Issuu on Google+

LOME

Ed. La Maddalena


LOME

Ed. La Maddalena


Luciano Cecchinel, Andrea Zanzotto, Lome, Marco Paolini

IN MEMORIA DI ANDREA ZANZOTTO


Lome, i Colori della Poesia / Lome, The Colours of Poetry Intervento critico di / Critic review by Fabio Cavallucci

Catalogo edito in occasione della mostra Catalogue edited for the exhibition “i Colori della Poesia” Museo di Santa Caterina Piazzetta Botter, 1 - Treviso 6 ottobre - 21 ottobre 2012 / 6th - 21st October 2012 dal martedì alla domenica 9.00-12.30 14.30-18.00 Tuesday to Sunday 9.00-12.30 a.m. 2.30-6.00 p.m. (lunedì chiuso) / (Monday closed) info@museicivicitreviso.it www.museicivicitreviso.it

Organizzazione / Organization Città di Treviso “Bosco dei Poeti”

Con il sostegno di / With the support of RIFUGIO FUCIADE - Soraga (Tn) SELBER GROUP - Trento-Verona Promozione e sviluppo iniziative immobiliari - costruzione e vendita CERDÀ ARREDAMENTI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Ufficio Stampa / Press Office Luigi Zoppello Loris Stanchina

Traduzioni / Translation Lucy Baldissera

Informazioni / Info Boscodeipoeti Vicolo S.M. Maddalena,16 - Trento Loc. Vergnana Km 318 - Dolcè (Vr) Tel. 349 2585007 info@boscodeipoeti.it www.lomearte.it

Foto ed elaborazioni grafiche di / Photos and graphics by Claudio Rensi Stefano Benedetti Manuel Giuliani Paolo Utimpergher Sante Agostini Davide Menguzzato Emanuela Rossi Vasco Januario Denis Osler Venerdì 5 ottobre ore 17.30 / Friday 5th October at 5.30 p.m. inaugurazione della mostra / exhibition Opening e interventi poetici di / and poetic interludes by Luciano Cecchinel Pier Franco Uliana Alessandra Pellizzari Domenica 14 ottobre ore 17.00 / Sunday 14th October at 5.00 p.m. letture e interventi poetici di / readings and poetic interludes by Francesco Targhetta Antonio Turolo Giovanni Turra Domenica 21 ottobre ore 17.00 / Sunday 21st October at 5.00 p.m. il gruppo di lettura “Leggere Insieme” di Treviso presenta: / the reading group “Leggere Insieme” from Treviso presents: Luoghi e Paesaggi di / by Andrea Zanzotto conversazione con / a conversation with Matteo Giancotti Impaginazione e stampa / Layout and printing Litografia Effe e Erre, Trento Si ringrazia / Thanks to un particolare ringraziamento a Marisa Michieli Zanzotto, ai poeti Luciano Cecchinel, Pier Franco Uliana, Alessandra Pellizzari, Francesco Targhetta, Antonio Turolo e Giovanni Turra. A Fabio Cavallucci e Saverio Simi de Burgis per gli interventi critici. All’amministrazione del Comune di Treviso nelle persone dell’Assessore alla Cultura Stefano Pimpolari e di Emilio Lippi per il Museo Civico di Santa Caterina e il sistema biblioteche del Comune di Treviso. Un ringraziamento alla Provincia Autonoma di Trento per il sostegno all’iniziativa; agli amici e collezionisti, Gabriele Zucchelli, Diego Chistè e famiglia, Sergio ed Emanuela Rossi, David Cerdà, Emilio Selber, Massimo Tarter, Stefano Benedetti, Luigi Zoppello, Nicola Cicchelli e a tutti coloro che hanno prestato delle opere per la realizzazione del catalogo e della mostra.

Mostra e catalogo realizzati in collaborazione con / Exhibition and catalogue in partnership with

Rifugio Fuciade


FABIO CAVALLUCCI

“i Colori della Poesia”

Se un tempo la mia interpretazione del lavoro di Lome poteva essere inficiata dalla vicinanza, dalla frequentazione pressoché quotidiana instaurata negli anni trentini, ora passa inevitabilmente sotto il vaglio della distanza. La figura dell’amico, del consigliere, dell’instancabile animatore che ha contribuito non poco al successo della Galleria Civica di Trento negli anni in cui ho avuto l’opportunità di dirigerla, passa ora in secondo piano, ed emerge, anche con maggiore forza, il carattere del suo lavoro d’artista. Lavoro inconsueto, perché pervicacemente attaccato a valori che potrebbero sembrare superati, ma che, visto da lontano, in quest’epoca attraversata da enormi mutamenti sociali e culturali, si fa forse presentimento di modelli e visioni per il domani. Il bosco Tra tutti gli interessi - le passioni, direi - che Lome raccoglie nella sua multiforme personalità, uno emerge: l’intuizione del valore di una vita aderente alla natura. Il bosco presso Dolcè, che egli ha cominciato a coltivare una decina di anni fa, è diventato pian piano il suo regno e lo spazio delle sue invenzioni. Qui egli raccoglie le poesie e i disegni di centinaia di poeti e artisti, qui realizza eventi ai confini tra le arti dove la pittura incontra la musica, il teatro e la poesia, qui trascorre molte delle sue giornate a dipingere, a trasferire su carta o tela le forme e i colori della sua fantasia. Lo studio d’artista - per quanto Lome ne possegga uno del tutto speciale, che sale in verticale in un palazzotto di vicolo S. Maria Maddalena a Trento - negli ultimi anni ha cominciato sempre più a spostarsi nel bosco. E ciò non è senza ragione. Con quell’imperscrutabile sensibilità che è propria degli artisti veri, Lome ha intuito per tempo i cambiamenti a cui il mondo deve andare incontro. E ha dato una sua propria risposta: non nei valori dell’economia, che ha guidato senza successo l’intera nostra società negli ultimi decenni, non in quelli della tecnologia, che nel frattempo allettavano molti suoi coetanei, ma in quelli della natura e della poesia va riposta la speranza del futuro. A guardarla con gli occhi di oggi, con quelli di una crisi che attanaglia tutti i continenti e mette in dubbio oltre che il sistema sociale consolidato anche la visione del futuro come progresso, sembra una risposta di estrema avanguardia. Fare a mano Comincia in qualche grado a farsi strada un’idea di futuro non come progresso, continua espansione, ma sosta e approfondimento. Ciò non significa necessariamente recessione, bensì affermazione di valori antichi, duraturi. Così il concetto di manufatto, di prodotto artigianale, torna ad essere fondamentale. E se è vero

Dedica di Giulio Turcato per copertina di tesi

Con Luigi Serravalli al Bosco dei Poeti

Malamocco (Venezia)

Bodeguita del Medio Avana, presentazione del libro/oggetto “Campai Sodo”

7


Con Fabio Cavallucci, Gigi Zoppello e Giobatta Meneguzzo al Museo Casabianca di Malo (Vicenza)

Con Nicola De Maria al Museo Diocesano Tridentino

Foto di gruppo amici e artisti della Galleria Civica di Trento sul Lagorai

Con Gianmarco Montesano e Maurizio Cattelan a Malga Caldenave, Lagorai

8

che tutta l’arte è in fondo un artigianato speciale, che anche quando utilizza le nuove tecnologie in genere mantiene il senso della qualità individuale di un prodotto ancora direttamente controllabile nella sua esecuzione, l’interesse per la realizzazione manuale è presente nell’arte di Lome in misura molto maggiore di quella di tanti altri suoi coetanei. Non si tratta solo della ricerca del sapore della manualità. E nemmeno di utilizzare le materie tradizionali, quali la tela o la carta, i colori a olio, o anche il metallo, il vetro, la ceramica. No, c’è qualcosa di più: la volontà di stabilire un dialogo stretto con il pubblico. Un’opera, in fondo, per Lome, è soprattutto una forma di comunicazione diretta. Serve ad accorciare le distanze, a stabilire una relazione, e quindi non può essere mai troppo distante, mediata dalla tecnologia, ma deve avere il carattere del rapporto ravvicinato, della conversazione a tu per tu. Questo è il carattere che solo la pittura e la scrittura possono dare. L’opera migliore, per Lome, è in fondo una lettera colorata scritta a mano e inviata a una sola persona. La gente Si direbbe che negli ultimi anni Lome abbia ridotto i temi delle sue opere ad uno: la gente. Sono volti di persone che guardano la luna, che sognano il mare, che attraversano il bosco, quelli che l’artista rappresenta nei disegni, nelle pitture e nelle sculture. È un po’ come se un pubblico enorme, una serie interminabile di figure, si affacciasse alle finestre e lui li ritraesse uno ad uno, con quel tratto volutamente fanciullesco e svagato. Ultimamente - bellissimi - una serie di dipinti su carta, dove il colore lascia il posto a scale di grigi, come se tutti quei volti avessero abbandonato la solarità del giorno e fossero stati colti di notte sotto la luna. In un momento in cui molti artisti affrontano i temi più vari, le problematiche più altisonanti, è sorprendente vedere come qualcuno non tema la banalità della semplicità. La gente, dunque, è il centro dell’attenzione dell’artista, anche qui riconoscendo uno dei punti nodali delle possibilità di sviluppo futuro. Qual è infatti l’investimento maggiore che la nostra civiltà dovrebbe fare per superare i nodi irrisolti di questi anni? Qual è, insomma, il bene principale che la società possiede? Non la tecnologia, che da sola non sembra in grado di risolvere nessuno dei problemi dell’umanità. Non l’economia, che ha mostrato tutti i suoi limiti portando il mondo verso l’abisso. Non le risorse energetiche, che faticano a tenere il passo con le richieste del presente livello di vita. Sono le persone il vero capitale dell’umanità, quelle che con locuzione economicistica sono dette le “risorse umane”. E la gente, le persone che lo circondano, formano il circo colorato che l’artista ama nella vita e nella pittura.


Arte sociale Se l’arte è principalmente un mezzo di comunicazione, ha bisogno di apparire nei luoghi frequentati quotidianamente: le piazze, gli uffici, le scuole, le chiese. È così che Lome attiva una particolare declinazione del carattere sociale dell’arte, quello che da sempre la mette in relazione con lo spazio e con l’architettura. Cancelli, vetrate, pareti decorate, sono i lavori che egli lascia ai posteri in via duratura in luoghi pubblici di varia natura, sia la scuola di Cadine, la Banca di Levico, la piazza di Carisolo, o la cappella dell’Aeroporto di Orio al Serio. O anche il Lido Palace Hotel di Riva del Garda, dove l’artista ha realizzato le decorazioni del bar, grazie a una proficua collaborazione con l’architetto Alberto Cecchetto. In questo modo l’arte di Lome punta ad affermare una delle sue principali qualità: la volontà di dialogo, l’aspirazione a parlare della gente dove la gente si trova. Ut poesis pictura La poesia è come la pittura, ut pictura poesis, diceva Orazio: capace di produrre un affresco nella mente del lettore. La pittura è come la poesia, sostiene ora Lome, trovandosi in perfetta sintonia con alcuni grandi artisti contemporanei, primo fra tutti Nicola De Maria, e poeti come Andrea Zanzotto. Ma non è solo amore per la poesia - amore che lo ha fatto diventare familiare con poeti e scrittori come Luigi Serravalli e Alda Merini, con i quali ha prodotto libri d’autore, oggetti preziosi per forma e contenuto. Il modo con cui Lome realizza i suoi dipinti ha tanta affinità con il procedimento compositivo della poesia, almeno con una sua declinazione, quella che da sempre ha valorizzato l’istinto fanciullesco, la sensibilità più che la ragione. Così, tutti i suoi lavori si possono vedere come una liberazione delle forze dell’inconscio, come un gioco infantile di composizione. Ritmi di linee, di forme e di colori, come parole e suoni che stimolano emozioni. Che poi questa forma di poesia visiva punti a trovare un contatto con l’ambito sonoro non è l’ultima delle intuizioni che forse inconsciamente Lome ci consegna. Sculture suonate, proiezioni di immagini e suoni, performance tese ad attivare più sensi: sono solo alcune delle modalità con cui Lome avvia la strada della sinestesia. Così come è stato agli albori dell’umanità, quando l’arte era un ritmo di immagini e suoni, una danza, una poesia in mezzo alla natura.

Con Arturo Schwarz e Gigi Zoppello al Bosco dei Poeti

Ritratto di Enzo Obiso

Con Fernanda Pivano e Roli Hope Odeka Notte dei Poeti, Biennale di Venezia

Con Umberto Eco al Premio Telecom “Contagiare bellezza”, Università statale Milano

9


FABIO CAVALLUCCI

Festa al Bosco dei Poeti, 2006

Con Ben Vautier a Nizza

Con Francesco Conz, Gerard Broutin, Alain Satie per Lettrism in Verona

Lome in Egitto

10

“The Colours of Poetry”

If some time ago my interpretation of Lome’s work could be clouded by our long term relationship and the daily association with him in Trento, now it inevitably deals with distance. The figure of the friend, advisor, tireless promoter who considerably contributed to the success of the Civic Gallery of Trento during the years I had the opportunity to direct it, is now secondary, and the character of his artist’s work emerges even stronger. An unusual work, because it is obstinately attached to values which could seem outdated, but, seen from far, it might be a premonition of models and visions for tomorrow, in this time of significant social and cultural changes.

The wood Among all the interests – passions, I would say – that Lome collects in his multiform personality, one emerges: the intuition of the value of life in harmony with nature. The wood near Dolcè, which he started to grow about ten years ago, has slowly become his reign and the place for his inventions. There he collects the poems and the drawings of hundreds of poets and artists, creates events beyond the art boundaries where painting meets music, theatre and poetry; there he spends days painting, transferring on paper the shapes and colours of his imagination. The artist’s studio, even though Lome has a very special one which develops vertically in an old building in one of Trento’s alleys - vicolo S. Maria Maddalena - has started to move progressively to the wood in the recent years. And not without a reason. With the inscrutable sensitivity only true artists have, Lome saw in time the changes the world has to go through and gave his own answer: not in the values of economy, which has unsuccessfully led our society in the past few decades, not in the values of technology, which meanwhile attracted many people of his age, but in the values of nature and poetry does the hope for the future lie. Looking at it with today’s perspective, of a crisis which grabs all continents and questions not only the consolidated social system but also the vision of the future as progress, it seems a very avant-garde answer. Doing by hand An idea of the future not as progress, constant expansion, but pause and deepening is starting to make its own way. This doesn’t necessarily mean recession but ancient and long-lasting values. So, the concept of manufactured, handcrafted product, regains its importance. And, if it’s true that all arts are a special form of craftsmanship, and that also when art uses new technologies it generally keeps the individual quality of a product directly controllable while being created,


craftsmanship is more present in Lome’s art than in the art of most people his age. It’s not only a search for the taste of manual skills. It’s not even the use of traditional materials like cloth, paper, oil colours or also metal, glass, and ceramic. There is something more: the will to establish a close dialogue with the public. A work of art for Lome is above all a form of direct communication. It helps shorten distances, establish a relationship, so it can never be to distant, influenced by technology, but it must have the character of a close relationship, a one-to-one conversation. This is the character that only painting and writing can give. The best work of art for Lome is, in the end, a coloured letter, written by hand and sent to one person only.

The people Apparently, in the past few years, Lome has reduced the themes of his works to one: the people. It is the people’s faces looking at the moon, dreaming about the sea, crossing the wood, those who the artist represents in his drawings, paintings and sculptures. As if a large audience, an endless series of figures were looking out of the window and he portrayed them one by one, with his intentionally childish and dreamy artistic style. Recently he has created a series of beautiful paintings on paper, where the colour leaves space to shades of grey, as if all those faces had abandoned the light of the day and had been caught at nighttime under the moon. In a time when many artists deal with the most various and bombastic themes, it is surprising to see how someone doesn’t fear the triviality of simplicity. Therefore, the people are at the centre of the artist’s attention, indicating one of the starting points for a possible future development. Which is, in facts, the major investment our civilization should make in order to overcome the unsolved knots of these years? Which is, in the end, the main asset that society owns? It isn’t technology, which alone doesn’t seem to be able to solve the problems of humanity. It isn’t economy, which has shown all its limits leading the world towards the abyss. It isn’t the energetic resources, which can hardly catch up with the requirements of today’s lifestyle. It is the people who are the real capital of humanity, those who are called “human resources” in the economism jargon. And the people, those who surround him, form the coloured circus that the artist loves in life and in painting. Social art If art is mainly a means of communication it needs to appear in the places which are populated every day: squares, offices, schools, churches. It’s in this this way

Con Luigi Ontani a Roma

Statue Suonate, Piazza Italia a Trento

Con Stefano Benedetti, Piazza Duomo a Trento

Con Jack Hirschman e Ferruccio Brugnaro in Verona

11


Con Heinrich Bunzel in Botanikum, Monaco

Con Jacob de Chirico per “Forest Magic Mountain”, Terrazza FAO a Roma

Colori / Colors

12

that Lome activates a particular declination of the social character of art, what has always put it in relation with space and architecture. Gates, glass windows, decorated walls are the works he leaves to posterity, forever, in various kinds of public places, among which Cadine’s school, Levico’s bank, Carisolo’s square, and the chapel of Orio al Serio’s airport. And also the Lido Palace Hotel in Riva del Garda, where the artist made the bar decorations thanks to the collaboration with architect Alberto Cecchetto. In this way Lome’s art aims to state one of its main qualities: the will to dialogue, the aspiration to talk to the people wherever the people are.

Ut poesis pictura Poetry is like painting, ut pictura poesis, Orazio said: it is able to produce a fresco in the mind of the reader. Painting is like poetry, now Lome says, being in perfect harmony with some great contemporary artists, first of all Nicola De Maria, and poets like Andrea Zanzotto. But it’s not only love for poetry, love which made him familiar with poets and writers like Luigi Serravalli and Alda Merini, with whom he has realized author’s books, precious objects for shape and contents. The way Lome creates his paintings has much affinity with poetry’s composition process, at least with one of its declinations, the one which has enhanced the childish instinct, sensitivity rather than reason. So, all his works can be seen as the liberation of unconscious forces, a childish game of composition. Rhythm of lines, shapes and colours, like words and sounds that stimulate emotions. The fact that this form of visual poetry aims to find a contact with the sound environment is not the last intuition that Lome is giving us. Played sculptures, sound and vision projections, performances which tend to activate more than one sense: these are only a few ways in which Lome opens the path to synesthesia. Just like it was at the beginning of humanity, when art was a rhythm of images and sounds, a dance, a poem in the middle of the nature.


13


“Sentinelle al Vento� Scuola elementare di Cadine (Tn) progetto arch. Enrico Odorizzi / project by Enrico Odorizzi, architect - corten e resine colorate / corten and cloured resins

14


“Sentinelle al Vento� Scuola elementare di Cadine (Tn) progetto arch. Enrico Odorizzi / project by Enrico Odorizzi, architect - corten e resine colorate / corten and cloured resins

15


Levico Terme, Cassa Rurale, progetto arch. Arrigo Dalfovo / project by Arrigo Dalfovo, architect vetrofusione / glass fusing

16


Levico Terme, Cassa Rurale, progetto arch. Arrigo Dalfovo / project by Arrigo Dalfovo, architect vetrofusione / glass fusing

17


Loppio Mori, collezione privata / private collection scultura in corten e tela su pannello / corten sculpture and canvas on panel

18


Progetto “Limite Valicabile” ex Ospedale psichiatrico ora Scuola Marie Curie, Pergine Valsugana / “Limite Valicabile” project for the ex Psychiatric Hospital now Scuola Marie Curie - sculture in ferro / iron sculptures

19


20


Casa Serena, Cognola (Tn) affresco / fresco

Casa Serena, Cognola (Tn) - scultura in ferro / iron sculpture

21


“Concorso artistico rotatoria di Trento sud” progetto / project

22

Pinè - sculture in ferro / iron sculptures


23


Lido Palace Hotel, Riva del Garda in collaborazione con / in partnership with Studio Cecchetto (Venezia)

24


Lido Palace Hotel, Riva del Garda in collaborazione con / in partnership with Studio Cecchetto (Venezia)

25


Padiglione edili Scuole Enaip, Villazzano, progetto / project by PAT Servizio Edilizia Pubblica arch. Enrico Depetris architect

26


Padiglione edili Scuole Enaip, Villazzano, progetto / project by PAT Servizio Edilizia Pubblica arch. Enrico Depetris architect

27


Cappella S. Vigilio, Centro Giovanni Paolo II, Loreto – vetrofusione / glass fusing

28


Cappella S. Lorenzo, Storo – vetrofusione / glass fusing

29


Cappella ipogea, Aeroporto di Orio al Serio (Bg) - vetrofusione / glass fusing

30


Transacqua, disegni per fonte battesimale - progetto / project

31


“Sentinella con Cuore”, Rifugio Fuciade, Soraga - scultura in ferro / iron sculpture, 200 cm

32

“Lunatica”, Rifugio Fuciade, Soraga - scultura in ferro / iron sculpture, 305 cm


33


34

“A un passo dalla luna�, Arco, collezione privata / private collection - scultura in ferro / iron sculpture, 63 cm


“Pettoruta� - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 75 cm

35


36

“Tanto di Capelli� - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 75 cm


“Pensieri al Vento�, collezione / collection Comune di Trento scultura in ferro e resine colorate / iron sculpture and coloured resins, 50 cm

37


“Il Buon Pastore� scultura in ferro e resine colorate / iron sculpture and coloured resins, 90 cm

38


“Ti porto un fiore� scultura in ferro e resine colorate / iron sculpture and coloured resins, 90 cm

39


40

“Tu grande come un Loto� - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 150 cm


“Pensare all’infinito” - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 75 cm

41


“Insieme” - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 150 cm

42

“Di Voglia e di foglia” - scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 150 cm


43


“African Makeba� scultura in ferro e resine colorate / iron sculpture and coloured resins, 60 cm

44


“Maori, madai, Masai� scultura in ferro e resine colorate / iron sculpture and coloured resins, 90 cm

45


“Amore è condivisione”, collezione privata / private collection, Trento scultura in ferro / iron sculpture, 90 cm

46


“I Fiori del Bene� scultura in ferro corten / corten iron sculpture, 150 cm

47


48


da / from “FRAME MUTAZIONI” - pittura su diapositiva di vetro / painting on glass slide, 3,6x2,5 cm cad. / each

49


“Bandiera della Poesia�, Atletico Poeti. Sul retro firme di / on the back the signatures of Lawrence Ferlinghetti, Jack Hirschman, Mary de Rachewiltz, Patrizia Cavalli, Patti Smith

50

Acquarello omaggio a Zanzotto / watercolour dedicated to Zanzotto


51


Chateau de Forges, Concremiers (Francia) stendardi / banners

52


Centro storico di Feltre (Bl) stendardi / banners

53


“La mia Bandiera si chiama Poesia�, Palazzo Lodron - Giardino dei Ciliegi e Corte Lodron, Nogaredo

54

Acquarello omaggio a Zanzotto / watercolour dedicated to Zanzotto


55


“Ti vedo amorosa Luna�, collezione privata / private collection, Trento - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

56


“Chiari strumenti Suonano” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

57


“La Tua nuda bellezza” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

58


“Rientri Tu, come in Sogno” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

59


“Danza l’infinito – Iside” - olio su tela / oil on canvas, 70x100 cm

60


“Nell’Arena” - olio su tela / oil on canvas, 70x100 cm

61


“Nelle speranze nel Tuo infinito” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

62


“Carico del Tuo dolce destino” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

63


“Matura serenità” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

64


“Canta i giardini che non sai mio cuore� - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

65


“A riveder le stelle e lucciole per lanterne� - olio su tela / oil on canvas, 40x60 cm

66


“Così vicino, così lontano” - olio su tela / oil on canvas, 70x100 cm

67


“La Notte dell’Ercabuan - Arcobaleni” - olio su tela / oil on canvas, 80x120 cm

68


“Di prima Notte” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

69


“Economie et Poesie”, “Finanziere Arabo”, “Sura Natura”, “Sogno Corallo” acquarelli e collage / watercolours and collage

70


“Tentazione e Rivelazione”, “Poeta del Quotidiano”, “Non è tutto oro ciò che riluce”, “Se piove col Sole El Pais” acquarelli e collage / watercolours and collage

71


“Con la forza grande dell’Amore” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

72


“Digitale, analogico, bianco e Nero� - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

73


“Nell’effervescente Natura” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

74


“Come il linguaggio delle Farfalle” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

75


“La Notte ha infinito tumulto” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

76


“Cellulare primitivo” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

77


“Ti vedo e non credo” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

78


“Dove ora è buio” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

79


“Come Sole come fuoco” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

80


“La Luce che il Vento a spento” - olio su tela / oil on canvas, 120x70 cm

81


“O Musa come il cielo sopra il mare� - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

82


“Della doppia unità” - olio su tela /oil on canvas, 120x80 cm

83


“Per Pulcini e per Elefanti” olii su cartone / oils on cardboard, 15x10 cm

84


“Per Pulcini e per Elefanti” olii su cartone / oils on cardboard, 15x10 cm

85


“della Nuova Visione” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

86


“L’Alta Lode della Luna” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

87


“e un’Acqua Antica Canta” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

88


“dove piange il Vento…” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

89


“Muse quotidiane” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

90


“Che è preda del Vento” - olio su carta / oil on paper, 70x50 cm

91


“Testa di un Darwinista nel bosco” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

92


“Aurora Cellulare” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

93


“Sveli e Ti riveli” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

94


“Le Sorgenti Cantano” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

95


“Perdidas palabras locas”, “una vastità di futuro”, “il Cuore ha argini stretti”, “I Tuoi occhi puri di ogni ombra” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

96


“Come la memoria del Fiore”, “di giorno nei pensieri, di notte nei Sogni”, “Per bere dalla Luna”, “Il silenzio rotondo della Notte” - olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

97


“Addio, proibito piangere” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

98


“Come frutto d’Estate” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

99


“Di fresche Visioni” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

100


“Dalla Luna un lampo” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

101


“e lenta sale la grigia Luna� - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

102


“Un nuovo Suono” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

103


“La patrie s’enfuit / Fugge la Patria”, “un rectangle de ciel”, “Anche gli Alberi sono grigi”, “Le coeur etait crevé” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

104


“Labbra del perdono”, “l’Aurora non ha schiuso i suoi occhi”, “Nelle siepi rotola la rugiada”, “La Tua muta bellezza” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

105


“Come fresco frutto della Terra” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

106


“Tu luce della Foresta” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

107


“Ho udito che bisbigliavi nell’Erba”, “Come l’ombra del bosco rinato”, “ho invidiato le piante”, “Nelle piante della Foresta” olii su carta / oils on papers, 70x50 cm

108


“Nel Sonno della Foresta” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

109


“Io guardo Tu Fiorisci” (omaggio a / tribute to Patrizia Cavalli) - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

110


“Dillo con le Tue parole” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

111


“Fanciulle stanno alle porte”, “e disperde i suoi petali”, “Toccare il Limite dell’Oscuro Lontano”, “In un Vago tremolio di Stelle” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

112


“La Musa non posa” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

113


“Così vicina così lontana” - olio su tela /oil on canvas, 100x70 cm

114


“Le Tue parole come Musica” - olio su tela / oil on canvas, 60x40 cm

115


“Per Lei vagherà di Notte”, “della doppia unità”, “di Tribali sensi”, “Nel tuo infinito” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

116


“Nella stessa Luce”, “Bello è il silenzio della Notte”, “La Notte è la Tela del Mattino”, “e lascia uscire l’Aurora” olii su carta / oils on paper, 70x50 cm

117


“X Te” - olio su tela / oil on canvas,120x80 cm

118


“Unione e Condivisione” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

119


“Con Te il Futuro” (per / for Angela e Silvio) - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

120


“Scelsi quest’unica Stella” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

121


“Mi ritorni in Sogno” - olio su tela / oil on canvas, 120x80 cm

122


“Rovesciai la rugiada” - olio su tela / oil on canvas, 100x70 cm

123


1985 70° Collettiva Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia “Apparizioni” Castello di Stenico (TN) a cura di / by Danilo Eccher 1987 “Kunstler” personale Traklhaus, Salisburgo (Austria) a cura di / by Luigi Serravalli 1988 Performances “Canto profano, miniere di neve e di sangue”, personale Aula Magna Accademia di Belle Arti di Venezia “Situazioni” Museo d’arte moderna e contemporanea, Palazzo delle Albere, Trento a cura di / by Gabriella Belli, Danilo Eccher, Luigi Serravalli, Rinaldo Sandri e / and Giorgio Mascherpa “Senza limite/unbegrentz “Stigt Viktring, Klagenfurt (Austria) a cura di / by Luca Massimo Barbero Performances “Hermes, Tibet, meraviglioso Mauro”, Facoltà di Sociologia all’Università di Trento 1989 “Estate artisti di galleria”, galleria il Cenacolo - Trento “La memoria di Otto / Otho”, personale, la Bottega dell’antiquariato, Trento a cura di / by William Belli “Sguardi a sud/sud est”, personale, sale comunali Ragoli - Madonna di Campiglio 1990 “Oltre la soglia”, personale, galleria Pancheri, Rovereto 1991 3° Biennale selezione triveneta, Cattedrale ex macello, Padova a cura di / by Giorgio Segato “A chi spara il cacciatore?” Sala della colonna, Cles; galleria Quadriarte, Trento a cura di / by Riccarda Turrina “Beauty is difficult”: homage to Ezra Pound “Museo d’arte moderna, Bolzano a cura di / by Vanni Scheiwiller, Piero Dorazio e / and Rossana Bossaglia “I disastri della guerra”, Casa degli artisti a Tenno; Auditorium comunale di Riva del Garda Videoperformances “una fatale origine blu”, personale, Kunstrampe, Merano “Last Wawe” teatro fabbrica Michelin, Trento; a cura di / by Luigi Serravalli “Arte prima 97”, contatto Europa, laboratorio internazionale di Milano “Zirudele, strambotti, epigrammi e frottole” (ed. La Maddalena), libro/oggetto con Luigi Serravalli; Centro culturale Rosmini, Trento; galleria Le due spine, Rovereto; Sala congressi Rainalter, Madonna di Campiglio; Museo d’arte moderna di Bolzano “Relitti/Wrecks. intervento per una Jugoslavia senza massacri e guerra”, personale, piazza Duomo a Trento

L O M E LORENZO MENGUZZATO Nato a Trento il 27 agosto 1967. Ha frequentato nel 1983 a Venezia la Scuola Internazionale di Grafica con Riccardo Licata. Diplomato al corso di pittura aula Emilio Vedova all’Accademia di Belle Arti di Venezia del 1987/88. Borsa di studio nel 1989 del Comune di Trento per la frequentazione della stamperia/laboratorio di Giorgio Upiglio a Milano. Lavora a Trento e Dolcè (VR).

Born in Trento on 27th August 1967. In 1983 he attended the International Graphics School in Venice with Riccardo Licata. He graduated in painting (course held by Emilio Vedova) at the Accademia di Belle Arti of Venice in 1987/88 academic year. In 1989 he received a grant from Comune di Trento to attend Giorgio Upiglio printing laboratory in Milan. He works in Trento and Dolcè, Verona.

1992 “Campai sodo”, libro/oggetto con Luigi Serravalli, Museo d’arte moderna, Bolzano; museo Casabianca, Malo (VI). Pres. Nanda Vigo, Giobatta Meneguzzo “Opere”, personale, galleria d’arte Grigoletti, Pordenone STUDIO

124

Rosso: mostre personali / individual exhibitions Nero: mostre collettive / group exhibitions Blu: premi, incarichi e concorsi / awards, commissions, contests

Vicolo Santa Maria Maddalena, 16 38122 Trento cell. +39 349 2585007 info@boscodeipoeti.it www.boscodeipoeti.it www.lomearte.it


1993 “Il tempo dell’immagine, l’immagine del tempo“ studio Zembanini in Trento “Diplo” fiera del libro d’arte, Museo d’arte moderna e contemporanea, Trento e Rovereto; fortezza Da Basso, Firenze “Campai sodo”, libro/oggetto con Luigi Serravalli, la bodeguita del medio, Avana (Cuba) “Segnalazioni urbane” Galleria Civica e quartiere Savonarola, Padova - su invito di Danilo Eccher “Uno per uno” museo Casabianca, Malo (VI) a cura di / by Achille Bonito Oliva, Barbara Pascoli, Boris Brollo e / and Tiziano Conti “Premio città di Laives”, Laives, Bolzano “No Wars” Castello di Rovereto; Museo della guerra a cura di / by Maurizio Scudiero 1994 “40 per 40” galleria Grigoletti, Pordenone 1995 “Assenza”; maratona per Sarajevo, Dro (Trento) “Stanze/Bunker” performances con “destinazione Loa”, circolo culturale Arcipelago “Le montagne dell’Alto Adige negli ex libris”, Castel Mareccio (BZ) “Correnti ed arcipelaghi” a cura di / by Lui­gi Serravalli, Castel Ivano (TN) 1996 Premio “La colomba”, Venezia 1° premio nazionale d’arte contemporanea / 1st national prize for contemporary art A. Volpi, Pisa 1997 “Architettura di vetro”, personale presso la Galleria d’architettura a Trento a cura del / by Circolo Trentino per l’Architettura contemporanea 1998 1° premio per la realizzazione di una vetrata per la chiesa presso la casa per anziani di Storo e Bondone (TN) / 1st prize for the creation of a glass window for the church of the rest home in Storo and Bondone “La soglia ed oltre” - arte ed ambiente - Castel Ivano - Ivano Fracena “Arte a palazzo” - Palazzo Barbi, Cembra (TN) 1° premio per la decorazione dell’atrio del nuovo ospedale di Ala / 1st prize for the decoration of the hall of the new hospital of Ala 1999 Incarico ed esecuzione del monumento per la piazza “Due Maggio” di Carisolo (TN) / Commission and creation of the monument for Piazza Due Maggio in Carisolo “Segni Cortesi” Museo Casabianca di Malo (VI)

Incarico ed esecuzione vetrata a nord est della cappella della casa di soggiorno per anziani di Storo/Bondone / Commission and creation of a glass window in the north-east of the chapel of the rest home in Storo and Bondone Studio ed esecuzione per le vetrate sacre della cappella ipogea dell’aeroporto di Orio al Serio (BG) / Study and creation for the sacred glass windows of the underground chapel at the airport of Orio al Serio, Bergamo 2000 Biennale d’arte Postumia - museo d’arte moderna - Gazzolo degli Ippoliti (Mantova) “Astrattismo Trentino” - Galleria d’arte il cenacolo - Trento “Inciso tra memoria e presente” - Palazzo Libera - Museo della grafica - Villalagarina (Rovereto) “Postumia” Civico Museo Parisi Valle - Maccagno (Varese) 2001 “A sirena Spietata” - libro oggetto con Luigi Serravalli MART archivio 900 - Rovereto “A sirena Spietata” - libro oggetto con Luigi Serravalli - Museo laboratorio Casabianca - Malo (VI) “Incarico ed esecuzione per le vetrate della cappella San Vigilio - casa della Gioventù - “Centro Giovanni Paolo Secondo” - Loreto / Commission and creation of the glass windows of S. Vigilio Chapel - casa della Gioventù - “Centro Giovanni Paolo Secondo” - Loreto A sirena Spietata” - libro oggetto con Luigi Serravalli - Palazzo del Duca - Museo d’arte moderna - Senigallia 2002 Incarico ed esecuzione di due sculture in bronzo e quattro affreschi per “Casa Serena” - Cognola (TN) / Commission and creation of two bronze sculptures and four frescos for “Casa Serena” Cognola (TN) “Superotto” libro d’artista, con Luigi Serravalli, Galleria Civica Contemporanea - Trento “Yourself”, Sesto Senso - Bologna III Biennale d’arte Postumia, Museo d’Arte Moderna - Gazzolo degli Ippoliti (Mantova) e Museo Boldini (Varese) “Magiche Montagne”, Castel Thun (Trento), a cura di / by Patrizia Buonanno “Acqua Fonte di Vita”, 59a Mostra del Cinema di Venezia, Chiostro di S. Nicolò - Lido di Venezia “Presenze”, Arte contemporanea Senzafissadimora, Villalagarina (Rovereto) a cura di / by Rita Matano “Mutazioni”, Videoinstallazione sonora per il Festival Musica 900 e Galleria Civica d’arte Contemporanea, Centro polifunzionale dell’Università degli Studi di Trento / Sound and vision installation for the Festival Musica 900 e Galleria Civica d’arte Contemporanea, Centro polifunzionale dell’Università degli studi di Trento “Segni Cortesi per Meneghello”, Museo laboratorio Casabianca - Malo (VI)

125


2003 Incarico ed esecuzione delle Vetrate artistiche per la Scuola d’infanzia di Bosentino (Trento) / Commission and creation of the art glasses for the nursery school of Bosentino (TN) “Zirudele e Superotto” tra Malo e Rovereto. Museo Casabianca Malo (Vi) Still Stars, giornata mondiale della poesia. Polo Culturale, sala Multimedia - Rovereto “Libri oggetto a quattro mani”, Biblioteca Civica, Polo Culturale- Rovereto “Bosco dei Poeti” -Dolcè (Vr) “Silenzi nel Vento” - Castel Noarna, Nogaredo (Tn) Arte Trentina del ‘900 1975-2000 Palazzo Trentini - Trento Situazioni. Trentino Arte 2003 - MART - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea - Rovereto “September Four” Swinger Art Gallery - Verona “Il ciclo della vita tra forme e colori” Tridentum Arte Contemporanea - Trento “Dionisiaco/Dionisiaco” Work Art TV Cantine Endrizzi San Michele a cura della Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento 2004 “Quotapoesia” Perle ai Porci, porcilaia di Arte Sella malga Costa - Borgo Valsugana “Wedding Project” Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento “La Tenda Rossa” Studio Pane, Villa di Gargnano - Brescia “YTA” Sesto Senso - Bologna “Arti e scrittura” Il bosco lingua sconosciuta di Dio, libri d’artista con Alda Merini, Biblioteca Civica e Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto 2005 “La Tenda Rossa”, Pinacoteca di Quistello - Mantova “Di Verde Natura”, antologica Università degli Studi di Trento a cura di / by Fabio Cavallucci, Nicola De Maria, Luigi Serravalli “Figura Segreta”, Galleria d’Arte Fedrizzi Cles - Trento “Premio Telecom” - “Contagiare Bellezza”, Università Statale di Milano Padiglione Italia - Biennale di Venezia - Chiesa di San Gallo - Venezia a cura di / by Philippe Daverio “La Notte dei Poeti”100 sogni per Rolihope Arsenale Teatro delle Tese-Biennale di Venezia “Persona Segreta” Sala degli Stemmi, Centro Informazione Claudia Augusta, Biblioteca Civica - Città di Feltre “VignArt arte in vigna” Comune di Villa Lagarina (Rovereto) Padiglione Italia - Lanificio Pria (Biella) 2006 “13x17” Museo Provinciale, Potenza, a cura di Philippe Daverio “Tondi d’artista” Palazzo della Regione - Trento

126

Rosso: mostre personali / individual exhibitions Nero: mostre collettive / group exhibitions Blu: premi, incarichi e concorsi / awards, commissions, contests

“ Book Art” Associazione Artetica - Roma “Air-Luft-Air” Kunstverein Bad Sakzdetfurth Bodenburg “Al caro Giorgio Gaber” Circolo Artistico Politecnico - Napoli Libreria Tombolini - Sala Santa Rita Roma - Libreria Bocca Milano “Padiglione Italia ”Edificio PK Campus Bovisa - Milano a cura di / by Philippe Daverio Chiesa di San Severo al Pendino Napoli “La collezione di opere d’arte della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige Castel Mareccio - Bolzano “+POESIA -ECONOMIA” con Luigi Zoppello Festival dell’Eco­ nomia. Ex Italcementi - Trento “Venezia nel cuore” Centro d’Arte Contemporanea, Cavalese (TN) 13x17 Premio Michetti, Francavilla al Mare - Pescara 2007 “Frutti di Poesia” Centro Culturale S. Chiara - Galleria Civica d’arte contemporanea Trento, a cura di / by Luca Beatrice e / and Marina Mojana “La Strategia dell’Albero” Galleria San Lorenzo, a cura di / by Luigi Meneghelli, Milano “Bologna si rivela2007” - 13x17 Chiesa di Santa Cristina Bologna “Vetreria Berengo - Padiglione Italia” con il patrocinio della Biennale di Venezia - Murano “Pittura a quattro Voci” a cura di / by Claudio Cerritelli Galleria Tridentum - Trento “Sestante” Villa Balestra Rodigo - Mantova “La Tenda Rossa a St. Hilaire” Loira - Francia “Arte in giardino” Comune di Cles - Trento “Contemporanea” Forlì Fiera - Forlì 2008 “Doors and Passages” Office de Tourisme - Vernoux en Vivarais (Francia) “Premio Murri” - Bologna “Fundacion Museo del Parque” - Salta, Argentina “Africa Rafiki” - Centro Trentino Esposizioni, Trento “Ideogrammi Occidentali” - Piazza Maggiore e Centro Storico Feltre (BL) “Stendardi per il Castello” - Castello di Segonzano (TN) “CArte da decifrare” Stella Cilento - Salerno “Dialogue” - Château de Forges - Concremiers (Francia) 2009 “20x20” Progetto per un Museo, Collezione Archivio Sartori, Mantova “Darwin’s (R) evolution” - Museu da Ciencia - Universitade de Coimbra (Portogallo) “Se non fossi nato Zingaro” Teatro Cinema San Marco, Trento “Segni cortesi per Meneghello” Museo Casabianca Malo, Vicenza


“Intorno ad un paesaggio” Municipio di Calliano (Tn) “Paroleacolori” Eremo di S. Giorgio, Bardolino (Vr) 2010 “Blick aus dem Fenster” Kunstforum Stadtmuseum Weil­ heim (Germany) “Spring Color” Museum of Ornamental Post, Toronto (Canada) “Minestrone quantico” Boivin, Levico Terme , Trento “Equipe Show” Le Vie dell’Arte - Equipe 5, Mezzolombardo “Essere e Benessere” Terme di Garniga “Senda” CGAC Centro Galeco de Arte Contemporanea, Santiago de Compostela (Spagna) “La rotatoria di Trento sud. Concorso di idee” Fondazione Galleria Civica, Trento “Wroclaw Mail Art Project 2010” Centrum Kultury Zamek, Wroclaw (Polonia) “Autismi” Biblioteca Comunale Trento e Biblioteca Claudia Augusta, Bolzano “Appunti di Viaggio” Area Archeologica di Palazzo Lodron, Trento 2011 “Collecting” Stedeljk Van Abbemuseum, Eindhoven (NL) “Pensieri al Vento” URP, Corpo Forestale dello Stato, Roma Incarico ed esecuzione delle vetrate artistiche per la / Commission and creation of the art glasses for the Cassa Rurale di Levico Terme “Senza Confine” 2° Festival Internazionale Italia Russia: dialogo tra culture. Area Archeologica di Palazzo Lodron, Trento “Confluenze Simboliche” Circolo Culturale Sardo “G. Dessì”, Trento Progetto in collaborazione con Studio Cecchetto per pannelli retroilluminati per / Project in partnership with Studio Cecchetto for backlit panels for “Lounge Bar e Centro Wellness”, Lido Palace Hotel, Riva del Garda

“Sentinelle al Vento” premio per la realizzazione di 2 scul­ture per il giardino della / prize for the creation of two sculptures for the garden of the Scuola elementare di Cadine, Trento TEXTILE 11/ Kaunas Biennale” Georges Maciunas and beyond: fluxus never stops” (Lithuania) “40 Artisti per l’Unità d’Italia” Casa degli Artisti “Giacomo Vittone”, Tenno “Quando gli ospiti sono Speciali” Casa Museo - Albergo Alla Corona, Montagnaga di Pinè (Tn) “Carnets de Voyage” Gallerie Catherine Clerc, Lausanne (CH) “Il libro che non c’è” Bookique, Parco della Predara, Trento “Write Now: Artists and Letterforms” a cura di / by Keith Bucholz, The Chicago Cultural Center (USA) “Le Nove Muse” sculture suonate e live performance, a cura di / by Muse Museo di Scienze Naturali e Fondazione Galleria Civica, Piazza Italia, Trento “Forest Magic Mountain” FAO Food and Agriculture Organization of the United Nations, Roma 2012 “Non si va mai così lontano...” Grand Hotel Trento, Trento “Works on Paper” a cura di / by Ibrahim Suzlee, National Arts & Heritage Accademy (Aswara), Kuala Lampur, Malaysia “1962-2012 - 50 years of mail art in homage to Ray Johnson” a cura di / by Anna Boschi M.A.M.A, Mailartmeting Archives, Castel S. Pietro (Bologna) “Incroci di pagine” Fondazione Galleria Civica, Opera Universitaria, Museo di Scienze Naturali, Libreria Ancora, Trento “Snowball” project 29.02.2012, Kunsthalle di Hannover “Astrazioni7” - Torre Mirana, Trento “La mia Bandiera si chiama Poesia”, Giardino dei Ciliegi e Corte Lodron, Nogaredo (Tn) “Humanitas” ritratti e ritrattisti, Sala Expo “Franco Lavoratori” Recco (Ge) “Instant/People” a cura di / by Francis Van Maele, Kunstvereinsheim Kassel (Germania)

127


Ha collaborato con scritti e disegni a: “Maulauf” - “Analfabeta” - “Tu sei importante”, libro per bambini di scuola elementare, ed. Comune di Trento. Ha curato per la casa editrice Utopia la copertina per il volume di poesie “Responso” di Arnold de Vos. Ha realizzato le scenografie per il volume - edito da Electa “La forma del lavoro / vent’anni di premio Smau Industrial Design”. Ha curato per la Sede RAI di Trento le interviste ad artisti nel programma “Glassnost” tra i quali Toti Scialoja, Giulio Turcato, Fabrizio Plessi, Mario Merz ed altri. Dal 1996 è titolare dell’Azienda Silvoambientale Vergnana a Dolcè (Vr) dove è curatore del progetto “Bosco dei Poeti”. Nel 2001 in qualità di autore ha curato per RAI radio 2 lo spazio per arti visive nel programma Kontiki. Ha organizzato nel 2003 per la galleria Civica d’arte contemporanea di Trento il ciclo di incontri “Parole all’arte”, curando gli incontri con Luigi Ontani, Luigi Mainolfi e Nicola De Maria. Nel 2004 ha realizzato tre libri oggetto per l’Edizioni Pulcino Elefante e quattro libri d’artista con Alda Merini. Nel 2005 è vincitore del Premio Telecom Italia “Contagiare Bellezza” (presidente di giuria Umberto Eco). Nello stesso anno gli viene conferito a Bardolino (Vr) il premio “Lodovico Morando”. Nel 2008 ha realizzato la copertina per il libro ”I ciechi non sognano il buio” di Mauro Marcantoni, Ed. Franco Angeli. In occasione dell’Anno Internazionale delle Foreste 2011 è stato chiamato a curare la mostra “Pensieri al Vento” presso l’URP del Corpo Forestale dello Stato a Roma e l’esposizione/evento “Forest Magic Mountain” in occasione della Giornata Internazionale della Montagna presso la FAO, Food and Agriculture Organization of the United Nations a Roma.

128

He has contributed with writings and drawings to the making of “Maulauf” - “Analfabeta” - “Tu sei importante”, a book for primary school children edited by Comune di Trento. He has designed the cover of the book of poems “Responso” by Arnold de Vos for the publishing house Utopia. He has made the scenic design for the book “La forma del lavoro/vent’anni di premio Smau Industrial Design” edited by Electa. He has been in charge of the interviews with the artists, including Toti Scialoja, Giulio Turcato, Fabrizio Plessi, Mario Merz and others, for the RAI branch of Trento in the programme “Glassnost”. Since 1996 he has been the owner of the Azienda Silvoambientale Vergnana in Dolcè, Verona, where he is in charge of the project “Bosco dei Poeti”. In 2001 he was writer and anchor for RAI radio 2 in the programme Kontiki, in the space for visual arts. In 2003 he organized for the Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Trento the series of meetings “Parole all’Arte”, responsible for the events with Luigi Ontani, Luigi Mainolfi and Nicola De Maria. In 2004 he made three object books for Edizioni Pulcino Elefante and four artist books with Alda Merini. In 2005 he won the Telecom Prize “Contagiare Bellezza” (foreman of the jury Umberto Eco). In the same year he received the “Lodovico Morando” Prize in Bardolino, Verona. In 2008 he designed the cover for the book ”I ciechi non so­ gnano il buio” by Mauro Marcantoni, Franco Angeli Editions. On the occasion of the “Anno Internazionale delle Foreste 2011” he was put in charge of the organization of the exhibition “Pensieri al Vento” at the URP of Corpo Forestale dello Stato in Rome, and of the exhibition/event “Forest Magic Mountain” on the occasion of the Giornata Internazionale della Montagna at FAO, Food and Agriculture Organization of the United Nations in Rome.


LOME

Ed. La Maddalena


i Colori della Poesia