimi tempi si è particolarmente contraddistinta per l’esperienza messa in campo

nello studio della frana e per lo sviluppo di una “strategia locale di adattamento”, che verrà ufficialmente licenziata e presentata il prossimo Aprile 2013. Tutto ciò, grazie al progetto ACT, “Adapting to Climate Change in Time” (www.actlife.eu ), avviato nel 2010, di cui Ancona è città capofila e che ha portato alla città ben 576.000 euro su un totale di 1.752.000 ripartiti con le città di Bullas (Spagna) e Patrasso (Grecia). Parallelamente sono stati allacciati rapporti anche con l’ ONU - UNISDR essendo il capoluogo dorico tra i primi in Italia a firmare la campagna mondiale sulle città Resilienti “My City is getting ready” http:/

/www.unisdr.org/campaign/ resilientcities/. In virtù di questi passaggi strategici e di quanto

concretamente realizzato in questi ultimi anni sul tema dell’adattamento e della gestione del rischio, l’Amministrazione è

stata inserita nel circuito delle città eccellenti, selezionata quale sede dove organizzare eventi strutturati come quello del 19, 20 e 21 febbraio tutti finanziati dalla Direzione generale per l’Azione per il clima, organismo della Comunità Europea. Nella tre giorni di meeting, che si terranno con visita alla zona frana e incontri nella sala dell’ex consiglio comunale, giungeranno in città i rappresentanti tecnici di trenta città europee di costa (Rotterdam, Barcellona, Zara, Gibilterra, Londra, Bullas, Patrasso, tra le più importanti) per confrontarsi con l’esperienza locale e capire quali strategie adottare di fronte agli effetti dei mutamenti climatici. Al meeting

di lavoro parteciperanno anche rappresentanti della DG Clima, dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, e altri soggetti del mondo della ricerca. La folta delegazione effettuerà inoltre una visita alla centrale operativa di monitoraggio e alla frana stessa, previsti anche momenti di studio e di confronto. L’appuntamento sarà un momento di incontro importante per costruire, insieme alle istituzioni Europee ed insieme ad altre città, in un’ottica di rete, nuovi progetti di riqualificazione e sviluppo territoriale, anche alla luce dei fondi di finanziamento europei che saranno destinati al tema del cambiamento climatico nella prossima programmazione comunitaria 2014– 2020. (r.t.)

Presentato ad Osimo, nella sede Astea, il progetto Leonardo. Tanti premi in palio

Educazione ambientale, le scuole si sfidano OSIMO Studenti a caccia di toner e cartucce esausti, per aiutare l’ambiente ma anche la propria scuola che potrà così aggiudicarsi i premi in palio. È il progetto Leonardo, che ha preso il via ieri ad Osimo presso la sede del Gruppo Astea con la presentazione agli istituti scolastici; un’iniziativa che mira a sensibilizzare i più giovani alla

sostenibilità ambientale e che coinvolge le scuole in una originale ‘raccolta punti’. Il Gruppo Astea ha aderito all’iniziativa promossa da EcoRecuperi srl e sta coinvolgendo le scuole, dalle materne fino alle superiori, nei comuni dove opera con i propri servizi di igiene ambientale: Osimo, Filottrano, Numana e Sirolo: “L’obiettivo è sensibilizzare le giovani

Cronista per un giorno

generazioni ad una cultura del recupero e riutilizzo dei rifiuti – spiega Giancarlo Mengoni, presidente di Astea spa -; siamo fortemente impegnati sul territorio nel passaggio da sistemi di smaltimento tradizionali a modalità di raccolta differenziata più rispettosi dell’ambiente ed in questo cambiamento è fondamentale trasmettere ai più giovani modelli di

comportamento corretti”. Gli istituti aderenti riceveranno un eco-box per raccogliere toner e cartucce consumati all’interno della scuola, ma anche e soprattutto quelli consumati nell’ambito familiare degli studenti. È così che i ragazzi, con il loro impegno, potranno far guadagnare alla propria scuola importanti attrezzature per le attività didattiche: a seconda dei

materiali raccolti, la scuola accumulerà punteggio e avrà diritto a diversi premi, da materiali semplici come carta e penne fino ad arrivare a pc, scanner, stampanti o videoproiettori. Toner e cartucce verranno periodicamente ritirati e destinati al recupero e alla rigenerazione. Le scuole aderenti potranno inoltre partecipare al concorso “Leonardo e vinci”, presentando

una nuova versione della copertina della brochure del progetto; oltre a veder pubblicato il proprio elaborato come nuova copertina, la scuola che presenterà il lavoro più originale verrà premiata con una postazione informatica completa. Per aderire al progetto Leonardo rivolgersi ad Astea chiamando il numero 071 7247483 o scrivendo alla casella info@asteaspa.it.

Segnala ciò che non va nel tuo quartiere

Invia testi e foto a:

redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

17

LA PROVINCIA DI ANCONA

L’APPUNTAMENTO

SULLA RIVIERA DEL CONERO

Cavalli, territorio e business Presentata la seconda edizione di Marche Endurance Lifestyle, evento che conferma la nostra regione come leader nel rapporto fra ambiente ed eccellenze del territorio MILANO Promozione del territorio, turismo, sport, business e incontri internazionali “legati” dal cavallo. Sono questi gli elementi vincenti di Marche Endurance Lifestyle, in programma dal 13 al 16 giugno nella Riviera del Conero e presentato l’altro giorno alla Bit di Milano nel corso di un talk show condotto da Luca Panerai e trasmesso in diretta su Class Horse Tv, al quale hanno preso parte il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, Gianluca Laliscia, amministratore unico di sistemaeventi.it e campione del mondo di endurance, Mohamed Salama, responsabile della comunicazione dell’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti in Italia, e la campionessa europea young rider in carica Mara Feola. L’evento terrà accese le luci della ribalta sulle sinergie Italia-Emirati Arabi Uniti e sulle Marche, grazie a una potenzialità espressa già in maniera tangibile nell’edizione dello scorso anno, che ha generato 5 milioni di euro di giro d’affari e richiamato 100.000 spettatori, facendo registrare nelle strutture ricettive una permanenza media stimata in 2.5 notti e un totale di circa 15.000 notti in alberghi a 4 e 3 stelle, residence e agriturismi. “Marche Endurance Lifestyle – ha detto il presidente Spacca – è uno dei focus della strategia regionale di valorizzazione del turismo, che la Regione considera come economia integrata che passa attraverso asset diversi, in cui ambiente, agricoltura, beni culturali, natura si integrano tra loro. E’ un evento che nasce da un’amicizia, quella delle Marche con il primo ministro e

vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, e con il ministro dell’Economia Al Mansouri. L’edizione 2012 ha prodotto risultati straordinari, non solo in termini di presenze turistiche ma anche dal punto di vista economico, grazie al Forum Italia-Eau e ai BtoB tra imprese italiane, marchigiane in particolare, ed emiratine. Proprio oggi sulla stampa è apparso un avviso di una società di Dubai interessata a investire nelle Marche, nel settore agroalimentare e sviluppare una strategia comune con un’impresa marchigiana. È solo l’ultimo esempio in ordine di tempo. E’ forte, infatti, la componente economica dell’evento. Nell’edizione 2012 sono nate diverse ipotesi di collaborazione tra imprese marchigiane e degli Emirati Arabi Uniti, ipotesi che si stanno coltivando con grande concretezza. Turismo, energia, agroalimentare, manifatturiero, i settori di interesse, sui quali sono

già nate sinergie. Del resto Dubai rappresenta una straordinaria piattaforma logistica non solo verso la Russia e l’Oriente, ma anche verso l’Africa”. Accanto all’amicizia, la passione. “E’ questo un altro elemento di forza che ha contribuito alla nascita di Marche Endurance Lifestyle – ha aggiunto Spacca – La grande passione per il cavallo e per la natura, che accomuna tutti coloro che partecipano all’evento. La regione è pronta per Marche Endurance Lifestyle. Aspettiamo tutti i partecipanti con l’affetto di sempre, con le nostre bellezze paesaggistiche e il calore della gente. Tutte qualità che sono state apprezzate in modo straordinario nella prima edizione”. “L’Italia è conosciuta oggi come il Paese dalla scarsa continuità – ha proseguito Gianluca Laliscia, amministratore unico di sistemaeventi.it – ma questo evento ha fortunatamente intrapreso nelle Marche un percorso a lungo termine, in cui la parola d’ordine è futuro; senza

continuità è impossibile avere risultati di rilievo. Prendendo a prestito un’immagine dell’endurance, possiamo dire che con l’edizione 2012 della manifestazione abbiamo compiuto il primo giro del percorso, ma la nostra intenzione è quella di terminare questa gara con successo. Proseguiamo quindi il nostro cammino con la consapevolezza che le Marche sono una regione fantastica che ha saputo metabolizzare l’evento, ma altrettanto importante è stato vedere come un paese così lontano come gli Emirati Arabi Uniti abbia

apprezzato la cultura dell’accoglienza tipicamente italiana”. QUESTO IL PROGRAMMA DI MARCHE ENDURANCE LIFESTYLE La “pagina” sportiva di Marche Endurance Lifestyle verrà scritta dalla Conero Endurance Cup, in programma sabato 15 giugno e che venne vinta lo scorso anno da Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, vice presidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai. La gara vedrà sfidarsi cavalieri di tutto il mondo su un percorso

interamente ricavato all’interno del Parco regionale del Conero. Due le prove previste, una sui 120 e una sui 90 chilometri, per esaltare al meglio il concetto di “maratona a cavallo” che l’endurance riesce a esprimere, grazie anche all’affascinante e stupenda simbiosi di cui sono capaci cavallo e cavaliere. Altrettanto aperta al mondo sarà la parte relativa al business e alla cultura. Al contatto e alla condivisione di idee e progetti su scala internazionale sarà dedicato il Forum Economico Internazionale che presenterà concrete possibilità di investimento in Italia per gli imprenditori di Emirati Arabi Uniti. Allo scambio culturale sarà invece dedicato il convegno “Voci di Donne Arabe”, momento di incontro e dialogo tra esponenti del mondo imprenditoriale, culturale e sociale italiano ed emiratino. L’evento avrà il proprio quartier generale al Villaggio Internazionale che sorgerà sul lungomare di Marcelli di Numana, ma avrà il pregio di rivelarsi anche in altre location, fra le più importanti e suggestive delle Marche, proprio per comunicare il suo carattere di appuntamento globale e aggregante. Anche il Villaggio Internazionale, come del resto tutto Marche Endurance Lifestyle, diverrà un elemento d’incontro: sarà il luogo dove i bambini potranno scoprire il fascino dei cavalli e dove le famiglie, con l’Adriatico e il Conero a fare da scenari esclusivi, potranno trascorrere giornate all’aria aperta entrando a contatto con un mondo speciale come quello del cavallo.

Chiedi di ricevere ogni mattina una copia gratuita sul tuo computer Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


18

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale IL TUO QUOTIDIANO ONLINE

Le notizie quando vuoi dove vuoi come vuoi www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

19

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

SICUREZZA

Svaligiate altre due abitazioni Ladri in azione a Marina di Montemarciano e Montignano. Indagano i carabinieri Un tunisino di 43 anni arrestato a Barbara per furto di energia elettrica Individuato il responsabile del colpo commesso all’interno del ristorante l’Ancora SENIGALLIA La crisi economica sempre più pesante porta, inevitabilmente, ad una recrudescenza dei reati. E nel Senigalliese i carabinieri sono ormai costretti continuamente a ricevere le segnalazioni di furti attuati all’interno delle abitazioni. A Marina di Montemarciano, in Via delle Betulle, ignoti, approfittando dell’assenza dei proprietari, dopo aver forzato una porta finestra, si sono introdotti in una abitazione, asportando alcuni monili. Nella circostanza, i Carabinieri della Compagnia di Senigallia non hanno potuto effettuare i rilievi dattiloscopici poiché, nel frattempo, i proprietari avevano già rimesso in ordine l’abitazione messa a soqquadro dai malviventi. E a Senigallia, per l’esattezza nella frazione di Montignano, in Via Caprera, ignoti, approfittando dell’assenza dei proprietari,

dopo aver forzato una porta finestra, si sono introdotti, anche in questo caso, all’interno di una abitazione e dopo aver manomesso una cassetta di sicurezza, hanno asportato alcuni monili. Neanche qui i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno rinvenuto impronte digitali. Gli stessi carabinieri di Senigallia sono invece riusciti a dare un nome ed un volto a chi, dopo essersi introdotto all’interno del ristorante l’Ancora, sul lungomare Marconi, aveva commesso un furto. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità giudiziaria competente. Approfittando della chiusura del ristorante il malavitoso, dopo aver forzato la porta d’ingresso, si era introdotto in quei locali, asportando un computer portatile ed altri effetti. Nella circostanza, i Carabinieri della Compagnia di Senigallia

Il tunisino Mehdi Bounouara e un equipaggio dei carabinieri in servizio hanno potuto immediatamente visionare le immagini del circuito di videosorveglianza e, dopo poche ore, hanno riconosciuto, senza ombra di dubbio, il malvivente. Diramate subito le ricerche dell’uomo, si è appurato che questi si è allontanato da Senigallia abbandonando anche i giacigli che aveva precedentemente costruito, con cartoni e pezzi di legno, per

sottrarsi alle intemperie climatiche invernali. E’ plausibile ritenere che l’uomo si sia allontanato per vendere altrove gli oggetti rubati. Comunque, l’autore del furto, identificato in J. M., classe 1983, tunisino, è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria competente. I carabinieri di Ostra Vetere hanno invece arrestato, in

flagranza di reato per furto di energia elettrica, un altro tunisino. L’arresto è stato attuato nel primo pomeriggio di ieri a Barbara dove i carabinieri di Ostra Vetere hanno sorpreso l’uomo mentre sottraeva energia elettrica dall’impianto di una vicina di casa. L’arrestato è il cittadino tunisino Mehdi Bounouara, classe 1969, residente appunto a Barbara,

regolare sul territorio nazionale. Questi, secondo quanto comprovato dalle preliminari attività di accertamento, da 15 giorni aveva collegato l’impianto di alimentazione elettrica della propria abitazione, tramite un cavo, ad una fonte di alimentazione di corrente elettrica situata all’interno del garage di proprietà di una vicina, arrecandole, nella circostanza, un considerevole danno economico. L’arrestato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente, immediatamente informata dai militarii, ed espletate tutte le necessarie formalità di rito, veniva tradotto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Senigallia in attesa di essere condotto, domani mattina, innanzi al Tribunale di Ancona per essere sottoposto al rito per direttissima.

A Marotta arrestati due romeni Sorpresi dai carabinieri mentre rovistavano nei cassetti di un appartamento MAROTTA Due romeni sono stati bloccati dai carabinieri di Marotta all’interno di un appartamento dove stavano rovistando nei cassetti alla ricerca di denato e oggetti d’oro. I due,

con precedenti specifici, sono subito stati accompagnati nella locale caserma ed arrestati per tentato furto. I due, un uomo di 45 anni ed un ragazzo di 24, erano stati notati

poco prima da un cittadino mentre stavano cercando di forzare la porta d’ingresso di un’abitazione. Prontamente l’uomo aveva segnalato la cosa ai carabinieri della stazione di Marotta che

intervenivano sul posto sorprendendo la coppia all’interno dell’abitazione, mentre stavano ancora rovistando nei cassetti alla ricerca appunto di denaro e oggetti d’oro. I due

romeni sono stati giudicati con rito direttissimo dai giudici del Tribunale di Pesaro e condannati a nove mesi di carcere ciascuno per tentato furto aggravato. Il problema dei furti è ormai

all’ordine del giorno ovunque. Ed anche per questo è necessaria la collaborazione di tutti i cittadini che dovrebbero segnalare ai carabinieri tutto ciò che di anomalo notato nei loro quartieri.

l’Altro giornale La tua copia gratis dove vuoi tu quotidiano online di informazione attualità e cultura www.laltrogiornale.it Anno 1 Domenica 17 Febbraio 2013 Numero 15 Direttore responsabile: Elpidio Stortini Redazione Via Cesanense n. 50/A - Marotta (Pu) Telefono: 338.7899882 e-mail: redazione@laltrogiornale.it Editore Marche free press Via Cesanense n. 50/A - Marotta (Pu) Telefono: 338.7899882 e-mail: marchefreepress@laltrogiornale.it

l’Altro giornale è stato registrato presso il Tribunale di Pesaro in data 7 gennaio 2013 con numero 01/2013

Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


20

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

L’AGENDA DI SENIGALLIA Municipio: Piazza Roma, 8 Tel: 071.66291 - 071.6629311 Fax: 071.6629377 www.comune.senigallia.an.it sindaco@comune.senigallia.an.it segreteria.sindaco@comune.senigallia.an.it Ufficio relazioni con il pubblico Tel: 800.211.537 – 071.6629328 relazioni.pubbliche@comune.senigallia.an.it Biblioteca comunale Antonelliana Tel: 071.6629302 biblioteca@comune.senigallia.an.it Biblioteca Luca Orciari Marzocca Tel: 071.698046 Servizio verde ambiente Tel: 071.6629216 – 071.6629285 Servizio rifiuti ingombranti Tel: 071.63990 Segnalazione guasti Enel Tel: 803.500 Ufficio Iat: Via Manni, 7 Tel: 071.7922725 iat.senigallia@provincia.ancona.it Infocittà: Via Manni, 7 Tel: 071.6629328 infosenigallia@comune.senigallia.an.it Associazione Alberghi e Turismo Tel: 071.65343

Polizia di Stato : 113 Carabinieri: 112 Vigili del fuoco: 115 Guardia di finanza: 117 Corpo forestale: 1515

Emergenza sanitaria: 118 Viaggiare informati: 1518 Telefono azzurro: 19696 Antiviolenza donna: 1522 Soccorso Aci: 116 Soccorso in mare: 1530

INFORMAZIONI TURISTICHE Ancona / Sistema museale della Provincia Tel: 800.439.392 Ancona / Turismo Regione Marche Tel: 800.222.111 Ancona / Museo archeologico delle Marche Tel: 071.202602 Castelfidardo / Museo della fisarmonica Tel: 071.7808288 accordionsmuseum@tiscali.it Castelfidardo / Museo del Risorgimento Tel: 071.7206592 castelfidardo@italianostra.org Castelleone di Suasa / Parco archeologico Tel: 071.966524

Fabriano / Museo della carta Tel: 0732.709297 Genga / Grotte di Frasassi Tel: 0732.90090 Jesi / Pinacoteca comunale Tel: 0731.538342 – 0731.538343 Loreto / Basilica della Santa Casa Tel: 071.750561 Numana / Antiquarium statale Tel: 071.9331162 Pergola / Museo dei Bronzi dorati Tel: 0721.734090 – 0721.7373271 Recanati / Casa natale di Giacomo Leopardi Tel: 071.7573380

info@assalbesenigallia.it info@senigalliahotels.com www.senigalliahotels.com Asshotel Confesercenti Tel: 071.60174 Fax: 071.60170 senigallia.confesercentimarche@gmail.com Assindustria Ancona Tel: 071.2904850 amb-ter@assindan.it Assocamping Confesercenti Tel: 071.60174 Fax: 071.60170 senigallia.confesercentimarche@gmail.com Union Camping Tel: 071.2291335 Pro Loco Tel: 333.4769657 www.prolocosenigallia.it info@prolocosenigallia.it Ospedale Tel: 071.79091 (centralino) Stazione ferroviaria Tel: 071.64313 Aeroporto delle Marche Falconara Tel: 071.28271 Bus Tel: 071.7922737

Taxi Tel: 071.64946 Ufficio postale Tel: 071.7918011 Ufficio postale Marzocca Tel: 071.7990136 Protezione civile Tel: 071.6629386 Croce Rossa Tel: 071.64354 – 071.65632 Commissariato di polizia Tel: 071.791061 Polizia stradale Tel: 071.7930118 Carabinieri Tel: 071.662900 Carabinieri Marzocca Tel: 071.69025 Guardia di finanza Tel: 071.60633 Vigili del fuoco Tel: 071.7922124 Ufficio locale marittimo Tel: 071.64780 Polizia municipale: Piazza Garibaldi, 1 Tel: 071.6629288 Polizia municipale Marzocca Tel: 071.7990108

LE FARMACIE

San Marcello / Museo del telefono Tel: 0731.267014 museidascoprire@libero.it Serra dé Conti / Museo arti monastiche Tel: 0731.871711 Tolentino / Basilica di San Nicola Tel: 0733.976311 www.sannicoladatolentino.it agostiniani@sannicoladatolentino.it Urbino / Palazzo Ducale Tel: 0722.322625 Urbino / Terre ducali Tel: 0721.371304 www.cbterreducali.it

Avitabile Andrea - Via Capanna, 58 – Tel: 071.7924542 - 071.4608039 Comunale 1 Senigallia - Largo Puccini, 5 – Tel: 071.60021 Comunale 2 Senigallia - Piazzale Michelangelo, 10 – Tel: 071.6610116 Domenici Robertucci Giuseppina - Via R. Sanzio, 248 – Tel: 071.7923476 Filippini Silvia Carotti - Via Piave, 1 – Tel: 071.64223 Fulvi Marco - Via Po, 119 – Tel: 071.7920685 Guidi Mattutini - Via Garibaldi, 5 - Marzocca - Tel: 071.69100 Landi Loretta - Via Copernico, 46 – Tel: 071.698372 Manocchi Francesca - Piazza Roma, 13 – Tel: 071.60197 Paolucci Francesca - Via Cavour, 8 – Tel: 071.659754 Pichi Maria Vittoria - Corso II Giugno, 40 – Tel: 071.60819 Succursale estiva - Lungomare Alighieri, 63 – Tel: 071.63607 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------OGGI E’ DI TURNO: Landi Loretta - Via Copernico, 46 – Tel: 071.698372

MUSEI & MONUMENTI Museo di arte moderna e dell’informazione Via Pisacane Tel: 071.60424 www.musinf.it info@musinf.it Museo di storia della mezzadria Sergio Anselmi Strada comunale delle Grazie, 2 Tel: 071.7923127

Fax: 071.7927684 m.storiamezzadria@libero.it Museo Pio IX Via Mastai, 14 Tel: 071.60649 palazzomastai@pionono.it beni.culturali@comune.senigallia.an.it Pinacoteca di arte sacra Piazza Garibaldi, 3 Tel: 071.65758

diocesi@senigallia.chiesacattolica.it beni.culturali@comune.senigallia.an.it Area archeologica La Fenice Viale Leopardi Tel. 071.6629203 Rocca Roveresca Piazza del Duca Tel: 071.63258 beni.culturali@comune.senigallia.an.it roccaroveresca.senigallia@beniculturali.it

Chiesa della Croce Via Gherardi Tel: 071.64977 Palazzetto Baviera Piazza del Duca Tel: 071. 6629266 beni.culturali@comune.senigallia.an.it Palazzo del Duca Piazza del Duca Tel: 071.6629348

Chiedi la tua copia gratuita

a info@laltrogiornale.it Ti sarà inviata ogni mattina redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

21

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

LO SCONTRO

L’IDEA DI OSCURARE L’ARENILE

Da “Spiaggia di Velluto” a “Spiaggia senza Sole” Presa di posizione dei consiglieri comunali Rebecchini, Battisti e Mancini dopo la proposta della Giunta presentata dall’assessore all’Urbanistica Ceresoni SENIGALLIA Decisa presa di posizione dei consiglieri comunali Luigi Rebecchini, Paolo Battisti e Roberto Mancini nei confronti del sindaco Maurizio Mangialardi e dell’assessore all’Urbanistica Simone Ceresoni dopo la loro ... idea di “oscurare” l’arenile. “Secondo la proposta di Giunta presentata dall’assessore Ceresoni in Commissione Urbanistica, qualora la variante in discussione venisse votata in Consiglio Comunale, la maggioranza degli alberghi di Senigallia potrà ergersi fino a 26 metri di altezza e, quindi, svilupparsi fino a otto piani (un metro e mezzo più alti del Senbhothel)! “Capite bene - affermano i tre consiglieri comunali - che il cono d’ombra degli Hotel a ridosso del mare, che si proietterà sulla

spiaggia, sarà tale che in alcune ore del pomeriggio, in molte parti, l’arenile rimarrà senza Sole. “Abbiamo rilevato in commissione che la caratteristica del lungomare della nostra città è di avere tantissime strutture ricettive quasi a ridosso della spiaggia e che l’altezza degli stessi è mediamente contenuta. Questo favorisce una percezione gradevole del paesaggio e da alcuni punti del lungomare è oggi possibile anche godere delle colline attorno la città, gli stessi alberghi non diventano barriera verso la città. Un lungomare a misura d’uomo che si integra con la dolcezza dei nostri luoghi. “Noi pensiamo che se dovesse andare in porto la proposta della giunta, il danno alla “Spiaggia di Velluto” sarebbe gravissimo e irreparabile. Cambierebbe la vita e il godimento della spiaggia

stessa, cambierebbe il microclima, con spiaggia all’ombra ben prima del tramonto e nel contempo devastazione del paesaggio. “Ci stiamo battendo in commissione a che questa assurda proposta non arrivi in consiglio per l’approvazione con la

formulazione attuale. Crediamo che i cittadini, le imprese balneari e gli stessi operatori alberghieri avrebbero ripercussioni assai negative nel caso dovesse invece prevalere la proposta presentata. Capiamo bene che bisogna favorire opere di risanamento e ristrutturazione di molti alberghi cittadini (anche in alcuni casi con abbattimento e ricostruzione), capiamo bene che per molti alberghi è necessario aumentare lo standard di funzionalità e confort, ma altra cosa è stravolgere la vivibilità del lungomare e della spiaggia. “Adesso aspettiamo l’esito della VAS, la valutazione ambientale strategica, augurandoci di avere un serio e rigoroso esame della situazione, auspicando che quanto da noi richiesto in commissione venga realmente esaminato con scrupolo e venga

recepito. “In ogni caso la proposta della giunta rimane assolutamente irricevibile per come è stata confezionata; un progetto che deve essere profondamente modificato anche perche è in contraddizione con altre recenti scelte. Per l’ Hotel Marche, di proprietà pubblica (è ancora in vendita), solo alcuni mesi fa è stata prevista un’ altezza massima di 18 metri. “Quello che noi proponiamo è la elaborazione di un progetto assai diverso, un progetto unitario per la ristrutturazione del lungomare che prenda in esame gli Hotel, il manto stradale, la pedonalizzazione, la pista ciclabile, i marciapiedi, il muretto parasabbia, l’illuminazione, gli alberi ecc., che veramente sia in grado di rivoluzionare, appena ce ne saranno le possibilità, in senso

propositivo e costruttivo la zona forse più strategica della città dal punto di vista economico (insieme al centro storico). Un progetto che sappia guardare in maniera lungimirante e unitaria al lungomare e non una deleteria toppa (quella che propone l’amministrazione) senza costrutto e con quasi nulle possibilità di riuscita. “Sappiamo bene che tali progetti non sono attuabili in questo momento, ma compito di una amministrazione, anche in tempi di crisi - concludono i consiglieri comunali Luigi Rebecchini, Paolo Battisti e Roberto Mancini -, è quello di dare delle risposte a medio-lungo periodo. Non possiamo e non dobbiamo mettere a rischio, attraverso scelte disarticolate, la voce più attiva dell’economia cittadina, che è il turismo”.

l’Altro giornale quotidiano online

L’informazione per il territorio e la sua gente

www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


22

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

L’AGENDA DELLA VALLE DEL MISA ARCEVIA Municipio: Corso Mazzini, 67 Tel: 0731.98991 Fax: 0731.9899226 www.arceviaweb.it info@arceviaweb.it Presidio sanitario Tel: 0731.9215 – 0731.9243 Ufficio turistico Tel: 0731.984561 Informagiovani Tel: 0731.984561 Biblioteca comunale Tel: 0731.984561 Pro Loco Tel: 0731.9127 www.prolocoarcevia.it info@prolocoarcevia.it Amici di Piticchio www.piticchio.it info@piticchio.it Museo archeologico Tel: 0731.9622 Raccolta di San Medardo Tel: 0731.9444 donsergiozandri@alice.it Raccolta di arte contemporanea Tel: 0731.984561 Carabinieri Tel: 0731.9227 – 0731.97262 Vigili del fuoco Tel: 0731.984526 Corpo forestale Tel: 0731.9291 Polizia municipale Tel: 0731.9899212 – 333.2767739 BARBARA Municipio: Via Castello, 4 Tel: 071.9674212 Fax: 071.9674065 www.comune.barbara.an.it protocollo@comune.barbara.an.it Pro Loco Tel: 335.6357786 proloco-barbara@libero.it Raccolta d’arte Tel: 071.9674213 Ufficio postale Tel: 071.9674674 Carabinieri Tel: 071.964332 BELVEDERE OSTRENSE Municipio: Corso Barchiesi, 22 Tel: 0731.617003 – 0731.617004 www.comune.belvedere.an.it Unione dei Comuni Tel: 0731.267022 Ufficio postale Tel: 0731.62288 Guardia medica Tel: 0731.267028 – 335.340886 Pro Loco Tel: 0731.617005 Museo dell’immagine postale

Tel: 0731.617003 Fax: 0731.617005 comune.belvedereostrense@regione.marche.it Carabinieri Tel: 0731.62016 – 0731.62966 Polizia municipale Tel: 0731.267022 – 338.8565034 CASTEL COLONNA Municipio: Piazza Leopardi, 3 Tel: 071.7957120 Fax: 071.7959567 www.comune.castel-colonna.an.it comune.castelcolonna@provincia.ancona.it Ludoteca Tel: 071.7958508 Ufficio postale Tel: 071.7958035 Discarica Tel: 071.7958301 Carabinieri Tel: 071.7957129 Polizia municipale Tel: 071.7957135 CASTELLEONE DI SUASA Municipio: Piazza Principe di Suasa, 7 Tel: 071.966113 Fax: 071.966010 comune@castelleone.disuasa.it www.castelleone.disuasa.it Biblioteca comunale Tel: 071.966120 – 071.966113 Pro Loco Tel: 071.966770 www.prosuasa.it Consorzio Città romana di Suasa Tel: 071.966524 www.consorziosuasa.it Archeoclub Tel: 071.966048 Carabinieri Tel: 071.964332 Polizia municipale Tel: 071.966113 CORINALDO Municipio: Via del Corso, 9 Tel: 071.67782 Fax: 071.7978042 www.corinaldo.it comune.corinaldo@provincia.ancona.it Ufficio Turistico Tel: 071.67782 iat1@corinaldo.it Museo del costume Tel: 071.679043 Raccolta d’arte Claudio Ridolfi Tel: 071.679047 Biblioteca comunale Tel: 071.7976356 Pro Loco Tel: 071.679047 www.procorinaldo.it info@procorinaldo.it Carabinieri Tel: 071.67038 – 071.7976074

Polizia municipale Tel: 338.7195704 – 368.7471697 GENGA Municipio: Via Filippo Corridoni Tel: 0732.973014 Fax: 0732.973344 www.comunedigenga.it comune.genga@provincia.ancona.it Ufficio Turismo Tel: 0732.973014 www.turismo.comunedigenga.it info@turismo.comunedigenga.it Grotte di Frasassi Tel. 0732.90090- 0732.90080 www.frasassi.com grotte@frasassi.com Museo speleopaleontologico Tel: 0732.90241 Pro Loco Tel: 329.2611871 prolocogenga@gmail.com Carabinieri Tel: 0732.973015 – 0732.973349 Polizia municipale Tel: 0732.973297 MONTECAROTTO Municipio: Via Guglielmo Marconi, 11 Tel: 0731.89131 – 0731.89440 Fax: 0731.899046 www.comune.montecarotto.an.it info@comune.montecarotto.an.it Ufficio turistico Tel: 0731.89713 Biblioteca comunale Tel: 0731.889024 bibliotecamontecarotto@virgilio.it Ufficio postale Tel: 0731.899083 Pro Loco Tel: 0731.89305 proloco.montecarotto@libero.it Carabinieri Tel: 0731.89130 Polizia municipale Tel: 0731.703712 MONTEMARCIANO Municipio: Via Umberto I, 20 Tel: 071.9163310 Fax: 071. www.comune.montemarciano.ancona.it Biblioteca comunale Tel: 071.9158557 Pro Loco Tel: 071.9158813 prolocomontemarciano@libero.it Carabinieri Tel: 071.91501 – 071.9158867 Polizia municipale Tel: 071.9163372 MONTERADO Municipio: Piazza Roma 23 Tel: 071.7957135 Fax: 071.7957977 comune.monterado@provincia.ancona.it

www.comune.monterado.an.it Carabinieri Tel: 071.7957129 Polizia municipale Tel: 071.7957135 pm.monterado@provincia.ancona.it MONTE SAN VITO Municipio: Via Giacomo Matteotti, 2 Tel: 071.7489321 Fax: 071.7489334 www.comune.montesanvito.an.it info@comune.montesanvito.an.it Biblioteca comunale Tel: 071.7489335 Ufficio turistico Tel: 071.7489337 ufficioturistico@comune.montesanvito.an.it Teatro La Fortuna Tel: 071.7489100 Carabinieri Tel: 071.740014 Polizia municipale Tel: 071.7489303 poliziamunicipale@comune.montesanvito.an.it MORRO D’ALBA Municipio: Piazza Romagnoli, 6 Tel: 0731.63013 – 0731.63000 Fax: 0731.63043 comune@comune.morrodalba.an.it www.comune.morrodalba.an.it Pro Loco www.promorro.it prolocomorrodalba@libero.it Museo della cultura mezzadrile Tel. 0731.63824 Archeoclub Tel: 0731.63050 Carabinieri Tel: 0731.63014 Polizia municipale Tel: 0731.267022 OSTRA Municipio: Piazza dei Martiri, 5 Tel: 071.7980606 Fax: 071.7989776 www.comune.ostra.an.it comune@comune.ostra.an.it Informazioni turistiche Tel: 071.7989080 Pinacoteca comunale Tel: 071.68343 Ufficio postale Tel: 071-.7980325 – 071.688336 Pro Loco Tel: 071.7989080 proloco.ostra@libero.it Croce Verde Tel: 071.7980220 Carabinieri Tel: 071.68053 Polizia municipale Tel: 071.7989890 OSTRA VETERE Municipio: Piazza Don Minzoni, 1

Tel: 071.965053 Fax: 071.964352 www.comune.ostravetere.an.it comune.ostravetere@provincia.ancona.it urp.ostravetere@provincia.ancona.it Museo civico parrocchiale Tel: 071.964369 seg.ostravetere@provincia.ancona.it Carabinieri Tel: 071.964332 Polizia municipale Tel: 071.965053 RIPE Municipio: Via Castello, 1 Tel: 071.7959201 Fax: 071.7958454 www.comune.ripe.an.it commune@comune.ripe.an.it Biblioteca comunale Tel: 071.7958633 Pro Loco Tel: 071.7959019 proloco.ripe@virgilio.it Carabinieri Tel: 071.7957129 Polizia municipale Tel: 071.7959212 SASSOFERRATO Municipio:Piazza Giacomo Matteotti, 1 Tel: 0732.9561 Fax: 0732.956234 www.comune.sassoferrato.an.it info@comune.sassoferrato.an.it Pro Loco Tel: 0732.970084 Museo archeologico Tel: 0732.956231 info@comune.sassoferrato.an.it Museo delle tradizioni popolari Tel: 0732.9561 Raccolta incisori marchigiani Tel: 0732.956231 Carabinieri Tel: 0732.959386 – 0732.959394 Polizia municipale Tel: 0732.956227 SERRA DE’ CONTI Municipio: Via Guglielmo Marconi, 6 Tel: 0731.871711 Fax: 0731.879290 info@comune.serradeconti.an.it www.comune.serradeconti.an.it Pro Loco Tel: 333.8362056 www.proserradeconti.it info@proserradeconti.it Museo delle arti monastiche Tel: 0731.871711 – 0731.871739 www.museoartimonastiche.it info@museoartimonastiche.it Carabinieri Tel: 0731.879264 Polizia municipale Tel: 0731.871732

LE FARMACIE ARCEVIA Comunale: Corso Mazzini, 54 Tel: 0731.9105 Pagliarini: Corso Mazzini, 25 Tel: 0731.9106 Bossi: Frazione Piticchio, 271 Tel: 0731.981021 BARBARA Comunale: Via Castello, 4 Tel: 071.9674222 BELVEDERE OSTRENSE

Rotoloni: Via Brutti, 15 Tel: 0731.62034 CASTEL COLONNA Martinelli: Via Croce, 43 Tel: 071.7957831 CASTELLEONE DI SUASA Comunale: P. Principe di Suasa, 6 Tel: 071.966282 CORINALDO Comunale: Viale della Vittoria Tel: 071.67782

Verdenelli: Via del Corso, 55 Tel: 071.67118 GENGA Gatti: Via Marconi, 25 Tel: 0732.90007 MONTECAROTTO Tentelli: Piazza della Vittoria, 8 Tel: 0731.89156 MONTEMARCIANO Bartolini: Piazza Aldo Moro Tel: 071.915025

Severini Cesaroni: Via Adriatica Tel: 071.9198614 MONTERADO Piccioni: Via Valcesano, 1 Tel: 071.7950030 MONTE SAN VITO Cianca: Via Selva, 52 Tel: 071.740016 MORRO D’ALBA Vannini: Via Roma, 55 Tel: 0731.63015

redazione@laltrogiornale.it

OSTRA Bignardi: Corso Mazzini, 51 Tel: 071.68065 Cioci: Via Gramsci, 65 Tel: 071.68039 OSTRA VETERE Burzacca: Via Mazzini, 7 Tel: 071.965954 RIPE Benigni: Viale Umberto I Tel: 071.7957410

SASSOFERRATO Cabernardi: Via Croce, 2 Tel: 0732.975209 Comunale: Via Battisti, 14 Tel: 0732.959930 Vianelli: Via Mazzini, 7 Tel: 0732.9288 SERRA DE’ CONTI Del Corso: Piazza Leopardi, 2 Tel: 0731.870306


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

23

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

L’ACCUSA

UNA QUESTIONE DA RISOLVERE

Palestre troppo care, chiesto un vertice in Commissione Sport Il consigliere comunale Paradisi chiama in causa la Provincia e sollecita un confronto con il commissario straordinario Patrizia Casagrande e con il dirigente Meri Mengoni SENIGALLIA Il consigliere comunale del Coordinamento Civico, Roberto Paradisi, con una lettera inviata al presidente della Commissione Sport e al presidente del Consiglio comunale, ha chiesto la convocazione della Commissione Sport, alla presenza del dirigente della Provincia dottoressa Meri Mengoni e del commissario straordinario Patrizia Casagrande. La decisione è stata presa dopo l’aumento, con delibera della Provincia, dei costi per l’uso delle palestre, da parte delle società sportive. Un aumento che rischia di mettere pesantemente in difficoltà le stesse società sportive senigalliesi. Premesso che “con sorprendente deliberazione del Commissario Straordinario Patrizia Casagrande, la Provincia di Ancona, con delibera 195 del

21.12.2012 - scrive Roberto Paradisi -, ha di fatto inferto un colpo mortale all’associazionismo sportivo, con ripercussioni in tutta la Provincia che saranno devastanti per lo sport dilettantistico. Infatti la delibera 195 del 2012, con effetto dal primo gennaio 2013 (fatti salvi i contratti di convenzione già sottoscritti per la stagione sportiva 2012-2013), stabilisce un aumento esponenziale e insostenibile delle tariffe orarie delle palestra pari mediamente a tre volte di più per le associazioni sportive dilettantistiche e a 4 o 5 volte di più per i privati e associazioni sportive professionistiche. Una delibera “sporticida” che avrà l’effetto immediato di costringere le associazioni o a raddoppiare le quote per i corsi a carico delle famiglie o a rinunciare

Roberto Paradisi a svolgere attività sportivoagonistica. Solo per fare alcuni esempi: la palestra del Classico “Rinaldini” di Ancona passerà da una tariffa per le associazioni sportive di 4,96 euro all’ora attuali (più custode) a 12 euro all’ora (più

custode). La palestra delle scuole Magistrali di Senigallia passerà da cinque euro all’ora oltre il costo del custode alla tariffa di 11 euro all’ora oltre il custode. Stessa proporzione di aumento esponenziale per le palestra del Liceo Classico “Perticari” di Senigallia, del liceo Scientifico “Medi”, dell’Istituto “Corinaldesi” (che arriverà addirittura a 18 euro all’ora!), dell’Istituto “Panzini” (stessa tariffa stratosferica). La palestra del liceo “Cambi” di Falconara da 6,44 euro a 14 euro all’ora più il custode. La palestra dell’Istituto Tecnico “Morea” di Fabriano da 10 euro a 26 euro all’ora più il custode. Identica maggiorazione per la palestra dell’Istituto tecnico “Cuppari” di Ancona. La musica non cambia a Loreto, a Osimo, a Monteroberto e in tutte le altre palestre gestite dalla

Provincia. Addirittura inaccessibile la palestra per i soggetti privati con costi da capogiro. Dopo aver considerato che “la delibera della Provincia interessa ben 37 palestre distribuite in tutte le città della provincia di Ancona”, il consigliere comunale Roberto Paradisi ricorda che “è assolutamente necessario che gli enti locali e i rappresentanti istituzionali insorgano politicamente a difesa delle famiglie dei ragazzi e dell’associazionismo sportivo per scongiurare un progetto che, se realmente realizzato, decreterò la fine dello sport dilettantistico in Provincia di Ancona non essendo in grado nessuna società sportiva di sostenere costi simili, tantomeno nell’attuale contesto di crisi”. Premesso tutto ciò il consigliere

comunale del coordinamento Civico chiede, ai sensi degli artt. 25 e 26 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari, “la immediata convocazione della Commissione Sport alla presenza dell’assessore allo sport del Comune di Senigallia, del Commissario Straordinario della Provincia Patrizia Casagrande, del dirigente della Provincia Meri Mengoni per approfondire la questione anche al fine di presentare, dopo il dovuto approfondimento, un ordine del giorno, possibilmente condiviso tra maggioranza e opposizione, per invitare energicamente la Provincia a tornare immediatamente sui propri passi in difesa dello sport dilettantistico e in difesa del diritto allo sport per tutte le famiglie”.

l’Altro giornale quotidiano online

La collaborazione è aperta a tutti Invia comunicati e foto a redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


24

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

LA CRITICA

CONFRONTO DIFFICILE

Troppe consulenze esterne Il consigliere Roberto Paradisi ha presentato un’interrogazione al sindaco SENIGALLIA Sulla delicata questione delle consulenze esterne il consigleire comunale del Coordinamento Civico, avvocato Roberto Paradisi, ha presentato una dettagliata interrogazione al siindaco Maurizio Mangialardi. Paradisi ha premesso, in primo luogo, che il sindaco “dichiarando alla stampa di voler risparmiare sulle spese della politica, anziché preannunciare il taglio della sua indennità, di quella degli assessori e di quella del presidente del Consiglio (che ha visto addirittura crescere il suo emolumento rispetto agli anni passati), ha dichiarato di voler restringere gli spazi della democrazia diminuendo il numero dei Consigli Comunali”. “Tra il 2011 e il 2012, il sindaco di Senigallia ha corrisposto ad un solo studio legale di Ancona scrive Paradisi - il corrispettivo in valore di circa 5 mila gettoni di presenza (27 euro a seduta consiliare per consigliere comunale) incaricando detto studio di seguire dei contenziosi per il Comune di Senigallia ed assegnando tali incarichi senza

aver mai approvato un regolamento di assegnazione. Al solo avvocato Alessandro Lucchetti di Ancona (già noto per essere stato nominato dalla maggioranza governativa per rappresentare le ragioni del “no” al referendum civico sul progetto di interrompere il lungomare sud in zona Ciarnin per realizzare villette sotto-costa), in due anni, l’Amministrazione ha corrisposto la cifra impressionante di 131.385,4 euro, tra somme già liquidate e somme stanziate. “Si sottolinea che, per una sola causa di primo grado (in cui peraltro il Tar ha compensato le spese tra le parti) al professionista anconetano sono stati corrisposti quasi 14 mila euro. All’avvocato Alberto Lucchetti, padre del primo, tra il 2011 e il 2012, sono stati corrisposti ulteriori 13.688,65 euro. “Considerato che quelle sopra riportate non sono le uniche spese impressionanti stanziate per consulenti esterni, ma vi sono altre voci nel bilancio addirittura imbarazzanti per pagare parcelle estremamente onerose (troppo)

di altri avvocati”, il consigliere Paradisi ricorda che “il Comune di Senigallia ha già un proprio valido avvocato interno e le spese sostenute ogni anno per pagare consulenti esterni permetterebbero al Comune di

assumere almeno altri due professionisti”. “Stando alle dichiarazioni ormai quotidiane del sindaco sarebbero completamente terminate le risorse finanziare del Comune scrive sempre il consigliere del

Coordinamento Civico - tanto che a bilancio non sono previsti nemmeno fondi per coprire le buche nelle strade e realizzare ordinari interventi di ordinaria amministrazione (ad iniziare dal rifacimento del manto di piazza del Duomo che si presenta in condizioni disastrate)”. Dopo queste premesse il consigliere comunale Roberto Paradisi ha chiesto al sindaco: di sapere “1. Se è intenzione del Sindaco di Senigallia continuare a spendere in modo così inadeguato le risorse pubbliche (che per certi consulenti non mancano mai) senza nemmeno approvare un regolamento per l’affidamento delle consulenze esterne che tenga conto del curriculum dei professionisti, di un criterio di equa rotazione e, soprattutto, di una valutazione di un preventivo di spesa per ogni singola causa; 2. Se è Sua intenzione smettere, per pubblico decoro politico, di lamentare la fine delle risorse finanziare; 3. Se è intenzione del sindaco assumere un altro professionista interno al Comune così raddoppiando l’organico (se realmente necessario) e

risparmiare almeno 200.000 euro all’anno per consulenze esterne; 4. Se ha richiesto per ogni singola causa il preventivo scritto degli avvocati esterni a cui l’Amministrazione ha affidato gli incarichi negli ultimi tre anni e sono stati valutati tali preventivi in sede di Giunta magari confrontandoli con altri o con le tariffe forensi”. Nell’ultima seduta del Consiglio comunale, assente il sindaco Mangialardi, all’interrogazione di Paradisi ha risposto l’assessore alle Finanze Francesca Paci. Dopo aver premesso di non poter dare una risposta precisa, in quanto vedeva l’interrogazione per la prima volta in quel momento, l’assessore ha affermato che sulla trasparenza, in merito all’affidamento degli incarichi, si potrà fare senza dubbio di più. Inoltre ha aggiunto che gli avvocati esterni sono “di fiducia” dell’Amministrazione comunale. Una risposta che, ovviamente, non ha soddisfatto il consigleire Paradisi che è intenzionato ad esaminare a fondo tutta la problematica.

Arredi alla Pascoli, è tutto ok Per l’Amministrazione comunale non esistono situazioni di precarietà SENIGALLIA Per l’Amministrazione comunale la situazione degli arredi della scuola Pascoli è regolare. Nessun problema, quindi, per la regolare attività didattica della nuova sezione di scuola dell’infanzia. All’inizio dell’anno scolastico

2012/2013 il Comune di Senigallia - si legge in un comunicato - ha fornito gli arredi richiesti dai dirigenti scolastici per tutte le classi e sezioni in aumento rispetto al precedente anno e quindi anche per la nuova sezione di scuola dell’infanzia Pascoli.

Ad un sopralluogo di verifica, nella sezione in questione risultavano presenti:: 27 sedie, 4 tavoli grandi, 5 banchetti, appendiabiti e quanto altro necessario al regolare svolgimento dell’attività didattica. Secondo l’Amministrazione

comunale la Dirigente scolastica, approvato il bilancio del proprio istituto comprensivo, sta ora procedendo all’acquisto di 5 panche considerate necessarie per l’accoglienza dei bambini. La stessa Dirigente - fa sempre sapere l’Amministrazione

comunale di Senigallia - ha dichiarato di provvedere autonomamente con risorse del proprio bilancio e di non aver inviato al Comune alcuna richiesta al riguardo. L’Amministrazione comunale “ribadisce quindi che non esistono

nelle scuole del nostro territorio situazioni che impediscano il regolare svolgimento dell’attività didattica e che tutti i plessi scolastici sono messi nelle migliori condizioni per consentire la realizzazione della qualificata offerta formativa cittadina”.

Cronista Segnala ciò che per un giorno non va nel tuo quartiere Invia testi e foto a:

redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

25

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

TURISMO

NUOVE PROSPETTIVE

La Terra del Duca alla Bit Un viaggio emozionante attraverso i paesaggi di Piero della Francesca e Leonardo da Vinci. Successo del video di Lorenzo Cicconi Massi presentato allo stand della Regione MILANO “E’ la prima volta che vedo partecipare un assessore regionale alla presentazione di un progetto culturale in uno stand diverso dal suo”. Maurizio Blasi, giornalista del TG regionale della RAI, sintetizza così la peculiarità del progetto La Terra del Duca presentato con successo l’altro giorno all’edizione 2013 della Borsa Internazionale del Turismo di Milano. Il progetto La Terra del Duca, sostenuto dalle Regioni Marche e Umbria, ha come enti promotori i Comuni di Senigallia, Ente capofila, Gubbio, Pesaro e Urbino. Allo stand della Regione Marche a presentare questa progetto interregionale c’erano Maurizio Mangialardi sindaco di Senigallia, il vice sindaco di Pesaro Enzo Belloni, l’assessore regionale alla cultura dell’Umbria Fabrizio Bracco, Massimo Grandicelli per la Provincia di Pesaro Urbino. “Abbiamo elaborato un progetto

culturale comune, perché i confini di questi due territori, Marche e Umbria, sono quelli che si ricollegano ad una storia che appartiene ad entrambi ed è quella di aver fatto parte di un antico Ducato come quello di Urbino” ha detto il sindaco Mangialardi. Questo progetto culturale e

turistico che supera i localismi per vincere la sfide del mercato turistico del XXI secolo, nasce nel 1999 con l’idea di valorizzare l’immenso patrimonio enogastronomico e la tipicità dei prodotti delle città e dei territori ricompresi nell’antico Ducato di Urbino, collegandoli alle

specifiche identità e alle vocazioni turistico-culturali dei singoli centri. I nuovi percorsi costituiscono un ‘unicum’ nel panorama dell’offerta turistica italiana per la presenza di straordinarie città, territori e itinerari ricchi di bellezze storiche, artistiche ed

ambientali e antiche tradizioni gastronomiche. Un viaggio emozionante ed emozionale che il regista senigalliese Lorenzo Cicconi Massi ha ben rappresentato in un video molto apprezzato e applaudito dai tanti curiosi, appassionati e addetti ai lavori

presenti nello stand della Regione Marche. Otto minuti alla scoperta di un paesaggio che ha fatto da sfondo ai capolavori della pittura da Piero della Francesca a Leonardo da Vinci. Un ricco territorio tutto da scoprire dagli Appennini alle onde del mare Adriatico, tra specialità gastronomiche, spettacoli e tradizione. All’importante appuntamento di Milano con la manifestazione dedicata al turismo, La Terra del Duca si è presentata con un sito web tutto nuovo (www.terradelduca.it ) che coniuga emozione e storia, fascino e curiosità, per un territorio così ricco di arte, natura, bellezza e sapori genuini. Navigando tra le pagine del sito è possibile organizzare un viaggio nella Terra del Duca e costruirsi itinerari su misura grazie alla straordinaria varietà di paesaggi e di arte che va da Gubbio alle spiagge di Senigallia e Pesaro passando per Urbino.

quotidiano online

l’Altro giornale Chiedi di ricevere ogni giorno la tua copia gratuita dove vuoi tu Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


26

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

ELEZIONI

PER FAR RIPARTIRE L’ITALIA

“Vogliamo offrire una credibile prospettiva di governo” In vista del voto Favia e Monachesi hanno presentato il Centro Democratico SENIGALLIA In Italia si sta svolgendo una campagna elettorale che, senza enfasi, è paragonabile a quella del 1948. Da una parte, un blocco conservatore, ispirato a una concezione leaderistica, tecnocratica e liberista, che vede primeggiare una persona sola al comando, con l’unico compito di tenere in ordine i conti pubblici e di lasciare fare al libero mercato ciò che lo Stato non può più permettersi. Dall’altra, un polo riformatore, animato da un’idea partecipativa della dimensione politica, che vede nei diritti e nelle libertà, coniugati assieme ai doveri e alle responsabilità, la chiave di volta per ricostruire un tessuto civile degno di un Paese moderno. La scelta che abbiamo dinanzi è quella tra un’Italia chiusa in se stessa, gelosa della propria sovranità e prigioniera dei propri egoismi – territoriali, generazionali, economici e sociali -, e un’Italia aperta, protagonista in Europa e nel mondo e portavoce di un nuovo modello di sviluppo responsabile e solidale. E’ la scelta tra un modello di sviluppo che guarda alle generazioni future e vuole cambiare in profondità un sistema di produzione e consumo che non garantisce né un’equa distribuzione della ricchezza, né un uso oculato dei beni della terra,

e un modello incentrato solo sul profitto e la competizione, che considera ineluttabile il perpetrarsi di un capitalismo ove la finanza ha occupato il posto dell’economia e l’economia ha eroso gli spazi propri della politica. Oggi la democrazia e la politica italiana sono fragili perché hanno smarrito l’orizzonte globale entro il quale si collocano le grandi questioni che determinano il destino dei popoli, e così facendo hanno perso le proprie radici. Le migliori tradizioni politiche, popolari, socialdemocratiche, liberali e riformiste, sono state relegate in un cono d’ombra da un ventennio in cui al centro della politica e della società è stato posto l’interesse individuale, più spesso quello personale, l’interesse delle lobby e delle corporazioni, piuttosto che l’interesse generale. La crisi dell’Italia, prima ancora che una crisi economica, è, in questo senso, una crisi politica, culturale e morale. Una crisi che nasce da un bipolarismo muscolare, connotato da una forte vis polemica tra le coalizioni avversarie, che ha avuto l’unico esito di dividere e frammentare, piuttosto che unire, le migliori energie del paese. Il Centro Democratico - che si è presentato a Senigallia, nei locali del ristorante Il Manigoldo -

Cronista per un giorno

Enzo Monachesi, David Favia e Carlo Tortarolo durante l’incontro di ieri intende delineare una cornice ideale e programmatica, che nel solco delle grandi culture politiche liberali e riformiste possa arricchire il confronto, integrando e completando l’agenda Monti per offrire agli italiani una solida e credibile prospettiva di governo di centro-sinistra. A presentare questo nuovo partito, insieme al rappresentante locale avv. Carlo Tortarolo, il capolista alla Camera, David Favia, parlamentare uscente, e il candidato di Senigallia, Enzo Monachesi, presidente del Consiglio comunale della città.

“In un contesto di persistente e severa crisi economica - è stato detto -, lo scenario politico e sociale è caratterizzato, rispetto al passato, da una sempre più intensa disaffezione alla politica e da una crescente insicurezza, sul piano individuale e collettivo, che generano fenomeni inversi: da un lato forti pulsioni populistiche, volte a destrutturare il sistema, anche in chiave antieuropeista; dall’altro, nuove istanze di mobilitazione della società civile, alimentate da un ritorno di impegno civico e da una forte richiesta di soluzioni e risposte

chiare e nette sulle grandi questioni che determinano il destino della comunità (economia, lavoro, povertà, istruzione, ambiente). Il Centro Democratico nasce per dare una rappresentanza e una voce autorevole a quella parte della società civile che non si lascia incantare dalle sirene della demagogia, né si limita a protestare rifugiandosi nell’astensionismo, ma che è invece disposta a mettersi in gioco per rifondare, in modo radicale, le istituzioni politiche, sociali ed economiche del Paese. “Noi

crediamo - è stato aggiunto - che esista un’Italia che vuole parlare il linguaggio della verità e dell’onestà, che non si fa ingannare dalle bugie e dalle false promesse e che non intende rimanere silenziosa spettatrice del malcostume dilagante. Noi crediamo in un’Italia saggia, che vuole impegnarsi per difendere i valori della Costituzione, della vita, della famiglia, del rispetto del pianeta. Noi crediamo in un’Italia che non vuole privilegi e rendite di posizione e non si rassegna alla legge del più forte e alla precarietà dei diritti. Noi crediamo nell’Italia che non specula, ma produce ricchezza, paga le tasse, sostiene il volontariato, investe i propri denari in società che rispettano le persone e l’ambiente e che protegge e mette a frutto l’immenso capitale artistico che ha ereditato. Nonostante i pessimi esempi offerti da una parte della classe politica che ha perso ogni pudore e dignità, noi crediamo che esista ancora un’Italia concreta, che chiede a gran voce una nuova stagione di partecipazione democratica per reagire a un declino che non è inesorabile. E’ a questa Italia che il Centro Democratico vuole rivolgersi, per indicare una via, possibile e praticabile, per rimettere in moto le energie dormienti del Paese”.

Segnala ciò che non va nel tuo quartiere

Invia testi e foto a:

redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

27

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

LA DECISIONE

NEI COMUNI DEL TERRITORIO

Assistenza a casa per tutti Il servizio è stato affidato dal Cogesco alle cooperative H Muta e Coos Marche Servizio di assistenza domiciliare in tutti i comuni delle valli Misa e Nevola, economia solidale e sostenibile, progetto “fiume della vita” ed “equometro” sono stati fra gli argomenti salienti nella assemblea del Cogesco, il Consorzio che accorpa dieci comuni del comprensorio, e che si è svolta a Serra de’ Conti nei giorni scorsi. Coordinata dal presidente Andrea Bomprezzi, sindaco di Arcevia, l’assemblea ha preso preliminarmente in esame, sulla base della relazione del direttore dott. Maurizio Mandolini, i risultati della gara d’appalto per l’affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare, che il Consorzio gestirà sui comuni consorziati (Arcevia, Barbara, Castel Colonna, Castelleone di Suasa, Monterado, Ostra, Ostra Vetere, Ripe, Senigallia, Serra de’ Conti) e sul limitrofo comune di Corinaldo. L’appalto, effettuato con procedura “europea”, è stato aggiudicato al raggruppamento temporaneo d’imprese formato dalle cooperative H Muta e Coos Marche, ed è operativo dal decorso 1° gennaio. Si tratta di

una innovazione rilevante, che uniforma questo delicato servizio su un’area vasta di circa 80.000 abitanti, e che conclude una articolata fase di preparazione alla quale hanno fattivamente contribuito - con il Cogesco che l’ha coordinata- anche l’Ato Sociale, la stessa Conferenza dei Sindaci e tutte le amministrazioni locali interessate. Oltre ad affrontare altri aspetti legati alla attività del Cogesco (tesoreria, albo informatico,

regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari), l’assemblea ha raccolto elementi preliminari di valutazione su alcune esperienze che potrebbero prendere forma a livello consortile, e che il presidente del Consorzio dottor Andrea Bomprezzi ha ritenuto opportuno valutare ed approfondire unitamente ai colleghi Sindaci. Tra queste, un progetto di sviluppo sostenibile del comprensorio intervallivo

Misa-Nevola-Cesano, illustrato in sede assembleare dall’assessore alle Attività Economiche del Comune di Senigallia dottoressa Paola Curzi. Hanno portato il contributo alla discussione anche i rappresentanti di Banca Etica e di Rees Marche. Il progetto punta ad attivare una sinergia fra enti, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali, aziende, onlus, istituzioni della società civile per la creazione di una rete diretta alla valorizzazione delle

eccellenze del territorio in materia di eco-sosteniblità, energie rinnovabili, agricoltura biologica, tecniche colturali a basso impatto ambientale, produzioni a “chilometri zero”. Il progetto sarà ora trasmesso a cura del Consorzio a tutti i Comuni. E’ stata inoltre illustrata alla assemblea la proposta del Consorzio Solidarietà di Senigallia che, unitamente ad Eticare, ha elaborato il progetto “Il Fiume della Vita”, diretto ad attivare un nuovo tipo di welfare a sostegno della disabilità mentale adulta (obiettivo privilegiato, nel mediolungo periodo, la realizzazione di una esperienza di coabitazione protetta fra famiglie con soggetti disabili, famiglie prive di disabili e volontari; obiettivo di breve periodo, il sostegno ad un Centro Diurno nel comprensorio). Fra i cespiti grazie ai quali il progetto potrebbe essere sostenuto c’è l’installazione nei singoli Comuni di piccole e funzionali “case dell’acqua” per la distribuzione di acqua potabile refrigerata, naturale e gassata, a basso costo e con devoluzione di parte dei ricavi al finanziamento del

progetto. Anche questa proposta sarà trasmessa dal Consorzio ai Comuni per una prima valutazione. Infine, è stata preannunciata la promozione di un convegno sull’innovativo strumento dell’equometro, messo a punto dalla Provincia di Reggio Emilia e già sperimentato da diversi Comuni. Si tratta di uno strumento conoscitivo che potrebbe integrare, sulla base di una molteplicità di elementi informativi certi, le indicazioni sulle condizioni economiche delle famiglie che accedono alle provvidenze del servizio sociale, e che sono ordinariamente documentate attraverso i dati dell’Isee e della situazione patrimoniale. La possibilità che i Comuni della nostra area accedano a questa utile opportunità di ‘lettura’ delle situazioni di famiglia per una distribuzione più equa e mirata delle risorse, sarà illustrata in un seminario di aggiornamento per la cui predisposizione il direttore del Consorzio dott. Mandolini ha attivato i primi significativi contatti.

quotidiano online

l’Altro giornale Chiedi di ricevere ogni giorno la tua copia gratuita dove vuoi tu Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


28

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

Cronista per un giorno Segnala ciò che non va nel tuo quartiere Invia testi e foto a: redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

29

SENIGALLIA E LE SUE VALLI

LO SPETTACOLO

Gualazzi sceglie La Fenice Si svolgerà in città la prima data del nuovo tour del cantante marchigiano Sarà accompagnato sul palco da nove musicisti quasi tutti francesi SENIGALLIA Raphael Gualazzi torna ad esibirsi dal vivo. La prima data del nuovo tour è al Teatro La Fenice di Senigallia dove sabato 6 aprile avrà inizio l’Happy Mistake Tour che poi, fino a metà maggio, porterà sui palchi dei principali teatri italiani. Il nuovo tour sarà segnato dall’inconfondibile sound dell’ultimo disco di inediti Happy Mistake, prodotto ancora una volta da Caterina Caselli, che Gino Castaldo, critico musicale di Repubblica, ha definito “felicemente travolgente,

stracolmo di entusiasmo e gioia di suonare e con una deliberata proiezione internazionale”. Raphael Gualazzi sarà accompagnato sul palco da un gruppo di 9 musicisti pressoché tutti francesi. Lo spettacolo alterna atmosfere suggestive a momenti dall’energia intensa e travolgente sulle linee del blues e del jazz con incursioni nel gospel e nel soul, ma anche nel rock e nel country. Quello di Raphael Gualazzi è un atteso ritorno a Senigallia dopo il grande successo di due anni fa al Teatro La Fenice per la prima esibizione

dopo la sua vittoria al festival di Sanremo. In questi due anni Raphael Gualazzi si è esibito nelle più importanti città europee raccogliendo grandissimi consensi sia dalla critica che dal pubblico. La scelta di Raphael Gualazzi di iniziare da Senigallia il suo nuovo tour è un altro riconoscimento per il Teatro La Fenice che, in questi anni, si è affermato come uno dei più importanti teatri della regione in fatto soprattutto di proposte musicali. Per i prossimi mesi, ai già programmati concerti di Franco

Battiato e Negrita, il Teatro La Fenice ospiterà anche Ornella Vanoni (23 febbraio) e l’atteso ritorno di Elio e Le Storie Tese (28 aprile). I biglietti per il concerto di Raphael Gualazzi sono in prevendita on-line sul sito www.ticketone.it o possono essere acquistati al botteghino del Teatro La Fenice tutti i venerdì e sabato dalle 18 alle 20. I biglietti (inclusa la prevendita) hanno un costo di 46 euro per il 1° e il 2° settore, 34,50 euro per il terzo settore. Info al 335.1776042.

“E se vivessimo tutti insieme”

DA QUESTA MATTINA

Al Centro Olimpico il campionato provinciale di scacchi con oltre 50 ragazzi

Al Gabbiano continua la rassegna “Mercoledì d’essai” SENIGALLIA Continua al Cinema Gabbiano la rassegna “Mercoledì d’essai”. Mercoledì 20 febbraio sarà proposto “E se vivessimo tutti insieme”, una commedia francese di 96 minuti per la regia di Stéphane Robelin (spettacolo unico con inizio alle ore 21,15). TRAMA: Una piccola “comune” urbana di anziani francesi studiata da un giovane etnologo tedesco. Sì, perchè l’università la trova “di tendenza”, e così “E se vivessimo tutti insieme?” guarda con delicato sorriso all’allungamento delle prospettive di vita e al conseguente invecchiamento della popolazione. Risultati medici strappati, bambini all’uscita di scuola

osservati con tenerezza dalla finestra, la radio che sta dando notizie sulla crisi economica spenta, una malinconica collezione di fotografie in bianco

e nero di nudi artistici di giovani donne, un intervento al megafono contro lo sgombero di un presidio di richiedenti asilo da parte della polizia: questo il quadro che presenta i cinque protagonisti i quali, davanti alla prospettiva di una casa di riposo con ospiti davanti alla televisione e immortalati in espressioni di sofferenza, prendono l’insolita decisione. Proveniente dalla pubblicità, programmi televisivi e documentari, di questo suo secondo lungometraggio di finzione Stèphane Robelin cura sceneggiatura e regia. Con infarti passati, perdita della memoria, gravi malattie incurabili, i personaggi portati in scena da un affiatato gruppo di vecchie

glorie hanno quella serena consapevolezza che permette anche di superare il dilemma tra viagra e rischi cardiaci. Risolte poi le questioni organizzative rispetto alle personali attitudini collettiviste e libertarie, la quotidianità si dipana giocando a carte e a bocce, facendo la maglia e scherzando come ragazzacci. Attraverso episodi divertenti e qualche accenno di seduzione, nella convivenza escono fuori segreti tra persone che si vogliono bene da sempre e che hanno in comune più di quanto credano. E un “ho vissuto bene”, una bara colorata, calici di champagne, una tomba sotto un pergolato fiorito avvia ad un poetico, commovente finale in cui chiamare tutti insieme una figura cara che non c’è più.

SENIGALLIA Si svolgerà oggi, presso il Centro Olimpico Tennis Tavolo di Senigallia, il campionato provinciale di Scacchi in 6 Turni da 30’ a giocatore, ovvero un’ora a partita. Parteciperanno alla manifestazione oltre 50 ragazzi di tutta la provincia di Ancona che lotteranno per diventare campioni provinciali delle categorie under16, under 14, under 12, under10, under 8. E’ la prima volta che questo torneo si svolge a Senigallia e questo è un riconoscimento da parte del Comitato Scacchistico Regionale per il lavoro svolto fino ad ora del Circolo Scacchistico Senigalliese. Il Torneo inizierà alle ore 9 e terminerà verso le 18. Chi volesse vedere oltre cinquanta ragazzi che giocano a scacchi in un torneo ufficiale della Federazione Scacchistica Italiana è invitato a farlo.

Se ti piaccio presentami ai tuoi amici. E’ gratis!

www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


30

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

MAROTTA E LA VALLE DEL CESANO

L’AGENDA DELLA VALLE DEL CESANO BARCHI Municipio: Piazza Vittorio Emanuele, 6 Tel: 0721.97152 www.comune.barchi.pu.it comune.barchi@provincia.ps.it Comunità montana Tel: 0721.74291 Ufficio postale Tel: 0721.97111 Croce Rossa Tel: 0721.721425 Guardia medica Tel: 0721.721252 Pro Loco Tel: 0721.978197 Carabinieri Tel: 0721.97258 CAGLI Municipio: Piazza Giacomo Matteotti, 1 Tel: 0721.78071 www.comune.cagli.ps.it municipio@comune.cagli.ps.it Comunità montana Tel: 0721.787431 Centro per l’impiego Tel: 0721.787278 Ufficio postale Tel: 0721.787282 Ospedale Tel: 0721.7921 (centralino) Pronto soccorso Tel: 0721.792201 Distretto sanitario Tel: 0721.792504 Guardia medica Tel: 0721.792203 Croce Rossa Tel: 0721.782112 Pro Loco Tel: 0721.787457 Carabinieri Tel: 0721.787321 Polizia stradale Tel: 0721.781754 Vigili del fuoco Tel: 0721.787222 Corpo forestale Tel: 0721.781212 Polizia municipale Tel: 0721.780744 FRATTE ROSA Municipio: Piazza Giacomo Matteotti, 11 Tel: 0721.777113 – 0721.777200 Fax: 0721.777253 www.comune.fratte-rosa.pu.it commune.fratte-rosa@provincia.ps.it Distretto sanitario n. 2 Tel: 0721.739720 Guardia medica Tel: 0721.732702 Pro Loco Tel: 0721.777476 – 0721.735289 www.fratterosa.org Carabinieri Tel: 0721.776810 – 0721.776564

Vigili del fuoco Tel: 0721.787222 Corpo forestale Tel: 0721.734705 Polizia municipale Tel: 0721.777200 – 0721.777113 FRONTONE Municipio: Piazza del Municipio, 19 Tel: 0721.786107 www.comune.frontone.pu.it Biblioteca comunale Tel: 0721.786107 Comunità montana Tel: 0721.787431 Fax: 0721.787441 www.cmcatrianerone.pu.it Informazioni turistiche turismofrontone@gmail.com Funivia Tel: 0721.786188 Pro Loco Tel: 0721.786302 – 338.3805478 www.comunedifrontone.it prolocofrontone@gmail.com Castello di Frontone Tel: 0721.790716 Ufficio postale Tel: 0721.786362 Carabinieri Tel: 0721.734807 Corpo forestale Tel: 0721.730150 Polizia municipale Tel: 0721.786107 MAROTTA Delegazione Anagrafe Tel: 0721.96513 Informazioni turistiche Tel: 0721.960504 turismo@comune.mondolfo.pu.it Stazione ferroviaria Tel: 0721.96335 – 0721.969258 Ufficio postale Tel: 0721.968045 Carabinieri Tel: 0721.96584 Polizia municipale Tel: 0721.960629 polizia.marotta@comune.mondolfo.pu.it MONDAVIO Municipio: Piazza Giacomo Matteotti, 2 Tel: 0721.97101 www.comune.mondavio.pu.it comune.mondavio@provincia.ps.it Mondavio Turismo www.mondavioturismo.it Pro Loco Tel: 0721.989098 www.mondavioproloco.it Museo civico Tel: 0721.97102 – 0721.977331 Rocca Roveresca Tel: 0721.97101 Ufficio postale Tel: 0721.97100

Distretto sanitario Tel: 0721.97120 Poliambulatorio Tel: 0721.97345 Guardia medica Tel: 0721.97120 Carabinieri Tel: 0721.97258 Corpo forestale Tel: 0721.39971 Polizia municipale Tel: 0721.977479 MONDOLFO Municipio: Via Giuseppe Garibaldi, 1 Tel: 0721.9391 – 800.407.171 Fax: 0721.959455 www.comune.mondolfo.pu.it Ufficio relazioni con il pubblico Tel: 0721.939266 urp@comune.mondolfo.pu.it Biblioteca comunale Tel: 0721.959677 Informagiovani Tel: 0721.958647 Ufficio postale Tel: 0721.957216 Poliambulatorio Tel: 0721.93681 Guardia medica Tel: 0721.9368872 Pro Loco Tel: 0721.955677 Carabinieri Tel: 0721.957232 Polizia municipale Tel: 0721.939249 pol.municipale@comune.mondolfo.pu.it MONTE PORZIO Municipio: Viale Cante di Montevecchio Tel: 0721.956000 Fax: 0721.956027 www.comune.monte-porzio.pu.it Associazione Monte Porzio Cultura Tel: 0721.956026 – 0721.955981 www.monteporziocultura.it Pro Loco Tel: 0721.955677 www.proloco-monteporzio.it Ufficio postale Tel: 0721.955118 Carabinieri Tel: 0721.955802 – 0721.955125 Polizia municipale Tel: 0721.956043 vigili@comune.monte-porzio.pu.it ORCIANO Municipio: Piazzale della Ripa, 1 Tel. 0721.97424 Fax: 0721.97425 www.comune.orciano.pu.it comune.orciano@provincia.ps.it Biblioteca comunale Tel: 0721.977412 Pro Loco Tel: 0721.977071

Ufficio postale Tel: 0721.97230 Carabinieri Tel: 0721.97258 Polizia municipale Tel: 0721.977580 PERGOLA Municipio: Corso Giacomo Matteotti, 53 Tel: 0721.7373233 Fax: 0721.736450 www.comune.pergola.pu.it protocollo@comune.pergola.pu.it Ufficio Turismo Tel: 0721.7373273 Biblioteca comunale Tel: 0721.778786 Informagiovani Tel: 0721.7373275 Comunità montana Tel: 0721.735701 Ospedale Tel: 0721.7321 (centralino) Pro Loco Tel: 0721.734496 www.prolocopergola.it Associazione Pergola Nostra www.pergolanostra.it Museo dei Bronzi dorati Tel: 0721.734090 – 0721.7373271 www.bronzidorati.com Ufficio postale Tel: 0721.73432 Carabinieri Tel: 0721.734807 Polizia stradale Tel: 0721.787305 Vigili del fuoco Tel: 0721.787222 Corpo forestale Tel: 0721.734705 Polizia municipale Tel: 0721.736708 – 0721.7373248 PIAGGE Municipio: Via Roma. 12 Tel: 0721.890131 Fax: 0721.890907 www.comune.piagge.pu.it comune.piagge@provincia.ps.it Ufficio postale Tel: 0721.890130 Ex guardia medica Tel: 0721.9898457 Carabinieri Tel: 0721.970005 SAN COSTANZO Municipio: Piazza Perticari, 20 Tel: 0721.951210 – 0721.951211 Fax: 0721.950056 www.comune.san-costanzo.pu.it comune@comune.san-costanzo.pu.it Biblioteca comunale Tel: 0721.950159 Ufficio postale Tel: 0721.950340 – 0721.958131 Guardia medica

Tel: 0721.882261 Pro Loco Tel: 0721.950110 www.prolocosancostanzo.it Teatro La Concordia Tel: 0721.950124 Carabinieri Tel: 0721.950105 Polizia municipale Tel: 0721.951218 – 0721.951237 SAN GIORGIO DI PESARO Municipio: Via Giuseppe Garibaldi, 62 Tel: 0721.970102 Fax: 0721.970289 www.comune.san-giorgio.pu.it commune.san-giorgio@provincia.ps.it Ufficio postale Tel: 0721.970135 Poliambulatorio Tel: 0721.98981 Ex guardia medica Tel: 0721.9898457 Pro Loco Tel: 0721.970209 proloco-sangiorgio@libero.it Carabinieri Tel: 0721.970005 Polizia municipale Tel: 0721.970102 SAN LORENZO IN CAMPO Municipio: Piazza Umberto I, 17 Tel: 0721.774211 Fax: 0721.776687 www.comune.sanlorenzoincampo.pu.it Ufficio postale Tel: 0721.776051 Pro Loco Tel: 0721.776479 www.proloco-sanlorenzo.it Carabinieri Tel: 0721.776810 Polizia municipale Tel: 0721.774216 SERRA SANT’ABBONDIO Municipio: Piazzale del Comune, 1 Tel: 0721.730120 Fax: 0721.730230 www.comune.serrasantabbondio.pur.it Comunità montana Tel: 0721.787431 www.cmcatrianerone.pu.it Ufficio postale Tel: 0721.730127 Pro Loco Tel: 0721.730657 www.ssabbondio.it Eremo di Fonte Avellana Tel: 0721.730118 www.fonteavellana.it Carabinieri Tel: 0721.734807 Corpo forestale Tel: 0721.730150 Polizia municipale Tel: 0721.730120

LE FARMACIE BARCHI Pierini Vittorio: Via Roma, 23 Tel: 0721.977076 CAGLI Purgotti: Piazza Matteotti, 2 Tel: 0721.787313 Berardi: Via Fonte del Duomo, 1 Tel: 0721.787230 Giacomucci: Via Pianello, 139

Tel: 0721.783101 FRATTE ROSA Canestrari: Piazza Matteotti, 13 Tel: 0721.777473 FRONTONE Battistini: Via Roma, 69 Tel: 0721.786122 MAROTTA Comunale: Via Ferrari, 16 Tel: 0721.969381

Fumarola: Via Litoranea, 122 Tel: 0721.96521 MONDAVIO Subissati: Viale San Francesco, 10 Tel: 0721.977391 Ambrosini: Via Cesanense, 88 Tel: 0721.979117 MONDOLFO Baffi Scoppa: Via XX Settembre Tel: 0721.957240

MONTE PORZIO Brilli: Viale C. di Montevecchio, 27 Tel: 0721.955131 ORCIANO Volta: Corso Matteotti, 83 Tel: 0721.97238 PERGOLA Domenichelli: Corso Matteotti, 32 Tel: 0721.778714 Del Corso: Corso Matteotti, 50

redazione@laltrogiornale.it

Tel: 0721.778289 Comunale: Via Don Minzoni, 88 Tel: 0721.734675 PIAGGE Comunale: Via Roma. 105 Tel: 0721.890172 SAN COSTANZO Scarponi: Corso Matteotti, 64 Tel: 0721.950238 Gambarara: Piazza IV Novembre

Tel: 0721.935003 SAN GIORGIO DI PESARO Tonti Maria Grazia: Via Roma Tel: 0721.970156 SAN LORENZO IN CAMPO Costantini: Viale R. Margherita, 20 Tel: 0721.776820 SERRA SANT’ABBONDIO Marra: Corso Dante Alighieri, 24


Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale

31

LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

L’INIZIATIVA

PER NON DIMENTICARE

L’identità ritrovata Due figli di “desaparecidos” argentini a Pesaro per parlare a cittadini e studenti PESARO Sono in questi giorni in Italia per raccontare la loro storia ed incontreranno anche i cittadini di Pesaro e gli studenti. Si tratta di Macarena Gelman e Manuel Goncalves, figli dei cosidetti “desaparecidos” argentini, ragazzi che negli anni ’70 furono fatti sparire dai militari argentini nell’ambito di un piano di eliminazione fisica e segreta degli

oppositori al regime. Oltre 400 bambini vennero rubati alle madri prima di assassinarle, per essere poi regalati o venduti a famiglie compiacenti. Macarena Gelman e Manuel Goncalves hanno potuto ritrovare la loro vera identità grazie alle battaglie delle Abuelas, le “nonne di Plaza de Mayo”, che non hanno smesso mai di cercare i nipoti. Ne parleranno domani, lunedì 18

febbraio, alle ore 20.30, nella sala del consiglio provinciale “W.Pierangeli” (viale Gramsci 4) in un incontro aperto a tutti dal titolo “L’identità ritrovata”, mentre martedì 19 febbraio, alle ore 8.30, l’appuntamento sarà con gli studenti del “Marconi” e del “Mamiani”, sempre nella sala del consiglio provinciale. Le testimonianze saranno precedute dalla proiezione del film

“Verdades Verdaderas”, la storia di Estela Carlotto, fondatrice delle “Abuelas” de Plaza de Mayo. L’Iniziativa è organizzata da Amnesty International con il patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino (assessorato Pubblica istruzione e cooperazione internazionale), dell’associazione “Festa dei Popoli”, del “Centro interculturale per la pace” del Ceis

di Pesaro, del Comune di Pesaro e dell’ambito territoriale sociale n.1. A trent’anni dalla fine della feroce dittatura delle forze armate argentine, Macarena Gelman e Manuel Goncalves stanno girando l’Europa per compiere la loro missione: fare il necessario affinché altri figli “rubati” possono riprendere la loro vera vita. Ad oggi sono 107 i “nietos”

(nipoti) restituiti alle famiglie. Qualche anno fa le “Abuelas de Plaza de Mayo” hanno creato la “Rete per il diritto all’identità”, a cui aderiscono l’Ambasciata Argentina. Scopo del viaggio di Manuel (che ora è un dirigente delle Abuelas) e di Macarena è comunicare l’esistenza della rete in tutti i luoghi che potrebbero essere frequentati da argentini. (g.r.)

Saranno rilasciati ai diversamente abili per l’accompagnamento in cabina

Elezioni, certificati medici gratuiti FANO Gli elettori diversamente abili che ritengono di avere diritto al rilascio del certificato di accompagnamento in cabina potranno rivolgersi al medico autorizzato per il loro rilascio: giovedì 21, venerdì 22, sabato 23 e lunedì 25 febbraio 2013 al distretto sanitario, Palazzo di Vetro, in via IV novembre, 1° piano dalle ore 8,30 alle ore 12,30

(tel 0721/882801-841), domenica 24 febbraio 2013, primo giorno delle elezioni all’ambulatorio di via Ceccarini 38, dalle 10 alle 12, (dott. Polidoro Dante), dalle 16 alle 18,30 (dott. Mancini Giuseppe), tel 0721/882545. L’eventuale accompagnatore deve essere iscritto nelle liste elettorali. Nessun elettore può esercitare la

funzione di accompagnatore per più di un disabile. Sul certificato elettorale dell’accompagnatore è fatta apposita annotazione, dal presidente del seggio nel quale egli ha assolto tale compito. Gli elettori con difficoltà motorie, il cui seggio risultasse inaccessibile, potranno esercitare il diritto di voto in un seggio di altra sezione elettorale esente da barriere architettoniche, dietro

attestazione medica, rilasciata a tal fine nei giorni e negli orari sopraindicati. LA TESSERA ELETTORALE: RITIRO O DUPLICAZIONE. I cittadini che dovessero ancora ritirare la tessera elettorale, o che l’avessero smarrita, deteriorata o esaurita potranno presentarsi, all’ufficio elettorale, che si trova presso la Sede Municipale, a metà scalone, sulla sinistra. Per il ritiro

della tessera è necessario presentarsi personalmente, o delegare una persona di fiducia, muniti di documento di riconoscimento in corso di validità. Oltre ai consueti orari d’ufficio, lo sportello rimarrà aperto con orario continuato anche nei giorni: da martedì 19 a sabato 23 febbraio 2013 dalle 9,00 alle 19,00; domenica 24 febbraio 2013 dalle

8,00 alle 22,00; lunedì 25 febbraio 2013 dalle 7,00 alle 15,00 (per i duplicati, dal pomeriggio di venerdì 22 febbraio 2013, sarà disponibile anche lo sportello 6 dell’anagrafe, al piano terra). Nelle due giornate di voto di domenica e lunedì gli sportelli dell’anagrafe saranno aperti anche per il rilascio delle carte di identità scadute con gli stessi orari sopra riportati.

quotidiano online

l’Altro giornale Chiedi di ricevere ogni giorno la tua copia gratuita dove vuoi tu Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


32

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

L’INIZIATIVA

ATTENZIONE AI BAMBINI

Un aiuto per le coppie A Pesaro uno sportello di mediazione familiare pronto a intervenire nelle separazioni PESARO La mediazione familiare è un aiuto alla coppia a ricostruire un dialogo, per trovare insieme gli accordi più adeguati sulla cura condivisa dei figli e altre questioni relative alla separazione. Sono purtroppo sempre più numerose le coppie in difficoltà, che hanno deciso di separarsi o di divorziare e che si rivolgono alllo sportello di Mediazione Familiare di recente attivato a Pesaro nei locali delll’InformaFamiglia. E‘ promosso dall’assessorato alle

Politiche per la Famiglia del Comune, in collaborazione con il Cif (Centro Italiano.femminile provinciale). Lo sportello si avvale di professionisti esperti di mediazione familiare e di composizione dei conflitti della coppia in fase separazione o di divorzio. Il servizio, totalmente gratuito, in alcuni casi, si è tradotto in percorsi di mediazione familiare attraverso 8-10 incontri quindicinali, in cui il mediatore aiuta la coppia a ricostruire un

dialogo per prendere in prima persona le decisioni riguardanti la crescita e il benessere dei propri figli, senza delegarle ad altre figure. “Lo sportello per la mediazione familiare – precisa l’assessore ai Servizi sociali e alle Politiche per la famiglia Giuseppina Catalano si colloca nell’ambito delle politiche a favore delle famiglie, inserendosi nel quadro di un‘ampia offerta di sostegno alle risorse e alle competenze genitoriali. Non vanno dimenticati – aggiunge l’assessore - il progetto Carta Bimbi, i corsi di formazione per genitori (Genitori

Insieme, Un passo dopo l’altro, i corsi per genitori affidatari, I gruppi di Parola per bambini e per genitori) mentre altri progetti come quello della Carta Famiglia sono in cantiere” I casi trattati finora riguardano diverse situazioni di conflittualità di coppia e familiare, aggravati spesso da disagi lavorativi, economici e relazionali. Un quadro eterogeneo e complesso, che fotografa bisogni vari e articolati e presenta una domanda di sostegno non sempre colmabile attraverso lo strumento specifico

Alla biblioteca San Giovanni inizia oggi la rassegna “3x4”

Tre incontri con quattro scrittori PESARO Inizia alla biblioteca San Giovanni la rassegna dal titolo “3 x 4 : tre incontri con quattro scrittori”, curata da Jacopo Nacci. Il primo appuntamento è per oggi, alle ore 17, con Simone Ghelli e Ilaria Giannini, rispettivamente autori di Voi

onesti farabutti (CaratteriMobili 2012) e di I provinciali (Gaffi 2012). Simone Ghelli (Cecina, 1975), laureato in Storia e critica del cinema all’Università di Siena, ha conseguito il dottorato in cinema a Roma Tre. Alla critica cinematografica affianca la

scrittura narrativa, fra cui: Albero in catene (2003), Il Pigneto liberato (2008), L’ora migliore e altri racconti (2011). Qualche anno fa ha dato vita, insieme ad altri autori, al collettivo “Scrittori precari”. Il suo ultimo romanzo Voi, onesti farabutti, tocca il tema dei rapporti fra la generazione che ha vissuto la

Resistenza e quella attuale, alle prese con i problemi del paese e con una difficile condizione di precarietà. Il protagonista, attraverso il nonno, cerca di collegare una qualche memoria alla sua vita presente, fatta di esperienze marginali e della necessità di arrangiarsi senza

della mediazione familiare. L’eterogeneità delle richieste, infatti, mette in luce la necessità di promuovere sul territorio la conoscenza del servizio di mediazione familiare e delle sue applicazioni: la mediazione riguarda infatti coppie sposate o conviventi, separate, in via di separazione o di divorzio, in cui l’alta conflittualità ostacola la comunicazione e impedisce di progettare insieme la nuova vita di famiglia separata nella continuità dei ruoli genitoriali. Per questo l’attività del servizio

verrà presentata alle scuole e in particolare ai docenti, perché siano un tramite informato e qualificato nei confronti degli utenti. Lo sportello è aperto il lunedì (dalle 15.30 alle 19.00) e il sabato mattina (dalle ore 9.30 alle 13.00) nei locali dell’InformaFamiglia l’ingresso si trova sotto le logge del palazzo Comunale in piazza del Popolo. Per maggiori informazione è possibile telefonare negli orari (giorni) di apertura dello sportello al numero 0721 387384.

avere una prospettiva davanti. Il libro pone domande su un futuro difficile da immaginare e sulla possibilità, oggi, di distinguere fra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, alla ricerca di una dimensione collettiva che superi la disgregazione e la deriva degli ultimi decenni. Ilaria Giannini (Pietrasanta, 1982) vive e lavora a Firenze come giornalista. Ha pubblicato racconti in varie antologie e poi il romanzo Facciamo finta che sia per sempre (Intermezzi, 2009).

Gli appuntamenti successivi saranno: domenica 17 marzo alle ore 17 con Isabel Farah, autrice di Funambole (Marco del Bucchia) domenica 21 aprile alle ore 17 con di Ivano Porpora, autore di La conservazione metodica del dolore (Einaudi) Tutti gli incontri sono a ingresso libero e gratuito. Per informazioni: biblioteca San Giovanni - tel. 0721/387772 biblioteca@comune.pesaro.pu.it www.biblioteca.comune.pesaro.pu.it

quotidiano online

l’Altro giornale Chiedi di ricevere ogni giorno la tua copia gratuita dove vuoi tu Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

33

LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

LAVORO

SODDISFAZIONE DELLA PROVINCIA

Assunzioni da record Tutti i partecipanti al primo corso per formare personale da inserire nell’organico di Costa Crociere entreranno nell’organico della compagnia PESARO Tutti e 22 i partecipanti al primo corso promosso dalla Provincia di Pesaro e Urbino per formare personale da inserire nell’organico di “Costa Crociere” saranno assunti dalla compagnia navale e si imbarcheranno entro breve. Lo hanno reso noto con soddisfazione il presidente della Provincia Matteo Ricci e l’assessore provinciale alla Formazione e lavoro Massimo Seri, che hanno ringraziato Costa Crociere per essere andata oltre l’impegno assunto, che prevedeva l’occupazione garantita per almeno il 60% dei partecipanti. I 22 corsisti, freschi di esame finale, hanno ricevuto dal presidente Ricci, dall’assessore Seri e dai rappresentanti di Costa Crociere Marco Manetti (responsabile selezione del personale) e Donatella Leone (responsabile della formazione) gli attestati di specializzazione ed altre importanti certificazioni, tra cui la Bst (Basic Safety Training),

indispensabile per lavorare all’interno delle navi da Crociera. La consegna è avvenuta durante la presentazione, nella sala congressi di Baia Flaminia Resort, dei due nuovi corsi di tecnico dell’accoglienza “Cruise staff” e “Tour escort” organizzati sempre dalla Provincia in collaborazione con Costa Crociere, rivolti a 40 disoccupati e/o lavoratori in mobilità (venti per ogni corso, ma è prevista la possibilità di 8 uditori), completamente gratuiti grazie al finanziamento del Fondo Sociale Europeo. Quasi duecento i giovani e meno giovani intervenuti all’incontro, in cui i rappresentanti di Costa Crociere ed il responsabile della Formazione della Provincia Claudio Andreani hanno fornito numerose spiegazioni tecniche e pratiche. “Ci troviamo nel momento più difficile per la nostra comunità negli ultimi trent’anni – ha detto Matteo Ricci – ed è necessario uno sforzo da parte di tutti pur sapendo che non è possibile fare miracoli. Se da un

lato stiamo cercando di aiutare le aziende a resistere alla crisi, dall’altro stiamo mettendo in campo nuove opportunità, come quella di oggi Un’esperienza lavorativa importante, soprattutto per i giovani, utile anche all’economia del territorio, che sul versante del turismo stiamo provando a far crescere viste le enormi potenzialità. Non

a caso il turismo, insieme ai servizi, è l’unico settore che registra un incremento”. Come spiegato dall’assessore Massimo Seri, la collaborazione con Costa Crociere è nata nell’ambito del “Career Day” di Urbino e porterà anche ad ulteriori corsi per altre figure professionali. “Ci rendiamo conto che sono piccoli numeri – ha detto – ma tante iniziative

possono dare tante risposte”. Per entrambe le figure è necessaria una buona conoscenza della lingua inglese, capacità relazionali e capacità di lavorare in gruppo. Altri requisiti sono indicati nei due bandi, pubblicati sul sito www.provincialavoro.it (info anche chiamando il Numero Verde 840.000.676 o l’Ufficio corsi 0721.3592941, oppure scrivendo

a jobps.iscrizioni@ provincia.ps.it. Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 28 febbraio e potranno essere spedite con raccomandata A/R al Centro per l’impiego di Pesaro, via Luca della Robbia 4, 61121, oppure on line, collegandosi al sito www.provincialavoro.it Nella foto di gruppo, i 22 partecipanti al primo corso con il presidente Matteo Ricci, l’assessore Massimo Seri ed i rappresentanti di Costa Crociere Marco Manetti e Donatella Leone. Questi i loro nomi: Annalisa Ago, Gloria Ambrogi, Gianluca Bigini, Sara Bonetti, Nicoletta Buccio, Grazia Cataluddi, Benedetta Cavallini, Alice Cecchini, Nicole Cocconi, Daniela Grassi, Deanna Guerrini, Davide Inzeo, Eleonora Liguori, Elisa Lonoce, Brenda Teresa Lopez, Camilla Luciarini, Valentina Mancinelli, Cristina Perego, Marcella Petroni, Barbara Pili, Simona Scuncio e Marco Venturi. (g.r.)

l’Altro giornale quotidiano online

La collaborazione è aperta a tutti Invia comunicati e foto a redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


34

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

L’INIZIATIVA

ALLA BIT DI MILANO

Giro, Ricci lancia la volata Presentata la crono Gabicce Mare-Saltara, traino per il turismo del territorio PESARO Mentre tra gli addetti ai lavori è già fermento, la tappa Gabicce Mare-Saltara si prende subito il palcoscenico della Bit di Milano, la vetrina più prestigiosa del panorama turistico nazionale. Con Matteo Ricci che l’altra mattina, nella presentazione ufficiale dalla fiera di Rho, ha lanciato la volata sui 55 chilometri di crono individuale: «Ospiteremo l’appuntamento più importante del Giro d’Italia. C’è grande soddisfazione per il rapporto con l’organizzazione della corsa rosa, che quest’anno si rinnova e consolida ulteriormente». Ormai un connubio totale, sottolineato anche da Stefano Allocchio, direttore di corsa del Giro, dai sindaci di Gabicce Mare e Saltara, Corrado Curti e Fabio Cicoli, e dal «deus ex machina» Alighiero Omicioli. Mix di colori. Giornalisti, operatori e visitatori affollano lo stand della Regione Marche. E guardano incuriositi l’apparizione della coppa di tappa, che gli amministratori consegneranno al vincitore il prossimo 11 maggio: «Anche

Il presidente della Provincia Matteo Ricci e e il sindaco di Gabicce Mare Corrado Curti ieri mattina alla Bit di Milano dove hanno presentato la tappa e, in anteprima, la coppa per il vincitore della cronometro grazie al fatto che si correrà di sabato – ha osservato Ricci - tutti gli alberghi si riempiranno. Sarà uno spettacolo straordinario per l’intero weekend: un volano

incredibile per il turismo». Il presidente della Provincia “scatta” ancora davanti ai cronisti: «La formula della crono individuale accenderà i riflettori

sul territorio ancora meglio delle edizioni precedenti, con oltre 4 ore di diretta televisiva. Le immagini rimbalzeranno in tutto il mondo: uno spot globale non

solo per i due Comuni di arrivo e partenza ma per l’intera provincia. Sullo sfondo la cornice suggestiva del San Bartolo, che nel mese di maggio dà il meglio di

sé. E al verde della collina e all’azzurro del mare aggiunge il giallo delle ginestre». Provincia in maglia rosa. Il presidente è convinto: «Ci caratterizziamo sempre più come il territorio della bici: in termini sportivi, considerati gli eventi ospitati e la passione straordinaria per questo sport. In termini turistici, perché sta crescendo notevolmente la percentuale di chi, per le vacanze, sceglie i nostri percorsi e le nostre piste ciclabili. Ma anche per filosofia e qualità della vita: siamo tra i luoghi in Italia che maggiormente hanno investito tutti gli effetti, con politiche ad hoc, su queste “infrastrutture del benessere”». La crono illumina la Bit, dunque. Insieme alle altre iniziative presentate in Fiera, dalla “mezzanotte bianca” dei bambini di Pesaro alla candidatura di Urbino a capitale europea della cultura 2019. Con uno sguardo alla solidarietà: in vista della tappa, Gabicce Mare organizza già la raccolta di bici da destinare alle popolazioni dell’Uganda a fini umanitari, in collaborazione con l’associazione “Africa Mission”.

l’Altro giornale quotidiano online

La collaborazione è aperta a tutti Invia comunicati e foto a redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

35

LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

GLI APPUNTAMENTI

CON TANTE INIZIATIVE

A Pesaro è Stradomenica PESARO Oggi, a pesaro è Stradomenica. Molte le iniziative in programma LO SHOPPING dalle ore 8 alle ore 13 Piazzale Carducci e via La Marca MERCATO CITTADINO MENSILE dalle ore 9.00 alle ore 19.00 piazza del Popolo, via Rossini, cortili di Palazzo Gradari, Palazzo Mazzolari Mosca, cortile del San Domenico (mercato delle erbe), Largo Mamiani e piazzale Collenuccio MERCATINO DELL’ANTIQUARIATO dalle ore 9.00 alle ore 19.00 via Pedrotti MERCATINO DELL ‘ARTIGIANATO I LUOGHI DELLA CULTURA APERTURE MUSEI, BIBLIOTECHE E MONUMENTI www.pesarocultura.it MUSEI CIVICI Piazza Toschi Mosca 29 10-13, 15.30-19.00, ingresso gratuito Ospitati a palazzo Mosca, i Musei Civici si articolano in una Pinacoteca e in un Museo delle Ceramiche. I dipinti esposti documentano un lungo periodo a partire dal XIV secolo e provengono da chiese cittadine e

collezioni private. Su tutti emerge la pala l’Incoronazione della Vergine di Giovanni Bellini, capolavoro del rinascimento italiano. La sezione ceramica ospita, tra l’altro, maioliche istoriate del Ducato di Urbino (XVI secolo) e la produzione alla rosa che segna il grandissimo successo di Pesaro in quest’arte nel Settecento. Info. 0721 387541 CASA ROSSINI via Rossini 34 10-13,15.30-19.00, ingresso gratuito La casa dove Gioachino Rossini nasce il 29 febbraio 1792 viene acquistata dal Comune nel 1892; adibita a museo, diventa monumento nazionale nel 1904. I materiali esposti provengono da diverse donazioni giunte a Pesaro in gran parte a fine Ottocento. Il nucleo più consistente proviene da Parigi, dal grande collezionista di cimeli rossiniani Alphonse Hubert Martel; si tratta soprattutto di stampe, incisioni e litografie legate alla vita e all’opera del compositore. Info. 0721 387357 BIBLIOTECA SAN GIOVANNI via Passeri 102 15.00-19.00 Moderna public library ospitata nel complesso architettonico del

convento di San Giovanni, offre servizi di prestito, consultazione, navigazione internet, wireless, caffè letterario ore 17 presentazione dei libri: I provinciali di Ilaria Giannini e Voi onesti farabutti di Simone Ghelli presentati da Jacopo Nacci, all’interno del ciclo “3 x 4: tre incontri con quattro scrittori” info. 0721 387770 www.biblioteca.comune.pesaro.pu.it MUSEO DELLA MARINERIA WASHINGTON PATRIGNANI_PESARO Villa Molaroni, viale Pola 9 16-19, ingresso gratuito il museo racconta, attraverso immagini, documenti e attrezzi, l’affascinante vita del mare e della sua gente. Info. 0721 35588 SINAGOGA via delle Scuole 10-13, ingresso gratuito Nel cuore dell’antico quartiere ebraico, la sinagoga sefardita (o di rito spagnolo) risale alla metà del XVI secolo; conserva ancora il forno per il pane azzimo, la vasca per i bagni di purificazione, la fontanella per il lavaggio delle mani, il pozzo. Info. 0721 387541 CHIESA DI SANT’UBALDO piazza Mamiani

10-13, ingresso gratuito apertura in collaborazione con il Coordinamento delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma il Coordinamento delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma ha scelto di sostenere l’apertura della cappella votiva con propri volontari perché è un luogo simbolo dei caduti di tutte le guerre dall’Unità d’Italia a oggi. Info. 0721 387541 VISITE GUIDATE A PALAZZO DUCALE 9.45, 11.15 Luogo di vita e governo del signore e della sua corte, Palazzo Ducale è il più importante edificio rinascimentale della città. biglietto: 5 euro a persona (gratuito fino a 10 anni) prenotazione obbligatoria, info. e prenotazioni Isairon 338 2629372, info@isairon.it, www.isairon.it EVENTI ESPOSITIVI MUSEO DIOCESANO via Rossini 53 orario 9.30-12.30 e 16-19, ingresso gratuito Portami i libri. soprattutto le pergamene Esposizione di una serie in anteprima delle più significative pergamene medievali e moderne dell’Archivio Storico e Biblioteca Diocesana di Pesaro a cura

dell’archivista Filippo Pinto, nell’ambito delle manifestazioni del Grand Tour Cultura 2012 | 2013, Musei, Archivi, Biblioteche delle Marche: Luoghi “comuni” della creatività. info. 0721.371219 museo@arcidiocesipesaro.it, w w w. f a c e b o o k . c o m / museodiocesanopesaro La mostra sarà aperta anche nei giorni: 23 e 24 febbraio, 2 e 3 marzo 16.00-19.00. FONDAZIONE PESCHERIA – CENTRO ARTI VISIVE Corso XI Settembre 184 orario 10-12.30, 16.30–20.30, ingresso gratuito And the ship sails on mostra di Andrea Nacciarriti a cura di Ludovico Pratesi info. 0721 387651, www.centroartivisivepescheria.it facebook fan_Centro arti visive Pescheria Pesaro SPETTACOLI TEATRALI sala ex cinema di Borgo S. Maria ore 17 Al Borgo Incantato korekané (Rimini) Le penne dell’orco regia di Alberto Guiducci In scena un attore e un musicista che usando l’immaginazione suggeriscono al pubblico azioni rocambolesche e personaggi inventati. Lo spettacolo è narrato

e rappresentato utilizzando unicamente quello che l’attore e il musicista trovano sul palco; con la fantasia un calzino di lana può trasformarsi in un serpente, una noce di cocco in un cavallo, una trombetta in una spada; il tutto accompagnato da curiosi strumenti suonati dal vivo. A partire da 4 anni. Posto unico non numerato, adulti e bambini 4 euro; info. 0721 200753 387196 www.teatroleombre.it INIZIATIVE In.pu.it via Rossini 41 ore 17.00 L’artigiano in vetrina: luce di carta L’artista Prisca Rinaldi accompagnerà il pubblico alla scoperta di alcune delle sue luminose creazioni ore 18.00 In cantina con...la montata di Sant’Angelo in Vado L’azienda La Montata si trova nell’Alta Val Metauro nell’area conosciuta come Massa Trabaria. La composizione dei vitigni è molto varia ore 18.30 Carnevale piccante Il ristorante L’Alberone di Cartoceto presenterà un dolce di carnevale al peperoncino con ricetta segreta

quotidiano online

l’Altro giornale Chiedi di ricevere ogni giorno la tua copia gratuita dove vuoi tu Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


36

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale IL TUO QUOTIDIANO ONLINE

Vogliamo aiutare le aziende a crescere con noi www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

37

ARTE CULTURA SPETTACOLI

IL CARTELLONE

IL RITORNO DELLA PROSA

“Due di noi” a Fano Domani e martedì Lunetta Savino e Emilio Solfrizzi raccontano i paradossi della coppia FANO Primo spettacolo di prosa dell’anno al Teatro della Fortuna. Domani, lunedì 18 e martedì 19 febbraio (inizio ore 21.00) per il cartellone di FanoTeatro, stagione di prosa della Fondazione Teatro della Fortuna in collaborazione con AMAT, con il sostegno di MIBAC e Regione Marche e con il patrocinio di Provincia di Pesaro e Urbino, va in scena Due di noi di Michael Frayn. La commedia è diretta da Leo Muscato, uno dei registi più lanciati del momento, nato come attore nella compagnia di Luigi De Filippo negli anni Novanta e passato poi alla regia, sia di prosa sia d’opera con eccellenti risultati, come dimostrano i successi, tutti nell’anno appena trascorso, de La bohème di Puccini al Macerata Opera Festival, La fuga in maschera di Spontini, coproduzione Festival Pergolesi di Jesi e Teatro San Carlo di Napoli e Nabucco di Verdi al Teatro Lirico di Cagliari. Protagonisti di questa originalissima pièce, Lunetta Savino ed Emilio Solfrizzi, due veri beniamini del pubblico che

debuttano per la prima volta in coppia a teatro. Era il 1998 quando la Savino e Solfrizzi, entrambi pugliesi ed impegnati a costruire due carriere importanti, si incontrano nella capitale ad un provino. Lei proveniva dal teatro, con saltuarie incursioni cinematografiche, lui per anni aveva spopolato al sud insieme ad Antonio Stornaiolo, in un duo comico molto seguito e amato. Quel provino ebbe esito positivo e la regista Cristina Comencini li volle nel cast del film Matrimoni. Quindici anni dopo si ritrovano di nuovo insieme ma a teatro, interpreti di tre emblematiche e paradossali

situazioni matrimoniali. Due di noi fu rappresentata per la prima volta a Londra nel 1970. Era l’esordio teatrale di Michael Frayn, autore allora sconosciuto, che solo una decina d’anni dopo sarebbe diventato famoso in tutto il mondo grazie al successo di Rumori fuori scena. La commedia racchiude tre atti unici sui paradossi del matrimonio, concepiti per essere recitati da un’unica coppia d’attori. Nel primo, Black and silver, un marito e una moglie, entrambi col sistema nervoso logorato da un pargoletto insonne e urlante, tornano in vacanza a Venezia nella stessa camera d’albergo dove avevano

trascorso la luna di miele. Il confronto passato/presente è inevitabilmente comico, tenero, con una punta d’amarezza. Nel secondo, Mr. Foot, la comunicazione di coppia è praticamente azzerata: la moglie sopperisce dialogando in modo surreale con il piede del marito, l’unica parte del corpo che ne tradisce qualche sprazzo emotivo, ad onta della sua ostentata e glaciale indifferenza. L’ultimo, Chinamen, consiste in un vero e proprio virtuosismo drammaturgico e attorale: marito e moglie si ritrovano a dover gestire una cena alla quale hanno invitato, per errore, una coppia

di amici da poco separati e il nuovo boyfriend di lei. Qui il meccanismo comico, spinto al limite della farsa, è potenziato dal fatto che gli stessi due attori, grazie ad un diabolico meccanismo di entrate, uscite e travestimenti, si trovano ad interpretare ben cinque ruoli diversi, dando vita ad un vorticoso crescendo di equivoci fino al paradosso finale. Sono passati ormai quarant’anni da quel felice esordio, ma la freschezza di queste piccole pièces è rimasta intatta, a riprova del loro valore teatrale e della bravura dell’autore. Tre situazioni dove si

evidenziano con umorismo e tagliente sarcasmo l’universo, le mancanze, le tensioni, il logorio dei rapporti coniugali. Tre storie diverse in cui i due bravissimi attori restituiscono le sfumature, gli sguardi, i gesti, le parole di un uomo e di una donna nelle dinamiche di vita in comune, coinvolgendo il pubblico in uno spettacolo che sorprende, diverte e fa anche riflettere. Due di noi è prodotto da Roberto Toni per ErreTiTeatro30 in collaborazione con LeArt’ Teatro. Le scene sono di Antonio Panzuto, i costumi di Barbara Bessi, le luci di Alessandro Verazzi. Info e biglietti: Botteghino Teatro della Fortuna, tel. 0721.800750, botteghino@teatrodellafortuna.it. Biglietterie Circuito AMAT di Pesaro, tel. 0721.1836768; per info altri punti vendita Circuito Amat, tel. 071.2072439. Vendita online www.vivaticket.it o attraverso Pagine Gialle chiamando il numero 89.24.24; punto vendita Vivaticket a Fano, “I Love Fano”, Piazza Costanzi, 16, tel. 338.5206896, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19,30 domenica inclusa.

Cronista per un giorno Segnala ciò che non va nel tuo quartiere Invia testi e foto a: redazione@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


38

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

La carta è una risorsa

l’Altro giornale IL TUO QUOTIDIANO ONLINE

la risparmia www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


www.laltrogiornale.it

Domenica 17 Febbraio

l’Altro giornale

39

LO SPORT

ATLETICA

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI

Tre medaglie per le Marche Argento per Cipolloni e Pistilli, bronzo per Cocchi. Le donne protagoniste nella prima giornata. Oggi attesa alla prova la campionessa europea del triplo Simona La Mantia di FILIPPO ORTENZI ANCONA Le Marche salgono tre volte sul podio nella prima giornata dei Campionati italiani assoluti indoor, con due argenti e un bronzo. Nella gara clou del pomeriggio ad Ancona, quella dell’alto femminile, Enrica Cipolloni sale di un gradino rispetto alla passata stagione e si piazza seconda: davanti a lei c’è soltanto la fenomenale Alessia Trost, leader mondiale dell’anno, che sulla pedana del Banca Marche Palas supera la quota di 1.95. Per la 22enne sambenedettese delle Fiamme Oro (proveniente dalla Tecno Adriatletica Marche) arriva così l’argento assoluto con 1.82 nel terzo e ultimo salto a disposizione, per poi cercare senza successo il record personale di 1.86. A fine gennaio, l’atleta allenata da Francesco Butteri era riuscita a conquistare anche il bronzo nel pentathlon, nonostante un ritardo nella preparazione invernale a causa di un problema alla caviglia destra. Un’altra medaglia assoluta viene dai 60 ostacoli maschili per merito di Andrea Cocchi, terzo in finale con 7"96 e qualche rammarico, perché appena due settimane fa aveva corso lo stesso tempo del vincitore (il vicentino Stefano Tedesco con 7"87). Ma il 30enne recanatese dell’Aeronautica può comunque essere soddisfatto per i miglioramenti ottenuti quest’anno, sotto la guida del giovane tecnico Riccardo Petruzzella. Nella stessa gara, anche il fermano Giovanni Mantovani rimane in lizza per le posizioni di testa, ma si rivela fatale il contatto con un ostacolo

e quindi è costretto a fermarsi. C’è poi un altro podio tricolore per Alessia Pistilli, la 22enne di Matelica che domenica scorsa si è laureata campionessa italiana promesse di corsa campestre sui prati di Abbadia di Fiastra. Stavolta la marchigiana ottiene l’argento under 23 sui 1500 metri al coperto, realizzando anche il record personale con 4’25"09, e inoltre si piazza quarta a livello assoluto. RISULTATI ASSOLUTI 2ª alto: Enrica Cipolloni (Fiamme Oro/Tecno Adriatletica Marche) 1.82 3° 60hs: Andrea Cocchi (Aeronautica) 7"96 finale, 7"94 semifinale, 7"98 batteria 4ª 1500: Alessia Pistilli (Atl. Futura) 4’25"09 12° 60hs: John Mark Nalocca (Carabinieri) 8"23 fin. B, 8"22 sf, 8"29 batt. 13ª 1500: Valentina Talevi (Sef Stamura Ancona) 4’52"02 15° 60hs: Giorgio Berdini (Tecno Adriatletica Marche) 8"47 fin. B, 8"26 sf, 8"27 batt. 15ª peso: Ornella Kelly Nya Yanga (Atl. Avis Macerata) 9.94 17° asta: Leonardo Ottaviani (Atl. Avis Macerata) 4.30 19° 400: Lorenzo Veroli (Enterprise Sport & Service) 49"55 31ª 400: Lara Corradini (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) 59"45 rit. 60hs: Giovanni Mantovani (Aeronautica/Sport Atl. Fermo) rit. fin. A, 7"95 sf, 7"98 batt. RISULTATI PROMESSE 2ª 1500: Alessia Pistilli (Atl. Futura) 4’25"09 8ª 1500: Valentina Talevi (Sef Stamura Ancona) 4’52"02 8ª peso: Ornella Kelly Nya Yanga (Atl. Avis Macerata) 9.94

In alto Enrica Cipolloni (Foto di Giancarlo Colombo) qui sopra Andrea Cocchi (Foto di Maurizio Iesari) 11° asta: Leonardo Ottaviani (Atl. Avis Macerata) 4.30 12° 400: Lorenzo Veroli (Enterprise Sport & Service) 49"55 ASSOLUTI INDOOR: TROST 1,95, BORSI 8.00 Donne protagoniste della prima giornata dei Campionati Italiani

Assoluti Indoor di Ancona. Ieri tutti gli occhi erano puntati sul salto in alto con Alessia Trost che non ha deluso le aspettative confermandosi a 1,95 senza errori. E’ il primo titolo italiano assoluto in carriera della 19enne delle Fiamme Gialle, attuale capolista mondiale stagionale a

quota 2 metri, che affronterà ora un periodo di preparazione in vista dei prossimi Europei Indoor di Goteborg (Svezia, 1-3 marzo). E alla rassegna continentale in sala punta dritta anche l’ostacolista Veronica Borsi. La finanziera laziale si è aggiudicata i 60hs in 8.00, crono a 3 centesimi dal datato primato nazionale di Carla Tuzzi (7.97 nel 1994) e che ne fa la seconda italiana di sempre, la quinta del 2013 in Europa. Bene anche Chiara Rosa (Fiamme Azzurre) nel getto del peso. Il bronzo degli Europei di Helsinki, alla seconda uscita stagionale, si aggiudica la vittoria con un probante 18,11. Al maschile, sfida accesa nel lungo vinto da Stefano Tremigliozzi (Aeronautica) con 7,95, quattro centimetri più avanti di Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle) 7,91. Primato personale per entrambi. Nella finale dei 60hs (alla quale ha rinunciato il primatista italiano Emanuele Abate) un rocambolesco capitombolo all’ultima barriera

taglia fuori dal podio il campione uscente Paolo Dal Molin (Athletic club 96/4° in 7.97) che nel turno precedente aveva corso in 7.67. Titolo a Stefano Tedesco (Fiamme Gialle), 7.87. Oggi la seconda giornata della rassegna tricolore con in gara lo sprinter Michael Tumi (Fiamme Oro), recordaman dei 60 piani, e la campionessa europea indoor del triplo Simona La Mantia (Fiamme Gialle). TV - Anche oggi sono previste due ore e mezza di trasmissione diretta per gli Assoluti indoor di Ancona, dalle 15.00 alle 17.30 su RaiSport 1. Oltre che in tv, sarà possibile seguire le gare via streaming attraverso il sito web di RaiSport. QUESTA MATTINA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “D’ORO E D’AZZURRO” Il libro “D’oro e d’azzurro – Gli olimpionici dell’atletica italiana” (SEI Editrice), scritto dal giornalista Giorgio Barberis, sarà presentato questa mattina presso la sala stampa del Banca Marche Palas, a partire dalle ore 12. L’autore, in compagnia dell’olimpionica Gabriella Dorio (ospite d’onore e, ovviamente, protagonista del volume) racconterà al pubblico la sua esperienza, prestandosi anche alle curiosità provenienti dalla platea. PROSSIME DATE STAGIONE INDOOR ANCONA 2013 23-24 febbraio: Campionati Italiani allievi e juniores 2 marzo: Incontro internazionale juniores Francia-Germania-Italia 8-9-10 marzo: Campionati Italiani master

Chiedi di ricevere ogni mattina una copia gratuita sul tuo computer Collegati al sito www.laltrogiornale.it o invia la tua richiesta a info@laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


40

l’Altro giornale

Domenica 17 Febbraio

www.laltrogiornale.it

l’Altro giornale IL TUO QUOTIDIANO ONLINE

Con le notizie e le opinioni scritte dai lettori www.laltrogiornale.it redazione@laltrogiornale.it


l'Altro giornale di domenica 17 febbraio 2013  

l'Altro giornale di domenica 17 febbraio 2013

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you